Veniam peto sanctitatis “April stulti” offerens in cogitatione, in curriculi talpa

PRODIGIUM Perdere Sanctitatis Suae,April Fools"Offerre meditationem Careerism chamaeleontis,

 

Qui loquitur veritatem nunquam spem vidit effugiendi, Tantum determinatur per omnia placentes in omni bono, ut ex bulla. In Ecclesia pro dolor S. Bernardi Claraevallensis opera vel Sanctae Catharinae Senensis vel decretum Romani Pontificis non alloqui, amorem et obseruantiam involuta sacra Augustae persona Domini sanctitatem; his temporibus vereor ne illud tenues tempora, Sicut Sanctitas tua habitatores media exiguo me.

 

"Nemo autem inmittit commissuram panni rudis in vestimentum vetus; alioquin etiam penetrat lacus veteri, et peior scissura fit »

[Evangelium secundum Marcum 2, 21]

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

Beatissimo Padre.

Scit enim quod per "plenitudinem" vivificare potest "peior scissura" [Mc 2, 21] veniam peto pro factis humilis ac sincerus debut I Aprilis secutus emporium online In insula, quæ appellatur Patmos, in Europa, notum est a fabula ut "April stulti» [ed. videre qUI], iocus in eodem genere non est in patria Sanctitatis Vestrae "iocos die Innocentium» [iocos die Innocentium], in quod incidit Latin 28 January.

Et spera in risu est S.It. Mons. Guido Pozzo quod Pontificia Commissio Ecclesia Dei Nauru sit promotus in Republica Apostolicus Nuntius, quia forte in vita sua ecclesia vel paucis accepimus "ut pontifex a iocus", initio a diebus antiquis cum Collegio Discipulus Capranica, unde egressi decenniis agitare iocos Ecclesiae diversis subiectis rebus gravibus; Episcopi dioecesani est de multis donata Italiae quest'Almo Collegii praeside, sub priore C.E.I. sunt in hoc testimonio.

Quia nemo potest esse occulta animi curriculi, Sæpe expugnaverunt me flagella quibus scripsit libros et articulos in vocibus asperioribus; ut omnis qui petit, ne quid in se ipso ioco ad episcopatum promovere, notum fieri appetit, qui non agnoscit Ecclesia publice iocos sicut pastor regione.

Et non sunt careerists, ut non modo mutari: Summo Pontifice decessor tuus in omnibus pompis et maiori apparatu ad sacram liturgiam, adeo ut in tempore et arte sua ecclesiastica sartores et faciendo rugiens officinis exerceant. Hodie tamen est idem sutor inopia clamantis in tabernis, officinis et, quia sanctitas vestra auctoritate novo more omnes ex simplicitate et Minorum Sancti Francisci Assisiensis nesciens etiam paupertate, Vidit fratres pauperis, sed pro gloria Dei ecclesiae ornati vestibus et pulcherrima vasa pretiosa. Et vasa fictilia, de quibus nuper coepta est in usum ambitiosa eos "pauperes" illos qui mox eius, Ordinis Fratrum Minorum in conturbauit a quibusdam temere speculatio in financial ripas Swiss, cum laetitia laudantes paupertas et simul sese terracotta vasa corporis et sanguinis Christi ornata coloribus “Vexillum pacem“, ex quo tamen in agro Occultist secretior, necesse est ut tam notas ac saepius sacerdotes diversis hinc inde super altare depositis centralis crucem sublato iam pridem, ne umbram nostri et imaginem eius obtrectare “primas sacerdotem,“.

Quia ergo ego cum gratia et prudentiam prudentium reprobabo quibus summique Domini eritis credite et providum satis Camaleonti, qui nunc sunt, et egenos vagosque careerists dicere quod idem pecunias usque exorbitant quemadmodum tertio anno rapuere satiati disponere opipare a recepta consecratione episcopali celebrare natalem, in conspectu eius Gotha et antiqua nobilitas ex ordine militiae, ut in quibusdam Renaissance festis dignum atriis lacrimas fudit desiderio veteres Papal States. Sed tunc subito ante nos, sunt totaliter mutatum, Cum igitur post biennium et iustus, hodie non detur facultas et egenos vagosque omni re publica loqui acceptabile.

