Quod perniciosius-politica ideologia immigrazionista clericalis: Romae foedum comploratio orta est in angelis Nigerians? Recursus ad violentiam pertinet legitimate usu quam in nonnullis condicionibus particularibus quae subjecta faciem

- morum Catholico, et societatem rei publicae -

Romans perniciosum immigrazionista clerico-Policy: ANGELORUM IN NIGERIAN iracundia IN ROME? DE APPELLATIONE ALL'USO DE VI, Legitimum magis quam in nonnullis condicionibus particularibus quae pertinent OB et QUIBUSDAM

.

Semper sapientiae moralis catholicae prodant idque quam aestimanda conditiones necesse est quae vim, verum etiam necessarium,, quia non est viable et operabili. Si plura rationabile omnes, et non vehemens modo civilibus vero ipsi probare te esse non solum inefficax, sed etiam qui in damno loco poni faciant mali, Conticuere omnes intentique ora, honores, potentiam,, non modo bene contingit aliquo, sed solum viable est, et hoc satis officiosus,. Quod: mox habebimus inimicitias impotenti ac vehemens partum urbana qui immigrantes fauces virorum bellica ....

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

et servitium video TGCOM24 Roma: Causa quod "frater profugus 'Nigerian conviva cladis inflictae ad Policlinico ego Humbertus, Aliquam impetum est mulier in Termini station et nocet. Prius habuit animi impetu pulsos Italia ad sexualem impetu, quod ejectio visa sine supplicium

nullum Cardinalis Petrus Cardinalis Parolin nec Gualtiero Bassetti, et in rebus quaedam tractare, non expectata in eo esse ut electiones irae Europae Parlamentum. Ego sacerdos antiqui eum qui docuit me, et sanctorum doctorum, quae regit omnia alia virtus illa semper exercere quaerere: Caute. tum, Si duces sunt Ecclesiae illorum qui ab imprudenti persona ludo et quasi fuerunt simul Nihil invenit magis dare, quam imprudenter dixerunt de me ut faciam tibi dicere verum - et quando verum dicunt, non potest creare et conversus plures problems in damnum -, Haec res sua, non est meum. Hoc ergo opus est tibi Christi fideles, membra Populi Dei vivi Sancti, Qui in auctoritate est determinandum in fide, per doctrinam et pastoralem, ridiculum subsidere asseclis, pugnax contentione formae a clericali tamen dictatura poten-auctoritatisque eius indigentiam auctoritatem recompensetur communi saluti,, sicut nonnulli solent Elficidium Dies mali Sed usque ecclesia Sancti hodie impestano pauperum Christi…

.

In terra pulchra animarum In diebus illis "fratrem insidiatus", socialis et psychicae morbo quodam districtionis, causato ovviamente dalla nostra cattiva società e da tutti i suoi cattivi componenti — che secondo certa sociologia politica moderna sono i veri e soli responsabili — presso il Policlinico Umberto I di Roma ha aggredito senza motivo e poi ripetutamente colpito un portantino causandogli lesioni e una prognosi di triginta diebus.

.

Vera fabula vera ex abundanti, per servitium unius momento, 45 seconds TgCom providet a detailed propter invitare te audire [videre, qUI]. Si ergo hoc quod fecit eam absumi, et dampnum per hoc thug cum criminalis record est non satis ad impetum, et sexualem oppugnare, et attendere ad id scriptor Accusatore officium Romae, pulchra pro animabus illorum beltade Non potuerunt includi in Alba Rose de Paradiso beatus Dantes, Ipse est etiam molesti to investigate the Carabinieri (!?). in facto,, Milites, persona comprehensum, eo loco ubi fit repatriations tulerunt, 'Frater, qui fugit: "longius est confracto Aegypto, Denique sine ictu levi sauciam et in fronte eius. Quod attinet ad subiectum et ut historiae et in transmigrationem non supplicium, qui autem impetus dabant ei mulier Termini station, civem Romanum in cubiculo mora pulsanti Hospitium, Ansgarius statim ut incipit illam emittit sputum et morsus Carabinieri, Nihil minus quam debeat magistratus milites Italici publica meritum quod accidens causatur appuri si leviter exulceret, Nos sit ultra gens garantista, uel? [videre qUI].

.

Nam eos qui nesciunt, Semper pauci inter bonum notitiam flagitium Italiae, qui egreditur, quia non per se est interpretari Ansgarius atrio carceris, et sententias beneficia sine diminutione aliqua ex, praeter ista distinctione ex orbe ita vocato homophobia et gays, quod a parentibus inluserunt; praetor exercitatio ad munera eius. Quae una et scelus: Intemerata et maiestatem summi ordinis novo impetu. Quod si esset clarum admonitus, Descendit ergo modo dicimus exhausta canebat: se un fuori di testa ti aggredisce per strada senza motivo alcuno, mentre Carabinieri o Poliziotti sono sempre a redigere i verbali in tribunale, il magistrato lo ha già rimesso in libertà con mille pretesti: era mezzo ubriaco, ha preso un colpo di sole, la violenza c’è stata però in modo non eccessivo … Però, se a fronte di tutto questo, uno dice al magistrato: «Guarda, che sei proprio uno stronzo ad agire così!», in tal caso state certi che non ci sono né mezze ubriachezze né colpi di sole e via dicendo, si finisce processati per direttissima, condannati per oltraggio e incarcerati senza sconto alcuno di pena. O qualcuno che vive e opera da anni e anni nell’ambito giuridico e giudiziario, può forse ragionevolmente negare il tutto?

.

Magistratus quidam mentiuntur et procacis, Et sic pressed per reporters in casibus sensational, quae saepe saepius Italas, Dicendum quod lex non applicare, et sic in, reus, Est legislator. Quod omnino falsum, Criminaüs legis, et quod Code Criminal Procedure Code, maxime probata coram recidivism scelus ingenio, ad salutem animarum periculum, quae iura et applicandi, etiam detailed et accurate locutus. Sic excusat 'Lex est non applicare "ergo", est culpa legislatoris', Omnino non valent aquas, et tunc quidem magis pertinere discretionis arbitrium disapplicano legibus suis, tipo lasciare in libertà un soggetto pluri-pregiudicato, violento e quindi pericoloso.

.

Ma ecco il coro delle anime belle che non hanno esitato a precisare: «.. et, vabbé, ma poteva essere anche un italiano!». Infeliciter, le anime belle, ignorano che diversi italiani, trovandosi all’estero per turismo o per soggiorno, quando hanno commesso dei reati — e c’è eccome, chi li ha commessi — sono stati rigorosamente arrestati, processati, condannati e spesso incarcerati. Prendiamo un esempio legato a un caso recente avvenuto in Spagna: un giovane campano di ventinove anni, originario di Casal di Principe, discipulus Erasmus, all’uscita da una discoteca ha aggredito un giovane spagnolo e dopo averlo fatto cadere a terra con un pugno, dum victima iacere esset in itinere, in calce capitis est de eo pulsate, et trauma causing, adhibita etiam ignavia haec circumstantia aggravans [Cf.. annales, qUI, video qUI].

.

statione Augusta Taurinorum: coetus a Sabaudia “pulchra music” qui nullo iure conatur immobiles faciunt displicet vigilum Nigerian qui scindit tristis iustus capta est. Unus de agentium, a “pulchram animae” dicit quod '…sed est homini!», replica: "Quid scis tu, quod factum est? nos autem, qui cogitat,?». iam, anima igitur humanitatis species pulcherrima et post-: oppugnata per lictores vulneribus, qui cogitat,? [Ad imaginem Click to open video]

Periculosa quaestio gravis, Scilicet Emilio Puorto [Cf.. qUI] Et translati sunt in vigilum captus fuit a Spanish exspectantes iudicii vincula; Respondeo dicendum quod crimen gravis et ipsum: plectit caedis optatae. rectus, ex parente, qui contumeliam fecerat, Et dimittam populum ut sciam quod non deficient curatoribus rursus edicere quod "non filius meus vehementi" [Cf.. qUI]. tum, quod ferox, vehemens habitus sui 'innocui creatura' suum e profiles socialis et quod sic tam simplex analysis de imagines ab aliquo orci psychologist in diagnosable, Haec est alia materia. In alia manu, quod valde dolendum est, quod omnes cognoscantur, Multa patrum Italiae, imprimis Italiae meridionalis, Sunt autem volens dicere: "Filius meus si feci istud, Forsitan essem malum doctorem,? Vel simplicius: "Filius meus si feci istud, ne forte sit quod, imprudens peccavi, Parare fallor educare?»Nulla, non semper. In communi et in parte Italiae puer Southern, parentes enim illius non est semper iustus perfectus. Et si fit aliquid,, Sunt alii qui fecit iniuriam. Et sic, tantus est parentum, Et quod omnes omnia possunt reprehendere, incerta et entitas abstracte dicuntur "status defectus". Quid, dices illi, cum nescio ubi inhaero, quam veram esse fateamur fortasse parentes inopia, Conticuere omnes intentique ora autem primo dictamen apud: "Quod sit status, de absentis absentis rei publicae ...!». Et quis explicet, haec pristini subjectis regni Borboniorum, rem publicam non abstracta Marcellinus, sed in usu sunt omnes ex nobis, quod, Publica sumus Italiae?

.

Non ad mentionem matres ... vigilum invenire filium cruenta manu, in ferro occidit et cadaver viri mortui sunt in terra? Certi estote ut typical mater bell, calabrese, Apulia atque Sicilia, Et non dubitant dicere quod filius est puer defendere aeterna pace a tergendo ferrum cultro, sic ut in terram exanimis, cum illi tam diligenter et purum ferrum, missus ab apice acutum invidiae pulchri corporis cum saepius feriendi, Est igitur utraque pectus, Conversa, retro saepe cum. in brevi: Nihil habet Filius meus ut faciam, Culpa est omnis mortuorum.

.

In episode, Aut quasi parens "iuvenum violentum" humi iacentes afficiente tergiuersarenturque paris ceciderunt, si datur Italiam parum ipsa imago in multis effert vastatores iuvenibus, de annis cursum tenere Universitatibus parentum, Cum enim se debuisse consilium studere Erasmus et ita in. Adversus hoc et, Est enim non omnis qui scrutator Hiberi praetor dixit: O bene ..., Vesuvius in omni provincia natus est conscriptum solummodo munimentum Camorra Casale, quia lex studiosum obvious amat,, praeter ens omnino nesciens basic iure fundato, pro eo quod fecerint, et quod studiosus tantus amor persuadendi, fere XXX annis est in limine coitu, Hoc gravissime non habet exactum quid agat cum excutias et solvas, Si autem advocatus vel thug. Hiberi bona animi nec ullum, ubi etiam in sinistra ferox inopia forte relicta nobis, Bene ... clypeus justificatory extulit dicens, Is could quoque exsisto a Domino Casparo!

.

Ac per accidens, ex maxime popularis vero poenalia praesentialiter Codicibus regionibus mundi, Semper autem id quod est alienum circumstantiam aggravantem elementum nationalibus, Nonne in regione commorantem, non enim meliora facere quam facit offensas. Non tamen ista circumstantia aggravans rigorem Italiae aulas applicantur.

.

Quidam ex legis casibus per studeo, et demonstrabo animadverto potuimus, manifesto est verum videbatur, non liberum Disputatio, non solum, quorundam civium italice, Et variis criminibus convicti fuerint de foris, ma che sono state ripetutamente negate dai magistrati del luogo e poi dai competenti ministeri per gli affari esteri le domande di estradizione presentate dall’Italia per rogatoria internazionale. Con questi dinieghi, che non sono stati pochi, è stata dimostrata la bassa considerazione che certi Paesi hanno della nostra magistratura e del modo in cui, in Italia, è applicata la giustizia. In questi Paesi nei quali nostri cittadini hanno compiuto reati per i quali sono stati processati e condannati, le autorità sia politiche che giudiziarie non gradiscono essere prese in giro dai nostri magistrati di Sinistra Democratica. Sanno infatti bene che questa casta di magistrati, anziché procedere alla esecuzione in Italia della pena a loro inflitta, Et iam in antecessum ad edictum, et statuit release aut pro modo poena mimica in domo comprehensionem, cum ab aliis convincantur accedunt quaedam elit.

.

Materia: “frater fugatus;” Nigeria aggressus navibus lictores gubernaculo rota baculo [click to open video]

A senior US foederati praetor, fere XXX annos, prius autem affirmabat hujusmodi esse negata extradition ad Italiae Civitatibus Foederatis Americae civis iudicio condemnatus crimina terrorumque in societate et armata cohors, Et dixit ad me: verbum verbo:

.

"Nihil Ad Nos constat quoiquam unde ad oppidum Italiae iustitia, et ne quidem facere non habent ut nos in vincula. Sed possumus accipere circa nos et super iudices vestri quidam de an ad sinistram. Scimus autem quoniam diligentibus se, genus enim nostrum in iudicium, sed praesertim quia semper fuerit communistarum militans, in Italiam et fortiter excipienda, Conversio ad veram libertatem abjicioque munerum re statim: Illa quae instar esset bonum, Iudices habemus iustitiae et Foederatum de Civitatibus Foederatis Americae sicut improbi '.

.

Foederatum US Iustitiae tunc traditus fuit praecogniti cum cancer Italiam, etsi malignus non-. E, Quod erat demonstrandum, Domina receptus est in aeroportus commotionis rubra vexilla communistarum Party refoundation, Tota Italia extremam sinistram maxillam nuper nineties [Cf.. qUI].

.

principes nostri Et internationalis fama fruendum magno. Iterum autem describuntur quae sunt in exemplum: viginti duobus contingit oppido Italico mane transirent Tunisians immemores insultans historica mediam civitatem negotiatio clausa, In duas enim supra scooter quinquaginta obsessio, quippe sine galea. Sunt tres infractiones et gravis: tandem equitantes moped probatus est in viatoribus; Non hoc galeam portare; vehicles in civitatem centrum negotiatio clausa. Videntes eminus duo lictores, in loco duorum tamdiu retrocedens, et Tunicensi, modo exsultat aenis, Coram duobus militibus nituntur os adduxit risu. Uno dei carabinieri li ferma per procedere con l’immediato sequestro del mezzo. Uno dei due tunisini — essendo appunto un tunisino pregiudicato e potendosi quindi permettere di tutto in Italia — non trova di meglio da fare che sputare in faccia al carabiniere, il quale istintivamente gli molla una sberla. Il tutto ripreso dalle videocamere di sorveglianza installate in quell’angolo urbano.

.

