Ex ambiguo avvenire sex-theologia de Argentym Bishops producendum quod potest claram neque ambiguam Magisterii Pontificii

THEOLOGIA SEX RELICUS Ambiguitas ARGENTINE POSSINT DE EPISCOPIS DE ROMANI PONTIFICIS et non indicas LIQUENS MAGISTERII IUDICIA

.

La pubblicazione della risposta del Romano Pontefice ai vescovi argentini sugli Acta Apostolicae Sedis Gaudere facit modernistarum, sed non omnino certum non percepisse quaestionem, quod valde dolendum, dominante venie papales, consideratione ac utiles, quaestio nondum absoluta perspicuitate de grandis interitu, qui semper: Si non potest, vel maybe quibus casibus divortium novam inierunt unionem, ut sit admissus ad Confessionis sacraeque Communionis; sint omnia quae sunt et quae, his casibus,.

.

.

auctores
John Cavalcoli, o.p. – S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

.

John Cavalcoli, o.p. Ariel e S,. Tadinensis habuit Levi peckish, tum ex subsidiis diurna columnarum Video-theologicum autem occur, non servivit ei, II providentiae praebere forsitan modo,, improvidum oryx illaqueatus …

eius occur complexus esset locus articulo agitur de quibus agimus coniugia Communionis [text: qUI]. Duole dicere, sed etiam ad galeas coniugum turbam cinerarius expectato ordine Lorem velocitate conficere permanentem, Catus, ut plerique faciunt similiter gossip dopo aver letto un articolo su Novellae 2000. Quis enim hoc est inconveniens, ut legentibus Valutino ad quem damnatorum cura pertinebat ad subscribere Acta publica articulorum Conferentiae Episcoporum Italiae.

.

Debemus confiteri quod a periculis pauperes columnist, dovuta perlopiù al modo in cui egli ignora non solo le basi della teologia fondamentale e della morale cattolica, sed etiam ad historiam Ecclesiae atque in Papatu, Non fecit rectum in quo est gravis quam in his verbis quod ante fuisset conclusus in publicum launched. in facto,, directe a newspaper de episcopis Italiae donari ut homo fidelis, conturbabimus illa,, Gravitatis talis est materia ante animam, quae magis magisque pavido membra nostra episcopi non silebo. Propter hoc enim newspaper de episcopis Italiae de columnist, ad litteram scriptum de respondere Argentinean Pontifex Maximus, Episcopis ex reigning [et translationem originale litterae: qUI] civitatibus: "Vix Verba aequivoca, sed in tempore suo effecerat propugnatorum est nasus ".

.

Ac iam hoc diurna Video-theologicum, è editore la Conferenza Episcopale Italiana. Ergo aliquis sperare, incipiens a dextris Emo D. Cardinali Praeside, hoc ipsum informando publica iniuria columnist simili sententia doctorum omne quod Papa ad Concilium. ut patet,: Papa non est "tremula" opinione fortasse "insidentes« ut Concilium, sed omnes pontifices qui successit beati Petri Cathedra Concilio Vaticano II. quia, cum ad uvam damnationem 'defensores jam tempus esset ut', Doctrina viri per se adorti sunt nimis, qui certis nominibus: Beatus Paulus VI,, Summus Pontifex Ioannes Paulus II, Venerabilis Benedictus. sed maybe, columnist pro pauperis, beatificationibus et canonizationibus, quia antea unquam pontificatum perfusa misericors ante duo millia annorum sanctitatis historia, nihil adiciam haud. Hortor itaque dicetur quando beatae aut pauperibus articolista praelegit Papam, Hoc est primum omnium sua tenuit in magna statura ejus doctrina illius ... "vetus". in facto,, Beatus Pius nonus Póntifex máximus, Non fecisse beatum reddidit Tiberis ripas attollere cloacam, durante ita fugientibus imbribus ultra et habitatorem pauperes populi trans flumina vicina erant foris shit. similiter, nec in futuro, Quod sit propositus, non pro honoribus et aris ad pontificem esse beatas Scandere sedes est installed, nel luminoso tempo presente che è — quello contrapposto dal povero articolista di occur per "parentum" -, aestusque pluuiasque in sentinis profugo in quodam atrio positum est facere digneris:, quoniam data est minimus omnium colloquiis Eugenio Scalfari, Luciferum vocavi filium Marci Pannella aut sicut ad prehendunt ', vel sunt abortus defined autem tuam et inpaenitens cor Bonino quod predicta Emma per "Italiae magnas". Cur non iustus, omne, Est supremum magisterium, quia non est pejus magis cuperet,: si autem magisterium, tum, ad honorem Christi et Ecclesiae in honorem eiusdem sancti Petri Cathedra ministerium, bonum illud esset oblivisci quam primum. Non potest oblivisci omnium sollemnibus Magisterii beatus Papa Pius VII, quorum plerique columnis sustentatur theologicae, doctrinali et dogmatica Concilii Vaticani II compages, quia "tum quod" factum est dum, posita ratione impietatem pauperes newspaper columnist pornotheologica, Conferentiae Episcoporum Italiae, omnes, repeat, In totalis silentio timore perterritus episcopos nostros.

.

Hoc articuli prima persona caret apparet in praesaepibus philosophicae, historical, theologicis et iuridicis,, Hoc ultimum damnationem: «Un passo ormai irrinunciabile per togliere Amoris laetitia dal girone delle polemiche sterili e inserirla fruttuosamente nella realtà della vita quotidiana». Et hoc dicitur tantumdem valeret si diceret: dimidium annum beatus Paulus doctrinam oppugnant licebat, post pubblicargli Batavica Catechismus;, et contestargli Humanae vitae et pro ludibrio eam in Studiis academicis, in North Ecclesiasticarum omnium in Europa; annorum enim erat licitum quasi impetum in doctrina de Summi Pontificis Ioannis Pauli II, certamen inter universitates in Pontificali classes, distribute signati ex posters intellighenzia theologorum Europae. Et hoc patet per viam: doctrinae studio omnes qui post Concilium Pontifices, Qui scit quantum sit manifesta, Ambiguitatis error est non accurate re. Sed si in Summa theologiae, quae a predecessoribus licuisse et beatas Scandere sedes Pontificis semper, Erant etiam ultro, superbus et usque ad infamiam, sicut beatus Paulus VI malo factum graviter infamatus quaque, hodie, legitimate curam de loco moveo ut ambigua disserentem iter Sancti Patris Francisci et eius carentiam claritatem perspicere, quae verum dogma nefas videtur.

.

Itemque ut eorundem Episcoporum Romanum Pontificem responsum in Argentina in Acta Apostolicae Sedis Gaudere facit modernistarum, sed non omnino certum non percepisse quaestionem, quod valde dolendum, dominante venie papales, consideratione ac utiles, quaestio nondum absoluta perspicuitate de grandis interitu, qui semper: Si non potest, vel maybe quibus casibus divortium novam inierunt unionem, ut sit admissus ad Confessionis sacraeque Communionis; sint omnia quae sunt et quae, his casibus,. igitur, Non tamen apud nos Roma locuta, quia in, strepunt quasi pauper columnist, duabus de causis simplex: quia non apparet quod cogitatio Episcoporum, quia negatio;, Quod non certis Pontificis sententia esset interpretatus Amoris Laetitia in Argentina est Bishops. in facto,, in album of "Caput VIII De basic criteria applicationis Amoris laetitia»Praeparata ad Argentym Bishops, invenimus haec tribulationis varietates suas, primo statu quo:

.

