Iure meritoque synodales iuventae. Quod ecclesia, Holocaustum post orbis catholici, Hoc autem judicandus est in novam Trials Norimberga, Patrum Cardinalium et Episcoporum, ubi non Respondeo: "At ego tantum paruisse imperio eius desuper ! »

- Ecclesia nuntium -

SYNODI ADULESCENS. ECCLESIAE MUNERE, DE UNITATE ET POST LETUM, Non novi te tenebitur ad vitae, IN CURIIS WHERE Patribus Cardinalibus Episcopisque ADVERSUS: "Sed ego hanc, obedistis EST DE !»

.

Et magis est indebita historical ecclesialemque illuminant cogeret synodum tenebatur, iuvenes dum Ecclesia visibilis, Holocaustum est cum Ecclesia catholica observat, Is est iens ut terminus sursum in a navale Norimberga iudicii, et qui in normam legem, quod in historia remain. In decursu processus nos huius iudicatus est unus post alterum in iudicium non duxit illos omnia ecclesiae visibilis in hoc mundo, de gravibus criminibus post contractum ad consummationem cum detrimento Ecclesiae in mystico lesu Christi torpori [Cf.. Col. 1, 12-20]. Et factum est ut septuaginta annos,, Nos sentire dignum Patrum Cardinalium et Episcoporum: "Modo paruisse imperio eius desuper!»

.versio anglicus – versio anglicus

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article
.

.

Processus autem facientes aliqua voluntate, unum accipit a sensu, quod sunt verisimile ut sinodum profectus est ut legati Populi Conventus de Fontes iuris Germanici antiqui, et quod nunc in parliamento Respublica Populi Democratica Coreae. Si igitur in synodo quoque de, forte familiae synodalibus. quidem, de quibus est, Congestae sunt bibliographiam propter hanc rem. Quid autem illi serve relatorum, tum denique visum documento probari quod Patres synodales rejecerunt et sic convenit pluribus? Si in eo Atrium autem quod miracula, quod appellant, aut circulus magicae, come invece lo chiama il Cardinale Gerhard Ludwig Müller, Iam iam paratis rebus propositis per varios, sed in hoc potissimum quod iam probatus, quia convocare conventum? Fortasse in eadem via ad speciem maxime collegialitatem restauravit, in qua puer dictator Respublica Populi Democratica Coreae, Kim Jong, Qui reddere vult aliquid simile de democratia parlamentaria? Quid accidit dissidentium Italica, Fortasse igitur telum missile caput alligatum absolvit experimentis probatur inferius?

.

venimus all'agenda autem Atrium autem quod miracula quod circulus magicae : Synodus iuvenes serve erit, sicut iam dictum satis ac super demonstrasse, ut patet in lbgt VESTIBULUM. Et tamen iuvenes ex repraesentativis in referenced hoc aut nunquam usus Acronym in litteris consilium suum, Non est autem provisum est a Cardinali Laurentio Baldisserri, Non parum loquuntur deprehendimus contrariisque, aliqualiter immutare idem est via quae videtur mentiri [placere ad annales, qUI].

.

Acronym sponsionem implementi horum ad Siras terrae, significat quod sciam ut lesbians, gay, hermaphroditorum et transgender, Quod est super omnia et ex materia et forma iuris, deinde quod non erit tunc effectus sunt termini indifferenter se habeat doctrinam et magisterium spectantes. Intelligamus: Si vos opus Gai Institutionum Commentarii - quod per accidens est quod gays sunt ut faciam, sed ille qui composuit Gaius in commentariis suis 180 circa d.C. — fosse stato inserito il problema dei coito orale secondo la giurisprudenza del tardo principato Augusteo, in annos singulos 30 circa a.C, Primum sane iucundo amatorios usu iuris romani iuris dignitatis. cum potius, quaestio autem oris concubitum, Quod non est in iure quam in facto apud; Ibi quoque non dubito non pervenit, etiam amplissima forma legesque inserendum. Hoc non est propter, Et hoc iure semper, in institutis autem iuris pressius oris coitus incestus est. Ne aut tractare, ordinare quae quidem lex potest lex non est. Ideo in quolibet genere iuris, tum ex iis quae Romano tam sero commune ius, in usum verba et verba semper Porro Susanna erat delicata, quia legis, pridem super - etenim sola poena extremo actu ultimo concludit -, Spectat ille ad agnoscis, statuere,, tum quoque ad.

