quod “imago Dei” ad “imago rete”. Et iterum buy Sancti Patris zucchini in Campo Fiori?

DE imaginis Dei, AD NET IMAGE. Iterum DEL SANTO PADRE emo zucchini in campum florum,?

 

Quod homo creatus est ad imaginem et similitudinem Dei facti sunt contra Deum insurgere velle qui se ipsum faciens Deo, et hodie, Instead Domini utrumque enim genu in conspectu ejus creator, Genibus nititur iam etiam ante idola, prosternat se et directe est in fronte de digital camera in terra, totaliter a fide recedendo vivere nunc et in posterum nullum ad alios proiectus perspective, quasi ex nobis studiorum philosophiæ et theologiæ lingua morior orbem terrarum res novissimas collocat verbi et non conparuit,, ut alia omnino via ad quaestiones et proposita: ... et cras, Quod m'invento, stupet? uel: Hodie dedit cotidie dose est iens ut media ad opticus, ego pol illum et cras in pondere NCREASE. Quod si ita fecit a trinus ut fructus in foro emere ac earumdem litterarum Fiori duo zucchini in statuam in "sanctum virum," De Architectura?

 

A Author: Georgius. facio Lince
auctor
A Jorge. facio Lince
imago Dei
… apud quem non est vir ut pareant scelus suum esse a creatura ad imaginem et similitudinem Dei creata est

Et significantissimum illud Sancti Augustini imago Dei quod imaginem Dei [II misit. d.16 a.1, q.1], Hac re magna conquisitio fieret, motu agatur mutasse videtur videre in societatem imago rete. Quoniam haec mihi sit ad tactum resonat in auribus clarissimi expressio DOCTORIS SANCTI THOMAE AQUINATIS: agere sequitur esse [sequitur quod actus], quod est in principle fundamenta scientiae moralis adhuc attigit addunt. Nam S. Thoma, descendat necesse est oportet,. Quid est enim natura sua tangit ontologicam eiusdem actionis, si moralis agendi hominis. ad hominem, Ergo creatura Dei creaturae a Deo non habere rationem ontologicam creatura, quia non potest habere convenientem, requiritur etiam ad mores et consequens moralis iter oportet, Pro terrenis ad perfectum adduxit eum adspirare. S. Thoma dicitur actus entis [esse ab actu essendi] id agere, actum. Ut ad effectum deducendi actionibus existit omnia Summa, et sic in actiones ad summam esse coincidit,.

Valerius Lukyanova barbie
Quod posthac futurum? Barbie pupa photographed cum Valerio exemplum Lukyanova, venit cui simile esse …

Haec dies musculis existunt, fiant per circuitum decem annis Lukyanova Ucraina has Valeriam opes exemplar quod vocaretur nomen eius in orbem terrarum pro similitudine naturalis sive artificialis celebre creata cum Barbie pupa. Quis enim similis mei creverant multos spectant vendo huius puellae ludere cum toy et celebre pupa huius, semper vivens ad quaestionem de quomodo facta est in se verum hominem esse si haec pupa.

Primum impressionem quod sumus, cum imaginibus ad femina: "Sed suus 'verum,?». etiam: "Quid actum est ens fecit ... magicae computatrum?». tum, Post primum impressionem, ab eo agri coeperit esse negativam sententiam prorsus falsificatum, sive, ut nunc solet dicere: omnes redone. In aliis, ut sit sensus satisfactio posset fieri potest, determinentur in Singulos cum intuemur, quae una caro cum toy ad maturitatem. In utrisque casibus curiositas nascitur exinde expecto imagines prope ad morbidly et notitia ponit exemplum, qui totum orbem terrarum ex serie seriem parere animi, cyberspace et celebre factum est eius.

Valerius Lukyanova in vestitu
Quod posthac futurum? Valerius Lukyanova exemplum ponendi sunt in lavandi raritate sectam ad litus et conversus ad corpus eius Barbie pupa

Si autem hoc exemplar Hoc est propter in vendo expeditionem eundem faciunt sensum esset turba Mattel, ut inter praecipue hodie magis quam umquam in vendo mundi ministrandam statuo, quam habere partes irascibilis et emblematum, Propter peccata, totalis vel motu conversionis realis notitia. Propter hoc mundus non in qua natus sum, et fama crevit autem hoc exemplar fuit qui per imagines et video clips per orbem terrarum per socialis retiacula [videre qUI, qUI, qUI]. et hodie socialis network Et multo plures facti sunt in Penitus pars incrementumque humano communicationis, praesertim apud posteras gentes; tantum enim formula revera.

