Biffi Iacobus et ratio “essentia malum,”

Et ideam GIACOMO Biffi Natura mali

Mortuo Iacobo Occasione Patrum Biffi’Insula, quæ appellatur Patmos Rotundationem utrarumque manuum et eius opera quia quasdam sententias [qUI, qUI], quod hodie est, sunt quidam de mph, quod quia primum non arguere, Cardinalis est conceptio rei idea mali praesupponitur.


Author Cavalcoli OP
auctor
Giovanni Cavalcoli OP

 

 

Cover Biffi
opus Giacomo Biffi [Ed. Cantagalli]

In Libro Iacobus Cardinalis Biffi "Cardinalis, et Italicae Liber digressiones" [1] Lego de essentia malum cogitationum, inebriasti me non plane. Quidem, et primum in metaphysica Solov'ev, qui videns res in "totum-Uni", Definit Biffi "figura veritatis venire», malum est quod "separates" ex omnibus: "Malum igitur est per se divisio et separatio, quia est ex IMPEDIMENTUM “unitotalità”. periculum, in hoc,, Est malum quod cogitare forisfactum vel totum edictum, et postquam omnia omnium remedium sequatur, quod ipsa recuperat, et habeat celebre "apocatastasis" Origenis ab Ecclesia reprobatae. si pro, ut videbimus,, Malum autem est privatio ontologicam ex voluntate creaturae, ergo vultis recipere christianam, quod remedium mali est simplex reditum, sed Otium obtulit Deo, per peccatori, quod offerat, sed, et ad omnes,, occurrat in aliquo absoluto, et resistentiam immutabilium.

Apocalypse draco
mysterium mali, pictum draconem in Apocalypsi,

Et ad divinum auxilium non autem ad malum omni creaturae, sed nisi qui accipit. In christiana non est reversus ad creaturas omnes,, quae est, ut Deus,, non quod Deus non possit eas, sed quia non. In christiana in quaestione de malo facit exoriri posse liberum arbitrium creaturae, potest eligere malum,, quod est de iure divino omnino detrahas et irreparabile tempus.

Visio Origenist, sed, similiter ut Plotinus, omnia ab uno et ad unum, et ad omnia quae a toto Omnes, Et magnifico est fascinating, sed cum fidei deviat, quod providet supplicium damnatorum. In interpretandi verbum Dei, oportet incipere ab idea, quam pulchra, et sublimius, et vultis inducere ad illam vim verbi Dei in ipso; sed, Sed contra est, quod opus est,, quantum fieri potest,, cogita in verbo Dei,. Hic est qui verus est theologia,; altera est, digesti. reliqua, sicut in aliis religionibus,, inopia rationes convenientiae vel aeterna praemia suscipere poenam in futuro [2].

Claudia, Rogge Inferno, Purgatorio, I, MMXI-Diasec CLXVIII cm-x-CCXV,
pictum inferni [a Claudia Rogge]

amen, concepimus malum ut aut a proprietate entis, quae separatim de toto cuius est totum, non me commoveat. Haec nempe illa mala ab Ecclesia; quod malum est organum animatum corpus separatum; Iniquum enim est oratio ex contextu efficit sensum extrapolate, et ita in. Atqui longe altius malum, pertinet,, ut videbimus,, ad radices.

Mitigant vel mitigare facie enim malitiae collectus est idea, in quibus malum et cogitare videatur quasi evanescit prorsus solutio et solacio dignior infinita bonitate Dei; re consideretur bonitas malum in facie apparet, cum in re ipsa non dissimulatis. Si enim Deus est potentior aequo ostendit rationem ultimi radix.

Quod non prius mihi persuadere quod est conceptio rei in malum idea praesupposita Cardinalis Biffi. Et primo considerandum est quod est unum et solum Deum. Totalitatem virtutis influentiam, non «forma veritatis venire» de oratione, sed esse divinum,. Sed Deus est omnino simplex et infinita in singulari numero. Omnis perfectionis continet virtute infinitum secundum essentiam, quod effectus causae in se continet virtualiter omnes. Et hoc modo potest dici quod Deus sit "omnia" [Domine 43,27]. Praeter haec periculum pantheismi: Si res est, totum est a Deo Uni et unitotality, ergo Deus vere est,. etiam, nihil potest esse extra unitotality; non, Non est totum. sed, si malum "significat separationem" et ex tota, nihil est mali,. Vel dicendum quod ad hoc quod sit in re, id est in universitatem, malum, sed separationem, Esse adhuc in hoc coetu. Sed si hoc est totum, ergo malum sit in Deo,. in brevi, ex hac visione Solov'ev, appropriari Biffi, multa vitia nasci.

