"Ai dos pastores de Israel que se alimentam!». Para ser executado pelos nazistas estávamos preparados, a ser executado por pelotões de fuzilamento da Igreja misericordioso não, não estávamos preparados.

visite o blog pessoal de Padre Ivano

- notícias Church -

«GUAI AI PASTORI D’ISRAELE CHE PASCONO SE STESSI!». A ser executado pelo NAZI estávamos preparados, A ESSERE GIUSTIZIATI DAI PLOTONI DI ESECUZIONE DELLA CHIESA MISERICORDIOSA NÃO, Não estávamos preparados.

.

Ele disse recentemente um bispo: «Parliamoci chiaro, la Chiesa così come la conoscevamo un tempo non esiste più». In effetti ce ne siamo accorti, basta esaminare le macerie …

.

Autor
Ivano Liguori, ofm. Capp.

.

.

PDF artigo formato de impressão

 

.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli [artigo, Quem]

La lettera di un giovane sacerdote pubblicata sul blog Duc in Altum del vaticanista Aldo Maria Valli [ver texto, Quem] Ele trouxe à mente Capítulo XXXIV do livro do profeta Ezequiel sobre os pastores de Israel que abdicaram de seu papel como líderes do povo a pensar em seus próprios interesses [CF. esta 34, 1-31, texto completo Quem].

.

Ler esta carta Eu imediatamente me senti muito próximo a este irmão e - sendo talvez maior do que ele, como idade cronológica - um sentimento fraternal da amizade me unido a Ele mesmo espiritualmente.

.

Primeiro de tudo, um esclarecimento Considero muito importante: non sempre queste lettere-sfogo devono essere lette con la lente della polemica o della disobbedienza. Così come, também, si compie un cattivo servizio quando questi testi sono impugnati dai cristiani duri e puri per fomentare chissà quale rivolta contro il Re e la sua Corte. È bene infatti rammentare che la storia ci insegna in qual modo i Masaniello facciano sempre una fine spiacevole.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

Dietro questi scritti, spesso si nasconde uno sfogo autentico che è il gemito inespresso di coloro che desiderano che il Regno di Dio si compia visibilmente sulla terra e che, in un mondo lacerato da discordie, la Chiesa risplenda come segno profetico di unità e di pace [CF. Preghiera Eucaristica V/d – La Chiesa in cammino verso l’unità].

Ci stiamo avvicinando alla solennità di Pentecoste che è il grembo all’interno del quale nasce la Chiesa di Cristo, quella Chiesa che da due millenni porta la buona notizia: Cristo è risorto dai morti, Aleluia! Lo Spirito Santo è unità e crea unità, la Chiesa gode di questa caratteristica quando si ritrova coesa con il suo Sposo e tra i suoi membri e in ciò trova la sua unità e forza. Ma la libertà che lo Spirito Santo dona alla Chiesa, suscita non poche volte anche voci fuori dal coro che, come i profeti d’Israele spesso inascoltati, cercano di rendere consapevoli gli uomini, ed in particolare gli uomini preposti a esercitare il cosiddetto potere, di quello che sarà il nostro naturale ritorno a Dio.

.

Ou para colocá-lo em outras palavras: muitas vezes somos confrontados com irmãos na sinceridade do Espírito Santo nos dizer que o rei está nu, e que é hora de cobri-la partes pudendas de voltar a ele a dignidade perdida, em seguida, que é a dignidade de todos nós, tanto como indivíduos e como povo de Deus.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

O mal-estar generalizado que este jovem sacerdote apresenta em sua carta que ele é palpável, não tanto em relação àqueles que se definem como cristãos não praticantes, mas as pessoas que têm a fé da Igreja em sua missão e seu orgulho. Assim, este desconforto que se transforma em distúrbio, É a doença de muitos cristãos de hoje e de muitos sacerdotes e religiosos. E note bem: O problema é que a realidade a partir do qual a Santa Missa, imediatamente após a recitação do nossa, pedimos a graça de ser lançado juntamente com o pecado:

.

