Sanctus Franciscus de cunctis convallibus resonare audiret: "Sicut Ecclesia finita,, novus liber ab Aldo maria Valli

FROM cunctas valles resonare audiret SANCTI PATRIS FRANCISCI: «Ecclesiam proposita,, LIBER vallibus maria Novae ALDO

.

Videtur quod off in colloquio ad calamitates recens, cardinalis Sancti Patris dixit admodum evidenter: "Tu es iunctos vetat ecclesia!». Si hoc factum est, ut vere dictum est:, Sancti Patris, statim post flagitium, spero nos esse posse reflectunt, ad Spiritum Sanctum invocandum esse sapientiam, et fortitudinem qui possit ingredi in Regnum.

.

.

auctor
John Cavalcoli, o.p.

.

.

PDF Print Article

.

.

.

Percussero iustus et fidelis reprehendere?; sed et de oleo caput meum non unxisti: [autem 141,5]

.

.

.

Vat TG1 Aldo maria Valli, quod auctor esset libri Tamquam Ecclesiae finivit – videre qUI

Aldo maria Valli, renowned diurnarius de TG1 Patrum de amicum insulae Patmos, Etiam notum est in Ecclesia Catholico Italica amantes, et sua palam et citra audax professionis fidei pro Papa, rara enim res est in hodiernae publicists; Quamquam nonnulli, quidam salvantur. Est usus libertatis opinionis parresiam, Papa regnante idem suadet, Item apud laicos, Papa non prohibere amore doloribusque difficultate exprimere, et eo discrimine ut cum silentio suadeant remedia quaedam, vel quantum ad actum de agro apud Miraeum, et non tangebat Doctrinae magisterium, sed sua moralis et mores modus regendi ecclesiam.

.

Quod ut 'quantum se editis per Edizioni Liberilibri Macerata mobilis dissertus libellus, cum quo iterum ostendit artes in publico scripto suo, competenter agere possit, simplicitatis et claritatis subtilis quaestiones et difficultates et vita moralis Ecclesiae.

.

Ego ejus style, et utilitates ejus et ratio-Valli aliquantum similis saeculum XVIII Quod illustratio, sed hoc interesse, cum discrimine horum Papa in Ecclesia, et perniciosius et venenosum |, quos Valli, secundum quod sunt in sua fide Catholico, ut gravibus, Utilemque paratus, equum et salutare sunt. Et hoc est, quod velint ut illa ut definitur «Quod illustratio Catholico".

.

Quod illustratio a saeculo duodevicesimo sophistis disserebat et tumentes superbia elatus in iudicium, cavillator quidam et linguae, Plebei, rumoresque hominum ingrata. Valli loco exhibet in fine locutus sit innocens, ita ut inter tempus in sui scripturam non potest risu supprimatur,. Sed manifestum est,: Valli, non quis ludere, et non prankster: mens eius educandique nobilis reformator in capite et in membris. Est classic castigat ridendo mores Iunii Iuvenalis Aquinatis vestigia sectari, litterarium lapidibus pretiosis, qui in ortum Romanam classicam, sed quia rara est, apud Catholico litterae. Qui sanat omnes delicias suas valli temperamentally. eius libellus Aliquam adipiscing bonum videtur, Christiana eruditionis habes, quod, Qui adulti tumultus in congregatione eorum accapigliando, dum perculsi praeses statutum non servet ordinem, Erat enim naively in simplicitate cordis et in communi sensu suo, de quo dicendi magistris didicit ex, quid isti faciunt in creare pactum inter eos, exauditionis fiduciam.

.

Valli terminum singularem sibi coined - etsi non invenimus in dictionary -, haec aenigmatica parenetic vocant-fabula "dystopian", quod, Si enim operor non intellego aggressively Triviae in modum plantatas, et 'e loco', sic dicitur quod videretur "amicos" Pape, nisi "e loco, (summa) centralis ", paululum, loqui de officium ut 'emoti' vel genere vel subsidiaria de comitatu cīvitās industrialis: est pelagus headquarters, etiam si habeat ad illud refertur, necessitudo cum eo.

.