'Non autem oportet ut dicam' permission "ut aditus ad Sacramenta, sed cum successu pastorali prudentia ".

.

Devitantes intrantes autem de hoc "consequitur" et sonitus dulce interdum interdum et quamdiu COLLYRICUS et quod sumpta sit in loco ad locum, de quibus spiritalis animarum moderationis, Videmus autem affirmant: "Non oportet fieri potest loqui ', quod dicitur quod nullum sensum facit. in facto,, quaestio, pressius hoc est,: sive a Romano Pontifice vel concedit, non liceat accedere digressos iterumque coniugatos comitentur, ut in quibusdam casibus sancti communionem eucharisticam. Quod, Argentym episcopi sunt verisimile ut faciam harakiri, quod est dicere quod Papa sicut non datur iis permissio; et in hoc credimus quia non est iustus, nimirum quia nunquam data licentia. igitur?

.

Quod discernendum utrum aliqua copulans, qui habitas in statu irregularitatum Et ut vel ut non communicare,, non separantur actu adversa sive permissu pontificis substituendi, legitimate pastor egressus est, sed solum in actum ex conditione, quod a Romano Pontifice sit permissum ut in casibus quaedam faciunt ut communicatio; et permit, sicut modo probare, est.

.

al n. 5 et n. 6 litteris eorum, the Bishops Dicunt enim Amoris laetitia "Facultatem et" aperti relinquit - possibilitate - 'Obvius ut conficiatur de sacramento reconciliationis'. Bene, non solum secundum quod videmus assertio ad copulam Amoris laetitia Nota est. 351, quibus haec verba referuntur ad alias nuptias divorcees: "Interdum etiam illud potest esse in Sacramento auxilium,. Verba, quae prius est modo iure quaerere: quid dicis in animo, qui Episcopos cum expressio "relinquit facultatem aperire"? Quod responsum sicut mustelae sylvestri, non potest venire ad huius verba nota? Et exspecto responsionem, quae ad effectum, Interim praetermitti minime licebit in rationabile quaestione: antequam circiter ducenti textus pages, ad eam rem esset necessaria ad inserere sed sententia tam ancipites tamque periculi dicitur operta in imo paginae, talem complexionem delicata argumentum tractare? Deinde scripta indicant magno territorio socio-pastorali, paginae et paginae oratio explicare et teneritudine coniugum necessitudine, referri possunt catholicae sinamur Disciplina Sacramentorum moribus recepta terminus sursum in clanculum noticina nedum deorsum spectat page? quidem, haec nota, Ut daret illam impressionem communionem admittit divortium novas erigere, sed re vera non est,. Et nota quod in pagina non imo vexillum exprimere a current, Pellentesque a possibilities autem a regula, Et quod idem testis formula exprimatur conditionalis. Et scimus quia verum est: et hoc expressit binding regulam vel in modo indicativo et imperativo, non con il illud potest esse, semper in peius Non autem esse, sed etiam ea nullius esse,.

.

Cum transit a legislature legem casibus exceptis, quae cum ad, ut lex valida, Hae sunt causae inter se certa, quae tamen, quia non facit controversiae scholii est inserta in imo paginae ad illud circiter ducenti. Itaque in ea, Romanus Pontifex, Et non dicit omnino vult ut det illis quae defert vel prestat, sed quid sonat darent. Et nunc non ulla dabit permission, Dicit enim tantum potuerunt dona. igitur, si hisce commentationibus es validum, hinc est, quod Romanus Pontifex, dicens graviter quidem feliciter Episcopi iam sunt misread, Hoc autem videtur dicere quod essentia in se nec illum dare permission, sed dare non potuit eam. Infeliciter,, rem, Non est omnino liquet, quia non videtur sententia Episcopi Argentina, Eiusdem Romani Pontificis et Nescimus quid loquitur de. tum, Papa vero Episcopi eidem cum cognata, quae in litteris de response was published est scriptor Acta Apostolicae Sedis, Est is a step porro in processus declaratione, ut tota dilucide satis certo nequaquam tam sensitiva multiplicique. aliquid, ita Romanus Pontifex habet in luto grave iaciendi, nisi pejus: sicut in vulneribus conficere hamatis filum super fossam bello infeliciter, ipsum, Quod ante operam ad devolvat, et ad vescendum.

.

dum occur ducitur ex stylo galantiniano columnist nuntiavit urbi et orbi Acta Sanctae Sedis: et responsum est quod tales non essent MAGISTERII IUDICIA, Nunc lets 'tendo ut analyze, et effectum sine acceptione personarum, pro quod grave factum est,, quia hoc esset rerum substantificatur: Argentina episcopis de hypothesibus interpreta litteras ingrediuntur ad solutiones probabiles causas vocant hypotheticum aeque tumultuario coniuges accessum et sacramentorum. Romanus Pontifex, omnino conscii responsabilitatis nostrae et non est cum ea maxime declinans exitus declararunt responsa et precise statements, Ille respondit, quod est verum illorum interpretatione (!?). Patet ex hoc ignorabant siquis acriter plicationis fugam Accountability, tum iterum repetere: Episcopi promovere hypothesi Argentina, ex definit Papa est quidem recta hypothesi, tum, Hoc est interpretative ponitur actus Magisterii, sive episcopi nec sine Sancti Patris Argentym assumpserint patet evidenter dicentes, quod sic ordinatur uel nulla cura est,. Infeliciter, aut non placet, quae hoc modo suscepit in eo; et non solum non crediderunt perdidit aliquid, aut male.

.

His autem qui ait optime challenge Ecclesiae historiam scripserunt et scholarium optimum est invenire historia theologia, per totam vitam Ecclesiae bismillenaria, nisi quis similis si in priorem Magisterio laudatae, quod in Concilio Nicaeno usque ad celebratum Concilium Vaticanum II attigit.

.

Hoc exemplo perniciosa futura praeter creaturus, Nunc quia post, omnis coetus Episcoporum Ecclesiae per orbem terrarum exempli poterant ponere - modo, semper purus hypothetica campester -, quartum dicendum quod, si facultatem concedentes mulieres ad sacra Presbyterorum Ordinis, Circa hoc putative interpretationes ex aequo prima formula quattuor. tum, a Pontifice Maximo, Respondet ad ea episcopos, ut propter hypothetica est interpretatio recta est. E, hoc, Non potest ita declaravit fuerit in usu - cum gaudio magno gavisi sunt occur et tincidunt vulputate non sapiens: suo galantiniani -, quaedam sub conditionibus et congruis refe- rentes, et mulieres ad sacerdotalem ordinationem effecti. Omnes illi qui sunt absque interpretatione et redacta excutere atque suggesserant, Gradus enim summo cum interpretatione ac declaravit, Sic indolem sibi induit causae Rusticis, super omnia autem unius non est: ego semper asseruit, licet non mulieribus, et sacerdotes, et consecravit:, et tamen verum esset,, et per "mulieres sacerdos 'iussi, ut facerent abominationes IN CASIBUS SPECIALIBUS, Quod, sicut supra dictum nuntiare definitive a Beatissimo Patre Ioanne Paulo II:

.

"Dico te qui habet auctoritatem Ecclesiae quæcumque mulieres ad sacerdotalem ordinationem conferre, neque hanc sententiam sit tenendum, ad summum per omnes Ecclesiae fideles ' [Ordinatio Sacerdotalis, 19. illud qUI].

.

