Et ad festum Natalis Domini impetum supercazzolari penitus theologorum: 'Produci per Vaccines Fetus abortivi. Quod ecclesia hominis dilatat viam eius cognitio abortum "

- Ecclesia nuntium -

IN NATIVITATE SUPERCZZULAR INTERNETIC Theologists ad pugnam,: «Vaccina operationes fetus abortivos fetes. Hanc viam annuntians aperit Ecclesia ante abortus «

si Internet theologus moralis theologia et lectus in bioethicam paleoastronautics et universitates quae legi scriptum a Congregatione pro Doctrina Fidei,, quod exit de loco opportune semen supercazzole, et recognovit se exprimit neque Ecclesia neque omnino huius grants, imo contrarium ostendit explicat cum claritate ad errorem non tenetur.

.

auctor:
Giordano M Gabrielis. Scardocci, o.p.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

.

Ad Sanctorum Patrum perscrutanda libro ultima insula Patmo, videre qUI (super tegumento: De sociali media guillotine, Petrus romanus ad opus pictorem Boschini - Studio Vitarte)

Documentum Sacrae Congregationis pro Doctrina Fidei dimisit autem iustus de aliquo anticovid legitimam in Ecclesia imaginum usum, XIX de vaccina generavit autem succensa erat disputandum socialis instrumentis, ubi cum per rectam quaestiones, quaestiones, habitante voluntas fieri intelligo textum, prorsus alienum videri etiam rerum miscetur.

.

Interventibus Patrum bar potest theologorum defuit, graduati de paleoastronautics universitates, qui regnavit apud illam ineffabilem supercazzolismo hoc modo se aperire constituit legitimum ius abortus est in se? Et nihil falsum diffundatur, sed fecerunt. De his autem diebus patrum nos In insula, quæ appellatur Patmos, victi sumus per nuntios continentur, non ita multum petitiones iudicio ferendo, ut semper ad beatam, quoniam haec est ipsissima essentia ut uates ac theologos nostri apostolatus, sed ad damnationem appellatione … 'Satanica nova "atque" antichristic "ecclesia.

.

Documentum, a Congregatione pro Doctrina Fidei est non ipsum patet quod prior tollit autem eo super eadem re litterae, S. Ioannes Paulus II published in pontificatu et Benedictus. Et nota quod bene sit: non est peius quam aliquis surdus qui noluerunt audire, et usque ad conceptum expressit recens in libro: supercazzolaro non est pejus quam illi qui non vis credere ipsae prohibere rerum humanarum peritissimae Bioethics litteris sacrisque disciplinis addiscendis sine lege et recta eorum documentis, desiliunt ex multorum tantummodo vel ex alia scientia clarus Blog Academiae Scientiarum Cornelius.

.

Deinde abortum faciunt in exitus centralis pro nostris moribus: non absolute quod nulla oblivione delebitur et in Attica. etiam, timor offendendi populi iam sponte abortum, non minus se id fecisse credentes omnia legitima actio iusta exequendo, Hodie etiam actu munus maximum dominationis detestans atque condemnans. An id actum est, et verba illius reigning pontificem Sullam nudata omnibus gravibus verbis S. Ioannes Paulus II Pontifex Benedictus XVI et nunquam sunt usi: «Abortus est ut a hitman ut hiring occidere hominem" [Cf.. occur, 18.10.2018, qUI].

.

Et qui non habet, effectu secuto, non judicatur;, Semper nobis accepta subtilissimas lentia confessores, sed actus et motus philosophicis doctrinarum faventium abortum damnatas “ius,”. Et hoc est, quod Ego enim accepi librum de magnis gaudium recens publication: An absolute definita defensione vitae - Ad mortem pro doctrina ad subruendum ab imo fundamentorum [Cf.. qUI] scripta in la vita per Universitari, Fabio Fuiano, Chiara Chiessi e Artibus Scifo, et datum est illud per quod torcular audax iuvenis qui aliquot annis have been opus est pugnare throwaway cultura, quae promovet abortu ad euthanasiam.

.

Abortum facit mala autem damnatus semper quia in utero matris innocentem vis repressa. Etiam, quodsi sola times latebras quidem ignoratur caedis reus est dicere, grauissimum omnium reus. Quod ratio sit simplex sibique: si maior non interficeret, si temptes aliquid agere, vel etiam ut moreretur, in defendere conatus, Qui percusserit illum occidere invasorem in animam suam, sed viventem in utero matris est, nullo modo defendere. Quapropter qui concurrit actus potius quam formaliter et directe cadunt facto excommunicatione latae sententiae. Tamen ex ipsa plane ad gentem quae multum indigemus orare, ut convertatur et intellexerit peccatum. Qui peccavit maxime, maiore misericordiae. Quapropter ille catholicae moralis non detestatur, ut inveniant quibus et caritas Dei, ut ostensum est, abortu facto significans, omnino omnia se radicitus malus relinquitur.

.

