No. Franciscus Pontifex in confessione et in sacris Seminariis adulescentes masculorum? a drama et moralis labe clerici de propriis disciplinis ex parte indigentiam, Hinc tandem invenit nos et exercitus Queers checchine, Divinum ecclesiastica mergunt

- Ecclesia News -

Franciscus Pontifex nullam me in seminars ADMISSIONE INPUDICUS? DE moribus THE TRAGEDY DE SACERDOTIBUS enim NATUS est defectus sufficientis præparationis, PROINDE quod sit terminus sursum invenire ipsi COL quoniam cum exercitu properabunt CHECCHE E CHECCHINE, LUSTRUM E DIVINUS Ecclesiasticus intra ipsum corpus,

.

Suspendisse confiteri hilari Seminarium, EGO nuper fecit, quod in Franciscus Pontifex, nunc solum quod est ad finem potest hoc facere job, uolnerati quidam ut sine ferro flammaque cardinales episcopi potens. praeter, dixit ad episcopos: Non necesse est fateri ex Italia, ut congregentur in conventu plenario statutae in seminario communem atque etiam sint qui ex justo suspected exiguus tendentias homosexuales praesentat, tamquam nouo cum futurus sit extremum teaspoon Iceberg.

.

auctores
John Cavalcoli, o.p – S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Print PDF

 

.

.

… Romani Tuscus, in Redemptionis mysterium in ipso sunt subiectum ad specialis curatio, in facto,, pro bonis operibus, Et quia Romanae Tuscus, hoc est, sicut a labe notata est, quod additum est originale peccatum, Erunt duo anni stricte Purgatorii [picta: poster of the famous satirarum diurna Tusco claudimur et Vernacoliere Liburnum aufugere]

In anno distant 1935, Pius XI, Encyclicis datis Catholico sacerdotalis muneris denuntiationem illam Appii Claudii [Ad Catholici Sacerdotii, text see qUI], quod monet illorum formae bellicae vastationis mutaverunt plurima levitate atque indigentiam accountability ex parte ex Episcopis ac magistri. In hoc enim indicat de illinire, oportet ut «in se falsa, quae misericordiae saevitia facti sunt verae Ecclesiae", et 'de se iuvenis ". Propter hanc rem, In sectione, assiduos "in attingentes tum candidatorum,, quod Papa scribit:

.

"At conatus ad educationem alumnorum nomine hie tantus esset illi pro sanctis parum prodesse si arbitrium non est de candidati accurate, quibus ministratur in extructione Seminaria. Hic est arbitrium omnia cooperantur, qui praepositus et erudiendum in clericos: Caveant Superiores, spiritus directores, ego Confessórum, intra fines sui muneris in modum, sicut colunt eiusque confirmamus nitendum, ut non minus per tempus migrare zelus derivare, quod non sua, quae deesse videntur necessariae ingenii iuvenes ideo honestius arbitrati ministerii digne ferre non sustinens. Etsi id melius est ab initio nulla subibit, quia haec est magnum errorem specubus insidiantur et grave damnum, Sed quaecumque morae, oportet corrigere errorem cum admonet, nulla humana consideratione, sine misericordia illi, qui falsum esse verum facti cruelty, non solum in ecclesia, daturum, qui vel ineptum vel indignus minister est, sed et ipse iuvenis, Sic enim superius falsum ut trudi, Patere potest sibi et aliis offendiculo, reus erit aeterni exitii. Neque difficile erit vigilans et prudentem eloquii oculus Nominibus Dandis ad personam chairing, studium illius qui una caritate iuvenum concrediti sibi complacuit, non erit difficile, dicimus,, num verum sit vel non reprehendo sacerdotalem vocationem " [supra, in textu harum Litterarum Encyclicarum, qUI].

.

Et facta est in pluribus terris indignam videri ortum mundi quo magis est et nuntium, De usu et de homosexualitate pertractari nec faciendo quod a clericis studiosissimus, Donec iaculis ephebophilia horrendum scelus aut sexualem vexationes Paedophilia, Quae nos hortantur quaerendum rei causa tam execrandum contra naturam.