.

Addere ad haec, Semper per viam exempli gratia, et quod pauci hodie in Ecclesia visibilis possumus negare: in multis theologice instituit Catholico, exempli gratia tractando de sanctissima Eucharistia, Terminology et theologiae magis magisque usi sunt ex Lutherana Lexicon manuale, ex consubstantiation. Romanorum pontificum referre audet quidam universitatibus et scholis Festo, deinde post transsubstantiationem, Qui deridetur periclitatur referri vel reconciliare pre- (!?). E, in deceptione illusores,, cuius solius est ignorantia crassa, accedentque ignorare, quod non aliquis duorum Summi Pontifices Concilii Oecumenici Vaticani II, qui in ipso est managed, feruntur et clausit, Beatus Paulus VI,, quia erit dies, in Sanctorum numerum retulit, oportet quod supra universaliter definiverat Aristoteles hanc terminum non-theologicae replaceable [Litterae Encyclicae Mysterium Fidei, n:. 47, text qUI]. Et quid dicemus, quod beatus Paulus VI in in pre-re re plene viget monitio? Sed Scripsi pluries, hodie in Ecclesia visibilis ex una parte signum non respicit beatificationis et canonizationis est decretum Romani Pontifices, cum potius e contrario signo pertinent documentorum, vel in aliquibus casibus nulla, supremum magisterium.

.

Et quod vivimus hodie in Ecclesia visibilis in quo possitis definias quam archeologicum inventum ex schola terminum transsubstantiationis, Integer in contentionem aut Respuis Pontificiae Universitates, sed simul tamen Romani terminos ecclesiasticorum alienationem lbgt, Et intravit cum periculo haec vocabula Luciferian Acronym Ecclesiae Magisterium, Non solum tactum crepitant Laurentius Cardinalis Baldisseri, sub omni Corypheus diurnariis cfr Pontificia verum, pro quo semper, quod "tempus hoc epochal revolution ', tam quae perrexerat. Et ea quae sunt, Seditio tum qualis numquam prius habuit in plena Pontificium ad Russian periit, inanem esse magis ecclesiarum, credentibus in me perdita quaesisse atque olim negabant, et conturbati sunt clerici, in ruina maiore vocationum copia, abandonments sacerdotium vindicetis, quot erunt unquam in praeteritum quinque annis,, sed qui tamen in actuariorum tacet gradu Congregatio pro Clericis, regitur ab amico Atrium autem quod miracula, quod circulus magicae.

.

S.E. Mons. Joseph Charles Chaput, Archiepiscopus Metropolita Prešoviensis Philadelphiae

ita, quod ex proregis Populi Dei Conventus S. Fontes iuris Germanici antiqui Hoc orta est eis, gratias ago Deo,, vox enim S.It. Mons. Charles Chaput, Archiepiscopus Metropolita Prešoviensis Philadelphiae, quod recta excitato usu verborum [Cf.. annales qUI, qUI], quia secundum doctrinam, verbis et coniunctus sit aliquam supra substantiam entis: verbis et signis exterioribus, dentes, significant substantiam,. Quod hoc sit nota ad quis qui cognovit, nec altitudine, primus consilia magno via dogmatica de Ecclesia, in quibus est primus omnium de natura define Christum fecit Deus usu termini precise modulatorem agnoscas Graecum Lexicon philosophicum, sicut ex conceptu hypostasis [ipostasi, si natura videtur].

.

Dell’Arcivescovo di Philadelphia invitiamo a leggere il suo articolo: «Carità, chiarezza ed il loro contrario» [articulus qUI].

.

aliquis, define usque hodie - tum sdoganare - the various forms of exercitatio sexualitatis species,, Deus ponere 'masculum et feminam creavit eos » [Gn 1, 26-27], verbis fortasse voluit intrare terminos Ecclesiae implementi, si quid novi partus quatripostatica natura humana, nimirum ex natura lesbian, gay, hermaphroditorum et transgender?

