Gli esercizi alla Curia Romana. Dai predicatori ai becchini: il funerale dell’omiletica

GLI ESERCIZI ALLA CURIA ROMANA. DAI PREDICATORI AI BECCHINI: IL FUNERALE DELL’OMILETICA

[In appendice: un’omelia del Padre Ariel agli adolescenti]

..

È gravissimo che a supporto delle proprie oggettive eterodossie il Predicatore abusi degli straordinarî paradigmi cristologici quali ad esempio l’episodio della prostituta perdonata [Cf.. Lc 7, 36-48] o dell’adultera [Cf.. Gv 7,53-8,11], per mutare il tutto in altro, per liberare l’uomo ormai psicanalizzato dal complesso del peccato. Proprio come in precedenza ebbe più volte a fare il suo celebre confratello Davide Maria Turoldo, insigne e celebrata firma del quotidiano Il Manifesto del Partito Comunista, nel quale per anni scrisse editoriali destinati a piacere ai comunisti radicali ed a confondere, se non a volte a umiliare, il sentimento dei cattolici.

.

.

 

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Si narra che il Doctor Angelicus S. Thomas Aquinas,, quando si ritrovava tra le mani manoscritti contenenti concetti filosofici o teologici errati, senza sprecare alcun commento, vi disegnava di lato la testa di un asino.

.

.

asino padrone
l’asino vadove vuole il padrone

Nella mia Maremma toscana natia, un proverbio della saggezza popolare recita «L’asino va’ dove vuole il padrone», ed ancora: «L’asino si lega dove vuole il padrone».

Gli esercizi spirituali alla Curia Romana in corso di predicazione a cura del Padre Ermes Ronchi, illustre membro del turoldiano Ordine dei Servi di Maria, alla prova dei fatti è un atto di adulazione al padrone dell’asino legato – o legatosi – dove il padrone vuole.

Inutile ricordare che il Signore Gesù afferma: «Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi» [Cf.. Gv 15,15]. Tema questo già trattato in uno dei miei articoli passati [Cf.. qUI].

Non ho intenzione di fare una legittima critica approfondita e tutta rigorosamente teologica rivolta alle numerose affermazioni audaci del Predicatore, perché sono davvero tante, a partire dall’Antico Testamento sino ai Vangeli. “Lodevoleil panegirico su Adamo ed Eva, che «credono» e «non credono», proprio come se ad essere allegorico fosse non solo il racconto, ma anche l’intero contenuto. Domanda: come possono Adamo ed Eva credere o non credere a ciò che vedono, posto che Dio ce l’hanno davanti agli occhi? [Cf.. qUI]. Ben altro è infatti il problema di fondo di queste due prime creature fatte a immagine e somiglianza di Dio, che è il volersi fare simili a Dio, perprescinderepoi da Dio. E dalla loro libera e determinata ribellione nasce la rottura dell’armonia perfetta che corrompe l’umanità intera e che rende l’uomo mortale e corruttibile. Tutto questo è noto anche come peccato originale. E il peccato originale è una realtà che nasce da un atto e da un fatto reale, merita insegnarlo al Predicatore, visto che non ne parla proprio, forse perché non lo sa. Il peccato originale non è un’invenzione di Sant’Agostino, come affermano molti, né una «paura che raffigura i timori mitico-ancestrali dell’uomo», come soleva dire Karl Rahner. il Predicatore spiega che Adamo ed Eva provano «paura», anche se ad essere precisi andrebbe detto che, più che «paura», provano timore e vergogna. Ma non è questo il problema, bensì il fatto che il Predicatore non spiega l’origine di questo timore e vergogna, ma soprattutto che cosa ne consegue per loro e per tutta l’umanità. E questo è molto grave, perché è la base di partenza dell’idea totalmente errata che il predicatore ha del peccato e che di conseguenza affiora in tutta la sua predicazione, che di fatto, non facile valeant negatio, Est praedicatio insuetam, prae sodales Summo Pontifici et Romanae Curiae.

victor asinum
in risu asinum victor victor,

Casum de peccatis mortalibus in teterrima, qui est superbia, in Christiana fide dicere quod, in regimine ministerium praedicatoris, melius sese ad Curiam Romanam non praedicavimus, sed multo melius,, incipiens a primo animadversum est Christus dicit mihi amicus [Cf.. Gv 15, 9-17] et non solum est mihi "Magister". Et dominus, qui non vis blanda opulenti, et fide, et in dilectione mea,. Et hoc et illud donum est per exercitium libertatis filiorum Dei.

