Sed plurima carcinomata, sana quod est difficile ad morbo ne, ut esse nos testes Christi [IIª reflexionem: teporem]

visitare personalis blog a Patre Ivanum

— Pastorale sanitaria —

CANCER tremendum obicitur magis atque minus facile ut languores curarent in testimonium Christi

[ IIª COGITATIO: teporem ]

.

Multi in Ecclesia sunt infestata Communitates hoc genus morbo,: tepore. TPopulus Novifacta Quotidiana contagio quod morbus: relationibus fraternis cessantibus, amor vitae, et oeconomica, Selectio autem electionem autem principes civitatis, AD lITURGICAE vITAE TEMPERANDAM, caritas …

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

 

.

.

PDF Print Article
.

.

an fragilitas, Petrus Romanus pictoris opus Boschini, Ex catalogo Ars Mondadori, 2019 [Cf.. Imago Vitarte, qUI]

Ego challenge legentibus autem In insula, quæ appellatur Patmos, Nunquam audivimus esse in Ecclesia - coetibus inter laicos, religiosis communitates, sacerdotes et curiale adicientes amet - expressio: "Non est ita fit semper".

.

Sensus iste pronuntiationem, procul abest ut tueri enim traditur - parum ipsa per se, traditionalismus non - esse sit maximus comminatio ad Ecclesiae incrementum civitatis. Post 'bene habet, semper est', Hoc celat in captionem, et ideo Christiano esse coniuges sincerum perhibent testimonium Christi resuscitati.

.

Hic igitur est secundum conteram in animo morbum: teporem. Vos adepto hoc morbo contrahendi, cum accipere habitum est Dominus faciens haec exercitatione. Instruens tum ad senem manuals in rerum spiritalium, ut uel tepore praetexunt cuncta perfecta sunt, incipiam.

.

Videtur, infers, sed saepius invenire possumus nos tepidi sicut post acceptum sat affectionis fervorem, et simul cum Domino coniungatur. in facto,, claudebant aut gratia Spiritus Sancti inspirationibus, Hoc trahunt ad propria sunt ancipitia tepidos elementum; così come la cristallizzazione in una fede che soddisfa una visione solo prettamente umana. In hoc casu,, complacentiam artificialis fidei occupat per "vinum novum" (Cf.. Mc 2, 22) Dominus effundam de vult multa in vita mea, et non videbitis me repetere clausa eiusdem exemplaris interpretationes exsequantur exhauriet illud Evangelium nendum, me inducens spiritalem adulatione.

.

Volendo azzardare una definizione di tiepidezza possumus dicere: opus est repetita cultu hominis est quod opponitur virtuti religionis, quae consistit in quadam animi alacritate ad Dei. Et verbum Dei patet, acediam dicitur de damnatione, et de condemnatione hominis tepidi:

.

"Scio opera tua,: es neque calidus. Et utinam frigidus esses aut calidus! Sed quia tepidus es,, es neque calidus, Ego incipiam te evomere ex ore meo " (Cf.. vos 3,14-16).

.

Postquam tempestas, Petrus Romanus pictoris opus Boschini

Molte comunità ecclesiali sono infestate da questo tipo di malattia et omne contagio quod morbus: relationibus fraternis cessantibus, amor vitae, et oeconomica, Selectio autem electionem autem principes civitatis, AD lITURGICAE vITAE TEMPERANDAM, caritas … saepe, In fronte de hoc pulchra ante somnum valentius appeal lifestyle, Non ex operibus iustificatur dicens: "Quod non nocere? Preces conantur dicere, Dominica missa sequi illam plus minusve, Quid faciam?». Quod is missing in hac sancta est et Communitates hae quietae et scire Jesum, ut eum dilexit.

 

.

Plura signa cognoscitur indiligentia, vediamone insieme qualcuno: primum indicium, Est ordinationem. Hodie nos habere tendentiam ad vexillum et omnia quae ad justify. Eg peccatum. Normalize peccatum est, quod agnoscis Dei amoris vulnere, quod frequentius fit certa multis, Hoc perdidit ad difficultates. Aut sunt L. Flamininus transeunt actu et se tendunt ad normalize: "I scelus licent, EGO had a passioncella, Tenentur enim malus sum,.

