«Quod nos et Spiritus Sanctus". Catholicos episcopos et non sunt praeterita

- Ecclesia nuntium -

"Spiritus Sanctus et US". DE TEMPORE non sunt plures episcopi Catholici

.

[…] tunc etiam venit eligere quod fidelis enim est, transire audeant in igne prunas, et recentioris aetatis absolutum ponere iura in Ecclesia fanatismi. haec iura, etiam temporibus pandemics, ut non faciant mala, quia remedium, Et statim factus saeculari affectu penetratur et destruct eos auto-CONCESSUS ipsum factus est ius positivum afficit in carne infirmiores et defensione magis impetu liturgicos determinaverunt quod character sacramentalis, in divina Eucharistia suum culmen pars quae fidei necessarium, cotidiecelebretur.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article
.

Audio LECTIO Art

Patres referri de In insula, quæ appellatur Patmos, Latin reading-audio de articulis in eadem propositione cod ad illos affectus et defectus qui possunt ad proprium exemplar servitium legendi ne ab eis quoque, qui non est iter et non legere possum abutendumque Lectio audio,

.

.

Per nota emendator a praefectum In insula, quæ appellatur Patmos, horis ante editis 19.45

articulus ad a Patre Ivanum Maria de 'Liguori, oFM. Capp. quae sequuntur, erat published in horas 17,45 quod 4 November. A copulabis post horas curabit Epicopus, Avvenire.it Editor est pars nostra, qua deletum est referred. hoc articulum Nunc autem non est visibilis. Vestigia eius in diurna et Canonizationis eiusdem Servi Senigallia quos ego prope totaliter nuntiavit [videre qUI] etiam, Omnino tate minor columna illa. Paenitet me quod ruina Fontes iuris Germanici antiqui, quia si steterit, cum apud praefectum hodie director occur alte petita esset a Duma, ut in director verum.

S Arihel. Levi Tadinensis

 

 

.

.

confratribus nostris munus Neapolitanum: «facite ammuina!»

A diurna, qui vocat se Catholico, quid agendum imprimis Christianorum fidem comitantur vitae suscipere, custodiens parvulos meos ab impulsione.

.

Sine multa frills cionibus sacristie, et necessitas SUPERSTITIO, gratias gratis uti a style journalistic insinuare posse confidunt, ita ut in mundo legunt animo praesago uno, secundum illud quod iam est regnum Dei praesentis in nobis: (Cf.. Lc 17,20) fidelis agnoscat quam procul.

.

Quomodo pascens fratrem erro, Ego quoque solito antiquus hoc saeculo et rustica, in quo non modo christianae ad maturitatem adductae corrigendi prudenter auroque fulgens, qui overlaps unreformable rogationemque promulgarent alterius dei Christo Iesu ad Deum. autem, a sumptus repetita esse obnoxii et habeo ad instare in eo: Semper inveniet pulchra ut evidens esset, et indigentiam quae est principalis virtus prudentiae. Virtus Spiritus sancti rogavi ut sit in a cotidie basis, quae requiritur quod non solum ad personam consecratam in episcopatum et presbyteratum est simplex, sed etiam ludit a munus in Ecclesia baptizatis experitur, qui, praesertim si partes involves notitia et educatio.

.

Quare id faciam? Ut youll 'adepto in puncto. Et discite a avvenire [Cf.. bona qUI] Institutum autem inquisitionis ab Q. Fabio Maximo IPSOS ex qua duae teriae partes essent credentes cedat, necessarium ducimus suspendendi a, fermentum in populo lockdown nationalibus inter Aprilis et Maii. Videtur, LXXXVIII% Communitates christianorum relate ad rem nostram sunt promotae anti-Covid Mensurae in ecclesia.

