Si omnes sacerdotes quoslibet inter crimina abortus, Summus Pontifex oppugnare omnes sacerdotes absolvere a peccatis

Si sacerdotum patrare crimina abortus, Omnes sacerdotes possunt peti peccatum compleret PAPAM

.

Aufer Subsidium Abortus actus peccati et teneritudinem nimiam multitudinem miserationum tuarum, omnis potentia manifestatur per absolutionem sacerdotis qui hodie magis manifestae exercitatior sacri ministerii exercitatione confessorum, etiam spiritualiter,, modo cum illis indigeat Jeans Denique et manicatas tunicas deambulantis in se Romanus pænitentibus cum basilicas inferius, in risu et in confessione inter se sermonis, vel in respondendo ad telephonum mobile confessio …

.

.

S optimo Monsignor Arihel. Levi Tadinensis Laodiciae episcopus Combusta

.

.

PDF Print Article

.

.

columbae, spiritus sancti, I-
… in re autem a cartoon ?

Pastoralis Epistula Experientiae mysticae nascitur a me dilecti Ecclesiae particularis in excelsis. Sed cum lapidibus regionum Dumque inter veteres ruinas antiquas augmentum in sinum Ecclesiae Cathedralis Anatolia, Spiritus sanctus in specie columbae apparuit quia tulit in vorsari pistacchieto. Curramus ergo columba praesit germen terebinthi, post interitum; et non manserit in herba incendio. Tempore quo tristis incognita spontanea combustione, etiam pistachios sunt pretiosa quod in Anatolia, multo magis quam dicunt Brontë. Sed id quod est planta percusserunt pistacchieto conbusit, non estis consumpti. Ut memoriam imaginem me aliquid, Eo autem tempore, quid non. Recordatus sum in auditorio annos Atrium gentium Cardinalis Gianfranco Ravasi, et artifices parietum, qui loquitur, solem 24 aes [Cf.. qUI], sed nescio quo titulo exigere, et sic dure sonuit: "Rudolf Bultmann, et proverbiis biblici". In eo, quod si esset in memoria mea, subito excitatus, ego blurted: Signa ! [Signa, quod: I found!]. Et dixit ad me:: "Scilicet, Allegoria est Moysi in rubo patriarcha!» [Cf.. est 3,1-15]. In eo, et ignis consumet non terebinthi, est planta,, imago tamen videbatur tranquillitas toto, aura non sine motu et, vocem Spiritus Sancti ferire me maledicti:

- "... Mihi paulo: sicut ego vidi et interpretationem?».

Collapsus sum pronus in terram et ait:

- «Nullum, Deus meus et omnia mea, principium, medium et finis omnium in caelo et in terra. Tu dicis an non. Omni via mea a theologis, pro modern exegesis tempus E New testamentarie, fortasse numquam ohtnrata Walteri, Forte Bruno, Nunzio Galantino et Enzo Bianchi, Albertus Melloni …?».

Spiritus Domini adhuc interrogare:

- "Ubi audis,, de quibus ita allegorias?».

Dico facies:

- "Romae, Dominus. Hi omnes parabolas loquitur Pontificias Studiorum Universitates. Allegoria decursu Veteris Testamenti, sed etiam Novi Testamenti,: Filius consubstantialis Patri miracula a quo procedunt, Quae sunt per allegoriam dicta et explicata sunt;; in Eucharistia Corpus Christi, Allegoria, vel ut melius dicam, transfinalizzazione, a transignificazione, maxima ingenio natus reformatores historiae, Martin Luther, loquitur consustanziazione, Pontificium Athenaeum S. Anselmi de docent Liturgical Press [Cf.. qUI]».

Et non est silentium,. Et amplius non audebant replicate, Respondeo dicendum quod si Spiritus Domini t'interroga, Ne hoc quidem homo divinae personae Spiritus Sancti, orationibus, Qui cum Patre et Filio adoramus et glorificamus, sed non interrogare, absit, Gratis Micha renovata est Spiritu Sancto et Pentecost! Cumque adhuc esset in silentio, Spiritus Sanctus locutus est:

