Exemplar “quod recta Stolta”: in monasteriis ad lupanaria ex saeculo quinto saeculo vicensimo infecunditatem. Rem facit luxuriæ repulsione ad mortem. Possumus dicere, ut ad vitam religiosam tum ad omnes mulieres post Concilium Vaticanum II ?

- Theologica -

Exemplar IAM Stolta: PRAETORTUS aut scortorum a monasterio Saeculo XV Ad XXI century INFECUNDITAS. RECUSATIO rerum ordines, quos in mortem gignit VOCO. Dici proin licet in religione processerit QUICUMQUE POST CONCILIUM OECUMENICUM VATICANUM II MAGISTRA ?

.

Politicorum: centuriae quatuor, ut inter Vaticanum II factum est products nunc sub oculis omnium: dimidium saeculum per id suadeant ut aliqua ecclesia ad maximum Concilium, aut in consilio consilia, discrimen est adversus doctrinam de Ecclesia, morales et spirituales apud quem non est realiter difficile invenire exempla historical, quod est omnino nova situ in discrimine est. igitur, ante quod recta Stolta Si quis episcopus,: "Scitis non possumus ire in tenebras tempore concilii Tridentini!», Putem replicare possum verba in vitam religiosam de mulieribus scriptor, fortasse melius est ut non ante tempus ad Concilium Tridentinum transmisso, et totidem lustris monasteriis ad veram, quod spent in eo non est bonum, at, Et coexistebat cum frumento oriatur mihi bonum,.

.

.

PDF Print Article
.

.

auctor:
S Arihel. Levi Tadinensis

Quod in fine anni auferetur 1563 cum autem 3 January, duo dies ante Agricola sessionis, Utcumque Concilium Tridentinum probatus decretum de religiosis et monialibus. In hoc documento sunt et statutum uti magis in re et notitiis clausura redundat, coniunctum religiosis et eorum interiora et exteriora domos. Ante finem saeculi XIII, cum bulla Periculoso promulgari statuimus 1298 a papa Bonifacio VIII, ingressus ergo vis 1302, Et notitiis clausura redundat non augendae religionis praecepta atque obsequio in qua sunt relicta reintroduction [1]. etiam, XV et XVI saeculum et in vertente, praecepta notitiis clausura redundat effectum non implemented, nisi pauca religiones: quod Anon, monachorum Dominicanorum consident, primum Carmeli et Carth. Cetera monialium, praesertim qui in sua magna abbatiarum et monasteriorum, Non magis movetur ex se ipsis precise et simpliciter illis qui praecepta moralis tutela feminarum intendebant religionum.

.

Is est interesting et hoc ipsum docet studere in profundum realis vitae Teresiae a Iesu, Prima autem ne transmitteret filias, recordabitur fortium suorum et sublimiori modo commodius facere extasim, ipsi autem intraverunt ad finem vitae. Aliud quod hanc Sanctam reformator Ordinis Carmelitarum, memor fuit cum priorissa monasterii incarnationis Avila, et unum centum triginta maxime fovit, qui habitabat ad turbas ne sibi non ortum ab intrantes dedit, physice ipse ascendit ad ostium monasterii illius comitatus processum novum priorissa, qui non electum ab ipso capitulo Monialium clausura, sed electionem superiorum Ordinis loci auctoritate ecclesiastica annitente, acies inferre fluebat habitatores monasterii et turbulentis. Cur non commemorare, quae tanta Tridentinum reformare, Primo mysticam veluti extasi, Celebre monasterium habebat priorissae uti in officio appellant, pro opportunitate uti res est verberari monialibus domus exasperans:? Et quid, eo quod nec dictum culinae et imperium cibi custos fuit cura vitare uenena? igitur, quod figure a S. Teresia a Iesu Christi, tantum ad intellectum mysticum illud per exstaticum amorem, Commodius quippe quod una pars sit imago, omnes aliae embarrasses hodie, diversimode tamen formae, Nondum centum quinque annos et transpositis, apud per solennes Lectio recentissima sancti mater sua.

.

Quam Teresia lectio non ita transponerentur,? Ad hoc intelligere nos oportet semper vigilandum ad sensibilia exempla practical, sic: Quidam abhinc annis inveni ego ipse de Monte Carmelo Sacrum facientibus in aliquo monasterio Monialium capellanus in loco. Eo tempore, cum me ad sanctam Communionem partiendam attinent totidem retiaculi summitates ad chorum, tunc accesserunt ad me speculum priorisse Eucharistiam sumere posset incedere monialem. et murmur:

.

«Reverenda Madre, nolite ergo solliciti esse, Aperite mihi portas intrare chorum cancellos ego adducam nun infirmos communicet '.

.

priorissa Replica:

.

'Tu non potes, et sa: hoc ordinantur, clausuram papalem, nam ego minister extraordinarius sacrae Communionis ».

.

Non ut quidam posuit concla mantem cum quibus manum suam super pyxidem prehendit Corpus Christi, quod dicitur Sancta Eucharistia est ad sororem deducere. Post missa ecclesiae, et intermisi, antequam ad orientem currus, Ponam in abscondito angulo atrii parietem, Et conversus sum, et sedatus in phone vocat si quae sunt praebere desiderari. Et sic, ab intus Beatus Clausuram papalem, Ut audiat voces masculinum. Ex propinquo murum ascendere abstraham de longinquo videre suspicari potero claustrales intra spatium. Extra murum Beatus Clausuram papalem viginti duo populi, et indutus in a cisternina summo bracis - Ad cuius evidentiam: In eu bracis, ubi in usu sunt - Pono quod sunt faciens chores, quia opus Tools. Fuit eo tempore fuerunt, ut patet a confractus, In eo sunt loquitur voce magna clamabat, fiddling cum uno cell phones eorum, sicut sunt vigilantes res praecipue in ridiculam display.

.

Vanum es in specificare, quoniam sensu et communi etiam pervenire non possumus in jejuniis multis, in iure canonico: sacerdos, exercitatio ad munera eius non sacramentales,, Oportet enim ingredimur papalis, modi ex omnibus quae nascuntur ex commenticia canonici regularis et monasticæ institutionis - Scio, frater meus, et sacerdotes aeque -, administrandi sacramenta in aegris moniales. Sed super omnia habeo, ut plenam auctoritatem et si iustus, Prævenerunt me in priorissa sociari choro per adducere ad Communionem Eucharisticam celebrationem sacrae Missae congregati sunt ad infirmum in conspectu totius civitatis, et in oculis fidelium in Ecclesia,, simul tamen vestiti non liceat duos motum quendam incultique exercet iuvenum, dura spatia pertinent ad Beatus Clausuram papalem Fratrum Discalceatorum. Et sequitur diaphanum infundens Teresia a Iesu imaginem rapitur, Sancta simul pergit negligamus, Ordinis Carmelitarum reformatione, Et factus est etiam necessarium ad baculum. Et haec supra exposita sunt, quantum existimamus, et declaratum quomodo centum quinque annis, non pauci, quia potius plures quod valde dolendum, Spent essent superflue posita sunt,, per saeculorum decursum, reformationem liturgicam instaurationem respicientia.

.

ETIAM CUM autem tragedia TRAGICUS, Nota MELIUS IMMADESCO picturatam

.

Et valde gravis problems vere tragicum trahunt et situationes,, Semper proficiat de consolidated ille mentibus meis: A note de color. Hic est, rosa nota, femininely animo. in facto,, huius feminae inspirare chartula mulierum numerus infelicissimi, quod factum est, quod sic dicta Stolte directum suum. Hoc dicto multis clericorum Dicendum, in superficie demonstrat, Nam solum vident in monialibus vincar. Quod quidem et singulari cum sororibus remanebit elementum pessimus et cui non poterunt se extendere rami sue clericis et religiosis: urbisque propria malitia illud quod saepe summum scelus elementorum propria ipsarum. Et sic, invenire a paciscor cum quod recta Stolta congregatione unius ex numero crescente dolore positi in adventu temporibus vocationes val-de totali interitu usque ad annos pro nunc et in ipso aetatis suae religionis in excelsis remanserit, si forte hercle, in hac parte perceptos post Concilium Vaticanum II,, quod in, in ecclesia multa, Hoc autem non est rectam, admirabili ingenii ostentationem pauperibus respondet huic: "Scitis non possumus ire in tenebras tempore concilii Tridentini!».

