"Patefacio Ecclesia" (part XII) - Quis non dignus subsisto eo ad zelum legis errare humanum est, in ecclesiis sacras celebrationes?

- quod Sancti Patres Patmos Island prope fidelium in quarentenam -

"PRINCIPIO Ecclesiae» (part XII) - SECURITAS URBANAE CURA ipsam transcendere dignum est aemulator exsistens USQUE IN ECCLESIIS commemorationum sacrarum STO ADFERO?

.

Videos Offerimus nostris legentibus haec tam nova de Venerabilis Frater Noster Ioannes Zanchii, sacerdos et Canonizationis eiusdem Servi Arretium, ut etiam pro remedium efficax omnes sapientes dolor, tum praecipuae fuerunt leuaretur, Et nihil melius facere quam causam, et in dura saepe agere, contra decisiones nostrae in causas episcoporum ad salutem publicam salutem praesidio: et in multis casibus suspendat commemorationum sacrarum claudere ecclesiis doceo. Quaesivi quem diligit ecclesia, in angustiis et necessitatibus, Hoc est non servatae sunt in controversia fidelium in omnium illorum qui ad tempus stare omnium fidelium vel de auro purissimo, sed unit. Aliquis scripta sunt dies, ut «ab Episcopis in Ecclesia quin mortem sibi conscisceret Italiae '. Infeliciter non est intelligere aliquid de essentia fidei, de Catholico: Ecclesia, “Si mortem” impetum episcopis,, non tam subito eos persequendos experimento.

.

.

.

Video transversis et coetibus ab issuer TELESANDOMENICO (AREZZO)

.

.

.

TEXTUS Video

.

In Johannem texts ex Patre Zanchii, emendator Centrum de Cultu Divino Spirituali de Catholico Romana Dioecesi, Arretium, Cortona Sansepolcro, Non illi intelliguntur, sed ut audio, ut vasa narratio texts. Nos processerunt nobis Latin text audio transcribere.

.

John Zanchii

Ad undecimum eventus receperint aperta ecclesia.

Et lapis sint in latere aperto ecclesias, publice nec bene, signum Quod ecclesia qui permanet aperuit et opus pro gloria Dei et animarum sanctificatione, tamen singularis figurae. Nos had two examples postremo mira Veneris 27 March: gratias ad instrumenta communicationis socialis attinent, Catholici per orbem terrarum sancta est et spiritualiter unitus Patri per historic de Papa et obsecratio ad Deum pro fine pandemic. Eodem die, omnem Italiae unum episcopum sub visited a multis de eis in suffragium animabus victimas a pandemic, sepolte con Esequie in forma ridottissima, a causa dell’emergenza sanitaria.

.

Veniamo ora all’argomento di oggi. Nella puntata precedente ho aiutato a riflettere su alcune delle motivazioni prudenziali soggiacenti alla sospensione delle Liturgie pubbliche in tempo di pandemia. Nel poco tempo a disposizione, voglio adesso accennare ad un aspetto complementare della medesima questione: nelle chiese aperte non si svolgono celebrazioni pubbliche, ma i fedeli hanno il diritto di andare in chiesa per la preghiera personale e per ricevere i Sacramenti in forma individuale, specialmente la Confessione e la Santa Comunione; ovviamente rispettando le norme di profilassi sanitaria che tutti ormai ben conosciamo. Sul sito internet del Governo italiano [Cf. qUI] cliccando nella sezione F.A.Q. et clicking a "Caeremoniarum", Factum est enim, ut sequitur: "Quaestio: Vos can vel ire ad ecclesiam domibus cultus,?»Et respondendum est,: "Nee licet aditum aperire et cultus aedificiis, ne dum coetus minus certam distantiam euntes metro ".

.

In Gallia Regio Hoc est etiam magis determinatas utque edita; In facto, ad ordinationem Regional No.. 514 quod 21 March 2020 ad illud 22 legit releuentur:: 'Et licet aditum fana excelsorum quae sunt in quota de observantia, et curare salutem necessariis ad se introducit cuiusdam intervallum unius meter ". Ideo non possunt ire singuli orare in omni ecclesia in consilio locali spatio, necesse est cum se aptavit, et recedens a certification tunc collectae fiant. Non potest ea impedire; et ex abusu potestatis esset. A tip: bonum est sicut cum shopping sales lapsus cibus, ad spectaculum istud, quod quidem in tabernam abiit, oportet ut ipsi intra ecclesiam prope photographaret, sicut ostensum est quod esse potest, eum loqui de responsible pro potestate.

.

Habemus to address this topic, perché si stanno moltiplicando le notizie riguardo a fedeli censurati dalle Forze dell’Ordine (peraltro benemerite) solo perché si stavano recando in chiesa a pregare da soli. Cosa più grave: in varie parti d’Italia le Forze di Polizia hanno interrotto Sante Messe che si stavano svolgendo nel pieno rispetto delle regole di profilassi contro la pandemia; ricordiamo che le leggi vigenti in Italia proibiscono ciò tassativamente: se in una chiesa si sta svolgendo un atto di culto, Polizia e Carabinieri possono entrarvi per esercitare le loro funzioni solo dopo avere preventivamente informato il Vescovo del luogo e in ogni caso non possono interrompere l’atto di culto.

.

