Nota super aliquo dubio egent Summi Pontificis: Homo enim magis indiget Deus, sed Deus non opus habet virum

- Adiuva nos Sancti Patri cum parvulis et perspicuitati conducit -

NOTE de aliquo dubio The Holy eluceat: VIRI DEI PONENTES OPUS, Sed Deus non habet homo desiderabitur

.

Non solum potest ne suspicaturus, quod sancti talia audivit Patrem habet, tamen in modo quo exprimitur non esse laetissimus, Et hoc utique exegissem illud, in nostra sententia,, certe aliqua declaratione. etiam, Sancti patris nocere non interpretatio est, quae ducit ad monere contra periculo pantheismi, et videlicet atheismus anthropocentricus, diffusos.

.

auctores
John Cavalcoli o.p. – S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

 

Si vos esuriit, non dicam vos [autem 50,12]

Ubi eras quando ponebam fundamenta terrae? [gb | 38,4]

Quibus consulit, quod ego præcipio? [est 40,14]

 

.

.

auditorium 7 June 2017 – aperire click in imaginem video

generalis auditorium 7 June, Sancti Patris quam locutus est verba haec:

.

«[...] evangelii Iesu Christi ostenditur quod Deus non sine nobis nos: Et non esse Deus 'non homo'; Non est qui possit manere sine nobis, Sacramentum hoc magnum est;! Deus non potest esse sine vir Dei: sacramentum hoc magnum est,! Quod certitudo spei fons, ut per omnes alias antiphonas Pater noster» [textus officialis qUI].

.

haec verba, Vos could facere nobis curae in primis celebre ad disputationem Cicero: «Deus non est sine Deo in mundo". Si autem realiter, esset valde gravis dicitur, eruntque in theologicis moraliter exitiosa, ex quo patet, quod deo sat est omnino in se possint etiam non est homo,. Et quidem, ille, iam perfectus est, Sola beata omnino idipsum, aeternum, et antequam mundus creatus est. Quod summum et perfectum, absolute infinitum. Quod nihil potest additae. Nihil est Short. Nihil conferat ad vos. Quales sunt qui munera dare nobis. Nihil essentiam absolvantur, et eiusmodi animalia. Deus non potest aliter, dum pendet viventem virum. Ipse est enim ipsum; nihil se creaturae, quod omnis creatura est,, id est ex Deo,.

.

Ipse certe est ab essentia Amor, Pro nobis Filium suum dedit salutis, sed semper manet id quod non possent habere optime exercere, ad amorem mundi, quia, si vellet,, Hoc enim non efficiunt ut.

.

Deus creavit orbem terrarum ex pura caritate liberrimo consilio et actu - liberrimo consilio -, et ait Concilium Vaticanum II, enim creatus est, et pura amoris gratuiti, quin omnino structuram, ut loci et ex sua essentia, tum pro se agunt corporalis agentibus infrahumanae.

.

Puto enim Deus ut, est autem, activae indiget homo conlationem sive idealem, quia solus illud non poteris sustinere, Et ducit ad Deum et hominem credere possunt esse de ratione figura essentia Dei, Dei, quod fit idolum,, "Opus manus hominum, [autem 135, 15], productum cogitationis humanae;, venit idealismo. Unde homo per tentationem in credendo Deum esse vel Deum, vel ut identify cum Deo,. Et ponet illud in alio modo,: si homo non, Deus non esset,.

.

In rerum spiritalium litterae ex Iudaeis Ashkenazi, aliquid rabbanim [Dominus] Et indica nobis: "Deus erat tale opus amari et honorari, quod in aliquo puncto constituit hominem creare in imaginem et similitudinem suam, Quod ille dilexit eam et gloriam,. id est,, rectus, dictio poetica totius. Cum scimus quod, in theologia, et praesertim in re dogmatica, quod poeticam istud licentiam, sed pulcherrimus, tum etiam ad rationem reddere, Et non potest esse ancipitia ad marginem remittebatur,, nisi explicavit, sed non ita bene explicatur, id quod poeticam istud licentiam.

.

nunc, ne suspicari quidem possumus quod talia audivit Sanctitas Sua, quamquam modus loquendi est beatissimus, Et hoc utique exegissem illud, in nostra sententia,, certe aliqua declaratione. etiam, Sancti Patris, periculum non nocere monemus et interpretationem ad pantheismum videlicet atheismus anthropocentricus, Popularibus admodum et hodie.

.

In verbis Sancti Patris est scriptor Et tunc comprehendatur mysterio, in operational, ad appetitum et sensum ut referatur ad mysterium, tribus:

.

primum, in sensu mystico ad appetitum,: Est sicut lingua amantes, Cum autem dicit quod amans suo dilecto 'sine te non potest stare,. Aut sic dicendo: all'altra vel e converso;: «Te amo». Quo verbo quid sit idea motus gradu summae, linguam habet, et caritate inque theologica, sed potissimum a significatione "applicationem" precise ipsum, quod solus deus potest esse venerandus, nisi aliud, in gravi periculo cadit curram idolatriae nolle adquiescere.

