Fabulam narrare ego tristem: Si pugnacior est Archiepiscopus Aloisius Negri defensor Ecclesiae passo in viam provolarunt, Et propugnator sum pugnaces magis quam erat Pontificis Pii V Sancti Naupactum in Macedonia et in Bello de Muslims

VI narro res heu tristissima: Et si interesse Luigi negri sit ecclesia qualis iratam metuens causidicum pugnax, Ego sum, causidicum pugnaces magis quam erat et Sanctus Pius V DE Naupactum contra Musulmanorum in ipso certamine positi OTTOMANI

.

A filio gloriam est, ed si necesse fuerit, difendere il proprio padre; et factum est faciemus regardless, Et erat pater pessima. Sed si ad patrem, mater in modum afflictis, damna in genere et alia damna, puer est dicere patrem suum stultus est,, eodem tamen tempore et gloriam ei dedit vitam sicut Pater, qui. Archiepiscopus Aloisius Negri est autem exemplar a patre degeneraret, nullo modo pura et vera elevati sint ad a vexillum traditio Verum per circulos qui sunt catholici publica ebrietas conturbavit.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

Posse acerbius, quam pro puero, de vera historia patris sui degeneres? Cum nihil habeo, “vent”, quanto magis rideat amaritudinem animi sui, et propter debitum pastoralis officii constantiam labefactavit ex conscientia targeted ad corpus praesidio Christi fideles, Magis ac magis perire hodie, Ego placuit ad dico fabulam patrem generatione ista adultera, Archiepiscopus Aloisius Negri, ut nemo cardboard mutate in idolum.

S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

picta: S Arihel. Recipit eum, qui Romae sit S.It Levi Tadinensis. Mons. Marcus Tullius Negri pro Ecclesiae Sanctae Priscae in Aventino sacerdotali insignitus es ordinatione die

Commotus est imperative conscientia basato sulla conoscenza della persona, facta et circumstantias - regularis nec rationem accommodare nolo, aut frigoris vindicta quae violatio constitueret, ne sacerdotio fungaris -, Contra me sentire compellitur confiteri debere, ut ea imaginum impressionem cuiusdam eroizzano quam consilium pastorale,. Ego experiri poterat figuras cuius Forsitan capedictum tuum desit, omnem actionem pastoralem, et indigentiam politica transmutatio totum,, offrendo di ciò testimonianza — forse del tutto inutile — a coloro che queste figure le strumentalizzano, usando a pretesto questioni dottrinali per inscenare battaglie prettamente politiche sulla controversa Amoris Laetitia et in sequentibus agitur divorcees igneus admitterentur sacramenta novas.

.

Unus of pelagus figuras eretta oggi a eroica difesa del «poco che resta» — a dir di taluni — della «sana e autentica dottrina cattolica» è S.E. Mons. Marcus Tullius Negri, Princepsque Ferrariensium Ciuitatis Archiepiscopum Emeritum, [2013-2017] et antea Ecclesiae Episcopus, Res publica Sancti Marini de Montefeltro, [2005-2012].

.

Incipe ergo, ut aiunt, Nomine Patris, per chiarire anzitutto l’idea morale alquanto confusa di questo Arcivescovo, non ante multos annos,, award-verat a rubrum lux tristis festivitates vestras ante repudiata Silvio Berlusconi in in villam Arcore - Et nota quod flores -, de quibus ita apud antemurale tuendam catholicam doctrinam affirmavit "a Primo Ministro iudicatus est a communi bono, nec ab actionibus targeted imperium praesidio privata eius vita, [Cf.. qUI]. Datum est suasor erat quod per multos annos professus sapientiam apud Catholico Universitatis a Sacratissimo Corde Iesu, Mediolanum, ubi ad tempus etiam in philosophia tenuit cursus in lege, si nemo te umquam carpitur in Secundum Librum Rhetoricorum Aristotelis, dissertationibus moresque pertinent sequi St.. Talis assertio alii sequentur nunc, te potest etiam trahunt ex opere Princeps Niccolo Machiavelli.

.