Ergo duo studeo, sicut idea est: Primum de eo, quod omnes, in die secunda receptui, Ecclesiastes dicit:: "Et Iuvat me sententia Bonhoeffer". Et deinde cum ad rotate Quote [Cf.. qUI].

Et ideo sicut res nobiscum: Lutherani, quod est valde haereticum, si theologus Dietrich Bonhoeffer, iam dictum est in articulo de praeterito quam cogitantis fulcimentum institutionis narratione Episcopus Secretarius Conferentiae Episcoporum Italiae [Cf.. qUI], alia "asinus" est - in figuraliter tantum, sanctum est enim caritas Dei,! - "Ubi vult, Ligatum ad Dominum,. Haereticus etiam possem contendere Bonhoeffer, tamen non potest esse bonum,; hoc quod est verum et in ipso. Tamen, docet nos quomodo sapientis magistri Ordinis Cavalcoli per censuram teologismi Karl Rahner: "Et per quod periculosissimum haeresis, rectum et verum,, finem aspersus errores doctrinales et holuscula heterodoxies ".

communicatio asinum
ars communicatio, …

deest, Non potest evidentiam et cum uno ex illis, ut litteram mittere exempla de manubrio fractura quibusdam clericis. The following example est: Item ille histrio Rocco Siffredi Porn - sed aliis nobilis ora pro partibus corporis anatome - bonum. Aliquoties vidi eum tenere in vivo television moveatur, et dicebant excessum ejus uxori interviewer respondet caritati Aloysius Gonzaga San incallidus alioqui liberos, non illi magnum est quod exponens familia, sed omnia,. etiam, Ego nunquam sententiam, Numquam ego uti exemplar amoris cognationem exercitia spiritualia in praedicatione Carmelitarum Discalceatorum. Licet etiam considerare heretico gravius ​​exemplum et exemplar usus exprimere Bonhoeffer conceptu «summa spiritualitas» in curia coram domino papa et, plus minusve «sbracati" cum clericus sectis sordide, de quo dicitur in medio eius notam dignissim subucula alba, display of a pectoralis transit pendet ferrum, ventres pigri. Et qui me: "Sed haec levia, ut custodias, et conantur?», ut mox replicherei, in Evangelium Passionis, militem Romanum noluisse, quo res nos legere, vestem pretiosam in manibus sese Iesu, videruntque facere bene in frusta tantum pannis mundis et hastas et arma, ut solent, cum miser ex sua sententia ut crucifigeretur. Quia hoc est a valde utilis caput, a summo usque deorsum in totam byssum, quod si agrum Haute lacus lusit tesseris [Cf.. Mt 27, 33-36]. Hoc est dicere, vestes imperito exauctoratus membris Curiae Romanae, sicut ubi Dominus voluerit, et asinæ alligatum, Et non posset esse, vix in pulicem foro vendidit de Porta Portese.

cantes asino
in hodierna hominum societate magnum habere est catchy vafer risu vultus dimidium saeculo, et tibi hodie

quanto peius Dicitur in quintâ Ecclesiastes, quam utiliter procedit in alto et gravi adulteratio Evangelii. et praeco, in facto,, Verbum Dei in difficili ministerio verbi instantes, Oportet considerare totum illud integrum in omnibus abyssis. ego et interficiam crustulum consummatio alium usum, qui operatur velle Evangelium sic mutatur in alium sensum verba prorsus, Nec ultra relinquatur aut secularists 'Carissimi Freemasons' Cardinalis Gianfranco Ravasi [Cf.. qUI, qUI]. Et theologicae, in gravitate, quae est ex adverso iniuriam facultatem exegesis et adulteratio gravi Nuntius, ex hoc in specie praedicationis: petatur - Recte - «Iesus non moralem", ut illi sint Pharisaei. Non est dicere:, non dico si omnia in evangelio Domini nostri Iesu Christi, quod Verbum Dei nunquam, considerans autem Jesus,, moralis, Jus habet omnes,, satis explicare simpliciter et plane: "Vos nolite putare quoniam veni solvere legem aut prophetas; Non veni solvere,, sed ad implendum " [Mt 5, 17-20].

vafer risu
callidus medium ridere mundus hodie est, et tua sunt

Ego perturbativa ut hodie, etiam in Ecclesia,, ut de introitibus "dogma", "Const", "Moralis" negative sunt in .... Omnis sacerdos, in facto,, non etiam de rudi terra, quam olim manicured - nunc similis in apparatu ad Doctoratum in S. Theologia Hodie -, dicere in re dissentiunt, Alteri loquatur: "Sed quod tu, Const ah ..., omnes hi ex abundanti dogmatism!».