Numquam ante, significantur illi qui in una PC, A Mauris quis felis aut tabula habet facultatem metiuntur modum, ut omnes termini notitia; et illa habet aliquid in facultatem ad exprimere eorum opiniones. Nunc princeps technicae artis progressiones, ita ut non opus nostrae electiones ita disseruit:, quia cum sit simplex "Sicut et ego"Et Facebook tweet aguntur Twitter. Consumo igitur omne tempus recognoscere possumus cum pollice deorsum contrarium, cum paulo corde uel emoticon.

Significat quod electronic - quod esset multam nimis qualis communicationis viam et in vulgus efferenda scientia et cultura, sed etiam ad actionem pastoralem curam - non pro annihilatione autentica instrumenta facti sunt, Interdum enim guillotines, hoc modo parallela mundos verum destruere prepend; redit "realis" immediatam, ac si nunquam fuerit "primum'Et fuit'post". Regebat tum mundos omnino volentibus snapshots requirere continua accommodationem centrum animum volentibus scire ex diei tempore. Et incipit a die, quibus nec quicquam neque memineris diei statim ex quo sequitur quod opus futurum "vectem tollere" et obstupuerunt stupore. Et unus ex nobis cotidie domi congressi Pater Ariel S. Tadinensis olim habuit Levi dixit, quod "cito sollicitudin ut, per eius magis magisque anti-criteria historical, quod aliquando vos non habent impressionem ex mea habens vitae, nunc autem iam non habent materiam ad esse aliquid, et quod peius est,: vivere,.

nam malesuada submersi
novum populum …

Hoc update immediatam Quod est ex idea facti sunt mores, in omni sensu, non solum in virtualis mundi, quod fit in dies popularis in diversissimis sperarum: In politica ut in religiosis ac de liberationes pastorales. Ceterum, finis videtur ei fiet 'celebre "vel habere partes et coetus a populo, qui sequitur te, Sic reperio causas essendi, quod ad vitam.

Social networks non solum audientibus exposita auto-, sed etiam in Assisa venit recognitura ab aula prima formula quattuor iudicia et "lex«Instructio postulatur, cum bene aut secus gestae mutant Staff; cadunt in captionem et in quibus aliquando nobis videatur magis se habet ad pastores qui placentes mundum Iesus Christus, cum omnia aggravantur: mundus quod delectatio non habet vis corporis et animae, orbis terrarum, et hoc factum est, quia sine Christo Iesu.

Virtualis re mundi necessario prope

Omnis qui intrat hac ceu circulus Serius aut citius coactus est ille sumere de brevitatis caussa formas variabilis expressio morum, quae per se tendunt ad mutate, quia secundum hoc continua victoria habitas in principle updating; elementa providere necesse est "stupor'Umquam altius bibitur, et semper magis massive. Sicut exemplar in Ucraina, quae est subiecta per mutationem processus continui, et in puncto ad hoc quod posset in dicta "nova Eva", vel in posterum exemplar novum mundum, qui non venire, et possessio, quae iam in ipsa via similitudo virtualis forma.

Et hoc instant upgrade Is involves tantum non est de hoc mundo entertainment - quod iam non est nisi cinematographico, mundus per sectam vel in television -, quia, ut ante dixi, afficit omnes societatis ambitus, civilis, et religiosis scientific. Vanum es dicere, quod hoc non potest facere periculis: bonorum iactura non legitima tenuisse totius historiae culturis; conceptus non solum amissione vitae, Eodem tempore coniunctionibus, quia ducit ad actum consequentem totaque hominis exinanitionem, idem munus et cum esset in homine imago Dei et similitudo in creatura Dei vivi [Cf.. Gn. 1, 26-27].

