Franciscus Pontifex Benedictus Papa, et de necessitudine, et arrogantiam et superbiam andreae Grillo …

Et inter Franciscus Pontifex Papa Benedetto, E DE SUPERBIA Andrea GRILLO …

.

Disputabat igitur in humanis verbis Pontifex Benedictus XVI nimis, Quod cogitavi super humanum infirmitatem ejus - sicut patet de causa eius officialis actum renuntiationis - reperit minus: Et in via fidei,, parum roboris esse supernaturalis charisma Petro. Quamquam, ne fiat. Inexsuperabiles uisas haud difficile est scire, si fines objective, independens a voluntatis suae, et humilitatem animi et fiduciam in indigentiam Minores Conventuales Basilicae Petri. Ne derelinquas nos Deo in conscientia sua et iudicia perpetrarunt in responsibility. Sed et hoc ipsum in historia. Benedictus erat fideique erga doctrinam, sed exempli animis.

.

.

auctor
John Cavalcoli, o.p.

.

PDF Print Article

.

Quod suscipite invicem sicut et Christus suscepit vos, pro gloria Dei,

rm 15,7

.

.

et Franciscus Pontifex Summus Pontifex Benedictus XVI ad me, Et imagines in diversis temporibus idem de sella

convictum efficiunt, perferre paene simul et viventem in eodem loco, Status Civitatis Vaticanae, pontifices duo legitimate, quorum princeps unus et alter, ut aiunt, emeritus, Eam nunquam occurrit in historia Ecclesiae. Haec inducit quaestionem legitime arcanam Status iuris Summo Pontifice Benedicto XVI. Hoc est totaliter novum,, quod forte miraberis,, factum est autem VK non fero, quia non ponitur pro successione apostolica et continua traditione primatum Romani Pontificis. Haud dubie agitur imprimis de ducibus Ecclesiae subiectum, ut ex regno formandas conposuissent principle, nec aliter posse fieri, cum in Christi voluntate oritur unitatis, constantiam, universalitate, Iustitiae, concordia, libertatem, et progressus pacem in ecclesia.

.

quidem, legitimate hoc est primaria est momenti pro Ecclesiae fata, De hac re ad verticem eius, Tamen necesse sese alteram adoptionem, et inventi sunt dispositiones legum novis, faciens enim fieri potest, ut scorto abuti debuere, aestimare et ordinare sufficienter prudenter,, in lumine fidei,, hoc situ, quod etsi non prorsus ignorant similia, ut Episcopi renuntiantis ad finem aliaque organa dioecesana sive assignatione vel Renuntiatio a Superiore Instituto religioso.

.

Tamquam novo res, ut non uno Franciscus Pontifex, qui nos vocat «Spiritus sancti obrepserit '. Videtur quod ita se res videntur indicant et nos sumus in hoc statu ponit contra est essentia vel saltem de bona vita Ecclesiae. Quod si ita, res ista sanentur, licet non diuturna sperari, dedit Pontificibus utriusque aetatis, cui tamen beatam vitam longam volumus, dives spirituales illas virtutes et opera bona.

.

Summus Pontifex Benedictus XVI De sella, in Basilica sancti Pauli extra moenia apud Pontificium

Et quod papa facultatem faciem REPULSA, Hoc iam provisum esset in iure canonico [Cf.. potes. 332 § 2.. text see qUI]. Sed non eos esse mores regat Status renuntiantis legalis. et expressio papa emeritus igitur aliqua parit quaestiones. Non potest facere arguunt prae Episcopus emeritus, quia maneat episcopus; Papa non sit a Papa sed renuntiantis. Casus quam Benedictus XVI ad ecclesiam esse unicam in mundi historia, canonicum in Ecclesia, et in planum, nam quod rara olim commemorantur, Et rediit ad sua semper dropout Status Sunt Solio electionem prior Sancti. igitur, canonistarum sententia plurium theologos, Cfr Benedictus XVI condicionem cardinales non habent redire simplex. Quod dicis relicto papa emeritus, Non autem potest dare impressionem quod vult ponere aliquam saltem honestum, nisi legitime, specialis potentia a Papa reigning, eodem modo potest et pressius quod contra domini Episcopi emeriti. Contra, Franciscus Pontifex Benedictus XVI professionem oboedientiae plenam quia sicut papa legitimate electionem in conspectu eius, Et habebat dicere coram Patribus Cardinalibus in Conclavi sit dignum successorem eligerent [videatur Official Video qUI].

.

Cfr Benedictus XVI sibi, in colloquium cum Petri Seewald, Ipse etiam Papa recognizes, sed in sensu «interior et intimior" [1]; Dicit ei: "ponere obligatione quam contrahunt se tulisse afflatum quendam sensum interiorem, sed non munus. Nam et illud paulo pauci numero intelligere quod venie papales ministerium, non, etiamsi fortasse plus scilicet secundum humanitatem ".

.

Qui illud probare papa emeritus et vide rectum est favorabilius definiantur, si morigerus, Papa Celestinus V poni exemplum de celebre DE EIDEM RENUNTIATIONE, quo modo factum Sanctus, quod, egressus ad regimen Ecclesiae, revertit ad simplex Monaco conditio quae prius fuit.

.

SS.mus Dominus Noster S. Francisci de sella in Basilica sancti Pauli extra moenia

ad lucem per commodum rei universa haec, suum intelligere significatione, in lumine fidei,, vias invenire iuris sedes est et illud oportet tionibus, corrigendo vitia, aut amovere metus ullus casus praesentis et futurae, nos suadeant ut Papa, ad beatas Scandere sedes, In collaboration cum Sanctus Pater Benedictus XVI, ope et consilio boni employees, canonisti, moralis disciplinae, et prophetas ecclesiologists, quattuor triplici uti norma iudicii, semper prae oculis habita desiderio Christi, bonum Ecclesiae, In honore Dei et salute animarum.

