Muslims et Communists. Charlie Hebdo magazine a et causam et terminos habitationis “satura”

MUSULMANI E COMUNISTI. IL CASO DELLA RIVISTA CHARLIE HEBDO ED I LIMITI DELLASATIRA

 

Nella strage di Parigi abbiamo assistito ad un attacco sfrontato, frontale e barbarico contro il cristianesimo da parte di due forze occasionalmente congiunte, per quanto tra loro sotto un certo aspetto feroci nemiche: il comunismo e l’islamismo.

 

Giovanni Cavalcoli OP
Giovanni Cavalcoli OP

 

la vergine maria violentata da re magi
Copertina blasfema dinanzi alla quale i soliti … “bigotti cattolicipotrebbero persino rimanere infastiditi, nel vedere la Madre di Dio alla quale i paladini della libertà di pensiero e di espressione hanno dedicato questo titolo: “La Santa Vergine violentata dai tre Re Magi

La tragedia della strage a Parigi dei redattori del periodico comunista Charlie Hebdo ad opera di terroristi islamici ci suggerisce alcune riflessioni. Innanzitutto ci chiediamo quale giudizio o valutazione morale dobbiamo dare, come cattolici, sullo sconvolgente avvenimento; quali possono essere il senso o le conseguenze di un fatto così orrendo per molti motivi, un fatto che segna un gradino in più nell’escalation delle forze anticristiane ed antiumane contro il cristianesimo e la civiltà. In secondo luogo ci chiederemo quali possono essere state le cause prossime e remote. In terzo luogo ci chiederemo che cosa possiamo fare perchè non si ripetano fatti del genere.

Il primo sentimento che ci sorge nell’animo è quello della profonda commozione per i morti, redattori, attentatori, vittime innocenti prese in ostaggio, agenti addetti all’ordine. Vien fatto di pensare, a parlare con franchezza, che i redattori una simile disgrazia se la sono tirata addosso, conoscendo la suscettibilità dei musulmani. Un pensiero dunque per i morti: sdegno per i terroristi, pietà per le vittime, ammirazione per l’eroismo degli agenti. Invochiamo per i terroristi il Dio della giustizia e della misericordia. Quanto ai cristiani, essi pure disgustosamente presi di mira dalla satira sacrilega, ovviamente si sentono feriti. Ma traggono da questo episodio solo un incentivo per testimoniare con maggior chiarezza e suasività la loro fede, pregando per la conversione degli empi. Auguriamo agli organi giudiziari competenti di poter operare con saggezza ed efficacia per ristabilire in questo incresciosissimo e difficilissimo caso i diritti della giustizia lesa ed applicare con giustizia la legge nei confronti delle persone coinvolte dall’una e dall’altra parte.

 

charlie-hebdo - trinitas
Libertà di pensiero e di espressione. Copertina blasfema sulla Santissima Trinità.

La prima cosa che mi sento di dover dire è che nella strage di Parigi mi par di constatare l’incrociarsi di due fattori potenti anticristiani, che si stanno rafforzando oggi sul piano internazionale contro il cristianesimo, per cui sembrano valere oggi più che mai le parole del Salmo: «insorgono i re della terra e i prìncipi congiurano insieme contro il Signore e contro il suo Messia» [autem 2,2]. Prendo come punto di riferimento per le riflessioni che propongo la vignetta blasfema contro la Santissima Trinità, vignetta che, a seguito dell’attentato, ormai tutti conoscono o perchè è stata loro sbattuta in faccia dai mass-media o perchè se la sono andata morbosamente a cercare, per cui ha fatto il giro del mondo, per la convinzione in molti diffusa che qui vi sia in gioco la difesa della libertà d’espressione.