Ad hoc addere, ut etiam ego meam considerations. Abortus, euthanasian similem, se habent solidum basis ideologiarum post eos: ad culturae mortis,, ut S. Ioannes Paulus II vocavit eam, quem ego voco paulo necroculture. Ludens in significatione sua nisi consumptura est enim sermonibus et non-freti quod scientific, quod posuit fundamenta necroculture recte abortum, negata libertate, cui mulieres constituunt societatem contumeliae. Hic est autem recessistis aperire, Adhuc enim ignoro quid interest inter voluntariis terminatio graviditatis ea voluntariis abortivum, quam multos hodie omnino est gratum distinction (!?). In eo, tamen indicant tempore exigere eadem re: de foetus in utero matris in occisio. Quod ergo est necroculture generatae systema in silentio: si illud attingunt de abortu, vera est, ut sis in favorem abortionist, opprobriis saturatus est frequentius, quin sanam collatio. Et necroculture imponeret vult, quod cum fit, abortum, necesse esse ius, alioquin impetus ore licere qui non communem ideam. Fundamentum in re extra anthropologiam necroculture posita extra animum solidi, dicens ad liberandum hominem a frenum tributi de moribus pietatis Catholico, hoc est ergo in quo quidem dogmate dubitare generatae se extollat ​​contendatque ut ad libertatem abortus, a dextra, firmatum belli civilis.

.

Credo, ut in eo quod semina eius exitium habeat necroculture. in facto,, freti tantum in massa media, tantum in ideis particularibus sui ideologues, aliquamdiu in ea funditus corruent coram testimonio.

.

Nativitatis, in hoc sensu,, Est autem ferias, Et quia in lucem ponere et sacri pulchritudo est et mater, feminae: `suscipere puerum scriptum est mulier in biologicum chordas, et ita fit, esse in esse matrem, Grata erga exemplar verae. Sicut enim mater eius Maria autem erat quae puerum suscipit mollitia, Iesu. Et post haec et Filius didicit ex grata et filii ejus amicis, discipuli, mulieribus, et apostolos,. ita, graviditate, maternitas fit per foramen cunabula et pro totius mundi: ad pauperem, relicta, oblivioni traditæ, stigmatizzati.

.

Necroculture negat huius hoc totum defendit et in universo mundo est et donationem Sociality.

.

haec dies, ii quoque christifideles versantur in Internet sibi educandi, sive «necessarium est catholicos cum amabam", quod Sancti Patres appellant eos in loco S Ariel, et Ivanum Maria de 'Liguori. Levi Tadinensis, drawing margaritas gurus de ignorantia sapientiae a se, imposito fine legis titulo, fortasse melius est ut non intellegetis usque in subtilissima de ephemerides, sed nihil ultra hoc, Salire ad carpentem amens e habens Blog, coeperunt insectari per "apostaticum" et "anti-Christus« Ecclesiae declaravit quod dicebatur ad usum Fetus abortivi parare anti-covid licet vaccina, aliquid quod - ipsi dicunt, in delirium - "non aperire primum de abortus recognition ab ecclesia heretica". Si Internet cum a gradu doctoris, et in theologia moralis bioethicam paleoastronautics universitates ad de cum legere document by edita ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei, quod exit de loco opportune semen supercazzole, et recognovit se exprimit neque Ecclesia neque omnino huius grants, imo contrarium ostendit explicat cum claritate ad errorem non tenetur:

.

"Et fundamental causa ut in usu horum vaccina cessatio moraliter est legitima, quae est per rationem est malum cooperante (cooperante potentia passiva materiae) unde etiam cellulae lineis venturum abortus procurati, uti fit ab illis qui vaccina, id est, remote. Et ne huiusmodi officio cooperante potentia passiva materiae binding si non est periculum gravis, ut diffundant, aliter reprehendit, ex gravi India: in hoc casu,, propagationem in pandemic in virum SARS-CoV-2 XIX, qui est causa Covid. è perciò da ritenere che in tale caso si possano usare tutte le vaccinazioni riconosciute come clinicamente sicure ed efficaci con coscienza certa che il ricorso a tali vaccini non significhi una cooperazione formale all’aborto unde essent ergastula quibus capiunt vaccina. Sed illud oportet animadvertas quod moraliter legitimum harum genera vaccinorum, ita ut illius certa, quod in se non esse legitimam ei, ne obliqua, De usu abortus, bonamque contra hoc ab usu qui est uti " [officialis scriptum est completum inveniri potest in Consiliis Sanctae Sedis qUI].

.

Class aptent autem festum Sermones dominicales pag, peccatum mors victoria elit abortus, Triumphi hominis cum Deo,, hoc quoque scriptum est inter lineas in documento Congregationis pro Doctrina Fidei,, qui invite vos ut legitur, vitandum periculum bibam a theologis qui apud penitus supercazzole Social Media Academy of Sciences, alias: periculosum supercazzolari.

.

Roma, 23 January 2020

.

.

Staff Blog

Pater Gabrielis

.

.

Visita nostrae paginae libri tabernam qUI et emebant et sternebant in nostris libris tolerandum edition.

.

Dominici de provincia Romana nuntius: visitare rutrum Dominicanorum, qUI

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Paypal :

 

 









nec posse in computo:

Roma, Non propellente. 59.
IBAN:
IT 74R0503403259000000301118
Internationalis ripam transfert:
Code PRAECEPS: BAPPIT21D21

in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ [email protected] ]

..

.

.

