Apologia superbia

- Quod Warped Graphics: superbia vero negatio -

The Apology superbiæ

 

Qui credit in eum inter pantheist’eGO quisquis ille omnino amens M., quod in eo sit prius credo hunc ingenii Academici, secunda consideratione compassionano, sed recte, opus curae est. Sed non animadverto est fundamental impulsus ipsius utrorumque idem habitus: subtilis arrogantia, et quasi ignis probabuntur intelligentes, alitur porro theologorum disciplinis theologicis vel philosophicis Universitates, Pharisæe cæce perfectus; crudus et superbia, atque irridenda est illiberale, in secundo.

 

 

Author Cavalcoli OP
auctor
Giovanni Cavalcoli OP

Omnes qui malum agit, Qui odit lucem,
et non in lucem
ut non arguantur opera eius [Gv 3,20]

Nemo potest ponere fundamentum construe
praeter id quod positum
[I Cor 3,11]

 

QUAESTIONIS superbiæ

 

Mosaic superbia
superbia in opere musivo pictum ritu Graeco

Iam nota est superbia gentilium libri, qui repraesentantur per originem fabula illa sunt ex Narcissi, Icarus, Titanas proficisceretur Prometheus. Et multi Graecae litterae sunt eximius characters, Vidit magniloquos et bullies admiringly, sicut heroes de Paraphrasis Homericae:. Et superbia dicitur graece yperefanìa, Verbum, quod habet rationem quam compositis showing quod vere est,. Ad hoc respondet Latina superbia. In utrisque casibus significatione verbum ambiguum esse: Potest etiam sit vitium, sed ea habere possunt etiam positivum modo expugnaturum se, gloria, affectum nobilis, superbia, quod non facit nos intelligere quomodo omnia gentes mundi traderent, nihil plane momenti ideas in hac parte, ut actio humana.

Non tulit Hebraico-christiana sapientia a significatione dare in superbia superbia malumnegans, ad utpote ad imaginem Dei,, contentionem eam discernens ab humilitate vincere ius postulare limitatezze, et ortum magnitudinem Deo. Hoc non est superno trend, Quod si pari inrita, simpliciter autem opus perfectum. Iesus in Evangelio secundum Marcum [7,22] damnat superbiam haud dubie (yperefanìa). In omni Graecia, Et Aristoteles ferebat Antigone miseranda, et reliquit illum in humilitate magna miracula nos, remedium est superbia, eventu admonente quam animus mittendus est subiecta realis - egregie manifesta sunt celebre Aristotelico - necesse est voluntatem nostram: et scriptum legis moralis naturalis in mansuetudine suscipite, in typis autem consciousness.

Superbia quoque in Graecia dicta est, hybris, quod excedit limites cogitatione verbo licebit quod, quod ad etymologiam vocabuli, quod est inter cotanza, trans id est, cogitate, sui ipsius conscientia rationabile est quod excedit. Ergo superbia est fundamentum ad solidam’eGO et pressius ad se, spiritalis dignitatis suae mentis conscientia.

Quod Essentia IACTO

 

superbia vero
verum nolle subdi superbiam

Superbia vero primitus substantialiter inesse subire, Deum verum de se et de. Et hoc patet ex historia biblica peccati originalis,. Sed inconveniens videtur quod homo per, factum est ut beatitudo in veritate, manet enim amarum verborum Christi verum,: "Quia dilexit homines tenebras potius quam lucem" [Gv 3,19]. Superbia est causa nisi, legatum tristis est originale peccatum. Ergo peccatum cordis sui; Est ratio ac magnitudo dignitatis, id est non intra terminum a veritate et iustitia, Vel ab realis est non dirigitur per applicationes, It does not recognize essentia creaturae ad fines eorum, sed hoc est, quod ipsa est subiecti est ex consideratione eorum quae in ipsa sunt estimate et superius est,. Hoc est quod dicitur praesumptione.

satis superbia
… de verbo clarissimi stella Aulus Didius Gallus Scientology et sectæ Nazarenorum!