Donec Sancta Sedes ipsa captus est inventus ... Ad quod removendum 2012 Res publica Sancti Marini, ex parva diocesis Feretranus, Deinde ac sublimi virtute creata aliter quam prudens et maxime cum legatorum incident Reipublicae Res publica Sancti Marini, historically coniunctum per rationes optimum CUM APOSTOLICA SEDE HABENTES, Profanis Quamvis parva vestigium et partem in Civitatibus Foederatis: pristinam. Sed videamus quid: aliquid melius facere, quam ab archiepiscopo et non inveniet comparationem ad statum ex duobus capitibus: "indutus automata ad Novenario Logarithmus", omnia per prandium faceret. quod valde dolendum, a paucis metris ac sublimi virtute, et prudens est Minister Foreign Negotiis, S.E. Antonella Mularoni, Ipse postero die cum CATAPHRACTUS ad Sanctam Sedem transmittat ad omnis honoribus apostolica nota est conatus est protestationis contra Feretranum episcopum Res publica Sancti Marini, qui publice ad eos qui supremum tenent rei publicae insultarent, scilicet integritas populis pauciores, sed etiam mundi vetustissima Publica. Ad exstinguendum ignem accensum ab optimo viro et prudens est et fidem legatorum usus est S.It. Mons. Adrianus Bernardini, Nuntiis apostolicis Italiae optima reipublicae de Ruthenia Alba 1929 hodie, deinde alio LEGATUS, ut Cardinalis Tauran Jean Louis-, qui sequitur te ad prandium invitatus, et postea per Ministrum Externorum, Sic in nobis summa gracilitas, Et cum eo erat, ad hoc ego commemorare privata inter nostros conventu apud Pontificium Consilium ad Unitatem Christianorum Fovendam. In illo loco apud Apostolicam Sedem, vehementer errat adoptavit principium conturbauit promoveatur ut amoveatur, datis ei 71 Archiepiscopus annorum Ferrariensis; sic episcopatus donaverit, ut de titulo archidioecesis, sed quod non Metropolia, dioecesibus suffraganeis electi est sub terra, sed a headquarters Bononiensem. nequiquam, mea, sicut officialis factus est ad promotionem in S.It. Mons. Marcus Tullius Negri Ferrariensis ad praetorium - a civitate bene scirem, aliquot vixit annos habens in studia ferri vniuersitatis extra tempus meum inter Ferrariam Bononiamque contulerant -, constanter amari retulissem: "Primum, quae Ferraria praesens ostendit opus ad caritatem pertinet ad illos, et civitatem illorum, maxime, ut Episcopi,, politicam administrationem proprie semper abstinuisse nolite tangere quae modo aliquo vel catholicorum conscientia, ita quod facere illa, amabitur a catholicis Christifidelibus et cum non-credentibus praeaestimata per ". Vis scire, quid ad responsionem condita est ac sublimi virtute, et Prudentissima, ad extremum lots of phone de proelio? hoc ipsum: "Audi, dickhead, Ego certe non scire quod facere te ipsum Pontificem!». Ferrariam venit comitantibus segretarietto inetto, quod post eum stipati uti materia tarn late infirma, et potest etiam dicere, et succendam usque ad os suum et eligere placuerit erratis, relinquatis et non habe centum dies ut creare realis quaestio publica. Sed videamus quid: inmemor sis illius amoris Ferrariam magna urbs, et quid pulchrum ejus sit cor illis ad vescendum, Invenitque archiepiscopus melius facere quam contuleris urbem centrum in quandam domum meretriciam [Cf. qUI, qUI, etc ..], Statuit ei move Ab adolescentia universitates ac noctem et vectes et popinae et repulsa est in medio. ut patet,, in omnibus causis quaestio non ad nutum Praelati, sed parum pastoralem adoptare minaci, in brevi: roba da imperioso podestà fascista della Città. Ut illa, quum hactenus Ferrariensis 1860 Pontificia rei publicae, historicae et sociali deditae hoc gradu est aliud dicere 'usque sicut heri ". Et in hac urbe, interdum, anticlericalism etiam sistitur intus apud formas penitus Faciéndum et hostem impediret. Et sic, Most prudens ac sublimi virtute, et in negotiatione pecunia quae numerata contemplatus omnes labores Primum enim agens in centro quasi vectes popinae et recriminati fabbrichette booze, Cum curiis amet, cui menstrua rentals succurrunt pondere cuivis operators sunt solvente. Et paulo post:, iuvenum coetus, archiepiscopi summo ludo, Ordinata sunt in conspectu ecclesiae cathedralis bordello noctem [Cf.. qUI]. Et sic, Consiliis Sanctae Sedis, in in corridors, brevique asserere: "Nos missi in pastorali actione prosequendi sensitiva et delicata, sicut urbes Ferrariensis Episcopus, cui parum vobis est realis periculo publicum revelabitur". in brevi, paene quasi si scirem, vel si non sit cum acceperit homo peritissimus id iudicet pertinere materias non haereat aliquid in nare episcopum: Chores stricte administratione rei publicae,.

.

Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, quod Mediolanensibus doc et inquantum ex magno comoedi culturam - quia nota sunt clarissimi Mediolanensem Italiae comicis, exempli gratia Roberto Benigni, Georgius Panariello, Henricus Brignano, Mauritius Crozza et sic sequi -, Etiam demonstrare, nee ingenii vena comici. Et sic, gravi de abscessu iuvenis ante triginta ferrariensis, Ille qui raptam esse matrem nati sunt ei a teenager ut sacerdos, Et justitia illius in tristitia et rogavi pro eo, cur hunc praesertim supplicium nunquam sacro ministerio exercendo suspendantur, respondeo cum dicitur curiae officialis Estensis de - Haec est ergo sententia extrapolated et manipulated in a solito et communistis recriminati diurnariis, vel propensiones in Civitatibus Foederatis -, nuntiatum est archiepiscopo quia pauper est homo in sono typical of satirarum culturae ambrosiana cum his verbis:

.

«[…] Quod tamen videtur esse de historiae tempore, et qui non est reus est accusatus, quod factum est per triginta annos rerum, Inuaserant designandum quod archiepiscopus, vitentur incommoda vitanda futurum, che non ha avuto nessuna parte nella dichiarazione della prima guerra mondiale e neppure della seconda e certamente non si è inteso con il presidente americano per lo sgancio della bomba atomica sul Giappone. Haec melius ad alterum [Cf.. qUI].

.

Obscenam turpemque dictu est ante illud, fere irrisorie quod vis ut sint laboris et doloris humani - praecipue in casu de illius vulnerati,, quod est difficile accommodare delicata dolor, et curaret me tractare -, fu un Vescovo che ha girata l’Italia in lungo e largo a parlare della Dottrina sociale della Chiesa e dei politica values familia Nonnegotiable, si ergo scindendum ad disserendum de pilis politica condom, sed respondere parati inluserunt ironiam autem puero iuniori teenage puella nata querentes se sacerdos gravida. Posset tamen sacerdos ingravidatore, in obsequio cum Catholica doctrina de moribus, Qui peccatum pudendum est, quod exquisierat a non maculant uti a condom, ita sunt omnia canonice moraliter?

.

Inde dicitur quod his dicatur: credo che un Vescovo di tal fatta possa essere portato come modello di eroico coraggio e vessillo di difesa della sana dottrina cattolica, De quatuor tantummodo convalescit Democratae New Daily Compass [Cf.. qUI], aut venatores eorum “papal haereses” autem correspondentia Romana [Cf.. qUI] et levied Christi [Cf.. qUI] pro quo, Benitus Mussolini et figuras et non libratae sunt duo Francisco Franco ad sinistram, propter communists Crypto-fundo. Et si defensionem facta est de award-vetus repudiata lubricus Silvio Berlusconi in se non sufficient, movet etiam praelati accedat ad crimen violatae qui se moribus minister, atque increpans, "in indignatione Christianae, non est sensus ' [Cf.. qUI, qUI]. Et quidem,, Joannis Baptistae, quem Herodes sonituum dederint, indignantem publice in furore suo mores vitae moralis, certus quod esset Christiana, nec potuit se sentit Christianus almum. Et praeciderunt caput bene penitus alienum indignatio, Herodes autem cum bono quod judicandus homo reus ex communi defensione in ex his values, non quod privatim dormivit cum uxore fratris, et habuit filiam sororis sue Salome emerunt in sano attraction - aut a genere Ruby Olgettina era [Cf.. qUI] -, ut constare potest ab historicis quam lineae historiae evangelicae.

