postulant: “Et missa a Paulo VI exaratum est vere validum”?

AD VI Missam EST LEGITIMUS "?

"Hanc Patres,’Insula, quæ appellatur Patmos, Interdum videtur, ut in Ecclesiis nostris a diebus liturgicis chao: Stabat dialogate, orationes fidelium 'sponte' incommodi,, mutata typicam Missalis Romani a verbis ad arbitrium sacerdotis celebrantis,, onus vallis Visionis carminum, plausu undique pari, chorosque ducentes, Women qui ascendit super altare ut in celebrationibus quasi esset dominum. EGO nuper legere articulus est, quod praebet responsa per Dominican theologian, Pater Thomam Calmel. Im 'valde infigo, et Velim scire quid verum scripturam hanc, postea quaerere: “Et missa a Paulo VI exaratum, Est vere bonum,?”» [Chiara Caon, legit Tridentinum]

IMG_0931
S Arihel. Tadinensis Levi per solennes ad vesperam

O pater Ioannes.

A lector misit articulus de Tridento website Concilium Vaticanum II in quibus diurnarius est is an extract ex aliqua consideratione partium R. Patre Thoma Calmel OP, [1914-1975] qui sustinet thesim iuxta subvertentem gentem in celebratione Missarum interdici Missale Romanum a Paulo VI exaratum est [videre qUI articulus plenum]. Quia frater tuus Ordinis circa applicationem subiecti, Placere respondere ad quaestionem nostrae tibi offerre lectorem.

Quod cum negotium In insula, quæ appellatur Patmos, ipsi constituimus Est enim, ut pastoralis necnon ecclesiae ipsius ad tempus subtilissimas qui videt in dies multos nostrorum fidelium perturbatur, Hoc argumentum quaestio lector quod exemplar est enascuntur, quia multa sunt similes litteris plus minusve qui venit ad editorial virgam Mail.

In aliquibus articulis meum priorem Et eram quasi irrepit in quadam vehementia a nonnullis, quod non est simpliciter 'pauciores” autem “sonantis paeniteret "quae non multum, sed seminatores errores vagari incipiam post Benigne tuendae depositum fidei, tamquam signum aliquod quo saepius ad funger multos seducent, potest comprehendere drachmas "caeci" quod "in sparguntur de malis doctoribus excolantes culicem camelum autem" [Cf.. Mt 23, 24].

Pugnatur quidam errores Quod imponitur nobis conscientiae officium de sanctificatis inquilinus sacerdotis et statera prudentiae digestus in sententia clarissimi: "Tu potest ex mittent infantem cum bathwater", et quod malum est in positions, aut fideliter exsequendum interdum, tamen non potest esse bonum,. Fabulam adfert sapientibus puerum sordida aqua vero aliam foveam cadunt timeremus: Pelagius et Arium et consentaneos et bonum. Primum quod homo ex fide, secundo autem abstinens, pie, Tum denique theologos huiusmodi incommoda illud quod est prius in Sant'Atanasio, in secundo S. Augustini, quae non parum temporis haeretici oppidum amitteret pretiosa. Et in praesentem diem: Non fuit, Episcopus Marcellus Lefebvre,, vir profunda misericordia; Senegalia se incredibili formatae missionaria fuit in creando bonum sacerdotes optimum results in primis loci Bishops?

Ideo bene considerat infirma spectant enim bonum nell'errante atque elementa positiva aliarum unio nell'eterodossia, quia secundum hoc est maxima prudentia et doctrina fidei depositum Ecclesiae non ferrato, vos potest currere in periculo ducentis trahentes haereses sola interemisti in domo pessimus post dialogum oecumenicum seu moras retinebat, ex quo patet quod multa decennia academicis quidam theologi docent referta modernismi doctrinis Protestantium matricem. Quia omne bonum commune punctum coniunctionis saepe experti in errantibus etiam errores domum trahe, Nuper enim indicavit tibi quod in reprehensionem in cogitatione peccatorum Cardinal Carlo maria Martini, certe non dignum sua persona [videre qUI], et paulo post alteri quod sonat mea analysis [videre qUI].