.

possibile? Videtur! Itaque ex his et secundum data a Lectio occur, Scream: «Da nobis ad S. Missa 'in oscula ruens fanatici homines esse opus cuiusdam vulgate. Quod subsisto per "aperire ostium" est promotionem plenam celebrationum videt, Popolo de paroeciae;. Non novi te, sed ego, legere sunt quidam, Im 'vere malum. In eo, si prospere prima solutio videtur, quod etiam in causa est alter clausura Nativitatis, dies fama ac rumore.

.

Et hoc dico de iis quae altissime quia, cum fere per annum de viventem cum Covid, hoc amplius mirandum non iustificabitur emotionality. Quod patet quod vera rationis accipiuntur sub proprietatibus agentes alicuius electionis agro, precise a necessitate arbitrium inter fidem et columnas, sicut supra scripsi in his paucis ante mensibus, arbitrium firmari interpretata "bonum, et" rectum videt, est in eo salus publica quod teapot.

.

Ut omnes catholici sunt de lege atque flagranti Cicero, Meminisse enim catholicus Christianus sum primus teapot id est,, et semper manere, Iesu Christi, fundamentum usque ad salus animarum. In hac usi occasione, verba referre et quod participes Cardinalis Sarah cogitat,:

.

«Terrestri huic vitae sit amet, sed multo magis vita perpetua: sharing idem vitae finis est Deus noster in aeternum, vocationem " (Cf.. Ad Praesides Conferentiarum Episcopalium in liturgica celebratione durante et post-XIX Covid pandemic, Venite, exsultemus revertetur homo ad Eucharistiam accedat!).

.

Huius rei aliquet Apparuit in newspaper de episcopis, piget me in duplici partes sacerdos et Christianis, vitium speciale fidelibus pateat in Italicam quam auctores esset curari.

.

Nisi mihi parochi eandem curam animarum in numerosis frater sacerdotes qui dixit enim nondum consummatum eorumque pastoralis epistolae Concilia vasa decoris tui de Congregationis de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum mittat, qui nos invitationes ad resumere incipiens a Christianae vitae illius cotidianae celebrationis quasi in civitatem Dies Domini.

.

Quomodo autem posset prolem educandi sacerdotes fidelis vescerentur indicavimus ei Iesus Eucharistiam asservare, transmit de veris fidei catholicae communionis ecclesialis Solis, hos potius, si fidelis symbolo Opus dolor, facile ab habitabant in domum suam?

.

Quam ut ad christianae doctrinae, institutorum atque familias filios justify et pueri qui ex fide in itinere unum novum clausura liturgicorum / institutionem catecheticam non solum est boni et iusti sed etiam optanda est,, edita per National patet guidelines dare catechesis tradendae officium catecheticum anno cum in Italia ad tempus Covid? author guidelines, certus autem prudens et qui non reprobamus atque officio pristino in kerygmatico denuntiatio subruendum ab imo quod habet in Evangelio secundum S. Matthaeum [Cf.. Mt 28,19-20] qui sigillum ipsius Salvatoris ut binding Collegium apostolicum.

.

Illud quidem intellegitur etiam, quae adversus nos in mediis semitis inter quos unus veram vel falsam. Aut Italia catholicorum vicistis 2020 Nietzsche cum tropaeis et venimus ad mortem oneri importabili temporibus SUMMUS conspicuis, tum quia est persona episcoporum communicaret, hospitibus pulchra animarum, ut observetis. uel, nisi, grassentur in locis episcopi impediente diurna plus terroris nullum aliud pluris illo iterato 12% usque Etenim si catholici homines ex necessitate Missam ad Sanctum.

.

Quod pertinet ad immobiles Sacrosancti Missae Sacrificii Christi, nullius "Franceschiello" nautarum clamorem qui edicto galvanizes "Facite Ammuina» (tu tatam).

.

et ex ammuina - confusione - in hac periodo est saturatus evomas illud, intus et extra ecclesiam ita quod ad opus sapientium et prudentiam prudentium reprobabo sicut boni pastores Episcopus emeritus Picentibus, Hercules Giovanni d' [Cf.. Mea articulum, qUI] qui ausus est dicere, "quod sit Ecclesia, non in loco contactus aegrorum", ita manifestans pastorali prudentia et proximi aequaliter rara, cum omnibus primatum Caesaris obsequium Christi.