Nel contempo l’infame periodico ha aumentato enormemente le vendite, cosa che testimonia del livello degli interessi culturali di molti nostri contemporanei, edificati dalla testimonianza eroica dei martiri comunisti. Sappiamo d’altra parte noi cattolici come il sublime mistero trinitario sia al cuore e al vertice del cristianesimo e lo caratterizzi rispetto a tutte le altre religioni e culture dell’umanità. igitur, colpire o irridere questo augustissimo Mistero universale di salvezza, vuol dire attentare all’essenza più propria e più profonda del cristianesimo e, per chi lo fa coscientemente e volontariamente, comporta l’attirarsi i fulmini dell’ira divina, oltre che offendere la fede di tutti i cristiani.

charlie-hebdo- natale
Rappresentazione blasfema della natività di Gesù Cristo: “Il presepe dentro i luoghi pubblici”. Verbum Dei, che per la nostra fede si è fatto uomo ed è morto e risorto, preso e gettato dentro una latrina da questi vignettisti in nome della libertà di pensiero e di espressione

Nel fatto di Parigi abbiamo assistito ad un attacco sfrontato, frontale e barbarico contro il cristianesimo da parte di due forze occasionalmente congiunte, per quanto tra loro sotto un certo aspetto feroci nemiche: il comunismo e l’islamismo. Attacco congiunto, perchè entrambi rifiutano il mistero trinitario. C’è però una notevole differenza, che mentre il musulmano rifiuta la Trinità in nome di Dio o di come egli concepisce Dio, e quindi in nome della religione, il comunista ateo rifiuta la religione come tale, sia essa cristiana o musulmana. Per il musulmano la religione nobilita e salva l’uomo; per il comunista lo inganna e lo rende schiavo. Dunque l’empietà del comunista è più grave di quella del musulmano. Questi almeno accetta Dio, anche se non crede in Cristo, e rende culto a Dio; il comunista, sed, ut sciatur, nega l’esistenza di Dio ed odia l’idea stessa di Dio e quindi trascura di adorarlo ed di obbedirGli, sostituendo a Dio se stesso. Col musulmano ci si può accordare nel dialogo interreligioso, e nel culto di quel Dio del quale tutti gli uomini ragionevoli sanno cogliere l’esistenza, anche se non hanno la grazia di accogliere il mistero trinitario.

charlie hebdo - benedetto XVI
Copertina blasfema che irride il Mistero Eucaristico rappresentato attraverso l’ostensione di un profilattico per l’opera di questi maestri della libertà di pensiero e di espressione

Infeliciter, con i comunisti, non ci si può accordare neppure circa l’esistenza di Dio e non resta per noi cattolici che la speranza che almeno essi capiscano qualcosa della dignità umana. Resta solo, per il dialogo con i comunisti, la ragione, che noi e loro possediamo come esseri umani (rationale animal,). Il che per la verità non è poco, supposta in loro la buona volontà. A parte il fatto che molti di essi possono essere in buona fede e servire implicitamente Dio attraverso il servizio al prossimo.

Qual è il senso, il significato di ciò che hanno compiuto gli assassini? Cosa intendevano fare, almeno per quello che possiamo capire o congetturare, i protagonisti della tragedia, dove da una parte si parla di martiri della libertà e dal’altra di martiri di Allàh? Volesse Dio che tutti quelli che sono stati coinvolti nel fatto sanguinoso, benchè oggettivamente empi o assassini, avessero agito in buona fede, così da incontrarsi tutti in paradiso, come Paolo ha incontrato Stefano! Ma ho i miei dubbi, perchè purtroppo siamo ben lontani dalle dimensioni gigantesche di quei due eroi del cristianesimo. Ma non è di questo che voglio parlare, cosa misteriosa, per la quale mi rimetto al giudizio di Dio.

