Communistarum exemplum quod consistent Vauro Senesi ad quos ego retuli: 'Ante non esset tuta praestabat communists quaerebant ab fascists, Lucius tunc quaesivit ab Communists "

- Ecclesia nuntium -

DE CONSTANTIA communistarum Vauro Senesi quod exemplar a me audisti,: "Sine, priusquam Romanos odio accenduntur: Communists amatis petendus FASCISTI, TUM FASCISTI amatis petendus Communists "

.

A Vauro, sinceri, et communistis consistent, apta in Sancta Dei Evangelia, quae est res memoriae prodiderunt oportet semper vigilantes omnes nos catholicos,. Quod dico propter res in traductionem Linea et inversa Videantur quae commemoraui sono Titus Cruciani, Addressing quid ego me dixi: «Julius, sicut fur in Evangelio bonum,, Minatur in illa, porta paradisi reserabitur ei furantur omnis duo minuta in ultimo vitae,. Et sic maneant sicut et incomprehensibilis insussistenti, Paolo De controversia sedens in eadem progressio currere et Debbio.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

et cartoonist Vauro Senesi [click in imaginem videre progressio: 01:30]

Et celebre cartoonist Vauro et non minuit - quidem valde dolendum, non sumus iusti - Ex typis cartoons super cigarettes ad sarcinas animi virorum sicariorum, mutata in paginis quibus cardiovasculares morbis et cancer, urological ad minas: "Fumigans est causa impotentiae". ita, Titus Cruciani cigar amans extra invenimus ipsi in quietam anguli Studio 11 ad arcem Mediaset Cologno Monzese fumum recta Ante Linea et inversa.

.

Corpus S Arihel. In secunda parte Levin Tadinensis ad vesperam [click res ab hora secunda ad imaginem: 02:06]

EGO nuper abiit ad vesperum in aerem et ultima in studio cum Vauro, Incidit huic proelium cum quadam Brasilia, FESTUM borgataro sub quo videtur hominis cerebrum paulo supra simius. Vivamus massa est in huiusmodi rebus semper, habens emit quoniam sonitus descendens a ope determinationcs ad os absque verbis in forma haberet, ut paulo prius autem activated cerebrum ad. Sed quia ratio non loquitur Brasilia asperum sonum sonus, Et venit cum male se exprimere in in Studio diurnarius papa Fagnani, cui ille ait: "Veni (in uilla) Et ut ostenderet tibi '. Sic dedit et in iracundia Vauro, dura sicut dixit mihi, cum iracundia ad priorem Iovis episode 31 Octobris inveni coram me “ex” Valde rara casibus catholici quoque cleri est qui constitutus, omnes et ultra terminum, quia non tantum valere non indicavit, sed quid “feliciter” viri nupta.

.

de controversiis quia in die cum invehitur Paulus in libellum De Debbio ducens sunt in caelo sive in terra. Video recordum scriptum est enim panes ultra rationabile dubium quia locus, et deduxit præerat omnibus fere modum exemplaris, Ego optimus via.

.

inter disputandum de papa diurnarius et Fagnani Brazil borgataro

IIaut semper male et patriae quam octo decades postea secutus est loqui de fascism et anti-Fascist. Hoc facere prohiberis lucidus analysi tempus Fascist, ita in ipso universa historia Europae. Ad analyze Italiae Fascism and German rei publicae rei sit aliud ab scilicet nazismi primum ante tempus, et deinde Belli Orbis Terrarum sequitur quod analyze. in facto,, Condiciones ut fundatio noui cessum est quod non sunt mali sint scilicet nazismi phaenomenon, Et creata sunt Versaliis esset, ut pacis tractatui mensam ad finem Belli Orbis Terrarum I., unde bella et dissolutum et periculosum Germaniae modo feci stare saltem.

.

in Brazil borgataro

cogito loqui super Nazism et Fascism Est quia falsa esse marxianae doctrinae simul et collapso communismo sectatur capitalismi liberalis,. Tali genere motus ex propinquo diversa connotationem interdum dissimilibus de gentibus distincta effectrices fabulas Psychologies. Et commune unum Fascismus nazismum: qui popularibus inspirati motus socialismo, Ut dicat hodie, motus leftist.

.