.

Quod Concubinatus inter clericos Huius rei magnitudo est tota decurrit per Ecclesiae historiam, ad hanc diem, sed Hic autem loquimur de esse actum praeter naturam. quaestio, quod est duplex vita et interdum plus minusve, vel interdum etiam tradit firmum in mulieribus, quod ledo usque ad summum gradus sacrae Hierarchiae in Ecclesia,. Notum sit optima summi pontificis in historicum concubinatu, Alexander VI,, Rodrigo Borgia aka. Sed, ut mox dictum Nunc, Hic vero agitur quod est ad naturalem coeundi, physiologice, sine dubitatione peccatum, sed praeter naturam. De Alexandri Sexti divisione praecipua extollere volumus, ut bonum praeter nigrum legendas prius creata a saeculo XVI ad Lutheranos,, qui postea disposito circum mensam et tunc sparsis in anti-clericalis iuris consociatur, ut lineola nascens, in saeculo duodevicesimo in_Civitatibus_Foederatis, Sunt etiam multa documenta incredibili, certissimum enim alio praeter morum, Et hoc necessarium sit verus Papa esset praesidi depositum fidei, non mirum, in bulla Quomodo in principio quod 1499 et in bulla Pastoris Aeterni quod 1500 quibus praedicavimus vertente Anno Sacro,, certum est dare iussus Confessariis emere indulgentiae iubilaris, Ut legerentur genibus cum lacrimis.

.

Sed id quod est difficile intelligere ut fieri sicut grave ad hoc quod aliquis aliquod peccatum procurat sodomiticum, qui in coniugio caelibatus clericalis normis aut pudoris quod putatur fuisse desideravit, esset,, et tandem solenniter et publice promisit visum est ab obsequio cum commitment usque ad mortem, scienter et libere receptum sana sanis psychologice religiosaque institutio sacerdotalis et iusto, quae cum diligenter obiectu, a Superioribus et probata institutionis reus.

.

Ad hanc disheartening Non habet addere quod oritur quaestio: et usque qualis est in aerarium uenit lanistis, magistri et doctores populi, primo, episcopis,, Superiores vigilanti de bonis educationem, et sacerdotes eorum, itemque Magistri vero et educatores competentia et praestantia virtus de responsible pro educatione.

.

Hoc tenendum est, ut saepe diximus inventus est nobis Insula, quæ appellatur Patmos, abyssum non harum fornicationes accepta ex malis mala educatio, normasque directorias Magisterii Ecclesiae non fundatur in vero et magistri, sed haeretica, vel aliter in ideas ab Ecclesia reprobatae, quod est falsum conceptu includere aliquip Dei, hominis, fidei, gratia, lex, in peccatum, redemptio, ecclesia, Sacramenta, Presbyteratus et Episcopatus, ut exempli gratia fit ex theologia in Karl Rahner.

.

Alius quidem perturbationem, Qua in re, Praecipitem habitus est indebita vel ad episcopos,, vel minus, vel extenuant, vel tegere, vel accipere efficax mensuras superiores quo debuerint. Sed peius accipit illud: inundata cum corpore et cum metastases "oncologists" - id est episcopis, et magistri de vocationum sacerdotalium et religiosarum vita -, bombard pro cancer cellulis cum chemotherapy defendat infirmabantur cellulis male sanos, finisce con l’emergere negli spiriti retti quell’imperativo di coscienza in base al quale si è costretti a consigliare agli aspiranti al sacerdozio e alla vita religiosa di non entrare assolutamente in molti seminari e noviziati. Huius autem testes sumus, in viis suis et in protagonists eorum conscientiae moderatores vel facultatem ad agnitiónem veritátis veníre. in facto,, Etenim in his delicatis et ministeriorum exercitium, penitus sanum consilium iuvenum saepius coacti fuimus animatam instituerunt quaedam ficta suscitari intrare, ad portus multi verae masculorum; aut masculorum concubitoribus ipsi rem peculiaris facultas aut expressa affectus, tuta foris et magnis, VESTIBULUM tantam efficerent vastitatem, et potentes clericorum posse vel exiguus tendentias homosexuales praesentat latin homosexuali - ut aiunt, gay amicus -, propter quam clerici catholici conspicitur in semper-DIFFUSILIS omosessualizzazione.

