In communione cum Romano Pontifice, quid sit? Criteria infallibilitatis ditavit

- Ecclesia nuntium -

Ideo quia BE in communione cum Romani Pontificis? Criteria infallibilitatis ditavit

.

Legitimum et legitime communionem campum operit laudabilia Summi Pontificis, sed quantum ad id quod est Dei et Ecclesiae praevaricator legis es, adeoque non esset cum eo.

.

auctor
John Cavalcoli, o.p.

.

.

PDF Print Article

 

.

.

Aequivoce statuam beatum Petrum Apostolum in Aedibus Vaticanis vel Archibasilicam

Duo months ago, per litteras 7 October, Cardinales enim Marc Ouellet, Praefectus Congregationis pro Episcopis, Praestantissimam et peropportunam archiepiscopus Carlo maria Viganò, Apostolicus Nuntius est pristini Foederatae Americae Civitatibus Foederatis, in eo quod pertinet commonere cum Summus Pontifex, [Exemplar epistulae quam miserunt, qUI]. Contra sententiam Urbis Praefecto Celerino, tamen credo quod Carlo Episcopi in communione cum Romano Pontifice maria Viganò, Cardinalibus sententiam aliquatenus intelligere licet Marc Ouellet. in facto,, cum Summo Pontifice communionem superelevetur, Hoc non est dicere, nefas est quemquam placere quod ad eamque degendam virtutibus inutilis est,, sive bonum regimen Ecclesiae.

.15

Quod securus quae ad Summum Pontificem,, quod archiepiscopus fecit Carlo maria Viganò, ut cadat in libro verborum dierum, quam gravis sit materia in qua sanctus pater esset desiderari, Tum pius ille et reverentia filiali, vocavitque nomen eius officium, si modo recte fieri cuncta moventur uoluntati, Hoc nihil habet facere cum intermissum est in fidei communione cum Summo Pontifice, atque exercitatione.

.

A simplex nota probri, Si prudentioribus assentiendum est, aequum et impulsam, Non est confundenda cum qui contra peccatum seditionis non tenens caput ex doctrina fidei Ecclesiae in suo vult et ministerium, abruptio communionis cum eo in loco est. et obprobrium, in facto,, Agitur de imperio dissolutam esse a reo atque agnoscit quam ex norma communicatio cum corriperetur, si Papa in eadem, reus autem defecit in pastoralis officii constantiam labefactavit.

.

Abruptio communionis magis quam accusatus esset, Lutheri et supremum caput Ecclesiae doctrina haeretica iustificationis absque heresi non recipiat opera eius, Ostendit etiam labefactant principium Romano Pontifice communione Ecclesiae, principle cognoscit intellectus, quod a Successore Petri magister fidem.

.

Memento quod verum catholicam communionem cum Summo Pontifice,, et communicationem cum ecclesia, Non est, qui credis in eo quod plures credere modeste, psycho-motus simplex veraque aut in sympathia, aut simplex aut admiratione hominum vinculum est affectio terrena sive politica sive illi, affectum esse homini minus subiectiva Jorge Mario Bergoglio, personalis opinionibus suis sapores; quibus, magis convenientem et ad terminum vel in ludis theatrum histrionum, pugiles, considerans se fatue "fans" Summi Pontificis vel, cum inflatius fiducia expressio, «Amici», ut non memorem ejus idolis servientes. ita, qui quoquo modo commoveat reprehendo Summi Pontificis, rationabile est, et pietatis animosas, daret eo ipso per "hostes" et "inimicos", vel peius,: non «communionis» appellamus cum eo.

.

Et ideo convenienter se vident quod "fans" quia non sunt fanatici homines, quia videtur quod papa in vitiis satisfecit haereses. Et hercule illo die tribulationis est, Sanctus Franciscus, quatenus mentem Summi Pontificis est Orthodoxa, Sed non oportet curare ut patet lingua et ne male intellegas aut duos-via, Deficiunt neque refellere interpretari malis usibus. Atque haec - lets 'narro obtuse - est res turpis, si modo minime erumpit nuntiavit qui in recta sunt cum Summo Pontifice communionem catholicam, Sed confirmatio, quod religio sit modo in hoc, ut possit corrigere ipsum factus est,; igitur, in communione esse possimus.

