quod “Agnus Bellunii” Est Episcopi, itemque parocho a munere pastorali maxime typicam odor capta est ovium: odor stercore. Hic pessimus stercore, quod etiam satanica inverters: peto ab eis qui peccant in Christo et in ecclesia beat excremento, qui diligunt illum, serves ad captiones aufugiamus, et defendit a malo

- Ecclesia nuntium -

"Meretrix Bellunii 'qui charactere episcopali polleat sicut visitat pastor est ovium odor prodire typicam Cate MORE: Odor EXCREMENTUM. Ob quae pessimum id EXCREMENTUM, Quod retro SATANIC: Senatum populi, qui per offendiculum ET ECCLESIA A SANGUINE perplexe Ama, NECESSITAS quasi cautibus tum spiritus mali, ac tuetur,

.

Petitores potest tantum applicare ad Congregationem de Doctrina Fidei et de Ecclesiastica Court, ad canonicas sanctiones contra me petere potuit impositionem, postquam autem demonstrandum, a catholica doctrina ad manum, quod nulla umquam deductae, jus titulum et incipiens a "scortum", Biblical cui est morbi iisque medendi Lemma, usus est per prophetas, et in condiciones cum hominibus similis plus minusve ab Episcopo dependent Bellunii, et ille quid inquit locutus est, et quomodo, Hoc potest esse magna Meretrix de honoris civis in Babylonem, quo cum esset appellatus mitram super caput asini triumphalem Satanas.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article
.

.

raffigurazione iconografica della Grande Puttana di Babilonia

In epistulam quod 22 November capostasiam a fide est verus actus contra doctrinam, Episcopus autem Belunensem civitates S.It. Mons. Renato Marangoni, domanda scusa ai divorziati risposati che alla Comunione Eucaristia non sono ammessi dalla carità della Chiesa, al fine primo e ultimo di preservare la salute delle loro anime [si veda il testo integrale qUI].

.

Negare di ricevere il Santissimo Corpo di Cristo in statu peccati mortalis,, non comporta essere “moralisti” e “cupi legalisti” dal “cuore arido”, bensì mettere in pratica ciò che insegna con un severo monito il Beato Apostolo Paolo:

.

«[...] chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, reus erit corporis et sanguinis Domini. quisque, igitur, Probet autem seipsum homo, et sic de pane illo edat et de calice bibat; Qui enim manducat et bibit non diiudicans corpus, et bibit indigne iudicium, [I Cor 11, 27-29].

.

At iam hoc opus manifestum erit nimis, reversus primum explicare quae saepe iterantur in novissimo paucos annos et modo de salute organa ad canendum. Sunt constituunt modum ordinarium,, quæ data sunt sacramenta Ecclesiae a Christo Deo suo, externa forma accidentalis quibus substantia et de severitate disciplinae ecclesiasticae reguntur Revelationis depositum fidei catholicae fundamentum. Quod ecclesia, quod gratia est in sacramentis gratiae largitorem et dili, Non possunt ullo modo non ponitur in substantiam Sacramentorum, quae sola nee Ecclesiasticis, sed per revelationem nobis datum. Et ex doctrina Ecclesiae ullo modo potest abstinere, ut 'Deum animam non intrabit in polluitur peccato' [SUFFODIO 1,4].

.

De Ecclesiae Sacramentis non afficit corpus et vis est, quibus etiam societatis mutantur facies, qui nec exercitus signo crucis secularists, imperatively torquetque sonantia verba, dare illi clarissimi: "Ecclesiastica describenda sit, …». Instantiae quae sequuntur absurda imperative, et mulieres ad sacerdotalem ordinationem effecti ex benedictione illius et vocavit, “diligitis” altogether “naturalis” Coniuges qui homosexualitate. Bene, ut societatem quam mutare velit, et quantum se, Ecclesia Christi non habet potestatem sed ut aptet est maxime vitium absurdum petitiones et pessimi huius mundi se essentiae et exsistentiae considerato; quod eius essentiae et exsistentiae considerato, non est in tempore et spatio in mundo, sed aeterna spatium Christi Deus. Causa, quo tempore, Summus Pontifex Ioannes Paulus II, Sacras virgines affirmantibus clausit disputatum:

.

«[…] ad tollendam dubitationem de re magna, pertinet ad divinam Ecclesiae constitutionem, confirmandi fratres per ministerium meum honorificabo [Cf.. Lc 22, 32], Ecclesiae auctoritatis meae locutus sum quia quæcumque habet ut conferat ad mulieres ordinationem sacerdotalem instituendas frequentent atque summum in hac sententia sit ab omnibus in Ecclesia est fidelium ' [Cf.. Ordinatio Sacerdotalis, text see qUI].

.

Sit scriptor declarare non-experts Quod "ad definitivam sententiam habetur», Ex causa quia compositus est ex exercitium infallibile,, ne mens tenetur solum qui tune temporis regnauit Papa Ioannes Paulus II, et cunctis successoribus suis.

.

Non est ecclesia, nec semper erit accipere, nedum recognosco rectae, et benedicamus “matrimonium” Eiusdem sexus personae, quod inconveniens est nobis rerum perturbatio:

.

'Creavit Deus hominem ad imaginem suam;; ad imaginem Dei creavit illum et ipse in Deo; illum masculum et feminam creavit eos. Benedixitque illis Deus et ait illis:: “Vos autem crescite et multiplicamini, implete terram”» [Gn 1, 27-28].

.

In praeter vulgares opes illic es quoque incredibili modo de salute viae per quas et inscrutabilia. Immo necessarium est, divina gratia eorum nos oportet sacramenta subsidium, sed Deus, qui non tenetur ex his et pluribus aliis dignosci potest facere quod consilium de salute hominis. Vias autem non possumus, ne quidem sciunt, et meditati. Mirum videtur declarare omnia experiar an, Sed verus et realis,: animam autem non utuntur nisi ad Deum, etiam "bona" ​​De officiis ad supplicium veneficus, cuius sacrificium ex humanis corporibus vescuntur in tribus de cibum est cibum qui erit pauperis et victimarum. Nos non possumus dicere quod ones Elymas magus in quaestio, Simul humanas hostias et sacrificia et victimae per 'cibum, Hoc consilium de salute peragit. Et malum est quod est malum hoc nobis, et magus,, totis tribus anthropophagi, Et duci ad verum fidei quod non sit pertransiens evangelizabat in Christo, Synodus de pace Panamazzonico. in brevi: nisi per singularem Dei gratiam homines venerari totis exercitibus ingenuarum Pachamama, nos autem non in Pachamama etiam in Vaticano commisit, et in ipsam ecclesiam Sanctae Mariae in Traspontina potest ac etiam proponere ut sint medium salvationis, quia primum omnium mandatum decalogi contra sacrilegae:

.

