Dominicana of St. Anselmus in sublime a Grillo Teologante Schillebeeckx

de litteris lectores, 2

Patres dicunt insula quae appellatur Patmos

.

a CRICKET TEOLOGANTE AL DE SANT'ANSELMO DOMINICA Quod auget Schillebeeckx

.

De solum pure theologica in gradu, in homine in aeternum, esse, quod haec academica, doctrinaliter loquitur, Est quaedam evenientem seiunctionem transgrediendi veteris illius Midæ regis filij quod mutatum est quae tetigit, in aurum. In contrarium eius, Andrea Grillo, quasi Re Mirda, quicquid tetigerit theologice doctrinaliter et stercore vicibus, scilicet quia et in suo penitus habere vitia-cogitandi in matrem omnium haereseon collectum,: modernismi.

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Caro Pater Arihel.

Episcopus misit me meus ad annos Romae ad S. Anselmi qui specializationem?. Nec conplevit quia prima pars, attendentes quod, dato ordine lectionum Prof.. Elmarus Salmann et Prof.. Andrea Grillo, Dixi ergo episcopum non ibimus, sacramentorum theologia et catholica fuit, docuit ipse ab nullo quell'ateneo. Idem episcopus non rapiunt illud, Dimissi ab officiorum magisterium, accepit autem ei consilium meum. Per hoc legere articulus by Professor. Grillo [ed videre qUI], Ultima arbitrium ut tali me dignor me. Et quid putas,?

signati litteris

 

 

 

Cricket Andrea,
Pontificium Athenaeum S. Anselmi de, nomine, sponsio, hodie, heresis …

Andrea Grillo Ea est hominis secundum intellectum ingratos, elati ingenii sunt exercitia populi. Nos have quoque nuper vidisset, per modum disputabat cum Vat Aldo Maria Valli Rai, Notum factum est omnibus - et fuit collegas eumque secum offline - delicata et venuste facti sunt quasi vir amantes significat style [connectunt disputandum, qUI].

.

EGO reperio is molestus Andreae Grillo non hominem, quia homo non iniucundum, aliquid! EGO reperio is molestus pure theologica in gradu, omne quod triste miscendum invenietis illos teologastri Postremis his quinquaginta annis non loqui de Deo et de mysteriis Fidei, sed politico-clericali fenomenologie. Sint pro exemplo multos in nostra legit Sacerdotis ex articulus nuntiavit [Cf.. qUI], et dices ad eum analyze: columba, quotiens, Andrea modum Grillo, loquebatur suae clericos politica phaenomenologiae, quod Sacramentum Ordinis, Tacuit autem de transiens in Deo, et verbum Dei, Filius consubstantialis Patris perpetuatione in Statuto de Sacramento, ut vivorum et Memorial sancti? Cum commemoraret copias - et inepte - so: 'Et' omnis hominis christiani cooperandi "venire e contra historical inter" Eucharistia "et" consubstantiation ''. Et hoc non legunt ex conceptu “praesentia Christi” non metaphysicam percipiat, sed ut politica quaestio solvere, ad exsequendam sacrosancti summum dogma, dialogum oecumenicum falsum destruens illa aperietur, quod sit ab intra ecclesiam protestantizzando, gratias ago MANNULUS Troiano ut Andrea Grillo. igitur, multo magis intellectum honestus, Academic sociologi Francici, debes facere aut peritus, Ecclesia phaenomenologiae, et adhuc melius,: ecclesiasticas, Sed nulla theologiam sacramentary liturgicae, dantur plures, qui ibi in sacramentis suscipiendis, et quot vivet in eis mysterium celebramus ut gratia, Habent cum eos, relatione, quae est in fide, Mystice necessitudo, non necessitudine clericales sive politica et phaenomenologicae.

.

Aequo modo loquendi theologorum, in homine in aeternum, esse, quod haec academica, doctrinaliter loquitur, Est quaedam evenientem seiunctionem transgrediendi veteris illius Midæ regis filij quod mutatum est quae tetigit, in aurum. In contrarium eius, Andrea Grillo, quasi Re Mirda, theologice et stercore quod fertur contingit doctrinaliter, scilicet quia et in suo penitus habere vitia-cogitandi in matrem omnium haereseon collectum,: modernismi. Ne semper te et cuiusvis confusionis mentium caveatur iterare: "Et omne theologicum tangit doctrinaliter", quod hoc modo se habet ad expressio mirdiano obtutu tacito aurum fide veritatis, in excremento haeresum. in facto,, tum quantum ceteris omnibus, virum utique dignum et plurimum de quo civis ad insigniter Publica Italica, quod homo pulcherrimus, maxime fidelium in matrimonio sancto viro, huius generis exemplum patris et honorabiles sequi. In hoc - inquam - Non homo coniciendae consistendaeque, non dubitavit and moribus hominum, quae non nisi eiusdem theologici heterodoxy context, quam maxime oportet applicantur ad me sermo: "Shit '. Quoniam manet heresi et quod omne bonum Catholico: pessimus crap ex satanas, Princeps fictus et caelum, et verum in falsum, et falsum est in vero sunt qui mutat.

.

Andrea Grillo Monaco est dignus pupillam Benedicti tedesco Elmarus Salmann [Cf.. qUI], qui, cum merito eius a triginta fecundos fructus protulit autem protestantized in regula est Pontificium Athenaeum Sancti Anselmi. Hoc itaque satis sit ad recordationem tantum - meminisse se et plura -, quia quando inter tenuit Elmarus Salmann 2010 et 2011 universitatum doctores hanc praeparationem cursus, Usus est etiam rem publicam capessere definiens Beatus Pius Nonus, quod 'causa mentis ", Jacobus Martinus levari peccatum auxilio hae notiones Iesuita, qui eventus fuit vir strenuus historiae scriptor, tamen a psychosomatic perturbationes mentis in specialist Pontificia personality. Et commentariis edidit volumina quatuor Societatis istorum beatificationis contra Papam [Cf.. qUI E qUI] - quod non habes "verum fidei:" opinions, sed docto -, bonum est quomodo orci mentis divi Benedicti de causa Pontifex 'positus est in suo ipsius pectore inveniendi novum numisma dogmino », pontificis dogma de infallibilitate in luculenta sit.

