De poena mortis et novum “dogmata,”ecclesia: cur non habeat fiduciam: Adolf Hitler et Pol Pot ut nuntiaret sociali officia ab Antonio sacerdos Mazzi?

- Ecclesia nuntium -

LA PENA DI MORTE ED I NUOVI “DOGMI” DELLA CHIESA: MERITUM NON AFFIDARE ADOLF HITLER E POL POT AI SERVIZI SOCIALI DIRETTI DAL PRESBITERO ANTONIO MAZZI ?

.

I casi nei quali la pena di morte è opportuna e soprattutto necessaria, sono invero molto rari, se non addirittura, hodie, del tutto inesistenti. Non è detto però che dei casi molto rari non tornino a riproporsi domani; magis, in un mondo ormai degenerato in forme di inquietante decadenza umana e morale, nonché di violenza parecchio peggiore dei tempi precedenti, può anche essere che certi casi si ripropongano, forse persino peggio di prima e ancor prima di quanto ci si possa immaginare, si pensi solo al terrorismo di matrice politica o di matrice pseudo-religiosa.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

.

S: Pater Arihel. Levi di Gualdo durante una pausa estiva di lavoro in Sicilia, comitaretur liberaliter concurrat cum authentica Vip et inde agentibus et callidus militum virgam

Occasionem legentibus indicare mihi qui enim in nobis, qui non sumus vacation. Si 17 Published pluribus articulis est, quia nos non sumus Iunii retentum multis operatur, et congressus aequalium in aestate peregrinatione, tempus usus ad hanc novum organizationem In insula, quæ appellatur Patmos,, Septembris ab eo elevabit fasciculum coram novus vultus.

.

in page Theologica, Nos mox scriptiones binae pectora patres dixit de publish In insula, quæ appellatur Patmos,: unus est sanctitate et canonizationis, unus est humilitatem ac veritatem a principle gnoseologic. Et revertetur in September nos ad plenam workrate.

.

In situs blog et catholicos hodie vultus Accipiens è possibile trovare un esercito di laici cattolici apostolici romani impegnati e militati nel ruolo di teologi e canonisti, nonché di commentatori della Summa in raporto a «Marco Pannella che batte San Tommaso d’Aquino» [Cf.. qUI]. Ciò che di queste persone stupisce ed in buona parte diverte, è quella loro seriosità che procede a passo di danza col catastrofismo, privi come sono di qualsiasi senso di sana ironia. Ciò li porta a stare male ed a vivere male, di conseguenza ad indurre a star male ed a vivere male tutti coloro che cadono nelle trappole della loro emotività.

.

Olim, in un articolo dal titolo boccaccesco edito su queste nostre colonne, parlammo di qualche cosa di molto serio, sebbene quell’articolo avesse un titolo forte, sed exemplar intenditur profunda: "Ego gravissime pigliateli, pigliateli mihi asinum ' [Cf.. qUI].

.

Catechismus Catholicae Ecclesiae est ex Doctrina et nihil rideat. et tamen,, Qui scire historia Ecclesiae et maxime ad illa consilia, Scit eos decursu, Maior inter theologiam dogmaticam consilia, erat ingens flore Ironijs, repraesentatum a sanctis Patribus congregentur nell'assise. Non solum ut in novissimo: in qua cum Concilio Vaticano II intentionem beati Pii papae infallibilitas proclamarent dogma fidei doctrinalium, Mirabiliter Ecclesiae Patres hanc laborant inter coepit ingressum: "At quid esset ad caput posuit? Cum ad electionem sancti facti throni est a Papa, Nunc autem facti sunt non est aeterna Patris?».

.

Durante Concilii Oecumenici Vaticani II opere, Ottaviani Cardinal Antonio Bacci Alfrido Cardinalis dixit:: "Bene hoc est iam enim quaedam aetatis, maybe hoc facere propter youll 'mori magis catholici!». Et quod post damnationem conatus uti eo pro studio faciendi censuram dura Oecumenitum Concilium Vaticanum Secundum, Et non intellegetis et pura per ironiam, nedum quod Paulus VI Cardinalis Alfredo Ottaviani magnificata, ut in Encyclicis Litteris suis passus redigendis Humanae Vitae apicibus obtusis et prima opinio honorati, Cardinales Romani fideliter atque, Qui relicto officio, praefectum vigilum in officium pristini Sanctus, postea quam factus est ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei, usque ad annos 78 aetate, inter primos quinque annos sui pontificatus, id nullo subtilissimis. Ottaviani Alfrido memoria digna sunt verba perductis necnon Cardinali in posterum Sancti Ioannis Pauli Secundi funus ejus celebramus, qui volebat super personaliter 6 August 1979, memoria retinentes quoniam per annum ante, quod 6 August, simul reversus est Pater scriptor Domus, quod Summus Pontifex Paulus VI.