"Ego sum Dominus Deus vester, Non habebis deos alienos in conspectu meo ' [Cf.. est 20, 2-17; Dt 5, 6-21].

.

Simpliciter dixit:: nec possit divortium novas quot vixerunt vitam in peccato mortali, Et in sequentibus per viam eorum qui cum iustitiam Dei in multa benevolentia magis - iustum sit ut sacerdotes, fratribus et sororibus - vixit, in loco pudoris facies verae vitae, Sed fieri potest modo pessimus in defuit, totam uitam, theologalis caritatis virtus est fundamental. Christus ipse est Deus in nobis notitiam si quis non dederit in hoc sensu divinando:

.

"Ego vero dico vobis,: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. È venuto a voi Giovanni nella via della giustizia e non gli avete creduto; appropinquantes ei publicani autem et meretrices crediderunt ei pro. potes, Sed contra est, non obstante illa autem quae videtur, te paenitet, ne quidem credunt quod illi ' [Mt 21, 31-32].

.

Publicani et meretrices sunt genera sunt duo genera hominum in quibus alia se, inter adulterio deprehensam, et qui dimissam sicut ponit verba Samaritanae manifestavit ad puteum [Cf.. Gv 4, 1-26] Quaedam condiciones gravis peccatum viventem, sed etsi qui non transiet post regnum in caelum, quia nemo scire potest quid fiet nobis - quod si etiam in ultimo vitae minuta - inter gratiam Dei et hominis conscientia fuit in statu peccatum. Sicut novissimo die, ad festum Christi Regis, dE patres In insula, quæ appellatur Patmos, Homiliae de diversis formam duorum commentati In pium Latronem, In novissimis duo minuta estis vitam meruit, porta paradisi reserabitur [texts efficiendi homiliae: qUI, qUI].

.

et erit sollicitum quod Christum Dei, totum in sua praedicatione,, Et per peccatum numquam destitit et quae indicant, fuge peccata et emundet nos ab iniquitate blandiens. Christus, Ad hunc autem finem, non est saepius vocat, ut numquam defuit ad bina: quod satanas, ut homo, et quod infernum, et pluries dicitur pro damnatione felis erat depicta in parabola divitis "Crucior in infernum" [Lc 16,19-31].

.

Iesus Christus est, a Divino Redemptore, quod praecursor ipsius Episcoporum motus naturae et humanae salutis, quae procedit ex animo placuit, quod dissolutus ille placere mundi, sino a giungere a quella aberrazione sacrilega che connota tutti i tratti della vera e propria apostasia messa nero su bianco e firmata dal povero Vescovo di Belluno: peccatorum remissione quaeritur, ad ecclesiam, qui ausus est appellare peccatum mortale et peccatum mores suos indicant quam vita, praecipue quod saepe factum est nuntius in pessimi formae, quae est vitium vel ex libidine animadverto materialiter. Nec defuit Christo, scilicet ipsum Deum dicentes nos monere:

.

"Intrate per angustam portam, quia lata porta et spatiosa via quae ducit ad perditionem, et multi sunt qui intrant per eam; Quam angusta porta et arta via quae ducit ad vitam, et pauci sunt qui inveniunt!» [Mt 7, 13-14].

.

Equidem vir nostrae non est aliquid in animo ut dare velit omnia, et minimus ante fores eius Adspectum graciliorem, aliquid: Omne quod tendit ad rem pessimi expressio peccatum quod legitimate, et cum de sexualitate humana spectata, de relatione inter virum et mulieris, extra matrimonium stare rationibus, ita.

.

A catholici episcopi altario, talis populus a sampling, Meminisse oportet quod non sit de Christo in Deo absolutum et ad imperium debitum receperint et peccatorum, et fecit ipsum verbum Dei factus est homo, sed non est semper peccatum dicitur ex suo nomine: peccatum. Indicando con parole chiare e non passibile di smentita che il destino del peccatore ostinato è la dannazione eterna della sua anima immortale.

.

Non solum sit peccatorum non excluduntur, sed in maxime modo tractata, Christus, qui in eo est:

.

"Non necesse habent sani medicum necessarium, sed qui male habent. Euntes autem discite quid est:: Misericordiam volo et non sacrificium. Non enim veni vocare iustos, et peccatorum ' [Mt 9, 12-13].

.

egoEpiscopi pauperis Bellunii Et pro incipit dicens:

.

"Ignosce mihi, […] quod nos quoque haud satis diu Paenitentiae et Eucharistiae sacramentis imbutus ".

.

postulant: et hoc est asinus in sella apud mundam super caput eius, Scriptura sacra,, incipiens ab apostolica scripta mandamus, Qui has legit numquam? Quia de scripturis sanctis fidelis servus sit, supremum dominum custodem. In facto, secundum Christi verba Dei, patientes estote ad servari debet, pastores autem sapientium sanitas est peccatum magnum morbum, Vult et non potestis: inexcusabiles, si usque hodie, Ecclesia,, Non ausus est quasi considerans pro salute animae tuae peccatum.

.

Et pauperes ex litteris Episcopi Bellunii Haec enim cumulatio non est motus animi affectionem pessimi, Lorem satis est, quanta fuerit in Evangelium Sancti doctrina Ecclesiae et de septic cisternina in sentinam confluxerant. Numquam excogitari, devastatio ecclesiae in ecclesiasticis et luxuriæ temporibus, ut ipse in aetate 56 in Italiae annis ante episcopus licentiam excusat quaestio est de statu eorum qui in mortale peccatum - tot enim per elementum ipsum aggravans peccatum publicum est -, Ecclesia quae post ausus est peccatum mortale peccatum mortale quam diu consideramus.