Quid est Valli consilio, venerunt ad curiosam? Nam per speciem, Et secura quidem possumus dicere,, ipsa pudoris hostia, Norunt enim quasi non vel olfa contemnant,, aperte tamen est quod dicit quod uirtus scientibus eam et non dicit aliud quodcumque. Verbi spectat alium ex loco,, sed etiam de illis quae non videt et novit,. Non occurrit, sed participans.

.

alius clue in "fabula" est datum, cogito, ut etiam, ultra velum intrabit in litterarum historia aut fabula, quod pertinet ad parabolam istam, illic 'a realis historia, sed quod ex corde fideli mens aperiatur et filii eius paternum et fraternum Ecclesiae Christi in fide, Papa, ut eum ad planiorem faciamus officium suum bonum,, ad officium, quod Papa melius novit eum, ut ab omnibus bonae indolis et cessabit modus scripturae, auctorem refertur ad certa conscientia, secundum charisma per fidem ejus cui donatur, dixit audite, ruinarum, quantum ad terribilia, quod nihil minus sit quam finis Ecclesiae - quod manifesto hie auctor suscipit paradoxi quod enuntiare cupit -, unde illi ad mores spectat, non nimiam gratiam coram mundum lucrari, et vociferantur, inpensa a studio fideliter sequendi Christum.

.

Quod youll 'quoque volo ut dissentio, autem opertum est accusatio rerum statu Franciscus Pontifex facit auctor, versatur circa totam, Nisi prius qualitas sursum cum claritate et constantia, in meus sententia, ac similitudine veri captus fuisset altercatum inter eosdem, et in studiis de Papa et de Ecclesia in mundo adducere ad eos:, tunc affectum ad mundum et ad se, apparet sicut clavis hermeneuticae, quae ad seriem explicate Franciscus Pontifex aliquos defectus, qui tamen et ipse non lateat, verisimile, Fortasse velis corrigere, nec tamen indignum proditus et mulceantur Collaborators, qui cum stabulis terminus sursum quam tantopere nocent vitaeque auxilium.

.

Papa Francesco, ad eiusmodi humana et quoddam maximae ac communicationis amica - insinuat Vallium incolas - grata certe est in mundum. Sed vide ne hoc, quod est secundum rationem; Aestimare debent an quod de victoria in eo positum, quod attrahat ad se turbis, ut a Christo vel sicut? Commodis potissimum eum turbæ multæ de Christo? Christum quaerere et conveniebant turbae multae ut ducere vel communicate est Christus modo sit cum populis? Christus satis fecit, vel etiam opus est victoria in mundo? Quod si Christus satis, quod de non tantum curat accepto reprehensionem a mundi, Pontifices forte praevio? Quare perinde publice usui in mundo est? Is est forsitan convertens, orbis terrarum, Christus? Secundum ea quae proponerentur non videri, est enim idem videtur, nisi pejus. et tunc? Cur Papa sunt in traditional inimicos Ecclesiae hodiernae laudat? Videtur quod erroribus tradiderunt, sed plane contrarium. Simul controversia fecit illum, et ponas scandalum in ecclesia. Id certe habet consentiente modernistarum repressuri,; sed falsi amici catholicorum. Sancti Patris Francisci dicere ad turbas de Christo? Quod est effectus eius, et congressus est cum populis? Nonnulli sunt prospectus Christi? Wanting in mundi se gratum facere se non est malus, provisum est per Christum, ut pretium odio sit facere. Accedit ad personalia Papa Franciscus nefarium consilium diabolica Foederatis, iam a Consociatione Nationum sublatus est ferendum, de una religione, atque universae Christianae meta, syncretic et rationem,, non sine superno revelatum dogma, coactum enim omnia, pari gradu sunt communes omnibus religionibus habentem, sine hierarchias designasti, cum sensualia rejecta sint a priori se in religionem magni.

.

Et hoc est visio nocturna, pre morbosam vel phantasia Vallium Concilium, sed consilium est specifica iam tempus habet vitam redire Emmanuelis Kant [1] et catholicorum doctorum sententia comprobari ut Edward Schillebeeckx, Karl Rahner, Jacques Dupuis E ALPHONSUS AZPIROZ COSTA.

.

Quod de Ecclesia ex constructione,

.