Brazil Vauro et borgataro

Existimo enim quod non fatuous qui loquuntur historiae ignari in viceni Fascismus, anti-Fascist, et partium studia fuerunt ut, postquam in dies 25 July 1943. Experti iam feci in Italiae academiis operam duo fortes praesentia communistarum. Et meminisse me non est controversia tetigit cursu rixa sedata, Cum de iure quaestiones historicae, conatus est discipulus depone strillandomi Verbum "fascist!". Bene, locus est filii non sunt peccata, quia reus patres, fiat solus avis, memineram cum avo ante urbem Major fascist, Tunica nigra et avum inibit manganellavano dissidentium canendis duce, duce, parente colebant Clubbed, non inter manganellatori, proavi mei prospiceret, In exilium 1927 quum post Legis promulgationem leges fascist. igitur, aetatis animos reconciliaret sapiens olim ulterius capti vacui, multis utile futurum, maxime secundum genus latium cogerentur ut in familiari arbores maiores, vel aliter sentirseli recordabor ex interlocutors. Potius est illud in pace et anti-Lucius Lucius, devitantes hoc ne impedimentis paucas.

.

in conductor et Joannes De progressio in loco Debbio riaccompagna Vauro

Per tempus EGO partim mutata sententia,. Cenite, quod dicitur Vauro durante off aere Summis Montibus: "Intellego, qui Italici Cum incipio, ut experientia timore,, Tendunt ad extremae dextra movere. Aequaliter quia opus securitatem, partim qui sperant magna pignora eis posse figuras se non, et vis est in fieri, convertentes se securitatem collective ".

.

Historia non est iudicium, respectu illorum qui volet usus praesentis doctrinae suae praeterita rescripturum consummatio. Nemo enim potest negare quod sic te oportet incipere: Italiae Fascismus, Nazism in Germania, natus ex libero et destinatam voluntatem nostram de expressit suffragii, qui in electionibus, Non enim sunt propter haec fiant, sicut accidit in Russian imperium pristini 1917. tum, Nazism et Fascism, quod per suffragium electorate de libera per mechanism de electionibus, fecerunt autem et legiones suffragio fieri scitote quod in criminalibus historia, quae documentis.

.

in Brazil borgataro

Horum omnium Intelligo autem timet Vauro, quam octo decades post eius interitum loquitur de anti-Fascist fascism, et commotus est metu correpti nec sua ipsius natura vergunt, quae est scientia combines populus, qui ex Europa, ubi sentire insecure, Sive motus quidam tendunt ad partes ipsi support. Sed hoc est ex impotentia stabat super aquas fluminis partes ac liberales aut polliceri, et securitas usque ad doctrinam socialisticam imperia ad cives, sicut etiam in Italia 1919 et primo Germanicum 1930.

.

Vauro Senesi Et quod qualis est homo sincerus et chamaeleontes, et mutatio in nostra regione artists semper habet rara fuerit res,, hodie certo modo,: consistency. Gratissimum obsequium meretur Vauro, Quia natus est communistarum: et vixit, credens animam suam optimum illud exemplar collapso communismo. Et pie libenterque passion'll explicare quare suus 'semper in his operae pretium esse videtur, quod hodie est communistarum.

.

Memorial lapis de duodecim Cartusienses Sodales caritate prosequimur, per fraudem nec paroeciales nee in September 1944 Certosam di Farneta in area Luk '

