Sumit A prankster Vaticanum II miserunt litteras ad Missam in quaestione de Concilio Oecumenico

- Theologica -

Eorundem exemplar Vaticanum II stamp RIDICULUS MISSIVA DE QUAESTIONE Concilia oecumenica Missam

Necesse est igitur, quod Ecclesia excludit errorem oecumenicae navitatis, de quo nos hie ordo Venustates, et in loco ducens fratribus seiunctis unitatis Catholic, conbusit et comminuit in Christo unitatem catholicam conversus, metus circa nuntius Orcorum tenebrarum confusio, et in fratribus separari, "Princeps hujus mundi"

.

auctor
John Cavalcoli, o.p.

.

 

PDF Print Article
.

.

John Cavalcoli, o.p. iucundum utitur Hoc stamp litteras mittere ad inferius … [videatur in poste Vaticane, qUI]

Quod ideo dicitur, ecclesia Concilium oecumenicum, qui aliquamdiu te audierit, expressio non liquet, patet quod non semper est compatible sive votivæ intellegitur Missa rituali antiquiore in actionis oecumenicae provincia aut facite, syncretistic, et ambigua confusing, ita etiam inactivare, et contra impius, ut optentu eius actionis oecumenicae, praeterea catholici et lutherani concelebratio una inter auspichi hybrid.

.

Exitus est Porro Susanna erat delicata, quoniam in isto passu cognoscit et missa est ne vera communio repudiaretur est vertex Carmeli, est fons et culmen totius vitae christianae, ipsi exprimere cum inauguraret Concilium Vaticanum II. Et hoc necessarium est ut celebrarent, et cum concelebrantibus committi convenit, qui participare fidelium in plenam communionem admittitur cum Ecclesia, plene recipiat, et per doctrinam ecclesia catholica doctrina moralis et legalis, quod ut Christiana multis fratribus christianis non catholicis,, Lutheranos maxime, de qua nunc hic agitur, Sunt adhuc acceptare. in facto,, Concilium Vaticanum II,, reformandi ritus participandi sanctam Missam, Dat autem eam Concilium oecumenicum Conscidisti: absque dimensione sacrificali, naturaliter in iniustitiam detinent. Tum ad Missam novus ordo Quaedam facies ad perficiendum, absit vetus ordo, qui arctam ac redit in facies suas in Cena Domini celebrare Lutherus, sicut convivium aspect: Hodie loqui volubiliter, "Convivium eucharisticum constituit" et per "eucharistica", ipsam ecclesiam in memoriam Ultimae Cenae tempore.

.

autem, ad intellectum ecclesia Concilium oecumenicum in prima significatione, de quibus supra,, Quod est totaliter sicut ea quae licita sunt atque exprimunt, ut etiam Concilium in animo facere cum reformationis liturgicae: claudere ad antiquum documentum Novo cedat quam maxime valet apud Lutheranos, quod in Cena Domini,. in facto,, concilio, interior ritus sanctae Missae reformandi, Oecumenicum dat sibi vulnus: absque dimensione sacrificali, naturaliter in iniustitiam detinent. Sed multo magis, quae non conveniunt in Lutheranos Concilium, Genuina ratio ad Missam in Geraestico portu. Nunc suus 'usque ad Lutheranos accedere ad Missam Catholico, assumpta a Christo desideravit illa elementa, Lutherum sinistram, credendo ut pœnitentiam agerent, quando quidem tantum torto naso.

.

Secundum Concilium Oecumenicum ratione Missam, sed, est quia per desideravit lutheranae pro modernistarum repressuri,, ut Andreae Grillo, qui nuper, Qui Munera Et neges autem transubstantiationis dogma, quod magazine [1], Hoc asserit, atque catholicae et lutheranae ex duabus unam alteramve interpretationem et interpretatio est Eucharistia legitimate, sed nec dici potest esse nisi verus damnaveris [articulus videre, qUI], Secundo sequitur illud quod declaratione, qUI]. Est in classic modum, quo modernistae, et adlatum qui in fraude;, quod, in nomine Domini pluralismi opinatione sumentes aut deupdating, ad gradum vel in data est Divinarum Scripturarum sententia, alii interpretatio Catholico latere in pravitate heretica, sed gratias potius hoc, dum alterum appellatur 'outdated ".

.

Et Catholico-Lutherana Press

.

Topic hoc amet vt e Et Pontificium Consilium Foederationis Mundialis iuncturam Lutherana dicitur de Re Biblica ad finem anni Antiphona ex Commune De Reformatione, quod 31 October 2017. Quod est in voluntatem latenter catholicos cum Lutheranis Eucharistiam celebrare, expugnaturum esse partes. Non states: 'Cum ad oculum super futuro, commune iter pergimus teneamur, duxit in spiritu Dei, desideravit per Dominum nostrum Jesum Christum unitatis ad crescente. Cum auxilio Dei ex animo, et orationis, hoc animo ut nec ex nostra interpretatione ecclesia, EUCHARISTIA ET Ministerio, Calpurnius Repentinus, cum consequendam substantial consensiones reperiant, ut superare discrimina quae sunt inter nos usque ad fontem '.

.

Et quomodo "differences superare etiam nunc dividit fontes»? Decretum conciliare PRAENOTANDA Dicit enim evidenter: id est, catholici, qui, Papa sub ductu Magisterii excolentes,, patris communis Christiana, de Spiritu Sancto assistente,, nobis auxilium fratribus Lutherani illi, ut auferat "obices" et "lacunas", Im 'etiam plenam communionem cum Ecclesia catholica Ecclesia prohibere!, ut "plene immersa" in [n3].

.

Progressio enim, sicut ii «discernantur ab ecclesia nostra interpretatione, EUCHARISTIA ET Ministerio, ad consequi diu terminus communis substantial ', in maximis tanguntur tria, circa ultimum propositum actionis oecumenicae, Ex his patet, quod'De oecumenismo Unitatis redintegratio: quod ecclesia, In materna eius benevolentia,, per ministros, Omnes vocant submittere, nisi suavi iugo Christi,, possumus, patientes estote et, opificibus viras sapientes et opera paedagogica, excitantem atque emenda, denique Sancti Spiritus ducitur a Papa, qui omnes vocat ad plenitudinem vitae christia.nae contenditis, et fratres eorum, qui nondum sunt in plena communione sint cum vel ea non mediocriter declinasse, communionem redibit veniet plenitudo, in communi celebratione eucharistica et omnes viae eius, impedimenta obstantia sibi solvendis et impedimentis gradus consecutionem finis nobilis.

.

Quod est Ecclesia poteris faciem tuam ut sisterent se ad Lutheranos, cum attractivus, ut in eam intrare sentiunt decepi carent communione adhuc, quia melius operatur proposito evangelico, dum persequuntur, unde et liber diuturnum adflictos. Si ingenia erga catholicos ostendere vitia paene in admirationem, Lutherani, quibus christianismus diffusus erit sentire de samples, putant se latere in urbe ratio praevalebit dall'accostarsi.

.

Certe Lutherum Ecclesiae servet a conceptu, tempore quamquam illo tempore (ecclesia,) potius in "civitatem" (civitas). ille, mane, Cum autem erat adhuc in illo Catholico, Intendebant autem non solveret, cum ecclesia, sed instaurant; eius modi quaedam idea. Est sub Romano Pontifice rumpatur, caput Ecclesiae, incidit Ecclesia sentire, credendo ut pœnitentiam agerent, et semper ita putavit se deprehensos censuerint in essentia veri Ecclesiae, torto naso, et ait:, papatum, et dum ipsa de ipso lanista,.

.

Sed ipse retinuit quosdam de Ecclesia genuina elementis. Sic Ecclesia est in eo, quia civitas est baptizatus, in quibus Evangelium nuntiat et sacramentorum administratione. Est autem Dei populus ducitur Christi et Spiritus Sancti. Tamen, deficientibus ministris, possunt sacerdotibus, sed pastoribus ad ipsos, De cultu et de operariorum conductorum erga laboris princeps civitatis, Exegetae et theologi nuncuparunt,, Sacrae Scripturae.