.

Instead accessit retro usque adhuc tempore, invenimus, ut cum ironia dissimulantiaque telum est finita cum adsint, et emittam furorem vera Ecclesiae Patres non dubitant esse inter se pugnantes sibi et accipies de pugna, quod factum est per Concilium Nicaenum Concilium anno 325 et alia sequens Concilium, tanto che gli imperatori — i quali all’epoca convocavano formalmente i concilî — disposero un servizio di guardia esterna, previo ordine impartito ai soldati di entrare dentro l’aula trullana per sedare eventuali risse, se fossero scoppiate. Obiter: era chiamata τροῦλλoς, aula del trullo, la sala del palazzo imperiale di Costantinopoli dove si svolsero i concilî negli anni 680 E 692.

.

Se il Sommo Pontefice Francesco I ha deciso di modificare e di approvare una nuova redazione del numero 2267 del Catechismo della Chiesa Cattolica dedicato alla pena di morte, bisogna partire anzitutto da un ovvio dato di fatto: egli ha deciso di esercitare le proprie sacrosante e legittime potestà. E queste sue potestà — che ripeto sono sacrosante e legittime —, non sono tali solo se piacciono ai laici cattolici apostolici romani impegnati e militanti, ma sono tali sempre, altrimenti finiremmo col cadere nella psicologia luterana al paradossale scopo di tutelare una non meglio precisata traditione catholica, poi appresso nella psicologia borderline di quella còlta, amabile e stimabile persona del Professor Roberto de Mattei e di tutti i suoi seguaci

.

vediamo come funziona questo particolare genere di psicologia in certi soggetti: se si tratta di discutere sulla riforma liturgica e sul Messale Romano promulgato dal Beato Paolo VI, haec circoli cattolici sono pronti a scatenare in critiche e polemiche di tutto e di più [Cf.. qUI, qUI, qUI, qUI], se invece si tratta di discutere della Humanae Vitae, dove i temi trattati toccano il tema dei temi, atque et peccatum maximum peccatorum, omne id quod per accidens se habet ad sexualitatis, in hoc casu illud usque ad medium punctum firmamentum, Non ridiculus damnationem, quod vetitum est dog maticum fundamenta contraceptives. tum, si beatus Paulus VI venire ad hunc nuntium - quod manifesto eam pervenire non potest -, Hic autem putaverunt aliis, ita ut per eam corrigere magis duram [Cf.. qUI, qUI].

.

Legendi, exempli gratia, diarii Ecclesia,&Post Concilium, qui habet centum cognatae quae actuales in archives despicit beatus Paulus VI, ut Concilii Oecumenici Vaticani II referred inclementer sicut a 'secretum testimonii,, dum ab eo Missali post editiones eiusdem liturgici operis est referred to as "O haereticum comprobabit" et "protestantica missa ', nos animadverto ut simul misceri non dubitant pontifex sanctus est Lorem fabulosa de heros in anti-servitutem Leucophrynae perfugium Iohannes, Summus carmine laudes, gloria, gloria alleluia!» [Cf.. qUI] cum fit pro quod ban - quod inde sine dicens, Const! - uti contraceptives [Cf.. qUI]. in brevi: liturgicae reformationis et Missalis Romani a B. Pauli VI, qui "Protestantium haereses sola interemisti", Et missa est results 'protestantica missa', dum pro vetitum contraceptives est dogma - quamquam non declaratam ab Ecclesia Catholico -, in quo non fit argumentum [Cf.. qUI]. Etenim meminisse operae est quod locutus est, quamquam quid, primo scire oportet sapientibus catholicis interdicere usum contraceptives, Est ecclesiasticae disciplinae, quae non dantur ex hiis pronunciasse proponitur per magisterium solennes, Summus Pontifex Paulus VI iustus erat [Ego referre ad priorem articulum, qUI].

.

Ne aliqui in tristitia et in modis impetro in trahebatur ineptum absurdum in sua semper seriose, pro discere et ad "accipere defricatus urina ', quia in eo causam, rideat et sanus intelligentes, magna pars est salutis eschatologicum, tum durare non esse lectionem sancti, sed super omnia est perfecta per actum Christiana caritas.

