Rete4 “Linea et inversa”: Corpus S Arihel. Levi, qui passione iracundior est Tadinensis, si autem non est motus animi arbitrium calibrated. Si invite leonis, et non est probabile quod per arenam faciem domesticis CATULUS

– ecclesiales locales –

RETE4 “JAM et DIVORSUS”: S PADRE ARIEL. Tadinensis Levi non tamen perdidit intra parentheses, SI NON boost pro ARBITRIO motus APSQUE AEQUUS. Si reinvitent, vi extorsit hastam arenam CATULUS est inconveniens, quod ad domesticis indulgent

.

Arenam esse verus pater Ariel, in ... Quod patet esse in praxi has a "scaena animalis", fortasse etiam nesciunt eum. Et quidem non poterat, "Conscientia", cum clarificatus, tace, et defer in conspectu eorum: et rara casibus terminus, tamquam muta Ostentare videri "ille" manifestavit superbia eorum sacerdotes "virum", completum est "ille" sacerdos visibiles vestri turbaverant psychologice dicere "vir" iterum atque iterum "Iste formosus Guidonis, 'Vide quam pulchra'.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article
.

.

Iovis 31 October, Corpus S Arihel. Levin Tadinensis se causa hospitandi de Francis diurnarius de televisionem progressio De Debbio Fas et Nefas et Rete4. Strepitando in imagine potes accedere ad perficere progressio a vision. In secunda pars, quae incipit ab Ariel pater eius frequentia minute 02:11:00 ad fines 50 minutes.

Ecce ego ad Telconcitat EVISION. A ostium in conventu - prope viginti annos - ad aliquam numerorum non normatum forma vitae et duxit me ad multum mutare habitum. Grazie a Dio questo è stato un bene che ha giovato molto alla mia salute spirituale e alla mia umana intelligenza.

.

Inter haec nova habitum vigilate itaque quia non habet molestie, et vidi sicut puer, post prandium, domum divi parentes. Semper in an episode de constant quaerere inventio Channel, autem horror film aut post diem fistfight Bud Spencer qui placendi studio. Hoc non obstante 31 October, a Linea et inversa, Conducted per traducem boni Mediaset Paolo De Debbio, Et obtinuit omnium primo cognoscere quia debitum erat cum convivis quoque carus pater noster Ariel S. Levi Tadinensis, anima nostra magazine misericordiam consecutam In insula, quæ appellatur Patmos,. Propter quod non potest deficere ab vigilabo ego progressio, hora somni furiis. De his dicitur quod designandum, quod justum est et accepit Invitatio, Ariel Pater tuus et fratres ejus consuleret nobiscum primus omnium apostolici labores huius magazine pro collaborators, consilium petere necne aliquam.

.

semper Storco nasus Cum audio de sacerdotibus involved in radiophonicae et televisificae. Illi enim antiquos, ita lo, maybe antiquus, sed hoc non reprehendere?. insignis, invitari ad televisionem cum sacerdotibus, nunquam facere figuras et pulcherrima, ut in pluribus, non curet depingenda Plumieriana repraesentativis in cogitatione cuiusdam obscurantist, et maxime horrenda facta regressus. Iussisti a televisionem sunt manifesto statio est salvificem Catholico TV2000, Padre Pio Tele Radio cum paucis.

.

A televisionem lingua continuata, cum celeritas in recta sunt stricta cedulas insidiatur laqueus qua facillime cadunt sacerdotis. Est quidem minus facere: esse necesse habent television partes corporis, et in scaena esse bestiis, ingenio prompta, Oportet etiam scire quod defendere “impetus” per viam “sui defensionem,” dominari affectant aliorum ordinum hominum qui uel oratione auertit. Illud optime sustinere pauci possunt,, maxime sacerdotibus et religiosis. Immediatio non pertinet sacerdotum, effingit euntis in pace Dei, cum iudicii dies unus, qui est in momento, et non diiudicat inter Latin. Nam sacerdos, tempestas est conceptum plus scilicet corporalis theologicum, Est quoddam metaphysicum eventu mentem qui dat secretorum scrutatores Deique contemplatione defixam.

.

Et volunt hanc probationem? inter iunior, et sacerdos, et pro tarditate et taedio religionis facti sunt synonyma: Dum missa est,, desinit homiliae, et omnia cantica tempus terere solita Sample. Existimo enim quod quid est et utilis ad sapientem ut sacerdos quidam ex abstinendi TV ostendit Disputatio, quia non simpliciter eius persona idonea, et ad munus. Numquam legistis intendunt omnino conloquium, quod non ap- parere convivae, quale sarà il taglio con cui sarà presentato un determinato argomento.

.

Fortasse illud non oportet inducere ad normam canonicam licentiam concedere potest ut pars, quae ad radiophonicas vocum sonorumque per televisionem vel Ordinarius vel diœcesano edocto postularunt religioni eorum. multi etiam sacerdotes, Infeliciter, Conversus autem ad imaginem et televisionis catholica ratione subiectiva, non ad mentionem illis, qui dicentes se trend-e contra cum sacerdotibus vel maxime. Trend quod habet esse gratis per `sacerdotes ', et in superna curia Ecclesia Catholico, omnibus fas! Dicitur quod bonum est, ut participes simus patres nostros de pluribus legentibus ea quae In insula, quæ appellatur Patmos, scimus: Ariel Pater habet valde altum in sensu mutuae adhaesionis Ecclesiae, sacerdotalis ordinis sacri tam profunda reverentia constituit dignitatem divina institutione haud obsequia compromissum. Qui scit quod non sit «liberum civis" et, ut, nusquam fuimus:. Tu sentis partem intimam Ecclesiae, hodiernam Ecclesiae et in Ecclesia Apostolorum chorus,, et iuravit per arbitrium ergo tenetur de Episcopo obtemperationem, quo statim alerted, auditis quorum nos, precipiens ei ut huic interfuerunt TV show. Omnes hi sunt gradus, ut sunt praesertim bene sit conceptio communitatis ecclesialis notioni inhaerentes, et ad sacerdotium auctoritati, bonum est, nobis declarando et PREMO, quod sit omnium.

.

Pater autem Ariel intrat Linea et inversa ultima pars transmissa ad vesperam, in inquirendis convenientia Amazon Coetu synodali de quaestione fontes temptare et caelibatus sacerdotalis. In eo quoque involved Mario Adinolfi, Titus Cruciani, in Campania sacerdos, qui poposcit sacerdos, et impedimentorum dispensationem sacerdotum et obligationes contraxerit nuptias laetus cum femina. in brevi, ut videre illam, Ibi sunt omnia, quae indita est difficilis exitus, sed comparationis ad vesperam super consensus et dialogus instituitur qui gravissime sicut fecit fiet ei, sic philosophica quae pertinent, theologicis et historicis, quod Pater tantum sit Ariel negavit fieri per aliquam sodales anonymous via quae Neocatechumenal, in ejus ultimo libro exasperatum In cap Neocatechumenal, esse adhuc in contumeliis subissando, Huc quoque quos edidit in redactione ad deditionem articulis. Sic enim appellant conantur incompetentia, et tres lineas sine operibus legis, pro ea legi dignus videri potest,, ecclesia secundum quod construitur et ad utrumque ut sit documentum scriptum est: [Cf.. qUI].

.