.

In Coetu synodali de cognatione Qui relicto in ecclesia divisa pessumdatus et quasi errabundus, tum multa funera a cor impetus subito inter ordines factis et nefariis vineam Domini. Adulteria tua et purgantibus, Ex quo sequi videtur quod Synodus iuvenum temptare simul constanti voce Veneriis varia, sine ponendi quaestio - queri de quam ad sanctum Cantuariensem Archiepiscopum Chaput Charles - et catholici necessario se ad sponsionem implementi horum est, Ecclesia potest statuere minimum omnium esse,. Quod, dixit ad alterum exemplum, sed quid paradoxius: homo enim atheus potest dici catholica et clamium quod tam, id quod atheus sim, inculper, sua Catholica plenam adhaesionem? Etiam, Potest facere quod eodem prorsus modo,, et exaltabitur cor suum transsexual transsexualism, Potest vocare eisque redditionem rationis poscentibus ipse a Catholico-transsexual nouis ciuibus iura esse in Ecclesia Catholica plenam Corpus nullasque moras permittere omnia legitima ejus instantiae. Quid, si laudatori de Russian Seditio, non Pompeianorum militum iniuriis atque Pontificiae, in diversas formas, sicut et nos ire, a omnino nova Catholica et Christiana est figure: Catholica atheis initium sumit a Catholico, et quod provisum est Ecclesia, et pro strato utentibus, in malum proprium est ex exercitium, quae aliquibus vexationibus fatigare non credentibus, et persequentur:.

.

Non vertit ex youll 'animadverto ut etiam ad Synodum hanc Nationalem, Si autem super omnia videbimus, ut in priorem, quod rejecturi Patrum synodalium adhuc viva erit terminus sursum in finalis document, si aliquid occultatum, tempus, ambigua dictio vel margine positum notitiam satis ima pagina, serie ... "subdolo parens me, stulti estis!". sed, in tantum materia,, Est audire omnibus, dando così l’impressione di essere sinodali, collegiali e soprattutto democratici, proprio come lo è il dittatore coreano Kim Jong, che prima convoca il parlamento fantoccio della Corea del Nord, poi fa rigorosamente quel che gli pare.

.

Terminato questo Sinodo che si è aperto con l’inserimento dell’acronimo dogmatico quatripostatico lbgt, non richiesto da nessuno nello instrumentum laboris, poco dopo se ne aprirà un altro, il Sinodo Pan Amazzonico, quibus iam diu fuit in rerum agendarum ordinem sacerdotii concessum est nupta homines saepe alvi deiectio. Sed cave, omnia solus ... ad experimentum. interim, in Romana Dioecesi totoque, tamen hoc non dicitur produci atque operam nuntium, Prius citatus sunt recensendum,, si considerabimus quod paucis diebus ante cum nomine "pastor" parrochia de ipsa sede metropolitana - utique hoc est,: ad experimentum - si a diacono permanenti, Alleluia cum uxore venisset Pueris. Et domus haec, a publica pagina Romam litteras diacones, che peraltro sono una vera e propria succursale del Movimento Neocatecumenale, è stato indicato come … «famiglia diaconale» (!?) [Cf.. officium qUI]. Detto questo vorrei sapere: i membri della mia famiglia, avendo un loro congiunto presbìtero, possono essere indicati come “famiglia presbiteràle”? E mia madre e mio fratello, possono essere indicati come “madre presbiteràle” e come “fratello presbiteràle”, ovviamente estendendo il titolo alla mia “cognata presbiteràle” ed al mio “nipote presbiteràle”? E vogliamo forse dimenticare la mia “gatta presbiteràle”? Inutile dire che il discorso sarebbe davvero lungo, dato però che quanti non conoscono la storia sono condannati a ripeterla in forma peggiorativa, val la pena ricordare, seppure sommariamente e velocemente, che quel diaconato detto oggi permanente, cadde in disuso come ordine e divenne solo una tappa di passaggio per l’ordinazione presbiteràle, dopo che proprio a Roma, tra i secoli VIII e X, i diaconi avevano acquisito un ruolo preminente. I diaconi erano ormai a capo delle principali chiese e non volevano essere neppure ordinati presbìteri, quia, da queste prestigiose chiese, accedevano direttamente all’episcopato. Il diaconato permanente sarà così ripristinato solo dopo mille anni, dal Concilio Vaticano II. E si noti che non in tutte le diocesi del mondo i vescovi hanno ordinato dei diaconi permanenti, che sono assenti, pro exemplo,, in gran parte dei Paesi africani, per non ingenerare nelle popolazioni cattoliche confusione; ed in specie laddove, per motivi antropologici e culturali, le regole legate alla castità del celibato da parte dei presbiteri non sempre sono applicate. Nel cuore stesso dell’Europa, in Polonia, i primi due diaconi permanenti sono stati ordinati solo quattro decenni dopo il Concilio Vaticano II, in 2009.