Forte bona sanctitati vestre Episcopis, qui peculiari modo quod Verbum Dei posuit se in profugo fideli homini loqui, imbres tonsorum competit eis ut a Romano Pontifice. Ille tamen nostra scientia non est eorum quae sunt ad commeatus et egenos vagosque induc in civitate sua super-penthouse, nec in villa,, regione pretiosum et rusticationem pecuniae summa cura te abstrahere possit edax tranquillam vitam agamus cum "Episcopi emeriti"; et videtur quod non fecisti eos in promptu vagosque congesta peculi substantialis Episcoporum anni.

Experientia docet, me meam pudicam Ut non simus fidentes in nobis, qui tam facile transire de consuescas et in auro, et argento ornatum sordida pannus ad Acrylic sintentico, Ex his constare potest, quod illis propter mutationem clericalis non sunt artifices, et sic se manifestant, non in genuina sua sinceritate esse,. Quae ad cathedram sacrae Augustae comitiis, post te in tuto posita in pectorali, aurum, ut sisterent transit ad Episcoporum coetus a Romano Pontifice vel in privata auditorium cum ferrum crucem pectoralem,, vel pauperum qui adhuc informes patebit pectore cruces ligneas tua Minorum, Vivo ego vanitatem et periculosa signum falsissimum, tam valida mediocritatem imago Christi Ecclesiam hodie premit gradus ab imo ad summum.

Iocus qui vehementer nimis Multo certiora sunt, quam transformists, Nigros alicujus Sancti Philippi nos docuit quia vere Romanum Pontificem Ecclesiae deservientes satisfacere usque ad effusionem sanguinis, dum Camaleonti semper traderet; et non solum in vivo traditurus, prodere et mortuus est.

Libet hoc benedictionis occasione Urbi et Orbi Sedet in sella aurea sedit Sanctitatis Vestrae sistitur pontificalibus choralibus, post festa Paschalia pulcherrimo historico pontificiis vestibus tantummodo Basilicam sancti Petri quod dives, quia in eo, equitantes pictura paupertatem venalicium et media pro peculiari modo ex amicis, describeret fidelium elementis quidem cognoscentium Catechismus Catholicae Ecclesiae ministerio positi tonsorum imbrium magnitudo; Hinc modernistarum haereticorum contra hereticos et Lefebvre, Plena omnium fore perturbationem; et posui in ore eorum, adducam eos in plateam magis; adducam eos in plateam magis, forte magis erit libera ab Ecclesia Christi corporis cancer cellulis in loco sancto metastasis.

haec dies, sanctam Ecclesiam Christi servare et salvum Non est pax, sed gladium [Mt 10, 34], quod etiam si necessaria potest esse sanum et gladio et utilium ironia obicere Christianis, qui sunt facile mobiles et salire statim ad novum vexillum bandwagon, ut semper eadem,, dum omnia beneficia ecclesiastica dignitate poteris obtinere posse etiam quaedam mutationes imperiorum. et illi, quae est dolor de Sanctitas tua in circuitu, Iudas autem comminabantur offerentibus Maria incarnatum sunt hodierni unguenti nardi pistici pretiosi unxit Dominum dell'Iscariota sententiam posse in veniri 300 da pauperibus pecuniam [Gv 12, 5]; Quae sunt eiusdem comitatus Domini in Jerusalem in triumphanti post periculum subterfugerant reliquerunt eum [Mt 26, 56], quod turba heri, sicut est hodie, Elegit in praetorium Pilatus et clamavit Barabban: "Crucifige, crucifigerent!» [Gv 19, 6].

Exultavit cor meum in misericordia et miserationibus atque identidem me sanctitati tuae confidimus simul et nobis prosit ad subvectionem parvulorum suorum et egenos vagosque induc Ecclesiae devotissimos, indignum participes gratiae mysterio Christi ad sacerdotium ministeriale, Licet magis ac magis deficiat et sacerdotes per viscera misericordiae Dei nostri auctoritate ecclesiastica.