.

Si direxerit ad eum cor ut figuras huiusmodi exemplar moralitatis Catholico, allora dovremmo affermare che certe violazioni legate al VI° comandamento, quis hodie aliquid de ignea indicant illas pro concubinis habere a voce enim, et adulteros, Nec eorum ab illis se partibus reservatis cubilia. plerumque: in secreto peccant, Non palam. in brevi: non se extendit ad devorandum Micha - illa "sordida adulteria" - in platea publica Ecclesiae! Quin ea sit in his quae dicuntur, ita publica socium legi enim, et adulteros qui etiam sunt defensores, sic dicitur non-MERCABILIS values. Iustus amo tempore, qui furantur ad suffragium Catholico, Silvio Berlusconi repudiata et defensis puellis award-, cuius rei auctor comesationibus laeta puellae potuisse avum red lumen, sed omnino iudicari deberet non ad privatum sed communibus bonis operibus defendendae rei publicae, Ac sublimi virtute, et verbum Marcus Tullius Negri Prudentissima.

.

Nec fas pauperes adulteri verso i quali insorgono veementi i que vere catholicos defensoribus doctrinam assequendam apte ipsi incitandi, étiam pro vulgari ac forensi aestimatur bona, Iustus amo Silvio Berlusconi, non tamen morum vitam familiarem? Item aliud, quod nos eamus usque adeo ut nihil intersit, qui ac sublimi virtute, et Prudentissima, Proven pauper educationem philosophicae, Aeque pauperibus una catholica disciplina morali theologia fundamentalis. Et hoc patet per viam: Non haec scribo alitur exercitatione, de harum mores Catholico, solutaque disciplina maxime post Concilium tempore natus, Sed ad ludum sero Cardinal Carlo Caffara, quos iamdudum desidero fecundamque hodie elit. Et si illic 'unus res ego sanctus pontifex memento huius, Est in primis est paternitas, imo semper pastorali devotione ingerere sacerdotes generaliter sacerdotibus, non reliquit statu turbat consilia neglexerint et pastoralis omnes lites et ambitio.

.

Quam ob omnem virtutem et fortitudinem patrare et Prudentissima, quod bona vel mala fide ad suam fugient laude et politica strumentalizzatori, hoc est non subiectum ad negata: potius quam paterni muneris est, tantam quantam in spiritu CONDITANEUS cactus. Hic quoque occurrit notatione dignum est,, qui semper se praebet ut de paucis audax virago pugiles Ecclesiae hodiernae passo in viam provolarunt, Ordinarius dioecesium esset, quod cum parva diocesis Res publica Sancti Marini Feretranus,, dum quasi caput Italiae nere alteram inter wisi, dum ab urbe proficisci et tempus loquendi Montecitorio palatio et cum Ioannes letta Alfanum Angelino sequi vel, intra annum et dimidium, praecipue in parvam ecclesiam pertinere quod in tempore 51 saecularis sacerdotes,, Ipse perdidit tres iuvenes sacerdotes, unum actum uel commutatione ad protestantium secta per apostasiam a fide catholica. In altera trium, Procurator Episcopi - incredibile iudicatur, audivi! - puer ministerium, sed qui quod invaliditas sacrae ordinationis instat, quoniam ipse dixit:, paratum fuit parum tunc temporis, tum, Semper ex eo,, sosteneva di avere subìto pressioni psicologiche mentre si trovava gravato da riserve interiori, per tutta risposta la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima disse di continuare a rimanere in parrocchia per un altro mese e mezzo ― quindi ad amministrare tranquillamente i Sacramenti (!?) -, dando così al Vescovo il tempo necessario per poter sistemare la cosa. nunc, io domando: un Vescovo che conosca anche e solo i rudimenti basilari del diritto canonico, dedit haec in pedibus ejus sacerdos dicens ego tutius visum non fuisse declaravit in quo invaliditas sacrae ordinationis qui valide sit ordinatus et, Sic fortasse respondeat, statim pro accersi: sicut hoc tempore tu non modo ad celebrandam sanctam Missam nec sacramenta administrare non est defaecatum? Et hoc est quod securus Adversus hanc declarationem defensor non rei publicae Sacra communione divortium novas inierunt nuptias, theologiae et philosophiae expertes aliquando plus ostendere, ratio videtur imperfecta cognitio rerum in sacramentali dogmatis usum iura canonica disciplina Sacramentorum.

.

Et si ut 'non satis,, utrique stngularis quaeuam Episcopus defensor rei publicae values ​​non-MERCABILIS, perdidit tres iuvenes sacerdotes in uno bang, et invenerunt meliora facere, mox datus ibat per regnantibus Benedictus, di uscire fuori dall’incontro annunciando in toni trionfali a tutti i suoi numerosi accompagnatori: «È stato un colloquio franco ed aperto tra vescovo e vescovo, ed ho potuto anche cogliere l’occasione per dire al Santo Padre in che situazione disastrosa si trova la Diocesi di Milano che versa ormai allo sbando totale [N.d.A. governata all’epoca da Dionigi Tettamanzi]». In pratica aveva osato auto-candidarsi alla sede di Milano direttamente col Romano Pontefice, incurante di non essere riuscito a governare una piccola Diocesi, sino a perdere tre preti in breve tempo mentre egli era impegnato a vagare tra un Marcello Pera, un Gianni Letta ed un Angelino Alfano, oltre a dettare ai giornalisti interviste nelle quali egli si faceva le domande e si dava le risposte, come quando mise in bocca questo titolo a effetto al suo amico Camillo Langone affinché diffondesse la sua ennesima auto-promozione a ben più grande e prestigiosa sede vescovile:

.

Il più cattolico dei pochi vescovi italiani cattolici si trova all’estero, a San Marino. «Lei vive in una cartolina!» esclamò Benedetto XVI l’estate scorsa, durante la visita nella diocesi. «Sì, ma è una cartolina che non viene spedita mai» rispose monsignor Luigi Negri [Cf.. qUI].