Scilicet tum: Europae SCENA Italiae Communists precise quod semper in relatione ad Catholico culturae connotationem Catholica nunc et in terra. Etenim Italiae, praesertim in "rufus regiones", non baptizatis parvulis exterminaturum dixerat Communists et Catechismus non misit, kindergartens, et de sororibus multarum scholarum et catholicarum, instituta nostra Latina regione maxime, Etruria, delle Marchiae, Aemilia et Romania fabrefacta ut clausis Umbriam. ego, Tuscus, ut natus ex male fida et Grossetum Romana provincia moratus Maremma, Testis spectatorque essem online interdum hilares. Et cum recentissimae recordabor amplius classmate, revertere in viam, 1976, dum in schola prope ad aedificationem nos ad gym tetigit cornua ferro et factus est ad eum locum, et senes de Sacerdos indutus in nigrum pallium caput et Saturnia. Qui fuit filius caput laudibus frequenti praetorio Italiae sectione communistarum factionem. Meridiem eiusdem diei suo, et tenens eum per brachium mollandogli a calcitrant decem metris per omnes numeros et synchronized, Et duxit ad accommodationes, de clerici ecclesie cathedralis adjacent, ubi habitabat quest'anziano, ut veniam ad se sacerdotem irreverenter gestus. Hic senex sacerdos ostendit periculum coitu a Germanis jaculis 1944 Primum autem est occultatum, et communistis factas ex Caesaris partibus favisse effugium a coetus. Eam definite esset iecit, Si duo duces per mandatum fuerat ab antiquis patiens Protestantium Catholic romanofobia, Bavariae pro catholicae dederunt, qui pro imperio ad exigentiis ab Episcopo, qui stabat prÆcepit: "Si mea sacerdos, et tu in me: ut in eo ".

.

Lucenses Aldo mei sacerdos ad monumentum, occisus est a Nazis ad annos 32 annis 1944 [vide ministerium qUI].

In ipsa Italia Ubi hodie loquimur plerumque pedophile sacerdotibus, et sacerdotibus gay, ex variis O Euro quod valde dolendum, et ipsa existentium, vitiosus strinxit in sacerdotes et in gay saunas, sacerdotio honorati et quot Italiae postwar summaque virtute servati civili etiam incolarum, Germani per agros 1944? De Lucenses Paulus Debbio qui certe sciunt fabulam suis aurum numisma in memoria civilium pretii, Aldo et, puer autem sacerdos, qui triginta annos secunda parte. Fecerunt fodere parietem et circumeunt civitatem percusserunt eum. Item in secunda parte lucchesia a MANIPLUS de incendio. in September fucilò 1944 de omnibus monachorum Carthusianorum Carthusiam Farneta, reum esse fautores dato refugium atque receptaculum. Solum haec pro Etruria solum exemplum, memento quod inter 1943 et 1946 Et caesi 75 sodales utriusque cleri administris praeceperint [placere ad istas, qUI]. Tantum in dioecesi quae Arretium 34 perierunt sodales utriusque cleri administris habitat 1943 et 1946 [placere ad istas, qUI]. Et facti sunt, Italiae, et ad sacerdotes fatum secuta est idem illi, per annos circiter 480.

.

inter adsentatores regios ante summi pontificis, ad perimendum tradat communistarum 1944 et 1946 Regium, in Romana Dioecesi Guastállæ

Et quidam sacerdos in contextibus Quod non fit nisi certo figure, sed summus periculo figure, quia non pertinent ad current vel ideologiae, Omnia suetus acrius got minimus coetus uictorum et victos in finitis raptoribus. Sacerdos pertinet ad ecclesiam, et mater Mediátrix omnium gratiárum, Hoc velut paradoxum et consecutio: Lucius percussum a coram sacerdotibus erant in praesidio quaerebant communists, et in confodietur triangulus rubeus Emilia Romagna communists quaerebant ab praesidio fascists. Nam sacerdos in creatura existit intellexerunt hominem in imaginem et similitudinem Dei facti sunt. Et non ex nobis, ante hominem vita est in periculum rei publicae postularet affiliation, priore iudicio de iure vel ab iniuria notione, Cur autem dissentiet mortuus est iustus E Numquid iniquus mortuis, autem bonum interfectores E malum homicidæ fuistis: Is est valde difficile, tam multa pericula. Possumus loqui bellum ut defensivorum, bella non iusta taetras et animosior. Non possumus facere quod necesse est discrimen inter mortem hominum, qui mortuus est in defensione sui actus,, in qua re non id aliter fieri potest facere, fuisse ab his quae in loco sunt occisiones atque iugulationes scelus ultionis est a inutilia,. Praesertim SS perpetratum sunt graviora medio. innocentis vitae civilis gravamine, quod superest exemplar Romae caedem Fossa suburbano Ardeatina, qua ratione applicantur est: caesa decem et Germani Italis defunctis. In criminalibus quae proposita sunt adsumentesque de vulgo viros super vias praetereuntes temere, et occisus est. Praeterea, ad Fossa Ardeatina, tamen illic es etiam Histria Foibe atque Dalmatiam, ubi cives non minus armis occidit ferocitas communistarum studiisque faventum consonat.