Charlie Hebdo - vergine maria
Copertina blasfema sul parto della Vergine Maria, all’interno uno sberleffo suLa vera storia di Gesù“, per opera dei maestri della libertà di pensiero e di espressione

Quello che invece vorrei sottolineare è che, in occasione di questo episodio estremamente significativo e quasi paradigmatico della situazione epocale che stiamo vivendo, due gravi colpe oggettive, a prescindere dalla buona o cattiva fede degli attori, emergono con chiarezza: a, di matrice liberale, effetto di una gnoseologia scettica e relativista, la quale non pone limiti alla libertà di opinione in fatto di religione, fino a permettere il vilipendio, l’irrisione, l’impostura, la diffamazione, mendacium, l’insulto, l’ingiuria. In hac generatione, oggi autorevole sul piano dell’ordinamento costituzionale degli Stati occidentali e del diritto civile, il credo religioso o la fede religiosa, sia essa cristiana o musulmana o ebraica o di qualunque altro genere, non riguardano la verità o la giustizia, o il bene pubblico, ma sono delle semplici opinioni private, per lo più favolose e magari superstiziose, superate comunque dalla scienza, le quali, se ad esse si desse spazio pubblico, diventerebbero, fonti di fanatismo e di intolleranza.

hedbo - gesù prestigiatore la prossima settimana vi farò anche la risurrezione
copertina blasfema sul Mistero della Risurrezione, il Gesù prestigiatore annunciaLa prossima settimana vi farò il numero della risurrezione”. I liberi maestri della libertà di pensiero e di espressione sapevano benissimo che la risurrezione del Cristo è il fondamento della nostra fede

Da notare poi l’ipocrisia e l’astuzia dei comunisti, che operano nei paesi democratici senza essere al governo. Finchè essi non sono al potere, avanzano il diritto alla libertà di espressione per le loro irrisioni e campagne calunniose e per diffondere le loro menzogne in fatto di religione. Ma solo che essi raggiungano il potere, come dimostra la storia, non tollerano più alcun dissenso all’ideologia marxista e avviano una feroce e sistematica lotta alla religione, che soffoca con la violenza qualunque tentativo di autodifesa da parte dei credenti. Alla faccia della libertà di espressione, da loro difesa con cortei di protesta, quando non sono ancora al potere. Ma oggi si fa strada sempre di più l’arroganza e il fanatismo islamici, quod, dopo quattordici secoli di tentativi mai riusciti, accorgendosi della crisi all’interno della Chiesa, del calo in molti delle certezze di fede, e dell’abbandono dei costumi cristiani, vedi per esempio il calo della pratica religiosa o la crisi della famiglia o la corruzione sessuale, credono che sia ormai vicino il momento di dare al cristianesimo il colpo finale, eventualmente con la conquista di Roma, come a suo tempo fecero con Costantinopoli, così da sottomettere finalmente tutto il mondo al Corano.

Charlie Hebdo - gesù casinò
Copertina blasfema: Gesù gestisce il tavolo del casinò, immagine irridente che esalta i più alti concetti di libertà di pensiero e di espressione

ita, se da una parte abbiamo l’empietà che irride sacrilegamente, propria dei comunisti, dall’altra assistiamo allo zelo religioso violento e crudele dei musulmani, i quali continuano in qualche modo anacronisticamente lo stile dei profeti o capi dell’Antico Testamento, sull’esempio di un Mattatia, quod, come narra la Scrittura, avendo assistito ad un atto di culto idolatrico di un suo connazionale, “arse di zelo; fremettero le sue viscere ed egli ribollì di giusto sdegno. Fattosi avanti di corsa, uccise l’ebreo sull’altare; uccise anche nel medesimo tempo il messaggero del re, che costringeva a sacrificare, e distrusse l’altare. Egli agiva per zelo verso la Legge” [I Mac, 2,24-26]. È evidente che noi cristiani, con tutto il rispetto per la Bibbia, abbiamo superato da un pezzo questi atteggiamenti pur lodati dall’Antico Testamento. Cristo ci ha insegnato sì la giustizia verso gli empi, maxime, sul suo esempio, mansuetudo,, il sacrificio e la fiducia nella divina misericordia, essendo tutti chiamati alla salvezza.