.

patet,, per «il più cattolico dei pochi Vescovi italiani cattolici», si doveva pensare quanto prima ad una sede arcivescovile metropolitana che fosse anche e di rigore sede cardinalizia. O si può forse essere a tal punto incoscienti da lasciare un vescovo come sposo ad una sposa così modesta, come la piccola Diocesi di San Marino-Montefeltro? numquam, bisogna dargli come seconda moglie una gran dama, perché in certi casi, il desiderare la donna d’altri, l’abbandonare i propri figli e la propria famiglia, non solo è cosa auspicabile, ma è cosa del tutto dovuta, sino al punto che l’abbandono del tetto coniugale ed il divorzio divengono talora del tutto legittimi e sacrosanti, salvo poi andare in giro a criticare il pericoloso casuismo Iesuita.

.

E non parliamo dei giochi fatti coi giornalisti dalla Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, che ricalcano in tutto e per tutto lo stile del «sono stato frainteso» al quale ebbe ad abituarci l’allora Primo Ministro Silvio Berlusconi, per inciso sempre quello da giudicare per le sue azioni di governo e per la difesa dei valori comuni, non certo per le sue orge private. Infeliciter, ut paucis abhinc diebus novissimis celebre erat impendio gnarus Vaticanum II Andrea Tornielli, cui prudens ac sublimi virtute, et dimisit ad colloquium Concilium Vaticanum insider [Cf.. qUI], modo in duobus diebus post solutionem edicere New Daily Compass di non avere espresso quei concetti. Facile temporibus interpretatione eo: dopo avere espresso quei concetti — che Andrea Tornielli ha riportato in modo onesto, pius est et verax -, Quod in circulari drummers laudatori Ostensum est, et forsitan aliquo modo confusione, ita, la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, avrà risposto loro di starsene tranquilli, perché «Sui divorziati risposati non ho cambiato opinione» [Cf.. qUI]. nam me, a chiunque dovesse chiedermi se credo più ad Andrea Tornielli od a Luigi Negri, senza esitare risponderei: ad Andrea Tornielli. Ciò non solo perché Andrea Tornielli lo conosco bene, ma perché lo stesso Luigi Negri, questo giornalista serio e onesto, oggi ultra cinquantenne, di cui molti possono anche non condividere alcune o più posizioni, lo conosce da quando aveva appena quindici anni, sapendo come me e forse ancor più di me quanto sia onesto. Sed valde dolendum, la tecnica politico-berlusconiana della Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima è questa, provata e consolidata nel tempo: quando lauditorium cala, spara qualche botto, lascia passare qualche giorno affinché la notizia circoli e la polemica si monti, poi smentisce dicendo di essere stato frainteso, semmai paventando pure minacce di querele e giocosità varie. About: la paventata mega-querela a carico del giornale che riportò notizia del colloquio di Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima sullEurostar, quando pare abbia augurato al Pontefice regnante di volare presto al Creatore [Cf.. qUI], che fine ha fatto? Quanti milioni di euro di risarcimento danni gli sono stati accordati nella sentenza di condanna del giornale da parte del tribunale giudicante per la grave lesione recata alla sua immagine pubblica attraverso questa diffamazione a mezzo stampa? Ci piacerebbe saperlo, semmai attraverso un articolo di informazione firmato da Riccardo Cascioli, director de New Daily Compass.

.

Se pertanto oggi ci troviamo nella situazione drammatica in cui ci troviamo, non è colpa del Pontefice regnante, alle cui scelte pastorali e di governo io non ho mai risparmiato dure critiche a viso aperto, pur precisando però, sicut supra scripsi, che Francesco I è entrato per ultimo in un ristorante dove prima ancora che si sedesse è stato aggredito dai gestori che gli hanno presentato il conto da pagare per tutti quelli che avevano lautamente pranzato e cenato prima di lui [Cf.. qUI], dopo avere donato alla Chiesa per lunghi anni dei vescovi più impegnati nelle campagne elettorali anziché nelle visite pastorali alle parrocchie e nella cura del loro clero. La colpa dello stato attuale della Chiesa è infatti di quei cattivi vescovi politiconi che oggi sono presentati, da altrettanti laici politicanti, come difensori della vera fede cattolica. Sono loro, i responsabili della meritata elezione di un uomo come Jorge Mario Bergoglio, dopo che nel 2013 eravamo giunti ad una situazione di insostenibilità legata a monte alla debolezza di governo del Beato Pontefice Paolo VI, che va comunque studiata alla luce dei più terribili anni del post-concilio, seguita dalla mancanza del senso d’autorità che s’era completamente sgretolata sotto il pontificato del Santo Pontefice Giovanni Paolo II, che pure era un uomo di grande autorevolezza, ed infine alla pressoché totale mancanza di governo del Venerabile Pontefice Benedetto XVI. in brevi: se la storia è costituita da dati di fatto e non da umori soggettivi, andiamoci cauti nel trattare gli effettivi ed oggettivi difetti dell’uomo Jorge Mario Bergoglio, molti dei quali sono frutto e conseguenza di grossolani errori compiuti a monte da Beati e da Santi Pontefici. E, haec, come già più volte ho precisato, ribadisco che ai Beati ed ai Santi non è richiesta la perfezione, ma la eroicità delle virtù, che non sono pregiudicate né dalla mancanza di difetti umani né da errori commessi, compresi anche a volte errori grossolani o gravi di valutazione commessi in totale buonafede, od a volte commessi poiché traditi e ingannati.

.

Sarebbe quindi opportuno che i cattolici smarriti e confusi dalla odierna situazione ecclesiale ed ecclesiastica, puntassero a dei modelli più solidi sia di esempio sia di cristiana virtù, perché la morale, tanto decantata e tanto pretesa da certuni sempre e di rigore sulla pelle altrui, non alberga in quei circoli politico-ideologici che dietro pretesti di fede s’inebriano di latinorum e di ferreo rigore morale. Si quicquam, dinanzi a certe figure tutt’altro che eroiche, i fedeli dovrebbero rammentare quel santo monito che ci avverte:

.