ut Jorge
novae servitutis detineri "tamquam», Sicut et ego …

Et instant upgrade - hoc est negatio; theologiae corporis S. Paulo Apostolo [Cf.. Col.. 1,18] et erit qui Christianis vivis imaginem Christi, [Cf.. rm 8,28; I Cor. 15,49; ] - semper irrogat poenam habet qui satiat in mundo auferetur corpus et caput, et occultatum post tabulatum super anonymized vim præcipuam Evangeliis esse, aut non amaret destined signa alicujus cordi fuit numerus, ut in numero. Denique illa et indicavit cum Clik quid facere bonum et fruar, ita erit generating periculum est primum tutare tributa trans tabula, sed ea potissimum de causa, quod genus tandem imposita de populo iuxta futuri - in aliquo socialis partes, quod politica et religionis sunt - gravi horrore plenis coactus electionis: similes superioribus, sive modus qui imponitur a excedit, quae hodie est, non potest distinguere et risu digna in dall'inverosimile?

Barabbas or Jesus
heri, et hodie … quod valde dolendum cras?

Hic est verus Deus et finalis revocatas liberalitates eius,, ipsam hominis substantiam significat; inversis quae cuneos omnibus instant ex tempore illo non plus quam de dirigentes est Flash cameras. hodie, a Pilatus exspiravit corpus animumque, a ignota ad locum loqui ad network elit massa non enim est caput et cauda sine eventually peto ut eadem quaestione: «Quem vultis dimittam vobis:, Barabban an Iesum qui dicitur Christus?» [Cf.. Mt. 27,16-26]. Legentibus relinquam te est aestimare an et ad responsionem esset in hoc casu terminus sursum ens clamantium: "democratice" ex cyberspace ...

3 September 2015, Franciscus Pontifex facit tumultuario in vitro optico specula ad tabernam mutare lentium

Quod homo creatus est ad imaginem et similitudinem Dei facti sunt Adversus ipsum Deum insurgere velle qui becoming, et hodie, Instead Domini utrumque enim genu in conspectu ejus creator, Genibus nititur iam etiam ante idola, prosternat se et directe est in fronte de digital camera in terra, totaliter a fide recedendo vivere nunc et in posterum nullum ad alios proiectus perspective, quasi ex nobis studiorum philosophiæ et theologiæ lingua morior orbem terrarum res novissimas collocat verbi et non conparuit,, ut alia omnino via ad quaestiones et proposita: ... et cras mirari desino, quod m'invento? uel: Hodie dedit cotidie dose mirantibus communicationis socialis instrumentis illustrantur Ad lentes 'iens mutare opticus, Ego autem in crastinum, ut crescat coactus potionis; fecit ergo a trinus ut fructus in foro emere ac earumdem litterarum Fiori duo zucchini in statuam in "sanctum virum," De Architectura?

________________________________________________________________

Fortasse iam ante certaminibus temptandi aquas TV2000 est fructus in foro ac earumdem litterarum Fiori?

About isoladipatmos

26 cogitationes on "quod “imago Dei” ad “imago rete”. Et iterum buy Sancti Patris zucchini in Campo Fiori?

  1. EGO reperio is interesting (et verum est) l’articolo sino a quando si arriva al punto dell’ottico. tum, incredibilmente, mi viene alla mente spontanea e potente una frase di manzoniano ricordo; Omnia munda mundi. Mi sorprende molto non il fatto che il pontefice possa andare a rifarsi le lenti degli occhiali, ma semmai il contrario; ovvero che non possa.

    1. lei ha ragione Stefano, ma l’autore di questo articolo ha ragione da vendere e bisognerebbe riflettere con attenzione su questa analisi pertinente, quando parla dei media che hanno bisogno di dosi sempre più alte di stupore, e di esse hanno bisogno nella misura che sono disinteressati allo stupore della rivelazione di Gesù Cristo. E’ questo che ci dice l’autore, e ce lo dice anche bene: stiamo andando verso una fede senza Dio e verso un cristianesimo senza Cristo, allarme già lanciato (purtroppo inutilmente) Benedict XVI.