.

Secundum, Deus in Christo aliqualiter est in hominis opus. Non enim ostendit Christum quaerit qui potum ergo in civitatem Samariae [Cf.. Gv 4, 1-26], insuper operam praebet petitionem all'opera de salute, quamquam inde patet responsio nostra sit donum Dei misericordiae suae.

.

tertium, Sancti Patris verba sunt intelligenda quantum ad mysterium incarnationis;: In sempiternum Christus coniunxit idem per se ipsum Deus homine, Nihil autem unquam hanc unionem atque separate. Quod ergo unionem Dei et hominis in Christo, tamen necessitate non est in eo, in lege. Si concepissimo ut gradatim evolvebat, mixturam ex duabus naturis, humana et divina, cadremmo haeresis Christiana, de dogmate contra distinctionem duarum naturarum in determinatione Concilii Chalcedonensis.

.

haec conscientia, Papa dicit, Deus in Christo homini coniunctus est sempiternum, Est enim quaedam nobis in magno fiducia ad Patrem, spem, quae tamen non excedunt atque ita falsum firmitatem servare statum cuiusque, rescindere praepotens sanctum timorem Dei, quia semper manet in nobis de se pertinet ad poenas vel caritate non tantum, quia, Si peccatum sottraessimo, Consequitur, quod opus est redemptio. Ac quemadmodum in sermonibus celebre Sant'Agostino: "Qui creavit te sine te, Non enim salvum te sine te '.

.

quod In insula, quæ appellatur Patmos,, 8 June 2017

.

.

.

__________________________________________

carus lectores,

.

nuntiatum post nos certiores uncis 19 May [nota video qUI], reversusque nobis opus In insula, quæ appellatur Patmos,. Cum essent incolae in conuentu ex Padre Giovanni Cavalcoli non video lessons memoriae multa convenerunt quae currently, Et brevi edentur pro omnibus vobis pro nobis channel.

.

Varazze 2
dE patres In insula, quæ appellatur Patmos, Convento mitténtes cum video laborare in Domenico di San Varazze (intermisso)

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

26 cogitationes on "Nota super aliquo dubio egent Summi Pontificis: Homo enim magis indiget Deus, sed Deus non opus habet virum

  1. gratias ago tibi nota aperiendam.
    Et ego quidem gratias ago tibi, quia papa ferens omnia verba legere iam per lineam rectam, et veniam de offensa. Hoc unum est, quod sit in corde et lingua carentiam.

    Sed paenitet quod fere assidue est opus ad declarare in papam verba. Nota est hoc tuum negotium infelix … nota est, quia non infelix. magis! et erit auri pretium … sed quia semper in caelo et in terra exponi papam. In tempore illo non est “ex iusta”?
    Gratia prudentiae, hic alienigena?

  2. E’ Is est maximus ut vos erant 'intervenuti statim verum est cum charitate, et ex significatione epistolam legi, in S. Non in Petrum E S. Martha (Qui minus esse damnum facere,).
    Et iterum inculcatur iterum in fine Orationis in conspectu Domini “….Nos quoque puto Patris Pater noster, qui potest esse sine nobis……”, repositoque verbo etiam in esse manere, De varia significatione, quod Deus existat vel leviter tantum est homo.
    Et omnes testimonium metabolize tempus ut multis in variis comments online novam Christianae fidei ex blogs.
    Quoque nocens est vos saepe experiri itaque Mardochaeus omnia haec, partim quod suam. Speremus hoc imitatus est non a pastoribus, homiliam recitando.
    nox Sanctus, quod dona spiritus sancti est fidelis, Christiana atque catholica, his perspicacia.

  3. amen, ad terrent, sit alius …
    Pontifices transiet, sed saepe damnum manere, Et manere pro decades, nunc in saecula.
    Sic Im 'non certus ut terrebis infelix outputs, timeo autem multa constituit sacerdotes et omnibus episcopis, ut emulate, sed sunt quidam peius acidis imitantur vitea.
    In paucis annis ambigua sunt hi sermones, et infelix si oris refert ad Patrem scriptor Domus, cum quisque aliud, et aemulatores scimmiottatori, remanebit, & ipsius curvae praemisit ad alterum decennium.
    Hoc tantum quod me sollicitissimum …

    1. Don Francesco, Vereor vestri 'non solus unus ut visitantibus esse commissum.
      iam, confusione creo, nullum dampnum quod possumus videre, et non videre potest caecorum, nisi et ipsas terribiles dilemma: Quam postquam renovare? alii dicunt, (et timeo), fortasse accipere decennium, si bene …