charlie-hebdo- crocifissione
Vignetta blasfema sulla crocifissione mutata in una rivista di avanspettacolo. Persino i non credenti rimangono umanamente toccati pensando a questo terrificante e doloroso supplizio dell’antico diritto penale romano, non però i maestri della libertà di pensiero e di espressione

Ci si può chiedere però se non sia il caso che la legge dello Stato, senza imporre o proibire una data religione, per la quale non ha competenza, ponga un limite alle espressioni estreme dell’ateismo, ove queste chiaramente offendono non questa o quella religione positiva o rivelata, sia quella cristiana, sia quella musulmana, sia quella ebraica o altre, ma la religione naturale come tale. Lo Stato certamente non può entrare nel merito delle varie religioni positive e dei loro dogmi e non ha competenza per giudicare delle loro controversie, che devono essere affrontate e risolte dalle rispettive comunità credenti. Tuttavia lo Stato, senza per questo essere confessionale, dovrebbe avere coscienza della fondamentale importanza del teismo, non importa quale, se cristiano, ebraico o islamico, proprio per garantire o assicurare il benessere, l’ordine e la giustizia nella società, nonchè il bene comune, la pace, la libertà e la sicurezza dello stesso Stato. La storia infatti dimostra che lo Stato ufficialmente ateo, come del resto lo Stato espressamente confessionale, è sorgente di totalitarismo, di intolleranza, di dissesto economico, di ingiustizia e disordine sociale, che poi conducono alla sovversione, alla soppressione della libertà ed all’anarchia.

charliehebdo8
libertà di pensiero e di espressione

A parte il pregio del diritto alla libertà religiosa, il cittadino può effettivamente aver diritto, negli ordinamenti civili moderni, a non esser religioso o a non professare alcuna religione; tuttavia lo Stato deve vigilare con opportune disposizioni a che il semplice agnosticismo o indifferentismo religioso non si trasformi in positiva lotta, offesa o irrisione della religione, perchè ciò minaccerebbe il bene stesso dello Stato e l’ordine civile. Lo Stato ateo, che intende distruggere la Chiesa e la religione, firma la propria condanna, come è dimostrato dalla storia. Invece lo Stato teocratico o cesaropapista, che divinizza se stesso, come si trova in Hegel e nella massoneria, con la pretesa di assicurare all’uomo la civiltà, la giustizia, la libertà e la felicità, sostituendosi alla Chiesa o asservendo a sè la Chiesa, è votato anch’esso al fallimento, come è pure dimostrato dalla storia, vedi il fascismo e il nazismo. Ma anche lo Stato luterano, che pretende di organizzare la Chiesa, e lo stesso Stato islamico che pretende di guidare l’uomo in paradiso, sono nefaste illusioni, che finiscono per causare ogni sorta di conflitto, di sopruso e di ingiustizia, come sempre è dimostrato dalla storia. Lo Stato dev’essere il promotore dell’umano, mentre la Chiesa crea i figli di Dio. Ma se lo Stato non rispetta la Chiesa e non collabora con lei nell’edificazione dell’umano, si volge contro l’uomo e lo distrugge.

