Ad muslimos ostendere sacerdotes latentes. Cultus ex theologica ratione vocationum sacerdotalium et religiosarum: «Sive manducatis,, aut bibere …»

– Theologica, –

display Muslims, sacerdotes HIDE. Toga pro sacerdotum et conceptus Theologica: "Tu comedes, Aut biberent ... "

.

Disheartening est quod musulmani in Europa ostentino iustus pervenit, aliquando praevaricationis animo arrogantiam, et Vestimenta eorum propria, qui usque in opinionibus suis signum visibile exterius,, dum membra utriusque cleri administris praeceperint camouflaged togatus vestimenta sunt huius mundi saeculari, signum et sacra coram testimonio denegarem.

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

Sive ergo manducatis,, aut bibere, aut aliquid aliud,, quid facitis omnia in gloriam Dei facite. Non offensione estote Iudaeis, sive gentiles,, neque ecclesiae Dei; sicut et ego per omnia omnibus placeo, non quaerens quod mihi utile est sed quod multis, ut salvi fiant.

[I Cor 10, 31-32].

.

.

.

.

Ut patefacio click in subter supter item:

10.08.2016 S Arihel. Levi Tadinensis – Display Muslims sacerdotes HIDE. Toga pro sacerdotum et conceptus Theologica

.

.

.

 

.

.

.

.

 

About isoladipatmos

20 cogitationes on "Ad muslimos ostendere sacerdotes latentes. Cultus ex theologica ratione vocationum sacerdotalium et religiosarum: «Sive manducatis,, aut bibere …»

  1. « […] in sacerdotes, et fratrem suum, iucundum cum caput multitudinis rumore mortiferis, nimirum modernistae Episcopi et pauperistic à page, delectemur definitur «aberrat sacerdotes tempus, semper adhæsit in a £ fectus morbosi, ut a vestis pannus […]»

    * * *

    EGO eram admiratio si certo dixeratis mihi sententiam (!?).
    Et dixit mihi res, non me semper, I nunc,: accersitus per biennium episcopi et sacerdotes saeculares natorum numero aetatis examine (Series: verum a war report!), Consilium dedimus in nostra diocesi penuria cleri (Pedemontium) aetate, et dedit princeps sacerdotum,, Posito esset adolescens currunt paroeciae per sacerdotem magnum octoginta fere, defessus male et infeliciter, eo quod non multum partes electione.
    Vicarius generalis, cancellarius, persona in crimen, quod est vicariatus ostenditur non diligit me,, sed episcopus,, recte, scire volebat ad me.
    Et introduxit me per episcopum gerens vestem talarem. Ac cur verebar ne causam accersistis me, Dixit mihi scire me vocasset, Mobilius videatur, ad sollemne et solum habeo sedem occupans, Et interrogavit quae res quattuor, Tot et dimisit me dixi.
    Vicarius generalis, et cacelliere, dixit homo, cuius ea episcopo vicariatus … “Videmus enim quod esset bonum? Vidit mox circa vos sunt? Sacerdos 32 aetate (et ego 32 aetate) la loquitur, Cum annos iam non portat quovis?”.
    Administrator paroecialis constitutus mox in paroecia, parochum nominare non posset, Italia constitutus, non erat quod sacerdos civis, quod est ultimum in a meridiem American regionem unclearly, et omnia quae in Missa facit,: pop songs, choris,, Homiliae in dialogo, caudam Manga ad filios Mass, concentus in ecclesia die Parasceues … ante omnia vero episcopus non sisterent eum talarem.
    Hoc est, quid.

  2. dilectissimi Fratres.

    Quod autem scripsistis mihi dicendum: Episcopi est pauperum vesani.
    Hoc est, quid.
    Et sacerdos,, quod ut facias rixam, Quid est, semper pastorali ipsa complexu et subtilis.
    Demens est autem, cum Episcopo suo, intricata et accuratius solito amplius, nos autem in tragoedia, Et tragicus plerumque omnino intractabilis.

    Dicam reliqua secreto, quia, his condicionibus,, Sancta Sedes semper referuntur ad rigorem, quod nihil, sed ad minima, cras, cum clade erit percutiens, quod nemo audet dicere variis Dicasteriis Romanae: « … sed non puto … nos autem non cognoverunt … nos, non fuisse …».

    Et ideo dicendum est, aliqua in parte casibus Consideratum in Lorem sub Pontio Pilato,, Respondeo dicendum quod, etsi in usu iam, sed hoc faciunt, cras, magis Deo et populo addidissent DOCTORIS.

