Vituperatus et ioculatio: criminibus sententiam, vel scientia ficta conventu ultro contumelias dicerent ad gay? Lets uti communis sensus in casu de eam Silvana liber De Mari et discessisset ab distribution by Amazon

- Ecclesia nuntium -

Et ulva AD CRITICUM: OPINIO DE DELICTIS, Free science fiction or iniurias Gay Community? DE CAUSAE silvana utimur common sense in libro de mari et ex Amazon Records

.

[…] orci experts consultabant de his dicta Doctoris Mari Silvana, illi responderunt, quod quaedam de numero feminarum sexus et exercitati ani - nam interdum et causas socialis-, et pluribus invenitur Gynaecologists Obstetricians, ad punctum ut orci statistica publica data sunt habiti et in hoc sensu,. Sed non videtur quod ad ani sexus ab usu feminae non pertinet ad quaslibet pathologias indicavit de hac specialist relationes homosexuales praesentat.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

Morbi a concubitu et a Mesopotamia, Sylvaticus plaque depicting ani figuratur in primo secundo millennio aCn. ac in publicam conferre possint museum archaeologicum de Israel de

Ego appreciate Silvana De Mari, specialist generatim surgery et endoscopy, de quibus in articulis legi est veritas, etsi non semper cum sua digeruntur,. In facto, credo quod necesse est numquam conversus in personalis appreciation discrimine cultus,. Cum enim homo apud nos, necesse est ponere in faciem claro positions ejus,, sine discrimine amissis in sensu tum etiam analyticae. Sine igne passionis sancti persona detestantes, si prudenter positivum elementum canaliculatus, quam ob intemperantiam libidinum Plura potest.

.

De Mari locis nonnullis sententiae Doctoris Silvana quaestiones de quibus in pauca decerpsi, Homosexualitatis problema ac cum causa eius quod est corporalis expressio, non opus est tronis persoluto ager autem prudentiae non solum medicas sed etiam in medicina facit aliud cum iis qui in illa multidisciplinarity Catholico moralis et pastoralis,. E dico questo non tanto in riferimento ai soggetti direttamente interessati ― le persone con orientamenti e attitudini omoaffettive ― ma in riferimento alle pratiche e agli stili di vita sessuali che l’omosessualità si trascina dietro.

.

Confidenter nimis relinquens passion liceat in tractandis rebus agunt,, newspaper columnist iuvenes facere quicquam, quam massa suscepto munere est, ratione ethica spectata est et massa et si est qui hoc dixit medico, Ergo scientia quae ex observatione orci studiis providere notitia amet, tum caeco lateri possibilis exitus et illiis Deadlocks. Quia affectus eius de libro De Mari tempestas tardus est Silvana Non lets 'adepto clauso, Nuper Amazon animadverterunt ex in distributio network online. Et libellorum domus fidei,&cultura cum quibus auctor huius libri expressit eam editis ediximus, cum hoc facit per Aenean interdum accumsan luctus a Zenone, publisher Iohannes:

.

«Die Veneris nos an email accepi a nobis dicens Amazon est enim in libro De Mari Silvana, Non lets 'adepto clauso, remotum a sale, et in utroque print book guidelines quasi violat Amazon scriptor (quod vero per se narrat de usu medicorum quod ex sodomitic)» [Cf.. qUI].

.

Hoc Publishing hodie conqueritur, qui dictaturam forsitan et portis martyrii, Pater noster Ariel sit cogitare de S. Levi Tadinensis, quam in publica domain, editorial et omnia quae nationalibus television non est ignotum. Sicut sacerdos habet quod ille theologus addressed rebus ad sponsionem implementi horum Homosexualitatis problema ac pluribus temporibus orbem terrarum, Item transmissiones vivere amplius loquor ad te et bene notum aliqui fautores huius mundi, uti, ubi opus est, multa in severitate et moderatione arbitrium sustineat fundamenta generationis et catholicae doctrinae de moribus doctrinam, non quidem opiniones. In episode Linea et inversa Dei VIII Octobris 2020 Honorable in Alessandro ZAN g ambitio in libellum de transomophobia. days ago, in una sui published articles in nostra magazine 17 March [Cf.. qUI], Paulus loquitur amico Poli - lineas quibus patet quomodo se amat -, uti sermone hoc autem litteris, non CONDITUS seu turpi sive scaenicae, fecit ergo ironiae variis references to "fags", nunc terminus referenced - recte - maleficia pro eo ordine quo de gay possunt aliqua agere ut iure, quaedam petita et obtenta damnationem qui publicae insultarent quasi naturalem hominem, hilaris aut totum coetum. Sed quid est quod pressius hic non dextrae: Ariel semper est Pater reprehenderetur sponsionem implementi horum lobbies, quod opponitur ad turbas de media IMPUDICITIA, ut Gay superbia, ut pompa Romae antiquissimum symbolicam ponit ante semper adversa conantibus christiana doctrina impositionem tributis genus. Et scripsi hoc in omnibus libris editis et per nostram edition, quae non divisit in Amazon, et illi sint typis in duo opera Europae printing et Anglia in Belgium sita est. Ita ut 'depend «in servitium Amazon optimum, ut quae ibi sunt, consociantur ut edition, non modo for sale online, sed etiam pro printing et distributio. Et propter hoc ex Publishing Date fidei,&cultura qui queritur forte censuram hinc illinc martyrium portarum, ille admirans: quare nusquam cum Patre natum fuerit quaestionis referetis Ariel de libris? super omnia, propter hoc non prius Septiciae sponsionem implementi horum associations, non obstante autem eius constituit debut usque in sem vivet, quod 31 October 2019, maxime vero affirmare homosexualitatem ante aliquot: "Tonight videtur esse minimum in theatrum queer!». Faceta verborum miscetis, scilicet hyperbolica, qui fecit mundum et ad sponsionem implementi horum dimensiones in risu. Quid, exponentibus ad sponsionem implementi horum mundi, et hoc sacerdos vident et theologus "aemulus 'significat cogitationem boni, qui catholicam illustrarent doctrinam, secundum mores et ideas in se portat deinceps, cum in medico specialist Silvana De Mari vident hominem irriserunt qui a toto conventu suo? Hoc est respondere et ad quaestionem quaerere, cum criminalis enim judex Court Eugeniae Vita Melanius Cafiero rationem explicat in damnationem de reo qui damnatur, quia in manu eius tenendam legem illam scripsit blog: "A vult ad sponsionem implementi horum motus et incepta vadit opinio exstinguunt fiduciam paedophilia magis ac magis ', mentre le altre affermazioni nei riguardi della comunità LGBT non sono punibili perché «la facoltà di manifestare il proprio pensiero è un diritto costituzionalmente garantito [...] Non è dunque il pensiero a essere processato ma la sua offensività al bene giuridico protetto in sede penale», hoc est, iisque adiunguntur paedophilia habentem subditos cum identifiable collective, ad sponsionem implementi horum civitatem.

