Deliberationes nostrae Lutherus, anniversary falsi nominis sui, ad fores “reform”, pro quo nihil, catholici, Et non celebretur

- Theologica -

Deliberationes nostrae Luthero, Anniversaria in portis castrorum adipiscing tus maas “CORRECTIO”, Quascumque, CATHOLICORUM, Habeant ad AGO

.

"Et Catholicorum, non ratione celebrare, 31 October 1517, datam esse principium reform schismati occidentalium Christianorum duxit "

[Cardinalis Gerhard Johann Müller¹]

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Ut illi pseudo-Reform haeresiarcha Martini Lutheri ad celebrationem, patres,’Insula, quæ appellatur Patmos proponat libri duo Lectores: primum, quae per hos dies John Cavalcoli IN, secundo,, Est scriptum in textu intermissum quod restauraretur, et ab Ariel ante editis per annum in S. Levi Tadinensis.

.

.

Franciscus dat pocula Lutheranos
Sancti Patris Francisci, per eius visit ad centrum cultus ex Lutheranis Romae, RP Martin dat Alberto-Kruse in calicem pro Missae Sanctus. quaestio, et devotum professus ipsum, Hoc est,: Quo munere, fortasse ad celebrandam simplice “Prandium est non recordabor“? Per clicking in photo tu videre movie Televisifico Vaticano Center, ex quo admonemus ut spectant minute 6.15 ut sequitur,, aliquotiens quo loquimur “pretium” quin Eucharistiam semper naming, largitus est iuxta magnificentiam sacrificium vivum et sanctum …

Lutherus et velle internum Ecclesiae reformandae, Volui irae in ablutionem peccatoris et menstruatae, Et multi credentes desideravit qui dimissi a popularibus superstitionis formas ex sola; et observationem expiationis, et utrumque irae plenissimo est liberatio ab tantum formae religionis popularis superstitionis potestas Ecclesiae opus erant abyssi. Et cum motus ab eo, et venerunt usque ad ipsum vitae aliquam nisi resipiscat, primum confractus est schisma non modo sit haeresis insana generatae; hoc enim magis rei publicae interest et cura sui, sive de exigentiis fidei atque normas summas suppeditant. Haec causa est, quod non similis uti vulgaris est - quod valde dolendum, etiam apud catholicas, et quidem saepius memoratur de L'Osservatore Romano, - in "Reformationis". Credo etiam Lutherum renovationem promovere velis. Et eius sectatores, qui eius vocem, ut et Achaei sibi magis coniunctam habent ad partum a dramatic confractus in virtute, quam ecclesia catholica, et mox lavacro merito rerum salubre ac fortasse, Hoc internum cum emendationis coactus est vim suam: Council of Trent, improprium sententia omnino in nomine in nomine in reformationis, etiam contra - quod valde dolendum! - Quid sit quasi pars summa theologicis et historicis-theologicorum annum educavi et maxime in nostris promoted academicis ecclesiasticis institutions.

Quod ecclesia portavit; ad locum dolentem laceratione per opes, quod pertinet linguam viasque efficaces exquisiverunt ut adoptaretur a Concilii Patribus receptorum illorum in illa hora historical. Sed quia verbum «Tridentina» nostra aetate factum est idem quod quaedam ficta, quod valde dolendum et in agro 'theologos' Catholico, Synodus extraordinaria huius geritur ut perderet quod vellet Lutheri reformationem scientificis, partim eo, Romanus partim suo caecum surdumque interlocutors, super omnia autem propter utilitates multae personae et politica principes, Non potui pertransire.

.

.

____________________

[1] De libro colloquium Praefectus Congregationis pro Doctrina Fidei, Gerardus Ludovico Müller Cardinale, Report in spe, 2016

.

.

Ut patefacio click in subter supter item

21.04.2015 S Arihel. Tadinensis levi - quod speculatio GASTENSIUM DE LUTHERI AT THE GATES USERNAME “CORRECTIO”

.

.

.

.

.

 

 

 

Avatar

About isoladipatmos

14 cogitationes on "Deliberationes nostrae Lutherus, anniversary falsi nominis sui, ad fores “reform”, pro quo nihil, catholici, Et non celebretur

  1. Caro Pater, Huius articuli eius et comedi.
    Tribus annis studiorum theologicorum institutis scientiarium religiosarum traduntur ad altiorem, poi un biennio specialistico a una pontificia di Roma dove nessuno mi aveva mai chiarito in maniera così incisiva il problema Lutero di cui a essere sincera mi hanno sempre invece parlato in termini completamente diversi.
    Sero autem, Cras gustare quod Ego in Patre articulus Givanni Cavalcoli.
    Omnibus gratias patribus offeretis legentibus patmosiani.