"Livrai-nos Senhor de todos os males, concede-nos a paz em nossos dias, perché con l’aiuto della tua misericordia saremo sempre liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, enquanto esperamos em jubilosa esperança para a vinda de nosso Salvador Jesus Cristo "

.

A perturbação não é um sinal da presença de Deus, há pouco para ir ao redor, quando estou na frente de virada fiel, I como um pastor, por uma questão de justiça, respondendo tentando incutir a paz, que é o mais belo fruto do Espírito Santo. O sinal de perturbação, agora se espalhou dentro da Igreja, Destaca-se através de um descolamento maciça entre os pastores e as ovelhas, apenas dentro daqueles assuntos em que houve uma clareza tempo de visão e de uma certa uniformidade.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

Depois, temos que renovar as coisas justificações para porque tal e tal político - em qualquer orientação que pertence - é enquadrado como a bandido Vire e devastou planos? Nenhum pedido de desculpas é necessário em cada turno para obter o manifesto de confiança, tudo muito claro é que a frase em latim que diz: «Desculpe não reclamados, uma acusação clara». De fato, sempre em vigor e pedir desculpas por tudo, Também acabamos por nos dar licença por causa da morte de nosso Redentor Divino. Outras vezes, em vez categorizar os nossos irmãos nos campos: tradicionalistas contra os progressistas, odiadores contra lovvatori, entusiastas suporte di questo o di quel ponteficie ed i suoi detratores.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

Veneráveis ​​Padres e Bispos Sacerdotes Irmãos, É inútil para jogar Mom Ciccio me toca e depois culpar os outros por nossos fracassos como homens de Deus. Se muitos irmãos entre o povo de Deus nos perceber como os homens disfuncionais, esquizofrenia é neurótica, provavelmente, algo real deve haver. Talvez eles estão apontando a leve brisa da presença de Deus que Elias percebida nitidamente [CF. 1Ré 19,1-16] e nós não queremos ouvir, muito menos indulgente. Queremos realmente trazer sobre o tipo de revolução deste tipo?

.

Foi-me dito que um bispo, falando com leigos comprometidos, Ele disse Citação: «Parliamoci chiaro, la Chiesa così come la conoscevamo un tempo non esiste più». Bem - eu digo - se ele já está tão claro, perché non cerchiamo di tornare al Signore, Lui che è il vero pastore del suo gregge e che probabilmente di qui a poco ci sbatterà fuori, là dove sarà pianto e stridore di denti? [CF. MT 13,42]. E, infelizmente,, non pochi di noi, sono già fuori da tempo dalla mente e dal cuore del popolo di Dio, pronti per quel luogo di dannazione eterna dove sarà pianto e stridore di denti.

.

Piangiamo che i nostri cresimandi non mettono più piede in chiesa, que nossos namorados já experimentaram tudo o que você experimentou e que o rito de casamento é apenas uma diversão para sair da monotonia de uma vida convissuta por algum tempo. Mesmo nossos doentes não chamar-nos sobre a sua cabeceira para administrar o Santo Viático e a Unção, porque eles vêem-nos interessados ​​em qualquer coisa, exceto suas almas.

.

Os grandes basílicas e grandes praças estão cada vez mais vazia, noi sacerdoti siamo disperati che le nostre assemblee liturgiche sono ormai ridotte ai minimi termini. E di fronte a tutto questo, la cosa più “saggia” che ci viene in mente – invece di fare i preti – è di dare in appalto le nostre chiese ai movimenti ecclesiali e laicali nella speranza di vendere qualche biglietto in più e di fare il tutto esaurito la domenica successiva.