- "Ego disceptantibus salva proficisci Romam ad Civitatis Vaticanae. Nuper etiam sum cum caeteris duabus personis Sanctissimae Trinitatis. Dicebatur quod merentur videre et visitare frescoes Aedicula Sixtina, Dicunt enim quod esset pulchra nimis. nuper,, Pater dedit,, Speculatum se iturum dixit ad locum; Dei Filius,, genitum non factum consubstantialem Patri, Alio se iturum dixit ad salutandum Festum in terra. In eo, Qui ex Patre Filioque procedit, Libenter dixi me Romam iturum ad Civitatis Vaticanae, quod non est datum. Si enim sunt "allegorice 'inquiunt, Fortasse iustus esset conveniens visitare my, si me cum meis corporis custodes ventus, Sodomorum et Gomorrae multiplicatus angeli exterminatoris, Videamus itaque ei, ut allegoriae sunt,, Ante omnia, sicut iam in te uno ac vero Deo miserante molasses !».

Spiritus Domini interrogo:

- "Quid, Cum se in oratione et meditatione? Quae sunt legis, in hoc laptop screen? Cogitare et facere ictum in die qua complevit Moyses in duabus tabulis lapideis. Ascendit in montem Sinai cum satis fuisset hodie iPad, si qua esset imposita esset regem, dubios et rubo Vos Tube alveo ".

responsum:

- "Apostolicae litteras legi divinae vicarius Filii Terrae, Verbum incarnatum,, Christus …

Replica de Spiritu Sancto,:

- "Ego intelligo. Olim, cum de more nostro, briefing inter Patrem, Et Filii, et Spiritus Sancti:, Filius plures curam de his locutionum Vicarium: "Primum tempus,, In terra bona et Vicarii misercordioso me, Laudatur ab his qui oderunt me inimicus sempiternus et ecclesie continuis, ut patet per signis passionis in corpore glorioso in eodem signátum. Quia si etiam ego hodie incarnassi, modo deteriores faciat, et ita esset finis superioris ". Audiens verba Filii, Glória Patri, et intulit ad quaestionem: “Forsitan ad consummationem saeculi, Russia alla?” Et dixit ad me Pater: "tua, Spiritus Sanctus, quia angeli Sodomam et Gomorram et facti sunt amici exterminans, statuae salis Ecclesia serere possumus expectare Filium meum, et recte velle,. Filius rursus sermonem dicens: "Et non est in tempore, quod est maximum, non est tamen ". Et convertit me ad Patrem, et dictum: "tamen,, in tempore, Et sic patet quod dixi ... “cum sederit Filius hominis veniet, putas, inveniet fidem in terra?” [Cf.. Lc 18, 1-8]».

Et convertit me ad quaestionem:

- "Putasne ista quaestio tunc per Verbum incarnatum, Filius consubstantialis Patri,, Allegoria sumpta est etiam, vel ut a poetica licentia,? autem, tu dicis te antea intendit ultimam lectionem et meditationem Ap ... ".

- "Et, Quoniam cogitatio meditabar Epistulam scribens vicissim pastorali sacerdotum atque fidelium animae per ruinas antiquas erigent Laodicensis Ecclesiae particularis Combusta. Sai, Ego sum Episcopus,, sed Episcopus titularis, meum est tantum dioecesis, in archaeological Maps. Saepe enim redeo ad omnes animas sacerdotum Christi fideles, quia unus dies sunt, hoc iam non esse in Ecclesia, qui sunt Laodiciæ Combusta ".

Spiritus Domini obviam:

- "Ex hoc opus non solliciti, Episcopi, qui multis etiam in magna dioecesi,, tum quoque iam convertit ad manes, qui de Germanorum, Belgium, Holland … Sed fieri potest ut mortui audient, quia illi mortui sunt,, Dico, corpora mortuorum; qui cum multis aliis Episcopis, Qui vivis et mortuis,, et mortuus est in sensu accipit qui accipit gratiam Dispono, hic, ut qui vere mortuum. An apostolus Petrus, sicut iam dictum est mihi, Romae fama narravit, cum in paradiso, ubi prius didicit, crucifixum cum moraretur in diversis vocibus linguae: “Episcopus, in fonno, est’ semper pretium mortacci eius !». Ah, qui cum Simone laboribus habui, Petrus autem a Verbo incarnato, Divinum Filius,. Forte Christus vocavit Petrum piscatorem Galilaeus quia durum erat quasi lapis. Vix ego recipiam capillo, dum currunt ad urbem dato tempore persecutionum. Sai, Fabulam Quo vadis Domine, Allegoria est omnino, factum est propter ipsum. in brevi, martyrii gloriam et gratiam, Petri in disco argenteo iustus offerre tribus. Sed dicendum est, quod ipse, ad lignum,, et posuit eum, devote et humiliter ut erat,, postulantes ut crucifigeretur: et adfliget, Nonne digni sunt sensus hominis ad Dei Verbum.