Vix huius temporis culturae liberali Cogitando intelligit reus erit reprehensio suscipit ut, ut si peccatum, convictus est, quod creare non potest cogitare sicut hoc verum est quod placuerit ei, si temulentus sit libertas, perinde obliterato catholicam vere possumus, Civitatem vero popularem liberamque sanus, realiter et cum veritas patitur, Independens cogitandi de 'ego, a Deo creatum est, et non homo. Superbia formam erroris sui cum aliis tenere superbae fallere volunt credere quod facere, in delirium, imaginari esse. Ita operatur superbiam et jactantiam iactatus, Qui semper aliquis habeat necesse est typical of circuitu eius religio, centro ad operam, et alii quidem sine provocatione est superbia loqui, quorum eximia industria et magnus negotium suum, plura etiam quam.

Cattus leonem superbiae
realis notitia intellectus est superbia, et indigentiam

Qui credit in eum inter pantheist’eGO absoluta M. qui furiosus est, et qui cogitat,, quod in eo sit prius credo hunc ingenii Academici, secunda consideratione compassionano, recte, et sub cura indigebant,. Sed clavis, ut non animadverto coegi de de utraque idem habitus: subtilis arrogantia, et quasi ignis probabuntur intelligentes, nutrita per longum philosophico-theologicorum annum, Universitates docendi vel de praesenti condicione theologo, Pharisæe cæce perfectus; crudus et superbia, atque irridenda est illiberale, in secundo. Sed forte necessitas summa cura, remedia superbiam humilitate sincera poenitentia exercitio, Tamen ad veram magnitudinem, Sic enim superbia vana promissa.

superbia sticker
mentis elationem sollicitauit

Litteratisque hominibus habitum est saepe superbia et eruditos, raffinate, dispensata, humiles:, secundum intellectum vero, paratis, titrated. At hic latet periculum et ad quaestionem: quod, et peculiari modo ultimately, genus abominationis, in "dives", de quo Christus loquitur, et contentiones sint exploiters, avarum et avidum et minorem et ultimum candidati damnatio impius. Non est grave, iis accusator ad auxilium pauperum, materia eorum divitiae; sed maiori gloria Apologia, vastantes quae est spiritualis et animarum urget scelus ut recedamus a Deo et ad inferos.

Peccatum superbie
Tarquinio superbia
Tarquinius Superbus

Sed sicut in superbas artes,? Quam operatus est? quo? Per quam viam? Sub tali moras retinebat? Cum tam robustas calumniando et doctrina,? Nobis innata sibi magnitudine leverages superbas eget dictum, ut benefacientes certitudo veritatis salute. Digna et iusta omnia sibi, donis a Deo mandata. Dans intelligere in nobis in curia fallit Varii modi conversionis huius nostri, eGO mansuete gestae dignitas, et quantum potest, primo quam, apparet empirice. Quis nititur ostendere, quod ipsi non serviunt,, sed ut ipsi de source et dominamini.

superbus egomaniac
et alii in superbas

Hoc minime recognoscit ideo sine re extra nos, et independens ex nobis, sed nos sumus rei ponere nostrae cogitationes, Verum cum nihil cogitatione: cogitatur esse quod est,, esse est percipi. Non est substantia seu objective, aliisque undique fundamenta cognitionis actionisque, Unus pro omnibus; sed uterque nostrum est ponere ad hoc quod liberum potius.

Cor mundum ad se et ad mundum, non est, ut ipsi ab alia causa est ex explicandas esse,. Orbis terrarum noster, Quod est cogitare et velle est mundum. Mundus est effectus Dei nostri nostram cogitandi et agendi. Hoc est simplex quod non enim sciunt quid faciunt, Giovanni Battista Vico ex celebre secundum motto, verum est ipsum factum, sed impia vestri own sis facis te ipsum.

improvida taciturnitate superbia
accessorium naturam superbire: blinders

dubium, ALIO pusillum, a proposita terminata, intellectualis non potest habere videmus, viventem manum ad os in medio tribulationis et banality et qui in tanta vitia carnalia,, instructus cum egregie manifesta quaedam rudis, Ego credere aliquantum sub tegmine illius a seductiones cordis in sublime erigere, et superbus stulti somnia, ut de rebus quae fidem Dei, sive entis per absolutum, Nonne credis quod, potentia absoluta libertas ad infinitam scientiam, naturales homines fieri curo judicet, contentum, sed sententia utor of Sartre, autem victum terrestrem;. Haec certe populos peccatum, non sic autem gravis et author et superbus, nam ex materia et peccatum est superbia, propius tangit spirituale ultimum vitae hominis, sequitur quod peccatum superbiae et claritate conscientiae, et in dolor liberum arbitrium calculation, quod peccata carnalia non est ita,, quod, etsi non sit gravis, Infirmi animi impulsus effectum malitiae solent, quum saepe male educatis interdum oriuntur, In turpi honestum ferendum, aut desertio apud condiciones miseriae, vel ratione deficientes, vel background calibrated.