.

In antiquis temporibus, vel ut ita dicam, in satis alio meae, Memento mei iuris sum, quod in studiis non poterat per, voces creatae sunt interesting et de pluribus aliis condiscipulis meis et variis academic articuli numerus 139 de quo dicitur Italica Constitutionem: "Publica est forma et esse sub constitutionalis emendationem ad". Haec disputatio maior minorve rationibus: Videtur quod intelligere natum ex influentia primi uictoria referendum, popularibus per quem elegit in Italia segnius rem publicam in loco de Sabaud 'monarchia, similis verbis, Non intravit expressio theologiam dogmaticam, verum etiam in laicali carta Constitucionum?

.

De eadem quaestione potremmo applicarlo alla nuova formulazione del dettato del Catechismo, il cui precedente testo recitava al numero 2267 :

.

«L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani. quod, sed, i mezzi incruenti sono sufficienti per difendere dall’aggressore e per proteggere la sicurezza delle persone, l’autorità si limiterà a questi mezzi, poiché essi sono meglio rispondenti alle condizioni concrete del bene comune e sono più conformi alla dignità della persona umana. hodie, in facto,, in consequenter ad possibilitates quae Statui praesto sunt ut crimen efficaciter reprimatur per hoc noxios interemerunt eum qui sic operatus est, deseramus forte ad religionem instaurant:, reum causam faciendi necessitas «admodum raro, si qui omnino iam reapse nullae ''.

.

Et Franciscus Pontifex me, Exsequens suam et summa auctoritate legitima decorati, Et hoc est placuit ut eliminate exitus Catechismi conceptum 'hoc est, cum solum viable modo ", ideo que ultimum "reum causam faciendi necessitas« admodum raro, si qui omnino iam reapse nullae ''.

.

Omnes prior egressus est ad explicandum ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei Qui in officio suo iam creari attinebat ad id de egregie condiderunt, [See full text qUI].

.

Multi enim sunt mihi et quod cogitavi me et si hoc necessarium fuit realiter. Ego puto quod non habet locum in respondit dicens, Ego sum ego et alii mecum altius sacramentalis potest ad utrumque crimen ecclesiasticum, summi magistri doctrinam fidei. nec minus, Ricardus Cascioli certamine totis vulputate vel laicus in uigiliarum New Daily Compass, ut appareat ante legitimum actum magisterii ira, si a punctis positis in "i". Certain ruina in Gestis decisions eo August beatas Scandere sedes ad Pontificem deferant, cui non re disputationem in, illi ex Pontificiis, qui non est nimis longum est ponere, vel ut nunc coepi ludens in in periculosum theologia, ecclesiologiam ostendentes secundum iura canonica,. in brevi, qui postquam ad vesperam elit blockbuster dicatum Quod decem praecepta decalogi [anno 1956] cum fabuloso Yul Brynner in Pharaóne, et in partes Aegypti, Et postero mane experrectus credere opem ferri a studiorum sopraffini. Et aliquis, Ita graviter accipies? Ecce id quod significatum est dicere, qui abhinc mea articulum, ad utilitatem »tibus obturaculum" quod sit actus caritatis perfectae [Cf.. qUI].

.

Quae causa alia, si quis quaerit quid putatis quia inaniter mihi facultates tantum academicos gradus et quasi pure, quia tunc non possum respondendum est numerus 2267 del Catechismo della Chiesa Cattolica era stato redatto con grande sapienza ed equilibrio sotto il pontificato del Santo Pontefice Giovanni Paolo II e che tale poteva essere lasciato. Sappiamo però bene che oggi è subentrata nella Chiesa anche un’altra moda: da una parte si beatificano e si canonizzano i Pontefici, semmai pure in un battibaleno, dall’altra si riformulano in modo diverso le pagine del loro sommo magistero. Anche questo rientra però nella piena e ordinaria legittimità, tanto che negli àmbiti di governo della Curia Romana c’è un detto molto esauriente che recita: «Un Pontefice bolla ed un altro sbolla!».

.