.

In hac parte,, videtur manifesto gravi et levi afficimur totius Episcopatus Virgil collectivum renuntiationem ex Argentina nihilominus scandalum. Commendabilis erat in litteris quas episcopi expressit paenitentiam reverti, volontà di rimediare e ringraziamento al Sommo Pontefice Francesco I per la paterna attenzione che egli ha riservato alla vicenda. Tuttavia occorre però osservare che un vescovo può rinunciare alla cattedra episcopale perché conscio di colpe gravissime o perché avverte con certezza la propria sopraggiunta incapacità a continuare a svolgere convenientemente il suo ufficio. Et idem Summus Pontifex Benedictus XVI, hac in context, Qui fecit REPULSA de Petri in Cathedra. autem, formatum totum episcopatum quod 34 Episcopi - ut iam monuit tamen eius praesentiae in mundo offensio vulgatum, duravit multis annis -, eum abdicare se incredibili clamore et gravis ad arbitrium est, quid necesse est ut densitas, quod unio esset in dissentiente et in fabrica committee, quam actus poenitentiae testimonium, Suae dignitatis esse testatur fratrum undam, se animos ducere orbem. Ad quaestionem solvere quidem satis differt ab ambitione similis. Prodire crimen esset verus et, non latebat in molem construunt dimisso, et susceptionem curae.

.

Quod autem haec ab Episcopo legitime realis educational solution, candidatus est in conspectu populi receptum sit quam Optatam totius,, quin gravissime et verissime vir probus, quod est available in in masculum hormone testosterone in pondere suo masculum et vadit ad illam Psychology, quoniam homo - masculus vel potius ex sana -, Hoc est primum et basic primo requiritur ut candidatus praemisit ad formare cum ministeriali sacerdotio. omnes eliminations, episcopi diligentissima vigilantia serio seminarii disciplina exequi sacerdotium, affinché il candidato agli ordini sacri sia protetto e difeso dalle idee malsane e coltivi la sana dottrina, tam excelsum valde, etc. valorem ad unam partem sacerdotalem vocationem et episcopalem, et amare ex toto corde tuo, ardenti desiderio ad perfectionem sanctificationis animarum Ecclesiae totum seruiet. Sacerdos inde firma fiat vere est amare suam vocationem ac missionem adipiscuntur, et non suscepit quae supra, non est qui de hac terra. Sic est commotus Spiritu,, Hoc tempore occurrit quod non habeat voluntatem carnis.

.

Quod vera solutione pastorali, Ex causa quia compositus est ex educatione voluntatis animique affectionibus,, et firmamentum affectum ad bona, in titillatione odium in peccatum, corrigere in melius reformatam voluntatem et ipsum. Si beatus paulus ait apostolus, ut amor "ursos" significentur, [I Cor 13,7], Ipse subtilissimas enim referendo ad patrem et filium ejus: non est qui pascebat commentitia et ad illudendum mittent, Nolo ut humilieris, et non simul velle corrigere. Scit enim pater revocare oportet, veritatem dilexisti;, carmen et punire, exercens sic verum est in caritate. Quod, misericordiam falsam inciderit notatos XI periculosa sit Encyclicis deditus scilicet et sacerdotium.

.