Avatar

About isoladipatmos

32 cogitationes on "Et ad festum Natalis Domini impetum supercazzolari penitus theologorum: 'Produci per Vaccines Fetus abortivi. Quod ecclesia hominis dilatat viam eius cognitio abortum "

  1. Il fatto che sostanze organiche derivate dai feti umani siano usate per produrre (etiam) vaccini come quelli anticovid è una delle leve legali che alcune associazioni di avvocati, sulla base delle tutele costituzionali esistenti, hanno suggerito di usare a chi voglia opporsi legalmente alla paventata vaccinazione obbligatoria da parte dei Governi su alcune categorie di lavoratori, quod, etiam, su tutta la popolazione.
    nunc, la nota della CDF arriva a spuntare, de facto,, la principale arma legale a disposizione di chi volesse opporsi ad un’eventuale richiesta di sottoporsi a vaccinazione obbligatoria. La cosa è tanto più paradossale (quindi a buon diritto sospetta) perché nello stesso documento si specifica che “la vaccinazione non è, Northmanni, un obbligo morale e che, igitur, deve essere volontaria”. quod, hinc, Si enim dixeris, (ma in posizione assolutamente marginale nel documento) che la vaccinazione deve essere volontaria, alium, si toglie la possibilità (che già esisterebbe) di fare obiezione di coscienza (chi la facesse non potrebbe invocare l’insegnamento cattolico).
    Si dirà che chi volesse essere vaccinato, ma nutrisse qualche scrupolo etico, ha però diritto a sapere che può farlo agendo in modo moralmente lecito. Consentio, ma allora il documento doveva trattare con la stessa centralità e rigore anche l’illeceità morale della vaccinazione obbligatoria (salvo casi rarissimi e comunque mai su tutta la popolazione), e dell’uso di feti umani per la produzione dei vaccini (o di qualunque cosa), che altrimenti risulta indirettamente autorizzato dalle vaccinazioni.

    1. Se mi è consentito tirare una personale conclusione al ragionamento di cui sopra, direi che, se la partecipazione individuale al male di chi si sottopone alla vaccinazione può considerarsi remota, la partecipazione al male di questa improvvida nota della CDF, tanto più se sollecitata direttamente dal papa (come suggerirebbe l’innecessario imprimatur al documento), sembra invece molto meno remota. Gli effetti diretti e indiretti che seguiranno all’alzamento delle cateratte vanno infatti dall’asservimento (non importa se vero o falso, purché apparente) della Chiesa di Cristo alle richieste del moloch pandemico, fino all’abbandono dei fedeli al loro destino infausto sotto il giogo del globalismo totalitario e della schiavitù sanitaria politicamente corretta. Tutto però in un frame di legge naturale e di liceità morale certificato dalla Chiesa Cattolica. Che è poi la cifra di questo pontificato della dissoluzione: “Noi dobbiamo avviare processi e non occupare spazi”.

    2. Supercazzolarivedo che l’illuminante esempio di trivialitá di un certo Padre di quest’isola, dilaga ormai tra gli altri Padri. Che somma tristezza!

      1. e noi prendiamo invece atto che lei non ha mai letto i Vangeli, perché Gesù Cristo, quando si rivolge ai supercazzolari dell’epoca, usa espressioni molto più severe e offensive, particolarmente incisive nel testo originale dei Vangeli in greco un pomitigati nelle traduzioni.
        Non parliamo poi dei testi dei Santi Profeti d’Israele, non so se ce li ha presentiproprio quelli che si leggono nella liturgia della parola durante la Santa Messa, ce l’ha presente la Santa Messa? E’ quel rito che si celebra nelle chiese cattoliche.
        etiam, lì i traduttori hanno dovuto fare voli pindarici quando hanno tradotto dall’ebraico al greco e poi dal greco alle lingue moderne.
        Putas, nel testo originale il Profeta Malachia minaccia ditirare in faccia ai sacerdoti la merda degli animali sacrificali del tempioe non contento prosegue minacciandoli chela merda vi trascinerà via”.

        videt,, ignorantia – ossia la non conoscenzaporta i puritani come lei a vivere un Cristianesimo che non esiste e che non è mai esistito, stando almeno alle Sacre Scritture, che evidentemente lei non conosce, ammesso e non concesso che nessuno dei Padri ha mai usato i termini «triviali» forti e aggressivi contenuti nell’Antico e nel Nuovo Testamento.

        Dunque lei non appartiene al Cattolicesimo, semmai al bigottolicesimo.

        1. Senti questa….Ora Nostro Signore Gesù era pure affetto da coprolalia!
          Il profeta può pure venire dai bassifondi, ma Gesù no! Pieno di Spirito Santo, e quindi capace di dominio, mai si sarebbe espresso volgarmente. La sua Madre e anche il giusto san Giuseppe (diversamente dai vostri) erano grandi genitori.
          Vi fate chiamare “patribus” mentre non siete manco figli….
          Dovete imparare a scusarvi quando sbagliate invece di atteggiarvi sempre a maestri tacciando di ignoranza e bigottismo chi è migliore di voi.
          Il risultato è che sembrate somari travestiti da sapienti!

          1. Domina mi,

            unum ex duobus: o lei è una zitella a tal punto acida che se mettesse un dito in un bicchiere di latte lo farebbe diventare yogurt all’istante, oppure lei soffre per i tradimenti di un marito che la snobba completamente e che se la spassa con una amante che ha la metà dei suoi anni, perché solo da ferite dolorose e profonde che generano frustrazioni sentimentali di questo genere può nascere per reazione una cattiveria feroce e del tutto smodata come la sua.

            Ma vado oltre

            Affinché il mio pio confratello autore dell’articolo non si debba sporcare le mani le rispondo io nel merito di ciò che ha scritto, peraltro alla vigilia di Natale, non trovando di meglio da fare che insultare gravemente tre sacerdoti in nome della sua strana e non meglio precisata idea di Cristo Signore, della Beata Vergine e del Patriarca Giuseppe.
            Non contenta, la sua malvagitàperché lei dà concreta prova di essere davvero malvagiasi spinge sino a insultare la memoria dei nostri genitori, che quasi tutti e tre abbiamo perduto, un paio di noi anche in giovane età.