      1. Verissimo, però questo non contraddice il mio commento. Infatti i giornalisti non ne vogliono sapere della rivelazione, a loro interessa vendere, ed hanno un atteggiamento morboso nei confronti del pontefice. Se potessero, ci direbbero quale marca di fazzoletti utilizza per soffiarsi il naso. E questo è dato dal fatto che la gente vuole questo, ed è qui il problema. Anche la gente sembra infischiarsene della Rivelazione (ahi noi) e vuole la foto del papa che si cambia gli occhiali. Mi stupisce però che l’autore dell’articolo praticamente sentenzi che il papa non debba cambiarsi gli occhiali nell’ottico al lato di piazza San Pietro per colpa dei giornalisti, e che insinui che lo faccia apposta a mettersi in mostra. Da li la frase di fraCristoforo. Il papa per me può anche andare al mercato, se gli aggrada, ciò non deve intaccare il fatto che sia il sommo pontefice, e che è capo della Chiesa. Sembra quasi che se il papa va al mercato non sia più il vicario di Cristo.

        1. Sono d’accordo con lei Stefano. La chiusura dell’articolo è bizzarra e forse rivela un certo astio nei confronti del Papa. Non credo che avessero programmato la presenza dei media che ormai sono tutti i cittadini muniti di cellulare. È bello invece vedere il Papa che cammina in mezzo alla gente, come faceva Gesù, fa la spesa come facevano gli Apostoli, parla a chiunque lo voglia ascoltare come con la Samaritana. Gli Apostoli andavano verso le persone, noi oggi dobbiamo cercare un sacerdote che sia disponibile a parlare con noi. et, li troviamo alla Messa e poi via sono sempre impegnati altroveQuesto Papa è aria fresca. L’autore dell’articolo è tutta testa e poco cuore.

          1. Cara Maria.

            Ma lei si rende conto di quello che sta dicendo e di come lo sta dicendo?
            Lei ha mai letto veramente il Vangelo di Giovanni che narra l’incontro di Gesù con la Samaritana al pozzo?
            Lei si rende conto che quel brano evangelico non è uno spot popularis nationalibusè una vera e propria catechesi fatta dal Divino Maestro ad una donna che aveva avuto una vita alquanto movimentata e che sulle parole del Maestro comincia a ragionare ed a capire, sino ad accogliere ed accettare la verità del Verbo di Dio fatto uomo?

            L’ultima sua frase, tum, rivela quanto poco presente sia in lei lo spirito cristiano, visto che si permette di sindacare e di giudicare il cuore di un uomo.

            Come persona molto dedita al ministero di confessore posso dirle che, pure dinanzi ai peccati più turpi confessati da persone che non si confessavano anche da cinquant’anni, mai mi sono permesso di giudicare il cuore di un uomo, che solo Dio può penetrare, leggere e giudicare.

            Le consiglio pertanto di riprendere in mano il Catechismo della Chiesa Cattolica e di ripartire da lì, non certo dal rotocalco intitolatoPapa meum“.

          2. Gentile Maria,

            lei mi ha fatto un bellissimo complimento con la sua frase «tutto testa e poco cuore». Le spiego: io provengo da una cultura che è quella sudamericana, che viene comunemente qualificata come una cultura piena e ricolma di sentimenti. Basti solo pensare che uno dei maggiori prodotti di esportazione sono le cosiddette soap o telenovelas. Il fatto che lei mi abbia definito «tutto testa» vuol dire che dopo tanti anni di formazione accademica sono riuscito a mettere la testa a posto, a reggere i miei sentimenti con la mia testa, e soprattutto ad argomentarne le motivazioni. Mi rincresce dover leggere la battuta sul Papa indicato come «aria fresca», perché per me tutti i Romani Pontefici sono “aria fresca”, essendo abituato a vedere al di là dell’uomo il mistero di fede Petrino.
            Io cerco di conoscere un po’ la mia Chiesa ed evito di credere o di immaginare che le cose siano andate come a me piacerebbe. Mi dispiace che lei riesca solo oggi a vedere il Papa che cammina in mezzo alla gente e non tenga in considerazione invece la storia di tanti altri Papi che come il Santo Padre Francesco hanno camminato in mezzo alla gente; ed in mezzo alla gente hanno camminato tra le bombe, le macerie ed i feriti in situazioni di gravissimo pericolo, basta solo che lei apra i filmati qua sotto per rendersene conto …

