Dedicavit opusculum in fila darent signare Neocatechumenal “expertise” in psychiatry lumen illuminans, quibus legitur ad tempus S. Ioannes Paulus II, in 1998

- Ecclesia nuntium -

Et oblinito consumptam undique SAPIENTEM offerre Neocatechumenal MISSUS “SOLLERTIA” Illuminacio mentis luminare, AT QUOD TEMPORE legebatur sermone Ioannis Pauli PP 1998

.

"Formari in Messrs Arguello, et quod focused in in diagnosis Compare Catullus Texts intendere neruis sive coram gravibus autem sit inordinatio narcissistic personae, atque eius generis arguti in D.. Arguello, ac proinde pro Domina Hernandez patiebatur dell'Argüello personalitatem subiciendae. Quod praesens commendatur necessitudo et legebatur 1998 a S. Ioannes Paulus II "

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Post publication sulle colonne della nostra rivista del saggio sul Cammino Neocatecumenale [Cf.. text qUI] EGO had a diu amicum Disputatio medicus mentis, et super hominum gloriam diligeris. In fine colloquium rogavi eum ut scriptam sub iuramento, si posset a me editis assumendomene omne quod clam iudicium. Non enim fieri aliter non, scholar agnita est per scientific civitas gentium, et praesertim considerans Onias periculum potest - ne memorem periculum est, praestatur - focusing in se contentus loco, multis contentionibus et in persona et finem in genere ridiculum esse Psychiatria, et sicut factum est in dissertatione, quae quis videre potest, quod per scrolling mea usque ad extremum illud est de articulis pluribus membris comments de via Neocatechumenal, qui negant colloquitur rebus tum in re mutare conatur vexo [Cf.. videre qUI].

Hoc sequitur in textu sub Illustri mentis, …

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 10 January 2019

.

* * *

.

Litterae eminet pretiosum mentis,

.

Et non habuimus forum, cujuscunque generis, Sed quia amicitia facit nisi ut ad me Pater Ariel S estimate. Levi Tadinensis, quorum consociatio me et alia in usus psychiatrists nos frequenter, exempli gratia, si aliquis vel aliqui Catholico ponere coetus indoctus sacerdotes auctoritate, nec ab Episcopis,, Et istud nobis fuerat in exorcismis, causing corporalis depravatione de patientibus mentis perturbationes mentis statu hominum, simul confirmandi ac familiae, non accipere in re mentis morbum communem eorum, quod culpa est in diaboli.

.

In horum pluribus casibus,, Saepe has non esse magnum auxilium mihi et pluribus collegarum meorum. in facto,, ubi nec mentis morbum est commotio, pessimi rebus ad facere est unum causas transpordandi, ut non accipere mentis morbum ipsum, haec legitima mentis morbum aegri suisque reiectione. ita, pater Arihel, qui eo tempore erat formation quod etiam praecipua quaedam rara casibus aliquo exorcista et qui considerat, magis rara, più volte ha aiutato vari psichiatri richiamando severamente sia gruppi di laici cattolici che inscenavano orationes liberatricem commemorans, sia taluni preti Esorcista-do-it-te, o cosiddetti justo, sed etiam ea quae saepe rogatus ab episcopis intercedentibus, tales personas in damnum nonnunquam gravi Romanorum genus, et nonnulli collegae eius hoc adhuc memor digressus.

.

Pater Arihel, fides agnita sacerdos doctus, Hoc pignus meae "vita reali", exitibus et institutis amet quam eligere formam signati litteris. Supervacaneum est autem, ut, pater Arihel, has mihi litteras autographo descripserunt in unum exemplum de fama et ego eram concludens in See Sanctus 1998 et in detail voluntatem quam inferius.

.

In psychiatry sunt specialist, specialist in neurology, director de perturbationes mentis in orci research et vulgares emeritus habitationis; quia non habuit artes et adiutricem operam praebuerunt imperio et variis insuper Institutiones non gubernativae institutions: Consilium de National Research, cum pluribus North American consociationes eorundem ad convaluisset de psychica munus iniuriam, ut dicitur in psycho-septem populo, con vari istituti clinici psichiatrici internazionali che mi hanno inviato a tenere vari magistri anche per illustrare a colleghi e specializzandi le dinamiche e le tecniche di recupero di questa tipologia di pazienti.

.

A Patre Ariel documentum gerebam intellegebatis tunc protocollato Legatorum apud Apostolicam Sedem, et per illam a privatis litteris ad me pervenit menses, et postea datas 12 January 1999, missus est ad senatum nunc mihi a praelato Cardinalium, quis mihi sponte mea sponte se fuisse "aestimantur privatim legere me manu tenens cui Summus Pontifex Summus enim mihi priuatim 25 minutes ».

.

praemissa:

.

  1. Tulit foederis mei cum in 1998 Dominus vobiscum. Catullus intendere neruis Kiko Arguello, et defuncti subrogavimus, non favent amico induxit aliqui prelati sed mentis, et per "discipulum philosophia" et invitatus ad cenam cum ceteris duobus totalem vesperam 6 aes;
  1. Litteras multi scripti video- perpensis contionibus catholicam horum auctorum laicalem;
  1. Post considerationem de pluribus testimoniis enim populi in diversis partibus orbis terrarum, Haec autem aggregatio est ex his et a Sede Apostolica provisum est a me et ex me quaeritur votum Praesulum, qui voto se contingi;

.

Carmen Hernandez sui et ex diagnosi formulai Sig.ri Kiko Arguello ubi focused in narcissistic tam grave esse in type personality ac licentiam omni rapinarum genere praecipue, exasperetur nell'Argüello, Nam dum subiectionis Hernandez dominica uti personae dell'Argüello consequatur.

.

Nam non-experts et dixit precise in modico inordinatio insignitur per ideas illum amplissimumque (sic dicitur megalomania), omnia consectaria purus, hypomania includi, nell'Argüello in gravibus et nunc fait altis Phrygiae columinibus, nimis sui habeatis et verborum manic. In illa typus of personality narcissism generat seu praeeminentia aliquando immodicae, Praeterea, proprium est cum superbia, et disregard, ista determinatio potissimum et alios ad mutationem rerum mutare.

.

Si haec genera orci subditi eligere illud in terra pro religiosis manifestatio et effectio ad grave dampnum sphaera potest generate, exercitium auctoritatis in re extra homo ex divina. Alii demum cum populo id statuere se psychopathological aliis imponere: "Non vis, Qui vult imperium Dei et praecepta eius ", ita etiam non numerabilis nocivis producendo effectus in fragili Psychologies, in psychos, de variis patiens ab depressive syndromes, sed etiam in aliis aegris eos sicut inordinatio personality quod narcissistic.

.

Per divinam sui investitur, adscribi post eversionem illius iustificat vitiatam narcissist re aliqua realis notitia practica transmissiones per negationem perducere impetus animi firma, ad effectum in re, Anno inhibitionis de discrimine sensum etiam minima praetermittitur. Quod periculum quod sequitur ex produci, vocatur ideo "plagiarism" et effectus eius manipulation of personality infirma, Morbi vel impediti vices lene aut asperum et tandem invenit, his ducibus creare sunt, et quot affectionum compositiones, salutemque sibi legitimam. Et si subdi regulae fugiendum hominumque ductor, horum omnium securitati et detrimentum sui legitimam, depositis regiis 'optimus', in depressive syndrome endoreattiva, ex quo damnum amet luctus, sed et de aliis rebus traumatica ut sterilitatis damno experti.

.

Et fama mea, Septem or sono confectum ex speciali Sedis rogatu quorundam praelatorum, Quod iam breviter versibus dixi dettagliai cito gradu Discursus in explicationibus.

.

Credo enim quod deterioratus homines, comprehendo plus familias, re late documenta exarata sunt, auditum falsi per "hostem rati" constituant figuris semper; dei “nemici” delle cui azioni immaginarie di ostilità hanno bisogno certe tipologie di ducibus et certa structura ad esse queunt solutionem edicere "victimae de persecutionem", reputans illis actionibus in se persecutory, In brutis communes proprium ambitum claudit. Non paucos esse, qui horum participes curam collegae se psychotherapies ita dicitur, "quaeque", familiis tractari integrae toti familiae coetu Psychotherapy.

.

Ecclesia sunt auctoritates certior aliquot annos, sed videtur fuisse ne audirent, non obstante autem ratio data est mihi, ut et alios collegas se gesserit. In facto, etiam rogavit ut intelligo aliam opinionem de specialist, peritus Hispanica mentis, comprehendo, Member of 'Opus Dei, apud quos diu conloquia 1999 et hoc variis in commutationibus directiva.

.