.

From the Publisher scriptor press release autem fidei,&cultura alio modo ex circumstantia auctoris liber de periculo rei publicae forma ac falsa, Et ideo non immerito dignum foro palam subtractus, quia asserit homoaffective veneris praestemus in usu ex parte medicinae maxime nocivis. Quid suus 'iniuriam? Quod falsum asserit,? Et scientific notitia Quod medicinae fuisse mutatum? Quod vera omisit? In specie agitur de oratione ferri ex in summary De Mari specialist generatim ab Doctor Silvana endoscopy et surgery est relatus in librum exitus fundatur super simplex observationis: hinc est, et massa sexualem relationes homoaffective anatomically esse in modum agentis ad intellectum possibilem obicit in finalis accentus organicum pars intestinum. in facto,, , et trauma esset myrias de microlacerations fieri in difficili atque ima corporis parte muri, et canalis analis ex his compatible ut superior coles anatomically non agit in naturale eius debent. Hoc ducunt ad condiciones magni dolores et periculo sexually traducitur morbos transfusio expediatur [Cf.. qUI].

.

Est ut videtur, quod nihil mali medicorum sententia in hac specialist, sed quid ego similis ad designandum quod non est quaestio de general homoaffective sexualis sphaera, orci experientia et praxi in tantum ut actio quae habebat potestatem ad convergunt in observantiam sibi tamquam medico annis. Errat enim, si ita est,, I. Praepositivus extremam de quaestio est de general, et univocationem quae ab experientia in casibus tantum tractata.

.

Lectores volumus admonitos quod mali mores sunt in venereis, sed etiam valere Unius heterosexuals. Ubi de Ecclesia loquitur appropinquetis uxoribus vestris "humano modo in 'non referendo ad ipsa sit habitus naturalis, physiologica et anatomica, sed etiam munus et rela- tionalem. Omnes modo alte cadere de proposita re disseruisse depravant sexualitatis species, quae ipsorum propria est et a Deo ordinata ad, relinquens sicco effectus omo et heterodirect, cuius pars est animi, et super omnia prae oculis habeatur oportet. Si volumus hoc ideo oportet rhoncus dilatare orationem redigit, si aliquid, certis casibus By analyzing, quia talis non est absolutum. A bonus specialitas, medicus debet experiri, ut quanta imaginari plures sacerdotes, in ministerio exercendo sunt adversus cum mulieribus petitiones assidue vexarentur ob nefarios coitus exigerent aliud de maritorum, perueniunt ad sex comites histrionibus interdum quis pudor boyfriends. Et generaliter omnia silentio segni praeteriret, quae justificat et includit omnia munia in normalitatem iam de mulieribus ad viros. Hae puellae saeculorum, Haec una consolatio est ante exitum et dialogum fraternum ac simplicem confessarium vel spiritali, ut remedium adhibere est angi ex animi inordinationem, et excitatur in anima.

.

Sed nos oblivisci simul existentia, quae si studium videt aequum sexus in PRECATOR ad aliud sexualem servicia sicut a sociis eorum,, et si aliquid huiusmodi petitiones ipsum moveat, quia nec usum sodomiticum amatorios sed omnino ad consecutionem gravem erga mulierem. Hodie non invenietis: et ipsi sacerdotes ad hoc etiam habent: feminae, praesertim iuvenes, et petere aliqua servicia et eorum qui nolunt, saepe cum ipso per aliquas petitiones tetigit.

.

Haec et alia Credo enim quod usus dictaeque in excessu dell'ano multitasking non est subiectum scientiae pervestigatione in libris D. De Mari Silvana, neque censurae et Amazonum O populum. In facto, haec sunt nefarios coitus exigerent explanare altiusque in ea versari potest in vita communi, et gravi casibus multo amplius, medically tanto discrimine et moralis plures in discrimen adducantur. In societate nostra credens liberantem se coitus fasque est aliquid moralistico quam silentio silet silentio tot pauperum qui quotidianum martyrium oriunda ex libidinis non intelligitur liberandi amicum de homine.

.

Nam paucis sacerdotibus ut sicut nos de tres patres In insula, quæ appellatur Patmos, voluptatem sequi pretiosum fuerat cursu suo tempore Audiendas in praeparationem ad Sacramentum Paenitentiae expiati exercitatio apud S. Petrum, et ipse non poterit effugere per exemplum in GIGA Google et suasiones S. Alfonsus Maria de 'Liguori. Tempore sanctus antistes Pagani, ultimo moram intestinorum, in multitudine populi ignorantia aspero, disciplina civitatis, inter hominem et jumentum, et e converso;. Nobis homines evolvit, aut sponsionem implementi horum ethero, l ano multitasking quod altius cognoscere studuit philosophiae maxime placeat hedonisticae "fortes" limitem morum pertinent ad varia objecta sua introductionem, ut pugnus, ut in summa pede usu fisting. Quid aliud haec omnia, nihil ad veritatem et fornicationes suas medicorum omnium rerum scientific sermo et moralis per effectus.? Quare nec focus tantum in sphaera homosexuales et heterosexual in uno scorto abuti debuere? In facto, nos scire a orci in quibus casibus mulier ex illa scientia tractata, iunctionibus homosexualibus inter population, et plus evidenter patet quod dictum orci pathologicum de historia eorum comparari cum praesenti heterosexuals? Alioquin hilares explicationes in periculo versantur quales in humore in irrisorie experiri et ludere doctus a sono ens gay amicus patres nostri In insula, quæ appellatur Patmos,, qui aliquando de usu discussing ani sexus, dicere orditur:: 'Tertium dicendum quod mulieri non licet, numquam! Quia est contra naturam eorum '.