In casibus in quibus oportet supplicium e necessaria sono invero molto rari, se non addirittura, hodie, del tutto inesistenti. Non è detto però che dei casi molto rari non tornino a riproporsi domani; magis, in un mondo ormai degenerato in forme di inquietante decadenza umana e morale, nonché di violenza parecchio peggiore rispetto ai tempi precedenti, può anche essere che certi casi si ripropongano, forse persino peggio di prima e ancor prima di quanto ci si possa immaginare, si pensi solo al terrorismo di matrice politica o di matrice pseudo-religiosa.

.

Adolf Hitler videtur quod liberum arbitrium scelus suum ad mortem in testudine munitum Berlin. Si hoc non est, Analysts dicunt semper auctores belli esse crediderunt, ut saltem duo annos,, et stillabunt te usque in exitium sui ipsius Germaniae.

.

Saloth Ser, better known as Pol Pot, infigo est reus mortis generi valet suamque tormentis numerus enim annorum illius incomparabilis cruciatu, postremo inciderunt in typical paranoia dictatorum, principium 1997 caepit inimicos, usque ad occidere Filium eius adiutori constituto inter Sen maxime fidelium, nisi se iungeret nec potuerat, cum imperium. paulo post, et princeps militum a Khmer Rouge iussit captis Pol Pot de custodia et ad vitam in domo comprehensionem. Casibus deinde variis, Aprilis 1998 è annunciato che i Khmer Rossi hanno deciso di consegnare Pol Pot ad una Corte Internazionale di Giustizia. La notte stessa dopo l’annuncio dato, il dittatore sarebbe però morto a causa di un infarto.

.

Lasciare in vita certe figure simbolo, mutate da consistenti fette di popolazione in veri e propri idoli, da sempre vuol dire — e lo sappiamo molto bene —, favorire la continuazione di guerre con tutto ciò che in prezzo di atrocità e di vite umane questo può comportare. Non solo è per ciò necessario sopprimerli per il supremo bene di popolazioni intere, ma è anche bene che la loro condanna a morte avvenga pubblicamente, o che sia documentata da fotografie e da filmati, per togliere in tal modo ogni illusione agli indomiti illusi assoggettati al plagio di certi ducibus. E certe illusioni possono essere tolte solamente mostrando alla popolazione assoggettata alla tirannide la soppressione e la fine inesorabile del loro idolo, dinanzi alla quale decadrà il meccanismo del plagio, semmai lasciando spazio ad altre conseguenze, basti a tal proposito ricordare l’ondata di suicidi che attraversò la Germania dopo la caduta di Hitler. O abbiamo forse dimenticato che mentre la Germania aveva perduta ormai la guerra ed era alla totale disfatta, si misero ad arruolare ed a mandare verso la morte degli adolescenti di quindici e sedici anni, mentre una gran fetta di popolazione era sicura che entro breve sarebbe stata completata e usata la «grande arma segreta»?

.

Forse il Sommo Pontefice Francesco I, assistito da una grazia dello Spirito Santo del tutto speciale, avrà ricevuta una particolare illuminazione che lo ha garantito che mai nella storia futura si presenteranno di nuovo certi casi. E qualora si presentassero, a quel punto provvederemo ad affidare qualche novello Adolf Hitler o Pol Pot ai servizi sociali gestiti dal Presbìtero Antonio Mazzi, affinché sia portato a compimento il loro pieno recupero, perché come ci insegna quel sapiente “Padre della Chiesa” di Jean Jacques Rousseau: l’uomo cattivo non esiste. E se esiste, ciò non è colpa sua, ma della società, della storia …

.

Alla domanda se sono contrario alla pena di morte, rispondo da sempre sì, lo sono, ma non in modo categorico e assoluto, o per dirla impropriamente: in modo “Const”. Come infatti ho poc’anzi spiegato, possono proporsi dei casi rarissimi, volendo anche unici, nei quali è doveroso per l’altrui salvezza sopprimere un essere umano. Credo inoltre che più grave è il crimine commesso e più bravo deve essere il difensore che esercita a favore dell’imputato il diritto inalienabile alla sua difesa. Mai condannerei alla pena capitale il peggiore degli assassini seriali che si è macchiato degli omicidi più efferati, perché una volta condannato e incarcerato a vita, non costituirà più pericolo alcuno, magis, non è detto che nel corso degli anni, durante lo sconto della sua pena, non si ravveda, come non rare volte è accaduto, persino nell’ambito delle cause dei Santi, basti ricordare a tal proposito l’assassino di Santa Maria Goretti, Alessandro Serenelli [1882-1970], che con la corona del rosario in mano, inginocchiato in una cappella laterale, assistette nel 1950 alla cerimonia di beatificazione di questa nostra amata eroina della carità. hodie, le spoglie di Alessandro Serenelli riposano nella stessa chiesa in cui è stata sepolta mamma Assunta, la madre di Santa Maria Goretti. Se Alessandro Serenelli fosse stato processato e condannato a morte per il suo efferato omicidio preceduto da un tentativo di stupro, avrebbe forse mai avuto modo, dopo lo sconto della sua pena, di chiedere perdono in ginocchio alla madre della eroica fanciulla, od avrebbe potuto vivere una vita autenticamente santa all’interno di un convento di Frati Cappuccini, lasciando un breve testamento spirituale che costituisce, nella sua essenziale brevità, una vera e propria sintesi della teologia della redenzione? E qui merita citare le sue testuali parole:

.

« Sono vecchio di quasi 80 aetate, prossimo a chiudere la mia giornata. Dando uno sguardo al passato, riconosco che nella mia prima giovinezza infilai una strada falsa: la via del male che mi condusse alla rovina. Vedevo attraverso la stampa, gli spettacoli e i cattivi esempi che la maggior parte dei giovani segue quella via, senza darsi pensiero: ed io pure non me ne preoccupai. Persone credenti e praticanti le avevo vicino a me, ma non ci badavo, accecato da una forza bruta che mi sospingeva per una strada cattiva. Consumai a vent’anni il delitto passionale, del quale oggi inorridisco al solo ricordo. Maria Goretti, ora santa, fu l’angelo buono che la Provvidenza aveva messo avanti ai miei passi. Ho impresse ancora nel cuore le sue parole di rimprovero e di perdono. Pregò per me, intercedette per me, suo uccisore. Seguirono trent’anni di prigione. Se non fossi stato minorenne, sarei stato condannato a vita. Accettai la sentenza meritata; rassegnato espiai la mia colpa. Maria fu veramente la mia luce, la mia Protettrice; col suo aiuto mi diportai bene e cercai di vivere onestamente, quando la società mi riaccettò tra i suoi membri. I figli di San Francesco, i Frati Minori Cappuccini delle Marche, con carità serafica mi hanno accolto fra loro non come un servo, ma come fratello. Con loro vivo dal 1936. Ed ora aspetto sereno il momento di essere ammesso alla visione di Dio, di riabbracciare i miei cari, di essere vicino al mio angelo protettore e alla sua cara mamma, Assunta. Coloro che leggeranno questa mia lettera vogliano trarre il felice insegnamento di fuggire il male, di seguire il bene, semper, fin da fanciulli. Pensino che la religione coi suoi precetti non è una cosa di cui si può fare a meno, ma è il vero conforto, la unica via sicura in tutte le circostanze, anche le più dolorose della vita.
Pace e bene! »

[Testamento di Alessandro Serenelli, 5 May 1961]

..

Ribadisco pertanto che il “mi piace” o “non mi piace” la riformulazione di questo passo del Catechismo della Chiesa Cattolica è faccenda del tutto irrilevante, perché il custode della dottrina e della fede non sono io, meno che mai lo sono i critici laici cattolici apostolici romani impegnati e militanti, ma lo è il Sommo Pontefice Francesco I.

.

In caso contrario si rischia di finire in modo inglorioso e pericoloso come il presbìtero palermitano Alessandro Minutella, che vantando a ogni piè sospinto di avere conseguito ben due dottorati in sacra teologia — come se essi fossero garanzia dogmatica di sapienza e santità —, senza però avere con ciò capito neppure i fondamenti della ecclesiologia, sta scandalizzando e disorientando il Popolo di Dio affermando che la Santa Messa celebrata «in comunione con il nostro Papa Francesco» è invalida e non c’è transustanziazione, in quanto a suo dire «l’eretico Cardinale Jorge Mario Bergoglio non è il legittimo Pontefice, ma è un antipapa eletto dalla Massoneria» [video video, qUI, qUI]. Per seguire appresso con tragiche amenità di vario genere, nelle quali mai nessun cattolico deve cadere, quia hodie,, il novello eresiarca Lutero è diventato molto più subdolo e raffinato di ieri e si presenta come un combattente illuminato dallo Spirito Santo di Dio e dalla Beata Vergine Maria per la difesa della vera Chiesa, della vera fede e della vera tradizione. Purtroppo però col risultato di sempre: guidare le anime alla ribellione verso Pietro e quindi verso la perdizione.