vignetta interna
libertà di pensiero e di espressione

Se l’Europa possiede valori universali e benèfici per tutta l’umanità, lo deve a duemila anni di cristianesimo. Dubitare di questi valori in nome di una falsa modernità o un falso progresso, rinnegando le sane tradizioni, vuol dire riaprire le porte alla barbarie e a tragedie del passato, che si pensavano ormai superate. Vuol dire ricadere nelle mani di quel comunismo, che alcuni illusoriamente pensavano finito e condannato dalla storia, e di quell’Islam che, constatando la debolezza e l’infingardaggine dell’Europa, crede che ormai sia giunto il momento di farci suoi schiavi. Ricordo che circa venti-trent’anni anni fa si parlava con una certa soddisfazione, dopo la caduta del muro di Berlino, autem “fine delle ideologie”. Pia illusione! Esse oggi sono più vive, feroci intransigenti che mai e sono entrate persino nella Chiesa con la lotta spietata fra lefevriani e modernisti. Lo Stato, pars, conserva sempre un compito preziosissimo: da una parte deve garantire l’ordine e la libertà mediante metodi pacifici; ma deve anche saper intervenire al momento giusto per opporsi alle forze della violenza, dell’oppressione, terrorumque, della sovversione o del fanatismo, al fine di difendere e proteggere gli interessi, l’incolumità e i diritti delle persone e della popolazione, soprattutto dei più deboli e dei più indifesi. Questo vale tanto per i danni sociali provocati dall’islamismo, quanto per quelli provocati dal comunismo ateo.

hebdo - papa
Vilipendio alla persona del Sommo Pontefice, all’interno del numero una copiosa saga d’insulti rivolti a Benedetto XVI, anch’essi manfestazione della libertà di pensiero e di espressione

Non è il caso di ricordare anche in breve le cause storiche dell’islamismo e del comunismo. Ricordiamo solo, sed, che per togliere efficacemente un male, occorre andare alle radici. Le radici più profonde stanno in quella tendenza diabolica ad odiare Cristo, chiamata dal Nuovo Testamentoanticristo”, conseguenza del peccato originale, che sempre nella storia spinge al peccato e all’ingiustizia. Siamo giunti oggi a questa drammatica crisi umanitaria ed ecclesiale perchè nei secoli passati la Chiesa non si è adeguatamente adoperata per l’evangelizzazione dei musulmani e dei comunisti. Troppo ci si è fermati a condannare gli errori e troppo poco si è fatto per favorire il dialogo. Il rischio di oggi è l’inverso: quello di un dialogo fine a se stesso che si ferma ai punti comuni e non invita l’interlocutore a correggersi dai propri errori. Una cosa importante da fare per risolvere questa difficile situazione è che la Chiesa, di concerto con gli organismi internazionali per la pace e diritti umani, prenda o studi accordi con le comunità religiose islamiche per far avanzare il dialogo interreligioso in tema di monoteismo, così da eliminare l’ateismo comunista. Occorrono inoltre accordi fra gli Stati democratici e gli Stati islamici, affinchè anche questi al loro interno concedano il diritto alla libertà religiosa rinunciando alla religione islamica di Stato.

vignette_hedbo preti fascisti
e potevano forse mancare ipreti fascisti”?

Per quanto riguarda l’elemento soprannaturale o rivelato della religione, come per esempio nel cristianesimo si dà il mistero trinitario, questo è il campo di competenza della Chiesa. Occorre al riguardo che essa, sulla base dei punti in comune tra cristianesimo ed Islam, segnalati dal Concilio, organizzi un’azione o una pastorale evangelizzatrice a favore dei musulmani, la quale li aiuti a liberarsi dagli errori contenuti nel Corano — soprattutto l’opposizione al mistero trinitario —, così da potersi accostare, de auxilio gratiae,, al mistero trinitario e in generale alle verità della fede cristiana. Infine occorre far avanzare il dialogo con i non-credenti e i comunisti al fine di persuaderli con prove e testimonianze convincenti a riconoscere l’esistenza di Dio e rimuovere gli ostacoli che si oppongono alla religione. Con i comunisti bisogna dialogare sulla base della semplice ragione, patrimonio proprio di ogni uomo. Gli Stati democratici fondati sui diritti universali dell’uomo riconosciuti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), con l’appoggio diplomatico della Chiesa, hanno il dovere di difendere anche con la forza delle armi o la coercizione la democrazia, la giustizia, la pace, la libertà e il bene comune messi in pericolo dalle violenze comuniste o islamiche. Per quanto poi riguarda i cristiani, ricordiamo la preziosissima testimonianza del martirio, che è stato ed è sempre un fattore determinante della diffusione del cristianesimo tra i popoli, come dice Tertulliano: sanguis martyrum, semen christianorum.