.

De statu et fateri non 'libere': Petere non poterit esse melius angustaret quod recta Stolta, de illis qui ex una parte, foramen autem timet, confidentiam et recentioris aetatis, aliud, Si autem quatuor annos ex asylo adiuvetur lotium, hinc ad navis adiuvaret doctorem saeculi, Per septem dies noctesque remaneant turbata imberbis parum proprium angelum, angeli ne minimum quamquam orinino, ex nulla materia cruda, nimirum fortium virorum prohibuit attributo, quia angelis data est non sexus. in facto,, Angelorum Custodum infirmum fuit non de prostatae, ut dum patronus quod agere coacti sunt quidam ex sacerdotibus pessimi, pessimus pessimus Divine maxime fovit,, Quid hoc esset facere etiam prostate cancer apparatu urologenitale salubrius. Maybe hoc est, quod angeli non sunt creata sexus, ad vitare gravis inflammatione morbo et cancer urogenitalis et reciprocus, ut habens partes sacerdotibus ad faciendum custodes vestibuli, fratribus et sororibus. Omne datum et concessum, Veni ad quod responsum fuit:

.

"Inquit,, Soror cara, Council of Trent, si vos non scitis, et multos habuit ex merito et, actually, pessimus tenebris, quid, si, quae nos liberari. In peculiari modo se ipsum tradidit enim te religionum, ut qui se abstinere vite secularis linguam instituat interceptis;».

.

Autem, cum quod recta Stolta Quod non intellegunt, Nescio, neque loco neque intelligere simulant, Quod illuminet sensus et tunc continuatur ad conversationem:

.

"... nosti, qui ante Concilium Tridentinum secuti erant monasteria, coenobia, quae sunt veri obscura sunt aut scortorum? Hoc itaque satis sit dicere, ut in homilia de gradum Basilicae S. Marci tenuit in 25 January 1497, Franciscus praedicator et celebre ad Timotheum, latronibus, blasphemabat eum de Luk 'in peccatorum ordinem in conventum reipublicae dederit indamnatus;: “[...] ubi de Domino in hac terra, dabis eum in monasteriis virginum,, sed non sunt monasteriis,, sed etiam publica lupanaria et lupanaria et deverticula” [2]. Haec quidem in monasteries suscipiuntur - nimirum lupanaribus - quia et opulentos familiae nobili in ipsum speciali modo,, saepe ad utrumque illorum bonorum exitibus, Est numquam etiam politica exitibus, Et clausa est - aut, ut ipse dicere solebat, monacavano - filiabus suis, in aedificiis religiosis eorum, Cras sed cum singulis, servis suis sapien. Erant et virtute nobiles abbatiis specialiter aedificavit coenobia filias, reditus bonorum ac armaret; et puer monacate horum familias, elected in his monasteriis constructis semper Abbatissae et adfligebant inludentes eis, Aliter enim genus revocari Annuitatibus potentium. Tam quae animatae ex fide tantum, vitae institutorum vocationem et virtutibus, duci intra muros iuventus sacra vehis existentias, ut ipsa nonnumquam etiam meretriciis, integrum et absque internis partibus virorum qui venerunt quaestiones; et monasteriis, ubi regnavit ad absolutum maxime moralis nefanda stupra, Benedictini monachi fuerunt Cisterciensis ".

.

in 1514 Inquisicio in urbe Qui habebat potestatem ad faciendum sunt instituti apud eundem ultra captum humanum;, et pie monachis de monasterio Sancti Benedicti, Zaccaria,, et quam beatus est convertit cenaculo suo - neque sicut in cenaculo -, per lascivitis ad receptionem iuvenibus, cantores et histriones, Convivium personatorum est, ut supra memoravimus, ipsi Olim in bacchantis sane ingens, quod vertitur in urbes antiqui aemuli ex Pompeii and Herculaneum, ut recordemur possibilis Romanorum sub lustris bis ieiuniis [3].

.

Canones de sacramentis in ecclesia primum fuisse narrabat monasteriis conventibus esse putatur: De locis precandum suique lapsus paenitendum. Decretum 3 January 1563 Ante professionem votorum vetuit et sedecim annis undecim ante ingressum monasterii; Imposuisse necessitatem saltem uno anno regnauit sodales instituti amittit presbyter ab episcopo, qui invenit homo verus arbitrium de iuvenibus religiosis a persequi vitae gratis. Revocati decretum est principium clausuram monialium exire haud paucis subiectus et foris monasterium ingredi, praesertim homines. in 1566, cum bulla Circa pastoralis officii S. Pii V Pontificis excommunicationis poenam imponit super omnes peccatores, dum includitur in delictis publicis legibus ecclesiasticis iam declarantes, quod est carnalium, sacrilegium facis. Ita solus sacerdos, vel potius omnino maiorem curam episcopi electi, Admissus ad sacramenta solum intra clausuram monialium infirmis infirmus, quater senis iura canonica et monialium requiritur ad ostium atrii excipio, Et reduxero eos secum exitum. Denique ad conventus monialium familia iuvenis locutorium coniunctionibus, omnis separatio est creata densa cancellis spatio rigido, de quo non audire modo sed vix unum monacham et vocem posset suspicari de figure. Multas nobiles super caecitatem magno conventu vitam resurrexit, surgebam adhuc in naves impositos sed non applicationem ex novo nati sunt ab praecepta 'autem temporibus, Concilium Tridentinum secuti tenebris', sortem mittentes capitalium quaestiones solvere quin familiae abbatias monasteria filias, et filiabus, ne lumen ipsius vocationis ad mutare sine his religiosis domibus, in lupanaribus, in qua genuina vera ex ducere vitam donat meretricibus,. A phaenomenon, iuvenum et magnis monacazione, rationi interdum non parum molestum assumentem, praecipue Venetiae civitates, Panormi Neapolim translata sunt.

.

Post pauca decennia, pluribus in finem Tridentini Concilii, civilesque rectores Venetae reipublicae oppidum factum est inducere contra legis monachini - monialium hoc modo amantes data sunt - quod provisum est ad supplicium, Et hoc non solum carnis, sed etiam sacrilegii instar est simplex contra notitiis clausura redundat. Lex autem subintravit simul manere in littera mortua est, , quia tam dissolutum est monialibus, tum eorum monachini, erant, Quod si nec poena semper, sed prope, et in altum sublatis civitatum istarum duarum potentissimarum familiarum.

.

non solum, Concilium Tridentinum,, vitam religiosam dignitatem erat rediit, eo tempore reformationis post, Ecclesia et in mundo testes esse posse se incredibili renascentia ejus,. Totus in pace quod recta Stolta crinibus alis venti et genua in avis ad alia transvolans, et colláudant Fílium obscurantism "lectum suum in congregatione iam mori in vitam religiosam oncology department de mulieribus scriptor, quod currently nosocomio dozens of religiosorum, qui intra paucos annos iam non est.

.

Erat lux vera quæ obscurantism!

.

De curatione magnum sed non offerebatur TRIDENTINUM doctores non causant exercitati totalem

.

The Council of Trent Hoc erat prorsus contione inter fratres congregentur Romae parum loqui, modernization ac de liberationes pastorales, repositoque Dialogum cum severissimo utatur iudicio, E Difficile ad rigorem doctrinam aperire theologis disputanda ac multiplicem, quasi quinque saecula post - modo magis explicito -, Hoc Erat res in Concilio Vaticano II, in quibus produci: primus para-consilium apud theologos Cahoots diurnariis, Deinde sequitur, et tanto magis problematicae post consilium, quod dedit annos ortum est, quod sicut define consilium egomenico socialem et Theologi,. Utcumque Concilium Tridentinum primo quoque run decem et octo annis [1545 - 1563] et factum sub pontificatu Pontifices Pius IV, Alexandri Farnesii principiis natus est [canini 1468 - Roma 1549], Iulius III [Monte San Savino 1487 - Roma 1555], IV PO [Milano 1499 - Roma 1565]. Ad cuius evidentiam considerari oportet me esse, quia historiae de ignorantia hodie regnat, ut - pro dolor, et praecipue in Ecclesia catholica vel clerici -, Ne clerici raro audistis, et in cura animarum pastores dicunt, quod a Concilio Tridentino decretum est ut essent in Summo Pontifice, a S. Pio V, He was elected in loco duobus annis post Concilium Tridentinum de occlusione, in 1566. Hoc quod valde dolendum confusione generatae ex crassa ignorantia, ex eo quod in editis Sanctus Pius V, 14 July 1570 Reformata videlicet et editions Missale Romanum, quod etiam sciri Missalis sancti Pii V uel Tridentinum Missale.