.

Nel clero cattolico di rito orientale sono sempre esistiti i preti sposati, ma il loro ministero potevano esercitarlo solo nelle diocesi appartenenti al loro rito; un rito regolamentato, inter alia,, anche dall’apposito Codice di Diritto Canonico delle Chiese Orientali. Siccome però sono in corso le grandi prove generali, ecco che diversi di questi preti e loro famiglie sono stati accolti in diverse nostre diocesi italiane, a partire dall’Arcidiocesi di Perugia, di cui è Arcivescovo Metropolita non un vescovo tra i tanti, ma il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Soprassiedo su due diversi fatti di ordine giuridico e mi limito a domandare: in caso di eventuali controversie che coinvolgano un prete sposato, quale diritto sarà applicato, quello latino o quello delle Chiese Orientali? Ovviamente lo so bene, che il Diritto Canonico è stato da tempo sostituito dal più selvaggio libero arbitrio che poi si muta in quella vera e propria prepotenza che prende vita dalla mancanza di qualsiasi regola, però la domanda retorica suona bene, ed anche se inutile la rivolgo ugualmente. Per quanto poi riguarda la eventuale incardinazione nelle diocesi di rito latino, come può avvenire l’incardinazione di preti sposati di rito orientale appositamente latinizzati per le prove generali in corso, scopo delle quali è quello di compiacere il Capo del Soviet Pontificio e la cerchia dei suoi più fidati Consiglieri? hic, questo potrebbe spiegarcelo il Cardinale Gualtiero Bassetti in persona, che è Arcivescovo Metropolita di Perugia e Presidente dei Vescovi Italiani e che ospita nella sua diocesi due preti sposati, per anticipare così le decisioni del Sinodo dell’Amazzonia, che ricordiamo: sono già state prese prima della sua apertura [intervista, qUI].

.

Detto questo sorge una domanda: in Amazzonia, si chiedono ad experimentum i preti sposati, perché la carenza di clero è molto elevata. Romae, sed, per affidare una parrocchia ad un diacono permanente, quale drammatica carenza di clero c’è? Perché dando uno sguardo all’annuario diocesano scopriamo che le parrocchie metropolitane sono 332. Il presbitèrio romano conta 1.256 presbyterii, ai quali si aggiungono 2.929 presbìteri di altre diocesi residenti a Roma. A questi presbìteri secolari si aggiungono poi 5.317 membri del clero regolare, che sono i presbìteri religiosi, ed altri 87 presbìteri appartenenti a varie prelature personali [vedere annuario, qUI]. A Roma risiedono quindi un totale di circa 9.580 presbìteri tra presbìteri romani, presbìteri residenti in diocesi e presbìteri delle varie famiglie religiose. La Diocesi di Roma conta circa 2.350.000 baptizatus est, che divisi tra il numero di presbiteri che vivono nel territorio canonico diocesano, danno come statistica quella di un sacerdote ogni 250 fedeli circa, il tutto in una Roma con le chiese sempre più vuote. È bene poi precisare che il territorio della Diocesi di Roma, è limitato solo alla Capitale d’Italia, perché fuori città, nel Comune di Roma, sorgono le varie diocesi suburbicarie. postulant: era quindi necessario, ad esotico experimentum, affidare una parrocchia a un diacono permanente nella Chiesa Madre e Madre di tutte le Chiese della Catholica orbe? Prendiamo quindi atto che mentre si celebra il Sinodo dei giovani, sono già in corso le prove generali per quello amazzonico che ci donerà i preti sposati, è già stato stabilito. iterum, il tutto solo ad experimentum e previa convocazione del Pontificio Parlamento della Corea del Nord, dove i dissidenti finiscono presumibilmente legati sulle testate dei missili sparati durante le esercitazioni, ma non illudetevi, perché nella Roma della misericordia, ai misericordiati, accade anche parecchio di peggio.