.

refulsit certa spes liberorum, Episcopus Bellunii Et temerata habet sacramentalem dignitatem, quod apostolico munere funguntur. Quod sit procedere et quomodo consistent omnium rerum sustulisse in propria dioecesi suscipiendum - si quis habet -, ac ministerium Episcopi dioecesani est officium Exorcistarum. tum, cum propria littera alium, a publica excusatione saepe expulso inde est quod, quia satanas potest quid sit inter gratum et Ecclesiae, si non expellit, quae quis, et per peccatum a peccatorum dicens ius publicum statum vivere in peccatum. Cur enim non excludatur Satanae, quasi totaliter baptizandi parentes injuria annuntiamus, cum per sancti Baptismi ad orare in omni opera ejus, et seduxerunt. Forsitan putas fas, excludere ab Ecclesia sit homo dignus ut satanas?

.

Cum acceperis epistolam hanc,, Ab episcopo exactam: et divisisti pedes quasi meretrix Babylonem et arbitrio vilissimi pessimus iste peccata mundi. A mundi vocat, quae non nisi malum bonum et bonum malum, sed petit dextra flexuram plane diabolicum ipsa ecclesia, magister et gratiarum diuisor, Conversio diabolico facere.

.

Et concludere ex cognitione Dei, et Christi, Et incarnatus est, vixit, Obiit per redimentem sacrificii Crucis, Non resurrexit a mortuis secundum scripturas quia salus hominis. Christi, Deum non habet sanguinem suum fudit pro salute clericalis institutions in ruinam, Mortem non fecit, ut hoc pro Ecclesia visibilis clericalis iuris quaestio non est dare veniam peccatorum esse aliquid considerari in sua vita contra peccatum conducted per doctrinam sancti Evangelium, Moralis rei nomine Catholico contra est Verbum vitae a Deo. Moralem vitam ex nostro arbitrio non pauci “Airidi” Ecclesiae enim Patres et Doctores “durus corde,” E “pauperibus” viscera spiritus includenza, inde "pauperes" Ut S. Ioannes Chrysostomus, ut in "tenebris," ausus est scribere:

.

"Clamito et vox mea, deprecamur:, oro obtestorque ne ad sacram hanc mensam accedamus cum macula prava conscientia. Accidit autem ut quadam approach, in facto,, possit neque communio dici, etiamsi millies corpus attingimus, et vituperare contrarias, date illi tormentum et poenarum accesio.

.

Usque ad te pervenire per saecula Sanctus Pater Ioannes Paulus II, qui volebant ex una parte, et praelegit in record tempus, simul atque, canonizers suo, acerrimus erat ferocis maximum magisterii diripientes, Ex his Litteris Encyclicis dicata est sanctissima Eucharistia, in qua ille scripsit:

.

"Ego igitur cupimus id quod existit et semper erunt in ecclesia apud illam nempe normam qua Concilium Tridentinum gravem apostoli Pauli concorporavit monitionem, dicens, post receptionem Eucharistiae digne, 'Primum unus moriatur conscientia peccati mortalis gravat, conscientia peccati mortalis "» [Ecclesia de Eucharistia, 36].

.

Qui autem in virtute praestare possit in nobis: vir aut mulier qui illicitum necessitudinem Christiana, qui non coeunt nec apud socius a quibus legitima rediret accepto prosequuntur vita sacramentali absolutione una hora et aptum ad Eucharistiam accepta referre “rectus” sacrilegium? Intelligo asinus episcopi est torcular Belunensem civitates orare pro questus eum deprecari pro scelere demens press et gaudium in profanorum, et in, Ego sacerdos sum Christus: et non est asinus, pro redemptione animarum suarum salutem et vitam magnopere. Ultimum autem pro salute animarum, quae in Ecclesia necesse est dare veniam ad eos dicens non sum, aliquid: ● ea ● dare veniam ad Deum, et ego veniam peteret quoniam offenduntur, et ecclesia Sancti autem Dei et eius dederat in auditorium cum scandalo fidelium ibi peccatum.

.

Et hoc est visibilis ecclesia quam primum "mori", ut denuo possit oriri, si quidem a quattuor plagis terrae pusillus grex dispersus, Ecclesia Christi, qui non mortem, et non invenient redemptor usque ad diem venit in gloria est iudicare vivos et mortuos.

.

in finem: Ac sublimi virtute, Episcopus Bellunii Rev.ma Vitare contactus cum Ordinario Dioecesis mea clamat virgo redargutionem venire, curae pastorali Episcopi Nostri quod habet multas et super omnia quae faciunt hominem Dei et quis est qui fidem suam numquam perdidit sensus boni et mali. ita, maxime facere potui, Indica mihi misericordiam volo ut fortis qui usi significans. In quibus tamen ut totum, non temere dicere voluit, sed facit scientiam,, Ego feci consulto uti difficile est typical of copiam Romani sermonis biblici et placuit id est Vetus Testamentum aliquot prophetas. Et non est salutem et proferirebbe loco de scripto et substantia mea, quoniam si et ipse daret, nimirum catholici episcopi altario, custos et magistra ac Doctrina Fidei. Et hoc, Episcopus, si, non est perfectus in atheos religiosi clericalis iuris satanica potestas saepe currere in luxuriâ de hoc vera infidelium, Vos can non realiter facere praestare, quia si anima est dannerebbe. Ita potest tantum quaeritur et pars ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei et de foro competenti ecclesiastico, ad canonicas sanctiones contra me petere potuit impositionem, postquam autem demonstrandum, a catholica doctrina ad manum, quod nulla umquam deductae, jus titulum et incipiens a "scortum", Biblical cui est morbi iisque medendi Lemma, usus est per prophetas, et in condiciones cum hominibus similis plus minusve ab Episcopo dependent Bellunii, et ille quid inquit locutus est, et quomodo, Hoc potest esse magna Meretrix de honoris civis in Babylonem, quo cum esset appellatus mitram super caput asini triumphalem Satanas.

.

Et exspecto video vidi remain, coram episcopo, qui exortum sic magnus, Qui ergo et in ipsa figura attach, quia forent restituerentur, a novissimis usque ad primos, omnes antiqui ex Pharisaeis.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 27 November 2019

.