.

Narrant Obedire? Bene autem facere volumus et gaudium, ut in nomine beatus evangelista retulit in librum de actus apostolorum,. Facite praecepta ut apostolicus vocem audiebant, qui narrat a nobis in dies:

.

"Nos voluit, nos et Spiritus Sancti, nec quicquam aliud vobis oneris quam haec necessario officio ... " (In. 15,28)

.

Et hoc est quod volunt audiunt, carissimi patres episcopos,. Iugum inposuit nobis opus, nos laeti notae advertuntur nostram pecunia bibimus ligna, dorsum ponamus ad iugum tamen suave transeo ad civitatem quasi favorem celebretur Eucharistia die dominica die,, Dominus solus in ecclesia necessariam, sine fake.

.

similiter, venit etiam ad eligere tempus fidelis necesse est, modernus absolutum ius transeundi prunis, ponitur in Ecclesia fanatismi. haec iura, etiam temporibus pandemics, ut non faciant mala, quia remedium, Et statim factus saeculari affectu penetratur et destruct eos auto-CONCESSUS ipsum factus est ius positivum afficit in carne infirmiores et defensione magis impetu liturgicos determinaverunt quod character sacramentalis, in divina Eucharistia suum culmen pars quae fidei necessarium, cotidiecelebretur.

.

Laconi, 4 November 2020

.

 

Nos monere ad librum Doctores in Patmos ínsulam sit in antecessum, recipere possit quod nunc intra paucos dies. Sicut nobis libri tabernam intraret: qUI.

 

 

 

 

 

 

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:

PayPal - Vivos modo, et reddere mercedem porttitor modo certa.

nec posse in computo:

ad reddendas Editionibus Pathmos insulam

erant: IT 74R0503403259000000301118

CODICE PRAECEPS: BAPPIT21D21
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

Avatar

About isoladipatmos

17 cogitationes on "«Quod nos et Spiritus Sanctus". Catholicos episcopos et non sunt praeterita

    1. Fabio carissimi,

      quae expressio "Facite ammuina«Ut non debet considerari factum a historical, ad proposita sunt articuli, non videtur necessarium. in facto,, sicut elegit quote a simplex exemplum fuit,, re nota locutio dialecto, quandam, ex Neapolitano cultura, Tumultus causa quam ad clarissimum Immo populi. Et ne nos vere postulo strepitu nunc in ecclesia, Etsi sonum ex diurna definitur "catholica", quae tamen non est alicuius emit a – sicut dedisti aequant - it semper debet considerari potest tamquam vox de episcopis Italiae. Circa hoc autem - Venite ad me dicens – ac strepitum vox per verbum Christi non animatum, sed a saeculari affectu penetratur et laicizing de verbo, quod fraudi esset,. omne bonum.

    1. Intelligo quod valde dolendum, fundatur in emotionality “cogito…”, “cogito…”, “Quod sentio…”, suus 'seu oblito dimisit populum.
      Si enim nihil potest facere cogitas, Ut effingo quod crustulum text-translata ex Italica in Latinam versionem ad fidelium devotione devovimus in ipso heroicum archiepiscopus paulo Carlo maria Vigano:

      «... ut ... in conspectu Domini Dei evangelia corporali prestito de sacris manibus meis, Promitto fideliter custodiendum pontificii causarum secreta negotia huic secreto agendum est, ita quod nullo modo,, sub quovis praetextu,, maius bonum est, urgente gravissima causa est valde, Sed si aliquis vitia mihi secretum violare aforementioned. Promitto secreto servando, ut supra,, post finem litibus dolor, quibus expresse imponatur isto. Alioquin si occurrit debere dubitare secretis dicti, Ego inhaero ut interpretatio in gratiam revelationi secreti ipsum. Sic et ego scio quod utriusque transgressor peccat hoc arcanum sit peccatum mortale. Sic me Deus adiuvet et haec Sancta Dei Evangelia, quae manu mea tango auxilium mihi '

      Hoc autem dixit: Interrogabo vos et ego: secundum eam, quod factum est

      «[…] nullo modo, sub quovis praetextu,, maius bonum est, urgente gravissima causa est valde, Sed si aliquis vitia mihi secretum violare aforementioned "?