  3. Caro Pater Arihel, hoc est, quid: episcopus dixit mihi religionis magister in schola. Et post dies octo, et vocat (proprie) Narrat videamus uerbis: “si autem ego in scolis removere vestem talarem nigram cum doctrina”.
    dico,: Studio episcopus cultu sweatpants, Sed cum in scripto bib Anellone et Crocione Pendant “Adidas” ad sectam.
    et ait: (sed, ut iam sciret) quod vestis est commendatur per doctores et alumni,. Respondet Episcopus: “Nolo quod similis, vos should afficiunt modo conveniens quod ego sum”.
    Habes me comment?

    1. dilectissimi Fratres.

      Basically, et locutus est tibi … “Nolo Christo placet, mea doctrina pestifera vis solis cognitionibus”.

      Ego sum via, et reflecti, Non sic est intelligendum exemplum, licet me quoque vobis. Vigilaret utique et me’ “Anellone” et “crocione” et non indicavit mihi: "Et tu de illis off pieces of aurum, quia et mulierculae communicant, Cum feris factis domos gerens soleas in culinam lauandi, gerunt jocalia ad portandum, quia si extra domum, cum aliis ad forum shopping ad aniles.

      Quamquam: aut certe requiret coercively episcopo petit ea quae in iure canonico ecclesie obstrinxerunt, hortamentis Summorum Pontificum normis ab Episcoporum conferentia demandato Italiae, nihil est audivimus, uerecundia tamen expectes, nisi quia Ecclesia non dat eis, qui leges criticae opera, his legibus,, Praepositus est statuendo.

      Et vis est collegialis?
      Et quod est collegialis! Iuxta Episcopi coadiutores et dirige nos sacerdotes, modi locis servi sumus et arbitrio Regis Domini feudalis. episcopi, “Non est lex” nec potest imponere “let in lege eius,“, Commendat ipse qui legem, quo primum famulam.

    2. Federico fratre, Credo pluribus annis majores tibi, simul autem cum in sacerdotium,, quod non est in mensa “annos officium”, Sacramentum enim est in omnibus.
      Cum nostras Epíscopi, Deo gratias Alibi profectus, paucis post annis, Et factum est in habitu, quia confirmationes clericum parochia de pueris,, Qui exspectabat ante hostium ecclesie fidelibus, et domesticam eorum ecclesiam salutate superpelliceo et stola violacei coloris indutus est, Et ad currus, Non ut off, Et ascendit, et ait: … “Please, conversus est retrorsum”. Episcopus et canonici in sacristia transiret.
      Et cur, et indicavit ei quod remanerent negative affectus parochianis, sentiret, ut quosdam etiam comparatur et requireris, et maiores natu: Quid, super omnia, Cum ad alias episcopi solebant. Et ego dixi, … “redit illa excellentia Episcopo confirmationes, ut et hic remanere explicationes aliquot septimanas”.
      A fidelibus in processione viderent pontificem salvetur de sacristia.
      Numquam mihi aequos et delicatus nunquam. Per suo maneat in dioecesi, cresimare ad guys semper in mea parochia misit Vicarius generalis,. Non custodierunt, semper, videntes quod aliquoties ad me. Et egressa est, ego remansi. A me, populo, non cupidum esse,, autem, et non recordabor.
      Et nemo mihi quicquam.
      Exposui breviter experimentum vestrum senioribus sacerdotum.
      Si vos postulo ut educas … et ungues!

  4. Diocese of Inferus, Missa dioecesis patronus, quae in circuitu 100 sacerdotes,, fere omnes presbyterii …
    Omnia potest,.
    Magister ceremoniarum Ariano episcopo venienti in sacristia, in cathedrali, et quod repraesentatur per tunicam polymitam in signum pacis, par “pinocchetti” (breves infra genu,) et calceamenta in pedes lavandi.
    Et locuti sunt sacerdotes in multis, gaudet ritus praescripta,, partem … locutus est, salutavit, Ad dexteram enim et ad levam penetrabis sculettando, exitus 2 tempora si omnia recte in presbyterio, hocque cathedrali multitudinis iam medium …
    Interea episcopus, qui cum venisset receperunt 15 minutes mane, et non conparuit,, reversus a paucis minutis vestitus in purpura vestis ejus,.
    de 100 nisi sacerdotes, 3 nos erant vestis super eum: eGO, eGO 36 aetate, duo senes 78 E 82 aetate.
    Non aliter describi amictum, Satis opinor descriptione Episcopi magistri officiorum …

    1. dilectissimi Fratres.