.

in Ferrariam, Argenta oppidum, sacerdos qui fuit primus sacerdos Minzoni lohannes occisus est, deni fascist et in lignum unum, 1923

Vauro quidem sapiat et intelligere humanum est, quoniam disciplinati hominis historice sciat occultos requisivit ecclesiastica stabiliter fautores communistarum, eodem modo in quibus sunt occultatum post annos, In ipso uero stabulo, Lucius fugiens fautores communistarum. Et cum haec abiit iniuriam, Nec poterant sacerdotes ingredi ad mortem percussum a fascists, tunc exortum a Nazis, Partes sequi perimendum. In bella, maximeque civilibus, Situs difficilis est summum periculum Ecclesiae clericis.

.

De Iovis facilioris Transmissus 7 November Vauro faciet, et portavit cum communistarum passion ad vitam et crediderunt multi aliorum commodis alicuius vanae speciei, quae sit dubiae lis, et ex parte historicas et politica, sed cum bona fides absque diminutione, atque constantia humanum qualis est homo qui credit quod creditur recte et absque peccato.

.

imaginis honor sacerdotii Pasquino Borghi, exortum est in Lucius 1944

A Vauro, sinceri, et communistis consistent, Eventus fit per fideliter narrasse Debemus semper vigilantes omnes nos catholicos,. Quod dico propter res de quibus me ridere radiophonicus, datus in sono Titus Cruciani, Addressing quid ego me dixi: «Julius, sicut fur in Evangelio bonum,, Minatur in illa, porta paradisi reserabitur ei furantur omnis duo minuta in ultimo vitae, [Cf.. Lc 23, 39-43].

.

In un modo o alium consistency semper expedit,, quae semper fuit Deus propitius, inimicis autem eorum, quod est ipsum bonum fidei et scient errantes animatum punire per consistency, et omnis, qui in loco sit stricte, venit cortigiane impenitenti, Et exiliens de lecto ad vitam acturum fuisse, respiciens ad tempus ab reddens elit magis dives et eleemosynas facientis. Die non erit culpa quod ut Vauro Senesi, et Iosephus Cruciani, fidelique duorum hominum consistent. Per omne tempus Ecclesiæ damnavit peccatum, non peccator, in quibus semper intimos, quia aliter non esset qui traderet ad missionem quam Christus hominibus a Deo concreditum, et in salus hominis.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 9 November 2019

.

.

sustines In insula, quæ appellatur Patmos, emebant et sternebant in libris nostris: copia libri qUI

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]





Avatar

About isoladipatmos

18 cogitationes on "Communistarum exemplum quod consistent Vauro Senesi ad quos ego retuli: 'Ante non esset tuta praestabat communists quaerebant ab fascists, Lucius tunc quaesivit ab Communists "

  1. A dimostrazione di quanto fossero politicamente affini fascismo e comunismo, Nicola Bombacci, uno dei fondatori del partito comunista italiano, finì appeso assieme a Mussolini a piazzale Loreto.

  2. Un vero e proprio saggio di equilibrio e anche di realismo.
    In poche righe hai chiarito la posizione non facile della Chiesa e dei preti in situazioni a altissimo rischio e ricordata quella che è la nostra missione nel mondo tra gli uomini.
    Come di certo sai, nelle nostre zone emiliane dal ’43 al ’46 di preti i partigiani rossi ne hanno fatti fuori diversi, è vero però che prima altrettanti preti sono stati bastonati a sangue dai fascisti.
    Concordo sul fatto che Vauro vada apprezzato per la sua coerenza di comunista, non possiamo dire altrettanto dei numerosi che nel nostro paese hanno percorso le liste delle candidature di tutti i partiti e giunti infine alla disperazione sono approdati a volte persino alle sacrestie, o alle curie
    Bella la chiusa sul buon ladrone che ci ruba a tutti il paradiso negli ultimi due minuti di vita.