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

Domandiamoci con serietà: come potrebbero i nostri fedeli entrare nel tempio del Signore dopo che è stato usato come refettorio, tribuna politica, galleria d’arte, auditorium, mercatino dell’usato e via discorrendo? E il tutto – cosa più grave – senza che sia stato neppure tolto il Santissimo Sacramento dal tabernacolo, spento il lume rosso, lasciata la porta della sacra riserva aperta, tolta la tovaglia e le candele dall’altare. Come si faceva una volta quando con l’espressa autorizzazione del vescovo del luogo, una chiesa consacrata era occasionalmente usata per attività non liturgiche. Pergunta: chi fa questo, crede ancora alla reale presenza di Cristo Dio vivo e vero, presente in anima, corpo e divinità nelle sacra specie eucaristiche?

.

Lo stesso santo sacrificio della Messa rischia di essere banalizzato affinché sia più friendly e – credetemi – non serve essere un devoto di Marcel Lefebvre o di Gricigliano per migliorare le cose. Le nostre omelie sono intrise di umanesimo ateo che ha tra i suoi dogmi la promozione di presunti diritti incompatibili con la nostra fede, tanto da farci dismettere il sacro abito talare o religioso per indossare la tuta dell’elettricista, dell’attivista verde, dell’assistente sociale, del politico o del disk jockey.

.

Mi viene in mente il film Nel nome del Papa Re girato da Luigi Magni del 1977, in cui il personaggio di Monsignor Colombo da Priverno – interpretato dal grande Nino Manfredi – dice una frase a mio parere decisiva:

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

«irmãos, semo vecchic’avemo l’ore contate. Volemo fa‘na b’bona azione, prima de mori’? Una sola: mannamo er boja in pensione e chiudemo in bellezza. Cercamo d’esse preti, d’ esse preti, che nun ce perdemo gnente!».

.

Che bello, cerchiamo di essere preti, sacerdoti e pastori così con le nostre debolezze, mancanze, incongruenze ma preti. È questo che la gente semplice ci chiede e che Dio si aspetta, facendo così non ci perderemo niente, ma c’è di più: nesse ponto, il buon Popolo di Dio, vedendo comunque il nostro impegno, ci perdonerà con grandissima magnanimità anche tutte le nostre debolezze umane, i nostri difetti e le nostre colpe.

.

Ao chamar os apóstolos Cristo não escolher o melhor curso de seu tempo, mas ele escolheu o mais adequado para seus propósitos. Isto deve entrar nas cabeças e corações, siamo qui per portare avanti gli scopi del Salvatore che la solennità dell’Ascensione ci ha ricordato:

.

"Ide, portanto, fazei discípulos de todas as nações, batizando-os em nome do Pai e do Filho e do Espírito Santo, ensinando-os a guardar todas as coisas que vos tenho ordenado. e aqui, Eu estou convosco;, até o fim do mundo " [CF. MT 28,19-20].

.

Scrive un giovane sacerdote ad Aldo Maria Valli

As supostas ondas de novo eclesial, se eles não vêm do Espírito Santo que dá paz, Eles sabem velho, não há nada de novo sob o sol,, também supostas novidades já são velhos, fedor de naftalina, Somente Cristo é moderno, porque é a vida, Aquele que era, Isto é, que a vontade, como aclamação durante a Vigília Pascal.

.

Mandemos aposentou o Executioner perturbação e ele também moderna misericórdia de Executioner. A um e outro o seu preço e cortar tantas cabeças inocentes em nossas comunidades eclesiais desempenho de suas sentenças de morte por ordem dos piores culpados. Através da, que o Executioner, enquanto ela está vestindo um luxuoso e elegante capuz vermelho no pé, è costantemente grondante del sangue degli innocenti martiri che, como no tempo de Cristo, prestar seu testemunho ao rei Herodes que afirma ser revolucionário em seu ser o Messias e Salvador do povo escolhido que nunca amou e que usaram para enriquecer a si mesmos e para apertar conivência: através da!

.

Cagliari, 4 Junho 2019

.

.

Redação

Para ser executado pelos nazistas estávamos preparados, a ser executado por pelotões de fuzilamento de Igreja misericordioso não, que não estávamos preparados …

.

.

.

.