      Nos ridere eam, cum lacrimis sanguine solvi.
      miratus sum,: quod non magistri officiorum, quam vos description "sculettava dexteram et ad sinistram", magis quam "a" pinocchetti " (breves infra genu,)», et quidem a paucis … anethi;?
      Quia solet,, nostrorum – heu, non a paucis,, Infeliciter! – Nostris sculettano, Denique hoc magis aliqua forma … ego anethi;.

      Utique dico vobis,: Si quis episcopus ordinatus in presbyteratus Ordine Sancti, Hic venit in sacristia cathedralis, Inventa magistri officiorum de pellibus in via, Quod si tenor cum clamore passis. Et ascenderunt qui erant fideles, quod praestet cathedralis scamna, A ruptis cum audiret verba dockworkers, quia verba quae fuerunt in simili re antistes converterent.
      In eo, quidam sacerdos,, certior deinde fidelium cum Episcopo et presbyteris parabant, Et ingressus est in ecclesia cathedrali de sacristia, qui alienum a vulgo profano clamaverunt, ante prompte removetur. per salutem – recte – ad imaginem Episcopi.

  5. Lectores in insula Patmo Carus, carissimi sacerdotes, et.

    Pater mi, si opportunum videatur Arihel, Ego hoc testimonio.
    Haec autem propositio indiget.
    hodie 74 De anno et opulenta ipsa, quae tunc misit me “luxuria” Classical studies, majoring in medieval literature and philosophy.
    Sed qui hoc explicare non intellegant, quia dir “luxuria”, tendit ad quaedam studia sottintender campis utuntur rationibus facile ferre non, tantum usus cum doctrina, et ideo tantum in philosophia litteris classicis, aetate, et hoc est,, hoc purus “adeo in otium”.
    A 28 coniuncta meae defunctae annos, non 14 years ago, incurabilem morbum eam in domo Patris 7 mensibus.
    Uxor mea vetustissimum quemque unum ex nobilibus Neapolitanum, a dives tamen cognatione mea,.
    Nos autem non erant liberi, quia numquam posset uxori.
    Non sum de mundo SOMNIUM, socialem quae ex nostro nostra et loci oeconomica, sed hoc ipsum pars orationis.
    Post multis annis investigationis, et opus gratuitum (aut male soluit) University, Et factus est primus inquisitorem D., tunc Professor, Denique Professor. Sed bene operiri sustinere potui suum stipendium in Universitate humili conditione mundi, ubi primum stipendio “dignitate” Sensi ego aetatis 45 Professor annos,, post 18 annos ludens.
    Re philosophica et theologica studia mea duxit me ad consequi a theologica baccalaureos,, artifex licentiam a Pontificia Universitate doctoris S. Thomae Aquinatis.
    Semper enim eventus varii sequebantur paroeciali et dioecesana environments, licet cum pluribus ultro volunteer operationes, Non dictum est,.
    Negaverit me duobus parochis ad filios, iam me de universitate ofrii facerem, arguendo quod homo ex se in inferno verecundia mea culturae gradu in alterum catechistarum, Difficile est, quod ex Italico sermone collatis justam. Negaverunt tenere loci lectionibus seminarium Conferentiae, quia secundum opinionem magistri theologiae esset locus “et metaphysicus non competit ratio vetere re praesertim pastorali Ecclesiae”, ad quod Rector (eodem anno a quod statim vocavit Mr. alba Enzo) et dixit peremptorie: “Ego sterilis et non nebulae veteris Academic speculationes baronibus nostris cum seminaristis qui serviunt et facti sunt sacerdotes,”.
    Volui tibi offerre possem partum et elaboratum quam meae, sed utrumque dictum est offer.
    Cum ante annos facta est episcopi, praeterita se posse cognoscere (ut theologus cum rogatus ad colloquium nostrum collegium), felix praesul mihi propitius, Et frequenter eum in nostris requiesset sedibus hospes, una sera, et cum loqueretur mihi uxor mea, interrogavit si umquam omnino cogitassent ad diaconatum permanentem.
    Et per haec colloquia me et episcopo,, praesertim cum magna laetitia mihi uxor mea.
    Vivamus quod factum est ad Episcopum a sacerdotibus,, Fu, sed inverecondo. et Episcopi,, Et fecerunt sibi ad propositum, Ipse coepit mihi magnae verecundiae, Ad propositum dico quod ipse dovendomi, quam magnum bonum cum explicarem potuit quominus in dioecesi commoretur, in contextu theologica educationem ispecie.