.

Primum ad reprehendo, ne facile, Utrum hoc sit coexistentia duorum Pontificum offendit aut moralis iustitia aliqualiter legem naturalem Christiana caritate fraternitatis invicem. Reprehendo primum si transeat, Nos have ut animadverto si ponitur respondere dono Spiritus Sancti impulsio. Si res ad nihilum transit, tunc vos postulo ut reprehendo num constitutione Ecclesiae et in essential contraria aliquantum cum Summis Pontificibus. Sed quid opus est valde et prudens in magnitudine oportet spiritales de quaestione, Respiciendum est ad te exempla historiam Ecclesiae atque Sanctorum, quibus, tamen in agris, non innovative agunt ac miraculo esset, patuit Spiritus sancti. Tunc potest tantum non movere in legalis constitutio oportet praecepta quae non modo ad praesentem causam, sed etiam in futuro potest casibus,.

.

Quaedam una res est,, quadriennio post quam actum renuntiationis Benedictus, ad formam, ut dicitur, Papa emeritus hoc statutum non habet, omnium minimum et induces per Codex Iuris Canonici Ecclesiae legibus constitutis et ordinatis, quia de titulo «emeritus 'data est in Papa, qui est liberum actum renuntiationis, iuris quaestiones solvunt efficit facile fortasse theologicae gradu. igitur, ad l 'emeritato de Romani Pontificis canonice gubernari non firmabitur, Non solum remanebit aliquo alio genere loquendi, ut praeter consuetudinem indicant tempus et statum. Tempus et locus et insolitum, et a legalis institutione, parum est discriminis intercedit.

.

Atrium alicuius revolutionis

.

sedetis, loquuntur adversus fratrem tuum, mittent luto adversus filium matris tuae

autem 49,20

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Quibus perspectis atque fortuna Professor confitemur et Andreae cum Grillo est quaestio difficilis et gravis ad inputatur Status cfr Benedictus XVI legalis. Grillo, et quis est, causidicum, operimentum area manere legal animadvertit habet existentiam, et quia tale opus in vita Ecclesiae esset, de regione in nobis summa gracilitas: nihil aliud iuris [Integer sententiae textus video colloquium, qUI].

.

Papa Francesco Parum videtur de hac. Sed illud quod peregrinum atque opiniones furentibus interventus, reflective, solito, infortunatus per antithesin et Lefebvrians modernistarum repressuri,, unde ex una parte placere mundi et ecclesiae exteriora et interiora inservientia, et aliis hostibus, disserendo perturbare turbare ac in mentibus fidelium bonum ex quo intellectum est in caput anguli Catholicae Ecclesiae, hoc est, Ministerium Petrinum.

.

Infeliciter Grillo Qui multum habet cum hoc gravi et urgente causa dandi muneris non fundatur supra criteria, Sed contra est, et quoque in levi ratione inertiae nequitiaeque, essent puniendi et expellendi vel quasi partium, qui adhuc pristini exsecutiva afficit Petri legitimum successorem,. etiam, ex sono reprehensione misericordista Cfr Benedictus XVI in Grillo, Sic luceat, quasi modus videtur rationabilis argumentationis, atque carnifice,, sed talis, ut dicitur in robustas calumniando papa emeritus, et proditos incusabant: dicitur "Episcopi emeriti".

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Grillo, cum modus tribunum plebis tulisse ad plebem de '89 uel sessantottino datis decreta sunt qui in iustitia summary bullas, Videtur suadeant quam praecipio, omnes papa emeritus, silentium perpetuum exilium a Vat, Sollicitudo animos exstimulans haec apud se pugnantibus naturae subtilitate sermonum, in tantum ut ostenderet Grillo iram magnam apud theologum, qui inventus terrae suae exuberavit simulacris. haec, cogito, Grillo - Et conversus ad eum fraterno animo, ut theologus quaestiones theologiae -, et augendae fama malum vitare, quae comparavit per se prius est de genere outputs, Ut quietam fore et facere bene. Si autem tu vis dicere, rem, et tamquam theologum catholicum et quasi advocatus est et in iure officium facere, dicere;, sed cum grano salis E et sobrietate ornantes praesertim vitando flammas exstinguere gasoline.

.

Fortasse non animadverto Grillo adeo gravi rerum ecclesiasticarum in ecclesia iam adflicta iudiciorum pravitate distrahantur Lefebvre et intestinis partibus adversae pugnae extremistas modernistarum, quo spatio interposito videtur abhorrere ab inimico fit diei medium continuum ortus voragine intersunt morum pestem furenti, qui simulant se esse amicos et fautores Sancti Patris, quando quidem doctrinam suae Ecclesiae catholicae se similiter habet sicut homunciones pythonissam de septem tamquam nix alba.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Patiens revera non excitat Benedictus qui accusatur Grillo petulantia mera ratione contemptus liturgici silentii ipsius uerbis sapientibus fautoribus, ut observantiam, si sapis ea quae cum vi et auctoritate, sicut et priorem actiones suae in uigiliarum Praefectus Congregationis pro Doctrina Fidei,, auctorem vero a latere forti Fides et Ratio fices rectae rationis et magnum et propter fidem auctorum, Beatus Pius Nonus, per, San a Pio X, Pius XII, Pio XII, San Giovanni XXIII, Beatus Paulus VI,, fortiter defendit dignitas suffragabatur humanae sapientiae ("Rationem adicit"), praemittuntur de moralis (in "non-MERCABILIS values"), praeambulum fidei et instrumentum theologia, pertuli scientistarum doctrina e contra, irrationalists, luterani, modernistae, idealisti, artifices, Communists et Muslimis,.