«Você saberá a verdade, ea verdade vos libertará» [GV 8,32],
mas trazer, difundir e defender a verdade não só de
riscos, mas também os custos. Ajude-nos a apoiar esta ilha
com as suas ofertas através do sistema Paypal seguro:

PayPal - O método rápido, maneira confiável e inovadora para pagar e receber o pagamento.

ou você pode usar a conta bancária:
Eram TI 08 (J) 02008 32974 001436620930
neste caso, envie-nos um aviso de e-mail, porque o banco
Ele não fornece o seu e-mail e nós não poderíamos enviar-lhe um
ação de graças [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.







Avatar

Acerca de isoladipatmos

16 thoughts on ""Ai dos pastores de Israel que se alimentam!». Para ser executado pelos nazistas estávamos preparados, a ser executado por pelotões de fuzilamento da Igreja misericordioso não, não estávamos preparados.

  1. Tomo uma sugestão, limitar o salário mínimo, a administração dos Sacramentos. batismo, primeira Comunhão, confirmação, Casamento, ordenação, exéquias, Eles foram contratados em toto com os organizadores de eventos Empresas, alfaiates, restaurantes, localizações ecc. O momento sacramental é apenas um momento, uma passageira parêntese, assunto útil para fotografias e filmagens.
    No entanto, seria o suficiente para deixar claro uma consideração simples: O sacramento é GRÁTIS (graça,ae), Eles pagam o LUSSI.
    A confissão escapa um pouco ', tanto no sentido de que não desperta grandes turnês Negócios, tanto no sentido que escapa à sua, muito poucos sacerdotes que administram, muito poucas vezes quando o fazem, e muito poucos crentes que pedem, mas depois Semel para ano fazer uma liturgia coletiva agradável em que todas as vacas são pretas.

  2. Escreve Padre Ivano:

    "Os nossos sermões estão cheios de humanismo ateu que tem entre seus dogmas promoção dos direitos alegados incompatível com a nossa fé, tanto da farci dismettere il sacro abito talare o religioso per indossare la tuta dell’elettricista, dell’attivista verde, dell’assistente sociale, jockey político ou disco ".

    E Don Luigi Ciotti vindica-lo bem:
    https://www.repubblica.it/dossier/la-repubblica-delle-idee-2019/2019/06/02/news/don_ciotti-227800515/

    1. em 2013 por ocasião do funeral do padre Andrea Gallo Ariel escreveu e explicou que Andrea Gallo, Luigi Ciotti e Paolo Farinella foram a vergonha do sacerdócio católico, e ele explicou as razões, começando com prostitutas pessoalmente acompanhados por Gallo para a clínica para fazer um aborto, etc.…
      Para que o artigo pai de Ariel teve problemas, porque foi julgado como um ataque de traição para o cartão. Bagnasco celebrou “porcini funeral” del Gallo, deliberadamente deixando a montagem do CEI para retornar ao Genoa, o funeral e regresso a Roma.
      Muitos de nossos irmãos (e repito muitos), Eles estão competindo para convidar Luigi Ciotti em suas igrejas para alguns comizietto, e eu digo querida Zamax, ninguém se atreve a dar graças em um envelope com menos de 1.000 Euro …

  3. Querido Pai Ivano,

    primeiro de todos aqueles montados em sua escrita deste artigo com estas fotos e o final do filme, qualquer um que é um gênio.
    Lendo o artigo pensei que muitas vezes a maioria de nós sacerdotes, siamo il sacerdote afflitto che accompagna Don Pietro Pappagallo davanti al plotone di esecuzione, lo conforta e poi si allontana mentre lui viene fucilato.
    Dovremmo invece chiedere tutti delle sedie e sederci attorno a Don Pietro Pappagallo per la fucilazione.
    Se però viviamo la situazione che viviamo ciò è dovuto al poco coraggio di noi preti, e soprattutto alla mancanza pressoché totale di coraggio dei vescovi.
    Ele … voi Padri dell’Isola di Patmos vi siete seduti sulla sedia con le spalle voltate al plotone di esecuzione, e attendete tutta la sua misericordia
    Non dovremmo limitarci, a pregare solo per voi.