Ad evidentiam igitur bonum Ecclesiastes quod sit "moralis", justo vel sui termini negativi nell'accezione, non autem sensu careat aut peccati rationem boni et mali, est sensus moralis,, demersi sunt in current omnia confuso et molasses et potens misericordia et amor pariter confuse. Viam Praedicator peccati ut levissime dicam - opinor - Credo, plerumque, sed non catholicis,.

Is est valde gravis Ecclesiastes abusus qui ad tutelam rei heterodoxies overtime Christi, ut exemplaria, ad episode de meretrice remittuntur [Cf.. Lc 7, 36-48] o dell’adultera [Cf.. Gv 7,53-8,11], per mutare il tutto in altro, ut liber, et nunc per psyched “complexus peccatum”. Proprio come in precedenza ebbe più volte a fare il suo celebre confratello Davide Maria Turoldo, insigne e celebrata firma del quotidiano Il Manifesto del Partito Comunista, nel quale per anni scrisse editoriali destinati a piacere ai comunisti radicali ed a confondere, si interdum non ignominiamque, il sentimento dei cattolici. Et ut ego dixi vobis: catholici, non Pharisaei captivitatem,.

exercet in curia, 1
exercitia spiritualia et ad Curiae Romanae, Lent 2016

inundans, pietatis formae, non specificatarum, Ecclesiastes non habitabat quod de ratione actionis divinae gratiae Christi Domini underpins, scilicet in hoc quod est meretrix,, primo et ante omnia, paenituit. Flectuntur humiles poenitentes ante Christum Dei "rigare pedes ejus, et capillis extergere est" [Cf.. Lc 7, 36-48]. Non aequum sequentis actionis suae professionis et superbus, et in peccato ejus,, nec de statu peccati de peccato suo. Hoc est opus Christi, quæ ædificátur basi suscipit, Protegit et remittat, dimittam eam in Phrase: "Fides tua te salvum fecit; abiit in pace!». Che è una vera e propria assoluzione dai peccati data da Cristo sommo ed eterno sacerdote dell’universo. Per altro verso invece l’adultera, anch’essa perdonata perché pentita, è congedata con un preciso ammonimento, di cui però non v’è traccia alcuna nei vaniloqui del Predicatore che forse, proprio come il padrone dell’asino, ha deciso di essere piùtenero” E “misericors” di Cristo stesso. Per questo dico vaniloqui, tutti e di rigore giocati sull’emotivo, sul sentimentale da ballo di murga argentina e, super omnia, sul politicamente corretto. E il monito amorevole, ed al tempo stesso severo del Signore Gesù è il seguente: «… vae d’ora in poi non peccare più» [Cf Gv 7,11]. Lo stesso monito col quale oggi i confessori possono congedare il penitente dopo la santa assoluzione sacramentale. E questo monito è il suggello che completa l’azione della grazia divina, in assenza del quale, il messaggio cristologico, finisce con l’essere mutato in altro. igitur, togliendo l’elemento iniziale del pentimento dal peccato sul quale si muove l’azione del perdono di Cristo, ed infine il fondamentale suggello finale, si metterà in scena una perfetta falsificazione del Vangelo. E se questo avviene direttamente dinanzi al Sommo Pontefice ed ai membri della Curia Romana, voi capite bene cosa il tutto voglia dire: vuol dire che da tempo siamo ormai in “felice” marcia sul carro funebre.

esercizi alla curia Muller
[particolare della foto precedente] il Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede durante gli esercizi alla Curia Romana, con una espressione che in sé dice tutto

Adesso capisco come mai, seduto in prima fila tra i presenti, spicca il volto sconsolato di quel grande e ortodosso teologo ratzingeriano del Cardinale Gerhard Ludwig Müller, che a onore del vero ritengo sia uno tra i migliori Prefetti della Congregazione per la dottrina della fede avuti dalla Chiesa nel corso degli ultimi cinquant’anni.