Il tunisino si reca al pronto soccorso con una leggera escoriazione al labbro e dichiara di essere stato aggredito da un carabiniere. I poliziotti in servizio al pronto soccorso sono tenuti a prendere atto di quanto dichiarato ed a stilare il verbale. Il giudice per le indagini preliminari apre il fascicolo a carico del carabiniere che un mese dopo, con una velocità giudiziaria straordinaria, è processato, condannato e sospeso per due anni dal servizio senza stipendio. Il tutto per avere mollato una sberla a un tunisino che gli aveva sputato in faccia e che era noto alla giustizia sin da quand’era minorenne per tutta una serie di precedenti legati a furti e spaccio di droga. Non finisce qui la storia: il carabiniere rischiò una seconda incriminazione durante l’udienza preliminare da parte della immancabile magistrato di Sinistra Democratica la quale stava per aprire un fascicolo per reato di oltraggio dinanzi a una domanda a lei rivolta dal milite:

.

«Se un pregiudicato con ventuno carichi penali pendenti sin da quando aveva sedici anni, Et eius spuisset in faciem durante exercitium et ad munera publica, eventum?».

.

In damnationem manifestum est quod in esse distincte miles ab iniquitate minime congruit Aliquam.

.

“frater fugatus;” Nigeria vigilum ruit in medio tristis abscessit, et in statione digito morfu [Click in imaginem aperire ministerium]

Quaestionem de bonis animabus et interficerent eum et aliud esset esse,: eventum, Tunes, si diluculo viceni thus spuisset in faciem tristis Tunisian? Hoc tempore cum ad cenam cum iure, respondit eis duo: 'Est simile tuum, terra culta sumus ". Replicai: 'Intelligo. ita et vos, politice rectam doctrinam de gratia defendunt indefensible, sine etiam intelligamusque eam dicentes quia Tunesia quod in te est, civili hominum regionem suam?»

.

Nos volo ut sermo per securitatem publicam agentibus Nullam et operatur circa peregrinorum officiis Italia? Quam multa tempora, accidit ut apud Africanos et saeva dedisset impetum magistratus? Fieri potest ut nemo quid quaeris, eisdem, De officiis suis regionibus pro vigilum ad eos ut sisterent capitibus haec leniter et tacite loqui? Ob haec, Bene est aliquis qui velit justify ..., Et quoque quod possit ex Italica! Si ita ergo nos trahere e in statistics: quanti sono gli italiani che decidono di correre il rischio di aggredire i poliziotti direttamente dentro gli uffici di pubblica sicurezza? Perché un italiano, per esempio un affiliato a qualcuna delle nostre associazioni mafiose, può essere tranquillamente capace di freddare a colpi di pistola un poliziotto mentre rincasa dal proprio servizio, poiché ritenuto colpevole di fare indagini approfondite sui giri d’affari di certe cosche, ed è accaduto e pure in più occasioni. Però non sarà mai così idiota da aggredire i membri delle Forze dell’Ordine direttamente all’interno degli uffici di polizia, come invece hanno fatto più volte nel tempo certi soggetti provenienti da vari paesi del Continente africano, dimostrando tra l’altro — piaccia o meno alle anime belle —, una forma di idiozia così inaudita che, se sottoposti ad esami clinici, forse sarebbe emerso un encefalo piatto, oppure un gas vaporoso dentro la testa al posto della materia cerebrale.

.

abhinc annis, tre prostitute minorenni nigeriane, fermate dalla polizia hanno aggredito due poliziotti. Conoscendo le “regole” della magistratura del nostro Paese i due poliziotti si sono lasciati malmenare, sono stati rincorsi mentre tentavano di fuggire senza muovere dito, finendo infine in ospedale. Dei due poliziotti uno, poco più che trentenne, rimaneva invalido permanente perché gravemente ferito a un occhio che non fu possibile salvare. et tamen,, quei due poliziotti, per quanto le tre minori fossero aggressive, Desuper quieti poterant iuvantis batons posuit quatuor batons. Quid, et non fecerunt? Maybe aliquis scit, aut cops, et impetum, Tria sunt meretrices se defensuros uites nigra pantherarum diabolica minorum, tum ex eo, quod integrum inviolatumque frui virtute et pro honore dare of having cute niger,? Nunc autem posuit alia quaestio: In his tribus minor meretricis luxuriabantur, unde in regionem, Nunquam transgressus est enim impetum animi mei robustioris aetatis duo in Nigeria?

.

Dixit autem quod quaeritur nunc,, Semper enim pulchra animarum: Posset habere mutant Italiae etatem vigilum unde alter habenas lacessens amisso oculo visionem? Quoniam non posuit nos sumus in domo meretricis, et parvuli sub elementis, Super quibusdam negotiis exercendis facilius quicquid ex protegere Parioli [Cf.. video, qUI], sed non in via. Sed fugientes lictores qui etatem vim timere meretrices infestantes defendere - quid eis faceret iudex Reliquit Democraticae mulier -, et tandem persequimur eos ad caecum uno oculo in nulla ..., huiusmodi meretricum, in Italia, Aut non placet pulchra animarum, non habemus. quia, nostrae gloriae meretricum amet, minorum vel adultorum, qui, non sapis, Non sum sicut aliqui stulti Nigeria, quia nihil post homines impulit in sidewalks incutiendus per cultum eorum voodoo e minacce di altre strane magie. E non mi si venga a dire «Ma poverine, è la loro cultura». No, la cultura è quella di Aristotele, Titus Lucretius Carus, Sant'Agostino, Sant’Anselmo d’Aosta e San Tommaso d’Aquino; è quella di Dante, di Petrarca e di Boccaccio; è anche quella di Marx, di Hegel e dei poeti maledetti Rimbaud e Verlaine. Ma non chiamatemi “cultura” quella di donne che spaventate con una bambolina con due spilli piantati sopra ed un osso di pollo morto, finiscono sulla strada a prostituirsi, perché se proprio vogliamo dargli un nome — politicamente scorretto quanto vogliamo — a essere proprio buoni dovremmo parlare di sub-cultura sub-umana.

.

La cosa tragica è che le sinistre radicalis pullus d’Europa, segmentum illud una cum episcopatus probantes quid magis ipsius fabulae, non cogitant et vivunt, ad casum definitum ac potissimum sacerdotibus et fidelibus catholicis,, It seems to have given consiliis politicis se incredibili Hymnum et ecclesiali, in atheos canticum Surrealism Image John Lennon:

.

Illic 'nulla imaginari caelo sunt
Est experiri facile
Neque Infernum infra nos
Tantum caelum supra nos:
Universosque finge In diem
In diem vivere…

Illic 'non cogitet terris
Est non difficile facere
Nihil enim est occidere aut mori
Dignum Nec religionem demum
Universosque finge In diem
In pace vivere…

Licet dicere me somniare
Sed Im 'non solus unus
Spero te ad nos convenire aliquando
Et factum est ut mundus erit

Nihil possideri finge
Nescio vos can
Nullam sitim, nullam famem,
A brotherhood of man
Universosque finge In diem
Sharing all the world

Licet dicere me somniare
Sed Im 'non solus unus
Spero te ad nos convenire aliquando
And the world will live as one

.

Immaginate

Immaginate che non ci sia alcun paradiso
Se ci provate è facile
Nessun inferno sotto di noi
Sopra di noi solo il cielo
Immaginate tutta le gente
Che vive solo per l’oggi

Immaginate che non ci siano patrie
Non è difficile farlo
Nulla per cui uccidere o morire
Ed anche alcuna religione
Immaginate tutta la gente
Che vive la vita in pace

Si potrebbe dire che io sia un sognatore
Ma io non sono l’unico
Spero che un giorno vi unirete a noi
Ed il mondo sarà come un’unica entità

Immaginate che non ci siano proprietà
Mi domando se si possa
Nessuna necessità di cupidigia o brama
Una fratellanza di uomini
Immaginate tutta le gente
Condividere tutto il mondo

Si potrebbe dire che io sia un sognatore
Ma io non sono l’unico
Spero che un giorno vi unirete a noi
Ed il mondo sarà come un’unica entità.

.

Milano: “frater fugatus;” aggredisce poliziotto in pieno centro mentre se ne andava girando brandendo in aria un coltello … [Click in imaginem aperire ministerium]

Ciò di cui il multimilionario John Lennon si auspica la non esistenza, in realtà esiste, inclusa la demonizzata «proprietà». Et ille, che ha lasciato un patrimonio ufficiale di circa trecentocinquanta milioni di euro, dovrebbe saperne qualche cosa della proprietà, se assieme a quel cobra imprenditoriale di Oko Ono non fosse stato un campione della più grottesca incoerenza … [Cf.. qUI].

.

Non solo esistono patrie, ma con esse esistono anche relativi territori e confini, che all’occorrenza vanno protetti e difesi con tutti i loro abitanti. E se la pace nel mondo non esiste, è perché essa faceva parte di un’armonia perfetta che è stata corrotta dal peccato originale di Adamo ed Eva. È pertanto davvero diabolico che oggi, a rivendicare la pace, tra striscioni arcobaleno, con tutti gli annessi e connessi, siano proprio i sodomiti orgogliosi che mentre vi sto scrivendo queste righe stanno sfilando per le vie di Roma al grido di Peace and Love. in brevi, per invocare l’armonia della pace in nome di quel peccato contro natura annoverato tra i peccati che secondo l’espressione biblica «gridano vendetta al cospetto di Dio», occorre davvero un grande coraggio, ma soprattutto uno spirito alterato da colui che sin dalla notte dei tempi è il grande invertitore: satanas. Blasphemiam turpem neglecta fuerint omnes voces exprimitur diversa occasione Gay superbia, James Martin eo grandis hereticus, qui ex Jesuitico.

.

In praeter secundo lucibus isse Probat quod principia sint scientifica anthropologiam rigorem modis diversis gentilicio existentiae, historiae auctoritas politica et sociali culturarum singularum dissimiles mores eaque li. Etiam status caeli facies locorum et populorum in gradum sistens, inter quas diversis habitum manducans. Facile igitur dicere disciplinam morum incola Holmia, quae cum aliis conversatione communitati, animam suam, somnum, operating, et ad vescendum, Et quod satis sit quod ex diversis Italiae locis per viventem in Pachino, Portus Cale, et Palo Marzamemi, , in Siciliam tip of South Eastern. et tamen,, in eadem ciuitate metus edita Parisiis edita et Siculis regionibus ubi municipiis Italiae fines trium, stat quod exaratum est: Coniuncto Europaeae. Hoc est quod vos can satus faciam de lateribus aquilonis ut ex Europa et usque ad summitatem Sicilia, quae sita est in parallel locorum id est, decem et octo chiliometrorum infra Tunes, Congue sine ullo termino ostendere, nisi modo fines Helvetiorum Confoederatio pertransibo, in Principatus Monoecus, Principatus vel â Liechtenstein. Volendo anche dal territorio dello Stato della Città del Vaticano, circondato da mura e da servizi di vigilanza, all’interno del quale non si può entrare e muoversi senza permesso, n’è prova il fatto che al suo interno non ci sono né rom, né barboni né venditori abusivi africani; non vi sono accampamenti nei giardini vaticani né roulotte di zingari nella piazza antistante al Palazzo del Governatorato … perché tutto ciò è sul territorio italiano, con la benedizione della Santa Sede, specializzata ormai da tempo a benedire di tutto e di più nei territori e nelle case altrui, ma non nel territorio proprio.

.

L’europeo di Stoccolma e quello della punta estrema della Sicilia sud orientale, pur avendo sul documento d’identità la comune dicitura Unione Europea, sono delle figure antropologicamente antitetiche sotto tutti gli aspetti, influenzati e condizionati non solo da diverse storie, ma anche da diverse situazioni climatiche, ambientali e alimentari che incidono sul carattere e sulla sfera comportamentale. Esempio banale: quando la sera, nel periodo primaverile o autunnale, l’italiano che abita nella punta estrema delle Sicilia sud orientale, tra le 21 quod 22 si siede a tavola per cenare, a quell’ora, l’abitante di Stoccolma, è già a letto a dormire da due o tre ore, dopo avere cenato la sera tra le 17,30 quod 18, ad un orario nel quale, tra Napoli e Reggio di Calabria, si fa la merenda. E mentre l’abitante di Stoccolma dorme col piumino d’oca e forse anche col riscaldamento acceso, tra Napoli e Reggio di Calabria, in quei periodi primaverili e autunnali, si hanno già i condizionatori d’aria in funzione e si fanno i bagni al mare.

.

La giustizia italiana in passato, specie in certe zone del nostro Paese, da una parte condannava, dall’altra tendeva a mitigare le pene per il cosiddetto delitto d’onore, riguardo il quale il Codice Penale recitava all’articolo 587:

.

«Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell’atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d’ira determinato dall’offesa recata all’onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, in iis, qui facit vitam carnalium illegitime cum coniuge, uel cum sorore sua filia '.

.

Aiunt et ex praescripto nam dicitur, quod ita provisum delitto d’onore Et tandem ne abrogata sunt, in tantum, 1981, non per legis. 442 quod 10 August.

.

Vicentiam: “frater fugatus;” Nigeria immittit in utres novos magistratus currus, tunc erumpit ac irruit DECIPIO ad septum nasi [Click in imaginem aperire ministerium]

Non miror cur hoc loco hoc scelus, et diminuens related, Quod erat provisum codices in iudicio poenali protulerit terris Scandinavian. Non desunt qui regiones Italiae lingua appellantur illum cornutum,, quia non solum in gradu sociali-culturali, ago in Scandinavia, proditionem vel metus non est comparatio quantum potuit societatem quam Italice quadraginta annos, quidam areas in meridie maxime nostrae. In reditu, in terris Scandinavian, Si non habent excelsum rate of illum cornutum,, semper tenere summo rate mortem, praesertim apud iuvenes aetate coetus. Quod autem loco infirmum, senes, vel variis populus fessi viventium, humanae societatis vim ingressus paulisper excellentissime efficitur defenditur mouentibus auxilium vocant mortem possibilitatem. haec, Est tiam exculta civilization, Scandianis. Micha quod Italica, nisi in paucis decenniis ad ignoscendum dari homini datum fuit siccitas moderamine amisso coniuge manifestarius amanti. In quolibet casu manifestum est,: et non universalis in globum compactionis apud nos evolved. In hoc hodie, in Calabris Siculis confunditur, si aut vir venit in domum et invenit uxorem suam in lecto suo apud amans, apparere retro Et in fronte eius et ipsum, quod sit quod esordisca dicens: "Dilectione mea, quid mirum! Vos ordinata est commutatio in par ... Threesomes non scientiam meam? Ut expectare iam et ... ".

.