.

De loco et infelix ita ratio suppetat ophiomachus Professor theologorum summa XX Ratzinger, mostrando di essere in tal modo scarsamente capace di cogliere la robustezza e nobiltà di pensiero di colui che per vent’anni ha combattuto come capo della Congregazione per la dottrina della fede per i valori della ragione e della fede. in facto,, cum recens reprehensionem quam poterant proxime irrideri facetiis conversus sum ut S. Ioannes Paulus II et ethi- cam Cardinal Carlo Caffara, Grillo evidenter ostendit se paratum et vehementer angebat in ipsa esset figure, Si verum est,, ut vindicat, Franciscus Pontifex tuus, novas nuptias conceptum de Dei beatus Leo XIII, S. Pii XI et Ioannes Paulus II [Ecce vasa priorem, qUI, qUI, qUI, qUI, qUI].

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Iustum videtur ignorare cricket Ius et officium sacram Benedicti quod gravia exprimere cogitationes, in quantum inter maximos aetatis theologis jam theologus. Est ridiculum est simpliciter Grillo, infectis modernismi, ut puta cum Franciscus Pontifex Benedictus docet pretendit. Quod crimen quod ante Grillo Benedicto ut e sede sua, vel erubuit, et Stephanum Francisci apostolica auctoritate cum his se immisceat inferior praeloquitur in hoc libro ab A. Est omnino pedetemtim cauteque concludam Robert Sarah. Benedictus novit multo magis quam Grillo, qualiter et quantum possunt exprimere cogitationes theologus ad magisterium pontificium, qui est Præfectus Congregationis pro Doctrina Fidei, edita in 1990 quod Donum veritatis, dicitur, De ecclesiali theologi vocatione, de argumento collustrantia [text see qUI].

.

Certus sum autem quod et pater sanctus, prope servat ea ille est timor nisi Benedicti, ad manus, ut auctoritate sua prudentissimo et erudito, maxime commendatur humilitas et intercessione, et metiri utile Benedictus, Summo Pontifice scit iactant, habens in se ipsum homo partes iuncturam de Papa ad theologum pertinet ut de fide erga Ecclesiae Magisterium,.

.

Quattuor Litteris Encyclicis scriptum est in manibus

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Et idem Thomas Litterae Encyclicae, Lumen Catholicae fidei,, ut sciatur, iterum atque intermissa profectione atque perficiat opus suum actum abdicatione Benedicti, ut scriptum est Encyclicas Litteras vocatur "quatuor manus '. Ut in ea veneratione S. Augustini sentiunt veluti relatam imaginem evangelii ratzingheriana, mystagogus est discipulus Platonis mysteriis fidei,: «In vita S. Augustini non invenimus exempli gratia a significant quae in inquisitione consilii medio fiat, Claritas volunt veritatem, Hoc est integrated in fide horizon, unde intellectus accipiens » [n:. 33].

.

Quid nobis et Benedictus Quod in lucem proferre Graeca philosophia ad conlationem de Deo intellectus Verbi in ecclesia explicavit, expressa, et in dogma. Et quidem Sequitur textus: "In una parte,, Augustini recipit Graeca philosophia conventio lucis ad suum instanter vision. Foederis sui cum neo-Platonism fecit scire scientias magicas ut lux, quae res utique desuper, et sic quod imago Dei [...] Contra, sed, Sancti Augustini de benignitatemque expertas, ipse narrat confessionibus, definiens in itinere suo articulo fidei, quod fuit in Visione Dei, quam huius mundi, sed quod marialis, in horto cum audivi vocem dicentem: «Tolle et lege"; Epistolarum Pauli volumine accipiens positus Romanorum decimo. Apparuit autem Dominus quod ex propria Vulgate, ut homo possit loqui, ut vivere off secum comitantur iter per historiam eius, quae apparet in tempus et responsionem marialis. Et tamen, Ob hanc congressionem cum Domini Dei verbum S. Augustini, ut non duci rebelles luminis erat visio manifesta. Qui et has integrated prospectus, Apocalypsis Iesu in progressionibus invigilare non destitit Dei semper. Itaque philosophia processit lux vicissim fidem suscipientis aperit oculos ad lucem liberum spatium " [ibid.].

.

In S. Augustini audiebant verbum autem Dei per fidem est introductio ad praeparandum et beatae visionis Dei in caelo. In facto, in orbem, quam dicere quod Deus sciat non solum in obliquo;, ad mediationem adhibitis creaturae Dei, ut dicit S. Pauli: 'Videmus nunc per speculum in enigmate, tunc autem facie ad faciem ' [I Cor 13,12].

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Cfr Benedictus XVI sum dignum et sumptibus JG Cottae, Adhuc manifeste apparet quod duos pontifices, ob huius rationem essential munus est ad fidem,, tum salutare nostris maximis gestu, Etiam antequam perdidit in causa Fidei. Et si Papa adeo institit, ut theologus ex causa quia ex fide Illuminationes excitare, Papa Francesco, conscia urgente ratione ac monopoliis aedificandae, nobilem hunc finem etiam suo modo operatur, nec pastor est scriptor perspective et pro theologo a, cum vehementer instabant ut vel ipsa bona posthabeant, ita ut aliis molestiae nisi aliquo scandalo illis qui would amo illam plus in dictionibus, atque tune magis operam spiritalibus divitiis spatium relinquunt, sacris, De religione et de superno.

