Amen dico: puella est amet coram sacrilego more Cardinalis Gianfranco Ravasi Donatella titulus sexus fidelis Herrera virilitatem

- Ecclesiae mysteriis doloris tribuunt Evangelia -

Amen dico vobis, TE: ARCITECTUS Donatella Versace Gianfranco Ravasi ante donzella sacrilegos Cardinalis figura tamquam vera initiatio monumentis Masculum FORTITUDO

.

Si potrebbe tentare una difesa affermando che anche gli eterosessuali sono narcisisti, vanitosi ed esibizionisti come lo è il Cardinale Gianfranco Ravasi. Verum est,, Sed nulla omnino expertes animi duobus modis ostendere scientias manifestandi narcisismi, vanitatem et exhibitionism. Est quidem diversas rationes sunt exprimendi, ex his tribus passionibus tu agnoscis, qui plus quam umquam homosexuales et heterosexual the personality.

.

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article
.

.

quia multo minus, Iesus Christus suscepit verbera mercatores in area templi Hierosolymitani. Quid futurum viderat amicta insigniis Iudaeae sacerdos veteris starlets?

Primo, de necessitate fidei: se l’Autorità Ecclesiastica mi rendesse oggetto anche di un flebile ammonimento, Admonere te volo de iure facere debet secundum canonum normam censuit et in primis te Dominus in die plenae legitimam vim agendi occasiones perductis necnon Cardinali Gianfranco Ravasi, quod pre se ferre 'cAELESTIA: Et fashion Catholico Imaginatio» [Cf.. qUI, qUI], a Romae svoltasi, Ille ex historia sacra detexit secretario Civitatis Vaticanae pertinebat, quibus Pontifices; consummavi, vestes eorum, qui solutis tunicis in media mixta ad deambulatio mulieribus nuda cum Pastoris sui lineæ erunt in capitibus eorum et semper valuable insignia in catholicam fidem,, primus in plerisque locis in partes corporis incommodum, magis quam vestitus nudus.

.

polymito iuxta modum ponendi Donatella Herrera mitra Pontifex Benedictus Papa

Est animus certe non rejicere legitimae auctoritatis ecclesiasticae monita, quam ante sumptionem huius sacramenti Ordinis me gratis, et timoratus promisit obedientiam filialem, quam ipsa putabantur indigni. sed, ut publice propositum censura morum Cardinalium, Designandum quod non debet fieri nescit providere in posterum, et postea etiam damnatus innocens, legitimae auctoritatis ecclesiasticae nisi prius ostendit dignitatem conveniensque tutior sacram SRE Cardinales actu Gianfranco Ravasi, et errorem demonstrare sum exagitata exponens cur gravia quod commensuratur durities. Si hoc clarificatus est in conspectu, praedictum - peius fieri potest aliqua censura - vitium non ceciderit per unam qui nihil afficit, quia non secundum praescripta legum ecclesiasticarum [potes. 1339-1340, potes. 1341-1353, potes. 1720-1728].

.

agnitio vultus …

Lets 'satus cum eo: Latin homosexuali necessitate repulsi se manifestat per Cardinalem Gianfranco Ravasi. Hic non intelliguntur - ut patet - ut semper exercitati homosexualitatis, hoc est, quod non scitis, multo minus dicens:, non solum autem cognoscetis eum, quia in hac consciousness. Multo fortius valere omnino magis pertinet ad praedicamentum: quod represso homosexualitatis suapte, saevire consuevit, qui facti sunt ab uno impetu libidinis aliud est scriptor, et quidem multo peius. in facto,, latin homosexuali ex constitutione Ecclesiae ad animata, citius vel post erit terminus sursum polluat illud ipsum fidei, Ascendit autem et maxime tandem gradum memor sit in eo ductus Illegitimi Intemerata cui omnia licent. E, administratam docere latin homosexuali necessitate in, plus minusve diversis casibus secundum irritata, emerge elementa tria, quae sunt in narcissism, vanitatem et gloriosus et sublimis exhibitionism.

.

postulant: sumptus, inter nostrae Ecclesiasticae auctoritati, sui iuris est de hoc mundo ante dolor orci Psychology, Inconcinnus sentit non per statum plenum, ut nunc scitote quod scientific Gianfranco Ravasi non narcissistic, Non est vana steph?