- "Spiritus Domini,, audeo, ut dum Abraham 'paciscor' cum Deo Patre [Cf.. Gn 18, 1-33], deinde cum ... ".

- "Et vis antea non legistis, quod in corde tuo? cogitare, Sicut et Petro, tu statim visum est Paulus, vero? Sed dic mihi loqui ... ".

- "Hic, Cum beatis Apostolis tuis arbitror duo, Postquam Romam in sinu eorum, Vide in paradiso Hodie Christus ... ".

- "Filius,, Ecclesia Christi non custodiendo, potest esse certus vos, Sed quantum ad hoc quod utrumque complectitur, ut antequam ad martyrium Romae, Hoc est, quod est proverbium tui! cogitare, queri se reperire sub beati Petri et confusa idea, duo milia annorum a vobis deduci ad tempus. Vel maybe vos putatis in Antiochiam, quando il Beato Paolo lo rimproverò in toni aspri e duri [Cf.. Gal 2, 1-11] il Beato Pietro la prese bene? Altro che abbraccio, si impermalì come una scimmia alla quale è strappata di mano una banana! E in fondo, qual era il problema di Pietro? Il suo problema era il dire e il non dire, il cercare di stare con un piede su una staffa e uno in un’altra, ondivago e ambiguo. Ti ricorda per caso qualcuno? In ogni caso sappi una cosa: il Beato Paolo fu solamente la bocca offerta in prestito, perché il lavoro, in Antiochiam, fu tutta quanta opera mia. Fui io che per la bocca del Beato Paolo misi il Beato Pietro con le spalle al muro».

– «Spirito Santo del Signore, con l’umiltà di Abramo, vorrei ancora osare … anche se tu hai già letto cosa ho nel mio animo …»

- "Certe, Et aperiam os tuum,, creat,, loquitur ... "

- "Ego admiratio fuit,: hodie fieri potest non loqui beato Paulo apostolo? ».

- "Et puto non acceperit? Factum etiam nuper, ego magis, quia si quis per os conversum ad sanctum Petrum apostolum Antiochiam, hodie, ad Petrum,, Quatuor in os Apostoli reditum lobortis [Cf.. ego dubia quattuor Cardinalibus, qUI]. Vos scitis quod factum est, An putas quod forte, in paradisum, turba nos cotidie legiones angelorum coetus? Simpliciter dixit quod factum est: Petrus etiam si non respondere dignatus est,. Et non mens, sed quantum ad pastoralem Epistulam - natus Judaeus mortuus esset beatus Petrus Romanus -, a illos tuos mortacci ... Si vis tibi ego haec duo capita epistulae tuae inspirationes …».

In eo, spiritus Domini,, Et spiritum meum Epistola Pastoralis …

.

.

Venerabiles presbiteri et dilectis filiis et filiabus Laodicensis Ecclesiae Combusta: Pax vobis omnibus et gratia Domini nostri Iesu Christi.

.

Columba, Spiritus Sancti-II
Laodiciae episcopus susceperit gratiam Spiritus Sancti ad scribendum Combusta Epistola Pastoralis

Per hoc Epistola Pastoralis Volo ostendere regisque a domino nostro Iesu Christo sanctissimo Papa Franciscus LITTERAE APOSTOLICAE, quod peccatum pudenda abortus in memoriam revocat, Omne quod dat facultatem sacerdotibus et a me nuper certamen, Episcopus tua; Paenitentiarius Maior mihi delegatae Diocesis nostrae, et senioribus sacerdotum, altum sacerdotalis pietatis exemplum, dimitte reservatur Episcopo ad hoc peccatum,. Scribit Romano Pontifice per Apostolicas Litteras:

.