Dicitur quod A esse verum manet quemadmodum pontifex sanctus in praecepta quae nascuntur ex commenticia Familiaris Consortio [Cf.. n:. 84, text qUI], Sed tunc solum, contemnendum erit: in consuetudinem pastoralem redundantem. Vel maybe capocomici horum tristem comoediarum festivitatibus solet in progressus, nempe quod neminem posse figuratum? It tristis et simpliciter,, id appetant: quod sit discedere doctrinam, ne tetigeritis, et ex significatione simulacraque inania, et sic mutare, prorsus evertunt nisi, ut dicitur in ministerio sacro,. in brevi, tamquam … 'Effugium argumenti de depositis legem posuit ut reperio ".

.

Et populum, ut penitus non unita sunt vera doctrinae et rei pastoralis, Im 'non re conuincamur,, pilae ludos fecerunt antequam ad finem agri excussae, carpe dolorem inferens essentia haec so-called astutia, quod etiam, ad cogita, Ac ludibrio sibi multum habent, parum callide insidier?

.

Dumque haec aguntur, ad episcopatum tacet amicorum melius sperare, optimum futurum irreparabile damnum post absque temporibus consequatur, veniam, si quid. postulant: inter variis peccatis declassified, causa est, quia, Et sublata est omissionis peccatum,? Quod in eo quoque casu, non debet corrigere, et ritus paenitentialis, inter S. Missam, petere veniam soli peccavi "et cogitationes verbis", Movens igitur dimidium socialis, ut anima salva episcoporum aliquot.

.

Tips ad Summum Pontificem,

.

Hoc ambiguum egredi quatientes, In humilitate iudicium Romani Pontificis oportet, in libitum: Motu proprio aut Adhortationem Apostolicam, et tradidit ea in manu Instructionem Congregationis de Cultu Divino et Disciplina Sacramentorum transmittantur, quae fuerat in ea sicut developing published De Consiliis Sanctae Sedis, dein totum debitum, ora claudenda res digna meritis plenus latitudo, exponendo theologicis, legalis et moralis, quae ei subiacent, et sic inuentorum answering, in dubiis et objectionibus.

.

Quicquid ex ilia mutaveris in omnium castigatio- num disciplina ad Communionem Eucharisticam, Est re vera esset tale esse ex historic significatione gradus, iis petentibus, ut justificemur ex gravi casibus, et peculiares necessitates pastorales, quantus tale fore mutationem in integrum relinqueret principiis moralis atque dogmatica, et certe esset magis applicationem eiusdem. Quae prorsus, sed, cum esset integrum relinqueret doctrinalia super charta centers, tum in ministerio sacro mutandoli.

.

Nec igitur Romanus Pontifex habet auctoritatis ut omnes gradus tam, sed etiam quantum ad id necesse est maiorem commitment, circumspecte et prudenter canonicum, cum historical expertise, Et rigor lentescat speculativa, virtutes theologicas et morales momenti,, mittens autem ambulare teologastri et ad hariolos, qui circa initia inchoënt, ac freti de scripturis, traditional, et magistratibus,. Quod etiam aliquid Ecclesiae ac volneribus fidelium magis pereunt, Donec non curare Victor Manuel Fernández archiepiscopus oscula, novi S. Thomae Aquinatis, qui dilexit nos cum summa: Sana me os tuum,, ars osculum infixum [Sana me os tuum,, ars osculum infixum, qUI], quoniam in loco isto, Papa in circuitu, Pedro Almodovar nobis necesse est ut debita auctoris Tractatus de nobis spiritualis fautor haberi potest mystici. Clypeus nec faciem meam, Summus Pontifex,, dum de familia praeterita Vestae, sed plene assumit sibi proponens: Tu es Petrus, [Cf.. Mt 16, 13-20]. Romanus Pontifex et rata sit verborum episcopi notarius, sed eam dux sit, ad episcopos,. igitur, Albertus archiepiscopus Victor Manuel Fernández osculis emissus Melloni, et audire pro sua Summa atque sanctissimus decessor Noster Gregorius Magnus,, quanto magis melior est valde et docere, etiamsi fortasse, ad scriptores occur, Veri simile sit connumeranda … "Et caedes defendentum armis solitum, quondam '.

.

Patres referri de In insula, quæ appellatur Patmos,, et maxime per iudicatus stratoria, quae sunt benedicentes Deum Christi fideles, et multo certius, Video-theologicum occur, tunc suadeant ut decet sanctitudo in Domino Jesu Christi Domini nostri: Franciscus Pontifex Maximus, haec puncta:

.

  1. Romanus Pontifex non a Christo collatum est meminisse quod dedit mandatum confirmandi fratres suos in fide, sed eos in pascerli mores et usum Sacramentorum ideoque in [Cf.. Gv 21, 15-19].

.

  1. Dum dogmaticae Romani Pontificis stabili errore immunem servat et docet Veritates fidei - quam habemus in Doctrina de Sacr -, re in spatio et in Sacramentorum administratione;, et quia dictandi angustia sua ad fidelium condiciones ad receptionem dignus, Utitur consilio pastorali, pro quo, ad unitatem essentiae, sive ex positu variare possibilities, facultatem ad necessitates et ad datum in hominibus, in variis locis, sive in historiae tempus,, possit mutare quoddam directivum seu edita constitutione antecessore suo depositi. In hoc casu, non debet tamen,, plenam potestatem habens, S. Ioannes Paulus II mutantur in doctrinam, Hinc nimirum non mutatis litteris, sed eodem tempore permittens eam mutata actio pastoralis et etiam in ex pura solum interpretative hypothesi.

.

  1. Romanum Pontificem concedere divortium novas sacramenta, In casibus speciali certa ab eo, hypotheticae propositiones in usus puta formam episcopalis Argentinean, Franciscus Cardinalis Coccopalmerio pastores vel optimatium vel canonistas. Sed non debet hoc faciam, in elucet omnino et univocum, et consilium illius plenus ex omni quidem recta via responsale.

.

  1. Similia casibus speciali modo potest construi, ut in nullo aut interpretata est negata in Doctrina actum secundum se et semper malum, nuptum aliqualiter libenterque assentientibus, eximia tamen, et semper ita sensisse, quam in loco et non accepit, id adulterium,, paene quasi lex moralis est in officium vel ad universalitatem et immutabilitatem, Humanae non dependeat a finibus, tunc demum ad voluntatem creator, sed quisque posset determinari a privatae conscientiae, ad aram Providentiae posuissent absoluta, secundum condicionum mutationes,, et in sociali temporum consuetudines.

.

  1. Occorre distinguere il peccato considerato per ipsum, sumptus ad effectum, dal peccato così come appare soggettivamente in una coscienza in buona fede, nusquam errans. Hanc distinctionem admittit posse necesse, Item in divortium novam inierunt unionem, diminuatur ad culpam a habere cum veniali mortale, quia ex humana fragilitate contraximus ex ignorantia, et si in bona fide. De gratia, tum, non esse amissa, Possent communicare; Si gratiam perdunt, Vos can fateor.

.

