quod “pieno compimento”, tra eresia marcionista ed ecumenismo a tutti i costi

IL «PIENO COMPIMENTO»
TRA ERESIA MARCIONISTA ED ECUMENISMO A TUTTI I COSTI

Non pensate che io sia venuto ad abrogare la legge o i profeti; io non sono venuto per abrogare, ma per portare a compimento. Perché in verità vi dico: Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto [Mt 5, 17-18].

 

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

 

 

si si no no
si quando è si, no quando è no ...

Questo frammento del Vangelo di San Matteo è ricco di tali elementi che su queste poche righe potrebbero scriversi trattati enciclopedici solo per inquadrare gli argomenti diversi racchiusi in un unico contesto armonico: la rivelazione del Verbo di Dio fatto uomo. Si pensi a quanto potremmo parlare e discutere, oggi forse più di ieri, sulla sola frase che segue poche righe avanti: « Sia invece il vostro parlare: "etiam, sì”, “no, no”; il di più viene dal Maligno» [Mt 5, 37]. Superfluo dire quanto nella società ecclesiale di oggi sia invece difficile dire si quando è si e no quando è no, memori che il di più — ma a volte anche il di meno, se non peggio il “di niente”, per esempio l’omissione — proviene dal Maligno, per il quale il “di meno” e il “di niente” è terreno di semina, irrigazione, germoglio e infine mietitura.

Nunzio Galantino
S.E. Mons. Nunzio Galantino, segretario generale della CEI, in una posa ieratica durante la actio liturgica

Pensiamo solamente a quanto appare difficile all’interno della Chiesa odierna dire con chiarezza: questo è giusto e questo è sbagliato, questo è lecito e questo è illecito, perché così sta scritto nel deposito della fede rivelata. Il tutto non perché lo diciamo noi, ma perché lo insegna la Rivelazione, di cui noi siamo servi e strumenti devoti, fedeli annunciatori, non arbitrari padroni. E con ciò è presto detto qual genere di desolazione ci pervada quando si è costretti a udire vescovi pronunciare omelie nelle quali i nostri sommi sacerdoti parlano di reati contro la giustizia sociale con linguaggi da spiccia sociologia, senza più parlare di peccato o di dottrina sociale della Chiesa, per non parlare della mancanza pressoché totale di un corretto lessico metafisico. Cosa a dire il vero comprensibile, perché quando la Rivelazione e la teologia sua devota ancella devono tenere troppo in considerazione le esigenze mondane della società a cui si vuole piacere e mai dispiacere, per seguire appresso con le logiche dell’ecumenismo e del dialogo interreligioso ridotto perlopiù a sociologia politica, può accadere che si tenti per logica conseguenza di avere in tutti i modila botte di vino piena e la moglie ubriaca”, come recita un nostro vecchio proverbio popolare.

Dire «si» o «no» risulta così più difficile di quanto sembrego, quando ormai si è perduto il nostro linguaggio naturale, che è appunto quello metafisico, oggi tragicamente sostituito con quello hegeliano-rahneriano. Così spesso finiamo col dire un po’ sì e un po’ no, o col sostenere che potrebbe essere si ma al tempo stesso anche no e, si bene, concludiamo con un “ni”, pur di non prendere decisioni a volte anche dolorose, dicendo con prudenza e carità quella verità che non può essere mai taciuta, posto che siamo chiamati a conoscere, servire e annunciare quella verità che ci farà liberi [Gv 8, 32], perché nessuno di noi è un “anonymous Christiana”, ma un fedele oggetto e soggetto principe della Rivelazione e della Redenzione. Nessuno è per Dioanonimo”, posto che Egli ci chiama a uno a uno per nome, avendoci voluti, pensati e amati prima ancora della creazione del mondo. In his latet periculum insuetam quaedam tendentiarum initur, qui ex Jesuitico Karl Rahner ut hodie ut serves absoluta magister in theologia de maioris: conferat salutarem relativisticam inproprie et dignitate’ “anonymity”, in quo et vos terminus sursum faciens Deo anonymous, per-virus evacuans, ut dicitur in doctrina “Christiani Anonymous” totius mysterii Redemptionis.

facie eius
Quod Tabulae legis sunt arcam foederis continentur

Et hoc fragmento quod extat Matth continet numerosis alte veluti repercutitur spiritus, cquod opportunitas studere annos in libro [Et venit Satanas et trinus,, cit. iterum. 100-104]. Nos autem accipere ostium damnationem hoc modo alius Evangelii locus collustrat: "Non puto autem quod et ego veni solvere legem aut prophetas:; Ego veni solvere,, et ad consummationem perveniat ». Est re vera in lubrico fastigio, tum per id damnationem horizon quod aperit insidias, infusione fuerit praegrauata, quia ad Vetus et Novum Foedus et tange, et uetus et nouum,, antiqua de populo Israel et de medio eius populus natus est novus annus ab incarnatione, per mortem et resurrectionem Christi.