[12] Sub hoc exigentia, et non stabunt, quia obstaculum inter Deum et reconciliationis, petitionem remissionis, hoc tribuat, ut omnes sacerdotes,, per eorum ministerium, qui potestatem absolvendi crimina abortus procuratus. Ut spatium data Iubilaei tempore usque nunc, Non obstante quibusvis contrariis. Innovamus autem totis viribus meis velim abortum grave peccatum, quia ad finem innocens. Cum pari robore, autem, Et possum dicere, quod Deus non est misericordia, et non potero delere compunctus corde quaerit invenit cum Patre reconciliari. omnis sacerdos,, igitur, facie Guide, Adjumento et Solatio, in sequentibus in hoc peculiari poenitentibus reconciliationis [Cf.. qUI].

.

Sicut etiam intelligitur,, conatus est Subsidium sin autem de abortu Sed actus et teneritudinem nimiam multitudinem miserationum tuarum, potentia manifestatur per absolutionem omnibus sacerdotibus qui plus quam satis sciret praeparentur ad ibidem sacrum ministerium peracturi confessorum, etiam spiritualiter,, modo cum illis indigeat Jeans Denique et manicatas tunicas deambulantis in se Romanus pænitentibus cum basilicas inferius, in risu et in confessione inter se sermonis, vel in respondendo ad telephonum mobile confessio …

.

Bene, Laodiciae ecclesiae venerabiles presbiteri Combusta, «Per ministerium vestrum," Ego dispono vobis placuit non solum ad faciendum peccatum procurato abortu, sed etiam canonico cautum scelus 1370 – §1,, qui legit,:

.

Qui vim physicam in Romanum Pontificem, excommunicationem latae sententiae reservatur Sedi Apostolicae Sedis, quod, si sit clericus,, Pro delicti gravitate addi potest secundum, alterius poenae,, non exclusa dimissione e statu clericali.

.

Habebit potestatem Sedi Apostolicae reservatur absolvere a peccato solverentur, proportiones ex significatione sensu posita. in facto,, reservato ad absolutionem a peccato, haud sine misericordia et miserationibus, primo quidem pertinet quod declarare specificare, in Subsidium, la estrema gravità di quel particolare peccato; e questa si chiama sana pedagogia pastorale, da non confondere mai col legalismo, meno che mai con la mancanza di misericordia. Se infatti il peccato è una malattia e il sacerdote è il medico preposto alla cura, sempre a rigore logico domando: sumptus, scoprendo di essere affetto da un tumore, anziché affidarsi alle cure di uno specialista in oncologia, si rivolgerebbe al medico generico del paese? Riservarsi un peccato e rimettere l’assoluzione di tale peccato al Vescovo, od in alcuni altri casi alla Sede Apostolica, vuol semplicemente dire che il medico generico, appurando la presenza di un tumore, indirizza subito il paziente presso un bravo specialista in oncologia.

.

Rivolgersi alle competenze cliniche dello specialista oncologo, implica anche ricordare e riconoscere la particolare gravità della malattia, del peccato commesso, a tal punto grave da richiedere adeguate cure specialistiche, che sarebbe la assoluzione dello stesso da parte di un particolare confessore. Questo è sempre stato il senso, tutto quanto pedagogico pastorale, non certo meramente o freddamente giuridico e legalista, del criterio della Subsidium di quei peccati riservati al Vescovo, come di altri riservati invece alla Sede Apostolica.

.

La concessione data ai miei Presbiteri di assolvere dal delitto riservato alla Sede Apostolica previsto dal canone 1370 – §1,, si basa sul genus di quella aequitas che precede lo stesso jus graeco-romanum e che risale allantico jus gentium ; et in aequitas regge in sé e di per sé anche il senso delle proporzioni. Fiat mihi explicate: attentare alla sacra persona del Romano Pontefice, può essere possibile, ma si tratta di un intento non facile da realizzare, godendo infatti Sua Santità di una rete di protezione sia interna allo Stato del Vaticano, sia soprattutto esterna, ad esempio quando si sposta in altri territori nazionali. L’attentato a San Giovanni Paolo II in Piazza San Pietro, ed ancora prima quello al Beato Paolo VI a Manila, ci dimostrano che realizzare questo delitto può essere possibile, ma proprio in virtù di questi due recenti episodi la sacra persona del Romano Pontefice oggi è particolarmente vigilata e protetta.

.