In ostium, in topic in caelibatu ducendae Quod introductum fabula amoris sacerdos qui matrimonio eius postulantes, dispensationem ab obligatione caelibatus sacerdotalis post baptismus confert catechista. Et hoc est testimonium, atque dialogum in manifesto eget facultatem ad nuptias, et de sacerdotibus de mutatione legum ecclesiasticarum duxit caelibatus sacerdotalis.

.

Quo expeditius in lege caelibatus sacerdotalis et non solum de sacerdotibus dioecesanis, loqui: sic dicti, quod caelibatu cleri Episcopo promittens die ordinationis. Nam loquela est omnino diversis religiosis sacerdotibus qui locutus est per se immolaturos vovent administrisque ad coelibatum adstringuntur, non solum, sed in castitate propter regnum coeli. Quod si unus dies Catholico Romanae Ecclesiae presbyterio dioecesano prosequantur concederet licentiam cuilibet nubere, ita nunquam legem universalem quae moderaretur, questo permesso non riguarderebbe minimamente i sacerdoti degli ordini mendicanti e monastici e delle congregazioni e società di vita apostolica che sono notoriamente inquadrati giuridicamente come religiosi e quindi come persone che si sono vincolate a Dio attraverso il pronunciamento di voti solenni. Dixisset concludo, pura se mi piacerebbe, In animo autem non est explanari quid intersit inter canonicas, fidem, castitatem in caelibatu ducendae, Hoc magni momenti est, in context, Sufficiat dicere ad suffragium pro se obligat ad fidem.

.

Quod Coelibatus ille sit modo non mere legalis, contingit tamen per se ipsos limites spiritus et theologicae fidei,. De conditione facta coelibatus et castitatis, ut ex ea velut capta est idem in persona Christi, Sacerdos et quibus consociata sunt obstrictius coniunctum. Sacerdos difficile corriguntur et stultorum in officium vel castitas in cælibatu, Hoc non solum est peccatum non facit secundum scelus est Ecclesiae canonica disciplina,, manifestati autem ex parte infirmitatem fidei et sacramenti causa fuit, ut quae in sacra ordinatione receptum et Respondeo dicendum quod dicuntur ut in a cotidie basis per Spiritus Sancti operae obsequendo.

.

Quod in complexu sermonis centrepiece et specifica, et hoc quis est vere valde difficile est in television passim in late vesperum, aliter autem auditorium cala, publica uestra, pecuniam et opes, ac communicativum et fit flop. tum, Quid quod intelliguntur in breviter intimatum? simplex, , Ita ut alia popularis rating: et munera ad editorial consilium proventus homines id quod volunt: aliquid media verve.

.

Cum Patre Ariel tollit verbum Dimissa iam pridem statui clericali sacerdote accepit, Docens incipere "amicus", deinde addit: "immo, frater noster, Dimissio autem e statu clericali tamen, manet sacerdos matrimonio ". Per Docet, et commemorando translating: 'Quare tua es sacerdos in aeternum secundum ordinem Melchisedec, Tu es sacerdos in aeternum ... ". Solum Latine quotation peritus director persuadet uti ad designandum quod non in Academia Theologica et, incipiens quidam de exitibus, Lorem homines "alveum mutet spectandorum ludorum pergit". Dialecticae nulla sint simplices et procul, Pater Ariel, et remotum est Verbum denegat "requirit 'a simplex exemplum explicare in Debbio De Paulo dicens: "Et simplex Haque: ut, baptismatis receperunt, ut nemo can take away, unde sacramentum Ordinis nostri semper intendens,. Et Ariel Pater accentuates addendo ad explicandum: "Vos scitis quia sunt quidam, qui sic faciunt, dicitur quod" sbattezzo ". In illis casibus,, super pastores, Non potest scribere, nisi in suo baptizatorum libro, qui sunt in marginibus Tom volunt dicere, non pertinent ad Ecclesiam catholicam, sed non potest Baptismus auferat '. Sicut locutus est, qui autem noverunt eum penitus, Dixit autem ante domum screen: simul intelligit omnia theologica, canonica ratione insecutus non loqui, nunc agendum, inde erat quod. in facto,, Post primum proelio sic, modo, coelibatus, et venit ad agam cum exitus de homosexualitate pertractari, pro introducendis hospes stella, virum unum de sacerdotibus quos elegit nubere. in brevi: nisi valde rara casibus alii non, re vera autem casus omnino singulares.

.

Ut bene intelligunt initium argumenti praeten Ideo statim locum tortam, hoc nunc et in tuba pecto unus ex plurimum hodiernae television. Id quod ornatum rei publicae utile consilium locum paratum a principio alia salubriora. Investigate a sacerdotali caelibatu commonstrat enim unus de challenges magno et Catholico Romanum intervalla proportionalium repraesentantes, et Protestantium ecclesia Anglicana et Communitates Community, Romani inter catholicam Ecclesiam et orthodoxas Ecclesias vinculum, et, quodammodo, inter Catholico Romano Catholicis, Orientalium Ecclesiarum Hierarchis ecclesia. In Legibus disputatio fuisset difficilimisque amet, et quasi studio melius intelligere situ, ad ad exitus synodalis decurrat. Sed, ut praedictum est, Hoc autem non potest, et adiuvit Ariel Pater statim.

.

De re vehementer admiror, Paolo Debbio, Sapiens sibi paratum video amet, Quoniam non habet cognitionem de rebus religionis, quamvis non intelligunt huiusmodi necessitatem verso tenuis cum serio rem in synodo Amazon caelibatus sacerdotalis. Ut intelligere,, scio tamen omnino necessaria complexus machinamentis communicationis molestie.

.

Absit loqui 'ex' elegit sacerdotes qui fecit idem, sexus matrimonium nullum sensum facit, non fecit scelera nullumque innoxium derelinquens qui disputationem de sacerdotali caelibatu commonstrat, sed confirmata sunt, quae subtilissimas meditationes de periculo modern conceptum instituit nuptias instituti iuris iam non secundum unionem inter virum raptorem et mulierem,. tum, superuenerunt adventum nuper regessit Dudlius homosexuales, qui conscripserat for "muneris" ab Italia, et deinde presbyterorum necnon Seminarii alumnorum in meridionali hoc habent quae ad Romanum pontificem, Ad summum evasit est quisquiliae et factum est vespere.

.

In eo, pater Arihel, iacentem in ipsa arenam Quod patet esse in praxi has a "scaena animalis", fortasse etiam nesciunt eum. Et quidem non poterat, "Conscientia", cum clarificatus, tace, et defer in conspectu eorum: et rara casibus terminus, tamquam muta Ostentare videri "ille" manifestavit superbia eorum sacerdotes "virum", completum est "ille" sacerdos visibiles vestri turbaverant psychologice dicere "vir" iterum atque iterum "Iste formosus Guidonis, 'Vide quam pulchra'.

.

Et quod obvious: Ariel, si pater est aliqua correspondentia, et affinitate coniunctus est nomen eius, quod est "Leo Dei", suggesserant, quod aliquis accedit ad eam possit cauda trahere eius opinio, ut auxilium gladiatores leonem manet constans et circum orbem in medio amphitheatro Flaviano? igitur, cogitare quod punctum in fervore, qui ad Tyrrhenam feret Romanum, Ariel pater tuus perdidit ingenium, puto re mala, Praesertim nescitis. Ariel placuit Patri, et vere sic animo scientific, eo tempore, et honorem, et custodire ab Ecclesia Catholico Sacraments, Officium habuit stomachabatur, quia non aliter ratio harenam. agendo, Non potest esse iam laetissima intuitu quoque clarificandi aspectus et totum auditorium quidam basic punctorum, quae transposuerint, nimirum haec:

.