Et misericordiae est caritas, Bene sum paratus quo operienda est arca, ubi fieri potest, utile, judicium et propriis; ubi non est committendum sive patientia, sed certe non est peccatum, quod latebat in sensu portent involuta: et non corrigendi aut puniendi:. Verum est amoris sinceraeque pietatis exercitia tegenda non est malum, revelare, sed ad ludum properamus, auctoritates et ipse peccator. Deus eos non cooperit, relinquens peccata, ut putavit Martinus Lutherus, sed conatus expectantes misericordiam operit.

.

Non putant culpam confert dolorem miserere reductione. Non solum sauciatis, Hunc veprem manifestum est quod feritrice; non solum peccator, non est tractata est in misericordia propter, quia homo peccando meretur saltem eodem pondere graviter corruptus misericordia peccatori delinquentis. Misericordia enim tibi ut qui non possunt facere, Non enim qui non vult facere nolo illud. Hoc tamen obviam ire factionis corrigere et ipsi committere,, aliter misericordiae, Evacuati cum suam genuinam significationem manifestet itineris mystagogici patefacere, fit sine conscientia, et conscientiae, nisi pejus: Qui operit peccatorum puniat miseretur falsa ostenditur periculosum et grave peccatum Infectiones, usque ad ledo in cellula sanus praesidio tumore cellulis et corpus intrare bloodstream de Ecclesia et ecclesiastica.

.

In hac exitus nostri considerations squalidae, adde, quod et nos in ex in explicationibus quae facis et observationes aliquot annos iam pridem edita, sive de periculo iniuriam et mores quod circa notiones aliqui episcopi et clerici, Ante omnia necesse est ortus nobis gravem suspicionem facti, certe non sine ratione theologica et legalis basis, etsi non semper comitante specifica probat, sic concludi, quod in multis casibus sacris et sacerdotibus his mandatis ab episcopis,, idea Dei fundatur super falsum falsante sacerdotale et leviticum, non modo liceret sed etiam invalidum. Et quantum ad hoc editis et in praeteritum duo studiis nostris page Theologica, qui non est inventus in archivo curiae In insula, quæ appellatur Patmos, [videre qUI E qUI]. Duo studiis, quae per accidens posuit in arbitrio et ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei, ad Congregationem de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum transmittantur ad Congregationem pro Clericis et, ita quidam auctores sunt examine quaestionum, ut cribraret.

.

Moralis Quod damnum, dare ortum ad phaenomenon inordinatio concubitus apud plerosque ob diffusum paedophilia a sacerdotibus ad penetrantes in crimen, Causa est rursus ad hominem conceptum et actum rahneriano, quia non est secundum specificas et necessarias competentias in acceptatio proposita natura humana, aut quia non esset determinatum objectum ideae humanam, ex immutabili atque inseparabili beatus obedientia legis a Creatore; sed secundum eum, atque uterque, Libero arbitrio vult concretum est ipsa sua natura et existentia contours. Ex quo sequitur ut in rerum sexualium provincia singulos subditos esse liberum eligere secundum ad eorum intentionem, non ex proposito; insunt enim naturae propensione sexuali, habito respectu subiecti, sed secundum ad investigationis et a corporis delectationibus abstinendi, ab ipsa re creata per adeptus, ut de subiecto in subiectum et legitimis differentiis, Quod ea re frui non dum. Et sic non est canon universalis est distinguere peccatum per bonum factum. Non possum dicere quod sic operatus est vitium sodomiticum, vel peius de ephebophilia paedophilia, sed tantum differt ab actu, arguet quoniam non actum, sed secundum intelligere. Omnia haec iam ducitur ad malum conceptu sic dictae Ecclesiae in vexationem adflictionemque “COMMODUS” E “includente” ut omnium domos vocant interius “diversitas”, post peccatum diminuitur peccatum mutavit, convocantes autem iustus 'differentia' potest esse pendenda, et accepit, che si tratti dell’eresia come dei disordini sessuali.

.