.

Possiamo dire con tutto il garbo e la devozione a lui dovuta che l’uomo Jorge Mario Bergoglio non è perfetto, che come dottore privato ha mostrato segni di imprudenza e di ambiguità, di carenze pastorali e di governo. Egli è difettoso, proprio come lo era Simone detto Pietro, che di difetti e di limitatezze ne aveva forse parecchie di più di questo suo futuro Successore. Ma quando Pietro ha parlato in materia di dottrina e di fede, a quel punto si tace. Quod, per difendere il proprio soggettivo Cattolicesimo, si rischia davvero di cadere nelle forme peggiori di Luteranesimo.

.

.

De Insula Patmos,, 3 August 2018

nel giorno della nascita al cielo del Cardinale Alfredo Ottaviani

[Roma 29 October 1890 - Roma 3 August 1979]

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

About isoladipatmos

5 cogitationes on "De poena mortis et novum “dogmata,”ecclesia: cur non habeat fiduciam: Adolf Hitler et Pol Pot ut nuntiaret sociali officia ab Antonio sacerdos Mazzi?

  1. Caro Pater, condivido in tutto la sua analisi. Fatta salva l’obbedienza dovuta al Pontefice, sorgono però alcuni dubbi:
    1) di natura giuridica: in molti notano che il CCC non è il Denzinger. Bisognerà aspettare ulteriori chiarimenti?
    2) Stiamo parlando di una materia a cui si applica il criterio del III grado di autorità, per il quale è richiesto l’ossequio della volontà?
    2) È troppo affermare che quindi la pena di morte è un intrinsece malum? Se mai si dovessero presentare occasioni analoghe a quelle da lei citate (un dittatore-simbolo la cui non uccisione comporta non arrestare la scia di morte che lo accompagna), che dovrebbe fare un cattolico (magari giudice)? Non si rischia di cadere in un peccato di omissione?
    gratias ago

  2. Il filosofo totalmente laico Guido Calogero, in difesa della sacralità della pena di morte, chiedeva che fosse eseguita non dallo spregevole boia, ma dal capo dello Stato, unico Pontefice tra la maestà dello Stato e l’espiazione-redenzione del reo. Il che sarebbe in perfetta sintonia con la sacramentalità della Chiesa, se solo esistesse ancora, a un qualsiasi livello della società sia laica sia religiosa, un minimo senso di serietà, da non confondere con la seriosità alla quale padre Ariel riserba un non invidiabile trattamento. Perciò una decisione pontificia in merito può essere legittima in punto di diritto, ma hic et nunc è molto dubbio che sia seria, che sia saggia, e che sia rilevante.

  3. Gent.mo padre, per comprendere come vada intesa la nuova formulazione dell’articolo 2267 del CCC le propongo un esempio, forse surreale ma possibile in determinate condizioni socio-politiche.

    Ammettiamo che la legge di uno Stato per il reato di strage ammetta solo la pena di morte e nessuna forma di detenzione, neppure l’ergastolo. Un giudice cattolico di tal Stato, chiamato a giudicare uno stragista reo confesso, filmato mentre compie l’efferatezza e capace di intendere e volere, deve assolverlo per non peccare mortalmente?

    Da come avevo inteso la formulazione precedente, che tollerava come extrema ratio (ma non ammetteva affatto la pena di morte come misura ordinaria) la pena di morte avrei risposto di no: poteva condannarlo a morte e non commettere peccato mortale, essendo l’assoluzione di un reo e la possibilità di una sua reiterazione persino peggiori della sua morte. E con la formulazione attuale?

    La ringrazio per i suoi interessanti articoli e spero vorrà rispondermi. Non è la prima volta che cerco la certa continuità col passato in atti magisteriali di Papa Francesco (penso alla nota 351 di Amoris Laetitia) e vorrei riuscirvi anche stavolta. Un caro saluto.

    1. care Lector,

      questo suo quesito, riguardo ilgiudice cattolico”, andrebbe posto a tutti i politici democristiani cosiddettibaciapile”, specialisti sopraffini nel voltare le carte in tavola e che hanno firmato a suo tempo la Legge sull’aborto, nascondendosi poi dietro al dito del«è stato un atto istituzionale dovuto».
      Nella stessa situazione, il Re del Belgio, Baldovino, con uno stratagemma costituzionale, abdico il trono per un paio di giorni affinché la Legge sull’aborto non passasse con il suo nome.

Leave a Reply