Potest Romani Pontificis legitime electus et Petri legitimum successorem, qui beato Petro Apostolo pro privari cum gratiis opportunis coniunctum ?

- Ecclesia nuntium -

A LEGIBUS ELECTI POTESTATE Romano Pontifici, beati Petri apostoli Petri legitimum successorem, et VOCO statu salutis existentes Deo ?

.

Tot legentibus: Numquam ego te, triumphabunt, quod "Deus tecum est credita est mihi,, et genuit filios deridere non nunquam animo postulant, adiuvet et sustineat in iudicium, ne contra animas daemonum non circumeundo atque in multam noctem terrueris.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

Aequivoce statuam beatum Petrum Apostolum in Aedibus Vaticanis vel Archibasilicam

Nunc si absconderis penes nos Verba ex Carolus JOURNET [1891-1975] qui opus eius Ecclesia est Verbum caro factum, est:

.

"Axioma “Papa est ubi sit ecclesia”, sic, ubi papa exci ut Papa, et Caput Ecclesiae; aliter, Quod non Ecclesia sit in ipso,, nec ille in Ecclesia ".

.

Ego fessus sum referant impetrata essent superflue posita apud illos qui negant omnino voluit, et facit solum facultatem causa incerta est, quod Papa potest claudi in gratia Spiritus sancti actiones, cum certis effusa multitudine, eo quod per se operari, nisi recipiat eosque bonos usus gratiarum. Haec igitur et talia scrambles recusatione, et ad hanc quaestionem quae radici et fautoriam juke arca archa coin cantus ... Est, Sed Papa non potest errare, cum iudices, in causa fidei ac doctrinam Domini, decretum est,, dogma,, dogma,!».

.

Quaestio gravissima: sed gratia dei est quod dicit et operatur per ipsum, et est pro se operari sine gratia, quia non pulsantes defeasible doctrinalium fidei, Potest tamen per certitudinem loquuntur clausa est gratia et extra gratiam iustificantem per Deum? Quia si non prius dogmaticam vel metaphysicam, Sed ante magicae. Est quidem enim irrationabile prorsus est magica, quae in se et in se, dum scilicet dogmate dogmate, cumque consortibus sunt irrationales, Rationes sunt posita, Sicut enim pro certo quod Verbum caro factum est, Quod fieri non cogitas vstione proueniunt, Quod ex natura est rationabiliter cibum.

.

Ob haec argumentandi formas clausi Ex quibus omnibus rebus fugam simulant semper valida ratione oboedient omnia, nisi cum fugae quattuor responsa dari formulas tutela nullae, Metaphysicae sive intra nos inquam neve dogmaticae, Sed pars magica, nisi peius digesti. Pro Quo uero spiritus sancti, propter quod supplicatio eius, voluntatis arbitrium, non omnia inrita facis aut quis est, scilicet libertatis arbitrii, est absolute necessarium sdoppiarlo placet facere misericordiam, si sua sponte aperta natura est, non gratia Dei est? Quia si fieri, si Deus esset in eo per sacramentum creaturae ita sunt in contradictio per se ipsum Spiritus Sancti, Hic est Deus noster, et Dominus magica, Gnostici a Deo. Omnibus diebus usque ad faciem problems ut multa paucis annis speculativus inestimabili, at verum quod valde dolendum est hodie, tamen non desinunt sibi quatuor formularum dogmaticarum speculum custodia apud tragicos euidentia rerum immobilium revocat firma: "... illam: quoniam inextinguibile est, errare non potest,, decretum est,, dogma,, dogma,!» …

.

… Et hinc est, quod memoria dignum excipere placita sunt caveis praeferebantur nam sibi rationem aliquando ius, sed intra penitus sunt, ut in cardinem mysterii fidei, magister scholae saltem, S. Anselmi de Praetoria, Quatenus dicit quod «intellectus requirit sensum fidei» [Fides quaerens intellectum. In Prosl., proemio], et tamen: "Puto intellegere, Intelligo credere » [credo ut intelligam, intelligo ut credam]. Fundamentum principale eaeque philosophiae scholasticae, quæ numquam, ad fundamenta eius, Et positus est super magicae.

.