Ormai, tra eretici citati in gloria e discorsi costruiti su sociologismi E teologismi diffusi come metastasi dai cancri disseminati per il corpo della Chiesa da certi autori della Nouvelle Thèologiè, a predicare alla moribonda Curia Romana non chiamano più neppure i predicatori, ma direttamente i becchini, cosa sinceramente del tutto coerente col “nuovo corso”, a tratti desolante, o perlomeno ambiguo e dottrinalmente confondente.

E mentre l’insigne becchino-predicatore dava come sin qui sintetizzato il meglio di sé, questa mattina, su invito di un anziano parroco, io ricevevo da Dio la grazia di predicare a circa 300 studenti delle scuole medie inferiori, in età compresa tra gli 11 et 14 aetate. E nel farlo, lungi dal sentirmi un becchino, mi sentivo uno specialista del reparto di terapia intensiva, animato dallo scopo di tenere in qualche modo viva la fede, o perlomeno le domande sulla fede, in coloro che domani, sui cadaveri di tutti questi poveri morti oggi in trionfale marcia sul carro funebre, potranno essere i Christi fideles del futuro. Haec ratio est cur et Pater non libenter relinquo Hermes Ronchi praedicans in mortuos,, et ego, mea, Semper vivens ad praedicandum commissum.

.

Dall’Insula, quæ appellatur Patmos, 9 March 2016

.

______________________

.

.

LITURGIA VERBI IN DIEM [videre qui] Homilia in junior princeps schola alumni

.

[…] scire grata ad Deum, qui te communicat,, discere communicare cum amore et misericordia Dei, Dei, "qui patiens multae misericordiae". Sed quamvis amoris ignis ardens in saecula, ab hoc non sit omnino gratuita omne malum iram sumptus eligentium, in loco quem elegerit, ut in infinitum,

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

PDF Print Article

.

Benedictus Iesus Christus,!

rusticatio 1
vestes, taceant ad uestibulum paradisi …

Psalmus responsorius in eadem una crebris legimus intermittitur: "Miserator et misericors Dominus". Ut vere intellegat, accommodare ut quales sumus nos ad alios deferre, id est, ut communicet cum nostris, necesse est usu vocabuli. Sed hoc exigit usus,, tuum, scientiam veram et realem verborum, Ergo eadem usus apte positum et proprie.

Sicut vos scitis, modern technology, melius vobis utile esse te et circa, Sed, infeliciter,, Lorem motus saepe ingenia et affectus communicare. Cogitare, sed super vos interroget, cur hodie, nos optima media instructior, maximis difficultatibus adfectus communicationem adolescentibus, sensibus, sententias?

rusticatio 2
vestes, taceant ad uestibulum paradisi …

Forsitan aetatis populo meo, [habere 52 aetate] tibi in hoc genere maxime proficit. pro exemplo,, Haec est prima aetas amores. Credite mihi nescio quid sit, quia bis in mediocris aetatis mensem adamavit; et parentes semper Wild Grass, et sicut solent ad 12/13 aetate. Tunc est quaestio naturalem communicationem: eGO, teenager cum essem, Et ad viam inveniam, facies, uera uocabula ad me facerem beatiorem studia diligens. Quae communicatio fuit, et quatientes, cum conscientia: Si minus alterius affectus communicare, affectus nostri non potest intelligi,, ergo non potest; et qui alit affectu vis amoris, accommodatum est, retribuentibus, dilexit. Et quid factum est? Magis minusve: sicut etiam dicitur de istis elementis communicationis vernum ictibus ingenio qui intendit ut in casu videtur quod omnia, accessit quod forte evenit ut de schola gym contingit nisi in elit et ..., Et circa angulum venisset erro, constat passim,. Et sicut passim apud me in facie ejus, et SOMNICULOSUS Cupidinis aura,, aut, si tibi placet frigus, pisces,. Et mel, et fudit voce dixit:: "Bonum mane,, sed videte, qui hic est ". sicut: EH, iocos, quod facit in se! Et iterum, si non occurrit - per casum, quod - schola. tum, In blandit mauris poterat, secundum ad subitis situ ex adiunctis et tali, hoc genus in oblivione: "Ego nullam invenio in eo commentarius et ne ultra memineris elit studere historia magister dedit nobis,. Ex causa quia ille natus est a colloquio quadraginta minuta. Denique mater mea me vehementer quaeritur domum petere posse, blurting: "Vicies volui dicere, sed semper fuit occupatus". Et respondens mater mea: "Patientes, Maria conturbati filius tuus!».