.

Non omnis elit et per internum medicina gastroenterology et urology, multa inter catholicos, qui cum collega Silvana De Mari. Dicunt quod medical professionis et socius ex ea masculorum, pro lifestyle, exposito genere significant quasdam etiam quidam carcinomata pronior, comprehendo a colorectal cancer, omnes sine ulla generatorum omni procreatione scientiae testimonio comprobatum omnium minimum Statistics, massa massa est realiter, alia censura gags.

.

Atque in eo sensu orci experts consultis peritis Eodem modo haec praedicta de Mari et querelis Doctor Silvana conectere, illi responderunt, quod quaedam de numero feminarum sexus et exercitati ani - nam interdum et causas socialis-, et pluribus invenitur Gynaecologists Obstetricians, ad punctum ut orci statistica publica data sunt habiti et in hoc sensu,, hoc quoque usu coniunctus est in relatione ad alia locorumque condicionum de Italia. Sed non videtur quod ad ani sexus usu coniunctus est per mulieres, ut ad quaslibet pathologias indicavit hac specialist, si aliquid, ut non sit ex infectio in casibus virorum tum feminarum, et in absentia satis et ne prophylaxis. Ideo re petita quod in his quae non sunt manifesta sufficienter publication et perspicuitati conducit atque ad scientific. Et sunt errata, in criminalibus et civilibus rebus, pretium non potuissent aliter quam sunt,, si pars affectus est gay VESTIBULUM de quo possimus etiam de susceptione, magis constet arbitri, sed etiam ut simul nos debemus vitare quin is pointed out and hit scientific rationes efferant, et absque sustentaculis.

.

Ego video periculi ut homines etiam magis gay ghettoized, quia tutus a genus morbis, Corpus illius quasi faventes foramen iustificat iura praecipitis victimization generante quales proponuntur parliamentum, I am seriously manifesto referendo ad ZAN g-Scalfarotto libellum quod potest ad in periculo versantur in criminum ex sententia ut rursus adveniat. Quia sicut pater dicitur ad Ariel Honorable Alessandro Zan progressio ex eo Linea et inversa Dei VIII Octobris 2020, simulque ostendens quod personale inimicis suis in opinions at certe non episcoporum Italiae erexit tot voluminibus involverunt, knowing effectus produci per similes leges Transierunt in aliis regionibus mundi per applicationem ex quo iam habuit plures episcopos et sacerdotes habere damnabile, secundum domini curiarum solum quoniam dicitur, quod matrimonium sit tali modo inter virum et mulieris, et puer can nisi natus sit a patre, et matrem,.

.

Ad haec concretam facultatem contemplandi huius legis quae addere ad quaslibet pathologias related poena quod divinum est peccatum lifestyle. Quod si aliquando adulescentes ad tenent masturbationem caecorum colonia hodie non sufficere putantur aut rectalis cancer hoc fortasse esset consecutio ex intestinis in usum unius.? Nos animadverto quatenus talis est ut mundana, unde promereretur eloquia, et risu ad nos catholicos, urgere penitùs videntur, sive sexophobics irrecuperabilis.?

.

Quod si opus est ut faciam iudicia et resistentiam Ergo oportet incipere ab opere diu anxius, ad frequentes agros probat duram et in diversa doctrinae, itemque consociationum ProLife abortum fecit ad legitimam dismantle. Hic modus agendi non est nisi vel ex parte exstat in - quia et, qui dicunt eam -, ludum impetum et vigilanti iudicio subiectum faciliorem per sponsionem implementi horum institutorum petendam, quod judicia habetis ut omnis populus et doctor Silvana De Mari, cum Eruci crimina solus propter subscriptionis in criminalibus homophobia quod tunc non recipit illa sphaera afficit sententias, quae nec ad potentiam ad idem ius constitutionis nisi quam ultro intentionalitas in cogitatione ejus sicut cogitavi tradita underlying. Itaque exemplum dedi patribus nostris Pater suscepit linea Arihel In insula, quæ appellatur Patmos, In theologia pastorali eros ecclesialis adaequationis: nostrum opus manus ut sacerdotio fungerentur, sive theologi sive pastores animarum cura est de peccato damnaret peccatum in tempore certam viam,, sed semper accipit peccator, praesertim pessimus peccatorum. tum, cum aliquis peccator excusat, si debet gratum est de loco dici ius peccatum transiens per bonum in malum, sine ulla dubitatione dicimus semper respondendum, quod peccatum non possit esse recta et non accepit in.

.

Vertere nasum suum Fortasse aliquis erit usque ad haec verba, sed sit ingenio perspicaci, ac tutati hodie, oportet nos modis omnibus quibus poterunt. Non martyres Evangelium enim est doctrina Ecclesiae ex laudabilis, sint propriae passiones vel paulo minus imprudentia. Et per id omnia bona voluntate salvis, quae statim nota sunt. haec, fratres mei ad me, Ego sum paenitet enim doctor Silvana De Mari, manifestum est ex passione, sed contumacia mulier vivit, quod similiter aliis Christianis fratribus incitare possunt,, cum omni voluntate boni ex causa, et paulatim ad infirma, qui simplex est et confusa diebus nostris.

.

Laconi, 25 March 2021

.

carus lectores,

aperientes Facebook page Editionibus Pathmos insulam sulla quale vi invitiamo a mettere

It strepitando in recta aperire potes hinc deorsum logo:

.