Bene fateor me his argumentis fessi. Im 'ego defessus ex illis quae prius de igne de bibliotheca per sacrorum textuum versiones finis interitus in sempiternum, Librum servare ea effundantur iota unum Ardet, et Evangelium sancti Romano Amerio. Reliquam autem partem ut 'defessus generatim, tantum peto, ut cum quadam frequency: putant nullo digna permanere, et scribere analyze, an melius sit quam reliquerat seque vitam silentio voto monasterio Carthusiano, Et erunt mihi mortem dedicaret? In August, 55th natalis dies mei expleto, temporis incurrat sententiam magis utiles ad salutem omni tempore consecrationis morsque, Non deficiet neque defendere volo servare indefensible unsalvageable, minimum est omnium caput obiectare hominum pro ludibrio abiret ad sacerdotalem fuere dignitatem evecti, et spectare ad solum documenta ipsius Summi Pontificis Francisci dicit, et quod nusquam scriptum est, effossis, si quid est, quod omnes boni habent costs, miserum est interpretative propter cogitationes quae, pone super os tuum, quia non potes dicere, cum bona non facere processus in voluntate sua altissimum …

.

… et tres solutiones all'indifendibile: exprobretur nobis a die sancti Johannis Baptiste et querelis, quam ut sciam Qui machinatus capite plecteretur; De situ analysis quod intellectus speculativus est,, Quo tamen velim; orbis terrarum, et non penitus extrahantur a totalis silentio vitam Suffragium. Tria diversimode operari melius expedire omnes res huius calamitosissimi immedicabile. Nunc ego sum primus elegit solution, exemplum Stabat Mater, Sed etiam tertius volueris elige, fortasse etiam ad efficientius.

.

quaestio, Etenim non mediocris: Quo uero si, nos, diiudicare nostis qui sit custos et authentice interpretandi fidei? Dolet multum accipere vel aliquibus fateare custos "magicae infallibilitate", ostensum est autem nunc per quinquennium ex suo nihil de industria ignorata ambiguitate, Et concussit quattuor sunt in ecclesia, theologicas et morales ad omnia ratione relativa perpendit, pars cum tumultu, quae nunquam visa fuerat, ante quod est in Ecclesia visibilis? An hoc fieri potest, quod ex magna theologia in pundits, ut non uno ponitur quaestio est, si aliquid, verisimile manere inenarratum, hoc est: Papa autem non potest esse casus in quo, clausa est actus per gratiam iustificantem per Spiritus Sancti, tandem privatus statum gratiae dignitatem redolens, Si nihil, sequitur, quod hodie apud omnes apud nos sunt, legitimate electionem suam et munus quod aeque omnibus pro merito occupatus?

.

Et hoc patet,, carorum multa legentibus: Numquam ego te, triumphabunt, quod "Deus tecum est credita est mihi,, et genuit filios deridere non nunquam animo postulant, adiuvet et sustineat in iudicium, ne contra animas daemonum non circumeundo atque in multam noctem terrueris.

.

Nunc nostra salus, quae in spei theologalis, abundanter, in qua scripsi 2014 [videre qUI]. Magna spes est virtus media inter se coniunguntur, ut fides et caritas. Ego autem constitutus sunt in servitium Populi Dei sacerdotium affectantes tali modo de Deo et intravit universalisque paternitatis, Et sic spes intendit dare sanctum, sed neque viam per speciem, quia ego sacerdos Christi,, non pharmacum MERCATOR de hallucinogens acida, sed maxime quia populus sanctus Domini Existimo enim quod, non et bos, Suspendisse ac turpis corrodit aspirin cum termino dari quae ab ecclesiastica societate nostra ecclesialem, dum ecclesia visibilis non iam in uestibulum ex circo ludios a morgue reducitur ad occasionem ad pugnandum idoneis se induerunt, homunciones, et choros:.

.

Vis scire, quid tibi semper, ne sacerdotio fungaris salvus? Et forsitan scholae, Mihi atque profundior; forsitan et metaphysicam, Mihi atque profundior; fortasse S. Thomae Aquinatis, Et Canonici altiori studio impenditur? Bene, Non salvatur per sacerdotium “modo” effective, sed usque est. Eam profunda est de amore salvus Ecclesiae, corporis mystici Christi, quorum Christus est caput et membra sumus viventem; Hoc P. Cornelium Scipionem protexit caritatem Ecclesiae, quae oritur ex divina caritate opus Ipsius Divini Cordis. Hoc est quod omni conscientia die illa suscitabo super altare Ss.mi Corporis et Sanguinis Christi adortos;:

.

per ipsum, et cum ipso, et in ipso

est tibi, Deo Patri omnipotenti,

in unitate Spiritus Sancti,

omnis honor et gloria

per omnia saecula saeculorum.