      Quod si fecissent Carlo Maria Viganò infelici casu fecerit – Consequat ut lacus tempus, patet, – Signor, qui publice renuntiavit me violare sigilli sacramentalis a Caio, 50 aetate, maritus et pater et tres filiae, attractio versus incohibili me confessus fuerit infra etatem et fuerit qua coierit scorta aliquotiens.
      A quel punto io decido di violare il segreto motivando il tutto dicendo che era mia intenzione tutelare le giovani prostitute e svergognare pubblicamente il Signor Caio.

      Hoc fecit Viganò, ita placet,, Non enim nobis exemplum, idolo haec pauper paleas et erexit in cinere multis enim nostrae pauperes Ecclesiae devastatae.

      1. Viganò, uno che sostiene che Trump deve salvare il mondo dalle tenebre e che Papa Francesco sia un emissario dell’anticristo. Ma come si fa ad andare appresso a questa gente? Veni? autem, Vivamus Minutella… Ora arrivano anche i commenti di un certo vice parroco del Savonese contro il Papa che sarebbe un eretico da convertire. Tutti a stracciarsi le vesti per le frasi del Papa sui gay, quando nella chiesa ormai la stragrande maggioranza dei sacerdoti sono gay, (tutto dimostrato, verificato, non ultimo dal giornalista Martel con il suo saggio Sodoma). Quid ergo, una delle poche certezze che si hanno oggi è che Papa Francesco non sia omosessuale. Ed è curioso, come scritto dallo stesso Martel, che guarda caso spesso i prelati che attaccano con più veemenza gli omosessuali e le presunte aperture siano proprio quelli omosessuali. I famosirigidi mondani” (conosciuti anche personalmente). Tutti con lo stesso stile. pizzi, corigiam, ossessione per la liturgia, spesso quella antica. Custodi della sacra dottrina, finché però non riguarda la loro camera da letto.

        1. Si legga questo libro:

          https://www.amazon.it/Satana-fece-trino-individualismo-disubbidienza/dp/8894463206/ref=as_sl_pc_tf_til?tag=isoladipatmos-21&linkCode=w00&linkId=3ca7df3551b5c9143bed1500a68fbd7a&creativeASIN=8894463206

          io certe cose le ho analizzate e raccontante dall’interno, come prete e con cognizione di profonda causa, non sono un laico approssimativo e strafalcione come Martel. Lui fa gossip, io invece faccio testo, con rigore scientifico.

      2. Interessante la sua risposta
        Magari più in là esprimo un commento .
        Detto e premesso che io “ non sragiono “ ( lo deduco dalla sua affermazione ) e non tento di introdurre il “ virus Vigano’’ in questo forum ( come Lei lascia intendere…)
        Ciò che ha espresso il Vigano’ concorda perfettamente con ciò che penso io e che ho maturato nel tempo a prescindere da Vigano’.
        Non è tutto bianco o tutto nero .
        Di Vigano’ posso far mie alcune cose e altre no come di Padre Livio ( ho appena sentito la catechesi mattutina di oggi 9 November: e letteralmente perfetta ) come dei video di Lei caro Don Ariel e di questa rivista on Line che io ritengo buona a tratti ottima come condivido e seguo il Minutella ( mi perdoni la grave mancanza …. ma così è….) .
        Eppure in Vigano ‘ Padre Livio , O Ariel, , Minutella …. non c’è assolutamente uniformità nel discorso che portate avanti … magis…