    Gregorio di Paola

  2. Cara Paola.

    Intelligo quid vis, quod aliquot annos,, Pontificale Romanum in universitatibus, EGO had ad occasionem audire doctorem colloquium, Societatis Germanicae, et Martinus Luther “verum inspiratori pater Concilii Oecumenici Vaticani II” et ipse adiecit,: “Ut enim ad [concilio] Quod ecclesia Romana tulit fere saecula quinque“.
    Non contentus hac Lutherus “reform” atque etiam in Concilio Tridentino appellavitque “counter-correctionis inpositis“, quod proprie est de quo frequentius areas Catholico, et pejus, et vocavit eam “restitutio” (!?).
    Potestatem habeo ponendi eam et canonicis Donec quidam ab illa ueneno, nec auferre aliquid universitates – incipiens a manifesto gregoriani – et titulus Domini “Pontificia”, Non possum solus stilo moderabor meo, in privatis fidelium consilia, recta spiritualibus quam in poenitentibus, in lectionibus et homilia ad operari ad optimum facultatem et facultatem ad converterent mei damnum productum non sunt ex certa Pontificias Studiorum Universitates, sed etiam dozens of altus scholarum scientiarium religiosarum traduntur, quae sunt parva docere positus est maledicere exercitui Dei amici amicos amici … ubi dicitur, saepe docent, ita intellectualia leftist, et iratus feminist amatorie blandiri cum characteribus abortivum, euthanasiam and homosexuality.
    Sed quod sit omne rei pessimi, episcopos nostros, Et optime nosti; et non agere,, tempus et locus, Non erit gravis considerationem ad Deum, instead of having omnes opes et auctoritatem et subvertunt docentes quae sunt lascivae orationis et errore ne inter Populi Dei sibi commissae aptius ad custodiam curam suam suamque apostolicam.

    1. Rev. Et ad honorem Patris sui patris, qui Cavalcoli (quod semper facis) tamen est historicae et rebus theologicis accurate legentibus semel accendit et in sensitivo … (Infeliciter!) male tractata sunt in quaedam areas Catholico.
      De hac responsione efficaciorem adeo ut Dominus. Paola, Non possum dicere hoc me habere studuerunt, 2003 omnes 2006 in institutis scientiarium religiosarum traduntur altiorem, Misi ergo ad hunc comment in privatis contextually inscriptio inscriptio usque ad partum et parari singula ex institutione est in omni quaestione fonito et scribae dicentes hii suis nominibus vocabantur, Non videtur conveniens caeteri, publice.
      Ipse autem est iam enim transitus est scriptor gradum in Latin magister cum famosius historical praedicta inscriptio in studiorum universitatibus Italiae, invenerunt me cum taking his divisionibus superiora scientiarum religiosarum Ius, Visum est in scholis mediis catapulted eximium universitatis.
      Et post Patmos Island, ex nuper October 2014 articulus et articuli, in multis reprehendit, quae vestra scripta sunt in modernismi, et rahnerismo, historicismi opinionibus, religionis sociologisms, etc.. Omnia inveni … magis, Inveni pessimus ex eo tempore nota teachers.
      De feminist theologorum (et id quod a femina: Pessimus est!) Dixit unus ex illis in parabolam (November essemus 2006): “Ioannes Paulus II transtulit in conspectu ecclesiae in Rebus Novis Francicis incensus, et Benedictus XVI rem habet res de gratia”.
      Quamvis querelis suis ut ad episcopum ad gradus per quos via accipere noluit.
      Sine necessitate et familia reditus, ut ego habui maritus meus esse libera, et bene solvit professional, Et erat docens princeps schola est religio, usque dum fervido propria studiorum Universitatem Reginae Apostolorum, in quibus invenerunt me pro dextera mea.
      Post duos annos recessit a numerus collegia doctrina onerosa religionum institutores scilicet, quod non oportet ut partes ludere. one example: et separatum est vivos et alius particeps plures magistri fieri (Ego autem concubinarum moralitatem dicitur, Non est enim?), dixit diœcesanum magistros religionis author “Ibi fuerunt difficultates ad convivevan”quod, sed non usi erant,, Quia si in matrimonium uxorem civiliter, publicae esse excessus suos facti sunt, novis usque ad summum sacerdotem non habent facultatem in docenda doctrina catholica religio scholarum. Chiara “morale”: placere relinquere virum, ad alium bene vivere, sed non secundum uxorem ducere, quia apud illam causam agentem civiliter te perdere tuum.
      Petitionem pertractat clausero: sentit inconcinnus, patrem, scribere aliquid,, in doctrina religionis institutionem in scholis, plana maxime, De hac doctrina?
      honorem, voluerit, et ad beatam illam et continuo patris sui Cavalcoli.