.

Utcumque Concilium Tridentinum obtulerunt, Item in gradu disciplinae temperatione, dubium, treatments magnum, et evidens:. Nos posse dicere et in nomine dei sui, et ne propagationem cancer pugna statutum chemotherapy est in corpore Ecclesiae metastases. Etiam invita Ecclesia visibilis esset longe ab Ierusalem caelestem, in uolueris in sequenti decennia, quoniam si contra cancer metastases oncologists semper efficax curatio totum regere defuturum therapiae. Omnia hæc scripta et verba digesta calamo discimus ex igne et ex diversis sanctorum est in suis concionibus sive lyrics. Sant'Alfonso Maria de 'Liguori, Ecclesiae EPISCOPI ATQUE ECCLESIAE DOCTORIS [1696-1726] Non dubitavit queri et inhospita iaces Episcoporum Italiae, politica economic utilitates suas et proximi deceat potentiam consequantur utilitates et commoda; Et non dubitant se paene usque ad identify artes pastorales, Super humilem theologica, Clerici omnes qui futuri sunt ab episcopis. Vanum es dicere, ut sunt fere duo saecula post Concilium Tridentinum de prope.

.

Sententia sancti episcopi de querelis similis illi et medicum Alfonsus Maria de 'Liguori, emerge in diversis style significat nisi ex scripta de eadem in substantia Beatus Antonium Rosmini, Operis plus quam saeculo illo Quinque Vulneribus Domini ecclesiam Sancti [revolutio eorumdem patrum by textus est readable qUI].

.

quod Sant'Alfonso Maria de 'Liguori, Antonio Vivaldi Beatus infra Rosimini, quantum in illis terminis verum etiam in octavo decimo gravi saecula, post haec autem duobus ex eo tria saecula post Concilium Tridentinum de prope, quidam usque fundamental praecepta eius quae nondum sunt in multa applicari regiones in Europa annorum, comprehendo pauci antiqui satis Conferentiae episcopales, Ecclesiae fundamenta vitae apostolicae. ita, nam velut paradoxum, Utcumque Concilium Tridentinum erat lata application in magis ac magis per agros hac de causa missio, Evangelium quod movetur disciplinarum continentes TRIDENTINI. Omnes homines essent, qui, dum missiones ad Americae Latinae statum illum Missionales constituere provisum saeculo XVI factum est necessaria seminaria constituendo ad quae dogmatica de presbyterorum formatio,, in multis Italiae antiquae dioecesis, in medium-octavodecimo century, Necdum seminaria pro. Quibus institutis, formae autem in superioribus media filiis nobilibus, tum magni momenti munera ecclesiastica obeunda praeparentur diuiderentur, dum maioris eorum qui futuri sint sacerdotes seguitavano educationem accipere pauper rusticus pastores a conspectu concilii Tridentini, quae fecerunt. Non omittendum est pro rebus oeconomicis et politicis, in multis Europae regionibus, applicationem ad multorum canonum Concilii Tridentini, Non fuit impeditum principes, qui opulenti estis in manifesto consentiente Episcopo loci, hinc si non pertinere, aliud lucravano, Principes Germaniae ab Bourbons septentrionalem Italiam meridianis Europae, sua bona commoda et beneficia.

.

Concilii Tridentini ad vicesimum quintum annum instituit sacerdotium, numero plurimi episcopi, tanquam aliter, Comprehensive sit aliquid quasi unius magnorum sanctorum est caritas, Vincentius de, Paoli [Pouy, 1581 - Paris, 1660], et adhortatus est pauperrimus ex familia a patre divinitatem studere apud opulentos advocatus subsidium a Tolosatium educationem expensis ejus quis solvit, super omnia autem nescimus si initio motus ex vocationem:, quod postea factum est in omni casu quod cum praecessi satis incredibili. in facto,, patrem, speraret futurum, unum acquired Status superiores, et filius eius pro familia non auxilium. Pro quattuor decenniorum praescripto Concilii Tridentini canonibus, apud illum tantum decem annos ordinavit sacerdos super Episcopi Tolosani 23 September 1600.

.

POST CONCILIUM TRIDENTINUM, Si forte faciat consilium a filiis MONASTERIA ambitus MAGISTRA?

.

Saeculo XVI saeculo proculdubio magnam Reformatores multa Sanctorum concretam exsecutionem corrigantur munera fictor et auctor est a Concilio Tridentino citari, insuper de sancto Ignatio [Azpeitia, 1491 - Roma, 1556] et processerim commilitones, primum, Nigros San Giovanni [Florentiae, 1515 - Roma 1595] et a beato Felice quaerens Cantalice [Cantalice, 1515 - Roma, 1587], a divo Carolo Borromaeo [annum ágeret, 1538 - Mediolanum Capta, 1584], Sancti Petri de Alcantara [Alcantara, 1499 - Arenas, 1562], Santa Teresa de Avila d' [Abulensis, 1515 - Alba de Tormes, 1582] et S. Ioannes a Cruce mirabi- [Fontíberi, 1542 - nonagésimo, 1591], San Giovanni d'Avila [Almodóvar del Campo,, 1499 - pavorque, 1569], Sancti Joánnis de Deo Confessóris [Montem Novo-o-, 1495 - Granatae, 1550] Utique ... non immemores figure cuius est mentio facta de S. Pii V [Ioannes Bosco Marengo, 1504 - Roma, 1572], Magisterium exemplari pro sanctis et ut inspirabat, virtutum moralium et pastoralium.

.

Quod vitium et moralis defecit in monasteriis vero et monasteria quae snaked a quinta decima ac sexta decima, Abolitum fuisse ab. Et ponet illud in aliquo tristi aut temere inter tot exempla elegit praesto historically: quantum iactus est lapidis a Roma, Sora oppido, XIX in medium, in monumentis iuris ecclesiastici territorio dioecesis exsistunt Pontecorvo Aquino-usi Soram ex hostibus,, et abbatisse monasterii de Santa Chiara, Severus maria papa Tronconi, Montis Casini arcus communicabatur,, Gonzaga a Neapoli domini Celestino, Canon fortuna, ut Basilius Magnus, Capitulum ecclesiae cathedralis Sanctae Mariae Assunta membrum ab Sora profecti in confessariique ordinarie exercendum enim religiosis sanctae Clarae, Inter tres moniales abusus fuerat indutus et gravida sacramentales confessiones. trium, quaedam Iacobelli, In diebus ipsius abbatissae, quae erat in conceptionem seminis accepit eam composuisse litteras [4].

.

Quomodo ergo potest certa esse non obliviscamur, quae religionis, sicut in multis dicere causam: in 1821, duo monialium monasterium Sancti Andreae Apostolo Arpino, et ad tertiam cum illis, et DISCIPULA, Ordinarius gravi de reo et de insectationi Confessórem. Acceptis vero perpensis investigationum canonica vano criminibus probatur, tamen, subductis et tres mulieres querimoniam, iniuriam et qui eras conantes rationes inducere male intellexerunt, quod modo erat sacerdos. Triste prorsus differunt tamen secundum: cum una sanctimonialium feminarum marchingegnato consentientibus omnibus aliis et conscientia, volentes et in omnibus in vicem anno Confessarius, qui sacramentale prior erat sacerdos deferunt auctoritati ecclesiasticae grave est abusus religionum. Sacerdos detestatur, Sed hoc esset eum propinquus suus sanctimonialis, propter famam familiae existimavit macularent querella. ita, religionis, Conversio vindicare conatus innocentis eiusdem [5].

.

Secundum ad terminum Sancti Ambrosii Mediolanensis Episcopi et Doctoris Ecclesiae [Gallia 337 - Mediolanum 397] Ecclesia est "casta meretrix», una meretrice casta. expressio, De jure belli quæ in antiquis est ante decennium, Venerabilis Benedictus XVI Pontifex Maximus homilia dici uno subter illud per quod Ecclesia "facta autem sanctum et peccatorum ' [6] [Textus plenum est readable, qUI]. Aliqua historiae aetatibus, Ecclesia quidem apparent non solum ut in eum quod hominum peccatorum defeasible, sed ingens opus esse peccatum peccato interna quae externa disseminatur.