  1. caelibatus legem Ecclesia, sed non esse persuasum;, sed, coelibatus, Quod interdum suam ducere originem a primo tempore apostolico;
  2. sacerdos, Et dimisit a clericali statu alienam gerere, etiam excommunicatus, manet sacerdos in perpetuum, quia recepit Sacramentum indelebile, Non est operarius qui deserit, vel per ignem;
  3. ut in his clamoribus addressed Sacerdos ad virum, Affectio amoris et altum et ostendit, primum quod "frater" dicebant utique manet sacerdos in perpetuum et pro salute animae suae considerat enim aberrant;
  4. declaratur - huius refutare sacerdos omne falsum est christiana caritas -, "Deus non creat mala", et hoc cum dixisset quod creavit Deus ut diligatur, cum clarificatus est Pater Ariel, et illud manifestum est, quod quaedam loca non potuerit auditores ad sese omnino normalis novae societatis, sed sint ipsa mentis aberrationes;
  5. Pater Ariel fecerunt saepe vocamus pro libertate scrutata varieque condita, quod inter hominis libertatem habet peccare, qui spe orbis indolem vario impetum VESTIBULUM Et destituta, Et hoc probat “Sacerdotis-feline” Non procul incautam nemora ex naturali industria declinare,, Hoc iterum inculcatur non est omnes liberos velle habere et exercere sexuali, et quod rectum est iustus, sed, ita casibus,, non potes facere sacerdotes et ibidem sacrum ministerium peracturi. Posuit alio modo probavit: Et quis catholicus sum ego pertinent ad sacra societas qui patiens est multa magis quam quaedam et quaedam imaginabilia lobbyists gay ideologues, quod peccata committere, quod quis vult me ​​gratis sibi impedirei, Deus autem non est, qui non magis aliquid consequens originale peccatum ne Adam et Eva, potest quidem fortasse? ubi docet non potui ex pagina libri Genesis,, ha lanciato il messaggio in altro modo.

.

postremo loco planius a fundamental: quod sacerdos non agere, ingenium tuum, ut irascatur Dominus, et perdet, Non potest autem esse absolutum. Quod si pater hoc situ Ariel non feci, Modum possibilem sibi periculum anceps atque omissione, dum figuras conficere haud spernendam a duobus decies visorum “ex” sacerdotes, “quam hic terminus medium rei”. tum, tanta animi aequitate declaravit modo in aliquo, non autem quod eum accusatis, Non modo sit a Patre Ariel generis verae approbatione. Quod si verum omnino est impossibile quia omnis verus sacerdos, et pro theologo, penitus scimus unum cum altero fratre.

.

Agite igitur principium omnia usque ad summum 50 minuta ad ultimum segmentum progressio ad vesperam, ergo challenge quis dicere quæ autem non sum via summatim comprehenduntur.

.

Im 'non bigot, Sed puto quod inter disputandum de topic est res quaedam autem semper per gratiam, observandae,, sensus communis primis terminis. Nos autem volens populo satisfacere, iuvare curiositatem cathode et populi qui sunt in eo sacerdotes, qui exiguus tendentias homosexuales praesentat? Licuit, id quoque lets ', sed hoc modo? Vidimus, quam habet vestimenta sua rex et omnes,, et nunc? Ubi nobis posuit in infirmitatibus meis, ut ecclesia sit ex parte illius consecrati consecrataeque, Nos es satiata? Atque in re plerosque ob diffusum homosexualitatis inter clericos, nemo melius jus habet Pater Ariel loqui. Praemisit in tempore suo, nunc editis in libro 10 et in secunda editione nostro editis annos, Editionibus Pathmos insulam, non solum quaestio resolvitur, sed etiam illa quae ecclesia explicavit ut perspiciatis recessit ab se fidem, et non sunt statim capta seriis, quae utique non sunt [videre qUI].

.

Ceterum vesperi, clausula verborum ejus a Patre Ariel, referendo Gigolos fratrem nostrum, si petitio iam facta est dare aliquam moram ipsis Ecclesiae conscientiam,, quia, tantum studii humilitas si, Quam minimum gerunt ratione praestare, praesertim antequam horum verborum est vivet: "Quaestiones Dominus Mangiacapra (N.d.A. regessit Dudlius in in Studio) Ego enim decem annos a detailed, cum analysis de libro densissima, qui inscriptus Et venit Satanas et trinus,». Et Pauli De Debbio interrogavit: "Quid actum est?». Dixit pater Ariel: "Solum solvit qui non erat mecum,. Tristis at Paulus non concludes De Debbio: "Non dubitant credere,!». Et scimus quia scis omnia, quæ per signa testarum, et solvit magno vectigal Ariel Pater verus persecutionem, Et arguitur quod non credunt in periculosa potentium mafia gay ecclesiasticas, ad grave dampnum quod superius praeoccupando fuisset,. Sed cum fit, non fiet leones, cuniculosae Celtiberiae, etiam quietam vitam clericalem, et clarissimum in ecclesia facere potuit plus quam alii fratres. Quae ducit ad infernum per illapsum Motorway elegit sequi in peropto, Quod cum idem.

.

Ubi fortissimum est, et ab Ariel sermonibus patris accalorate ad fratrem suum, (ex) sacerdos: "Oro te, pro salute animae tuae, "intellegere debemus decretorium in Ecclesia et quod est, semper in mente servabo: la Salus Animarum. Est quidem et salute animarum quae moveat cor, et qualis status Ecclesiae est illis manus infirma, quae est salus animarum est diminutiva quippe misericordia judicium, et gravissime spectant ad miserere nobis concedit, et iustitia, et non a iocus est quasi consummatio autem desideria fuge nostri.

.

Hodie Nobis occurrit perturbatur falsis fratribus, in fidei discrimine, fallibili, qui modo sciunt quid fecerunt aliquas electiones, recte ad eos reddere in externo foro interno Ecclesiae, sed maxime omnium nobis est anima. Etiam de hac, pater Arihel, Et ipse fecit illud, patet etiam ab initio scire hoc multae prudentiae re copiosius: "Ego multum opus, et de sacerdotibus ejus, et secuta est quod multi sequentur ste confessor pietatisque, Ego autem, in nonnullis condicionibus particularibus, et dices ad eos ut a step retro et ante sacerdotium ministeriale ".

.

Infamia vero non quò quænis, non ad aliquam salutem sensationalist delinquentis accusatio, et ignominiosa imponens poenam non ducunt ad poenitentiam et cordis induratio. Christum et hunc crucifixum, nudus paene ad necem, humilians se et finiuit domino pro omnibus peccatis hominum. At si ad hominum pergere adversari et offendere caritatem quod est Ecclesia, cum opus est remedium posuit pulchra offensiones, et infirma protegens, auferat a gallinarum praeda, sed semper ad communicandum suam extendit se converterit peccatorem vivere.