.

Cognoris Theutonicorum, quern romanofobi, caput et os considerandum est in quaestio, modernistarum studiosi adoramus quod praeter Atrium autem quod miracula salmanniana, consilium - manifesto discrimine campester, quod! - Lectio in duo haeretici opera Ioannis Küng, including: falli? quaestio. deinde, quod flammam Pulsante et deinceps usque processerunt, luteran Teutonici Elmarus Salmann sancti Pontificis Pii X, qui -, et propterea posui, - 'suam Pascendi Dominici Gregis, Speculatio scientiae progressum impediunt et conatus, dum protestantium in metaphysicae consilio fecit monstra exegetae illustrant,, studiis theologicis et biblicis ". Valet hoc quod dicitur memoria retinentes quoniam tales inter limitata publicam utilitatem sapientiae margaritas salmanniana, nominatissimus lulianum Ferrariam diurnarius qui audit aderat tum, Quod non absque memoria.

.

Hic est homo,, immo in minima hereticam quis posuit in sella apud S. Anselmi eius Atrium autem modernistae rationalismum et individualismo mirabilia, Andrea includitur Grillo, hoc consectarium: intra moenia, ne quidem accedere possunt, theologice atque consulant doctrinali, quod hodie est Catholico. Sufficiat dicere ad permutationem efficit inter Waldensian Facultate theologica Sancti Anselmi et range de falsi nominis Protestantes, prostratio corporis humi procumbentis vera Concilium Oecumenicum scelus idololatriæ,, ad punctum, ut evangelica parochus, quamdiu fuerit hospitatus est ricca Paulus doctor tempore Pontificali universitates.

.

Hoc est dicere, si a Catholico, pro sua summa infortunii, venenatis consequat ac veneficiorum adiit tam, omnino corruptum, piperatum cum modernismi et protestantismi, Non esse membra in igne crematur atrium autem pravitatis heretice mirabilia habitavitque in medio Elmarus Salmann, multa inter sese aspiciebant ut monachi qui abiectis sculettanti variis languentia students, quia heresis - est eadem opera fratres informatione Darii regis Poloniae oKO terminata [Cf.. qUI E qUI] -, saepe fit omoeresia, omnibus nubifrocio rerum non sequitur in ecclesia, Et factum est absque me multos et uarios circuitus explicare libro meo 2011.

.

Ipsum quod futurum est scribere modernistae rationalismum et individualismo sull'eretico Andreae Grillo, ingenii magni est, qua- modernistae de Ernesto Buonaiuti, satis ingenii habent, Sed contra est quod valde dolendum est usus scientia et sapientia, Quod nihil aliud habeat, quia nunc autem facti sunt et mediocritatem haeresim. Et quia Grillo teologante Est modernistae rationalismum et individualismo, Non est quaestio de, non quod dico, scriptorum nituntur, sed, acatholicae ad notiones de Eucharistia, Sacramentum Ordinis, Matrimonii sacramenti,, vel generalius de dogmatis sacramentum. Non loqueris oecumenicae navitatis, inter proeliorum quae consecraverant ad communionem cum haereticis,, ponitur in sacris ordinibus mulieribus, secundum matrimonium Catholico, sequitur correlarie omnemque duxit ruinam vastare varias congregationes Lutheranam Anglicanae. Cum liberales, quia advertebat magnas opinationum scholas suas pro diruto antiqua fidei dogmata;, feminism irae suae, eorum “mulieres sacerdotes”, ornatior eorum “vescovesse” coniugem et liberos lesbians uxorem accipere [Cf.. qUI], in scientifica,, tantum mirantur, De hominis luterani, non tantum per ecclesias evacuare, dum fuit vacua magis quam catholicas, quo fit, ut ad ecclesiam, in fidei professione, «unam sanctam catholicam et apostolicam ecclesiam," multis in transmigrationem, maxime Anglicani. Nam si Grillo teologante Fuit potius quam ut theologum catholicum sana doctrina teologista, Se prius in memoriam Nicaenum Symbolum fidei,, nec praedicare fidem in nobis “multa ecclesiarum”, permanere autem verbis profitendi,: "Puto est ecclesia, baptisma in remissionem peccatorum ' [apud, sanctus, Dóminum et vivificántem:]. Quia Verbum Dei, Beatus Ioannes in Apostolo, Perfectus in hortari [Cf.. Gv 17, 23], et non multiplices aliqua divisarum “ecclesiarum”. igitur, oecumenicae navitatis concipere possumus, quod solus a Catholico, Est autem unum deducere, quod aims in unitatis Ecclesiae fratribus separari "a, baptisma in remissionem peccatorum ', non ea dignitate adficeretur haereticae schismatis “reform” haeresiarcha Lutherus et numero “reformator”.

.

nihilominus, quod Grillo teologante Non nunquam hinc aperta est hodie, non subliminal, quam quod in opinione dicenda admissionis mulierum sacris, sciens dolo semper clausa sermonis pronuntiatione ut S. Ioannes Paulus II, quia ab illis quae supra n referendo conciliarissimo Beati Pauli VI - et non “antiqua Ecclesia” Sanctus Pius Decimus et Pius V -, Ecclesia iterum inculcatur "Est non intendit, auctoritatem sibi non agnoscere admittendi mulieres ad sacerdotalem ordinationem" [videatur document, qUI]. Cui enim quod affirmatio Grillo teologante inviolatum esse definiendum retorts humilitatem sophistica: "Declaratio" non "auctoritate" [see full article, qUI]. In eo, quod Grillo Teologante, ludere magis de iure ecclesiae pertinentes, civitatibus: "Non est irreformability Ordinatio Sacerdotalis quod, diutius in a perspective, eius sensum agnoscere scivit auctoritates ecclesiales cras habere auctoritatem extend autem consecrationum tolles et mulier. Nam illud de 1994 id est, definitive tenendum, sed non absolute,. Nisi tantum Ecclesiae auctoritatis est dignetur habere in 1994 Hoc excludere voluit. His ego defectus debitum divini «infallibilitatis", et scriptum est, irreformabiles esse nisi secundum quid '.