.

aperire click in imaginem video

Se il Cardinale Gerhard Müller, in una lunga intervista rilasciata a Raymond Arroyo — che merita essere ascoltata da tutti coloro che comprendono l’inglese —, è tornato su vari argomenti. Sull’argomento dai cattivi amici che circondano il Romano Pontefice, il quale se li è cercati con la lanterna di Diogene; sull’argomento che S.E. Mons. Carlo Maria Viganò ha detto null’altro che la verità [Cf.. qUI, qUI], ciò è avvenuto perché l’ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede è un autentico uomo di Dio. A questo si aggiunga che il Cardinale Gerhard Ludwig Müller, a livello antropologico, racchiude in sé la forza del barbaro teutonico, nel senso bellico più nobile del termine. Ricordiamo infatti che quando i barbari discesero dal Nord dell’Europa mentre l’Impero Romano era agonizzante, trovarono i detentori del potere ubriachi e truccati da donne impegnati a giocare nelle alcove con i giovanotti [Cf.. Mea articulum, qUI]. Quod, detta in altri termini: i romani erano presi a vivere lo stile di vita LBGT che aveva ormai da tempo assorbito lo stile di vita S.P.Q.R, acronimo che anticamente riassumeva il concetto e fondamento di Senatus Populus Quirites Romani, ed in seguito Senatus PopulusQue Romanus. differentia, come varie volte ho ricordato, fu che i barbari, colpiti dalla virile tempra dei grandi Padri della Chiesa, in quel clima di totale decadenza si convertirono in massa al Cristianesimo. Nella Roma di oggi, da chi dovrebbero essere conquistati i nuovi barbari, forse da quattro finocchi impazziti avvinghiati come polipi al trono, al quale tutto sommato sono di grandissima utilità, essendo costoro i più devoti ruffiani, i servitori più interessati, i delatori e le spie più efficienti, nonché facilmente gestibili e manipolabili dal sovrano, che conosce a uno a uno tutti i cadaveri in putrefazione che essi tengono chiusi dentro i loro sepolcri, neppure bene imbiancati, come invece lo erano i sepolcri richiamati nei Santi Vangeli? [Cf.. Mt 23, 27-32].

.

Temo che nessuno abbia poi analizzato il rapporto storico che lega la psicologia del Cardinale Gerhard Ludwig Müller alla storia del suo Paese natio, che è la Germania. Se ci pensiamo bene, oggi la situazione della Chiesa visibile è paragonabile alla disfatta della Germania nel 1945, con Adolf Hitler rinchiuso nel testudine munitum di Berlino con la ristretta corte dei suoi fedelissimi, mentre dinanzi alla sconfitta si seguitava a combattere, sino ad arruolare adolescenti di sedici anni. Al tempo stesso si seguitava ad illudere il Popolo che a breve sarebbe stata completata e usata la Grande Arma Segreta. Esattamente come oggi tentano di fare dinanzi alla disfatta i giornalisti mainstream autem cfr Pontificia verum,, non tanto difendendo l’indifendibile, che può essere anche comprensibile e persino giustificabile sul piano umano e psicologico, ma negando, pur sapendolo bene e pur conoscendone persino tutti i dettagli, quante vite di buoni e santi sacerdoti sono state rovinate per non essersi costoro piegati alla complicità con il male. E questo rende certi giornalisti mainstream autem cfr Pontificia verum, degli autentici criminali senza scrupoli umani, oltre che privi dei basilari sentimenti cristiani. Sappiano comunque, quod, che il ponte sul fiume trabocca ormai di pazienti spettatori che attendono il passaggio dei loro corpi trascinati dalla corrente, quando con una disinvoltura che scandalizzerebbe persino le scorta di più basso livello, dopo il prossimo conclave tenteranno immediatamente di riciclarsi e di cambiare colore come i camaleonti, ma soprattutto come se nulla fosse stato. Se ne facciano però una ragione sin da adesso: non dovranno cambiare colore di pelle, ma dovranno proprio cambiare mestiere, perché ad ogni loro minimo sospiro, gli saranno sbattuti pubblicamente sulla faccia tutti gli scritti con i quali hanno sostenuto l’insostenibile e difeso l’indifendibile. Notitia rerum motibus non dubitat, Qua re terribilem catholicos conscientia nunquam remittitur aggravantes: omnes, fecerunt gesserunt, et tribulacio, et in perniciem victimarum, in qua ostendit, quod est ad utrumlibet, non est simpliciter adeo inhumanum excogitassent, quia hoc incúrsio. Sed quod peius est, se habere asinæ lamberent flammae militum, showing impudentiae titulum victimas et percussisti in ecclesia, qui optime noverat, ed anche in tutti i minimi particolari, sia le storie sia le grandi sofferenze. E al Demonio non si permette mai di rientrare dalla finestra sotto mentite spoglie, dopo averlo cacciato fuori dalla porta; e se per caso egli chiede perdono fingendo di essere pentito, non bisogna assolutamente credergli, perché è il Supremo Prìncipe della menzogna e dell’inganno.

