«Misericordes,, sicut et Pater vester misericors est, qui in caelis est ", non quod placitum est in mundum, sed in Deo,

L'Angolo di Girolamo Savonarola: Nitor in homiliis catholica semper

«Misericordes,, Qualis est dilectus tuus pater MISERICORDIOSO, Qui est in caelis », 'Non mundo similis uideatur, QUOMODO VERUM quasi cor Dei

.

Misericordiae est enim orbis terrarum, defenditur per hominem mors et maxime pius languentibus, vel senior quis est simpliciter fessi viventium, si eam relinquendam. Sed hoc non est abominatio est misericordiae et horribilis, quod sit sicut abortivum, id est occidere innocentes pauper, ultrasound aut amniocentesis post inventa quod impeditur certitudo prolis nasciturae Down syndrome est patiens et non perfect ergo secundum magis magisque signa ab immunda mundi.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

Laudetur Jesus Christus !

.

.

"Estote misericordes sicut et Pater vester qui in caelis est"

Illud Luc hac hebdomada, omissis forte septima [Cf.. Lc 6,27-38, vedere testo della liturgia, qUI] Is could terminus sursum cum suadeant ut sunt tempora timor sanctus non solum Evangelium hoc tendunt ut quod tibi vis in via, Porro quia facta deduci, rationabile sit quod timendum est: non facies cum authentico Verbi adulteratio mandatorum Dei, Christus Deus facere illud dicere non est locutus. Multa exempla esset,, At ponatur, id est iustus in multis: "Nolite iudicare ut non iudicemini ' [Mt 7, 1]. Videamus quam saepe ad se mentitus est, dicens, satis certum audiunt praedicationes in loco improntanti sociologisms volunt placere in hoc mundo, Tum ex cuiusdam dans pulpitum monologues audire arietibus sic:

.

«Ecclesia tandem agnoscitur quia non potuit permanere nonne judicas, et damnabunt quousque, sed, ut necesse erat intellegite, intellegite, gratissimum, Super quo propitius ... ".

.

Comments huiusmodi blasphemias est, authenticas profecta est sapientia Patris est domus unde praedicare verbum Dei. in facto,, Admonitio: "nolite iudicare ut non iudicemini ', Probabiliter refers Christi Domini Apostolis et Ecclesiae futurae? quis es, Monitio haec in subjectis et objectis? Sono coloro — come si spiega poco avanti in questo brano evangelico —, Spectabamque "festucam in oculo fratris tui, ecce trabis est in oculo tuo non vides: sed per " [Mt 7, 3]. Igitur non monuerit illam simulationem hypocritas, id est, ad humana exercenda dispensatores multiformis gratiae eius, Quod id a Christo Domino per sermonem explicavit per divinam magistralità sequitur quod [Cf.. Mt 7, 1-29]. Quod Christus pro ecclesia Sancti, Et conscientiam est satis significant, et quod est aliquid iniuriam, quid fas sit ac id quod non licet, quod sit sanctum, et quod malum est, quod Ecclesia officium est atque officium potest ac debet sine mora. Aut quod est verbum Domini ad induendum: Ecclesia,, nisi aliud prodito hostibus missio, et dices ad officium habet doceat quomodo Christi fideles, intret «per angustam portam, quia lata porta et spatiosa via quae ducit ad perditionem, et multi sunt qui intrant per " [Mt 7, 13]. La Chiesa non può dunque omettere di giudicare e di condannare il male in modo all’occorrenza severo, qui peccatum non est ponere intellectum, et alia via ad animam viventem, Negatio autem consequens ad donum vitae in Christo et in casu verisimile est esse aeternum et condemnabitur.

.