Nostrum peregre profectus est, original. L sumus Italiconullo labore aut scire fatentur. in facto,, chi come me agli inizi degli anni Novanta del Novecento era nella fascia d’età tra i venticinque ed i trent’anni, ricorda bene i barconi provenienti da alcuni ex Paesi comunisti, in particolare carichi soprattutto di albanesi e romeni. E tutti quanti ci dovremmo anche ricordare con qual genere di criminalità ci ritrovammo in casa, nel giro di breve tempo. Solo dopo scoprimmo che in molti di questi Paesi dell’ex blocco sovietico, alla caduta del Comunismo avevano aperte le galere e, non pochi tra i loro più pericolosi delinquenti, ce li ritrovammo in Italia. O nessuno ricorda le bande organizzate di albanesi, romeni, kosovari e via dicendo cantando, che depredarono le case di interi quartieri residenziali italiani?

.

Nessuno ricorda, nelle zone delle ville sul Lago di Como, in quelle della Brianza, in quelle sui Colli Bolognesi, di Poggio Imperiale a Firenze e nelle campagne toscane, per seguire coi vari quartieri ultra residenziali di Roma, quante persone si ritrovarono con ladri in casa che in più occasioni si “divertirono” anche a tramortire di botte il padre e il figlio ed a stuprare la madre e la sorella minore? Sono fatti di cronaca e atti giudiziari che fanno parte della storia documentata del nostro Paese, non sono fiabe razziste e anti-immigrazioniste inventate da quelli della Lega Nord di ieri e di oggi. E si provi a chiedere, a qualche economista specializzato in mercato immobiliare, che cosa accadde nel corso di quegli anni Novanta, dopo la caduta del Muro di Berlino, con l’arrivo di certe ondate di gente nel nostro Paese, sotto la bandiera di falsi profughi che scappavano dalle macerie dei caduti regimi comunisti. Accadde in breve un vero e proprio crollo del mercato degli immobili di lusso. Et sic, persone che avevano acquistata una proprietà in certe zone agli inizi degli anni Ottanta, a fronte di quel problema e volendo ritornare a vivere in città per paura di furti e soprattutto di pericolose incursioni nelle ville da parte di bande di violenti, pochi anni dopo non riuscivano a rivenderle neppure alla metà di quanto le avevano pagate, perché molti volevano vendere, nessuno era però disposto a comprare, se non a prezzi stracciati.

.

Se facciamo una ricerca negli archivi delle emeroteche, andando a leggere i giornali della Sinistra radicalis pullus di allora, col figlio di Giorgio Napolitano che in quegli anni era studente di lusso alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa, dove si dilettava a parlare di proletariato e di classe operaia, scopriremo che la colpa, non era delle bande dei ladri, nient’affatto! La colpa, praticamente, era dei ricconi borghesi che si facevano le ville di lusso sulla pelle dei loro poveri operai. Essendo però Napolitano junior coerente come John Lennon, veniamo a scoprire che oggi, in piena epoca di immigrazionismo sostenuto dai soliti noti in concorso con le odierne sacrestie, il rampollo se ne guarda bene dal favorire l’insediamento di bande di nigeriani nella esclusiva Capalbio, dov’egli è solito ritirarsi in vacanza assieme ai principali ducibus della Sinistra radicalis pullus.

.

Se poi passiamo a una ricerca negli archivi giudiziari, Nos invenire, in his, perpetuo esset conservaturum,, vetus est scripto a telephone tapes nostri homines exquirendo, qui inventus est in fronte se incredibili colloquiis: Albani et activa quantum Romanians latrones Italiae, Qui venturus suorum, cupidissimi veniendi vel, Et cum fiducia, quod explicavit ...

.

"In Italia non opus est omnino, sicut et nos laboraverunt Nicolai Ceaucescu. Si deprehensus capiunt, dabo tibi duo annis ad ad maxime, Non ergo ea discounts, quia duobus annis, in carcere, Ac ne te. tum, vigilum Italiae, Sunt nobis agentibus, non de antiquis pignus, Si ergo et tu interitum t'ammazzavano dolii. No, Si tetigerit tristis Italiae, Et tandem in carcere, [...] aspectus, iterum, a me, dum intro ducis, appena arrivato al posto di polizia detti una testata sul muro, poi dissi che i poliziotti mi avevano picchiato dopo avermi portato dentro. Lo sai, che quei poliziotti sono finiti tutti e tre sotto processo?».

.

Questo testo riportato è la traduzione giurata di una serie di registrazioni telefoniche messa agli atti durante un’inchiesta svolta dal Tribunale penale di Milano nel 1991 su bande organizzate di albanesi e romeni specializzate sul nostro territorio in furti e rapine.

.

Prato: “frater fugatus;” marocchino, aggredisce verbalmente e ricopre di pesanti insulti un gruppo di poliziotti davanti alla questura. All’aggressione, i poliziotti, non reagiscono minimamente, sapendo perfettamente a che cosa andrebbero incontro se lo facessero [Click in imaginem aperire ministerium]

Vanum es dicere,, ma lo diciamo lo stesso: delinquenti a parte, in Italia è giunto anche e soprattutto un prezioso esercito di lavoratori romeni e albanesi dotati di straordinarie capacità di lavoro e di grande manualità a livello tecnico. Certe grandi aziende edili bresciane, senza questi lavoratori avrebbero avuto serie difficoltà. Perché come i fatti purtroppo dimostrano, il giovane italiano, a quasi trent’anni, è capace ad andare in giro per l’Europa a fare lo studente Erasmus fuori corso da anni, ma a fare il muratore o il manovale non ci pensa proprio; e i primi a non volere che faccia un mestiere simile, sono i suoi genitori, costasse anche tenerselo a carico fino a quarant’anni. Sinceramente non ricordo di avere conosciuto italiani così operosi, laboriosi e instancabili come certi lavoratori romeni e albanesi. Quo modo autem nulla oblivione delebitur, Semper pacem Domino largiente, Magna burgenses, qui in Triveneto ad directe eligere et in Romania et Albaniae dux peritissimus operarios et operarios, forsitan quibusdam Italiae jobs iuvenes facere voluisset?

.

Terra continens est Africa, ut dictum aliquoties iteratisque. Loquens ergo universa quæ de manu Afrorum, est prorsus similis facies rerum & in aliqua nomina abstracta, quae dicta sunt, sic European. Africae et Aethiopiae, cum de Afris Eburneum, socialiter, Anthropologica culturae et communia habent in se ex Graecia in Europae habet facere cum Europae Finland. Praeter Unionis Europaeae ex logo, quod uniens, magis socialiter, Anthropologica culturae et, de Lithuanian in Melitensis? Aut Austriacus in Spanish? Et praeterea Hispanicum, At in Hispania et aliis locis cultus vindicant regionibus, dicitur ens ex Hispania prorsus publica locorum?

.

Et recordabor ego ingressum in disputationem de Turcia in Europa. Captus tandem ab iratis quam Graeci, qui nunc duo, dixi: "At Turcia in Europa iam habemus, quod". Si aliqua in me, et ego respondit kidding: "Im gravis. Coniuncto Europaeae, in Turcia Si tibi, Nos autem, Turcorum, id autem Graeci,. Cum se ipsis offensus stakeholders, Respondi, quod Italica, non avevo difficoltà alcuna ad affermare che provenivo da uno dei popoli che a livello antropologico è uno tra i piùbastardiesistenti a questo mondo, perché in Italia abbiamo avuto il passaggio di tutti i più disparati popoli d’Oriente e d’Occidente. Motivo per il quale oggi è possibile ritrovarsi di fronte a un sardo che, a livello morfologico, pare appena uscito dalla casba di un Paese arabo. Quindi ritrovarsi al tempo stesso dinanzi a un sardo da generazioni e generazioni che pare uscito invece da un negozio del centro di Oslo, perché è biondo, bianco di pelle, e con gli occhi celeste ghiaccio più di quanto potrebbe esserlo un norvegese.

.

Ci sono più biondi dalla morfologia nord-europea a Palermo di quanti invece non ve siano a Torino. Et cum Panormitano populus have multus of humor, Et quoque potest explicare ... "Vos scitis, et aviam nostram mulieres qui semper occupatus cum omnibus qui erant in terra nostra!». Quod hodie non est minus Graeci nefas os et ganniret, si quis eorum recordatus est facilis est et prompta eo: Current et Graeci, nam plus, nihil nisi Turchorum. Turcorum imperium in saecula quinque - dominationi et! - Graeciae antiquae structuram circumfundo, et destruxerunt penitus deleantur. tum, si Graeci, qui sunt qui credunt current Speculum de classic exempla monstrabit, era imaginibus, tum, tamquam: dedimus ficta pro testimonio. Infeliciter,, quod, Qui narrat nos et ostendit nobis quod quaedam tangunt features typical antiquae Graeciae populis, Nos invenire in in current Graeca-Turkish, quae quondam Magna Graecia Habitatores autem: ueluti humilitatem Calabresi Calabriam, Ex Apulia in locis Salento, dum ad dominari et Arabum ingenium prope Barium; vel Syracusis, in Sicilia, Catanae, suburbiis,, quia iam dominatur natura est proxima Ragusa Arabico patulum.

.

tum, Si quis probe novit nos current quod sint vera pura Arapha de genere antiqui patres de Aegypti, ibi sunt duo solutions: silentium, quandoque non intelligimus quod homines nolint scire tacente; uel, Si enim homo non scire et intelligere quidem promptus est, et aperta, Delevi splanandi Arabicis séptimo ceciderant culturae reliquiae Aegyptiorum, inter Insecta, corporalis et lingua features. Quod vocamus Aegyptia, altro non sono che una popolazione araba che vive su un territorio geografico che fu a suo tempo la culla di quella cultura egizia oggi estinta in tutti i sensi. igitur, hodie Aegyptios, Sunt ad Ramses magna et ultima Cleopatram, prorsus sicut in Eskimorum civis sit a Madagascar, sicut vena aut Graecum esse possunt tangunt eorum scalpturis immortalitati Scopam fortunatum, Praxitelus manum Lysippo, aut aera secutae celebre invenimus nihil accidit in Calabris Magna Graecia, Marina Riace, Rhegium Calabriae huius provinciae finibus.

.

Hic est impraesentiarum repetere et explicate de illis quae Africani;, hac definitione totius continentis habitatoribus alloquitur, Non sit crassa ignorantia, certe est totalis ignorantia voluntaria.

.

In varia multiplicitate continentis Africae, prudens esset qui domi sunt, summus periculo, ne in hominum vita transit in Europa, et sicut exitus fidem illorum, quia non potest esse major problems fons, inter publica salutem quaestiones. Haec causa est quod de numero annorum in Europa, coloniarum animis eorum iniquitatem Africam, et nemo audeat suspirare, sed vere non facile ad per, multo minus cum bollabili discriminationum stirpis et titulus racist.

.

Salerni: “frater fugatus;” nigeriano aggredisce sul treno il controllore di bordo [Click in imaginem aperire ministerium]

Parleremo adesso in senso lato, senza specificare i Paesi e le loro popolazioni, evitando così inutili problemi da parte delle anime belle. Anzitutto partiamo dal concetto di democrazia: gli africani di certe popolazioni non la conoscono proprio. Le loro società sono radicalmente edificate su impianti di carattere tribale, ed al loro interno esiste un’autorità assoluta, con connotazioni spesso magiche, dalla quale promanano altre “legittime autorità” che esercitano le loro autorità di pertinenza in modo deciso, duro e severo. Gli africani nati e cresciuti in questi contesti socio-culturali e magico-tribali, anche se hanno il collegamento a internet e l’ultimo modello di Mauris quis felis, se inseriti in contesti sociali democratici come i nostri, risulteranno ben presto soggetti al di fuori di ogni possibile controllo; e una volta fuori controllo risulteranno aggressivi e mossi da una violenza caratterizzata anche da elementi di crudeltà. Sempre per dirla con esempi concreti: se uno di questi soggetti, in un pullman di linea o in un treno, si toglie le scarpe e appoggia i piedi sul sedile, diffondendo semmai pure un odore nauseabondo tra i passeggeri, il controllore di bordo non può dirgli, con un sorriso sulle labbra: "Dominus,, Please, lei deve mettersi le scarpe e non tenere i piedi appoggiati sul sedile». agendo, il controllore di bordo darà di sé stesso l’immagine dell’uomo debole e non virile, che appartiene come tale a un sistema debole che non merita rispetto e meno che mai obbedienza. igitur, questo genere di africano non si curerà dell’invito a lui rivolto. Si igitur, il controllore di bordo, ripeterà l’invito, è molto probabile che questi si alzi e aggredisca chi ha osato richiamarlo all’ordine senza dimostrare di avere né forza, ne virilità né autorità per farlo. Infeliciter, in casi simili e con soggetti simili, non si dovrebbe chiedere proprio niente, perché l’unico linguaggio che questo genere di persone intendono è il seguente: il controllore di bordo si avvicina, non proferisce parole, tira fuori una spranga di ferro e lo colpisce ripetutamente ai piedi. Poi fa fermare il mezzo all’autista, Et accipit de hac re sicut sacci deterioratus potatoes et jactant, iter. Hoc est solum in animo, ut quibus lingua, omne aliud: popularis praecepta nostra, respectu nostri,, corporis incolumitate atque tutela, infirmitati eorum manifestationem iustum qui ab hominibus videri non merentur carent spectat virilitatem.

.

Non ergo defuit consilium, quidem mortem, ut quidam sentiunt, qui Europam ferri ex a bono animarum, cum eius praecepta in animo mira popularis ultra super garantismo, Quibus potestas populi instituendos in altissimis defixa radicibus intendo dare ne, praesertim quando habitavit in domo sua movent culturae socio-. Est quidem in immigration casibus ante dictis | subiectis quam semper in supplementum mitterentur, quorum radices et tribalism, ex necessitate accidere proferunt vim irascibilem et societatem quam admirabile magistratu vivere contemnit mulier Reliquit Democraticae, Et duobus annis switched ad suspensionem, nulla religio stipendium, tristis, qui ausus est dare Tunicensi a award-palmis caedebat ut contra quam affectus post tres articulorum dolor Road flagellaverint, spuerint in faciem ejus munera durante exercitium.

.

Solemne est pulchra animarum "Nos sumus omnium fratrum ', , sive canticum Image John Lennon, obliti sunt collectores tessera, magistrae publica onerariis, Bus rectoribus Italiam aggressus adflicto, quidam permanent usque grave dampnum? Sunt conscientiam, le anime belle, et Mediolanensis, qui Romae, bus sal si procurator pro tenendo uel in tramine vestibulum turpis, desiliunt ex Africanis iuventutis perspicite facies eorum non audebant tesseram? Tu animadverto quod nos pervenit discriminationum stirpis levels? a moderatoris, tesseras, Non orare solum album. Et haec est pura amplificandae studium, uel?

.