rusticatio 3
vestes, taceant ad uestibulum paradisi …

Nunc te, quod hoc in naturali,, humani animi, et "loqui" gestu,, aspectus, , et verba etiam causis ingeniose constituebant, et a whatsapp uel SMS cui inscriptum procul: "TVB", quod est cogitare ea Te amo, non est multum de differentia,. filii carissimi,: non potest communicare in hydria “TVB” et Smilies ridentem vel tristes, nec potest, a communi enim manuum mittens imagines de sententia displicere levatum vel prostratum, humana relationes, quod non est incongrua, cum tribus verbis, et producunt wathsapp, aut imaginem animo missus SMS. Humana relationes reales sunt futura esse, et respectu rei praesentis,, quae et ipsa in vita vivet, non virtualis. Est enim vita tua fiat coniunctionis, Nulla misit cum paucis metris SMS quin ei qui es in conspectu cordis pulsu. Et haec sunt quae in communicatio inter homines. Probantes et socius socium uel custodire conantur dicere oculus "te amo", cellam phone mittentis animum non parum decem metris.

rusticatio 4
vestes, taceant ad uestibulum paradisi …

dedit, olim definitum in Catechismo breve et efficax sententia in ipsum: «Deus est ens perfectissimum creatorem caeli et terrae", Aeternumque interioribus est perfectio voluntatis communicatio; quia Deus revelavit et maxime communique quia qui coepit in tempore,. Cogita modo revelet originale Mosi: Quae per rubum ardentem animum trahit eum in oculis eius sed et non conbureretur [Est Cf. 3:1-4:17]. Quod si putatis circa eam, signum etiam alia significatio rubus ustione sine consumptione. in facto,, sed in ignem aeternum pumicibus, Signumque Dei aeternus inextinguibili.

Ad unum punctum, humana historia, Creatorem caeli et terrae est, visibilium omnium et invisibilium;, ad comunicarsi ut vivant, et in via et omnem humanum figmentum: Deus homo factus est,, corpore adverso stabat, a facie, a voce, quod est Christus Iesus. In eo, ardens igne flammae rubi a caritate Dei quae est homini inextinguibili, Iesus Christus ad nos, Verbum Dei factus est homo, agnus mundus a peccato mundat, ut sacrificium in cruce pro homine ardenti amore, in igne zeli ejus devorabitur omnis vivens ad redimendum genus humanum a peccatis. Et iterum, Deus magnus, et misericors,, et ignis ardens caritatis quam consumptum est.

Missa puer 2
iuvenum Scholárum adventum ad Ecclesiae,

ante doctrinam, et a Deo, id est, communicat ita extra hominem,, possiamo noi trasmetterci umanità, sentimento, amore, con un freddo cuoricino spedito via SMS?

Quando il salmista, cantando la misericordia di Dio, ci annuncia che «Il Signore è vicino a chiunque lo invoca» [autem 144, 3] con quelle parole vuol dire questo: Dominus, che si comunica e che si rivela all’uomo attraverso numerosi segni, desidera che l’uomo comunichi con lui.

Missa puer 1
iuvenum Scholárum adventum ad Ecclesiae,

E Cristo Signore, prima di morire e risorgere dai morti, prima di salire al cielo dove oggi siede alla destra del Padre, ci ha lasciato un altro grande dono: l’Eucaristia. E nel grande mistero dell’Eucaristia, il Signore Gesù è veramente vivo e presente tra noi attraverso i segni del pane e del vino che divengono suo corpo e suo sangue vivo. Sotto le specie consacrate del pane e del vino, Cristo stesso, vivente e glorioso, è infatti presente in maniera vera, reale e sostanziale, il suo Corpo e Sangue con la sua anima e divinità [Cf.. CCC, 1413].

Tutti questi doni di Dio Padre che continua a comunicarsi all’uomo sono racchiusi in una sola parola: Misericordia. Quella «misericordia di Dio» che come canta il salmista «si espande a tutte le sue creature» [autem 144, 1].

Missa puer 3
la Sacra Celebrazione Eucaristica

Attenzione però, il salmista, cantando la divina Misericordia, ci avvisa anche che Dio è «lento all’ira e grande nell’amore». E voi capite bene che essere «lenti», non vuol dire essere «privi di ira». Voi tutti che avete ricevuto i Sacramenti di grazia, che avete fatto la Prima Comunione e molti di voi anche la Cresima, quando recitate la professione di fede – il Credo – assieme a tutta l’assemblea del Popolo di Dio affermate che Cristo «giorno tornerà nella gloria per giudicare i vivi e i morti».