.

Sanctus Franciscus, una cum suis, sic dicitur "amicos", Debet offendi omnino repugnare; Nec silentio conclude contemptim, tacite vel calumniis respondere, Bene facis quidem hoc in discrimine est quod in suis operibus considerant, ut gratiis et exaudias preces et receperint, audi consilium, accipere emendatio proposita, ut dimotis fallacium dubia, agnoscis esse in iniuriis suis, Ecclesia est misericordia, et tribulacio est prodiderat, si necesse rogabat Deum ut tibi remittatur, misericordiae Domini esse cum eo in, una cum remissione peccatorum.

.

Benignus est necessitudo Pontificis communione mere humana imponere, psychologicum et socialis, quod tamen est impossibile,, sed est per se, ex tenaci constantique voluntatem amare obedientia ad Christi vicarium, Nostrum Petri Successoris incohavimus, et factum est condita in in re theologica opinionem divina gratia, quae ex fide Christi et effectus ejus Ecclesia in petra aedificare elegit ex Petri, nec unquam perdamus potestates tenebrarum [Cf.. 16, 13-20]. Maxime Talis communio,, et cui voluerit ideas de concordia cum Summo Pontifice,, Is involves speculativa fundamentum et supplicium practical. In scientia autem speculativa fundamentum fidei, quorum Catholico, Pontifex Maximus, Specialis gratias ad auxilium provisum est a Christo delatum Petro - "confirma fratres tuos» [Cf.. Lc 22,32] -, Doctor est veri ac verum est fidei ex bono incommutabili, cur non huic doctrinae revelatae doctrinae, praesertim qui fidei dogmata;, non solum in extraordinariis adiunctis atque solennes de definitionibus novis dogmata - "ex cathedra Petri»-, sed etiam in adiunctis ac vulgares.

.

In praxi ex communione sunt cum Summo Pontifice Maximo, ex quo descendit concreto communionis ecclesialis, Hoc duce quadam obedientia consistit, pro pastorali officio, administrativus ordinationes et praecepta, iuris et legum. Sed non minus talia famulantur obsequia,, Si autem summus pontifex de deprehendere, dopo ponderato e maturo giudizio, mancanze alla giustizia o alla prudenza o contro altre virtù. Per questo cade opportuno fare tra queste righe un’importante distinzione, riguardante il ministero petrino, che tocca la questione della comunione col Sommo Pontefice nell’ossequio dovuto a tale ministero.

.

Ricordiamo allora che il Romano Pontefice riceve in quanto tale da Cristo uno speciale dono dello Spirito Santo, che gli serve sia come maestro della fede e sia per il governo della Chiesa, oltre a disporre della grazia santificante, comune ad ogni cristiano in grazia, per l’esercizio delle virtù umane e cristiane. patet,, la grazia dello Spirito Santo entra in funzione per tutti e tre i suddetti compiti: l’insegnamento della verità evangelica, il governo della Chiesa e l’esercizio delle virtù cristiane.

.

Per quanto riguarda l’assistenza dello Spirito Santo, essa è indefettibile nell’esercizio del magistero dottrinale ordinario e straordinario del Sommo Pontefice, in quanto la grazia muove infallibilmente la sua volontà ad annunciare la verità circa i dati salvifici della fede. si non, vorrebbe dire che non varrebbe più la promessa fatta da Cristo a Pietro ed ai suoi successori di assisterli come maestri della fede. Il che è evidentemente impensabile. In questo atto, igitur, la volontà del Sommo Pontefice, pur restando libera, è infallibilmente mossa dallo Spirito Santo a scegliere e ad esprimere la verità; quindi il Sommo Pontefice non può peccare coscientemente e deliberatamente di eresia. Chi su questo punto non è in comunione col Sommo Pontefice, è eretico.

.

Questa assistenza infallibile dello Spirito Santo, che il Papa possiede nel conoscere, annunciare, explicate, difendere e diffondere il Vangelo, è simile a quella più importante che ha esercitato nell’ispirare agli agiografi biblici tutto e solo quello che per loro mezzo ha voluto rivelare all’umanità, tutto il resto essendo solo il frutto della loro fallibile intelligenza.

.