Et sacerdotes, et theologos, nos vocavit ad ibidem sacrum ministerium peracturi, quae ad officium, quod non possumus evadere debitum ad a conscientia: necesse est dicere quod ius et iniuriam populo nostro. Hic utimur tantum valuable tool in pastoralibus huius magazine online, Quia ego autem non potest usurpari vel in animo, cum azzuffarmi “Vitellius” nec sterilis in contentionibus cum captus gratiam audientibus, et quidem verum non est nisi propter partem populi nobis a Deo illis concreditae, necessitate salutis Christi fideles, in errores lapsus malis doctoribus.

_______________________________________________________

Respondit Iohannes monachorum Dominicanorum consident Cavalcoli

John illi chorus Cavalcoli 2
John Cavalcoli visualis OP, in chorum sui Ordinis monasterium mixtus Officium Divinum una

Lector Respondeo dicendum quod delectatio est per Tridentum qui primus dicens in agro disciplinae liturgieae probe formatus, Romanus Pontifex, Supremus Moderator potestatem pontifex iure divino cultu. Non est infallibilis cum in iudiciariam congregati a suo seu ex reformatione liturgica perceperunt caeremonialium, aliquid quod pertinet ad actionem pastoralem virtutis suae. Est autem interpretando, foveat integro seu essentia substantiam Sacramentorum, quod sint vera fidei,, quod tangit de infallibilitate docendi.

Et essentiam pertinet Missae Hoc est,:

'Ritum colendi unicum Novi Testamenti, quos quaeque, de mandato sacerdotis celebrantis, in persona coniuncta nempe cum Ecclesia et pro Ecclesia, In Christo autem Spiritus Sanctus quem offert incruentemente sacrifice pater ad se ipsum pro mundi salute '.

A reformatione Missam Ceterum felix illud potest esse plus minusve, Vos mos postulo igitur aliud praeter se corrigant aut relicta convaluisset, sed nunquam potest ad essentiam pertinet Missae. Papam haereticum existimaret modernistae non tenebit Missam filoprotestante, ipsa est haeresis, non est in potestate ad munus pastorale, sed sicut doctor gentium in fide, quod missa est datum Mysterium fidei. Ritus Missae ritualis igitur distinguenda. Primum est iuris ecclesiastici dispensare potest, et mutare: secundum ius divinum et incommutabile.

Praecepta ad celebrationem missa est - sic dicitur caeremonialium - mutare possit et in saecula, sicut vetustatis exemplo in liturgiae. Sed essentia Dei est immutabilis Missam, Sicut usos argumento est ac historia, usque ad Missam novus ordo, mutationes temporum nimis altum videtur, sed quod non variant substantiam actually, sicut supra definita;.

Quod Papa non habet omnipotentiam respectu immutationis in substantiam Sacramentorum et ad eos percipiendos S. Missa ritus ad praecipuam temperationem humanae, quod substantia seu essentia sit, non est difficile est unum ex supra mutationes in praecepta quae occurrit in historia curriculum in.

nunc, Missam novus ordo, Hoc fuit correpti a Concilio Vaticano II nota cum causas [Sacrosanctum Concilium, nn. 47-58]. Hoc certe habet rationem oecumenicam conferendam, Stultum autem est dicere quod pro infectis modernismi haeretici aut mutat, aut hoc est traditional Missam.

Quod Ecclesia dare potest illis qui volunt in potestate celebramus vetus ordo - Sicut erat apud Pium de Pietrelcina sanctus -, quod utique verum manet; sed tantum, si non est hoc facere sicut in missa valida. Et ordines receptos commendat, fere, quod novus ordo, quia pastoralem aptius praesens.

___________________________________________________________________

candelabrumcarus lectores.
Sicut scitis nostrorum liber est operis sed situs est sustentanda et pretia sunt,. Si vis lucrari credit PayPal ratio etiam cum paucis indicem referuntur auxiliatus sum tui support vivos expensis per nos autem lucernam accendens, In insula, quæ appellatur Patmos,.