.

Etiam antequam Concilium Tridentinum, in cubilibus et moralis labe magni clerici quam pugnatum erat, damnatus est in Concilio Lateranensi in verbis esse fortissimum, Et septuaginta reformationis decreta promulgata homini ferrum dictus Innocentius [Gavignano 1161 - Perusiam 1216]. In hoc concilio suadeant disciplinares Codicis canones in ipsis modo patet quod ea quae comprehensive erant abyssi, et gravi lapsu et moralis corruptions, qui sunt clerici impestavano. et tamen,, pauci decades post, post celebrationem illius Concilium, alter medicus, et sanctus de ecclesia, S. Bonav [Bagnoregis HRE 1221 - Lyon 1274], Haec blanda sunt in animo:

.

"Romam corrumpat mentes corrumpere sacerdotes praelatos suos qui populum Dei corrumpere '.

.

To assident situ in ecclesia, contra canonum disciplinae moralis si nemo talis fornicatio autem scripta sunt clerici in ecclesia 1215 neque de illis hodie, [Italicis translationem textus est readable, qUI].

.

nec Concilium, Qui non est perfectus in ecclesia, non ex eis et peccatum est corruptio hominis destrui semper. et concili, quaedam specialiter, Et dedi Ecclesiae oxygeni, et posuit ea in loco, in quo habitamus ad ecclesiale Corpus ex clericis et laicis in qua semper vixit cum fidelium sanctorum, et peccatorum. Versus hic appositus est grano per bonum parabolam zizaniorum et tandem his verbis apud:

.

«[...] Ex quo igitur sit zizaniorum? Qui responderunt: Fecerit hoste. Et ait servis suis: Vis imus et colligimus? No, responsum, nam cum, forte colligentes zizania,, Cum evulsione et factum est triticum. Sinite una crescere utraque usque ad messem, et in tempore messis dicam messoribus:: Colligite primum zizania et alligate ea fasciculos ad conburendum triticum; triticum autem congregate in horreum meum " [Mt 13, 27-30].

.

Ipsa res QUID DE MULIERIBUS VITAM POST CONCILIUM OECUMENICUM VATICANUM II magna inspiratio ?

.

Hoc lets 'satus de quaestionem respondendum ad figuras: population est mundi nunc per septem et dimidium billion populi, Mulier autem, qui nunc sunt mediocris aetate est a vita 70 annos et menses octo; quod per Europae mulieris est 84 novem menses et annos,. Hodie mundi catholici qui circa trecentos million billion. De religionis Christianæ pietatis instituta et ordines, secundum ad statistics 30 October 2018 Et fecerunt officialis notitia 2017, moles est 659.445, Sublato itaque numerus ad numerum in puerili novae religionis professionem minus est diminutio 10.885, in mediocris aetatis suae religionis, ut par est, 64 aetate, Quidam autem ex Africa rapti mutant regiones Asiae, in mediocris aetatis suae religionis esset desuper 70 aetate, quid sit tentantes in Europa, in his duobus anteactis decenniis in hac parte,, paulatim religiones evanidus totam diocesim [Cf.. officialis statistics, qUI]. Nos autem reversusque sexaginta annorum, fuerit, tametsi de quinque anni ante ostium Concilium Vaticanum II,, quia secundum exemplar quod recta Stolta ut thema usus scripturae meae, Vigevenum praecepta "obscurantist" Concilium Tridentinum. in 1958 habuit duo centum million billion populi population novem mundi, Catholici per orbem erant per circuitum 800 milia, in mediocris aetate est vita erat mulier scriptor 49 aetate, quod per Europae mulieris 67 aetate, et ordines erant in religiosis sodalitatibus religiosis 1957 deciens HS DLX milibus, in mediocris aetatis principalia Institutorum religiosorum adiutricem eius 41 aetate, Sublato itaque numerus ad numerum multa funera fuisse novis institutis et artibus magis auctus 12.450.

.

note me, qui nusquam non inclinastis aures vestras, Cum haec saepta Statistics: Cum enim memoriae non fuisse Patrem "obscurantism Tridentinum", ex dimidio saeculo scripsit explosione nova Pentecostes eveniat occurrit apud Concilium Vaticanum Secundum. Il dato allarmante si regge sia sul numero della popolazione mondiale sia su quello dei cattolici nel mondo. in facto,, quando in epoca «oscurantista» la popolazione mondiale non arrivava a tre miliardi di persone ed i cattolici erano circa 800 milia, le religiose nel mondo erano oltre un milione, mentre mezzo secolo dopo la nova Pentecostes eveniat, a fronte di un popolazione mondiale più che raddoppiata — sette miliardi e mezzo di persone —, nonché a fronte di una popolazione cattolica mondiale passata da circa 800 milioni di fedeli a un miliardo e trecento milioni, le religiose risultano calate per un numero pari ad oltre 400.000 in soli sessant’anni, il tutto — lo ripeto di nuovo — mentre la popolazione mondiale era più che raddoppiata e mentre i cattolici erano mezzo miliardo di fedeli in più rispetto a quelli di circa mezzo secolo prima.

.

Se i numeri sono aridi e non hanno un’anima, hanno però una storia, soprattutto una ragion d’essere, ecco allora sorgere la prima domanda: se dopo quello che taluni ecclesiastici e teologi contemporanei definiscono trionfalmente come il più grande concilio della storia della Chiesa, siamo giunti a questi dati statistici; se di giorno in giorno chiudono istituti religiosi, monasteri e conventi storici di lunga tradizione, aliquis, intende cominciare a chiedersi se per caso, in quella che a suo tempo fu definita come nova Pentecostes eveniat, qualche cosa non è andata per il verso giusto? Responsum est, haec, quae requiritur ad dolorem inferens tam placido, ad Ecclesiae Pastoribus Ecclesiae et auctoritati, Non petita est ab praeventionis, sive ironia minime notione caeco: hoc est responsio ad petita a numero, quod, sicut supra dictum est, non sunt animarum, cur non et historiae suae. E, Haec errantes a numero, dimidium saeculum quia in fine ecclesiae non consilio modo dici puta quaestionem respondeo, licet ponere ante sumptuum, et in Concilio Vaticano II, aliquid abiit iniuriam, ut hodie una cum consequentibus inde exitum est apud nos; praecessi est certae omnino arida, sed simul de certis certa numerorum.

.

Et linguam postulatus cito "UPDATE:" DE RELIGIOSORUM INSTITUTIONE ictibus debilitarentur SUITS, Capita nuda sunt inter eos duplici ornatrix ?

.

Inter medium sixties et lxx, et primo saeculi vicensimi, Congregationes mulierum vitas maxime abhorrent - peius multo quam homines -, maxima fluctus digreditur sic dictae philosophiae «update". Miseri diversa in capocomici fuisse tempus post Concilium egomenico - praemisit omnium Societatis Iesu, in multis habitualiter christifidelibus pateant, qui per multos annos tenuit ministerium confessariorum pietatisque -, qui litteram inverso vitae, quod `charisma vitae illorum institutions. Quod, Uti aliqua sensibilia exempla semper: autem 1965 totus operiretur vestibus religiosorum pollicem velo obtectus comam omnino, et ex significatione sensus usque in diem quo tempore praedicationis apostolicae. Ipsam vero beatíssimam Vírginem ab iconographiam in pingunt: primum, ut dicitur in saecula maphorion [maphórion]. quod maphorion, quae tum "monasticos et velum ', Erat et est signum de consecratis Christo virginibus Deo. Quod beatus apostolus paulus, addressing Corinthium petens ad populum, Suspendisse caput mulieres operiebant. Est sine dubio ex litteris apostolicis pone era, et cultus, in quibus scriptum erat, ma che attraverso un messaggio che mai ha perduta attualità sottintende il segno e l’intimo senso di appartenenza a Dio della donna a lui consacrata [I Cor 11, 1-6]. Ecco però che d’improvviso, a pochi anni di distanza dall’ultimo Concilio, ci siamo ritrovati dinanzi a suore vestite in tailleurs, con le gonne che coprivano a malapena il ginocchio e con i capelli tinti trattati con la permanente e curati dalla messa in piega fatta dal parrucchiere. Mi domando e domando: è forse un attentato di lesa maestà, dire solo e null’altro che il vero, ossia che cose di questo genere, nel Nord America e in vari Paesi europei, sono avvenute principalmente presso quelle congregazioni religiose che da sempre, se non per vera e propria tradizione, si avvalevano dei Gesuiti come confessori, direttori spirituali, insegnanti e predicatori? [un solo esempio tra i tanti, qUI].