mentis elationem sollicitauit
SCENA opera scaena ab “intellectualis est” Moli

superbia, tum latius recludi doctos et in superiore classes, qualis cor eorum, opum ac rei socialis, et Fortunam, Potest uti de auro culturae vel ideologicis particularibus causis Covers, Sive de diversis ex magna scientia et religionibus philosophiae, maxime illa quae tradita-Gnosticam idealistic, pantheistico, nusquam occultus, vel imago, et Parmenidis et Indiae, ab Occidente in Vedanta. L’eGO putat esse specie avatar quod “tempus” sensitivo Absoluti, ut finis non habet rationem esse quia nemo actibus eius, omnia licet ad absolutum et ad se venire subverti moralis, Is est Northmanni non prohibuit a communi praecepta ut civilis convictus ecclesialemque illuminant, certe non ex intima persuasione, sed propter commodum, adipisci principem locum transierit admittit sapientem haud.

lavare pedes
Et pedes Iesu, in ablutionem

De Adventu christianae religionis, Vetus Testamentum herede de sapientia, ita creatum est hominis conscientiam, cum humilitate prædicans, spiritus eius paenitentiam et conversionem, epistemologica ratione praevalet veritatis eius cultu quem homo Deo obsequitur, Durior pugna generatur etiam spiritu superbiae, egressus eius in peccatum Adae data. Christum substantialem structuram erit in exemplum, quod Filius non obstante, Inclinavit se iubet humilitate crucis: 'Disce a me, EGO sum mitis et humilis corde ' [Mt 11,29]. Immo magno vocavit nomen christianum adhuc magnificatio hominis in Christum esse Filium Dei, divinae consors in vita, sed ut diu ut quiescam, ut se coram Domino prosternant se fratres, et, quam petere veniam et misericordiam.

superbia illa simulatione
alterum facie superbiae: in illa simulatione

All'empietà, sensualia rejecta sint transcendentes et gloriam Dei, in auto-deificatio, et magicae seditionis Deo, Humilem fide Christiani reponi, audite verbum Dei et in fidelium communitate ecclesiali, caritatem, sacris institútis, laudate percipiendae atque intuendae vacandum. Et incurvabitur sublimitas vicinus, muneribus fluens Sitis ardescit nomine dominationes adfectabant, attenta philautia,, all'egocentrismo, et abusus hominum adversus alterum, hypocrisis, ut insolentiam extollentis, ut insolentiam extollentis, all'alterigia, calumniae potentium contra egenos, alter gravis contemptus aut irrisiones infidelium, superbia fœdere, et STOMACHUS, avidus, pravitatem, stat ad Dominum vindicandum, all'ingordigia, odiosa superbia proprietates consequuntur coniunctionibus, Ethica christiana locum humilitatem, mansuetudo,, dulcedo respersa, per indulgentiam, misericordia, benignitas, gratia cantantes, spiritu sacrificii, animi devotione, spiritus ministerium, disponibilitate, et docilità, munem, coniunctionis, ad ostium, et simplicitate cordis,, opponitur.

superbiam cogitationes
cogitatio primum superbiae

Concepit animo cogitationes superbas superbia instigat honestis causis verisimilia videntur superbiam, agendi modum actus, ut hoc velarent,, cogitare facit malum absconditus. Sed dictum est illis, quod videt quis, qui cogitationes, praesertim si aliunde didiceris, et etiam idem auctor, rea est et eximio. Potest ventura, in facto,, concipitur ut quid sentias aut gravitate nesciunt consequatur, Vos manent decepti vel inventionis credimus ipsi enim magnus factus est in bonum tamen hominis. Hic obiective noxiis ac perniciosis cogitationibus, sed enumerantis et eorum bona fide recipit, manet innocentes.

Etiam in sanctorum hominum, aut dignum sicut exempli gratia in Sant'Anselmo, et Scotus,, unus Magister Eccardus, de Cusano, qui Suarez, Rosmini a principiis seu doctrina inde sunt,, fertur extrema maxime, Gravissime mali sunt; Sed non minus turpe quam insignes remanere potuisset. Ista malitia peccat qui suscipit, superbiam animos allocutione. reliqua, Certum est quod in errores adiutores superbiae, et quia ibi sunt sex alia peccata mortiferum, exspectans ut eorum apologetae.

