A Nativitate usque ad desertum: In principio erat Verbum, non erat pauperis, Quod fuit temporis lapsu conuena, lo natus est jus soli

— catechesi d’Avvento —

DAL DESERTO AL NATALE: IN PRINCIPIO ERAT IN PRINCIPIO ERAT VERBUM, Erant páuperum, Non erat deputatus recipiet, NÈ LO JUS SOLI

.

in sollemnitate Nativitatis Domini, in tutte le nostre chiese proclameremo più volte il Prologo del Santo Vangelo del Beato Evangelista Giovanni, qui legit,: «in principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio». In nessuna chiesa dell’intera Catholica orbe sarà possibile leggere, in ossequio al sempre più scristianizzante e mondano politicamente corretto: «In principio era il povero, ed il povero era il profugo, ed il profugo era presso Dio, ed il profugo reclamava lo jus soli dalle colonne di occur e de L'Osservatore Romano, »

.

auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

Inizio del Vangelo di Gesù, Christus, Filius Dei. Come sta scritto nel profeta Isaìa: "Ecce, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo» [Mc 1, 1-18]

.

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

In questa Seconda Domenica d’Avvento, nella frase di apertura del Santo Vangelo del Beato Evangelista Marco: «Inizio del Vangelo di Gesù Cristo, Filius Dei. Come è scritto nel profeta Isaia: hic, io mando il mio messaggero davanti a te, egli ti preparerà la strada», è racchiuso il nostro inizio remoto, il nostro passato, il nostro presente ed il nostro futuro. Nel messaggio in movimento della parola viva di Dio c’è la totalità del nostro essere presente e del nostro divenire futuro ed eterno. È il mistero del Cristo Dio indicato come Christus totus nella dottrina del Santo Vescovo e dottore della Chiesa Agostino, riconosciuta come l’elemento più fecondo della sua riflessione sulla Chiesa, che muove il passo dalla riflessione del Beato Apostolo Paolo che afferma «Voi siete corpo di Cristo e sue membra» [1].

.

Essenziale, ed a tratti ombrosa, quasi selvatica come le locuste ed il miele di cui si cibava, è la figura di Giovanni detto il battista, il precursore. Uomo che non nasce dal nulla, né termina la propria vita morendo in un quieto letto colto da senile morte naturale. loannes, che amava la verità e la giustizia, fu sacrificato per una danza di Salomè; e la sua testa, in nome di quelle ragioni politiche alle quali pare talvolta non si possa mai dire di no, specie quando danneggiano la verità e la giustizia, fu recisa di netto e deposta su di un vassoio per la perversa gioia di Erodiade che la richiese in dono [2]. Un dono non negato, anzi prontamente concesso, perché da esso dipendeva il mantenimento di tanti fragili equilibri; non importa se immorali e perversi, ciò che solo contava era mantenerli, heri, et hodie, fuori dalla Chiesa come dentro la Chiesa.

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto ...

Il Beato Precursore porta a compimento un’antica e lunga stagione profetica segnata da uomini altrettanto straordinari: i grandi profeti d’Israele. Ma che cosa accomunava uomini come Geremia, finito lapidato. Isaia, condannato a morte, pare sia stato segato in due. Daniele, gettato in pasto ai leoni … e il Battista? Tutti questi uomini, servi anch’essi della verità e della giustizia, morti come Giovanni non di quieta morte naturale, erano tra di loro accomunati dall’intuizione, un dono racchiuso per natura nell’istinto di ogni uomo, che se sviluppato dal tocco della grazia di Dio può portare chiunque a percepire e vedere oltre il tempo e le ristrettezze dello spazio presente, nel quale spesso ci facciamo prigionieri anziché creature libere, perché se nel nostro spazio esistenziale sviluppiamo la libertà, la nostra esistenza sarà una continua emancipazione, nel senso romanistico del termine di emancipatio, cioè di liberazione dalla schiavitù, da non confondere con tante altre false emancipazioni, comprese quelle degli anni Settanta del Novecento, che dietro pretesti di libertà ci hanno spesso consegnati alle forme di schiavitù peggiore. Oppure basti ripensare, andando indietro nel tempo, alla cosiddetta èra dei lumi, quando si gridava Libertè, Égalité, Fraternité, ed a conclusione di questi proclami si urlava «ou la mort» [oppure la morte]. in facto,, nella Francia rivoluzionaria della grande imbécillité, a fine Settecento si tagliavano teste sulle ghigliottine in quantitativi industriali, in modo sommario e senza processi. sed, patet,: il tutto avveniva sempre in nome della sacrosanta … Libertè.