La Santità Vostra ha mai pensato — ed assieme a Voi quei Vostri Venerabili Fratelli Vescovi dediti oggi alla predicazione del New Vangelo dei barboni - ut illa amabilis, amicis ad eucharisticum Sacrificium, ut sacra aegrotanti, fidelium absolvere a peccatis eorum, agere uarie in itinere populi Dei fides illis orbis regionibus ubi et quo magis crescit sacerdotum penuria cleri semper superioris aetatis? Quia et nos et nostra Ecclesia sacerdotibus qui ministrant in caede nostra multum et saepe soli sumus et colaphis caedimur et relicta, nobis “imbres”, autem “Barbieri” sed aliis studiis, et nemo nos.

Qui loquitur veritatem nunquam spem vidit effugiendi, Tantum determinatur per omnia placentes in omni bono, ut ex bulla. In Ecclesia pro dolor S. Bernardi Claraevallensis opera vel Sanctae Catharinae Senensis vel decretum Romani Pontificis non alloqui, amorem et obseruantiam involuta sacra Augustae persona Domini sanctitatem; his temporibus vereor ne illud “tenues tempora,” Sicut Sanctitas tua, ut habitare possitis in medium exiguo sicut me.

Adorabunt vestigia pedum tuorum Oboedientia devota osculum anulo Piscatoris, illuminatos oculos per donum gratiae, per quam fidem in mysterio nunquam desistam adorare verbum Dei super petram aedificatam Ecclesiam Petri.

S Arihel. Levi Tadinensis, presbyter,

De Insula Patmos,, 1 January 2015, aes 23.00
et Eva Missa in Coena Domini

Pope chrismatis
picta: Franciscus Pontifex in Missa chrismatis 2014

O Redemptor Carmen sumet

click qUI

About isoladipatmos

9 cogitationes on "Veniam peto sanctitatis “April stulti” offerens in cogitatione, in curriculi talpa

  1. Caro Pater, la ringrazio per questo articolo che forse risulterà indigesto a chi troppo frettolosamente l’aveva arruolata come capofila dell’ultra-progressismo teologico e pastorale (a seguito delle sue note ultime bastonate a senso unico) ma che risulta invece gradito e rassicurante per chi si reputa semplicemente cattolico (senza aggettivi) E: 1) considera un valore irrinunciabile l’integrità della dottrina espressa dal Catechismo della Chiesa Cattolica, 2) ritiene che l’attenzione per i poveri, in sé corretta, non deve far dimenticare che il più grande amore per il prossimo lo si esprime nel desiderare la loro salvezza eterna e nel cercare di aiutarli in questo senso perché il bene spirituale è infinitamente più importante del bene materiale. Mi auguro, caro padre, che Lei continuerà in questo corretto equilibrio pastorale, senza più rivolgere anatemi da una sola parte o almeno volgendoli con altrattanta durezza anche dall’altra parte.

  2. pater mi, io le parlo da genitore di 64 aetate, padre di tre figli di 32, 29, 26 aetate. Se un mio figlio si rivolgesse a me a questo modo personalmente sarei prima di tutto profondamente commosso, poi direi a me stesso che forse assieme a mia moglie abbiamo fatto un certo buon lavoro educativo. Prego veramente che il Signore la protegga in questi tempi dapollie non daaquile”, come ha scritto nel successivo articolo discuseai lettori, che non penso abbiamo affatto bisogno di scuse.

  3. permettetemi di spiegarvi cosa finirà per accadere a un soggetto come il padre Ariel, haec: un giorno gli suonerà il telefono, lui risponderà, e dall’altra parte sentirà la voce del Papa che gli comunica di averlo scelto per un certo incarico, ma il padre Ariel penserà che è un imitatore, e risponderà con una scarica di parole colorite sicuro che si tratti di uno scherzo.
    Date tempo al tempo, e poi mi direte se non avevo ragione io.

  4. mi pare quindi di capire che lei non è molto d’accordo con l’idea dellachiesa povera per i poveri”, come il papa si auspicò subito nei suoi primi discorsi di inizio pontificato

  5. carissimi Stefano.