      papa C.

      1. carissimi Francesca,

        Iam respondit ego ad privata email in privatis, Et huic respondendum per aliqua propria experientia cum commentario, Nunc iuvat condiciones manifestum esset ultra degenerasset – videtur – de omni potestate esse. Sum totos loco cui retuli, sed subiectum Scienti, omnes nomine appellant magis, sed modo illam credere quod aliqui aliqua merentur, non publicum,, etiam negans.
        Quam multos numerabis amicos et cives nesciunt, Ego sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Res publica Sancti Marini Feretranus,, in quo ordinavit. Prior studere, tum quia quaedam rationes ad particularia in Ecclesia pastoralia meae et theologiæ necnon actiones culturae,, Et vixit, maxime ex meo dioecesi, cui coniunctum sunt autem non solum, sed etiam canonico affective; maxime senes ejus sacerdotes, sed in parvis etiam quod antiqui non habeo gratiam habere dioecesim senes de sacerdotibus qui sanctorum, Viri fidei, sapientia et miserationum tuarum.

        Multi annis ante sacerdote dignam domum emit parva Siculis errant in historic antiquae urbis centro est, ut omnis qui natus est domibus eius maioris requiri in aliquo puncto ad opus restitutio, fecit fieri in bonis domus mea quia pretium cor eorum, quia praestare non potui ita ut reditus sacerdos expensis meis, qui sunt realiter ridicule dixeris, et quam modico.
        Episcopi igitur aliquot menses datum loco isto, ubi loci episcopo, – qui scit bene mihi – Voluit hospitio suo. Ergo potuit esse in morte quam huius operis pastoralis actio vacare interim semper, Periodice cum Romam ad ministerium necessaria mihi, ut confessor invictissimus et spiritus director, cum variis Italiae sacerdotibus, et alienum famulatui deputandos mihi ut faciam, Italiae partibus ad praedicandum, dans lectures etc. .. gratiam muneris solvente ut confitendo, moderator spiritus et tractatoris, in eum locum ubi aliquot menses substitit,, institutione religionis maxime ad.

        Et statim indicavit, Parochus qui mecum questus institutorum suorum invidiam unpreparedness, quod si volens, et, si opus fuerit, tum ego discipulus et molestie et, qui habet gradus in nova philosophiae et theologiae bl adeptus apud Pontificiam Universitatem Lateranensem, potevavo insegnare catechismo ai ragazzi che si preparavano alla santa cresima.
        Mi rispose: ” … e come faccio, poi le catechiste ci rimangono male!”.
        E malgrado la disponibilità offerta da un presbitero di 51 anni che si presume abbia una certa conoscenza della dottrina e da un giovane e talentato teologo di 31 aetate, lasciò che a preparare alle cresime i ragazzi fossero delle deliziose ventenni non in gradonon dico di spiegarema neppure di elencare i sette doni di grazia dello Spirito Santo.

        nunc, io posso anche scrivere sugli insegnanti di religione nelle scuole, di cui conosco la situazione, posso anche dire in modo convintoe non affatto provocatorio – Spero autem protinus liberandum nos in nomine decretis evacuans ut rei publicae religionis pluralismi opinatione sumentes, quae vocatur saecularismus, et doctrina, et ceperunt eam et ire ut ne quidem sciunt quid numerus eorum qui in religione Catholico; sed hoc faciam, mihi credite,, quod valde dolendum esset, non prodesse quicquam, quamquam, in privatis, Ad primam cum videamus nos mutuo, et hoc dicite mihi “euge!” Se habent res officio episcoporum, ante praemisit nosti omnium, pro exemplo,, qui saepe, Populus enim re vera supplicioque digni;, Ex doctrina excludantur, sed non raro posita sunt in toto otiosus Italiam sociis pariter soror cessatura, nepotes habet:, et sacerdotes, et cognati cognati, ed in particolare di quelli preposti come responsabili dell’ufficio diocesano che si occupa degli insegnanti di religione.