.

sustines In insula, quæ appellatur Patmos, emebant et sternebant in libris nostris: copia libri qUI

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]





Avatar

About isoladipatmos

53 cogitationes on "quod “Agnus Bellunii” Est Episcopi, itemque parocho a munere pastorali maxime typicam odor capta est ovium: odor stercore. Hic pessimus stercore, quod etiam satanica inverters: peto ab eis qui peccant in Christo et in ecclesia beat excremento, qui diligunt illum, serves ad captiones aufugiamus, et defendit a malo

    1. Padre Ariel non ha capito niente.

      Un mio amico, teologo gesuita di Civiltà Cattolica, mi ha invece spiegato tutto. Riporto le sue parole alla lettera, tanto splendono di luce cristallina:

      “episcopi,, nell’“aprire un rapporto di conoscenza” con coloro che “hanno iniziato nuove esperienze di unione”, nella semplice persona di “Renato, Episcopus,,” intende aprire idealmente le sue braccia verso l’altro da sé con un invito a dargli del tu, e ci chiama a concorrere con contrito spirito di servizio all’articolata posa in opera di strutture relazionali interattive e interpersonali, in un quadro rivoluzionario di rinnovata cooperazione e umanizzante reciprocità che sappia cogliere le opportunità che lo Spirito infonde nella ricettività umana per innescare fattori dinamici di creatività capaci di rigenerare potenzialità inerti nel campo delle vie dell’accoglienza, al fine, in un primo momento, di procedere all’attività preliminare di esplorazione degli spazi dell’affettività così come si configurano nelle realtà periferiche del vissuto quotidiano delle varie forme cosiddette irregolari di vita famigliare sul territorio, e in un secondo momento di giungere all’individuazione di percorsi condivisi di accompagnamento meglio focalizzati nel concreto di ogni situazione particolare, veri e propri cammini dialogici nella geografia dell’esistenza, atti a ricondurre le persone colpite da logiche di esclusione alla piena fruizione della vita comunitarianon solo settariamente, e perciò equivocamente, “parrocchiale” – a coronamento di un processo che individua traiettorie di conversione accomunanti accompagnati e accompagnatori, nella misura in cui esse si configurano come laboratori permanenti e solidaristici di vicendevole e fraterno discernimento, quod, quod talia, si pongono come centri nevralgici di virtuoso autosviluppo e crescita sostenibile dell’azione caritativa nelle viscere dolenti della società.😉

      1. sed, ut. Zamarion è rimasto ad ascoltare tutto quel discorso (supercazzola) del suo amico gesuita, usque ad consummationem saeculi???? Io alla terza frase gli avrei detto: ” ma và a ciapà i racc.

    2. Pater gratias ago tibi Ariel.

      In questo tempo di relativismo assoluto, in cui ognuno (soprattutto i non credenti) si sente nel diritto di dire alla Chiesa cattolica ciò che dovrebbe fare e dire, Lei ha il coraggio di riaffermare la verità.
      Questo mi riconforta.
      Per fare questo lei rischia anche un rimprovero o altra punizione (mi scusi questo lessico banale e non preciso, ma non sono un’addetta ai lavori, sicut ipsi dicunt,).

      Le auguro di poter continuare nel suo sacerdozio ministeriale ancora per lunghi anni.

      Un caro saluto,

      Paola

  1. Caro pater Arihel,

    non sono le scuse agli adulteri che mi irritano moralmente, è quello che, in quella lettera, segue a quelle scuse;
    se infatti la lettera fosse stata del seguente tenore:

    C’è una parola iniziale da confidarvi: contristatus! C’è in questa parola la nostra consapevolezza di avervi spesso ignorato nelle nostre comunità parrocchiali. Forse avete anche sofferto per atteggiamenti tra noi di giudizio e di critica nei vostri confronti…”
    Perdonateci di non avervi accolti a braccia aperte al fine di farvi conoscere che la retta dottrina, finalizzata alla salvezza eterna, insegna che l’adulterio non è solo un peccato contro l’uomo ma anche contro Dio, che anche “omnis qui viderit mulierem ad concupiscendum eam, Et jam mœchatus est eam in corde suo” e di non avervi ben chiarito che, chi vive in costanza di adulterio, ha spanata la via che conduce all’infernopregate per chiedere la forza di tornare sulla retta viaaccostatevi alla Riconciliazionenell’Eucarestia restate fedeli alle parole di Cristonoi non faremo mai mancare la preghiera per voi.

    1. Caro pater Arihel,
      ho perso per strada, nel mio intervento, la richiesta di una sua risposta:
      Quale sarebbe stata la sua opinione se la lettera di quel Vescovo, dopo l’esordio delle scuse, fosse proseguita nei termini da me indicai sopra?

    2. Ed anche il finale della lettera mi sembra condivisibile:
      Ci risuona una parola di Gesù: «Coraggio, alzati, ti chiama!». Parola che egli pronuncia su ogni vita, anche quando essa sembra compromessa nelle sue radici.
      È per questa sua parola che vorremmo incontrarci tra persone che sentono delle ferite aperte nei loro affetti familiari o che hanno ricominciato una vita insieme e desiderano porla accanto a questa parola di vita di Gesù. ”
      Peccato che però, primum, il presule affermi che sono più importanti le situazioni in cui vivono le persone di oggi di quanto non lo siano le parole che Cristo ha pronunciato due millenni fa: forse ha fatto scuola la nuova dottrina per cui, ai tempi di Cristo, non esistevano i registratori e la cultura di allora non era misericordiosa come quella odierna.

  2. Ariel, pater mi

    lei parla diapostasiadel vescovo di Belluno, ma vorrei domandarle chi è che l ha fomentata?
    chi è che ha idolatrato la pachamama in Vaticano?
    Perchè si meraviglia?
    Chi è che dice cheDIO vuole la pluralità delle religioni”, chi dice che la madonna non è nata santa?
    un fedele di fronte ad una gerarchia apostata e eretica cosa può fare?
    Se non si sente in comunione o non li considera più pastori fa male?
    gratias ago tibi,

    1. Fabio carissimi,

      la decadenza irreversibile che stiamo vivendo non dipende né può dipendere da una persona, o da alcune persone. L’una e le altre sono solo il prodotto finale di un lungo processo che dura da sessanta/settant’anni.
      L’analisi di certe situazioni è molto complessa e dare la totalità della colpa alle ultime ruote del carro non è né realistico e neppure giusto.

      Cosa può fare un fedele?
      Accettare la prova e con essa il dolore che questa tragica prova comporta.
      L’epilogo della vita di Gesù Cristo non è il suo ingresso trionfale a Gerusalemme tra cori diSanctus Pleni sunt Caeli!“, ma sulla croce, dove alla sua sofferenza fisica fu unito persino lo scherno, la presa di giro, la spugna imbevuta di aceto.