            Ebbene sappia che vorrei essere suo padrecioè suo genitoreper soli 15 minutes, oppure meglio ancora: suo marito. Perché dopo avere scoperto, come padre o come marito, in che modo lei gira per la rete a vomitare odio sulle persone, al mio ritorno a casa le avrei dato tutti i meritati premi del caso.

            E che Dio abbia pietà di lei, perché proprio per le persone perse come lei noi preghiamo e offriamo le nostre mortificazioni e penitenze.

            Si cerchi un confessore, maxime, Please, non ci invii più commenti, quia non est nobis, ma per il bene della sua anima. Se ce li invierà, saranno immediatamente cestinati.

        2. Vorrei aggiungere che la parola merda è usata anche da san Paolo in Filippesi, c. 3, V. 8 : la traduzioneedulcoratache leggiamo di solito èho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura al fine di guadagnare Cristo “. Uno dei migliori biblisti del secolo scorso, l’abate Giuseppe Ricciotti, in libro “San Paolo” , commentando questo versetto dice chiaramente che la parola greca originale non è “quisquiliae” ma è invecela parola usata da Cambronne”.

  2. Premesso che parlare di teologia non è esclusivo dominio di voi illuminati addetti ai lavori, Ego vobiscum sum dissentio. Secondo lei Mons. Viganò è un supercazzolaro? Approvare l’uso di un vaccino contenente DNA di origine fetale abortivo, a mio avviso quantomeno autorizza di fatto le case farmaceutiche nel continuare a produrre vaccini con materiale genetico proveniente da feti abortiti. Se non erro è come accettare un maleminoreper avere un bene maggiore cioè NON ELECITO. quod “chiara condannadel suo beneamato Bergoglio stride fortemente con l’incoerenza di aver appoggiato l’abortista Biden e condannato il difensore della vita Trump nonché con l’aver invitato uno scienziato, Jeffrey Sachs, abortista e di chiara fama maltusiana (siamo troppi , stiamo inquinando la terra e offendendo gravemente la Pachamama, ergo bisogna limitare le nascite ed eliminare un podi gente). Potrei ancora andare avanti nell’elencare numerosi altri casi in cui Papa è caduto forse volutamente in contraddizione con il Magistero millenario, con i Comandamenti e con qualche Sacramento, per generare confusione e disorientamento nel popolo di Dio. Se lei avesse il coraggio di prendere atto che Bergoglio è stato eletto da una congiura orchestrata dalla mafia di S. Gallo (tutto confermato dalla confessione in punto di morte di uno dei componenti tale Card. Danneels) e che quindi a norma Dominici Gregis la sua nomina è nulla, le cadrebbero le cateratte che si tiene sugli occhi.

    1. Patres referri de In insula, quæ appellatur Patmos, la ringraziano per aver voluto offrire in prossimità del Santo Natale questa sua variegata zuppa di verdure varie, tra l’altro non abbiamo esitato a capire subito da quale squinternato tele-imbonitore pluri-scomunicato ha preso la ricetta, ossia da quel Tizio che va in onda tutte le sere dalla Sicilia su Facebook con il suo programma di ricette avvelenate seguito da quattro comari arrabbiate e da due confusi come lei


  3. “Il regnante Pontefice ha bollato con parole e termini severi che mai San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI avrebbero usato (sic!): Abortire è come affittare un sicario per uccidere una persona”.

    C’è una sola differenza tra Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e il regnante Pontefice: i primi due nella lotta contro l’aborto si sono sempre contraddistinti per coerenza, il regnante Pontefice per incoerenza a dir poco spaventosa.

    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2020/12/17/non-censura-ma-silenzio-calcolato-una-lettera-dall%e2%80%99argentina-sul-papa-e-l%e2%80%99aborto/

    1. Anche tra lei e sua moglie, tra lei e suo nonno, tra lei è un trapezista del circo di Moira Orfei c’è una grande differenze. Noi che siamo menti logiche e speculative, ma soprattutto uomini di fede, non ci metteremmo mai a tracciare certe differenze, perché non sarebbero né logiche né pertinenti.
      Si chiama filosofia del senso comune, o più semplicemente buon senso logico.

  4. Carissimi patres insula quae appellatur Patmos (E, che lo crediato o meno, lo scrivo con profonda sincerità), potreste entrare nel merito della questione sollevata da Roberto Ceccarelli, relativa alla valutazione politica vaticana dell’abortista Biden e di quel cattivone di Trump, come pure la scelta di Jeffrey Sachs, quale portavoce della dottrina sociale della Chiesa, invece di svicolare con la vostragustosa e per altro il più delle volte apprezzata ironia?

  5. “Et qui non habet, effectu secuto, non judicatur;, da sempre accolta con grande delicatezza e amorevolezza da noi confessori.
    Secondo voi quindi, in una società ideale, non sarebbe opportuno istituire il reato di aborto, con pene tanto per medici, intermediari e persone che hanno spinto la donna all’aborto, quanto per la donna stessa?

    1. Bisogna distinguere tra Confessione e legge civile. La legge dovrebbe difendere il feto e l’unico modo per farlo è mettere l’aborto fuorilegge e colpire i trasgressori, ma il confessore è su tutt’altro piano, il confessore non è il giudice del tribunale. La donna va da lui non per vantarsi del male fatto ma perché è pentita. Altrimenti non ci andrebbe. Noi uomini non ci rendiamo conto dello strazio che prova una donna quando dopo aver abortito (magari dopo molti anni ma prima o poi il momento arriva) si rende conto di aver ucciso un figlio. Perché infierire?