.

Nemo Apostolorum successione et hierarchicae, et non Peter. Exitibus ut addressed, tum, ut memorat Press, Est essentia ministerium, quod conceptum ab Ecclesia involves, quod conceptum essentialem differentiam inter catholicam Ecclesiam et Ecclesiae, et per lutheranos, Non est pressius quod Lutheranis careat ecclesiologia ad sacerdotium ministeriale capessendum, magister officii locum in verbis mere officiosis, vilicus, vel praeses Assemblyman, nec rerum tactis,; sed ingens gap, quia non est conceptum per quam perficitur sacramentum, imperium absentis, quam Magisterium et Ecclesiae universae caret,, id est Summis Pontificibus.

.

A Lutheranis, propter sacramentum,, natura respuit, quae in gratia channel - operated ex opera, -, videt visibile solum gratiae, miserae squalor et vitia nisi secum ad cultum spiritualem profectum et sanctimoniam sine; doctrinis doctore et absque ambiguitate relativa secum, Doctrinam ethicam atque accuratum argumentum doctrinale inordinatio, et indigentiam apologetica momentum operisque missionalis praeponere; carentiam papatus, principle hominum moderationis simulatione, unum, et harmonia plurium, et evolutionis potest novum quendam ecclesialem, Est disposite fit conflictus intra-ecclesiali, violentiam et de controversiis, opponitur extremis, mutatio in furore et intolerantia nixum traditionisve tenacior, potentia et natura pendere proindeque efficere incolae maximam partem rei publicae.

.

Sed maximam inter catholicum et Lutherani ecclesiologici Hoc primum est in vero ex fonte habet conceptum de Eucharistia, et in Lutherana negata de transsubstantiationis mysterio subtiliter. Propter hoc enim negata est, nullum Lutheranae Community plus quam simplex discipuli autem Christi. Instead, quod supra usum natúræ sit verum Ecclesiae communionem personarum laedunt, quae oritur, novissime acutam, fundamenta rationemque iterum in communionem eucharisticam et celebrationem eucharisticam. In hoc sensu, quod Ecclesia sit Corpus Christi mysticum. Magnum quiddam est quod Lutherus, omnino defuit ecclesiologiam ostendentes videlicet Corporis mystici.

.

, Et per lutheranos Catholico Missam in Cena

.

Se fert catholicis nobis, in missa non solum in monumentum, sed sacrifice. Haec Lutheranos dolor deest, Repugnante Luthero noluit coniungere cum cena sacrificium crucis, quia cum hoc sufficit ad remissionem peccatorum, sine hominum opera addendo, qui crediderunt se esse Missam.

.

Semper nos incitat Catholicos respondit se ad Lutheranos, quod Christus nobis mandatum dedit, ut Missam celebraturi - "Hoc facite in meam commemorationem" -, Is simulare non addere nihil omnino est infinitum et inexhaustum pretium superque ad sacrificium Domini, quia rem fore, credit Lutherus, est et impietatis, sed est tantum a participatione sacramentorum, quam Christus voluit se ipsum, divina unique sacrificium suum, facultas pateat applicat vires spatii temporisque, usque ad consummationem saeculi. Sed valde dolendum est quod non sentire aurem Lutherani.

.

Sed iucunda fiducia statuendum in communi est fides catholicorum cum Lutheranis largitus est iuxta magnificentiam in hac occurs mysterium Coenae Domini,, activae, sed re vera ad Christum cruci affixum et in praesentia vos et consolantes testificati, et formatae per Spiritum ejus in conventu populum sacerdotalem, cui minister qui congregationi præest in celebrationem, Post lectionem vel disputationem verbum Dei, confirmat spem alit divinae promissiones, recitant verba Domini, Quod cerno una cum civitatis et actuosa praesentia in spiritu Communitates, gratia, indulgenciam et misericordiam Dei populo suo modo, in orationis et fecerunt, in resurrectionem.

.

autem, negata Lutherana Cenae quoque sacerdos memoriale sacrificii, Sacrificium Crucis tam incruenta riattualizzante remissionem peccatorum et vitam emptione, Exceptio est grave peccatum est, et voluntatem Christi, quod Christus in coena institui iusti in sacerdotio potestatem dicere Missam, scilicet panis in corpus et vinum in sanguinem Transcendens, Ipsa Patri offerre sacrificium, ut misericordiam consequamur, et compensare offensionem peccati.

.

Et ita patet, quod sacerdotium vindicetis, Missa ac transsubstantiatio et gratiam pro peccato sit, Sunt secundum rationem inseparabile plexus et related values, quo minus pietas Luthero vel recusationem oppositum intelligitur quod correxit Momentum, reperit consumens gladio.

.

De interpretatione verborum Domini

.

Quod quidem praesentia: Christus praesens, illud verum quod Lutherus fateatur, et contra fortiter aenigma Zuinglium, et Calvinus, sed non plene illud sibi proponit, ut sit quod Christus voluit. Haec in praesentia re, non solum ministrando spiritualia,, sed et materia substantial, quia corpus ex materia. Eucharistia autem est verum corpus Dominus, in sententiis, ut. Et quod materia corporalis materiae copulare, quamvis utique in eadem materia corporis Christi, sed ita quod subiectum est.

.

Haec praesentia in nobis:, sed ipsa arcana, in re Eucharistica Christi Corpus, Circa dogma transsubstantiationis servata est, quia, ad verbi Iesus quod consecrat, quod substantia panis convertitur in corpus de corpore Domini. igitur, quando faciunt communionem;, ut revera «comedunt carnem suis", causa verum corpus, combined per divinitatem Domini. Hic quod oportet dicere, In sermonibus Domini Pierre Teilhard de Chardin, per "sanctum materia ', materia salutaris, istam eschatologicam atque immortalem, corpora resurgentium erunt de quibus. Hic igitur est illud eiusdem S. Augustini: «Caro te obcaecaverat? Caro autem Sanat». Et Santa Caterina: "" In rubrum labia mea eiusdem sanguinis Christi '.

.

sed, in "impanation» Lutherana, hoc est, 'Christum per panis', neque tam dici solet, "Consustanziazione", id est directe convertitur substantia panis et substantia corporis Christi una cum corpore, Non video quo sensu possit salvum te ad terminum neutrum "Haec" [hoc, ut tuto seruarentur] nam 'hoc est corpus meum », scilicet, quae indicat consubstantialem, idest transubstantiatio fieri,, tempus quo peragitur, idest substantia panis transit in substantiam corporis. In finem processus transustanziatorio, altare sunt enim panes ultra, sed ibi est corpus Iesu. Quod si esset verum loco positum est, Lutheri, Iesus non dico tibi usque: 'Ego veniam, in quo panis'.

.

Ad quod panis est in Christo, sed cum per gratiam suam communitatem quae Liturgiam persolvit, nihil specialis dicit, sed sets sicco simpliciter est principium naturalis theologia, quod Deus sit in omnibus et per omnia, animarum gratia, etsi non implicari aut Missam in Cena. Ad illud quod est speciale in conspectu panem non satis est adhuc in vino, ut vidimus,, explicare sermonibus Domini.

.

quidem, facta consecratione, permanere autem in carne videre vel sentire sensitivo et facies panem et vinum,, eorum qui in philosophia dicuntur damnare et liturgia dicuntur genus. Sed scimus verbis quae ex fide est Christi, facta consecratione,, Quod videtur panis,, Non panem. Non autem sic, recte, sensus omnes deci: vident vera secundum suum damnare.

.