In Ecclesia officium est quidquam decedere minime aequum est ut ex eius divinus Conditor che l’ha voluta come mezzo e strumento di salvezza, aut quam dabit vobis definienda sunt et deinde Concilium Vaticanum II Catechismum: Ecclesia est «universale salutis sacramentum» [Catechismus Catholicae Ecclesiae,, n:. 774]. Hic autem bene attendendum est, quod universale conceptum, proprie dicitur totum simul. Non est deus salutis mediis multa conspeximus, quod ipse nunquam intueri diligentissime multas aut diversas religiones, Et Ecclesia est una et uno modo, unum operae beato Petro commendatae ad modum apostolorum collegio,, peculiare indicium intra multitudinem non contemplantur. Aliter ad orationis Ordinarius secula operatus est salutem, quod gratia et gratiae sacramenta Ecclesiae Christi, quae est ex dispensator, et Singulari salvationis, inclusum, quae sunt in corde illius in viis pluribus est scriptor mysterium Dei, ex diversissimis modis dicantur tempus subsicivum, Unum potest esse salus hominibus. vehicles tempus subsicivum quod soli Deo pertinent, et de quibus homo nihil possunt,, exempli gratia a Christo in Ecclesia dicens quod est unum significat quod tot secula operatus est salutem. No, et Ecclesiae sacramenta gratiae Dei quae est iustus, non est alia media dispensator, sed tantum ut homini Christus Dominus dedit hominibus et quod redimendum per sanguinem crucis ejus,.

.

De quibus sententia in structuram et pace in evangelio Lucae,: «Misericordes,, sicut et Pater vester misericors est, qui in caelis est ", concordat cum alio sententia quod Vetus Testamentum admonet nos ut nos, et vocat "sanctum quod, Dominus Deus tuus, Et ego sanctus sum " [Lv 19, 2]. Misericordia igitur sanctitas Assumptum, nec saecularium. Miserator, et caritativis agitur, ubi non erat mundus te, sed sicut in hoc mundo, non amo te. In Evangelium et Sanctus docebit nos quae re vera ad modum in litteris apostolicis aliud quo metimur nos, et noster verus amor verus miserere nostri, quod si hoc minime receperunt filii:

.

"Si mundus vos odit scitote, scitote quia me prius. Si de mundo fuissetis, mundus quod suum esse diligunt te; quia non sunt de mundo, sed ego vos elegi de mundo, propterea odit vos ' [Gv 15, 18-19].

.

Et orbis terrarum pro nobis carità e amore vuol dire concedere a due uomini di poter coronare il proprio “somnium” et nuptias cum infantem emere a surrogata, in contrarium, quia caritas et amor facit, ut dignum Filii nostri, qui nobis in caelum, Et ideo defectus qui faciunt vitam illorum innocentium animalium similem deformitatem, fortasse "melius esset ut suspendatur mola asinaria in collo eius:, et demergatur in profundum maris " [Mt 18, 6].

.

Misericordiae est enim orbis terrarum, quod homo habens caritatem et concede defenditur mortem languentibus, vel senior quis est simpliciter fessi viventium, si eam relinquendam. Sed hoc non est abominatio est misericordiae et horribilis, quod sit sicut abortivum, id est occidere innocentes pauper, ultrasound aut amniocentesis post inventa quod impeditur certitudo prolis nasciturae Down syndrome est patiens et non perfect ergo secundum magis magisque signa ab immunda mundi.

.

Cogita de quam multis rebus in mundo agit, et quidem id facere eversi plane iam parcite nomine magno conceptum boni malique Reverser, qui mala in bonum et in malum vertit, ossia Satana. Ne glorietur accinctus aeque: Nova aetate venit ad vitam in scaenam de qua clamorem pro libertate guillotines, aequalitatem fraternitatis, homines tamen pascitur ut, iudicium sine Carnifex, et iudicia quae mimorum vel, accusatus aut zeli et liuoris socialis. et tamen,, libertatem, Est magno Christianae principle, pro eo quod exstat condicio est creatio hominis, cuius creatus est a Deo liberum, et est liberum praediti [Liber, capp. 2-3]. Non ad mentionem aequalitatem fraternitatis, ubi sita est domus naturalis illa explicantur Evangelii communicavit meliora fuerint in regimine exauctoratos Robespierre terrore vocis capite truncaretur fraternitas Christi nomine aequalitatis effundebantque et repleti neopaganos.

.

Etiam mundi Principe, cum in coetu gigantum, longum est appropriata illa verba quae sunt termini fundamental Christiano nuntius, Conversi ad aliam significationem sui auferet eos. Ut etiam amplius, nunc plus umquam, Non enim intelligere quid verum est, quod primum omnium misericordiae, cum non exhibeant «misericordes, sicut et Pater vester misericors est, qui in caelis est ", non huius saeculi filii Principe.