Il feto abortito, come invece ben sappiamo, non gode affatto di certi meccanismi di protezione e di tutela, ed abortirlo tutto sommato è cosa estremamente facile. A questo va aggiunto che il feto non è protetto dalla Gendarmeria Vaticana, dai servizi di sicurezza, dalle varie forze di polizia durante i suoi spostamenti, ma soprattutto e anzitutto non è protetto dalla sua stessa madre che decide di sopprimere una vita umana innocente, spesso da ella giudicata come un bene disponibile e quindi sopprimibile. Il tutto grazie proprio a quell’aborto che la Signora Emma Bonino — già più volte ospite illustre del Sommo Pontefice Francesco che ebbe di recente anche a definirla «una grande italiana» [Cf.. qUI, qUI] — seguita a chiamare con orgoglio «grande conquista sociale».

..

Se pertanto voi tutti, Presbiteri, da oggi potete assolvere senza riserva l’abominevole peccato della soppressione di una vita umana innocente priva di qualsiasi difesa, per aequitas e comune senso delle proporzioni, io vostro Vescovo vi concedo facoltà di assolvere dal delitto previsto dal canone 1370 – §1 riservato tutt’oggi alla Sede Apostolica, qualora chicchessia attentasse alla sacra persona di uno degli uomini più difesi, protetti e controllati del mondo.

.

A questa concessione, segue per altrettanto spirito di aequitas, basato anch’esso sul senso delle proporzioni, la inevitabile riforma del sacro rito della consacrazione dei Presbiteri e di conseguenza quello della Santa Messa Crismale. Durante il rito della sacra ordinazione il Presbitero promette infatti obbedienza al Vescovo ed a tutti i suoi successori, in spirito di libera e filiale devozione, mentre durante la Santa Messa del Crisma i Presbiteri rinnovano le loro sacre promesse sacerdotali dinanzi al Vescovo.

.

Nella sua Lettera Apostolica, Romanus Pontifex, rivolgendosi con paterna misericordia e tenerezza ai membri della Fraternità di San Pio X, afferma con premuroso cuore di pastore :

.

[12 – §1,] Nell’Anno del Giubileo avevo concesso ai fedeli che per diversi motivi frequentano le chiese officiate dai sacerdoti della Fraternità San Pio X di ricevere validamente e lecitamente l’assoluzione sacramentale dei loro peccati. Per il bene pastorale di questi fedeli, e confidando nella buona volontà dei loro sacerdoti perché si possa recuperare, ope Dei, la piena comunione nella Chiesa Cattolica, stabilisco per mia propria decisione di estendere questa facoltà oltre il periodo giubilare, fino a nuove disposizioni in proposito, perché a nessuno venga mai a mancare il segno sacramentale della riconciliazione attraverso il perdono della Chiesa [Cf.. qUI]

Vi comunico pertanto, Venerabili Presbiteri della Chiesa di Laodicea Combusta, che l’obbedienza al Sommo Pontefice ed ai Vescovi in Comunione con lui e con la Chiesa, da oggi è da ritenersi abrogata «affinché a nessuno venga mai a mancare il segno sacramentale della riconciliazione attraverso il perdono della Chiesa». in facto,, se a questa Fraternità Sacerdotale che nega l’autorità dell’ultimo Concilio Ecumenico ritenendolo infarcito di eresie moderniste, che giudica i suoi documenti in palese contraddizione con la Traditio Catholica ed il magistero perenne della Chiesa, ciò malgrado sono date dal Romano Pontefice di simili concessioni, per aequitas ― ma qui è il caso di dire anche per umana e cristiana coerenza ―, a qualsiasi Presbitero deve essere parimenti concessa e riconosciuta la piena facoltà di disobbedire al proprio Vescovo, ed altresì essergli soprattutto riconosciuta la facoltà di rigettare il Magistero del Sommo Pontefice. Per questo vi dico che da oggi, ciascuno, può ritenersi libero di non riconoscere, dell’Autorità e del Magistero della Chiesa, ciò che a proprio parere ed a suo libero piacimento riterrà opportuno non riconoscere, ed il tutto «per il bene pastorale di questi fedeli, e confidando nella buona volontà dei loro sacerdoti perché si possa recuperare, ope Dei, la piena comunione nella Chiesa Cattolica».

.