    Cum ergo aliquot annos EGO ran, E, Post mortem meam, Et vidit populus diaconorum permanentium catapulted a licentiati tertium medium Institutum Superius Scientiarum et religiosae sodales, post tres annos pro ridicule “Training”. Ut fructum vidi diaconorum permanentium, Platea venditor in foro, Et secessit TABELLARIUS, et cooperatorem, et electrician (Imo apud omnes homines et propter utile respectu actus). Omnis populus, qui non potest humanum sacerdotum invidiam,, iam deficiens sic cultura, propter hoc, bottom, venit.
    Vidi in seminario communem atque lectiones vocatus ad superiora scientiarum religiosarum Instituti, philosophi pro socio-politica scientists informes saltus, cum Dominus non credentes quod circumstantia aggravans, et ideo, ad significandum “pretiosum,” Cogitatio quidem saeculo, quibus oportet opponere catholica … etc, etc.. quia esset longa oratione.
    Post mortem magis Romae habitare coepi uxorem, mus nos ad Quirinale, et ad Missam in Basilica sanctae Mariae Angelorum Martyrum Patris met Arihel, quod 2011 Confessoris ac multum mecum ipse factus, sub ratione humana et spirituali,.
    saepe, sapientia in scripturis, quasi iam ex prophetis, hoc utitur theologorum “ictus” … “in mediocris res”, “res enim de modernistarum”, quod “res haereticorum,”, non ad mentionem de “res de gay VESTIBULUM” …
    Hodie est underway “Pauperes Beat”, historice diversas haereses exortae in Ecclesia conectuntur, ac praesertim XII / XIII saeculo.
    Usura a fine ad me sententia repetitur plures temporum Ariel Fr.: “Quidam hominibus reprobari a presbyteris et episcopis invidiosa trahunt ex ineptitudine omnino expers virilis attributa (solet dicit, “gutless” quod “no balls”), et animas aeternae damnationis periculo his artifices. Quia homines et mulieres,, Christus misit dona Ecclesiae Christi, reicere munera missa a Christo uel, si va all'inferno”.
    hoc est,, ut paucis, fabulam honesta academicis, reducta Professor, doctoratum in sacra theologia in tempore suo, modis omnibus necessariis instructum diam explent ministerium in Ecclesia, Vocavit ad se permanens diaconus ab episcopo, sed non ita est, quia dives reus, vir cultura, vir nobilis, Index Thomisticus theologia et in metaphysica,, etc ..
    Ipse autem arihel pars Patris in loquela conveniret fabula de veteri vestimento missi in omnem ventum, deinde ab episcopis et presbyteris dictum est dispositio interioris talarem, verum inops, et dicit, quod Pater Arihel: “in mediocris res est in potentia,”.
    modum 70 annos retinuit ad vitam commoda vitae diebus usque ad consummationem saeculi, non avendo avuto figli ho restituito/donato due vecchi immobili a me pervenuti in eredità dal patrimonio di mia moglie e facenti parte all’origine dei beni della sua famiglia, a suo (e mio) nipote maggiore. Mi sono conservato un podi risparmi, la mia pensione statale, una seconda pensione privata, una casa in città e una al mare e ho venduto il resto, dando tutto, danaro incluso, in memoria di mia moglie, ad una istituzione benefica di mia fiducia che si occupa principalmente di oncologia pediatrica.
    hodie, nella diocesi di cui dicevo, parlano di chiudere l’istituto superiore di scienze religiose per carenza di fondi, chiedono in continuazione soldi per il seminario, lamentano mancanza di risorse per la Caritas, i parroci annunciano di domenica in domenica che con le spese non ce la fanno, si paventa persino l’accorpamento della diocesi ad altra diocesi, giungendo la diocesi in questione a nemmeno 100.000 fidelium …
    Mi dispiace, ma com’è risaputo: si raccoglie, prima o dopo, ciò che s’è seminato.
    Cito anche a tal proposito Padre Ariel: “Se si bastonano i ricchi, poi non si possono aiutare i poveri, a meno che, papa e vescovi, non si mettano a batter moneta e stampare banconote”.
    Parole sante!

