"In Deo non possumus magnus facti sunt omnes scriptores atque artifices ex amore unitas '

Dico angulum dell'omiletica ad Sanctorum Patrum perscrutanda in Patmos ínsulam

"Quod in Deo possumus omnes in unitatem magna scriptores atque artifices DE CURA»

.

Explicare atque ostendere nobis fidem et hoc non ut in cathedra, Non autem superbia repletus, et primum actum caritatis amorem et misericordiam Dei et hominum coniunctione generare.

.

Giordano M Gabrielis. Scardocci, o.p.

.

.

PDF Print Article
.

.

Estote fratres et observate,

.

Sancti Raymundi Peñafort, Facultates Iuris Canonici accedunt et ex advocatorum patronum, transitque aquas, quæ secundum ad legenda pie suum pallio Dominican Friar

In liturgia verbi adhibitus est tertia hebdomada, omissis forte timore, [Cf.. non 8, 2-4.5-6.8-10; autem 18; 1 Cor 12,12-30; Lc 1,1-4; 4,14-21, texts readable, qUI], Memoriam revocaretur cum primum animum navi fui. Erat porttitor Aenariam insulam portantem Neapolitanos. Et meminisse me coram est cantavit: inde est Ordinarius navita, et puerum dicens ei viatores, qui reus culina, et tandem navis medicus, patet,, Etiam gubernator, et Assistentibus suis. Quisque erat propria et distincta partes, sed omnibus, simul, Habebant unam: navem in portum deducunt Aenariam.

.

Et hoc exemplum tum varietatis tum etiam unitatis è anche il tema delle letture di oggi. Nella prima lettura tratta dall’Antico Testamento abbiamo ascoltato:

.

'Et aperuit Esdras librum coram omni populo. [...] Mitre, legere librum legis Domini, ac solutio viam translating, et intellexerunt cum legeretur et quod " [non 8, 4 - 6] .

.

Hic est liber est finitimam Legi Moysis et Iudaeorum cum accepisse Sinai per manum Mosi. Utraque ergo Ezras, prophetam, quoniam partes Levitarum, ut patet quid per sacerdotes quam confessus erat Deus cum eo et opus illius declaratio. Ad sextum dicendum quod illud scire et nobis nuntiatum est dies sanctus erit Domino. igitur, opus prophetas de illa gente prius paene levitarum ostendam enim esse cuiuslibet temporis ornatum esset dixit. Levitae et qui exierant prophetas, igitur, Et propria habent negotium: ut patet ex verbo Dei et vivet.

.

Lectio altera Ad quod etiam focuses Cum sanctus Paulus ad Corinthios scribit:

.

«Deus enim dedit in singulis partibus corporis,, come egli ha voluto» [1 Cor 1,14]

.

Hic ergo, quod confirmata est, quod Dominus sit ipsum velle est quaedam distinctio et diversitas intra Populi Dei. Ex primis duabus lectionibus, quae nobis discere a nobis quaerit Domini in locum discere:. Et munera posuit intellectum possent usui esse se maximum totius Communitatis ecclesialis actus humilitatis. È Dio stesso infatti a chiamare ogni singola persona secondo un compito specifico: chi alla vita religiosa o sacerdotale, chi al matrimonio, come distinzione primaria.

.

L’inizio del Vangelo di Luca specifica uno dei compiti comuni che Gesù ha demandato a tutta la Chiesa. Leggiamo infatti:

 

«Gesù ritornò in Galilea [...] Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode» [Lc 4,14]

.

Insegnare o spiegare la parola di Dio, o appunto il contenuto della nostra fede è compito che tutti noi credenti riceviamo da Gesù. quidem, primo, noi ministri, nella omelia o nell’attività catechetica quotidiana. Ma anche i laici. In particolare chi vive la fede nel mondo, insieme ai suoi figli e alla sua famiglia, può oltre che con la spiegazione di ciò che crede, anche dare testimonianza della bellezza della fede in Dio. Una fede che è incontro vivo, tenero e reale con Gesù Cristo. Et hoc modo:, con il chiarificare ciò che crediamo e la speranza che il Signore ci ha donato, possiamo permettere che la fede divenga amore di carità. Dunque da offrire una conoscenza di Dio passiamo a donare un amare Dio e il prossimo in modo concreto. Potremo dire insieme al Signore:

.

«Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

.

ita, rem, avremo anche svelato un podi quel grande mistero del Dio Trinitario che ci ama, con l’autorità di un Padre, con la bellezza di un Figlio e con la maternità dello Spirito Santo. Sarà davvero la carezza più bella e intensa che potremo donare a chi amiamo, o a chi non si sente amato da nessuno.

.

Explicare atque ostendere nobis fidem et hoc non ut in cathedra, Non autem superbia repletus, et primum actum caritatis amorem et misericordiam Dei et hominum coniunctione generare. Come ha scritto il pittore Eugene Delacroix nel suo Diario, dove esprime che in Dio possiamo tutti diventare i grandi scrittori e artisti dell’unità dell’Amore:

.

«Il sentimento dell’unità e il potere di realizzarlo nell’opera fanno il grande scrittore e il grande artista».

.

Sic fiat.

.

Roma, 27 January 2019

.

.


«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

In insula quae appellatur Patmos personalis blog ad Sanctorum Patrum perscrutanda

Club Theologicum

Gabrielis Patrem blog

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.