.

Aut quis forte Ego dedi dilectam animam meam in hac die una pauper scortum et visibilis ecclesia hodie, quae est apud nos, tantam efficerent vastitatem operates totius humanae tantum nanum, edidere saltantium ludentium, et in vitae Atrium autem quod miracula magna Re nudo ?

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 16 January 2018

.

Hic articulus est pars ultima recognita et articulate articulus editis multo amplius 10 September 2018 et non invenietis in archives sub titulo: 'Ante oculos constitutis in Ecclesia visibilis patitur a labe doctrinae integritatem morumque sanctitudinem immedicabile, Ut ripa aperies semen " [textus est readable qUI]

.
.
«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

18 cogitationes on "Potest Romani Pontificis legitime electus et Petri legitimum successorem, qui beato Petro Apostolo pro privari cum gratiis opportunis coniunctum ?

    1. No, Quia non est responsum.
      E’ sicut in subiecto materiae non secundum eundem modum, tamquam: constare potest a dextra ad sinistram.
      Quod veritates fidei sint induit idemque inviolabile, in diversis scientiis theologicis interpretationes sunt,; sine quibus Evangelii praecones, incipiens a me, Tu umquam oriri possit esse absolutum veritatis et fidei dogma:.

  1. “Pontifice designatus potest LEGITIME…”
    sed, Nescio,, Potest considerari potest “legitime electus” qui erat, (ut vulgo dicitur Cardinalis Daneels, absque negatione Ephraim et subsequent) a “Gallen Mafia”?

    1. carissimi Caietanus,

      Ecclesiae historia est antiquis 2000 et non in finem anni decursu locus sublatus inter recentia 2005 et 2018.
      Quod cum in normalised XX saeculorum cursum historiae ecclesiae pontificatum, la cosiddetta “Gallen Mafia” Debet in indice pia opera caritativa et mutui confraternitates.
      Quod, applicando invece i dubbi da lei espressi e quindi il suo criterio, dovremmo procedere a posteriori a dichiarare retroattivamente invalide le elezioni di almeno la metà dei Sommi Pontefici, quarum plures orta sollemni solio simoniace, dolo et politicae INTERMINOR, ne multa quae nepotem carissimum pontificum Cardinale vicem auunculum successorem Petri Cathedram …
      Itaque post.

      Qui scit quid, Cardinali Vicario eiusdem Sanctitatis Suae pro dioecesis Romanae celebrandi, Fama fuit Monuni dicitur in current era Lexicon manuale er cardenal nepote? Nam quod simplex est satis brevi tempore, Nec vero Summi pontifices, nomen suum nepotem munus Vicarii Generalis ponens in tenuissimis, tempore speciei cosiderando, Roma, Quod est caput rei publicae atque Pontificio vicarius generalis Beatissimi Patris, legalis et politica, non habet potestatem.

      igitur, nescitis quoniam qui in fabula, et recriminata “Gallen Mafia”, comparari cum in historia pontificum, Est autem considerandum est Societas per eandem viam pii et sancti Vincentii caritas Dominarum’ Paoli.

      1. pater Arihel,
        Chiunque conosca la storia della Chiesa non può che concordare e ripetere quanto lei ha espresso. Tuttavia in passato si trattava di puri giochi di potere politico e favoritismi, mai si sarebbero azzardati a cambiare o stravolgere la legge del Signore.
        Cosa che invece la cosiddetta Mafia di San Gallo aveva tutta l’intenzione di fare, non si è limitata all’intrigo di corte.

        1. Chiunque conosce la vera storia del Papato e soprattutto chi crede nel carisma di Pietro, non accetta quanto asserito da Don Ariel. Il gruppo di San Gallo, anche ammesso, come è quasi certo, secundum nomina illorum, qui per participationem, Erat autem modernistae rationalismum et individualismo coetus, Et sic non habet potestatem habet, ut 'mutare et convertere lege Domini ", érit, ut promissa Christi, portae inferi non praevalebunt.

          1. Pater mi Cavalcoli,

            O Ariel non cogitare voluit intellegi quod ipsa innuebat, neque me unquam hoc esse priorem illam “electionibus” Nulli esset papalibus.
            Nos scimus, qui in praeteritis, in quibusdam casibus,, non dumtaxat politica proventus suum:. Tamen de rebus quas postea pontifices habuisse elected.