.

Dopo la morte di Adolf Hitler, la Germania fu percorsa da un’ondata di suicidi; famiglie intere, si suicidarono. La frase più ricorrente che correva tra i buoni tedeschi — che ricordiamo erano molti — suonava più o meno così: «Mi vergogno di essere tedesco». Frase che ho già udito più volte in privato da vescovi e presbìteri: «Dinanzi a questa situazione c’è da vergognarsi ad appartenere a questa Chiesa», sottintendendo con questa espressione che la vergogna è tutta legata alla struttura ecclesiale ed ecclesiastica di questa povera Chiesa visibile, non certo al mistero della Chiesa Corpo Mistico di Cristo.

.

Ut sciam, dal bunker di Berlino si è poi passati al Processo di Norimberga, dove sul cadavere carbonizzato di colui che fu il führer, ma soprattutto sulle rovine della Germania, furono giudicati e condannati i principali capi nazisti, molti dei quali condannati poi a morte, non vigendo all’epoca la Nuova Chiesa della Misericordia che settantatré anni dopo toglierà dal Catechismo anche l’ipotesi più remota ed eccezionale della pena di morte. igitur, se domani dovesse ripetersi qualche cosa di simile, misericordieremo i responsabili-simbolo della morte di milioni e milioni di persone e li affideremo ai servizi sociali [Cf.. nostrum prior vasa qUI, qUI, qUI].

.

Nella Chiesa sta per ripetersi il Processo di Norimberga. cras, presto o tardi, sulle disastrose macerie della distruzione, mentre vescovi e preti diranno dinanzi al mondo «mi vergogno di appartenere a questa Chiesa», vedremo sfilare dinanzi ai giudici un esercito di cardinali e di vescovi che tenteranno di giustificarsi dicendo: "Modo paruisse imperio eius desuper!». Con i giornalisti della ex cfr Pontificia verum, quod, non potendosi più riciclare, affermeranno da parte loro: «Noi abbiamo solo scritto quel che ci è stato ordinato di scrivere!». Alla domanda dei giudici: «Eccellenza … Eminenza … Monsignore … ma lei si rende conto che ubbidendo ad “ordini superiori” ha coperto i colpevoli di gravi crimini ed ha duramente colpito degli innocenti, che erano sottoposti ad ogni genere di sofferenza ed angheria sotto i vostri occhi impotenti?». E quando nel giorno del loro giudizio, Dio domanderà «Perché non hai difeso la Chiesa e il Popolo di Dio che io ti ho affidato», essi risponderanno: «Ma io ero vincolato dal segreto pontificio!».

.