  6. La nota della CDF è ineccepibile come quella del 2005 della Pav , quod 2008 della CDF “Dignitas personae” e pure quella della FSSPX.
    Giustamente Scandroglio sulla NBQ si chiede dov’erano tali critici nel 2005 e nel 2008
    Ultima nota molto dolente. Il documento del cardinale Janis Pujats, arcivescovo metropolita emerito di Riga (Lettonia), dei vescovi Tomash Peta, arcivescovo dell’arcidiocesi di Maria Santissima ad Astana (Kazakistan), Jan Pawel Lenga, emerito di Karaganda (Kazakistan), Joseph E. Strickland, vescovo di Tyler (Usa) e Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Maria Santissima ad Astana (Kazakistan) by title “Sull’illiceità morale dell’uso dei vaccini a base di cellule derivate da feti umani abortitiUTILIZZA IL SENTIMENTALISMO AL POSTO DELLA RAGIONE. Per eterogenesi dei fini, abbiamo dei “optimatium” che utilizzano il modus operandi tipicamente modernista

    1. @ Alfredo Grande: la Sua domanda è interessante, e la ripropongo qui: i prelati che oggi protestano contro un documento del 2020 che ripete sostanzialmente gli stessi concetti scritti nei documenti del 2005 E 2008, come mai non protestarono anche allora? Una possibile risposta può essere questa: protestano solo oggi perché il documento di oggi è stato approvato dall’odiato papa Francesco I. nunc, io non so se Francesco I sia un grande papa o una rovina per la Chiesa (ci sono voci contrastanti a riguardo e solo Dio sa la verità) ma una cosa è sicura: questi vescovi scandalizzano e confondono i fedeli disprezzando sfacciatamente le direttive di un Romano Pontefice cui devono obbedienza anche se non è un pontefice di loro gusto. E a parte questo, si rendono conto che i loro sofismi indurranno innumerevoli cattolici a rifiutare il vaccino? Si rendono conto che questo rifiuto produrrà una scia di invalidi e di morti? Oltre che deformare le coscienze vogliono anche provocare una strage?

  7. Senza entrare nel merito teologico-morale della questione qui trattata, non si può però non notare che l’effetto della nota della CDF è anche quello di creare una palese discrasia con altri documenti del magistero nella valutazione del grado di partecipazione al male tra chi si vaccina con derivati di feti umani abortiti e chi, et dederit, omette di fare la raccolta differenziata; uel, tra l’uso di catene cellulari provenienti da feti abortiti per la produzione di vaccini, e l’uso di combustibili fossili per il riscaldamento.
    Queste sono forzature del senso comune che, anche ove non appaiano immediatamente evidenti all’intelletto dell’uomo della strada, vengono però percepite a livello sub-razionale generando disaffezione e sfiducia. Una fede normale non può reggere a questi stress test senza scivolare nella convenzione o, magis, nella superstizione e nella paura.

  8. Non entro nel merito dei vaccini se siano etici o no, ma vorrei commentare il punto in cui lautore afferma che laborto sarebbe prossimo ad essere rifiutato dalla gente, io invece credo che ciò non solo non accadrà ma esso verrà legalizzato anche in Paesi dove solo qualche anno fa era fortemente a versato come sta succedendo in Argentina, apud ‘ e successo in Irlanda e come sembra che accadrà anche in Polonia. autem’ infermiera in unintervista affermava che rispetto a una ventina di anni fa nel nostro Paese le ragazze abortiscono con la stessa non chalance con cui fanno una qualunque visita medica mentre prima molte ragazze piangevano. D’ altronde la legalizzazione dellaborto questanno ha compiuto 100 aetate (URSS) e la caduta del comunismo non lo ha certo limitato, anzi esso si è diffuso ulteriormente. Lo stesso discorso per eutanasia che questanno e stata approvata in Spagna, Portogallo e nei Paesi Bassi ormai è aperta a tutti per qualunque causa. Se non ho capito male poi alcune affermazioni di Padre Di Gualdo il male adesso è tracimato in modo irreversibile sia nella Chiesa che nel mondo e neanche Dio può più intervenire per cambiare le cose, quindi io ci vedo la conferma al fatto che laborto e leutanasia saranno sempre più considerate come qualcosa di neutro, anzi una scelta positiva.

  9. Buon Natale di nostro Signore Gesù ai Padri dell’Isola e a tutti coloro amano la Verità tutta intera.
    Nella speranza di poter tornare sul delicato tema di questa sezione con più serenità e porre in questione alcuni aspetti del documento della CDF.

  10. Stimati Padri,

    riguardo al COVID, il documento della Congregazione afferma che il ricorso a dei vaccini derivati da feti abortiti non costituisce peccatose vi è un grave pericolo, ut diffundant, aliter reprehendit, ex gravi India: in hoc casu,, la diffusione pandemica del virus SARS-CoV-2 che causa il Covid-19.

    hic, personaliter, in tutta coscienza, tutta la mia esperienza personale da 10 mesi a questa parte mi dice che questo agente patogeno non è più grave di una influenza stagionale. Nessuna delle persone che conosco è deceduta a causa di questo virus, anche se parecchie persone lo hanno contratto, con effetti a volte spiacevoli ma non fatali.

    quod “gravitàmi è ripetuta in tutti i modi dai media, dei quali ho scarsissima fiducia, e credo che non occorra dire perché. Diversi scienziati rispettabili, anche se poco udibili mediaticamente, sono del mio parere. Mi spingo a dire (corrigere me si Fallo) che la stessa Congregazione non ha autorità scientifica per smentirmi su questo punto.