  4. «come potrebbero i nostri fedeli entrare nel tempio del Signore dopo che è stato usato come refettorio, tribuna politica, galleria d’arte, auditorium, mercatino dell’usato e via discorrendo? E il tutto – cosa più grave – senza che sia stato neppure tolto il Santissimo Sacramento dal tabernacolo, spento il lume rosso, lasciata la porta della sacra riserva aperta, tolta la tovaglia e le candele dall’altare. Come si faceva una volta quando con l’espressa autorizzazione del vescovo del luogo, una chiesa consacrata era occasionalmente usata per attività non liturgiche. Pergunta: chi fa questo, crede ancora alla reale presenza di Cristo Dio vivo e vero, presente in anima, corpo e divinità nelle sacra specie eucaristiche

    Bravissimo Padre Ivano!
    Devi sapere che con parole diverse ma identica sostanza è quel che dissi al vescovo.
    Essendo infatti parroco di una parrocchia in pieno centro storico, vicina al comune, alla prefettura, alle sedi dell’espiscopalpartito amico” (per chiarirsi il PD), a Natale la chiesa a me affidata doveva essere mutata in una vetrina mediatica con pranzo per poveri e migranti. Il vescovo doveva infatti mostrare di essere in perfetta linea con Sua Santità Kim Jong.

    Risposi al vescovo che non avrei mai mutata una chiesa del ‘700 in una taverna e che se voleva farlo doveva venire lui di persona a organizzare tutto.

    Quando mi disse che dovevamo essere in linea con Sua Santità Kim Jong io gli risposi che non ero diventato prete per fare il gestore di trattorie.

    Gli feci saltare la “media comunhão” que era agradável a Kim Jong PD.

    Apenas após a oitava de Natal, recebi uma carta educado …

    Hoje eu sou pastor de três freguesias rurais que todos os três juntos têm menos de 1000 pessoas.

    Páscoa em minha antiga paróquia tem comido, Tornou-se parte, Ele desempenhou, Feito danças tribais africanas … então, em maio, ele convidou um imã para dizer quatro palavras do púlpito e receber bons desejos para o Ramadã.

    Você sabe por que eu não assinar?
    Mica, porque eles são covarde (se eu tivesse sido eu teria agido de outra forma com o bispo), mas por causa das várias proibições eu tenho que escrever qualquer coisa sem primeiro público foi dado o roteiro e executada.

    Lembro-me mais ou menos canto litúrgico dizendo … "Eu sou, misericórdia "

    1. Em primeiro lugar parabéns ao Padre Ivano para seu belo artigo, onde imagens já e falar filme final como se.
      Dito …

      Querido irmão e companheiro de fortuna (ou azar?),

      Eles deram três paróquias remotas em áreas rurais com menos de mil almas no total?
      Você correu bem, Nós temos que dizer, de qualquer maneira, Contudo, “mal menor”.

      Isto é porque: Assembléia do clero, Bispo diz a respeitar as disposições ditadas pela pastoral alegria do amor, também conhecido como A tristeza de amor.
      Todos estão em silêncio.
      Três de nós, a partir da me, perguntar: “o que significa que siga?”.
      e Bishop (fato arcebispo e cardeal até ontem woytiliano e depois Ratzinger): “Eu estava claro, você deve cumprir com o texto”.
      Outro de nós questão: “para nós pastoreia uma das questões principais é isso e é simples: dobbiamo o non dobbiamo dare la Comunione ai divorziati risposati che vivono in stato di adulterio?”.
      Preciso io: “já, que diz alegria do amor, dobbiamo o non dobbiamo, è permesso o proibito? Noi abbiamo bisogno di risposte e di direttive certe”.

      sentite cosa dice il vescovo (fato arcebispo e cardeal até ontem woytiliano e depois Ratzinger): “io non dico che dovete o non dovete, dico che dovete essere accoglienti e misericordiosi”.