Est causa nostrae quod, quia solebant esse in has species panis est panis,, solum, fide nuntiata non fuerit, Sic ut nusquam imaginari non possit secundum rei veritatem accidentia, quae ventura est absque oppidis maneant, quamquam metaphysice explicari non potest, ita quod distinctio realis inter separabilitate, sic in hoc casu,, per se, sed substantia et accidens unum componunt, utra sine altera constare possit, etsi etiam vim intelligendi necesse firmamentum, repositoque suam naturam censet esse,, et in casu Eucharistiae,, deum ipsum, Quod sustinet mirabiliter sub speciebus eucharisticis, nisi corrupta, ubi Christus est in conspectu minus refert, et substantiam,, sed cum haec pars, panem.

.

Alius intellectus verborum Christi, investigari posse fortasse Lutheranos, At absurdum hoc tempore, Hoc est,: «Ego sum panis '. quidem, Praedicare non possumus substantiae ad substantiam;. Non possum dicere,: "Paulo autem Petri", nihil. Paulus autem Petri Petri, et Pauli est,. Quod substantia sive persona, non praedicari potest,, sed subiectum est unum tantum,.

.

Item quarto propositum Manuel belli et Patri ALPHONSUS AZPIROZ COSTA

.

Nunc recens interpretatio nos de Eucharistia Per Christum Dominum Belli propositus, hospitium 17 January tandem in Acta by Grillo Munera. Dicta summa belli suum in tres themata: nexum cum Eucharistia formam, et alter alterum sexum prandium [articulus videre, qUI].

.

Primum in belli fert opinio non panis post consecrationem panis et corpus, Legatum e suis sese esse «magicae semi-'. sed, iuxta eum, sicut Calvino, et panis manet panis,, et erit solum "significat 'Corpus Domini' s. vice versa,, Quod necesse est dicere quod firmiter credens id post consecrationem panis, panis non est,, sed corpus Domini, Non «magicis cogitandi", verum est substantiam eucharistici fidei.

.

considerations semi-magicis Et non aestimandus est dicere quod Belli fidelis. dicit Belli:

.

"In traditione catholica utitur per" Eucharistia "panis et vinum exprimere potest quam quod talia non sunt, et facti sunt corporis, et sanguinis Domini. Sed altius observationem tenere volumus: Non est autem difficile naufragium tulit in semi-magicis considerations: "Sacerdos dicit hoc est corpus meum; Sed non video panis corpus tactus; Venite rapiunt illud in bonum,!».

.

Quod hic non confundit Belli primus fidelis col infidele. Hic est verisimile credatur exprimere in consideratione hominis fidelis. Re vera non est, quae non videt, credit,. Et quidem fidelis: Video de accidentibus panis et vinum, sed, ne videatur substantia, quia scio quantum ad accidentia est substantia corporis et sanguinis Domini.

.

Secundo Belli, praeter denegando Hic de transsubstantiationis mysterio subtiliter, impie egimus bant et peierem productum operatio miraculorum operatio per verba consecrationis cum magicis, demonstrandum, divina actio adhibuit transubstantiationis inter horribili confusione, et operatio magicis, quod est signum - huius secundi - quam est apud competition ad metuendas Dcemonis violentias. in facto,, cuius signum est quod transubstantiationis? Quod in Deo, animi gratia in cibo enutrire, Et non est secundum rei veritatem accidentia panis et vinum absque oppidis maneant, quod satis est supra naturalem legem,, et semper velle, quod accidentia sint in corpore soggettati. vice versa,, operatio autem magicis, quod in se est mortale peccatum superstitionis, in eo posita est, quod, magum Ozi, per quod implicite vel explicite foedus cum diaboli, Operates est effectus monstra, sed ratione naturae, secretum utens legibus naturae, ut impleatis et paulatim altera. Quod si verum est quod dicit ut eucharistica consecratio Belli, Missam non esse verum Missam, lex autem satanica.

.

Hoc autem non est verum, dicit Belli quod, ante consecrationem vel post, "Non videre sensus panem et vinum," ". Non igitur. Non enim sensus, sed in isto passu cognoscit intellectus, et intellectus est substantia rerum,; et sensus sentire sola accidentia panis et vinum,. Ad tertium dicendum quod si sensus monent de accidentibus panis et vinum,, Northmanni expecto intellectus de substantia sua capiet. Sed in casu Eucharistiae,, Scio quia ex fide credere dicta accidentia non abscondam sua, sed substantia corporis et sanguinis Domini. Secus autem est de re non fideles. Qui habet naturalem virtutem ad cognoscendum tantum, (sensu et mente,), sed animo corporeque caret lumine fidei. haec, quod, respiciens ad Hostiam consecratam, Non scire potest nisi quantum ad species panis vel illas, sed etiam cogitat, videt quod directe convertitur substantia panis, id est ipsum panem, quia non habebat fidem,, pro se sciunt, quae sub his accidentibus, est corpus Domini. Itaque post consecrationem panis remanet, nominat substantial fidei eucharisticae sumus participes indigentiam. et Belli, sed, propositio panum quae nihil nisi panem, Sed meministis, semita, Reliquia et quasi adpensum quid est Corpus Domini. Secundum Eucharistiam secretum iacet in credendo ei quod sub speciebus panis est corpus Domini, cogitari, haec, esset magicae, sed cum eo panis manet panis,, Corpus scriptor symbolum est Ipsius Domini. dicit:

.

'Qua in rerum condicione et Missae celebrationem, non est nisi quaedam magica nescio quo nunc in corpore quod est de divinitatis. Refert, quam te respicere in eo panem. Hoc est quod habeat corpus Iesu, nec cheap. Tantum in cultum mentis inanis esse videtur quod quasi adpensum quid sit iustus etiam seriem B. Nos plerumque per vivere. Nihil nisi corpus Christi fractum panis. Nisi corpus Iesu bonus panis fractus ».

.

Secundi belli praebet Eucharistiam quatenus est "prandium". Infeliciter belli a pede iniuriam, id est cum falsus, aut certe definitio est insufficiens ad Missam: "Et missa est ritualized prandium. A primo omnium Missam propter cibum ". non absolute,. A primo Missam celebranti, in communione cum populo, Cassii Dionis Pater: immolabitque, per Spiritus Sancti, divinum sacrificium corporis et sanguinis Domini in remissionem peccatorum.

.

Certe in finem missa, si dignus atque promptu, in eucharistica communione cum Christo et ecclesia Sancti, quae datur per gratiam Christi sacrificium super altare reactivated a celebrante pronuntiata. Quod ergo missa non est 'edere', sed primo offerunt, audite, impetrare, supplicare, interrogate et dimittetur illi, laude, glorificare, cultum, considerabit, tace, gratias ago. Et manducans, et Mercurium ignem sonitumque eos ad tabernas vigiliasque Ronchi [videantur quae prius vasa, qUI, qUI].

.

missa est, potest comparari ad illud festum, Est certe memoriae sacris in Cena novissima, Nunquam probatus est in omnibus,, sic et simpliciter,, huic memoriae. haec, haereticum Lutherum, Memento quod nobis non est "pretiosa varietate", ut vocant nuper saepe audistis, nisi grave est heresis. Hoc omnino incongruum, quamvis blanda, Cum inaequalitas ab magistros liturgiae est fraudulentus, ne sensu observatoribus epulis accumbere mensae ieiunus, quasi ad suadeant quod superfluum sit Missam ad Communionem non recipiant,. Et omnino nulla aliquam quam assidue obsessive sumptus dari Communio, quae post divortium novam inierunt, Quod haec pendeat a conceptu ad communionem fetishistic. Sed punctus est huius: ut per festum praesertim missa est, sed sacrificii et veri cultus religionis. Essentialia missa enim exemplo magnifice insinuatur per haec in Epistula Prima S. Petri Ap suasiones. Oratio fidelium, nam dicit:

.

"Turn ei:, lapis viventem, ab hominibus quidem reprobatum, Deo autem electum honorificatum, Et ipsi tamquam lapides vivi, nam de spiritali aedificatione completur constructione, sacerdotium sanctum, offerre spirituales hostias, acceptabiles Deo, per Jesum Christum " (flagrantes, 2, 4-5].

.

Verum tamen addit Belli:

.