        Io seguo ascolto con vivo interesse ( addirittura di questo prezioso suo blog ne scarico gli articoli in versione cartacea e li tengo sotto forma di dispensa in libreria ) tutti senza pregiudizi e senza partigianeria da “ fan” per L uno o per L altro e poi faccio sintesi tenendomi ciò che attraverso il mio discernimento ( buono e cattivo che sia ) ritengo buono ( non c entra nulla il “ secondo me…" )
        Sottoponendo il tutto a continua verifica . Le partigianerie da “ fan “ o tutto bianco o tutto nero , non mi piacciono e falsano .
        About :

        https://www.marcotosatti.com/2020/11/09/vigano-la-grande-informazione-censura-i-brogli-di-biden/

        salvete

      3. Ho maturato L idea che questo quadretto descritto in modo chiaro da Cesare Sachetti sia nitidamente veritiero ( non è affatto complottismoper niente) , al netto di Vigano’ o meno , l appello fatto dal medesimo alla preghiera dei cristiani di qualsiasi condizione , aetate , status sociale , salute o meno , perché il momento è molto serio , cruciale …. è valido ed ora più che mai opportuno

        Quello che sta succedendo è di una gravità inaudita e peggio ancora saranno le conseguenze( sopratutto per i cristianiin particolare i Cattolici : Kamala Harris & company docet; preoccupa meno quel rimbambito/burattino di Biden ).
        Promuoveranno e sponsorizzeranno in tutto L Occidente tutto ciò che è anti cristiano come non è stato mai finora : verranno le precondizioni per accelerare anzi imporre lo spirito anti Cristiano .
        Chiamatelo tempo dell anticristo se volete

  1. Venerabilis P.. Arihel,
    in merito alle presunte gravi violazioni dei segreti papali da parte di Mons. Viganò, anche Cristo ha trasgredito la legge (“il sabato è per l’uomo e non l’uomo per il sabato”); il fine del bene della Chiesa (che riguarda la totalità delle persone) è molto più importante della tutela di una minoranza di persone, come nel paragone da Lei riportato che non ritengo equivalente. Ultimamente poi faccio molta fatica a riconoscere come tale l’attuale Papa (nel Credo diciamocredo la Chiesa” non “Papa”), oltretutto le dimissioni di Benedetto XVI sembrano essere state forzate e quindi invalide, sarebbe bastato lasciargli la guida spirituale e il resto dell’amministrazione esecutiva affidarlo ad un Collegio di Cardinali. Di una Chiesa succube al mondo e a Satana non so cosa farmene e anch’io ci rimangosolo per i Sacramenticome diceva Don Milani.

    1. claudia faciem tuam,

      l’argomento è molto delicato e il suo paragone evangelico tende più all’emotivo (comprensibilissimo) che all’oggettivo.
      ut patet,, questo ragionare non è colpa sua, semmai colpa nostra che da troppo tempo abbiamo derogato alla nostra missione fondamentale: guidare e insegnare al Popolo di Dio, in quanto guide e maestri istituiti per Sacramento di grazia.

      Et respondendum est per ordinem:

      Lei cita un passo evangelico tramite il quale Gesù Cristo mette in luce l’elemento della ipocrisia e il culto idolatrico dei precetti creati dagli uomini attorno alla Legge Mosaica. In molti altri passi dei Santi Vangeli, Gesù Cristo mostra non solo rispetto per la Legge, ma insegna quale sia il vero rispetto della Legge dei Santi Patriarchi e Profeti.