  1. Distinguere oportet inter Nos It was inordinati, Sicut exempli gratia, quod post divortium novas nuptias, ex statum peccatum mortale. Quia etsi adulterii non est peccatum mortale et semper ad effectum, Non est autem declaravit Aureus prava semper est peccatum mortale in statu gratia, ideoque idoneo, Potest tamen etiam si fortasse; quia dignum arbitratus est - quod valde dolendum, quidam ita vocavitque poena takers ut quaedam contra dicuntur, laxists - esset quoddam verum pro vero iudicio Dei, soli Deo ponere non possit iudicare de lege et de hominibus altum videtur consciousness. in facto,, Cum enim secundum statum conditionis foris irregularis ex duobus, in quibusdam casibus,, et wanting, potest non adepto ex an non, de statu peccati aut reatus fuisset est firmum aut voluntatis habitus mulieris virum ultro in Deum, eodem desiderio teneri, quibus, eodem testamento potest,, aliquando, metu correpti illam gratiam, removere illud, poenitet, veniam a Deo precabantur et gratiam ad recuperandam. Vel est ponere exemplum,: supponemus, quam quod ille fecit, et fecerunt in eum Iudas Simonis Scariotis inferos, sed non, de ipsa ecclesia, utrumque potest dici infernus certissime, nemo possit scire, quid factum est, quia non est inter Deum et in modico et in conscientia Iudæ in qua minutis funem in collo ligatum, quod remota ad animam.

.

  1. Ex principle moralis eadem descendat mobile applications opposuit. exemplum: iure ab officio humanam vitam habeatis in periculo mortis terrore vel descendere cuius dictatoris haud dubium superesset incolarum, ut ex eodem loco nati sunt esse possit quantum ad humanae vitae gratiam ad pœnitentiam egissent, aut interfectrix ipse iudicans, de poena mortis. aeque, Sacramentum matrimonii debitum servandi, et quantum potest ex licentia prohibitum sacramenta quibus agimus, propter quod prudenter disposita Summi Pontificis Ioannis Pauli II in Familiaris Consortio [Cf.. n:. 84] ecclesiasticis disciplinis institutus est an fundatur in Ecclesiae traditionem magni habeant, Non est dogma fidei. Qui conantur dogmatize disciplinam, Sed simile cadunt aliter qui severitatem potius mutate eodem modo per pastoralem furbesca, quod si non est aliqua gravi de dogma componunt,, Quod non minus est aeque gravis ac dogmata quae adnuntiant non est. Addere ad haec, illustranda quaedam gravitas semper fuisse dicantur poena takers, quod ipsa ecclesia, atque in cura animarum pastores, Habent quidem earundem obligatione peccati conversationem ducere monendum fideles aeternis, uel, quidam per loca, est verisimile ad inferos. Sed non est - saltem quosdam homines laicos, qui se inaudita “iuribus” quae ad eius damnationem supplicium “verum doctrinam” -, Non potest determinare quae sint aliqua de gratia Dei viros ac mulieres, Dico ergo quod futura perpetua damnatione peccato mortali. Ne ecclesia Christi non habet potestatem condendi huius: In facto, qualiter Ecclesia est docere et monere, per peccatum, possis perdere gratiam, at reddere non valet honestum et cum certo modo absolutum, quod peccator sit semper ex gratia Dei.

.

  1. Sed difficile est anathemate non excitare, sed permission, quod bonum habitare. in facto,, ratio est ponere quod matrimonium non est solutum;, quam putant Andrea Grillo, Cardinalis Walter Kasper, modernistae, et rahneriani et ed Lutherani. Quamvis haec paradoxa, si non permission intelliguntur praecipue qui auxilio gratia ad opus, auxilio autem duobus qui vivunt in gratia, miserae conditionis confuse, ex qua - uelut - non egrediar;, tamen suus quique similiter vivendo gratia.

.

  1. Et post divortium novam inierunt, si vis vivere in gratia, Debent jugiter mundata a peccatis eorum, etiamsi non potest accedere ad Communionem Eucharisticam poenitentiae sacramenti insignem, proposito non peccandi de poenitentia et renovare.

.

  1. Causis quas Romanus Pontifex commemorat evidentiam notandum. 351. An non possunt ones interpretatio contra haec prolata in Argentina Bishops? Tunc debes accipere his casibus,, expressis verbis ea faciunt, non solum a suis, et incerta, "quae misread ', superficies habere fautores ex una parte,, Contra autem accoglitore, Et fecerunt claram neque ambiguam ex susceptione onerum.

.

  1. Quod verum est Pastor esse debet incognita indagare possunt scire quam ad adjust sic et casibus in concilium, quia non possumus eos concilium. Sed ea quae vaniora, Est certe non auxilium peropportune nec pastores neque fidelium in tam difficilis exitus, fluidum, et universa incertum, quae nisi intus non potest allidet manum qui sine causa non amant in turbido piscari.

.

  1. Etsi autem verum manet, ut munus suum retinet ste confessor intellegere sinit tum in maxime casibus iure provisum est a, Qui tandem communionem admitti et recipi potest, constituere expedit Romano Pontifice determinanda accuratissime torque atque indicium in quibus fas sit ad cognitionem aptum, ut patet in confessariorum criteriis, objective, ut securam et verifiable arderent igni ut notum partium. Maximum hoc spatio limitetur confessarios arbitratu, conqueri possint abesse controversiarum, alioquin contraria subiectiva censibus periculo fortissima, odio vel elit in hoc commovere afficietur vel triste dissidium inter confessores rrend, partum dictu maxime nota confessorum magis expetendum permissiva. Copiam esse propitius intueri, at qui redit "angustam portam", docebit nos de sanctitate, et veritate oportet adorare [Cf.. Lc 13, 24].

.

  1. Si maturius considerata et confessarius debet absolutio nolle communicare, Id est summa prudentia et caritate, si patienter agit, et causas atque curam pastoralem paroeciae curam maximam antesignanus est ad asserendam copulabis non potest salvum facere, quod Deus etiam absque sacramentis. Et hoc potest exponi torque inordinatam conversionem itinerantes Christi adhuc pars Ecclesiae communione Ecclesiae proficere studeat et bonorum operum.

.

conclusio,

.

Unus autem accipit impressionem, Summi Pontificis in ea, et hoc uanitas est gravissimas pastoralis levitate date spatio ad habitus essem astutus dolo et dismissive, ac simul durum, imperiosum, sive irascatur paene moleste, in difficultatibus, undique ex dubitationibus obiectationibus, nisi palmis caedebat et inter assentatores primas modernistarum repressuri, et filum-FORMA Lutherani, Aulus Didius Gallus de illis vulgaria, non fidelium. in facto,, fidelium, magis dolendum confusa sunt inania templa fora infelix de pontificatu insignem, qui continue magis ac magis ad sanguinem incremento omni rumore secundo ad Summum Pontificem ab his qui secularists Ecclesiae vitam agebant certantes, negant et contemnunt doctrina moralis ad suos priores Summos Pontifices, Hodie cum clamantes: "vivat usus Franciscum!».

.

Vanum es dicere, tales mores non vilior fiam Apostolorum Principis successore non idoneus semper velle declarat audient, omnes receperint, Respondeo omnes, colloquium inivisse cum omnibus, eleison omnibus. Ideo et nos, et sacerdotes curam animarum fidelium, sicut per causam est ut theologi ac reus sonus transmissione doctrinam Magisterium Ecclesiae, et providet ut speramus, ut Summus Pontifex plays, praesertim eo, quod Dominus Christus, ad Petrum,, et non solum iustus dicere "in fide confirmat fratribus suis ', quia coram eo ad hunc vos adhortamini,, primum vocavit sarcire:

.

«Simon, Simone, ecce Satanas expetivit vos ut cribraret sicut triticum; Ego autem rogavi pro te, ut non deficiat fides tua:; et tua, iterum, confirma fratres tuos " [Lc 22, 31-32].

.

ita: "Conversus" ...

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 13 January 2017 – S. Luciae Virginis et Martyris;

.