            Ad designandum quod differentia quae voluit, quod illa scripsit postea in comment, Est in voluntate vero ad Gallen Group. Ut 'key distinctus.
            Utique scimus bellum volentibus faciat extremo Deum…

      2. Non parum interest,: ea comitia statuerat non valet, electus Papa excommunicavit in excommunicationem latae sententiae omnibus et participantium (est illic). Ioannes Paulus II, in faceret 1996: nemo in praecordiis talia, de cetero? Aut ignorare vos, quia non est consuetudo antiqua amet, et Wojitila surely ludens loqui?
        Iustus dicens…

        1. Manifestum est quod novum a S. Ioannes II praescripta sunt in 1996 prior irritare usus,, etiamsi iusta. Sed inquantum pertinet ad eam diem ne iis, Et non possunt sanari. Nullum fore electionem novi commeatus factos neglecto S. Giovanni Paolo II. Sed forte putaverint, cuba mecum 2013, Et occurrit sunt.

      3. O Ariel de dicitur quod 'nos eamus ad irritum sanari electionem Summi Pontifices autem minus dimidium "sit ex vano habere historically, Subruta est per fidem et auctoritatem et Magisterii Pontificii gignit accipi debeat quae successioni apostolicae iuris vacuums, ut qui continuitatem abrumpat, aliquid contra fidem catholicam doctrinam de fide ac moribus in continuatam scilicet seriem auctoritas pontificum romanorum, proven historically fides obsidibus Spiritus Sancti, Franciscus Pontifex ad S. Petri de.
        Sicut ad coetus modernistae rationalismum et individualismo of St. Gallen, fieri potest ut ea quae normis canonicis circa interrupit ad disputationem de candidatum qui potest esse optimum electionem novi Summi Pontificis est. Sed unum est valida ratio electionis Romani Pontificis praecedente, quae praecepta sunt ad processum regunt.
        Quid est historically proven, quantum fieri potest,, quae proxima fidei certitudine credendum, Hoc est, quod omnes Romani Pontifices S. Petri Yearbook enumerantur a S. Francisci iam legitime electus est Papa et applicare, dum aliud decursu, et ea,…

        1. O pater Ioannes,

          ridiculam si non esset vere tragicum, quod non curet de te etiam dixi quod legitur in Lector, dando alle mie parole un senso totalmente distorto e avulso dal loro significato, sino ad attribuirmi cose che non ho mai scritto, basta solo leggere sopra la mia risposta incriminata, quella data a Gaetano, perché lo sforzo è davvero minimo.

          omnia, etiam, scritto e inviato da te il 25 January, nella Natività del Signore, giorno nel quale i sacerdoti ed i religiosi dovrebbero essere affaccendati in ben altre cose, per esempio a spiegare ai fedeli il mistero dell’incarnazione del Verbo, come è stato fatto con tre diverse omelie anche sulle colonne de In insula, quæ appellatur Patmos,; dei testi che hanno edificato molto di più il Popolo di Dio di quanto non lo edifichino invece delle questioni di lana caprina.

          in brevi, hai scelto proprio il giorno di Natale per prendere dieci righe, quae non sunt scripta in omnibus probe uti apparet paradoxon, nisi te,, Denique ut frater qui tale donum est opus in quatuor columnas horum annorum erat nisi maxime usus ut in opere tuo et scripto. In hanc, si vis, te potest etiam addere, quod cum eo 2016 vos adepto involved in amoenis rebus et acriter impetum, eg radio progressio super maria Radio, Quando tibi est quia dicitur de ira divina poena Is paucis diebus post terrae motus factus est in Reatino, coram multis dicuntur bigwig della Curia Romana e dell’Episcopato italiano che ti attaccarono e che ti smentirono pubblicamente, noi non ci mettemmo la coda tra le gambe dinanzi a cotanti potenti, né dicemmo «il Cavalcoli? Ma noi non lo conosciamo mica!» … aliquid, noi ti difendemmo a spada tratta, non ti voltammo le spalle, né ti criticammo né ti attaccammo duramente, puntando i piedi come invece hai fatto tu in questo caso affinché questo tuo commento davvero infelice fosse assolutamente pubblicato a tutti i costi. E ti ricordo pure che io ti difesi a mio totale rischio e pericolo. O forse dimentichi quel che in seguito ho pagato io, in salatissimo prezzo, per avere preso di petto l’allora sostituto alla Segreteria di Stato, che ti smentì con argomenti teologicamente inopportuni, sino a ricorrere alla vecchia eresia marcionita, ed al quale per questo motivo io detti pubblicamente dell«asino teologico» e del «pigmeo»? O pensi forse che l’ex sostituto ed attuale Cardinale Angelo Becciu nonché attuale Prefetto della Congregazione delle cause dei Santi, per quell«asino» e per quel «pigmeo» usati in tua somma difesa, me l’abbia fatta passare liscia?