ok Catechismus Romanus
An editione commemorationem commovit Catechismus

In Catechismus Catholicae Ecclesiae his verbis legitur [n:. 121-123]:

«Vetus Testamentum inamissibilis est pars sacrae Scripturae. Eius libri divinitus sunt inspirati et valorem servant permanentem, quia Foedus Vetus nunquam est retractatum. in facto,, Veteris Testamenti dispensationem consequatur ut erat […] l’avvento di Cristo Salvatore dell’universo.

Il Concilio Vaticano II precisa che «I libri dell’Antico Testamento, sebbene contengano anche cose imperfette e temporanee, rendono testimonianza di tutta la divina pedagogia dell’amore salvifico di Dio. Essi esprimono un vivo senso di Dio, una sapienza salutare per la vita dell’uomo e mirabili tesori di preghiere; in essi infine è nascosto il mistero della nostra salvezza» [Cf Concilio Vaticano II, pretium. dogm. Dei Verbum, 14: AAS 58 (1966) 825].

tavole della legge
Tavole della Legge

I cristiani venerano l’Antico Testamento come vera Parola di Dio et La Chiesa ha sempre respinto energicamente l’idea di rifiutare l’Antico Testamento col pretesto che il Nuovo l’avrebbe reso sorpassato. Quae haeresim propositum est ferri de Sinopensium quae ab Episcopo dantur etiam Marcionem secundum saeculum, qui dedit vita ad illam haeresim, quae tunc erit nomen accipere Marcionismi recurren- tis. Supervacuum dicere,: omne verbum, quod subiectum est enim tam tenerum illud, magis, te indemnatum flatus, Saepe ubi potissimum temporibus magis, verbis recte uti - essential ex essential is, qui est super omnia exprimere per doctrinam, ut positio theologica accuratius, id est metaphysica rectam lexicon - repositoque “verbis” vox impetus pejus nisi secundum normas socialis-politicae rectitudo, altera in animi affectionem exstructa erit sterilis ac bysso gooders se,.

Quis est apud nos, et paulum exercitati, iuris studia, neque enim solum inter res personalis exercitia erat ut faciam cum eo in Libro successione pro mortis causa capitur - hunc ad propria nostra patria ad lus Civile Pertinent Code - scit,, si aliquid, et scientia legis iusti, est verum ultimum voluntatis sit unus signati. Si prius testamentum plus signati, statim irritum fiet. nisi, testamentum instructa, Non vitiosus est ab irregularitatibus atque ab ea vitia quae emendari possunt disable, causa est quia in eo quod ad priorem testata. Sed factis sumus ne manifesto hic de notarial, quia locuti sumus voluntatum ...

Templum Hierosolymae,
Plastic antiquis instaurationem templi Salomonis

... quod adversus nos consummans testamentum et primo per quas destrui non novi testamenti, qui venit de antiquis. Ad Vetus Testamentum una parte, et vetustam societatem habemus cum Iudaeis, Novum Testamentum est Novum Foedus cum aliis chistiani. Is est forsit non minor, tamen ita disputant accommodating biblici peritos et quosdam filios duos annos tam sacra foedera pacti, et non dedit ad primam revocandum, id est Vetus Testamentum est ad filios Israhel; et datum est seconds, id est in Christianorum Novum Testamentum, Novum Foedus. Ut omne quod addidit Catechismus Catholicae Ecclesiae, et affirmat: "Foedus Vetus nunquam est retractatum". Satis non est confundendum, praesertim in conspectu omnium sacerdotibus his qui non sunt pastores animarum fidelium ammaestrano; aut si id non feceris atque theologi - sed praesertim per fidem - professionis suae instrumenta Ancillae theologia studio veritatis revelatae contentiva.