 

DE ALIQUA RE DEACADENZA summo fastu et humilitate,

 

Machiavellus 1
Niccolò Machiavelli et paganus antiquis cultu princeps

Hoc enim saeculorum spatio christianae nobilitatis humanum fastigium elato Quod condita est in humilitate, non semper bene intellexerunt. Theologia post signa emanatistic Scoto saeculo IX Martinus, saec incipiens Mysticae Germanae, Magister Eccardus in affectionem ad Christum confusum est impossibile est idem cum Christo, oblitus pristini instituti fines et a natura humana; tum praesertim Italian, Cum Marsilii Ficini Interpretatione suum ob antropocentrismo inspiravit hermeticism, et ansam dederunt Christocentrism, Venire: et cœperit fenestra respiciet in cultu antiquis paganus singula princeps Nicolae ex Sylvestri Telii magicae sunt et Picus Mirandula, et postea Kelleo. Non enim stat pro quod instigando ad humilitatem Christi, sub nomine dignitatis humanae in Christo redemptus, Non incipit esse in usu augendae in superbia et superbia instigat ad, naturaliter quantum caveri, Patet etiam notum est Christianis virtus est vitium contra hanc.

Nietsche superbia
Et Nietzsche ad voluntatem power

Hoc erat in principio, cum humanistica Italica, timide ingenti circumspectione; sed postea in unum corpus coalescerent per se magisque aperiebat, donec ingrediaris illuc, ex quo in duodevicesimo, considerandum est doctrina humilitatis hostis. In culmine huius processus et consequitur Nietzsche, cum sero saeculo XIX aggressae, et cum aperta est erectio “et virtutem” ferox contentiones in instituens cum christianismo. Sed ut etiam cataractas in torrentis huius fossas impie agit, et ingrosserà viepiù, usque ad diem hanc, et contra omnium opinionem Lutheranismi, qui se velle divinae misericordiae idem cantor atque humana sibi proficiat inimicus Dei meritis. Sed bene notum est eo quod est praedicatio sine armis summaque Lutherum aspectus considerantes, fundatur in falsum et prorsus seditionis in mobili ab Ecclesiae Magisterio concreditum, cum populatio morum censuram sub nomine contraria pontificum, dans evidenter ostendit suam humilitatem: Amplificet Deus erat fake, tegendis magisterium de substantial superbia scelus ut recedamus a vicario totique Christianitati ostendimus posuit se ad orthodoxam doctrinam suam judex, cum hoc ipsum solveret communione peragatur, quae petita est “reformacione“, ubi primus ipse fuisset corrigendis. Sic enim contentus est in carne servierant, Magisterium non teneri, Primum venerunt sublimes et obnoxiam esse filofastro, quod, Vulgus quippe secundum suum culturae et idiosyncrasies, consideravit enim se et Spiritu sancto inspirati, haud licuit spoliare opibus ac Revelationis, vel ad respuendum hoc quod eligens garbava iaculo illigatas effert et si necesse - et in motibus subdidit et potestati “Evangelium pura” Luther - advertebat magnas opinationum scholas cum aliis mendicitas: et nova gloria famae satisfacere famaque.

Lutero 95 Thesis
Lutheri superbia nascuntur seditiones paradigma

Iam in vita Lutherus, ut sciatur, Talis erat cum notis, qui fecit vade in aliumque, sed quia sciebat nihil deducantur ad Scripturam, Primum ut exercerem, contra interpretatio Ecclesiae Magisterio concreditum. Non comprehendo conteram illud a cura -”episkopè“- atque Magisterio duce, non est libertas quaedam aetatis, et fructum adfert et chao bellum omnium contra omnes, Cicero tum ex tiae in sonatur “dialecticae”. Videtur etiam Protestantes hodie ignoratur. Hoc dialogo illo oecumenico instituendo transiens ministrabit illis?