Così pure ciò che il Sommo Pontefice pensa o dice al di fuori del suo magistero apostolico, lo pensa e lo dice a suo personale rischio e pericolo. La differenza tra l’ispirazione biblica e l’assistenza al Sommo Pontefice sta nel fatto che nel primo caso c’è in gioco il contenuto rivelato, mentre nel secondo si tratta dell’acquisizione, della comprensione e dell’interpretazione di questo contenuto.

.

Diverso è il caso della grazia che il Papa ha a sua disposizione per la sua condotta morale e il governo della Chiesa. Egli può respingere questa grazia e quindi cadere nel peccato. haec, igitur, il piano di comportamento del Sommo Pontefice, dove può essere rimproverato e corretto, senza rompere la comunione con lui. È chiaro infatti che la comunione legittima si estende per tutto il campo degli atti legittimi e lodevoli del Sommo Pontefice, sed quantum ad id quod est Dei et Ecclesiae praevaricator legis es, adeoque non esset cum eo.

.

Anche qui si dà una comunione col Sommo Pontefice, la quale però non è, come nel caso precedente, comunione di fede, ma comunione di disciplina. Come si può spezzare la precedente comunione con l’eresia, qui si può rompere la comunione con lo scisma, che è disobbedienza al Sommo Pontefice nella sua volontà di legislatore e guida pastorale e giuridica della Chiesa.

.

modernistarum repressuri,, vice versa,, che si vantano di essere gli amici del Regnante Pontefice e che godono effettivamente dei suoi favori, non sanno che cosa è la vera comunione col Romano Pontefice. igitur, nonostante le apparenze in contrario, sono in realtà degli scismatici. in facto,, per loro la comunione col Sommo Pontefice non è l’unione delle loro volontà con il Santo Padre Francesco in quanto custode infallibile di una verità assoluta ed immutabile, nella quale non credono, proprietà della dottrina del Vangelo; ma è la concordia e la collaborazione con la soggettiva e discutibile, anzi dannosa, linea politico-pastorale di Bergoglio, fatta passare per svolta epocale e rivoluzionaria, grande profezia e riforma, piena attuazione del Concilio Vaticano II.

.

Sanctus Franciscus, d’altra parte dà spazio a questa falsa comunione, perché sembra tenere più all’affermazione del suo prestigio personale, che non curare la purezza e la difesa della dottrina della fede. È qui che giunge a proposito il severo avvertimento agostiniano: «Coloro che pascono le pecore di Cristo con l’intenzione di condizionarle a se stessi e di non considerarle di Cristo, dimostrano di amare non Cristo ma se stessi, spinti come sono dalla cupidigia di gloria o di potere o di guadagno, non dall’amore di obbedire, di aiutare, di piacere a Dio» [Tratt. 123, 5; CCL 36, 678-679].

.

Non ci si meravigli allora del fatto che i modernisti non fanno critiche al Santo Padre Francesco, mentre hanno attaccato duramente gli ultimi Pontefici, come San Paolo VI, San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Il motivo è che avevano capito che, mentre questi Pontefici erano anti-modernisti, operando oggi una grande forzatura sono convinti che il Santo Padre Francesco sia uno di loro, quibus, se da una parte sono stati nascostamente scismatici nei confronti dei Papi precedenti, ecco che adesso sono diventati ipocritamente obbedientissimi, anzi fanatici del Regnante Pontefice, quae tamen,, Infeliciter, non è che faccia molto per sfatare questo equivoco e prender da loro le distanze.

.

Chi è veramente in comunione col Papa e gli parla con franchezza, oggi è accusato dai modernisti di non essere in comunione col Sommo Pontefice. Loro che invece, per le loro eresie, sono in realtà degli scismatici, si atteggiano ad amici del Papa, il quale dovrebbe essere più cauto nel dar loro confidenza, dato che lo strumentalizzano a loro vantaggio.

.

Chi non è in comunione col Sommo Pontefice merita di essere scomunicato. Però bisogna dire che il Sommo Pontefice in questa materia può sbagliare, cioè può scomunicare uno che non lo merita, mentre può non scomunicare qualcuno che lo meriterebbe. Dunque che cosa deve fare uno scomunicato ingiustamente? Secondo San Tommaso d’Aquino deve sopportare umilmente e pazientemente. Io aggiungerei che deve pregare, ed offrire le proprie sofferenze per la salvezza delle anime dei suoi persecutori.