.

De Insula Patmos,, 24 Februarius 2019

.

.

.

.
.

.
«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

12 cogitationes on "«Misericordes,, sicut et Pater vester misericors est, qui in caelis est ", non quod placitum est in mundum, sed in Deo,

  1. A mio avviso ilnon giudicateha anche una sfumatura diversa. Nel linguaggio biblico/evangelicogiudizioè spesso sinonimo dicondanna definitiva”: giudicare una persona (più che un atto) equivale a condannare definitivamente una persona, esercizio che spetta in ultima istanza a Dio. Un retto intendimento della Parola vorrebbe che si fosse solleciti nel condannare il male e l’azione cattiva, ma non la persona nel senso sopramenzionato: ecco l’esercizio della giustizia e insieme della misericordia. Gli ipocriti sono svelti nel fare il contrario. E d’altra parte vediamo spesso come gliamici dell’umanità”, incarnazione anti-cristica dei misericordiosi, si distinguano nella demonizzazione settaria, magari attraverso parole melliflue, rivolte a se stessi (“noi siamo i buoni e gli intelligenti”), prima di passare alla liquidazione di massa degli “aliud”, con tanti saluti alla retorica dell’Altro con la “a” capitis.

    1. Fabio carissimi,

      a me non risulta che dopo l’ultimo concilio la Chiesa abbia rinunciato a condannare l’errore, ad finem, semmai ha cominciato a condannarlo in altro modo. in facto,, da dopo il Concilio Vaticano II a seguire, non sono affatto mancate:

      1. condanne di teologi per derive eterodosse;
      2. condanne di libri di teologi e di ecclesiastici contenti errori dottrinari o palesi eresie;
      3. condanne di membri del clero secolare e regolare per le ragioni sopra espresse e revoca agli stessi della licenza per l’insegnamento di materie filosofiche, storiche e teologiche presso le università ecclesiastiche;
      4. scomuniche comminate a vescovi e sacerdoti;
      5. dimissione dallo stato clericale di vescovi e sacerdoti;
      6. dimissionifatto questo recentedallo stato clericale persino di un membro del Collegio Cardinalizio;
      7. ammonimenti a non finire da parte della Congregazione per la dottrina della fede.

      etc. …

      Ma chi gliel’ha detto che la Chiesa del Concilio Vaticano IIche poi è sempre la stessa, medesima e identica Chiesa Cattolica di sempreha cessato di condannare gli errori?

      Le offro un puro, semplice e verificabile dato di fatto storico: da dopo la chiusura dell’ultimo concilio avvenuta L’8 dicembre 1965 ad date, nel corso dei cinquantaquattro anni che sono seguiti la Chiesa ha scomunicato più vescovi e preti di quanti mai ne abbia scomunicati da dopo il 20 September 1870, ossia dopo l’unità d’Italia, sino all’11 ottobre 1962, data della prima sessione di apertura del concilio.

      ita: in soli cinquantaquattro anni sono state comminate più scomuniche e dimissioni dallo stato clericale di quanta invece non ne sono state comminate nei novantadue anni che da dopo l’unità d’Italia a seguire hanno preceduta l’apertura del concilio.

      Provi a farsi questa domanda, procedendo poi semmai con la verifica storica: i Sommi Pontefici Leone XIII, San Pio X, Benedetto XV, Pius XI et Pius XII, quanti vescovi le risulta che abbiano mai scomunicato o dimesso dallo stato clericale?

      Bene, tenga conto che solo il Santo Pontefice Giovanni Paolo II ed il suo successore Benedetto XVI ne hanno scomunicati, ed alcuni dimessi dallo stato clericale, più di quanti non ne siano mai stati invece scomunicati e dimessi dallo stato clericale a partire da Leone XIII a seguire, quia, per tutti i pontefici che hanno preceduto il Concilio Vaticano II, la scomunica di un vescovo, o peggio la sua dimissione dallo stato clericale, era cosa di per sé possibile, ma comunque difficile anche e solo da pensare.