      Avrò sbagliato, talvez, ma a quel punto piglio coraggio e rispondo: “eminência, fino a che la Chiesa non mi dice puoi/devi dare la Comunione ai divorziati risposati, io non lo farò e mi atterrò alla disciplina data da san Giovanni Paolo II, e se quella disciplina è superata, me lo dovete dire per scritto, e con un documento chiaro, non con una noticina ambigua a fondo pagina”.
      Nel silenzio totale, gli altri due affermano: “anche noi, e, anche noi”.

      Tre mesi dopo sono sollevato dall’incarico di parroco. Non è stato possibile avere un alloggio di proprietà della diocesi, vivo a casa con i miei anziani genitori, celebro la Messa in un istituto di suore e in una casa di riposo.

      Nella mia diocesi il clero è avanti in età, e i due precedenti vescovi hanno fatto incetta di preti africani, latinoamericani, indiani, tutti amministratori parrocchiali, quelli che ancora non sono cittadini italiani, o parroci, quelli che hanno avuta la cittadinanza. 15 anni fa fu accolto un falso prete rumeno, e solo dopo quasi un anno fu scoperto che le carte e i documenti di presentazione erano falsi e che non era un prete ma un ex seminarista, e lì dovettero intervenire con la sanatio canonica ecc.. etc..

      esqueceu! Pochi giorni fa il Papa è andato in Romania dove ha chiesto perdono ai rom.
      Ma sapete che vi dico? Don Bastiano diceva al Marchese del Grillose mi gira mi faccio anche vescovo”, invece io mi faccio zingaro, così semmai chiede perdono anche a me!

      don Davide (padre de mãe e pai)

      1. Non cesso di benedire Dio per il fatto che ho compiuto 82 anos, per tanto (sempre benedicendo Dio) da un momento all’altro raggiungerò il mio meritato purgatorio, dove chi mi ha voluto bene pregherà di certo per me, e io non cesserò di pregare per i giovani sacerdoti in particolare e per i sacerdoti in generale, anche per te, carissimo Davide.
        Spero che anche al tuo vescovo, Dio possa concedere la grazia del purgatorio, lo spero per lui

  5. Reverendo Padre Ivano,

    poco possa valere, por favor, aceite meus agradecimentos por sua escrita. A partir de suas fotografias que eu vejo é jovem, Eu tenho 74 anos e eu poderia ser sua mãe. Eu sou a mãe de 4 crianças, duas das quais se tornaram sacerdotes.
    Um deixado o sacerdócio, o outro foi capaz de superar a crise, após o querido Pai Ariel cuidou dele anos atrás (Pai Ariel sabe que está escrevendo este comentário e posso dizer-lhe como ele estava em má forma e sofrimento meu filho sacerdote “sobrevivente”). crise ultrapassado, mas não está fazendo bem, Nestes tempos de grande amor, aceitação e misericórdia para com tudo o que é “migrante” e “não Católica”.
    O que se queixaram, meus filhos sacerdotes, ele deixou, eo que, com grande dificuldade, permaneceu? a completa, total, abandono absoluto dos bispos que não querem problemas, Eles estão superlotadas para ouvir, e non danno risposte a questi preti.
    Sa cosa osò dire il vescovo, a mio figlio, quello che poi chiese la dispensa e la dimissione dallo stato clericale, quando andò a spiegargli che stava vivendo un momento di crisi, e che per questo aveva necessità d’esser aiutato? Osò rispondere, Bispo, che lui non era un psicologo, e gli dette il nome di una sua amica psicologa, sì una donna, che avrebbe dovutotrattare un prete in crisi !?
    Questo vescovo, hoje, è tutto un parlare di accoglienza dei migranti. Certain, l’importante è non accogliere e custodire i propri preti!
    L’uomo che sappiamo, cioè l’uomo della misericordia, e i suoi uomini attorno, i dolori che hanno dato a tanti preti, a tanti loro genitori, ai loro famigliari e ai loro amici, sono molto profondi.
    Ma solo una cosa conta: abbattere i muri e lanciare i ponti ai migranti!
    Non creda Padre, anche io, per mantenere la fede, ho dovuto fare tanta fatica, tanta, tanta.