Non sfidiamo quindi l’amore di Dio e la sua infinita misericordia, perché Dio è anche divino giudice, al quale un giorno tutti noi – io per primo molto più di voi – dovremo rendere conto delle nostre azioni.

Nel Vangelo del beato apostolo Giovanni che abbiamo letto [Cf.. 5, 17-30], Cristo Signore afferma: «Chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. amen, in verità io vi dico: viene l’ora [...] in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno».

Messa giovani 5
un ricordo con alcuni giovani scolari

Per questo vi dico: imparate ad accogliere Dio che si communicat a voi, discere communicare cum amore et misericordia Dei, Dei, "qui patiens multae misericordiae". Sed quamvis amoris ignis ardens in saecula, ab hoc non sit omnino gratuita omne malum iram sumptus eligentium, anziché scegliere quella sua infinita misericordia che parte dal roveto ardente di Mosè che brucia e che non si consuma, per giungere sino al Figlio Unigenito di Dio, Cristo Signore, che per amore dell’umanità brucia e consuma la propria passione sulla croce per la salvezza dell’umanità. E il terzo giorno è risuscitato secondo le scritture, nel mistero di quella Pasqua che tra poco vivremo nel ricordo di Cristo Signore, che per noi e morto e che per noi è risorto. E sul grande mistero del Cristo risorto che vince la morte, si regge l’intero grande mistero della nostra fede: Cristo Dio, l’Agnello Vittorioso, che vince la morte e che ci chiama tutti alla vita nel suo Regno che non avrà fine. haec, i sentimenti cristiani con i quali vi esorto a vivere tra poco il grande mistero della Pasqua di risurrezione.

Benedictus Iesus Christus,!

.

.

.

.

About isoladipatmos

3 cogitationes on "Gli esercizi alla Curia Romana. Dai predicatori ai becchini: il funerale dell’omiletica

  1. "in facto,, sed in ignem aeternum pumicibus, Signumque Dei aeternus inextinguibili."

    Il mio parroco invece spiegando questa lettura ha parlato di fughe di gas naturale come causa della combustione del roveto, e la suggestione di Mosé dinanzi a questo spettacolo come causa di ogni cosa riportata in questo testo biblico. Poi il resto non l’ho ascoltato… Sai che delusione! Me l’avevano spacciata all’inizio come parola di Dio !!

    1. Caro Mattia.

      Se oltre a predicare queste cose, il parroco in questione parla anche di poveri, di povertà, dei poveri al centro della Chiesa; se poi apre un centro di accoglienza per profughi e se viaggia per le “periferie esistenziali”, qualora avesse sui cinquant’anni d’età, tra poco potrebbero farlo anche vescovo, i requisiti richiesti sembrano esserci proprio tutti.

  2. Che sensazione di smarrimento nel vedere chiuse questo sabato Santo le chiese. Nostro Signore Gesù Cristo ha lasciato questo mondo con la promessa e la gioia della Sua resurrezione. Sono attimi di angoscia i giorni della Sua Passione e Morte è uno stato d’animo di solitudine, vagare per le strade sconfortati, ma la Fede ci rincuora, ci fa capire che tutto non è finito e che si avvicina un grande giorno. E’ il giorno della Vittoria, della Gloria. Non è il giorno del menzognero sin dall’inizio che ha sperato inutilmente nella sconfitta definitiva di Cristo. E’ un giorno di solitudine, ma di immensa Speranza; un giorno di annuncio alle care persone vive e defunte che tutto non è finito, ma è solo l’inizio del trionfo di Cristo con l’istituzione del Sacerdozio e della SS Eucarestia. Questa è la vera Pace, questa è la vera Carità, nel riconoscere che non siamo perduti e che Lui ci ama. Voglia questo giorno di gloria della SS Pasqua effondere in Voi carissimi padri la gioia di emulare il Cristo, di non permettere a noi cristiani di sentirci smarriti, soprattutto in questo periodo di grave confusione politica, morale e religiosa. E’ attraverso voi che l’immagine di Cristo è viva
    Confortateci, parlateci sempre della Verità, respingete ogni eresia, teneteci saldi nella fede e fateci comprendere dov’è l’errore affinchè possiamo testimoniare il Cristo. Auguri di una Santa Pasqua e che Iddio vi benedica.

Leave a Reply