        Non ho altro da aggiungere se non un caro saluto.

        1. Ariel domne, mi sembra di capire che nello stato d’animo dei cattolici ci sia un problema psicologico, cioè non saper gestire la diversità di opinioni. Si possono avere diverse opinioni, si può dire a una persona che sbaglia, e che sbaglia gravemente, senza che ciò significhi insultarla, e senza neanche metterla in imbarazzo. Ritengo che saperlo fare sia una qualità virile. magis, non aggiungo altre parole perché, pur senza avere una formazione psicologica, quello che voglio dire è perfettamente descritto dalle prime righe di questa pagina di Wikipedia:

          http://it.wikipedia.org/wiki/Assertivit%C3%A0

          Ovviamente non voglio ridurre tutto alla psicologia. Ma forse alla radice di tante ambiguità, o veri e propri cedimenti dottrinali, insieme alla poca fede ci può essere la mancanza di «assertività»?
          Perché forse pensano che sostenere con sicurezza qualcosa equivalga a insultare chi la pensa diversamente, e allora il passo successivo sarebbe che Gesù non possa chiedere questo.
          tum, Pater, temo che noi cattolici siamo pochissimi. Io ho avuto la grazia che mi fosse insegnato che nella Chiesa ci sono dei dogmi e che sono infallibili; tum, ingenuamente, pensavo che fosse cosa ovvia per tutti i cattolici che i dogmi vanno creduti. Oggi sospetto che a pochissimi fedeli vengano dette queste cose.
          Sospetto che sia letteralmente un disastro, e che nessuno voglia prendere atto di questo fallimento.

  3. Professor pater mi, ho appena postato un commento all’articolo del Prof. Pater John Cavalcoli, desideravo ringraziare anche lei per questo suo magistrale articolo, che ho appunto già commentato nella colonna del Prof. Cavalcoli.
    Da questi articoli ho molto da tranne per farne uso uso in sede accademica.

  4. Gentile Giano.

    Se per “perfectus” lei intende commenti grammaticalmente corretti, è evidente il motivo: perché forse gli sgrammaticati preferiscono scrivere i loro commenti altrove.
    omnes, ut, riescono infatti a concentrare 7 errori in un solo rigo.
    Permissum mihi persolvo: si comincia il periodo con la maiuscola, tum “mea” non e “mea“, non si scrivexchè” sed “quia”, sermo “comentisi scrive con la doppia, tum “Comments”, sulla finale della parolaitaè necessario mettere l’accento, pertanto si scrive “ita” . sermo “sembrinoè errata perché in questa frase è corretto scrivere “apparent,”, et tandem, quando la parola è al femminile, non si scriveun unica” sed “un’unica”, con l’apostrofo.

    Le faccio notare che a darle queste indicazioni non è un italiano madrelingua, perché chi le risponde è di madrelingua spagnola e ha cominciato a parlare l’italiano come propria seconda lingua 10 years ago.

    Jorge F.L.
    segretario di redazione

    http://isoladipatmos.com/redazione/

  5. Mi pare che l’utente Giano volesse far notare che vengono pubblicati solo commenti favorevoli, spesso anche vicini alla piaggeria, che hanno la caratteristica di uno stile uniforme. dicit: “sembrano scritti da un’unica mano”.
    E cosa fa l’allievo degno del suo maestro? Invece di rispondere sul contenuto, identifica automaticamente tra i ‘capriil dissenziente e gli dà una lezione basata sulle imperfezioni della forma. Umiliandolo col mettere in evidenza che chi lo corregge non è neppure di lingua italiana.
    Noto anche che vengono pubblicati messaggi di sedicenti tradizionalisti, spesso fanatici, che pure sembranopassati al setaccio”. Perchè si dà il caso che molti tradizionalisti seri e non fanatici non si esprimerebbero mai in certi termini nè userebbero lo stesso stile insultante del redattore. Et hoc, veri o falsi che siano quei messaggi, dà ulteriori strumenti per denigrare la categoria.
    vice versa,, mi è capitato di inviare post con un altro nick che non sono stati pubblicati anche se il loro contenuto era ragionevole e sereno.
    Non pubblicherete neppure questo. Ma almeno sappiate che non tutti i lettori sono deficienti e alla fine smetteranno di