Con questa sua disposizione, la Santità di Nostro Signore Gesù Cristo, Sancti Patris Francisci, ci ha detto tra le righe, sulle righe e oltre le righe che agli scismatici eretici è data facoltà di amministrare lecitamente i Sacramenti, affinché «si possa recuperare, ope Dei, la piena comunione nella Chiesa Cattolica». Sappiate pertanto, Venerabili Presbìteri, che tutti noi, fino a poco tempo fa, sbagliando in modo grossolano abbiamo creduto che amministrare lecitamente i Sacramenti dipendesse proprio dalla sussistente e piena comunione con la Chiesa Cattolica, non dalla speranza che un giorno, maybe, questa comunione potesse essere recuperata. igitur, da oggi, la celebrazione e la amministrazione dei Sacramenti è da ritenersi non più vincolata alla comunione con la Chiesa, ma solo basata sulla speranza quod in die una, dopo avere celebrato e amministrato i Sacramenti a proprio piacimento, si finisca col riconoscere, maybe, l’autorità della Chiesa in materia di dottrina e di fede, ed in particolare l’autorità di un intero Concilio Ecumenico ostinatamente rifiutata da coloro ai quali, Romanus Pontifex, ha ritenuto giusto concedere di sua autorità la lecita amministrazione dei Sacramenti.

.

Mi rallegro, autem, Venerabili Presbiteri, Figli e Figlie dilettissime della Chiesa di Laodicea Combusta, che tutti voi siate ormai da molti secoli anime defunte di spiriti beati, et ego, seduto su un sasso dinanzi alle poche rovine che restano della mia Chiesa cattedrale, vi ho indirizzato questa Lettera Pastorale, dopo avere visto una pianta di pistacchio bruciare ma non consumare; dopo avere parlato con lo Spirito Santo di Dio dal quale ho appreso, inter alia,, il suo desiderio di vedere la Città del Vaticano, che sino ad oggi non ha avuto ancora modo di visitare, ma soprattutto di poter ammirare gli affreschi della Cappella Sistina, nella quale egli dice di non essere mai entrato.

.

Benedico le vostre anime, Presbiteri amatissimi, Figli e Figlie dilettissime della Chiesa di Laodicea Combusta, assicurandovi il perenne ricordo nelle mie Sante Messe di suffragio per voi.

.

+Ariel Stefano

Laodiciae episcopus Combusta

.

.

 

laodicea-combusta
uno scorcio di Laodicea Combusta, provincia di Pisidia, nell’Anatolia centrale, territorio nazionale della attuale Turchia.

.

CURSORIUM

.

Diversi lettori dellInsula, quæ appellatur Patmos ci hanno chiesto lumi sulla lettera di fuoco scritta da S.E. Mons. Fragkiskos Papamanolis, Ofm. capp, Vescovo emerito di Syros, Santorini e Creta, Presidente della Conferenza episcopale di Grecia [Cf.. qUI], ed indirizzata contro i quattro Cardinali che hanno espresso dei dubia, secondo quanto concesso dagli ordinamenti ecclesiali e dalla tradizione apostolica stessa della Chiesa [Cf.. Gal 2, 1-11]; si tratta delle Loro Eminenze Rev.me Et Walterus Brandmüller, Raymond Leo Burke, Carlo Caffara, Joachim Meisner [Cf.. qUI]. Già da come il Presule greco si esprime, si capisce che egli ha la rigida arroganza di un vescovo ortodosso della Georgia, ed al tempo stesso l’ignoranza di un pope che ha studiato un podi teologia a bastonate nelle campagne feudali della Russia zarista. Per tutta risposta vi invitiamo quindi a commiserarlo, ma al tempo stesso a riflettere su quanto oggi possiamo versare in una grave e irreversibile crisi, se a soggetti di questo genere, non contenti di averli fatti vescovi, si affida persino la presidenza di un’intera Conferenza Episcopale. Se infatti il suo argomentare fanta-dottrinale E fanta-ecclesiale non fosse tragico, sarebbe davvero degno di un comico.

.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

11 cogitationes on "Si omnes sacerdotes quoslibet inter crimina abortus, Summus Pontifex oppugnare omnes sacerdotes absolvere a peccatis