Avatar

About isoladipatmos

19 cogitationes on "postulant: “Et missa a Paulo VI exaratum est vere validum”?

  1. Seguo molto le pubblicazioni del mondo tradizionale, anche di quello dellla FSSPX, e pur avendo un ‘opinione negativa di come si svolge la Messa del Novus Ordo, essi non ne hanno mai messo in dubbio la validità.

    1. mi Guido.

      interdum, il disprezzare, quindi l’invito implicito al disprezzo, può essere più dannoso e nocivo del dichiarare invalida una cosa. Valuti lei i toni ecclesialmente e pastoralmente non accettabili nei quali si esprimeva nel 1987 il Vescovo Marcel Lefebre.
      Può trovare il tutto nel sito ufficiale della Fraternità di San Pio X al paragrafoSenza la Messa crolla tutto“.

      http://www.sanpiox.it/public/index.php?option=com_content&view=article&id=205:la-fraternita-sacerdotale-san-pio-x-e-roma&catid=64&Itemid=81

      L’intero testo contiene critiche e attacchi inaccettabili, specie se fatti da un vescovo contro la comunione e l’unità della Chiesa che attraverso un concilio ecumenico ha stabilito non solo e non tanto una riforma liturgica, ma ha stabilito delle nuove dottrine basate sulla tradizione e sul deposito immutabile della fede.

  2. Trovo interessante l’ultima parte: “la Chiesa consiglia ed ordina, fere, il novus ordo, quia pastoralem aptius praesens”.

    È ancora così, post 40 aetate? In giro regna la confusione. I laici sono ovunque, la messa viene umiliata da sacerdoti/showman o da bizzarrie liturgiche (neocatecumenali).

    Un ritorno all’antico rito non sarebbe una medicina contro questi malanni?

    bonum Solis!

    1. carissimi Paulum,

      Persino al romanticismo e persino alla carenza di memoria storica c’è un limite, mihi credite,. O forse lei pensa davvero che prima della riforma liturgica del Concilio Vaticano II, le sacre celebrazioni erano tutte quante svolte da santi preti, in un clima di sacralità, di misticismo, di assoluta devozione al sacro?
      Ha idea dei duri richiami che furono fatti dal Beato Pio IX, da Leone XIII, da San Pio X, da Pio XI riguardo la sciatteria dei preti, la mancanza di decoro e di riverenza da parte dei fedeli? Et non sapiunt, non ho toccato apposta Pio XII per non stuzzicare i malumori di quelli che storcono il naso pure su di lui in qualto colpevole di avere riformato negli anni Cinquanta i sacri riti della Settimana Santa.
      Lei sa che negli archivi storici diocesani esistono centinaia di lettere dei vescovi al loro clero, di decreti episcopali e infine di sanzioni canoniche comminate ai preti, proprio legate alle sacre celebrazioni ed alla amministrazione dei Sacramenti?
      Sa quanti e quanto numerosi sono i documenti che rimangono agli atti nei quali gli ordinari diocesani rimproveravano i propri presbiteri in toni non di rado minacciosi, perché non pochi di essi celebravano in 7/8 minuti una Messa della feria saltando con tre o quattro bisbiglii le parti che il celebrante avrebbe dovuto recitare sottovoce ma che molti non recitavano affatto?
      Nelle epoche idilliache, tutte spiritualità, misticismo e rispetto del sacro alle quali lei pare alludere, c’erano degli abusi liturgici da far impallidire alcune frange degli odierni neocatecumenali più scalmanati; e delle forme di sciatteria non equiparabili a quelle che possiamo trovare in certe chiese di oggi.
      Non si può modificare il passato per illudersi che nel passato tutto era buono e santo.

      1. Che prima fossero tutte rose e fiori dal punto di vista liturgico (e musicale) non lo credo, nolite ergo solliciti esse.

        Dalla sua risposta, però mi sembra quasi che sia una fortuna la babele di lingue e modi di celebrare scaturiti dal nuovo rito.

        Buona settimana!