    1. Esimio Professore.
      Leggendola sento tra le sue righe un certo profumo delle mie zone (Napoli/Campania in generale), forse però non è così, perché tutto il mondo è paese.
      Bene ha fatto a destinare i suoi capitali come li ha destinati, evitando il potenziale rischio, non dico “certo” ma però “potenziale”, che in qualcuno dei suoi stabili finisse a vivere per “amor di zio”, il nipote nullafacente di qualche prete ben ammanicato con la curia, pagando semmai l’affitto simbolico di due lire al mese, come il nipote di un “prete curiale” che vive in un attico di 200 mq affacciato sul mare, il quale solo d’affitto estivo, in queste zone costiere non verrebbe affittato a meno di 5.000/7.000 euro al mese, secondo la bassa o alta stagione estiva, ma lui paga 110 euro al mese.
      Amor di zio” …

      1. Confesso che provo un piacere perversoquasierotico” (so che con un personaggio come p. Ariel si possono fare simil battute), quando di domenica, dentro la cesta delle elemosine, metto 10 centesimi in 10 monete da 1 centesimo.
        Mia moglie dice che sono una mente malata, ma poi anche lei ci ride.
        10 centesimi in monete da 1 centesimo è l’offerta più equa che un impenditore emiliano, cattolico nato in una famiglia cattolica, possa fare alnuovo corso”, visto che nelle chiese (almeno in quelle della nostra zona) si parla solo di poveri, di profughi, di extracomunitarisi, in effetti si parla anche dei ricchi, ma per dire quanto sono egoisti, fautori di tutte le ingiustizie sociali, e non sensibili alla pastorale di papa Francesco che vuole una chiesa povera per i poveri.
        E noi tutti (parlo ai colleghi imprenditori cattolici) dobbiamo darci da fare per impoverirla questa chiesa, ita … più di quanto la stia impoverendo il papa, noi quanto potremmo mai impoverirla?
        Basta, con le donazioni alle parrocchie per costruire i cinema parrocchiali, il campo da calcio e le sale per i giovani, le scuole materne, i centri di assistenza per le famiglie bisognosebasta con la donazione alle parrocchie di complessi al mare e in montagna per portare in colonia i figli delle famiglie che non potrebbero mai portare i loro figli un mese al mare o in montagna, etc.… satis, satis, basta con tutto questo!
        Perché anche tutti noi vogliamo una chiesa povera per i poveri!
        Quando mio nonno materno, negli anni ’50, donò un asilo alla parrocchia da lui pagato di sana pianta, dalla costruzione agli arredi interni, non immaginava certo, che domani sarebbe divenuto un alloggio pernegronimusulmani che passano le giornate attaccati agli smartphone di ultimo grido. E pernegroniintendo dire giovanottoni in una salute fisica da fare invidia a gran parte dei nostri figli, altro che profughi fuggiti dalle guerre e dalla fame, chiamateli con il loro nome: colonizzatori!
        Imprenditori cattolici di tutta l’Emilia: unitevi!
        Aiutiamo papa Francesco ad avere fino in fondo una chiesa povera per i poveri, nella quale lui, come ha dichiarato, si inginocchierebbe davanti ai poveri “Caro Christi”.
        E non entro nemmeno nel discorso basato sulla equazionepovero=buono”, perché ci sarebbe da far notte a parlare.
        Lanciate anche voi la campagna: “10 centesimi in 10 monete da 1 centesimo nella cesta della offerte”, e per quanto riguarda l’8X1000, fate come ho fatto io quest’anno: destinatelo allo Stato.

  6. Ah, questa Chiesa ormai accogliente solo a senso unico, nella quale per essere accolti e amati bisogna essere profughi sbarcati da un gommone a Lampedusa, essere semmai di rigore msulmani, visto che in quel caso arriva il Papa in persona a lavarti i piedi. Povera, povera, povera Chiesa, quanti altri figli stai perdendo, per giocare con dei non-figli che domani ti strapperanno il seno a morsi, e che una volta strappato lo sputeranno come cibo ai suini!

    Premessa: Padre Ariel conosce me e la mia storia, e può confermare che dico il vero, senza niente aggiungere e niente alterare dei fatti.
    Sono figlio unico di due genitori nati da due famiglie ricche. So che oggi, haec, nella Chiesa è un grande handicap, purtroppo porterò la mia croce sentendomi anche in colpa.