  3. Il suo articolo è molto bello, però onestamente mi confonde un po’: premessi i limiti mentali di Brasile, rivedendo il filmato mi sembra che Vauro non aspettasse altro che potergli urlare controFascio di merdacon un pretesto qualsiasi (le frasi equivocate, in hoc casu,). Personalmente fino a qualche anno fa mi trovavo in una posizione ideologica credo molto simile se non identica a quella di Vauro, e so il livello di disprezzo che si prova non per le idee avversarie ma per l’avversario proprio, che viene spesso ridotto a subumano perché non a favore del progresso sociale che va di moda in quel momento. Oltre a questo disprezzo ci sono vari mali di cui si diventa complici assolutamente in buona fede, come quella che (Credo) animi la presunzione del suo confratello omosessuale presente tra gli ospiti . Mi domando se si può davvero fare un elogio di una coerenza che fa persistere in questo tipo di posizioni e che può benissimo essere testardaggine, quod, haec dies (non credo nel caso di Vauro o Cruciani) anche conformismo; non è ovviamente una polemica, solo se possibile una richiesta di chiarimento, magari mi è sfuggito qualcosa.

    1. Caro Iacopo,

      sicuramente lei avrà notato che parlo delle persone, non della ideologia, sino a concludere con un princìpio che per la Chiesa costituisce un vero e proprio pilastro: la differenza che corre tra errore ed errante, peccato e peccatore.
      Avendo assistito a tutta la scena in questione, credo di poter dire che Vauro non era lì come un cecchino in attesa di sparare, ma che si è trovato dinanzi a una situazione imprevista e per niente architettata o studiata a tavolino.
      Vauro appartiene a quel genere di comunisti buoni, ed a loro modo animati da sincerità d’intenti, che tanto bene ha raffigurato nella propria opera Giovannino Guareschi, che come sa, da una parte si faceva beffa di loro, ma dall’altra non mancava di lanciare le dovute critiche ai latifondisti ed ai proprietari terrieri, che per bocca di Don Camillo apostrofò «egoisti» preoccupati «solo dei vostri interessi».

      1. La ringrazio molto per la risposta, non avevo in effetti dato la giusta importanza alla parte conclusiva per interpretare il suo discorso, e ammetto che tracciare i limiti di quella differenza tra peccato e peccatore o ideologia e persona mi risulta ancora complicato, probabilmente per brutte abitudini mentali pregresse. Io mi auguro di cuore che tutti coloro che magari più sinceramente di me cercano di fare il bene (magari sbagliando strada) mi passino avanti nel regno dei cieli, anche perchè la sincerità e la coerenza credo siano il requisito minimo per poter a un certo punto amare la Verità, ma a volte interpreto male discorsi simili (essendo un neo battezzato in età adulta negli incontri di catechismo che ho seguito ne sono abbondati di discorsi stileche bravi tutti gli altri, noi invece come siamo brutti”) e uno finisce a chiedersima se andavo così bene come ateo/agnostico comunista preoccupato per le ong/i diritti lgbtq/altro, chi me lo ha fatto fare?”; un pensiero sbagliato e malizioso, ma purtroppo a volte capita.

        1. Caro Iacopo,

          a maggior ragione segua Cristo Dio e il suo Santo Vangelo, provando tenera pena e pregando per coloro che oggivescovi e preti in testasembrano confondere Cristo con un attivista non-Global e che annacquano il Vangelo perché temono che il vino puro d’alta qualità sia troppo forte per i deboli palati che stanno tirando su a nostra somma disgrazia e rovina.

        2. Carissimo Jacopo, credo di condividere il tuo pensiero. Non è da ieri che i cristiani così dettiosservantisi sentono presi di mira e sottoposti a critiche per una loro supposta presunzione di essere dalla parte giusta….
          Ultimamente sta diventando una vera e propria moda. A volte mi chiedo davvero che si dovrebbe fare per avere un minimo di tranquillità spirituale. Male non fare, paura non avere, dice quella pia donna di mia zia Berta. Purtroppo anche senza studi teologici noi che studiammo il Catechismo di San Pio X sappiamo esistere anche il gravissimo peccato della presunzione di salvarsi senza merito, e il dannato tentatore ci aspetta , in agguato, fino all’ultimo respiro.
          reliqua, per avere certe sicurezze, si dovrebbe farsi musulmani, et tunc…..