In hoc anno 1998 mi dettero anche ragione, quando alterationes et ossa quae illustranda quaedam existit congregationes illis, quae videntur quidem non tendunt, per quas corporum formas laboris exclusio Civitatum non consociatarum, et tenuisti concutiens de variis quae religionis per singula opera diversitate officiis Ecclesiae parochiales in curia dioecesana exercent, ad Sanctae Sedis,, religiosorum ordines sequi, quibus et ancillas, Lectiones e documentis provisum est a me, Et iuvenes eorum sectatores tendunt ad induendum, quae ad crescente in numeris, ut probo totam illam religiosis Communitates convertendi se aut ex snaturandole. Inter documenta Vaticano II provisum est a prelatis ad terminandi unum Morbi 1992: Generalis et Consilii de congregatione, Hoc comperto discrimine, Quem et conditoris sui gratia superstitione eligere quod fit hujus laicalem ail'interno delle loro comunità. Et intravit ex religiosis vel congregatione frugum minutarum significabitur, indicatis elementis hujus patres ponere congregata, non est intelligendum quod mox mutare liceret structura interna creantis, et quod congregatum quiddam congregatione religionis ponere enabled eligere inter, Et elegit primus: et non dubitant religionis discedere congregatione.

.

Gaudeo istorum sunt persuasit providere, quia hoc facultas dabatur spes blande: Spero quod ecclesiastica, violaceo o purpureo, cras experiri est cuipiam quod Apostolica Sedes dici non iam consilium bene et in tempore hoc mundo optimum in variis campis scientiae. Propter, aetatem meam, Et reliquit omnia documenta inspiciet ita ut in exemplum originale Pater meus bonis amicus Ariel, una cum aliorum peritorum, qui adierunt me: ut sint tunc aliqui ex praelatis quando dissimulant nostrum consilium requiritur agens in nomine huic legatos, qui sunt S. Ioannes Paulus II et pro.

.

Luganum, 5 January 2019

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

..

.

Avatar

About isoladipatmos

66 cogitationes on "Dedicavit opusculum in fila darent signare Neocatechumenal “expertise” in psychiatry lumen illuminans, quibus legitur ad tempus S. Ioannes Paulus II, in 1998

  1. Buongiorno Padre Ariel.
    Penso che mancava solo la ciliegina, sulla torta chiamata cammino neocatecumenale .
    Ora non manca più niente, solo la parola FINE.
    Grazie per tutto il bene che stai facendo per noi ex , per i Cristiani, per la Chiesa e anche per i neocatecumenali in buona fede.
    LUCA

  2. Caro Arihel,
    autonominare saggio uno sproloquio come il vostro mi sembra leggermente eccessivo visto che oggi infatti ognuno è libero di scrivere quanto vuole su internet ma non per questo si ha il diritto di elevare qualcosa a saggio (il che presenta già il contenuto come certamente valido semplicemente arricchendolo di citazioni latine e copia/incolla); non ci crede nessuno insomma…gratias ago Deo,.

    Ma la cosa che più mi preme comunicarle, è il fatto che proprio oggi è uscito un bell’articolo (quello si che si può chiamare articolo) sul Corriere riguardante un “prudens” di Ratzinger.
    La invito a leggerlo con attenzione…..parla del Cammino Neocatecumenaleproprio quello che lei ed altri bigotti non sopportano.

    https://www.corriere.it/cronache/19_aprile_11/papa-ratzinger-chiesa-scandalo-abusi-sessuali-3847450a-5b9f-11e9-ba57-a3df5eacbd16.shtml

    Certus sum enim quia neque publish mea post te (post vocavit…non sapientem) quia scilicet papa emeritus asfalterebbero ilico nostrae momenta réferat preconciliar.
    Mirum est enim dies,…

    Roberto (sacerdos de Romana ecclesia Sancti)

    1. Robert Caro,

      Ego volens credere quod est "Ecclesia Catholico Romana de sacerdos" in eodem modo fieri credimus, ut virginem castam exhibere est Ilona Staller Ms..

      Venerabilis Pontifex Benedictus XVI, praedecessor noster hodie regnantis Papa, Ipse scribit et dicit releuentur::

      "In primis Ecclesiae, magis ad libidinem cultura, In catechumenorum curriculo, ob causam ut vita erat locus, ubi quae certis ac novum vitae christianae est via quam custodiebantur et erat docuit viam vitae communis. Penso che anche oggi sia necessario qualcosa di simi­le a comunità catecumenali affinché la vita cristiana possa affermarsi nella sua peculiarità».

      Et hoc, secundum eam, è un riferimento al Cammino Neocatecumenale?
      Mi spieghi, la frase «Nella Chiesa antica […] fu istituito il catecumenato», lei la legge come se l’Augusto Benedetto XVI avesse affermato chenella Chiesa antica Kiko Arguello e Carmen Hernandez istituirono il catecumenato?

      Oratio!

      Che cosa significa nella lingua italiana il termine “prudens” inteso a livello letterario, vedere sotto dal Dizionario dell’Enciclopedia Treccani:

      http://www.treccani.it/enciclopedia/saggio/

      1. Sarebbe interessante, a prescindere dallo sproloquio di Roberto, capire cos’erano lecomunità catecumenalie quali caratteristiche avevano in relazione al tempo in cui sorsero e si svilupparono.

        Tantimovimenti” nec posse in eo suum excoluerunt “comunità catecumenali” (Recordatus sum autem “fraternitas” Communio et noverunt tam Libera me, quia tot annis post longas intempestæ) sed ut in illo sensu nemo est vere abiit ad punctum tam in prima quam in re progressiones.

        Si enim resurrecturos “comunità catecumenali” quaestionem nobis proponamus: quid est,…

      2. Pater mi. Lino dilecto Album, Transierunt nuper in domum paternam complectemur, et cum multum commendatur sive probatus id ipsum vestibulum. Commentariorum noster recordarer, et nidores, fetore style, quae accipit cura et praecisione et dicit quod magister in veritate dixisti.
        Mirabilis in disputationibus theologicis multis argumentis tu percutiunt, doctrina,, Urgent symbolismum et Scriptis.

      3. Video in corde scitis nomen pornstar…..ha ha HÁÁÁA
        A cazzaro Oooo
        PS…. Oecumenico Vaticano locuti fuerint tibi….praesertim culi…
        HA HA HÁÁÁA
        A FROCIOOOO

        1. carissimi Canticum,

          laudetur Jesus Christus!

          Licet haec est pars eorum qui elegit autem genus non habent discere de manu alicuius quippiam, Delicta suggestione, tamen quia scilicet non est inanis in: Percutiat te arbitror hominem, Necesse est semper esse crederet?, ergo cum fide rationibus.

          Ego sum ut praestare 56 ac per annos ordinavit sacerdos 45, Postquam autem prior vita vixit in omni sensu, per quae indicavit, nisi vias amenamente.

          nunc, se lei affermasse che io tengo in casa una ragazza portoricana di diciannove anni ed una ucraina di ventuno e che tento di far credere a tutti che queste belle ragazzeperché di brutte non ne terrei mai! – sono rispettivamente una la mia domestica, l’altra la mia segretaria personale, lei potrebbe suscitare forti dubbi ed essere persino creduto dall’autorità ecclesiastica, la quale verificherebbe immediatamente se ciò è vero e se per caso sono nuovamente caduto in stili di vita libertini e peccaminosi che hanno caratterizzato la mia pregressa esistenza prima di ricevere la vocazione al sacerdozio da Cristo Dio e non certo da Kiko Arguello.

          Con argomenti come i suoi, lei può solo sfogarsi con un tentativo d’insulto, ma senza produrre niente, quia, come dice il saggio proverbio popolare «chi è nato rotondo, non può diventare quadrato», addo,: specie d’improvviso a 56 aetate.

          Trovo però divertente che a suo dire, presso il più grande gay village del mondo, ossia il Vaticano, anziché pregare, chiedere remissione dei peccati e fare pulizia interna, avrebbero persino tempo di parlare del mio culo, dentro il quale, l’unico ad essere entrato con una sonda è stato lo specialista in medicina interna attraverso la colonoscopia che effettuo una volta all’anno, visto che mio nonno e mio padre sono morti di tumore al colon.

          Lei invece cerchi di fare attenzione ai tumori spesso inguaribili che aggrediscono l’anima.

          Il Signore benedica lei, il suo santo cammino ed i suoi catechisti ispirati dallo Spirito Santo.

          P.S.