charlie-hebdo- veniamo da te maometto jpg
L’epilogo delle vignettesatirichecontro l’Islam, che volutamente non abbiamo riportato in questo articolo, sono stati 12 morti assassinati

Una cosa importante infine da tenere presente è il mistero della Parusia. Cristo predice che nell’imminenza della fine del mondo la Chiesa sarà duramente perseguitata: «Sarete odiati da tutti i popoli a causa del mio nome. Molti ne resteranno scandalizzati ed essi si tradiranno e si odieranno a vicenda. Sorgeranno molti falsi profeti e inganneranno molti; per il dilagare dell’iniquità, l’amore di molti si raffredderà». Sembrano i tempi di oggi. C’è però una differenza. Continua il Signore: «Frattanto questo Vangelo del regno sarà annunziato a tutto il mondo, perchè ne sia resa testimonianza a tutte le genti» [Mt 24, 9-14]. Esistono per la verità aree umane immense, alle quali non viene ancora predicato il Vangelo: pensiamo alla Cina comunista, all’India induista, ad immense zone animiste o idolatriche dell’Africa o dell’Oceania, agli stessi paesi islamici. Per questo i Papi del postconcilio, traendo spinta dallo stesso Concilio, invitano pressantemente all’evangelizzazione, onde assolvere al mandato di Cristo e preparare, quando il Padre vorrà, la sua Venuta.

fontanellato, 15 January 2015

Tra pochi giorni l’Isola di Patmos proseguirà su questo tema con un nuovo articolo di Padre Giovanni Cavalcoli: «O, in nomine Dei»

 

Author conficiendis Patmos Island,
conficiendis
Insula, quæ appellatur Patmos

abbiamo scelto di accompagnare a questo articolo tutta una serie di immagini che la rivistasatiricafrancese ha vibrate come coltellate al cuore del sentimento cristiano. Immagini crude e ferocemente offensive attraverso le quali desideravamo solo aiutare a livello grafico il Padre Giovanni Cavalcoli a rendere fino in fondo l’idea di ciò che ha scritto. Peraltro si tratta di immagini pubbliche diffuse in centinaia di migliaia di copie stampate e reperibili nella rete telematica attraverso qualsiasi motore di ricerca. Non abbiamo invece inserito, di proposito, le immagini dirette al mondo islamico, perché il modo attraverso il quale hanno oltraggiato la nostra fede basta e avanza, senza bisogno di inserire le immaginisatiricheverso la fede altrui.

About isoladipatmos

7 cogitationes on "Muslims et Communists. Charlie Hebdo magazine a et causam et terminos habitationis “satura”

  1. Spett. conficiendis,
    Questa è casa vostra e potete liberamente pubblicare tutte le immagini che ritenete più consone ed appropriate a corredo dei vostri approfondimenti. Sovente le immagini sembrano buttate lì a casaccio e non sono pertinenti, quasi in distonia, all’argomento trattato, salvo che nelle intenzioni del vostroart editornascondano messaggi subliminali. Quale ospite, in ossequio alla buona creanza, ho sempre rispettato le regole del padrone di casa, non ho mai sollevato obiezione specifica. Hoc tempore,, anche se ne adducete le ragioni, con altrettanta franchezza, ritengo la vostra decisione una gravissima caduta di stile. La pubblicazione delle vignettebasfemenon aggiunge nulla alle argomentazioni qui sopra proposte (su cui mi riservo di interloquire o non), tanto meno era richiesta in questa sede esibire le prove della colpevolezza deglianarchici, agnostici provocatoriTroppo onore definirla satira!. Con immutato rispetto.