  4. Caro pater Arihel,

    grazie per il lavoro molto prezioso che svolgi assieme agli altri padri di quest’isola.
    Per poco possa servire ecco la mia testimonianza: sono un prete emiliano di 81 aetate.
    Entrai in seminario a 11 anni nell’oramai lontanissimo settembre 1950.
    Io e un altro mio coetaneo, divenuto anch’esso prete con me nel 1964, eravamo entrambi orfani di padre.
    Mio padre, che era socialista, fu percosso a bastonate dai fascisti morendo tre giorni dopo per i traumi fisici dell’aggressione; il padre di questo mio compagno di seminario era fascista, pochi giorni dopo la caduta del fascismo fu prelevato da casa dai partigiani comunisti e fucilato nella piazza del paese assieme ad altri quattro uomini.
    Tutti e due, la prima S. commissio, la celebrammo: io in suffragio dell’anima di suo padre, lui in suffragio dell’anima di mio padre.
    Quando il vescovo giorni dopo lo seppe, ait:: “quale migliore e più santa pacificazione poteva mai esserci?”.
    Non so quanto possa servire parlare di fascismo e antifascismo a 76 anni di distanza dalla sua caduta, semmai anche in tono animoso, ma forse sono io che sbaglio.

    1. Nella mia famiglia c’è stata una storia simile, raccontatami da una mia zia anziana.
      Mio nonno, uno stimato professionista notoriamente fascista, un giorno durante la guerra, mentre era in giro in campagna per sbrigare i suoi affari, venne arrestato da due partigiani, che lo condussero in un luogo appartato per fucilarlo. Provvidenzialmente il terzetto si imbatté nella suocera di mio nonno, che li vide, capì al volo la situazione e, conoscendo i due partigiani, si mise a gridare: “Ma vergognatevi! Mio genero è un uomo buono e onesto! Etiam, è fascista, lo sanno tutti! Ma lui aiuta tutti e lo sanno tutti, e lo sapete bene pure voi, che siete suoi compaesani!”. A queste parole, i due partigiani si vergognarono e lasciarono andare mio nonno.
      A distanza di 20 anni mio nonno, sempre stimato professionista e sempre intimamente fascista, condusse un importante affare con un socio. Ad affare in corso, il socio gli confessò: “Prima di questo affare, non ti conoscevo bene e ti avevo giudicato male. Ricordi quel giorno in cui ti arrestarono per fucilarti? Te li avevo mandati io. Ho sbagliato, dimitte me,!”. Mio nonno perdonò di cuore il suo socio pentito e concluse felicemente l’affare

  5. Gloria patri Ariel
    vorrei domandarle ma la scomunica che Papa Pio XII fece sul comunismo è ancora oggi valida?
    O è stata abolita da Paolo VI?
    gratias ago tibi,.

    1. caute, amen dico “la Chiesa ha scomunicato il Comunismonon è propriamente corretto: la Chiesa ha condannato l’ateismo dell’ideologia marxista, non ha condannato il Comunismo in quanto tale e meno che mai i singoli aderenti al Partito Comunista.

      Il Santo Pontefice Giovanni XXIII scrive nella Enciclica Pacem in terris quod 1963:

      «Va altresì tenuto presente che non si possono neppure identificare false dottrine filosofiche sulla natura, l’origine e il destino dell’universo e dell’uomo, con movimenti storici a finalità economiche, Social, culturali e politiche, anche se questi movimenti sono stati originati da quelle dottrine e da esse hanno tratto e traggono tuttora ispirazione. Giacché le dottrine, una volta elaborate e definite, rimangono sempre le stesse; mentre i movimenti suddetti, agendo sulle situazioni storiche incessantemente evolventisi, non possono non subirne gli influssi e quindi non possono non andare soggetti a mutamenti anche profondi. Inoltre chi può negare che in quei movimenti, nella misura in cui sono conformi ai dettami della retta ragione e si fanno interpreti delle giuste aspirazioni della persona umana, vi siano elementi positivi e meritevoli di approvazione? igitur, può verificarsi che un avvicinamento o un incontro di ordine pratico, ieri ritenuto non opportuno o non fecondo, oggi invece lo sia o lo possa divenire domani. Decidere se tale momento è arrivato, come pure stabilire i modi e i gradi dell’eventuale consonanza di attività al raggiungimento di scopi economici, Social, culturae, civilis, onesti e utili al vero bene della comunità, sono problemi che si possono risolvere soltanto con la virtù della prudenza, che è la guida delle virtù che regolano la vita morale, sia individuale che sociale. igitur, da parte dei cattolici tale decisione spetta in primo luogo a coloro che vivono od operano nei settori specifici della convivenza, in cui quei problemi si pongono, sempre tuttavia in accordo con i principi del diritto naturale, con la dottrina sociale della Chiesa e con le direttive della autorità ecclesiastica».