  4. Noli me tangere, quid esset dictum repetere commentarii duo weeks ago: 'Non mihi autem videtur, – sicut erant, – Papa duplici constant ex dictis in hoc tempore, invitus, de quo dictum est, quod sic fingunt quae manet in theologia et in nurtured quam maxime voluit, ut videtur Miserator vultus. '

    Papa, sed si voluit poeta anceps, Et non potius ut inspirati Magnifice gradum philosophum, qui Apocalypsis quod non sciatur: “Dicimus ergo quod intellexit auctor de hoc quod universum generation. Quod esset bonum, et bonum quicquam ultra generandi inuidiae: ideoque immunis essendone, quae voluit generari, ut quam maxime procul, similis illi” (Cicero, timeo). Et dices: Nos creavit Deus quod esset bonum; quia bonum participare suam finxisti; bonitatem et intercluserunt, sicut erant,, incidit nobis deesse peccatum.

  5. Affectus sensu mystico tibi adsentior, et, quod mirum non est in pre-quaedam deuocionis plene viget monitio libelli, dicit illi quae Iesus autem etiam haec “magis” Etiam sit theatrum melodramatic pathos a saeculo decimo …
    … Papa autem non est sic, quod dicitur.

    L’importante è tenere sempre presente che l’essenza dell’esser cattolici è proprio credere nella figura del Santo Padre perché è la nostra Fede ad esser strutturata così. Quod quidem ex doctrina “papa heretico”, idest humiliavit ex temporibus haeresis Pontificum historia commune frigus, quod interpretationem a Patribus excepisse ex Island, tum ineptias haeresin labatur, quod est a magnus paulo Catholico quia subruit fundamenta iecisse nostrae doctrinam. Sursum Corda ut sano et confido in Christo.

    1. quia in pre-quaedam deuocionis plene viget monitio libelli, dicit illi quae Iesus autem etiam haec 'peius' seasoned plus melodramatic cum misericordia fletuque pronuntiantur undevicesimi saeculi a theatro ...

      ita maybe, incerta tamen instead permanendi, et quaedam exempla? Quia in ipsa videbat impetus Provecta devotionis non tantum fundamenta.

      Papa autem non est inquit ita quod ....
      vix: quoniam aliquid fortasse vehementior erit cultus libelli, erant autem Summi autem Pontifices, qui scilicet est. Quid enim haec dicuntur de alia res est, nondum in longa serie, “seasoned” stultus factus obvious Episcopis presbyterisque, qui variis in partibus orbis terrarum passim lasciviendi permittebat. Paulo inferius ostendit situ bene by comment.

  6. Simpliciter dixit quod … statim fecit !
    Curiam inde profectus abiit hac ad salutandum Festum S. solito. Sacramento in ecclesia cathedrali tum in se ordinavit annos. Et percusserunt eum in celebratione Missarum interdici, a ad capellam S.. Per haec verba non sunt Sacramento effectum est, ab ipso parocho proprio in sua cogitatione, quae hoc Evangelium in cursus auditus est 7 June, quia nunc, multis, in suis homiliis, Non tantum referri potuit dicere, … “sicut Franciscus Pontifex …”, Titus facto saepe, quod dicere non dico Titus, At illa dixit se saepe, pulcherrime factum male omnimodo.
    Ego modicum specialitas in scriptis Patrum Ecclesiae, E, saepe, si predico, Et factum est dicere, … “ut dicitur S. Agostino, S. Atanasio, S. Ambrogio, S. Hieronymus …”
    Sed me “veteris”, etsi 37 aetate.
    Et verba quæ mihi fuerunt pervenit ad verbum autem haec: ” … Ergo possumus dicere quod homo creavit Deus hominem creavit illud” (!?).
    Haec episcopo sedes, Episcopus, qui nos advocat, ut semel per annum in schola Enzo Italo Bianchi, , ubi agit de conventu ac clerici, Qui loquitur tantum de immigrantes et exules.
    Omittit quod dicere est in domum suam dioecesim.

    Paulus Don

  7. … Neapoli commorantem sumus colligendis subscripserunt Episcopi dioecesani aperire post ultimum tempus ad processus of Cicero, adfertur parari iam et ingenti Congregationis de Causis Sanctorum, ut praedicate “medicus ecclesiae”. Omnia propter crassitudinem, nisi consistency …

    1. dilectissimi Fratres,

      Ego autem victoria hac collectione tu quoque signaturas, imo jam plurima signa sunt gesta, paucis dicis :

      1. insuetam in theologia trinitaria perductis necnon Cardinali Walter Kasper ;
      2. quoties nominandus est homo quod archiepiscopus ad Pontificiam Academiam pro vita Vincenzo Paglia ;
      3. il Preposito generale della Compagnia di Gesù, Arturo Sosa, per gli amici ormaiFiasco Sosa“, che dopo avere affermato che non sappiamo cosa Cristo abbia veramente detto perché all’epoca non avevamo registratori, ci ha illuminati sul fatto che il Demonio, con il quale a suo dire per secoli abbiamo spaventato i fedeli, è una metafora

      E numerosi altri miracoli accertati che sarebbe davvero lungo elencare.