.

… et ne nos mala, quia, quidem: dE patres In insula, quæ appellatur Patmos, Ego sum apud homines amantes, un po’ minus in totidem sunt inhumanae …

.

picta: Ioannes enim homo poenitens gratiam cubantem piis foveamus amplexibus Cavalcoli, o.p. post confessionem sacramentalem

.

.




«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:

nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

About isoladipatmos

27 cogitationes on "Ex ambiguo avvenire sex-theologia de Argentym Bishops producendum quod potest claram neque ambiguam Magisterii Pontificii

  1. Ma quando Gesù afferma che “aliquis(πᾶς ὁ) ripudiae ne sposa un’altra(quod), commette adulterio”, si riferiva ai soli ebrei osservanti o a tutti quelli che mettono in comune le proprie vite in maniera assimilabile al matrimonio?

  2. Reverendi Padri,

    Il documento dice che

    “ Se si giunge a riconoscere che, in un determinato caso, ci sono dei limiti personali che attenuano la responsabilità e la colpevolezza (Cf.. 301-302), particolarmente quando una persona consideri che cadrebbe in ulteriori mancanze danneggiando i figli della nuova unione, Amoris laetitia apre la possibilità dell’accesso ai sacramenti della Riconciliazione e dell’Eucarestia”.

    Pertanto dice chiaramente che apre alla possibilità dell’accesso ai Sacramenti di Riconciliazione E Eucarestia (se uno viene assolto ovviamente), non si esprime in forma dubitativa e non parla solo del Sacramento della Riconciliazione.

    Invece voi avete scritto

    “Al n. 5 et n. 6 litteris eorum, i Vescovi dell’Argentina dicono che la Amoris laetitia «lascia aperta la possibilità» ― posibilidad ― «di accedere al Sacramento della Riconciliazione». "

    Ma non è proprio così, come ho mostrato sopra. A me ciò che hanno scritto i vescovi argentini sembra chiaro e aldilà di ogni fraintendimento, poi fate voi.

    1. o Achille,

      io temo sinceramente – e glielo dico con autentico rispetto – che lei non capisce ciò che legge, oppure siamo noi a tal punto ottusi e limitati da non capire quello che leggiamo.

      Lei ha letto il nostro articolo da cima a fondo? Oppure lo ha scorso in qua e in là? quia non videt, lei è libero di leggere o non leggere ciò che vuole, sed, al momento in cui posta un commento, lo scritto che lei commenta dovrebbe non solo averlo letto, ma averlo letto anche bene.

      Provo allora a porre la questione in questi termini:

      1. John Cavalcoli, o.p. ed io celebriamo il Sacrificio Eucaristico della Santa Messa ed amministriamo ai fedeli tutti i Sacramenti pertinenti il nostro grado sacramentale ;

      2. amministriamo le confessioni e, quando ancora esisteva la “riserva canonica”, che appunto riservava al Vescovo la assoluzione dal peccato di aborto procurato, noi avevamo facoltà per assolvere da questo peccato su mandato dei rispettivi vescovi diocesani, i quali ci avevano conferito a entrambi anche il ministero di esorcista;

      3. presumiamo di conoscere il Catechismo della Chiesa Cattolica e forse anche qualche cosa di teologia …

      et tamen,, come molti nostri Confratelli, ci troviamo in serie difficoltà a trattare certi casi ed a rispondere ai quesiti dei fedeli, perché nel documento in questione manca chiarezza e soprattutto mancano indicazioni precise date ai confessori. igitur, ad date, noi rispondiamo che è confermata la disciplina dettata da San Giovanni Paolo II perché al momento non è stata in alcun modo riformata.

      Ora io le domando: secundum eam, che differenza c’è tra «lascia aperta la possibilità» e invece da la possibilità?

      Premesso che in tutto il nostro testo noi non abbiamo mai usato una sola volta il termine «forma dubitativa» ma abbiamo fatto ampio uso del termine di “ipotesi”, se come lei dice il documento «non si esprime in forma dubitativa e non parla solo del Sacramento della Riconciliazione», allora ci indichi dove, in modo chiaro, in modo affermativo e volendo anche imperativo, viene indicato con chiarezza che i divorziati risposati possono ricevere l’assoluzione ed accedere alla Comunione Eucaristica alle seguenti e precise condizioni:

      1 ……..
      2 ……..
      3 ……..

      etc. …

      Perché noi, cum, nulla di questo abbiamo ancora letto, ed a noi che celebriamo la Santa Messa ed amministriamo i Sacramenti, nessuno ha ancora detto quando, in quali casi ed a quali condizioni, assolvere e dare la Santa Comunione ai divorziati risposati che vivono una unione al di fuori del matrimonio sacramentale senza che il precedente sia mai stato dichiarano nullo – ossia mai esistito, sebbene formalmente celebrato – dalla sentenza di un tribunale ecclesiastico.

      1. Reverendi Padri,
        Temo proprio che abbia ragione Achille. Infatti qui “possibilitate” non significa affatto una possibilità teorica o ipotetica, ma proprio un permesso concreto. Avete ragione a dire che non è questa una maniera giuridicamente precisa né dignitosa di esprimersi, ma il significato del testo è chiaro, sia pure viziato da quest’indeterminatezza che giustamente censurate.

        Siete poi in grave errore al pensare che la disciplina di FC sia modificabile, poiché GPII ha detto chiaro che essa è fondatasulla legge divina”.

        Siete anche in errore nel dire che coloro che sostengono questa immodificabilità si permettono di dare giudizi sullo stato di grazia delle persone: essi dicono solo che
        è lo stato oggettivo dei risposati a non permettere loro l’accesso ai sacramenti. Proprio come dice FC. Quindi non c’entrano nulla le “ignoscendum”, tanto care ai difensori di AL e, videtur, ora anche a voi.
        Maggiori dettagli nella mia ultima risposta a Buttiglione:

        Here’s why every argument allowing Communion for ‘remarried’ ultimately fails
        https://www.lifesitenews.com/news/heres-why-every-argument-allowing-adulterers-to-receive-communion-ultimatel

        Cordiali

        1. Caro Claudio,

          nei Santi Vangeli viene fatto chiaro e indubbio riferimento all’adulterio: Gv 8, 1-11, Mt 5, 32.

          In nessun passo dei Vangeli è però contenuta la proibizione dell’accesso alla Comunione Eucaristica per le coppie cosiddette irregolari, che nasce da una giusta, prudente e antica disciplina ecclesiastica che fa parte della tradizione e che spero rimanga in vigore, anche se non sarò certo io a deciderlo, ma chi ne ha piena potestà.

          Il Beato Apostolo Paolo fa riferimento a «chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna» [1 Cor 11,29], ma non indica nello specifico adulteri e concubini, che all’epoca non mancavano di certo, ed in specie nella città di Corinto. In queste sue righe il Beato Apostolo si rifà alla Santa Comunione ricevuta in stato di peccato.

          sed, Verbum Dei factus est homo, dinanzi alla domanda a lui rivolta dai farisei se era giusto e lecito pagare le tasse a Cesare, in modo chiaro e non passibile di facile smentita, civitatibus:

          «”Mostratemi la moneta del tributo”. Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: “Di chi è questa immagine e l’iscrizione?”. Gli risposero: “Di Cesare”. Allora disse loro: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”» [Mt 22, 19-21].