.

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118

CODICE PRAECEPS: BAPPIT21D21
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ [email protected] ]

 

 

Avatar

About isoladipatmos

30 cogitationes on "Vituperatus et ioculatio: criminibus sententiam, vel scientia ficta conventu ultro contumelias dicerent ad gay? Lets uti communis sensus in casu de eam Silvana liber De Mari et discessisset ab distribution by Amazon

  1. Caro Pater,

    condivido pienamente la distinzione da lei operata. Occorre inoltre considerare il fatto che Amazon, il qualità di esercente un servizio privato, ha ovviamente il pieno diritto di ritirare dal mercato quei prodotti che, per svariate ragioni, ritiene non idonei. Tuttavia mi permetto di osservare il fatto che:

    a) seguendo molto da vicino le vicende del mondo politico ed intellettuale statunitense, mi ha profondamente colpito la politica di questa azienda di ritirare anche libri che nulla contenevano di offensivo nei confronti della comunità LGTBQevattelapesca. Penso soprattutto a un’opera del bioeticista Ryan T. Anderson, When Harry became Sally, relativa alla problematica del transessualismo sotto il profilo filosofico. Non ho letto il libro in questione, ma ho una certa familiarità con i libri di Anderson e devo dire che mai si è lasciato andare ad affermazioni offensive e generalizzati. Ancora più preoccupante il fatto che, nel caso di specie, il libro sia stato reso disponibile da Amazon per almeno due anni, per poi essere ritirato nel momento in cui Anderson, dalle pagine del Wall Street Journal, aveva avanzato una critica serrata ad un editoriale scritto sul Washington Post da una nota attivista queer. Amazon naturalmente ha tutto il diritto di porre in essere le policies aziendali che ritiene, ma il sospetto che si sia trattata di una forma diritorsionesu pressione di alcuni ambienti è forte, vista anche la posizione di rilievo di Anderson alla direzione di un think thank remeantque iaculatores;

    b) non riguarda strettamente i casi in esame, ma bisogna anche ricordare che Amazon svolge un ruolo pressoché monopolistico sul mercato e il fatto che ritiri certi prodotti sulla base di considerazioni meramente ideologiche e non invece improntate a considerazioni di opportunità lucrativa, di fatto elimina la possibilità diffusa di accedere a determinate risorse. È vero che spetta al mercato trovare una soluzione mediante la creazione di piattaforme competitive, ma il problema resta.

    Concludo concordando sul fatto che, Infeliciter, troppo spesso pubblicazioni e voci pubbliche cattoliche rendano un pessimo servizio alla buona battaglia concedendosi affermazioni patentemente sopra le righe inopportune o, magis, false.

    Ricordo la crociata lanciata da un mio compagno di liceo membro di Alleanza Cattolica (e poi transitato allegramente all’edonismo più spinto) quod, divenuto direttore della rivista scolastica (e non si è mai capito come abbia fatto, sia per le scarse qualità di scrittore, sia per la schiacciante maggioranza di sinistra nei posti di rilievo della scuola), dedicò tre articoli di un numero a tematiche relative l’omosessualità e la contraccezione. Fin qui nulla di sbagliato, in meus sententia. Il problema è stato nei toni utilizzati e nella decisa inopportunità della pubblicazione. Una mera provocazione fine a ste stessa. Come puoi pensare di sensibilizzare un pubblico ostile a tematiche così delicate mediante affermazioni che potremmo definire eufemisticamente tranchant, con il rischio certo di radicalizzare ulteriormente i destinatari?

  2. 92 minuti di applausi e stans confecto ovans rediret per lei Padre Ivano!

    Grazie di cuore per aver scritto questo articolo. Conosco la De Mari e la sua veemenza quando espone le sue idee. In particolare quando parla di chi come me vive la condizione di omoaffettività e delle implicazioni cliniche basate praticamente solo sulla sua esperienza ambulatoriale, rifiuto totalmente quanto afferma perché è palese che nelle sue parole prevale più il pre-giudizio che la persona di scienza. Ma rifiuto quanto afferma e scrive perché non mi riconosco in quella visione che dà della sessualità omoaffettiva che trasmette. super omnia, rifiuto queste sue affermazioni perché possono indurre altri a pensare che tutti gli omosessuali siano così pervertitiMa anche no!

  3. Pater Ivanum, siete veramente dei grandi, ma non grandi in quanto “adult-catholicos”, grandi in quanto uomini di fede, profonda cultura, e modelli di vita sacerdotale.
    Grazie per questo articolo

    don Paolo da Bologna (città dei … “adult-catholicos”)

  4. Lei padre Ivano, come padre Ariel, una cosa la sapere sicuramente bene: gli omosessuali si rispettano dicendogli soprattutto quel che non vogliono sentirsi dire, spesso ripiegati come sono nel loro mondo surreale e patinato. E io penso di poter parlare con cognizione di causa, perché omosessuale lo sono, pur non avendolo mai sbandierato.
    Una volta fui strapazzato da un prete, e poco dopo compresi quanto mi volesse veramente bene, trattandomi con quella durezza. In un’altra occasione conobbi un prete tutto dolce, amoroso, inclusive … idiotam! Era più omosessuale di me, quod, a livello speculare, voleva consolare più che altro se stesso.

    Quando si perdono discrezione e pudore si tira fuori il peggio di noi stessi. Questo vale per noi omosessuali, ormai sempre più spudorati nell’ostentazione dei nostri peggiori vizi, e vale per la dr.ssa De Mari, sempre più spudorata nella sua mancanza di carità cristiana.

  5. Desidero complimentarmi con lei Rev. P. Ivano Maria de 'Liguori, come cattolico e specialista in chirurgia interna.
    Eseguo di media tra le 4200/4600 colonoscopie all’anno e certi danni legati a rapporti anali e omosessualità non li ho mai riscontrati e quando mi sono ritrovato dinanzi a problemi per esempio infettivi, questi hanno sempre colpito indistintamente uomini, feminae, eterosessuali ed omosessuali.
    Grazie per questo articolo.