          Se per caso lo vede o lo sente, mi saluti il neocatecumenalissimo Arcivescovo di Guam, condannato in primo ed in secondo grado per pedofilia e rimosso da questa diocesi totalmente neocatecumenalizzata, mentre il falso profeta Kiko Arguello urlavaalla persecuzione!”. Me lo saluti e soprattutto gli dica che prego per lui.

          https://www.farodiroma.it/condannato-anche-in-appello-il-vescovo-di-guam-che-ha-stuprato-il-nipote-i-neocatecumenali-lo-difendevano/

        2. Io invece vedo che Kiko Arguello parla continuamente di sesso e di masturbazione. CONTINUAMENTE. A questo punto mi domanderei il perchè
          P.S. Anche io citerei il fratello Apuron. Quod frater esset pars civitatis in neocatcumenale, his autem advocatus munus suum.
          Quia omnis, qui coactus hoc volo ut sacerdotes facti sunt in via. (aut nihil).
          Quid feci de omnibus sacerdotibus qui fuerunt in bello, non studere medio fiat, inponendo ei pessimus sceleribus obstrinxerit.

          Te videre volo praecessi in itinere? Ask catholicos guam. Est via quæ fecit pro fecundos fructus protulit voluit fecit.

          Et tamen hic tibi loqui? Ite, ad latitate! O nihil, paenitet. Quid tu facis. Cum celebramus in fabulae
          Cum feceris quod initial catecheses, scilicet vel scribere, “sic Neocatechumenal”
          Et pastores, et sacerdotes: et roga mamotreti tradere vobis non eos dies.

          verecundiam.

      4. Sed ut pater Ariel!

        Poplite miror proelia eius et theologi- cam liturgicamque se incompetentem declaret. Qui non scit quod sancta ecclesia per annos singulos facit, occasione actionis liturgicae in Passione Domini, per solennes oratio universalis ad suum advocaverit iudicium et orationis modo sodales Neocatechumenal?

        Putatis in Eucharistiam, quod etiam ante in lege Domini, et approbatione Mamotreti, quod ante Kiko cognosceretne signum charisma Kiko.

        Si hic vos non creditis:

        Orémus et pro catechúmenis (nostris), ut Deus et Dóminus noster adapériat aures præcordiórum ipsórum ianuámque misericórdiæ, de, per lavácrum regeneratiónis accépta remissióne ómnium peccatórum, et ipsi inveniántur in Christo Iesu Dómino nostro.

        Omnípotens sempitérne Deus, qui Ecclésiam tuam nova semper prole fecúndas, auge fidem et intelléctum catechúmenis (nostris), de, Mirko Fonte baptismatis, adoptiónis tuæ fíliis aggregéntur.
        Per Christum Dóminum nostrum.
        R. amen.
        [*]

        P.S: Senex potest nos ricliclare “prodiderat” abolito da S.S. Ioanne XXIII anno 1959 seque refert ad populum Iudaeorum, sed adhibere ad aliud genus. Hoc potest esse praesertim liturgicum licentiam.

        __________

        [*] Editor scriptor note

        Cum ORATIO UNIVERSALIS

        IV. Pro catechumenis

        Praeceptis salutaribus moniti, [nostrorum] catechumenorum:
        Dominus Deus noster
        illuminet corda eorum,
        et ianuam misericordiae,
        quia per aquam baptismatis
        Accipiant remissionem omnium peccatorum
        et confederati sunt in Christo Iesu,
        nostrum.

        Et gloriosa semper Virgine Dei,
        Ut Ecclesia tua nova semper prole foecundata filios,
        crescit in [nostrorum] catechumenorum
        et intellectus fidei,
        quia, ad novam vitam nati sunt in baptisterium,
        adoptionem filiorum tuorum accipiuntur.
        Per Christum Dominum nostrum.

        1. carissimi Tomista,

          non mentieris: Et ego inscius, Neque ab hac gravissima respexit medicus sed morbi, hac ignorantia.
          in facto,, Triduo paschali tempore celebretur omnes, Semper putaverunt – malum, ob ignorantiam – quod Oratio universalis Oratio, benedicuntur cathecumini dicata, nimirum IV Oratio, qui fuit itineris ad sacramentum baptismi.

          Quam summam esse fateor et dogmaticus Schiappa, quia valde dolendum neglecta verborum Christi Domini: 'vero, Amen dico vobis faciam: priusquam Abraham fuit, Quae Sum " [Gv 8,58], Et re vera referendo Kiko Arguello, quia quellEgo sum, nimirum quell’ego sum.

          sed, quando si acquisisce consapevolezza dei propri limiti, si possono superare.

    2. Spero vivamente che stia mentendo (non sarebbe certo la prima volta che un neocatecumenale, seguendo l’esempio del suo signore e padrone Kiko Arguello, MENTE spacciandosi per ciò che non è)..perchè altrimenti bisognerebbe dire che abbiamo a che fare con un sacerdote analfabeta funzionale.

      Carissimo Roberto, “catecumenalenon vuol direneocatecumenale”.

      Basta leggere bene per capire che Benedetto XVI non si poteva mai riferire al cammino dato che, in note, si riferisce alla chiesa antica. Quindi tranne che Kiko Arguello non sia immortale ed abbia più di 2000 aetate…

      Detto questo ci vuole coraggio a citare , a sproposito ovviamente, Benedetto XVI alle cui spalle avete tramato per farvi approvare la Liturgia, di cui avete detto: «è un grande teologo, ma di Liturgia non ci capisce nulla», di cui avete preso le disposizioni (la famosa lettera di Arinze) e l’avete usata come tovagliolo per la tavola visto che ve ne siete fregati altamente.
      Avete veramente una faccia di bronzo.

      E comunque non capisco cosa ci sia da fare rimostrazioni. Che Kiko sia un megalomane lo capirebbe un bambino, basta ascoltarsi uno qualsiasi dei suoiannunciper vedere come incentri tutto su se stesso

    3. Il nostro amatissimo Benedetto XVI , nel documento citato richiede un cammino Catecumenale.. id est,, credo il Catechismo della Chiesa Cattolica insegnato e appreso come si conviene. Cosa ben diversa. Impariamo a leggere

  3. Sarà una argomentazione ridicola don Ariel ma il prof. Gandolfini psichiatra di fama pure lui evidentemente la pensa diversamente, tum Praeside animi Catholico, etc.. Cantelmi. Duo subiugata “Narciso” Amicum ex uirtute. Relaxat O Ariel, et orate, Dominica in palmis nobis.

    P.s. Amicum dico, etc., Illi non minus evidenter pondere G.P.II, cum ergo prandissent semel in hebdomada de sancta medium nuper Catullus (homo nisi liceat in conspectu fumigant). Bonus dies L. Annaei Senecae.

    1. … et cum urbana legends, forte etiam quae ponitur in Actis Apostolicae Sedis?
      Columba? In qua per annos paginarum,?

      Ea quidem notum COMOEDUM EST, scire licet non sit.
      Sed dico: Ipsa est magister burlesque hilares ac maxime RUDICULUS. in facto,, ad TOLLO in synthesis de universa analysis psychiatry, Et dicat causam, Ipsius posuimus verbis precise:

      «Giovanni Paolo II non gli diede peso [NdR a questo psichiatra], cum ergo prandissent semel in hebdomada de sancta medium nuper Catullus (homo nisi liceat in conspectu fumigant)».

      Ma lei si rende conto di ciò che dice e soprattutto delle motivazioni che porta?

      Ma il vostro “populo”, vive e costruisce davvero la “fidei,” su queste mitiche bugie?

      1. Se è per questo io ho visto personalmente diverse foto di San Giovanni Paolo II che indossa un sombrero, chiara approvazione del suo uso liturgico durante le Messe Papali.

        Ho anche visto filmati di San Giovanni Paolo II in compagnia del presidente Sandro Pertini, una palese canonizzazione della Resistenza e implicita scomunica per chi non risulta regolarmente iscritto all’ANPI.

        E che dire del pubblico gesto di approvazione che San Giovanni Paolo II in presenza del cardinal Giacomo Biffi manifestò al Congresso Eucaristico di Bologna nel settembre 1997 durante l’esibizione canora di Adriano Celentano?

        È a dir poco vergognoso che esistano sedicenti cattolici, che in barba al Magistero Pontificio si rifiutino ostinatamente di ascoltarePrisencolinensinainciusol“, o di guardare almeno a PasquaYuppi Duo perlomeno di meditare sui monologhi di125 milioni di caz..te“.

        L’ho sempre pensato, lo ribadisco e lo scrivo senza timore di esprimere un giudizio temerario: dietro al rigetto diBingo Bongosi nasconde il cripto-lefebvrismo e l’avversione al Concilio Vaticano II.

  4. Grazie ancora padre Ariel, e grazie allo psichiatra che ha voluto condividere con i lettori queste illuminanti informazioni e considerazioni mediche relative alla diagnosi da lui effettuata degli autonominati fondatori del cammino neocatecumenale. Lei ha dato voce scientifica alle intuizioni e impressioni che diversi camminanti ed ex camminanti si erano fatti sui fondatori e dunque sulla impostazione distorta dell’insegnamento cristiano che è alla base di tale cammino. Grazie anche di averci informato del fatto che Giovanni Paolo II ne era stato informato a sua volta. La Chiesa cattolica, anche ai suoi più alti livelli, dunque sa. E, ahimé, tacet.