.

Se rimaniamo chiusi nel nostro spazio, o se ci gettiamo in pasto alle false emancipazioni, in tal modo ci riduciamo alla limitatezza di quel devastante “tutto e sùbito” al quale da anni faccio continuo richiamo e che cancella in noi ogni anelito verso l’eterno. Ecco allora che la nostra esistenza sarà una prigionia, semmai dorata, ma pur sempre una prigione, pur sempre una schiavitù. E non esiste schiavitù peggiore di quella che si vive senza neppure più rendersene conto poiché celata dietro pretesti di falsa libertà.

.

Altro elemento sul quale oggi più che mai si dovrebbe parlare in modo approfondito, è il concetto di deserto. Dalla Parola di Dio abbiamo appena udito: «Voce di uno che grida nel deserto». Proviamo a pensare quali generi di sordi e muti deserti si è costretti a vivere oggi in mezzo al rumore, tra le fibre ottiche che corrono invisibili e le reti telematiche super tecnologiche del nostro mondo della notizia in tempo reale, per non parlare dell’intelligenza artificiale che finirà nel tempo con l’annichilire completamente l’intelligenza umana. Eppure mai, come oggi, l’uomo è stato solo, in questi nostri moderni spazi deserti dell’anima; totalmente diversi dai deserti in cui l’uomo si ritirava in passato, per trovare se stesso e avvertire il soffio della carezza di Dio su di lui.

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

Qual senso può avere la frase del profeta Isaia riportata dall’Evangelista: «Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri[3]. Si tratta di una frase chiara, indubbiamente. Ma chiara solo all’apparenza. C’è anche un saggio detto popolare che parafrasando questa pericope del Santo Vangelo motteggia: «Dio raddrizza le vie storte». Cosa che la sua grazia fa e che più volte nel corso della storia ha mostrato di fare. In hoc casu,, sed, il soggetto chiamato in causa, o per meglio dire all’opera, pare proprio che sia l’uomo. Dio ha bisogno di sentieri adeguati per camminare tra gli uomini che, per andare incontro alla sua Maestà Divina, devono lavorare a raddrizzare dei sentieri che in ogni caso, all’origine, Dio aveva tracciati diritti. Volendo possiamo aggiungere che talvolta le vie non sono neppure più storte, ma molto di più e molto peggio: all’apparenza le vie non esistono proprio più! E non esistono perché la via è quel grande dono di grazia che può essere però distrutto dal libero arbitrio dell’uomo attraverso il peccato.

.

Ammetto di rendermi conto di essere un presbìtero ed un teologo di quelli oggi definiti demodé, poiché come affermano taluni io parlo ancora di peccato «alla vecchia maniera», in questa nostra Chiesa contemporanea fatta ormai di pace, amore cuoricini palpitanti, uccellini che cinguettano di fronte ai gatti vegani che si struggono in emotive passioni vegetariane dinanzi al loro canto. Purtroppo io credo sempre che il peccato originale sia invece un fatto e non una metafora allegorica. Ma volendo c’è di peggio: io credo sempre all’esistenza del giudizio di Dio, credo al Paradiso al Purgatorio e all’Inferno. Credo che quando noi professiamo « … e un giorno tornerà nella gloria per giudicare i vivi ed i morti», il Divino e Sommo Giudice non dirà agli uomini: «Avanti, tutti siete salvi!». igitur, sulle orme del Beato Apostolo Paolo, è mio dovere dirvi:

.