.

quod 31 October 2019 Vigilia Omnium Sanctorum, minus sanctitate veniebat sem ecclesiasticorum, ita et species quaedam tragice nundinarum averteretur a recto tramite deviasse, alii stabant autem in sancto, quia non potest Domini et adhuc multis erroribus sunt, qui numquam deserit suavitas filiorum expectantes committitur pars poenitentiae.

..

Laconi, 2 October 2019 – In festo Omnium Sanctorum

.

.

MEDIOLANENSIS EPISCOPI DE INSTITUTIS Mediaset IMAGINUM PER FLUCTUS

… maxime cum et affectio, in fine Ariel Patrem transitu per illa incusant extra Mediaset sacerdos dimisit a studiis de caelibatus lege plene Cibis, iam pridem matrimonio iunctus est cum uxore sua pulchra, vale dixit et amplexus [Facio Lince caption Jorge]…
.
… pari affectu Iosephus extra Mediaset studiis clarus Cruciani radio militiam, , quod semper pater est Ariel considerari sine dubio ingenii professional. Et nunquam sciri, sed statim compassi. Cum Michael Cruciani interrogavit eum si scirem progressio conducted, respondit ridens: "Quid ego audio, et cum longa itinera fecit in vehiculo? obvious: audiebant ad CULEX»! [Facio Lince caption Jorge]
.

Visita nos buying a libro tabernam et tolerandum laborem in libris de insula quae appellatur Patmos Editions: qUI

 

.

 

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





Avatar

About isoladipatmos

42 cogitationes on "Rete4 “Linea et inversa”: Corpus S Arihel. Levi, qui passione iracundior est Tadinensis, si autem non est motus animi arbitrium calibrated. Si invite leonis, et non est probabile quod per arenam faciem domesticis CATULUS

  1. Grazie per questo prezioso articolo.
    Grazie per aver dato chiavi di lettura fondamentali.
    Ne avevo visto solo un pezzo, della trasmissione di Del Debbio, e confesso di esserne uscita sconvolta e dolorante. Le storie di ex preti, che chiamano il partner dello stesso sesso “vir meus” , non si possono sentire.
    Sottolineo una cosa dell’articolo che ho trovato illuminante e profondamente vera:

    Il sacerdote che manca al suo dovere celibatario o di castità di fatto dimostra
    debolezza da un punto di vista della fede e della grazia sacramentale di stato che con la sacra ordinazione ha ricevuto e a cui è chiamato a corrispondere”.

    Ringrazio Padre Ivano e tutta la redazione e tutta la vostra comunità di Sacerdoti di esistere.

    pax

    1. Ringrazio molto il sapiente e profondo padre Ivano che ci ha fatto questo importante resoconto. Nella prima parte padre Ivano spiega che noi preti non siamo fatti per certi spazi televisivi. E’ vero!
      In modo incisivo, il nostro valente cappuccino ci ricorda e ci spiega egregiamente a tutti quanti:

      «L’immediatezza del linguaggio televisivo, cum celeritas in recta sunt stricta cedulas insidiatur laqueus qua facillime cadunt sacerdotis. Est quidem minus facere: per stare in televisione bisogna avere le physique du rôle, et in scaena esse bestiis, ingenio prompta, sapersi difendere all’occorrenza e persino “aggredire” a titolo di “legittima difesa” interlocutori che mirano a sviare discorsi o sovrastare gli altri. Illud optime sustinere pauci possunt,, maxime sacerdotibus et religiosis. Immediatio non pertinet sacerdotum, effingit euntis in pace Dei, cum iudicii dies unus, qui est in momento, et non diiudicat inter Latin. Nam sacerdos, tempestas est conceptum plus scilicet corporalis theologicum, è una manifestazione metafisica che riporta alla pacatezza e alla contemplazione di Dio».

      Questo è il cuore del problema, padre Ivano l’ha focalizzato nel modo migliore e più preciso.

      E’ stata giusta la partecipazione di padre Ariel? Secondo me si, perché nei fatti si è mostrato all’altezza. Ho riguardato più volte il programma, proprio per studiare meglio tutto l’insieme. Penso se ne possa dedurre che padre Ariel ha dato anzitutto l’immagine del prete virile. E in quel contesto assurdo, RUDICULUS, se permettete è stato un toccasana, anche e solo a livello di immagine visiva. Pensateci: padre Ariel ha reso onore a tutti quei preti che con quelteatrino di checche”, come lui lo ha definito, non han proprio nulla da spartire.

      Questo a parer mio ha contato più di molti discorsi teologici che padre Ariel è perfettamente in grado di fare, bene e ai livelli più alti, ma non era quello il contesto.

      Pensiamoci un attimo: in quel contesto, un prete indubitabilmente maschio, con la sua bella tonaca nera, che ha vociato a preti che ostentavano matrimoni gay, mariti e ex chierichetti diventati poi loro amanti e compagni, è stato più utile di qualsiasi discorso di alta teologia morale, quod, in quel contesto, non avrebbe comunque potuto fare.

      haec, caro padre Ivano, io ritengo che padre Ariel, a tutti noi sacerdoti italiani, ha fatto fare solo e null’altro che bella figura, per aver mostrato un prete maschio e virile in questo mondo nel quale il prete è ridotto sempre più a macchietta grottesca e, Infeliciter, heu!, anche femminea.

      Don Giovanni nonnulla (Bologna)

      1. Eccellente l’articolo di padre Ivano.
        Concordo e sposo totalmente quello che ha detto don Giovanni: padre Ariel ha fatto benissimo ad andare e spero che lo invitino di nuovo, anche in situazione aalto rischio, perché sa come cavarsela.
        et tunc: Ecclesia Sancti, è voluta o no entrare a gamba tesa nel mondo cosiddetto mediatico, dell’immagine?
        Sono ormai alcuni decenni che cardinali e vescovi sgambettano per le televisioni, et saepe, molti di loro, sono stati in onda due ore a qualche talk show senza nominare una volta Gesù Cristo, sempre attenti a parlare come vuole il mondo e come piace al mondo.

        Padre Ariel non poteva fare discorsi di morale, teologia e spiritualità, ma ha fatto ciò che andava fatto, e lo ha fatto bene: 1) all’ex prete che parlava di amore affermando Dio mi ha fatto così, ha detto che Dio non può creare il male; 2) dinanzi a quei casi spaventosi di preti uniti in relazioni gay, ha detto che ciò è aberrante. E lo ha fatto con decisione e autorevolezza.

        C’è forse qualcuno che pensa che egli abbia fatto un cattivo servizio alla Chiesa? Nooooo! L’ha servita e onorata meglio lui dei tanti cardinali e vescovi che negli studi televisivi non hanno mai nominato la parola Cristo e la parola Vangelo.

  2. …”siate o freddi o caldi, perchè i tiepidi li vomiterò dalla mia bocca”..
    Tutti i partecipanti alla trasmissione, nella aberrazione e nella blasfemia, nell’ortodossia e nella fedeltà ed amore per la Chiesa sono stati incandescenti o glaciali.
    Tutti tranne l’insopportabile e stracca figura del prete campano, il peggiore di tutti, insensato ed insulso.

    1. Grazie per le sue amorevoli parole, edificanti e confortanti.
      La prossima volta venga lei, ad una diretta televisiva, con temi spinosi e con inaspettati personaggi ad alto rischio, per illustrarci, tramite le sue doti non comuni, come ci si deve destreggiare in una delicatissima situazione del genere.
      Faremo tutti tesoro del suo esempio e del suo insegnamento.