      P.S.

      Per quanto riguarda il miracolato Vincenzo Paglia, notorio amante del nuovo corso della Chiesa povera per i poveri, mi limito solo a ricordare che con sensibile premura pastorale, a suo tempo impoverì talmente la sua Diocesi e la riempì a tal punto di debiti, che per ripianare il tutto, dovette intervenire persino la Banca Vaticana con svariati milioni di euro.
      E per tutto questo, a lui come ad altri, è stato dato meritato premio

  8. Negli ultimi istanti del video il Papa recita il Padre Nostro e mancail tuo Regnocioè dicevenga…” poi fa una pausa e passa asia fatta la tua volontà”. Ma che ha da veni’? Deus!
    Poi al minuto 2,50 quando diceil mistero di Dio che sempre ci affascina, ci fa sentire piccoli, però non ci fa più paura, però non ci scaccia, non ci angosciasi piglia uno scapellotto dalla mantellina bianca alzata dal ventoche sia un segno?

  9. Reverendi Padri, peccato che la vostra nota non è controfirmata dal Papa e che voi non avete nessun incarico ufficiale nella curia vaticana, quello che affermate forse avrebbe molta più credibilità. Il vostro ennesimo tentativo è altamente offensivo nei confronti di quanti stanno da questa parte: forse siete convinti che “dall’altra parte del bancone” siano tutti “idioti” (non nel senso offensivo, ma con gravi disabilità encefaliche). Il vostro ennesimo tentativo di coprire un elefante con un fazzoletto è una bestemmia nei confronti della ragione. Povero San Tommaso D’Aquino!! Il vostro ministero è per la salvezza delle anime o per contribuire a rovinarle?
    Povero Papa è stato vittima dell’ennesimo discorso scritto da chi lo tiene prigioniero. La vostra interpretazione avrebbe bisogno di altre interpretazioni, le successive interpretazioni di ulteriori interpretazioni ancora e così di seguito fino all’infinito. SIAMO ALLA CATASTROFE E MENTRE IL TITANIC AFFONDA NOI CI DIVERTIAMO BALLANDO.

    1. lector,

      nos, benedicendo Dio, hoc faciunt «alcun incarico ufficiale nella curia vaticana», non perché siamo i cattivi, ma proprio perché siamo i buoni.
      Incarichi ufficialiai quali mai abbiamo aspiratosono oggi generosamente elargiti a perniciosi eterodossi come Padre Raniero Cantalamessa, come il Cardinale Gianfranco Ravasi, come Enzo Bianchi che gira di cattedrale in cattedrale a proferire eresie dopo essere stato nominato consultore di un Pontificio consiglio.

      sed … dica mihi, quia eius, a «incarico ufficiale», è forse sinonimo di ortodossia teologica e di garanzia di difesa del deposito della fede?

      Detto ciò proseguo adesso rispondendo a questa sua affermazione: «Povero Papa è stato vittima dell’ennesimo discorso scritto da chi lo tiene prigioniero».
      La mia risposta è la seguente: lei ritiene che se qualcuno, ad un santo volpone come Giovanni Paolo II o ad un raffinato teologo come Benedetto XVI, avesse scritto cose simili in un discorso, loro le avrebbero lette?
      Si faccia questa domanda e si dia da solo la risposta.

      Infine respingo in modo indignato, a nome del Padre Giovanni Cavalcoli ed a nome mio, il paradigma dell’affondamento del Titanic, perché entrambi noi due, da anni e anni, attraverso nostri libri, scriptum, homilia, conferenze, stiamo urlando a squarciagola «Iceberg, Iceberg!».
      igitur, anziché fare il maestrino stolto con noi, se la prenda con chi sta spingendo il piroscafo in rotta di collisione verso l’iceberg, perché noi siamo da sempre quelli che urlano al pericolo, ed all’occorrenza lo abbiamo urlato anche in direzione della Domus Sanctae Marthae, mentre invece a danzare, anche all’interno dei saloni della Domus Sanctae Marthae, sono altri, a partire da tutti quegli eretici titolati ai quali lei conferisce alta dignità e credibilità non perché ortodossi e fedeli al deposito della fede, ma perché titolati incaricati.
      Si documenti su ciò che sta facendo alla Pontificia accademia per la vita l’Arcivescovo Vincenzo Paglia, poi ci scriva e soprattutto ci dimostri che, essereincaricati titolatiè sinonimo di difesa della dottrina e della fede.