Quando si dà spazio ad una simile morale, a poco valgono le geremiadi per l’omosessualità diffusa nel clero, per seguire con i casi di efebofilia e di pedofilia registrati tra i preti. Si tratta infatti, per la quasi totalità, di scandali che potevano essere evitati. E alla loro inevitabile esplosione sono state poi profuse lacrime di coccodrillo proprio da coloro che sino a prima hanno coperto e protetto i fautori di certe condotte, ma che adesso si stracciano le vesti in pubblico singhiozzando «non sapevamo» o «non avremmo mai potuto immaginare». Inutile precisare che agire in tal modo è solo grave ipocrisia, resa ulteriormente grave dal fatto che non di rado, questo esercito di prefiche episcopali e presbiterali, spesso non si è neppure limitato a coprire in modo determinato e ostinato certi immorali, perché spesso hanno fatto di peggio: più volte hanno colpito, ostracizzato ed emarginato i pochi sacerdoti che con determinazione e coraggio hanno denunciato certe situazioni prima che scoppiasse il pubblico scandalo. A tal proposito il Padre Ariel S. Levi di Gualdo avrebbe molto da dire alle autorità ecclesiastiche, alle quali più volte, sempre a proprio rischio e pericolo, ha segnalato situazioni che avrebbero dovuto essere prese per tempo e stroncate in modo deciso, anziché lasciarle fermentare e poi esplodere, con il conseguente pianto pubblico delle stesse autorità ecclesiastiche che pur essendo state informate bene e per tempo, respondit aliquid faciendi longe a variis deinde interviewers: "Nos non scire ', "Numquam excogitari poterant", «Auctoritas ecclesiastica, aut ab Episcopo dioecesano, non enim omnia sub ejus potestate, …

.

Unde, ut mos adhuc Perge in metendo fructum acerbum rahnerismo? Sed quia futurum est decernere Romanis Pontificibus renovationem iuxta institutionis sacerdotalis normis Concilii Vaticani II? Consilium de reformat et ejus non est in eo providere in rahnerismo, sed sapiens reditu ad Sancti Thomae de Aquino, ut eiusdem Consilii de institutione sacerdotali Optatam totius:

.

"Ut plene illustrari potest, quanto magis de mysteriis quoque salutis, gli alunni imparino ad approfondirli per mezzo della speculazione, avendo San Tommaso per maestro» [n:. 16, text qUI].

.

Mentre la Dichiarazione sull’educazione cristiana Gravissimum educationis, civitatibus:

.

«Indagando molto accuratamente le nuove questioni e ricerche poste dall’età che si evolve, si colga più chiaramente come fede e ragione s’incontrino nell’unica verità seguendo le orme dei dottori della Chiesa, specialmente San Tommaso d’Aquino» [n:. 10, text qUI].

.

Occorre allora che l’educatore metta a disposizione dell’educando i mezzi della grazia, proponga l’esempio dei Santi, dia egli stesso esempio di virtù, lo educhi allo studio della Scrittura, alla preghiera, all’intima unione con Cristo Sommo Sacerdote, alla comunione con la Chiesa e col Romano Pontefice, alle opere della carità fraterna e della misericordia.

.

Dobbiamo riconoscere onestamente che in questi cinquant’anni nei quali si sarebbero dovute mettere in atto queste sagge direttive, il Concilio è stato beffato proprio dai rahneriani che se ne considerano i continuatori, ma che in realtà hanno prima data vita al para-concilio, tum, Concilium in tempore, al loro personale concilio; ma si tratta, come ripetutamente abbiamo spiegato, di un concilio mai celebrato dai Padri della Chiesa. Così è successo che invece della riforma conciliare, è risorto un modernismo che è peggiore di quello dei tempi del Santo Pontefice Pio X.

.

Bisogna pertanto rifare tutto da capo e tornare a queste direttive del Concilio Vaticano II, altrimenti le cose andranno progressivamente di male in peggio in questa stagione di decadenza irreversibile. Come scrisse infatti tempo fa il Padre Ariel S. Levi di Gualdo sulle nostre pagine di Theologica,: «La crisi morale del clero nasce a monte da una profonda crisi dottrinale, che di questa crisi morale è stata la grande madre partoriente» [vasa videre, qUI, qUI].