          Comunque ti ringrazio per la tua manifesta e pubblica riconoscenza e soprattutto per il tuo regalo di Natale. aliquot tempora, diversi tuoi confratelli domenicani, portandomi l’esempio di come ti sei ostinato a dare nel corso del tempo dell’eretico al tuo confratello domenicano Giuseppe Barzaghi malgrado le proibizioni e le censure in tal senso dei tuoi superiori, mi avevano spiegato quali sono i tuoi atteggiamenti e che d’improvviso prendi due parole, le stravolgi e poi ci costruisci sopra quel che non esiste; ed una volta fatto questo, non c’è verso di farti sentire ragioni. Infeliciter, io non gli avevo mai creduto, ed ho sempre protetto te. Noto invece oggie lo noto a mie amare speseche invece avevano ragione loro, devo ammetterlo.

          ego iterare: attribuirmi di avere affermato che la metà delle elezioni al sacro soglio sarebbero invalide, quindi pretendere di smentire quello che mai io ho affermato, creando questioni su qualche cosa che proprio non esiste, dopo avere frainteso un paradosso ed una iperbole che tutti hanno perfettamente compresa, se non fosse in sé e di per sé comico, tragicum illud esset,.

          Infeliciter, questi nostri, sono tempi di grandi tragedie ecclesiali, dalle quali nessuno di noi è purtroppo esente, compresi certi regali di Natale da parte di chi mai ti saresti aspettato.

    1. Non era affatto una «società segreta» tipo mafia. Sarebbe offensivo il crederlo. autem, fu effettivamente un gruppo di Cardinali rahneriani, quod, lavorarono segretamente, senza il permesso di S.Giovanni Paolo II, per elevare il rahnerismo al rango di dottrina ufficiale della Chiesa, al posto di quella di San Tommaso d’Aquino.

  2. caro padre ARIEL

    vorrei domandarle il pensiero di rahner è eretico si o no ?
    i gesuiti sono eretici si o no?
    gratias ago tibi,

    1. Fabio carissimi,

      anzitutto premetto che non le rispondo esprimendo opinioni personali, ma le rispondo basandomi su dati di fatto storici, non passibili di facile smentita, a prescindere dal profondo dolore che può arrecare al mio animo cattolico e sacerdotale dover ammettere certe verità; ma nascondere la verità, o alterarla, sarebbe grave dinanzi a Dio e dinanzi alle membra vive del suo Popolo Santo, che non è composto da poveri beoti, come a volte pare che taluni credano.
      igitur, dinanzi alle verità dolorose due sono le soluzioni: o tacere e rinchiudersi nel silenzio della preghiera e della penitenza, oppure dire ciò che è vero e ciò che è falso a livello rigorosamente oggettivo, non a livello soggettivo, al fine primo e ultimo di esorcizzare le nostre paure ed i nostri disagi, negando di fatto la palese verità oggettiva.

      La teologia di Karl Rahner è molto insidiosa e con degli elementi non indifferenti di eterodossia. Più pericoloso di ciò che lui ha detto e scritto, il vero pericoloe tale poi si è rivelatoè stato ciò che sul suo dire e sul suo scrivere spesso ambiguo e ambivalente è stato poi elaborato in seguito.

      Quando si lanciano sul terreno certi semi, accade poi, inimpedibiliter, che i frutti generati siano pessimi, col risultato che dal pensiero eterodosso ed a tratti molto confuso di Rahner, si giunga alla formulazione di vere e proprie eresie, alle quali è giunto per primo avanti a tutti in ordine di serie il suo allievo prediletto, il più curato e anche il più talentato dei suoi allievi a livello speculativo, il Reverendo Prof. Ioannis Küng, il quale partì mettendo in discussione con un suo saggio edito a inizi anni Settanta il dogma della infallibilità pontificia.