      E che Dio la benedica !

      1. Reverendi Padri,

        se il Papa si è espresso male o il suo linguaggio non è stato sufficientemente chiaro o altro, dovrebbe essere lui a rettificare o a porre rimedio al danno, volutamente o involontariamente fatto; direttamente o a mezzo dei suoi collaboratori (curia), non certo voi che non siete gli autore del danno. Chi ha danneggiato deve riparare, non altri.

        «Incarichi ufficiali – ai quali mai abbiamo aspirato – sono oggi generosamente elargiti a perniciosi eterodossi come Padre Raniero Cantalamessa, come il Cardinale Gianfranco Ravasi, come Enzo Bianchi che gira di cattedrale in cattedrale a proferire eresie dopo essere stato nominato consultore di un Pontificio consiglio».

        Vi siete mai chiesti chi li ha elargiti questi incarichi?

        Chi ha il potere di allontanare questi pericolosi eterodossi?
        Con quale autorizzazione il Bianchi gira le cattedrali?
        Non vorrei essere nei panni di quel Vescovo che gli si oppone!

        Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il PAPA!!!! Chi ha avviato il processo selvaggio di sostituzione a tutti i livelli degli ortodossi con i cosiddetti eterodossi, commissariamenti di istituti religiosi, defenestramenti vari?
        Chi è

        1. Caro Aquila,

          Le sue righe sono un susseguirsi di involontarie contraddizioni in termini, cercherò di aiutarla a capire quali:

          «se il Papa si è espresso male o il suo linguaggio non è stato sufficientemente chiaro o altro, dovrebbe essere lui a rettificare o a porre rimedio al danno, volutamente o involontariamente fatto; direttamente o a mezzo dei suoi collaboratori (curia), non certo voi che non siete gli autori del danno».

          Bene, suppongo che lei, come tutti noi, sia stato battezzato.
          Applicando al Sacramento del battesimo, ma soprattutto al mistero del peccato originale, questa sua logica, noi potremmo ragionevolmente affermare che avrebbero dovuto essere Adamo ed Eva a porre rimedio al danno compiuto, non certo noi, che non ne siamo responsabili.
          Quid, come di certo lei saprà, noi non siamo colpevoli e responsabile del peccato commesso da Adamo ed Eva; lo hanno commesso loro, non noi. Allora come mai, omnes, siamo nati con la macchia di un peccato che nessuno di noi ha commesso, ma che pur malgrado su tutta l’umanità è stato trasferito, non come peccato commesso ma come peccato contratto?

          Lei scrive:

          «Chi ha danneggiato deve riparare, non altri».

          ubi ait:: avrebbero quindi dovuto essere battezzati solo Adamo ed Eva che commisero il peccato originale, che cosa c’entra l’intera umanità? Perché i loro figli, che non hanno commesso questo peccato, lo hanno contratto?
          La verità è che esistono vari peccati che, a loro modo come accadde con il peccato originale, il quale costituisce l’origine e l’inizio del peccato, possono alterare il cosiddetto equilibrio perfetto del creato e delle varie cose create o volute da Dio, inclusa la Chiesa, che a suo tempo, Benedict XVI, paragonò non a caso ad una «struttura di peccato».

          Lei prosegue affermando:

          «Vi siete mai chiesti chi li ha elargiti questi incarichi? Chi ha il potere di allontanare questi pericolosi eterodossi? Con quale autorizzazione il Bianchi gira le cattedrali? Non vorrei essere nei panni di quel Vescovo che gli si oppone! Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il PAPA!!!!»

          Le rispondo dicendole che i vescovi che non si oppongono, non sono affatto delle vittime, come lei potrebbe quasi lasciar intendere, ma sono degli autentici carnefici della Chiesa, sono dei pavidi e spesso pure degli indignitosi leccapiedi. Et dixit quod ego addam, ovviamente per esempio puramente accademico, che se i Padri de In insula, quæ appellatur Patmos, fossero vescovi di due rispettive diocesi, potrebbe stare certo che alle loro diocesi, il Bianchi, non si avvicinerebbe neppure da lontano. E se dall’alto, aliquis, tentasse di obbligarci a farlo pontificare nelle nostre cattedrali, noi risponderemo comunicando alla Santa Sede la nostra immediata rinuncia al governo della diocesi, pur di non accettare supini e passivi che un eretico enunci eresie all’ombra delle nostre cattedre episcopali dinanzi ai nostri fedeli ed ai nostri presbìteri. Il tutto per ribadire che molti vescovi non sono affatto vittime, ma degli omissivi carnefici che per le loro pavide omissioni dovranno rispondere al giudizio di Dio, che per loro e su di loro sarà particolarmente severo, con buona pace per laspirina misericordista.