    In effetti il Santo Padre conquistò subito tutti i media laicisti del mondo dicendo in una delle sue prime udienze: “Quanto vorrei una Chiesa povera per i poveri”.
    A mio modesto parere qui bisognerebbe interdersi proprio sul concetto di “pauperibus” et “egestatem”, perché almeno in base alla mia personale esperienza pastorale, i poveri più poveri che io ho conosciuto sono quelli appartenenti ai ceti sociali più alti e abbienti; ceti che non mi risultano mancare neppure in Argentina, paese nel quale vi sono persone dotate di grandi ricchezze e fasce preoccupanti di poveri, come del resto in Brasile, dove il contrasto tra ricchezza sfrenata e povertà salta subito particolarmente agli occhi: dal lavoratore occasionale che gira con una vecchia bicicletta arrugginita all’europeo arricchitosi per incanto in Brasile che si sposta per la città con l’elicottero privato.
    Non dimenticherò mai un colloquio con una signora della cosiddetta più alta società italiana, una bellissima signora cinquantenne che mi confessò il suo peccato d’invidia dicendomi: “Io invidio la mia domestica che ha un marito che la ama e che dopo trent’anni di matrimonio viene a prenderla a fine lavoro come un fidanzatino, io invece ho un marito che mi tradisce con tutte le sue giovani segretarie, ed io devo fingere di non accorgermene, perché i cordoni della borsa li regge lui. Io invidio la mia domestica perché ha un figlio che lavorando e studiando si è laureato a pieni voti e non trovando un lavoro idoneo ai suoi studi ha accettato senza problema di fare un lavoro modesto, ha una fidanzata alla quale è fedele e che anch’essa si da da fare a lavorare; i miei due figli sono degli sfaticati e praticano tutti i vizi esistenti, si sono prima diplomati presso costose scuole private nelle quali gli esami di maturità sono stati una farsa, poi li abbiamo mandati a laurearsi negli Stati Uniti perché in Italia non sarebbe stato possibile fargli prendere la laurea, ed abbiamo in pratica comprato le loro lauree pagando il college 30/40.000 dollari a testa a semestre accademico, per non parlare delle loro spese extra. Uno dei due abbiamo dovuto ricoverarlo a fine estate in una clinica svizzera per una terapia di disintossicazione da cocaina per un costo equilente di 80.000 euro per 45 giorni di soggiorno”.
    E piangendo seguitò a dirmi: “Io invidio la mia domestica, a volte persino la odio e ogni tanto la tratto male per rabbia, perché lei ha avuto dalla vita tutto quello che non ho avuto io”.

    Quante volte mi sarebbe piaciuto domandare al Santo Padre, posto che la Chiesa è madre di tutti: chi di noi si dovrebbe occupare di questo genere di poveri; veramente poveri e profondamente sofferenti, appartenenti a ben altre “esse peripheriis”, molto più poveri di altri generi di poveri di beni materiali?
    Si tratta di poveri che ti passano davanti con diecimila euro di vestiti griffati addosso, con un orologio di Cartier in oro da 30.000 e con una Ferrari che costa mezzo milione di euro. E ogni tanto qualcuno di questi, giunto all’apice della disperazione, ti si pone davanti con la morte nel cuore e con una vita di fallimenti umani, morali e affettivi alle spalle.
    E posso dire che costoro sono i più poveri tra i poveri, ed anch’essi sono figli della Chiesa; e Dio solo sa quanto sia difficile, anzi difficilissimo, recuperarli alla grazia e alla salvezza.

    Come uomo e prete di 51 aetate, posso dirle che questi poveri sono i più difficili da assistere, da aiutare e da riportare al sentimento cristiano autentico. Et maybe, proprio a questo genere di poveri, tutto sommato la Chiesa dovrebbe essere anche un pograta, quia, quando ogni tanto qualcuno di loro si converte, ecco che la Chiesa può aprire centri per l’infanzia abbandonata od ospedali nei paesi in via di sviluppo, scuole per bambini di famiglie povere, centri di assistenza per anziani abbandonati e via dicendospesso costruiti proprio con le generose donazioni di questi ex poveri, che nella giusta mentalità del Santo Padre, sono i responsabili della povertà altrui, in quanto divenuti ricchi a scapito ed a danno delle grandi fasce di poveri oggi esistenti in tutti gli angoli del mondo.

    E chi vuol capire capisca, sempre ammesso che voglia capire.

    1. … patrem, che le devo dire? Magistrale! Ha spiegato tutto quello che c’era da spiegare, mi permetto solo di dirle che spero che questa sua risposta sia letta da ben altri oltre che da me e dai lettori dell’Isola. gratias ago!