      S Arihel. Levi Tadinensis

    2. se nellaarenaa difendere quello che di poco resta della dignità della chiesa e del sacerdozio, non ci va uno tosto come padre Ariel, chi ci dovrebbe andare? Forse qualche laico (non faccio nomi, per il bene del mio apparato cardiovascolare) che parla della chiesa come se fosse proprietà sua, e il tutto, a scopi di pura politica personale?
      sibi. A. … sia serio!
      Molte grazie Padre Ivano per questo articolo che ha spiegato tutto e ottimamente, a tutti quelli che almeno intendono e vogliono capire.

    3. Stimato Padre Ariel,
      gentile Don Bruno Fini,
      loco ”si deve scrivere o pensare solo per chi è migliore di noitemo di non essere stato chiaro, tenterò di spiegarmi meglio.
      Interpreto icaldicome coloro che con zelo infocato difendono la Sposa di Cristo senza timori, così come appunto ha fatto padre Ariel.
      Chiamo freddi coloro che, seppure nell’aberrazione e immersi nel peccato, hanno il coraggio (o la sfrontatezza?..) di agire a viso aperto e senza scuse; ciò dimostra, Saltem in principio, che si posseggono degli ”rerum”, ancorchè femminini; è il caso del povero sacerdote che vive alle Canarie.

      Il tiepido, sed, mi è apparso come quel sacerdote campano vestito col clergyman grigio azzurrino e il cui intervento è stato, a mio modesto avviso, abbastanzainsipido.

      Il rimprovero di Padre Ariel mi ha fatto però capire che forse, il mio giudizio, l’ho espresso in maniera troppo dura, senza Carità e senza tener conto che erano necessarie anche prudenza e moderazione nei confronti dei casi lì esposti
      In tal caso me ne dispiaccio e lo dirò in confessione.

  3. … eo quod “ex” sacerdos, eclatante quanto vistosachecca campana”, abbia ardito dire a padre Arielnon sappiamo che cosa hai sotto quella tonaca”, ha dimostrato la isterica incapacità di misurare il maschiaccio che aveva davanti.
    Essendo ovviamente a una diretta televisiva si è limitato a dirglimeglio che tu non lo sappiameglio che tu non lo sappia …”. E quando ha insistito ha ingiunto: “Se tu lo sapessi dovrebbero venire i carabinieri per portarmi via”.
    Se padre Ariel non fosse stato a una diretta televisiva, dalla sua bocca sarebbero uscite poesie da far arrossireer carbonaromesso al posto del marchese del Grillo per prendere in giro tutta la nobile famiglia.

    1. Verbum Caro Factum Vivamus Ciro,

      vedo che anche tu conosci bene padre Ariel.
      Penso che se non fosse stato a una diretta televisiva, omnes “sacerdos” che magnificava quanto bello era suo “virum”, lo avrebbe fatto diventare eterosessuale a sberle.
      Hai notato che pale di mani ha, quod … serafico padre Ariel, sulla sua stazza fisica?

  4. Pater mi Ivanum,

    questo tuo articolo è utile e prezioso in tutte le sue parti descrittive, sembra scritto da un esperto di scienze delle comunicazioni che spiega i funzionamenti del mezzo della diretta televisiva.
    Posso dirTi che tutti i preti con i quali ho parlato, in linea di massima se la sono spassata, come se si fossero sentiti riscattati nell’onore sacerdotale da padre Ariel.
    nihil, ha mostrato disagio e disappunto, almeno tutti quelli con i quali ho parlato io.
    Il dialogo/monito urlato di padre Ariel irato verso il povero prete uscito dalla Chiesa cattolica, “sposatocon un uomo e passato a una imprecisata Chiesa “Catholic” progressiva, è stato di una tenerezza struggente, che solo noi preti di una certa età (habere 71 aetate) possiamo capire. Nelle parole di rimprovero di padre Ariel c’erano amore profondo.
    Riguardatevi la scena e notate lo sguardo triste che, improvvisamente, ha assunto il pretemaritatoquando padre Ariel gli ha urlato “fratris” et tunc “prego per te che sarai sempre sacerdote, in eterno”.
    Non posso sapere cosa il pubblico in sala e a casa possa avere capito, ma queste parole trapassano come una spada qualsiasi prete, anche il peggiore. in facto,, il poveretto, aveva uno sguardo molto triste.
    Sono certo che se un giorno avesse un ripensamento, il primo che cercherà sarà sicuramente padre Ariel.
    Grazie tanto padre Ivano per questo Tuo articolo veramente illuminante.

    1. Don Claudio,

      anche io ho notato quello che hai illustrato. Il primo dei poveri preti aggredito verbalmente da padre Ariel (quellosposatoalle Canarie) non si è difeso, è riuscito a dire appena due parole, è rimasto inerme dinanzi ai suoi rimproveri tutti basati sui richiami alla salvezza della sua anima. maybe, nel profondo della sua coscienza sacerdotale offuscata o, maybe, del tutto assopita, anche solo a livello inconscio è stato toccato da quelle parole, davanti alle quali, la sua aria, era profondamente turbata, il suo sguardo triste, basta rivedere il filmato per notarlo.
      Tutt’altra cosa l’altro, quello che ostentava il proprioragazzo bello” … che desolazione!
      Questo secondo, sembrava veramente un posseduto dal demonio, fiero del proprio turpe peccato e con lo sguardo spiritato.
      Anch’io temo che un tipo come padre Ariel, fuori da una diretta televisiva, forse gli avrebbe messe le mani addosso, e fatto anche molto male.

      Pater Ivanum, con la profondità della sua spiritualità di frate cappuccino e sacerdote, ha dato un importante contributo a tutti, spiegando come certe cose si svolgono, e che nessuno può scandalizzarsi se, trascinato in un’arena, un leone svolge il proprio “professionis” di leone.

  5. Rev. Pater Ivanum,

    padre Ariel è un uomo che è passato, dentro la Chiesa, attraverso dure prove e sofferenze, si capisce leggendo i suoi libri, bellissimi come contenuti e stile di scrittura, e io li ho letti tutti.
    Non lo conosco personalmente, spero un giorno di avere il gran piacere di conoscerlo, però sono certa che per un uomo del genere, avere vicini a se, e lavorare, con sacerdoti come lei, padre Gabriele e il monaco eremita, sia molto importante.
    Dai vostri scritti si capisce che siete profondamente uniti, si capisce che lavorate intensamente per la Chiesa, per noi suoi fedeli che vi seguiamo e che, leggendovi, siamo meno smarriti. Scrivosiamo” quia, come avete aiutata in tal senso me, sono certo che ne avete aiutati tanti altri. quis novit, a quante migliaia e migliaia di persone, avete fatto un grande bene.
    In questo programma, padre Ariel si è dimostrato quello che è: amorevole anche e soprattutto quando decide sia opportuno essere severo.
    Con queisacerdoti inqualificabili, che ostentavano i loro … “mariti”, cosa d’altro doveva fare?

    1. domina Anna,,

      con la sapiente sensibilità femminile, lei ha descritto tutto, e lo ha fatto in modo lucido e preciso.

  6. Questo articolo di padre Ivano che difende e giustifica quell’ignorante del sig. Ariel comportatosi come un energumeno impasticcato di droga che fa il buttafuori in una discoteca è peggio della trasmissione stessa.