Philippus de templo ejecit draco San Hierapoli
Philippus de templo ejecit draco San Hierapoli [Filippino Lippi de Prato, XVI sec.]

malum, quidem, Est, non esse. tamen. Ita bonum in re quodammodo, id est in universitatem, non intelligitur Divinus totam, cum in Deo nihil malum, sed in totum plurium,, in sensu transcendentali, scilicet universitatis rerum,, ubi enim malum est,. Quod si haec distinctio non, Et desinens cadens in pantheismi. Et tragicus fit et insolubili quaestione: vel non esse malum,, quia Deus est bonus,; seu ponere vult malum, Coguntur ponere in Deo. etiam, si enim totum uni,, ut sit, dedit, malum non potest esse "lapsum" Deum, aut adiectum aut decrementum casu deorum. Quod malum non sit a Deo,, sed in creatura,. Aut creatura est remotio a statu normality, Adam in statu innocentiae privatur.

Certe in rationali creatura, peccando si separa da Dio: sed malum non facit "temporis" deorum, quia creatura,, quamvis in peccatum, reductionem seu forisfacture non est divinitas,, sed res a Deo ex nihilo,, quod non est per se bonum et malum "deficiens a Deo", sed mala voluntate sua. Certe opponit digredietur a Deo et, sed non secundum divinitatem amissionem originalis corruptionis a quo enim. dedit, in partum a creaturam peccabilem, licet, labitur deficere, non omnino non est ab ipso, perfectionis et bonitatis infinitus est sed semper.

Deus idolum
Deo Patri sit idolum …

Omnia ut a re, sed, altiore, Est ergo de Deo et creaturis. Certe omne quod est totum. Sed non omne unicum, in unum, sicut tota summa esset, ut posset dicere,: omne malum vel aliquod individuum,.

Neque enim divina totam, omnino indivisibile,. Sed tota res est statuto: Dei et creaturae. Illud quoque falsum est "plena" copia rerum, quomodo Bontadini, quia quod est unum dat ideam de agente, instituta esse, quæ esset partes. Tota veritas est quaedam substantia singularis, ut qui credebant Spinoza, et omne Divinum,, quorum pars aut in institutis sunt viæ, Set non est de substantia, quorum utrumque est divisibile est integer et ab aliis distincta, una sub altera coniuncta unam supremam regulam divinae indivisibilem entitatem.

Veritatem totius universitatis a paro of all, It is all in all, quodlibet aliud ex toto sequendum est alterius. Hoc totum non sine divino contraria ab universitate creaturae. Ad tertium dicendum quod creaturae creatura, Sed loquitur de a toto in modo multifaceted, differentietur, analog. Ratio ergo est aliud omnibus omnia ontologicum et transcendentem metaphysicae sive substantiales. Haec omnia creata potest esse divinum pleneque. Ex omnibus rebus Metaphysicum: Dei et creaturae, set omne quod est in ordine, ie substantiae,.

et omnia
totius …

Totus rebus Sed etiam Deo et creatura,. Si ergo Deus sit pars totius dialectice, licet ontologice omnia et super omnia,, multo perfectiori integritate totius simul corpus,. Quaelibet res creata sit pars substantialis creaturae, quamvis finitum sit nimium. Ens est ens per participationem, Ars quae est de ratione virtutis dependent.

Ex his patet,, ab interpretibus visum theologicam metaphysicam Biffi, Deinde considerandum est quomodo potes essentiam videat malum. Non considerat rationem ontologicam, sicut malum, privatio boni debiti, in Aristotelem ὑστέρησις [hysteresis, “mora”], sed id, quatenus non ad TURBAMENTUM in perturbatione aut rerum in se perfectum et bonum,. Suus 'aliquantulus sicut artificiata fit collectio, quo fur subtrahitur. Semper artificiatorum, quod tamen non est in locum suum.

separationem
separationem, by Antonio Munch

et malum,, secundum Biffi, actus abductam ab omni parte ac in toto certamine. Pars una conterens. nunc, Non arbitror hoc verbo, se sane valet,, realiter essentiam capit radix. in facto,, non tantum habet rationem mali radicitus compositionem partium in ordine, sed ex defectu integritatis seu perfectionem entis. Malum enim est corruptio rei, ad finem, in Latin, res ipsa morte.

Non solum ex discordia mala Sed quantum ad separationem sive divisionem aut totum aut statuto, sed potius de plano, enim non-esse,. Deficiunt antequam mali separentur ab omni parte. Malum coram te sequi motum corporis substantia situs est, ut ad alias entitates. Et quod malum est. Sed in eo quod sit defectus boni in se. Simplex est ens, sed quod est non esse, et non esse. Et potest esse defectus spiritus: intellectus et voluntas,. Ergo malum culpae,, peccatum. Vel potest pati ab eo. Et sic malum poenae. Si haec sententia vera est,, tunc enim a bono,; si iniusta est, Hoc supponit culpam in vestibulo, ad hoc quod poena, Quod malum removendum sit,. Ceterum quod malum est privatio.

mortem et malum
cum mors sit malum, …

Quid mali est in Bibliis ad mortem. Malum vitae et suppressionem vitae odio. Christum vocat diaboli, cuius mali originem ex peccato, "Homicida erat ab initio". Culpa est malum iniustitia, nec ultra imperium divinae iustitiae. Poena mali est,, sed suus 'a bonum malum, quod bonum est malum punitur. Aeternitatem infernale supplicium aeternum esse ob.