  6. Rev. e caro Padre.

    Primo quidem,: Dio la benedica ela protegga, semper, ne ha bisogno!
    Io appartengo alla bistrattata categoria dei ricchi, e oltre a essere ricco sono cattolico, fedele e praticante.
    Creda se le dico che le messe sono diventate una pena, proprio come lei dice
    Omelie del parroco: pauperibus, barboni, pauperibus, barboni, pauperibus …
    Omelia del vescovo per la festa del patrono della parrocchia: pauperibus, barboni, pauperibus, barboni, …
    I poveri al primo posto, avanti a tutto e a tutti?
    patrem, dica mihi, ma da quando, essere poveri, è diventato sinonimo di bontà e santità? Perchè a me non risulta che tutti i poveri siano buoni e santi, e non mi risulta nemmeno che siano tutti stinchi di santi solo perché poveri, come non mi risulta che tutti i ricchi siano egoisti, malum, sfruttatori
    Ma sopratto le domando, quod, noi ricchi brutti e cattivi, trattati oggi spesso come tali nelle prediche di preti e vescovi, siamo poi quelli che devono tirare subito fuori i soldi a comando appena la parrocchia ha una necessità, comprese le necessità delle famiglie veramente povere (Italian), per i bisogni delle quali, a natale, in memoria di mio figlio morto di repentina malattia anni fa, ho mollato 50.000 euro sull’unghia al parroco pauperista affinché potessero garantire delle dignitoste feste in famiglia ai figli loro?
    E se un giorno, di predica in predica, mi scocciassi?
    Il Signore l’accompagni sempre.

  7. amice carissime.

    A caldo le dovrei rispondere: “Alla prossima richiesta di aiuto, dica al suo parroco di andare a chiedere i soldi ai barboni”. Ma certe risposte non si danno a caldo e tanto meno in modo umorale, igitur, deinde, dica al suo parroco: “Premesso che un demagogo come te non meriterebbe neppure un soldo bucato, ma siccome certe famiglie e figli mi stanno a cuore, aiuterò loro per ciò che meritano e non certo te per ciò che invece dimostri di non meritare”.

    Vorrei spendere poi due parole sui barboni che oggi vanno di gran moda, perché io li ho conosciuti, mentre coloro che vivono nelle curie ovattate sinceramente non so
    Anni fa io ho prestato servizio in uno stupendo complesso basilicale romano a pochi passi dalla stazione centrale di Roma, la stazione Termini.
    I titolari dei bar di tutto il circondario, credo possano riferire a chicchessia senza particolare problema quanto alto fosse il numero dei barboni la cui spesa media giornaliera di soli alcolici oscillava tra i 30 et 50 euro al giorno.
    Io stesso posso testimoniare di avere visto più e più volte barboni prelevare moneta contante ai bancomat.
    Ho conosciuto una barbona che aveva con sé due coniglietti nani, per i quali acquistava in farmacia complessi di vitamine omeopatiche il cui costo era di 42 euro per una scatola da 6 fiale. Si era laureata a pieni voti alla Luiss e con grande disperazione dei genitori, imprenditori del Triveneto, che avevano tra l’altro solo questa figlia, aveva scelto di fare la vita da barbona. Il padre, che più volte tentò di convincerla a tornare a casa e che inutilmente si recò varie volte a supplicarla a Roma, parlò più volte con me in lacrime, nonché letteralmente a pezzi.

    Dietro alle storie dei barboni ci sono anche e non poche storie di persone che hanno fatto questa precisa scelta di vita e che provengono da situazioni tutt’altro che di povertà e che spesso hanno alle spalle famiglie che li mantengono.

    Un caso paradigmatico: Filippo Odescalchi, della omonima famiglia dei Principi Odescalchi e figlio della principessa Lante della Rovere, tutt’oggi proprietari dello splendido castello di Bracciano e della residenza patrizia di Piazza Santi Apostoli, negli anni Ottanta scelse di vivere da barbone.

