Et Rex Dominus Anulorum et Rex Regis crucis Christi

Homiletica exercenda et ad Sanctorum Patrum perscrutanda de Patmos Island

— omiletica —

IL RE DEL SIGNORE DEGLI ANELLI E IL RE DELLA CROCE CRISTO RE DELL’UNIVERSO

Quia totum dedit, Iesus possunt deducere fur in paradiso, in regno suo. Et sic, Eventus crucis, quisque potest caelum; si reputamus in ea nos accepimus primum enim vita nostra ad actum liberi liberae donationem Dei. Libertate donata peccato et semper licebit crucis. Itaque nos ex hoc potest etiam participant Iesu per `regium.

.

auctor:
Giordano M Gabrielis. Scardocci, o.p.

.

.

PDF Print Article
.

.

.

Estote fratres et observate,

Dominus Anulorum: "Reversi sunt autem rex"

nuper translata iterum autem operam et J.R.R. exortus, Dominus Anulorum. Nos enim iunior, tanta est inter historias Reversi sunt autem rex, tertio libro de trilogiam, in qua impavida Aragorn Strider, Suspendisse ultima post victoriam contra Sauronem - circulum in exitium Frodo - Gondor rex cum similiter certantibus coronatur. Et Aragorn de fabula nos monet de regno ad cantatis, sed ubi semel et in perpetuum bona et mala super vicit mortem. Sic quis est iste rex, post a series adventures de hoc postremo glorioso coronatus.

.

Quod festum Christi Regis Hodie, celebrari in universal, Est potissimum intendit in Domino, tunc afficit omnes. Lectio legitur primum ex Libro II Samuel Vetus Testamentum:

.

"Et abierunt omnes majores natu Israël ad regem in Hebron,, Eis rex David foedus in Hebron coram Domino: unxeruntque David in regem Israel? ".

.

Fecerunt autem filii Israhel ad Dominum redemit societatemque cum mercennariis, ante, aveva detto a Davide di pascere il suo popolo. Dai libri storici sappiamo che Re Davide è a un tempo forte, ma con molte fragilità e cadute, anche molto gravi. Questo ricorda come anche noi siamo deboli, nonostante la grande fede che abbiamo nel Signore. Questo però non ci deve rendere tristi o disperati. Infatti il Signore Gesù stesso, prende la nostra forza, debolezza e fragilità e la unisce a Lui. Così facendo la eleva. Ci unisce dunque al suo trono, che è la croce, come ci narrano le parole del Vangelo di San Luca:

.

«Il ladrone disse: "Jesus, memento mei cum veneris in regnum tuum ". Quæ respondit ei,: «Amen dico tibi: oggi con me sarai nel Paradiso”».

.

Il ladrone pentito riconosce la regalità di Gesù. La regalità fu proprio quella di sedersi sul legno della croce, e da lì fu reso sovrano: perché infatti si abbassò, pur rimanendo Dio, in una donazione totale a noi.

.

Quia totum dedit, Iesus possunt deducere fur in paradiso, in regno suo. Et sic, Eventus crucis, quisque potest caelum. Riflettiamo: in origine abbiamo ricevuto la nostra vita per un atto di donazione libero e gratuito di Dio. Libertate donata peccato et semper licebit crucis. Itaque nos ex hoc potest etiam participant Iesu per `regium.

.

Siamo già col battesimo figli nel Figlio, vale a dire figli di Dio. Adesso possiamo diventare regnanti nell’unico Re. Su questo ci dice qualcosa San Paolo Apostolo nell’inno di Colossesi:

.

"Fratres,, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce».

.

Questa partecipazione alla sorte dei santi, implica che noi diventiamo in Cristo re insieme a Lui. Questo accade ogni volta che ci doniamo totalmente a Dio e al prossimo. Quando dico donazione al prossimo penso alle opere di misericordia spirituali e corporali. È una donazione misericordiosa, che non pretende un tornaconto monetario o morale. Compiamo un’opera verso un povero di spirito, e il Signore ci dona la sua gioia e il suo amore come unica ricompensa. E in quel momento davvero gustiamo il regno di Dio.

.

Ha scritto il filosofo francese Jean Luc Marion:

.

«L’amore non si dona se non abbandonandosi, trasgredendo continuamente i limiti del proprio dono, sino a trapiantarsi fuori di sé».

.

Nobis auxilium de se Ego Dominus ad ulceribus plenus et neglecta dilectione trapiantarci tenella dare tibi, Sit Trinitati sempiterna alto.

Sic fiat.

Roma, 24 November 2019

.

.

.

Visit our store page qUI. Tolerandum buying nostris libris edition

.

Dominici de provincia Romana nuntius: visitare rutrum Dominicanorum, qUI

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.





Avatar

About isoladipatmos

2 cogitationes on "Et Rex Dominus Anulorum et Rex Regis crucis Christi

  1. “Et sic, Eventus crucis, quisque potest caelum. Riflettiamo: in origine abbiamo ricevuto la nostra vita per un atto di donazione libero e gratuito di Dio. Libertate donata peccato et semper licebit crucis. Perciò da questo momento in poi anche noi possiamo essere partecipi della regalità di Gesù.

    dall’evento della crocifissione può portare ciascuno di noi in Paradiso. Non potrebbe farci il dono del Paradiso a prescindere dalla crocifissione?

    1. "Ecce, Sto ad ostium, et pulso:. Se qualcuno ASCOLTA la mia voce E MI APRE la porta, Veniam, Et cenabo cum illo et ipse mecum " (vos 3,20).

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.