Valli in posterum sibi cogitet placing in quibus ecclesia, male enim reapse II renovandum modernisation, ducet, sub pressura ex structura caementorum, acie in extremam ad hodiernam modernistic peragitur opus «auto-eversione multavit", ut dicitur in VI Beatus, ita tacitis interim identitatis Ecclesiae propria,, ad plenum suum in mundum, ut probat, sub praetextu «dialogi cum mundo:" et '' immersionem in orbem terrarum '. De Ecclesia in mundo viros fortunave mersit.

.

Hoc est exemplar, ut locuples, Incepta plures haeretici penes valli, sicut quod est ratione relativa perpendit et Schillebeeckx Rahner et historicismi opinionibus Kasper aut project aut teilhardismo aut theologiae liberationis "global religionis" argentum invenit Erichthonius in_Civitatibus_Foederatis. Instead, sumo an author, cuius hodie ne quis dicat, ut Hippolytus tantum sciri: quod project Marcionem, Haereticus autem secundum saeculum. Sed Valli, in fine insito, Hoc munere sollers arrepto ingens momentum, et imaginari in futurum et saecularia modernistic Ecclesiae erit Quam semper Marcionem [Cf.. pp. 99-102]. Fiet quidem hoc quidem - Vallium - minime aequum officium, Ecclesia probant, quod non est haereticus, Tamen, Papa autem ab hoc haeresis serpit, et custodire neglegunt refutare fidelium. Haec est gravis culpa pastoralis Summi Pontificis regant, praeter haec sunt superiores. Et hoc est quod vult dicere nos Valli: licet papa absque haeresi, nec aliter posse fieri, At lupus et pronus cecidit grege Christi mentem cura mederi malis, Dell 'intellectus fidei.

.

Sed quid Marcionismi recurren- tis, Hodie vivere in Rahner de theologia? Quod exhibet vallium 13 Thesis, similis et de fees damnare concilio [Cf.. pp. 101-102]. In summary: qui bonus et misericors Dominus, Deum verum, è il Dio del Vangelo, in contrasto col Dio punitore e crudele dell’Antico Testamento. Il Dio cristiano, al contrario del Dio truce ebraico ― continua Marcione ― è il Dio che ci accoglie e che ci approva in tutto quello che facciamo e che ci permette di godere à gogo di questo mondo, perché il mondo è buono, nella certezza di essere sempre e comunque perdonati, senza condizioni, anche se non siamo pentiti, giacché in fondo in fondo, molto in fondo ― «nell’esperienza atematica, ineffabile e trascendentale» ―, tutti siamo buoni. Il peccato non è quella tragedia cosmica colpevolizzante inventata dall’Antico Testamento col mito del cosiddetto ”peccato originale”, mito crudele, pessimista ed offensivo della dignità e della libertà umane. peccatum, si non est,, come dice saggiamente Teilhard de Chardin, non è che un inevitabile e normale incidente di percorso nell’inarrestabile ascendente evoluzione cosmica verso il Cristo cosmico, il quale non attua alcuna ”riparazione” o ”soddisfazione” a Dio per il peccato, ma Cristo è semplicemente il modello supremo dell’evoluzione dell’umanità fino al punto Omega.

.

La Chiesa è la Lumen gentium.

.

Ora però, ci lascia comprendere Valli, le cose non stanno affatto così. Cristo non è semplicemente un santone tra gli altri. Il marcionismo-rahnerismo è un droga che addormenta la coscienza e, come diceva il Catechismo di San Pio X, ci illude di poterci salvare senza merito. La vera Chiesa, quella che non finirà, è tutt’altra cosa ed è mostrata dalla dottrina del Concilio Vaticano II. Così il libro di Valli potrebbe altrettanto bene intitolarsi “Come la Chiesa deve ricominciare”, tanto con chiarezza si intravvede, tra le righe della sua finissima ironia, il suo grande amore per la Chiesa, logicamente accompagnato dal dolore e dallo sconcerto, così come quando si ama una persona, non si può non essere addolorati per i suoi mali. Ma nel caso della Chiesa, sappiamo che essa ha la forza di vincere il potere delle tenebre. in facto,, uno dei grandi documenti del Concilio Vaticano II, è la sua Costituzione Dogmatica ― il che vuol dire dottrina infallibile ― sulla Chiesa Lumen gentium, voluta dal Beato Paolo VI, per cui a quel punto gli insegnamenti del Concilio, fino ad allora solo pastorali per volontà di San Giovanni XXIII, acquistarono anche un aspetto dogmatico. Questo è il punto di riferimento di Valli. Chi non ha capito questo, allora del suo libro non ha capito nulla.