"Non cum cibum capere cum non accipere, Nos in una salus haec est vera nos, vitae, per quae significatur quod vix videre possumus vel videmus. A Missam non manducare nimis, nisi manducaveritis habere nutriendi. Quod dare potentiam ad Deum nos replent,? Sedens ad mensam eucharisticam accedere malo enim respondere te jubet quaestio circa ea quae sunt vere vultus pro in esse '.

.

appositione corroboravimus, et altare et missa est figura Ordinatio novus ordo reflects sapientes dicuntur biblicae sibi proponeret, quo pacto sacrificare beateque summatim imagine convivium. Hoc modo non tantum altare altare vetus ordo, sed neque tabula de quadam caupona moraretur in sbracati magistros liturgiae, admitti cupit ille pretium Lutherana. Cum tamen belli partem loses myers hoc pacto:

.

"In medio aevo descripta sunt illorum fundamentales sunt sancta ecclesiae praecepta,, inter quas ad Missam saltem diebus dominicis. Periculum est, quod in historia facti sunt, non capit, ut dicat se habere, et aliquid offerre Deo. Mutationem consumerentur: per invitationem ad mensam sedent in Deo sibi propositum, ubi, facti sumus, ipsa Eucharistiae participatio quam Deo debes,.

.

Primum est falsum Missam dominicae, ut festivam, Memoria celebrantes Resurrectionis Domini, Fuit statutum in medio aevo, dum non est relatus in quo Actus Apostolorum [In 2,42; 20,7], S. Ignatius Antiochenus Barnaba in saeculo. Secundo, Prorsus missa est,, Lutheri pace, "Quod offerre Deo", quod nemo praeter ipsum Christum ad Patrem, immolatum in cruce manibus sacerdotis, cum Paulus fideles ad orationem invitat iungere autem oblatio sacerdotis:

.

'Per quem vocati estis, fratribus, in misericordias Domini, exhibeatis corpora vestra hostiam viventem in, sanctam, Deo placentem Deo; quod sit obsequium vestrum »? [rm 12,1].

.

De Cultu Divino et voluntariis non oportet ita et si qua pulchrae, iucundum et usque ad nubes; Pulchra es ludere magna munus in sacris mysteriis celebrandis; sed non memini - ut semper et est - adeo non ad prandium bonum in iungere cogitationes inibit:, sed implere iustitiae officium - ut cost in sanguine Christi – ad Patrem, reparare et emendare delicta nostra in Christo est ei offendiculum peccati,, peccatorum et unire sdebitarci, ad finem, propitiatio crucis.

.

Gaudium in quadam congruentia ad eucharistici Sacrificii celebrationem. Deus autem non vis Musoni, sed intelligit: hilarem enim datorem [Cf.. II Cor 9,7]. autem, memento quod si memor est sancti Missam celebrantes Resurrectionis Domini nostri et Christi et pignus, plus est radix huius participationis christifidelium Cross memoriam, resurrectionis inducit. Per crucem ad lucem. sed, talis cogitatio belli usum elit:

.

«Corpus enim Christi, ut faciam cum desiderio meo? Cumque ego volo accumbere mensae eucharisticae? Si vis ad occursum Dei,, tunc mensam non haberet hanc potestatem facillime fugiant satietatem. Si non vis eum, et sermo bonus es satiata est fun, uel potius affectu peculiari quoad prodiga manu laude, citius vel post erit nobis Eucharistiam participare esuriit, et erit qui non usu tantum dic. Quod sit parum 'ut mystici ut Eucharistiam'.

.

tandem, Eucharistiae «Eros", Et circa hoc quaeruntur adhuc dubitat,. verbum eros Eucharistic prorsus infelix sit ad significandum Thronus Ab Sanguis, duco quod inconvenienter, quia amor respicit conceptum crimine intellexerunt cum veneris usu insidias, qui est terminus est, non quidem in Scripturis sanctis, et l 'eros contra sacro auctor, nisi cui eros Sina enim Testamentum yadàd, hafesh, et in Novum Testamentum "libido" [epithymia: Ge 1,14; Pt II 1,4; I Io 2,16; rm 7,7]. A sanus amoris pro conceptu, bonae voluntatis, exprimitur, Testamentum est in Antiqua Tune, ahabàh, misericordiae et in Novum Testamentum verbum attonitis inhians quod Filia. Scilicet in Bibliis Sacris vinculum quod veritas per Jesum Christum in ipsum, Nam quid coniugio benedictus. Autem rerum momentis attentis ducendi est quod conscientiam movet naturalem sexus instinctum naturae lapsae ad peccatum.

.

VENUS, in Song of Songs ut varii sensus mysticos resurget: unio enim Deus Israel in, in communione Ecclesiae vel de anima vel de Virgine, Cum Christus. quaedam, sed, adhibet testimonia de sermonibus patris ALPHONSUS AZPIROZ COSTA, commixtione maris et feminae esset similis invenire valorem symbolic munus etiam significare mysterium Eucharistiae,. Iuvat Nos referre et verba consecrationis belli pressed Radcliffe: "Take, hoc est corpus meum ", et review:

.

"Est sententia est,, ne quis dicat quod facile potuit contextualized uxori vicissim. scrive T. Radcliffe: 'Volo ad mentionem in ultima coena actis et sexualitatis. Is may videor aliquantulus 'novis, Sed putes. Noctis recolitur coena novissima, media sunt verba,: "Hoc est corpus meum, data est vobis ". Sic enim collocatur Eucharistia, sicut sexus, Donum est centrum corporis. Have vos umquam animadverto ut in prima epistula ad Corinthios currit inter duo themata, sexualitatis ad Eucharistiam relato,? Haec Paulo quia sic oportet intelligere, quod sciat unam et alteram horam in lumine. Non intelligitis vero Eucharistiam inter lumen ex lumine sexualitatem, et sexualitatis in eucharistica ''.

.

Continue belli exponens Radcliffe:

.

"Ita non est pars venereae veluti thesaurum, quo non modo non neglegatur. Inter duo amantes non est corpus, quod excedit codice ordo verbi. Qui confidunt in corpus alterius sponte fidere nomina non sufficit fides. Sunt etiam temporibus autem, et momentis quibus verbis potest esse fontem erroris: aliud exprimit quam corporis mutuam mihi dono intellectus extra intelligere potui ex verbis vel ".

.
Sciendum est autem, scilicet ipsum aliqua res. primus: Hoc autem non est verum, sicut credimus nos fore ut Radcliffe, S. Paulo in prima epistula ad Corinthios conectitur Eucharistiam et veritas per Jesum Christum. In hoc autem litteris dam modo apostolus ait nuptias [Cf.. c.7] ad Eucharistiam relato, [Cf.. 11, 23-29], sed cum multa alia separatim, sicut prudentia Christiana, [Cf.. cc.1-2]; ad munus praedicatoris [Cf.. cc.3-4]; causam incesti [Cf.. c.5]; et appellatio provocatioque paganus courts [Cf.. c.6]; virginitas [Cf.. c.7], quaestionem de idolotiti [Cf.. cc.8-9]; Lectiones in Israel historia [Cf.. c.10]; veste feminea:, [Cf.. c.11]; donorum Spiritus [Cf.. cc.12-14]; et resurrectionis erimus [Cf.. c.15].

.

Mysticum, quod sanctissimam Eucharistiam apud Radcliffe cassam fundamenta supra petram. secundi, dicendum quod facit ut quis se facit esse inter Eucharistiam et concubitus prorsus alienum est, ut Scripturam et Ecclesiae Magisterium Ecclesiae. tertium, Est autem discreta detur coactus, et quæ inhonesta sacrilegos, quod donum Christi, quod in missa facit corpus ejus, Nihil est omnino hoc facere per mutuam sui donationem sui ipsius proprius coniunctionis coniugalis quae in - quantum esset similis support Radcliffe -, simulque Christi eucharistici fervidus, quod non datis hoc modo, sed tantum venit cibus.