          Bene, lei conviene sul fatto che, dinanzi a questa espressione così chiara di Cristo Dio, il dovere di pagare le tasse non è un semplice dovere, ma dovrebbe essere proclamato come un vero e proprio dogma della fede cattolica? O vogliamo forse dubitare, dinanzi a parole così chiare, che il comando dato circa il dovuto pagamento delle tasse, sia una legge divina immutabile data da Cristo Dio in persona, in modo chiaro e preciso?

          hic, io non capisco come mai, quando c’è da pagare le tasse, allora questa frase del Vangelo va interpretata, contestualizzata, compresa … autem, quando c’è da entrare nelle camere da letto altrui, si proclamano con estrema facilità anche i dogmi che non esistono.

          Non siamo noi in errore, è lei che non ha un’idea chiara della dogmatica.

          «Amoris Laetitia. SIAT headphones, tamen tributa, perché il pagamento delle tasse è un vero dogma di fede»

        2. @ Claudio Pierantoni

          Nella FC al n. 84 si legge:

          «La Chiesa, autem, Suumque item quod practice, Sacris Scripturis innixum, quibus agimus non admittendi ad Communionem Eucharisticam. Sono essi a non poter esservi ammessi, dal momento (…). Est alia peculiaris ratio pastoralis: Hi admissi Eucharistiae, i fedeli rimarrebbero indotti in errore e confusione circa la dottrina della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio».

          Le faccio notare due cose:

          1) l’accento messo sulla “prassi” all’inizio;

          2) Il “peculiare motivo pastorale” addotto.

          nunc, questo peculiare motivo si fonda su ragioni di opportunità (l’indurre in confusione…), ma la presenza di questa ragione di opportunità risulterebbe assurda, pleonastica e fuorviante per i fedeli se la non ammissione alla comunione derivasse ne-ces-sa-ria-men-te dalla dottrina. La Chiesa oggi vorrebbe allargare la via stretta individuata dalla FC: ma non dice come. Il fatto che i rivoluzionari della Chiesa misericordiosa se ne servano per distruggere il dogma non significa che questa via non possateoricamenteesistere ed essere praticabile.

        3. Caro Claudio,

          San Giovanni Paolo II intendeva dire che la proibizione dei sacramenti ai divorziati risposati si fonda sulla legge divina, ma non nel senso che da questa legge il Papa, per esempio Papa Francesco, in base al potere delle chiavi, non possa dedurre da quella medesima legge, una norma che muta la disciplina precedente, ma nel senso che la detta proibizione è sostenuta da buone ragioni, alle quali però se ne possono sostituire altre di peso uguale o similare.

          Quanto invece alla questione dell’eventuale stato di grazia di certi divorziati risposati, purtroppo in realtà, ci sono degli oppositori al permesso del loro accesso ai Sacramenti, i quali per il semplice fatto che i divorziati risposatisi trovano in uno stato irregolare, credono che essi siano sempre in peccato mortale, cosa che suppone un giudizio temerario inaccettabile, dato che il Papa stesso ammette che almeno occasionalmente possono essere un grazia.

      2. Gentile Achille,

        dopo la risposta che le ha data il Padre Ariel ci sono giunti tre suoi commenti che sulla parte finale erano tutti incompleti, quindi abbiamo provveduto a rinviarglieli chiedendole di completarli sul finale mancante e di unirli poi in un unico commento, perché altrimenti non saremmo stati in grado di pubblicarli.

        Poco dopo ci è giunta questa notifica dal sistema:

        Indirizzo non trovato
        Il tuo messaggio non è stato recapitato a XXXXXXX@virgilio.it perché l’indirizzo risulta inesistente o non può ricevere email.

        Se lei ci invia commenti da un indirizzo inesistente, tum, a fronte di un problema come quello che si è verificato, noi non siamo in grado di comunicarle né di pubblicare dei commenti giunti staccati e incompleti sul finale.

        1. Reverendi Padri, io i commenti li ho pubblicati, e non sono incompleti.

          Sono incompleti solo nel senso che l’uno è la continuazione dell’altro, perché c’è un limite ai caratteri disponibili. E a questo proposito, come faccio a inviarvi un unico commento, se c’è il limite di caratteri e l’unico commento sorpasserebbe di molto questo limite?

          1. o Achille,

            ci sono dei limiti di caratteri perché in passato è accaduto alcune volte che ci siano giunti dei “Comments” più lunghi ancora dei nostri articoli.
            Una volta ci fu postato un commento di circa 30 pagine che era un copia/incolla fatto da un testo.

            Le abbiamo rinviato per email i suoi tre commenti perché nella parte finale, avendo appunto superato il limite di caratteri, mancano delle parole, quindi noi, et wanting, non potremmo unirli assieme. Dovrebbe farlo lei e inviarceli per email.

            Alla email nella quale le spiegavamo questo, il sistema ha però risposto con un messaggio automatico:

            Indirizzo non trovato
            Il tuo messaggio non è stato recapitato a XXXXXXX@virgilio.it perché l’indirizzo risulta inesistente o non può ricevere email.

            Più di questo non possiamo fare.

    2. o Achille,

      innanzitutto in quei numeri della Amoris Laetitia non si accenna affatto a un permesso dei sacramenti ai divorziati risposati. In secondo luogo questa espressione «apre la possibilità» non è chiara, quia, ut dixi, Papa, nella sua risposta ai Vescovi argentini, non chiarisce se questo permesso c’è adesso, è attuale, è presente, è in vigore, oppure se si tratta di un permesso possibile, ipotetico, eventuale o futuro. Non si fruisce di un permesso possibile, ma di un permesso in vigore.

      «Aprire alla possibilità» non vuol dire ancora permettere attualmente. Confondere l’uno con l’altro vuol dire o non sapersi esprimere o avere le idee confuse o giocare sull’equivoco. Al Papa basterebbe poco per chiarire questo punto. Avrebbe fatto un bel passo avanti per un chiarimento completo e totale, autem, a nostro giudizio, richiederebbe anche l’assolvimento delle altre condizioni che abbiamo indicato nel nostro articolo.

      Frattanto, finchè il Papa, con atto ufficiale e formale non abrogherà esplicitamente la normativa vigente, e concederà del permesso, precisando con cura i casi ammessi, resta in vigore la normativa del Codice di Diritto Canonico (potes. 915), in Catechismus Catholicae Ecclesiae (n:. 1650) e del n. 84 autem Familiaris consortio.

  3. Articolo equilibrato e ben ponderato. Quanto a papa Francesco, c’è poco da sperare, l’uomo è quello che è. Affidiamoci a Dio.
    Buon Natale ai Padri dell’Isola di Patmos
    Licio Zuliani

  4. Vorrei ricordare a coloro i quali ritengono che la Chiesa oggi autorizzi gli adulteri, pur solo in taluni casi, ad accostarsi all’Eucarestia, che il canone 915 che recita: “Non siano ammessi alla sacra Comunione gli scomunicati e gli interdetti, dopo l’irrogazione o la dichiarazione della pena e gli altri che ostinatamente perseverano in peccato grave manifesto “, non è stato abrogato.
    Se pertanto una persona non persevera ostinatamente in peccato grave manifesto, può essere ammessa, come stabilito non da oggi, alla sacra Comunione.

    1. quaestio, caro Orenzo, è se il canone 915 sia abrogabile. Di certo non è stato abrogato, ma può l’autorità ecclesiastica abrogarlo in linea di principio. Don Levi Di Gualdo (e padre Cavalcoli) pensano di sì. Il Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi nel 2000 (era allora papa Giovanni Paolo II) pensava proprio di no. (Già mi immagino i sofismi di don Levi Di Gualdo, quindi specifico che a non essere abrogabile è la sostanza di CIC915, non la formulazione o la numerazione o altri aspetti accidentali).