.

Et Franciscus Pontifex me, parlando a porte chiuse ai Vescovi d’Italia riuniti in assemblea plenaria dal 21 omnes 23 May, ha raccomandato loro di non accogliere candidati al sacerdozio che manifestano chiare tendenze omosessuali. Bene, con tutto il dovuto rispetto e la più profonda venerazione per il Successore di Pietro, non possiamo che sorridere con amorevole dolore su queste parole, che denotano ancora una volta una incapacità a cogliere la portata del problema e di andare quindi alla radice del grave problema stesso. in facto,, la soluzione, non è quella di evitare l’ammissione dell’esercito di omosessuali che seguitano a essere ammessi nei seminari e nei noviziati malgrado i ripetuti richiami ed i vari documenti pubblicati dai dicasteri della Santa Sede nel corso degli ultimi dieci anni [si rimanda a questa Istruzione del 2005, qUI, ed a questo articolo qUI]; il problema si risolve destituendo i vescovi appartenenti alla mafia gay ecclesiastica che sono di fatto indefessi protettori dei preti gay, nonché incubatrici di nuovi preti altrettanto gay.

.

Summus Pontifex,, così parlando, non si rende forse conto che negare ammissione al seminario ad un omosessuale, è solo l’atto finale, o per così dire la punta dell’Iceberg? Per risolvere il problema vanno prima neutralizzati tutti quei vescovi e quei membri della curia romana che appartengono alla mafia gay e che la proteggono in tutti i modi, soprattutto a danno dei buoni sacerdoti e delle buone vocazioni.

.

Per chiudere questo discorso, in sé e di per sé lungo e complesso, lasciamo alla Santità di Nostro Signore l’Augusto Pontefice Francesco I un quesito sul quale meditare, vale a dire il seguente: Beatissimo Padre, ma non vi siete proprio mai accorto che nella Città del Vaticano e nei suoi Dicasteri, tolti quegli uomini sani, straordinari e fidati che sono i membri della Gendarmeria Pontificia, ed anche quelli della Pontificia Guardia svizzera, tra i numerosi dipendenti laici, gran parte dei quali degni padri e madri di famiglia, c’è anche un numero considerevole di giovanotti assunti direttamente in casa Vostra presso vari posti d’impiego solo perché sono i boys di svariati Vostri prelati? Com’è possibile non accorgersi di ciò? Perché la cosa è così evidente, nello spazio di questo piccolo Stato sovrano che occupa appena un chilometro quadrato di territorio.

.

igitur, Suspendisse confiteri hilari Seminarium, nunc solum quod est ad finem potest hoc facere job, se prima Voi non andate a colpire con ferro e fuoco certi vescovi e potenti cardinali. praeter, dire ai Vescovi d’Italia riuniti in assemblea che non bisogna ammettere in seminario persone che siano anche e solo sospettate di tendenze omosessuali, tamquam nouo cum futurus sit extremum teaspoon Iceberg.

.

De Insula Patmos,, 27 May 2018 - Santissima Trinità

.

.

.

ago, un nostro Confratello Sacerdote ci inviò il video messo pubblicamente in rete dal simpatico burlone ripreso nel video stesso. Queste immagini video erano accompagnate dal seguente messaggio: «Spero tanto che sia un laico, perché purtroppo somiglia parecchio a non pochi nostri preti, quindi non vorrei che fosse uno dei nostri, tamquam … uno in più tra i tanti!».