        1. carissimi Paulum.

          placere, non mi attribuisca di avere lasciato capire chesia quasi una fortuna la babele di lingue e modi di celebrare scaturiti dal nuovo rito”, perché non lo penso e non l’ho detto, essendo uno di quei sacerdoti che non farebbe mai neppure un sospiro, neppure un inchino che non sia scritto sul Messale Romano.
          Io ho 51 anni e ricordo nitidamente di quando ne avevo 8/9 ed andavo al catechismo per prepararmi alla Prima Comunione, stiamo dunque parlando di circa 42 years ago. Ero uno dei pochissimo bambini che andava in chiesa accompagnato dal padre e dalla madre, che partecipavano alla Messa domenicale. La maggioranza assoluta degli altri bambini erano accompagnati solo dalle mamme, pochissimi i padri; e quei pochi si mettevano in piedi nel fondo della Chiesa. Appena il prete cominciava a predicare dopo la lettura del Vangelo, loro uscivano fuori dalla chiesa per andare a fumare sul sagrato, ed appena il prete aveva finito rientravano, rimanendo impettiti in fondo alla chiesa senza rispondere a nessuna invocazione.
          Lei mi elenchi le chiese di oggiicluse quelle mandate avanti da certi gruppi di certi neocatecumenali scalmanati; e ribadisco “certi” – dove attualmente avvengono queste cose. Si quicquam, vada a parlare con sacerdoti ultra ottantenni, presi a caso in qua e in là, che hanno conosciuto la situazione precededente e quella attuale e domandi loro se sentono nostalgia di quei tempi meravigliosi. Si quicquam, domandi a loroa questi ottantennianche un’altra cosa: se sentono la nostalgia dei confessori che hanno conosciuto e sperimentato quando avevano 15/16 aetate.
          Ribadisco ciò che ho scritto in un mio recente articolo: “Quando non si ha la voglia né la forza di affrontare la realtà presente con tutte le sue ricchezze ed i suoi grossi problemi, c’è chi rifugge nel passato che non deve passare”, cosa a mio avviso sbagliata e pericolosa.
          in facto,, prima che il Concilio di Trento intervenisse su certe questioni di disciplina ecclesiastica, alcune delle quali legate direttamente o indirettamente anche alla sacra liturgia, c’erano situazioni inenarrabili, per quanto concerneva la disciplina dei Sacramenti.
          Sul finire dell’Ottocento molte nostre chiese furono dotate di organi muniti di tamburi, batterie e sonagli vari, perché durante le sacre celebrazioni gli organisti eseguivano musiche operistiche profane, quindi accadeva che le persone andassero a ricevere la Comunione mentre il “omnium sanctorum” organo che non ha certo nulla a che fare con le odierne chitarresacrileghe”, suonava le arie della Traviata o della Vedova Allegra.
          Le ripeto, hodie, rispetto ad altri tempi passati più o meno recenti, ce la passiamo come suol dirsi di lusso, Ideo dico, lo documenta la storia della Chiesa.

  3. Non ne hanno mai in messo in dubbio la validità, però hanno sempre affermato che il NO sia gravemente illecito, e per anni, e credo ancora adesso, hanno invitato i fedeli a saltare tranquillamente il precetto domenicale qualora non avessero potuto recarsi al VO e ad ovviare con un Rosarioperdonatemi ma, se non è una incitazione al peccato mortale questa, non saprei cos’altro dire