  1. Miserere nobis, Domine.
    Mentre crescono le richieste di chiarimento sui “Dubia” secondo alcuni, ieri il Papa avrebbe in qualche modo risposto
    La riflessione sulle opere di misericordia spirituale riguarda oggi due azioni fortemente legate tra loro: consigliare i dubbiosi e insegnare agli ignoranti, cioè a coloro che non sanno.
    Penso che qualcuno potrebbe chiedermi: “Padre, ma io ho tanti dubbi sulla fede, cosa devo fare? Lei non ha mai dei dubbi?". Ne ho tanti … Certo che in alcuni momenti a tutti vengono i dubbi! I dubbi che toccano la fede, in senso positivo, sono un segno che vogliamo conoscere meglio e più a fondo Dio, Iesu, e il mistero del suo amore verso di noi. “Ma, io ho questo dubbio: cerco, studio, vedo o chiedo consiglio su come fare”. Questi sono dubbi che fanno crescere!
    I dubbi, autem, vanno anche superati. È necessario per questo ascoltare la Parola di Dio, e comprendere quanto ci insegna. .. un’altra strada ugualmente importante, quella di vivere il più possibile la fede. ”
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2016/documents/papa-francesco_20161123_udienza-generale.html

  2. a te, pater Arihel, per questo tuo intervento caritatevole, a “gratias ago” purtroppo non scontato, in questi tempi duri di misericordia equivocata a ogni piè sospinto.

  3. altro che dubia!
    Il fantasioso vescovo di Laodicea Combusta, c’è andato giù di pesante, un pesante così basato sul dato di fatto reale, che mi domando: chi e come potranno rispondere?
    Perché il quesito è di una chiarezza disarmante, per quanto riguarda l’aborto da affidare come cura a un medico specialista, e per quanto riguarda l’obbedienza legata al fatto che, se ai lefebvriani è concessa facoltà di disubbidire, tale facoltà, deve considerarsi estesa a tutti i preti?

  4. A proposito dei dubia autem 4 cardinali che probabilmente sono anche i dubia autem 40.000 sacerdotes,, io mi onoro di avere avuto per anni come vescovo il card. Carlo Caffara, che è stato prima vescovo di Ferrara poi di Bologna, e di essere stato ordinato sacerdote da lui.
    E con questo ho detto tutto quello che dovevo dire.

  5. Grazie p. Ariel per le parole chiare seppure, come spesso, ironiche.
    L’ironia è segno di intelligenza, l’ascolto è segno di saggezza.
    Preghiamo lo Spirito che il nostro S. Padre sia discepolo di saggezza ed umiltà come insegna il Vangelo.
    In fraternità di Cristo.

    1. Bellissimo articolo, surreale come sono surreali le azioni di questa gerarchia ultraprogressista: se a sacerdoti illeciti, haeretici, sospesi a divinis vengono dispensate tali incoerenti concessioni quasi quasi mi auto nomino guru anch’io e mi faccio la mia chiesuola, tanto poi posso sperare nellimperante misericordina che condona tutto e perfino la contraddizione

  6. Caroeccellenza”, mi sembra che abbia superato sé stesso. Ma alla luce di quanto lei stesso ha scritto, non pensa di dover ripensare almeno in parte le sue convinzioni sul sant’uomo e vescovo Lefebvre ? Non dico dei lefebvriani, che non ne conosco.

  7. “… dopo avere parlato con lo Spirito Santo di Dio dal quale ho appreso, inter alia,, il suo desiderio di vedere la Città del Vaticano, che sino ad oggi non ha avuto ancora modo di visitare, ma soprattutto di poter ammirare gli affreschi della Cappella Sistina, nella quale egli dice di non essere mai entrato…”

    Lo Spirito Santo MAI entrato nella cappella Sistina? igitur, sede vacante da qualche secolo… uel?

    1. carissimi Beppe.

      Lo Spirito Santo ha sempre assistito tutti i Sommi Pontefici con speciali doni di grazia, ma non elegge i Sommi Pontefici nella Cappella Sistina, a questo provvedono gli uomini.

      Lo Spirito Santo può ispirare ai Padri Cardinali un soggetto particolarmente adatto e idoneo per quell’ufficio, ma non è detto che la sua ispirazione incontri la libera volontà degli uomini, ossia la loro accettazione e attuazione del progetto.