Domanda di rigore: quanti sacerdoti e devoti fedeli, maxime, quante Autorità Ecclesiastiche possono in coscienza affermare di non avere mai incontrato nel nostro clero secolare e regolare dei soggetti simili a questo simpatico burlone, i quali però, sacerdotes,, lo sono purtroppo per davvero? etiam, se si continua imperterriti a grattare con un cucchiaino da caffè la punta di un Iceberg

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

6 cogitationes on "No. Franciscus Pontifex in confessione et in sacris Seminariis adulescentes masculorum? a drama et moralis labe clerici de propriis disciplinis ex parte indigentiam, Hinc tandem invenit nos et exercitus Queers checchine, Divinum ecclesiastica mergunt

  1. Gloria.

    Leggendo l’articolo non trovo la spiegazione di chi nei vertici della Chiesa abbia favorito il rahnerismo,da parte dell autorità ecclesiastica non c’è stata la condanna del pensiero di Rahner,poi giustamente ricordate che i sacerdoti debbano ricevere la sana dottrina,ma non mi spiego come, quando il papa alla dottrina è allergico, basta vedere come ha creato una tale confusione nella Chiesa da creare sconcerto.

    Sui gay il Papa sa benissimo la situazione,sa che c’è la lobby gay,ma poi è stato lui con quella triste frase famosa che ha sdoganato l omosessualità “Ego sum qui est iudicare” infatti a due gay che vanno a vivere insieme non possiamo dir niente perché ci risponderebbero ma chi siete voi per giudicarci?

    La legge sulle unioni civili è passata grazie al suo non interventismo in politica sui valori non negoziabili, mentre interviene sui migranti in maniera esagerata e incomprensibile auspicando l’invasione di orde di immigrati a maggioranza islamica,il Papa è inutile che lo difendiate, è indifendibile ed ha gravi colpe.

  2. Se qualcuno ama schifarsi con dei video veri vada su YouTube e cerchidon Eurosoprannome di tale don Morini che ha trascinato nell’ennesimo scandalo la Diocesi di Massa Carrara compreso il suo Vescovo anche se con accuse marginali. autem’ detto che il Vescovo è stato alquanto imprudente anzi, diciamolo pure, un granfessoperché il soggetto era ben noto al suo predecessore che prese vari provvedimenti anche se non ebbe il coraggio di cacciarlo.
    Per quanto riguarda l’immigrazione, forse il Papa non conosce (???) o non crede ai piani che stanno dietro al fenomeno. Si legga l’articolo di oggi su Interris che riassume peraltro fatti già ben noti: http://www.interris.it/sociale/cosa-cdietro-l-immigrazione-di-massa
    Pax et Bonum

    1. In questo articolo si parla di tutt’altro e lei posta un commento che nulla c’entra con il tema trattato.
      A maggior ragione le rispondo: dovendo sceglierese la scelta fosse proprio obbligatoriameglio un cardinale con un figlio che un cardinale con un “boyfriend”, ma davvero molto meglio il primo del secondo.

  3. Nam “Training” esistono tecnici, e teorici, e scienziati, che conoscono mille metodiche e mille teoriche formative, una più moderna e più brillante e più efficace dell’altra. Ma se manca la Fede, che cosa vuoi formare ? Da chi va contro Dio per essere libero di andare contro natura, non può ottenersi altro che deformazione.

  4. Cari Padri Ariel e Cavalcoli, concordo pienamente con il commento di “fabius”. La situazione della Chiesa, e quindi del mondo, è drammatica, ed a tale situazione non è sicuramente estraneo colui che vi ostinate a denominareSommo Pontefice”. Non vi può certo sfuggire che sta scritto che si vedràl’abominio della desolazione stare nel luogo santo”. Si tratti poi di Gerusalemme o di Roma è quasi secondario, ciò che conta è stare all’erta e preparati, la Verità non ammette deroghe, è nel Vangelo di Gesù, in Christo, non certo nelle farneticazioni dei falsi e apostatici profeti. Comprendo assai bene il Vostro disagio, il prolungato silenzio ne è chiaro sintomo. Che fare? e se è vero che i consigli servono a chi li dà, mi asterrò: ognuno per sè e Dio per tutti.
    ex animo,
    Licio Zuliani

Leave a Reply