.

Infeliciter, peritus omnis ludio ludius in hoc, ludens cupulae, vulgo volta Quid Pro Quo apud fallibile et L’falli, It takes praesertim cum non propter Evangelium et vitam Verbum Dei incarnatum, quod prius quam pressius, Nec vero Summi pontifices, Non modo adfirmaverunt aliud esse Ecclesia: "auctoritatem sibi non agnoscere admittendi mulieres ad sacerdotalem ordinationem". Simplex causa Ecclesiae auctoritate nescit, quod sit illis qui vivunt rationem fidei cristocentica quam politicocentrica, scit bene, quod Christus, in mulieribus,, Habebat aliquam volutpat, Iudaei habuerunt subjicit, etiam magis quam legis Mosaic, omnes cavillosità rabbiniche. Videtur de Christo, qui licet genere scandalum dimittenda Saepe mulieres accedere incitatos memorantes nec non tangere; Adversus in societatis iure, quod non patitur se etiam patres, de filiabus eorum, sed e contrario supra, praeter separationem atque sollicita elit, castitatis cultu relativo ita. Hi sunt, qui, in Christo, Et non potuerunt curare minus. cur igitur, Sacerdotium et Eucharistiam instituens, Qui cum mulieribus non elegit sacerdotes? Mulierum qualis, Erant proxima est Christus Dei! satus a mater Dei, nati sunt sine labe peccati originalis praeservata. Et Iudas Scariotes qui et tradidit illum pro quod chose, Et Petrus ter negavit eum, et alii,, ante ill apparatus agonum, Evangelium secundum scripta sunt in passione,: «Tunc discipuli omnes, Forsook, qui aufugit»? [Cf.. Mt 26,56]? Cur non eligere hoc incredibili Mariam Magdalenam, sequeretur quod primum Cruci diluculo ad monumentum? probably, Verbum Dei, quia noluerunt mulierum nondum Christiana adultus, Nondum enim erat ibi “reform” magna “reformator” Lutherus: qua possumus nunc videre de turpibus, Saturnalia agunt “vescovesse” lesbians dilatant foris et pastoralis, mitra,; Nondum erat loquendi apud theologos pro suo arbitrio interpretes eiusdem aetatis patronos virgam post Concilium consilium egomenico, sed profecto non est ruptum hermeneuticae disiunctae a schola Bononiensi Dossetti & Alberigo. Iam vero quod habuit haec et multo amplius, vade et amplius non possent, aliquibus “limitatezze” quod … pauperes Christi, ob quam Ecclesia "auctoritatem sibi non agnoscere admittendi mulieres ad sacerdotalem ordinationem". bottom, Quod satis esset posuit super ipsum Deum, opportunum ducimus agite quantum. Non est haec essentia blasphemantis Spiritus Sancti?

.

Andrea Grillo esse hereticum quia in cogitatione insuetam omnem errorum indicat declaratio legunt oecumenica Pseudo Dominus Jesus annos singulos 2000, cum omnibus suis utatur sacræ Liturgiæ error tangitur ab errore eruditionem Redemptionis Sacramentum, et gravis ad locum celebrabitur cui debetur liturgicorum variis consociationes subsunt vigilantiae paroeciales Ligurum populato, unde et saepe conciones tenuit sacerdos loco in Evangelio per Sacrificii eucharistici potissimum celebrationem, quod ipsa "sacrificia", quibus panis transustanziano Ss.mi Corporis et Sanguinis Christi,, In re praesenti animo, corpus divinitati. Sic enim collocatur Eucharistia est Lutheranam transignificazione, nec protestantica transfinalizzazione, ad festum vel convivium eucharisticum Calvinista modo intelligatur sacra merum symbolum exhaustae. quia enim Grillo Teologante si terminus sit bonum,, praecipue protestantes, nisi post hostiam viventem sanctam. Contingere sine superioribus echelons usque dogmaticarum sacramentale, tantum memento quod satis esset promulgato Catechismo Catholicae Ecclesiae de sanctissima Eucharistia:

.

in P.. Eucharistiae sacramento continetur, rem, rem, substantia consecratio Corporis et Sanguinis Domini nostri Jesu Christi,, et divinitatis ad animam, tum, quod totum Christum. Quae quidem praesentia “verum” non exclusio, quasi aliae sunt “regium”, sed per excellentiam, quia substantial, et ex quibus Christus, Deo et hominibus, nimirum totus atque integer [Cf.. CCC, n:. 1374]

.

Sed in finem, Quis ego sum,, a celebritate sicut est iudicare Grillo teologante, quia vacuam suo ueneno annos suos in haeresim, quae Decessor idem Noster Pontificale Universitatis, et fenestras directe sub ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei Gerardus Ludovico Müller et virens ab A. ad Congregationem de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum, cui praeest Cardinalis Robert Sarah? Si ne haec duo cardinales, non indutus est in rubrum choreography, Quid autem significat fidem audiens atque oboediens usque ad effusionem sui sanguinis sui, ita ut duo haec propinqua ad directionem reus haeresis pertinet modernistae rationalismum et individualismo in ministeriis suis venditata ab apostolica cathedra Dei Grillo Teologante, Maybe ego cogito? Et quod valde dolendum non potestas ut dicit quaedam ingenia et docerem acatholicis scilicet se manibus gesturum. Erat autem in loco in officio praefecti quidam, Facerem diutius, regardless ab ira, et impetus modernistarum repressuri, qui potens est enim dimidium saeculum Consortium in hac parte, Ecclesia est in exercitum.

.

