Numquid Chihuahua Vinco latratus cum complexus est Pater Arihel, Dei, quod est in Leone,?

Potest CHIHUAHUA cum complexus Patris MASTONO ARIEL PROLOQUOR, Quod Deus est leo,?

.

Numquid ego concepi, correctio fraterna est actus evangelicae veniam, primum in vita mea, quod significet parum scriptum est in epistula ad me off an article, modo pro libello petiverunt. patet,, praeter aufero item, quia non de criminalibus consequatur tanti facinoris, Ego fui susceptus est insula quae appellatur Patmos lectoribus simul etiam dicendum de persona.

.

.

Pater Author Arihel

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

PDF Print Article

.

.

Ad cuius intelligentiam debes legere articulum crepundia qUI

.

.

E.. O Ariel Levi Tadinensis,

Haec scripsi pro nomine et Dr.. Antonio Margheriti, primas eius edita articulus in insula, quæ appellatur Patmos [ed. qUI]. Certiorem te contentum ingrata et ideo formaliter et textus maxime infamiam vocat vos volo uti de memoria statim absque ulteriori ipsum. Ego certe, ut nuntiaremus tibi:, huius, servat ius competit actio, in ut tueri integritatem existimationis graviter et corruptus a te,.

Et quantum non debet conferri per mandatum.

Tuus ex animo.

causidicus. Ricardus rondelli

.

.

.

o postremo iurisconsultus.

Et foliolis me Phasellus thrilled. Ut non intelligam discipulus ille vertatur in criminalibus scientias; et dixit quod non bene, de quibusdam mihi in vita priore, mortuus, et sepultus:. Hoc est dicere, forensibus criminalis legis ethicae, et forte melius, quam, qui habet potestatem mittere in reproducantur message to Facebook est, non oratio significans, Contact mittit unde omnia opera et studio. Hoc sane pro iure litteras mitteret descripserunt, mail aut certified, me cum mandatis et litteris tradere quem interpellant. In casu, Ego idem cum extremis,, ut possit referre ad barram de moribus Concilio Lecce [Cf.. qUI]. Si in eo,, ut videtur,, quae iuris eius Florentiae, popularis probabiliter scire quod illa pars habet: "Deus eorum et coniuges Christi. An quia vetere ac nobilis quondam advocati: "Omne quod meretur ipsum legis habet".

.

etiam, Quam gravis adhuc, Flectit definiendo minis grauioribus agerent satis mihi saltem scribere coepi quod "valde acerbum infamiam". Hoc ducit me ad: filii carissimi,, sed quomodo se habeat materiam et substantiam rei de rebus disciplinae facinus? In lege facultates,, Quo magis studium philosophiae legem, Italici iuris romani iuris historia et institutis, quidem, primum, a patet idea de re, substantia et forma delicti?

.

Dimitte me, ut rememorarentur quas ego Active 7 catalogued in specie libri, et ex variis universitatibus in mundi maxime adprobatum - possidet Pontificiae Universitates - published pluribus articulis in Italian centum alienos, et non et horreis, in 52 anni vitae, Quasi nuntium accepi, quia, solebat offendere,, et ita vehementem, non mihi, sed et ipsum, quod induxerat in senectute sua tempore Blog Papale Papale cum conatu V Opus Dei,. Et statim ex illo quod scriptum, quia cum non realiter, in substantia et forma,, ad infamiam causa criminali prior es,. 595 C.P, Minatus est gravissima de causa per ingratos consequatur advocati Operis Dei. Item, videtur quod si aliquis, adulescens, Iam cum ad infamiam, hoc est, non mihi,, Customer, qui delectatur in suis scriptis, sed ad satisfactionem, ut publicum administrator Ecclesiarum Apuloque,, noluit afferre maluit solvere mulctam 2.000 Euro, ille excusat, quod nobiliores eorum, ut aiunt, “Mastini”, Potest quidem Donavit et Dominum nostrum Iesum Christum. Ex his quae semper et in acta publica saepe clientis.

.