            https://www.youtube.com/watch?v=N84V5wBT5WM

  2. I padroni del mondo vorrebbero realizzare il totale annichilimento della nostra intelligenza ed annullare le peculiarità del nostro “quod” e la nostra capacità speculativa, vorrebbero cancellare i principi etici e spirituali della civiltà cristiana, gli insegnamenti dei filosofi greci, di S.Agostino (Si fallor sum), di S.Tommaso e per altri versi anche di Cartesio (Cogito ergo sum), etc… Vorrebbero sottrarci la libertà individuale e il tempo privato, impedirci di pensare e riflettere, di ponderare la decisione, di distinguere il vero dal falso, il bene dal male, eligere, e agire secondo coscienza, di essere cristiani
    I manipolatori ci chiedono solo risposte binarie,praesenti, omologate, sono convinti di fiaccare la nostra resistenza, di vincere la nostra opposizione, di renderci malleabili, acquiescenti ai loro desiderata.
    Gesù ci ha detto di perseverare perché Dio, Padre e Spirito, ha certamente altri progetti
    Certo che Papa Francesco è imprevedibile,rifugge la prudenza,.. nel mio piccolo preferirei sentirlo concludere ogni suo intervento con “Benedictus Iesus Christus,” piuttosto che augurare buon appetito.

  3. Caro don andrea, in continuazione del suo commento, e del mio di poco fa (con il rischio di sembrare logorroico) sempre più noto l’allontanamento della gente non solo da Cristo, ma da tutta la sfera spirituale, come se fosse qualcosa di inutile, se non dannoso. Sicuramente lei avrà notato, in quanto pastore, come sia più facile confrontarsi con gente di altre religioni (addirittura con persone dedite alla magia o allo spiritismo) che con persone “atheus” (le virgolette poste perché non voglio intendere i militanti atei, ma le persone disinteressate alla componente spirituale), in quanto queste ultime non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando, non hanno nessuna esperienza del proprio spirito, o se ce l’hanno, non sanno decifrarla. Questo molte volte mi sconforta molto, in quanto sembriamo persone di due pianeti diversi. Spesso poi, addirittura tra i sacerdoti si può vedere questoappiattimentoal materiale, con perdita conseguente di amministrazione di sacramenti (confessione in primis) rites (adorazione eucaristica) e sacramentali, per cui nemmeno i fedeli possonoviverela parte spirituale della via cristiana. Se i sacerdoti non ci credono, perché ci devono credere gli

  4. Ottimo articolo e parto dal basso: ma lo sapevate voi che Papa Lambertini (Benedetto XIV) usciva inborgheseper andarsi a comprare la frutta a Trastevere? 🙂 (non poteva mancare l’emoticon) all’epoca non faceva notizia perchè Roma era der Papa nostro…. altre volte usciva di mattina presto, vestito da papa ma con il mantello nero, e andava a bussare a qualche chiesa di Roma e chiedeva di poter celebrare Messa, chi c’era c’era, chi non c’era, non c’era…. la differenza era notevole (Stefano), alla fine tutti lo sapevano, ma non era uno scoop.
    Sul resto ci sarebbe molto da dire, l’articolo offre davvero un profondo esame della coscienza. Per altro dall’ottico non è stata una sorpresa era tutto preparato e non è da escludere che il tutto abbia avuto luogo dopo i dati al ribasso dell’affluenza alle udienze papali. La coincidenza è troppo netta per non pensarci su. La donna Barbie è davvero inquietante e perversamente diabolica….

  5. Oggi ho conosciuto più da vicino la mia vicina di casa e mi ha invitata a casa sua. Nel chiacchierare, e avendola conosciuta alla Messa, siamo entrati nel vivo del parlare fra cristiani e dice esultando: questo Papa mi fa impazzire!!! poi pian piano è uscito fuori che lei non riesce a pregare, non va sempre alla Messa, non si confessa da anni, insomma una cattolicanon praticante”. Ho cercato di farle capire che in questo modo non fa onore al Pontefice e che anzi lo offende perchè lui sta lavorando perchè noi ci convertiamo, lei di rimando mi spiega cheama moltoquesto papa perchèè uno di noi”, E’ UMANO, è alla mano, fa tutto quello che facciamo noi, lei ci vede IL VERO CRISTO che perdona la prostituta e CHI FA L’ABORTO E CHI DIVORZIA! tutto preso dai Media, patet! Dopo aver spento un pò i suoi entusiasmi parlando di Vangelo vero e del vero Cristo col vangelo alla mano le ho consigliato di LICENZIARE la sua fonte che sono i MEDIA e visto che ogni tanto usa internet, di andarsi a leggere i testi originali del Papa.