Magis falsa rei publicae oratio: nemo est qui semper sunt aliqui animadvertit stirpis African coetus in quibus consideretur labor hominis in alta subrectae? in facto,, nel loro genere di sub-cultura a lavorare è solo la donna, compito dell’uomo è di comandare e di esercitare il meglio della sua maschia virilità. E che cosa accade quando questo genere di uomini giungono in Italia? Sono forse educati, formati al lavoro, stimolati dalla nostra meravigliosa società democratica a cambiare stile di vita, sempre tra il canto “Siamo tutti fratelli” e Image John Lennon? No, gli uomini diventano seduta stante degli imprenditori del lavoro delle loro donne. Et sic, prese mogli e figlie, le mandano a battere per le nostre strade. È infatti cosa “culturaliter” molto più onorevole e soprattutto molto maschia far battere il marciapiede alla moglie e alle figlie, piuttosto che lavorare.

.

Giungiamo adesso sul finire all’apoteosi della scorrettezza politica: quali sono gli africani dei vari Paesi di questo Continente che invece possono adattarsi, a volte anche bene, all’ambiente europeo in generale e forse a quello italiano in particolare? Bene: audivi, audivi! Perché adesso ve la sparo così grossa da meritare il leone d’oro alla carriera per la scorrettezza politica. Coloro che si adattano senza eccessive difficoltà, sono quegli africani provenienti da vari Paesi che appartengono al ceppo culturale cattolico e che per generazioni sono stati formati e catechizzati prima dai nostri missionari, poi dal loro clero autoctono. in facto,, attraverso la fede e la religione cristiana, hanno acquisita una forma e una dimensione di universalità e di universalismo che è tutta quanta peculiare al Cattolicesimo. Questo genere di africani, tramite il Cristianesimo, hanno acquisita, di conseguenza praticano e vivono, satis alio concezione di società, familia, di rapporti tra uomo e donna, tra genitori e figli, tra loro e tra l’autorità costituita, civile o religiosa che sia. La loro radice culturale cristiana favorisce anzitutto il loro inserimento, rendendoli soggetti non problematici, o in ogni caso molto meno problematici.

.

Frosinone: “frater fugatus;” nigeriano aggredisce e picchia il capotreno, poi fugge. paulo post, gli agenti della polizia ferroviaria che tentano di fermarlo, sono a loro volta aggrediti [Click in imaginem aperire ministerium]

Se la correttezza politica non fosse stata elevata a dogma supremo da quella stessa società civile e da certa politica nazionale ed europea che ride divertita e ironica sui dogmi di fede del Cattolicesimo — che peraltro nessuno di noi pretende d’imporre a chicchessia e tanto meno a colpi di leggi tassative, come invece i liberal-democratici hanno fatto col gender, l’omosessualismo, inter eadem-sexus copulat, l’eutanasia e via dicendo … —, si dovrebbe avere il coraggio di dire che tutti quegli elementi di violenza, aggressività e crudeltà tribale, non sono posti in essere da africani che provengono da una cultura cristiana, ma da africani che provengono da sub-culture animiste, che sono legati a culti magico-tribali o che appartengono all’Islam. E nei Paesi africani, specie in alcuni, l’Islam ha una precisa caratteristica: tende a essere particolarmente radicalizzato, molto di più che nei Paesi arabi.

.

Sempre proseguendo di estrema scorrettezza politica: le bande di nigeriani che hanno ormai impiantata una mafia pericolosissima dedita al mercato della prostituzione, allo spaccio di droga, al traffico di organi umani, con vari e pericolosi collegamenti a organizzazioni terroristiche di matrice islamica, causa est, quia, risulta a qualcuno che siano dei nigeriani cattolici? Sono domande che bisognerebbe porsi, nell’ambito di studi, analisi e indagini serie, pro exemplo,: quanti sono i maschi nigeriani di religione cattolica che portano le loro mogli e le loro figlie per strada a prostituirsi? Quanti sono i nigeriani cattolici che hanno compiuto stupri, aggressioni o atti di violenza anche in danno delle stesse forze dell’ordine? La Conferenza Episcopale Italiana ed i vari centri della Caritas, costituiti e diretti dall’apice delle anime belle, si sono mai domandati perché, a Lampedusa o varie zone di sbarco della Sicilia, dalla Nigeria giungevano per la quasi totalità animisti e musulmani? E come mai, saepe, Nigeria pauci ex Pontificiis, qui festinus ad navem, Iter fecit inculcavit aiebant magno, conpluriens, quorundam hominum inventa sunt christiani, quod tabula, Et mors missi sunt in mare, parvulis? Potest fieri, ut societas nostra, iam extra omne fasque, non est creata est adeo novum, ut multo studio ne, analysis, Critica cogitandi investigationis et exercitium opera acriter et lucide?

.

In praeteritum mensis Maii, Romae, cum essem in copia emere panem et lac, Afer mater liberis, qui in stroller, quatuor vel quinque aliis, missae sunt per fenestram, cum paululum intra dicere salve et quaerere benedictionem. Quod erat clibano Romanos Roma, dum stupet et de duobus, Et posuit dexteram suam super caput postquam, Fecerunt in crucem exivit mater laeta ridet accepisse benedictione sacerdotis. Et illa, arridens et tangeret manu sua de foris, accennandomi arcum manu caput. At tu nosti, viae Romam semper in, Quam multis partibus accidit ut nec laeta sicut tradidi vobis praecepta mea, Africa Septentrionalis habet aliquid homo jecerit super terram, uel, duobus aut tribus pueris istis! Nigros, transeuntes viam nactus validum coniecit in me censuit de industria enim humero ejus,? Et opus non potest praestare quod est rogare, ut id genus hominum cui socialis-sunt sub iactabantur.

.

Audio quae fecit semel pro: Me in semita ambulat tres Negroni factum est deinceps in coetus mane viceni, Series … off aut impetro nec laeta sunt: ​​et tu, nos tibi et venit ad eum. Et intellexi omnia vide ne. Conantur contumaciter risu, et Callionymi fel cicatrice sanat: "Audi etiam, Im 'homo et quinquaginta annos in hac terra sunt in rem publicam religionum auctoritate agnita, - ipso manifesto magnus offa, omnia mihi dare possis sono incredibilique - "et dein fugerunt et ut nobis concedas transitum, quia sunt sub umbraculum tegminis mei non est in domum suam et in domo tua '. Quod si his tribus Rottweiler Misit autem ei, Quid accidit? Dixi non accidit Rottweiler rationem: hoc genus canum, sine dubio periculo, Videtis quod adhuc manet in vobis, et non sentire timere et adrenaline qui non solvunt in sanguinem, nisi sit deformis effectus non prorsus canis et institui, ut ad tales clandestina fuerint coniugia pugnare, Potest etiam impetum erus, Numquam impetum.

.

Milano: coetus “viri fratres eorum qui evaserunt” Nigeria, et immobiles comitatu procurator intervenit relinquo stagna cruentat tristis reddere [Click in imaginem aperire ministerium]

Secus ac de illis qui non aliquid scire quis aut, Conatus sum discere animalibus. Habui praeterito barboncino toy, Et tulit illud quod erat a mensis et dimidium, ac multo vitam beatam quindecim annos. Quinque annorum erat cum EGO had ut darem eam frater meus, quod Romae habitabam, ad sacerdotalia domus ut an international non turbare aliorum canum, rectorem, recte, Qui dixit mihi concedit me animalis Habeas semper amabilis est ac liberaliter educatus, cum adhuc esset exemplum sacerdotes, et unum diem,, aliud, sic deberi ut etiam pets. Et quod usquam vivere cum elit maxime, Nam etiam Filius meus frater et quinque anni et quod cresceret simul. iterum, dum frater meus est in domo sua in terra inferiore Maremma, Qui cum manente in gelida ad modicum spatium in poodle quæ erat inter duos abiit, stetit ingens Maremma pastoribus ad ipsos, Et maribus. Timebat finita mulctatum. Et vocavit illum et sperans quia bonum remotius, Et post redierat, cum duobus canibus. Aliis contigit episodes, sed alia similis. in eo, Magna amplitudo dogs, homines, et pacificis. Et iterum:: Medii inter duos habuit familia nostra parva canum latratus, tantumque sentiebam etiam maxime procul horum canum. Cum ad ipsos, emittens, non valentes latrare videntes vana et dimidium bonorum sunt, haec stetit. Qui tamen in die mysterium revelatum fratri: "Quod est valde simplex, Et hoc parum est, et sarcina canis princeps. Et magnitudo et magnitudine esse irrelevant. alii canibus, inter eos magnae magnitudinis, moneo, tunc enim confiteri partes dux pack "... Quod suus cur tres Negroni di cui narravo prima, cuius etiam instar trium Rottweiler, Vadam et recesserunt nec laeta, etsi non sit realiter barboncino toy, Sed principle, plana instinctu animalium, nihil aliud quam. Et non hominibus, saepe, multo magis nos, qui bestias bestias.

.

Celebrities, mi legentibus, Jugis multiplicique magna ex Afris Nationibus, Et ibi simul habitabant, et eis temporibus non participatur et desiderabilia mea et pulcherrima laicis vitam interiorem. Ones in toto orbe terrarum, quidam inter eos, qui nunc sunt Episcopi,, docere me quam ad certum conversari cum hominibus, et in nonnullis condicionibus particularibus. Hi sunt, qui explicavit, singula penitus, cum se in Italiam, cum forma prae timore, pro nobis et eorum affectiones sunt irridebit super. Qui optime didicit Italiae et Africae, con tutte le sue più originali sfumature, persino con espressioni in romanesco, un giorno mi disse:

.

«… ma voi, ai vostri Vescovi, poco prima che siano consacrati, per caso tagliate i coglioni? Sai, perché quando li vedo con quei sorrisini che neppure le nostre suore fanno, quando li sento parlare con quelle voci mielose, quando li vedo muoversimi domando se il presupposto per essere Vescovi in Europa sia quello di essere privi di virilità».

.

Non è facile trovare un africano portato per certi studi speculativi, perché altre sono le doti che in linea di massima hanno, a partire dalle qualità pastorali. Lui invece molto portato lo era, ed al tempo stesso era anche portato per la diplomazia. Praesent, era un potenziale e autentico fuoriclasse. Adeo ut, a sua completa insaputa, feci presente ad alcuni membri della curia romana che quel prete aveva la potenziale stoffa di un futuro Bernardin Gantin [Cf.. qUI]. A Roma se ne erano però già accorti e infatti lo volevano reclutare per indirizzarlo verso la diplomazia, ma lui si rifiutò categoricamente dicendo che voleva tornare nel proprio Paese. A me poi spiegò il motivo:

.

"I, come uomo africano e come prete, non potrei vivere e sopravvivere in mezzo a questa corte di donnette cattive, pettegole e … etc., eccetera».

.

Da lui appresi l’elemento fondamentale che sfugge a molti alti prelati: per l’africano in generale, per alcune popolazioni in particolare, l’autorità è strettamente legata all’autorevolezza della persona. Autorità e autorevolezza, sono per loro inscindibili. E l’autorevolezza comporta tutta una serie di presupposti: dalla forza di carattere alla tempra particolarmente virile. Se mancano questi presupposti, per l’africano in generale e per alcune popolazioni in modo del tutto particolare, non può sussistere l’autorità, di conseguenza l’africano non ti presterà mai ascolto e meno che mai obbedienza. Trovandosi in certi contesti e con autorità non autorevoli — per esempio preti africani che si trovano a Roma per motivi di studio o per incarichi di vario genere —, fingeranno di ubbidire, ma appena voltate le spalle faranno ciò che vogliono e come meglio vogliono. E lo faranno anche con un senso di profondo disprezzo per l’autorità non autorevole, che quindi per loro non è un’autorità, autem, come mi diceva un altro prete africano:

.

«… null’altro che una maschera, proprio come le maschere che una volta portavano i nostri vecchi stregoni. hic, voi a Roma, Concilium Vaticanum, avete più stregoni mascherati di quanti mai ne abbiano avuti certe nostre popolazioni prima dell’arrivo dei Padri Bianchi che li convertirono al Cristianesimo».

.

Leucum: banda di “viri fratres eorum qui evaserunt” nigeriani aggrediscono prima il controllore di bordo e poi massacrano di botte un poliziotto seguitando a percuoterlo anche quando era a terra svenuto e dicendo in tono sfottente«Tanto non potete farci niente, siamo profughi!» [Click in imaginem aperire ministerium]

Certe cattoliche anime belle tendono a gridareallo scandalodinanzi a talune espressioni che a loro dire non dovrebbero fuoriuscire dalla bocca di un prete. Pace all’anima loro, perché l’esempio che segue, a chiunque non si fermi all’apparenza della frase in sé, dirà molto, anzi chiarirà più o meno tutto. quod: ero diacono transeunte in procinto di ricevere da lì a breve la consacrazione sacerdotale. Un prete congolese, pur avendo dieci anni meno di me, ne aveva già dodici di sacerdozio. Provenendo da un contesto non metropolitano e neppure urbano, ma da una delle varie profonde province del Congo, tendeva a essere influenzato da certe condotte tipiche del suo contesto sociale. tum, senza volere, non essendo ancora io presbitero ma diacono, tendeva a trattarmi come se fossi stato un seminaretto. una sera, dopo cena, davanti ad altri due preti congolesi, gli dissi:

.

«Cerca di non trattarmi come un ragazzino, ma non perché io sia più grande di te in età, non è questo il motivo. Il vero motivo è che, anche se sono bianco — e come dite dei bianchi scherzando tra di voipuzzo di morto” -, devi sapere che io ce l’ho più grosso del tuo. Ho scelto di farmi eunuco per il Regno dei Cieli e rispetterò la castità per tutta la vita. Ma non dimenticare mai che provengo da un popolo di uomini virili che hanno fatto sospirare le donne di tutto il mondo. I più grandi seduttori della storia erano italiani, non congolesi, ricordatelo sempre».

.

Per due settimane non mi rivolse parola e si teneva a distanza da me come fossi peste, quia, in modo tutt’altro che causale, il tutto glielo avevo detto volutamente dinanzi ad altri due suoi connazionali. Finché un giorno, mentre loro tre congolesi erano nella piscina che avevamo a disposizione nel parco assieme ad altri impianti sportivi, andai anch’io a fare il bagno. Passai davanti all’offeso che era al bordo della piscina e che mi ignorò del tutto, al ché gli dissi: «Devi portare i pantaloncini da bagno più lunghi». Stizzito e con gli occhi tinti di sangue mi disse: «Adesso non ti vanno bene nemmeno i miei pantaloncini da bagno?». Replicai: «Nullum, vanno benissimo, è solo per un discorso di decenza: non vedi che ti esce fuori pendendo all’altezza delle ginocchia?». Detto questo gli mollai uno spintone e lo gettai in acqua. Mentre lui rideva, mi tuffai anch’io. Appena fui dentro, prima mi spinse la testa sott’acqua simulando il mio affogamento e urlando «lo ammazzo, lo ammazzo!», tum, quando riemersi, mi abbracciò e mi baciò. Due mesi dopo, alla mia consacrazione sacerdotale, erano presenti a concelebrare col Vescovo novantadue sacerdoti residenti a Roma. Quei tre congolesi mi chiesero laconcessione di un privilegio”: potermi imporre le mani per primi subito dopo il Vescovo. Et sic, colui al quale dissi «ce l’ho più grosso del tuo» e via dicendo, mi impose le mani per primo subito dopo il Vescovo.