.

«Il Concilio», dice l’esordio della Lumen gentium [Cf.. n:. 1] «ardentemente desidera che la luce di Cristo, splendente sul volto della Chiesa, illumini tutti gli uomini, annunziando il Vangelo ad ogni creatura». Ed è la certezza che Valli ha di questo indefettibile compito della Chiesa, che ne fonda l’esistenza per l’eternità, che gli consente paradossalmente di parlare di una Chiesa che “finisce”, quasi a sfidare e a prendersi gioco di quel potere satanico, oggi incarnato dalla massoneria, che egli è certo che sarà sconfitto. Ma questo potere, nel quale Satana è maestro, non è altro che quello del mondo, o meglio di «questo mondo», di cui Satana è il «principe» [Cf.. Gv 12,31; 14,30; 16,11]. in facto,, secondo la Scrittura, non è il mondo come tale che è cattivo, aliquid; esso è immensamente buono, in quanto creato da Dio; e se non fosse tale, quindi amabile, Gesù non avrebbe detto: «Dio ha tanto amato il mondo, da dare il suo Figlio Unigenito» [Gv 3,16]. Invece è cattivo, questo mondo, in quanto schiavo del peccato, della morte e di Satana. In tal senso Giovanni ci comanda di «non amare il mondo» [I Io 2,16]. È questo il mondo, del quale il cristiano non può essere amico [Cf.. Ge 4,4], mondo dal quale è odiato [Cf.. I Io 3,13], perché egli non gli appartiene, mentre sarebbe da esso amato, se gli appartenesse [Cf.. Gv 15,19] e da esso si lasciasse ingannare, se cedesse alle sue attrattive, alle sue lusinghe e alle sue seduzioni o si spaventasse per le sue minacce. Questo mondo dev’essere fuggito [Cf.. Pt II 2,20], combattuto [Cf.. I Tim 6,12] e vinto [Cf.. Gv 16,33]. E proprio in vista di essere luce e salvatori del mondo. La “fine del mondo”, tum, non è altro che la fine di questo mondo. Ma il mondo vero e sano è destinato a risorgere e a vivere per l’eternità.

.

Chiesa e mondo

.

Per questo il n. 40 autem Gaudium et Spes [2], che parla di una «Mutua relazione fra Chiesa e mondo» ― dobbiamo dirlo con franchezza e cognizione di causa ― è un discorso monco e ingannevole, perché sembra che Chiesa e mondo siano come le due parti dell’umanità, allo stesso livello, con reciproche qualità, chiamate solamente a dialogare e a collaborare tranquillamente tra di loro per il bene della stessa umanità. Questa visione, spinta alle estreme conseguenze, porta alla identificazione della Chiesa col mondo, che è la concezione sciagurata del modernismo [3]. Purtroppo il Concilio trascura nel suddetto capitolo ― e solo qui in tutto il Concilio, sia chiaro ― di parlare della corruzione del mondo, della trascendenza della Chiesa nei confronti del mondo, della superiorità del suo fine rispetto a quello del mondo, del potere e del dovere che la Chiesa ha di essere luce e salvezza del mondo, nonché della sua capacità di donare al mondo una pace che il mondo non può dare. Dimentica, in brevi, quod Lumen gentium. Questa è stata la fessura dalla quale è penetrato il ”fumo di Satana”, ossia sono sorti quel deleterio secolarismo e quella progressiva perdita del senso del sacro e del Trascendente, che sono all’origine del fascinoso, disastroso e devastante modernismo che, sotto pretesto del progresso e della riforma, sta scuotendo la Chiesa dalle fondamenta. In tal modo la Chiesa non è più al servizio di Dio, ma servizio del mondo, perché un al di là di questo mondo non esiste. Il potere che interessa non è quello spirituale, della carità, ma quello mondano, l’affermazione di sé nel mondo.