.

pie representation …

Si potrebbe tentare una difesa affermando quae sunt heterosexuals narcissists, vanitosi ed esibizionisti come lo è il Cardinale Gianfranco Ravasi. Verum est,, Sed nulla omnino expertes animi duobus modis ostendere scientias manifestandi narcisismi, vanitatem et exhibitionism. Est quidem diversas rationes sunt exprimendi, ex his tribus passionibus tu agnoscis, qui plus quam umquam homosexuales et heterosexual the personality.

.

Hodie dictum Clementem episcopum valde fashionable, ex his et in Consiliis Sanctae Sedis Apostolicae praefuisti apud Coream. igitur, Si opera non fecissem interea Mediolanum ad purgandum multis mundare "criminalibus gestis", semper debet esse fasciculus apud quam tunc archiepiscopum in sella, Cardinalis Martini, Carlo Maria, Nominationem Episcoporum quod opposuit Gianfranco Ravasi, iam notum facies eius ad televisificae transmissiones spectacula publicus. Ad intercessit ne quid super hoc consilium posuit quoque constituit ecclesiae episcopus quaere aliud membrum a Cardinalium Collegio publicatur, Cardinalis Attilio Nicora, quod Gianfranco Ravasi, sacro ordine sunt aucti 1966, mate seminarium fuit in Venegono, rectorem servetur, in quo postea factus est ipse 1970. deinde, tertiam Cardinali, Carlo Maria Successor autem Martini a S. Ambrosio in Cathedra, Dionigi Tettamanzi, Constitit hic secundo ad appointment [videte ne negavit historia qUI E qUI].

.

ABSURDUS saga …

Et quod Cardinal Carlo maria Martini, quorum tanta sit, ut de theologia, et quoque cultus ecclesiologiae, Sed non fuit ille virilis abyssi. Adeo ut in figure, et pulchrae absque dubio hieratica, Vir sane virili primum arripuit, tum, a viro virilis hominum compages, Qui apprehendit sacerdotes Societatis, sacerdos qui fuerat episcopus aedificatur. Et dixit "nec" episcopatum promotus in hypothesi, quod Gianfranco Ravasi, Cardinal Carlo maria Martini supellectilem sciebant eum, pudor tamen ecclesiastica, quidam autem ex instituti studiis improbo 'nullus', Quia commune aut inmundum numquam multum profundum. Tribus Cardinalibus qui manet in eo, tum ex Ambrosiano presbyterum duae Ordinariis Gianfranco Ravasi, iste tertius qui priore Seminario, fortiter contra episcopus nominatus, bis et obfirmatis sera. Et omne - disappearances nisi documentorum -, remain semita in the archives archiepiscopi Mediolanensis, aut de Congregationis pro Episcopis.

.

agnitio vultus …

Homosexualitatis problemate cardinales efficerent vastitatem quia involvit Gianfranco Ravasi quod nunc diffusum est, ciuitatem pestilentia esse in ecclesia, quae postremo quidem supervenire execrationem SPICATUS cum venerit ad punctum operis tantique muneris, ab sacrestie Civitatis Vaticanae praepositi, vestes eorum ex diversis Venerabiles Summorum Pontificum, quod est foedum spectaculum inferatis choreographic accessiones, inter ubera fotomodelle distrahit insignia episcopalia venti portantes.

.

et plectentes spineam coronam domini nostri Iesu Christi, maxima natarum Priami redacta est in caput androgynous figure

I Paramenti sacri rientrano in quelli che sono i cosiddetti “accidenti esterni” e si chiamano sacri perché usati per la celebrazione del Sacro Mistero del Sacrificio Eucaristico. Questi paramenti, come il Cardinale Gianfranco Ravasi dovrebbe sapere, sono stati benedetti con le apposite benedizioni previste dal Benedizionale. Ogni volta che erano indossati, su ciascun pezzo era recitata un’apposita preghiera. Proprio come tutt’oggi fa il sottoscritto quando si para per la Santa Messa, recitando mentalmente la prevista preghiera per ogni singolo pezzo indossato: l’amitto, il camice, il cingolo, la stola, la pianeta o la casula. Una volta completamente rivestito dei sacri paramenti, recito infine l’atto di contrizione, affinché per quanto imperfetto, peccatore e come tutti indegno del Sacro Ordine Sacerdotale ricevuto, possa celebrare il Sacrificio Eucaristico della Santa Messa in comunione con la Chiesa Universale per la edificazione e la salvezza del Popolo di Dio.