  6. … EH, la cara De Mari, un’altra che ai sacerdoti pare si rivolga solo per insolentirli, si rivedano i suoi video di contumelie diffusi durante il lockdown nei quali ci ha detto di tutto: conigli, vigliacchi, senza attributi virili
    Se dall’alto della sua evidente arroganza avesse invece ascoltato e chiesto consiglio a noi, per quanto conigli, vigliacchi, senza attributi virilisotto processo sicuramente non ci finiva, e condannata neppure, perché le avremmo spiegato in breve l’abc della morale cattolica.
    E detto questo mi taccio e non vado oltre.

  7. Riporto un passo di Santa Caterina da Siena dal Dialogo della divina Provvidenza:

    «Non solo essi hanno quell’immondezza e fragilità, alla quale siete inclinati per la vostra fragile natura (benché la ragione, quando lo vuole il libero arbitrio, faccia star quieta questa ribellione), ma quei miseri non raffrenano quella fragilità: anzi fanno peggio, commettendo il maledetto peccato contro natura. Quali ciechi e stolti, essendo offuscato il lume del loro intelletto, non conoscono il fetore e la miseria in cui sono; poiché non solo essa fa schifo a Me, che sono somma ed eterna purità (a cui tanto abominevole, che per questo solo peccato cinque città sprofondarono per mio giudizio, non volendo più oltre sopportarle la mia giustizia), ma dispiace anche ai demoni, che di quei miseri si sono fatti signori. Non è che ai demoni dispiaccia il male, quasi che a loro piaccia un qualche bene, ma perché la loro natura è angelica, e perciò schiva di vedere o di stare a veder commettere quell’enorme peccato”».

    Reverendo padre Ivano, le chiedo anche questo passo è da censurare?

    1. Fabio carissimi,

      ricordo che un mio professore di psicologia, sacerdote della Congregazione dei Camilliani, durante la specializzazione in Teologia Pastorale Sanitaria, pose questa domanda:

      «In un discorso, da che cosa capite che il vostro interlocutore ha compreso il vostro ragionamento? simplex, dalle domande che vi pone in seguito».

      Ebbene lei con la sua domanda e relativa citazione esula non solo dall’intenzionalità dell’articolo ma anche dal senso con cui è stato composto. Non è certamente la citazione dotta e svincolata, molto di moda in questi tempi, quod Divinae Providentiae Dialogo di Santa Caterina che risolve il problema della sodomia. Avrebbe potuto, simpliciter magis, fare riferimento all’insegnamento magisteriale della Chiesa in fatto di sessualità umana ma non lo ha fatto. Quid? Perché ha preferito citare un brano che oggi viene usato come arma da coloro che considerano il peccato sessuale l’unico biasimevole e degno di castigo.

      Voglio condividere con lei una confidenza: non è stato un peccato sessuale a condannare Adamo ed Eva ma un peccato di orgoglio e di superbia, lo stesso che il giorno del nostro battesimo ci viene tolto per la grazia di Cristo. Lo stesso peccato che quelle famose monache di Port Royal commisero: “Pure come angeli, orgogliose come Lucifero, ribelli come demoni”.

      E’ chiaro e lapalissiano che la sodomia è un peccato. Questo è chiaro sia come insegnamento della Chiesa, sia come argomentazione del mio articolo. E poiché la sodomia è un peccato, così come lo sono i rapporti contro natura diversamente intesi, questo discorso ha valore sia per gli eterosessuali che per gli omosessuali. Il peccato non riguarda l’orientamento affettivo, riguarda tutto l’uomo, nasce da una mancanza, da una privazione libera di Dio. Questa è la tara contenuta nel libro dalla De Mari, che è un medico e non un teologo moralista o un confessore. E se reputiamo che certe persone siano più peccatrici di altre dimostriamo solo grande miopia, la stessa che ai tempi di Gesù condannava alla lapidazione la donna adultera e non l’uomo che con lei aveva consumato il peccato.

      Sia ben chiaro, la mia risposta non suoni come un rimprovero, ma se io in confessionale dovessi sbattere sulla faccia del penitenteche è lì per confessarsi e cambiare vitasentenze come quella da lei citata, non solo indurrei il penitente alla disperazione ma sarebbe molto difficile condurlo a una conversione perché vedrebbe in me un aguzzino invece che un padre desideroso del suo ritorno a casa e della sua guarigione dal peccato.

      Le dico che è più facile convertire e dialogare con chi infrange il sesto comandamento che con gli orgogliosi e i superbi. Ut benedicat tibi.

  8. p mi. Ivano,

    la sua pretesa che noi si debba parlare come un direttore spirituale in confessione anche quando ci si provi a opporre le nostre limitate capacità, intellectuals, morali e retoriche agli attacchi omnidirezionali dell’omosessualismo imperante è davvero naive. Forse lei è un novello Padre Leopoldo, troppo occupato a confessare tutto il tempo i peccatori per accorgersi di come va il mondo.

    Certamente non ha mai avuto modo di ascoltare in TV tale Vladimir Luxuria che in fascia protetta esalta le proprietà taumaturgiche della sodomia per l’ipertrofia prostatica. Lei avrà gioco facile a relegare anche me tra gli orgogliosi e i superbi, ma io della dott.ssa De Mari non apprezzo solo ciò che dice, ma anche come lo dice. Perché oggi in Occidente, come ieri in Palestina, la scorrettezza politica è l’unica cifra comunicativa possibile del cristiano; perché oggi in Occidente, come ieri in Palestina, Quid est Veritas?

    Quanto alla dott.sa De Mari, è una valente scienziata con una vasta esperienza clinica dal cui bagaglio attinge; perciò accusarla di inventare falsità per il gusto di insolentire i gay è un’operazione ipocrita. Se si cercano chiarimenti su quanto afferma, il metodo corretto sarebbe di chiederle di rendere disponibili le evidenze di cui dispone, non di rivolgersi a chi le nega.