      Dia retta, non presti ascolto ai blogghettari improvvisati storici della Chiesa sulla rete telematica, perché dicono tante fesserie, come ad esempio che da dopo il Concilio Vaticano II la Chiesa non condanna più.

  2. Uno degli articoli più chiari e fluidi che abbia letto in tema di misericordia.
    E’ un tema di un interesse fondamentale per chi si professa cristiano oggi. Volendo trovare un luogo per descrivere quanto da lei espresso, penso a Parigi, la capitale della Francia. Quando vivevo a Parigi leggevo la triade libertatem, fraternitas, aequalitatem sul cornicione di ogni scuola, sopra ogni monumento pubblico e mi venivano i brividi quando passavo da Place de la ConcordE. Più che sentire il profumo della libertà sentivo il sangue scorrere sul pavimento (le cronache parlano di fiumi…). Agghiacciante quella città che ha distrutto gran parte il nostro passato dopo aver trasformato le chiese in stalle per imporre la modernità che dura ancora. Però il francese medio parla quotidianamente di pace, misericordiae, dimittetur illi. Sono tutti candidi come neve quando parlano di eutanasia, di accoglienza e di valori traditi. Lì ho capito che prima di comportaci da cattolici dobbiamo pensare da cattolici secondo la nostra mentalità la quale tutti gli Browse degli ultimi secoli hanno cambiato.
    Dobbiamo diventare cattolici nella testa per capire la vera misericordia specialmente quando diventa autoassolutoria.

  3. Dio è Misericordia, ossia eterna ed incondizionata fedeltà alPattoanche se l’uomo lo tradisce infrangendolo.
    Di norma, quando un patto è unilateralmente infranto, l’altra parte non vi è più obbligata;
    Dio invece non si comporta così con l’uomo: ogni volta che l’uomo, anche solo col cuore sincero, si ripropone il ritorno al rispetto del Patto, Dio dimentica il tradimento e corre ad abbracciare il figlio mai ripudiato che ritorna a casa.

      1. E’ ben vero cheil vestito più bello… l’anello al dito e i calzari ai piedifurono posti al figlio al suo rientro nella casa e dopo un probabile quanto salutare bagno,
        però è altrettanto vero che, in modo analogo a colui cheguarda una donna per desiderarla, Et jam mœchatus est eam in corde suo”,
        ita’ anche il figlio checol cuore sincero, si ripropone il ritornoalla casa del Padrerientrò in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: patrem, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni.”, ha già iniziato il suo ritorno a casa ed infattiPartì e si incamminò verso suo padre”.
        Quel Padre però non aspetta che il figlio varchi la soglia di casa per abbracciarlo, sed “Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.

  4. patrem,allora quando il Papa dice:” chi sono io per giudicare un gay” Non est misericordia,? “Quis sum ego ut iudicare?”
    Ma la Chiesa sa bene cosa è giusto e cosa è sbagliato.. Perché Gesù e San Paolo condannano i sodomiti.

    1. Cara Silviae,

      a suo tempo scrissi un articolo che dovrei ricercare tra le varie centinaia dell’archivio de In insula, quæ appellatur Patmos,, faccio prima a riassumerle in breve la sostanza.

      partiamo dalla serena ammissione di quelli che sono alcuni difetti caratteriali del Pontefice regnante:

      1. non è un poliglotta come il suo predecessore San Giovanni Paolo II, non ha il preciso linguaggio teologico del suo predecessore Benedetto XVI, ma soprattutto non ha una perfetta padronanza della lingua italiana; et hoc est quod, inutile che certi interessati laudatores lo neghino. A questo aggiungiamo che:

      2. si ostina a lanciarsi in discorsi a braccio senza essere supportato e soprattutto protetto dalla sicurezza di un discorso scritto e doverosamente preparato ;

      3. tende ad avere una ambiguità nel linguaggio, derivante non tanto da lui, quanto da un discorso socio-culturale, in facto,, certe popolazioni latinoamericane, In qua quidem peculiari modo,, per esempio messicani e argentini, tendono a esprimersi per sottintesi ed espressioni a doppio senso, evitando quasi sempre forme chiare e dirette.