.

I fatti dimostrano che il cosiddetto «aggiornamento» delle religiose in tailleurs, con le teste scoperte e le messe in piega del parrucchiere, ha prodotto lo svuotamento di intere congregazioni religiose, che scompariranno definitivamente quando le ottantenni oggi sopravvissute saranno finalmente sepolte con i loro tailleurs, le loro teste scoperte e le loro messe in piega del parrucchiere. sed, moriranno aggiornate! E con loro sarà consegnata alla tomba la loro congregazione religiosa, altrettanto ed anch’essa aggiornata.

.

LE CASE RELIGIOSE VUOTE E LE SCELLERATE “CAMPAGNE ACQUISTI” DELLE VARIE CONGREGAZIONI RELIGIOSE RASENTI A VOLTA LA … “TRATTA DELLE NERE”

.

In certi discorsi bisogna procedere con cautela perché purtroppo c’è una chiusura ideologica a priori: in facto,, tutto ciò che è nero, di per sé è bello e buono. super omnia, tutto ciò che è nero, è vittima sopravvissuta, o vittima discendente delle scellerate politiche coloniali e di conquista dei vari Paesi dell’Occidente. Se in diversi Paesi del Continente africano oggi ci ritroviamo con un clero ingestibile che partendo dalla grande chimera dell’inculturazione — altra parola magica del post concilio — ha finito per divenire un clero che spazia tra l’animismo ed un cattolicesimo adulterato e corrotto, ciò è dovuto al fatto che tra la metà e la fine degli anni Sessanta del Novecento, il Santo Pontefice Paolo VI ebbe la discutibile lungimiranza di voler creare a tutti i costi dei vescovi locali, incurante che alcuni di quei Paesi erano stati evangelizzati neppure trent’anni prima. Numerosi sono stati i casi di soggetti elevati alla dignità episcopale ad appena quarant’anni, od a trentasette o trentotto, che erano stati battezzati e divenuti cristiani a tredici o quindici anni, dopo essere nati e cresciuti in famiglie che li avevano istruiti sin da bambini ai culti animistici ed al culto degli spiriti degli antenati.

.

Nei tempi che furono qualcuno ci provò a dire al Santo Pontefice Paolo VI che per dare vita ad un clero autoctono occorrevano generazioni e che per creare i primi vescovi scelti tra i nativi era bene attendere un secolo, o comunque non meno di settanta od ottant’anni, ma a questo, lui che pure lo sapeva bene, non volle prestare ascolto, commettendo, in questo come in altri casi, degli errori notevoli. Chiariamo il tutto con un esempio legato ad una triste figura, quella dell’Arcivescovo Emmanuel Milingo, scomunicato nel 2006 e poi dimesso dallo stato clericale nel 2009 [documento ufficiale, qUI] …

.

Emmanuel Milingo nasce nel 1930 nello Zambia, Paese africano dove la vera e propria evangelizzazione — dopo alcuni sporadici tentativi fatti solo a fine Ottocento in poche località ad opera di piccoli gruppi di missionari —, prende avvio solo dopo il 1915. Riceve il battesimo nel 1942 all’età di dodici anni e la sacra ordinazione sacerdotale nel 1958 aetatis suae 28 aetate. in 1959, iustus 39 aetate, è eletto Arcivescovo Metropolita di Lusaka, Capitale dello Zambia. Riceve la consacrazione episcopale dal Sommo Pontefice Paolo VI, che lo aveva voluto vescovo e che lo salutò come il vescovo più giovane dell’intero Continente africano. Questa cronologia non necessita commenti, perché l’apoteosi dell’imprudenza è racchiusa tutta nelle date, alle quali basta aggiungere che i vicariati apostolici istituiti attorno al 1915 nello Zambia, sono stati elevati a diocesi solo tra il 1959 et 1976. Emmanuel Milingo fu il primo arcivescovo autoctono dell’Arcidiocesi di Lusaka, suoi predecessori furono due missionari polacchi gesuiti nominati vescovi titolari e posti alla guida di quel vicariato apostolico: Bruno Wolnik dal 1927 omnes 1950; Adam Kozłowiecki dal 1955 omnes 1969. Quest’ultimo, prima coltivò e poi indicò a Paolo VI il giovane Emmanuel Milingo come figura di profilo episcopale. Nel concistoro del 21 Februarius 1998 Adam Kozłowiecki fu creato cardinale dal Santo Pontefice Giovanni Paolo II, mentre Emmanuel Milingo, per la sua problematicità non più sostenibile in loco, era già stato costretto a rinunciare al governo della sua diocesi e chiamato a Roma nel 1983. Già quindici anni prima che il méntore di Emmanuel Milingo fosse creato cardinale per i suoi meriti missionari e pastorali — meriti ai quali si potrebbe aggiungere un concetto molto in voga nella Compagnia di Gesù, ovvero lacapacità di discernimento” -, egli aveva già dato tutti i peggiori problemi, sino alla sua grottesca partecipazione come cantante ospite al Festival della canzone italiana di San Remo nel 1997, per seguire con la sua entrata in una sétta, il suo matrimonio-farsa con una Signora coreana, il suo atto di apostasia dalla fede e di scisma dalla Chiesa Cattolica. Alla concreta prova dei fatti Emmanuel Milingo non s’è fatto mancare niente, resta però senza risposta il quesito fondamentale: chi è che di tanto in tanto favorisce con la propria leggera, emotiva e fantasiosa imprudenza la nascita e lo sviluppo di simili “monstra”, in questa nostra Chiesa nella quale Cesare non sbaglia mai e la moglie di Cesare è sempre e di rigore al di sopra di ogni possibile sospetto?

.

Quali sono stati i risultati di certe scelte pastorali? Furono purtroppo che molti vescovi di questi Paesi appena evangelizzati, di fatto si comportavano come dei grandi capi tribù, ma soprattutto avevano sempre a proprio servizio gruppi di giovani suore appartenenti alla miriade di congregazioni di diritto diocesano sorte come funghi in tutta quanta l’Africa; e tutte con lo stesso originale e strano carisma: assistere vescovi e sacerdoti. etiam, in un contesto socio-culturale nel quale tutt’oggi il celibato sacerdotale, ma soprattutto la castità ad esso legata, non è facile da far penetrare, si rendeva necessario raccogliere, per i vescovi e per i preti, aliqua domestiche sessuali in modo per così dire pulito, evitando semmai che i preti lasciassero ragazze incinte da un villaggio all’altro. E che cosa accadeva di prassi, se la suora rimaneva incinta? Se non veniva fatto ricorso all’aborto — cosa purtroppo ripetutamente avvenuta —, a quel punto la suora finiva sbattuta fuori dalla comunità, ed il prete mandato invece a studiare a Roma a spese della Congregazione de propaganda fide.

.

Siccome il lupo antropologico perde il pelo ma non il vizio, ecco che nel 2008, ai quattro angoli del grande refettorio del Collegio romano San Pietro adiacente la Pontificia Università Urbaniana, appaiono dei cartelli che avvisano: «È proibito ai sacerdoti far salire le suore nelle proprie camere». Cartelli che furono letti da decine e decine di preti, compresi due che oggi, ad oltre un decennio di distanza, sono divenuti vescovi, uno di una diocesi africana, uno di una diocesi missionaria dell’America Latina; furono infatti proprio loro, ad informarmi di questi cartelli affissi dal rettore del collegio ed a farmene vedere le immagini da loro stessi fotografate.

.

Mentre nel pieno della nova Pentecostes eveniat le case degli istituti religiosi si svuotavano nel corso degli anni Settanta, mentre molti noviziati erano ormai deserti e da lì a poco, le suore della vecchia Europa avrebbero dovuto cominciare a fare i conti con l’età, ecco che le loro lungimiranti superiore generali decisero assieme ai loro consigli di aprire missioni in diversi Paesi africani e asiatici. E tra la fine degli anni Settanta e gli inizi degli anni Ottanta prese avvio quella invereconda e per certi versi immorale campagna acquisti che potremmo per taluni versi paragonare ad una vera e propria tratta delle nere.