    Mamma di due preti (Carta Assinada)

  6. Cara “mamãe”,

    Ho già risposto poco fa a don Davide, può leggere, se ele quer.
    Quando 57 anni fa uscii prete dal seminario arcivescovile di Milano (il seminario che fu), il vescovo ordinante, Cartão. Giovanni Battista Montini (un anno dopo divenne Papa Paolo VI), fece tutta una prolusione rivolta ai vescovi e ai presbiteri anziani, sulla importanza della cura dei sacerdoti in generale, dei giovani sacerdoti in particolare.
    Forse qualche cosa, deve non avere funzionato, porque, solo pochi anni dopo, a partire dalla nostra grande diocesi, le domande di dispensa dei preti che chiedevano di lasciare il sacerdozio erano alquanto alte; quelli che la chiedevano, porque, e, em seguida, c’erano quelli che se ne andavano e basta.

    Quando fu avviato il processo di beatificazione di Paolo VI, io mandai una relazione alle cause dei santi, e chiesi anche di essere ascoltato; nessuno mi rispose, e nessuno mi ascoltò mai. Nulla di che, volevo solo fare alcune serene precisazioni e basta.

    Appena compiuti 75 anos, sono stato messo in pensione.

    Confesso molti preti, e, freqüentemente, mi capita anche di ascoltare mamme e papà come lei.
    Che dirle, caminho “mamãe”: se in me, padre, c’è una fetta di chiesa, per la fetta di chiesa che è in me, domando io perdono a don Davide (acima), ai suoi figli, e a lei, caminho “mamãe”.
    Il male peggiore, è quello che viene fatto con spirito di totale indifferenza.
    Questa schizofrenica chiesa odierna, è come un padre che trascura i figli propri, per andare a riversare premure e attenzione sui figli degli altri, convinto di avere più obblighi e doveri verso i secondi, non verso i primi.

    1. Caro pai, ma quel che dice nel finale non somiglia alle lamentele che nella parabola del figliol prodigo pronuncia il fratello ‘buono’?
      Dito, figuriamoci, il blog di don Ariel è straordinario perché mette in luce le frustrazioni, i dolori, le angosce e, acima de tudo, la solitudine di una parte del clero d’oggi. E non sempre solo dei più vecchi. Il papa regnante non se ne occupa perché intento in un’altra battaglia che conduce con le poche truppe scalcagnate che ha. Del resto anche il nostro pontefice sembra soffrire quella solitudine e vede la Chiesa di Cristo minoritaria in un mondo cinico. Per questo fa appello anche alle altre ‘fedi’, perfino a quei tristi luterani che rischiano di scomparire (e con loro il cristianesimo delle regioni ricche d’Europa). Insomma la situazione è pessima, la cultura sudamericana di Bergoglio complica le cose. Ben venga a galla il borbottio di certi parroci. Purché non produca contrapposizioni al papa e ai vescovi.

  7. Caríssimos Sacerdotes,

    non scoraggiatevi perchèse mollate voi, per noi laici è finita e vi ricordiamo che fa più rumore una foresta che cade, del sottobosco che cresce e questo sottobosco c’è.

    In quanto madre di famiglia, sposa da 35 anni e quasi nonna, catechista da 33 anni e terziaria domenicana, le cose per noi non sono più facili, anche noi subiamo isolamenti, accuse, ostracismi vari, noi i vescovi non li possiamo neppure avvicinare e spesse volte teniamo tosto anche per voi, col Padre Ariel ne parliamo, ci si sostiene, ci si aiuta, si prega… porque, alla fine della fiera, la sola che conta è che manteniamo tutti la preghiera e la certezza che tutto prima o poi finirà, l’importante è rimanere fedeli a Colui che solo può darci la vera pace e la vita eterna.