hinnitu fugiens capitali superhighway
plenam review of capitalia vitium

Et hoc modo Christiani de superbia Quod est multo magis gravi plerisque et laedendi cupido crasso superbia paganus, nam si hoc posset inflamus valor ratio simplex vel violente, haereticus is available quae sunt potentiae suae divitias Apocalypsis, Monilia ornabant se, non quidem sciunt quod paganus. Itaque Christiano natus pantheismum, praesertim cum Cicero et sectatores usque hodie. Sed etiam obtinuit periculosius, Cum iam essent iusta pugna elati, visionaries et falsa doctrina est rerum mysticarum scriptores accedere, ut Lutherum et eius utendi modum interpretatione, sed profecto clarissimi philosophi pervenerunt, cum studiorum titulis comprobata, didici haec etiam emit orbem suo fidem et philosophiam theologiae modernum qui invenit Lutherana doctrina Lutheri compatitur. Haec philosophorum non tardabit. Primum est Renati Descartes Epistolae Omnes. Renati Descartes Epistolae Omnes, qui volebant ut tum ad rationem sit de Protestantismus, Leibniz esset Wolfius. Et factum est irrisorie est quod condita est in opinionibus rationalismi Renati Descartes Epistolae Omnes, qui ad Scripturam conveniendam, coepit ne quid amplius in Bibliis eligendi praeordinatis Lutherum, quibus praesumpseram,, quod autem factum est ut obsequerentur “ragione”; non più però la sana ed equilibrata ragione aristotelico-tomista, già raccomandata dal Magistero della Chiesa, ma proprio quella ragion superba ed orgogliosa, che già aveva costituito oggetto dell’odio di Lutero. Fu così che il suo fideismo generò esattamente il suo opposto, ossia il razionalismo, proprio ciò che Lutero voleva evitare.

cartesio
immagine pittorica di Cartesio

Tuttavia i protestanti presto si accorsero dell’affinità che il cogito di Cartesio aveva con l’io luterano. L’impostazione psicologica era la stessa: il medesimo ripiegamento delleGO su se stesso come fondamento della certezza; e per questo adottarono la filosofia cartesiana, benchè nata in ambiente cattolico, come la filosofia del protestantesimo, nonostante il disprezzo luterano per la filosofia e per la ragione. Ma la filosofia cartesiana, nonostante il suo razionalismo, sembrava più vicina a Lutero della filosofia scolastica, perchè Cartesio come Lutero, dava un primato alla coscienza rispetto all’oggettività della realtà come regola della verità, principio, haec, della filosofia aristotelico-tomista appoggiata da Roma. Cartesio, sul piano della ragione, respingeva l’oggettività del sensibile; Lutherus,, sul piano della fede, respingeva l’oggettività della Chiesa Romana. Ma entrambi, tum, sulla base dell’io, ritrovavano, Cartesio, la realtà delle cose esterne e Lutero l’oggettività della comunità luterana.

Tanto l’autocoscienza cartesiana quanto la coscienza luterana ponevano se stesse all’inizio e al fondamento del sapere: sapere di ragione, quello di Cartesio; sapere di fede, quello di Lutero. Ma nulla dal di fuori poteva e doveva contraddire questa coscienza o entrare in questa coscienza, fonte prima della verità e della certezza. Segno palese anche questo di superbia.

In Cartesio l’idealismo delle idee innate era esplicito, velato da un realismo posticcio e di convenienza; in Lutero, sostanzialmente realista alla Ockham, l’idealismo implicito verrà alla luce in forza del trattamento cartesiano, che il luteranesimo subirà ad opera dell’idealismo trascendentale del XIX secolo.

I DUE RIFORMATORI

 

presunzione
saggezza cinese: «Per quanto allunghi il collo, un’oca non diventerà mai un cigno»

Ecco dunque queste due figure paradigmatiche, strettamente tra di loro associate, in questo processo di decadenza dell’ideale dell’umiltà e di riviviscenza mascherata dell’insidia della superbia: Lutero e Cartesio. Ovviamente a parole essi respingono la superbia, ben sapendo, come cristiani, che si tratta di un vizio capitale. Senonchè però in pratica elaborano un pensiero tale, per cui oggettivamente, forse senza che essi stessi se ne rendano conto, esprime una condizione di spirito ed un intento che appaiono chiaramente ispirati dalla superbia e che pertanto di fatto, indipendentemente dalle loro intenzioni e dichiarazioni, danno l’apparenza di virtù alla superbia. Entrambi intendono fondare un pensare cristiano tale da correggere la sua impostazione così come si configurava al loro tempo. Lutero volle correggere il Magistero della Chiesa nell’interpretazione del Vangelo e della Scrittura; Cartesio credette di dover dare una base definitiva di certezza alla filosofia, fino ad allora, et ait:, posta su basi incerte, nell’intento poi di fornire una solida base razionale alle verità di fede ed alla teologia. Non è forse, etiam, questa superbia?