    Se quindi accettassi di sottopormi a tale vaccino sarebbe unicamente per costrizione, diretta o indiretta, tale la perdita del posto di lavoro per esempio, cosa paventata sempre più spesso qui in Francia dove vivo, o altre limitazioni delle mie libertà individuali, oppure il fatto che a mia figlia verrebbe negato l’accesso ad asili e scuole. Tale costrizione, costituirebbe un motivograveper accettare di farmi inoculare tali vaccini?

    1. Ci faccia capire

      1. il numero di 820 morti in un solo giorno a Bergamo, sono una bufala? O forse intende dire «e chi lo dimostra che sono morti per Covid-19»? iam, sono morti di freddo!

      2. I cimiteri cittadini al collasso che non poterono far fronte su due piedi alle sepolture delle salme e il crematorio che non poteva cremare le salme, sono anche questa una invenzione dei … “potenter” per spaventare il popolo beota?

      3. I camion militari che traportano centinaia di bare, sono una finzione tratta da un film di guerra e spacciato per vero, mentre in realtà sono attori e comparse sul set di riprese di un film?

      Non tutti hanno il dono dell’intelligenza, sed, animo, anche alla cieca stupidità c’è un limite.

      Si guardi questo filmato, poi dica che è falso o che «è un complotto dei poteri forti»:

      https://www.youtube.com/watch?v=-8n3IskA-d4

  11. pater mi,

    mi trovo a constatare le cose seguenti

    1) paralisi generalizzata delle economie occidentali (e quindi mondiali), con il carico di disoccupazione, disperazione, morti e povertà che si porterà dietro per i decenni a venire, proposta come contromisura ragionevole contro un virus che ha tassi di mortalità dello 0,01

    2) lo stop da parte di numerosi organismi nazionali a cure efficaci quali l’idrossiclorochina sulla base di uno studio totalmente fallace finanziato da chissà chi (nessuno si è mai preoccupato di indagare seriamente)

    3) l’immissione sul mercato di vaccini sviluppati in pochissimo tempo, pochissimo testati, basati su tecnologie sperimentali, con effetti potenzialmente devastanti, ma sicuramente sconosciuti sul medio e lungo termine, tra gli osanna generalizzati dei media, con tutte le voci critiche irrise (nel migliore dei casi) o criminalizzate (qui in Francia).

    hic, io mi trovo a dover trovare spiegazioni “rationale” per questo tipo di eventi.

    Mi si chiede di credere alla versione ufficiale senza pormi domande, pena il farmi trattare dastupidoche crede aicomplotti dei poteri forti” (grazie per l’ottimo esempio). Purtroppo si, davanti a contraddizioni colossali di questo tipo, su scala planetaria, uno comincia a dubitare della veridicità di notizie e video quali quelli che Lei cita.

    Lo stupido si scusa per il tempo sottratto ai Padri.

    1. Robert Caro,

      nessuno si permetterebbe di darle dello stupido, anche perché l’espressione «anche alla stupidità c’è un limite» non era rivolta a lei ma si tratta di una evidente espressione retorica in senso lato.

      Al suo commento non ha risposto nessuno dei Padri ma uno dei collaboratori di redazione (bergamasco) che a causa del Covid-19 ha perduto tre familiari il più giovane dei quali di 38 annorum. Si tratta di un morto reale, morto realmente di Covid-19, morto senza che i familiari potessero mai più vederlo.

      Ci sono persone che hanno perduto genitori, fratribus, sororibus, senza neppure poterli rivedere. E quando sentono sollevare certe questioni, ci rimangono male. Specie quando sentono i cosiddetti negazionisti che diconoil covid-19 non esiste”. Affermazioni dinanzi alle quali reagiscono arrabbiandosi e chiedendo: “Allora mio padre … mia Madre … mio fratelloè morto per una malattia che non esiste?”.

      Provi per esempio a immaginare una persona che ha perduto un familiare sotto un bombardamento e un’altra persona che sollevasse dubbi circa il fatto che vi sia stato davvero un bombardamento.
      quidem, chi ha perduto il familiare sotto le bombe, bene non ci rimane.

      Che nella vicenda Covid-19 qualche cosa non torni a livello politico ed economico, lo affermiamo anche noi al termine del nostro libro dedicato a questo tema: Orientalium Ecclesiarum coronavirus.
      Aggiungo a titolo personale: e la Cina, che prima ha creata questa situazione ancora da definire in tutti i suoi contorni, ed oggi si sta accingendo a comprarsi interi Paesi europei, dove la mettiamo?
      quidem, che molte cose non tornano, altrochè!

      1. pater mi,

        la ringrazio per la pacata replica. Non sto dicendo cheil virus non esiste” uel “nessuno è morto di COVID”. Come ho detto nel mio primo intervento, diversi conoscenti lo hanno avuto, alcuni in forme piuttosto pesanti. Dico che l’incidenza statistica delle morti non giustifica la distruzione socio-economica in atto, che si tradurrà in perdite umane molto più importanti negli anni a venire. Non ne ho la certezza assoluta, solo un sospetto molto forte e, in meus sententia, fondato. E’ tutto quello che umanamente posso fare. L’argomentoi media ti danno torto”, per gli altri motivi elencati, vale 0 (in questo momento storico).

        Cos’è successo a Bergamo? ignoro. So solo che cose nel genere non si sono verificate in modo generalizzato.