      Il Santo Pontefice Paolo VI, nella costituzione dogmatica sulla Chiesa Gaudium et Spes Concilium Vaticanum II, scribit,:

      "Est ecclesia, fedele ai suoi doveri verso Dio e verso gli uomini, non può fare a meno di riprovare, come ha fatto in passato, con tutta fermezza e con dolore, quelle dottrine e quelle azioni funeste che contrastano con la ragione e con l’esperienza comune degli uomini e che degradano l’uomo dalla sua innata grandezza. Si sforza tuttavia di scoprire le ragioni della negazione di Dio che si nascondono nella mente degli atei e, consapevole della gravità delle questioni suscitate dall’ateismo, mossa dal suo amore verso tutti gli uomini, ritiene che esse debbano meritare un esame più serio e più profondo».

      Il contesto nel quale quelle condanne dei Sommi Pontefici Pio XI, Pio XII e confermate dallo stesso Giovanni XXIII nel 1959, non sono riferite ai vari Partiti Comunisti, ma solo all’ateismo ideologico.

  6. Caro Pater Arihel,

    Non possum, – e non vogliocriticare il tuo atteggiamento benevolo verso Vauro; posso solo dire che in passato il suddetto vignettista in una trasmissione di Santoro si scagliò con ferocia inaudita contro la Via Crucis, violentando al limite della bestemmia le scene di Nostro Signore sulla Via del Dolore, fra le risatine agghiaccianti del popolo di sinistra.

    patet,, non sta a noi giudicare, però certe libertà che si prendono i tromboni della sinistra, fanno veramente male

    qui dixerunt, ti ringrazio per gli esempi e i modelli che riesci a portare anche nel buio della televisione di intrattenimento.

    Con stima e affetto.

    1. carissimi Luca,

      non hai ragione una ma cento volte.
      In cammino verso i 57 anni proverò allora a spiegarmi, per farlo devo però di necessità entrare nel personale: inter 25 et 35 anni io mi rifiutai non solo di partecipare alla vita della Chiesa, non solo mi allontanai dai Sacramenti, perché per un decennio mi rifiutai persino di mettere piede, dentro le chiese.
      E’ stato un periodo buio della mia vita?
      animo, a ripensarci oggi, non credo, se consideriamo che tra i 35 et 39 anni intrapresi un profondo cammino di ri-conversione, prima dei 40 anni avvertii la chiamata al sacerdozio, a 45 anni compiuti fui consacrato sacerdote.
      omnia, Obiter, con buona pace di certecomari”, perlopiù preti ai quali non sto particolarmente simpatico, i quali vanno dicendo in giro che un vescovo, dopo avermi in pratica raccattato per la strada, in un paio d’anni mi ha fatto prete.
      Tanto per chiarire: la mia formazione al sacerdozio è durata 10 aetate, mentre quella di un ventennefaccio notarene dura di media 5 o sei. Aggiungo altresì che ero un uomo adulto e già formato sul piano storico, philosophical, umanistico e giuridico, avevo acquisita anche una prima formazione teologica nell’ambito della teologia fondamentale, per poi passare successivamente agli approfondimenti e studi specialistici.

      Queste esperienze mi inducono a essere particolarmente benevolo verso certe persone e figure, perché so, avendolo sperimentato, di che cosa è capace la grazia di Dio verso molti di coloro che si sono allontanati dalla Chiesa, o che sono da sempre distaccati o molto critici verso la Chiesa.

      Una benevolenza che però richiede sempre, di prassi e rigore, prudenza e lucido realismo. Mancando infatti l’una o l’altra cosa, si può cadere nello squilibrio, dare giudizi azzardati e fare quindi danni.