De Sermone Domini in monte Carl Linnaeus, 1890
Carl Friedrich Gmelin, Sermon on the Mount, oleum in pariete

Quod sacrosanctum est, ad Catechismum Catholicae Ecclesiae, quod sufficienter provisum est explicavit, negotium, quia ad illud quod numquam summatim describit quae indicant et vera fidei,; dum ex voto reddiderint filii opus est explicare servi veritatis, ad quarn Evangelii doctrinam, credentes ad corrigere. Explicandum est in hoc dilemma apparent omnes in unum Dominum Jesum verbum quod totam hanc damnationem, quia ex uno verbo in verbum, quod Deus dederit nobis, ut multis explicandum - male actionis oecumenicae provincia vel quia de excessibus, et quidquid ad omnes pertinet dialogus quoque costs ut vos volo ut sumptus - non vis autem scire. Item, quod est in contextu sermonis Evangelium in lumine ponitur Matth binae expressiones paene respice realiter conveniunt et inter se concurrere in textu originali Graeco. In conformitate cum ex una parte conceptum Lex Vetus: «Nolite putare quoniam veni solvere legem aut prophetas: Ego veni solvere ... [5,17]». aliud, sicut praemisit, sed sententia videtur esse verum confractus quibus admonitio,: "Vos quod audistis quod dictum est antiquis ... Ego autem dico vobis: ... [5,21s.]». Sed hanc ante quaestionem non veterascet, et omnes qui latera. quia, dicitur enim, "Ego autem dico vobis ', Hoc est rationes cognosceret, corripi atque interpretata secundum Lexical legebatur sermone syro est a Domino Iesu: Iubentur expressis auctoritatibus aedificare eodem solemniter rotam totum "ego". Quod est dicere: "Est verum est quod dico, quia non sum eodem test veritatis '. Nunc lets 'dicitur quod posuit in calceamenta de Scribis et Pharisaeis,, peius est, legis doctóribus, per capire come mai costoro accusarono più volte Gesù di bestemmia [Mt 26, 57-58], altre di agire in nome e per conto del Demonio in persona [Lc 11, 15-26], tanto incapaci erano a recepire il messaggio contenuto nel suo linguaggio.

compimentoLa soluzione al “dilemma” è quindi racchiusa tutta in una parola in apparenza così semplice da passare quasi inosservata a molti sapienti: «Compimento». Afferma Gesù: «Nolite putare quoniam veni solvere legem aut prophetas, non sono venuto per abolire ma per dare compimento». Il Signore, che è figlio dell’Antica Alleanza, nato ebreo tra gli ebrei e come tale circonciso e sottoposto dal devoto zelo dei suoi genitori a tutti i rituali previsti dalla Legge Mosaica, non porta semplicemente l’Antica Legge a compimento: egli stesso è il compimento fatto carne, quindi corpo e presenza viva, alpha E Omega, quia ejus 'ego' est verum Verbi incarnatione singulariter completur Dei, ergo visibilis suam corporalem non exhibuit.

super
Go over …

implerem, quod potest interpretari et quod "vincere", "Ad quam" vel "perficere", Quia non sit irritum aut delere, aliquid. Quod Testamentum Vetus et Novum, et praeparatio fit ad obeundum ac ita ut suggesserant, iussit fieri legitur apud Catholico rationem fidei. Iustus cogitare de formam Iohannis Baptistae, Praecursoris, qui ceperunt deserto: "Parate novae viae '. Et verbum caro factus est et non Dei sua praedicatione correxit orbem rigidum Baptistae, sed abiit ad eum, et interrogavit, et postulavit ut baptizaret. Aliquotiens, praedicatione, Dominus Iesus monuit vir magnus heros figura hujus sacramenti fide qui prænuntiabant de adventu Messiae,: 'Dico dicere, inter natos mulierum maior Iohanne Baptista nemo est ' [Lc 7, 28].

forum
opinionem antiquorum forumque

Sit quoque pro exemplo adhuc, hoc historical: Romanorum imperium constituisse auxisse conseruasse medio aevo in quo saltem diversis aetatibus, post quem habemus per Renascentiam. Bene: Renaissance non repente consurgent, multo minus ab accidente, sed praecedentium temporum finem et quodammodo paratum, et in Renaissance is est, et conclusus vivit, in medio aevo. Sicut in percussura baroque, et quod continet in se Media Aetate et in Renatarum.
Sotto le case di molti centri storici italiani ci sono strati di fondamenta molto più antiche, sulle quali e grazie alle quali oggi sorgono le case visibile e abitate. Questo è ciò che nel linguaggio del Signore Gesù vuol dire portare a compimento. Il Signore Gesù non ha abolito la legge e i profeti, ma sopra le loro antiche fondamenta ha costruito il nuovo tempio di Dio, eretto grazie a quelle antiche fondamenta. E noi siamo grati e sinceri debitori a quelle antiche fondamenta, imprescindibili e indispensabili, grazie alle quali e sopra alle quali il Cristo ha eretto la nuova dimora dell’Altissimo; e dentro quella dimora noi viviamo, benedicendo in eterno e per sempre Cristo Dio che non ha abolito ma ha compiuto, dando vita al Nuovo Israele, al Vero Israele, senza nulla togliere alle fondamenta dell’Antico e del Vero Israele antico, che oggi non è più la casa, ma il fondamento sul quale si regge e si edifica la nuova casa, il tempio di Cristo che ha portato a compimento, senza abolire un solo iota dell’antica legge: «Finché il cielo e la terra non passeranno, neppure un iota o un solo apice della legge passerà, prima che tutto sia adempiuto» [Mt 5, 18].