      Da mezzo secolo a questa parte abbiamodrogatoi fedeli con l’idea di un Cristianesimo che è tutto quanto emotiva gioia, pace, diligitis, festa
      Abbiamo dimenticata la croce, anzi l’abbiamo rinnegata.

      Molti hanno dimenticato e persino negato (legga il mio libro su La sette Neocatecumenale), l’elemento soteriologico del sacrificio eucaristico, mutando la stessa Santa Messa in festa, banchetto, incontro tra i fratelli che saltano e ballano al suono delle chitarre e dei bonghi.

      Ovvio che dinanzi al sorgere dei primi problemi, un elevato numero di fedeli è caduto in crisi profonda, del tutto privi degli anticorpi per farvi fronte.

      Da tempo vado ripetendoah, li mortaccima chi me sente!che stiamo vivendo una grande prova di fede che può essere superata solo rimanendo uniti alla Chiesa e comprendendo che certi cattivi pastori sono anche e non ultimo il prodotto di un esercito di fedeli che da tempo ha ceduto ai capricci e alle insidie di questo mondo, dando di conseguenza alla Chiesa quei cattivi pastori che non sono scesi dal cielo, ma che sono stati partoriti proprio dal Popolo di Dio, da eserciti di cattolici che votavano a favore dell’aborto, che consideravano lecita e “caritatis,” euthanasiae, che compravano case ai figli affinché andassero a convivere al di fuori del matrimonio, che vivevano una morale soggettiva tutta quanta loro e del tutto avulsa dalla dottrina e dal magistero della Chiesa, facendosi un Cattolicesimo fai-da-te su misura.

      “potes”, avete dato vita ai cattivi pastori che da sempre sono scelti tra il Popolo di Dio.
      et hodie, ad rationem … ma di checacchiovi lamentate?

      1. In merito alla sua risposta sul tema oltre alla condivisibilissima fraseCosa può fare un fedele?
        Accettare la prova e con essa il dolore che questa tragica prova comportaquindi a rimanere in teoria fedele alla Chiesa Cattolica Romana a livello pratico cosa deve fare un fedele? Personalmente mi trovo in difficoltà, pro exemplo,, nel difendere la Chiesa di fronte ad atei/agnostici che glorificano l’attuale situazione e pontificato. Ma soprattutto prendendo in riferimento un periodo tragico della Chiesa ovvero l’annosa questione della Chiesa Romana (ed i particolar modo Africana) che sorse dopo le persecuzioni cristiane (in particola modo di Diocleziano nel III/IV sec. ) sulla liceità delle nomine e quindi dei sacramenti dei preti cosiddetti lapsi la domanda e la questione, per me fedele sorge oggi ancora più dirompente: i sacramenti dei vescovi adoratori di Pachamama nei Giardini Vaticani sono ancora validi? e le loro ordinazioni? i loro insegnamenti? Saputo che per il Vescovo di Belluno il peccato non esiste, in poche parole, i suoi sacramenti valgono? L’Ostia data la prete comunista pro-immigrati è ancora sacra? E’ lecito dare 8×1000 ad una CEI immigrazionista?

      2. “Voi”, avete dato vita ai cattivi pastori che da sempre sono scelti tra il Popolo di Dio.
        et hodie, ad rationem… ma di che “cacchio” vi lamentate?

        Etiam, in facto,… pur nella mia limitata esperienza, mi sono accorto che in ambiente parrocchiale è ormai diventato quasi impossibile parlare da cattolico fra cattolici.

        Per dirne due:

        al centro aiuto alla vita si prescrive tranquillamente la pillola anticoncezionale; guai però a chiederne conto o a dirlo ad alta voce, si offendono e ti cacciano
        in parrocchia ci sono riunioni dove si parla di tutto, una vera sagra; alla sagra divieto di ingresso solo a chi volesse parlare da cattolico fra cattolici di attualità, ad esempio di gender

        In effetti la differenza fra Chiesa e Mondo si fa sempre più sottile e non è il Mondo che si sta convertendo

        1. Io ho lasciato tutto! Non vado più a Messa e direi che son caduta anche in una discreta depressione, dovuta anche ad altre cause tipo l’aver assistito alla xsecuzione e annientamento fisico di una povera santa monaca, lavaggio del cervello ecc. Poi vedo il papa che ratifica tutto il male possibile e ripete ogni giorno le stesse parole da 7 aetate, dimenticando e fregandosene delle xsone che non solo non ricevono più il nutrimento spirituale , ma devono ricevere legnate continue. Et iterum:, assistere alle uscite di preti e vescovi e cardinali squinternati che mettono fuori eresie e apostasie giornaliere. Me la vedo da sola con Gesù Cristo e tutto il cielo e poi si vedrà. Amarissimante.

          1. Cara Anna,,
            comprendo lo scoramento. sed – tra le tante risposte che potrei darleanalizziamo la cosa razionalmente. Tutti questi prelati traditori hanno uno scopo: demolire la Chiesa. È lo stesso scopo dei protestanti, semper: far credere che possiamo avere un rapporto con Cristo senza la mediazione della Chiesa. È sbagliato, perché finisce che perdiamo di vista il vero Cristo, così l’Anticristo ha buon gioco. igitur, con la sua reazione pur in buona fede lei fa esattamente ciò che questi traditori vogliono. sed, se vuole davvero “reagire”, deve fare proprio quello che non vogliono. Resti attaccata alla Chiesa e ai Sacramenti! Si scelga una chiesa diversa da quella che frequenta se c’è un prete indegno. A meno che lei non viva in una zona molto isolata, la troverà.

          2. Signora Anna le sono vicina, per mia fortuna il mio parroco e “Northmanni” ma capisco cosa intende, ormai non si può più dire nulla che si viene tacciati di essere integralisti, fascisti ecc.. da parenti, conoscenti e sconosciuti.

            Mi dispiace anche per la suora di cui parla, cosa aveva fatto? Aveva sostenuto con qualche prete o vescovo o catechista che l’aborto o il divorzio non sono proprio delle cose fantastiche?

            Spero che anche lei trovi un prete decente che sia per lei il conforto spirituale che adesso le manca.
            Buona serata e buon Avvento.

