Animum virilem et teneritudinem nimiam praelata pugnandi sorte lux, Mandata sicut oves in medio luporum

Homiletica exercenda et ad Sanctorum Patrum perscrutanda de Patmos Island

BONITAS SIT LUX ILLIS fortium virorum fortium, Et sicut oves in medio luporum positas fugiens mandat

.

Agnos rite celebrabitis esse a frenum Iesus est’ haec: et militibus ex lux, posse vinci AUO lupi, eus ammansirli, per la potenza di grazia di Colui che ci ha mandati come agnelli in mezzo a lupi.

.

auctor:
Giordano M Gabrielis. Scardocci, o.p.

.

.

PDF Print Article

.

.

.

Estote fratres et observate,

guerrieri della luce

Questa XIV domenica del tempo ordinario ci offre un Vangeli denso di immagini che ci parla della missione affidata da Cristo agli Apostoli [Cf.. texts ex liturgia verbi adhibitus fuerit, qUI].

.

In questi periodi di vacanza può capitare spesso di fare memoria di quando eravamo più piccoli. Quando le vacanze al mare erano con i nostri genitori, e si trascorreva molto tempo in spiaggia fra scherzi, giochi e tanta dolcezza e tenerezza. etiam nunc, se trascorriamo del periodo coi nostri genitori, ringraziamo Dio per il dono del loro amore e della fede: questo infatti ci ha portato fino ad oggi e fino a qui, ad essere chi siamo nella via del Signore.

.

Le letture di oggi vogliono farci addentrare in questo grande mistero di Dio nella sua consolazione e tenerezza che ci invia ad essere creature nuove, e dunque inviati del suo grande amore.

.

Nei testi profetici vetero testamentari read:«Come una madre consola un figlio, così io vi consolerò; a Gerusalemme sarete consolati» [est 66, 13]. Si noti che il terzo Isaia scrive nel post esilio ebraico del VI a.C., quindi la Città di Gerusalemme, in questa precisa circostanza, è il luogo che richiama simbolicamente la consolazione materna di Dio. Questo ci insegna che Dio non sta rinchiuso nei cieli ma ci consola, ci è vicino con affetto di una mamma. Di questa tenerezza parla spesso Papa Francesco, e questo ci deve far porre attenzione: la tenerezza consolatrice è uno degli elementi caratteristici propri di Dio, quasi fosse il DNA stesso di Dio. Nos autem non longe ab hoc tenera manus Domini, caritas nobiscum aeternam. Nos enim sumus cum confortavit confessionem absolverentur per hoc quod accipimus, et vapor nebulae de Eucharistia. Paucis amicis amici in misericordia.

.

Hoc consolationem Facit nobis notam novum. In Litteris Apostolicis a culpa sententia S. Paulus scribit:

.

'Non quod circumcisio aliquid valet,, neque præputium:, sed nova creatura " [Cf.. Gal 6, 15].

.

Accipiens consolationem e tenerezza di Dio ci fa sentire immensamente amati. Cambia tutto il nostro modo di essere da testa a piedi. E nonostante i nostri difetti, peccati, vizi, debolezze noi siamo continuamente amati da Dio. Nel suo amore, ogni giorno siamo resi nuovi, ricostruiti, riprogettati ogni volta che ci sembra di fallire. Ognuno di noi è chiamato a un progetto più grande da Dio stesso: per questo siamo resi incredibilmente nuovi dal Signore, forti e ad un tempo tranquilli e sereni nella Sua Verità.

.

Consolati e resi creature nuove, finalmente Dio ci invia. Come ha fatto con i Settantadue discepoli qui descritti nel Vangelo di Luca. A questi discepoli Gesù dice: «Andate: hic, vi mando come agnelli in mezzo a lupi» [Lc 10,3].

.

Anche noi siamo mandati, come creature nuove per portare quella consolazione e tenerezza che abbiamo ricevuto. Questo ci permette di trasmettere anche la gioia e la comunione con Dio. Ci permette di essere suoi missionari di pace nelle sofferenze e nelle difficoltà della vita, di tutti coloro che incontreremo. Questa è l’ottica di essere agnelli fra i lupi. Il lupo è l’immagine biblica di chi è rapinatore rapace che viene nella notte. È l’immagine della cultura attuale che non rispetta chi ha bisogno di cure. Si pensi a tal proposito alle terribile sofferenze che sta soffrendo ora Vincent Lambert [Cf.. qUI]. L’agnello invece è l’immagine di chi è mansueto e buono. Appunto di chi è ripieno della pace di Dio e si fa missionario della luce e della consolazione di Dio.

.

Ricordo di aver letto a 16 aetate un bellissimo libro di Paulo Coelho, da un titolo altrettanto splendido: Manuale del Guerriero della Luce.

.

Essere agnelli mandati da Gesù è un po’ haec: et militibus ex lux, posse vinci AUO lupi, eus ammansirli, per la potenza di grazia di Colui che ci ha mandati come agnelli in mezzo a lupi.

.

Il Signore ci conceda la Luce della Sua Grazia e della Sua consolazione, perché diventiamo tradizione viva e autentica del Suo Amore che si donò fino alla fine.

.

Sic fiat.

Roma 6 July 2019

.

.

.

Est ergo praesto est liber primus Editionibus Pathmos insulam, visita nos copia page qUI

.

Dominici de provincia Romana nuntius: «Il bene di vivere ed il diritto di non soffrire: il testamento biologico», di Riccardo Lufrani, o.p. [text, qUI].

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





Avatar

About isoladipatmos

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.