      Noi siamo dotati di coscienza e di libero arbitrio in quanto menti pensanti e razionali. La Chiesa ha una complessa serie di leggi che in apparenza, in casi molto particolari, potrebbero apparire in conflitto con la nostra coscienza, con ciò che noi riteniamo bene, ammesso che lo sia. Qualora venisse a crearsi questo conflitto, come si è creato nel povero Arcivescovo Carlo Maria Viganò, che cosa dobbiamo seguire, come vescovi o presbiteri vincolati a precise e solenni promesse: quello che la Chiesa ci indica, o quello che noi riteniamo sia bene? Patet, haec, non è una questione di stile, di forma o peggio di cervello gettato all’ammasso, ma è proprio una questione di fede. Ovvio che mai, Ecclesia,, potrà chiedermi, attraverso la legittima Autorità Ecclesiastica, di compiere azioni contrarie al depositum fidei e alla morale cattolica, o dei delitti, ma potrebbe chiedermi di osservare e ubbidire a molte cose sulle quali io non sono d’accordo, o che ritengo persino sbagliate e dannose. In hoc casu,, che cosa devo applicare? Applico ilma secondo me … arbitror …” oppure mi rimetto in obbedienza alla Chiesa?
      Forse un esempio concreto le chiarirà meglio il tutto: quasi un decennio fa, in modo del tutto ingiusto, mi fu imposto di non scrivere e di non pubblicare. Ma non perché io scrivessi cose false o sconvenienti, aliquid! Ma perché avevo fustigato a giusta e meritata ragione diversi ecclesiastici, soprattutto la venefica lobby gay. Et sic, qualche curiale malizioso che si era sentito punto nel vivo, aveva convinto il mio vescovo di allora chequesto prete molestoavrebbe potuto creargli problemi nella sua corsa verso il cardinalato, dato pressoché per certo e sicuro.
      Avrei potuto avere tutte le umane e apparenti ragioni per dire che non ero tenuto a ubbidire a un comando dato da un vescovo ambizioso che, preso in giro da dei curiali e dagli stessi toccato nel suo punto debole, mi aveva dato un comando del tutto ingiusto.
      Invece io ubbidii a quel comando ingiusto e per un anno intero non pubblicai più niente. Quel vescovo non è diventato cardinale, anzi ha fatto numerose figure meschine e infine, il suo ritiro dalla cattedra episcopale, fu salutato da tutto il presbiterio come la sventata fine del governo di unpericolo pubblico”.
      Haec tibi: io ho il diritto di criticare l’Autorità Ecclesiastica, è la Chiesa stessa che mi concede il diritto all’esercizio del senso critico, anche in modo severo, sempre entro i limiti del consentito. Ciò che però non posso e non devo fare, è disubbidire all’Autorità Ecclesiastica ponendomi come giudice al di sopra di essa. Questo non posso e non devo farlo.
      Disubbidire a un comando, fosse anche ingiusto, per un presbitero è cosa gravissima. Meglio eseguire una cosa sbagliata in ubbidienza all’Autorità Ecclesiastica, che fare la cosa giusta in disubbidienza all’Autorità Ecclesiastica. tum, coram Deo, l’Autorità Ecclesiastica che ha usato la propria potestas per indurre un presbitero a eseguire un ordine ingiusto o sbagliato o lesivo alla sua persona e dignità umana, dovrà seriamente risponderne sino al vero e proprio rischio di finire a patire in eterno all’Inferno.

      – E’ vero, nel Credo diciamo dicredere nella Chiesa e non nel Papa”, ma bisogna ricordare che il Romano Pontefice non è il presidente di una democratica repubblica parlamentare, ma il Vicario di Cristo sulla terra, legittimo successore del Beato Apostolo Pietro al quale Cristo Dio ha dato potere di legare e di sciogliere. Attenzione quindi a scindere “Ecclesia,” E “Papa”, come lei rischia di fare, perché è pericolosissimo. qui dixerunt: io posso anche affermaree l’ho fatto più di una voltache il Pontefice regnante corre il serio rischio di passare agli annali come uno dei peggiori Sommi Pontefici della storia della Chiesa. Questo lo posso dire, nessuno può impedirmelo. Ciò che non posso fare, né mai farò, è mettere in dubbio la sua legittima autorità e negargli la dovuta obbedienza e il dovuto rispetto. caute: ubbidire e rispettare non vuol dire stimare. Si può infatti ubbidire e rispettare una persona senza essere ad alcun titolo tenuti a stimarla. La stima, in facto,, se il Sommo Pontefice la vuole, se la deve guadagnare, perché non gli è dovuta, ma il rispetto e l’obbedienza sì, quelli gli sono dovuti.