    Infine la prego di accettare i miei complimenti per il suo argomento vincenteanche gli etero lo fanno”, un distillato di cerchiobottismo e una vera e propria assicurazione sulla vita. Stia pur certo che nessuno vi censurerà mai e, magis, continueranno a invitarvi in

    1. Non capita di frequente che un cattolico per hobby riesca a farmi uscire fuori dai gangheri come lei. E adesso le spiego perché rispondo io. Non rispondo in quanto direttore responsabile di questa rivista, rispondo io perché Padre Ivano è un presbitero cappuccino di una tale sapienza e santità di vita che desidero sia tutelato da certe contaminazioni, meglio provveda a sporcarsi le mani un peccatore come me, che per giungere alle virtù di vita sacerdotale di questo mio confratello dovrei vivere altri 57 aetate, cosa umanamente e biologicamente impossibile.

      Richiamo la sua attenzione sulla prima delle sue infelici frasi:

      «Forse lei è un novello Padre Leopoldo, troppo occupato a confessare tutto il tempo i peccatori per accorgersi di come va il mondo»

      dica mihi: lei è davvero limitato sino a questi livelli, oppure la sua crassa ignoranza le impedisce di comprendere che San Leopoldo Mandic, proprio perché passava le giornate ad assolvere i peccatori dai peccati, il mondo lo conosceva meglio di lei e di tutte le Silvana De Mari messe in fila una dietro l’altra?

      sed, di noi sacerdoti di Cristo chiamati a santificare, insegnare e guidare il Popolo di Dio, ha proprio questa totale mancanza di conoscenza?

      tum, considerando che tra poco lei dovrebbe adempiere al santo precetto pasquale, faccia come adesso le dico: vada da Silvana De Mari, si faccia mettere un bel sondino endoscopico in corpo mentre la specialista recita questa formula sacramentale:

      «Ego te absolvo a peccatis tuis […]»

      Fatto questo potrà andare serenamente in pace con Dio, perché questo è ciò che i soggetti come lei meritano. Cosa questa che posso dirle io che sono un peccatore incallito, non Padre Ivano che è un santo sacerdote.

      1. Di tutta la sua sguaiata replica mi ha ferito solo quelcattolico per hobbyinferto con quella lussuria incontenibile che procura l’umiliazione del prossimo, di cui solo certe sensibilità sono capaci. Altro che peccatore incallito.

        1. Lei si è permesso di darmi del lussurioso? E sulla base di che cosa, quali elementi e quali prove ha per una grave accusa del genere?

          Come forse lei saprà la lussuria è uno dei peccati capitali, anche se non il primo. Lo so bene che a quelli come lei piacerebbe che il sesso e la sessualità fossero considerati il centro dell’intero mistero del male, sed non ita est,, a dirlo non sono io, bensì il deposito della fede e la dottrina cattolica. Il primo dei peccati capitali è quindi la superbia, proprio quello che lei pratica in modo ostinato. E ciò non perché affermando questo io osi dare un giudizio sulla sua coscienza, cosa che mai mi permetterei di fare, semplicemente perché dai suoi scritti e dal modo in cui aggredisce i sacerdoti prendo atto che nelle superbia lei è proprio incancrenito.

          Et creditis mihi, un lussurioso può essere anche facile da redimere, ma per redimere un superbospesso neppure i santi sono riusciti nell’impresa.

          Benedicat te Deus,.

          1. Senta p. Arihel, rileggendo le battute di questa schermaglia surreale ho come l’impressione che non stiamo dando uno spettacolo troppo edificante. Quando uno se ne accorge deve avere non dico l’umiltà, ma la furbizia di tirare il freno. Io non intendo aver ragione per forza e tantomeno a queste condizioni. Perciò io le chiedo scusa e lei, se può, parce mihi; e se avrà la bontà di concedermelo, spero di poter continuare a interloquire su registri più moderati.

  9. Reverendo padre IVANO

    expurgantes vetus fermentum “E’ chiaro e lapalissiano che la sodomia è un peccato. Questo è chiaro sia come insegnamento della Chiesa, sia come argomentazione del mio articolo
    mi sembra che a cardinali ,vescovi e alcuni sacerdoti non lo sia più
    le riporto alcune notizie https://genova.repubblica.it/cronaca/2021/03/28/news/liguria_il_parroco_di_bonassola_se_non_posso_benedire_coppie_gay_neppure_le_palme-294196647/
    https://www.lafedequotidiana.it/il-cardinale-schonborn-contro-la-congregazione-per-la-dottrina-della-fede-si-alla-benedizione-delle-coppie-omosessuali/ le chiedo è normale?

  10. Vantarsi che Amazon tenga in piedi le proprie pubblicazioni questo si che è allucinante, come grave è utilizzar tale piattaforma. Non è cosa strana giacché voi altri siete seguaci del conto bancario foraggiando la riserva frazionaria.

    Fate bene a non parlarne giacché costringereste vari essere umani che non vogliano essere complici di un crimine ad una marginalizzazione dal sistema produttivo (non dunque in quanto cristiani, come anche riguardo l’aborto o la sodomia, essendo in tema il “iure naturali,”)!
    Tutto per dimostrare solo una cosa : dire/scrivere una cosa del genere da teologi o predicatori è una cosa, da economisti tutt’altra e già da sé si comprende che il paragone De Mari vs don Ariel non calza.

    Indipendentemente dunque dalla giustezza dell’asserto scritto da me (malauguratamente è corretto ergo siete una masnada di conniventi oppressori e ladri) è facile fare a chi è più ganzo soprattutto da privilegiati chierici o religiosi che per le loro uscite in televisione non rischiano il posto di lavoro né la reputazione avendo il permesso per forza di cose a parlare dirobba da preti”.

    p.s. se comprende la costruttività del commento , non si deve stupire che lacalatadello ricalchi quelle che sono di vostro costume fra ironie, sferzate e provocazioni. Ad ogni modo si interessi sul funzionamento delle banche e come scrisse GiacomoReligione pura e senza macchia davanti a Dio e Padre è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni senza lasciarsi contaminare dalle cose di questo mondo”.