.

Pius XII iam, certe non minus ad pietatem accusant, si era accorto della necessità di ripristinare l'umano come condizione per poter edificare il cristiano e il Beato Paolo VI sottolineava la necessità di far precedere all'evangelizzazione la promozione umana in un mondo che ha perduto la nozione della ragione e con ciò stesso la nozione homine, si quidem homo animal.

.

Benedictum inter se complent et sumptibus JG Cottae

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Omnem rem palam bonos respectus testimonium mutuae relationes externam Papi, et quae fama publice pluries; ex hoc iam bonum, et sic loquetur ad propono in quadam quaestione de comparatione maius profundum. Franciscus Pontifex autem cum iter faceret bene esse in se colligunt, et dabo pecuniam maximam hereditatem a Benedicto XVI, quod dives, conatus est ostendere quod in in recens articulum In insula, quæ appellatur Patmos,. Franciscus Pontifex Concilium voluit dare impetus ad reformationem celebrari statueris, Fortassis etiam hoc animo Benedicti? Benedictus de consilio tantum defendere modernistae interpretatione Rahner. vice versa,, Francisci consilio modo auget aliquando quod dat speciem adpropinquantis oppositio clarius evadat vides interpretationem modernistarum, cfr Benedictus XVI, quae locutus est inter continuitatem et rupturam circa exitus necessitudinem cum Concilii Vaticani II traditionem,. Franciscus maxime videtur iustitiae problematum, conservatism et per "rigor", nimium mitis ad errores dum graviores multo historicist, relativisticus relate, Mutbiliste, modernistae rationalismum et individualismo vocans,. Tendit etiam effert pastorales conciliare misericordista, Ratzinger conatus stipes.

.

Fuerit duorum Pontificum sciens quod melior suscipio atque inter se complent et melior cooperantur, usum instrumentorum qualitates parum inter se: Reigning Papa Benedictus XVI de Rev.mo Cardinali potest auxilium Domini Janszoon. Ponuntur in defensionem doctrinae fovendam, opportunist corrigit actionis oecumenicae, et si paritas maneat rerum aequivocarum Cardinalis Walter Kasper. A Franciscus Pontifex, igitur, manet tamen nisus faciendi negotium ad consequi consimilia objective in novissimo PRAENOTANDA, recta et novissimum ohtnrata, objective, quae praebet, remota, "obices" et "lacunas", "Access separata fratrum nostrorum, qui plenam communionem cum Ecclesia catholica communione" [Cf.. n3].

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Ita etiam in dialogo cum Islamica, necesse est, quod Franciscus Pontifex, fidelis autem reconciliavit in Islam Nostra aetate, ostendit, quod puncta contactus cum christianae religionis islamicae theologia, De Ecclesia ut darent totam theologiam islamica, Benedicti papae complementing doctrinae Concilii dicitur nobilis INCAENTIVUS Ratisbonae, quo in lumine ponitur ratione aspect Dei et de medicina loquendum fatalem;, Custodi in mente cogitationibus accusantibus, ante illud debet Grillo Benedictus de irrationalism [textus video qUI E qUI].

.

In unaquaque Societatis Sacerdotalis a Sancto Pio Decimo, Franciscus Pontifex tuus ostensum est misericordiam si permissionem das sacerdotibus ad audiendas peccatorum confessiones celebramus et optatos hymenaeos, sed usque contra permanet in doctrina de Societate ad Concilium retulit, et pro Benedictus XVI protestantes lata in missa ab Archiepiscopo Marcello Lefebvre nouus ordo, quae, monuit et ipse ut Pontifex praedecessor noster hodie regnantis: "Ne ad Fratrum entis in plena communione sint cum Ecclesia" [Cf.. qUI].

.

Franciscus Pontifex facit et remedium in suavitate social limitata Benedictus Papa hn - humilitate recognoverunt se -, cum indefessa usque ad proximum ostium praedicationis,, cum ex principiis ipsarum rerum commemoratione sociales et oeconomicas iustitia, ad certas actiones inducat dum ipsa cellula compleatur, cum promotionem misericordiae, conversion, dimittetur illi, Pax et reconciliatio nostra, de humanitate magnus proventus est quomodo agere cum familiae et societatis moralis in degradation, iuventae educatione, pacificationis opus est quam ut inter oris Martem, civilisque corruptionis quibus et consuetudines, acerrimo fundamentorum studio contra terrorumque opinationibus, victus valetudo problems, quas illi oeconomica inaequalitas inaequalitas, labore et mulieres rebus, Nullam et Patrem redeat ad quaestionem de necessitate salvos sine ingenti hominum multitudini, de necessitate naturae cura, quaestionem de mutatione aeris, cum in pauperes populi sui inferunt,.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Exitus in sensitivo theologiae liberationis secum, Graecorum verbis effert testimoniis quibusdam Cardinalibus Antonio Ousset, dicitur enim theologia affirmativa elementis, quod tunc RATZINGER, ut caput CONGREGATIONUM CONGREGATIO PRO DOCTRINA FIDEI, Et iam fert in Education Libertatis nuntius quod 1986. Dicit Graecorum cardinalis: "In loquela per medium nineties Cardinalis Ratzinger in conspectu Domini, Antonio Gutiérrez illustraverat quod "Aliquam sit amet est quasi ultima gradus et ad optionem pauperum optio est enim regnum Dei et a Jesu Christo", et ipse adiecit,: "Ultima ratio ad commitment ut, et pauperes deprimentes in comitatu mendacium non est analysis, vel in recta, quae non possumus facere usus paupertas, et in misericordia hominum. Omnia expediunt rationibus, quod sine dubio ad ludere magna munus in humana relationes animabus nostris et nobis. nihilominus, Christiani nostri commitment ad Deum, est secundum fidem Iesu Christi. Is est prophetica optio theocentric, quæ est ex gratuito Dei, faciens illud necessarium '' [2].