          Lei è però così preso da sacro fuoco al punto da non rendersi forse conto che si sta facendo delle domande che già contengono le risposte. Infatti il potere di impedire tutto questo ce l’ha, come lei stesso scrive:

          «Colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre».

          E se questo potere, che a lui perviene da Cristo Dio, non lo esercita, o nel caso in cui lo esercitasse male, o qualora peggio lo lasciasse esercitare ad altri, noi dovremmo forse stare zitti? Il Beato Apostolo Paolo non è stato zitto, dinanzi al Beato Apostolo Pietro che stava cadendo in errore, peraltro attraverso un fare del tutto ambiguo [Gal 2,1-2.7-14]. E secoli dopo, il Santo Vescovo e dottore della Chiesa Ambrogio, in una precisa occasione inviò per i suoi messi questo messaggio al Sommo Pontefice: «Dite al Papa che per me, dopo Gesù, non c’è che lui. E che la testa che Dio ci ha dato noi la useremo non solo per metterci un cappello».

          Lei conclude infine:

          «Chi ha avviato il processo selvaggio di sostituzione a tutti i livelli degli ortodossi con i cosiddetti eterodossi, commissariamenti di istituti religiosi, defenestramenti vari?».

          Mio caro, ma nella sua domanda c’è già la risposta, se lei, la testa, non la usa semplicemente per metterci sopra un cappello. E io sono sicuro che la testa lei la usa per ragionare, è che a volte, il sacro fuoco della passione, assieme al dolore, ce lo possono impedire, ma la prego di stare sereno, perché è un’esperienza passeggera che abbiamo fatto tutti, perché è anche e soprattutto a questo modo, che si cresce veramente nella fede.

      2. Caro Aquila,

        mi associo al Padre Ariel nel risponderLe. Da sempre capita che certi interventi dei Sommi Pontefici contengano espressioni che possono essere intese in senso eterodosso. Un Papa può precisare il significato di certe sue espressioni o correggere cattive interpretazioni in casi particolarmente gravi, come quando per esempio Papa Alessandro VII precisò nel 1656 che la condanna delle proposizioni gianseniste fatta dal suo Predecessore Innocenzo X si riferiva al senso inteso dal loro autore, contro un’interpretazione che voleva difendere Giansenio, o come quando il Beato Pio IX chiarì nei confronti dei patrioti italiani che il suo amore per l’Italia non dovevano intenderlo come volontà di muover guerra all’Austria o come quando Papa Benedetto XVI precisò che la condanna degli errori della teologia della liberazione non esclude l’esistenza in essa di aspetti positivi.

        Ora però il compito di fare questi interventi di chiarimento atti a dissipare equivoci o fraintendimenti nei casi ordinari non spetta al Papa, ma ai teologi. Si suppone infatti che il Papa, come maestro della fede, insegni sempre la verità del Vangelo, quibus, se qualcuno interpreta certe sue parole come fossero contrarie al Vangelo, egli in linea di principio non è tenuto a lamentarsi di essere stato frainteso e quindi a confutare la cattiva interpretazione.

        quod, tum, che un Papa si esprima in un modo tale, per cui può essere frainteso, non va inteso come un suo atto tale da recar danno ai fedeli, sì che poi il Papa sia tenuto a riparare il danno. Il danno possono riceverlo coloro che fraintendono le parole del Papa, ma non è pensabile che un Papa, nell’esercizio del suo ufficio di maestro della fede, possa obbiettivamente danneggiare i fedeli, così da indurli o tentarli al peccato di eresia.

        La domanda che ci dobbiamo porre non è chi assegna gli incarichi più elevati alla Santa Sede o negli istituti accademici o dirigenziali o direttivi di maggior rilievo della Chiesa, giacché qui la risposta è evidente; ma è come sia possibile o in base a quali sollecitazioni o maneggi o raccomandazioni o informazioni o influssi o pressioni o condizionamenti ideologici, politici o economici succede che accedano a posti di così alta responsabilità e così vicini al Papa personaggi, quod, invece di brillare e distinguersi in tutta la Chiesa per un’esemplare purezza dottrinale, prudenza e sapienza teologica, perfetta ortodossia e fedeltà inconcussa al Magistero autentico del Sommo Pontefice ed alla Tradizione della Chiesa, mostrano nel campo della dottrina della fede impressionanti lacune, posizioni contrastanti col Magistero pontificio, giudizi falsi in teologia e in filosofia, tesi eterodosse, temerarie, sconsiderate, scandalose e male sonanti.