S. Thomas dicit, laetabitur iustus in coelo ad poenam damnatorum. Iustum est victima cognationem cum terrore homicida gaudeat perpetuo carceri damnatus. Non ut nos justitia,, sed tantum, quia, ut docet identidem Vulgate, Vindicta pertinet ad Deum, [cf per eam. rm 12,19]. Sicut in damnatis,, Non habet querelam, Sed si malum a quo ordinatur affligitur suarum. malum, tum, clivo est non, ut, sperare posse impune captans benignitas Dei.

Dum scilicet discretionem boni ac mali, ut damnet omnem duplicitatem, Christiana confitetur malum sit bonum,: iusta poena,. Malum est, malum non punitur ut. Crux bono malum; nisi a malo. Fuge malum est in cruce. Ad sustinere bonum est in cruce. Ita hic, quod nella christiana malum desinit in fine temporum victus in bonis operibus. Sed poena aeterna manent manifestationem divinae iustitiae. igitur, per "recapitulationem omnium rerum in Christo", de quo S. Paulus loquitur, [Si 1,10] Quod non potest intelligi in sensu Origenist unitotality fracti recomposition, et quod malum totaliter tollitur. Nec par Revelationis, quod providet retributio bonorum et retributionem peccatorum videbis. Sublatus est malum culpae, sed malum poenae,.

recapitulatio
recapitulationem omnium rerum in Christo …

De unitotalità, quod Divinum non sit in rerum natura rerum, non viene affatto infranta dal male e quindi non ha bisogno di ricomporsi. Essa non decade da se stessa, ma resta sempre intatta ed inviolabile. In Dio il male è totalmente assente. Invece il piano divino della salvezza non prevede l’eliminazione della colpa in tutti gli uomini, ma solo nei predestinati. Anche la volontà dei reprobi, tum, ostinatamente ed irreversibilmente ribelle a Dio, concorre all’ordine dell’universo mostrando come Dio può trarre il bene anche dal male.

La ricapitolazione voluta dal Padre e compiuta da Cristo significa dunque che il Padre ha sottomesso a Cristo tutte le cose [cf v.22], sì che “ogni ginocchio si pieghi davanti a Cristo nei cieli, sulla terra e sotto terra” [in 2,10]. Cristo è però il Salvatore del mondo non nel senso che tutti si salvano, ma nel senso che Egli ha offerto a tutti la possibilità della salvezza, alla quale però alcuni per loro colpa si sottraggono, meritando la giusta pena.

Per sua espressa dichiarazione, Cristo ha quindi la funzione di Giudice escatologico, che “separa le pecore dai capri”. Questa ricapitolazione, tum, non va intesa nel senso origenista come convergenza finale di tutte le cose verso Cristo, sì che il male scompaia completamente. Ma tale convergenza rappresenta invece la Signoria di Cristo sul paradiso e sull’inferno. L’idea di un Cristo ricapitolatore che ricompone l’unità in modo tale che nulla resti al di fuori in opposizione a questa unità (i dannati), può avere un suo fascino, ma non è cristiana; è un’idea gnostica, contraria al Vangelo e all’insegnamento della Chiesa. Dato che questa “unitotalità” suppone uno sfondo panteistico, si comprende che ad essa ripugni ammettere il male in Dio. Ma in una concezione metafisica pluralistica e non monistica, non fa difficoltà ammettere accanto e sotto a Dio, libero dal male, il libero arbitrio della creatura peccatrice.

dannazione eterna
la dannazione eterna è una scelta dell’uomo

Nella visione cristiana l’evento del male comporta in certi casi (la dannazione) una separazione definitiva del peccatore dal Tutto, ossia da Dio, benché questa separazione, permessa da Dio, non comporti in Dio alcun difetto o colpa, ma la responsabilità dell’atto ricada completamente sul peccatore. Questo vuol dire che la visione cristiana della totalità lascia uno spazio al male non in Dio ovviamente, ma nel creato a testimoniare il dominio di Dio sul male, quel Dio, che avendo creato anche chi si danna, continua ad amarlo con la sua provvidenza.

Il fatto che alcuni non si salvino — come è attestato dalla Rivelazione — non è il segno di una qualche imperfezione nell’opera della salvezza. Infatti Cristo ci mette in mano i mezzi per salvarci; ma non possiamo in effetti salvarci se non collaboriamo con la grazia salvifica. Il che vuol dire che il male fatto dal dannato non viene riparato, ma resta solo a testimoniare la giustizia punitiva divina la quale, anche in questa situazione estrema, non è separata, et S. Thoma, dalla misericordia.