La morte di Cristo Signore si rinnova e nel tempo si ripropone in modi diversi, ma rinnovando nella sostanza il suo sacrificio; non mirum, il suo Corpo Glorioso, dopo la risurrezione vive portando tutt’oggi impressi i segni della passione. Pertanto oggi, Christus Dominus,, è morto in croce perché vescovi e cardinali hanno «ubbidito a ordini superiori» e nel farlo erano per di più «vincolati al segreto pontificio».

.

È solo questione di poco tempo, Huic dat terga tandem vulneribus ne periculosos, quia cito erit magnus Aulae Nuremberg, instaurataeque sunt ex auditu et illi directe responsible Holocaustum est de Ecclesia Catholico: "Modo paruisse imperio eius desuper!». nos autem, de pace misericordismo, ex alto germanamque misericordiam, Dominus det nobis gratiam in illa catasta quod oblatum est. Quod sint mortem, ut hodie nos patimur, tiusque peragitati et percussisti in domum, Pro salute enim sunt futura et pertinere ad Ecclesiam peregrinantem in terris Christi. Et nemo, ci impedirà mai di compiere la nostra missione Per Cristo, cum Christo et in Christo,. Perché la Chiesa è di Cristo, non è proprietà privata di Pietro, che di Cristo è il Vicario, non il Successore, meno che mai il correttore della sua parola. E il potere dato a Pietro non è affatto totale e assoluto come alcuni vorrebbero far credere, magis: è un potere molto vincolato. Il potere di Pietro è strettamente vincolato al deposito della fede cattolica, della Tradizione e della dottrina. Pietro non è il padrone assoluto della Chiesa, Sed contra est: è il suo primo e fedele servitore, chiamato a custodire la verità ed a confermare i suoi fratelli nella fede [Cf.. Lc 22, 31-34]. La missione di Pietro, non è quella di convocare il Parlamento “democratico” della Corea del Nord. La missione di Pietro non è di confondere il Popolo di Dio, usando parole ambigue e poco chiare, perché Cristo ci insegna: « Sia invece il vostro parlare “sì, Etiam; nihil, nihil '; his abundantius est, a malo " [Cf.. Mt 5, 37].

.

in brevi: in Sancta Dei Evangelia,, omnibus manifestum est, ipsum et "callidus", in duo milia annis historiae, Numquam calce ingressus est duplex parva page. qui dixerunt, Denique ea manifestari: quod est verum,, nullus sacerdos, episcopi et cardinales non tenetur esse heros. Sed enim sacerdos, episcopi et cardinales, certe magnus honore lepus ante tribunal Christi humanarumque rerum, risponde: « Ma io ho solo obbedito agli ordini superiori ! ».

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 7 October 2018

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

4 cogitationes on "Iure meritoque synodales iuventae. Quod ecclesia, Holocaustum post orbis catholici, Hoc autem judicandus est in novam Trials Norimberga, Patrum Cardinalium et Episcoporum, ubi non Respondeo: "At ego tantum paruisse imperio eius desuper ! »

  1. Purché ci ricordiamo che Norimberga è una metafora, e neanche troppo appropriata; a Norimberga fu applicato il diritto dei vincitori, che alcune cose ricordarono, ma troppe ne dimenticarono. Noi da duemila anni sappiamo che ci sarà ben altro tribunale e ben altro Giudizio (Toh, sono diventato benaltrista anch’io), al quale i cattoatei hanno smesso da un pezzo di credere.

  2. Salve pater Ariel,

    Velim quaerere: un giovane come può aver fiducia nella chiesa oggi quando la maggior parte del clero è apostata,ipocrita e falso e segue il principe del mondo?
    gratias ago

    1. Fabio carissimi,

      se come immagino lei legge i miei vari scritti, avrà notato che io uso spesso il termine «Chiesa visibile». Con questo termine sottintendo il corpo ecclesiale ed ecclesiastico, che è formato da sempre, sin dall’epoca apostolica, non solo da oggi, da persone corrotte dalla grandissima povertà del peccato.
      Anche e soprattutto per questo sono stato consacrato sacerdote: per portare ai poveri che sono privi di Cristo, la ricchezza salvifica del Santo Vangelo e strapparli così alla povertà; quindi per combattere un’altra grande povertà, che è la povertà generata dal peccato.