        Quindi quando la Commissione parla di epidemia grave, io penso alla peste nera, a morti che si accatastano nelle case e nelle strade, a fosse comuni. Tutte cose che la mia esperienza personale (e non la realtà virtuale massmediatica) negano. Se pensassi onestamente che esistesse un tale rischio mortale immediato, capirei l’urgenza di ricorrere a tutti i metodi possibili, compresi quelli eticamente problematici. Penso che non ci troviamo in tali condizioni, quindi l’accettazione di un tale vaccino per me resta profondamente problematica, e si riduce alnon aver fastidi con lo Stato”.

        Ritorno quindi alla mia domanda iniziale. La mia coscienza mi dice che il rischio mortale imminente non è tale. La mia viltà mi consiglia difai quello che ti dicono di fare senza tante storie o avrai rogne”. Come dovrei

  12. Come ampiamente dimostrato dal dott Mangiagalli (per questo oscurato da tutti i canali TV), oggi nessuno muore di Covid se trattato per tempo a casa sua con terapie dal costo irrisorio, praticamente nullo (https://youtu.be/PHE8KZ_otQg). Ciò aprirebbe a una serie di riflessioni sulla diffusione e la gestione della pandemia e sulle responsabilità del nostro Governo e dei suoi referenti internazionali, nonché sul vaccino e sul progetto di vaccinazione universale, ma per questo non c’è né lo spazio né la pertinenza al tema.
    autem, per rimanere al tema, per quanto attiene al vaccino anticovid, l’uso di catene cellulari di feti umani non è la sola riserva di tipo etico, ce n’è di più gravi e importanti come testimonia il virologo Premio Nobel Luc Montagnier (https://youtu.be/kHGtn_vnrJ8). Non si capisce allora perché le riserve morali poste da Montagnier non abbiano attirato l’attenzione del Vaticano al pari delle cellule fetali, E, insigniter, della CDF e del Papa in particolare; quod, Sed contra est, forse mal informato, ha auspicato la diffusione più ampia possibile del vaccino, anche e soprattutto verso le popolazioni più povere (che finirebbero così per fare da cavia per quelle più ricche), anziché preferire (omnes) l’accesso a cure a domicilio alla portata di chiunque, che avrebbero anche il vantaggio di liberare il mondo intero non solo dalla pandemia, ma dalla schiavitù tecnocratica delle internazionali farmaceutiche.

    1. et dicit:

      «[…] il virologo Premio Nobel Luc Montagnier (https://youtu.be/kHGtn_vnrJ8). Non si capisce allora perché le riserve morali poste da Montagnier non abbiano attirato l’attenzione del Vaticano al pari delle cellule fetali, E, insigniter, della CDF e del Papa in particolare […]»

      io le rispondo:

      S. Thomas Aquinas,, per quanto riguarda la infusione dell’anima nel corpo umano, segue la teoria aristotelica (Libri de generatione ordinatim explicata animalium, II, III, 736A35), da lui espressamente citata in Summa, III, 33, quod. 3, secondo la quale «in tempi successivi il corpo viene formato e preparato a ricevere l’anima». Per cui la materia del corpo riceve l’anima umana non nell’istante della concezione, ma intorno al 40° giorno dalla
      concezione. Dapprima abbiamo la realtà vivente – quod vivum -, poi la realtà animale – l’animalis,-, e infine la realtà umana – l’homo -, quod “absorbet,”, e includere “expetit,” prioribus (in eo, ego, 118, 2, 2m).

      Oggi però la Chiesa insegna come verità di fede definitiva che l’anima è infusa sin dal momento del concepimento.

      Ebbene risponda nel merito a questa domanda: S. Thomas Aquinas,, che non era un semplice Premio Nobel come il da lei citato Luc Montagnier, ma che è uno tra i più grandi dottori della Storia universale della Chiesa, aveva torto o aveva ragione?
      Risponda si o no: Qui autem iniuriam “nihil” quod “et”, o aveva ragione “et” quod “nihil”.

      mihi credite,, rispondere nel merito è facilissimo, lo faccia, perché forse scoprirà che, se persino una mente speculativa eccelsa come l’Aquinate può sbagliare, a maggior ragione può sbagliare un semplice Premio Nobel.

      1. Io volevo sollevare una questione, non farle una domanda. Comunque sì, San Tommaso aveva torto, ma la sua pretesa (di lei) di forzarmi a dirlo non ha senso. Quando San Tommaso, da accademico, esponeva la sua teoria, la dottrina cattolica in questa materia non era stata ancora definita. Perciò le rilancio la sfida: ma aveva torto rispetto a cosa? et tunc, il suo argomento ammette il caso che in futuro la Chiesa potrebbe riconoscere ai vaccini e alle politiche vaccinali un valore di fede, è questo che mi sta dicendo? Spero di no. Io sostengo invece che la Chiesa sbaglia a impegnare la sua autorità per difendere politiche vaccinali quantomeno dubbie (per dire il meno). agendo, la Chiesa invade un campo che non le compete, prende le parti di una parte del mondo scientificonon si sa con quali competenze specifichee cade in contraddizione con il fondamento stesso della scienza di cui vorrebbe difendere l’autorità, cioè il dubbio (la scienza procede per riprovazione di precedenti acquisizioni del sapere). Montagnier non è San Tommaso, ma parla di cose che conosce, con il pregio di non essere a libro paga di nessuno. etiam, per quel che qui conta, solleva dubbi etici gravissimi (in compagnia di molti meno famosi di lui). Per cui insisto nel riproporre la questione: perché la Chiesa si esprime su una questione morale secondaria (però con potenziali ricadute sulle libertà individuali, come da me lamentato nei precedenti interventi), ma tralascia questioni morali molto più gravi, però politicamente scorrette?