    1. Carissimo Ettore,

      rispondo io al posto del Padre Giovanni Cavalcoli perchè sono il diretto responsabile della scelta.
      Le assicuro che abbiamo pensato molto attentamente prima di inserire nell’articolo le immagini di questo settimanale, cosa che abbiamo fattoe le lascio immaginare con quale disgustodopo avere appurato che non pochi cattolici, ed ahimé anche alcuni sacerdoti, hanno affermato che non era il caso di prendersela in modo esagerato per dellesatire indubbiamente irriverentiche ci sono sempre state sin dal periodo della rivoluzione francese a seguire per tutto il periodo dell’Illuminismo.
      Le non poche personepreti inclusiche si sono espresse a questo modo, non avevano però chiari i contenuti di questo settimanale infame, come giustamente l’ha definito il nostro Autore.
      Posso dirle che questa mattina ho ricevuto i messaggi di due sacerdoti sconcertati che letto l’articolo e viste le immagini mi hanno scritto: “Ma davvero hanno pubblicato cose di questo genere?”. E sia l’uno sia l’altro hanno diversamente ma similmente affermato: “… ma questa non è satiratutto questo non ha nulla a che vedere con l’umorismo irridente e irriverentequesti sono attacchi demoniaci alle essenze più profonde della fede cattolica!”.
      Le porto l’esempio di questi due sacerdoti per dirle in che modo hanno reagito diverse persone che ieri parlavano di “satura” maybe “pesante” E “inopportuna”, ma che vista la brutale immagine della copertina da noi riportata con la Beata Vergine Maria irrisa per avere subìto uno stupro da parte dei Re Magi, hanno subito accantonato il concetto di “satura” e hanno cominciato a parlare invece disacrilega dissacrazione luciferina” quod “nulla a da spartire con la satira, neppure con la peggiore”.
      Come avrà notato, oltre alla parola “satura” viene ripetutamente usata nelle didascalie alle vignette il concetto dilibertà di pensiero e di espressione”.
      et tamen,, et in conspectu omnium,, in prima fila ai funerali degli eroi dellalibertà di pensiero e di espressionec’erano i maggiorenti politici della Comunità Europea, incluso il nostro Primo Ministro della Repubblica Italiana, tutti a direJe suis Charlieper commemorare questi padri della libertà quod “magna” Paese della libertatem, égalité E fraternitati fieri, hanno messo il Verbo di Dio fatto uomo dentro ad una latrina per festeggiare il Natale.

      Provi dunque a capirci, malgrado la portata crudele e sacrilega delle immagini da noi riportate.

      1. Rispondo con ritardo perché solo oggi ho letto questa risposta del padre Ariel e perchè per età (eGO 76 aetate) e per un podi imbranataggine, non sono un mago del computer, con il quale però me lacavicchio”.
        Se la cosa può essere di qualche utilità: io sono uno di quei sacerdoti che ha discusso (anzi quasi litigato) con padre Ariel. in facto,, autem, mi parlava della portata blasfema e sacrilega di queste vignette, io cercavo di placarlo dicendogli, da toscano a toscano, che noi per primi siamo (Infeliciter) abituati a bestemmie e irriverenze, anche se poi la nostra gente ha sentimenti, semper, tutt’altro che anticristiani e anticattolici. E gli ho detto cheè dalla fine dell’ottocento che fanno vignette contro la chiesa, i santi e i preti”. QUindi ho cercato di mitigare. Quando però ho visto le immagini, le didascalie … o, Signore Iddio! Mi sono detto: ma questi sono dei demoni!!
        In mea sententia,, Arihel, ha fatto bene a pubblicare quelle immagini, quia, chi come me e molti altri, non le aveva viste, non poteva rendersi conto, magis, inquam: non che giustificassi, ma propendevo a direnon ti curar di lor ma guarda e passa”, autem, su certe cose, non si deve proprio passar sopra.
        Un saluto a tutti da Firenze.