.

Dobbiamo però prudentemente sorvolare su quanto siano difficili da trattare e da mettere sulla giusta riga certe giovani africane, culturalmente refrattarie anche alle forme più elementari di disciplina sulle quali si fonda la vita comune nelle comunità religiose, perché affrontando certi temi si leverebbe prontamente per tutta risposta un coro polifonico di anime politicamente corrette per dare inizio al solenne inno: Al razzista, al razzista! E non parliamo di che cosa è accaduto in certe comunità religiose quando sono giunti invece gruppi di brasiliane, con le suore anziane che pregavano per avere la grazia di una veloce e buona morte o perlomeno la grazia di rimanere quanto prima possibile sorde e cieche, ond’evitar d’assistere a certi scempî.

.

Questa manovalanza acquisita in siffatte campagne acquisti per evitare l’estinzione di certe congregazioni, benché non si dica, quasi sempre è stata anche particolarmente costosa, con risvolti tutt’altro che puliti. Molte di queste congregazioni, l’acquisizione di certe religiose, l’hanno pagata e seguitano a pagarla col mantenimento economico di tutti i nuclei familiari delle suore. A questo vanno poi aggiunte le ruberie delle suore stesse, che appena hanno potuto si sono impossessate di danaro dalle casse o dalle risorse delle comunità religiose, per inviarlo ai loro parenti nei propri Paesi di origine. aliquot tempora, queste suore, sempre a spese delle comunità hanno portato in Europa loro fratelli e sorelle, costringendo la congregazione a provvedere alla loro sistemazione, inclusa quella di fratelli e nipoti tutt’altro che propensi al lavoro, quia, in alcuni Paesi e culture africane, a lavorare è la donna, non l’uomo. Et hic, per evitare che il coro polifonico di anime politicamente corrette pronto a inneggiare Al razzista, al razzista! Dal canto passi alla denuncia, è bene tacere sulla nazionalità di alcuni di questi uomini africani, a tal punto allergici al lavoro che, se un giorno incontrassero la persona che il lavoro l’ha inventato, non esiterebbero ad ammazzarla di botte. Mi riferisco ovviamente a quelli che, pur di non lavorare, preferiscono molto di più portare le loro mogli e le loro figlie a prostituirsi sulle strade delle nostre città, esercitando infine il loro lavoro: togliergli i soldi di tasca quando poi vanno a riprenderle al termine del loro servizio.

.

Dopo l’ondata di africane e di brasiliane, è giunta appresso quella delle indiane. In quel caso ci siamo ritrovati più volte dinanzi a giovani ragazze veramente molto belle. E quando una ragazza europea molto bella diventava suora, ciò era quasi sempre segno di una particolare e solida vocazione, perché se avesse voluto, avrebbe potuto aver lieta e felice vita scegliendosi il miglior marito che si sarebbe potuta scegliere, quod est semper, la bellezza femminile, è una ricchezza che può produrre ottimi matrimoni.

.

quod campagna acquisti indiana non ha però tenuto conto di una cosa, o meglio non ha voluto tenerne conto: in gran parte delle zone dell’India, se una famiglia non ha i soldi necessari per costituire una dote alla figlia, haec, fosse anche una perla di rara bellezza, non può sposarsi. E le ragazze che non possono sposarsi, spesso scelgono tra due diversi mestieri: fare le prostitute a Calcutta, oppure fare le suore. E tra le due scelte, molte scelgono giustamente la seconda opzione.

.

Le superiore generali delle congregazioni che hanno fatto campagne acquisti in India, vogliono per caso narrarci che fine hanno fatto, quelle ragazze tanto belle ma tanto povere, prive per questo di dote matrimoniale, quando sono giunte suore in Italia? Bene, premesso che più bugiardi dei preti lo sono solo le suore, sapendo che una domanda simile rimarrebbe senza risposta o comunque sarebbe evasa con una risposta del tutto menzognera, la verità sarà bene che ve la narri io: la maggior parte di queste splendide ragazze, giunte in Italia o in altri Paesi europei, poco dopo si sono trovate un uomo che se l’è prese in moglie trattandole come delle autentiche regine. in facto,, per l’uomo italiano, ed in genere per gli uomini europei, una donna giovane, bella e soprattutto dotata di quella femminilità ormai da tempo perduta da molte delle nostre donne maschiacce capaci solo a porsi in competizione professionale e sociale con gli uomini, è una ricchezza che non ha prezzo. Ecco dove sono finite molte delle ragazze bellissime, giunte in Italia come suore, in seguito alle campagne acquisti da parte di molte morenti congregazioni religiose che stanno esalando i propri ultimi respiri grazie alla nova Pentecostes eveniat.

.

TRA POCO ASSISTEREMO ALLA PIÙ GRANDE SVENDITA DEL PATRIMONIO RELIGIOSO

.

Molte congregazioni religiose femminili sono dotate di grandi patrimoni immobiliari. Numerose posseggono stabili grandi e di gran pregio storico e artistico, altre posseggono grandi stabili che un tempo erano asili, scuole, istituti d’istruzione e collegi. Girando per la sola Roma, è visibile agli occhi di tutti che già molti di questi stabili sono stati trasformati in case di accoglienza o alberghi, altri dati in affitto o venduti a privati. rectus, ed in specie uscendo dai centri storici delle grandi città, non sarà possibile convertire tutte queste strutture in alberghi od in sedi di prestigiosi uffici di rappresentanza di aziende private o di liberi professionisti con le parcelle a sei zeri. igitur, gran parte di questi patrimoni, sono destinati in breve tempo ad essere svenduti. ita, entro breve tempo, assisteremo alla più colossale svendita del patrimonio immobiliare religioso. maybe, affaristi ed avvoltoi vari, avranno già fatto i loro conti, vel maybe, con lucida freddezza, avranno già fatto il progetto per spartire la torta tra varie società immobiliari e gruppi di singoli e ricchi affaristi.

.

A questo dato, o se preferiamo alla tragica cronaca di questa morte annunciata, si uniscono tutte le complicazioni derivanti dalle scellerate campagne acquisti. exemplum: ci sono congregazioni religiose che per lunghi decenni, se non addirittura per secoli, si sono dedicate alla istruzione dell’infanzia od alla gestione di scuole medie superiori caratterizzate dall’alta qualità dell’offerta formativa. Questi istituti, quia maior, si reggevano in piedi grazie alle suore che erano tutte quante insegnanti; a onor del vero, erano anche delle insegnanti di indubbio ed alto livello. Durante la nova Pentecostes eveniat, Sancti Spiritus, anziché riempire di vocazioni i noviziati, pare però che per mistero imperscrutabile di grazia li abbia svuotati, nel mentre, le suore, col passar del tempo invecchiavano. Grazie alla campagna acquisti diverse congregazioni sono riuscite a sopravvivere acquisendo un certo numero di suore africane e indiane, le quali però, lungi dall’essere laureate e lungi dal destreggiarsi perfettamente nella lingua italiana, avevano una scarsa formazione scolare e non riuscivano a parlare bene la lingua italiana, figurarsi dunque se potevano sostituire nell’insegnamento scolastico le loro anziane consorelle. In eo, laddove è stato possibile, l’istituto è stato mutato in un albergo all’interno del quale oggi, un gruppo di giovani suore africane e indiane, fanno le cameriere, mentre le poche anziane italiane sopravvissute gestiscono e seguiteranno a gestire finché vivranno o finché potranno tutta quanta l’amministrazione. postulant: che cosa accadrà, quando le anziane suore italiane moriranno e questi istituti, con i relativi patrimoni, finiranno in mano ai frutti della scellerata campagna acquisti? quia cras, le cosiddette “proprietarie del tutto”, saranno gruppi di suore straniere di bassa cultura, senza adeguata istruzione, con una conoscenza sommaria della lingua italiana e via dicendo a seguire.

.