«[...] non fate secondo le loro opere, quoniam non. Alligant enim onera gravia imponunt in humeros hominum, et ipsi uno digito vestro non tangitis sarcinas ' [Mt 23, 3-4].

.

Che tradotto in altri termini vuol dire questo: gli antichi farisei affermavano a loro modo che «l’indignazione non è un sentimento cristiano» e che Berlusconi non si giudica dai circolini a luci rosse della sua vita privata, ma dalle sue pubbliche azioni di governo e «dalla difesa dei valori comuni».

.

Elevare a modelli di umana virtù certi personaggi è aberrante, perché sono coloro che tutt’oggi taglierebbero ancòra la testa a Giovanni il Battista, ma quel che è peggio è che lo farebbero sentendosi con la coscienza perfettamente a posto. A questo si aggiunga un altro fatto: se il Pontefice regnante prospettasse a questo Arcivescovo emerito una berretta cardinalizia, haec, a partire dal giorno seguente, lungi dall’augurargli di andarsene presto al Creatore ― come si narra che la Sua Eccellenza Revendissima e Prudentissima ebbe a fare parlando scherzosamente su un Eurostar [Cf.. qUI, qUI] -, direbbe che un grande Pontefice come Francesco I non si era più avuto dai tempi del Santo Pontefice Gregorio Magno, definirebbe la Amoris Laetitia il più chiaro e straordinario documento del Magistero pontificio dell’intera storia della Chiesa, ma soprattutto proporrebbe alla Santa Sede di richiedere in uso al Comune di Roma lo stabile di Castel Sant’Angelo per rinchiudervi dentro tutti gli ecclesiastici ed i teologi che mostrassero anche e solo vaga perplessità verso certe ambiguità di questo documento.

.

un goliardico comunicato stampa di S.E. Mons. Marcus Tullius Negri, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio, firmato col Vicario Generale sempiterno della Diocesi di San Marino-Montefeltro [per aprire il testo cliccare sopra questa immagine]

Non volevo citare un penoso fatto che mi ha visto passato protagonista e che per me non è motivo di sofferenza ma di divertimento, per quanto amaro, perché in fondo è questo che alla fine producono le figure ridicole: il divertimento. Sicché lo faccio solo alla fine, a titolo di puro esempio, casomai non fosse ancòra chiaro il soggetto di cui stiamo a narrare la triste storia. Prima di proseguire è però necessario chiarire il mio Status canonico, premettendo che ho ricevuto a Roma il sacro ordine del diaconato, poi la consacrazione sacerdotale nella Chiesa di Santa Prisca all’Aventino per la Diocesi di San Marino-Montefeltro dalle mani di S.E. Mons. Marcus Tullius Negri. La mia formazione al sacerdozio s’è svolta interamente a Roma, dove poi ho sempre vissuto e dove tutt’oggi opero. Sono quindi un presbìtero regolarmente “residente fuori diocesi” col nulla osta del Vescovo, ho il mio ufficio di postulatore per le cause dei Santi a Roma, vivo tra Roma e la Sicilia, spostandomi poi per motivi pastorali legati perlopiù al mio ministero di predicatore e confessore in varie parti d’Italia

.

accadde dunque che nell’ormai lontano 25 May 2013 scrissi un articolo molto severo in cui criticavo duramente l’allora Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cardinale Angelo Bagnasco, Genuam repetit Archiepiscopus Metropolita Prešoviensis, che volle celebrare personalmente il funus porcini del prete eretico Andrea Gallo, pur avendolo potuto evitare con tutte le migliori giustificazioni, trovandosi in quei giorni a Roma per l’assemblea plenaria dei Vescovi d’Italia, quindi delegando qualche altro per quelle esequie che si sarebbero comunque risolte in bagarre. Durante quel funerale il Cardinale Angelo Bagnasco si trovò ad amministrare la Santa Comunione a Vladimiro Guadagno, in arte Luxuria, che prima si presentò vestito da donna alla mensa eucaristica, poi fece persino un sacrilego elogio funebre sul presbiterio durante l’azione liturgica, parlando dall’ambone dal quale si amministra ai Christi fideles, la Parola di Dio. Dinanzi a quella mia dura critica, la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, oggi impegnata a dimenarsi politicamente circa la Santa Comunione ai divorziati risposati, pur non avendo più su di me alcuna giurisdizione canonica, in quanto ormai eletto Arcivescovo di Ferrara, attraverso un grossolano abuso canonico e facendo uso di toni di fuoco, paventò a mio carico «decisioni disciplinari, e addirittura canoniche» [text see qUI], firmando come Arcivescovo di Ferrara-Comacchio un documento insensato contro un presbìtero non appartenente alla Diocesi di Ferrara, ma incardinato in quella di San Marino-Montefeltro e come tale dipendente unicamente dalla giurisdizione canonica del suo Ordinario Diocesano, che grazie a Dio oggi è quell’uomo amabile e mite di S.E. Mons. Andrea Turazzi.

.

Faccio poi notare agli odierni sostenitori di questo eroico Vescovo elevato a vessillo di difesa della vera traditione catholica, che in questo comunicato, per smentire le mie accuse rivolte ad Andrea Gallo, il firmatario afferma: «è nostra ferma convinzione che nella Chiesa possono convivere opinioni anche molto diverse». Leggete il testo, perché ha scritto e firmato proprio questo, hoc est dicere:: Andrea Gallo, che alla fine della Santa Messa sventolava la bandiera rossa comunista cantando Bella Ciao [Cf.. qUI] e che aveva più volte accompagnato delle donne al consultorio per abortire [Cf.. qUI], non era affatto una vergogna del sacerdozio cattolico come io avevo osato definirlo, giammai! Perché quando il buon Luigi Negri decide di tremare come un coniglietto dinanzi ai potenti dai quali anela ad un qualche contentino, è persino capace ad affermare e firmare che un soggetto come Andrea Gallo è solo una semplice «opinione diversa», dichiarandosi mosso in simile affermazione anche da «ferma convinzione». E si noti: su quel testo ufficiale da lui firmato e diramato agli organi di stampa è scritto proprio così, o forse sono io che non sono in grado di leggere e di capire? No, io leggo e capisco bene, a non voler capire sono i drummers laudatori autem New Daily Compass, autem correspondentia Romana, autem levied Christi, per seguire con tutta la giungla di blog e di siti che al Regnante Pontefice non rivolgono critiche rispettose per le sue ambiguità o per le sue scelte pastorali infelici, come faccio io, ma lo odiano in modo a volte davvero feroce, invitando anche gli altri all’odio. Et sic, ego drummers laudatori, pur dinanzi all’evidenza dei fatti, per loro ideologico tornaconto personale, per il gusto della ricerca della rissa politica e per aggredire il Pontefice regnante, preferiscono proprio non capire, tanto hanno bisogno di crearsi e poi di presentare degli idoli di cartone sotto la firma o la direzione di Riccardo Cascioli, Roberto de Mattei, Paulus Deotto, Maria Guarini, et cètera et cetèra, et simìlia et simìlia