«Se anche noi stessi o un Angelo dal cielo vi predicasse un Vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, Christum sit anathema maranatha! L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: Si quis praeter quod accepistis evangelizet, Christum sit anathema maranatha! in facto,, Est fortasse in favorem hominum ut earn animo, immo quod Deo? An quæro hominibus placere? Si adhuc hominibus placerem, Christi sunt, Non erit servus Christi!» [4].

.

Se quindi annunciassi il contrario di quanto contenuto nel Santo Vangelo significherebbe che sarei come le «guide cieche» [5] che hanno smarrita la strada di Dio per seguire le strade degli uomini, incurante che Cristo Dio ci ammonisce nel capitolo VII° del Vangelo del Beato Evangelista Matteo:

.

«Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa; quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano!».

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

Quante antiche vie sono scomparse nel tempo, inghiottite dalla terra, dalla vegetazione, da strati urbani e architettonici sovrapposti gli uni sugli altri? Basti pensare alla nostra antica Roma, alla quale erano collegate già nell’antichità reti stradali disseminate per tutto il territorio europeo ed attraverso le quali si poteva raggiungere l’antica capitale dell’Impero Romano dalla Gallia, che è l’attuale Francia, come dalla Frigia, la Anatolia centrale che si trova nella attuale Turchia. Quelle antiche strade, gran parte delle quali non esistono più, in passato però esistevano. Strade che erano non solo reali, ma anche funzionali; e per lunghi periodi di tempo furono percorse. hodie, oltre ai grandi tratti autostradali, la nostra Capitale è servita anche da due aeroporti internazionali e da collegamenti ferroviari con treni ad alta velocità. et tamen,, molto più di ieri, oggi pare difficile che da Roma si raggiunga veramente il mondo e che dalle varie periferie del mondo si raggiunga agevolmente Roma, perché da un po’ di tempo sembra che proprio Roma stia offrendo porte larghe e spaziose su autostrade a nove corsie molto facili da percorrere, mentre la nostra naturale via cristologica, che è angusta e irta di ostacoli, ci porta infine ad una porta di accesso stretta.

.

La strada, oltre ad essere un tratto percorribile che conduce a varie destinazioni, è quindi anche elemento, segno e simbolo della nostra memoria. Non a caso Cristo Dio paragona se stesso ad una strada:

.

«Gli disse Tommaso: "Dominus,, non sappiamo dove vai e come possiamo conoscere la via?". Gli disse Gesù: “Io sono la via, la verità e la vita”» [6].

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

Quando l’uomo cessa di vedere in Cristo Dio la via, come potrà mai raggiungere la verità e la vita? Perché per vivere nella verità e conquistare il premio della vita eterna è necessario riconoscere, accogliere e percorrere Cristo Dio come via. Ecco allora che talvolta, la strada, per poter essere preparata richiede un attento e faticoso recupero, cosa questa che a suo tempo San Giovanni Battista intuì, tanto che dal deserto tracciò il primo percorso di recupero inducendo alla purificazione e al pentimento dei peccati, quindi alla preparazione annunciando:

.

«Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo» [7].

.

Le parole di apertura di questo Santo Vangelo «Inizio del Vangelo di Gesù, Christus, Figlio di Dio», racchiudono anche un altro significato mistagogico: il Santo Vangelo è in sé e di per sé un inizio senza fine. In quale dei Santi Vangeli è infatti scritta, od anche solo vagamente sottintesa, la parola “fine”? Scrive infatti il Beato Evangelista Matteo:

.

«Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che io vi ho comandato. et huc, io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo» [8].

.

Scrive il Beato Evangelista Marco:

.

«Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano» [9].

.

Scrive il Beato Evangelista Luca:

.

«Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio» [10].

.

L’Evangelista Giovanni, nella sua conclusione non manca di precisare:

.

«Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere» [11].

 

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

In modo diverso gli Evangelisti, al termine delle loro stesure non pongono la parola “fine” a un racconto, ma delineano che quel racconto racchiude il mistero della Rivelazione che dà avvio all’inizio: … adesso cominciate a partire, fate discepoli e battezzate [12] ... allora partirono e cominciarono a predicare dappertutto [13] … E dopo che il Signore fu salito al cielo loro tornarono a Gerusalemme e cominciarono ad andare sempre al Tempio a lodare Dio [14]. quidem: questo è solo una piccola parte di tutto ciò che realmente è accaduto, come precisa nella conclusione del suo Vangelo il Beato Evangelista Giovanni [15].