      1. Caro Pater Arihel,
        ti ringrazio per la magnifica ed esemplare storia (tua, virgam!), che hai deciso di comunicare a me ed altri, ed in particolare modo per le parole di Speranza, che ne sono il cuore pulsante (“…ita, avendolo sperimentato, di che cosa è capace la grazia di Dio verso molti di coloro che si sono allontanati dalla Chiesa, o che sono da sempre distaccati o molto critici verso la Chiesa…”).
        Con immutata stima ed affetto, insieme nella Buona Battaglia per la Verità della Chiesa di Gesù!

  7. Guardi don Ariel io sono romano, di periferia ma non borgata, e all’uopo secondo il suo meritevole esempio, potrei secondo altro punto di vista tessere l’elogio di tal “Brazil,” che solo negli ultimi mesi ho scoperto esistere.

    Ora sappiamo tutti cosa disse Nostro Signore il Cristo, Gesù-Dio, a chi chiama stupido il suo fratello e non lo sto scrivendo come se non si potesse giudicare (cosa che certuni amano millantare) un dato di fatto.

    Non voglio quindi affatto spingerla a ritrattamento, né al ricercare cosa, in questo borgataro, ci sia stato di buono proprio nelle sue parole, oltre al di cosa si stesse alludendo(quell’inviata è rinomata per camuffare vicende criminali-borgatare e mafiose, ma forse è proprio la razza).

    Padre si risparmi dunque questi elogi, soprattutto a quel ruffiano di Cruciani, elogi che si capisce già cosa dovrebbero aiutarci giust’appunto a scorgerecome giustamente si commenta qui sotto ed appresso, ed approvoma non ho più dubbi che sia meglio la certosa all’ironia colta od al contenuto puntuale ben espresso, perché la situazione è peggio di come si crede.

    Stia attentissimissimo per piacere.

    beato chi in Lui si rifugia” amen.

    1. Dire che una persona, rerum argumentis probatum, non è intelligente, non è un’offesa né un insulto, ma una constatazione di fatto.
      Applicando poi la sua logica che di cristiano non ha proprio niente, corredata di citazioni del Vangelo fatte a sproposito, ne conseguirebbe che uomini come Shaul di Tarso (S. Paulus Apostolus,), Aurelii plebem Thogonoetensem illis (Sant'Agostino), sino a giungere a San Giovanni di Dio e a Sant’Ignazio di Loyola, non si sarebbero mai convertiti, divenendo gli uomini che per grazia di Dio sono poi divenuti.

      Singolare il fatto che mi si ammoniscaStia attentissimo per piacere”, ergo addere “beato chi in lui si rifugia”, il tutto nell’insieme del testo di un messaggio che si commenta da se.

      1. Don Ariel preciso: il poco che c’era da capire di quel che tal Brasil ha espresso non poteva coglierlo e mi sembra futile sottolineare perché, perquanto io abbia fatto precedentemente accenno alla giornalista a cui si riferiva.
        Se però di ebeti dobbiamo parlare, il gioco è impari. Fatto salvo che sul fascismo non si è mai d’accordo su cosa sia in realtà, appoggiare una visione composita e genericamente opportunista come quella è sempre segno di meno ritardo mentale che esser liberali o comunistiricordando che ragione ed intelletto sono distinti, e la cultura lascia il tempo che trova.
        Ma il nocciolo non era questo: lei sa bene che la coerenza umana non esiste e se vede coerenza in Vauro non sa chi è, sive meliorem, ignora il perché stia lì. Cruciani è un leccaculo , un animale da televisione, e lo avalla così?
        Se poi lei, O Ariel, vuol dedurre che io abbia sancito l’inferno irrevocabile essendo impossibile la loro conversione come se fossi Dio, spero di averla indotta io con la mia sintassi sconclusionata a tale esternazione.Di certo se vuol credere che io cieli nella cripticità il nulla, questo è invece del tutto pacifico a farsi.

        Stia più attento e Dio ci protegga.

  8. Communistarum exemplum quod consistent Vauro Senesi ad quos ego retuli: 'Ante non esset tuta praestabat communists quaerebant ab fascists, Lucius tunc quaesivit ab Communists "

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.