Quod est, dicere quantum memini, non parva res realiter, reipsa iam longe ante idem 'Imaginationis viribus ", quia etiam imaginatione cogitari aliquando fuisset, omnia damnátus esset, quod Papa décimus, de animadvertit modernismi quasi mater cunctas haereses sola interemisti, Et subiciemini his qui esse in ecclesia, ad punctum, ubi sunt haeretici,, punire gratiam immundos fugare studiosi ad doctrinam fidei catholicae depositum et in sacris, Pontificia Studiorum Universitates ab Universitatibus celeberrimi, et maxime in senior ones, ubi docuit esse non futurum fuisse, theologi ac perniciosos errores, haereses haeretici, aliquid! Eam 'vocatur, in haereticum Lutherum "corrector', homines quidem gratias ago dicens “reform” Quia haeretici non habent,, post quinquennium fere saecula, Concilium Vaticanum II,, quod «licet ad hoc applications pia fata Lutheri, (!?) Quod verum est secundum aliquam sui partem est tale, et quod analyze, et diligenter explicare nimis, Interdum natus est ponere a paucis non legitima dissentiente Luther - haud secus atque heri scripsi -, non ex recepta II, sed etiam ante, Council of Trent, disciplinae canones de pluribus, Fecitque sibi legitime de his plura. Est quaedam immutationes ineundi pro diversis attribuitur a Vaticano II inductam: et Lutherus, si ut 'non satis,, directe accommodare protestantium in domo ac honestatem ecclesiasticarum studiorum universitatum invitavit in posterum ibi theologos formare nostra, ea potissimum de sacerdotibus et religiosis, per haeresim olim sigilli titrated sante Romani academicum papers, vade ergo in ecclesia dans pulpitum monologues nuntio ad quotcunque volunt haereses proudly, in auram et deliciis in domibus de malis doctoribus scil intellectum.

.

defectus meus et conscius, Relinquo vobis ad respondendum heterodoxies Grillo teologante et X Decessore Nostro S. Pio Papa, quid de Atrium autem modernistae rationalismum et individualismo mirabilia mail haereticus reputandus dux in Elmarus Salmann cathedras in Pontificii S. Anselmi De Anteneo, Dicit in verbis patet et certiora in qua sequitur …

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 3 November 2016

.

.In Summis Montibus pio-x-ADDRESS SS Pius X
RIVOLTO AI NUOVI CARDINALI *

.

Vatican city, 17 January 1907

.

san-pio-x
sancti Pontificis Pii X, autore della solenne sconfessione dell’eresia modernista [videre Pascendi Domici Gregis, qUI]

Accogliamo colla più viva compiacenza i sentimenti di devozione e di amore figliale verso di Noi e di questa Sede Apostolica, che Ci avete significati in nome vostro e dei vostri dilettissimi confratelli per l’onore della Porpora a cui foste chiamati [1]. Ma se accettiamo i vostri ringraziamenti, dobbiamo pur dire, che le preclare virtù, di cui siete adorni, le opere di zelo, che avete compiute, e gli altri segnalati servigi, che in campi diversi avete resi alla Chiesa, vi rendevano pur degni di essere annoverati nell’albo del Nostro Sacro Senato.

E Ci allieta non solo la speranza, ma la certezza, che anche rivestiti della nuova dignità consacrerete sempre, come per il passato, l’ingegno e le forze per assistere il Romano Pontefice nel governo della Chiesa.

Se sempre i Romani Pontefici hanno avuto bisogno anche di aiuti esteriori per compiere la loro missione, questo bisogno si fa sentire più vivamente adesso per le gravissime condizioni del tempo in cui viviamo e pei continui assalti, ai quali è fatta segno la Chiesa per parte dei suoi nemici.

E qui non crediate, Venerabili Fratelli, che Noi vogliamo alludere ai fatti, per quanto dolorosi, di Francia, perché questi sono largamente compensati dalle più care consolazioni: dalla mirabile unione di quel Venerando Episcopato, dal generoso disinteresse del clero, e dalla pietosa fermezza dei cattolici disposti a qualunque sacrificio per la tutela della fede e per la gloria della loro patria; si avvera unaltra volta che le persecuzioni non fanno che mettere in evidenza e additare allammirazione universale le virtù dei perseguitati e tutto al più sono come i flutti del mare, che nella tempesta frangendosi negli scogli, li purificano, se fosse necessario, dal fango che li avesse insozzati.

E voi lo sapete, Venerabili Fratelli, che per questo non temeva la Chiesa, quando gli editti dei Cesari intimavano ai primi cristiani: o abbandonare il culto a Gesù Cristo o morire; perché il sangue dei martiri era semente di nuovi proseliti alla fede. Ma la guerra tormentosa, che la fa ripetere: Ecce in pace amaritudo mea amarissima, è quella che deriva dalla aberrazione delle menti, per la quale si misconoscono le sue dottrine e si ripete nel mondo il grido di rivolta, per cui furono cacciati i ribelli dal Cielo. E ribelli pur troppo sono quelli, che professano e diffondono sotto forme subdole gli errori mostruosi sulla evoluzione del dogma, sul ritorno al Vangelo puro, vale a dire sfrondato, comessi dicono, dalle spiegazioni della teologia, dalle definizioni dei Concilii, dalle massime dell’ascetica, — sulla emancipazione dalla Chiesa, però in modo nuovo senza ribellarsi per non esser tagliati fuori, ma nemmeno assoggettarsi per non mancare alle proprie convinzioni, e finalmente sulladattamento ai tempi in tutto, nel parlare, scribo caritas sine fide et praedicans, tenera assai pei miscredenti, che apre a tutti purtroppo la via all’eterna rovina.

Voi ben vedete, o Venerabili Fratelli, se Noi, che dobbiamo difendere con tutte le forze il deposito che Ci venne affidato, non abbiamo ragione di essere in angustie di fronte a quest’attacco, che non è un’eresia, ma il compendio e il veleno di tutte le eresie, che tende a scalzare i fondamenti della fede ed annientare il cristianesimo.