      Si narra che San Pio da Pietrelcina rimproverò duramente una giovane ragazza che aveva abortito dicendole: «Quel bambino era stato prescelto da Dio per diventare uno tra i più grandi Pontefici della storia».
      Le espressioni di un mistico, anche di un santo riconosciuto come San Pio da Pietralcina, non sono certo verità di fede, ma questa espressione rende però l’idea, che è poi l’idea di sempre: Dio non si è mai messo contro la libertà dell’uomo, avendolo Egli stesso dotato di libertà e di libero arbitrio. Se infatti Dio si fosse opposto alla libertà dell’uomo, Adamo ed Eva non avrebbero commesso il peccato originale e contaminato con esso tutta l’umanità.

      igitur, io posso affermarle serenamente in fede e scienza certa di non credere e di non avere mai creduto al fatto che lo Spirito Santo abbia scelto ed eletto i 266 Romani Pontefici, anche perché nulla del genere è mai stato insegnato dalla Chiesa. Ciò che invece credo per certa e profonda fede, è il fatto che lo Spirito Santo abbia assistito e muniti di speciali grazie tutti i Romani Pontefici, facendo si che alcuni di essi, seppur inadeguati e limitati, passassero poi alla storia come i più strenui e grandi difensori del deposito della fede.

      E non parliamo deglischerziche lo Spirito Santo ha fatto in seguito sulle scelte puramente politiche o di convenienza fatte non di rado dentro le mura della Cappella Sistina. Tanto per restare fermi alla nostra contemporaneità:

      Giuseppe Sarto non era affatto nella mente e nelle intenzioni dei Cardinali, che avrebbero eletto al sacro soglio il Cardinale Mariano Rampolla del Tindaro, bruciato però dal veto dell’Imperatore d’Austria letto dall’Arcivescovo di Cracovia all’apertura del conclave. In eo, i Cardinali, ripiegarono su quella che avrebbe dovuto essere unafigura di basso profilo”. Bene, Pius Undecimus, oggi santo, si vada solo a leggere la sua enciclica contro il modernismo, per appurare quello che invece fu nei fatti il suo profilo

      Giuseppe Angelo Roncalli doveva essere, nelle clericali scelte ciniche dei Cardinali, il classico Pontefice di transizione dopo il pontificato del titanico Pio XII, durato quasi un ventennio ed in uno dei momenti storici tra i più tragici della storia dell’umanità. E il Pontefice di transizione ha indetto il XXI° concilio della Chiesa.

      Karol Wojtyła fu eletto dopo la repentina morte di Giovanni Paolo I, a poche settimane di distanza dal precedente conclave; una figura al di fuori di ogni possibile previsione, come più volte hanno ammesso numerosi Cardinali ad anni di distanza dalla sua elezione, diversi dei quali ammettendo di non conoscerlo, se non soltanto di nome.

      Questo per dire che lo Spirito Santo, nella Cappella Sistina, lascia fare ai Cardinali il loro lavoro, quod, tum, opera dopo, a volte anche riparando e trasformando in azioni di grazia persino le scelte sbagliate o di puro calcolo fatte dagli uomini sotto gli affreschi di quel Giudizio Universale che, per molti dei Cardinali entrati e usciti dall’ultimo conclave, è null’altro che una allegoria

  8. A Sua Eccellenza Monsignor Ariel S. Levi di Gualdo Vescovo di Laodicea Combusta

    Eccellenza reverendissimissima, vista la Sua frequentazione con la SS Trinità le chiedo di chiedere alla Seconda Persona se può anticipare un poil ritorno. Dopo la scorpacciata di misericordia a basso costo (sarà avariata?)vorremmo se possibile qualche intervento come Giustizia. Sono consapevole dei rischi che questo comporta e non mi sento certo di affrontare con leggerezza la Giustizia ma confido nella mediazione della nostra Madre Santissima a cui in tanti ci siamo consacrati. Inoltre domani rinnoveremo la supplica alla Madonna della Medaglia Miracolosa.
    Ossequi, VIVA CRISTO RE!

  9. In effetti l’obbedienza è già andata a farsi benedire da tempo. Da quando sacerdoti e religiosi vestono come meglio credono e da quando il messale di Bugnini viene preso come un canovaccio.

    Per il resto iltruccousato per far rientrare la FSSPX mi lascia un po’ dum mente consternatæ. qui dixerunt, quel che auspica padre Cavalcoli, cioè la condanna del modernismo mi pare umanamente improbabile. Umanamente.

    Un’ultima cosa: cum potest,, per motivi di distanza, frequento le cappelle della FSSPX; magari è solo un’impressione, non ho dati certi, ma mi pare che il numero di fedeli sia in aumentoal contrario quando vado alla messa nel rito riformato ho la sensazione opposta, di un abbandono

    Ci si rimette nelle mani dell’Altissimo. Non si può fare altro.

Leave a Reply