.

ita, all’Eterno, si è sostituita la Storia, alla contemplazione si è sostituita l’azione; alla liturgia la festa della comunità; la religione si è trasformata in politica, la spiritualità in psicologia, la morale in sociologia. È scomparsa la carità verso Dio ed è rimasto uno scipito, arbitrario e non meglio precisato “amore del prossimo”, quod, essendo privo del riferimento a Dio, pecca o per eccesso o per difetto, mentre il mondo ultraterreno del divino è scomparso e l’unico mondo è questo mondo. Non più il timore di Dio, ma il timore degli uomini. Quel che interessa non è più la gloria che viene da Dio, ma quella che viene dal mondo. Non più il successo presso i buoni, ma il successo mondano. Il sacro è stato profanato e il profano è stato sacralizzato. Il dialogo ― spesso ipocrita e inconcludente ― è stato assolutizzato e messo al posto dell’affermazione della verità, mentre la legge morale perde la sua assolutezza e viene relativizzata.

.

Come già osservava Jacques Maritain nel 1966 in Obsequitur plebeius a Garumna flumine: «ci si è messi in ginocchio davanti al mondo». Si vive sotto il terrore di essere “superati”. Ed è sorto l’idolo del “mondo moderno”, un nuovo dio, al quale Satana vuole che ci prostriamo. Il nuovo diventa buono per il semplice fatto di essere nuovo; il tradizionale, il perenne, il voler conservare il buono ed esser fedeli ad esso è fondamentalismo maledetto. Per i modernisti conservare il Vangelo è conservatorismo, mentre essi tengono più che mai a conservare il proprio lauto conto in banca. hodie, modernismi, in gran forze e più spavaldo che mai, dopo un’indefessa scalata durata mezzo secolo, è ormai giunto alle soglie stesse della Sede di Pietro. Gli manca solo un passo ― così esso crede ― per instaurare un papato modernista e far finire così la Chiesa. Ma Valli giustamente ha i suoi dubbi che ciò possa mai avvenire.

.

Che la Chiesa oggi sia tranquilla ― si se esclude un gruppuscolo di disturbatori ― ed anzi non sia mai andata così bene come oggi, come opinava il Cardinale Carlo Maria Martini, è l’illusione dei modernisti, che hanno in mano larghe fette del potere. Infatti è appunto illusione tipica di chi detiene il potere, credere che le cose vanno bene, perché vanno come vuole lui, almeno finché dura. A questo punto si pone la necessità di una vera riforma della Curia Romana. Papa, agli occhi dei modernisti, passa per essere un grande Papa riformatore, ma la sua idea di riforma non sembra chiara: è ancora quella del 1968, quando si gridava «evviva il cambiamento», «abbasso la conservazione!». Ma oggi, dopo cinquantanni di cambiamenti spesso scriteriati, le persone sagge sentono il bisogno di recuperare tanti valori non negoziabili stoltamente abbandonati. Quindi la riforma oggi ― la vera riforma conciliare ― si impone come recupero di questi valori. E invece, Infeliciter, il Papa insiste in questa mentalità sessantottina.

.

Ai modernisti, rectus, non pare il vero; e allora si sono gettati a pesce su questo Papa per convincerlo a creare un papato modernista-luterano-massone, che nulla ha a che vedere con la riforma conciliare, se non per il possibile aggancio all’infelice n. 40 autem Gaudium et Spes poco prima richiamato tra queste righe. Papa, in facto,, avrebbe dovuto correggere il trend utopistico e troppo ottimista di quel capitolo, autem, Infeliciter, ne esagera la portata, e ciò spiega la sua tendenza mondana, che giustamente Valli gli rimprovera nel suo libro.

.

Nel suo recente discorso alla Curia Romana, il Papa ha deprecato la formazione di complotti. Bene, è questo di cui sopra il complotto, del quale pare che il Papa non sappia. È il tentativo diabolico di secolarizzare, decurtare, rimpicciolire, profanare, svuotare e dissacrare la Chiesa al fine di ridurla alle misere misure del mondo, sul tipo di aMNESTIA International quod Green Peace uel Boy Scouts. È questo il complotto dal quale il Papa dovrebbe guardarsi per proteggere se stesso e la Chiesa da queste trame di Satana. Il pericolo vero, per la Curia Romana, per il Papa e per la Chiesa; il vero ”cancro”, i veri ”traditori” e gli ”infedeli”, diciamo pure gli eretici e gli apostati, non sono tanto i rumorosi e irrequieti lefebvriani e tanto meno i conservatori, che devono collaborare con i progressisti; il pericolo sono i modernisti, che sono la longa manus della massoneria, dei comunisti e dei luterani all’interno della Chiesa e della Curia Romana.