    Scuole “in” (rigorosamente da suore e religiosi), soggiorni estivi di studio presso istituzioni “in” a Londra, Paris, Madrid, Vienna a partire dai 14 aetate … eppoi liceo “in”, e ancora a seguire università alla Lumsa, durante la quale trascorrevo i periodi estivi nei campus americani, patet, “in” …
    In pratica io sarei la materializzazione, la riedizione contemporanea dello spregevolericco epulone vestito di porpora e di bisso” quod … “tutti i giorni banchettava lautamente”, cum … “un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi di quello che cadeva dalla mensa del ricco” (Luca 16, 19.31).

    Alla Lumsa, o diventi ateo, oppure ti puoi avvicinare alla fede, e io che avevo sempre avuto una fede, ma tiepida, poco a poco ebbi la mia riconversione.

    Salto adesso in avanti perché non posso scrivere un romanzo autobiografico: pensai di avere una vocazione, quod, maybe, non avevo, perciò tutto potrebbe essere andato come doveva andare. Se però, una vocazione sacerdotale, l’avessi avuta davvero? Se come dice Padre Ariel, la vocazione resta in gran parte un mistero, credo sia difficile dire si e sia difficile dire no.

    Non dico la tragedia, in casa mia, specie mio papà, che mai ricordo in tutta la vita di avere visto arrabbiato come in quel periodo, con la mamma che mi diceva … “gli farai venire un infarto”.
    Salto ancora avanti
    A 27 aetate, dopo una laurea, un dottorato e un paio di master in America, entro in un seminario, al propedeutico. E furono per me 2 mesi e 21 giorni di continue, incessati e cattive, ma veramente cattive umiliazioni.
    Capisco che il mio ceto, i miei studi, il mio vissuto, le mie abitudini e tutto ciò che vogliamo, non erano quelle dei seminaristi, ma mentre io cercavo con tutte le mie forze di adattarmi in ogni modo a loro, dalla loro parte, eorum, non intendevano fare niente per capire, per accogliere me, non si provavano nemmeno a sforzarsi un benché minimo. Per loro io ero il figlio di papà che si era messo in testa di fare il prete.

    Agli inizi del secondo mese, il padre spirituale mi disse questa esatta frase: “ma tu, che bisogno hai di diventare prete?”. Io gli risposi che non si diventa preti per bisogno e che di diventare prete non avevo proprio bisogno. E mi disse, in modo sincero, devo ammetterlo e riconoscerlo: “tu devi orientarti verso qualche antico ordine. Sii realista, i nostri seminaristi vengono tutti da famiglie molto semplici e modeste. Inutile che tu sia aperto con loro, tanto loro non si apriranno mai con te. Non vedo soluzione, a meno che il vescovo non ti mandi in un collegio romano, al quale io avrei pensato”. E li, il padre spirituale, forse non molto coraggioso, fece un errore grave, mi disse di andare io dal vescovo a chiedergli se poteva mandarmi in questo collegio romano, mentre era lui, che avrebbe dovuto farlo, ma forse pensò …. “con me reagirebbe male, con lui potrebbe reagire bene”. E invece il vescovo reagì malissimo, dicendomi che per lui non c’eranoseminaristi di prima categoria lusso e seminaristi di terza categoria popolare”. E davanti a quella risposta data anche male, io non potevo salvarmi mettendo nei guai un altro, dicendo al vescovo che avevo seguito il consiglio del padre spirituale.

    Penso che 2 mesi e 21 giorni di seminario mi abbiano offerta una lezione che mai avevo avuto nella mia vita: essere non accolto, respinto e anche umiliato, io che non avevo mai fatto questo tipo di esperienza.

    Forse ero solo un riconvertito infatuato, quod, tornato alla fede, aveva pensato di puntare al massimo, al sacerdozio. Forse non ho mai avuto una vocazione, e di questo ho cercato di auto-convincermi. Quando però prego e vedo il sacerdote celebrare la Messa, sento a volte che potrebbe non essere così. Quando vedevo Padre Ariel celebrare la Messa, io avrei voluto essere al posto suo, avrei voluto essere come lui.

    Non ho seguito il consiglio di entrare in un ordine religioso, primo, perché nel 2012, pater Arihel, che conobbi su consiglio del mio allora confessore, me lo sconsigliò, e credo abbia avuto ragione, spiegandomi che, per i miei genitori, il dramma sarebbe stato più grosso ancora.