.

Ma soprattutto io domando: se non è lecita la Comunione ai divorziati risposati, non pochi dei quali animati spesso da autentici e profondi sentimenti cristiani, a qual titolo il difensore della vera fede e dei valori non negoziabili, oggi eletto paladino laudato da tutta la ultra destra cattolica, ha pubblicamente minacciato ― e ripeto: senza averne alcun titolo canonico ―, un presbìtero che invece si è dichiarato sconvolto per la Comunione sacrilega data al travestito Vladimiro Guadagno, promotore dell’omosessualismo, dell'aborto, dell’eutanasia e d’ogni altra perversa aberrazione?

.

Il libro dell’eretico Andrea Gallo esposto e venduto nel 2013 presso la libreria della Pontificia Università Lateranense e presentato con prefazione dell’eretico Vito Mancuso

Obiter, in quel comunicato mi si accusa falsamente dicens: «S.E. Mons. Negri tiene a chiarire di essere intervenuto più di una volta negli ultimi mesi, in “camera caritatis” su don Ariel, perché modificasse il linguaggio dei suoi interventi. magis, negli ultimi tempi ha ricevuto risposte dettate da atteggiamenti di arroganza». Purtroppo le cose stanno in tutt’altro modo. Premesso infatti che dal 2011, sfumato anche il Patriarcato di Venezia, il buon Luigi Negri si guardava attorno facendo il conto delle varie diocesi italiane di spicco in procinto di essere liberate, ogni volta che io, in qualche mio articolo, trattavo argomenti tutt’altro che insultanti, ma destinati a infastidire certe clericalicode di paglia”, queste andavano a toccare il Vescovo nel suo punto più sensibile, facendogli dire o capire che erano in corso le provviste [le selezioni dei candidati], per quella o quell’altra arcidiocesi e che, haec prete molesto, rischiava di creargli qualchedanno d’immagine”. Sicché, la prima volta ch’egli mi chiamò intimandomi che non dovevo più pubblicare articoli ― il tutto mentre i libri dell’eretico Andrea Gallo e dell’eretico Vito Mancuso erano esposti e venduti nella libreria della Pontificia Università Lateranense, nella incuranza totale di quel bertoniano minus habens Est autem S.It. Mons. Henricus Dal Covolo, suo Magnifico Rettore ―, in tono tutt’altro che arrogante risposi: «Per cortesia, Vostra Eccellenza mi indichi dove ho mentito non dicendo la verità e dove ho difettato a livello dottrinale e teologico». Testuale fu la risposta: «Non importa dire la verità, ma saper valutare quando è opportuno non dirla e tacere. Sono in corso le provviste per le nuove Diocesi e io non posso sentirmi chiedere di te in modo sibillino proprio mentre si parla di assegnarmi ad altra diocesi». Replicai: «Vostra Eccellenza concorda che se il Verbo di Dio fatto uomo avesse taciuto, non sarebbe mai morto in croce?». Replica lui: «Tu devi buttarla sempre sul teologico». responsum: "Vestram, ma su che cosa devo buttarla, forse sul gastronomico? Io sono un prete ed un teologo, mica un cuoco!» E questa, a parere di qualcuno, sarebbe arroganza? In ogni caso rimango confortato anche da un altro fatto: nessuno di quanti all’interno del mondo ecclesiastico mi conoscono — incluse le massime autorità della Santa Sede —, sarebbe pronto mai a credere che io ho mancato di rispetto, non solo al Vescovo, ma addirittura al Vescovo ordinante, per di più in modo arrogante. Non lo crederebbe proprio nessuno, sapendo che per il Vescovo io nutro sacro rispetto e che da sempre sono operoso a infondere questo filiale sentimento anche in tutti i sacerdoti che si avvalgono di me come confessore e come direttore spirituale. Invece purtroppo, la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, non ha tributato il sacro rispetto dovuto al proprio episcopato, per non parlare della sua Chiesa particolare e dei suoi figli. Proprio come se il Verbo di Dio non ci avesse mai messi in guardia ammonendo: "Cui multum datum est,, multum quæretur ab eo; et cui commendaverunt multum,, Et plus petent ab eo " [Lc 12, 48].

.

Nella Diocesi di San Marino-Montefeltro, sia l’allora Vescovo Luigi Negri che il Vicario Generale sempiterno co-firmatario di quel testo delirante ― e dicasi sempiterno perché Vicario Generale da ben tre vescovi! -, si sono nel tempo ben guardati dal paventare «quelle decisioni disciplinari, e addirittura canoniche» nei confronti di un prete che è divenuto papà di una deliziosa bambina e che non fu mai sanzionato, aliquid, prima venne mandato in giro per il mondo a spese della Diocesi, infine imboscato dalla Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima in un’altra Diocesi. Allo stesso modo non sono stati mai paventati provvedimenti analoghi verso quel prete che fu sbugiardato sulla pubblica piazza dalla sua amante dopo che la poverina aveva scoperto ch’egli faceva il galletto pure con altre donne, sentendosi così tradita da questo compagno infedele [Cf.. qUI, qUI, qUI]. Non sono mai stati presi neppure provvedimenti verso gli svariati preti transfughi, raccattati da varie parti del mondo dall’allora Vescovo di San Marino-Montefeltro S.E. Mons. Paolo Rabbitti, spesso assenti dalle parrocchie e dal territorio della Diocesi per settimane o addirittura per mesi, diversi dei quali hanno nel tempo depredato le casse parrocchiali a suon di viaggi e di regalìe fatte alle loro famiglie di origine e via dicendo a seguire … E con queste e altre ragioni ancor peggiori che per decenza e carità cristiana taccio, mi presentai con quel comunicato in mano alla Nunziatura Apostolica in Italia, al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e alla Congregazione per i Vescovi.