Cum ergo his customer cum insanum quem putat, ut aiunt, "non perdit comas vitium», in 2014 Et alterius conatus eius, V in blog Papale Papale. et ex facilis LUCTUS quod, ad hoc venit, graviter ledo Cardinalis Beniamino Stella, Praefectus Congregationis pro Clericis nostris [videre qUI]. In veritate dico vobis, quia et ultro tonis dicaces, facti sumus obprobrium lingua vulgari contentus totum falsum quoad Ecclesiae principem, Et paenituit populum. Videtur quod post paucos dies postea deleta solitum et consuetum retrahere manum et ignavi qui illam lapidem mittat, susceptumque ne errorem deprecarentur ad victimam. Damnum autem erat, quod probatur ex eo quod capta articulum, Blogs aliquot edidit et interpretatus et circum orbem terrarum, in quibus tamen est available, Sicut ergo vales scripturam legere Brasiliensium Blog translationem in linguam [Cf.. qUI, qUI], blog de Hispanis in America [Cf.. qUI, qUI], in English translation, sic … Ex hoc tempore ut nuntiaremus tibi:, ubi in propria reprehendit,, infra in publicum redarguii [Cf.. qUI, qUI], et rogabant eum, ut prius dictum est, quod in eius blog, addendo quod est a se, et rationem profundam Apologia “superficie hostiae” venenosa ei falso indicio odio adulescens sacerdos, Sta ante a Pontificia Academia Ecclesiasticae - quae ad formam et institutionem delectorum sacerdotum ad diplomaticum servitio Apostolicae Sedis -, de Stella, per voluntatem archiepiscopus Beniamino, quae tunc erat praesidem, dimissa est subiectum in quaestione, et egit egregium. hunc ergo vult ut constare fateri, saltem, et dixi quid frustra - cum didicit ordinem -, facie sonant verba, ne miserae adulescens clerus scientiam, quia una persona laesus, venena tantum malum et falsum, ex quibus collecta. Et factum est ita, Subject ad experimentum de re non refutavit, hanc novissimam fabulam aeque ac demonstrata “Glorioso” V.

.

Et quod facultas ad “inexcusabiles”, “Quia reprehensibilis erat”, Differt a qui mobilitate et mature superbus et puer parvulus, triste vale: Vinco ab hoc differt a sensu carentibus proportio Snooty Chowchow. Semel purgata omnia, Quaestionem autem, quæ mihi respondeat,: in quod capacitatem, obtrectatio objectum reale actu exercetur in multis scripturis eius ludo - in effectu jus-romanistico -Virgo vilescit, Sit pro quodam iure sacrosanctam Chihuahua camouflaged a Vinco, Sed post aliquam crevit vir paratus ad scream - ut legitur “cum passionibus viriliter” - Paedagogica habet in puncto quovis modo feci facit duos alapas?

.

clienti, qui nunc in eo revelatur per attornatum suum Virgo vilescit, annos, ut decet, et imprudentes, principem catholici orbis, et contumeliis suae mulier a voce in tam obsceno pornographic, ut etiam in nobilis online actor Rocco Siffredi esset maerens. Respondit mulier et respondens per video missae in Nuntius et Tube. Damnum quidem fecisse catholicas - quod quidem non sua contumelia mos, vulgus - et erat magna, quia haec puella, qui non est catholicus et fidelis, Et quantum ad hoc confirmandum quod "non sunt maxime infestantibus catholici et fideles", voce exprimitur in illa re publica video.

.

In text [Cf.. qUI] Ego enim desiderium usus et severitate quod factum est typicam de paedagogica Directores spirituales bonorum confessorum ut mos, insignis “Catholic bogus”, Et quia non habebant, et est in operti parvis mentis spiritualis, quae in se. Definire eius et contumelia diffamatoria ut mos est ut a eximius,? Meus bonus causidicus, Si autem somnium, uti lege metri mensuram, intelligit se maior pars post carcerem mittere praedicatores et confessores? Sed tamen hoc bonum est et eius illustraret Virgo vilescit. Super permaneo tribus annis, nos operam mos esset dari ad tempus ad testis, in variis divulgationis ephemerides et catholica,: New Daily Compass, clavum, Crucis … foras sequentes causae et impigre: «… unum PLACENS Snooty intolerabili ". possibly, si sermonem meum servaverit, non, ut requirant duce Ricardo Cascioli, director de et Compass, a Giampaolo Barra, direttore del Timone, a Mario Adinolfi, director de Crucis ... e qualora qualcuno pensasse che le riviste cattoliche sono fatte e gestite da soggetti cattivi e crudeli che vilipendono le vergini illibate, allora la illumino che è stato altrettanto sbattuto fuori anche da alcune testate laiche, venit Qelsi E Libero, senza mai essere riuscito a fare qualche cosa di serio, a partire dalla iscrizione all’albo dei giornalisti professionisti, o perlomeno dei pubblicisti. O le risulta forse, ostendit ex testimonio, il contrario?

.