      A duobus abhinc annis, parlando con un famoso vaticanista, il quale mi disse che era colpito dal fatto che rivolgessi certe critiche al Santo Padre, et ait: se io non metto in luce, con tutto il rispetto del caso, quelli che sono i suoi difetti oggettivi e non passibili di facile smentita, poi non posso essere credibile quando dinanzi al Popolo di Dio difendo invece il suo alto ufficio apostolico, il suo magistero e la sua sacra persona in quanto legittimo Successore del Beato Apostolo Pietro.

      in facto,, tutte le volte che ho richiamato i fedeli alla devozione ed all’obbedienza dovuta al Romano Pontefice, mi hanno sempre ascoltato, sive meliorem intellexerunt … “se lo dice lui che è così imparziale e che all’occorrenza mette in luce i suoi difetti, vuol dire che è vero”.

      La frase in questione da lei richiamata fu infelice perché non espressa a dovere e con padronanza linguistica. Il Santo Padre cercò di dire una cosa del tutto ovvia da un punto di vista dottrinale, quod: “… chi sono io per giudicare la profonda coscienza di un uomo che Dio solo può leggere, quindi giudicare?” in brevi: una vera e propria ovvietà dottrinale, perché nessuno di noi può conoscere e meno che mai giudicare la coscienza altrui; cosa questa che la Chiesa insegna da sempre, da secoli e secoli.

      Un concetto del tutto ovvio espresso però male dal Sommo Pontefice, che dette così adito a interpretazioni di vario genere, con i risultati che poi abbiamo visto e letto sui giornali, senza che nessuna fonte di informazione della Santa Sede chiarisse quello che poc’anzi ho chiarito io.

      La sodomia rimane tutt’oggi annoverata tra i peccati più turpi che “clamoris” – per usare l’espressione biblica – “vendetta al cospetto di Dio”.
      Diverso il discorso se parliamo invece dei singoli peccatori che indugiano a questo singolo peccato, quorum aliqua, come i pubblicani e le prostitute del Santo Vangelo, potrebbero precederci nel regno dei cieli [Cf.. Mt 21, 28-32]. Se va alla pagina 19 di questo mio ultimo scritto

      http://isoladipatmos.com/wp-content/uploads/2019/03/27.03.2019-Ariel-S.-Levi-di-Gualdo-L-ERESIA-SI-FECE-CARNE-E-VENNE-AD-ABITARE-IN-MEZZO-A-NOI.pdf

      troverà un esempio molto chiaro a tal proposito, attraverso l’immagine di un sofferente omosessuale che a mio parere di confessore e di direttore spirituale era un autentico Angelo di Dio.

      Non sono invece Angeli di Dio coloro che con un odio a volte davvero satanico verso l’armonia dell’universo creato, rivendicano come bene e come diritti assoluti delle autentiche aberrazioni: dal matrimonio tra coppie dello stesso sesso, dall’adozione dei bambini a queste stesse coppie, per giungere appresso al genus coatto imposto nelle scuole dalla potente e luciferina lobby LGBT. Dubito che costoro, dopo avere odiato di fatto Dio ed il suo creato con spirito malvagio e distruttivo, possano essere uniti alle prostitute ed ai pubblicani che ci precederanno nel regno dei cieli, temo sia molto più facile finiscanose non si pentono in modo autentico e sinceronel fuoco della Geenna.

      1. Gentilissimo Padre,
        la ringrazio molto per avermi dedicato una così esauriente ed interessante risposta. Effettivamente il nostro Pontefice ebbe unauscita al quanto infelice”. vero,solo Dio può giudicare un uomo, perché solo Lui conosce l’animo umano e quindi :” chi sono io per giudicare un gay” . Bastava solo che il Pontefice aggiungesse che la sodomia è comunque sempre condannata dalla Chiesa. Non aggiungo altro perché Lei ha espresso perfettamente ciò che volevo evidenziare

  5. Padre ho letto a pag.19. Quindi anche chi soffre per una sua dipendenza dalla quale edifficile liberarsene, e lotta contro di essa, consapevole che è moralmente sbagliata ha possibilità di salvarsi?

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.