    2. Rev. pater Arihel,

      lei scrive nello stile di Lutero: brutalmente chiaro, dice mio figlio (laetus). E pure taglia con perizia le scorciatoie che le persone di potere meschine e suscettibili tipicamente usano per tacitare subalterni coi mezzi del potere.
      Cosicchè asini e/o puttane con la mitra sono avvertiti: tolleranza zero!

      Continui così, indignato ma semplice e oggettivo nell’argomentazione, e le pronostico un futuro televisivo ragguardevole, per il bene di tutti; tranne forse del suo personale.

  3. Mi auguro davvero di sbagliarmi, ma non mi stupirei se il suddetto Vescovo di Belluno fosse sommerso da missive di solidarietà, per prudenza magari “personali e riservate”, di tanti “colleghi” per le “offese” ricevute con il suo articolo, P pretiosa. Arihel.
    Quid, cosa che non devo certo spiegare a Lei, un conto è venerare la “parresia”, un altro praticarla.

    1. Anch’io ho scritto al Vescovo di Belluno pregandolo di scusare padre Ariel perché quest’ultimo, quando ha uno scatto d’ira (e gli succede spesso quando sente la parola omosessuale o anche soltanto divorziato) non sa che cosa gli esce di bocca

  4. gratias ago, gratias ago, gratias ago. La Verità vi farà liberi! Ce ne fossero di pastori che sanno guidare così chiaramente il loro gregge. Certo che dover ribadire cose per certi versi così scontate significa che siamo messi proprio male.
    Ancora grazie!

  5. Etiam, i cattivi pastori sono una causa seconda.
    La causa prima è il popolo godereccio che si vuolliberare”: ha i pastori che si merita.

    D’altronde è il tipico schema delle punizioni divine: vi faccio vivere come volete voi, siete liberi, vi renderete conto da soli a cosa andate incontro procedendo lungo quella strada.

    quidem, ad un certo punto, tra popolo infedele e cattivi pastori si instaura un circolo vizioso.

    Grazie Padre Ariel ed altri padri de L’Isola di Patmos.

  6. Caro Pater,

    Sinceramente non capisco tutta questa attenzione verso i “post divortium novas inierunt nuptias” come fossero delle vittime. Vittime di cosa?

    Dietro i divorzi c’è nella maggior parte dei casi il peggio che si possa pensare. Le vendette, et blasphemaris, le lotte per spartirsi soldi, canibus, pentolame etc.. sono una costante dei divorzi, basta chiedere a un magistrato o avvocato

    La condizione di partenza è spessissimo questa e un divorziato che si risposa spesso cela il disinteresse verso la prima famiglia e verso i figli della prima moglie (penso ai miei cugini, il cui padre si è risposato e nemmeno li saluta più o ai diversi amici e conoscenti che hanno arricchito gli psicologi a causa di traumi ricevuti per una casistica infinita di violenze psicologiche).

    Forse a Belluno pensano che si tratti di devoti cattolici che soffrono per il loro status di “post divortium novas inierunt nuptias”? e chiede loro perfino scusa?

    Stavo pensando alla Beata Elisabetta Canori Mora, ma chi gliel’ha fatto fare? poteva lasciare suo marito e risposarsi no?…

    Caro Pater, appoggio la sua reazione e sarò con lei anche se dovessero fare il possibile per tapparle la bocca
    Attilio

  7. Caro pater Arihel,
    a me sembra che il vescovo di Belluno voglia fare un poil primo della classe nel senso che ha imparato bene la lezione ed ora fa vedere per primo, iustus, che la sa e la mette in pratica.
    Ma chi gliela ha insegnata con un documento ufficiale? Per non parlare delle perle diffuse in via ufficiosa tramite Scalfari. E non mi si dica che il giornalista è vecchio e capisce una cosa per l’altra.
    Purtroppo ha capito benissimo cosa pensa lArgentino!
    D’accordo, sono decenni che noi popolo cristiano siamo diventati prostitute,ma chi ci ha quasi condotto per mano a frequentare il casino? Affinché noi puttane possiamo redimerci serve un miracolo: che la tenutaria si redima e chiuda il casino. Preghiamo per questo.

    1. @nonversolottopermille

      Ho letto tutti i commenti, e il tuo mi pare il più appropriato. E’ proprio quello che pensavo anch’io.
      Aggiungerei che tutto deriva dal fatto che nessuno, da tempo immemorabile, ha più educato il popolo all'”quod”. Quello, con una certa sistematicità, solo il Giussani l’ha fatto. Ma non è che l’abbia pianificato, gli è uscito così, dalle mani, quia, quidem, era un uomo di fede, ma aveva un carisma speciale per tirar fuori dalla gente il meglio di sé.
      Questo pontificato, col suo magistero deviato, fa il contrario. autem, tum, ciascuno di noi è dotato di intelletto, e fa le sue scelte, nonostante Bergoglio & associati, come lo sventurato Marangoni.
      Es ius, placere, e convertiamoci, maybe. E’ la meglio.

  8. Finalmente si parla chiaro ! Ho capito che dobbiamo cercare di rimanere attaccati alla vita Sacramentale altrimenti facciamo il gioco del nemico . Ma proprio tanti preti ma sopratutto vescovi che agiscono dabuon pastorinon ne vedo in giro. Sopratutto vescovi ….quia ? Che prova stiamo vivendo ? E se molliamo anche noi pecore smarrite ed impaurite che responsabilità abbiamo nei confronti del Maestro ?

  9. Credo che questa sia una delle tante “margaritas” che i nostri Ordinari sessantottini stanno mettendo insiemechissà che beigioielline ricaveranno! C’è un particolare che mi inquieta e mi disturba molto: sembra quasi che chi cerca di vivere cristianamente, alla ricerca della propria santità e quella della Santa Chiesa, deve sentirsi in colpa nei confronti di chi vive nel torbido! Questo particolare mi irrita molto! Grazie padre Ariel per la strenua difesa del Santo Vangelo e della Santa Chiesa e del suo Magistero! Un ricordo nella preghiera.