.

Quae est Franciscus Pontifex compatiuntur enim facies positivae theologiae liberationis secum, quod quidem esse non potest contaminari ignorat periculum Marxiana, nuntiavit autem ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei,Instructio de quibusdam rationibus «Theologiae Liberationis» quod 1984 [text see qUI].

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

et publication dell’Amoris laetitia Et hoc videtur esse aliqua conflictus inter Ecclesiae Magisterium, Summo Pontifice Benedicto Papa Franciscum, peculiari licentia rifermento divortium novas Communionem. Ego, ut supra multoties In insula, quæ appellatur Patmos,, Franciscus det facultatem IN CASIBUS SPECIALIBUS, Franciscus Cardinalis Coccopalmerio dedit illi, dicti permission, in potestate eius moderari Sacramentorum administratione;, Restat igitur magisteriae salvat continuitas inter Pontifices dogmaticam, quod non aliud reliquum sit. magis, creare agri in confusione ipsorum, qui in hoc sunt relativa perpendit et historicismi opinionibus Situationist Cardinalis Kasper attacus atque ophiomachus. Verus interpres documento pontificio edentur, ostendit idem Pontifex, Christophori cardinalis pro Schönborn.

.

Maxime prospere populo In itineribus suis Franciscus Pontifex accipit, quam Benedictus Papa non est magis debita evangelizatione vel altiorem rogationem Christiana, quam ex consideratione ad augendae anthropologicum simulque socialis facies. Et magno numero non-credentibus, vel hostibus Ecclesiae pristini, ut maneant ea, ma che tessono lodi sperticate a Papa Francesco non sembra per lo più motivato dal fatto che esse vedono maggiormente in lui l’uomo di Dio o il testimone del regno di Dio o forse il Vicario di Cristo, Videtur quod potentia media parte subiecti afficitur turbauerant Freemasonry, scite palam coram papa liberationist, modernistae rationalismum et individualismo, populist, Lutheranam profitetur, filum- misericordista, fluxa et permissive. Omnes sancti Patrem esse videtur habere vitia quae emendari, sed quod realiter facit, quia gravior esset, quamvis non semper patet lingua sua, pro pastorali officio receptoris incuria excussum aliquas electiones, quod quidem sciunt duritia intervenerunt auctoritatisque, sed quaedam in Vespasianum una dividentium, et ambigua de eius moribus,, quod pertinet ad adlatum, Videtur ad hanc interpretatio favent.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

De popularibus victoria Hoc non semper est signum, quod in Evangelio praedicator nuntiatum concitati ferre universo mundo est et vexo. Praedicator ergo, si vult mundo, Necesse est optima. Evangelium in nuntium, quia in veritate,, Is perficitur dum duo gradus ad contentus, manifeste apparet quod ipse exemplo: unum, quod pertinet ad necessitates hominum iura, praesertim pauperes, oppresso, et tribulacio. In facto, ut vocant Iesus praedicare incipit et conversionem ad bonum operatur, et annuntians adventum regnum Dei, regnum misericordiae, dimittetur illi, de libertate, justitia et pax, et faciens mirabilia. in insanis, plane intellegimus, Ego enim sum satiata est ut benefactori, et eo concurrunt ad Dominum, laude. Sed tunc Iesus, in aliquo puncto, credibilem misericordiam cum his communis sapientiae praeceptis caritatis, transit nuntiare cor meum nuntium evangelii, quod mysterium crucis mysterium salutis aeternae, re difficillima videtur rationi humanae, in re autem vera beatitudo est de fontibus, sicut exempli gratia, quando parla dell’Eucaristia [Cf.. Gv 6] o annuncia a Pietro la sua passione, per non parlare di quando annuncia di essere il Messia Figlio di Dio giudice dei vivi e dei morti. È a questo punto che le folle si diradano, Gesù resta solo ed incontra un’opposizione tale, che Lo condurrà alla croce.

.

Papa Francesco si è fermato finora soprattutto al primo livello e ha fatto del bene. Ma i buoni cattolici e veri evangelizzatori, e non le masse manovrate dai furbi e gli adulatori del Papa, attendono che egli passi al secondo livello di predicazione, dando egli l’impressione di indugiare troppo sul primo, quasi per rispetto umano o per timore delle minacce dell’opposizione che viene dal mondo, oggi soprattutto dalla massoneria, penetrata nella Chiesa, sin dall’epoca del Beato Paolo VI, per mezzo dei modernisti e dei rahneriani. quidem, il Papa avrà sotto gli occhi quello che è successo a Benedetto per aver annunciato Cristo Crocifisso, soprattutto nella sua bellissima e dottissima trilogia cristologica. Francesco va molto cauto per non tirarsi addosso l’aggressione dei modernisti, dei rahneriani, Communists, dei luterani e degli islamici. Egli cerca ogni possibile punto di contatto e di dialogo; e questo va bene. Ma a volte ha delle espressioni a doppio senso, che possono avere un senso ortodosso, ma anche eterodosso, quindi facilmente strumentalizzabile dai nemici della Chiesa. E questo difetto, atto a generare equivoci, difetto che gli è stato più volte rimproverato da molti, anche da buoni Cardinali, non est bonum; quindi è necessario che si corregga. etiam, Francesco non potrà tacere all’infinito circa gli errori dei nemici della Chiesa. et tunc, cogito, farebbe bene a mettere in maggior luce quella che è la sostanza originale del Vangelo, della quale parla troppo poco. Chiediamo allo Spirito Santo e all’intercessione della Madonna che ottengano a Papa Francesco la forza di resistere a questi nemici e di vincerli.