.

Ad quae enormia verba by Grillo.

.

Hanc gravem materiam de, in his duobus ultimis mensibus, Andrea Grillo interpositis temporibus in tres European History Magazine, orationes et eiectiones, qui est conatus abscondere relativize secutum est dogma de reali praesentia Christi super altare, panis et vinum, facta consecratione,. Pravum est operatio project evidenter iniqua et hoc decipit, sic impius, tenuisse dicuntur aliqui fautores efferebantur ecclesia Concilium oecumenicum, creare pollutum duxerit, Lutheranismi et cibum Ecclesia catholica observat, quia Romae non accipit. in facto,, Daturum se nobis ut biberent Grillo super altare quod fit panis et vinum, facta consecratione,, Finis autem vel est simpliciter et indeterminate praesentia reali, seu absque ulteriore explicatione egent. Itaque nescimus qua ratione hoc praesentia reali et quis vel quid sit praesentia reali. Grillo incerta est et in proposito - non ipsum bonum gimmick -, perché sa benissimo che, se chiarisse, scoprirebbe le carte ed apparirebbe in piena luce il trabocchetto nel quale egli vorrebbe farci cadere.

.

Spieghiamo dunque il suo procedimento. Primum, quod, con incredibile sfrontatezza, contro l’esplicito insegnamento del Concilio di Trento [Cf.. Denz. 1642], nega che la dottrina della transustanziazione sia un dogma. Egli afferma ciò nel suo articolo Presenza reale e transustanziazione: congetture e precisazioni, pubblicato il 17 dicembre scorso nel suo blog di European History Magazine. [Cf.. qUI]. dicit: «Transubstantiatio non è un dogma e come spiegazione ha i suoi limiti. Ad esempio contraddice la metafisica». Questa mia affermazione, nella sua brevità, non intende in alcun modo negare che la Eucaristia realizzi la presenza del Signore nella sua Chiesa, ma vuole soltanto distinguere il dogma fidei – inquantum scilicet ex affirmatione reali praesentia - e rationem illam transubstantiatio.

.

Ad hanc distinctionem longa disputatione praecipue in Germanica, quae theologia - J praecipue in. Auer - verius esse potest distinguere inter id est "obiectum fidei" ac "justitia illius theoretical ipsius obiectum constituunt». Tum ad idem, inter alios, Item Julius Colombo [Cf.. theologia sacramentaria, Milano, Glossae, 1997], transubstantiationem, ut cum dicitur 'consideretur [...] non distincta vero ab ipsa praesentia, separant se a proprio sensu et fide catholica; sed solum quasi esse explicandum, sed aliquo casu non est necesse, De reali praesentia '.

.

De errore in hoc sophisticum argumentum Grillo Est autem considerandum circa dogma transsubstantiationis et sicut simplex, aliquid, non amet potest 'explicandum de reali praesentia' non terminando, qui tamen, Secundum dogma in Concilio Tridentino citari, transubstantiatio fit miraculose, virtute cuius accipit realis praesentia, quibus incerta et non specificatarum «reali praesentia ', quasi vero absolutum in se inclusum,, ita nec praesentia, realem ac substantialem esse nisi sit corpus et sanguinem suum sub speciebus panis et vinum, quamquam haud, coincidere, et non est in conspectu suae divinitatis animam suam.

.

Ad aliquam rem certain praesentia Christi in nobis:, non est de necessitate Missam, invocate nomen est. Sed hoc non est eius praesentia verum, Missam in sancta, quia Christus non est tantum praesentem gratiam suam, spiritualiter et invisibiliter, sed suus 'realiter hic et nunc super altare sub speciebus visibilis Panis et vini, licet extra loci temporisque claritatis Domini non videmus oculis corporeis, sed qui ex fide est.

.

In Oeconomia salutis, igitur, Hoc certe est, fidei obiectum. Sed hoc maxime contentus est, non solum praesertim uel credere, ac transsubstantiatio si sustinemus stare foris, ad libitum et prope ad explicandum quibus Evangelii praecones ab praesentia: Christus praesens, come se si potesse scegliere anche un’altra ― evidente accenno alla ”impanazione” di Lutero ―, cum la presenza reale sarebbe l’unica cosa oggetto del dogma. At non omne. Il dogma da credere invece è che al momento della consacrazione avviene la transustanziazione, che è la causa divina della presenza reale e niente affatto una semplice e relativa, umana o metafisica spiegazione della presenza reale.

.

In hac parte,, bisogna fare a Grillo un altro appunto gravissimo: negare, sicut ille facit,, che il dogma della transustanziazione metta in gioco la metafisica, è semplicemente insensato e denota in Grillo ― che pure è persona d’indubbia cultura e intelligenza ―, una spaventosa ignoranza della metafisica [2], giacché è noto dai tempi di Aristotele che i concetti analogici di sostanza e accidente sono precisamente nozioni fondamentali della metafisica, noti del resto alla semplice ragione naturale, sulla quale la Chiesa fa leva per la definizione del dogma della transustanziazione.

.

Stonatissime, etiam, e del tutto insipienti sono le parole con le quali Andrea Grillo, in un suo precedente articolo, sotto pretesto di «allargare» il significato della transustanziazione ai suoi effetti e al suo contesto rituale, orante, liturgicam sacramentalemque actionem Ecclesiae, finisce invece per sostenere che per valorizzare quegli aspetti, occorre accantonare la considerazione della transustanziazione, troppo «intellettualistica», quando invece è vero tutto l’opposto, essendo tale devota ed affettuosa considerazione proprio la sorgente intellettuale ed esistenziale inesauribile di fede della comunione personale ed ecclesiale con Cristo, pane di vita eterna e pegno della vita futura.

.

Il Grillo infatti formula le seguenti tesi, una più sconcia dell’altra:

.

  1. La concentrazione sulla «presenza sostanziale sotto le specie» ha distratto profondamente dalle altre forme di presenza del Signore, nella Parola, nella preghiera, nella assemblea [Cf.. SC 7];
  2. La «presenza sostanziale sotto le specie» ha ridotto il peso della «presenza ecclesiale» del corpo di Cristo, che rimane sempre l’effetto primario della celebrazione eucaristica;
  3. L’attenzione alla «sostanza» ha condotto ad una pratica degli accidenti che oscilla tra indifferenza e ritualismo, rischiando di smarrire la logica simbolica delle sequenze rituali;

.

Aggiungiamo queste altre sconcezze, con relativa confutazione, tratte dall’articolo Il campanello alla consacrazione e la transustanziazione quod 6 novembre scorso, sempre in European History Magazine.[articulus videre, qUI].

.

  1. Una consistente parte della dottrina teologica dell’ultimo secolo si è resa conto che la «teologia della transustanziazione», pur salvaguardando con grande precisione il «contenuto» della fede in un contesto polemico, non riesce a salvaguardarne la «forma» e determina un progressivo divorzio tra forma e contenuto, causando ricadute negative anche sul piano strettamente contenutistico.

.

responsum. La «forma» del rito della Santa Messa, per Grillo, sarebbe l’insieme delle parti del rito come assemblea liturgica in preghiera, mentre la consacrazione sarebbe la «materia» o «contenuto» della Santa Messa. nunc, è vero il contrario: è la consacrazione ad essere la forma e il centro originario e creatore della Santa Messa, il punto culminante e il vertice della celebrazione del rito, anche se è vero che la celebrazione è a sua volta finalizzata ad offrire il santo sacrificio al Padre in Cristo e nello Spirito Santo e ad edificare la comunità e la comunione ecclesiale. La materia umana del rito, che è formata, vivificata, edificata, santificata e spiritualmente ed eucaristicamente plasmata dalla consacrazione, è la stessa comunità composta dal celebrante dai fedeli.

.