.

Pasce oves meas

.

Il dovere di accogliere i valori del mondo non dev’essere pretesto per mondanizzare la Chiesa; Il dovere di essere moderni non dev’essere un pretesto per favorire il modernismo; il dovere di favorire il progresso non dev’essere pretesto per offendere i conservatori; il dovere di evitare il conservatorismo, la rigidità e la stagnazione non dev’essere pretesto per denigrare chi vuol essere fedele alla verità immutabile e all’assolutezza della legge morale; il dovere dell’accoglienza non può scompagnarsi dal distinguere chi la merita da chi non la merita: un conto è accogliere in casa un bisognoso e un conto è accogliere un ladro. Il dovere di apprezzare il diverso non dev’essere pretesto per non correggere l’eretico. Il rispetto per le altre religioni, non esime dal dovere di correggere i loro errori. Il dovere di soccorrere la miseria materiale, non deve far dimenticare il più importante dovere di curare le malattie dello spirito. Con i miseri, gli umili e i pentiti si dev’essere misericordiosi, ma con i furbi, gli ostinati e gli arroganti si dev’essere severi. Il dovere di praticare l’ecumenismo non dev’essere un pretesto per favorire il sincretismo, il relativismo e l’indifferentismo. Il dovere di apprezzare il pluralismo non dev’essere pretesto per trascurare l’unità e l’universalità ― katholikòs ― della fede. Il dovere di procurarsi collaboratori fedeli deve accompagnarsi al discernimento tra quelli sinceri e gli impostori e adulatori.

.

Eppure il Papa conosce il suo dovere. È solo attratto dalla vertigine del successo e del potere. Bisogna allora che glielo ricordiamo e gli diciamo: sic transit gloria mundi! “Passa la scena di questo mondo!" [I Cor 7,31]. Ravvèditi e metti in opera i talenti che Dio ti ha dato, in special modo il tuo ufficio petrino, che Cristo ti ha dato non per rappresentare te stesso, ma per rappresentare Lui, non per creare la tua Chiesa, ma per servire, proteggere e custodire la Sua Chiesa.

.

Nei suoi prossimi scritti suggerirei a Valli di proporre i termini di una vera riforma, che consiste nel ri-orientare la Chiesa dallo sguardo rivolto verso la terra ad uno sguardo rivolto verso il cielo. Dallo sguardo delle galline allo sguardo dell’aquila. In questa ottica dobbiamo fare un richiamo alla coscienza del Santo Padre ed aver fiducia che egli ci ascolti. Un Papa dovrebbe infatti imitare i Santi Pontefici che lo hanno preceduto e non i teologi alla moda od i profeti che «annunziano la pace se hanno qualcosa tra i denti da mordere» [Mi 3,5]. E non è a dire che Papa Francesco non abbia modelli attuali davanti a sé. Si potrebbe dire, scherzando, che non ha che l’imbarazzo della scelta, potendo egli scendere, per non andare ancor più indietro, fino ai Pontefici dell’Ottocento.

.

Il rapporto del Papa con Cristo

.

Papa Francesco sembra aver allentato il suo rapporto con Cristo, rispetto ai Papi precedenti. Da qui la trascuratezza nel compiere il suo dovere di Vicario di Cristo. Sembra invece molto preoccupato di mantenere ed incrementare un rapporto con la gente e col mondo, non importa quale, purché questo rapporto ci sia. Ma il mandato di Cristo non è questo. Egli ci manda sì, in tutto il mondo, ma non per proclamare un messaggio che piaccia al mondo, anche se altamente sociale, ecologico o umanistico, ma per insegnare chiaramente e senza equivoci, tutte le cose precise che Egli ci ha comandato di insegnare, non una di più e non una di meno, senza tirar fuori la scusa che allora non c’erano i registratori, o che oggi i tempi sono cambiati.

.