  5. Chiunque sia uscito dal contesto manipolatorio del cammino neocatecumenale non può che concordare con l’analisi contenuta in questo articolo, anche perchè l’abbiamo vissuta sulla nostra pelle ed il cervello ha ricominciato pian piano a funzionare solo dopo essersi allontanati da quella esperienza.

    Sto rileggendo i mamotreti che purtroppo anche io per troppo tempo ho predicato quando ero catechista e, con sorpresa e rammarico, vi trovo oggi un coacervo infinito di errori e cavolate che mi scandalizzano non poco, ma di cui all’epoca non mi rendevo minimamente conto. Mi chiedo come avessi potuto essere così cieca, così fiduciosa in quella predicazione che oggi mi pare anche malvagia, oltre che sconnessa ed arbitraria.

    Ho ritrovato la dichiarazione del compagno di stanza di Kiko all’università: Kiko nutriva la necessità e la vanità di essere riconosciuto un mistico, ductor, eroe e vittima. Diceva cose strane, come che entrando in cappellasentiva il sapore del sangue di Cristo”. Non fu mai ateo, ma era ignorante in tema religioso, quanto a religionestava in bianco”, era unindifferente”.
    Questa testimonianzaante camminomi pare una conferma di quanto detto

  6. Purtroppo molti neocatecumenisti sono ignoranti.
    Io avevo un diacono così in parrocchia.
    Poi per fortuna se ne scappò

  7. I neocatecumenali sono affetti da due disturbi mentali:

    1. quando leggono dei commenti critici sul cammino vengono attirati come le api con il polline (o forse come le mosche, ma non lo dico…) e devono spendere tutte le loro energie per ripetere a mitragliaNon-è-vero-siamo-approvati“, finché l’interlocutore, che spesso ha una vita e poco tempo da perdere, non ne può più.

    2. Quando leggono un articolo, che nomina anche solo uno dei termini che il loro guru ha scippato al lessico cattolico, sono preda di una specie di riflesso pavloviano, per cui iniziano a sbavare gridandola-Chiesa-approva-il-Cammino-I-primicristiani!!”.
    È più forte di loro.

  8. Caro pater Arihel,

    se vuole approfondire la personalità di Kiko e Carmen e avere un’idea del livello delle loro eresie posso inviarle i Sacri Testi, il direttorio eretico su cui basano la loro predicazione, sia nella versione originale con cui hanno inquinato il mondo cattolico per 40 aetate, sia la versionecorrettadalla CdF.

    Potrebbero interessare i passi in cui Kiko fa dire a Gesù che la Sua Beatissima Madre è unanevrotica che non sopporta le sofferenze”, o l’altra bestemmia per cui Gesù dà delcretinoal padre dell’epilettico.

  9. I catechisti neocatecumenali, in piccolo, riproducono la figura del loro padrone. Arroganti e prepotenti perché si credono illuminati dallo Spirito e dotati quindi di discernimento sulle vite altrui. Sive divino et discretor polliceri Kiko, ita ut non creditis! Unde damnum immane mittam. Vidi clamantis in torrente propaginem fortium singillatim multi. Catechistae, sine ulla dubitas adiungere vocant offa in vinea, affectiones, pecunia, opus, liberi, sexualitatis. Dubitari non sequitur. Ego vidi coniugibus tendit, ut uxorem ducere non defecit et unus ex illis non volunt fortiter facere, quia separari in via. Quidquid problems per manum Moysi venire, qui nunc operatur solutionem amet semper. Solutiones ad divinum semper deprehendes ex iis memoriae quaternis quinisque Mamotreti, regardless of populus condicionibusque. Catechistae enim animarum vestrarum requiram absolute obedire eo fortissimi gentium quae in aliquo puncto, releuentur:! Et post omnia,, l’ossessivo instillare sensi di colpa se ci si azzarda a mancare anche occasionalmente ai tanti doveri imposti agli adepti.

    gratias ago, pater Arihel, noi ex apprezziamo davvero il suo impegno!

  10. Buongiorno Padre Ariel

    sono felice che ci siano ancora santi sacerdoti che si curano così ardentemente della vigna del Signore. Sono stato nel cammino neocatecumenale per circa 7 anni poi ringrazio lo Spirito Santo che mi ha aperto gli occhi e ne sono uscito. Anche se ormai sono passati circa 15 anni ancora provo un dolore interiore che non mi fa svincolare da questa triste esperienza.

    Trovo dispiacere nel pensare che la chiesa ancora permetta che il gregge del Signore venga assalito dai lupi. Sono grato a Dio perché ci dona sacerdoti come lei che confortano gente come me di non essere un pazzo od eretico quando affermo che il Cammino Neocatecumenale è il cancro della chiesa. Egressa sum apostropham presbyterum saltum secunda’ minus autem lignum in via quasi satanas quia non est deus, Jesus non esset ipsius filios ab his per cruciatum sicut conceditur, quod transitus appellatur, ut in, ut ne Tortus Torquero Colla Tumentes. Quin omnes absque amore misericordiae. Deus est amor et inde ne usquam. Sono tornato in parrocchia ed ora sono felicissimo perché vedo e sento l’amore del Signore e questo amore cerco di portarlo a quelli che Lui mi mette

    Vellem dicere meorum spontanea voluntate similiter evomat, blasphemantes dicebant in Patre Ariel tantum confirmat quod dixit. Fructibus eorum cognoscetis plantae. Carissimi diligamus Pater Ariel ut ut viderent uno eius missa, Ego autem Romanis possibile credit? Amen amen dico orationis meae haec eadem facite mecum,. Have a nice day.

    1. Robert Caro,

      Interest ut te ad vos mane 11 Ego vadam ad celebrationem Conventus de Ramis Palmarum ad dominicam in ecclesia Sanctae Mariae supra Minervam, quibus unus ex nostris in insula quae appellatur Patmos, puer Gabriele ad Patrem.

  11. Caro Pater Arihel,

    Me paenitet redo in eadem quaestione, Non opus est tibi responde mihi. Ut áuferant eam magis angustus meo defectus de se ad exitum:
    Sed ad hoc quod facies tam perperam a peritis amet quam victimae, a fronte di tutte queste testimonianze che negli anni sono state raccolte, a fronte di tutte le lamentele arrivate a parroci, episcopis,, Autorità Ecclesiastiche tutte sino alla Santa Sede perché non si fa nulla per chiudere questa setta una volta per tutte e ricondurre le pecorelle smarrite all’ovile (e cioè alla parrocchia e al parroco)? Serve una presa di posizione dall’alto ferma e decisa una volta per tutte. Perchè spesso i parroci non sono in grado di farlo, mi è purtroppo capitato spesso di incontrarne di impreparati e “infirmi”, non in grado di leggere tra le pieghe il marcio di questo pseudo movimento e valutarne appieno la pericolosità. Quante volte mi sono sentito risponderepreso con le pinze qualcosa di buono ce l’hasenza rendersi conto che nel frattempo sotto i loro occhi creano una struttura alternativa alla parrocchia e alla Chiesa stessa rovinando, e ripeto rovinando, tante vite umane.

  12. Anche io volevo ringraziarla, O Ariel,. Grazie anche a Beati Pauperes Spiritu che propone di mettere a disposizione i testi raccolti nel cosiddetto direttorio, pre e post approvazione. E’ importante che tutto venga alla luce, per troppo tempo hanno tenuto nascosti testi e riti con la scusa che eranoarcani”. Invece erano solo eretici, espressione di personalità eretiche e malvagie. Grazie ancora davvero per il suo tempo e per la sua dottrina. Dio gliene renderà merito.

  13. Verbum Caro Factum patrem,,

    Ho scoperto da pochissimo il vostro sito e l’unica cosa che mi sento di dire al riguardo è: gratias ago propter participationem tuam.
    Sono una ragazza in discernimento con un istituto di religiose e gestisco su Instagram un profilo che parla appunto di vari ordini e congregazioni, col semplice scopo di far conoscere i vari carismi attraverso informazioni e curiosità.

    Dopo essermi imbattuta in un video su Youtube con una dellealzate vocazionali” (ossia sceneggiate) organizzate da Kiko, ho ritenuto doveroso mettere in luce gli errori contenuti in quelle spettacolarizzazioni. Mi ha contattato una neocat che, difendendole a spada tratta, ha rivelato che da loro i catechisti prendono i nominativi deivocazionati”, fanno fare loro un percorso ad hoc e poi fanno un sorteggio (“Sancti Spiritus”) e li spediscono nei seminari (del Cammino) e nei monasteri (convenzionati col Cammino). Oltretutto nemmeno le monache di clausura si sottraggono a quella tappa del Cammino che prevede l’evangelizzazione porta a porta. E lo trovava perfettamente normale.