  6. Gentile e giovane Jorge, dalla sua data di nascita noto che lei ha appena 31 aetate. Le faccio molti complimenti. Ho due nipoti maggiori di lei per età che però ragionano e vivono come io vivevo e ragionavo quando avevo 15 aetate (E 15 anni ce li avevo 60 years ago).
    Sono andato in pensione 11 anni fa da un liceo dove ho insegnato per quasi 40 anni lettere e filosofia. Se negli ultimi tempi d’insegnamento avessi trovato solo due studenti come lei, sarei andato in pensione molto meno amareggiato di come invece, Infeliciter, ci sono andato.
    Mi permetta, sed, di fare anche i complimenti ai padri dell’Isola, perché leggendola, si capisci subito chi l’ha coltivata e chi tanto bene la coltiva.

    Calogero Maria Geraci (Roma)

    1. Noi siamo cattolici, non siamo filosofi, siamo seguaci di Cristo che parlava con parabole per farsi capire da gente come me. Non citava nè Platone, nè Aristotele. Capisco che questa rivista telematica sia rivolta a studiosi, ma non si può attaccare il Papa perchè si abbassa al livello della donna che va al mercato. Anche Gesù lo faceva. Parlava agli scribi e ai farisei, ai dottori di allora, che guarda la coincidenza, non lo volevano capire. Chi lo ha seguito sono stati pochi di loro, mi risulta e tanti come il resto degli analfabeti di allora chesentivanola verità in quello che diceva non dovendosi confrontarsi con tante sovrastrutture mentali. Un caro saluto.

      1. Cara Maria.

        Molti elementi della filosofia di Aristotele sono stati usati dai grandi Santi Padri e Dottori della Chiesa per costruire anzitutto unvocabolariocristiano in grado di definire i principali misteri della fede, perché dinanzi al mistero cristologico noi non avevamo all’epoca neppure delle parole, neppure dei vocaboli idonei per definirlo, fu necessario prenderli a prestito dalla filosofia greca e modularli in chiave cristiana.

        Il Vangelo non è un elastico da tirare come fa lei.

        E’ vero che Gesù parlava a scribi, farisei e dottori vari, ma lo faceva tentando di volta in volta di aprire i loro cuori chiusi alla grazia di Dio, per questo di tanto in tanto guariva i cieci sotto i loro occhi, o gli storpi, anche per ricordare a costoro che i veri ciechi chiusi alla grazia di Dio ed i veri storpi incapaci di camminare sulle vie della grazia di Dio, erano loro.
        in brevi, il Signore Gesù voleva la loro conversione ed a tal fine operava in tutti i modi per la loro conversione.
        O per caso le risulta che qualche Eugenio Scalfari dell’epoca sia uscito da un incontro con Gesù proclamando a tutti: “Non ha cercato di convertirmi!” Series … perchè io sono ateo, tale voglio rimanere e di essere tale mi vanto?

        Il cristianesimosimplexe senzasovrastruttureche lei invoca, o il cosiddetto tanto decantatocristianesimo delle origini”, può trovarlo realizzato a meraviglia nella sètta pentecostale, ma si tratta appunto di un’eresia ammantata dietro alla falsa rassicurazione delcristianesimo delle origini“.

        Quando poi Gesùsi abbassa al livello della donna che va al mercato“, a tale livellosi abbassaper uno scopo ben preciso, per dire alla donna: “ti sono perdonati i tuoi peccati”, ed aggiungendo anchevai e non peccare più”, non certo per darle l’opportunità di farsi un paio di foto col telefonino abbracciata al Sommo Pontefice, immo ar papa de noartri, quae quidem, cum, riempie le piazze ma svuota le chiese

        1. Ma Lei è sicuro che questo Papa riempia le piazze e svuoti le Chiesenon sarà forse che le chiese le ha trovate vuote e che si dia da fare per riempirle?