.

Chi come me ― giustamente mai eletto vescovo e mai creato cardinale -, vive i misteri della fede nel sacro rispetto della loro divina sostanza ed anche di quegli accidenti esterni che concorrono come tali alla sostanza stessa, inclusi i paramenti sacri, in che modo può recepire certe trovate dissacranti del Cardinale Gianfranco Ravasi?

.

Cardinalis Timothy Dolan, Quaestionem non, pro eo quod esset simplex et nunc, et quia a parte ante picturas et subridens Donatella Versace

Quid, Cardinalis Timothy Dolan, Arcivescovo metropolita di New York, nella cui giurisdizione canonica si è svolta questa dissacrante parata, non ha fatto sentire la propria voce esprimendo disaccordo e indignazione, inviando prontamente una nota di protesta alla Santa Sede? Ma per il semplice fatto che non solo lui stesso era presente, ma si è persino cimentato in ironie degne di un ubriacone irlandese del XVIII secolo emigrato nelle Nuove Americhe per sfuggire da una colonia penale, affermando che alla maggiorata scosciata la mitria che potava sulla testa l’aveva prestata proprio lui:

.

«La mitria gliel’ho prestata io, me l’ha restituita stamattinaÈ stata molto gentile. I miei vescovi ausiliari mi stavano prendendo in giro per questa storia ma io ho detto loro: “Ehi, voi ragazzi non dovreste lamentarvi perché la cantante in cambio della cortesia si è offerta volontaria per fare alcune conferme”» [vedere le dichiarazioni riportate, qUI].

.

Sono anni e anni che inutilmente parlo, scrivo e pubblico sulla gran piaga dell’omosessualismo all’interno della Chiesa, che com’ebbe a dirmi durante uno dei nostri ultimi colloqui il Cardinale Carlo Caffarra poco prima della sua morte:

.

«… questa piaga ha ormai assunto quelli che in tutto e per tutto sono i connotati di una vera e propria epidemia».

.

Dal canto mio replicai:

.

"Patri Cardinali, Scripsi pluries quod: il problema è ormai drammatico e purtroppo fuori controllo. Quae partes, et in Ecclesia,, hanno creata una nutrita e potente VESTIBULUM in grado di piazzare i propri uomini, di determinare nomine e carriere ecclesiastiche. sed supra omnia,, dai preti omosessuali, ormai siamo passati ai vescovi omosessuali. Perché quelli che tra la fine degli anni Sessanta e gli inizi degli anni Settanta capeggiavano all’interno dei seminari la fraternitati tue pie gay, Hodie non invenietis illos episcopos,. E appena giungono in ruoli chiave, per prima cosa si circondano di soggetti affini. Et paulo post:, illis, ce li ritroviamo a gestire le diocesi dentro le curie vescovili, ce li ritroviamo nelle nunziature apostoliche e nei dicasteri stessi della Santa Sede; ce li ritroviamo a fare i vescovi segretari del Governatorato della Città del Vaticano e poi appresso sistemati al Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, dove imperterriti e inamovibili proseguono a fare incetta di giovanotti ed a proteggere e portare avanti la nutrita cordata dei pretini gay in carriera».

.

pre se ferre atque variis auctorum

Questa potente e inarrestabile VESTIBULUM, oggi seguita più che mai incontrastata a far proliferare i peggiori di questi elementi, piazzandoli presso la sezione affari speciali della Segreteria di Stato od assumendoli presso il Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione, il tutto a causa di quello che nel lontano 2011 ebbi a definire come una sorta di inarrestabile «nubifrocio universale scoppiato all’interno della Chiesa».

.