    P.S. Tenete d’occhio anche la Famiglia religiosa del Verbo Incarnato e il loro fondatore, padre Buela. Vi assicuro che non ha nulla da

  14. bonum vesperum. Solo un contributo. Nella Chiesa antica il catecumenato durava tre anni, poi si veniva inseriti nella comunità cristiana. A buon intenditore poche parole.
    ex animo.

  15. Caro don Roberto Bellarmino,

    ho aggiunto il cognome così la farsa si fa più veritiera(dall’Enciclopedia Treccani online: la FARSAspesso musicata, cominciò ad avere il compito specifico, mantenuto per 3 saecula, di rallegrare lo spirito degli spettatori dopo le tragedie o dopo le commedie ritenute troppo gravi).

    Infeliciter, la sua risposta al caro Padre Ariel ha proprio un senso tragico! Non ci resta che piangere e dedicare una decina del Rosario quotidiano a voi, e per questo invito tutti i lettori che ancora non lo facessero, a pregare intensamente per tutte le persone che sono state accalappiate dai settari neocatecumenali e per i loro capi, augurandomi che, haec, siano affetti da ignoranza grave e totale cecità rispetto alla gravità dei loro reati.

    Concludo con un sorriso: il mio vero nome è Isabella; sulla base del ragionamento didon Roberto”, d’ora in poi ogniqualvolta troverò scritto l’aggettivo “bella” vorrà dire che Dio sta parlando di me, anche dalla copertina di Playboy, e sottolineo dalla copertina (ella sa più di me che ci sono peccati di pensieri, fidem….). E sorvolo sul mio cognome! Anch’io Le auguro una serena giornata.

    gratias ago

  16. Il Vangelo dice:”“Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, alea: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima”.Ecco la condizione di molti che lasciano il Cammino.Vanno sui blog e si trasformano in mormoratori, calunniatori, bugiardi, sono pieni di livore,sprizzano odio, rancore , cattiveria.Qualcuno addirittura si augura la morte di Kiko.Questa è l’opera del demonio,che riprende il dominio portando sette demoni peggiori.Un “theologus”,dovrebbe conoscere il Vangelo.Papa Francesco ha detto molto giustamente nel discorso prima dell’Angelus, 17 febbraio 2014Quanto si chiacchiera nella Chiesa! Quanto chiacchieriamo noi cristiani!.. La chiacchiera è dolce all’inizio e poi ti rovina l’anima! Le chiacchiere sono distruttive nella ChiesaÈ un polo spirito di Caino: ammazzare il fratello con la lingua”.Rifletta caro Don Arie sul male che fa alle anime,con le sue chiacchiere,ne renderà conto alla giustizia divina.Buona

    1. Ah Giovanni,

      parlaci del fratello Apuron, animo! Parlaci dei frutti del cammino a Guam![Editor scriptor note qUI].

      Avete una faccia di bronzo incredibile!
      Io conosco un padre di famiglia che ha lasciato il cammino. Uno dei 5 liberi (ora sono 6) si è ammalato di leucemia. Bene , i suoi catechisti hanno avuto il coraggio di dire che quella erauna scossa del Signoreper fargli cambiare idea. INFAMI!

      Per la cronaca: lui è rimasto della sua decisione e il bambino è guarito.
      Dio è misericordiosoi neocatecumeni evidentemente no.

      Fatevele due domande ogni tanto.

    2. loannes,

      che vuoi spiegare il Vangelo ai teologi e che giudichimale fatto alle anime” E “chiacchiereil dire la VERITÀche invece il male lo fa stramazzare a terra -.

      Quella che descrivi, citando a sproposito il Vangelo, forse è la condizione di quelli che permangono nel cammino pur avendone visto l’ipocrisia e l’ingiustizia che lo caratterizzano.

      Non c’è bisogno di essere teologi per capire ciò che è GIUSTO e ciò che è SBAGLIATO, ciò che è MALE e ciò che è BENE.

      C’è bisogno però di SCEGLIERE, di ascoltare la voce della coscienza e forse anche per voi NCconvintic’è stato un momento in cui essa vi ha parlato e avete fatto la vostra scelta PER Kiko, CON Kiko e CONTRO la Verità.

      Dici bene: ” La chiacchiera è dolce all’inizio e poi ti rovina l’anima! Le chiacchiere sono distruttive nella Chiesa…

      È esattamente ciò che Kiko e i capi NC fanno da 50 aetate .. CHIACCHIERE vuote .. e magari fossero solo vuote.

      Con la vostra lingua ingannevole avete distrutto il mio matrimonio e la mia vita.

      Visto che sei così preoccupato della Salvezza Eterna altrui, è ai tuoi catechisti che dovresti ricordare che anch’essi dovranno rendere conto a Dio.

    3. Ma rifletta lei sul male che ha fatto alle anime il sig. Kiko Arguello per 50 aetate: Famiglie distrutte, parrocchie divise, eresie diffuse, abusi liturgici, sacrilegi, abusi di potere, matrimoni falliti, messe invalide, bugie, sacerdoti umiliati, disobbedienza continua, coscienze scarnificate, suicidi e depressioni.

      magis, preghi per l’anima di Kiko, affinché si penta prima di morire e chieda perdono pubblicamente per aver tentato di distruggere la Chiesa Cattolica. Grazie a Dio esiste il Purgatorio.

      Kiko non si è mai convertito al Cristianesimo, Sed contra est, ha sempre cercato di adattare la Religione (e la Sacra Liturgia) alle sue idee, alla sua arte, persino alla sua (orribile) musica.

      Lo osservi attentamente mentre predica, dietro un copri-leggio disegnato da lui, mentre impugna una croce astile di propria produzione, sullo sfondo la riproduzione di un suo affresco; lo osservi mentre si accinge a cantare solo ciò che lui ha “compositis”.

      Sa perché ha sempre disprezzato la Messa e si lamentava di non capirla? Perché è sempre stato un superbo egoista. Se ti sei convertito allora studia, approfondisci, medita
      ma lui no, doveva convertire Cristo a sé stesso.

    4. Caro Giovanni.

      Tu che sei pieno di spirito santo e che sei un adulto nella fede, conosci la differenza tra le chiacchiere e la verità?

      Questa gente che è uscita dal cammino sta cercando di raccontare la verità; verità che ha provato sulla propria pelle, verità oggettiva che sta cercando da anni di portare alla luce.

      Rifletti su quello che dici e sforzati di cercare la verità.

      Lo so che non sei abituato a fare qualcosa da solo senza essere guidato dai tuoi catechisti, provaci, ti si aprirà un mondo.
      LUCA

    5. @ Giovanni,
      Le faccio presente che molti, una volta lasciato il cammino, tornano a madre Chiesa la quale, a meno che lei non voglia dichiarare come inutile o inefficace, di certo combatterà contro questi demoni, per seguirla nel suo ragionamento.
      Personalmente però non credo che il cammino abbia unpotere specialesuperiore a quello di madre Chiesa per cacciare questi demoni anzi, Fas est dicere,, che a mio parere non ne ha proprio nessuno, dato che sono proprio i demoni che quando vengono stanati inveiscono ed offendono i sacerdoti ed i ministri ordinati, che rappresentano un sacramento certo della Chiesa. Sacramento che Kiko non ha.
      Purtroppo in questi commenti ve n’è rimasta traccia sicura, De nigro albus,, e risulta evidente che le parolacce e le offese provengono solo da interlocutori del cammino. Molto singolare.
      Riguardo alla serie di giudizi verso i fuoriusciti, debbo dirle, purtroppo per lei, che essi stessi possono testimoniare che tutto ciò invece avviene regolarmente nel cammino, dove ammazzare con la lingua è divenuta un’arte.
      La verità non è unachiacchiera”, ma a volte fa male, vedo.

    6. Certo Pasquale che se stai ancora a questo livello stai messo veramente male! Mi dispiace per te, più che pregare non saprei cosa potrebbe darti sollievo e toglierti quei sette demoni che tu, odiatore per definizione, attribuisci a noi.
      Sono davvero addolorato per la tua misera condizione.

  17. A parte il fatto che vedo che la ben nota tecnica di autopubblicarsi insulti ha raggiunto anche questo sito…
    Riguardo don ariel: ritengo ridicolo trovare ancora preti che ………. [TESTO CENSURATO DALLA REDAZIONE]

    1. care Lector,

      da quanto la rivista In insula, quæ appellatur Patmos, è entrata in rete il 20 October 2014, è accaduto solamente pochissime volte che dei commenti siano stati censurati.