.

qui dixerunt: chi vuole fermarsi alle apparentibattute volgari” E “non consonea un prete, che lì si fermi e che li rimanga con tutta l’animo più scandalizzato che meglio preferisce. sed, chi vuol capire ed è disposto a capire, che comprenda e, si voluerit,, faccia anche tesoro per sé stesso, di certe esperienze vissute, perché con gli abitanti del Continente africano in generale, con quelli di alcuni specifici Paesi e contesti socio-culturali in modo del tutto particolare, senza virilità, non si tratta. Per l’africano in generale, per certi ceppi di africani in modo del tutto particolare, lo spirito virile è la misura primaria con la quale loro misurano persone, popoli e situazioni, agendo poi di conseguenza, Nam melius vel peius.

.

Treviso: “Sorella profuganigeriana, dedita alla prostituzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti, trovata in possesso di vari ovuli di droga e portata in ospedale per evacuarli, strappa la pistola dalla fondina di un poliziotto e tenta di sparare … [Click in imaginem aperire ministerium]

Due preti africani, a Roma per motivi di studio, nella situazione qui descritta facevano quel che volevano e come volevano. Quando per la visita conferre ad limina Apostolorum giunse il loro Vescovo, che alloggiò presso la casa sacerdotale dove noi vivevamo, notai in quei giorni un loro atteggiamento che mai avevo visto prima. primum, col loro Vescovo, parlavano sempre a voce sommessa, con lo sguardo basso e senza mai guardarlo in faccia. Solo il Vescovo, poteva parlare ad alta voce. Guardarlo poi diritto in faccia, sarebbe stata una mancanza di rispetto, perché solo i pari, si possono guardare tra di loro negli occhi. Verso di me e l’altro prete italiano presente in quella casa, questo Vescovo ebbe da subito un atteggiamento di istintiva e profonda simpatia. Volle che io lo accompagnassi per due volte in Vaticano, cosa che non mi chiese, ma che in modo molto amabile mi ordinò, perché un Vescovo in generale, un Vescovo anziano in modo particolare, a un prete non chiede, ordina. Motivo della simpatia verso di me e l’altro italiano? Dovuta a un fatto a dir poco per noi ovvio: quando giunse questo Vescovo di settant’anni, per salutarlo piegammo il ginocchio e gli baciammo la mano destra. Cosa che non fecero diversi amabili preti latinoamericani che invece gli batterono una pacca sulla spalla, col risultato che lui li fulminò con uno sguardo di fuoco e non li guardò più. Detto questo — perché molto altro vi sarebbe da narrare —, si può concludere solo dicendo: chi vuole intendere, che intenda. Anche se purtroppo, agli ammalati di ideologia, o della loro surreale idea di Africa e di africani, qualsiasi cosa che di reale e ragionevole si può dire, est inutilia,, perché in tal caso è la realtà che sbaglia, non le loro fantasie ideologiche.

.

Ricordate quando il Cardinale Giacomo Biffi, negli anni Ottanta, facendo un discorso sul tema della immigrazione, osò dire che se l’Italia e l’Europa hanno bisogno di bravi lavoratori che sono contenti di fare — con tutte le giuste remunerazioni ad essi dovute e non certo sfruttati —, quel genere di lavori che purtroppo i nostri giovani non vogliono fare più, che sia favorita da certi Paesi orientali e africani la immigrazione di cattolici e di cristiani? Perché altrimenti, aliter, accogliendo eserciti di musulmani, domani andremo incontro a gravi problemi [Cf.. qUI, qUI]. Qualcuno ricorda quali furono le reazioni scomposte sia delle anime belle della Sinistra radicalis pullus, sia quelle dei cosiddetti “cattolici adulti”?

.

Come possono essere gestite queste persone e situazioni, posto che ormai siamo di fatto in uno stato di ingestibilità? primum, a certi soggetti ad alto rischio, che sono oggettivamente tali perché antropologicamente e tribalmente violenti, quindi riluttanti a qualsiasi forma di integrazione, non dovrebbe essere permesso di mettere piede nei nostri Paesi, perché appena vi entrano si mutano in autentici pericoli per la collettività. et dolor,, piaccia o non piaccia al nostro esercito di oniriche anime belle, queste persone possono essere gestite solo attraverso l’uso della coercizione più severa e del ricorso alla violenza. Mancando l’una e l’altra subentra nella loro ottica la debolezza, quod: di questo Paese, di queste persone, di questi agenti delle forze dell’ordine che non possono neppure sfiorarti di lontano, noi possiamo fare letteralmente tutto ciò che vogliamo.

.

Torniamo all’esempio iniziale: l’aggressore del portantino al Policlinico Gemelli, una volta preso, andava portato dentro una caserma e poi gonfiato di botte come una zampogna; ovviamente senza recargli danni gravi, meno che mai danni permanenti, ma facendogli comunque sentire tutto il dolore delle percosse. quia, percuotere la persona, vuol dire non solo punirla ma anche infliggerle una meritata umiliazione. Dopo essersi ripreso dalle percosse ricevute, andava processato e incarcerato. interius del carcere, avrebbe dovuto ricevere ordini ed ubbidire solo ad agenti di polizia penitenziaria rigorosamente donne. Alla prima mancanza di rispetto verso una di queste donne secondino, altra scarica di botte, ovviamente senza recargli danni gravi, meno che mai danni permanenti, ma facendogli comunque sentire tutto il dolore delle percosse. I pasti in carcere? Rigorosamente a base di carni di maiale. igitur: bucatini alla matriciana, porchetta, trippa e coratella di maiale. sed, a soggetti affini, appartenenti a quei ceppi nei quali gli uomini non mangiano dolci e zuccheri perché credono che ciò limiti la potenza della loro virilità, che siano serviti piatti in agro-dolce, assieme a dolci di marzapane e cassate siciliane a volontà, maxime tiramisù, proprio considerando che costoro temono che i dolci tirinogiù. O forse qualche anima bella intende protestare presso qualche corte internazionale di giustizia per i piatti tipici della cucina romana o della pasticceria siciliana serviti in carcere a certi africani? O forse vogliamo mettere fuori legge la cucina romana perché nigeriani musulmani e appartenenti ad altri ceppi etnici magico-animisti decidono di delinquere in casa nostra e di finire nelle nostre carceri? Il delinquente in questione preso sin dall’inizio come esempio, è stato arrestato a Roma, mica a Riad. Se io commettessi un crimine a Riad e fossi incarcerato in Arabia Saudita, mica mi metterei a scalpitare od a lamentare la violazione dei diritti umani per il fatto che non mi darebbero i bucatini alla matriciana cucinati col guanciale di maiale! aliter, se certi soggetti vogliono rivendicare il diritto ad avere certi cibi e a non averne altri, dovevano prendere a botte un portantino presso un policlinico della Mecca, mica un portantino presso un policlinico di Roma!

.

fatti di questo genere si ripetono giornalmente e sempre con gli stessi soggetti della medesima nazionalità [click to open video]

Tanto per chiarirsi: moralis Catholico non proibisce che a un pericoloso aggressore sia impedita la possibilità di recare danno a chiunque, in particolare a persone indifese. Sia per ciò chiaro: chi difende la propria vita e quella degli altri, commettendo in casi estremi anche un omicidio, dove non era possibile difendere in altro modo l’incolumità propria e quella altrui, non commette un peccato, ma può compiere persino un atto eroico. La nostra morale ci insegna altresì che la legittima difesa non è semplicemente un diritto, in alcuni casi è un dovere, è un cristiano imperativo di coscienza, in particolare per chi è investito di quelle responsabilità che mirano alla tutela della vita degli altri. Tra costoro vanno inclusi anche i magistrati iper-garantisti di Sinistra Democratica che rimettono in libertà pericolosi violenti pluri-recidivi, ma al tempo stesso indagano sui Carabinieri per verificare se il violento aggressore si era veramente ferito da se stesso dando in escandescenze oppure se, uno dei militi preso a morsi e sputi, aveva osato metterlo tranquillo con un cazzotto.

.

Semper sapientiae moralis catholicae prodant idque quam aestimanda conditiones necesse est quae vim, verum etiam necessarium,, quia non est viable et operabili. Si plura rationabile omnes, et non vehemens modo civilibus vero ipsi probare te esse non solum inefficax, sed etiam qui in damno loco poni faciant mali, Conticuere omnes intentique ora, honores, potentiam,, non modo bene contingit aliquo, sed solum viable est, et hoc satis officiosus,.

.

Anche al peggiore dei delinquenti deve essere riconosciuta anzitutto la dignità umana e tutte le migliori garanzie democratiche di difesa e di tutela, se però queste tutele e garanzie a favore del delinquente con comprovata attitudine recidiva a delinquere, implicano ch’esso si rafforzi nella propria pericolosità e aggressività, in tal caso bisogna ricorrere ad altri mezzi, altrettanto legittimi e opportuni. La legge e chi è chiamato ad applicarla ed amministrarla, deve infatti anzitutto evitare di correre il rischio che per tutelare al meglio il delinquente abituale e pericoloso si finisca col dimenticare — in questa nostra società schizofrenica e ormai completamente invertita —, la tutela dei deboli e degli innocenti dai suoi potenziali e gravi danni. Sino al punto di giungere al vero e proprio parossismo: dinanzi a un cittadino con regolare porto d’armi che dentro la propria abitazione, trovandosi dinanzi a tre ladri ha aperto il fuoco e ne ha ucciso uno, non è pensabile che il coro del politicamente corretto delle anime belle inneggipovero rapinatore!”. Anziché valutare che quella persona, trovandosi di notte in casa con tre malviventi mentre sua moglie ed i suoi figli dormivano, per difendere anzitutto loro, quindi se stesso, non aveva molte altre soluzioni, quia, con tre ladri sorpresi di notte dentro una casa, semmai anche in un luogo isolato, c’è poco da ragionare per indurre i tre alla conversione e alla remissione dei loro peccati.

.

Quod, le anime belle della Sinistra radicalis pullus, l’ampia fetta di episcopato che pare dargli corda con una ideologia socio-politica immigrazionista fallimentare e molto pericolosa, i magistrati di Sinistra Democratica che rimettono in libertà pluri-pregiudicati pericolosi e violenti, ma che però al tempo stesso sono capaci a condannare un carabiniere che ha reagito con una sberla ad uno sputo in faccia che gli è stato lanciato nell’esercizio delle sue pubbliche funzioni, di questo passo, tra il falso «Siamo tutti fratelli» e la surreale «Image» di John Lennon, ci porteranno entro pochi anni a situazioni di guerriglia urbana, con interi quartieri e città gestite da un genere di violenza originata da una malavita organizzata che mai abbiamo conosciuto con le mafie presenti sul nostro territorio nazionale. in facto,, qualsiasi persona ragionevole e realista alla quale fosse data eventuale possibilità di scegliere la propria esecuzione e quindi la propria morte, penso sceglierebbe di essere ammazzato dalla Camorra, dalla ‘ndragheta e da Cosa Nostra, ben pochi sceglierebbero di finire tra le mani dei criminali sanguinari, spietati e crudeli della Mafia Nigeriana.

.

Tempo fa qualcuno — non ricordo il nome, ma non importa —, affermò che la Mafia non l’hanno inventata i nigeriani, ma gli italiani. Se questa persona così lacunosa anche in storia, si fosse documentata, anzitutto avrebbe appurato che la stessa parola Mafia non è italiana, ma è di origine araba. qui dixerunt: negli Stati Uniti d’America, la Mafia, non è stata importata e fatta conoscere dagli italiani, bensì dagli ebrei russi. Quella italiana, nota come Cosa Nostra, negli Stati Uniti d’America giunse circa un ventennio dopo e prese piede solo agli inizi degli anni Trenta, mentre gli ebrei russi, la loro mafia, l’avevano impiantata per primi in assoluto tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

.

Con i nostri buonismi, ed il nostro iper garantismo politicamente corretto, ci meritiamo questo e molto altro ancòra. Ecco a voi Roma e la vanificazione di ventisette secoli di storia, arte e cultura: “frater fugatus;” nigeriano fa il bagno nudo dentro la fontana del Gianicolo, mentre una coppia di neo sposi stanno posando davanti per le foto ricordo [per aprire il servizio cliccare sopra l’immagine]

Questa è storia provata e documentata, i primi che la narrano sono proprio gli storici ebrei dotati delle migliori competenze scientifiche. maybe, nessun rabbino liberal di Buenos Aires, fuori come tale da qualsiasi genere di ortodossia ebraica — per meglio intendersi di quei reformed che accettano di tutto e di più: abortum, euthanasia, matrimoni tra coppie dello stesso sesso e via dicendo —, non ha mai informato di tutto questo qualche illustre personaggio, durante i loro vari incontri inter-confessionali. Se invece questo illustre personaggio avesse frequentato studiosi ebrei seri e competenti, avrebbe scoperto che la “mafia ebraica”, haec Kosher Nostra, giunse e si impose per prima in assoluto trent’anni prima di quella italiana, haec cosa Nostra.

.

Dunque ci vada cauto, nel dare agli italiani dei primati che storicamente non hanno, quantunque la casupola del Quirinale e il governicchio del nostro Paese, dinanzi a quella dichiarazione offensiva non abbia chiesta alcuna rettifica e la presentazione delle scuse formali. Ciò a riprova che lo sfacelo e la decadenza è ormai totale, ed investe tutti i più disparati settori civili, politici e religiosi della nostra società ridotta a Image John Lennon, mentre bande di nigeriani musulmani o magico-animisti, ingestibili e cosiddetti cazzuti, non esitano ad aggredire in modo violento dei liberi e innocui cittadini e dei membri delle Forze dell’Ordine. E se questi sono i fatti e questa è la realtà, qualche ideologo dellaprite i porti, quod costruite ponti et ex’abbattete i muri, non potrà che seguitare col dire, dinanzi ai fatti ed alla realtà: “Mi dispiace per i fatti e mi dispiace per la realtà, perché ciò che solo è vero e ciò che solo conta, è la mia surreale ideologia”.