areopago
raffigurazione della predicazione di Paolo all’areopago di Atene

L’Apostolo Paolo, cresciuto e formatosi nell’ambito della cultura farisaica, non si sottrae dall’affrontare il delicato rapporto tra l’Antica e la Nuova Alleanza. In secunda Epistula ad Corinthios incolae Apostolo precise quod ex una parte «Sufficientia nostra ex Deo, qui dignos nos fecit ministros Novi Testamenti" [2 Cor 3,6], altera est, quod usque hodie eadem manet, non amoveatur, Dum legitur in lectione veteris testamenti, quia in Christo ch'esso periculum removeatur " [2 Cor 3,14]. Il tutto per spiegare in modo chiaro che ad essere rimossa non è l’Antica Alleanza ma il velo caduto sopra di essa e che dalla stessa sarà tolto per tutti coloro che credono in Cristo. Unde Apostolus non ab Israel scribebat in silentio praeterire decet Romanae antiquae Romanorum: "Qui sunt Israhelitae, non commixtionem ad caeterorum filietatem, gloria, alliances, cum leges, cultum, le promesse; a loro appartengono i patriarchi e da loro proviene Gesù secondo la carne» [rm 9,4-5]. Tutti questi doni rimangono per sempre perché l’amore di Dio inteso come dono indelebile non è vincolato né dalle logiche né dalle risposte umane, ma dalla sua fedeltà all’Alleanza. Per questo «i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili» [rm 11,29]. Dunque irrevocabili sono le Alleanze della storia biblica, come irrevocabile ed incancellabile è l’umanità ebraica di Gesù. In questo risiede il concetto stesso che delinea una differenza tra l’Antica e la Nuova Alleanza. L’Antica diventa Nuova in Cristo e non è né vecchia, né abrogata. La Nuova Alleanza fa rivivere l’Antica perché è realizzata col sangue di Cristo: «Questo calice è la nuova alleanza con il mio sangue versato per voi» [Lc 22,20]. O come chiarisce Sant’Agostino: «Il Nuovo Testamento è nascosto nell’Antico, mentre l’Antico è svelato nel Nuovo».

Tettamanzi
carnevale ambrosiano” – Il Cardinale Dionigi Tettamanzi ritratto durante una festa vicino ad una Signora mascherata da prete appartenente alla setta dei Vetero-Cattolici.

Queste sono le basi sulle quali si dovrebbe fare ecumenismo con aggregazioni nate da dolorose separazioni col nucleo cattolico che hanno preso vita infarcite delle peggiori eresie, per esempio il Protestantesimo. Il vero ecumenismo si fa partendo di rigore dalla consapevolezza che su questa terra Cristo Dio ha dato vita ad un’unica Chiesa affidata a Pietro, non ad una molteplicità di “Chiese” affidate ad un esercito di congregazioni protestanti suddivise in migliaia di diverse denominazioni, inclusi quei pentecostali dai quali tanti tristi spunti hanno preso certi gruppi cattolici di incontrollati e di incontrollabili carismatici e neocatecumenali. Chi poi avesse dubbi a tal proposito — inclusi alcuni vescovi e cardinali, teologi o biblisti, siano essi viventi come Gianfranco Ravasi o defunti come Carlo Maria Martini — basterebbe che pensasse alle sole parole della professione di fede in cui si proclama il nostro «credo la Chiesa una, baptisma in remissionem peccatorum '. Nel Simbolo di fede niceno-costantinopolitano non proclamiamo affatto la molteplicità delle “ecclesiarum”, che sono tutte «une» e «sante».