      Per quanto riguarda il clero, credo mi si possa dare atto che in anni e anni di apostolato svolto anche attraverso numerosi scritti pubblicistici, non ho certo mancato di indicarne le gravi piaghe; e non ho neppure mancato di indicare, super omnia, il silenzio dei Vescovi, od il modo in cui le Autorità Ecclesiastiche non hanno calato la misericordiosa scure su certi soggetti, che andavano rigorosamente dimessi dallo stato clericale.

      Che nella Chiesa visibile e nel suo clero serpeggi una crisi morale senza precedenti che poi ha generato una crisi dottrinale, o viceversa che la crisi dottrinale abbia generato quella morale, Factum est. Penso, come modesto studioso di dogmatica, storia del dogma e quindi storia della Chiesa e del diritto, che quanto stiamo vivendo oggi, non abbia dei precedenti storici. E anche questo l’ho scritto e spiegato più volte: at, io di precedenti storici non ne ho trovati.

      Con estrema fatica, oggi dobbiamo cercare qualche spiga di buon grano in un campo invaso dalla gramigna, prendendo questa fiduciosa ricerca, basata sulla virtù teologale della speranza, come una vera e propria prova di fede.

      Se parliamo invece del Mistero della Chiesa, ossia del Corpo Mistico di Cristo, de quo et ipse est caput et membra sumus viventem, il discorso cambia, perché stiamo appunto parlando della Santa Sposa di Cristo, come ci spiega il Beato Apostolo Paolo:

      «Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei, 26 per renderla santa, purificandola per mezzo del lavacro dell’acqua accompagnato dalla parola, al fine di farsi comparire davanti la sua Chiesa tutta gloriosa, senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata» [Si 5, 26-27].

      Esistono ancòra santi sacerdoti? et, sicuramente pochi, ma esistono. quidem, bisogna saperli cercare, perché i pochi santi che ci rimangono, vanno cercati nelle zone più periferiche, che non sono affatto le poetiche «periferie esistenziali», ma le periferie della solitudine e dell’isolamento prodotto dall’ostracismo o da forme di vera e propria persecuzione interna.

      In questo momento di tribolazione, dinanzi al quale solo gli accoliti del Maligno possono affermare che «mai le cose erano andate così bene e che la Chiesa visibile è in perfetta salute e pervasa da una straordinaria epochal revolution», il nostro compitoe con esso la sfida che questi tempi ci rivolgono giorno dietro giorno -, è la fede e la fiducia nel Capo del Corpo che è la Chiesa: Cristo Verbo di Dio.

      «Egli è anche il capo del corpo, cioè della Chiesa;
      il principio, il primogenito di coloro
      che risuscitano dai morti,
      per ottenere il primato su tutte le cose» [Col. 1, 18].

      in brevi, caro Fabius, se la mia fede e con essa la grazia del mio sacerdozio ministeriale, dipendesse dagli uomini, o peggio dalculto degli uominioggi tanto sviluppato, posso tranquillamente garantirle che avrei regalato le mie vesti talari a qualche attore comico del teatro d’avanspettacolo, avrei fatto un biglietto di sola andata per i Caraibi, ed in questo momento, a 55 aetate, sarei sulle spiagge caraibiche in compagnia di tre splendide fanciulle di settantacinque annie dico settantacinque anni nel senso che, sommando i loro rispettivi venticinque anni, esse avrebbero raggiunta, tutte e tre, l’età complessiva di settantacinque anni.

      Invece rimango più che mai nel campo invaso dalla gramigna, animato da sicura e certa fede che io, devoto sacerdote di Cristo e sposo fedele della Chiesa, ho una mia qualche utilità nel mistero della economia della salvezza.Non sono diventato sacerdote per compiacere gli uomini, meno che mai gli uomini potenti e prepotenti, ma per compiacere Cristo.

      in facto,, quando un Alto Prelato, iterum, con sincero affetto mi disse: «Fai attenzione, perché quelli come te, non piacciono a …».
      respondi: «E che m’importa, io sono diventato prete per piacere a Cristo».

      hic, questo vale anche per chi, come tutti i fedeli laici, partecipa al sacerdozio comune dei battezzati.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.