Descendit ad inferos. Ibi vere sunt caelum et infernum; ?

— Settimana Santa —

Et descendens AD INFEROS. IN INFERNO et realiter ?

.

"Haec descensus de anima Iesu neque excogitari posse locorum in itinere, locus, ex continenti ad. Profectus est animae […] Hoc est verbum Domini ex descensum Christi ad inferos maxime in praeter effectum dico quod ab Iesu, quod non primo anno Redemptionis efficaciam ex nulla aut triginta, sed etiam ad praeteritorum, amplectitur praeter, omnes omnium temporum ' [S, S,. Benedict XVI, Quaestiones de Iesu, progressio Et Imago eius, 22 January 2011]

.

auctor
John Cavalcoli, o.p.

.

.

PDF intervista formato stampa

.

MAURIZIO GASPARI - multa inferos non creditis, non alias alii ponunt aeternitatem et inanis. Et similiter Angelus peccare. Multi enim est Ecclesia Catholico et infinitis miscuerit quaestionibus vivere quasi Deus non est, Caelo et Inferno, sicut et nobis errores. Ad temptare explicare possunt quam quod bonum Deus permittit Christiano tales motus angeli, propagationem in malum, et esse inferos et paradisum, Pater Giovanni Cavalcoli, Ordinis, qui scripsit in libro et published: existit inferos. Quod negatur [Cf.. qUI]. Pater Joannes Dominicus Bononiensis De Studio Cavalcoli est metaphysica magister in theologia et in Facultate Theologica Nomina Systematica Aemilia et Romania,. Officialis ex Secretaria Status, 1982 omnes 1990, Dominio Papali sit academic 1992. Author of librorum et infit numerosis, Formationem exequitur intensum.

ZENIT, 29 March 2010

.

.

Nam et civili quoque ambitu inveniuntur aliqui credentes inferos non est. Hoc autem per invention. Quid autem vobis videtur in ea?

.

Descensus ad inferos Tintoretto
Tintoretto, Descensus Christi ad inferos

In civili quoque ambitu inveniuntur quae fidem amisit et in futuro, Sive illud suus 'caelum et infernum;. Et quaedam quidem in modum alterum saecularismi contentionem quidam credentes quod valde dolendum invasit, quod, Bene omnia sunt locuti futura est, Et hoc modo est porta paradisi reserabitur. Et hoc est quod dicitur, mentis habitu -sentio bonum, ita mirum non est,, secundum haec trends, Infernum est invention. quidem, sicut ostensum est enim in libro, Infernum non est inventio, sed est verum fidei a docuit Dominus noster Iesus Christus, in Novum Testamentum, a Sacra Traditio et consilia. Sic suus 'a materia eorum quae divinitus revelantur, ut eidem praesto sint custodia et doctrina.

.

Ex quo existit id de asserit inferos?

.

Doctrina doctrinae est infernum,. nunc, theologia autem rationes non sunt sensibilia, Verba autem sunt in Christo Iesu, qua vos can tantum ex fide Jesu Christi, et acceptabilis erit atque in ecclesia quae intelliguntur per verba Christi,.

.

Ibi vere sunt caelum et infernum;?

.

Ex parte, sunt enim topics. Ego mentionem hic nisi unus [Cf.. iterum. 33 Infernum de libro meo:], quam puto potissimum, quia illud quod invenitur in Concilio Vaticano II, [Lumen gentium, n:. 48] et promulgato Catechismo Catholicae Ecclesiae [n:. 1034]. Hoc est, gradus Matthaeus [Cf.. 25, 31-46] in qua Jesus Christus, sed ille non in sola possibilitate damnatio, sed solum id quod providet et esse quo affliguntur damnati,.

.

Ubi et quando natus inferos?

.

Ad quaestionem respondendum est, Deinde considerandum est quid sit prorsus inferos. quod, de viris, Habet praevaricari cuiquam liceat rejectionem obtulerunt miserere nobis ad Patrem per Jesum Christum, Filius Dei. In hoc sensu,, possumus dicere quod damnatio ab inferno fieret de adventu Christi. sed, considerata peccatum principio creationis angelorum, Iam enim infernus [Cf.. Mt 25,41; 2 Pe 2,4].

.

Ubi natus inferos?

.

Nam angeli, sicut peccatorum, ut prius in, Nos potest dicere natus in caelis, unde sunt praecipitati [vos 12,8]. De filiis hominum, Infernum in hoc mundo, ubi natus est Iesus qui reprobatus.

.

Non est praesens in terris, sive afterlife?

.