. .

Sfida, Petrus Romanus pictoris opus Boschini

Il tiepido tende a normalizzare e a ridurre il più possibile la realtà che lo circonda con l’illusione di portare serenità e misericordia. Si auto-convince che non c’è più nulla da migliorare nella propria vita perché – in fondo – ha raggiunto uno stabile equilibrio rassicurante. autem, Gesù nel Vangelo non loda i tiepidi ma domanda l’innalzamento del livello del discepolato verso una giustizia potenziata dalla grazia santificante:

.

"Ego vero dico: nisi abundaverit iustitia vestra plus quam Scribarum, et Pharisæorum, non intrabitis in regnum caelorum " [Cf.. Mt 5,20].

.

Il terzo sintomo della tiepidezza è il dubbio, figlio della tiepidezza, quod l’uomo tiepido ha una grande propensione a dubitare – non perché sia uno scettico convinto – ma perché il dubbio gli permette di non prendere una posizione netta sulla fede e nel rapporto con Dio. Spesso è solito ripete frasi come queste: «Io penso di essere credente ma ho da sempre molti dubbi di fede irrisolti», e malgrado si attui in lui un buon accompagnamento che tenda a dirimere certe problematicità, i dubbi persistono ancorati alla volontà della persona. Al ché come Mosè, il tiepido che dubita, è impossibilitato ad entrare nella Terra Promessa in cui si realizza pienamente la relazione con Dio [Cf.. Dt 32,48-52]. Esso si accontenta di vedere le realtà spirituali da lontano. C’è una sostanziale differenza però, ciò che per Mosè diventa motivo di vergogna e sottolinea una certa incompletezza alla propria vocazione; nel tiepido il dubbio si concepisce come sollievo che lo sgrava, rursus, dal problema di Dio.

.

Conueniendi libertatem, Petrus Romanus pictoris opus Boschini

Quarto sintomo della tiepidezza è il libero sfogo della concupiscenza. L’uomo che è immerso nella tiepidezza, perde ben presto il riferimento alla persona di Dio, la capacità di rinunziare a se stesso e lo status di uomo nuovo che San Paolo invoca per l’uomo che è stato redento da Cristo [Cf.. Mt 16,24; Mc 8,34; Lc 9,23; Si 4,24]. Con la proliferazione nell’animo di vari disordini che rendono la natura umana lontana dalla grazia, il tiepido si trova schiavo della concupiscenza che lui stesso ha contribuito a nutrire. Ecco dunque che la concupiscenza conduce così alla maturazione di alcuni frutti molto pericolosi – i sette vizi capitali – che conducono verso disordini morali sempre maggiori, tanto da rovinare la bellezza dell’uomo creato da Dio. In questo modo la concupiscenza porta l’uomo a regredire verso una condizione che lo rende schiavo del proprio istinto e delle proprie passioni.

.

Nel passato i santi padri del monachesimo Evagrio Pontico, Giovanni Damasceno, Gregorio di Nissa, Antonio Abate poiché espertissimi delle profondità dell’animo umano, avevano elaborato diverse modalità per combattere i vizi capitali, oltre alla costante vigilanza del cuore, era necessaria l’evangelizzazione della coscienza, dei pensieri e dei sentimenti.

.

Con questo secondo contributo che ha cercato di analizzare la malattia spirituale della tiepidezza, si vuole mettere in guardia i cristiani affinché ci sia sempre una costante progressione nel cammino di conoscenza del Signore, poiché come insegna giustamente Sant’Agostino, il non avanzare sulla via di Dio significa tornare indietro. E poiché il desiderio di Dio è la santità per tutti i suoi figli [cf 1Ts 4,3], non possiamo che combattere il morbo della tiepidezza che ammantandosi al giorno d’oggi di buonismo e di tolleranza miete molte vittime nel campo della Chiesa.

.

[Post secundiª meditation]

.

Carali,, 5 Februarius 2019

.

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

 

.

.

.

About isoladipatmos

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.