  1. La trasformazione del rito eucaristico ha sostituito con la «formula sulla materia» ― ossia le parole della consacrazione su pane e vino ― la sequenza «prex / ritus» che è costituita da «anafora eucaristica/rito di comunione». In tal modo alla centralità della dinamica ampia tra preghiera/ sacrificio/ comunione si è sostituita la relazione stretta tra parole di consacrazione e materia eucaristica.

.

responsum. Il primato tradizionalmente dato del momento della consacrazione sull’intero insieme del rito, non ha affatto «trasformato» un’inesistente originario primato ― al dire di Grillo ― dell’insieme del rito [“forma”] sul momento della consacrazione [“materia”], ma rappresenta precisamente la centralità propulsiva del momento della transustanziazione, dalla quale irraggiano e profluiscono abbondantissime acque salutari, che sgorgano dall’altare e fertilizzano, con la loro grazia, tutta la terra circostante [Cf.. haec 47, 1-12], ossia la comunità del celebrante e del partecipante.

.

  1. Questa trasformazione è risultata accentuata dalle polemiche sulla messa come «sacrificio/comunione»: avendo nettamente separato la dimensione di sacrificio da quella di comunione – in risposta alla netta separazione luterana della comunione dal sacrificio – abbiamo creato le premesse teoriche per questo isolamento della «consacrazione» non solo dalla «preghiera eucaristica», ma anche dal «rito di comunione».

.

responsum. Quod ecclesia, col Concilio di Trento e col Vaticano II non ha affatto «nettamente separato», ma strettamente congiunto «la dimensione di sacrificio» con quella di «comunione», giacché la transustanziazione, operata dl celebrante in persona Christi, con le parole della consacrazione eucaristica, ha precisamente come effetto proprio e immediato, quello di preparare il dono celeste ― Gesù sacramentato ― da offrire al Padre per la remissione dei peccati e il cibo di vita eterna per il celebrante e per i fedeli.

.

È proprio vero il contrario. È dalla concentrazione credente, devota ed adorante della mente e del cuore del singolo e della collettività in questo augustissimo mistero, che sgorgano «le altre forme di presenza del Signore, nella Parola, nella preghiera, nella assemblea» ed è dalla sua fruizione vuoi nella Santa Comunione, vuoi nell’azione eucaristica, che nasce la presenza ecclesiale del corpo di Cristo, sbocciano i più elevati sentimenti ed affetti cristiani, e la mente riceve luce ed energie celesti, per compiere le grandi imprese della carità, mentre gli accidenti eucaristici, elementi toccanti dell’evento mistico, suscitano la logica simbolica delle sequenze rituali.

.

Bisogna dire però, esse veracem, che la conclusione di Grillo, dopo gli spropositi sulla transustanziazione, è sorprendentemente benevola; quod, se da una parte ci fa piacere, dall’altra ci lascia fortemente perplessi circa la sua capacità di ragionare con coerenza, dato che avrebbe dovuto mettere in esclusione reciproca, e non congiungere due tesi che fanno a pugni a vicenda; il tutto sempre ribadendo quanto Grillo sia comunque dotato di brillante intelligenza. Egli dice infatti:

.

«Per concludere: transustanziazione è un termine che storicamente ha avuto la funzione di “salvaguardare un contenuto” in contesto polemico. Tale funzione deve oggi essere coniugata con una istanza diversa, ossia quella di recuperare le “forme più adeguate e più ricche” di quel contenuto. Per questo recupero la nozione di transustanziazione appare non solo come una antica ricchezza, ma anche come una nuova povertà».

.

Un’ultima considerazione di carattere pastorale. dubium, ci si potrebbe chiedere che senso possa avere la Santa Comunione ai bambini, introdotta da San Pio X, considerando la necessità di usare, per spiegare il mistero, di una parola così inusuale come transustanziazione e di categorie così astratte e filosofiche, come quella di substantia E accidente et his similia,, che cosa essi possano capire della transustanziazione, se qui è caduto persino Lutero, che pure non mancava di fede, di intelligenza e di cultura biblica. Ebbene non mi dilungo qui in indicazioni pedagogiche, note a tutti i catechisti dei fanciulli. Dico solo che ― e questo dovrebbe essere evidente ― non è assolutamente necessario usare o insegnare in ogni caso e con tutti quel termine tecnico con la relativa spiegazione metafisica. Per capire questo, basterebbe ricordare che il termine è stato coniato solo nel medioevo e non c’è stato bisogno di quel termine, perché già gli Apostoli nel Cenacolo e la Chiesa di molti secoli seguenti avessero capito benissimo che cosa, in quella solennissima circostanza, Gesù aveva fatto e che cosa per comando del Signore, gli Apostoli avevano il potere di fare. Esistono pertanto parole e concetti adatti alle menti indotte e semplici, per far loro capire, secondo la loro capacità intellettuale, ciò stesso che è significato dal termine tecnico. Basterebbe per esempio dire che dopo la consacrazione, quelli che erano pane e vino, non sono più pane e vino: sembrano tali, ma in realtà sono Gesù. L’essenziale è far capire e credere al bambino che si nutre del corpo del Signore.

.

Da tutte queste considerazioni emerge chiaramente la conclusione che recitare assieme con i fratelli luterani nella celebrazione eucaristica, come pare voglia un ecumenismo scriteriato e blasfemo, delle formule canoniche identiche, ma dando ad esse significati diversi, falsi od opposti o senza che alla parola o al concetto corrisponda la realtà o senza il potere spirituale necessario in omnes i concelebranti a dare efficacia salvifica alle formule, o senza che omnes credano ortodossamente a ciò che dicono, non sarebbe accordo ecumenico, non sarebbe comunione eucaristica, non sarebbe esperienza salvifica, non sarebbe liturgia o culto divino, ma attentato all’Eucaristia, contravvenzione alla volontà di Cristo, offesa alla Tradizione della Chiesa, parole senza senso, vuota recita, finzione, menzogna, fraintendimento, ego iniuriam, empietà, sacrilegium facis, profanazione, buffonata, reciproca presa in giro, orribile reciproco inganno nel momento più sacro e sublime della comunione fraterna e con Dio, magari con la sfacciataggine di invocare lo Spirito Santo. Ma c’è allora piuttosto il rischio che intervenga un altro spirito, contrario, malvagio e mortifero. Non c’è bisogno che ne faccia il nome.

.

Il mistero della transustanziazione, sorgente della pietà cattolica

.

Messe da parte queste stoltezze sacrileghe, facciamo adesso un discorso serio sullo sguardo devoto ed amoroso di fede, che dobbiamo avere, sul mistero della transustanziazione, al quale vogliamo invitare anche i fratelli luterani, è sorgente e garanzia di copiosissimi frutti in ordine all’apprezzamento del mistero della comunione ecclesiale, come vertice e fonte di tutta la vita cristiana personale e comunitaria, principale sorgente della pietà cristiana, che forma la mente e il cuore dei Santi [3], come dolce ristoro della loro anima, spingendoli a un continuo progresso spirituale e alle più belle imprese della carità.

.

La transustanziazione è anche il motivo per il quale la Chiesa conserva nel tabernacolo le sacre specie per l’adorazione eucaristica. in facto,, esse, finchè non si corrompono, contengono sotto di sé il corpo del Signore. vice versa,, l’insufficienza della concezione luterana della presenza reale è testimoniata dal rifiuto luterano dell’adorazione eucaristica, perché secondo Lutero, il rito della Cena è un semplice banchetto, nel quale è logico consumare tutto il pasto. evidenter, tum, che per Lutero, dato che la presenza reale è l’impanazione, ossia la presenza di Cristo nel pane da essere consumato, cessata la Cena, non avrebbe senso conservare il pane, dal quale del resto Cristo si è allontanato, essendo stato presente solo nella Cena.

.

haec, nella concezione cattolica dell’Eucaristia, transubstantiationis, comportante la permanenza della presenza del Signore sotto le specie eucaristiche nelle ostie eventualmente avanzate dopo la Messa, sorge un’ulteriore questione che Lutero, in forza delle suddette premesse, non si è posto, ed è la questione del luogo, ossia del tabernacolo, nel quale si conserva Gesù sacramentato.