Se un pastore in cura d’anime, rivolgendosi ad un cattolico reso come tale “suspicatis” dalla sua palese chiusura alla grazia di Dio e ad ogni genere di ascolto, lo redarguisce e gli ricorda che nei concreti fatti egli è un nullafacente mantenuto da papà a fare il non meglio precisato “intellectualis” Romae, dedito a scorrazzare per la rete telematica … lei, in giuridica scienza e coscienza, omnes, anziché triste dato di fatto reale, me lo chiama «testo altamente diffamatorio ed offensivo»? Ed è forse «altamente diffamatorio» ricordare a questo Peter Pan che l’Italia è piena di persone che alla sua età mantengono da anni mogli e figli con duri sacrifici, che lavorano per rendere al meglio nelle loro professioni e mestieri? È forse «altamente diffamatorio» ricordare a questo soggetto psicologicamente ripiegato nel proprio iocentrismo, che egli ha avuto dei talenti naturali, uniti a tutte le necessarie possibilità economiche, grazie alle quali, se avesse avuta l’umana umiltà di farsi guidare e formare da bravi maestri e professionisti, al presente avrebbe potuto essere una autorevole firma del Sera Corriere della, anziché il perditempo internetico senza arte né parte che alla prova dei fatti è? O le risulta forse il contrario, sempre alla prova dei fatti?

.

Qualora ella trovasse però – cosa davvero improbabile – un giudice che accogliesse e non archiviasse la sua eventuale querela, si prepari, in sede di giudizio, ad udire le testimonianze di alcuni tra i più noti giornalisti italiani, incluso un autorevole giornalista di fama internazionale che, dopo i beceri insulti da osteria rivolti dal suo Cliente al Cardinale Beniamino Stella, comunicò alla direzione del mensile cattolico clavum – sul quale all’epoca il suo Cliente pubblicava in prova qualche articoletto –, che se dopo quell’articolo falso e insultante diretto al Prefetto della Congregazione per il Clero edito sul blog Papale Papale [Cf.. qUI], gli avessero permesso di seguitare a scrivere sulle colonne di quella testata cattolica, egli avrebbe ritirata la propria firma tra i nomi dei soci fondatori. Intende forse querelare anche questo giornalista, reo di avere minacciato di ritirare il proprio nome di socio fondatore da un mensile cattolico sul quale in prova aveva cominciato a scrivere qualche cosa il suo Cliente?

.

Temo poi che il suo Cliente le abbia taciuto il modo evangelico, pedagogico e paterno col quale ho agito nei suoi riguardi, cosa peraltro facilmente dimostrabile, quod: prima ho scritto a lui, lo scorso anno e poi di nuovo pochi giorni fa, per redarguirlo riguardo certi scritti, inclusi gli ultimi, rimproverandolo in privato che l’articolo-intervista allo Spirito Santo era blasfemo [Cf.. qUI E qUI]. Poi ho provveduto a ripetergli il tutto davanti ad un saggio e autorevole anziano, chiedendo anche l’aiuto di quest’ultimo, casomai fosse stato in grado di aiutarmi a convincere il suo Cliente dei propri errori. Non avendo ricevuto da parte sua alcuna risposta, tanto egli è abituato a non confrontarsi con il reale ma solo col virtuale, solo a quel punto l’ho corretto riprendendolo sulla pubblica piazza, anche perché io, sacerdos et pro theologo, devo tutelare il dogma trinitario dalle stoltezze scritte dal suo Cliente, perché la Divina Persona che in modo blasfemo ed empio il suo goliardico Cliente ha fatto finta di intervistare riducendo la dogmatica a burletta, è il mio preziosoDatore di Lavoro”, nonché Datore di Grazie [per inciso: stoltezza, blasfemia, empietàsono tutti termini tecnici del lessico teologico, casomai volesse configurarli erroneamente come espressioni diffamatorie].

.

Far giungere a una persona che come me si è comportata a questo modo, ed alla quale il suo pavido Cliente non ha mai risposto, un messaggio in toni perentori inviato per Facebook da un consulente legale – sempre per la serie «Dio li fa e Cristo li accoppia» – rischia di qualificare lui e di qualificare anche chi lo dovrebbe assistere, posto che alla base del migliore esercizio dell’arte forense c’è quella prudenza – come insegnavano i vecchi e saggi penalisti – che dovrebbe sempre indurre a non prendere mai per oro colato quel che dice il cliente condizionato dai propri umori, o in questo specifico caso dalle sue dissociazioni dal reale e dalla incapacità di reggere un paterno rimprovero che forse, per sua somma disgrazia, non gli è mai stato rivolto in vita sua, ecco perché oggi è quello che è.