    1. Egregio Signor X.je11,

      lei ha semplicemente sbagliato a selezionare tra le pagine della nostra rivista.
      Gli articoli nei quali i neocatecumenali anonimi insultano da due mesi Padre Ariel S. Levi di Gualdo per il suo libro In cap Neocatechumenal li trova alle pagine qui di seguito indicate. igitur, gli insulti neokatekiki a Padre Ariel, vanno scritti lì, ne sono già presenti diverse centinaia.

      Grazie per la sua gentile collaborazione, ed una preghiera per tutti noi a Santa Carmen Hernandez vergine e martire.

      https://isoladipatmos.com/dalla-grande-sabrina-interpretata-da-audrey-hepburn-alla-piccola-sabrina-bosu-che-mette-in-scena-le-note-manipolazioni-dei-neocatecumenali-dopo-una-indigesta-colazione-da-tiffany/

      https://isoladipatmos.com/novita-la-setta-neocatecumenale-leresia-si-fece-kiko-e-venne-ad-abitare-in-mezzo-a-noi/

  7. Gent.mi Padri,

    leggendo l’ispirato articolo che ha introdotto in modo chiaro ed illuminante l’intervento di Padre Ariel alla trasmissione televisiva e guardando tale intervento in TV non ho potuto non sentirmi rinfrancato nello spirito per aver riconosciuto la bellezza, l’ardore, lo zelo e l’infinita forza della verità che è propria della Chiesa, madre e Sposa di Cristo.

    E di questo voglio ringraziarvi: in questo tempo così difficile per la Chiesa e anche di arduo combattimento personale, ho potuto vedere realizzata la parola dell’apostolorinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire”.

    Che il Signore vi sostenga in questa buona battaglia e nel vostro servizio sacerdotale, così foriero per me e per tanti altri di sostegno dello spirito, di cura dell’anima e di speranza di resurrezione.

  8. Etiam, ottimo intervento del Padre Ivano. gratias ago.
    Ho visto anch’io tutta la trasmissione, e aggiungo un paio di cose rispetto a quanto è già stato detto.

    1. Mi pare che il problema più grosso non siano le misere figure umane, più o meno macchiettistiche, dei preti sposati e/o conviventi che sono stati portati in studio, ma i responsabili della Chiesa cattolica che li hanno ordinati sacerdoti. Hanno preso, ut dicunt,, cani e porci. Mi viene in mente, facendo un paragone storico, don Lorenzo Milani, con tutte le problematiche annesse alla sua vicenda: anche lui, quod, a giusta detta del suo Ordinario del tempo, il Vescovo Mons. Ermenegildo Florit, che don Milani fece verde in tutti i modi, era uno squilibrato. Uno che MAI e poi MAIquesto lo dico ioavrebbe dovuto essere fatto prete. Vedi sull’Isola, qui: https://isoladipatmos.com/supplica-al-sommo-pontefice-santita-non-andate-a-rendere-omaggio-ad-un-cattivo-maestro-lorenzo-milani/
    et mihi, la Storia deve andare sempre in un certo modo.

    2. Mi hanno spaventato anche le facce del pubblico in studio. Come è ridotto male il nostro popolo, che va a trasmissioni del genere.

    1. Don Lorenzo Milani non fu esente da limiti umani e pregiudizi ideologici che inevitabilmente condizionarono il suo Ministero sacerdotale e la sua opera educativa. A modo suo egli stesso lo riconobbe. Detto questo gli va dato atto che mai si sognò di lasciare la tonaca e la miseria di Barbiana. E certo non gli sarebbero mancate diverse e più brillanti prospettive.

      1. @Andrea

        ho solo detto, di don Milani, che avrebbero fatto meglio a non farlo prete.

        Questo perché, come è spiegato in dettaglio nel testo linkato, il suo pensiero si caratterizzava per l’ammutinamento sistematico ai superiori, l’apologia della violenza rivoluzionaria, della lotta di classe, dello spargimento del sangue dei nemici del popolo, della lotta armata di stampo brigatista e finanche – ma di questo i suoi superiori Dalla Costa e Florit non erano a conoscenza – l’orgogliosa rivendicazione di pulsioni omosessuali e pedofile (il tutto è naturalmente documentato nei diversi capitoli del dossier).

        In più, Mons. Florit scrisse, recte, che era uno squilibrato. quidem, una volta disgraziatamente fatto prete, dopo quel che fece a Calenzanoanche questo documentato nel dossiersiccome era un pericoloso ideologo, facevano meglio a spretarlo, non a mandarlo a far danni al popolo di un altro posto. Ma erano altri tempi, si vede che non è stato possibile.

        Mi guardo bene dal farne una colpa a Dalla Costa e a Florit, che tanto hanno patito dalla vicenda milaniana.

  9. Ringrazio Padre Ivano per l’illuminante articolo, scritto con cuore e sensibilità, che aiuta a contestualizzare l’intervento di Padre Ariel alla trasmissione.
    Ringrazio Padre Ariel per il coraggio e la passione nel portare la Chiesa, che è riuscito anche a strappare l’applauso più di una volta: segno che la gente aspetta e condivide questa accalorata passionalità in favore della Verità. Non ho percepito sdegno, ma una forma di sollievo da parte del pubblico presente, e condivisione.
    Vi ringrazio perché oggi più che mai c’è bisogno di questo: coraggio e fortezza, piena consapevolezza della propria missione e vocazione, in un tempo di incertezze e permissivismo sconsiderato.
    Vi ringrazio perché infondete a noi fedeli la vostra forza e ci siete di riferimento, anche questa cosa rara oggigiorno. Non siamo soli, non siamo fuori posto o fuori tempo. Ci mostrate che siamo dove dobbiamo essere, anche se spesso sotto attacco.
    Grazie davvero.

  10. Io da tempo non guardo più la televisione, dictarum excepcionium, e di certo non guardo le trasmissioni come quelle indicate. Non ho lo stomaco di andarmi a vedere la registrazione, dunque il mio commento è certamente indebolito da questa mancanza.

    qui dixerunt, credo che preti debbano alzare la voce quando è necessario e pure tirare qualche amorevole schiaffo, così come farebbe un buon padre. Don Camillo docet. Le signor(in)e che credono che il cristianesimo si riduca al manuale di mons. Dellacasa hanno contribuito notevolmente alla distruzione la Chiesa.

    Quindi esprimo la mia vicinanza a Don Ariel.

    Una parolina su ReteQuattro. Non credo che la sorpresona dei preti gay sia stata escogitata solo per logiche di ascolti: per tutto il mese di ottobre, “mese della famiglia”, mi dicono che ReteQuattro ha mandato in onda spot confamiglie gay”. Mediaset d’altronde anticipò la RAI nella decadenza dei costumi.

  11. Gira la voce che il nostro caro padre Ariel sia stato contattato dalla RAI per partecipare come attore ad una nuova ed interessantissima fiction dal titolo: “Carriera di un semplice prete”, in cui si racconta della miracolosa ascesa di un prete che diventa Papa. Pare che il nostro beneamato Ariel abbia già firmato dopo aver letto con grande interesse il copione; l’unica condizione posta dal nostro grande attore è di poter portare la tonaca, il saturno e le scarpe rosse. Restiamo in spasmodica attesa del trailer. Ad maiora!