.

Come e perché si è giunti a questa situazione? E come si può uscire?

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Quello che semmai potremmo chiederci è come mai e a causa di quali eventi o per quali motivi la Chiesa si trova oggi ad avere contemporaneamente due Papi e come potrebbero e dovrebbero essere considerati e regolati i rapporti fra di loro. I recenti interventi di Andrea Grillo in merito, danno l’impressione, sicut ipsi dicunt,, di un elefante entrato in un negozio di cristalli. Non si potrebbe infatti immaginare nulla di più grossolano ed offensivo nei confronti di Benedetto XVI, né di smaccatamente adulatorio e cortigiano nei confronti di Papa Francesco. È evidente l’incapacità del Grillo di mitigare, come dovrebbe, l’indubbio benché non grave contrasto esistente fra la pastorale elitaria ratzingeriana e quella populista bergogliana. Occorre invece con ogni mezzo operare per favorire la collaborazione fra i due Papi per il bene della Chiesa.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

C’è peraltro da notare che dall’epoca beati Pauli VI, ha cominciato ad apparir sempre più chiaro, fino a giungere all’evidenza palmare dei nostri giorni, che il papato è oggetto, da parte della massoneria, di una sistematica operazione di accerchiamento ed isolamento dal resto della Chiesa, tesa a conservare l’istituto tributandogli apparente ossequio, ma in realtà rendendone inoperante l’azione di governo, al fine di svuotarlo del suo valore proprio, voluto da Cristo, per svilirlo ad una semplice funzione simbolica o di rappresentanza, sul tipo della monarchia britannica o della presidenza dell’O.N.U o dei patriarcati ortodossi o dei pastori protestanti, mentre il governo effettivo della Chiesa verrebbe affidato a un gruppo di potere modernista, longa manus della massoneria, sorto all’interno dell’episcopato e del collegio cardinalizio. autemo strumento teologico del quale la massoneria si è servita e si serve per condurre questa operazione, è la teologia di Rahner, quod, spacciata per teologia del Concilio Vaticano II, grazie a una metodica perseveranza ed ad un’ottima organizzazione, lautamente finanziata dalla massoneria, è stata fatta penetrare subdolamente negli istituti educativi della Chiesa, senza che il papato sia riuscito ad impedirlo, così da ottenere un episcopato e un cardinalato rahneriano, soggetto non al papato, ma alla massoneria. Questa colossale operazione diabolica, nunc dierum, è in gran parte riuscita. È sorta così una Chiesa massonica ― la Chiesa modernista ― all’interno della Chiesa cattolica. Alcuni la chiamano «neochiesa». Usiamo allora l’espressione giusta: est falsus Ecclesia,.

.

A proposito di Rahner, alcuni potrebbero ricordarmi che in fin dei conti Ratzinger e Rahner collaborarono assieme nei lavori del Concilio Vaticano II. È vero. Ma quando Ratzinger fu eletto al Sacro Soglio, molta acqua era passata sotto i ponti. in facto,, come narra lo stesso Ratzinger nella detta intervista a Seewald, e come risulta dalla storia della teologia post-conciliare, finito il Concilio, Ratzinger si accorse che Rahner, sotto la maschera del progressista ― nel che non c’è nulla di male ― in realtà era un modernistae rationalismum et individualismo, il che è chiaramente haeresis. In eo, Ratzinger, che intendeva mantenersi fedele al magistero della Chiesa, cominciò non solo a prendere le distanze da Rahner, ma ad attaccarlo severamente, come meritava. Propter, Rahner e compagni kunghiani mossero guerra contro Ratzinger, una guerra che tuttora è in corso.

.

Quod Summus Pontifex Benedictus XVI, archive imaginibus

Ioannes Paulus II,, dal canto suo premiò il coraggio dell’Arcivescovo Joseph Ratzinger facendolo nel 1981 Praefectus Congregationis pro Doctrina Fidei,. Il conclave del 2005 lo premiò ulteriormente con la sua elezione a Sommo Pontefice. Ma intanto, i potentissimi rahneriani che erano penetrati nel sacro collegio, riuscirono a ottenere il favore dei filo-rahneriani, per cui capovolsero da favorevole a sfavorevole l’orientamento nei confronti di Benedetto. Così è giunto l’atto di rinuncia di Benedetto XVI, dopo che lo si era spinto in una situazione insostenibile. Poco dopo Benedetto XVI è stato succeduto da Papa Francesco, che nella mente dei rahneriani doveva essere un loro docile strumento da manovrare a piacere. Ma non hanno fatto bene i conti. Si sono lasciati sfuggire il fatto che Papa Francesco, pur con tutti i suoi limiti umani, id est, Vicarius Christi. Per questo Papa Francesco terrà saldo il timone della Chiesa, nonostante la sua apparente manovrabilità.

.