      Questo suo commento è stato censurato per i seguenti motivi:

      1. lei rivolge insulti gravissimi ad un sacerdote che non sarebbero accettabili neppure se rivolti ad un sacerdote scomunicato e dimesso dallo stato clericale ;

      2. lei mente, imputando al sacerdote in questione cose che egli non ha mai detto e mai scritto, cosa questa gravissima ;

      3. lei scarica su un ministro in sacris un odio distruttivo che ha veramente in sé del satanico.

      igitur, anche se Padre Ariel non censurerebbe mai commenti offensivi nei suoi riguardi, lo abbiamo fatto noi come Redazione, perché ci sono dei limiti che non possono e che non devono mai essere valicati.

      E lei sarebbe unripieno di Spirito? Ma di quale Spirito? Perchè di spiriti ne esistono molti, specie di spiriti infernali.

      1. Certamente ha più spirito di un DISOBBEDIENTE AL PAPA CHE LO PRENDE IN GIRO CONTINUAMENTE. LO SCOMUNICATO DOVRESTI ESSERE TU. AMMETTI CHE SEI FUORI DALLA CHIESA CRETINOE OBBEDISCI AL PAPA!

        1. Dio benedica e ricolmi di grazia, misericordia e perdono, cosa che di certo farà:

          1. molte delle numerose donne che hanno abortito perché credevano veramente che portavano in ventre solo un grumo di cellule;
          2. coloro che credono che l’eutanasia sia un atto di umana misericordia verso un sofferente in stato di malattia terminale;
          3. coloro che usano tutti i metodi anticoncezionali esistenti;
          4. i giovani che hanno tranquillamente rapporti sessuali dopo due o tre giorni che si sono conosciuti;
          5. gli adolescenti che hanno i calli sulle mani perché si masturbano dieci volte al giorno;
          6. i comunisti della vecchia guardia;
          8. gli atei;
          9. gli anticlericali;
          11.gli scienziati che considerano il cristianesimo come un fenomeno “introdotto e predicato da ignoranti e creduto dai dotti”;
          12.tutti coloro che in chiesa non ci mettono piede neppure per Pasqua e per Natale ;
          ecc … ecc …

          Et dico,: Dio li benedica – e di certo li benedirà – perchè tutti costoro, con i quali da sempre ho spesso a che fare, nella loro laica miscredenza e nel loro totale spirito di distacco verso tutto ciò che è cattolico, nei riguardi miei hanno sempre mostrato una sorta di vero e proprio sacro rispetto, riconoscendo in me una figura religiosa, all’essenza della quale non credono, ma che però rispettano profondamente.

          E, contrariamente a lei, pietoso e squallido settario appartenente alla ereticale Kikochiesa, nessuno di costoro mi ha mai aggredito in modo odioso dandomi del cretino, magis: se la sentissero darmi del cretino la rimprovererebbero e le imporrebbero di portarmi il dovuto rispetto.

          E Dio – ripeto – benedirà loro, come ha benedetto prostitute e pubblicani, ma non benedirà voi. E prostitute e pubblicani [Cf.. Mt 21, 28-32] assieme ad abortisti, eutanasisti, allegri scopatori, segaioli, athei, anticlericali, ecc … ecc … vi precederanno nel regno dei cieli, statene certi. Lo ha detto Cristo, a meno che Kiko, anche in questo, non lo abbia corretto.

          amen!

        2. @paolo
          E voi quando obbedite al Papa?
          Perché voi non avete Mai obbedito ai Papi. MAI!
          Non avete obbedito a Giovanni Paolo II che aveva chiesto ai catechisti DI STUDIARE qualcosa che non fossero i mamotreti e che aveva chiesto ai sacerdoti di essere tali e non i galoppini di Kiko.
          Non avete obbedito a Benedetto XVI quando vi chiedeva di seguire il Messale Romano, quando vi ha detto di tornare in parrocchia, quando vi ha detto di pubblicare i mamotreti CORRETTI.
          Non avete obbedito a Papa Francesco quando vi diceva di rispettare chi usciva dal cammino, di curare l’unità dei fedeli, di RISPETTARE la cultura di chi avevate di fronte.

          Non avete mai obbedito. Avete solamente messo una maschera quando invece poi continuava a fare di testa vostra mettendo in bocca ai papi cose che non hanno MAI detto
          Al massimo obbedite ai catechisti che sono direttamente emanazione di Kiko Arguello.

          Bene ha detto padre Ariel di voi.
          SIETE DEGLI IPOCRITI.

  18. loannes,

    seguo questa discussione da parecchi giorni (anche considerato la precedente) e vedo che lei rimane fermo a usare ed abusare frasi prese qua e là, senza concludere niente. Per quanto riguarda lechiacchiere”, non posso che ripetere quanto già detto da altri, che per decenni la questione è stata presa come scusa per la peggior omertà (non mi riferisco ora al Cammino, ma in generale) e ha provocato disastri che richiederanno chissà quanto tempo per essere sanati. Chiacchiera comunque è dire cose senza portar argomenti concreti, e in questi giorni questo atteggiamento l’ho visto solo da parte vostra.

    Veda dunque di fornire risposte concrete alle domande concrete, che non si limitino anoi abbiamo lo Spirito Santo, voi no”, perché è ovvio che vi si potrebbe rispondere allo stesso modo.

    In queste discussioni chi non è addentro al problema, veniat ad me, viene convinto definitivamente dalla mancanza di risposte argomentate.

    1. @fabrizio
      Dopo aver discusso con molti membri del cammino sono arrivata a questa conclusione: a loro di ciò che pensano i cosidetticristiani della domenicanon gliene può fregare di meno.
      Per quelli del cammino siamo utili sono se ci facciamo gli affari nostri e magari gli facciamo fare quello che vogliono. Altrimenti siamo feccia, siamo peggio dei pagani.
      Quindi il fatto che tu possa essere convinto dalla mancanza di argomenti poco gliene cale.
      Loro non hanno niente da spiegarti. Se vuoi capirefai le catechesi iniziali ed entra nel cammino.Stop.

      1. Dopo aver discusso con molti membri del cammino sono arrivata a questa conclusione: a loro di ciò che pensano i cosidetti “cristiani della domenica” non gliene può fregare di meno.

        Da osservatore esterno, sono arrivato alla medesima conclusione.

  19. A proposito del fatto che molti ritengono il Summorum Pontificum un errore,trascrivo uno stralcio del discorso di San Paolo VI al Concistoro del 24 May 1976: “L’adozione del nuovo “Ordo Missae ” non è lasciata certo all’arbitrio dei sacerdoti o dei fedeli: e l’Istruzione del 14 June 1971 ha previsto la celebrazione della Messa nell’antica forma, con l’autorizzazione dell’Ordinario, solo per sacerdoti anziani o infermi, che offrono il Divin Sacrificio sine populo. Il nuovo Ordo è stato promulgato PERCHESI SOSTITUISSE ALL’ANTICO, dopo matura deliberazione, in seguito alle istanze del Concilio Vaticano II. Non diversamente il nostro santo Predecessore Pio V aveva reso obbligatorio il Messale riformato sotto la sua autorità, in seguito al Concilio Tridentino…”.Come si può leggere secondo S.Paolo VI ,il nuovo Messale doveva sostituire quello di Pio V,non coesistere,Chiedo:Il Summorum Pontificum allora è un abuso che ha tradito le intenzioni di Paolo VI?Perchè sussistono due forme dello stesso rito se dopo il Vaticano II ,si è voluto riformare il Messale di Pio V?Se lo si è riformato fu perché non lo si riteneva più idoneo.Quale Papa ha sbagliato?

    Ognuno risponde dei propri errori,ma chi semina zizzania,certamente sarà giudicato da Dio.Don Ariel,con quello che scrive,non favorisce certo la comunione tra le persone,ma semina parecchia zizzania.Non sono certo l’avvocato difensore di Kiko o di qualche catechista che,possibly, malum,dico solo che un sacerdote,dovrebbe stare più attento a cosa scrive.Gli altri da voi elencati sono laici,la responsabilità di un sacerdote è sempre maggiore,se compie il male.A chi più ha più sarà chiesto,mi sembra che il Vangelo dica questo,la prima preoccupazione di un consacrato dovrebbe essere il bene delle anime,non vincere inutili e stupide dispute.Buona serata.

    1. Non capisco tutta questa dissertazione sul Vetus Ordo Missae, quindi al mio nome mescolato a questa sua ennesima, inutile, confusa e fuorviante dissertazione.

      Consapevole che i Sacramenti non appartengono neppure alla Chiesa, che di essi è dispensatrice e amministratrice e non padrona, da sempre io celebro la Santa Messa nel modo, nelle forme, con le parole e con i gesti che mi sono indicati e comandati dalla Chiesa.

      Perché io obbedisco alla Chiesa, semper.