Lutero brucia bolla
raffigurazione pittorica di Lutero che brucia la bolla pontificia

Lutero insiste molto sull’umiltà in polemica contro la superbia, continuando in ciò uno dei temi di fondo della spiritualità agostiniana e medioevale in genere; ma stravolge gravemente il senso dei concetti, perchè nella sua mente l’umiltà diventa l’accettazione dell’impotenza della ragione e della volontà, schiave della concupiscenza e comporta la fede nella grazia senza le opere; mentre la superbia sarebbe l’atteggiamento di colui che pretende di collaborare con la ragione e il libero arbitrio all’opera della grazia. L’umiltà, sed, osservo io, non comporta affatto la rinuncia ad opere razionalmente e volontariamente compiute sotto l’influsso della grazia in vista della nostra salvezza. magis, ciò è proprio frutto di umiltà, per la quale, fidandoci di Dio, accettiamo umilmente il piano della salvezza, che prevede appunto questa sinergia dell’umano col divino, entrambi provenienti da Dio.

lutero brucia la bolla 2
l’umiltà di Lutero

Quale umiltà si può trovare nella ribellione al Magistero della Chiesa? Concediamo pure la legittimità della protesta contro certi abusi amministrativi di Roma e contro la corruzione del papato; ma l’acrimonia forsennata con la quale Lutero si scaglia contro lo stesso sacro ministero del Papa, toglie a Lutero toglie qualsiasi credibilità nel farsi esempio e predicatore di umiltà. etiam, come fece notare a Lutero l’Imperatore Carlo V in una dura ma giusta requisitoria, che cosa può aver spinto un semplice monaco agostiniano, sia pur dottore in teologia, a ritenersi, da solo, dopo quindici secoli di Cristianesimo, contro tutti i Papi, i Concili, i Santi Padri, i Santi Dottori e i Santi che lo hanno preceduto, lo scopritore del vero Vangelo, fino ad allora sepolto nella magia, nelle favole e nella superstizione, se con una folle ed incommensurabile superbia? Et tunc,, quale umiltà?

Lutero pubblico e privato
Lutero pubblico e Lutero privato

In realtà nell’io di Lutero, sotto le apparenze dell’amore per la Parola di Dio, si nasconde un principio di superbia, che effettivamente ad uno sguardo superficiale può essere scambiato per zelo ardente per la Parola di Dio e la riforma della Chiesa, ma che non è difficile riconoscere considerando l’orgoglioso e caparbio sentimento che Lutero ha di questo suo io, che egli dice sì, di sottomettere alla Parola di Dio, ma che in realtà falsifica e rifiuta questa stessa Parola nel momento in cui rifiuta di ascoltarla nell’interpretazione della Chiesa. È una falsa umiltà quella che dice di sottomettersi a Cristo e al suo Vangelo, ma rifiuta, con atto di superbia, l’obbedienza alla Chiesa e al Papa.

Cartesio non fa questione apertamente di umiltà o di superbia; autem, è evidente per chi legge attentamente i suoi scritti fondamentali, come egli sia mosso da uno stato d’animo di millantatore e di presuntuoso, al di là di tutte le sue assicurazioni di cercare esclusivamente la verità. in facto,, egli mostra di non essere sincero in queste dichiarazioni, attesa la sua pretesa insensata di presentarsi come colui che, dopo millenni di incertezza della ragione umana, anche nei più grandi sapienti che l’hanno preceduto, compresa quindi anche la sapienza ebraico-cristiana, finalmente arriva lui a dare all’umanità fondamento certo ed inconcusso al sapere per tutti i secoli a venire. Si stenta a capire come uno spaccone di tal fatta abbia potuto raccogliere attorno a sè tanti consensi fino ad oggi ed essere considerato il fondatore dellafilosofia moderna”. La filosofia di Cartesio non ha apportato affatto quel fondamento assolutamente e definitivamente certo del sapere, che aveva promesso, nè lo poteva fare, perchè tale fondamento esisteva già nel realismo aristotelico-tomista, raccomandato ormai da secoli dalla Chiesa, mentre le opere di Cartesio furono messe all’Indice nel 1663.