  10. «[...] chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, reus erit corporis et sanguinis Domini. quisque, igitur, Probet autem seipsum homo, et sic de pane illo edat et de calice bibat; Qui enim manducat et bibit non diiudicans corpus, et bibit indigne iudicium, [I Cor 11, 27-29]

    Ma chi, stando a San Paolo, mangia il pane o beve il calice in modo indegno? stando a ciò che si legge chi mangia e beve SENZA RICONOSCERE in ciò che mangia e beve il corpo e il sangue del signore, quindi chi mangia e beve senza credere nel mistero dell’Eucarestia. ma certo non il peccatore

    1. Tutti siamo peccatori e nessuno, in senso assoluto, è degno di ricevere il Signore.
      sed, attraverso il Sacramento della Penitenza, chiediamo perdono dei peccati e proponiamo sinceramente di correggerci.
      Ora come si fa a chiedere perdono e a correggersi se non si ritiene peccato la propria scelta e, igitur, non si fa nulla per cambiare la propria situazione, perché la si ritiene del tutto legittima?

    2. Riconoscere è la traduzione italiana del verbo grecodiakrinôche non significa tantocredere nel mistero dell’Eucarestia”, ma si potrebbe tradurre con: preferire qualcosa a qualcos’altro, decidersi per un qualcuno o qualcosa, prendere posizione in una disputa a favore di qualcuno o qualcosa.
      Il senso è dunque: chi non abbandona il male scegliendo di stare dalla parte di Cristo sceglie la propria condanna.

    3. @Paolo

      hai qualche problema di comprensione testuale. Hai citato:

      chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, reus erit corporis et sanguinis Domini”

      Vedi tu, e vedano anche Pizziolo e Marangoni, al quale hai fatto bene a scrivere, anche se servirà a pocociascuno fa le sue scelte, questo è un Paese liberoma almeno non potrà dire di non essere stato avvisato, in previsione del Giorno del Giudizio, che viene per ciascuno di noi.
      Vedi tu, se in quella sede, dove tutto quello che è già chiaro sarà chiaro anche a coloro che preferivano dare una loro interpretazione dei fatti, gradisci essere accomunato alla loro sorte?

  11. A me pare che la Chiesa, considerata la ragionevolezza di tutti i discorsi fatti sopra, sia proprio sotto un bell’attacco, da dentro e da fuori.
    Esistono tante realtà nel mondo che hanno le proprie regole ed i propri principi e nessuno si sognerebbe mai di contraddirle per rivendicare diritti ad entrare a farne parte senza doverle osservare o, al massimo, si pagano le conseguenze per non averle osservate.
    Mi vengono in mente le università col test d’accesso: se non lo superi non vieni ammesso. Inutile rivendicare il diritto di andare a farne parte. Le norme degli stati sulla cittadinanza: inutile rivendicarla per far parte di quello stato se non detieni i requisiti, etc..
    Ovunque ci si deve attenere a ciò che è stabilito nei principi della realtà alla quale si ambisce.
    La Chiesa si fonda su dei principi irrinunciabili, fondati da Cristo stesso e dal suo Spirito nei secoli. Sono quelli, chi rivendica il diritto a farne pienamente parte li deve accettare, altrimenti faccia la sua vita.
    Che oggi si rivendichi il diritto di far parte della Chiesa, però alle proprie regole, lo vedo come un attacco atto a destabilizzarla e stigmatizzarla.

  12. Per quanto riguarda i divorziati per esempio, per rimanere nel tema dell’articolo, davanti allo Stato non possono rivendicare il diritto di esimersi dal pagamento degli alimenti se il giudice lo stabilisce secondo le norme vigenti. Se lo fanno incorrono nella debita sanzione e questo già lo sanno.
    Si atterranno quindi a quanto stabilito o ne subiranno le conseguenze.

    Non voglio con questo assimilare la Chiesa allo Stato, ma solo rendere l’idea che se non si intendono osservare i principi informatori alla base dell’entità con cui vogliamo interagire, si devono anche accettare le conseguenze che ne derivano.

    Mi pare che si veda la Chiesa come un grande contenitore, in cui poter mettere di tutto, secondo le proprie regole e le proprie idee. Ma se la Chiesa predica il principio dell’indissolubilità del matrimonio come sacramento, fondandosi su Cristo e sul suo Spirito, se sciolgo questo vincolo sacramentale debbo sapere che ci sono delle conseguenze. Non sono in titolo per rivendicare diritti, perché non sono io che stabilisco i principi come pare a me.
    Questo credo valga per tutto: matrimonio dei preti, donne sacerdote, etc.…

  13. Sto pensando, dopo che il Padre Ariel ha scritto, e noi abbiamo commentato, quindi ci siamo detti (quasi) omnia, che però c’è un’ultima cosa da dire sulla questione.

    igitur, un prete che è caduto nell’omosessualità e nella pedofilia, come nel caso dell’outing fatto a suo tempo dal famoso don Lorenzo Milani, vedi qui:

    https://lafilosofiadellatav.wordpress.com/2019/11/07/comunicato-stampa-don-lorenzo-milani-ecco-perche-viene-accostato-a-bibbiano/

    andrebbe rimosso da ogni incarico e messo in condizioni di non nuocere. magis, non avrebbe dovuto nemmeno esser fatto prete.

    nunc, il caso del Vescovo di Belluno S.E. Marangoni, è più o meno grave di quello di don Milani? Più grave, Dico, perché un Vescovo ha la responsabilità di una intera Diocesi, che è molto più di una sola parrocchia, che viene deviata tramite un magistero corrotto. Quindi si dovrebbe revocargli immediatamente ogni incarico, come sopra.
    Verrà fatto?
    Probabilmente no, sententiam trahat aere. Ma il Giorno del Giudizio incombe, e tutti i responsabili di questa situazione, che ora paiono inamovibili, non li vedo messi molto bene, in quella sede.

  14. Mio Signore e Re donaci un mucchio di sacerdoti con le palle come padre Ariel. Siamo con lui, quindi lavoriamo per il tuo Regno!

  15. La profonda IGNORANZA con la quale Padre Ariel scrive questo post mi sorprende. Si definiscedottoe non riesce a capire che quella lettera (oltre che dovuta) ha a che fare con il discernimento dellesituazioni particolariche sono ammesse dalla Chiesa Cattolica.
    Le ricordo che ESISTONO situazioni nelle quali i separati POSSONO accedere ai Sacramenti; lei sta meramente cercando spazio per far crescere la sua fama ed eallo STESSO livello del Sig. Minutella.
    Chiudo dicendo che lei il coraggio di umiliarsi davanti a tutti come ha fatto quel Santo Vescovo non lo potramai avere; si chiama imitare Cristoha presente?
    Vorrei tanto chiudere questo post con parole al suo livello, ma lei, mihi credite,, non merita nemmeno le parolacce.
    Padre Roberto

    1. Padre Roberto,

      prendo atto che tu, oltre a non avere studiato teologia, non conosci neppure il Catechismo della Chiesa Cattolica.
      Non giocare sulle parole e con le parole fumose, almeno con me, ma piuttosto rispondi a due domande, anziché tirare in ballo terminimagicisvuotati di senso e usati a sproposito.