      Ribadisco pertanto che non prendo lezioni da lei che appartiene ad una allegra congrega che da quattro decenni fa dell’Eucaristia ciò che vuole e come vuole, come se essa fosse unbene disponibilenelle mani del vostro guru.

      igitur, tutta questa sua dissertazione, non ha proprio motivo di essere e di sussistere, specie verso un prete che non aggiungerebbe né mai toglierebbe neppure mezza parola dal Messale Romano e che non oserebbe neppure aprire le braccia o congiungere le mani se nelle scritte in rosso sullo stesso Messale non è indicatoaprire le braccia”, “congiungere le mani” E …. genuflettersi! Et dico,: genuflettersi! Perché forse lei non lo sa, ma è scritto proprio sul Messale: genuflettersi!

      E detto questo concludo: ma lei, vuole davvero insegnarmi a mantenere la comunione e l’unità della Chiesa, io che pur di non venire meno a questa unione e comunione, non faccio neppure un sospiro, se la Chiesa non me lo comanda?

      e per quanto riguarda al mio dovere ad «essere serio quando scrivo», le rammento che mai, nei miei scritti, è stata ravvisata una eresia o un errore dottrinale, al contrario di quelli dei vostri fondatori, dove le eresie abbondano come fiori di campo dopo la pioggia.

    2. Chi semina zizzania sarà giudicato da Dio
      etiam, allora Kiko Arguello e tutti i suoi accoliti farebbero bene a prepararsi per tempo.
      In tutto questo mi compiaccio che lei, del fratello Apuron, non abbia il coraggio neppure di dire: “Etiam, Kiko ha sbagliato a difenderloO forse non la pensa così?
      Forza Giovanni, il demonio muto si è impossessato di lei?

      P.S. La smetta con le sue dissertazioni sul Vetus Ordo.
      Kiko Arguello si è inventato un rito tutto suo che non c’entra neppure con il Novus di Ordo.
      Diciamoci la verità, voi del CVII non avete letto una riga. E pretendete di esserne il frutto
      mah

    3. Voi avreste bisogno di un Pontefice che vi umili ogni giorno pubblicamente.
      Dovreste essere costretti a celebrare la Messa Tridentina in riparazione di 50 anni di sacrilegi e di ingiurie nei confronti del Corpo Sacramentato di Nostro Signore Gesù Cristo.
      Affermare che la Chiesa Romana abbia celebrato per 1900 anni con un rito eretico e pagano, come fate voi e i liturgisti alla Andrea Grillo, oltre che essere folle è quanto di più blasfemo si possa dire sulla indefettibilità della Chiesa.
      La Santa Messa è il Santo Sacrificio del Calvario, offerto incruentemente sull’Altare, Sacrificio eucaristico, latreutico, propiziatorio ed espiatorio.
      Andate a fare i luterani fuori dalla Chiesa, simul et pro omnibus!
      Eretici e scismatici, questo siete. E Kiko per primo, eretico e scismatico!

      P.S: ma la storica prof.ssa Angela Pellicciari, così esperta di Massoneria, Gnosi e Modernismo, cosa aspetta ancora per abbandonare la vostra setta giudaico-calvinista?

  20. Non so se sia pubblicabile!

    Ma sentite un po’razza di VIPERE: in tempi normali Kiko e i suoi adepti sarebbero stati fermati sul nascere a suon di randellate lungo la schiena, portati davanti ad un buon e santo Tribunale dell’Inquisizione, giudicati, rilasciati e rimandati a casa un popesti, ma risanati e, soprattutto resi incapaci di fare del male ad alcuno.
    TACETE, orsù! Perché quello che esce dalle vostre bocche puzza e appesta l’aere! Offende il mio e altrui intelletto oltre ad inquinare il cuore.

    Vi ho conosciuti direttamente senza essere mai entrata, al contrario mi sono subito scontrata con voiper grazia di Dio.

  21. Caro Pater,

    il sedicente Giovanni è un tale che ben conosciamo, di terra partenopea, il quale vaga nell’internet da circa dieci anni con la sacra missione (assegnata da sé a se stesso) di difendere il cammino dagliodiatori”, ovvero tutti quelli che non lodano il tripode Kiko-Camen-Cammino notte e dì.

    I suoi commenti si riconoscono per l’assenza di spazi dopo i segni di interpunzione, una specie di sindrome dislessica non definibile.

    Il nostro è convinto di avere la capacità di discettare di tomistica, doctrina,, sacramentaria, liturgiae, come un blasonato teologo, pur essendo un semplice imbianchino. Ebbe il coraggio di dire che Benedetto XVI, in iudicium, non è un buon liturgo e che il Motu proprio sulla messa antica eraun errore”.

    Capito? Il sedicente Giovanni giudica il Papa e le sue azioni. Questi sono i frutti del cammino, fanatismo, arroganza e abilità a mentire.

  22. loannes,
    inizialmente mi sono chiesta: che c’entra qsto discorso lontano mille miglia dall’argomento? Solo per fuorviare? Anche mi sono chiesta: che importa ai NC del Messale (riformato o no) visto che i loro presbiteri non lo rispettano e non insegnano a rispettarlo, se non in minima parte e senz’altro NO nella parte più importante, Cuore della Messa, la Comunione, quando i presenti non sono invitati a inginocchiarsi alla consacrazione e il presbitero NON si comunica prima di distribuire il Corpo di Cristo (come può allora essere Cristo stesso nella persona del sacerdote se questi non si è ancora comunicato?) e quando il fedele non conclude la sua PERSONALE Comunione con Cristo assumendo immediatamente il Suo Corpo ma la prolunga ARBITRARIAMENTE distinguendola in 3 PARTI (prenderLo nelle maniattendereassumerLo) ?
    C’è scritto così nel “New” Messale?

  23. Ma poi penso di aver capito:
    Il nuovo Ordo è stato promulgato PERCHE’ SI SOSTITUISSE ALL’ANTICO
    Tu vuoi trovare precedenti per giustificare l’opera distruttrice di Kiko .. Se Paolo VI ha modificato PioV .. Allora Kiko-unico modificherà l’attuale Chiesa secondo la sua dottrina (nei suoi sogni!).
    Pur non intendendomi di teologia, ho compreso dallinsegnamento dei sacerdoti che ognicambiamento” Non est 1 rottura o sostituzione dell’antico, sed 1 sua integrazione, 1 inglobamento (come dice Gesùnon sono venuto ad abolire ma a dare compimento”), purché lo faccia la Chiesa però, non ilprimo che passacome Kiko e Carmen.

    Quindi mi pare, nel tuo es., che l’unico che sbaglia sei tu a ritenere (dando del tuo agli altri) di poter seminare zizzania con poco sforzo. Ma sappi che quando più persone assetate di giustizia e di verità la trovano, come la stiamo trovando nelle parole di don Ariel, tale Verità diventa cemento che non lascia spazio all’intrusione di nessuna malapianta.

  24. Siete voi la zizzania, in quanto cercate di spargere confusione, accusando di male chi fa la buona opera di dire la Verità (come hanno fatto con Gesùvi ho fatto vedere tante opere buone da parte del Padre mio, per quale di essa mi volete uccidere?”) e chiamate BENE il MALE che il cammino fa con le sue regole, prassi e contenuti non cristiani e non umani.

    Ti converrebbe rivolgere a te stesso le raccomandazioni spirituali che continui a fare a don Ariel, perché le maggiori responsabilità di un sacerdote o di un altro, non alleggeriscono di un grammo le TUE di responsabilità.

    PS

    quod “disputea volte possono essere inutili e stupide per colpa di uno solo deicontendenti”, per la precisione di quello dei due che non ascolta, non risponde a segno, tira fuori cose che non c’entrano, ribatte ai fatti con opinioni (manco sue personali ma di un “magis”), accusa l’interlocutore di comportamenti che sono invece suoi propri, INCAPACE di prendersi le proprie responsabilità perché NON è per niente interessato a scoprire la VERITÀ, ma solo ad aver ragione (ut ita dicam,) ad ogni costo.

    Immagino che anche tutto questo, in psichiatria, abbia un nome ben preciso.

  25. Ariel pater mi,
    nella mia esperienza di sempliceparrocchiana cattolicaho spesso sfiorato vari movimenti mantenendomi però lontana, soprattutto a causa di esperienze ascoltate o di dichiarazioni degli appartenti che mi lasciavano confusa e turbata e non mi parevano affatto ortodosse. Leggendo i suoi scritti posso solo ringraziarla per avere spiegato con competenza e cognizione di causa, riguardo ai neocatecumenali, ciò che io potevo solo intuire. Attualmente diversi miei conoscenti, sempre invano, mi invitano ad avvicinarmi a questo o a quel movimento, Non voglio assolutamente mettere tutte queste esperienze sullo stesso piano (gratias gratis, innovatis, focolarini …), non ne ho l’intenzione, ma sono convinta per esperienza diretta, che alcune situazioni rappresentino un serio pericolo per l’anima di noi fedeli. E’ possibile avere luce su questi movimenti? Dove si possono trovare informazioni equilibrate per non cadere in pericolosi tranelli, in un periodo di grave confusione come questo, in cui la sete di Salvezza e l’ignoranza ci portano ad avvicinarsi alle fiamme come falene?
    La ringrazio in anticipo per l’attenzione e per il suo lavoro.