Il Papa è dunque incaricato da Cristo, de Spiritu Sancto assistente,, di insegnare il Vangelo a tutte le genti, di interpretare infallibilmente la Parola di Dio, di custodire, spiegare e difendere il deposito della fede, di convertire e chiamare i popoli a Cristo, di insegnare agli uomini di buona volontà i doveri inderogabili della legge morale naturale e i diritti umani. Egli ha inoltre ricevuto da Cristo il potere di «legare e di sciogliere» (potestas clavium), ossia di comandare e legiferare, vale a dire permettere o proibire nel campo dei sacramenti, del diritto canonico e della condotta dei fedeli in nome della Legge di Cristo. Ha il potere di sommo sacerdote, ossia di santificare e purificare il popolo santo di Dio, di governare e guidare a nome di Cristo la Chiesa verso il Regno di Dio, e l’ufficio sacro di «instaurare omnia in Christo», secondo il motto del Santo Pontefice Pio X. Ha il dovere di essere pieno di carità per tutti, iustus erigit elisos;, di essere «servo dei servi di Dio», secondo il motto del Santo Pontefice Gregorio Magno, di ascoltare umilmente i profeti o i veggenti, ispirati dallo Spirito Santo, che umilmente lo richiamano ai suoi doveri, ci fosse pure tra di loro una povera giovane indotta e popolana come una Caterina da Siena, ed il dovere infine di offrirsi con Cristo in sacrificio di soave odore al Padre nella Santa Messa e nelle croci quotidiane per la salvezza dell’umanità.

.

Questo Papa, che agli occhi del mondo e dei modernisti appare un «grande riformatore» (Walter Kasper), un Papa «rivoluzionario» (Eugenio Scalfari), un Papa ”profetico” (Marco Tarquinio), il Papa che «risolve i conflitti vecchi di secoli e millenni» (Albertus Melloni), il «padre dei popoli» (Nicolas Maduro), il «Papa della modernità» (La Valle Raniero), «l’apologeta della coscienza» (Arturo Sosa); il «Papa della libertà» (Bianchi), il Papa della «Chiesa spontanea e rilassata» (Timothy Radcliffe), il «protettore degli omosessuali» (Andrea Grillo); il «patrono della famiglia» (Vincenzo Paglia), il «difensore dei profughi» (Nunzio Galantino), il «leader della sinistra internazionale» (Oscar Madariaga), «il nemico di Trump e dei capitalisti» (Antonio Spadaro); il «Papa della misericordia» (Raniero Cantalamessa), il «fratello dei massoni» (Gianfranco Ravasi), «l’amico dell’Islam» (Al-Fayyed) … Ma in realtà, a prescindere da tutti i suoi meriti, è il Papa che, trovandosi a dover governare una Chiesa agitatissima e soggetta ad una crisi di fede di una gravità mai successa nella storia, sembra che non riesca a controllare la situazione, tanto che, un degnissimo Cardinale che ha occupato posti altissimi alla Santa Sede, pare che in un recente drammatico colloquio a quattrocchi gli abbia detto a chiare lettere: "Tu es iunctos vetat ecclesia!». Al che ― se questo fosse realmente accaduto come si narra ― il Santo Padre, statim post flagitium, spero nos esse posse reflectunt, ad Spiritum Sanctum invocandum esse sapientiam, et fortitudinem qui possit ingredi in Regnum.

.

Varazze, 1January 2018 - Beata Vergine Maria Madre di Dio

.

______________

NOTA

[1] La religione entro i limiti della pura ragione, Laterza, Bari 1985.

[2] Da notare che la Gaudium et Spes, a differenza della Lumen gentium, è una semplice costituzione pastorale,, quindi non esente da errore, non dottrinale, ma pastorale.

[3] Questa visione tendenzialmente massonica, forse di ispirazione rahneriana, dev’essere corretta con la dottrina dogmatica della Lumen gentium.

.

.

Per acquisti in-linea, videre qUI

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

LIBER DE SANCTAE MISSAE available Insula quae appellatur Patmos, qUI

.

.

.

.

About isoladipatmos

In una cogitatione "Sanctus Franciscus de cunctis convallibus resonare audiret: "Sicut Ecclesia finita,, novus liber ab Aldo maria Valli

  1. Dai servi sciocchi più realisti del re, Valli è stato ormai arruolato tra le soldataglie tradiprot e modernoprot che stanno mettendo in atto, affermano loro, la demolizione del Magistero, e della Chiesa: non temete, dopo questo vostro elogio del Valli, di essere ora considerati collusi col nemico?

Leave a Reply