Pantocrator Christi Cathedral Cefalu
il Cristo Pantocratore [Cattedrale di Cefalù]

Ogni uomo rende gloria a Cristo, anche coloro che sono “sotto terra”, ossia all’inferno. La privazione del bene dovuto resta dunque in eterno nella volontà dei dannati, segnata dalla sanzione della divina giustizia. L’opera della salvezza non si limita a riordinare ciò che era disordinato, a riunificare ciò che era diviso, a riconciliare ciò che era in contrasto, ma comporta una vera e propria opera creatrice: ridare l’essere a ciò che ne era privo: tale è il perdono dei peccati, il riscatto dei poveri, la consolazione degli afflitti, la misericordia per i miseri, la liberazione dei prigionieri, la risurrezione dei morti. Tuttavia anche laddove il peccato non è perdonato, si manifesta il bene della divina giustizia.

in finem, è impossibile comprendere l’essenza profonda del male e quindi della potenza di Dio nel toglierlo, senza una metafisica della creazione. La vittoria sul male è una nuova creazione. Il vedere il male solo legato a una disarmonia, non ci dà sufficientemente l’idea del male così come ci è chiarita dalla Rivelazione. E non ci dà un’idea sufficiente della potenza salvifica divina. Tanto meno il male può essere concepito come un decadere dalla o della divinità o un fatto interno alla divinità o un momento dialettico del divenire divino. E quindi la salvezza non è neppure una ricostituzione della divinità. Nella visione cristiana il fatto che Dio si incarni non vuol dire che Dio si sporchi nella vicenda del male: ille, purissimo ed innocentissimo, lo conosce meglio di noi e lo abborre più di noi. Per questo ci ha dato suo Figlio che ci libera dal male, ma che è anche Giudice dei vivi e dei morti. Nella visione cristiana la nozione del male suppone quella del non-essere e quindi da una parte la privatio e dall’altra quella del nulla, quod ex quo Deus. Se in alcuni uomini resta in eterno la privatio, ciò non smentisce l’infinita misericordia, potenza e bontà di Dio, ma rappresenta un segno del potere di Dio sugli inferi e sulla morte.

Varazze, 23 July 2015

__________________________

NOTA

[1] Cantagalli, Senis, 2007, p.524.

[2] Cf libro meo infernum est,. Quod negatur, fides editions&cultura, Verona 2010.

About isoladipatmos

In una cogitatione "Biffi Iacobus et ratio “essentia malum,”

  1. Biffi: Sarebbe onesto riconoscere che ciascuno ha i suoi dogmatismi, e li ritiene indiscutibili, mentre biasima fieramente quelli degli altri
    Cito da http://www.paginecattoliche.it/modules.php?name=News&file=article&sid=223
    L’ “unitotalità” è dunque la forma della verità dell’essere; e pertanto le cose separateconsiderate proprio come separate – Ego sum “vere”. Il male è perciò essenzialmente divisione e separazione, perché è decadenza dalla “unitotalità”.
    .. tutto questo ragionamento più che offrire delle asserzioni si risolve in una richiesta: l’uomo cerca e postula che ci sia un principio unificante di tutto, diversamente tutto si spezzetta e si banalizza; ed egli si sente scompaginato e perso. L’evento cristiano è la risposta di Dio a questa fondamentale domanda dell’uomo. La risposta è la realtà di Gesù Cristo, “nel quale tutte le cose sussistono” (Col. 1, 17). Gesù è l’unico Salvatore del mondo, heri, oggi e sempre, proprio in quanto è il principio compaginatore di tutto ciò che esiste e il senso onnicomprensivo di tutto ciò che avviene: “In Lui sono state create tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra” (Col. 1, 16).
    Ergo i vostri pensieri collimano.
    E Biffi con umiltà conclude:
    “Pensare è faticoso e talvolta è addirittura spossante, anche perché è molto di più ciò che non si capisce di ciò che si arriva a capire. “Hanc occupationem pessimam dedit Deus filiis hominum, ut occuparentur in ea” (Eccle 1,13), dice il Qoelet , sempre incoraggiante.
    “Occupazione pessima”, ma ci viene da Dio; E, se si conserva illibata l’onestà intellettuale, porta immancabilmente a Dio. Pensare è, sicut vidisti, più che altro indagare; è più che altro anelare alla verità; è più che altro implorare la luce. Pensare, bottom, è pregare.
    Pensando, imploriamo una luce che ci è già stata donata, come dice il Prologo di Giovanni : “Venne la luce vera, quella che illumina ogni uomo” (cf Mt 1, 9)."

Leave a Reply