        1. @ Stefano: credo che i problemi dibattuti qui siano due e ben distinti:
          ( 1 ) è lecito usare questo vaccino?
          (2) Se è lecito, è anche obbligatorio? E se lo è, lo è sotto pena di peccato mortale o veniale?
          La risposta deve darla la Chiesa e qui per Chiesa intendo il Papa, non certo i vescovi dato che su questo tema l’episcopato è diviso. Ora da quel che ho capito (correggetemi se sbaglio) il Papa ha risposto così:
          ( 1 ) Etiam (e lo ha affermato non solo a parole, ma anche con l’esempio, vaccinandosi).
          (2 ) No, ma è consigliabile (dunque se non ti vaccini non pecchi, ma se ti vaccini acquisti merito).

          A questo punto non vedo problemi di coscienza. “Avete il Vecchio e il Nuovo Testamento, e il Pastor della Chiesa che vi guida; questo vi basti al vostro salvamento”.

  13. Apprendo che domenica 10 January, apud 20.40 su Canale 5 andrà in onda un’intervista in esclusiva mondiale al Tg5 di Papa Francesco, della quale vengono fatti circolare in internet, inter alios, i seguenti virgolettati: “Io credo che eticamente tutti debbano prendere il vaccino” E – con riferimento ai cosiddetti negazionisti – “C’è una negazione suicida che non so spiegare, ma oggi dobbiamo vaccinarci”. miror: come può il Papa controfirmare una Nota della CDF in cui si ribadisceancorché nella piega di un documento che nessuno leggerà maiche la vaccinazione deve essere volontaria, e subito dopo dichiarare in mondovisione che esiste un obbligo morale a vaccinarsi? E non si dica che affermare l’obbligo morale non significa appoggiare l’obbligatorietà dei vaccini, perché se il Governo vorrà imporre a tutti il vaccino per legge, come potrà più l’uomo della stradama anche lo stesso Papaammesso che lo voglia faredimostrare che sta agendo in modo immorale? Io direi che ne abbiamo abbastanza di questa modalità comunicativa a dir poco disturbata. Queste prese di posizione sono assolutamente temerarie per la salute spirituale e, stavolta, anche fisica dei fedeli.

  14. Sabato scorso ho inviato un commento con riferimento ad alcune anteprime dell’intervista concessa dal Papa al TG5, andata poi in onda domenica sera. Lamentavo la presa di posizione, a mio avviso sconsiderata, del pontefice a favore dei vaccini, il suo giudizio etico censorio contro chi non intendesse farsi vaccinare e, niente meno, l’appellativo dinegazionismo suicidaper stigmatizzare tale legittima posizione. Mi chiedevo anche, invero in modo retorico, come tali pubbliche dichiarazioni conciliassero con la Nota della CDF recentemente approvata dal Papa (“sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-Covid-19”, 21.12.2020), che invece ribadisce chela vaccinazione non è, Northmanni, un obbligo morale”. Paventavo anche che tali esternazioni vanificassero ogni tentativo di opposizione civica ad un eventuale obbligo vaccinale e la possibilità di appello all’obiezione di coscienza. La redazione ha valutato di non pubblicare queste mie considerazioni, evidentemente giudicandole poco pertinenti, o forse inopportune; autem, dopo soli tre giorni scopro che l’obbligo vaccinale è già stato introdotto dal Governo nelle pieghe del primo Decreto Legge dell’anno (DL n.1 del 5 January 2021) che all’art.5 , distingue 4, autorizza il direttore sanitario, con ricorso al giudice tutelare, a somministrare il vaccino ai ricoverati presso le strutture sanitarie assistite, anche senza il consenso dell’interessato, e contro la volontà dei parenti o affini, se incapace (https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2021/01/05/21G00001/sg). Non ita, ma a me sembra il caso di parlarne.

  15. Reverendi Padri: quod sit intelligere,, chi si oppone a questo vaccino lo fa perché alla base del medesimo ci sono due feti abortiti volontariamente. Secondo gli oppositori, ( 1 ) vaccinarsi equivale non solo ad approvare pubblicamente quei due aborti volontari (approvazione scandalosa che un cristiano sicuramente non può fare) sed ( 2 ) anche a incoraggiare i ricercatori a fare altri aborti in vista di ulteriori ricerche. E’ facile vedere che i due motivi non reggono. in facto,, riguardo al punto (1): usare il frutto di un crimine non equivale ad approvarlo, per esempio viaggiare nello spazio non vuol dire essere nazisti, anche se il razzo fu inventato dai tedeschi per vincere una guerra ingiusta e dunque per scopi criminali. Riguardo al punto (2): i ricercatori non sono obbligati a usare feti abortiti volontariamente, possono usare i feti abortiti spontaneamente che purtroppo sono numerosissimi (quasi uno al giorno in Italia). Se si pensa che per preparare il vaccino anticovid sono bastati due feti, si vede subito che i ricercatori non hanno e non avranno mai bisogno di uccidere per procurarsi le cellule necessarie ai loro studi. in finem, non vedo dove sia il problema e non capisco come tanti cattolici intelligenti siano così sopraffatti dall’emotività da non capire che la vaccinazione è perfettamente lecita sul piano morale. Per capirlo non c’é bisogno di una dichiarazione ufficiale del Vaticano (anzi addirittura di tre! ).

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.