Etiam, annientare il cristianesimo, perché la Sacra Scrittura per questi eretici moderni non è più la fonte sicura di tutte le verità che appartengono alla fede, ma un libro comune; l’ispirazione per loro si restringe alle dottrine dogmatiche, intese però a loro modo, e per poco non si differenzia dallispirazione poetica di Eschilo e di Omero. Legittima interprete della Bibbia è la Chiesa, però soggetta alle regole della così detta scienza critica, che s’impone alla Teologia e la rende schiava. Per la tradizione finalmente tutto è relativo e soggetto a mutazioni, e quindi ridotta al niente l’autorità dei Santi Padri. E tutti questi e mille altri errori li propalano in opuscoli, in riviste, in libri ascetici e perfino in romanzi e li involgono in certi termini ambigui, in certe forme nebulose, onde avere sempre aperto uno scampo alla difesa per non incorrere in unaperta condanna e prendere però gli incauti ai loro lacci.

Noi pertanto contiamo assai anche sull’opera vostra, Venerabili Fratelli, perché qualora conosciate coi Vescovi Vostri suffraganei nelle vostre Regioni di questi seminatori di zizzania, vi uniate a Noi nel combattere, Ci informiate del pericolo a cui sono esposte le anime, denunciate i loro libri alle Sacre Congregazioni Romane e frattanto, usando delle facoltà che dai Sacri Canoni vi sono concesse, solennemente li condanniate, persuasi dell’obbligo altissimo che avete assunto di aiutare il Papa nel governo della Chiesa, di combattere lerrore e di difendere la verità fino alleffusione del sangue.

Del resto confidiamo nel Signore, o diletti figli, che ci darà nel tempo opportuno gli aiuti necessarii; e la benedizione Apostolica, che avete invocata, discenda copiosa su voi, sul clero e sul popolo delle vostre diocesi, sopra tutti i venerandi Vescovi e gli eletti figli, che decorarono con la loro presenza questa solenne cerimonia, sui vostri e sui loro parenti; e sia fonte per tutti e per ciascuno delle grazie più elette e delle più soavi consolazioni.

.

Pius, PP X

.

___________________

NOTA

[1] Card. Aristide Cavallari, Patriarca di Venezia.

* ASS, Vol. XL (1907), pp. 259-262.

.

.

.

QUEL DOMENICANO CHE ESALTA SCHILLEBEECKX

.

Uno dei gravi difetti di Edward Schillebeeckx è che egli confonde concetto e linguaggio. I linguaggi variano, mutano e devono mutare; devono essere aggiornati e adattati all’ambiente; ma certe realtà di ragione o di fede, che essi esprimono, sono universali e immutabili, sunt,, per dirla con Benedetto XVI, valori “non negoziabili”, irrinunciabili. Quindi andiamo cauti prima di definire Schillebeeckx un “grande teologo”.

.

.

Author Cavalcoli OP
auctor
John Cavalcoli, IN

.

.

O pater Ioannes ,

vi seguo da sempre sull’Isola di Patmos e ricordo d’aver letto suoi giudizi critici sul teologo olandese domenicano Schillebeeckx, da lei accusato di modernismo, gnoseologia, etc.. days ago, mi sono imbattuta in una presentazione fatta sul sito ufficiale dell’Ordine Domenicano [ed. qUI], dove questo teologo da lei più volte criticato è presentato nella lista dellegrandi figure domenicane”. Sono un poconfusa, potrei chiederle una spiegazione?

Francesca Papa

.

.

.

Edward Schillebeeckx
picta: Edward Schillebeeckx – Caratteristica degli ecclesiastici e dei religiosi modernisti, è che rimangono agli annali loro foto ufficiali che li ritraggono di rigore in giacca e cravatta, con in mano un boccale di birra (Kark Rahner) o con una sigaretta (Edward Schillebeeckx), ma nessuno di loro si è fatto immortalare con il proprio abito ecclesiastico o religioso, meno che mai con il breviario o con la corona del rosario in mano

Sul sito della Provincia domenicana di San Tommaso d’Aquino dell’Ordine dei Frati Predicatori è apparsa la presentazione della figura e dell’opera del domenicano Edward Schillebeeckx per la penna di Padre Gerardo Cioffari, IN [videre qUI].

.

L’Autore ne fa grandi lodi, molte delle quali sono immeritate, perché io sin dal 1984 [1], insieme con altri critici e in consonanza con le censure, che Edward Schillebeeckx a suo tempo ha ricevuto dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, ho segnalato in molte occasioni e in alcune pubblicazioni [2], i suoi gravi errori, che trovano la loro radice nella sua gnoseologia storicista e relativista e che mettono la sua teologia in contrasto con la dottrina della fede.

.

Il fatto che Schillebeeckx sia stato tra gli ispiratori del Catechismo olandese, messo così in rilievo da Gerardo Cioffari, non fa onore a Schillebeeckx, dato che il Catechismus conteneva errori contrari alla fede e così gravi lacune, che il Beato Paolo VI fu costretto a farlo correggere e completare da una commissione cardinalizia appositamente istituita. quod Batavica Catechismus; senza le correzioni apportate da Roma, è la bandiera dell’attuale neo-modernismo filo-protestante e si spaccia falsamente per interpretazione del Concilio Vaticano II.

.

Il vizio fondamentale della gnoseologia di Schillebeeckx sta in una radicale sfiducia nella ragione, sostituita da una “fede” esperienziale ed atematica, che ricorda molto l’impostazione di Lutero. Egli infatti crede che il concetto non coglie la realtà, quindi non può essere una rappresentazione oggettiva e fedele del reale, ma è l’espressione o interpretazione relativa al soggetto di una precedente “esperienza atematica” della realtà, sicché il concetto si limita ad indicare l’oggetto, senza identificarsi intenzionalmente con esso, ma lo rappresenta solo in forma convenzionale, linguistica o simbolica, tum, pro exemplo,, un cartello stradale indica la direzione da seguire per giungere alla meta, ma non è ancora il luogo che occorre raggiungere.

