Ramis Palmarum: multos laicos catholicos ad obedientiam tam aegre ferre

Dico angulum dell'omiletica ad Sanctorum Patrum perscrutanda in Patmos ínsulam

pALMARUM: obedientiam Durus hic multis PROPTER QUOD quaedam difficilia intellectu laicos catholicos

.

Per idem tempus medicinae subitis ut servandae sunt ab eo; Hoc metu tradi oportet observare nos Dominum nostrum; atque infirmitate vivamus in hoc discrimine tempus, nos sequi gravitate in Ecclesiae Pastores, satagebat circa fines baud dubie, et in peccatis vitiisque constabat,, Ad diei Dei, per humilitatem et mansuetudinem, et fuge, et ad propositum nobis invenire non subditos.

.

auctor
Ivano Maria de 'Liguori, oFM. Capp.

.

.

PDF Print Article
.

.

.

ubi charitas et amor, Deus ibi est

Cum ramis palmarum hoc septimana incipiet magna, quae dicitur sancta hebdomada, quod uterque nostrum et posuit coram Christus Filius Dei, vivi, ut qui tollit peccatum mundi. Et propter hoc,, cantatur in praesenti dominica gratia, Nos cohortamur vos volo ut inter duos habitus: ut dicitur in prima et secunda humilitate fidei confirma.

.

Primum gestu Discimus ex innúmeræ fidélium turbæ Jerusalem, ita ut exclamet hunc in facie Iesu «Sanctus Pleni sunt Caeli» et illo substernebant vestimenta sua in uigiliarum. Sanctus Pleni sunt Caeli, quæ ex fide est clamor invenit in Domino Iesu Christo Redemptore potentes, expectatio gentium diu. Actus ducto lacernis, sed, quam Dominus daturus est omnes carissimos, significat ad plenum esse vitae in bono temporibus et malis.

.

atque clamabat: «Credo» Explanat profecto et scisso pallio, Eam admonuit me per summa tantum ut donum vitae meae salutis per Dominum ut videre possimus. Non tantum roga Dominum propter liberationem a malis si peccatum habere vita mea, et non propter ipsum pro me, si non deum relinquo liberam vitam agere in summitate pallii, obscuri etiam incommodi. Iesus autem plenus vitae omnium salvatorem, non solum marginalibus nonnullis partibus ejus.

.

Secundum habitus Iesus autem discite a se, sedens super asinam voluerit ingredi civitatem. Et ingressum Iesu in Ierusalem in locum sumit antiquos modus gentium vicit mundum, nisi ad humilem servum obedientes style, ille qui venit ut faceret voluntatem Patris mei, et non imponeret suas. È attraverso questa umiltà e piccolezza che Cristo potrà mettersi a servizio degli apostoli nella lavanda dei piedi che culminerà nel dono della vita sulla croce. Hoc dominus Iesus gestu mansuetudinis, ostendit quomodo nos Deus salutis, non per vim imposuit, sed cum determinatione mansuetudinis.

.

Si nos tam sancte vivendi studium indicat Week et perveniant, renovatur de paschae, cantabo hosanna in gaudium et nos cum Iesu et eruatis animas nostras de victoria, et haec discimus humilitate partum.

.

Per idem tempus medicinae subitis ut servandae sunt ab eo; Hoc metu tradi oportet observare nos Dominum nostrum; atque infirmitate vivamus in hoc discrimine tempus, nos sequi gravitate in Ecclesiae Pastores, satagebat circa fines baud dubie, et in peccatis vitiisque constabat,, Ad diei Dei, per humilitatem et mansuetudinem, et fuge, et ad propositum nobis invenire non subditos.

.

Laconi, 5 January 2020

.

.

.

.

Ut mane ut proxima quam maxime fidelium in discrimen, et tempore in subitis, editorial virgam Dei in insula quae appellatur Patmos informat legentibus auctor ut pater noster Ivanum LIGUORI, Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum, Facebook cura est de capite 'LINUM IN PRINCIPIO ERAT VERBUM ", de similagine tres temporibus a septimana meditationes. Tu potes accedere ad Patrem nostrum a edited by clicking in pagina infra logo:

.

.

Visit our store page qUI. Tolerandum buying nostris libris edition

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:
 









 

nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

 

.

.

 

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

7 cogitationes on "Ramis Palmarum: multos laicos catholicos ad obedientiam tam aegre ferre

  1. Noi seguiamo i pastori , ma i pastori a loro volta devono davvero seguire Nostro Signore Gesu’. Invece oggi noi fedeli abbiamo uno spettacolo desolante dalla gerarchia cattolica:ci sembra che i pastori seguano piu’le loro paure e il loro desiderio di vivere a qualsiasi visto piuttosto che Gesu’. Non d’un bello spettacolo.
    Noi fedeli obbediamo, na quando questa emergenza ci ricorderemo di come si sono comportati i pastori.

  2. Non tutti per fortuna. Io sto cominciando ad apprezzare Francesco Moraglia, attuale patriarca di Venezia . Giunto in Diocesi dopo Angelo Scola, personalità impositiva e di grande energia, sembrava la tipica persona modesta e di scarsa rilevanza. Ora che sto seguendo, sulla rete locale che le trasmette in diretta, le Messe da lui celebrate da quando è iniziata l’epidemia, apprezzo grandemente la pienezza della sua celebrazione. unum “genus” asciutto e impeccabile, nessun spazio alla creatività e omelie intense, che colpiscono il segno e il senso della parola evangelica . In questi tempi difficili ha parole di grande forza e speranza, magis, di Speranza, quella con la S maiuscola, che si fonda sulla Fede e si manifesta nella Carità. Quelle parole che vorremmo sentire pronunciate in una piazza diversa da quella di San Marco. Ma tant’è, è nella tempesta che si riconosce il buon capitano. E il fatto che Moraglia, da Roma, non abbia ricevuto, tam procul , nessun grande riconoscimento, forse è parecchio significativo. Ora attendo con ansia la sera di Giovedi Santo, per la celebrazione della Missa in Cena Domini.
    Sursum corda!

  3. Se obbedire significa rimettersi alla guida dei pastori, i quali noi crediamo conoscano la volontà di Dio e ad essa si conformino, allora dobbiamo accettare tutti che sia volontà di Dio quella di privare, in questo momento epocale, il suo popolo della partecipazione alla Santa Messa e del conforto del Sacramento dell’Eucaristia.
    È corretto desumere questo?
    La ringrazio in anticipo per il tempo che eventualmente vorrà gentilmente dedicarmi, rispondendo a questa mia domanda.

      1. Sia fatta la volontà di Dio, tum!
        E preghiamo che i pastori sappiano custodire il gregge in questo misterioso tempo che il Signore chiede di trascorrere all’addiaccio.

  4. Non vedo assalti alle chiese in disobbedienza ai divieti; certamente personalmente sono deluso. D’altra parte da gente che comunica i concubini nonostante il divieto formale del Catechismo tuttora in vigore e non modificato da nessuno, non ci si può aspettare molto. Liberi di non celebrare per i fedeli a Pasqua, liberi altri di tagliare le offerte e di non considerarli.

    1. Come disse Nostro Signore: “Se l’amministrazione dei sacramenti esercitata dal clero da me istituito vi delude, votate col portafogli.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.