    Ricordiamoci di quel centuplo ma anche di quel grido d’amore di santa Maddalena: «L’amore non è amato; l’amore non è amato; l’amore non è amato…».

    Pensiamo a Lui e tutto potremo fare con vittoria certa.

    Coraggio, vi abbraccio uno ad uno, e Voi dateci la vostra benedizione.

    Dorotea Lancellotti

  8. O problema, na minha opinião, è quello di rapportarsi col proprio vescovo, come se questi dovesse essere quello che dovrebbe essere, ossia padre, pastore, etc..

    E’ dai tempi del seminario che mi sono del tutto disilluso e l’esperienza successiva di 23 anni di sacerdozio non ha fatto altro che confermare questa amarezza e questo disgusto di fondo.

    Pensare di avere aiuto o conforto dal proprio vescovo o ancor di più una guida è del tutto illusorio. Noi preti siamo soli nel senso più radicale del termine; occorre andare avanti, seguendo ciascuno la propria coscienza (ovviamente informata e formata).

    Certain, se il contrasto diviene inevitabile, come nel caso del sacerdote che non voleva dare la propria chiesa per eventi inopportuni, i casi sono due: o si fa resistenza aperta, costringendo il vescovo, se ne ha il coraggio, di chiedere l’intervento della forza pubblica per mandare via il parroco (e ci si diverte anche un po’, con i mass media) oppure si va nelle parrocchiette a testa alta.

    Ma non ritengo opportuno entrare in conflitto negli altri casi, perché non serve a nulla, come l’altro sacerdote ha potuto sperimentare.

  9. Pensavo di essere solo io, povera laica in forte crisi di fede, a sentirsi abbandonata e negletta dai pastori, invece ecco che sento la voce di preti che soffrono più di me. E’ una situazione drammatica ma pure imbarazzante. Ogni volta che ho provato ad approcciare il mio parroco per condividere le mie preoccupazioni spirituali, mi son state voltate le spalle. Quando però sono stati presentati i catecumeni della nostra parrocchia, e’ stata invitata all’altare (Eu ia dizer “palcoperché ormai salgono in tanti arecitare”!!) o “esposa” di una donna!!! Qualcuno mi spiega che tipo di messaggio sarebbe? Non c’estato bisogno di parole circa l’accoglienza del diverso e bla bla bla.
    E’ bastato questo diretto, semplicissimo gesto a spiegare tutto. E a me, che presa dalla disperazione per la malattia di mia figlia e conseguente crisi di fede, che sarebbe bastato unpregherò per lei”, neanche una pacca sulle spalle. Capite che ci vuol davvero fede e perseveranza per continuare ad essere Cattolici!!

  10. Capisco sempre di più come sia stato possibile che ilcammino neocatecumenaleabbia preso piede nel mondo. Con i Vescovi latitanti, cosa potevano fare i preti da soli, senza una guida, senza un aiuto.
    Questi spacciatori di fede adulta, hanno rimpiazzato San Pietro con la Domus Galilee, le chiese con le salette parrocchiali, tutte le liturgie importanti con incontri privati nelle salette degli alberghi, i monasteri con i Redemptoris Mater, i sacerdoti con i catechisti, il Papa con Kiko Arguello. Il tutto sotto gli occhi di una Chiesa che fa finta di non vedere. Ma come ci vede bene quando a farne le spese sono sacerdoti che pretendono risposte e prese di posizione.
    Cari sacerdoti, se non facciamo come Gesù che entrando nel tempio buttò all’aria tutto quello che non doveva esserci, la chiesa sarà sostituita dal primo imbroglione che saprà ingannarci meglio degli altri….

Deixe uma resposta

seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados *

 caracteres restantes

Este site usa Akismet para reduzir o spam. Saiba como seus dados comentário é processado.