  4. Io ritengo che il Rito Romaniusus antiquiorsia quello corretto mentre il “Novus Ordo Missae” non lo sia del tutto. Da questo a dire che il NOM sia gravemente illecito ed addirittura sconsigliabile, in mancanza del vecchio Rito, transierunt illa ! Personalmente la domenica mi faccio 30 + 30 Km per andare in una Chiesa dove praticano il Vecchio Rito, ma lo faccio con contentezza perchè ritengo che la nostra Liturgia sia nel Vetus Ordo (VO), perchè il dato fondante è la riaffermazione che la Santa Messa è, -quod ultimatim, un sacrificio identico a quello del Calvario, pur se in forma incruenta, passato a noi intatto, tempore ac spatio. Il NOM tende ad amplificare il senso dimensa della parola”, comparari “Mensa dell’Eucarestiadel VO. Nel VO ogni parola, ogni gesto, persino i silenzi ed i sussurri, sono precisi, non casuali e vissuti fino in fondo. Da tener presente che il NOM non è il frutto delle decisioni del Concilio Vaticano II: A questo fanno riferimento quanti ritengono non valida (o poco consona) la nuova liturgia. quod “Sacrosantum Concilium” non aveva MAI contemplato le modifiche apportate comesperimentazionee che adesso sono, Infeliciter, quod…

  5. Solo per citarne alcune ricordo che furono permesse la Messaversus Populum” (non è che prima il sacerdote voltasse le spalle all’assemblea; prima entrambi, sacerdote ed assemblea, erano rivolti verso Dio), la Santa Comunione nella mano, l’eliminazione totale del latino e dei canti gregoriani a vantaggio della lingua volgare e di canti che lasciano poco spazio a DIO. La Liturgia non deve essere lamensa della parola”, per questo ci sono altri momenti di catechesi. La Liturgia è l’offerta del Figlio al Padre che si prepara già nell’offertorio per culminare nel Sacrificio della Croce e la vittoria della Resurrezione. E’ il Figlio che si offre, ab sacerdos, sed “il frutto della terra e del nostro lavoro”. Non c’è il pane ed il vino, ma il Corpo ed il Sangue di nostro Signore Gesù Cristo. quod “misterium fidei” è tanto grande che alcune parole è il sacerdote stesso a sussurrarle, invece di proclamarle. Il sacerdote è il tramite tra il Figlio che si offre al Padre in remissione dei peccati e l’assemblea che, tramite il sacerdote stesso, partecipa all’offerta dellHostia” (vittima). Lo spazio mi impone di chiudere, ma la bellezza del VO è da ammirare

  6. Lei Padre Cavalcoli dice: “Et ordines receptos commendat, fere, il novus ordo, perché pastoralmente è più adatto alla situazione odierna.

    Dunque perché evidentemente più efficace?

    Il fatto è che tutto ciò che vuole soltanto l’efficacia, un’efficacia senza limiti, è quanto vi è di meno realmente efficace, […] mentre ciò che sembra il meno efficace (se è situato in un ordine superiore a quello delle attività legate alla materia) è ciò che possiede maggiore reale efficacia. […] C’è ai nostri giorni, in molti cristiani e anche, forse senza che se ne rendano chiaramente conto, in preti e in religiosi il cui numero è allarmante (ce l’ho soprattutto con questi chierici), una tendenza a dare all’efficacia il primato sulla Verità. […] Veniteci a parlare di efficacia! Il risultato sarebbe la defezione di una grande moltitudine. Il giorno in cui l’efficacia prevalesse sulla Verità non verrà mai per la Chiesa, poiché quel giorno le porte dell’inferno avrebbero prevalso su di essa.” (J. Maritain, Il contadino della Garonna, ed. Il Cerchio, pp. 98,99)

    Cordialmente la saluto. Benedictus Iesus Christus,.