Premesso che dalle attuali suore ho sempre cercato di stare alla larga, come credo sia bene stare alla larga da dei cadaveri messi dentro le celle frigorifero dell’obitorio in attesa che si liberi qualche posto per la loro sepoltura nel cimitero sovraffollato, nella mia personale esperienza sacerdotale e pastorale posso dire di avere conosciuto in Italia solo pochissime suore africane ed asiatiche dotate di profonda formazione e di competenze professionali. pro exemplo,: ricordo alcune suore indiane che all’interno di una delle migliori cliniche di Roma, di proprietà e gestita dalla congregazione di queste religiose, sono delle infermiere professioniste che tutti i chirurghi che operano in quella struttura cercano sempre di avere vicine come assistenti di sala operatoria, perché sono di una bravura straordinaria. Bisogna però notare che queste suore indiane sono originarie dello stato del Kerala, dove la cultura cristiana è molto antica e dove quella Chiesa particolare vanta la propria fondazione apostolica, avvenuta nell’anno 52 D.C.. per opera dell’Apostolo Tommaso. E per cultura ed antica tradizione cristiana, le religiose del Kerala sono del tutto diverse da quelle religiose di altre regione dell’India che sono vegetariane e che non mangiano carni per paura di potersi cibare di qualche loro antenato reincarnato in una mucca o in un vitello. Sempre a Roma ho conosciuto una eccezionale suora filippina, oggi quasi settantenne, giunta in Italia ad appena diciannove anni d’età, che per anni è stata insegnante e direttrice di una scuola media gestita dalla sua congregazione religiosa. Oltre alla sua operosità ed alle sue straordinarie capacità di lavoro, questa religiosa parla l’italiano come una vera e propria madrelingua, conseguì a suo tempo la laurea in lettere ed è stata per quasi quarant’anni un’ottima insegnante e poi direttrice didattica della scuola. iterum, sed, stiamo parlando di una donna nata nelle Filippine, dove il cattolicesimo non è stato portato pochi decenni fa, ma ha una storia di oltre cinquecento anni, peraltro caratterizzata da una popolazione cattolica particolarmente legata alla fede cristiana e profondamente devota a Roma. Storia diversa ma del tutto analoga a quella della suora filippina, quella di una suora congolese che si destreggia con un perfetto italiano e che parla a meraviglia inglese, francese e spagnolo. Questa religiosa di origine congolese proviene da una vecchia famiglia che è cattolica da generazioni e che decise di diventare suora quando, et doctrina, Venit Romam paene annis perficere studiorum universitatum, Post quattuor annos studio et ad Italiae Caldorum Scholam Aquam in patria sua, Ipse autem cogitavit hoc parentibus eius miserunt ad studere Europae urbium in quibus considerans magni orbis caput propter Christum,. Nunc autem quod evangelizandis Popularis Congensis citatus surrexit in sero saeculo quinto decimo, Mane autem septimo saeculo constituta Jesuitarum illius institutione sancti Salvatoris, annis instituendi qui ad classes sequi a principes Congolese, dum in medium saeculum decimum septimum factum est ad Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum, ai quali fu invece affidato il compito di istruire e di assistere il clero locale nella erezione delle parrocchie.

.

Fatte salve le eccezioni e senza temere che la corale polifonica del politicamente corretto dia avvio all’inno Al razzista, al razzista! I prodotti di queste campagne acquisti, oltre all’elevato numero di suore indiane approdate alle vita religiosa perché prive di dote e quindi del mezzo fondamentale per potersi sposare, è stata la introduzione in molte congregazioni religiose di numerose suore provenienti da vari Paesi africani di recente evangelizzazione, divenute cristiane da adolescenti, prive di una profonda formazione cristiana e prive di adeguata formazione religiosa dovuta proprio alla loro carente formazione cristiana, intrise di animismo, affette da non poche superstizioni e di fatto legate ancóra ai culti degli antenati. Quando le vecchie suore italiane che oggi reggono ormai le propri vite coi denti e che dall’altra seguitano a reggere ed a gestire queste congregazioni, verranno a mancare, quale fine faranno questi istituti, inclusi i loro patrimoni spesso cospicui, quando il tutto sarà in mano ai prodotti della infelice campagna di acquisti?

.

ERA MEGLIO NEL PERIODO PRECEDENTE IL CONCILIO DI TRENTO QUANDO MOLTI MONASTERI ERANO DEGLI AUTENTICI BORDELLI

.

I frutti prodotti dalla nova Pentecostes eveniat, o come dicono altri «da quell’aria di primavera entrata negli armadi da troppo tempo chiusi della Santa Chiesa di Dio», sono quelli che abbiamo sotto gli occhi: sono frutti che hanno prodotto una crisi religiosa negli istituti femminili come mai s’era vista prima. In fondo noi abbiamo piantato un albero che doveva essere il più bello e rigoglioso del giardino, ed anche se nei fatti non lo è, c’è chi lo dichiara tale, lanciando tutti i fulmini e le saette dell’ostracismo verso chiunque osi indicare che l’albero è brutto e ammalato. Eppure il Santo Vangelo, tramite le parole di Cristo Signore, ci insegna come riconoscere gli alberi:

.

«Non c’è albero buono che faccia frutti cattivi, neque arbor mala faciens fructum bonum. Unaquaeque enim arbor de fructu suo cognoscitur per suam: Non de spinis colligunt ficus, neque de rubo vindemiant uvam. Quod bonus homo de bono thesauro cordis sui in bonum; et malus homo de malo thesauro profert mala, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore» [Lc 6, 43-45].

.

Dovremmo pertanto domandarci: se l’albero è cresciuto storto ed i frutti da esso dati sono morti prima ancóra di germogliare, può essere che sia nel piantarlo sia nel farlo crescere, qualche cosa non sia andata per il verso giusto?

.

Il Vaticano II è stato un concilio della Chiesa, per l’esattezza il XXI°, non è stato né un super-concilio né il concilio dei concili. sed supra omnia,, come ci spiegò il Venerabile Pontefice Benedetto XVI, il Vaticano II non può essere mutato in una sorta di et amicam,. Concetto questo ripreso dal Sommo Pontefice il 14 febbraio del 2013, tre giorni dopo avere fatto atto di rinuncia al sacro soglio. In questo suo discorso rivolto al clero romano Benedetto XVI ammette chiaramente che nella Chiesa imperversa una grave crisi di ordine dottrinale e morale, attribuendola sia al para-concilio celebrato dai teologi sulle colonne dei giornali, sia al post-concilio:

.

«[...] Sappiamo come questo Concilio dei media fosse accessibile a tutti. tum, questo era quello dominante, più efficiente, ed ha creato tante calamità, tanti problemi, realmente tante miserie: seminari chiusi, conventi chiusi, liturgia banalizzata … e il vero Concilio ha avuto difficoltà a concretizzarsi, a realizzarsi; il Concilio virtuale era più forte del Concilio reale […]» [full text, qUI].

.

A metà degli anni Sessanta fu annunciato l’arrivo delle nuova primavera della Chiesa, alla prova dei fatti siamo invece sprofondati in uno dei peggiori inverni siberiani, o come scrissi in un mio articolo due anni fa: siamo alla nuova caduta dell’Impero Romano. [text see qUI].

.

Come ho spiegato nel corso di questo mio scritto, dopo il Concilio di Trento abbiamo assistito ad una grande rifioritura della Chiesa unita ad una grande attività missionaria, il tutto collocato nella storia di quel Cinquecento che fu un secolo di grandi riformatori e di grandi Santi. etiam, il Concilio di Trento non debellò affatto i malcostumi, ed a distanza di alcuni secoli molti dei suoi canoni fondamentali non risultavano ancora applicati ovunque, oppure erano solo parzialmente applicati.

.

Politicorum: centuriae quatuor, ut inter Vaticanum II factum est products nunc sub oculis omnium: dimidium saeculum per id suadeant ut aliqua ecclesia ad maximum Concilium, aut in consilio consilia, discrimen est adversus doctrinam de Ecclesia, morales et spirituales apud quem non est realiter difficile invenire exempla historical, quod est omnino nova situ in discrimine est. Concludendo pertanto con l’iniziale paradigma della quod recta Stolta che affermava: "Scitis non possumus ire in tenebras tempore concilii Tridentini!», come estrema risposta conclusiva penso di poter replicare che sul piano della vita religiosa femminile, fortasse melius est ut non ante tempus ad Concilium Tridentinum transmisso, quando molti monasteri erano ridotti a degli autentici bordelli. Non dimentichiamo infatti che al loro interno, oltre alle monache divenute tali per costrizione, c’erano anche delle Sante che come buon grano vivevano a fianco a fianco con la gramigna [Cf.. Mt 13, 27-30], perché come insegna il Beato Apostolo: "Ubi abundavit peccatum,, superabundavit gratia » [rm 5, 20]. Finem revocat valet Sanctae Teresiae a Iesu et reformator magnam natus dissoluti frequentius huiusmodi monasteria monacharum, quod productum est eo quod fiat fiet, et fructus producendo.