    1. Caro Signor Dadaumpa,

      ci lasci dire: lei è fantastico!
      Ivano Maria de 'Liguori, Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum, rappresentato come parte di un sistema criminale politico-economico-bancario colluso con il potere delle multinazionali, è qualche cosa di esilarante.

      Ci saluti tanto le deliziose gemelle Kessler al canto di Dadaumpa

      1. Mica Ivano Liguori, ma dal Vaticano in testa e tutti i compari laici che hanno qualche dindarolo risparmiato nelle cosche bancarie compresa la vostra associazione che campa di donazioni filtrate tramite questo sistema ( su cui bellamente e colpevolmente non vi fate domande ) appoggiandosi su tale multinazionale infame, esulando poi sul senso proprio di quel che vi è stato posto innanzi ossia:
        a) paragone irrapportabile che falsa la critica posta
        b) la vostra continua bassezza comunicativa
        visto che solo qusto ho citato in giudizio: quello che a Roma si chiama avere il culo parato.
        Facile farsi passare allora per quelli che, pur essendo addirittura “magis” della signora in oggetto, sono talmente bravi da essere inattaccabiliquando si tratta solo di truffa.

        1. Vada a parlare con mia madre e mio fratello, glielo spiegano loroe glielo documentano pure con tutti i relativi bonifici bancariquante migliaia di euro mi hanno regalato nel corso degli anni per pagare le spese necessarie della gestione del sito di questa rivista a fronte di un lavoro molto impegnativo e molto faticoso che io e i miei confratelli svolgiamo totalmente gratis per amore del nostro ministero e del Popolo di Dio.
          Grandissimo pezzo di imbecille !!!

  11. “Non martyres Evangelium enim est doctrina Ecclesiae ex laudabilis, sint propriae passiones vel paulo minus imprudentia” esprime in belle parole quello che anche io penso della dott.ssa Silvana De Mari, che a mio avviso è una specialista nell’arte di passare dalla ragione al torto.

    1. Se la De Mari ha ragione, non può avere torto, almeno nel merito di ciò che dice. Immagino quindi che lei le attribuisca un torto nel metodo, ma questo, carus amicus, è materia opinabile, non di fede o di morale. In hoc Circa, la mia opinione è che un laiconon necessariamente cattolicoche vuol difendere, non dico il diritto naturale, sed, et dederit, il diritto dei propri figli a non avere la mente plagiata nella scuola dell’obbligo da pervertiti organizzati in associazioni finanziate con i soldi delle famiglie dei contribuenti, non può parlare come se fosse un sacerdote con il penitente in confessione; non lo sa fare (se no avrebbe fatto quel mestiere), ma se anche lo sapesse fare, non è giusto chiedergli di farlo. E’ giusto invece che possa esprimere la sua denuncia nei modi e nei toni che la mente e il cuore gli ispirano. Ciò che, Sed contra est, trovo manifestamente ingiusto è quando tale laico – inquam, non necessariamente cattoliconell’esercizio di questa libertà di pensiero e di questo diritto di parola viene bersagliato dal fuoco fintamente amico degli ideologi del catto-buonismo, con o senza talare.

  12. Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati (Brecht). Occupati da Amazon? Occupati da Facebook? occupati da Twitter? Occupati da Google ? Occupati da Zan ? Occupati da Scalfarotto e da Cirinnà? Occupati da Biden? Occupati da Nethanyau? Occupati dalla “civitas (!) LGBTQeccetera”? Occupati da Gates? Occupati da tanti commentatori tanto savii e tanto benpensanti? Teneteveli, i vostri posti.

  13. Caro Pater, non ho letto il libro della De Masi e quindi non so se le sue informazioni siano di carattere scientifico o solo personali, comunque credo che lei sia documentato in merito. Nel suo articolo leggo con grande interesse che le pratiche anali siano peccaminose sia se commesse da etero che da gay, ma non esprime nulla dal punto di vista della salute, valutando ciò che scrive la De Masi frutto appunto di considerazioni personali. Asserendo che sia peccato e peccato grave, ma dicendo che dal punto di vista medico non comporti alcun serio problema è a mio avviso un cattivo servizio, sia agli etero che ai gay. Nel rapporto anale non protetto vi è un’altissima probabilità di contrarre aids e sifilide, nei soggetti gay ancora oggi dopo anni di campagne informative la percentuale è di circa 30 volte superiore. Queste informazioni non le pubblicherà mai nessuno perché sono molto scomode. Quando si verificò il tragico attentato nella discoteca gay negli USA, il cantante Ricky Martin volle donare il sangue e con grande suo stupore gli fu impedito perché omosessuale. Il Presidente Obama, sollecitato, chiese il perché di tale gravissima restrizione all’organo governativo competente che lo informò che vi erano seri motivi scientifici che giustificavano tale disposizione. Obama glissò senza troppe chiacchiere sul problema perché sarebbe stato politicamente scomodo. Vi siete tolti un bel sassolino con la De Masi e lo posso anche comprendere.

    1. Si faccia queste domande e soprattutto dia a se stesso e a chi la legge le dovute risposte:

      1. il Tribunale penale di Torino, si è rivolto a una commissione scientifica, prima di emanare una sentenza motivata sulla De Mari che ha portato ragioni scientifiche che non sono poi risultate tali, oppure dobbiamo dare per scontato che quella sentenza è frutto di un complotto?

      2. se come lei afferma «la probabilità di contrarre aids e sifilide, nei soggetti gay ancora oggi dopo anni di campagne informative la percentuale è di circa 30 volte superiore» ciò vuol dire che non tanto donne e uomini hanno un ano e un apparato gastrointestinale diverso, ma che i gay hanno un ano e un apparato gastrointestinale diverso che li esporrebbe a maggiori rischi di infezione; e se ciò fosse vero come si giustificherebbe, forse con il fatto che i gay appartengono a una terza specie umana (homines, feminae, gay) e che hanno quindi un diverso apparato sessuale e gastrointestinale rispetto a donne e uomini, che li rende più esposti a certe infezioni?