.

Beati i tempi del vecchio Sessantotto! Perlomeno all’epoca, i figli di papà contestatori, volevano mandare l’immaginazione al potere, sed hodie, al potere, ci hanno mandata la schizofrenia.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 10 June 2019

.

Polizia di Stato

NOI SIAMO DALLA PARTE DELLE FORZE DELL’ORDINE CHE SERVONO IL NOSTRO PAESE, LE SOSTENIAMO MORALMENTE, PREGHIAMO PER I LORO UOMINI E LE LORO DONNE ED IL LORO COMPITO DIFFICILE, TALVOLTA PERSINO OGGETTO DI PROFONDA INGRATITUDINE DA PARTE DEI CITTADINI

Arma dei Carabinieri
Guardia di Finanza

 

 

 

 

.

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]..




Avatar

About isoladipatmos

39 cogitationes on "Quod perniciosius-politica ideologia immigrazionista clericalis: Romae foedum comploratio orta est in angelis Nigerians? Recursus ad violentiam pertinet legitimate usu quam in nonnullis condicionibus particularibus quae subjecta faciem

  1. Ma “Image” non è uno di quei canti tanto apprezzati dai bravi (vedi Manzoni) cattolici e che spesso si eseguono nelle Chiese come canto natalizio?

    1. carissimi Orenzo,

      c’è un’aria di un’opera di Giuseppe Verdi nella quale il personaggio di Violetta, che non impersona né Sant’Agnese né Santa Cecilia vergini e martiri, bensì una allegra figura detta non a caso la Traviata, cantat:

      Sempre libera degg’io
      folleggiare di gioia in gioia,
      in’ che scorra il viver mio
      pei sentieri del piacer…

      iterum, mentre ero in un contesto del tutto privato e allegro con dei confratelli sacerdoti e nessun’altra persona o secolare presente, feci morire dal ridere un paio di preti tedeschi spiegando loro che il Verdida questi due amatissimo come operistaaveva dovuto usare un linguaggio molto castigato ed edulcorato e pur malgrado, tempus, la figura di Violetta la Traviata, fu accolta da alcuni con profondo scandalo.

      Spiegato ciò dissi che il Verdi, forse senza alcun problema e senza scandalizzare nessuno, oggi avrebbe potuto far cantare tranquillamente alla soprano queste parole:

      Sempre libera degg’io
      voglio fare sempre la troia,
      in’ che scorra il viver mio
      sopra i letti del piacer…

      Tutti i preti risero, i tedeschi più ancora di tutti.
      Ci fu un prete che non sorrise ma che poi, in privatis, mi disse che era rimasto colpito dal mio spirito volgare e non consono a un sacerdote.

      Questo stesso prete dalla bocca così delicata, in sua qualità di docente di teologia presso un istituto superiore di scienze religiose, consigliava in lettura agli studenti i libri eretici di Andrea Gallo come spunti di ecclesiologia pastorale e di Vito Mancuso come spunto teologico. primum, sventolava la bandiera rossa e cantavabella ciao!” alla fine della Santa Messa [Cf.. qUI], secundo,, sacerdote dimesso dallo stato clericale ad appena un anno dalla sacra ordinazione, autore di un libro che minava alla radice i principali dogmi della fede cattolica, tanto da essere bollato da un noto teologo di cosiddetta aerea progressista come S.E. Mons. Bruno Forte come affetto da «gnosi di ritorno» [Cf.. qUI].

      Io sono allegro e scherzo in privato, con le persone opportune e nei luoghi opportuni, ma soprattutto senza mai trascendere nel volgare, mentre certi preti fanno eseguire, come dal filmato da lei inviato, un inno all’ateismo ed al nichilismo direttamente dentro le chiese con i coristi che danno le spalle al tabernacolo dal quale non è stato tolto neppure il Santissimo Sacramento.

      Quod per circuitum: evviva i pretivolgari” autem, in difesa dei sacri misteri, si farebbero fare la pelle!

      1. Caro pater Arihel,
        trovo che le parole scritte dal cardinale e gesuita Carlo Maria Martini nella prefazione al libro del sacerdote (Sacérdos in Aeternum) Vito Mancuso:
        Anche quelli che ritengono di avere punti di riferimento saldissimi possono leggere le tue pagine con frutto, perché almeno saranno indotti o a mettere in discussione le loro certezze o saranno portati ad approfondirle, a chiarirle, a confermarle”,
        possano benissimo essere applicate anche a moltissime esternazioni del nostro Santo Padre sia riguardo ai migranti, quia in hoc casu,, sia riguardo, super omnia, a talune Sue interpretazioni evangeliche e dottrinali.

  2. Caro Pater,

    standing ovation!
    Evviva Iddio che qualcuno abbia il coraggio di dire la veritae al diavolo (ad litteram,) quod politice rectam. Mio cugino, da tanti anni in polizia, mi ha spesso raccontato come si comportano le prostitute Nigeriane. Un episodio su tutti: rimpatriate su un aereo perché deliquenti a tutti gli effetti, si sono tolte gli assorbenti sporchi e li hanno gettati in faccia ai poveri poliziotti.
    Che cultura!

    Sono stata in Africa e conosco anche io, nel mio piccolo gli Africani. Mi parrebbe troppo ovvio dire che non sono tutti uguali e quindi non lo dirò. Sta di fatto che quelli che veramente sono stati evangelizzati si comportano differentemente.

    Se islamici o tribali (o anche di qualche denominazione cristiana stile americano, dove ci si converte in cambio di vantaggi economico-sociali), è tutta un’altra storia. Ma ormai i missionari Cattolici non vanno più a convertire, ma a convertirsi alla cultura locale! Eh percheloro sono più vicino alla Madre Terra!

    https://www.corrispondenzaromana.it/il-modello-di-evangelizzazione-del-sinodo-panamazzonico/
    Leggere per credere! Aggiungo che ho conosciuto personalmente Padre Zanotelli e conosco la

    1. Gentile Elena,

      eGO 34 anni e sono entrata nella Polizia di Stato dopo la laurea in giurisprudenza. Diventaredonna poliziottoera un mio sogno da quando ero al liceo, e dopo la laurea l’ho realizzato.
      Sono tutt’oggi molto onorata di lavorare nella Polizia di Stato.

      Agli assorbenti usati cui lei si riferisce può aggiungere i sacchetti contenenti escrementi umani, anche quelli hanno lanciato addosso ai nostri colleghi, mentre gli sputi sono il “minimum merces”, la cosa più pulita che con questi elementi a alto rischio ci capita di ricevere.

      Ho visto portare in commissariato donne nigeriane per le quali erano necessari tre poliziotti per ciascuna di esse, e riuscivano a reggerle con molta difficoltà, quasi sempre rimanendo feriti da graffi, morsi e percosse.

      Noi agenti di polizia viviamo con il terrore di causare a esse un solo livido involontario, non perché picchiate, ma solo per tentare di reggerle o difendere noi stessi dalle loro aggressioni che sono sempre molto violente.

      I carabinieri feriti dal nigeriano che al policlinico di Roma tramortisce il portantino e a cui riguardo il magistrato ha voluto vederci chiaro da che cosa dipendesse la escoriazione che aveva sulla fronte mentre si premurava di rimetterlo in libertà, dice tutto su ciò che è il nostro lavoro sempre più difficile e nel corso del quale siamo da una parte esposti a certi delinquenti molto aggressivi, per altra esposti ai magistrati che non esitano ad aprire indagini su di noi.

      Sono finita pure io sotto indagine della magistratura e ho dovuto rispondere per avere percosso una nigeriana: mentre due miei colleghi stavano portando dentro per accertamenti questa furia tenendola sottobraccio (immagini degli uomini che tentano di trasportare una tigre, l’esempio è molto aderente alla realtà), lei si è divincolata, ne ha gettato uno a terra poi si è lanciata con le unghie sul viso dell’altro. Ero a pochi metri di distanza e ho impugnato il manganello colpendola ripetutamente.

      Nell’irrogarmi la sanzione il magistrato decretò che le percosse non erano motivate perchè la donna si trovava già dentro il posto di polizia e che (et ait:) non poteva fuggire e nuocere. Il referto medico del collega al quale furono applicati sei punti su una guancia sulla quale la nigeriana aveva affondato delle unghie acuminate, non fu preso in minima considerazione, pensi se fosse riuscita a prenderlo agli occhi.

      In uno dei video riportati dall’ottimo padre Ariel nel suo lungo e molto interessante articolo, sono ripresi a Torino i commenti di un gruppo di buoni cittadini scandalizzati da un gruppo di poliziotti che cercano di ammanettare un nigeriano non facile da reggere. In quel video è rappresentato tutto: i buoni cittadini a difesa del ladro, del delinquente, dello spacciatore di droga, del violento ecc
      [N.d.R. il video al quale la Agente di Polizia si riferisce è questo: qUI]

      Francesca (Roma)

  3. Questo documento farà stare male le vittime del politicamente corretto odierno. E’ tutto vero quello che dice.

    Molti italiani pensano che nel rispetto delle regole gli europei siano fessi come noi. Dalla mia esperienza ricordo tutto l’opposto.

    Ho vissuto a Parigi per alcuni anni e ricordo come fui trattato quando svenni in un centro commerciale a seguito di una lieve intossicazione alimentare e dal caldo terribile di agosto. Altro che servizi di pronto intervento! Quando mi ripresi hanno voluto capire chi fossi da dove provenissi e mi hanno perfino chiesto l’indirizzo di residenza temporanea prima di chiamare l’ambulanza dei pompieri.

    Prudenza eccessiva ma conseguenza del lassismo dei decenni passati in quanto l’immigrazione di massa ha creato la Francia di oggi.

    L’immigrazione di massa e NON selettiva ci porterà ad avere i carabinieri coi mitra a difenderci fuori dalle chiese, è bene che ce lo mettiamo in testa. In Francia già è realtà, l’ho visto.

  4. Nell’omelia della veglia di Pentecoste del Santo Padre dell’8 giugno 2019, il passaggio più bello è stato quando ha detto: “Questo pensiero alla maternità della Chiesa mi fa ricordare che 75 years ago, l’11 giugno del 1944, il Papa Pio XII compì uno speciale atto di ringraziamento e di supplica alla Vergine, per la protezione della città di Roma. ”
    Andare a leggere quelle parole di Papa Pio XII
    http://w2.vatican.va/content/pius-xii/it/speeches/1944/documents/hf_p-xii_spe_19440611_divino-amore.html
    è stato come potermi finalmente dissetare ad Acqua Viva di sorgente.
    Possibile che il passaggio in cui Pio XII implora: “Riconduci i profughi nelle terre abbandonate sotto l’imperversare della bufera, quelle care terre, ove essi nacquero, crebbero, lavorarono, invocarono il tuo dolcissimo Nome, e dà loro la forza di ricostituire con coraggiosa ed alacre lena le loro case distrutte, le loro chiese crollate, i loro campi desolati, le loro officine devastate, la loro domestica felicità turbata e sconvolta.”,
    non faccia sorgere il dubbio, Ad auctoritates propriis, che tutti quegli smartphonati ragazzotti nel fiore degli anni non sono propriamente dei profughi che fuggono da Erode?

  5. Magari qualcuno di noi fosse capace di impiantare una guerriglia urbana. Ci saranno solo massacri di polli sgozzati e pollastre stuprate a morte.

    1. tranquillo, caro e sapiente commentatore: potremo essere difesi in modo egregio.
      Sicuramente ci difenderanno gli eroi arcobaleno del GayPride scandendo lo slogan: «porti aperti come i nostri culi»
      Vedere i links sotto, obsecro, …

      http://www.riminitoday.it/cronaca/cartello-scandalo-rimini-gay-pride-porti-aperti-culi-ho-voluto-provocare-apposta-per-avere-attenzione.html

      https://www.facciabuco.com/post/698489qi9/porti-aperti-come-i-nostri-culi-scusa-in-che-senso.html

      https://www.facciabuco.com/post/831365ooo/forse-sto-invecchiando-vaccata-erotica-post-by-pleasureman.html

  6. Egregio Padre,

    per un poliziotto con 30 anni di servizio sentire un prete parlare e analizzare le situazione in questo modo lucido, impietoso e realista, è una autentica ventata di ossigeno.

    8 anni fa mi sono fatto alcune settimane di ospedale e mesi di cure per un grave incidente in servizio.

    Nelle adiacenze della facoltà di giurisprudenza di una città italiana (utcumque enim), tentammo di acciuffare due nigeriani che spacciavano e rifornivano gli studenti universitari consumatori abituali di droghe cosiddette leggere che, malgrado la loroleggerezzasono sia fuorilegge sia nocive.
    Eravamo in quattro poliziotti.
    Mentre stavamo ammanettando i due neri siamo stati aggrediti da un gruppo di una ventina di studenti che hanno gridatopolizia assassina”. A causa di quella aggressione i due sono fuggiti (faccio notare che solo due mesi dopo uno di quelli che stavamo arrestando uccise a coltellate una prostituta e ne occultò il cadavere in una discarica).

    Cassonetti rovesciati, un paio di vetrine di negozi rotte ecc … etc.… e mentre i rinforzi stavano per arrivare noi fummo malmenati da una ventina di studenti universitari.
    Io ho avuto quattro costole fratturate e ho rischiato perché, non fossero intervenuti subito e bene una costola stava per perforare il polmone e forse altri organi vitali.

    Diversi degli studenti si presentarono spontaneamente in questura a deporre il falso e a dichiarare che noi avevamo aggredito i due neri e che loro erano intervenuti per difenderli dalla nostra aggressione.
    Fu aperto il fascicolo a nostro carico.

    A me l’avviso di garanzia fu notificato in ospedale il pomeriggio del giorno in cui fui operato di prima mattina.

    Grazie alle ottime capacità investigative dei nostri colleghi fummo salvati per la presenza di cinque videocamere di sorveglianza di alcuni negozi, ma soprattutto di un video girato da un ragazzo di 17 anni che dal terzo piano di un balcone riprese tutto, che lo consegnò alla polizia dicendo che lui sognava di diventare poliziotto da quando faceva la classe quinta delle elementari.

    Le registrazioni e specie quella del 17enne dimostrarono che noi non avevamo aggredito nessuno e che l’aggressione verso di noi fu inscenata da quattro giovani che risultarono nel corso degli accertamenti studenti di giurisprudenza, ai quali in seguito non fu fatto niente.

    il questore sollecitò il rettore dell’università a procedere all’espulsione dei quattro ritenendo gravissimo che proprio degli studenti di giurisprudenza avessero istigata una aggressione ad agenti di polizia che stavano arrestando degli spacciatori.