.

Alla Segnatura Apostolica si misero a ridere e mi risposero: «Nella tua Diocesi, c’è qualcuno che conosca il diritto canonico?». E detto questo proseguirono dicendo: «In questo comunicato non sono anzitutto indicati i canoni che tu avresti violato, cosa che rende questo testo giuridicamente nullo ed anche assurdo, perché firmato non dal tuo legittimo ordinario diocesano, ma firmato in grave abuso al canone dal vescovo di un’altra diocesi e da un presbìtero non avente diritto e titolo per minacciare sanzioni e quant’altro a tuo carico». Risposi io: «Heu, ma di questo non c’è da stupirsi, se consideriamo che questo presbìtero co-firmatario è il Vicario Generale sempiterno, lo spessore teologico e canonico del quale è equiparabile a quello di una sogliola!

.

Alla Congregazione per i Vescovi risero invece di più e ancòr più a lungo, ed a ridere fu un Alto Prelato che, ricevendomi in assenza del Cardinale Prefetto che in quei giorni era fuori dall’Italia, dixi: «Ma di chi si tratta? Ah, ti pareva: Marcus Tullius Negri. Ma in questo dicastero è famoso! cogitare, quando era Prefetto il Cardinale Giovanni Battista Re, il buon Negri andava e veniva a scalpitare da questo palazzo affermando che erano due anni che si trovava in quella piccola Diocesi e che ormai aveva fatto tutto quello che c’era da fare. Un’altra volta disse al Cardinale Prefetto: “Mi è stata data una Diocesi che è grande quanto una singola parrocchia di Milano”». in brevi, erano trascorsi solo due anni che già la sua povera sposa gli stava troppo stretta. Et sic, il Nunzio Apostolico ed i più alti vertici del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e della Congregazione per i Vescovi, mi invitarono a lasciar perdere, pur avendo io tutte le ragioni del caso per citare in giudizio dinanzi al Tribunale Ecclesiastico i due ragazzacci firmatari di quel comunicato goliardico. in facto,, le tre diverse autorità ecclesiastiche interpellate mi risposero: «Questo comunicato sconclusionato non intacca in alcun modo te ma qualifica e quindi squalifica nel peggiore dei modi chi lo ha firmato e poi diffuso». E tutt’oggi, ad onor mio ed a sommo disonore di chi invece l’ha firmato e poi diffuso, chiunque visiti il sito ufficiale della Diocesi di San Marino-Montefeltro, entrando nella pagina del Vicario Generale sempiterno, non vi troverà affatto indicate le sanzioni canoniche erogate al prete divenuto papà, od al prete denunciato dalla sua amante per infedeltà, oppure quelle erogate ai preti che lasciano per settimane o per mesi le parrocchie per andarsene in giro per il mondo; nulla di tutto questo troverà. Però chiunque potrà trovare il testo del comunicato scritto da quei due ragazzacci in vena di goliardie, tutt’oggi sopravvissuto anche in qualche organo di stampa [Cf.. qUI].

.

Sinceramente non so, se il Vicario Generale sempiterno, huic comunicato goliardico tutt’oggi mantenuto in gloria nel sito della Diocesi sulla sua pagina personale, pensava di fare con esso dispetto a me, oppure di screditare la mia sempre più solida reputazione di pastore in cura d’anime e di teologo, perché nei concreti fatti egli ha agito come quel povero tale che per far dispetto alla moglie prese un paio di cesoie e poi si castrò. Con me, in facto,, non si combatte sulla base dei clericali e ottusi umori montagnoli fondati sul “mi sta antipatico ergo gli faccio guerra”; con me si combatte sul piano della morale, sul piano pastorale e sul piano teologico. E che io sia un prete immorale, un cattivo pastore in cura d’anime ed un pessimo teologo, questo è tutto quanto da dimostrare, de pace ragazzacci in vena di goliardie.

.

Per quanto riguarda il Cardinale Angelo Bagnasco, sul quale anni dopo ho avuto modo di scrivere parole di profondo affetto [Cf.. qUI], chiunque lo desideri può domandare a Sua Eminenza se in cuor suo stima di più ― e soprattutto se considera più affidabile ―, un soggetto all’occorrenza molto severo che opera sempre a viso aperto come me, oppure la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima. Domandate, perché forse avrete anche una esauriente risposta. Anche perché io, al contrario della sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, se in passato ho reputato opportuno criticare severamente il Cardinale Angelo Bagnasco per l’episodio testé riportato, l’ho fatto con virile dignità leonina, mettendoci la mia faccia e la mia firma. non aliter,, la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima, non è che per caso ricorda le non poche battute insolenti condite con frasari da scaricatore di porto, da lui fatte nel corso degli anni in giro per i salotti sul Cardinale Angelo Bagnasco? Perché le non poche persone ― vescovi “amici” inclusi ― che da lui hanno udite certe irriverenze nei salotti privati, o anche per i corridoi dell’Aula Paolo VI durante le assemblee della Conferenza Episcopale Italiana, quelle sue battutacce su Angelo Bagnasco se le ricordano sempre tutte, dalla prima all’ultima, ed anche molto bene.

.