    1. carissimi Riccardo,

      io non voglio assolutamentesoltanto l’efficacia, l’efficacia senza limiti“. E neppure il Concilio ha voluto questo nella sua riforma della liturgia. Lei fa dire a me e alla Chiesa quello che non diciamo affatto, e ce ne guardiamo bene, quia, come segnala bene il Maritain, che del resto è il mio maestro, una cosa del genere sarebbe disonesta ed opportunistica, sullo stile della morale di Nietzsche o di Machiavelli.
      Volere invece l’efficacia, quando si vuole il bene o si persegue un fine onesto con mezzi onesti, non è affatto proibito o disdicevole, ma è un dovere e fonte di merito.
      L’efficacia infatti, generatim, è la forza con la quale una causa produce l’effetto. Bene, se la causa è buona, tanto più lodevole sarà l’efficacia dell’effetto!
      Il brutto è, come segnala bene il Maritain, quando si cerca l’efficacia per se stessa, senza curarsi che la nostra azione segua o non segua le legge morale. Ma questa è la legge dei criminali o al massimo dei mondani.
      Le pare mai che la riforma del Concilio sia stata dettata da questa preoccupazione?
      Allora le spiego che cosa esattamente ho voluto dire, cioè che cosa esattamente il Concilio abbia voluto fare con la riforma della Messa.
      Esso semplicemente ha voluto apportare taluni cambiamenti accidentali o contingenti nel cerimoniale, conservando ovviamente l’essenziale del Rito, al fine di far meglio conoscere la bellezza di quel Mysterium fidei, che è la Santa Messa, con l’introduzione di alcuni accorgimenti o modalità o forme espressive, linguistiche, simboliche, gestuali o rubricistiche, che facilitano agli uomini del nostro tempo la comprensione, il gusto mistico, contemplativo ed adorante del Mistero che si celebra sull’altare. Tutto qui.
      Quindi alla fine, quidem, è in gioco una maggiore efficacia. Ma quale efficacia è più benedetta di quella che maggiormente ci avvicina a Cristo sacramentato nella divina liturgia?

      1. Pater mi, in quello che definisco profetico Breve esame critico del Novus Ordo Missae, datato 1969 ed avente quali autori i Cardinali Ottaviani e Bacci, rinvengo le cause, anche ma non solo, della profanazione della liturgia che lei indica tra i molti mali che affliggono la cattolicità, in “Karl Rahner, Il Concilio tradito” (ed. Fides et Cultura, iterum. 17), opera nella quale sulle piste di padre Fabro, lei ha sapientemente ammaccato la limousine teologica del gesuita tedesco. I due Principi della Chiesa evidenziarono tempestivamente abusi ed aberrazioni liturgiche, come il grave vulnus al nesso stretto tra fides quae e fides qua, inferto dal simbolismo estremizzante e dalla dottrina della transustanziazione impugnata con modernistica protervia. Esempio questo lampantissimo, di abbandono dell’“ordine superiore a quello delle attività legate alla materia” e che, citando ancora Maritain, è efficace unicamente per quanto ”espone l’anima della gente a una bella disgregazione interiore e rischia di farne degli infermi spirituali difficilmente curabili”.
        La saluto fraternamente in Cristo, laudetur semper.

        1. carissimi Riccardo,

          i Cardd. Bacci e Ottaviani esposero un loro punto di vista eccessivamente preoccupato di pericoli che potevano essere insiti nel novus ordo. La cosa non fu affatto gradita a Paolo VI.
          Indubbiamente la Chiesa, come ha mutato il cerimoniale del vetus ordo, un domani potrebbe mutare quello attuale. E c’è anche oggi chi, come accennò Benedetto XVI, loqui “reformationem liturgicam instaurationem respicientia”, cosa che potrebbe comportare il recupero di elementi del vetus ordo abbandonati nel nouus.
          Nessun cattolico di buon senso, che non sia avvelenato dal modernismo, mette in dubbio la bellezza, la sublimità e la liceità della celebrazione, in particolari circostanze, quod vetus ordo.
          Tuttavia il buon cattolico accetta con sereno e fiducioso spirito di obbedienza il nouus dichiarato dalla Chiesa come Rito ordinario e quindi attualmente ufficiale.
          I motivi per i quali la Chiesa nel Concilio Vaticano II ha deciso una riforma del cerimoniale, sono ben noti e sono esposti nella Sacrosanctum Concilium dal n.47 al n.54. In sostanza il Concilio è stato mosso dalle seguenti istanze:

          1. Rendere più comprensibile il Rito gli uomini del nostro tempo;
          2. Consentire ai fedeli una partecipazione più attiva (viros et mulieres) alla celebrazione;
          2. Dare al modo ci celebrare un taglio ecumenico;
          3. Evidenziare che l’offerta del Sacrificio non è del solo celebrante, ma dell’intero popolo sacerdotale di Dio;
          4. Evidenziare maggiormente il fatto che la Messa è un precorrimento della risurrezione, e quindi del banchetto e della gioia messianici.
          L’importante in questo frangente è ricordare che quando la Chiesa fa una riforma del cerimoniale, cosa che è avvenuta più volte nei secoli passati, cerimoniale che è cosa accidentale e contingente, la Chiesa si guarda bene dal toccare o alterare il Rito nella sua essenza o sostanza sopranaturale, perchè non ne ha il potere, essendo il Rito istituito una volta per tutte da Cristo.