    Le autorità accademiche rigettarono la richiesta e non provvidero alla loro espulsione.
    Domani questi tipi saranno (se già a distanza di anni non lo sono) avvocati e magistrati, e saranno tra quelli che si preoccuperanno non delle lesioni gravi riportate da agenti di P.S. ma di una leggera escoriazione sulla fronte dell’arrestato che ha sbattuto da se stesso la fronte sul muro.

    Lei ha reso un grande servizio informativo e credo che molti poliziotti, carabinieri e membri delle fiamme gialle le saranno parecchio grati.

    Grazie veramente.

    Poliziotto con 30 annos officium

    P.S. il diciassettenne di cui sopra tre anni dopo, terminata la scuola medio-superiore, entrava a 20 anni compiuti presso la scuola di polizia.

  7. Quanto sono migliori gli animali in certe cose di noi!
    Nessun cane si mette a lottare insensatamente con un altro cane in cui riconosce un maschio alfa o un suo capo branco, non importa le dimensioni , perché sa e sente che sarebbe una lotta insensata e gli animali non fanno nulla di insensato e privo di scopo.

    Fra gli umani invece preti e vescovi-capponi, per non dire un altra parola che finisce in …quod vogliono ergersi come aquile a dettar legge a politici ed elettori, ed indegne gazzarre fra conferenze episcopali e partiti politici deturpano perfino la Santa Messa di Pentecoste.

    I fedeli assistono attoniti.

  8. Reverendissimo Padre,

    se fossimo in un contesto ufficiale la ringrazierei a nome dell’Arma dei Carabinieri, invece non posso inviarle un messaggio ufficiale né pubblicamente qualificarmi. La lettera privata che le ho inviato rimane come nostro rapporto privato e anche in questo commento le rinnovo l’invito a visitare la nostra caserma.

    Qualcosa mi dice che il suo articolo sta girando per tutta Italia, se considero che a me è stato inviato da ben 11 carabinieri che mi invitavano a leggerlo.

    Come le ho spiegato nel dettagliato testo privato: a me, quando ero capitano, fu bloccata la promozione e fui chiamato a rispondere in sede processuale. Tutto si risolse poi, ma dopo uno spiacevole e umanamente pure doloroso iter.

    quod: i miei uomini arrestarono due prostitute nigeriane non tanto per prostituzione in sé (che come sappiamo è il reato che è) ma per spaccio e detenzione di cocaina.

    Tradotte in caserma le chiudemmo nella stanza di sicurezza mentre i tre carabinieri che le avevano arrestate si stavano facendo medicare le ferite, essendo stati ripetutamente aggrediti mentre le portavano in caserma. Chiamai io stesso i colleghi della vicina questura domandando se potevano inviarci alcune donne poliziotto per procedere alla perquisizione delle due arrestate giacché non ritenevo opportuno spostarle presso di loro, perché già avevano ferito tre carabinieri e trasportarle alterate a quel modo non era facile.

    Giunsero due agenti donne di polizia con una ispettrice capo e si ritrovarono dinanzi a una scena che definirescena madresarebbe riduttivo: le due (che erano entrate vestite) avevano i vestiti strappati, il volto arrossato da schiaffi (che nessuno di noi aveva mai dato loro) e erano prive di biancheria intima (!?). Appena videro le donne poliziotto le abbracciarono piangenti.
    Roba da premio oscar per la recitazione!

    Il giorno dopo i giornali titolavano: “carabinieri sotto indagine per sospetto stupro”.

    Lei conosce i dettagli che le ho narrato, mentre a chi legge penso sia sufficiente quanto testé descritto per capire incontro a quale guaio andò il sottoscritto comandante della stazione e gli altri tre carabinieri.

    Dopo quell’episodio il nostro comando regionale dispose la installazione di videosorveglianza interna presso tutte le caserme che non ne erano ancora provviste, fatta eccezione per i servizi igienici tutto doveva essere videosorvegliato all’interno.

    Un ringraziamento, Padre carissimo, a nome mio e penso anche di tanti miei colleghi e commilitoni.

    Un comandante dei Carabinieri

  9. Rispondo qui per dare solidarietà al collega per quanto ha scritto, sono storie tristi e note, anche se non narrate.
    Quando accadono queste cose si riempiono le prime pagine dei giornali, quando i poliziotti sono scagionati perché innocenti si scrive un breve articoletto nelle pagine interne, possibilmente di lunedì, quando certi quotidiani danno principalmente notizie sportive della domenica precedente e la gente va a leggere altre cose

    Caro Pater Arihel,

    grazie per questo servizio che è un servizio in tutti i sensi, noi stessi, come agenti di P.S. abbiamo sicuramente imparato molte cose circa usi, moribus, abitudini modi di agire di certe popolazioni e loro cittadini non facili da trattare quando vengono in Italia.

    Ho avuto modo di conoscere una delle vostre firme, il Padre Ivano Liguori, nostro sardo (quando visitava i malati), perché ho frequentato per motivi di servizio l’ospedale dove lui opera come cappellano a Cagliari, ogni tanto a noi capita di doverci portare qualcuno che semmai non è propriamente un libero cittadino, o frequentare per motivi di servizio il pronto soccorso ecc..
    Per email le ho dato i riferimenti, se capita in Sardegna nelle nostre zone, visiti il nostro commissariato perché la accoglieremo come un amico.

    Bellissima la sua battuta sui due sardiuno che sembra uscito da una casba araba e uno che sembra uscito da un negozio della capitale della Norvegia. Vedo che conosce la nostra popolazione e tutte le nostre antiche mescolanze, che sono antiche e tante.

    1. Caro Giuliano,

      il mio bisnonno paterno, che ebbe pure ilpiaceredi essere bastonato dagli agenti dell’O.V.R.A [Cf.. qUI] con Alberto Salustri detto er Trilussa fuori da un caffé di via Veneto nel 1927, dopo la promulgazione delle leggi fascistissime dovette scegliere tra l’esilio e il carcere. in 1937 morì in esilio fuori dall’Italia.

      Mio nonno paterno dovette lasciare Roma nel 1939 con i due bambini, uno dei quali mio padre, perché sospettato di idee sovversive. Mise al sicuro i figli e sua moglie che era di origine veneziana in una zona sperduta di confine del Friuli, dopodiché tornò per adempiere ai suoi patri doveri.

      Mio nonno materno, in guerra come ufficiale dei carabinieri, si offrì prigioniero volontario in Jugoslavia in cambio della liberazione di alcune famiglie di italiani, dicendo ai comunisti titini che nelle loro eventuali trattative avrebbe pesato di più un ufficiale che non delle povere famiglie. Quando agli inizi del 1940 partì per la guerra sua moglie era incinta e quando solo nel 1949 ritornò dopo essere stato liberato dalle carceri jugoslave anni dopo la fine della guerra, conobbe la sua unica figlia che aveva ormai nove anni. in 1954 gli fu conferita la medaglia d’oro al valore.

      Pater meus et mater mea, che io sappia, nel periodo in cui in Italia era presente un forte Partito Comunista si sono sempre turati il naso ed hanno dato il voto alla Democrazia Cristiana.

      Enim faciem meam in carne, se fossi stato vivo in quegli anni, per il tipo che sono e per la fede che mi anima, prima avrei protetto e cercato di salvare le vite dei comunisti perseguitati dai fascisti, tum, dopo il 1943, alla caduta del fascismo, avrei cercato di salvare le vite dei fascisti ricercati dai comunisti che non contenti di ammazzarli facevano anche osceno vilipendio dei loro cadaveri sulle pubbliche piazze.

      Siccome le storie delle nostre famiglie italiane sono a volte complesse e a volte sorprendenti, le suggerisco di fare una ricerca sull’albero genealogico suo, perché forse, mentre lei si diletta a dare del «fascistello» a me, potrebbe anche scoprire che mentre miei vicini antenati dai fascisti erano bastonati e mandati in esilio, gli antenati suoi cantavanoDuce, Duce!” e nel periodo colonialeFaccetta nera bell’abissina“, diventando poi comunisti il giorno dopo la caduta del fascismo. eius, ne ho conosciute tante, di storie di questo genere

      1. Come ha ragione! Mia madre mi raccontava come finita la guerra il sacerdote, tornato libero dal carcere di S. Vittore dove invece era morto il parroco, ebbe a dire durante un’omelia di essere stato minacciato di morte chiudendo con queste paroleabbiamo ricevuto minaccie, sappiamo che è cambiato il colore dell’inchiostro ma la mano che scrive è sempre la stessa.

  10. Sonetto dedicato
    a Sua Em. Ill.ma il cardinal lucifero-movimentista-elettricista-(futurista?),
    alla nuova elettro-teologia di non pagare la luce terrena,
    e al nuovo uso vaticano delle bollette (non pagate),
    da N.N. miscredente-pagatore-di-bollette (e dei costi di chi non le paga).

    __________

    Supplica ‘l pio ministro delli frati
    zoccolanti la BOLLA d’esenzione
    dall’arcivescovil giurisdizione
    per esser pari a priori ed abati;
    e de’ li canonici prebendati
    il cattedral capitol speme pone
    nella mozzetta viola e ambizione,
    supplicando curiali e porporati.

    Ricever suppliche con boni uffici
    fu pel pontefice cosa ben accetta:
    fur esauditi sempre i pii auspici
    e presta era la bolla benedetta.
    Or si riceveidee novatrici! –
    scaduta della luce una BOLLETTA.

    Pasquino romano redivivo

  11. San Giovanni Paolo incoraggiò e consolò il mondo con una bellissima parola d’ordine cristiana: “Nolite timere!”. C’è chi invece collaziona le chiacchiere da bar di periferia, con capacità mimetiche da neorealismo d’antan, e le fa passare per una predica un poalcolica, le firma addiritturadall’isola di Patmosquasi fosse un beato apostolo (e qui siamo al goliardico, non c’è che dire), per ottenere nient’altro che una paura soffusa e rabbiosa negli animi semplici. Va bene il malessere dei preti, il dramma dei curati di metropoli, e peggio ancora quello di chi non ha neppure una parrocchia con confini certi, va bene il dramma del web che immateriale com’è inclina al delirio, ma spargere dolore e timore non mi sembra granché cristiano. Anche il don Camillo di Brescello agitava i pugni però Guareschi non faceva il bulletto alla moda. Anche il Vangelo usa parole toste ma quando in nome della legge si affollano intorno all’adultera (“alla mignotta”, direbbe don Ariel compiaciuto) già con le pietre in mano, il Maestro per calmare gli animi prende tempo, evita i linciaggi, scrive per terra, spegne la tensione. Non eccita gli animi contro le prostitute minorenni

    1. ma lei, ha letto che cosa hanno scritto e commentato diversi agenti delle Forze dell’Ordine che vivono nel mondo del reale e non delbuonismo onirico”, diversi dei quali aggrediti, vulnerasti, finiti in ospedale sotto i ferri dei chirurghi e via dicendo?
      Una parola per loro, visto che difendono anche la sicurezza sua, non ce l’ha proprio?

      1. La parola è semplice: gratias ago. Ma forse la polizia non ha bisogno di preti che indichino come e dove picchiare gli alcolizzati benché islamici. Ma soprattutto non ha bisogno di questa patetica espressione di ‘buonistao ‘cattivista’. Non siamo all’asilo d’infanzia, non siamo le nonnine pietose: “fai il buono a nonna” quod “non fare il cattivo, non fare arrabbiare l’angioletto”. Siamo grandi e grossi, cattivi alla radice per via di quel peccato nell’Eden che lei sa meglio di me, dovremmo cercare di vincere la malvagità che è in noi, magari anche di amare il nostro prossimo come noi stessi, né di più né di meno. E certo questo non va confuso con il sentimentalismo stucchevole, con la morale d’oratorio, con le pie intenzioni (ma con le opere pie magari sì), senza però finire nel club delle squadre speciali di polizia, degli agenti più duri. Sarà ignoranza personale non trovo una pagina evangelica che esalti la repressione o semplicemente l’ordine (di cui pure l’umanità ha bisogno). Non vi si trova neppure la parola ‘patria’. Forse ‘prima gli ebrei’ Etiam, ma siccome la risposta d’Israele non fu entusiasmante, Gesù disse ai suoi di predicare alle altre genti. Per

        1. Lei parla di realtà che non conosce, di persone che non conosce, di antropologie che non conosce.
          Soprattutto non ha letto il mio scritto e se lo ha letto lo ha inteso in modo del tutto diverso. Per esempio temo non abbia prestato attenzione al fatto che io ho spiegato e illustrato che con africani provenienti da vari Paesi di quel Continente ci ho vissuto assieme per anni. A questo aggiunga che ho viaggiato più volte per tutto il Magreb e per vari Paesi di quel Continente. Per poco che abbia imparato, forse qualche cosa ho appreso, molto più che dagli articoli surreali della stampa della Sinistra italiana.

          Proprio non ha prestato alcuna attenzione a tutte le parti nelle quali, riportando proprio i miei colloqui con africani, spiego quale è il loro concetto di autorità e di autorevolezza, etc. … etc. …?

          Le persone sono antropologicamente e culturalmente ciò che sono, non possono essere mutate in ciò che a noi piacerebbe che fossero, ma che assolutamente non sono.

          Le porto un esempio legato alla pura natura animale:

          lei è libero di pensare che un cane randagio, o peggio un branco di cani selvaggi, possano essere trattati con le stesse maniere con le quali una nobildonna inglese può trattare il proprio cagnolino domestico.

          Le auguro dal profondo del cuore di avere qualche volta a che fare sia con un pericoloso cane randagio sia con un branco di cani selvaggi, affinché lei possa adottare i criteri che ritiene del tutto idonei.

          Quando poi sarà ricoverato mezzo in fin di vita in un ospedale, mi chiami o mi faccia chiamare, perché a quel punto le domanderò se la pensa sempre allo stesso modo.

          1. Leggermente risibile, ne fa una questione personale: non ci conosciamo, ma lei si permette di stabilire se ho dimestichezza con marocchini e poliziotti quanto lei, se sa di cani quanto me,etc.. I preti dovrebbero occuparsi di Vangelo, quando appunto entrano al bar e si mettono a dire su chi ce l’ha più lungo, con facezie buone per fare colpo all’oratorio, sono semplicemente patetici. Che serve far la dura vita del prete per annunciare poi la buona novella canina? Ma se ne rende conto? Le volpi hanno una tana ma il Figlio dell’Uomo no. Non ricambio il suo auspicio che io finisca accerchiato da feroci randagi (roba da don Carognetta impersonato dal grande Sordi), voglio anzi caritatevolmente sperare che lei non muoia di ridicolo quando passeggia con i suoi barboncini.