.

La invito quindi a studiarsi bene la disciplina dell’art. 595 C.P. sul reato di diffamazione, perché esprimere la verità, con rammarico e garbo, assieme a un tocco di non insultante ironia – perché all’insulto è avvezzo il suo Cliente, vieppiù in toni da osteria, non certo io −, non solo non è reato, ma è un diritto tutelato dalla legge fondamentale dello Stato: la Costituzione della Repubblica Italiana. A meno che non sia il suo Cliente a voler cadere, nel caso di un molto improbabile accoglimento della querela da parte del giudice, nel reato di diffamazione a danno mio.

.

Ciò detto, siccome un avvocato della Magna Grecia che si rivolge a me in questi toni e in queste forme non merita di essere preso sul serio, bensì preso garbatamente in giro assieme al suo Cliente, la prego di informare quest’ultimo che la Santa Sede – essendo nel caso di specie lo Spirito Santo di Dio la vera Persona diffamata − sta seriamente meditando di depositare ella, a carico del suo Cliente, una querela per diffamazione a tutela della divina onorabilità della Terza Persona della Santissima Trinità. tum, noi Padri dell’Isola di Patmos, ci costituiremmo parte civile in sede processuale, avendo lo Spirito Santo, a noi molto caro, ispirato il Beato Apostolo Giovanni, che proprio sull’Isola di Patmos scrisse l’Apocalisse, testo di recente barbaramente ed empiamente bistrattato nel blog del suo Cliente da uno dei suoi articolisti, quod, assieme al suo Cliente, ha messo su con quello scritto un vero e proprioconcorso associativo in ignoranza” [Cf.. qUI]. Inoltre le anticipo che io, essendo in particolari relazioni con lo Spirito Santo, avendone ricevuti e soprattutto messi a frutto tutti i doni di grazia, dimostrerò in sede giudiziale che la Terza Persona della Santissima Trinità si è dissociata da quella intervista, dichiarandola falsa. Sarà quindi messo agli atti e diverrà materia per la formulazione di un giudizio in sede processuale, il fatto che lo Spirito Santo, quidem, non è mai stato intervistato dal suo Cliente, che incorrerà in tal modo in varie figure di reato, dal falso al millantato credito giornalistico. A lei quindi, per primo avanti a tutti, toccherà l’onere in sede giudiziale di interrogare una Colomba Bianca resa oggetto di questo giudizio, visto che solitamente lo Spirito Santo si presenta a questo modo.

.

Se lei ritiene che un qualsiasi giudice della Repubblica Italiana sia disposto a disquisire di dogmatica trinitaria – visto che il vero diffamato è per l’appunto lo Spirito Santo di Dio – in tal caso si accomodi e faccia pure il suo lavoro, ma cerchi però di farlo molto bene, perché la materia giuridica in questione è alquanto spinosa, ed eviti soprattutto di far dire al giudice che … "Deus eorum et coniuges Christi.

.

Lei è consapevole del fatto che solo per avere definito «altamente diffamatorio e offensivo» il mio scritto e per avermi intimato di toglierlo senza che esso nulla contenga fuorché la sacrosanta verità, sotto le forche caudine dell’art. 595 C.P. potrebbe finirci un Chihuahua arrabbiato con il complesso del Mastino e non certo un Leone di Dio come me? [1] Lei è consapevole, Avvocato, che cosa vorrebbe dire, ritrovarsi in una sede di giudizio, a dover interrogare e ascoltare un soggetto come me? Quanti suoi colleghi, molto più adulti e soprattutto molto più esperti di lei, cercherebbero di scongiurare in ogni modo una simile eventualità, specie poi se io chiedessi al giudice di potermi avvalere della riconosciuta facoltà a difendermi da solo? O forse pensa che io, la mia vita, l’abbia trascorsa a perdere tempo su internet, nell’attesa di capire che cosa fare da grande? O forse lei, come il suo Cliente, è a sua volta privo del comune senso delle proporzioni? quia non videt: se dal virtuale si passa poi a quel reale che da sempre costituisce il mio pane quotidiano … «‘so ci amari », direbbe quel simpatico sant’uomo del Marchese del Grillo.

I miei ossequi.

.

S Arihel. Levi Tadinensis

presbyter,

.

.

[1] Arièl dall’ebraico אריאל, significa Leo Dei, nome scelto per il sacerdozio da Ariel S. Levi Tadinensis, il cui nome di battesimo dato dai genitori è Stefano.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

Leave a Reply