cogito
cogito, ergo sum

Anche il famoso principio del cogito, risponde a un atteggiamento della mente che manca di umiltà. Infatti il cogito si presenta come risposta risolutiva a un dubbio assurdo, che riguarda la certezza della conoscenza sensibile, che è l’inizio e la base della conoscenza umana, sulla quale si edifica tutto l’edificio del sapere; quibus, se essa non dovesse valere, ogni altro livello superiore del sapere sarebbe impossibile. Il cogito cartesiano suppone che la mente possa intuire direttamente l’autocoscienza e il mondo spirituale senza passare dall’esperienza sensibile, cosa che non corrisponde affatto al vero dinamismo della conoscenza umana, che si eleva all’intellezione del puro intellegibile partendo dall’esperienza delle cose materiali.

cartesio noetica
alcuni sviluppi postumi basati sul pensiero cartesiano

La gnoseologia cartesiana suppone quindi un disprezzo presuntuoso e arrogante della dimensione sensitiva del nostro conoscere, che abbiamo in comune con gli animali e la pretesa di concepire l’io o la persona come un puro spirito, confondendo l’uomo con l’angelo. Nella gnoseologia di Cartesio gioca solo la prudenza e peraltro esagerata ed irragionevole, in quanto dissociata da quella semplicità di spirito, che si arrende all’evidenza ad essa umilmente si assoggetta, giusta il comando del Signore: «Semplici come le colombe, prudenti come i serpenti» [Mt 10,16].

Prudenza Piero del Pollaio XV sec
raffigurazione pittorica della Prudenza, opera di Piero del Pollaio, XV sec.

 

È giusta la prudenza che vuol tenersi al riparo dal rischio di ingannarsi e vuole avere uno sguardo critico sulla realtà. Occorre certo evitare l’ingenuità che sconfina nella dabbenaggine ed adottare tutte le precauzioni, risolvere tutti i possibili dubbi, ma dubitare dell’evidenza, dubitare dell’indubitabile è stoltezza, e indocilità — apaideusìa, dice Aristotele — contraria a quella semplicità, che è comandata dal Signore e che è saggezza ed umiltà. Compito del filosofo è certo quello di affrontare le questioni di fondo e di risolvere dubbi e problemi, che si trascinano da molto tempo anche presso i sapienti o di mostrare come dubbio ciò che fino ad allora appariva certo; ma non può permettersi di stabilire lui la base del sapere con princìpi di suo conio, perche essa è un logos che esiste già nella mente di ogni uomo, in modo certo ed irrefutabile, e questa base è la certezza dell’esistenza delle cose. Infatti la base del sapere — senso e intelletto — fonda con evidenza elementare ciò che su di essa si costruisce, ma non ha bisogno a sua volta di essere fondata, appunto perchè è la base, nè essa può essere messa in dubbio, perchè non ammette un’altra certezza esterna o superiore, tale da risolvere l’eventuale dubbio, sì da esser bisognosa di essere sostituita con una base ulteriore e migliore, quia, essendo l’unica base, chi la ponesse in dubbio, lungi dal dar certezza, fondamento e principio al pensiero, lo farebbe crollare dalle fondamenta aprendo le porte al nichilismo.

Thomas Aquinas XIV sec
St. Thomas,, tavola del XV sec.

San Tommaso invece dimostra che il vero principio della certezza basilare non è la certezza di dubitare, ma la certezza di sapere. Dubitare circa il principio oggettivo del sapere non è saggezza, nè è prudenza, ma tradisce l’orgoglio e la stoltezza di chi non accetta la realtà o si ritrae davanti ad essa con la pretesa di sostituirla col proprio pensiero e le proprie idee. Il dubbio, come osserva San Tommaso sulla scorta di Aristotele, non è un vero pensare, ma al contrario è un blocco e una paralisi del pensiero, perchè non ha un oggetto reale, dato che oscilla tra il sì e il no. igitur, quod cogito cartesiano, ben lungi dall’aprire le porte al pensiero, le apre al nichilismo, con la presunzione di aver trovato finalmente la verità per primo in tutta la storia dell’umanità. Il vero principio non confonde il pensare col dubitare, ma si esprime in questa formula: cogito vel scio aliquid, ergo sum.