.

Il Vangelo procede di inizio in inizio sino alla parusia che traccerà un nuovo inizio eterno: Dio che irrompe nell’esperienza dell’uomo in modo reale, fisico e corporeo attraverso l’incarnazione. Sino a giungere, dopo l’intera esperienza cristologia che pare culminare con l’infamia della croce, alla pietra rovesciata di un sepolcro che non segna la chiusura di una storia a lieto fine, ma l’inizio della vera storia dell’umanità che col Cristo è risorta. «Noi infatti», dice il Beato Apostolo Pietro nella seconda lettura che abbiamo udito in questa liturgia della parola: «Secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia» [16]. E sarà solo allora, come annuncia il Profeta Isaia, quod

.

"Habitabit lupus cum agno,, et pardus cum haedo accubabit;; il vitello e il leoncello pascoleranno insieme e un fanciullo li guiderà. La vacca e l’orsa pascoleranno insieme; si sdraieranno insieme i loro piccoli. Il leone si ciberà di paglia, come il bue. Il lattante si trastullerà sulla buca dell’aspide; il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi. Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno in tutto il mio santo monte, perché la saggezza del Signore riempirà il paese come le acque ricoprono il mare» [17].

.

Santo Natale 2017, imminente riapertura della bottega quod politicamente corretto

Nulla di questo possono capire gli idolatri autem nuova religione pagana vegana, per citare alcuni esponenti tra le numerose espressioni del paganesimo moderno. Se infatti oggi il leone sbrana il capretto e se lo divora, è perché Adamo ed Eva hanno alterata e sovvertita col proprio peccato la natura perfetta creata da Dio, lasciandoci in eredità una natura corrotta dal loro peccato [18]. Questa natura tornerà alla sua primigenia perfezione dopo il giudizio universale, non certo dopo le proteste degli integralisti religiosi vegani, atei e pagani, che danno di matto davanti agli allevamenti di bestiame, o davanti alle fattorie che commettono altrigrandi crimini”, tali a loro dire sono le produzioni di formaggi, latticini e uova. Obiter: qualcuno ha mai visto un integralista religioso vegano, sempre pronto a stracciarsi le vesti per le sofferenze di una gallina costretta a produrre uova, a straziarsi di dolore dinanzi agli ospedali dove si sopprimono le vite di essere umani innocenti attraverso l’abominio dell’aborto, che grida ben più vendetta al cospetto di Dio, rispetto ad una povera mucca costretta a produrre latte?

.

Affinché si realizzino «nuova terra e nuovi cieli», Dio non ci vuole certo spettatori, ma protagonisti costruttori, per bagnare questa nuova terra con l’acqua che stilla dalle fonti dell’eterna giustizia. L’amore di Dio è infatti giustizia e la giustizia è l’espressione divina più perfetta del suo immenso amore, è infatti dall’unione dell’amore e della giustizia di Dio che prende vita la sua misericordia. Perché chi ama, è sempre giusto; e nella giustizia trova senso ed espressione il suo amore di creatura creata a immagine e somiglianza del Dio Vivente, alla quale il sacrificio del Cristo e la rigenerazione al suo nuovo battesimo ci purifica dall’antica colpa del peccato originale di Adamo:

.

« … se per la caduta di uno solo la morte ha regnato a causa di quel solo uomo, molto di più quelli che ricevono l’abbondanza della grazia e del dono della giustizia regneranno nella vita per mezzo del solo Gesù Cristo. Come dunque per la colpa di uno solo si è riversata su tutti gli uomini la condanna, così anche per l’opera di giustizia di uno solo si riversa su tutti gli uomini la giustificazione che dà vita. Et similiter, come per la disobbedienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori, così anche per l’obbedienza di uno solo tutti saranno costituiti giusti» [19].

.