    2. carissimi Orenzo,

      certamente che non è stato abrogato, come ho detto ad Achille. Tuttavia la Amoris Laetitia riconosce che possono darsi casi nei quali certi divorziati risposati, almeno occasionalmente o saltuariamente, possono esser in grazia. Ciò ovviamente non per ammettere eccezioni alla proibizione dell’adulterio, ma per dire ch’esso può essere perdonato da un’opportuna penitenza, quod, nei casi nei quali i divorziati risposati non possono lasciarsi, può restituir loro la grazia eventualmente perduta.

  5. http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/intrptxt/documents/rc_pc_intrptxt_doc_20000706_declaration_it.html

    In questo documento si spiega bene che A) non si tratta di disciplina ecclesiastica, eventualmente derogabile con un pronunciamento chiaro da parte del Romano Pontefice, ma B) di un principio fondato sulla legge divina, esposto da san Paolo proprio nel passo opportunamente citato da Claudio Pierantoni.
    Questo articolo sottende che CIC 915 non si fonda sulla legge divina, ma edisciplina ecclesiastica. C’equindi una contraddizione tra il contenuto di questo articolo e il documento da me summenzionato.

    Un saluto affettuoso a padre Giovanni.

    1. Vuole rispondere anche lei al quesito che segue sotto? Perché può essere che le sia sfuggito, ma contiene unaverità di fedeavente a che fare con una legge divina data da Cristo Dio in persona: pagare le tasse.
      Quindi vorremmo una sua preziosa risposta di carattere canonistico e teologico a tal proposito.

      ______________

      nei Santi Vangeli viene fatto chiaro e indubbio riferimento all’adulterio: Gv 8, 1-11, Mt 5, 32.

      In nessun passo dei Vangeli è però contenuta la proibizione dell’accesso alla Comunione Eucaristica per le coppie cosiddette irregolari, che nasce da una giusta, prudente e antica disciplina ecclesiastica che fa parte della tradizione e che spero rimanga in vigore, anche se non sarò certo io a deciderlo, ma chi ne ha piena potestà.

      Il Beato Apostolo Paolo fa riferimento a «chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna» [1 Cor 11,29], ma non indica nello specifico adulteri e concubini, che all’epoca non mancavano di certo, ed in specie nella città di Corinto. In queste sue righe il Beato Apostolo si rifà alla Santa Comunione ricevuta in stato di peccato.

      sed, Verbum Dei factus est homo, dinanzi alla domanda a lui rivolta dai farisei se era giusto e lecito pagare le tasse a Cesare, in modo chiaro e non passibile di facile smentita, civitatibus:

      «”Mostratemi la moneta del tributo”. Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: “Di chi è questa immagine e l’iscrizione?". Gli risposero: “Di Cesare”. Allora disse loro: “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”» [Mt 22, 19-21].

      Bene, lei conviene sul fatto che, dinanzi a questa espressione così chiara di Cristo Dio, il dovere di pagare le tasse non è un semplice dovere, ma dovrebbe essere proclamato come un vero e proprio dogma della fede cattolica? O vogliamo forse dubitare, dinanzi a parole così chiare, che il comando dato circa il dovuto pagamento delle tasse, sia una legge divina immutabile data da Cristo Dio in persona, in modo chiaro e preciso?

      hic, io non capisco come mai, quando c’è da pagare le tasse, allora questa frase del Vangelo va interpretata, contestualizzata, compresa … mentre invece, quando c’è da entrare nelle camere da letto altrui, si proclamano con estrema facilità anche i dogmi che non esistono.

      Vedere in archivio:

      «Amoris Laetitia. SIAT headphones, tamen tributa, perché il pagamento delle tasse è un vero dogma di fede»

      1. Guardi non so come risponderle. Se le rispondessi, lei avrebbe successo nell’uso di questa tecnica sofistica di sottrarsi al tema in oggetto. tum, per il bene soprattutto suo, non le rispondo. E sottolineo che io non ho posto nessuna domanda, tantomeno a lei. Piuttosto mi rivolgevo a chi ha competenze teologiche (padre Giovanni) per sollevare il problema del documento del Post. Consiglio Testi Legislativi. 2000 che contraddice il contenuto del vostro articolo.
        Mi stia bene e si legga qualche libro, le farà bene.

        1. Se avrà la bontà di indicarmi qualche libro, le sarò davvero grato, però tenga presente che le mie lacune sono davvero molte, perché dinanzi al divino mistero, io non cesserò mai di sentirmi un povero ignorante, al contrario di coloro che invece, il divino mistero, lo posseggono e lo destreggiano con maestria.

          tum, i libri di cui necessito, sono davvero molti, per esempio dovrebbe indicarmi:

          1. un libro che mi chiarisca il senso del sacerdozio ministeriale ;
          2. un libro che mi insegni a celebrare il Sacrificio Eucaristico ed a capire che attraverso di esso il pane e il vino si convertono nel Corpo e nel Sangue adorabili di Cristo;
          3. un libro che mi insegni a predicare il Santo Vangelo;
          4. un libro che mi insegni ad amministrare le confessioni ;
          etc. … etc. …

          Perché se io non imparo questo e molto altro ancora, i laici come lei, persi sulle alte nuvole speculative, saranno purtroppo costretti ad amministrarsi i Sacramenti da soli, avendo purtroppo a che fare con preti ignoranti come me, se non – Et audes dicere, – persino peggio. In ogni caso può sempre prendere l’Etica Nicomachea di Aristotele ed assolversi da solo.

          E non vado oltre nel domandarle se il suo “virgam” S. Thomas Aquinas,, non le ha mai insegnato a rispettare i ministri in sacris, il tutto detto da uno che sa essere ironico ma mai offensivo, ma soprattutto detto da uno che, persino nel più immorale e peccatore dei preti di questo mondo, venera il mistero del Sacerdozio ministeriale di Cristo.

          Ma io non sono uno speculativo. Cosa dirle … gratias ago Deo,!

          1. Vorrei capire in cosa le ho mancato di rispetto. Certo che io non la rispetto come dovrei, ma stia sicuro della mia simpatia e mi creda che scriverle pubblicamente per sottolineare che lei cade in sofismi, cattive argomentazioni ecc. non è affatto piacevole.

          2. Non credo di dover più intervenire per risponderle pubblicamente. I lettori di questo sgradevole scambio di commenti saranno in grado da soli di capire che (a) Lei non ha mai risposto al merito della mia obiezione; (b) io non le ho mai mancato di rispetto; (c) le sue risposte si distinguono per la violenza verbale e il loro carattere manipolatorio unite al totale disinteresse per le questioni di merito.

      2. Vedo anche che, in risposta al mio commento, riposta, con copia-incolla, la risposta sgangherata alle osservazioni pacate e fondate di Claudio Pierantoni.
        Davvero non capisco come lei sia riuscito a coinvolgere nelle sue iniziative sopra le righe persone rispettabili come don Livi e padre Cavacoli.

        1. .. mah, lo domandi a lui. Specie considerando che non è proprio il genere di uomo e di sacerdote che frequenterebbe mai amicizie pericolose

    2. @Luca Gili
      La disciplina ecclesiastica e la legge divina sono cose distinte ma non separate, per cui non vi sono leggi positive della Chiesa che rientrino solo nell’uno o nell’altro dei due ambiti: esse devono sempre muoversi nel rispetto della legge divina, ma la legge divina non ha nella disciplina ecclesiastica uno sbocco unico e necessario, tant’è vero che la seconda è cambiata spesso nel corso di 2.000 aetate, sempre nel rispetto della prima. Il CIC 915 da lei citato enuncia solamente un principio generale di indirizzo.