      – circa “le dimissione” et ait: “forzatedi Benedetto XVI e per questonon valide”, lei sta semplicemente affermando che il Venerabile Predecessore del Pontefice regnante è null’altro che un miserabile bugiardo. Le ricordo infatti che Benedetto XVI, Aliquoties, ha ribadito la piena e totale libertà del suo atto di rinuncia. Tenga poi conto che un romano Pontefice non si dimette, ma può fare atto di rinuncia. nunc, unum ex duobus: o Benedetto XVI è appunto un bugiardo, oppure ha firmato l’atto di rinuncia con una rivoltella puntata alla testa. Ma non è vera né l’una né l’altra cosa, ce lo ha detto, spiegato e ribadito Benedetto XVI che in tal senso, o dice il veroe io credo che lo dicao è un bugiardoe io non credo che lo sia -.

      Don Lorenzo Milani io lo considero uno dei vari pessimi maestri del Novecento, ma questa è opinione mia basata su diversi suoi scritti, discorsi e azioni. meditati, c’è un esercito di cattocomunisti che lo vorrebbe “nunc autem sancti!”. qui dixerunt: nella Chiesa non si rimane solo per i Sacramenti, perché i Sacramenti sono quella grazia soprannaturale che santifica un intero percorso di fede, attraverso quell’obbedienza cheper quanto il Milani sragionasse dicendol’obbedienza non è più una virtùrimane sempre una fondamentale virtù.

      Dopo avere risposto alle sue affermazioni ci tengo a chiarirle che quando noi preti incontriamo fedeli che ragionano come lei, la domanda che dovremmo porci, in modo molto serio è molto urgente, sarebbe una sola: se i nostri fedeli ragionano così, dov’è che noi abbiamo sbagliato? Perché una cosa è certa: siamo noi che abbiamo sbagliato. E mi limito a noi preti, sorvolando per pudore sui nostri vescovi capaci a parlare solo dipoveri e migranti”, “esse peripheriis” E “Ecclesia output”, mentre le membra del Popolo di Dio, sempre più smarrite, sono orfane di guide solide e sicure e le nostre chiese sempre più vuote.

      lei, cara Claudia, nel suo ragionare sbagliato, non ha una bensì mille giustificazioni. Noi preti, sed, nihil. Non abbiamo neppure una sola e misera giustificazione.

      Preghi per noi e accetti la mia benedizione.

        1. carissimi Stefano,

          chi non mi ha dato una cattedra vescovile, che né in passato né soprattutto in un momento come questo nostro presente avrei assolutamente mai accettato, ha tutta la mia più sincera e profonda gratitudine, perché mi ha salvato dall’Inferno su questa terra all’interno di questa Chiesa. Credo che nel giro massimo di un anno avrei dovuto rinunciare alla cattedra per la guerra all’ultimo sangue che mi avrebbero fatto, ma soprattutto per i problemi insormontabili che mi avrebbero creato buona parte dei miei preti e tutti i vescovi delle diocesi limitrofe che gli avrebbero dato man forte, subissando di proteste la Congregazione per i vescovi, semplicemente perché sarei stato colpevole di essere un vescovo cattolico.

        2. Nella mia diocesi a uno come Padre Ariel, eius 90 preti che siamo: 20 (10 dei più giovani e 10 dei più vecchi) lo avrebbero portato sulla vecchia sedia gestatoria, e non gli avrebbero baciata solo la mano, ma anche la scarpa, e lo avrebbero anche proposto già in vita come santo patrono della diocesi, alii 70 preti gli avrebbero versato il cianuro dentro l’ampolla del vino per la santa messa.