.

Quod hodie non potest, de eo quod non est convivendum frumento oriatur simul et relinquetur etiam delebis propter periculum ullum bonum tritici spica; Hodie autem adversus locum intra corpus mulieribus religiosis refrigerated a morgue ne ea res corrupta. Et de statu gratia, ut sciatur,, et abundat in omnibus pessimus super peccatum, sed corpora in animam viventem, nec cadavera. Mai nessuno potrà infatti pronunciare su di un cadavere la formula: «Io ti battezzo…», oppure «Io ti assolvo dai tuoi peccati», meno che mai si può porgere la Santissima Eucaristia sulla bocca di un morto dicendo al cadavere inanimato «Il Corpo di Cristo».

.

sed hoc, quod quod recta Stolta con la chioma al vento e la gonna a mezza gamba, abbeveratasi al post-concilio nato dal para-concilio, non lo sa, come tutte le persone che vivono incoscienti e irresponsabili con l’idea di una primavera sotto il gelo invernale delle temperature glaciali della Siberia. Perché gli alberi, belli e rigogliosi, lo sono per i frutti che danno, non per i frutti non dati ma da noi in ogni caso immaginati. La fede non si basa sulle emotività ideologiche ma sui fatti, incertum enim loquebatur de schola doctores, S. Anselmi de Praetoria: fides quaerens intellectum, intellectus quaerens fidem [Ex causa postulat fidem, ex causa postulat fidem,]. Phantasma et illusio, Non sunt nostrae fidei fundamentis, exitium, sed fidei elementis, nam auferunt lumen quod producat magnum et admirabile est donum Spiritus sancti gratia, igitur est ad vitam christianam secundum quandam animi sensus enim et sull'emotivo. Et sic, transiet a vobis verbum evangelizantib, virtute neopaganos, digesti, nisi pejus: videlicet atheismus anthropocentricus. In facto, "fidem,, si non habeat opera, Et mortua est in semet ipso [...] Ostende mihi fidem tuam sine operibus:, et ego ostendam tibi ex operibus meis fidem " [II Gc 1, 17-18]. Hic est fundamentalis quaestio de quibus varia, multa nimis, dovranno rendere seriamente conto a Dio: quali sono stati i frutti delle opere e che genere di fede hanno prodotto? È infatti da questi frutti che saremo riconosciuti e poi giudicati da Dio, perché «alla sapienza è stata resa giustizia dalle sue opere» [Mt 11, 19].

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 3 Februarius 2019

Presentazione del Signore Gesù al Tempio

.

Non è necessario de-sacralizzare e prendere il giro la Chiesa Cattolica, perché la Chiesa Cattolica si de-sacralizza e si prende in giro da sé stessa

.

NOTA

[1] «Ubi violata […] diligenter restitui, et ubi inviolata [...] conservari»: Concilii Tridentinii actorum. Pars sexta complectens acta post sessionem sextam (XXII Periocha) usque ad finem concilii (17 sept. 1562-4 dec. 1563).

[2] Citazione originale in italiano arcaico: «[...] quando vien qualche signor in questa terra, li mostrate li monasterii di monache, non monasterii ma prostribuli e bordeli publici» — Marino Sanuto, Diarii (a cura Federico Stefani), Venezia, 1879, t. ego, col. 836. Cf.. anche Pio Paschini, I monasteri femminili in Italia nel ‘500, in AA. VV., Problemi di vita religiosa in Italia nel Cinquecento. Atti del convegno di storia della Chiesa in Italia, Bologna, 2-6 September 1958, Editrice Antenore, Padova, 1960, pp. 31-60 e Innocenzo Giuliani, Genesi e primo secolo di vita del Magistrato sopra monasteri (Venezia, 1962).

[3] S. F. Wemple – S. Salvatoris – S. Psorulla: A case study in the endowment and patronage of a major female monastery in northern Italy, in Women of the medieval world. Edited by Julian Kirshner and Suzanne F. Wemple. Eboracum Novum: Blackwell, 1985.

[4] Archivio della Nunziatura Apostolica di Napoli, Scat. 44, Denuncia della badessa Domna Maria Francesca Tronconi, 21 January 1836.

[5] ASDS, Atti per luogo, Arpino, B. 61, fasc. 4. ASV, Congregazione dei vescovi e regolari, Positiones monialium, November 1822, S. Germano, Placida Scafi.

[6] Cf.. S, S,. Benedict XVI, Omelia alla liturgia dell’Epifania, Capit Papale di San Pietro, 6 January 2008.

.

.

 

Omnibus gratias cara legentibus qui pro nobis, memoriae, iam pius tot ignari sumus, quae nobis omnino opus fundatur in vestri financial auxilium [Cf.. qUI], et de hac bene comminiscimur:

.

'Ne tu scis esse latriam celebrantis, ut a cultu cibus eorum, et eos, qui altario deserviunt cum altario, accipiunt partem altaris? Ita et Dominus ordinavit iis qui Evangelium annuntiant, de Evangelio vivere a " [I Cor 9, 13-14].

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

10 cogitationes on "Exemplar “quod recta Stolta”: in monasteriis ad lupanaria ex saeculo quinto saeculo vicensimo infecunditatem. Rem facit luxuriæ repulsione ad mortem. Possumus dicere, ut ad vitam religiosam tum ad omnes mulieres post Concilium Vaticanum II ?

  1. Laudetur Jesus Christus! Carissime pater Arihel, la lettura dei suoi scritti imprime nella mia giornata una carica unica. Lei ha la capacità di usare le catene rappresentate dai problemi della nostra amata Chiesa come se fossero ghirlande di fioriChe il Signore la benedica e la protegga in ogni suo passo.
    Un abbraccio in Gesù e Maria.
    Silviae

  2. Ottima analisiho vissuto cose simili prima che, senza preavviso e spiegazioni, mi cacciassero da un monastero benedettino

  3. Ariel, pater mi

    vorrei domandarle al concilio vaticano 2 c è stata una componente modernista che ha influenzato i documenti conciliari? c è stata una rottura con la tradizione si o no?visti i risultalti sembra di si ,Non creditis?

  4. Come si può essere contrari alle sue considerazioni?. La cosa che trovo agghiacciante è che non percepisco alcuna presa di coscienza del dramma di cui lei espone i tratti più tristi.

  5. O Ariel Caro, mi permetta alcuni commenti:
    1. Casta Meretrix, più che ai peccati degli ecclesiastici, non si riferiva al fatto che la Chiesa, casta per definizione, va a cercare i peccatori quasi come una meretrice, anche se ovviamente lo fa per salvarli?
    2. Che dice delle suore paoline, che si considerano liturgiste e dicono che durante la Consacrazione si deve stare in piedi perché siamo figli di Dio? Le capita mai di discutere con queste persone?
    3. A fine anni Novanta conobbi alcuni studenti africani di università pontificie. Non erano preti. Appena conoscevano qualche ragazza italiana, allungavano le mani o almeno facevano commenti sul fondoschiena. Un sacerdote congolese diceva che gli americani erano cattivi e i regimi dittatoriali di Angola e simili erano buoni perché socialisti.
    4. Anni fa alcuni giornali riportarono la notizia di un italiano che aveva coronato il suo sogno d’amore con una ragazza indiana conosciuta da suora qui in Italia; per allontanarla l’avevano spostata da convento a convento segretamente ma lui l’aveva inseguita e alla fine avevano realizzato il loro presunto “rectus”. All’epoca la notizia mi irritò, ma adesso capisco che c’è

  6. Hola
    Eu gostei muito do artigo retratando a verdade sobre a realidade da Vida Religiosa. Eu sou do Brasil e sou religiosa. Eu gostaria de lhes passar mais informações precisas todavia não posso descreve los aqui. Se assim eu fizer eu sofrerei retalhação. Tenho dados e informações importantes que precisam ser divulgados.
    Por favor como faca para partilhar estas informações com vocês?

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.