      3. dove è documentato il caso di Ricky Martin da lei citato e che coinvolgerebbe persino il Presidente degli Stati Uniti d’America con alte motivazioni scientifiche riportate e poi occultate? La fonte, citi la fonte di una notizia così importante, altrimenti lei mette a repentaglio la attendibilità di ciò che scrivere e la sua personale serietà umana.

      1. bonum vesperum. Il bravissimo cantante Ricki Martin che riproduco indegnamente a squarcia gola sotto la doccia. publica 16 June 2016 e per approfondire siti in lingua inglese del periodo,. Per quando riguarda le pratiche sessuali alternative, potete controllare qualsiasi circolare statistica medico scientifica. Mai affermato che gli esseri umani abbiamo organi diversi. Ma parlando sottovoce forse costumi più o meno a rischio? ignoro, sono solo un lettore. Della De Mari posso dire che fino a ieri non sapevo neppure che scrivesse e sinceramente penso che si sia mossa con grande superficialità? Credo però che il dedicargli un così lungo articolo di ulteriore condanna sia forse un sassolino fastidioso che vi siete tolti, la cosa interessante sarebbe conoscere le ragioni che vi hanno mosso. Siete grandiosi e preparatisssimi, vi seguo con ardore anche quando siete presenti, con Don Ariel, dal vostro carrissimo amico Del Debbio. Un abbraccio autentico e non permaloso.

  14. Gentile Isola di Patmos,

    Uccr anni fa pubblicò degli articoli riportando gli studi di varie università sulla maggiore incidenza negli omosessuali e trans di malattie veneree in rapporto alla popolazione. Non sono brava con i link ma i 2 articoli che ho trovato sono del gennaio e di agosto 2012, credo che la De Mari si riferisca a questi. Non so poi se questi studi siano stati smentiti. Non ho nessuna preparazione scientifica ma da ciò che ho letto credo che ci sia un interesse diffuso a che questi studi non siano di pubblico dominio. Nessuno pensa che il Tribunale di Torino sia un cospiratore ma anche i giudici vivono in questa realtà di omosessualismo diffuso e quindi possono essere influenzati come qualunque essere umano. Negli Usa lo studio del prof. Regnerus è stato pubblicato tra opposizioni feroci, l’università praticamente definitaomofobao giù di lì…., quod “terapie riparativeormai praticamente fuorilegge già in Germania ostracizzate e ignorate sempre più dovrebbero dirci qualcosa. La De Mari avrà un atteggiamento da pasionaria ma non credo che ciò che lei e altri studiosi internazionali affermano siano cose del tutto inventate.
    Have a nice day

  15. La cosa ridicola è che ci si rivolga a un Tribunale penale affinché stabilisca la verità scientifica. nunc, premesso che il metodo scientifico è solo un metodo di indagine e che dunque non può esistere una verità scientifica in quanto tale, qualunque ricercatore in qualunque campo dello scibile che lavori coi numeri può testimoniare che ai numeri si può far dire qualunque cosa, né più né meno che ai fondi del caffè (basti ricordare l’esame al C14 della Sindone). Senza l’etica, la serietà e il buon senso, e tanto più se deviati da avidità di guadagno o da deformazioni ideologiche, l’unica verità scientifica dimostrabile è la manipolazione scientifica dell’informazione.
    La perizia di parte che il Giudice ha acquisito comescientificamente vera”, era anche scientificamente strumentale alla tesi accusatoria per dimostrare l’omofobia dell’imputata. Il Giudice ha poi assolto l’imputata dalle accuse di omofobia (di questo dobbiamo essergli grati, visto che tale reato non è ancora contemplato dal Codice), ma l’ha condannata “solo” per diffamazione, per avere sostenuto che l’omosessualità è contro natura. nunc, al di là di ogni giudizio professionale sulla dott.ssa De Mari e sulla sua distanza da ogni verità scientifica, io penso che essere condannati da un Tribunale per aver detto una Verità (questa sì) Rivelata e sentirsi pure dare torto da prelati della propria Chiesa, e essere dileggiati per questo, dev’essere un’esperienza di grande prova per la propria fede. Per questo la Dott.sa De Mari è persona che io stimo e rispetto molto.

  16. D. tribuno Stephano,

    anch’io come lei trovo assurdo che un tribunale discuta di verità scientifiche, dovrebbe essere appunto una questione tra scienziati e invece noi si sta ripetendo l’errore rinfacciato alla Chiesa di aver sottoposto ad indagine vari scienziati del passato tra cui Galileo, ma nessuno lo fa notare. Temo purtroppo che in questo abbia giocato il fatto che anche la Chiesa attuale ha ormai messo da parte il pensiero naturale. Papa Francesco ritengo non creda più di tanto al diritto naturale e quindi troppi vescovi e Cardinali sono stati ben felici di liberarsi di qualcosa che anche essi considerano evidentemente anacronistico e soprattutto qualcosa che è di ostacolo al dialogo con i seguaci del amet, come si definisce oggi il pensiero unico di cui parlava Papa Benedetto, non dimentichiamo che dialogo troppe volte significa denaro a palate per le casse “ecclesiasticas” nazionali e vaticane

    Lo so, non dovrei dirlo siamo a Pasqua, ma non dobbiamo essere troppo ingenui per capire qual è la realtà dura e cruda. et, chiunque incapperà nelle maglie della legge non si aspetti solidarietà dal Vaticano o dalle varie conferenze episcopali non ne avrà come non ne hanno avuto la De Mari e i medici che hanno scoperchiato le magagne di Planned Parenthood, i genitori messi in carcere perché non volevano che i loro figli fossero sottoposti a bombardamenti ormonali come il papà di questi giorni che rischia 5 anni o che non trascinava o i figli ad assistere a lezioni di sesso spinto a scuola come accaduto troppe volte in Germania, Canada.

    Buona Pasqua signor Stefano

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.