Il libero atto di rinuncia di Papa Benedetto, avvenuto com’egli stesso ha dichiarato in piena libertà e senza alcuna coartazione, si spiega dunque come volontà di non prestarsi a questa abbietta operazione, di non cedere a questa imposizione e nel contempo suppongono la convinzione di non riuscire a farvi fronte. Chi si trova a combattere contro un nemico troppo forte, si arrende, rifiutando di cedere alle sue richieste o di aderire o di aver parte alle sue intenzioni malvagie e di lasciarsi usare da lui. Questa è stata la scelta di Benedetto, dettata da piena e cosciente libertà. Tuttavia in questa scelta c’è un aspetto lodevole e un aspetto riprovevole. L’aspetto lodevole, quod, da finissimo teologo qual era, Ratzinger conosceva bene l’inganno e la seduzione del modernismo, per cui rifiutò assolutamente di farsene complice. L’aspetto riprovevole, in quanto Benedetto ragionò troppo in termini umani, Quod cogitavi super humanum infirmitatem ejus - sicut patet de causa eius officialis actum renuntiationis - reperit minus: Et in via fidei,, parum roboris esse supernaturalis charisma Petro.

.

il Sommo Pontefice Benedetto XVI durante la lettura ufficiale del proprio atto di rinuncia alla Cattedra di PietroPer aprire il video del CTV cliccare sopra l’immagine.

Forse che nei secoli precedenti molti Romani Pontefici non si erano trovati in situazioni simili? Eppure non hanno fatto atto di rinuncia, hanno resistito fino all’ultimo ed alcuni hanno affrontato il martirio. Il capo di un’azienda non possiede un carisma divino che gli permette di restare sempre al suo posto, ma il Capo della Chiesa sì, lo possiede per la promessa e la volontà di Cristo che lo assiste attraverso l’opera e le azioni di grazia dello Spirito Santo [Cf.. Lc 22, 31-34; Gv 20, 19-29]. Benedict XVI, autem, ne fiat. Inexsuperabiles uisas haud difficile est scire, si fines objective, independens a voluntatis suae, et humilitatem animi et fiduciam in indigentiam Minores Conventuales Basilicae Petri. Ne derelinquas nos Deo in conscientia sua et iudicia perpetrarunt in responsibility. Sed et hoc ipsum in historia. Benedictus erat fideique erga doctrinam, sed exempli animis.

.

discorso di congedo del Sommo Pontefice Benedetto XVI dai Padri Cardinaliaperire click in imaginem video

Papa Benedetto ha fatto atto di rinuncia perché si è accorto di essere tradito persino dai suoi intimi collaboratori, come apparve chiaro nella vicenda di Paolo Gabriele. E poiché la croce si stava facendo troppo pesante, non se la è sentita di continuare a lavorare con collaboratori infidi. «Il Papa», dice Benedetto [3], «incontra quotidianamente la croce [...] Se un Papa ricevesse solo gli applausi, si dovrebbe chiedersi se non stia facendo qualcosa di sbagliato [...] Il Papa sarà sempre segno di contraddizione, … ma ciò non significa che deve morire sotto la mannaia». Non gli è proibito sottrarsi a un carico troppo pesante. Benedetto si è trovato a un certo punto circondato da collaboratori infidi, modernisti e rahneriani. E si è accorto che in quelle condizioni non era più in grado di governare la Chiesa, ostacolato da chi maggiormente doveva aiutarlo.

.

Papa Francesco, pars, carattere più energico e coriaceo, consapevole del fatto che la Chiesa deve pur avere una guida, benché consapevole della situazione, si è messo con fiducia nelle mani dello Spirito Santo, avviando un’azione difficilissima, con la quale da una parte salva l’essenziale del ministero petrino; ma dall’altra deve cedere su punti secondari per evitare il peggio. Ma egli ha già detto che, per amore di Cristo, è pronto ad affrontare il martirio.

.

il Successore eletto al Sacro Soglio di Pietro, Franciscus Pontifex ad me

Intanto l’operazione dei massoni e dei Giuda è giunta a tal punto di maturazione, quod, dopo decenni di scalata al potere, e di cedimento del papato, ormai sono giunti nelle immediate vicinanze del trono di Pietro, all’interno della stessa Segreteria di Stato. La pentola è pronta. Manca il coperchio. Ma questo non ci sarà mai, quod, come dice il proverbio, il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi. La vera Chiesa resisterà, Papa sub ductu Magisterii excolentes,, nonostante l’opera che attualmente la massoneria sta tentando per convincerlo, tra adulazioni e minacce, circondandolo di falsi collaboratori, a cedere alla sua concezione del papato non come guida della Chiesa ma semplicemente come rappresentante ed espressione della collegialità dei credenti.

.

un incontro di cui non si aveva memoria, anche se nella storia della Chiesa, in pochissimi e rarissimi casi, vi sono state rinunce al Sacro Soglio di Pietro: l’incontro tra il Predecessore e il Successore.

Siccome Dio vuol tutti salvi e dà a tutti i mezzi per salvarsi, dobbiamo, tutti insieme col Santo Padre, aver più fiducia, come sempre la Chiesa ha avuto fiducia, di poter condurre, sub impulsu Spiritus Sancti, con la predicazione e il buon esempio, tutti i popoli della terra alla Chiesa cattolica, quale che sia la cultura o religione alla quale appartengono. Questo è il senso della Evangelii Gaudium, in linea con la spinta evangelizzatrice del Concilio e di tutti i Papi del post-concilio. maxime, contro il buonismo di oggi, che è una vera e propria droga dello spirito, e per un’autentica concezione della misericordia, sulla quale tanto insiste il Papa, occorre ricordare che la predicazione della misericordia e della confidenza in Dio dev’essere bensì accompagnata dall’amore per il peccatore, ma nel contempo dall’odio per il peccato, e quindi dall’avvertimento che Dio punisce il peccato, per cui deve suscitare il timor di Dio e la volontà assoluta di non offenderLo. In questo modo la Chiesa, suscitando nei cuori il senso della loro responsabilità davanti a Dio, tornerà a proporre in maniera persuasiva la vera via del Vangelo e della santificazione degli uomini, liberandosi da un falso misericordismo che la conduce alla rovina.