Più delicato ancora è il dialogo interreligioso fatto invece con fedi religiose estranee al nucleo originariounedi cristiano. In quel caso è necessario confermare sempre in modo deciso e rispettoso la nostra fede nel Verbo di Dio fatto uomo. Evitando in ogni modo di annacquare le nostre verità di fede per paura di offendere chi rifiuta e chi nega il mistero dell’incarnazione, della morte e della risurrezione di Cristo Dio, esercitando in modo del tutto legittimo, con tale rifiuto, quella libertà e quel libero arbitrio donato da Dio all’uomo contestualmente alla sua stessa creazione; perché l’uomo è da sempre libero di accettare o di rifiutare il mistero del suo Dio e Creatore, del Cristo Dio Redentore, dello Spirito Santo Consolatore che procede dal Padre e dal Figlio.

una santa cattolica apostolicaSi dialoga spiegando ciò in cui si crede e cercando di trasmettere nel migliore dei modi il nostro credo, non certo ridimensionandolo per andare incontro in modo compiacente a chi rifiuta con decisione — non di rado anche con aggressività distruttiva o con violenza omicida come certe frange islamiche — la Rivelazione del Cristo Dio. Un rifiuto che merita il nostro doloroso rispetto, proprio come Dio stesso ha rispettato con dolore le peggiori scelte ed i peggiori rifiuti liberamente operati dall’uomo e racchiusi sia nel mistero del peccato originale sia nel mistero della croce. Ciò che importa è che sia chiaro che rispettare chi rifiuta il Verbo di Dio fatto uomo non vuol dire certo approvare con gioia chi opera questo rifiuto che nasce a monte dal dramma della chiusura ad ogni azione della grazia redentrice.

Chi rifiuta Cristo Dio va dolorosamente rispettato, non approvato, non condiviso, meno che mai invitato a tenere conferenze ecumeniche nei nostri studi teologici e nei nostri seminari, all’interno dei quali andrebbero spiegati i pericolosi errori insiti — per esempio — nell’eresia protestante e di conseguenza nella sua teologia. Non andrebbero invitati certi studiosi all’interno di questi nostri centri di studio e di formazione per tenere conferenze, perché per quanto possano essere degne persone sotto tutti i profili umani e sociali, sul piano teologico sono infarciti di errori dottrinari e forse, haec, graditi presso vari atenei ed università pontificie nelle quali di fatto non si insegna più una teologia cattolica, nella migliore delle ipotesi si insegnano filosofismi e sociologismi religiosi elaborati sul linguaggio creativo ed arbitrario di certi teologi, anziché sul linguaggio universale del Magistero della Chiesa, del quale il teologo è solo strumento e fedele diffusore, non critico, non censore

Assieme alla nostra intima e rispettosa disapprovazione per chi è in errore e per chiprostitute persiste nell’eresia, dobbiamo essere pervasi anche da un profondo senso di pena. Queste sono le basi metafisiche, sorrette dalla filosofia del senso comune [Cf Antonio Livi sulla Filosofia del senso comune]; queste le basi teologiche e pastorali sulle quali si dovrebbe fare ecumenismo e dialogo interreligioso, specie quando protagonisti di certi dialoghi sono vescovi e cardinali chiamati a custodire la fede, non certo ad annacquarla e svenderla per meglio piacere e per rimanere graditi a tutti; inclusi coloro che con fiero orgoglio seguitano indomiti a portare avanti ed a diffondere tutt’oggi le peggiori eresie in danno della Verità Rivelata, incuranti del chiaro monito che ci esorta ad essere perfetti nell’unità [Gv 17, 20]. E se l’unità è stata rotta non va certo benedetta la frattura e conferita dignità all’eresia che ha rotto l’unità della Verità. Il tutto sempre a prescindere dal fatto che il mistero della salvezza è tutt’altra cosa e che come tale è racchiuso nel cuore di Dio che solo è Giudice e che solo può decidere di accogliere nel proprio regno anche interi eserciti di eretici, senza dover chiedere il permesso ad alcun collegio di dottori della legge; cosa di cui, etiam, ci ha dato chiaro monito per tutti i secoli avvenire, avvisandoci che «I pubblicani e le prostitute vi precederanno nel Regno dei Cieli» [Mt 21,28-32].

About isoladipatmos

2 cogitationes on "quod “pieno compimento”, tra eresia marcionista ed ecumenismo a tutti i costi

  1. Un refuso. Marcione è morto nel 160 d.c. e non può essere del V secolo. L’esattezza della data è importantissima poiché i Prologhi antimarcioni sono documenti storici che indicano come la chiesa primitiva , appena ebbe sentore di eresia e confusione sui testi da considerarsi ispirati provvide immediatamente. Grazie Don Ariel per i suoi interventi

    1. carissimi, Vincenzo.

      Le sono molto grato. Come di certo avrà capito si tratta di un errore di battitura di cui però non mi sarei mai accorto se non me lo avesse segnalato. La ringrazio e provvedo subito a correggere la data.

Leave a Reply