Ex una doctrina christiana morum profanorum gooder,, Si autem aliquis dicere possit 'Inferno', Et hoc modo existit in hac terra, Impii autem secundum quod est poena tantum hic et ibi tota paradiso. Est et alia ratio, prorsus paganus, doloribus inferni iuxta quod etiam pertinet ad statum esse innocentem opprimi superbum. Dum in hoc secundo casu verbum «infernum" enim in alio modo,, casu aliqua veritas, sicut peccatum mortale statu prius sit in sensu inferos. Sed haec ratio ad constantiam praedicationis, quod praevaricari cuiquam liceat plenitudo infernale et est tantum homines post mortem. autem, omnis homo, Licet ante mortem poenitet, Potest iterum constituetur in statum gratiam Christi, quibus, statu perseverat usque ad mortem, potest vitare inferos.

.

Quod scriptura dicit de?

.

Gravissimus est vox illa Domini nostri Iesu Christi. In illo invenimus in alia resonare ad Novum Testamentum libri de, et maxime in Apocalypsis, in quo habemus visionem magnam de ultima Christi triumphi super omnem potestatem a malo, quo magis nullius eguit erit electis.

.

Inferos autem de admiranda descriptio Ergone credibile est Divinum Comoediae?

.

Certe in sua substantia est credibilius,, quia, sicut et vos scitis, Dantes non tantum Catholico, Summa theologica scientia insignis forma adeptus ministerio Ordinis conventu sanctae Mariae de Florentiae. In eodem tempore,, Dantes, magnus poeta, si è permesso delle cosiddette licenze poetiche, per cui ha creato ambienti, eventi e personaggi che evidentemente esulano da quanto ci viene insegnato dalla Rivelazione cristiana, anche se nel contempo, nel complesso, non le sono contrari. Una cosa curiosa che potremmo notare al riguardo e che non è un dato della fede cristiana, è la condizione dei cosiddetti «ignavi», i quali vissero «sanza fama e sanza lodo» e pertanto vengono collocati da Dante non nell’Inferno, ma in un luogo a parte.

.

Ammettere l’esistenza dell’Inferno presuppone temere il Diavolo. In che modo l’angelo caduto e l’Inferno si collocano nel disegno divino?

.

Il cristiano deve avere un certo timore del Diavolo, così come noi possiamo avere un ragionevole timore di prenderci una malattia o di cadere in un qualche peccato. Da qui il dovere del cristiano di guardarsi dai pericoli morali che possono venire dalle tentazioni diaboliche, evitando atteggiamenti di eccessiva sicurezza. qui dixerunt, autem, il cristiano fondamentalmente non ha paura del Diavolo, perché il cristiano che vive in Cristo gode della stessa forza di Cristo, il quale ha vinto Satana. magis, da questo punto di vista, si può dire che è il Demonio che ha paura del cristiano. Come dice infatti Santa Caterina da Siena, noi siamo vinti dal Demonio solo se lo vogliamo, commettendo o amando il peccato. Il Demonio e l’Inferno si collocano nel disegno divino in quanto costituiscono un deterrente che ci aiuta ad evitare il peccato. Secundo, per quanto riguarda il demonio, anch’egli va visto come uno strumento della divina Provvidenza per due finalità: per rafforzarci nella virtù e per richiamarci paternamente quando commettiamo il male. Il diavolo di per sé vorrebbe solo il nostro male, solo che la Provvidenza divina lo utilizza secondo i suoi sapientissimi disegni per il nostro bene.

.

Perchè Dio permette all’Angelo di ribellarsi?

.

Perché ha un grande rispetto per il libero arbitrio della creatura. nunc, iustus, l’Angelo ribelle è una creatura dotata di libero arbitrio. tum, hoc, si può dire che Dio, pur di rispettare questo libero arbitrio, accetta di essere respinto da quella creatura che in realtà potrebbe trovare solo in Lui la sua piena felicità. Questo discorso vale analogicamente anche per la vicenda umana. Inoltre si può dire che Dio ha permesso la disobbedienza dell’Angelo, perché dall’eternità aveva progettato l’Incarnazione del Verbo, grazie alla quale l’umanità, salvata da Cristo, avrebbe in Cristo vinto Satana e raggiunta una condizione di vita – quella di figli di Dio – superiore a quella che ci sarebbe stata se l’Angelo non avesse peccato.

.

Che relazione c’è tra il male e l’Inferno?

.

Possiamo dire che l’Inferno è una vittoria sul male morale, ovvero sul peccato, anche se resta il male di pena, cioè la sofferenza dei dannati. Qui però si tratta di una giusta pena, quibus, da questo punto di vista si può dire che è bene che ci sia questo male, per cui noi vediamo che, dal punto di vista escatologico, tutto si risolve nel bene. C’è inoltre da precisare con tutta chiarezza che sarebbe blasfemo incolpare Dio di questo male, del quale invece è responsabile soltanto la creatura angelica o umana, mentre d’altra parte l’esistenza del male di pena manifesta semplicemente la giustizia divina, la quale peraltro è sempre mitigata dalla misericordia.