      Come spesso ho inutilmente lamentato a diversi teologi, prendersela con Rahner, con i suoi allievi e con i frutti da tutti costoro prodotti, rasenta a tratti l’irrazionale, visto e considerato che Rahner e la sua teologia sono passati indenni attraverso ben quattro pontificati:

      1. il pontificato di Giovanni XXIII, oggi canonizzato;
      2. il pontificato di Paolo VI, oggi canonizzato;
      3. il pontificato di Giovanni Paolo II, oggi canonizzato;

      e sono altresì passati indenni:

      1. dalla Congregazione per la dottrina della fede presieduta per oltre un ventennio dal Cardinale Joseph Ratzinger, che Karl Rahner lo conosceva bene ed a fondo ed altrettanto conosceva la sua insidiosa teologia;
      2. dal pontificato di Benedetto XVI.

      A questo punto io le dico: chiunque scrive libri, articoli e tiene conferenze sul pericolo della teologia rahneriana, senza tenere conto del dato di fatto che ben quattro Pontefici, tra i quali tre santi, hanno omesso di:

      1. vigilare sulla dottrina della fede;
      2. difendere la verità dall’errore;
      3. confermare i fratelli nella verità della vera fede;

      hanno commesso in tal senso gravi e grossolani errori.

      E affermando questo, tutt’altro che a cuor leggero, mi baso su dati di fatto storici, palesi ed evidenti, negabili solo da chi pretende di calare la scure su Rahner ma sorvolare totalmente su chi ha la responsabilità storica, teologica e pastorale di avere permesso il suo sviluppo e la sua diffusione.

      Il tutto a conferma del fatto che i Pontefici, santi inclusi, sono defettibili e possono commettere gravi errori, fatta eccezione quando si esprimono infallibilmente su questioni di dottrina e di fede, secondo quelli che sono i rigidi schemi sanciti dalla costituzione dogmatica Pastor aeternus del Concilio Vaticano I e dal successivo documento Ad tuendam fidem promulgato da Giovanni Paolo II.

      I Pontefici, santi inclusi, sono infallibili limitatamente alle materie di dottrina e di fede, ma non sono indefettibili, magis: il loro gravoso ufficio può portarli a compiere errori e danni molto più gravi di quelli che mai potrebbe compiere un qualsiasi Vescovo o Presbìtero.

      Per quanto riguarda i Gesuiti: la Chiesa deve molta gratitudine a Sant’Ignazio di Loyola ed alla vecchia Compagnia di Gesù, morta definitivamente tra la metà e la fine degli anni Sessanta.
      Quella che oggi abbiamo sotto gli occhi è altra cosa.
      Affermare però chei gesuiti sono ereticisarebbe azzardato e ingeneroso. Possiamo dire che al loro interno c’è sicuramente un esercito di eretici, ma non possiamo affermare che tutti siano eretici, anche se da un albero ormai marcio non possono nascere frutti sani, a partire dal loro attuale Preposito Generale, lanciatosi ripetutamente in affermazioni infelici e fuorvianti a livello dottrinale.

  3. gratias ago, pater Arihel, per quanto scrive! sed, Le dico francamente che non mi stupisce che continui a ricevere obiezioni basate sull’infallibilità papale: difficile est,, per noi laici, comprendere quello che sta succedendo e trovare il giusto equilibrio fra capire gli errori del regnante Pontefice e non perdere la fede nel cattolicesimo che ha fra i suoi fondamenti l’obbedienza al Papa… saepe, parlando con tanti buoni cattolici, mi sento dire che certe cose non dovremmo dirle fuori dai nostri ambiti, quia, substantia, i panni sporchi si lavano in famiglia e non bisogna dare argomenti ai detrattori della Chiesa…. Non sono d’accordo, ma non posso negare di venire messo in difficoltà da siffatte affermazioni….
    Spero non voglia fare il Certosino: personaliter, ho bisogno della Sua chiarezza.
    A curiositatis: in che giorno di agosto fa gli anni? Io il 15 (ma ho un anno meno di Lei).

  4. Grazie di questo articolo!
    Per quanto riguarda chi le oppone l’infallibilità papale, Sed fateor esse intelligo: difficile est,, qui fidelis est in ecclesia volo manere Romae, Papa autem potest accipere quia Ecclesia mismanaging (quamquam praeterita). Falsum esse quod dissonat timebunt. E’ difficile est enim cuilibet ex populo, qui non habet theologiae tua: quod est inter paria merita in rem et videas Papa qui nunc it Evangelium in alium locum (ita videtur)…
    Spero autem quod intentiore arbitrium non vincit malitia: personaliter, Mihi opus est ut legitur!
    A curiositatis: Natus sum 15 August, in August ei in die illa?

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.