    Il fatto che resta certo è che io ho cercato di dare il meglio di me per andare incontro ai seminaristi e al seminario, mentre loro, verso di me, hanno avuto ogni tipo di prevenzione e chiusura, solo perché ero colpevole di provenire da una famiglia ricca e di avere avuto tutto dalla vita, senza che nessuno però valutasse che, a quel tutto, io ero pronto a rinunciare. Loro, piuttosto, avrebbero dovuto chiedersi: e noi, bottom, a che cosa rinunciamo? Forse a ciò che avremmo voluto avere ma che non abbiamo mai avuto? Perchè la chiusura e l’accanimento manifestato nei miei confronti, non lo spiego proprio in altro modo.

    ma è bene chiuderla qui, e chiuderla come ho iniziato: hodie, in Ecclesia,, se non sbarchi da un gommone e se non sei un fratello musulmano da accogliere, non sei nessuno, ma proprio nessuno.

  7. carissimi.

    Non occorronoconferme”, qualsiasi sacerdote che viva e che soffra come noi la Chiesa dall’interno, in una situazione di decadenza irreversibile nella quale si è superata ormai da tempo la soglia del non-ritorno, porrebbe mai in dubbio ciò che hai scritto, tanto siamo abituati purtroppo anche a peggio.

    Come ti ho detto l’ultima volta che ci siamo visti: in situazioni come la tua, chi come me è chiamato alla vera paternità sacerdotale, non certo al filantropismo socio-politico o all’assistenzialismo sociale di bassa lega, una delle principali cose di cui soffre è la mancanza di mezzi per proteggere i propri figli.
    C’è forse di peggio, per qualsiasi genitore?
    In che animo e in che stato può trovarsi un genitore non in grado di garantire ai propri figli la sicurezza del necessario, o perlomeno del minimo indispensabile?

    Dinanzi ad alcuni casi diversi, ma più o meno simili al tuo, ho già spiegato, compreso in un mio scritto del 2015 al quale rimando chi fosse interessato ad approfondire il tema [videre QUego], ut hodie, un uomo dotato del genio e della santità di Rafael Merry del Val, non solo non sarebbe mai divenuto vescovo e cardinale, ma non sarebbe proprio diventato prete, perché non ce lo farebbero mai diventare.

    Nel corso dell’ultimo cinquantennio di storia, dinanzi alla grande crisi vocazionale degli anni Settanta, hanno fatto entrare nel nostro clero un esercito all’arrembaggio di più o menofalliti in cerca d’impiego“, nell’ipotesi migliore un esercito di mediocri, convinti che costoro potessero fungerecome cinicamente hanno pensato all’epoca non pochi vescovi – quod … “manovalanza“, sopperendo sotto la guida di altri, migliori e più dotati, alla carenza di clero ormai galoppante. Ma le cose sono andate diversamente, il cinismo è stato giustamente punito, ed in breve, questi soggetti, dopo avere favorito la distruzione di antichi e sapienti equilibri e soprattutto di ogni regola ecclesiale ed ecclesiastica, hanno fatto infine il loro grande ictus, ed oggi ci ritroviamo con rozzi e a volte improponibili soggetti assurti all’episcopato, con preti incapaci divenuti vicari generali diocesani, rettori dei seminari, parroci delle chiese cattedralie se sino a un decennio fa qualche buon elemento è riuscito a passare tra le maglie ed a diventare prete, è però finito sbattuto a fare il curato di campagna. E quando qualcuno di questi pochi sacerdoti molto validi, pur essendo stato messo a fare il curato di campagna, in quella campagna ha cominciato ad attirare molti fedeli desiderosi di poter beneficiare delle cure pastorali di un vero e buon sacerdote, non poche volte è capitato che questi buoni preti li abbiano tolti persino dalla parrocchia di campagna, lasciandoli senza incarichi pastorali, dati semmai a preti transfughi da varie diocesi del mondo che a malapena riuscivano a parlare l’italiano.

    Ripeto: abbiamo superato la soglia del non-ritorno e talvolta soffriamo per l’impotenza del tutto involuta e indesiderata che incombe su di noi, ed a causa della quale non abbiamo neppure mezzi e strumenti per proteggere i nostri figli.