.

Da notare che l’ “esperienza atematica” non è l’esperienza dei sensi, ma è una intuizione intellettuale apriorica del reale concreto mista a senso, che Schillebeeckx desume dalla fenomenologia husserliana. Il sapere, tum, per Schillebeeckx, non inizia con l’esperienza sensibile, come per Aristotele e San Tommaso, ma con questa esperienza o intuizione apriorica, che ricorda anche l’apriorismo cartesiano e kantiano.

.

L’esperienza sensibile, per Schillebeeckx, non avviene prima della concettualizzazione, come nel tomismo, ma nell’orizzonte dell’esperienza atematica, che non esiste in San Tommaso, e che invece per Schillebeeckx è il punto di partenza del conoscere. Egli ammette che il concetto sia legato all’esperienza del senso, ma esso è formato solo dopo l’esperienza atematica, come interpretazione ed espressione “inadeguata” (nel senso che vedremo) di questa esperienza. Il tutto è accompagnato da una spiccata antipatia per l’astrazione intellettuale, di origine occamistica, che rende Schillebeeckx incapace, in nome di un’indiscreta concretezza e storicità, di cogliere e apprezzare il valore oggettivo e realista dell’astrazione dell’essenza universale dal particolare concreto, e quindi l’indipendenza dell’essere sovratemporale ed immutabile dal temporale e mutevole.

.

Secondo il vecchio pregiudizio occamista, l’astrarre è inevitabile, ma esso toglie qualcosa o impoverisce il contenuto del conoscere, che sarebbe raggiunto solo dall’esperienza atematica, ed aggiunge un elemento soggettivo, che sarebbe la “interpretazione”, se si tratta di cogliere l’oggetto; o l’espressione concettuale nel linguaggio, se si tratta di comunicarlo agli altri.

.

Per Schillebeeckx, nos, per mezzo del concetto non possiamo conoscere oggettivamente la realtà, ma solo “interpretarla” secondo categorie mutevoli e diversificate, compresi i dogmi. L’esperienza atematica coglierebbe il reale, ma è in se stessa, in quanto atematica, incomunicabile nel concetto e nel linguaggio. È presto detto che tutto ciò ovviamente è deleterio per la comprensione dei dogmi della fede, il cui contenuto è notoriamente immutabile ed eterno, essendo interpretazione infallibile della Parola di Dio. haec, meraviglia sommamente, per non dire che scandalizza, che lo Schillebeeckx sia stato proprio docente di teologia dogmatica. reliqua, casi simili nella storia del pensiero non sono nuovi. Basti pensare che Kant era docente di metafisica. Si direbbe che per Schillebeeckx l’enciclica Pascendi Dominici Gregis di San Pio X sia venuta per niente.

.

Per comprendere la teoria di Schillebeckx sul concetto, non comprensore ma “indicatore”, possiamo fare un esempio. Se io vedo per la strada il cartello “Bologna”, conosco la direzione che devo mantenere per arrivare a Bologna, ma non posso dire ancora di essere a Bologna. Ma questa separazione dalla realtà si aggrava nella visione Schillbeecckxiana, per la quale il concetto indica la realtà, sed non la fa mai raggiungere.

.

Così si spiega la dichiarazione di Schillebeeckx citata da Gerardo Cioffari: «L’espressione concettuale non è che l’imperfetta, inadeguata ed astratta esplicitazione dell’atto conoscitivo costituito da una intuizione implicita. Essa dipende sempre da una determinata esperienza terrena, da un dato momento storico e da una particolare cultura».

.

Questa “intuizione implicita” è un’esperienza originaria pre-concettuale, globale ed ineffabile della realtà, che successivamente viene “interpretata” o espressa in concetti che tendono ad essa, ma non la raggiungono.

.

De re, per Schillebeeckx, è una ed oggettiva; dà la verità, ma gli approcci concettuali sono molti e contingenti, così come sono molti i segnali stradali, che indicano Bologna nelle diverse direzioni. Di una sola realtà, tum, non si dà un solo concetto, ma molti nel tempo e nello spazio. Da qui la mutabilità e relatività dei concetti dogmatici.

.

pro exemplo,, uno è il mistero di Cristo. Ma un conto è la cristologia neotestamentaria, un conto quella calcedonese, un conto quella medioevale, un conto quella moderna. Confrontate tra di loro in assoluto, si contraddicono tra di loro. Esse invece risultano vere, se riferite ciascuna al proprio tempo. Veritas filia temporis. Il concetto ontologico di persona andava bene per i tempi di Calcedonia. Oggi bisogna usare quello esistenzialista. La bandiera si muove a seconda del vento.

.

Osserviamo altresì che “espressione inadeguata” non è solo sinonimo di “imperfetta” — l’imperfezione è connaturale al concetto umano, soprattutto in teologia, nel senso che il concetto non comprende totalmente la cosa —, ma vuol dire che manca quell’ adaequatio intellectus et rei, che condiziona e costituisce la verità del conoscere. E manca appunto perché il concetto non raggiunge la realtà, non la fa propria, non la assimila, non la interiorizza, ma le resta fuori, impenetrabile, inconoscibile ed estranea, ci gira solo attorno, come nella gnoseologia kantiana.

.

In tal modo il soggetto — “una determinata esperienza terrena, un dato momento storico, una particolare cultura” — entra, mediante l’ “interpretazione”, a costituire l’oggetto, per cui la verità non è più una semplice adaequatio ad object, ma è relativa al soggetto. È il relativismo gnoseologico. Non posso conoscere la cosa com’è, sed come è per me. L’oggetto non è in sé, ma è relativo a me. Non c’è più pura oggettività, ma il soggetto concorre a costituire o a formare l’oggetto, venient in Kant.

.