.

Varazze, 12 June 2017

.

.

LA RISPOSTA DEL PREFETTO DELLA CONGREGAZIONE PER IL CULTO DIVINO E LA DISCIPLINA DEI SACRAMENTI, CARDINALE ROBERT SARAH, NON SI È FATTA ATTENDERE A LUNGO:

 

«Prego devotamente per coloro che hanno il tempo e la pazienza di leggere attentamente questo volume [De potestate Silentium, videre qUI]: che Dio li aiuti a dimenticare la volgarità e la bassezza usate da alcune persone quando si riferiscono allaPrefazionee al suo autore, Pope Benedict XVI. L’arroganza, la violenza del linguaggio, la mancanza di rispetto e il disprezzo inumano per Benedetto XVI sono diabolici e coprono la Chiesa con un manto di tristezza e di vergogna. Queste persone demoliscono la Chiesa e la Sua profonda natura. Il Cristiano non combatte contro nessuno. Il Cristiano non ha nemici da sconfiggere» [videatur in La Nuova Bussola Quotidiana, qUI].

.

.

_________________________

NOTA

[1] Benedict XVI, recentes, Garzanti, Milano 2016, p.39.

[2] G.L.Müller, Benedetto&Francesco Successori di Pietro al servizio della Chiesa, Edizioni ARES, 2016, pp.84-85.

[3] recentes, cit., p.36.

 

 

.

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

4 cogitationes on "Franciscus Pontifex Benedictus Papa, et de necessitudine, et arrogantiam et superbiam andreae Grillo …

  1. Mi scusi padre, quanto scrive e le parole che usa suonano ingenerose verso Benedetto XVI, che di fatto ha vissuto da martire tutto il suo papato (continuamente irriso dal pensiero dominante, incompreso e disobbedito da buona parte del clero e di fatto tradito ed abbandonato anche dagli intimi).
    Cari amici – in questo momento io posso dire soltanto: pregate per me, perché io impari sempre più ad amare il Signore. Ora pro me,, perché io impari ad amare sempre più il suo gregge – voi, Ecclesia Sancti, ciascuno di voi singolarmente e voi tutti insieme. Ora pro me,, perché io non fugga, per paura, davanti ai lupi. Preghiamo gli uni per gli altri, perché il Signore ci porti e noi impariamo a portarci gli uni gli altri.Furono le parole dell’omelia di inizio del suo Pontificato https://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/homilies/2005/documents/hf_ben xvi_hom_20050424_inizio-pontificato.html
    La rinuncia è stata piuttosto un atto di abnegazione, di esemplare coraggio nel riconoscere la propria sopravvenuta inadeguatezza nel governo della Chiesa, una forte testimonianza di totale abbandono a Dio perproseguire la buona battagliacon l’arma ultima della preghiera.

  2. Reverende P. Cavalcoli, il Grillo saltella canta e si permettequesto e quell’altroperché è un burattino nelle mani del burattinaio che gli tira i fili e gli assicura l’impunità. Quod Card. Sarah sta già scegliendo una diocesi africana nella quale si ritirerà in buon ordine, tra qualche giorno lo vedrà. La sua storia è come sempre ben strutturata e accattivante, ma come di solito è come un bel corpo armonioso senza testa. La massoneria e la Chiesa (non tutta però) è come quell’aneddoto di chi era in cerca dell’asinello, ma non si accorgeva che vi era seduto in groppa. In questo caso è il povero asinello che cerca il padrone (freemasonry) ma non si accorge che gli è seduto sopra. La chiesa in questo gravissimo momento ha bisogno di martiri non di cerchiobbottisti.

  3. Ermeneutica brillante padre.. ma utile solo a dimostrare ciò che non può essere dimostrato. A me dispiace doverlo ammettere, ma più passa il tempo e più il solco tra questo papa e suoi predecessori appare incolmabile. Per noi semplici fedeli oggi sta diventando sempre più difficile riconoscersi nel nuovo corso impresso alla Chiesa. Non mi faccia acrobazia per dimostrarmi una continuità che sfugge al sensus fidei di noi laici, non convincerebbe! Da credenti e, quod talia, fedeli al romano pontefice, possiamo solo sperare che il nostro papa mostri maggior chiarezza nel confermarci nella fede, perché indubbiamente, Infeliciter, un po’ di smarrimento con qualche sua scelta opinabile, lo ha generato!

    Circa Benedetto XVI penso sia saggio sospendere il giudizio sulla sua scelta di rinunciare al papato, perché potrebbero esservi elementi non noti che possono indurci a saltare a conclusioni erronee, magari ingenerose nei suoi riguardi. L’unica cosa che oggettivamente possiamo fare riguardo alla sua eredità, è solo stimare la bontà dei frutti spirituali germogliati dal suo luminoso pontificato

  4. Questi commenti di padre Cavalcoli hanno su di me il positivo effetto di farmi mordere la lingua ed evitare di dire cose probabilmente inopportune (e d’altro canto non necessarie), che confino alla sfera privata. Ma non posso che ritrovarmi d’accordo con Petrus

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.