          2. Lei mi imputa cose che non ho detto, affermazioni che non ho fatto e quel che è peggio stravolge totalmente delle narrazione che hanno una profonda valenza di carattere antropologico e socio-psicologico; ma soprattutto risponde aggredendo in modo sfottente e non rispondendo nel merito delle questioni.

            Io sono anzitutto un gentiluomo e sulla stoffa del gentiluomo è stata tessuta quella del prete.
            Non si permetta di dare di me una immagine grottesca di prete da bar che va a discutere amenamente con «chi ce l’ha più grosso», perché a me in questi luoghi non mi troverà mai, mi troverà invece a pregare, a celebrare la Santa Messa, ad amministrare confessioni, a predicare ed a dare l’unzione degli infermi a malati terminali.

            Io ho parlato e spiegato in modo rigorosamente scientifico, in pagine e pagine che lei non ha letto o non ha capito, quale incidenza abbia il principio ed il concetto della virilità nelle varie culture africane, dove essa costituisce un elemento fondamentale. Ho poi spiegato con tutti i dettagli del caso come io stesso mi sono attenuto a certi stili di comportamento quando ho avuto a che fare con certi miei carissimi e amatissimi confratelli sacerdoti provenienti dai vari Paesi di questo continente, i quali sono stati i primi a istruirmi su come comportarmi e rapportarmi alle loro varie popolazioni.

            In quanto al mio essere «patetico», respingo il tutto a lei e le proibisco, per lo meno su questo nostre colonne, di usare a sproposito l’immagine del Santo Vangelo, che qualora non lo sapesse, della virilità, è la quintessenza, per quanto è vero che Cristo fu vero Dio e vero uomo; e come uomo era perfetto in tutto e per tutto nella sua natura umana.

            Lei ha del Vangelo una immagine falsata e sdolcinata, a pax et Amor quod Gay superbia,, sino a divenire aggressivo e insultante con un ministro in sacris che le risponde a giusto tono e come lei si merita dopo avermi insultato e dopo avere mistificato in modo grottesco le mie parole.

            P.S.

            Al tutto aggiunga l’elemento della sua vigliaccheria: mentre io ho un nome, una identità e un volto col quale rispondo di ciò che dico e scrivo, lei lancia insulti protetto dietro al totale anonimato, cosa questa che la qualifica e la squalifica.

          3. Caro Pater Arihel,

            La dettagliata attenta disamina della società che fai riportando prove provate di vergognosi e sconcertanti episodi di efferata criminalità nei confronti dei cittadini italiani ti rende onore! Se un sacerdote prova a comunicare il messaggio mediante una semplice omelia non sarà mai cosi appassionato, a compiere una mirata ricognizione che appura persino la motivazione antropologica razziale di un comportamento criminale che va oltre i semplici confini culturali.

            Innumerevoli sono gli esempi di crimini riportati in territorio italiano, compiuti a causa di una pseudo vantataevoluzione socialepiù involuzione direi, sfociata nella globalizzazione voluta a tutti i costi anche a discapito della stessa società in cui trionfa l’ignoranza. Quella stessa ignoranza di una società decadente,dovuta proprio alla libertà di dover dire ognuno la sua, per dare voce a luoghi comuni di uguaglianza, di parità senza capire la vera essenza dei mali che tale fenomeno genera e che deve essere fermato da chi come te ci mette la faccia al di la di qualsiasi ipocrisia o falsa ideologia, col dono della persuasione documentale e non solo verbale.

          4. Lei è stato veramente e gravemente insultate.

            Lo scritto del padre Ariel ha dei fondamenti e una valenza scientifica e antropologica sulla quale c’è molto poco da ironizzare.
            Tutti gli esempi che il padre Ariel le ha portato sono decisamente pertinenti, in particolare quello sul cane randagio aggressivo e sul branco di cani feroci, che non possono essere trattati come il cagnetto domestico di una dama britannica.
            L’esempio è talmente ovvio, ma proprio scientificamente ovvio!

            Non so a quale fede lei appartenga, se però fosse cattolico, allora nessuno, sin dal catechismo, le ha insegnato che non ci si rivolge a questo modo a un presbitero, il tutto con una aggravante di non poco conto: lei ha tentato in tutti i modi di stravolgere e falsare le parole e i contenuti di padre Ariel sino all’ultimo e grave tentativo, quello di rovesciare su di lui e su ciò che mai ha detto e affermato il puro e offensivo ridicolo, sbeffeggiandolo come fosse un prete triviale da bar, uno che ha da imparare il Vangelo e via dicendoe tutto questo perché la sua personale emotività soggettiva e ideologica è l’unica verità e legge valida.
            in brevi: lei è il classico pacifista ideologico e violento con la spranga di ferro in mano.

            Rilegga la cronologia dei suoi commenti e delle sue risposte e vedrà che è esattamente così.

          5. ma lei dove vive? In quale città e in quale realtà? In quale mondo di pace allasiamo tutti fratellilei conduce la sua esistenza?
            Lei lo sa, che io ho dovuto rinunciare a una cattedra di insegnamento poco dopo essere riuscita a entrare di ruolo?
            Gliela spiego subito, come donna oggi di 39 aetate, la mia personaledimestichezza con marocchiniai quali lei allude.

            Sono modenese e vivo a Modena ed ebbi ruolo d’insegnamento a Bologna, non importa in quale scuola, conta il fatto che adesso le narro.
            In pieno giorno, e in pieno centro, da tre marocchini fui spinta dentro il portone di una casa, e lascio alla sua fantasia quelle che fossero le loro intenzioni.

            Mi sono salvata grazie a due studi professionali, uno di un dentista l’altro di un avvocato, che si trovavano al primo piano di quello stabile e che furono richiamati da due mie urla prima che uno deifratelli extracomunitarimi tappasse con una mano la bocca mentre con l’altra cercava di aprirmi le gambeha capito: anima bella del pacifismo e dell’accoglienza dei miei c …..? Perché forse, gli attributi, ce li ho più io che sono donna di lei che come uomo ragiona a questo modo.

            Se il dentista, le sue assistenti e i pazienti che erano in sala di attesa non si fossero affacciati dal pianerottolo nell’atrio, inducendo i tre a scappare di corsa, mi dice lei, cosa poteva accadermi, mentre gli altri due avevano già chiuso il portone e l’altro mi aveva già tappata la bocca?

            Ma sivenite, venite: caritatem, et pacem,!
            Quando io sento la fraseporti apertisono percorsa da un brivido, perché mi tornano alla mente quelli che dentro l’atrio di un portone in pieno centro a Bologna, cercarono di aprirmi le gambe.

            signati litteris

  12. Gratias O Ariel. Discuto spesso con delle anime pie cattoimmigrazioniste naturalmente votanti sinistra, ma tutto è inutile. Sono talmente ideologizzate che non vogliono capire il problema. Pensi che uno di loro, il quale si vanta di essere laureato in teologia, sostiene che il poveretto soccorso dal buon samaritano fosse un immigrato..
    Tutto ciò è merito della nostra gerarchia ecclesiastica che non sa più ragionare secondo prudenza evangelica e a sua volta è fomentata dal nostro caro papa.
    Mi permetto una piccola osservazione che avvalora il suo discorso sul popolo egiziano: Cleopatra, della dinastia tolemaica, era di origine macedone.

  13. A quanti pensano che si stia incitando all’odio razziale, chiederei di fornire una soluzione pratica, realizzabile e non fumosa dei problemi legati alla immigrazione di soggetti incapaci di vivere accettando le regole di una società, che benché lontana dall’essere perfetta, cerca di garantire quantomeno la sopravvivenza e convivenza civile.

    Se uno di tali soggetti immigrati, o persone italiane affette da ipermisericordismo bergoglioso, volesse provare a delinquere in un qualsiasi altro paese, soprattutto musulmano, avrebbe modo di apprezzare la differenza di trattamento.

    Io parlo da immigrata, vivo a Londra, dove di immigrati di ogni genere sono sempre arrivati. E’ vero che questo paese è sempre più islamizzato ed eterofobo (se non sei omosessuale vali poco insomma!), ma legnate, quando servono, i poliziotti ne danno eccome.

    Se ne facciano una ragione anche gli ecclesiastici degenerati: è vero che siamo tutti creature di Dio ma non automaticamente Figli di Dio. Quid “quelli che ha predestinati, li ha anche chiamati; quelli che ha chiamati li ha anche giustificati; quelli che ha giustificati, li ha anche glorificati”.

  14. Immigrato a Reggio Emilia palpa poliziotta e si masturba. Il giudice lo rimette subito in libertà perché il fatto èdi lieve entità”. Il giorno dopo in stazione dà in escandescenze con un bastone in mano,
    Non commento perché siamo su un sito religioso e non saprei farlo senza usare parole inappropriate.
    Mi limito a chiedermi come possa essere di lieve entità un’azione che prima offende una donna in quanto donna, poi la offende in quanto componente delle forze dell’ordine e di conseguenza offende tutti gli italiani che lei rappresenta nello svolgimento della sua funzione.
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/immigrato-molesta-unagente-subito-libero-giorno-ancora-1710682.html

    1. [… ] «Non commento perché siamo su un sito religioso e non saprei farlo senza usare parole inappropriate».

      Caro Klaus,

      allora commento io, quia, come forse avrà capito, non nutro alcuna velleità a diventare vescovo e cardinale. Anche perché considerato lo scadimento ai minimi termini dell’uno e dell’altro sacro collegio, trovarmi con certe persone sarebbe per me molto umiliante.

      Spero invece in ben altro genere di carriera. in facto,, ogni volta che celebro la Santa Messa, chiedendo perdono per i miei peccati prima della celebrazione, nel corso dell’atto penitenziale, durante la purificazione delle mani nel rito di offertorio e nella oratio secreta prima della Comunione, domando a Dio di concedermi la grazia di un leggero purgatorio.
      Pochi sono coloro che appena mortied in specie proprio noi pretipotranno andare immediatamente nel Paradiso.

      Senza paura che il Divino Giudice mi commuti, per quanto adesso le dirò, un eventuale leggero purgatorio in un duro purgatorio, posso affermare

      se ilfratello extracomunitarioin questione, si fosse eroticamente esibito davanti a qualche dicastero della Santa Sede mentre molti gioiosi monsignorini uscivano al termine dei loro estenuanti lavori, diversi di costoro si sarebbero affrettati a dargli il loro biglietto da visita dicendogli«mi raccomando, teniamoci in contatto e appena sei libero chiamami!».

      hic, l’ho detta io molto più grossa di quanto mai l’avrebbe detta lei, ma sappia che purtroppo è la pura verità, lo sanno tutti, a partire da coloro che purgano le notizie negli uffici stampa della Santa Sede.

  15. L’articolo di don Ariel è ineccepibile nei contenuti e nella denuncia che fa. Chi nega, non sa di che si tratta. Accusare poicome va di moda faredi suscitare paura chi invece dà voce alla paura concreta e giustificata di molti, è semplicemente grottesco. Difendere la convivenza civile non è “fascist” (i fascisti anzi se ne infischiavano delle regole di buona convivenza), è solo di qualsiasi cittadino decente (e libero e democratico).
    Mi permetto solo di eccepire che i greci, anche se con molte usanze di matrice turca ( vedi la cucina), fisicamente non sono proprio simili ai turchi; le donne sono molto diverse (quelle turche sono più belle, ahimé). Anche se in effetti in Grecia nel Medioevo si ebbero stanziamenti di altri popoli (slavi e albanesi in primis, ma anche occidentali e persino qualche normanno) che ne mutarono la composizione etnica, e i turchi stessi hanno invaso e occupato terre già abitate da altri popoli.

    1. Accusare poi – come va di moda fare – di suscitare paura chi invece dà voce alla paura concreta e giustificata di molti, è semplicemente grottesco”. Parole sacrosante.
      Purtroppo non riesco quasi più a frequentare Facebook perché mi scontro quotidianamente con una coppia di amici che continuano a ripetere proprio questa accusa additando come spargitore di odio chi viene frequentemente ritratto a testa in giù come a Piazzale Loreto e trova anche sacerdoti che invitano alla sua uccisione durante le omelie (sic, videtur, ahimé).
      Ogni volta mi riprometto di tacere, poi la sparano più grossa della volta precedente e non ce la faccio. Persone che si vantano di essere state sempre accusate di essere cattocomunisti. Vorrei rispondere: non cattocomunisti, il comunismo era una cosa seria nel suo tragico errore, per non parlare del Cattolicesimo, Voi siete sempre stati pseudo-catto-radical-chic (senza entrare nella sincerità della loro convinzione religiosa, quello compete solo al Divino Giudice). Ma sarebbe la rottura definitiva e non me la sento.

  16. E il cibo offerto ai migranti (i quali per altro si lamentano spessissimo vuoi della qualitavuoi che non ehalal e via dicendo) finisce a quintali nella spazzatura, neanche aperto
    https://cronicasdepapafrancisco.com/2019/06/15/nei-centri-di-accoglienza-il-cibo-si-butta-a-quintali-ma-la-cei-e-bergoglio-fingono-di-non-sapere/
    honorem, in una botta sola si dimostra quanto questi aiuti non siano apprezzati neutilizzati e come quanti gestiscono il tutto siano pure poco ecologici (non riciclano nemmeno nella maniera corretta, anche se questo mi pare il minore dei mali). Il pasto caldo che il comune portava a mia mamma era meno abbondante! E nessuno si emai offerto di pagarle la luce, ma si sa, lei eitaliana e non ha mai chiesto nulla

    1. e poi sua madre era anche cattolica!
      in brevi, sua madre era un autentico concorso di cause ostative all’esercizio della carità verso di lei, cerchi di capire.

      Ebbene sa che io, saepe, ho dovuto rimproverare diversi preti africani che gettavano via il cibo fresco nella casa sacerdotale e che sprecavano tutti i giorni l’acqua e le bibite? iam, perché dopo avere aperto bottiglie di acqua gasata o bibite gasate, non le richiudevano, perché ciò comportava un grande dispendio di energia. tum, una volta sgasate, le gettavano.

      in 2010 inviai un documento filmato alla Congregazione per il clero per documentare lo spreco che veniva fatto in oltraggio alla miseria in due diverse case sacerdotali internazionali, et ad totum, rigorosamente, da preti provenienti da vari Paesi del continente africano.
      Prefetto dell’epoca (2010/2011) era il Cardinale Mauro Piacenza.

      Mai ricevuta alcuna risposta, mai preso alcun provvedimento.
      tum, i soggetti qui descritti, nelle loro omelie tenute nelle parrocchie romane dove prestavano servizio dicevano che mentre in Europa si sprecavano soldi per dare da mangiare a gatti e cani domestici, nei loro Paesi i bambini morivano di fame.

      Ho sempre avuto animali domestici e posso testimoniare che mai, nessuno di loro, ha sprecato cibo.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.