        2. Molti elementi della filosofia di Aristotele

          Aristotele entra a pieno titolo nel pensiero cristiano relativamente tardi. La filosofia greca che per secoli fornì al Cristianesimo l’intero apparato categoriale e ilvocabolariocristiano è quella (neo)platonica.

          Ciò precisato, la riduzione della Rivelazione cristiana alla speculazione filosofico-teologica (ed eminentemente la reductio ad Thomam) non è molto meno insufficiente della sua riduzione alla banalità desacralizzata del quotidiano.

      2. Gentile Maria,

        per lei è così difficile conciliare la ragione con i sentimenti? Perché è necessario opporre la filosofia al cattolicesimo?
        Sant’Anselmo d’Aosta affermava «fides quaerens intellectum» (la fede richiede l’intelletto).
        Peccato altresì sia stato necessario usare la filosofia per capire la complessità del nome di Cristo che lei tanto usa….
        forse sarebbe opportuno per lei fermarsi al solo termine di Gesù e cercare quindi qualche associazione o gruppo ebreo ma non di certo la Chiesa Cattolica.
        Purtroppo devo dirle che anche il Romano Pontefice ha fatto studi filosofici con il sacerdote gesuita Juan Carlos Scannone fondatore della Filosofia de la Religion y de la Teologia del Pueblo (filosofia della religione e teologia del popolo), quindi anche Lui si é macchiato di cotanta sapienza “filosofica” della quale non c’è forma di liberarsene.
        Stia accorta col giudicare anacronisticamente il nostro analfabetismo con la società nella quale parlò e visse Gesù, nella quale le persone erano capaci di ascoltarlo sia perché parlava della pesca e dell’agricoltura che forse oggi noi non riusciamo a conoscere così bene; così come parlava della legge ebraica altrettanto conosciuta da tutti coloro che cercavano di essere fedeli ebrei.

  7. Apprezzo molto questo articolo, tuttavia anche io, come altri lettori, sono perplesso sul finale.
    Vero è che questo Papa è spesso e volentieri mosso da un certo desiderio di stupire, ma al di là di questo, ha davvero senso stupirsi di un Papa che va dall’ottico a cambiarsi gli occhiali?
    Voglio dire, la Beata Madre di Dio, concepita senza peccato originale e assunta in cielo in anima e corpo, si occupava comunque delle normali faccende domestiche come qualsiasi altra donna. Non mi risulta che nella santa casa di Nazareth ci fossero schiere di angeli intente a fare il bucato, lavare il pavimento e preparare la cena, mentre la Vergine Beata se ne stava assisa in trono impegnata in sacre conversazioni con Padri e Dottori della Chiesa.
    Tutti i santi hanno vissuto la quotidianità, per cui non vedo perchè scandalizzarsi di un Papa che va di persona dall’ottico a cambiarsi gli occhiali.
    maybe, il fatto che ce ne stupiamo, il fatto che consideriamo straordinario quello che in realtà e ordinario (e viceversa consideriamo ordinario quello che in realtà è straordinario), è anch’esso una forma di quel clericalismo tanto spesso (recte) esecrato dal reverendo don Ariel.

  8. E a proposito della sua frase: “Quod si ita fecit a trinus ut fructus in foro emere ac earumdem litterarum Fiori duo zucchini in statuam in "sanctum virum," De Architectura?”, videbunt, fra non molto Papa Francesco andrà in Campo dei Fiori, non per comperare due zucchine, ma per chiedere perdono per ilmartiriodi Giordano Bruno

    1. Chiedere perdono per la condanna di Giordano Bruno non avrebbe senso: come giustamente ha fatto notare un pastore valdese cui in tempi recenti si è avuta la pessima idea di chiedere perdono per vicende vagamente analoghe, i carnefici, anche quando agiscono in nome della più nobile istituzione, sono singole persone, e in quanto tali latrici di responsabilità personali; così come singole persone sono le vittime, cui sole tocca il diritto di concedere l’eventuale perdono personale ai carnefici. Così tra uomini. Poi c’è il perdono di Dio, ma qui bisogna lasciare il piano terra e salire al piano nobile.

      qui dixerunt, l’uccisione di Giordano Bruno non fu una bella pagina, anche se all’epoca simili supplizi non erano esiti insoliti. Bruno era, a quanto se ne sa, tutt’altro che un sant’uomo. Fu un buon pensatore, con qualche vena d’oro persa in una congerie di carbone.