.

Anche in tal caso si può esprimere questo fatto o con una formulazione dotta o in forma popolare. Nel linguaggio popolare si può senz’altro dire che Gesù è nel tabernacolo, ed è lo stesso Gesù che ora è in cielo. sed, se vogliamo esprimerci in modo tale da rispondere a chi eventualmente si domandasse come è possibile che Gesù sia nel tabernacolo, se è vero che il corpo di Cristo, oltre ad essere in se stesso in cielo, si trova in tutti i tabernacoli del mondo. tum, occorre precisare che propriamente, nel tabernacolo, ci sono solo le sacre specie del corpo. Ma il corpo eucaristico di Cristo non è contenuto in un luogo, perchè allora non potrebbe essere in tutti i luoghi della terra. autem, siccome sotto le specie c’è il corpo, per cui le specie e la presenza del corpo a modo di sostanza concorrono a formare l’ostia consacrata contenuta nella pisside del tabernacolo, in forma dotta si deve dire che nella pisside ci sono solo le specie in quanto collocate, mentre il corpo non è collocato. sed, in forma popolare si può dire semplicemente che nel tabernacolo c’è Gesù [4].

.

Un ecumenismo vagante nella nebbia

.

Una cosa che desta grande meraviglia è la conduzione delle attività ecumeniche del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani dalla sua fondazione nell’immediato post-concilio ad oggi. Essa infatti persegue una linea opportunista ed inconcludente, che contrasta in modo evidente con quella saggia e precisa indicata dall’PRAENOTANDA. La responsabilità di questa cattiva conduzione va certamente al Cardinale Walter Kasper, teologo influenzato dallo storicismo hegeliano, che per lunghi anni è stato a capo di quell’organismo pontificio. Ma anche adesso che la direzione è stata affidata da alcuni anni al Cardinale Kurt Koch, le cose non cambiano. Ma di che si tratta? Si tratta dell’ostinato e inconcludente, anzi dannoso persistere in una serie di sbagli e contravvenzioni alle direttive dell'De oecumenismo Unitatis redintegratio. Facciamone l’elenco:

.

  1. sostituzione del paradigma «separazione dalla Chiesa» col paradigma «separazione reciproca». La nascita del luteranesimo non è stata una separazione reciproca tra la Chiesa e Lutero: Lutero si è separato a Ecclesia,, ma la Chiesa non si è separata da Lutero, e detto questo va ricordato che la vera Chiesa di Cristo è a, Ego sum molteplici ;
  2. Attenzione esclusiva alla carità ed accantonamento del problema della verità. Invece il problema ecumenico è sostanzialmente un problema di verità. Lutero stesso si è opposto al Romano Pontefice non tanto per motivi di riforma dei costumi, quanto piuttosto perchè egli riteneva di aver riscoperto contro Roma la verità del Vangelo;
  3. Mancata distinzione fra comunione imperfetta e piena comunione. I luterani devono passare da una comunione imperfetta alla comunione piena;
  4. Silenzio sulla necessità che i protestanti rimuovano gli ostacoli alla piena comunione con la Chiesa. Invece questo è uno dei compiti essenziali dell’ecumenismo;
  5. Sostituzione della categoria della «riunificazione», come se la Chiesa a fosse divisa ― l’immagine del vaso spezzato ― alla categoria del cammino dei protestanti verso l’unità cattolica secondo il paradigma della parabola del figliol prodigo;
  6. Emarginazione della seguente dichiarazione della PRAENOTANDA: «solo per mezzo della cattolica Chiesa di Cristo, che è lo strumento generale della salvezza, si può ottenere tutta la pienezza dei mezzi di salvezza. In realtà al solo collegio apostolico con a capo Pietro crediamo che il Signore ha affidato omnes i beni della Nuova Alleanza, per costituire l’unico corpo di Cristo sulla terra, al quale bisogna che siano pienamente incorporati tutti quelli che già in qualche modo appartengono al popolo di Dio» [Cf.. n:. 3].
  7. Dato che si tace circa la superiorità del cattolicesimo sul luteranesimo e sugli errori di Lutero, fede cattolica e fede luterana sono considerate da molti come due diversi modi, reciprocamente complementari ed allo stesso livello, parimenti legittimi, di concepire la fede cristiana;
  8. il parlare genericamente di «divisioni» non basta. Occorre precisare di quali divisioni si tratta, se si vuole realmente rimediarvi. Il restare sempre sul vago e il non metter mai le carte in tavola, est inutilia,. Non bisogna stancarsi di ricordare ai fratelli luterani, sia pure in modo più motivato, caritatevole ed evangelico, come la Chiesa sta facendo da cinquecento anni, quali sono gli errori che essi devono abbandonare, senza disperare di convincerli. Come diceva San Tommaso d’Aquino, «la verità è invincibile». Prima o poi trionfa. Secondo San Paolo, gli Ebrei accoglieranno Gesù come Messia solo alla fine del mondo.

.

Per questo relativismo o navigare sul vago o pescare nel torbido, oggi da molte parti non si parla più di fede, ma di ”fedi”. Non c’è una sola fides, ma più fedi, come se si trattasse di diverse opinioni, nessuna delle quali può pretendere alla verità ed alla certezza, escludendo il falso. Ognuno coltiva il suo orticello. Quello che al cattolico appare ”falso” nel luterano, è semplicemente un ”diverso” e viceversa. In tal modo il cattolico, sentendosi autorizzato a scegliere tra cattolicesimo e luteranesimo, può essere spinto ad optare per questo, avendo un’etica più facile e permissiva, con la salvezza assicurata e il peccato sempre perdonato, mentre il luterano, non sentendosi correggere dal cattolico, è portato a restare nei propri errori.

.

C’è poi il cattolico che difende apertamente le eresie di Lutero, continuando a considerarsi e ad essere considerato cattolico ed anzi avanzato, progressista E conciliare. Le conversioni di luterani al cattolicesimo si sono fatte rarissime e certi preti o vescovi insipienti arrivano addirittura al punto di sconsigliarle. Altri cattolici avanzati o se preferiamo adulti, ci assicurano che gli ultimi studi hanno appurato che le condanne di Lutero pronunciate dal Concilio di Trento non sono più attuali o sono frutto di malintesi o, come dice S.E. Mons. Nunzio Galantino, di «pregiudizi».

.

Qualche altro esempio della contravvenzione alle direttive dell’PRAENOTANDA. Troviamo sul sito Settimana news quod 30 ottobre scorso nell’articolo non firmato: «Riforma. Ma le differenze rimangono», le seguenti considerazioni:

.

«Dal punto di vista cattolico, lo scopo di tutti i dialoghi deve essere in ultima analisi “la piena unità visibile”. Ciò non significa che i protestanti debbano semplicemente rinunciare a tutte le loro tradizioni e riti ed entrare nella Chiesa cattolica. Ma vuol dire che cattolici e protestanti formano, anche dal punto di vista istituzionale, una Chiesa. Resta tuttavia aperto il discorso, anche da parte cattolica, su come in pratica un’unità del genere debba essere declinata. È sempre valido ciò che disse il vescovo ecumenico tedesco Gehrard Feige nel 2014: oggi nell’ecumenismo non abbiamo ancora un’dea chiara di come la piena unità visibile in concreto possa manifestarsi. È ovvio tuttavia che unità non significa semplicemente uniformità. Da parte dei protestanti negli anni scorsi si è preferito parlare ripetutamente di “differenza riconciliata”, per descrivere lo scopo del dialogo ecumenico. Una tale unità sarebbe pensabile anche senza un’unità visibile» [Cf.. articulus, qUI].

.

quidam observationes.

.