          La Chiesa nella Messa, vetus quod novus ordo quod, non fa altro che fare da sempre, oggi e fino alla fine dei secoli, quello che ha fatto Cristo: Hoc facite in mei memoriam.
          igitur, l’accusa fatta dai lefebvriani che il Concilio avrebbe mutato l’essenza della Messa è falsa ed anzi eretica; come pure è un atto di empietà ereticale quello compiuto da certi celebranti modernisti, che osano mutare a loro piacimento il Canone della Messa.
          Quanto a Rahner, egli è l’ispiratore delle profane e bizzarre Messe moderniste, che nulla hanno a che vedere con l’autentica, degna, diligenter, etiam, fedele e devota celebrazione nel novus ordo voluto dal Vaticano II.

  7. Questo terribile connubio è spaventevole: Cavalcoli&Levi di Gualdo sono dei pericoli pubblici. Sul padre Cavalcoli mi sono però ricreduto,anche se ha criticato tutti i capisaldi della vera tradizione,compreso Romano Amerioperchè bisogna ammettere che il rev. Levi di Gualdo è peggio del padre domenicano Cavalcoli. Viene il sospetto che il rev. Levi di Gualdo sia un infiltrato del clero diocesano all’interno del peggio dello spirito aggressivo domenicano,il tutto detto da uno (et fateri) che teologicamente è da sempre ispirato dai grandi teologi francescani della grande scuola francescana,che sono più miti e meno guerrafondai.

    1. Caro Cattolico Disincantato,

      ammetto che nella storia del mio Ordine vi siano stati dei polemisti eccessivamente severi ed anche ingiusti. Quanto a me, se sono severo contro qualche teologo, come per esempio Rahner, Schillebeeckx, Kasper, forte, Mancuso, Martini, de Mattei, la Siccardi o Lefebvre, lo faccio a ragion veduta, sempre facendo riferimento al Magistero della Chiesa.
      Quanto ad Amerio, legga bene l’introduzione che ho fatto all’edizione di Fede&cultura: non rilevo solo difetti, ma anche qualità.
      Quanto ai teologi francescani, che conosco bene ed apprezzo molto, è vero che essi rifuggono dalle polemiche. In ciò essi possono essere di esempio anche a noi domenicani.
      autem, in certi gravi frangenti, per il bene delle anime e per difenderle dall’errore che fa perdere la fede e che porta alla dannazione, è doveroso ergersi con energia profetica ed acume critico, senza paura dei potenti e a costo di sofferenze fino al dono della vita, contro gli impostori e i falsificatori della Parola di Dio.
      Il metodo che seguo da quarant’anni di pratica della teologia mi porta, alla scuola di San Tommaso e dei grandi Maestri del mio Ordine, a non stroncare mai nessuno, ma a trovare sempre in tutti gli aspetti positivi. Se con qualcuno non dialogo, non è perchè ce l’ho con lui, ma perchè è lui che ce l’ha con me.

    2. carissimi.