Questo è lo spirito attraverso il quale nel periodo dell’Avvento è nostro dovere cristiano prepararci al Santo Natale. E nel Natale, è bene ricordarlo, riviviamo il mistero della Incarnazione del Verbo di Dio in un mondo, ed in particolare in una vecchia è decadente Europa, oggi più che mai sempre più lontana da Dio. E, quando si chiudono le porte a Dio, si spalancano sempre le porte alle moderne religioni pagane, incluso il poc’anzi citato integralismo religioso vegano.

.

e dalla scristianizzante bottega del politicamente corretto, il passo verso l’industria della blasfemia della gaystapo è sempre molto breve

Temo che anche quest’anno, come nei recenti anni passati, dovremo subìre e sorbirci messaggi e affermazioni già udite che faranno risuonare proclami del tipo: «Anche Gesù era un povero figlio di poveri», cosa tra l’altro non vera, come in passato ho spiegato [20] [articulus videre qUI e video-lezione qUI]. Ma soprattutto torneremo a udire il Santo Natale indicato come: «festa della pace e dell’amicizia tra i popoli», «festa della solidarietà», «festa dell’accoglienza del diverso» … in un brulicare di raffigurazioni presepiali che sono un trionfo di mangiatoie costruite dentro barconi, di Bambinelli Gesù adagiati su di un gommone con la ciambella di salvataggio attorno alla vita, mentre Giuseppe e Maria indossano entrambi giubbotti salvagente. Nam aliquot iam annis, dai presepi sono spariti i pastori, sostituiti dagli agenti della guardia costiera e dagli operatori dei centri di accoglienza per profughi veri o presunti. Ma volendo c’è molto di peggio, perché è già accaduto che in ossequio al moderno “dogma” della cultura di morte introdotta dalla teoria del genus ― che come sappiamo è una fede assoluta molto superiore a quella sull’Incarnazione del Verbo di Dio ―, hanno già collocato in qualche presepe due Giuseppe, per seguire con varie altre amenità più o meno scristianizzanti e non di rado sacrileghe.

.

Forse è doveroso ricordare che durante la solennità del Santo Natale, in tutte le nostre chiese proclameremo più volte il Prologo del Santo Vangelo del Beato Evangelista Giovanni, qui legit,: «in principio era il Verbo, il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio». In nessuna chiesa dell’intera Catholica orbe sarà possibile leggere, in ossequio al sempre più scristianizzante e mondano politicamente corretto: «In principio era il povero, ed il povero era il profugo, ed il profugo era presso Dio, ed il profugo reclamava lo jus soli dalle colonne di occur e de L'Osservatore Romano, ».

.

et tamen,, anche tutto questo era stato già anticipato:

.

"In die,, in facto,, Non sustinent sanam doctrinam,, sed, prurientes auribus, Eam coequare sua desideria coacervabunt sibi magistros adfectionibus, veritate quidem auditum avertent ad fabulas autem nolentes audire " [21] [...] «Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio».

.

e dalla scristianizzante bottega del politicamente corretto, il passo verso l’industria della blasfemia della gaystapo è sempre molto breve

Solamente dopo la fine dei tempi e l’inizio del suo regno che non avrà fine, avverrà che «il lupo dimorerà insieme con l’agnello» [22], mentre per adesso, attraverso vie impervie e porte strette verso la salvezza, Cristo Dio ci ha avvisati in modo molto chiaro e preciso: «Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi» [23]. E una volta inviate come «pecore in mezzo ai lupi», ovium, che nella prosecuzione di questo monito sono invitate da Cristo Dio a essere «prudenti come i serpenti e semplici come le colombe» [24], con i lupi non dovrebbero proprio trattare e mercanteggiare, specie all’accomodante ribasso ed alla svendita, perché al lupo non si costruiscono ponti, né con lui si dovrebbero andare a cercare punti di unione o di comunione. È inutile che le pecore dicano al lupo: «Suvvia, caro lupo, noi non ti condanniamo, anzi con te vogliamo dialogare e cercare ciò che ci unisce e non ciò che ci divide». Questo non è possibile, perché le pecore non possono diventare lupi ed i lupi non possono diventare pecore, ma soprattutto perché il lupo non è buono, non lo è mai. Tornerà ad essere buono solo dopo il giudizio universale, cum, dopo la fine dei tempi, nel nuovo inizio «il lupo dimorerà insieme con l’agnello», non però prima di allora, neppure sotto la nuova empietà di quel misericordismo distruttivo che accarezza i lupi e bastona le pecore dell’ovile di Cristo Redentore Buon Pastore.