Questo è nella realtà S.E. Mons. Marcus Tullius Negri, una banderuola al vento che ha passato il suo episcopato a ruggire coi conigli ed a fare il coniglio coi leoni, a lamentare una società sempre più mediocre e banale [Cf.. qUI], ed il tutto mentre lui, i più pericolosi e banali mediocri, dopo averli cercati a uno a uno con la lanterna di Diogene e poi proditoriamente selezionati, se li è sempre messi attorno come collaboratori, posto che nessun tacchino in ruolo di potere vuole solitamente attorno a sé un’aquila reale che lo aiuti e che lo assista, ed all’occorrenza che lo consigli e che lo freni in certe scelte sbagliate. E quante volte io ho sofferto nel vedere in che modo si faceva ridere dietro dai membri della Conferenza Episcopale Italiana, per il modo palese, ingenuo e sfacciato col quale, anziché prendersi cura dei propri presbìteri e della porzione di Popolo di Dio a lui affidata, trascorreva e bruciava il proprio prezioso episcopato a scalpitare per essere assegnato a qualche grande sede vescovile, ed essere creato naturalmente cardinale. Numquam in eo, nella sua fanciullesca ingenuità, egli è riuscito a superare un suo profondo e personale trauma: il fatto che il suo coetaneo e compagno tra le fila di Gioventù Cattolica, poi in seguito divenuta Comunione e Liberazione, anch’esso come lui allievo di Luigi Giussani, fosse divenuto Patriarca di Venezia e Cardinale, maxime, deinde, Mediolanum ubi Archiepiscopi uices. Egli era infatti certo, dopo la nomina di Angelo Scola a Milano, che sarebbe stato dato anche a lui il “meritato” contentino e fosse promosso in sua sostituzione alla Sede Patriarcale di Venezia. Gli anziani presbiteri in particolare, nell’allora sua Diocesi di San Marino-Montefeltro, ricordano sempre che gli mancava solo di organizzare i festeggiamenti e di preparare il discorso di saluto alla Diocesi e quello di insediamento a Venezia, tanto ne era stato convinto da quegli ecclesiastici che giocando perfidamente su certe sue debolezze, per anni e anni si sono divertiti a prenderlo in giro in tal senso, dandogli speranze e pompandolo di aspettative. Non a caso ai preti, dando in quei momenti per scontata la sua imminente dipartita, ripeteva di non poter fare per il momento programmi per il futuro.

.

Sono anche al corrente che S.E. Mons. Marcus Tullius Negri è ammalato di una malattia oggi parecchio diffusa tra gli ecclesiasti, quae dicitur querelite, ma dubito che quereli me per aver detto la pura e semplice verità, anche perché nessun membro della Conferenza Episcopale Italiana, specie quelli che l’hanno ben conosciuto, si metterebbe mai contro un uomo fedele, onesto e disinteressato come il sottoscritto, per difendere l’indifendibile, vale a dire un soggetto come lui, che per mistero di grazia è stato comunque, nella pienezza del suo sacerdozio apostolico, un veicolo, a volte persino molto privilegiato, dello Spirito Santo. Ne sono testimone io, che sono stato consacrato sacerdote da questo padre degenere, al quale un giorno, mentre correva l’anno 2010, dixi:

.

«Vostra Eccellenza Reverendissima mi ha insegnato più con i propri difetti che con le proprie virtù. Grazie a lei ho infatti acquisita una santa lezione che rimarrà impressa in me per tutta la mia vita sacerdotale: ho capito che se il Demonio riesce a prenderci nell’ambizione e nella brama di potere e di carriera, potrà fare di noi tutto ciò che vuole».

.

un documento del 2010

ille non colse, o forse non volle cogliere quelle mie parole. Però poco dopo firmò e mi consegnò, per gli usi canonici consentiti, la lettera in cui attestava d’avermi conferito il ministero di esorcista [per aprire il documento cliccare qUI]

.

Io ho amato profondamente Luigi Negri, verso il quale nutro tutt’oggi amore profondo. Ricevendo da lui a Roma prima l’ordinazione diaconale e poi la consacrazione sacerdotale, scambiando col Vescovo il liturgico segno di pace gli sussurrai all’orecchio in entrambe le volte: «Non te ne pentirai mai!». E alla prova dei fatti credo di essere il miglior sacerdote da lui consacrato, di certo il più coerente, fedele e coraggioso. Credo di essere colui che mettendo a frutto i doni di grazia dello Spirito Santo ha sviluppato ciò che nel padre era mancante, o che in esso era carente, a partire anzitutto dal mio profondo senso di paternità. Ma il tutto, comunque sia, è stato possibile solo grazie al padre ed alla grazia di stato di questo padre degenere.

.

Ecco perché credo che Luigi Negri, pur non ammettendolo mai con chicchessia, in cuor suo sarà sempre profondamente fiero di me, perché io sono ciò che lui non è, sia nel coraggio sia nella fuga da ogni condizionante e schiavizzante ambizione di carriera, sia nella coerenza sia nella cura pastorale delle anime sia nella cultura teologica effettiva e non fumosa. Se però io sono davvero questo, lo sono grazie a lui e per merito della sua fede e della sua azione di grazia sacramentale su di me. Per questo se tornasse indietro non esiterebbe a consacrarmi sacerdote un’altra volta senza indugio, perché Luigi Negri è un autentico credente. E in questo momento non si limiterebbe neppure a consacrarmi sacerdote, perché se potesse mi consacrerebbe vescovo, specie dopo quello che ho scritto su di lui in queste righe. Perché così come egli ha conosciuto il dolore dei figli indegni che lo hanno malignamente tradito e che malgrado le ripetute e inascoltate mie esortazione si volle mettere comunque accanto come collaboratori sempre compiacenti, a maggior ragione egli sa anche riconoscere il figlio fedele, all’occorrenza pronto a bastonarlo in pubblico, ma che però non lo tradirebbe mai.

.

Non importa ch’egli dica che sono il suo figlio migliore, lo sa lui e lo so io, Non necesse est quod dicitur declaravit per officialem, quod ii - officialis press solvo -, la Sua Eccellenza Reverendissima e Prudentissima li usava talvolta per annunciare autentiche amenità universum cosmico assieme a quel lupo di montagna del suo Vicario Generale sempiterno, quae sunt bella, sed, ex MARIA Servica ones ad haec conferens in corde [Cf.. Lc 2, 19].

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 17 January 2018

.

.

legentibus, IAM IAM NOS SODES, ut scripturam hanc MANUS, qUI

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

 

About isoladipatmos

Leave a Reply