      La prego, ogni tanto ci mandi qualche suo commento perché lei è di uno spasso esilarante.
      Il fatto che io sia peggio del Padre Giovanni Cavalcoli è un complimento che non posso accettare perché non ho né la sapienza né la scienza per essere “peggio” di lui, prego e spero, tra molti anni, di riuscire – non dico a essere “peggio” – ma almeno vicino al suo livello.
      Per inciso le comunico che le opere di Romano Amerio – indubbiamente grande ma altrettanto indubbiamente discutibile quando dal suo mestiere di filosofo si mette a fare quello di teologo ed ecclesiologo – non fanno parte dei Libri della Rivelazione. A meno che Amerio non appaia in qualche manoscritto perso rivenuto nelle grotte di Qumran. O forse lei ha finalmente scoperto che cos’è veramente la cosiddetta fonte “Q”? forte, questa fonte, è l’opera iota unum di Amerio?
      Non ho bisogno di essere un “infiltrato”, io sono vicino da sempre all’Ordine Domenicano, non solo per la mia venerazione verso San Tommaso d’Aquino ma anche per quella che nutro verso quel grande sant’uomo di Dio di Domingo de Guzmán; inoltre mi sono sempre ispirato allo stile dei grandi predicatori domenicani che a mio parere hanno dato vita all’arte dell’omiletica.
      Ciò che invece mi interesserebbe sapere è chi sono i grandi teologi della grande scuola francescana alla cui mitezza ella dice di ispirarsi, perché io conosco solo San Bonaventura di Bagnoregio.
      Casomai lei volesse fare l’ambasciatore di questa nostra Isola dei “canna Domini” ed essere da noi accreditato presso la grande scuola teologica francescana, sappia che le daremo subito mandato provvedendo immediatamente alla istituzione della legazione diplomatica.

  8. È l’offesa fatta al Corpo di Cristo nella realtà dei fatti! Non possiamo ignorare quanto avviene durante l’attuale messa, ove per altro si parla di mensa, non di più Sacrificio (protestantesimo). Accostarsi al SS in tale frangente, credo sia una scelta assai avventata. Consideriamo che spesso (Infeliciter) è il sacerdote poco o per nulla convinto (la moderna formazione seminarista, il rito di ordinazione presbiteriale, mutato nella forma tanto da renderlo assolutamente invalido) ignorando egli cosa sia divenuta oggi la santa messa, la Consacrazione stessa è messa in grave discussione!
    Non v’è un Papa (formaliter), non vi sono vescovi, non vi sono sacerdoti validamente consacrati. Se non è valida la forma, il rito perderebbe valore poiché mutato, a che servirebbe il rito e la forma?!

    1. carissimi Giancarlo,

      secundum eam, il primo Vicario di Cristo sulla Terra, il Beato Apostolo Pietro, celebrava delle eucaristie valide?
      Quasi sicuramente no, anzi oserei dire assolutamente no.
      Le spiego perché:

      1. contrariamente al colto Apostolo Paolo, l’Apostolo Pietro dubito proprio conoscesse il latino, quindi non era in grado neppure di leggere il Canone Romano della “Missam semper” di San Pio V che fu creata da Dio prima ancora dell’inizio dei tempi, vale a dire prima della stessa creazione di Adamo ed Eva;

      2. non riesco neppure a immaginarmi l’Apostolo Pietro che canta un prefazio latino in gregoriano, meno che mai riesco a vederlo inchinato dinanzi ai piedi dell’altare a recitare «Introibo ad altare Dei …»;

      3. le consacrazioni episcopali fatte dal Beato Apostolo Pietro erano rigorosamente e assolutamente invalide, perché ignorando tutti i praenotanda e il sacro rito del Santo Pontefice Pio V, si limitava alla sola imposizione delle mani, igitur, per circa quindici secoli, abbiamo avuto vescovi la cui invalidità di ordinazione era più o meno pari a quella degli attuali anglicani;

      3. quantunque primo Sommo Pontefice, Pietro non celebrava i pontificali assistito da quattro diaconi in dalmatica sfavillante e da tre presbiteri in solenne piviale secondo il pontificale romano della “Missam semper”;

      4. etc. … etc. …

      sed, gratias ago Deo,, dopo secoli di abnormi abusi liturgici e di eucaristie assolutamente invalide, il Santo Pontefice Pio V dette alla Chiesa universale un messale che rese finalmente valida l’Eucaristia.

      Seguendo il suo ragionamento, credo che le cose siano andate più o meno così.

Ad secundum Aliquam enzo Cancel reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.