Osserva Gerardo Cioffari: «Non si tratta però di un’affermazione di agnosticismo, in quanto l’inadeguatezza del concetto non significa che non corrisponde ad alcunché di reale, bensì che non coglie adeguatamente il reale, ma lo indica, ne offre la direzione ed il senso. Il che vale specialmente per il discorso su Dio, del quale conosciamo, al dire di S. Thomas, ciò che non è, e non ciò che è. Di conseguenza la rivelazione resta un mistero insondabile, e le definizioni dogmatiche hanno la funzione di orientarci verso il mistero della salvezza».

.

Per evitare l’agnosticismo non basta che il concetto corrisponda a “qualcosa di reale”, se poi il concetto non lo raggiunge e non si sa cosa sia questo qualcosa. Anche per Kant la cosa in sé esiste, ma il guaio è che è inconoscibile. Occorre invece che la mente sappia qual è l’essenza della cosa. Se manca questo atto della mente, manca la stessa conoscenza, perchè conoscere vuol dire appunto sapere, di una cosa, quid agis, vuol dire conoscerne l’essenza. La conoscenza è conoscenza di qualcosa.

.

Riguardo poi alla conoscenza di Dio, bisogna ricordare la distinzione fatta dal Gaetano tra il cognoscere quidditatem, conoscere l’essenza in qualunque modo e il cognoscere quidditative, conoscere per modo di essenza o in forza dell’essenza.

.

Quando San Tommaso dice che di Dio razionalmente sappiamo solo ciò che non è, piuttosto che ciò che è, si riferisce al conoscere quidditativamente, ossia conoscere Dio per essenza o nella sua essenza propria. E’ impossibile definire l’essenza di Dio o formare un concetto di Dio per genere e differenza, perchè Dio è purissimo Essere, al di sopra di tutti i generi e le specie. Conosciamo Dio quidditativamente solo nella fede e soprattutto nella visione beatifica. Ma ciò non vuol dire che sia del tutto impossibile formare un qualunque concetto di Dio o definirne la essenza — cognoscere quidditatem — in un modo qualunque, per quanto imperfetto ed analogico. Si utilizza, come ci suggerisce la stessa Sacra Scrittura [est 3,14], la categoria dell’ente, che è al di sopra di tutti i generi, e quindi meglio di ogni altra si presta per formare un concetto di Dio, come appunto fa San Tommaso con la sua famosa nozione dell’ipsum Esse per Se Subsistens.

.

Il concetto, come già sapeva Hegel, non è altro che la cosa “nell’elemento del pensiero”; la cosa in quanto pensata, rem in meam, come diceva San Tommaso. Questo non vuol dire che non occorra distinguere il pensiero dall’essere, o la cosa dal concetto della cosa. Confondere questi due termini, con la pretesa di conoscere esaustivamente l’oggetto, come fece Hegel, sarebbe idealismo gnostico, più volte condannato da Papa Francesco [3].

.

Gerardo Cioffari cita poi altre parole di Schillebeeckx: «Teologicamente mi sembra insostenibile e anche impossibile voler fissare una volta per sempre i concetti teologici ricorrendo ad una regolazione ecclesiastica del linguaggio. Perché ogni asserzione, etiam Const, significa qualcosa soltanto entro un contesto concreto. Se viene portata dentro un altro contesto, il significato di quanto era stato asserito viene inevitabilmente spostato».

.

Un altro grave difetto dello Schillebeeckx è che egli confonde concetto e linguaggio. I linguaggi variano, mutano e devono mutare; devono essere aggiornati ed adattati all’ambiente; ma certe realtà di ragione o di fede, che essi esprimono, sono universali e immutabili, sunt,, per dirla con Benedetto XVI, valori “non negoziabili”, irrinunciabili.

.

È vero che una medesima cosa può essere espressa in modi diversi. Ma non bisogna prendere a pretesto il mutamento dell’espressione o del linguaggio, cose che possono essere utili o necessarie, per cambiare la cosa. Se si cambia il significato o il concetto di una cosa, la cosa non può più essere la stessa. E se un valore è immutabile, è sleale e ingannevole presentarlo come mutevole. Deve permanere il concetto di ciò che permane e mutare il concetto di ciò che muta. Il sapere, quidem, deve progredire; ma se l’oggetto conosciuto è immutabile, non si tratta di cambiar concetto, ma di migliorarlo.

.

Il linguaggio certamente non è fatto solo di termini verbali o segni linguistici. È troppo evidente che questi variano e mutano. Ma esistono anche modi espressivi di carattere concettuale, come per esempio i concetti metaforici, le immagini, i simboli, i miti, i paragoni, differenti da cultura a cultura, da tempo a tempo in una medesima cultura. È chiaro che anche questi elementi espressivi variano e devono cambiare, restando lo stesso il significato dell’oggetto.

.

Quod cum ita, bisogna dire che il Magistero della Chiesa fissa una volta per sempre i concetti teologici, soprattutto dogmatici, non ricorrendo anzitutto “ad una regolazione ecclesiastica del linguaggio”, ma approfondendo il significato della Parola di Dio. Il Magistero non è l’Accademia della Crusca. Esso fissa per sempre tali concetti, soprattutto nelle solenni definizioni dogmatiche, semplicemente perchè le realtà o verità che sono oggetto di queste definizioni sono eterne e divine.

.

Si tratta dell’interpretazione infallibile, sotto l’assistenza dello Spirito Santo, di quella Parola di Dio, che “non passa” (Mt 24,35) e che è “stabile come il cielo” [autem 119,89]. Che poi il Magistero tenga anche alla proprietà del linguaggio, questo è vero; ma sempre e solo al fine di far comprendere al fedele il vero significato del dogma e quindi di quella Parola di Dio che il dogma interpreta.

.

È quindi falso che «ogni asserzione, etiam Const, significa qualcosa soltanto entro un contesto concreto». Sed contra est, essa significa qualcosa, ossia la verità di fede, entro qualunque contesto, anche se dev’essere mediata da un certo contesto, perché la verità di fede è una verità universale ed immutabile. Il significato delle verità di fede, quale che sia il contesto nel quale esso viene espresso, è sempre lo stesso, perché esso è al di sopra del tempo ed appartiene all’orizzonte dell’eterno e del divino, non è legato a nessun particolare contesto storico e vale per tutti. Verbum Domini manet in aeternum.