    1. Le sue questioni di lana caprina sono risibili sia per le pecore sia per i capri.
      Più e più volte ho risposto in privato a nostri lettori che con eccesso di generosità hanno inviato complimenti indubbiamente sinceri ma almeno per me imbarazzanti, li ho quindi ringraziati e ho spiegato che non me la sentivo di pubblicare certe espressioni così lusinghiere. Sed contra est, sed, non ho esitato a pubblicare decine e decine di commenti nei quali spesso sono stato anche pesantemente insultato.
      Così è, Ideo dico, lo provano i fatti.
      Per quanto riguarda la sua lamentata censura, noi non pubblichiamo commenti nei quali sono contenuti:

      1. insolenze verso il Sommo Pontefice ed i Vescovi sui collaboratori;
      2. errori dottrinari che si tenta di presentare come verità di fede;
      3. insulti diretti a persone o istituzioni;
      4. commenti totalmente fuori dal tema trattato dall’articolo sul quale è stato postato un commento;
      5. commenti volutamente e palesemente mirati in modo più o meno palese alla gratuita e sterile polemica.

      Se quindi un suo commento non è stato pubblicato, era perché in esso ricorreva qualcuno di questi punti.

      Lei ha postato questo suo commento nello spazio dedicato ad un articolo di studio sulla figura di Lutero che si articola in oltre 30 pagine formato pagina-libro, senza menzionare il testo e l’argomento trattato in questo articolo per il quale c’è questo apposito spazio per eventuali commenti di approfondimento, di confutazione, di ulteriore precisazione, etc. …

      Questo vuol dire usare uno spazio destinato a uno scopo ben preciso per fare polemiche inutili che non riguardano né il tema trattato, né lo scritto, né i suoi contenuti.

      E adesso si azzardi pure a dire che tutto questo non è vero.

  6. I miei complimenti per l’articolo, O Ariel.
    Vorrei quindi chiederle se anche lei condivide la terminologia di quegli storici che parlano diRivoluzione protestanteanzichèRiforma protestante”, et “Riforma cattolicaanzichèControriforma cattolica”.

    etiam, mi rimase assai impressa una cosa che lessi sul mio libro di storia, al liceo. Si diceva che Martin Lutero e Ignazio di Loyola erano entrambi profondamente disgustati dal loro stato di peccatori, il che provocò in loro una profonda crisi di fede. autem, se Lutero superò questa crisi di fede accantonando la dottrina cattolica sul peccato in favore del sola Fide, Ignazio invece superò quella crisi arrivando a formulare gli Esercizi Spirituali. Si potrebbe quindi dire che all’origine del luteranesimo vi fu una certa frustrazione nella vita spirituale di Martin Lutero.
    Mi piacerebbe sapere se condivide questa tesi.

    1. Rev. patrem,
      Era molto stimolante il parallelo/confronto rilevato da Orion tra Martin Lutero e Sant’Ignazio di Loyola, a loro modo due “magistri”, fruttiprovvidenzialiper la Chiesa di quei tempi.
      E per coincidenza, tra tre mesi, il primo papaignazianorenderà formale omaggio all’eretico

  7. E per coincidenza, tra tre mesi, il primo papa “ignaziano” renderà formale omaggio all’eretico…

    tum, se papa Francesco renderà omaggio a Lutero, ciò significa chealmeno per luiLutero non è un eretico

  8. Rev. patribus,
    nella quotidiana rassegna di quanto viene riferito dai media e uniformemente pubblicato dalla stampa laica e da quella cattolica italianapredominantiin merito all’attività e agli impegni del Papa e della Chiesa, non si può non rilevare un crescendo di attenzioneanzi disoddisfazioneverso l’incombente incontro di Lund. Oltre voi ed alcuni recenti proscritti, sono pochissime le eccezionianche straniere.
    Ho perso persino il contoogni giorno sono decine i servizi dedicati all’evento così lungamente agognato, fatico a leggerli fino alla fine e ho rinunciato commentarli e a segnalarli. mah … Fortior me est,, – certamente sono io quello in errorea me suonano quantomeno esagerati tutti questi peana, haec “tappeti rossistesi per Lutero ….

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.