      1. Gentile Padre Ivano,

        credo che il tema da lei trattato in questo intervento sia molto importante. Mi rendo conto che molto spesso proprio il temasabato per l’uomo” quod “l’uomo per il sabatomi crea molta confusione se provo ad estenderlo al di fuori del caso specifico del sabato per gli ebrei. Sono anche spesso confuso dal tema della coscienza versus obbedienza all’autorita’, e il concetto diprimato della coscienzami tormenta non poco perchespesso non riesco bene a capire se dei pensieri che ho vengono dalla mia coscienza (e se quindi devo darne importanza primaria) o se invece sono altro e quindi da ignorare per quanto possibile (ma allo stesso tempo ho paura ad ignorarli nel caso siano la coscienza e sarebbe peccato andarci contro)… e in fin dei conti, tum, come riconoscere la vera voce di Dio dentro di noi. Credo che questo tema sia molto importante, e le vorrei chiedere gentilmente se potrascrivere in futuro un articolo ancora piudettagliato di questa sua risposta, come una forma di catechiesi su un argomento su cui credo non essere l’unico ad avere le idee un poconfuse, e che allo stesso tempo credo sia di fondamentale importanza.
        La ringrazio per questa sua risposta a Claudia, e in anticipo per un eventuale approfondimento su questo tema.

  2. Domne Ivanum,

    condivido con lei che vi è una scelta precisa da parte di gran parte dell’episcopato di far intendere alla gente che i Sacramenti, e in particolare il Sacrificio Eucaristico, non sono il cuore pulsante della nostra vita di fede, con tanti saluti al ‘liturgia culmen et fonspromosso dal Concilio
    l’ho notato anche da una recente intervista del Santo Padre Francesco ( https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/10/30/papa-francesco-all-adnkronos-covid-corruzione-benedetto_chrA2saxr5INZHQvsZT44N.html?refresh_ce ), di cui riporto un passo che personalmente mi ha scandalizzato più delle affermazioni pontificali su gay e simili

    Non voglio entrare nelle decisioni politiche del governo italiano ma le racconto una storia che mi ha dato un dispiacere: ho saputo di un vescovo che ha affermato che con questa pandemia la gente si èdisabituata– ha detto proprio cosìad andare in chiesa, che non tornerà più a inginocchiarsi davanti a un crocifisso o a ricevere il corpo di Cristo. Io dico che se questagente”, come la chiama il vescovo, veniva in chiesa per abitudine allora è meglio che resti pure a casa. E’ lo Spirito Santo che chiama la gente. Forse dopo questa dura prova, con queste nuove difficoltà, con la sofferenza che entra nelle case, i fedeli saranno più veri, più autentici, mihi credite,, sarà così

    id est,, praticamente il Papa ha dato il via libera a violare il precetto domenicale a tutti i fedeli ‘non veri, non autentici’. di fatto è anche una negazione dei sacramenti come medicina per l’uomo malato

    1. Il Papa non ha dato il via libera a niente, ha detto solo che non si va a messa la domenicaper abitudine”. O perchési è sempre fatto così”. Ha perfettamente ragione a dire che di fedeli così oggi non ne ha bisogno la chiesa. Questo Papa a mio avviso scandalizza non perché parla in maniera confusa, ma perché parla in maniera reale, senza troppi giri di parole.

      1. ma una persona è meglio che vada in chiesa per abitudine o non ci vada per niente?
        nel primo caso una persona può venir stimolata dalla Parola di Dio, dalla predica, dalla liturgia e passare da una relazione fredda con Dio a una più vera e piena. è vero che Dio può dare quando e come vuole la grazia della conversione, ma più buone occasioni buone ci sono meglio è
        nel secondo caso invece restandosene a casa cosa finisce a fare? finisce a guardarsi pornazzi!
        con la storia del ‘meglio pochi ma buonirischiamo veramente di far morire la vita delle nostre comunità, e finiremo a rinchiuderci in un elitismo dannoso per noi e spiacente a Dio
        poi papa Francesco non aveva detto che la Chiesa è un ‘ospedale da campoper curare le ferite dell’umanità? e il ‘fedele per abitudinenon è uno di questi malati? e noi lo vogliamo buttare fuori

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.