Per tutelarsi da ogni arbitrio o allontanamento forzato da un luogo sacro o da denunce o ammende comminate per tali motivi, ci si può rivolgere ad un avvocato, per far valere i propri diritti. Ma sarebbe meglio non dover arrivare a tanto! Per gratiam Dei, publico officio et administratione ecclesiae ingredientium diebus multis crediderint cives divinae protectioni. bravi! Et muneri suo satisfecerint! Sed absurdum est ut compagibus Giulianova Carabinieri, Aprutium, Et responderunt Publica accusator venditata ab urbe Majore, aliud 3 administratores, 5 et sacerdotibus 3 diurnariis, quod, Gloria magna est Madonna in sanctuario, Qui sua permisere Clementine_Vulgate Mariam sanctissimam potissimum, multum depositionem sub imagine tricolor balteum. 12 Populus autem percursa per meter bene intra se ab uno latitudinem aedificii, Habiti simul et periculosissima est justo in forum!

.

Nonne ego memorem, quae copiae nostros magistratus laudanda sunt,, maxime utili et gratus omnibus iret; in facto,, non solum autem Giulianova apud se fecit officium, a seguito di polemiche pretestuose sollevate da terze persone, spinte da malevolenza verso i cristiani. Resta il fatto che alcuni hanno tentato di infangare un atto di devozione come se fosse un reato; abbiamo pure notizie di sacerdoti che hanno ricevuto minacce scritte semplicemente perché in chiese molto spaziose hanno celebrato la Santa Messa con l’assistenza di qualche persona a debita distanza! Videtur, quod aliqua Christiana anti-satanised volunt occasionem ut in pandemic ut facias atque impetum modo Catholicae Ecclesiae filii. Non possumus istarum contumeliarum perpeti sineret!

.

Quod ecclesia sit dare Italiae magnum test et prudentiae bonum amoris fervore ligamento communi celebratione cum populo, Dum studet quotidie aperirent ecclesias, et facilem prebens assensum celebramus in forma Paschae proximo subitis, ma non è accettabile che sia proibito ai singoli l’esercizio del diritto di culto (Cf. Costituzione della Repubblica Italiana, articulus 19), esercitato nelle forme attualmente possibili. Accettare una cosa simile costituirebbe un pericolosissimo precedente per la tutela della libertà di tutti i cittadini italiani. C’è il pericolo che, una volta passata l’emergenza, entrare in una chiesa per pregare diventi una concessione dello Stato, non più un diritto della persona. I nostri Vescovi e il Governo debbono subito attivarsi affinché siano emanate disposizioni chiare e stringenti onde garantire l’esercizio del diritto costituzionale alla libertà di culto anche in questi tempi calamitosi.

.

Segnalo infine un aspetto pratico molto importante: una prudente frequenza individuale delle chiese permette anche la loro custodia durante le ore di apertura; la maggior parte del nostro patrimonio storico e artistico è costituito dalle chiese e dai loro arredi: lasciarle aperte e deserte per molte ore lungo la giornata è il modo migliore per garantirne la salvaguardia? Ricordiamo che, già in tempi normali, sono frequenti i furti e gli atti di vandalismo nelle nostre Chiese! Fedeli ostacolati nel frequentare singolarmente le chiese, denunciati mentre compiono atti di devozione con tutte le dovute accortezze … Segni tristi, che evidenziano il grado di scristianizzazione nel quale è precipitata la nostra società e la svalutazione sociale della necessità della vita interiore e del valore della realtà soprannaturale; ma l’Italia non può diventare il Paese nel quale in tempo di pandemia si può tranquillamente uscire per acquistare un pacchetto di sigarette (e ciò sia detto con tutto il rispetto per i tabaccai), sed non potestis portare ad ecclesiam causa orandi, etiam in solitudine!

.

Laterem, et lapis ecclesiae usque ad tempus manere aperta a pandemic, admonere omnes Christiani fiunt pro bono, in foro in domos, quia - ut admonetur in psalmo 126, 1: 'Nisi Dominus aedificaverit domum, vanum laboraverunt qui aedificant;. Nisi Dominus custodierit civitatem,, frustra vigilat qui custodit eam ".

Gratias marialis. Altera res est appointment aperta ecclesia.

.

Sansepolcro (Arretium), 29 March 2020

.

.

.

.

.

.

 

Vivamus in eorum Lectorum

Edd Patmos Island sunt in printing et distributio utor pro sua magna ex libris Amazon Company, quod hoc tempore non suspendit omnium amet dividebantur urgente necessitate habet proprie quaestiones subitis coronavirus. Atque ideo non potest simul recipere libris, Sed potest ordinari ad 3 January.

 

 

​​

.

.

.

«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:









nec posse in computo:

solvendorum Pathmos insulam Editions

IT IBAN 74R0503403259000000301118
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

..

.

.

Avatar

About isoladipatmos

2 cogitationes on ""Patefacio Ecclesia" (part XII) - Quis non dignus subsisto eo ad zelum legis errare humanum est, in ecclesiis sacras celebrationes?

  1. In verecundia / praeparatione,
    Carissimi Editor – Pathmos insulam- cum autem praesens, Amen dico vobis: Non possum accipere prandium meum (cdlstabia@libero.it) communications tuum.
    Thanks a lot

    1. Quia postulantes nos vexari necesse est ita, quae capta sunt mihi dies officium magnis, oblittero, vos iustus postulo ut cum, cum digito sanctus, non est simplex click in item “Volo prohibere sumptionem Acta Vicimediorum Communium”?
      Is iustus sumit tantum, Venite ad Scio, in nostros 10 anno decies visitationes, profectionem suam, Nos Dominus, inducet nos in omni “indices marialis”?

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.