      Se poi a Roma il mercato ortofrutticolo si fa sotto la statua di Giordano Bruno, gli eventuali acquisti di zucchini potranno essere fatti anche lì.

  9. Ho l’impressione che si erri enormemente nella valutazione dei comportamenti di papa Francesco. Egli stesso disse che, divenuto papa, si chiese se dovesse cambiare. Ritenne che fosse stato ridicolo il farlo. Si comporta come sempre ha fatto nella sua vita da studente, da gesuita, da cardinale ed ora da papa. Non gli piace farsi servire e gli piace interessarsi personalmente alle incombenze pratiche, come pagare di persona la retta di S.Maria per l’uso da cardinale, portarsi la borsa, andare a misurarsi le diotrie ecc, come fanno tutte le persone normali. Vuole essere ed è persona normale e pensa che questo sia apprezzato dalla gente. E’ anche un modo per non sentirsi prigioniero nei Sacri Palazzi. Vedervi un comportamento studiato per compiacere lo trovo fuori luogo e addirittura offensivo. E’ fatto così, anche se ci fa meraviglia. Per piacere ai mass-media? Credo che neppure ci pensi. Perchè perdiamo tempo in queste cose? Deus!

    1. carissimi, Vincenzo.

      Rispondo io al suo quesito in quanto presbitero.
      Diventando prete io ho cambiato radicalmente la mia vita ed il mio stile di vita, per un fatto molto “simplex”: non mi sonodiplomato pretee non sono entrato in servizio in unaazienda“, ma tramite il Sacramento dell’Ordine ho acquisito un nuovo carattere, peraltro indelebile ed eterno, attraverso i doni di grazia dello Spirito Santo; un carattere peraltro trasformante.
      Mi permetta quindi di dirle che un prete, il quale rimane tale e quale a prima, a me, animo, mi inquieta parecchio.

      Questo per dilre in che misura oggi si è perduta la percezione del Sacramento dell’Ordine e soprattutto del Sacramento dell’Ordine inteso come nuovo carattere, un carattere che forma e trasforma e che non può lasciarci tali e quali a prima.
      E non vado oltre nello spiegare i motivi della mia inquietudine

  10. Mi rende molto triste il modo in cui si conclude l’articolo. Esprimo qui le ragioni del mio disaccordo e della mia tristezza. Si può essere “imago.net” e, attraverso ciò, “imago Dei”. Le due cose non si escludono. Credo che uno dei carismi particolari di questo papa sia quello di essere una figura mediatica, magis, molto più: un “papa mediatico”. E il termine “mediatico”, per se, non ha una connotazione negativa, ma neutra. I media, come dice il termine stesso, sono dei mezzi, e un mezzo può essere usato in maniera positiva o negativa, e questo non dipende solo dalle intenzioni di chi lo usa, ma da tante circostanze. Inoltre non dobbiamo confondere le difficoltà connesse con l’uso di certi mezzi di comunicazione con alcune interpretazioni errate e fuorvianti date da alcune testate giornalistiche, che accrescono queste difficoltà . Credo che con questo gesto il Papa voglia mostrarci la necessità che il messaggio evangelico sia presente nelle situazioni più quotidiane. in brevi, si può iniziare ad evangelizzare anche con il gesto più semplice e ordinario, perché dietro questo gesto c’è la fedeltà a una Persona e al Suo Progetto. Il gesto non esclude la catechesi, ma la prepara.

  11. Navigare necesse est: “…. i carnefici, anche quando agiscono in nome della più nobile istituzione, sono singole persone, e in quanto tali latrici di responsabilità personali …”

    Etiam, però noi il Bellarmino l’abbiamo fatto santo! quod “nobili istituzioninon sono responsabili di ciò che fanno i singoli suoi membri, ma se li fanno santi un poresponsabili lo sono

Leave a Reply