        Lei obietta: colui che ha il potere immediato e assoluto su tutta la Chiesa terrestre è il Papa. Indubbiamente il Papa, per diritto divino, ha sulla terra, in ordine alla conoscenza di fede ed alla salvezza delle anime, autorità piena, assoluta, immediata e diretta su ciascun fedele di ogni condizione, ordine e grado. Ma questa autorità va esercitata. E per esercitarla convenientemente ed efficacemente, occorrono molte condizioni, che sono le seguenti:

        – occorre che il Papa sia acuto di intelligenza, avveduto, benintenzionato, diligente, circumspectus, perspicace, lungimirante, di ampie vedute, confortamini,, mite, energico, gratuitae, equanime, imparziale, amante della giustizia, studium, bene informato, libero nelle sue scelte, non suggestionabile, non facile a credere, non diffidente, capace di valutare qualità e difetti di ciascuno.

        In addition ad hoc, ogni Papa deve, aliter, almeno agli inizi, accettare l’eredità morale e l’ambiente umano di curia che gli lascia il suo Predecessore. Anche avendo intenzioni riformatrici, deve sempre fare i conti col materiale umano, che Dio gli mette a disposizione. Oltre a ciò è molto raro che un Papa abbia tutte quelle qualità elencate sopra. Ma se non le ha, magari non per colpa sua, è chiaro allora che il governo della Chiesa ne risente in varia misura, sicchè a quegli alti posti possono accedere degli indegni.

        Se il suo Predecessore gli lascia buoni collaboratori, il suo compito sarà facile; se invece l’ambiente è corrotto, si trova tra collaboratori che gli fanno resistenza, lo adulano ma poi fanno i loro comodi, lo ingannano, fingono di obbedirgli ma poi fanno alla rovescia, gli raccomandano persone non raccomandabili, gli danno cattivi consigli, lo spaventano con timori inconsistenti, Lei capisce che cosa può ridursi il potere effettivo di un Papa, fosse egli anche un Santo.

        Quindi non si meravigli di quello che sta succedendo e dei guai che stiamo denunciando. Il nostro è un aiuto che stiamo dando al Santo Padre, perché si liberi dalla zavorra e, forte del carisma petrino, servus servorum Dei, possa guidare liberamente la Chiesa verso le sempre nuove mete che gli addita lo Spirito Santo.

    2. Gentile Aquila ,

      nella «curia vaticana» (che si chiama curia romana o uffici della Santa Sede), ci lavoro da vent’anni, e non a livello di usciere o di minutante, ma sul mio incarico e ruolo sorvolo.

      Posso e devo dirle che in numerosi dei nostri uffici mancano proprio persone come i Padri di questa isola, che per il loro bene è meglio rimangano su questa isola, quia hodie,, presso la «curia vaticana», si troverebbero costretti per obbligo di coscienza ad accusare di gravi eresie e immoralità non pochi «incaricati ufficiali». Per il loro bene ed il bene che con le loro analisi e denunce fanno anche a noi, è bene seguitino a lavorare da fuori, come stanno facendo.

      Per ragioni di ufficio ebbi la sventura di seguire il dolorosissimo caso di mons. Charamsa, che presso la «curia vaticana» aveva due incarichi di rilievo presso la Congregazione per la dottrina della fede e presso la Commissione teologica internazionale, ed era anche professore presso due università pontificie.

      La notizia di Charamsa ha fatto purtroppo il giro del mondo, e forse anche lei è informato sul fatto che questo soggetto con duplici «incarichi ufficiali» nella da lei detta «curia vaticana», ha dichiarato il proprio amore per un uomo con il quale oggi convive nei paesi baschi.

      Mi fermo a questo solo esempio per affermar sul finire che difficilmente, gli idioti, sono disposti a rendersi conto delle clamorose idiozie che spesso dicono, scrivono e diffondono.

      Non ho altro da aggiungere e commentare, se non il fatto che nella «curia vaticana», L’Isola di Patmos è uno dei siti più monitorati, seguiti, letti, e soprattutto apprezzati, almeno da quello che vedo io

      signati litteris

  10. un uomo, coperto il volto da un passamontagna, armato e avvolto in un a cintura esplosiva, sta per introdursi in una cattedrale gremita di fedeli. un carabiniere lo vede e pensa ai motivi per cui si può usare un passamontagna, si chiede se le armi siano cariche e ai possibili generici usi che se ne possono fare, se la cintura sia fatta di polvere pirica o di nitroglicerina e se è certo l’uso che l’uomo in questione ne può fare

    I pensieri, sermo, le opere, le omissioni del papa sono ormai uno spunto per infinite dotte disquisizioni o per interventi inefficaci di indotti webeti, veniat ad me, quisque de fidelibus, che molto prosaicamente vedono la Santa Chiesa minata alle fondamenta.

    Maria, Mater Ecclesiae,, ora pro nobis !