.

in insula, quæ appellatur Patmos, 10 January 2017

.

__________________

NOTA

[1] 1ª Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi: 12, 27.

[2] Evangelium secundum Marcum: 6, 17-29.

[3] Libro del Profeta Isaia: 40,1-5.9-11.

[4] Lettera di San Paolo Apostolo ai Galati: 8, 1-10.

[5] Vangelo di San Matteo: 16, 23 E 24.

[6] Evangelium secundum Ioannem 14, 5-7.

[7] Vangelo di San Matteo: 3, 11.

[8] Vangelo di San Matteo: 28, 19-20.

[9] Evangelium secundum Marcum: 16, 20.

[10] Vangelo di San Luca: 24, 51-53.

[11] Evangelium secundum Ioannem: 21, 25.

[12] Cf.. Supra: San Matteo.

[13] Cf.. Supra: San Luca.

[14] Cf.. Supra: San Marco.

[15] Cf.. Supra: San Giovanni.

[16] IIª Lettera di San Pietro: 3, 8-14.

[17] Libro del Profeta Isaia: 11, 6-9.

[18] De libro Genesis: 3, 1-22.

[19] Lettera di San Paolo Apostolo ai Romani: 5, 17-19.

[20] S Arihel. Levi Tadinensis, In insula, quæ appellatur Patmos, quod 19 July 2017: «Contro la moderna idolatria ideologica della povertà: Iesus Christus fuit pauper et paupertas non habitabant, Ille induit et comedit, nè alla sua morte fu sepolto da povero» [link qUI]. Le video-lezioni de L’Isola di Patmos, 23 January 2016: «L’oro dei magi e il falso amore per i poveri di Giuda Iscariota» [link qUI].

[21] IIª Lettera a Timoteo di San Paolo Apostolo: 4, 3-4.

22] Libro del Profeta Isaia: 11, 6-9.

[23] Vangelo di San Matteo: 10, 16.

[24] Vangelo di San Matteo: 10, 16.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

4 cogitationes on "A Nativitate usque ad desertum: In principio erat Verbum, non erat pauperis, Quod fuit temporis lapsu conuena, lo natus est jus soli

  1. Caro padre Levi,
    che Gesù non fosse un πτωχός ma il figlio di un τέκτων sta scritto nei Vangeli.
    Nei Vangeli sta anche scritto come fu verginalmente concepito nel seno di Maria, la γυνή di Giuseppe.
    Il Magistero insegna che Gesù ha assunto la nostra natura umana, eccetto che nel peccato, e che quindi il suo corpo fisico era soggetto alle nostre stesse leggi di natura: era soggetto anche alle leggi biologiche del DNA?

      1. Visto che avevo già toccato l’argomento, non ho sbagliato a ritenere che le fosse evidente dove volevo arrivare: prima però vorrei premettere, sperando non si arrabbi se le rubo un periodo, “se è cosa grave de-costruire i dogmi, Quod non minus est aeque gravis ac dogmata quae adnuntiant non est”.
        Ribadendo allora la mia fedeltà ai dogmi della perpetua verginità e del concepimento ad opera dello Spirito Santo, con quale dogma entrerebbe in contrasto l’ipotesi che il marito legittimo, oltre che putativo, sia anche il padre biologico?

      2. Se non vuoi iniziare a discuterne in pubblico per evitare che qualcuno fraintenda, hai il mio indirizzo: ad ogni modo, il punto di arrivo di questo mie riflessioni sono il sacerdozio maschile, la sacralità del matrimonio e lafemminilità (intesa come colui che riceve)” dell’essere umano in rapporto allamascolinità(intesa come colui che dona)” Dei.

Leave a Reply