    Ogni tanto capita di leggere su qualche giornale: “Ondata di freddo, un barbone muore sotto i portici“. Su nessun giornale è stata però mai scritta questa vera notizia risalente al 2011: “S Arihel. Levi Tadinensis, sacerdote cattolico, rischia di finire accoltellato da tre barboni nei pressi della stazione Termini per avere tentato di convincerli ad andare al dormitorio della Caritas, dove si sarebbero potuti lavare, rifocillare e dove avrebbero potuto dormire al caldo in quella serata di freddo”. E ritrovarsi al buio con tre barboni, due dei quali col coltello in mano, dietro alla stazione Termini, non lo auguro a nessuno, soprattutto al Santo Padre.

    A me, caro amico, la complessità della cosa è chiara da sempre, come mi è chiaro il fatto che spesso, Infeliciter, alla base della povertà di certe famiglie c’è la gestione dissennata del danaro. Anche questo bisognerebbe dire al Santo Padre: quanti sono i poveri che vanno in parrocchia a chiedere il pagamento di una bolletta della luce o del gas, od a chiedere generi di prima necessità, ma che in casa hanno gli strumenti tecnologici di ultima generazione più sofisticati e costosi, od i telefoni cellulari appena usciti da pochi giorni sul mercato?

    La povertà del povero italianoo del presunto talenon è quella dei poveri delle favelas, ed applicare certi criteri di conoscenza soggettiva all’ambito italiano, più che sbagliato è surreale.

    Una volta rimproverai duramente un giovane parroco che alla fine della messa dava il ricavato delle offerte agli zingari dopo avere detto all’assemblea: “E dopo la Messa condivideremo le offerte con i nostri fratelli zingari”. E lo rimproverai duramente perché quegli zingari, dentro le case da loro abusivamente occupate in quel centro storico, avevano dei maxi schermi televisivi con collegamenti satellitari che né quel prete né io ci saremmo mai potuti permettere, più tutto l’altro resto; e la mattina, fuori dalle loro porte, c’erano sacchetti pieni di bottiglie di liquore vuote che costavano 50/60 euro l’una.

    E non vado oltre

    Comunque sia, le auguro che la sciocchezza demagogica di certi preti e di certi vescovi non la induca a non fare la carità a favore dei veri bisognosi, inclusi soprattutto i genitori di quel figlio che lei ha tragicamente perduto e per il quale le assicuro le mie preghiere di suffragio per la sua anima.

    1. Caro confratello, un felice lunedì dell’Angelo e una proficua ottava di Pasqua.
      Come sempre hai individuato e sbattuto pubblicamente in faccia la verità. Purtroppo temo che la verità sia più ancora preoccupantela verità è che si ha quasi la sensazione di avere a che fare con vescovi che non vivono (come invece ci viviamo noi) a contatto con la realtà, et quod, alla realtà, hanno sostituito un grande spot pubblicitario dell’azienda Chiesa cattolica, che pare a volte andare avanti a colpi di pubblicità.
      In parrocchia ho dovuto litigare con un gruppo di mamme e di catechiste, quelle pie donne che in altri scritti (per intendersi quelli riferiti ai lefevriani e alla Guarini) tu indichi come quelle che vorrebbero scalzare il prete per fare loro le pretesse, o le teologhessemotivo del litigio: ho rifiutato di fare la lavanda dei piedi a 6 ragazzi e 6 ragazze dicendo che gli apostoli erano 12 uomini, scelti non solo per la lavanda dei piedi, ma per il sacerdozio. Ovvia la replicama Papa Francesco …”, ho chiuso la bocca a tutte dicendo che prendessero le loro figlie e le portassero al carcere di Rebibbia e gli facessero fare la lavanda dei piedi da Papa Francesco, perché io non gliela facevo.
      Naturalmente mi hanno minacciato che avrebbero detto al vescovo che io erocontro il Papa” (!?!)
      A quale pro tutto questoa quale pro, miror?
      Perchè poi, a contatto con il reale, non ci stanno certi vescovi (incluso quello di Roma) ma ci stiamo noi, con tutti i problemi che certi vescovi (incluso a volte quello di Roma) ci creano con i loro gesti plateali.
      Forse per queste parole noi pagheremo tuttopagheremo tanto, ma spero che anche per questo avremo l’anima salva.
      Di nuovo. felice ottava di Pasqua.

Leave a Reply