    1. Egregio Signore,

      la voce che gira è vera ma incompleta.
      Deve infatti sapere che questo Sommo Ponteficenella fattispecie iotrasformerà il palazzo apostolico in un’allegra corte rinascimentale, nella quale avrà ruolo e spazio privilegiato la figura del buffone di corte, nella fattispecie lei, Signor Domenico Sasso, che io ho proposto alla produzione come condizione per poter firmare il contratto.
      La prego quindi di non rifiutare, appena sarà contattato, perché altrimenti salterebbe tutto.

  12. A proposito di Yorik, chi se non certi buffoni potevano partecipare a simile programma televisivocul-tural-popolare”? Caro il mio amico Ariel, solo un narcisista poteva essere solleticato da una volpe come l’ideatore e conduttore di quella schifezza e riuscire a cadere nel trappolone che vi ha teso. Accettare la partecipazione ha prodotto qualcosa di buono? No: ognuno degli svitati, seduti davanti alle telecamere, eterodiretti dal pifferaio-conduttore, ha espresso malamente le proprie ragioni, con la conclusione di essere arrivati alnulla assolutoaccompagnato periodicamente dagli applausi finti, così come sempre si conviene.
    Ma l’importante è che tutti i partecipanti, postero die,, si saranno gloriati diessere andati in televisione”: ma a fare cosa???? I pagliacci!!!

    1. tum, secundum eam, io non sono riuscito a far passare, in quella situazione ad alto rischio, i messaggi che andavano fatti passare e nel solo modo in cui era possibile farli passare?
      et tamen,, in questo suo articolo, Padre Ivano lo spiega talmente bene, a chi vuole intendere.

      etiam.
      La prossima volta andrò in qualche ghettarello tradi-cattolico, a parlare a 10 populo, nelle chiuse stanze. Farò una INCAENTIVUS sulla grande produzione teologico-morale del Santo Vescovo e dottore della Chiesa Alfonso Maria de’ Maria de 'Liguori. Mi lancerò in copiose citazioni latine e richiami greci e latini ai Padri della Chiesa, a partire dai Padri Cappadoci.
      E parlerò a voce bassa, sommessamente con gli occhi socchiusi, in stato di semi-estasi.

      Stia certo che così facendo, il grande pubblico che si trova al di fuori del pio ghettarello, capirà che per la morale cattolica un prete che lascia il sacerdozio per sposare un uomo compie una aberrazione che non può e non deve essere accettata, malgrado le tendenze di questo mondo.

      Lei è duplicemente duro: di cervello e di cuore.
      Ma è un problema suo, non est meum.

      P.S.

      Il pubblico non applaudiva a comando, questa sua affermazione è del tutto falsa.

      1. Lasci al loro destino, carissime pater Ariel, questi bastian contrari a tutti i costi.
        Altro non possono fare che tentare di accusarla di protagonismo, dire che lei è a caccia di fama e notorietà, che vuol fare carriera e molto altro. Unica cosa certa: lei, insieme ai suoi confratelli, è per costoro di inciampo. Perché per il solo fatto di esistere e di essere così come siete portate alla luce e denunciate i loro cattivi costumi. Rispetto alle sue denunce aperte e a tutta la sua opera in difesa della retta Dottrina della Chiesa e del suo Magistero, costoro oppongono che lei sarebbe un narcisista. E io non colgo proprio collegamento alcuno.
        Ho la sensazione che questi ormai sono sempre loro, i soliti adoratori osannanti di quel pavone di Kiko Arguello. Altro che narcisista!

        pax

  13. O Ariel Caro, secondo me per quanto lei si sia impegnato, il messaggio che è passato da quella trasmissione è che la Chiesa è un ricettacolo di perversione e aberrazioni, che quasi tutti i preti in studio, “sposati e nonerano concordi e che solo unpovero mattoassolutamente in minoranza la pensa ancoraall’antica”. Il messaggio che gli autori volevano far passare è esattamente quello che è passato. La chiesa a parte qualche sparuta e insignificante sacca di resistenza, è destinata aammodernarsi”. Non è certo questo il modo di evangelizzare.
    Estalis Maximilianus

    1. solo un “povero matto” assolutamente in minoranza la pensa ancora”all’antica”

      In realtà questo è vero: siamo in minoranza, mica lo nascondiamo. Se le cose stanno così dobbiamo prenderne atto, mica girarci intorno. Invece la notizia importante che è passata è che questa minoranza esiste, perché molti pensano che sia sparita. Io conosco padre Ariel da anni ormai (telematicamente) e non mi stupisce quel che fa o dice, ma tutte le volte che vedo sui giornali (una volta in TV) un prete sconosciuto che dice le cose come stanno, mi rallegro. E dunque penso che molte persone che non conoscevano padre Ariel si saranno rallegrate di sentirlo l’altro giorno. E ora possono trovare un punto di riferimento per capire cosa sta succedendo.

      1. carissimi Fabricio,

        il loquere. Massimo Conti è un neocatecumenale duro&puro che mi ha ricoperto di critiche basate su falsità e non di rado anche insultanti nei commenti ai due articoli nei quali è stato presentato il mio libro critico su In cap Neocatechumenal.

        haec, inter alia,, denota che In insula, quæ appellatur Patmos, non pubblica solo commenti nei quali veniamo definiti bravi, belli, stupendi e meravigliosi cosa che in sé la dice lunga, sul nostro stile di dare voce a tutti, incluse voci critiche, incluse voci anche insultanti. Ma per apprezzare ciò, occorre quell’intelligenza che taluni non hanno.

        Siamo pertanto dinanzi a soggetti illogico-umorali talmente prevenuti e talmente arrabbiati nei miei riguardi al punto che, se secondo i criteri della più ortodossa e impeccabile dottrina io facessi una INCAENTIVUS sul dogma della assunzione al cielo della Beata Vergine Maria, ricevendo per essa il plauso da parte della Commissione Teologica Internazionale e un invito a colazione alla Domus Sancthae Marthae Pontifex Maximus, lui ed i suoi settaristi mi attaccherebbero in tutti i modi, a tutti i costi e costi quel che costi, per partito preso, perché tutto ciò che io dico e faccio va attaccato, perché ho osato criticare la loro setta palesemente ereticale. ita, se io difendessi i dogmi cristologici dagli eretici ariani urlando che Cristo è vero Dio e vero Uomo, genitum, non factum consubstantialem patri ad eundem,, stia certo che i neokatekiti troverebbero modo e forma per farmi le pulci, proprio come i vecchi farisei, ai quali loro hanno ridata così bene vita.

        Vorrei che i membri di questa setta intra-ecclesiale avessero nei miei riguardi il rispetto profondo e sincero che verso di me ha mostrato quell’uomo amabilissimo di Giuseppe Cruciani, che conduce il programma radiofonico ad CULEX , dicens quod est aliquid,. in facto,, Titus Cruciani, che non va a giocare con il proprio “Spiritus Sanctus” personale infuso ai settaristi dagli eretici Kiko Arguello e Carmen Hernandez, ha avuto nei miei riguardi rispetto durante e dopo la trasmissione.