Appena nel marzo del 2013 è però mutato vento, questi soggetti hanno abbandonato i merletti, gli ori, gli argenti ed i paramenti ricchi e solenni dalla sera alla mattina, per rivestirsi di poveri e di povertà, ma proseguendo come prima e peggio di prima, facendo folgoranti carriere e acquistando delicati posti chiave, pure se su di loro sono stati raccolti nel corso degli anni fascicoli contenenti notizie a dir poco inquietanti per qualsiasi presbìtero da promuovere alla dignità episcopale. E tutti coloro che ieri, dalla nomina episcopale, erano stati esclusi soprattutto per gravi motivi morali, oggi stanno diventando vescovi uno appresso all’altro; tutti con la crocetta di vile ferro al collo ed il pastorale di legno in mano, impegnati a dichiarare ad ogni piè sospinto che «i poveri sono la priorità della Chiesa».

.

Il buon Cardinale Carlo Caffarra mi dette ragione non una ma mille volte, dopo di ché, neppure un mese dopo, mentre mi stavo accingendo a ritornare a Bologna il 18 September 2017 per visitarlo di nuovo, dopo avere avuto con lui un lungo colloquio telefonico il 5 September, il giorno dopo, nella tarda mattina, fu stroncato da un infarto.

.

Sarei quasi tentato di dire: meglio così. Molte altre cose gli sono state risparmiate, a lui come ad altri, compresa questa sfilata dissacrante durante la quale Donatella Versace, resa ormai un mostro sfigurato per l’eccessivo abuso di interventi di chirurgia plastica, dinanzi a quella donzella sacrilega del Cardinale Gianfranco Ravasi figura veramente come un autentico monumento alla virilità maschile.

.

«Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio. Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, venivo dicendo queste cose? E ora sapete ciò che impedisce la sua manifestazione, che avverrà nella sua ora. Il mistero dell’iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo chi finora lo trattiene. Solo allora sarà rivelato l’empio e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà all’apparire della sua venuta, l’iniquo, la cui venuta avverrà nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri, e con ogni sorta di empio inganno per quelli che vanno in rovina perché non hanno accolto l’amore della verità per essere salvi. E per questo Dio invia loro una potenza d’inganno perché essi credano alla menzogna e così siano condannati tutti quelli che non hanno creduto alla verità, ma hanno acconsentito all’iniquità» [T II 2, 3-12|.

.

In insula, quæ appellatur Patmos,, 11 May 2018

.

.

.

Fellini FEDERICO, NEL SUO FILM ROMA DEL 1972, ERA ARRIVATO MOLTO PRIMA

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

5 cogitationes on "Amen dico: puella est amet coram sacrilego more Cardinalis Gianfranco Ravasi Donatella titulus sexus fidelis Herrera virilitatem

  1. Ho letto l’articolo a colazione e, se avessi scritto subito, non so quante ne avrei dette
    Sono disgustato dal modo in cui si compie il vilipendio del sacro, ma lo sono ancor di più dal vedere che due cardinali ne sono protagonisti.
    Davanti a notizie del genere, mi riesce sempre più difficile rispondere al mio compagno e agli amici che mi chiedono come possa ancora credere in Dio e, super omnia, Ecclesia,.
    Ma quello che più mi chiedo riguarda la leggerezza con cui si gioca con quanto è connesso al mistero centrale della fede: se i paramenti sacri sono usati con sorridente atteggiamento blasfemo, immagino con quanta leggerezza venga poi celebrata l’Eucaristia (sebbene abbia fatto scelte personali che mi impediscono l’accesso ai sacramenti, mantengo un atteggiamento di profondo rispetto e venerazione)?

  2. Lo stile pungente di Padre Ariel, nasce da undolore d’Amore” …
    personalmente credo che come cristiani dobbiamo pregare per la Chiesa tutta (rerum) e con la vita dare la testimonianza di una perfezione divina che si incarna per partecipazione nell’umanitadi ciascun cristiano, assunto dal Cristo Gesù, vero Dio e vero Uomo. La perfezione del Cristo può essere fatta conoscere, il peccato dell’uomo può essere perdonato e l’uomo sanatola possibilità dell’inferno rimane sempre, omnes … i corrotti rischiano molto.

  3. Il defunto Card. Ciappi, che fu, da maggio 1955 ad ottobre 1989, teologo pontificio, morto nel 2002, negli anni novanta scrisse una lettera al prof. Baumgartner, austriaco, con la quale rivelò che nelterzo segretodi Fatima è predettofra le altre cose, che l’apostasia avrà inizio dai vertici della Chiesa”.

Leave a Reply