    3. carissimi Luca,

      il tuo intervento mi ha fatto molto piacere. Ricordo con nostalgia il tempo nel quale, dieci anni fa, a Bologna parlavamo del Servo di Dio Padre Tomas Tyn.

      Rispondo al tuo intervento facendoti presente che il semplice fatto che Papa Francesco ipotizzi di concedere il permesso dei sacramenti ai divorziati risposati, ci dice già implicitamente che tale eventuale permesso non andrebbe affatto né contro la Scrittura né contro la legge divina.
      Il Papa è sottomesso solo alla legge naturale ed alla legge divina; ma ha un suo campo, nel governo della Chiesa e delle anime, dove gli è consentito legiferare, ovviamente nel rispetto di quelle supreme, la legge naturale e quella divina. Questa sua competenza si esercita appunto in Amoris Laetitia.

      Che attualmente, igitur, esistano norme pontificie, prese di posizione di Organismi della Santa Sede o leggi canoniche, le quali contrastano con la suddetta eventualità, non vuol dire che il Papa, in forza del suo potere giurisdizionale conferitogli da Cristo ("pasce oves meas"), la cosiddetta potestas clavium, non abbia, se lo ritiene opportuno o necessario per il bene della Chiesa e delle anime, il potere di mutare o abrogare le norme precedenti, anche se di antica tradizione. E questo è appunto il caso.

      Quello che si deve negare è la tesi di coloro che ritengono che il Papa abbia già concesso i sacramenti ai divorziati risposati con l’approvazione, pubblicata sugli AAS, dell’interpretazione di Amoris Laetitia fatta dai vescovi argentini. sed, come ho spiegato di recente su questo sito, il contenuto di detta approvazione non è sufficientemente chiaro, per cui occorre che il Papa si spieghi meglio. interim, vale la norma attuali della proibizione dei sacramenti ai divorziati risposati.

      Bisogna distinguere, nell’autorità pontificia, il potere magisteriale da quello giurisdizionale, nel quale rientra quello di regolamentare la disciplina dell’amministrazione e della recezione dei sacramenti. Nel potere magisteriale, col quale il Sommo Pontefice, signum, interpreta e difende la dottrina delle fede, riguardanti per esempio l’essenza del matrimonio o dell’eucaristia, che sono verità divine ed immutabili, gli insegnamenti del Papa, che gode dell’assistenza dello Spirito Santo, sono infallibili ed immutabili.

      sed, nel potere giurisdizionaleper esempio nel campo della disciplina liturgica o sacramentaledove la materia è spesso di per sé mutevole, variabile ed incerta, il Papa non fruisce di tale infallibilità, benché si suppone che normalmente decida con prudenza.
      È vero che le norme liturgiche stabilite dal Sommo Pontefice – per esempio la regolamentazione dell’uso dell’eucaristia – sono un’applicazione di leggi divine – per esempio, il comando del Signore di nutrirci del suo corpo o la proibizione paolina di fare la Comunione in stato di peccato mortale -; ma occorre distinguere la deduzione pratica da quella teoretica.

      Nel campo della teoresi, la conclusione di un sillogismo è una e una sola. Una conclusione diversa sarebbe errore. pro exemplo,, dalla spiritualità dell’anima non si può non dedurre l’immortalità e solo l’immortalità. sed, da un principio morale – sia per esempio il caso di chi può fare non può fare la Comunione – il Papa può trarre conclusioni pratiche diverse ed anche opposte nel succedersi dei tempi. Gli esempi storici di ciò sono numerosi. pro exemplo,, dal V Comandamento – il rispetto della vita umana – si può trarre sia la promozione del bene comune che la pena di morte; dal VI Comandamento si può trarre sia l’esercizio del sesso che l’astinenza sessuale e così via.

      Un caso simile è quello del problema della Comunione ai divorziati risposati. In linea di principio, il Papa ha la facoltà di ricavare, proprio dal rispetto del matrimonio e dell’Eucaristia – per quanto ciò possa apparire paradossale se non blasfemo ad alcuni – sia la proibizione che il permesso, sempre in casi speciali, quod.

      Mentre è facile comprendere il motivo della proibizione, non è perspicuo, anzi sembra creare scandalo in molti il motivo del permesso. In particolare molti si chiedono ed hanno chiesto al Papa come e perché l’eventuale permesso non sarebbe una profanazione sacrilega del sacramento del matrimonio e dell’Eucaristia.

      Il fatto che finora il Papa non abbia risposto agli obiettori, ai dubbiosi ed ai richiedenti, fa pensare che egli stia riflettendo sulla grave questione, che egli per ora (note 351 dell’Amoris Laetitia), ha risolto solo in forma ipotetica e non formale ed assertiva, quindi priva di valore legale e vincolante.

      haec, Papa, prima di fare questo eventuale passo delicato, che segnerebbe una svolta storica nella prassi dell’eucaristia, dovrebbe spiegare il perché della sua decisione, con appropriate ragioni pastorali e teologiche, in un apposito documento, che potrebbe essere un Motu proprio.

      Frattanto bisogna denunciare con fermezza e chiarezza la manovra disonesta dei soliti modernisti truffatori, quod, ancora una volta – quousque tandem? – hanno la spudoratezza di tentare di strumentalizzare a loro vantaggio l’impressione, non fondata ma possibile, che il quadro etico di riferimento dell’Amoris Laetitia non sia il rispetto sacro dell’immutabile legge naturale e divina, ma l’opinione ereticale riscontrabile in Rahner, Kasper, Andrea Grillo, Maurizio Chiodi e Teilhard de Chardin, che la legge naturale e divina non è fissa ed immutabile, ma evolve e muta nel corso della storia, ita, se ieri il matrimonio era indissolubile, oggi lo si può considerare dissolubile e se ieri l’eucaristia poteva essere assunta solo da chi fosse in grazia e libero da colpa mortale, oggi che Rahner ha scoperto che tutti sono in grazia (“cristiani anonimi”), chiunque, luterani compresi, può fare la Comunione quando e come credetanto la transustanziazione è una mera opinionee l’ostinarsi a proibirla sarebbe segno di un gretto conservatorismo, di legalismo farisaico e di imperdonabile mancanza di misericordia. L’importante, come dice Padre Hermes Ronchi, nell’Eucaristia non è adorare, ma mangiare. Non si sa bene che cosa.

      Ma non siamo ancora arrivati al punto sul quale il lettore attende una risposta: perché e come anche l’eventuale permesso sarebbe ancora rispetto del matrimonio dell’eucaristia? Nel senso, così almeno mi pare si debba interpretare il punto di vista, quod hominum Franciscus Pontifex, che la grazia che riceverebbero i divorziati risposati servirebbe a guarirli e rafforzarli nel loro amore e nella fedeltà reciproci, nell’educazione dei figli, nella purificazione dai loro peccati e nel loro cammino di conversione.

      E da dove deriverebbe questa forza soprannaturale, se non dalla grazia di quel sacramento del matrimonio, che essi hanno bensì offeso con l’adulterio, grazia che però comunque, per l’immensa misericordia di Dio, continua ad agire segretamente nel sottosuolo della loro anima desiderosa di riscatto e di salvezza?

Leave a Reply