        Tutti i commenti del Sig. Conti li può trovare qua di seguito al termine di questi articoli:

        https://isoladipatmos.com/dalla-grande-sabrina-interpretata-da-audrey-hepburn-alla-piccola-sabrina-bosu-che-mette-in-scena-le-note-manipolazioni-dei-neocatecumenali-dopo-una-indigesta-colazione-da-tiffany/

        https://isoladipatmos.com/novita-la-setta-neocatecumenale-leresia-si-fece-kiko-e-venne-ad-abitare-in-mezzo-a-noi/

        1. Gentile (ut ita dicam,) pater Arihel,
          Nel mio commento, come tutti hanno modo di vedere non l’ho offesa, così come non mai ho fatto (invito gli ospiti di questo blog a trovare un commento offensivo da me scritto). In tutti i commenti ai suoi post sono stato critico nei suoi confronti ma mai offensivo, al contrario di lei che non perde occasione di rovesciare il suo livore e il suo odio su chi non la pensa come lei, oppure non ha i suoi titoli accademici. Nel commento al presente articolo, che evidentemente non ha capito, ho lodato la sua buona volontà, ma questa non è bastata a mio avviso a far passare un messaggio diverso da quello che gli autori volevano che passasse. Comunque la ringrazio, col suo precedente commento tutti hanno avuto modo di conoscerla meglio.
          Estalis Maximilianus

          1. Nessuno dei suoi mega-catechisti neokatekiki le ha mai insegnato che imputare alle personenel caso specifico a mequello che non hanno mai detto e scritto, eludendo le domande, cambiando argomenti, arrampicandosi sugli specchi e, tandem, rovesciare il tutto e accusare gli altri di non rispondere, è l’insulto in assoluto peggiore?
            Etiam, il peggiore: l’insulto all’intelligenza umana.
            Cosa di cui lei ha dato saggio in decine di commenti: le sono state rivolte ripetutamente domanda chiare e precise, lei non ha risposto mai, ha rovesciato le domande e infine ha accusato ripetutamente gli interlocutori di non rispondere.
            Fino a quando intende proseguire con questo gioco delle tre carte?
            Non si è ancora reso conto che le sue tre povere carte le ha ormai scoperte sotto gli occhi di tutti?

      2. Ovviamente sig Fabrizio, questa minoranza esiste e io anch’io mi pregio di farne parte, ma a mio avviso queste trasmissioni sono studiate a tavolino da autori molto più scaltri di chiunque di noi e con ospiti ben calibrati, ospiti a sorpresa e il conduttore di un certo tipo, riescono a far passare il messaggio che vogliono. Nella fattispecie è lodevole lo zelo dimostrato da padre Ariel (che per me ha solo parole di odio…), ma alla fine l’immagine della chiesa che è passata è sempre la stessa.

        1. avranno preso lezioni in tal senso dai fondatori del Cammino Neocatecumenale, che chiamati a Roma dai Pontefici e dai loro Prefetti per essere rimproverati e invitati a mettersi in riga, uscivano fuori annunciando a tutto il loro popolo: “Siamo stati approvatila Chiesa ci approva”.
          in brevi: avete fatto scuola!

    2. Caro Conti,

      mi pare proprio che lei abbia il dente avvelenato contro Padre Ariel perché ogni cosa che dice o fa non le torna proprio MAI.

      Et hoc, essendo impossibile, è tipico di un’insopportazione personale.

      Le faccio presente che il suo idolo, Kiko Arguello fece una cosa simile al Family Day quod 2015 cum, in netta minoranza, fece tutta la tirata sul femminicidio e voi osannaste l’audacia contro tutto e contro tutti, considerando che stava portando la verità (secondo il vostro pensiero).

      Soprassiediamo sulle considerazioni a proposito di quell’intervento, non voglio su questo suscitare polemica, ma solo sottolineare che in quel caso le affermazioni impopolari espressione dalla minoranza non vennero criticate, ma plaudite. Veda lei.

      L’ammodernamento della Chiesa di cui lei parla è una delle peggiori derive degli ultimi tempi, infatti la Chiesa versa nel caos come non mai. Ogni innovatore, anche inesperto, può dire la sua.
      meditati…

      La Chiesa èrestoperché non si cura dei numeri (come voi), ma della sanità della dottrina: quello è ilresto”.

      Laddove si ricerca e si sbandiera il numero, già puzza di falso.

    3. Ognuno ascolta e comprende con la sensibilità e l’acume che ha.
      Il povero matto somiglia in modo impressionante a Gesù Cristo, che hanno chiamato pazzo e anche peggio.
      Il male fa sempre più rumore e scalpore del bene; questo è risaputo.
      Anche se per noi essere una minoranza… a “resto”; rectus? E’ un vanto assoluto.

      Sono stata molti anni nel cammino, Kiko non si definivail resto”, per viam, ora che ci penso? Dovresti saperlo!

      quo, si è dimenticato anche di questo, ora che ama ostentare successi e numeri: (tutte vanità e un inseguire il vento!) e fare censimenti e contarsi e ricontarsi, dimentico della tremenda punizione che colpì Davide e, per colpa sua, tutto il suo popolo per la maledetta fissa dei censimenti! Eppure anche Davide era stato avvisato!
      Più prosaicamente aggiungo, meglio pochi e buoni che molti e cattivi.

      Io invece ringrazio ancora Padre Ariel per il suo coraggio, per il suo intransigente impegno a difesa delle Verità di Fede e della Sana e Retta Dottrina.
      E con Arbore: meno siamo meglio stiamo e ne siamo fieri.
      Sacca di resistenza la chiami e auspichi per la Chiesa unammodernamento”.
      La Chiesa è viva e giovane in eterno di suo, a immagine della Vergine Maria, non va ammodernata la Chiesa, concetti relativi e transeundi, Ecclesia semper renovanda!
      Guarda un poco.

      Io invece ringrazio ancora Padre Ariel per il suo coraggio, per il suo intransigente impegno a difesa delle Verità di Fede e della Sana e Retta Dottrina.

      1. pax, libera e altri anonimi, i vostri commenti di risposta denotano sono un pregiudizio nei miei confronti. dubium, sicuramente non fate una bella figura rispetto per chi legge, perché chiunque può rendersi conto che non avete neanche capito quello che ho scritto, tanto eravate impegnati a scrivere con la bava alla bocca per l’odio nei miei confronti.
        È proprio vero sig. Fabritium: “dai frutti riconoscerete l’alberoe questi ultimi commenti nei miei confronti ne sono l’esempio.
        Estalis Maximilianus.

        1. “pax, libera e altri anonimi”, hanno raccolto per grazia di Dio un frutto prezioso e straordinario: grazie alla chemioterapia della vera fede cattolica, si sono liberati da quel pericoloso cancro settario chiamato Cammino Neocatecumenale, un albero riconoscibile da mezzo secoloquest’albero infettoproprio dai frutti che ha dato.

  14. Non son brava con le parole
    Esprimo semplicemente il mio grazie a don Ariel
    Ha detto la Verità in un programma televisivo dove non ti aspetti di sentirla pronunciare.
    Ho sperato che vibrasse nei cuori di tutti gli ascoltatori
    Epperò non tutti si ha orecchi per intendere

  15. Nonostante io desideri che trasmissioni come quelle spariscano e non le guardi più nessuno, credo che la presenza di Padre Ariel abbia avuto un effetto positivo: anche il pubblico generico ha potuto vedere che esistono ancora preti sani di mente, Orthodoxa, che vestono la tonaca, che non si fanno intimidire da chicchessia e che, super omnia, sono giovani. Queste cose demoliscono un gran numero di miti urbani.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.