Al filosofo non è proibito di formulare per ipotesi il dubbio circa la base del pensiero, anzi deve farlo; lo ha fatto lo stesso San Tommaso con la sua famosa universalis dubitatio de veritate; ma per poi ritrarsi subito da questo dubbio o da questo orrendo abisso infernale, giudicandolo assurdo. Cartesio, sed, ha preso quel dubbio sul serio, quibus, come ha osservato giustamente il Gilson, nonostante tutti i suoi sforzi, Cartesio non ne è più uscito, sicchè la certezza che egli ci offre è in fin dei conti fondata sulla sabbia e sulla presunzione. E cosa infatti può spingere un filosofo a voler sostituire con le sue idee il principio oggettivo universale del sapere, se non la superbia?

GLI EPIGONI DEI RIFORMATORI
lutero sermone
raffigurazione pittora del sermone di Lutero

La storia del luteranesimo segue sostanzialmente due filoni: c’è un filone tradizionalista, che coglie il Lutero organizzatore, pastore e dottore, proprio delle comunità luterane guidate dai rispettivi pastori, come il proprio simbolo di fede luterana e i propri riti e ministeri, come il Battesimo e la Cena; è l’ambiente proprio delle facoltà teologiche protestanti; e c’è un luteranesimo gnostico, individualista e liberale, niente affatto privo di valori religiosi e culturali, che coglie invece lo spirito profondo di Lutero, carismatico e soggettivista, più diffuso negli ambienti laici e filosofici, che non ha mancato di darci grandi personalità da Leibniz a Kant, a Fichte, a Schleiermacher, a Schelling, ad Hegel fino a Kierkegaard, Von Harnack e a Bultmann.

Mentre il dialogo ecumenico col primo filone è facile e costruttivo, date le numerose convergenze tra il Credo luterano e quello cattolico, più difficile appare il confronto col secondo filone, sia perchè, mentre nel primo caso si tratta pur sempre di una comune visuale di fede cristiana, nel secondo la visuale è di tipo gnostico-razionalista, e sia anche perchè, essendo il secondo filone privo di una dottrina ecclesiale comune , non ci si può confrontare a livello di rappresentanti ufficiali, ma occorre farlo con i singoli filosofi, anche se caposcuola, i quali peraltro spesso hanno assorbito la teologia e il dogma nella loro filosofia.

Mentre esiste una dottrina luterana ufficiale custodita dalla Federazione Luterana Mondiale, il confronto col secondo filone richiede necessariamente la scelta dell’interlocutore in base alle grandi differenze esistenti tra i singoli pensatori. Qui un conto è trattare col kantismo, un conto è trattare con Fichte, un conto è trattare con l’hegelismo e così via.

lutero edizione bibbia
prima edizione della Bibbia luterana tradotta in lingua tedesca

È così che troviamo studiosi specialisti per i singoli autori. In costoro però l’applicazione dello stesso metodo soggettivista ed anarchico di Lutero, avverso a lasciarsi controllare da qualunque autorità, che non fosse la propria coscienza millantata come “Verbum Dei”, li porta ad annacquare a loro arbitrio la stessa dottrina di Lutero creando sincretismi con altre tendenze filosofiche al limite anche d el tutto contrarie — ciò per degli hegeliani non crea difficoltà —, contrariamente a quanto avviene nel primo filone, ligio all’ortodossia luterana. Il nostro voto è che una rifioritura della fede cristiana, grazie anche ai progressi dell’ecumenismo, tornino a diffondere quello spirito di umiltà, che è uno tesori più belli del Vangelo, il principio della vera grandezza dell’uomo e ciò che ha fatto lo splendore culturale, morale e spirituale della civiltà europea nel mondo.

Varazze, 10 June 2015

______________________________________________

carus lectores.

Ogni tanto dobbiamo ricordarvi che il nostro lavoro può sostenersi e proseguire solo col vostro aiuto, pertanto vi preghiamo di contribuire alle spese di gestione di questa rivista telematica anche con piccole offerte attraverso il comodo e sicuro sistema di pagamento Paypal, perché non è vero che in internet è tutto gratuito, Sed contra est: in internet è tutto a pagamento, quando si usano server, programmi, sistemi di protezione ecc.. che consentono di lavorare in modo professionale e con strumenti adeguati.

Vi siamo molto grati.









About isoladipatmos

Leave a Reply