  26. Sono basita: a questo punto in me si rinforza la convinzione che per trovare la Salvezza preferisco fare come mia nonna buonanima con le sue devozioni, che portava a Messa i suoi bambini d’inverno alle sei di mattina per fare i nove primi venerdì, si comunicava e confessava sforzandosi davvero di agire cristianamente, pregava la mattina e al tramonto. O preferisco fare come le vecchiette stonate della mia parrocchia che escono di casa la mattina per la Santa Messa, nonostante tutti i loro acciacchi, tanto che ogni tanto bisogna chiamare l’ambulanza. Preferisco tutto questo, anche se sembra in apparenza scialbo e superficiale, a qualsiasi novità “spiritualis, profonda”, dettata dallo “spiritus”, seguita da folle esultanti, rutilante ed accattivante, che però metta in serio pericolo la mia anima.

  27. @Dafne. Sono anch’io convinta che sia più produttivo seguire l’esempio dei nostri vecchi, che forse avevano poche idee, ma chiare. E affidiamoci al Signore.

  28. Caro Pater Arihel,
    nel ringraziarla per quanto da lei scritto e che io sottoscrivo in pieno, essendo in cammino da oltre 20 aetate , cercando di denunziare con i miei pochi mezzi tutte le storture dottrinali, senza essere minimamente ascoltato, ma deriso e oltraggiato ad ogni scrutinio, le pongo il seguente quesito:
    La diocesi di Roma ha emanato un documento dove si richiama alla unità parrocchiale per il triduo pasquale, vietando di fatto celebrazioni al di fuori di quella parrocchiale e istituzionale.
    Ho personalmente girato il documento al mio catechista che ha detto che ne avrebbe parlato con il parroco della mia parrocchia. result? La veglia neocat si farà fuori dalla parrocchia e fuori addirittura dal quartiere.
    Lei cosa ci consiglia di fare di fronte a questi abusi? Perché il Vescovo non convoca tutti i parroci chiedendo perché abbiano disobbedito alla linea dettata dalla diocesi?
    Possibile che la Chiesa emani un documento e non faccia nulla per verificare che non si disattenda?
    Grazie per quello che sta facendo per noi!!

    Scusi per l’anonimato, ma lo faccio per proteggere la mia famiglia..

    Marcus Aurelius

  29. et ego, come lei padre Ariel, mi assumo ogni tipologia di responsabilità riguardo ciò che esprimo, ritenendo comunque impensabile che il cammino si opponga o denunci ciò che espongo o che altri presentano in indubbia onestà, poiché i neocatecumenali sono in difetto.

    Il disturbo riscontrato nella personalità di kiko è più che evidente, soprattutto agli occhi di chi ha vissuto forzatamente al suo fianco ed io, disgraziatamente, ho avuto a che vedere con questo disagiato mentale.

    Ho appurato che non di rado kiko adottava atteggiamenti superbi, superbus, di disprezzo nei confronti del prossimo ritenendolo, inopinatus, la soluzione ed anche la causa dei suoi problemi. Viveva a cicli, alternando calma e serenità a rabbia. kiko, ed anche Carmen, hanno sempre svalutato le qualità, i meriti e le capacità altrui, invidiando e annichilendo i soggetti loro sottoposti, inducendoli ad umiliarsi e a ritenersi dei poveracci senza arte né parte; tutto ciò per privarli dei doni di Dio e poterli gestire in maniera più efficace. Questa appena esposta è divenuta la prassi consueta che i katechisti operano nelle comunità.

    Hanno sempre mancato di empatia, tendendo a parlare

    1. Pensate me, è stata una gran fatica mantenere un comportamento cattolico avendo le direttive del cammino neocatecumenale come riferimento per le azioni pratiche della fede: straziante celebrazione eucaristica neocatecumenale, pellegrinaggi privi di spiritualità (mai che si invitasse a recitare il Santo Rosario durante il viaggio oppure il percorso a piedi o le soste), convivenze insensate; una deleteria avversione per la Corona della Vergine Maria rappresentava il peggior ostacolo da fronteggiare.

      Il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, che ebbi il piacere di conoscere e apprezzare, sono certa che diede peso alle parole da lei espresse nella missiva che formulò con professionalità, difatti tra richieste sollecite di documentazioni all’Argüello, tirate d’ orecchie energiche e attenzione particolare nei riguardi del cammino (allo stesso modo di un agente che si infiltra nel covo degli zingari spacciatori per osservarli da vicino, in attesa del tempo propizio per smascherarli e buttarli in cella. Il fatto che il Santo Padre polacco prese effettivamente tempo, non consentendo mai approvazione piena al cammino, è conferma di ciò che affermo, quod, etiam, risulta evidente dalle…

      Hanno sempre mancato di empatia, tendendo a parlare ininterrottamente della propria vita come si trattasse del più alto grado di insegnamento concreto e spirituale della fedeil vangelo propagato da kiko è un complesso di situazioni e pareri concernenti la sua storia e le sue ideedivulgandola con dettagli inappropriati e prolissi.

      Nella irragionevole aspettativa di Argüello di essere trattato in maniera speciale e con grande riguardo ha spesso teso a sostenere di avere il diritto di ottenere privilegi, favori, vantaggi e prerogative particolari da chicchessia. Tale irrazionale senso di diritto lo ha sempre indotto a sfruttare e pretendere appagamento dagli idolatri di cui narcisisticamente si è attorniato.

      Kiko elogia i prelati e le personalità che possono arrecargli un beneficio fino a quando soddisfano le sue esigenze, per poi divenire svalutante e demolitivo nel momento in cui l’altro non si dimostra più accondiscendente.

      Il sommo imbecille Kiko oltrepassa i limiti dell’autorità, prendendo con saccenza, prepotenza e presunzione decisioni che non gli competono, scavalcando i superiori del momento, incluso il Pontefice! Manipola e molesta (et, molesta e difende i

      1. Editor scriptor Note

        care Lector,

        il suo commento è giunto tronco in due parti, evidentemente mancano delle parole di chiusura.
        Lo abbiamo pubblicato come ci è giunto, se vuole aggiungere il testo mancante ce lo invii pure.

  30. Caro Pater Arihel, cono un nc e sono grato al Signore perché attraverso questo strumento ho conosciuto Cristo e soprattutto ho fatto esperienza dell’infinito amore che il Padre ha per me e per tutti. Leggo con piacere tutti i suoi interventi e nella fattispecie, hodie, leggo quello dellillustre psichiatra. Non metto, minimamente, in dubbio la diagnosi proferita dal professionista, quello che mi riesce difficile capire e’ eGO, in trent’anni di onorata presenza nel cn, conoscendo tanti fuoriusciti, non ho mai sentito di qualcuno in cura da psicologi o psichiatra. ego iterare, E’ circoscritto ad una cittadina di 150.000 abitanti con una buona presenza di camminanti. Antonius

  31. 1-farsi un blog
    2-autonominarsi direttore
    3-erigere a “prudens” un post

    result: ecco l’autocelebrazione di un prete fallito che ama farsi ritrarre con la sottana sventolante e che ama correggere il Santo Padre poichè (eh scrive saggi>>……) si ritiene meglio di lui….

    PS…CIARLATANO

    1. 1. In insula, quæ appellatur Patmos, non è un blog ma una rivista regolarmente riconosciuta e registrata come tale ai sensi di Legge, se lei avesse letto le “notas iuris” riportate nel sito che ospita questa rivista, lo avrebbe inteso;
      2. io non mi sono auto-nominato niente, la qualifica di “Site sit amet” mi è stata riconosciuta dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio previa regolare iscrizione all’albo delle riviste specializzate, perché ai sensi di Legge, una rivista, giornale o periodico che sia, deve obbligatoriamente avere un direttore responsabile;
      3. con l’idiozia selvaggia che circola di questi tempi, se non sono un saggio, perlomeno sono una persona che tenta di esserlo.

      Sentirmi infine dare del ciarlatano da lei, equivale in tutto e per tutto ad una pia monaca di clausura che è accusata di esercitare la prostituzione dalla tenutaria di un bordello.

      P.S.

      Meglio la tonaca svolazzante dei vostri preti Redemptoris Mater che si sentono obbligati persino a portare lo stesso taglio di barba del falso profeta e del cattivo maestro Kiko Arguello. Il codice di diritto canonico, per noi prevede l’obbligo della talare, non l’obbligo della barbetta alla Arguello.
      amen!

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.