    L’immagine che tu offri della Chiesa che sta perdendo i propri figli per giocare con dei non-figli che domani le strapperanno il seno a morsi, e che una volta strappato lo sputeranno come cibo ai suini, è molto bella, nella sua tragicità, ma soprattutto realistica.

    hic, noi pochi preti devoti e fedeli, cras, nella nostra vecchiaia, forse saremo i chirurghi plastici che dopo una devastante mastectomia al seno praticata a causa di un tumore con metastasi diffuse, ricostruiremo i seni alla Santa Sposa di Cristo. O perlomeno avremo concorso a formare i preti-chirurghi-plastici che dovranno portare a compimento questo intervento.

    quidem, non vorrei ritrovarmi mai a faccia a faccia con Cristo Dio a rispondere per avere favorito il carcinoma ai seni della sua Santa Sposa, perché io, al giudizio di Dio, ci credo, ed agisco quindi di conseguenza, molti pessimi vescovi e preti, sed, al giudizio di Dio temo che non ci credano proprio; e dico questo non certo per giudicare le loro coscienze, che non posso né leggere né tanto meno giudicare, ma per il semplice fatto che ciò è dimostrato alla pubblica luce del sole dal loro vivere e dal loro agire.

  8. Tentando di lasciare momentaneamente il tempo e lo spazio fuori della porta, mia moglie ed io entriamo in chiesa per la Santa Messa. Era la domenica che precedeva la commemorazione dei defunti.
    Sotto l’ambone, appoggiato tra i gradini, c’è un misterioso fagotto nero. Mi chiedo se abbia a che fare col giorno dei morti ormai prossimo, mentre il parroco procede verso l’altare seguito dai genitori dei due piccoli da battezzare.
    Tutto va avanti spettacolarmente come di consueto, tra orrendi canti ritmati dal bongo, continue spiegazioni e divertenti gag, battimani e corse del sacerdote con i neonati battezzati issati sulle braccia come trofei
    Ma ecco che, finalmente, si svela l’unico misero mistero che forse interessa ai più. Il prete, parroco di fresca nomina, ci informa che in quel fagotto, assieme alla naftalina, c’è la sua talare: una veste assurda, dice, che coprendo completamente, è stata concepita perseparareil prete dal popolo e dal mondo, farlo sentire estraneo al suo tempo, un abito che di conseguenza lui non indosserà mai più

    1. un’altro prete demente uscito col marchio a fuoco dai nostri disastrosi seminari, al quale, se una veste, anziché nera, la regalassero rossa, quella se la metterebbe anche al posto del pigiama per andare a dormire la sera; e se qualcuno osasse toccarglielas’incazzerebbe come una iena dolens, non farebbe affatto umorismo come una clericale iena ridens.
      Perché poi, questi preti in Jeans&maglione, sono la quintessenza vivente del peggiore clericalismo, a differenza di noi che portiamo la talare anche per nascondere quanto siamo visceralmente anticlericali, oltre a portarla virilmente per essere riconoscibili e in quanto tali sempre vicini al Popolo che Dio ci ha affidato.
      Comunque, più che al parroco di prima nomina, i complimenti vanno fatti tutti quanti a quel campione di vescovo che l’ha fatto prete, ed al vescovo che tra un suono di bongo e l’altro gli permette di amareggiare e di scandalizzare il Popolo di Dio.

      1. E non è un prete qualsiasi, patet,.
        Andava e veniva dalla Palestina per protestare contro Israele. Non per niente l’hanno nominato coordinatore nazionale di Pax Christi, incarico poi scaduto con la nomina a parroco

  9. «Mi domandavo: quod non magistri officiorum, quam vos description "sculettava dexteram et ad sinistram", magis quam "a" pinocchetti " (breves infra genu,)», aveva in verità un paio di … finocchietti? Quia solet,, i nostri – ahimé non pochi, Infeliciter! – confratelli che sculettano, prediligono questo modello di pantalone corto … i finocchietti».

    ______________

    leggermente omofobico?

    1. carissimi Beppe,

      le garantisco che quando tornerò a fare la spesa al mercato della frutta ed uno dei verdurai delle bancarelle mi dirà: «Padre, oggi abbiamo in offerta dei finocchi, freschi e tenerissimi», io eviterò prudentemente di rispondereed è la sacrosanta veritàche sin da bambino non mi sono mai piaciuti i finocchi. Non sono mai riusciti a farmeli mangiare in alcun modo: lessi, gratinati, arrostitiE mia madre e mio fratello possono deporre testimonianza a tal proposito.

      sed, onde evitare accuse di omofobia, risponderò al fruttivendolo: «No, gratias ago. Io non posso mangiare il feniculum vulgare».

      Se il verduraio mi dirà: « … ma che razza di giaculatoria è questa?». Risponderò: «Consulti un vocabolario di latino. Perchè in questa Europa civile si può bestemmiare Dio, Cristo la Madonna e tutti i Santi, ma se nomini per sbaglio un feniculum vulgare, rischi di apparire un tantino omofobo».

Leave a Reply