  1. Precisiamo: occorre la piena unità visibile nella piena comunione con la Chiesa cattolica. I protestanti non devono rinunciare affatto a quei valori che già li legano alla Chiesa cattolica, ma solo ― ed è ben comprensibile ― a quelle carenze ed impedimenti, ossia errori ed eresie, che sono di ostacolo alla piena comunione.
  2. Dice l’articolo: «Cattolici e protestanti formano, anche dal punto di vista istituzionale, una Chiesa». Non è esattamente così: i protestanti sono sì nella Chiesa, ma non in piena comunione con essa, come lo sono i cattolici, perché la Chiesa in senso pieno e perfetto è solo la Chiesa cattolica. Ai protestanti, per essere in piena comunione con la Chiesa, manca la cattolicità.
  3. «Resta tuttavia aperto il discorso, anche da parte cattolica, su come in pratica un’unità del genere debba essere declinata». La risposta sarebbe facile, se si consultasse l’PRAENOTANDA nell’esposizione che ho fatto.
  4. «È sempre valido ciò che disse il vescovo ecumenico tedesco Gehrard Feige nel 2014: oggi nell’ecumenismo non abbiamo ancora un’idea chiara di come la piena unità visibile in concreto possa manifestarsi». Per nulla. È Feige che non ha un’idea chiara. La cosa è molto semplice: che i fratelli luterani, abbracciando la professione cattolica della fede, entrino nella piena comunione con Roma.
  5. «È ovvio tuttavia che unità non significa semplicemente uniformità». Se per «uniformità» si intende la comune accettazione della verità della fede cattolica, è ovvio che occorre l’uniformità: una fides. Se invece questa uniformità la si vuole estendere al di là di questo confine, dove invece vige la libertà di opinione e il pluralismo teologico, si cadrebbe nell’uniformismo, che non è l’ambiente della Chiesa cattolica, ma delle dittature politiche o religiose.
  6. «Da parte dei protestanti negli anni scorsi si è preferito parlare ripetutamente di “differenza riconciliata”, per descrivere lo scopo del dialogo ecumenico. Una tale unità sarebbe pensabile anche senza un’unità visibile».

.

Rispondo che il problema di fondo dell’ecumenismo non è quello di riconciliare le differenze e le diversità: qui non c’è da riconciliare nulla, perché esse per loro essenza sono in armonia le une con le altre. Quindi qui si tratta semplicemente di valori arricchenti da riconoscere e rispettare. Quanto all’unità visibile, essa è l’espressione normale e obbligatoria della fede, la quale nasce certo nel cuore, ma dev’essere proclamata con le labbra.

.

Il problema dell’ecumenismo è invece quello della persistenza di fratelli, che errano circa le verità di fede e per questo sono portati ad avere un atteggiamento ostile verso la Chiesa Cattolica, «colonna e sostegno della verità» [I Tim 3,15], con la quale non sono in piena comunione. La riconciliazione suppone l’accettazione comune della verità. Tra vero e falso non ci può essere conciliazione. Il falso è principio di divisione e di ostilità; il vero è principio di unione e di conciliazione.

.

L’ecumenismo è in se stesso certamente una benedizione donata alla Chiesa e ai fratelli separati col Concilio Vaticano II. Ma esso, per portare i frutti che promette, dev’essere inteso e messo in pratica nel senso preciso indicato dal Concilio, ossia sostanzialmente come appello della Chiesa ai suoi figli dispersi nelle disavventure e nelle tragedie di questo mondo a tornare da quella Madre accogliente, premurosa e generosa, dalla quale si sono allontanati, credendo di cercare una libertà e una felicità che non hanno trovato.

.

Necesse est igitur, quod Ecclesia excludit errorem oecumenicae navitatis, de quo nos hie ordo Venustates, atque in separata pro fratribus ducens ad unitatem catholicam impellunt, conbusit et comminuit in Christo unitatem catholicam conversus, metus circa nuntius Orcorum tenebrarum confusio, et in fratribus separari, "Princeps hujus mundi".

.

«Come pensaste di allontanarvi da Dio, così ritornando decuplicate lo zelo per ricercarlo, quod, chi vi ha afflitti con tante calamità, vi darà anche, con la salvezza, una gioia perenne» [Bar 4 28-29].

.

Varazze, 12 Februarius 2018

.

.

________________

NOTA

[1] Quod omnino falsum, come risulta chiaramente dalla definizione del Concilio di Trento contro Lutero: Denz.1642, insegnamento ribadito dall’enciclica Mysterium Fidei del Beato Paolo VI del 1965, nn.24-25 e dal Catechismus Catholicae Ecclesiae,, n.1376.

[2] Povera cultura europea!

[3] Un esempio tra i tanti che si potrebbero addurre, lo troviamo nelle infuocate parole che il Venerabile Padre Giocondo Pio Lorgna, domenicano (1870-1928), usa per esprimere la sua intensissima devozione a Gesù sacramentato. Articulus meum Cf. P.Lorgna: sacerdotium, eucarestia e vita, in sacrum DOCTRINA NOVAE HIEROSOLYMAE, 6,nov.1988, soprattutto le pp. 710-714.

[4] Una buona analisi e spiegazione teologica di come nell’Eucaristia si possa e si debba parlare della presenza di Cristo sacramentato nel luogo, cf le Lezioni sull’Eucaristia tenute dal Servo di Dio Padre Tomas nel sito arpato.org.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

4 cogitationes on "Sumit A prankster Vaticanum II miserunt litteras ad Missam in quaestione de Concilio Oecumenico

  1. Sono curioso di ascoltare, dopo come il Santo Padre ha trattato i miracoli eucaristici di Buenos Aires, le parole che pronuncerà il mercoledì nel quale tratterà dell’Eucarestia nella Santa Messa.

    Riguardo aderos ed Eucarestia”, Dio è Amore che si dona all’Uomo e l’Uomo, dopo aver ricevuto l’Amore dentro il proprio ventre, lo porta a fruttopartorendoloai fratelli.

  2. Se duecorporazioni di funzionari dell’ecumenismodichiarano di averelo sguardo rivolto al futuro”, è chiaro che guardano dalla parte sbagliata: Non videbunt in Quem transfixerunt.
    Il punto chiave è semplice: Satana odia la Presenza Reale di Gesù Cristo nel Pane Eucaristico, e con la complicità dei suoi servi sciocchi fa di tutto per eliminarla il più possibile da tutta la faccia della terra. E’ vero che l’unico Sacrificio di Cristo basta e avanza per redimere tutta l’umanità e tutta la storia, ma per la nostra insufficienza umana abbiamo bisogno di molte Messe e di molti Tabernacoli per presidiare la città terrena contro l’ossessivo assedio delle infestazioni demoniache. E se appaio un superstizioso medievale, guardiamoci attorno, e chiediamoci se oggi tutta l’umanità in tutte le sue declinazioni compresa la Chiesa è o no sotto attacco maligno.
    La Comunione dei bambini, prezioso tesoro donatoci di nuovo da San Pio X. Ma oggi l’innocenza dei bambini è insidiata e violata quasi fin dalla culla, con l’avallo e l’impulso fin dello Stato. E chi vuole che i bambini siano santi e preghino da santi, è perseguitato (padre Andrea d’Ascanio, reus ?) .

  3. hodie, 7 March, nell’udienza del mercoledì, il Santo Padre ha parlato dell’Eucarestia: se non ho capito male quello che detto, le porte per la messa ecumenica non solo aperte ma spalancate.

  4. Anche le parole dell’udienza generale del 21 c.m,, in meus sententia, aprono all’intercomunione… et non solum: «La celebrazione della Messaè ordinata alla Comunione, cioè a unirci con Gesù. La comunione sacramentale: NON LA COMUNIONE SPIRITUALE, CHE TU PUOI FARLA A CASA TUA dicendo: “Gesù, io vorrei riceverti spiritualmente”. No, la comunione sacramentale, con il corpo e il sangue di Cristo. Celebriamo l’Eucaristia per NUTRIRCI DI CRISTO, CHE CI DONA SESTESSO SIA NELLA PAROLA CHE NEL SACRAMENTO dell’altare, per conformarci a Lui».

Leave a Reply