.

Diverso discorso vale per il linguaggio, col quale la Chiesa esprime la verità dogmatica. Il suo linguaggio è e può effettivamente essere legato al variare dei contesti storici e dei sistemi linguistici. La formula dogmatica, sed, può variare nel suo aspetto linguistico e semantico, ma giammai nel concetto di fede che essa esprime.

.

Altre dichiarazioni di Schillebeeckx riferite da Gerardo Cioffari: «Il Magistero stabilisce ogni volta nelle mutevoli circostanze temporali quale linguaggio è valido nella Chiesa; in altre parole esso regola l’uso del linguaggio ecclesiastico e stabilisce: Chi non parla così e così della fede, espone, almeno in questa situazione culturale con i suoi presupposti specifici, se non se stesso, certamente gli altri fedeli, al pericolo di alterare il senso inteso del messaggio evangelico riguardo alla realtà salvifica».

.

Quod illud Ecclesiae munus, non è anzitutto stabilire delle parole o delle formule verbali, ma dei concetti, chiarire i concetti, i concetti di fede, sia pure espressi in parole adatte e comprensibili. Certamente la Chiesa ha la preoccupazione di esprimere il messaggio evangelico nella maniera più adatta, così da farsi comprendere dagli uomini del suo tempo. Ma ciò che le sta più a cuore è di farci sapere che cosa Cristo ci ha insegnato per la nostra salvezza. E per capire queste cose, occorre una gnoseologia che ammetta che l’intelletto coglie il reale mediante il concetto, altrimenti la conoscenza svanisce e noi perdiamo l’altissima dignità che Dio ci ha dato di essere stati creati a sua immagine e somiglianza. Quindi andiamo cauti prima di definire Schillebeeckx un “grande teologo”.

.

Varazze, 3 November 2016

.

NOTA

[1] Cf. Il criterio della verità in Schillebeeckx, in sacrum DOCTRINA NOVAE HIEROSOLYMAE, 2, 1984, pp.188-205.

[2] Accenno a Schillebeeckx anche nel mio recente articolo “Decadenza e ripresa dell’Ordine Domenicano” [text see qUI].

[3] Cf il mio saggio “La dipendenza dell’idea dalla realtà nell’ Evangelii Gaudium Franciscus Pontifex, in PATH, 2, 2014, pp.287-316.

.

.

.

.

note

La Redazione aveva titolato questo articolo della rubrica dei Lettori pubblicato il 3 novembre alle ore 21: «Piccoli eretici crescono: dal Grillo teologante del Sant’Anaselmo al Domenicano burlone che esalta Schillebeeckx». Titoli e fotografie sono frutto del lavoro redazionale e non degli Autori, ho provveduto a cambiare il titolo dato comulativamente a due scritti diversi pubblicati assieme. in facto,, quod “accusadi eresia e di modernismo che io ho reputato opportuno rivolgere alle posizioni del teologo sacramentario liturgico Andrea Grillo, nell’ambito di quelle che sono le ordinarie dispute teologiche, non si possono estendere al domenicano Gerardo Cioffari IN, per quanto riguarda lo scritto che segue e che tratta tutt’altro argomento. Ho provveduto così a titolare: «Dal Grillo teologante del Sant’Anaselmo al Domenicano che esalta Schillebeeckx»

S Arihel. Levi Tadinensis

4 November 2014 aes 20.30

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

4 cogitationes on "Dominicana of St. Anselmus in sublime a Grillo Teologante Schillebeeckx

  1. Quando Gesù dicevale mie parole non passerannonon si riferiva forse a quanto esse esprimevano, cioè aiconcettiche esse esprimevano? E taliconcettinon sono forse validi per sempre? Le parole sono mezzi potenti ma in se stesse sono solocarnese non vengono illuminate dallo spirito di verità. Peraltro nell’ascolto e nella lettura è sempre implicito uno sforzo ermeneutico, anche nella contemporaneità. Un’ermeneutica che si fermi allo studio e non attinga alla caritàcioè ad una volontà di capirerimane infeconda. E quindi è il dogma stesso che illumina la formula che lo definisce, e fors’anche il contesto in cui è nata. Ma esso sopravvive ai contesti, anche senza eventualiaggiornamentilinguistici. Nulla toglie che possa essere rischiarato, e quindi riformulato, ma solo al fine di giungere ad una migliore percezione della stessa verità: è un veder meglio, non un veder qualcosa di diverso.

    Quanto poi alle “esperienze atematiche”, alle “intuizioni implicite” o “aprioriche”, io penso che contengano un grumo di verità e che potrebbero anche essere feconde, se non partissero implicitamente o esplicitamente da un falso presupposto: e cioè che l’uomo possa spogliarsi della propria sensibilità, della propria “carne”. L’uomo può anche cercare di chiudere tutte le porte al mondo esterno, come nelle “ascesi mistiche” di Plotino; può anche nascere cieco, sordo ed essere abbandonato in una landa deserta, ma egli rimane sempre prigioniero della propria sensibilità, e quindi in ultima analisi è sempre dall’esperienza sensibile che egli parte per conoscere il mondo, anche quando non avesse occhi per vedere e orecchi per sentire.

  2. Sono d’accordo con le valutazioni fatte sui docenti Grillo e Salman.
    E così con le osservazioni di Cavalcoli sullo stato della teologia nellOrdine Domenicano.
    Tuttavia osservo che è una battaglia che si deve affrontando studiando di più. Troppo la teologia è divenuta un protocollo ripetitivo.
    Non vedo però all’orizzonte menti nuove o nuove iniziative teologiche profonde e meritevoli di attenzione. Vedo in Francia un grande interesse per San Tommaso e nei Paesi anglosassoni è più studiato dai laici che dai religiosi. C’è qualcosa di nuovo per fortuna.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.