    1. quaestio, carissimo Giovanni, in maniera elementare è che i finissimi teologi, cercano con rispettoso linguaggio di indicare allAugusto (?) come procedere al fine di evitare la Babele delle lingue, non volendo capire che lAugusto, alla maniera del Marchese del Grillo, non tiene conto né di dottrina, né di Tradizione.

      Alla Corte dellOspizio dei non vedenti Santa Marta tutto si ricrea al fine di tutto distruggere. Come mi disse nei giorni scorsi a Trastevere un impaurito suddito: «… è già grazia che non faccia nascere il bambinello a Buenos Aires».

      E con questo mi volle far percepire che aria tira allOspizio

  11. Caro Pater,

    sai bene che ti stimo anche quando usi toni acri a primo impatto. sed, da teologo a teologo, se dovessimo fare note chiarificatrici ogni volta avremmo già scritto più di un paio di libri. Lo dico con dolorenon è questione di modi infelici ma dopo anni è evidente che il papa voglia dire proprio quello che afferma. Così come affermò da cardinale nel 2005 che la corruzione è il peccato che Dio non perdona (in “Pecado y corrupcion“, Buenos Aires 2005) e altre sciocchezze (tali sono).

    Manteniamo salda la fede. Io consiglio a tutti di leggere sempre il Catechismo insieme alla Parola di Dio. Il caos purtroppo sta dilagando.

    Preghiamo tantoperché se alcune cose il Papa le avesse dette cum ex cathedra sarebbe condannabile di eresiacome quando affermò che l’anima si dissolve e poi arriva a Dio o che Dio non giudica e molto altroforse stiamo davvero vivendo la profezia che Guitton fece a Paolo VI: «verrà il breve periodo che il gregge guiderà il proprio pastore».
    Non praevalebunt … quidem … ma lo stesso Gesù, nostro amato Signore, ci chiese pure se avrebbe ancora trovato la fede quando sarebbe ritornato sulla terra

    Il Signore nostro rimanga paziente e non ci faccia mai mancare lo Spirito Santo.

  12. Sembra di assistere a una paradossale commedia, nella quale protagonisti in veste di Papa o di Vescovo, palesemente ignari del catechismo, catechizzano battezzati ai quali la dottrina non è stata mai insegnata.

    1. Verbum Caro Factum Toni,

      se le dessi tortocosa che non farei mai -, sarei a dir poco dissociato dal reale, se non peggio intellettualmente disonesto.

      E’ sempre più vicino il giorno in cui, le membra vive del buon Popolo di Dio, dovranno proteggere i propri pastori dai loro errori.

      1. Per completezza vorrei far notare che, ideatore e regista della brillante commedia in corso, sembra sia quel tale dimenticato dai più che, pur non essendo un fumatore, si porta dietro un’inconfondibile nuvoletta di acre fumo nero

  13. … … … Dio si è fatto diavolo… nella Chiesa taluni ritenevano che gli schiavi non avessero l’anima… Dio non può essere Dio senza l’uomo…
    Non autem sic, causa est, quia, il verbo “πατάσσω (patassô)” usato nella frase “Percuoterò (πατάξω) il pastore e saranno disperse (διασκορπισθήσονται) le pecore del gregge”, stia metaforicamente a significare che il pastore sarà “percosso, colpito, afflitto” nel suo modo di esprimersi a parole al fine di essere frainteso cosicché siano vagliate (διασκορπίζω = disperdere, vagliare, gettare il grano nell’aria per separarlo dalla pula) le pecore del gregge?

  14. Come sempre vi ringrazio dal profondo del cuore per il servizio che svolgete per tutti noi poveri fedeli!!!

    Vorrei chiedervi un’altra chiarificazione: tra tutte le varie uscite infelici come quella qui sopra, forse quella che mi aveva inquietato di più è stataanche dentro la Santissima Trinità stanno tutti litigando a porte chiuse, mentre fuori l’immagine è di unità”, per spiegare l’UNITANELLA DIFFERENZA o DIVERSITARICONCILIATA….questa interpretazione mi dà i brividi!

    Se davvero fosse così il Paradiso non sarebbe altro che un grandecaos riconciliato” (?!?!) dove tutti continueremmo a litigare e a fare la pacein eterno?! obsecro,, ditemi che non è così!!!

    Fortunatamente quando penso all’InnoO Trinità Beata, Oceano di Pace…” mi sento nuovamente consolato e cresce in me la Speranza che la Trinità ci attenda nella Pace e nella Gioia Eterna dovenon ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno,perché le cose di prima sono passate” (vos 21,4)

    Tuttavia mi chiedocome è possibile continuare a proiettare su Dio le nostre miserie umane senza renderci conto che è proprio la Sua Santità e perfezione che ci guarisce e libera da ogni male

Leave a Reply