.

Cosa devono fare le persone per sfuggire l’Inferno e guadagnare il Paradiso?

.

Praticamente si tratta di mettere in opera tutti i precetti della vita cristiana, a cominciare dall’odio per il peccato, dalla consapevolezza delle sue conseguenze, per passare al dovere di obbedire con tutte le nostre forze ai comandi del Signore, di vivere in grazia, nella pratica continua della conversione e della vita cristiana, in una illimitata fiducia nella misericordia divina, frequentando i sacramenti nella comunione con la Chiesa, nella devozione ai Santi e soprattutto alla Santa Vergine Maria, coltivando un forte desiderio del Paradiso e della santità e combattendo coraggiosamente giorno per giorno contro le insidie del tentatore, sotto la protezione di San Michele Arcangelo. In casi di eccezionale aggressività da parte del diavolo, esiste la pratica dell’esorcismo. Queste raccomandazioni naturalmente valgono per i cattolici, però siccome tutti gli uomini sono chiamati alla salvezza e quindi sono chiamati ad evitare l’Inferno e a guadagnare il Paradiso, il loro dovere è quello di seguire la loro retta coscienza, nella misura in cui conoscono le esigenze del bene e coltivando, de auxilio gratiae,, saltem implicitam in fide et de perceptis muneribus gratias Deo, bonorum malorumque iudex.

.

[ Eget porttitor © Media, Inc. Per officia Agency ZENIT ]

.

.

.

carus lectores ,

Nos invite vos support In insula, quæ appellatur Patmos, secum semper tua offerat apostolicam benedictionem operas mittere potes tutus commodum utendi ratio Paypal aut nostrum erant, qua vos can reperio a dextris Dei home page. Qui nos orare utor codice erant nobis email [ isoladipatmos@gmail.com ], ut possimus actiones mittite. Si per bid Paypal, et dabimus tibi est inscriptio electronica inscriptio notitiam de ipsius donatoris, Si vos utor codice facere erant, quod si non est in fretus ratio nuntiare tibi email et in hoc casu potest non esse respondendum quod gratias ago tibi,.

.

.

.

.

.

 

About isoladipatmos

5 cogitationes on "Descendit ad inferos. Ibi vere sunt caelum et infernum; ?

  1. Rev. pater Cavalcoli
    credo che la più realistica descrizione di cosa sia e come opera il diavolo l’abbia data Gesù stesso quando dice a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

  2. Gesù scese davvero negli inferi (non nell’inferno);

    e comunque è molto discutibile questa tua affermazione: Nam angeli, sicut peccatorum, ut prius in, Nos potest dicere natus in caelis, unde sunt praecipitati [vos 12,8]. De filiis hominum, Infernum in hoc mundo, ubi natus est Iesus qui reprobatus.

    é ovvio che l’inferno non può essere nato in Cielo, né che esso, per gli uomini, sia cominciato ‘soltantocon il rifiuto di Gesù: quanti erano stati malvagi, prima di Lui, erano già all’inferno

    1. care Lector,

      la Scrittura ci rivela quanto segue sulla sorte degli angeli.

      Essi furono creati all’inizio della creazione del mondo, prima della creazione dell’uomo; furono creati incielo”, ossia in grazia di Dio.

      Prima della creazione dell’uomo gli angeli furono sottoposti da Dio ad una prova di fedeltà e di obbedienza a Lui. Alcuni superarono la prova e furono confermati nella loro santità e grazia; e questi sono ministri di Dio a favore dell’uomo; altri invece si insuperbirono, si ribellarono e non vollero promettere fedeltà, ma fare la loro volontà contro Dio.

      A questo punto scoppiò una guerra in cielo: Michele e i suoi angeli, fedeli a Dio, mossero guerra contro i ribelli divenuti demòni e li cacciarono dal cielo [Cf.. vos 12 7-9], per cui caddero sulla terra e furono cacciati nell’inferno [Cf.. Pt II 2,4]. A questo punto il serpente induce la coppia primitiva al peccato. Da qui il principato di Satana sull’uomo.

      Nel corso di questa vita terrena i demòni in parte tentano gli uomini e in parte stanno nell’inferno a tormentare i dannati.

      Però questo principato di Satana sulla terra viene minato alla base con la vittoria di Cristo sulla croce e la fondazione della Chiesa, in concomitanza della quale il demonio viene incatenato nell’inferno [Cf.. vos 20 1-2], senza per questo cessare di tentare l’uomo sulla terra, per essere poi sciolto per breve tempo nell’imminenza della Parusia [V. 3].

Leave a Reply