      Haec est quaestio,:

      La esortazione apostolica post-sinodale Amoris Laetitia, ha in qualche modo, directe vel indirecte,, abrogato le discipline ecclesiastiche contenute nella Familiaris Consortio Sancti Ioannis Pauli Secundi?

      E’ stata riformata, con una lettera apostolica o un Motu proprio, la disciplina dei Sacramenti, in particolare quella legata alla Santissima Eucaristia?

      Queste sono le domande alle quali devi rispondere, mentre ti invito a vergognarti per avere ridotto la dottrina cattolica e la disciplina dei Sacramenti a una esplosioneoserei dire d’isteria mestrualebasata sulla pura, irragionevole e irrazionale umoralità, oltre che sul sentimento soggettivo.

      La fede è altra cosa, la teologia è altra cosa, mi dolgo profondamente se non te l’hanno mai insegnato.

      P.S.
      Per quanto riguarda il presbitero scomunicato Alessandro Minutella, ti ricordo che di recente, Nam patres, et ex Patmos Island, hanno sollecitato il suo vescovo a voler procedere con gli ulteriori provvedimenti canonici. E l’ultimo provvedimento canonico sarebbe la dimissione dallo stato clericale, per evitare il perpetrarsi dello scandalo che egli sta dando ai Christi fideles,.
      igitur, il paragone che fai, è a dir poco assurdo.

      https://isoladipatmos.com/il-presbitero-scomunicato-alessandro-minutella-sta-avvelenando-le-membra-piu-semplici-e-quindi-vulnerabili-del-popolo-di-dio-i-padri-de-lisola-di-patmos-chiedono-allarcivescovo-di-palermo-di-vole/

    2. Hai letto con attenzione la lettera diRenato vescovo”?
      Ti sei accorto che, oltre ai separati si rivolge anche agli adulteri conviventi more uxorio ed ai conviventi non sposati?
      Lo sapevi che i separati sono cosa ben diversa dagli adulteri conviventi more uxorio e dai conviventi non sposati?

  16. ARIEL???? LETTERINA IN ARRIVO DA ROMA….HA HA HÁÁÁA
    MO TE SE N’CHIAPPETTANO…….

    MINUTELLA 2THE RETURN!!!

    1. [Ah, l’ennesimo messaggio insultante-aggressivo dall’inconfondibile stile settarista-neokiko …]

      Non ho ricevuto alcuna letterina, per adesso ho ricevuto invece numerosi messaggi privati di vescovi italiani che mi hanno mostrato apprezzamento per lo stile severo nella forma ma inattaccabile e impeccabile nella sostanza.
      Credo che lei abbia un’idea a dir poco surreale e falsata di quello che nella realtà è il mondo ecclesiale ed ecclesiastico.

      Per quanto riguarda il presbitero scomunicato Alessandro Minutella, il richiamo e il paragone è fuorviante e soprattutto fuori luogo. nuper,, Nam patres, et ex Patmos Island, hanno sollecitato il suo vescovo a voler procedere con gli ulteriori provvedimenti canonici. E l’ultimo provvedimento canonico sarebbe la dimissione dallo stato clericale, per evitare il perpetrarsi dello scandalo che sta dando ai Christi fideles,.
      igitur, il paragone o parallelo che tenta di fare, è a dir poco assurdo.

      https://isoladipatmos.com/il-presbitero-scomunicato-alessandro-minutella-sta-avvelenando-le-membra-piu-semplici-e-quindi-vulnerabili-del-popolo-di-dio-i-padri-de-lisola-di-patmos-chiedono-allarcivescovo-di-palermo-di-vole/

  17. Ma siamo davvero sicuri chePadre Robertosia davvero un Padre?
    Normalmente in internet, se si digita il nome di un sacerdote, qualcosa appare sempre.
    In questo caso non appare nulla di nulla digitandodon Roberto Bellario”, quale sembra essere il cognome dello scrivente.
    Non vorrei fosse l’ennesima presa in giro di qualcuno che si spaccia per sacerdote.
    Non mi sembra nemmeno il modo di scrivere di un prete o frate che sia
    Fuga procul dubio, una bella verifica la farei.

    autem, al di là di tutto, personalmente sono in disaccordo con quanto scrive, soprattutto quando paragona Padre Ariel a don Minutella.
    Se fosse davvero un prete poi, uno che si rivolge in quei toni ad un suo simile consacrato, non lo ascolterei nemmeno in una singola omelia.

  18. Mi pare inoltre troppo subitaneo l’intervento sconclusionato di “Vox populi”, solo a 9 minuti di distanza dal sedicente Padre Roberto.
    In così poco tempo avrebbe letto il commento del “patrem” e si sarebbe accinto a rincarare la dose, sempre su don Minutella?
    Sta attaccato al sito tutto il giorno per non perdersene una?
    Ma per favore
    Se cominciano anche a mistificare l’identità spacciandosi per sacerdoti o religiosi, si arriva proprio a toccare il fondo.

    Se poi mi sbagliassi, e Roberto Bellario fosse davvero un prete, chiedo scusa fin da ora.
    Ma ne dovrei avere la certezza.

  19. Al Vescovo di Belluno e al suo folto e pessimo gruppo di accoliti,

    quella madre che a Roma ha denunciato alla pubblica autorità il figlio assassino non ha forse usato carità nei confronti del ragazzo? Meglio chiuso in prigione a meditare, si spera, sui suoi crimini, o libero a commetterne altri?
    Chi ha orecchie da intenderepurtroppo vi hanno tagliato orecchie, cervello, ma soprattutto la comprensione del cuore.
    Ma non era meglio entrare nel Regno dei Cieli con un occhio solo, amputati di ciò che ci impedisce di camminare speditamente verso la santità?

    ex animo.

    1. … scusi, ma l’enorme pantegana che ho incontrato l’ultima volta dentro la mia fogna, era lei, o qualcuno che le somigliava parecchio?

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.