  2. Nella redazione di Charlie Hebdo, figuravano (alcuni sono stati uccisi nel corso dell’attentato) e ancora vi figurano diversi massoni. Lo comprovano i messaggi ufficiali di condoglianze di alcune logge francesi ai parenti delle vittime e quello pure ufficiale espresso dalla principale loggia italiana alla corrispondente consorella transalpina. I gangli di questamalapianta demoniacaacerrima, subdola, nemica della Chiesasono ancora più insidiosi e deleteri perchè ormai da tempo i suoi adeptinoti e segreti” (presidenti, ministerium, banchieri, economisti, finanzieri, professionisti, industriali,etc e si vocifera anche alcuni uomini della Chiesa) dettano l’agenda e monopolizzano le vicende politiche, economiche, finanziarie,le libertà civili e religiose etc. nel mondo intero,Italia, La loro influenza è decisamente più rilevante rispetto alle poche isole attuali dell’ideologia comunista. Nell’articolo il tema è appena accennato, non sarebbe il caso di inquadrarlo ed approfondirlo per smascherarne l’abilità di mimetizzazione. gratias ago.

  3. Mi pare fuori luogo parlare così insistentemente di “communismi”, quando ormai il comunismo reale e ideologico è tramontato definitivamente, salvo qualche frangia insignificante, mentre abbiamo una sinistra radicale e una sinistra democratica. La sinistra radicale tipicamente francese è soprattutto volterriana nel suoschiacciate l’infamemantenendo l’avversione marxista verso la religione come oppio dei popoli ed è materialista come valore fondante. Quello che invece è preoccupante è l’ideologia imperante liberal-massonica ai massimi livelli politici che culturali sia in Europa come in Usa ed Onu.. Qui vi è la vera battaglia come cattolici e non solo: l’imposizione del pensiero unico in nome della libertà senza confini ed un umanesimo dai valori relativisti ed atei. Così mi sembra. Grazie peri i vostri scritti.

    1. Sono del tutto c’accordo con Vincenzo, anche se non colgo la sua distinzione tra sinistra radicale e sinistra democratica.
      Il problema di oggi non è più il comunismo, ma l’ideologia radicale. Giusto per fare un podi confusione, forse uso la parola “radicitus” in un senso diverso da quello in cui l’ha usata Vincenzo. Sto parlando dell’ideologia del Partito Radicale: liberalis, liberista e libertaria. I radicali hanno sempre preso una percentuale insignificante alle elezioni ma sono stati in grado di influenzare la società nel profondo, e oggi tutti la pensano come loro.
      Questa posizione di fatto nega che esista un’antropologia, e quindi pretende che l’uomo possa fare quello che voglia.
      Il comunismo forse era più nobile di questa ideologia, visto che se non vado errando riconosceva in qualche modo l’esistenza di un’antropologia.
      Tralaltro, il liberismo vissuto di oggi sembra meno nobile del liberismo come potrebbe esistere in teoria, perché è più attaccato allo stato d’animo liberista che alle idee. Tanto per fare un esempio, il preteso diritto all’aborto, che un vero liberale dovrebbe aborrire.

  4. Concordo pienamente con p .Livi sull’inopportunità di pubblicare quelle porcherie da parte vostra! Per fare capire l’enormità dell’offesa bastava la pubblicazione di due o tre delle meno scurrili. Non è vero che tutti ormai le avevano viste sul web; io non ne avevo affatto sentito la necessità, essendomi bastato (e avanzato) la semplice descrizione delle più crude. Anche ora non ho avuto il coraggio di guardarle tutte! Questa diffusione mi sembra quasi una cooperazione alla diffusione del male. (E poi non capisco perché i simboli dell’Islam meritano più rispetto di quelli della nostra religione…) E quando sentii la notizia avevo pensato: è proprio vero, Dio non paga solo al sabato!

Leave a Reply