.

Varazze, 16 January 2018

 

.

.
.
«Et cognoscetis veritatem et veritas liberabit vos» [Gv 8,32],
sed adducere, nedum veritatem diffundendam et defendendam
sed metus in costs. Auxilium nostrum commenticium confirmaret Island
cum ratio praebet per secure Coin Paypal:



nec posse in computo:
IT erant 08 J 02008 32974 001436620930
in hoc casu,, mitte nos an email Monitum, quia ripa
Non potuimus mittere email vos praestate
gratiarum actione percipitur [ isoladipatmos@gmail.com ]

.

.

.

.

Avatar

About isoladipatmos

5 cogitationes on "In communione cum Romano Pontifice, quid sit? Criteria infallibilitatis ditavit

  1. Una domanda per il teologo. Visto che Benedetto XVI è ancora Papa, potrebbe un sacerdote celebrare messa una cum Papa Benedetto? Quali sarebbero le conseguenze? Potrebbe mai essere considerato per tale condotta scismatico? gratias ago

    1. Sarebbe come se dopo la lecita e valida rinuncia di Celestino V e la lecita e valida elezione di Bonifacio VIII, qualcuno avesse seguitato a celebrare la Santa Messa applicando nel canone « Una cum famulo tuo Papa nostro Coelestinum »

    2. È consentito citare Papa Benedetto come Papa emerito accanto a Papa Francesco. Sarebbe scismatico chi citasse solo Papa Benedetto. Non importa che questi sia ancora Papa, perché Benedetto conserva l’ufficio pontificale, ma non lo esercita. Chi lo esercita è Francesco. È quindi sbagliato e scismatico dire, ut quidam faciunt, che oggi «abbiamo due Papi».
      Cristo ha stabilito un solo Capo operante e questo Capo oggi è Francesco, perché per esser Papa nella pienezza del suo potere, ossia efficacemente operativo, non basta l’ufficio, ma occorre anche l’esercizio dell’ufficio petrino. Benedetto è rimasto Papa in un senso diminuito, non giuridicamente operativo, ma solamente spirituale, senza il diritto e il dovere di governare la Chiesa, quamquam, stante l’altezza della sua personalità teologica e spirituale, con la preghiera, il sacrificio e il suo consiglio a Francesco può dare e dà al bene della Chiesa un contributo prezioso, unico ed insostituibile.

  2. “Pontifex Maximus, grazie ad un’assistenza speciale garantita da Cristo a Pietro… è dottore veridico e verace delle verità immutabili della fede, per cui non può sbagliarsi… non solo nelle circostanze solenni e straordinarie… ma anche nelle circostanze ordinarie e quotidiane
    et quod “il Romano Pontefice riceve in quanto tale da Cristo uno speciale dono dello Spirito Santo, che gli serve sia come maestro della fede”,
    non credo significhi affatto che le sue parole, prese alla lettera, debbano sempre essere conformi alla millenaria fede della Chiesa.
    Talvolta anche i maestri di verità utilizzano parole in contrasto con la verità stessa allo scopo di meglio insegnare ai propri discepoli la verità.
    Ricordando allora che il vero maestro è lo Spirito Santo e che il Santo Padre è pur sempre uno strumento dei suoi imperscrutabili disegni, ritengo che affermazioni del tipo: l’illiceità assoluta della pena di morte, il Padre che mai mette alla prova i suoi figli, Maria e Giuseppe profughi a Betlemme, il peccatore che permane nel peccato gradito a Dio…,
    siano stimolo ad approfondire Scrittura e Tradizione per alcuni, segno di contraddizione e svelamento dei cuori per

    1. Per incarico di Cristo, Papa, si Papa, è dottore e maestro della verità evangelica, che non s’inganna e non inganna. Certe frasi di Papa Francesco che sembrerebbero eretiche, devono essere interpretate in senso ortodosso.
      Dire poi che «talvolta anche i maestri di verità utilizzano parole in contrasto con la verità stessa allo scopo di meglio insegnare ai propri discepoli la verità», vuol dire proporre un procedimento machiavellico e disonesto, al quale nessun Papa si potrà mai attenere, per quanto il Papa attuale arrechi a molti fedeli numerosi problemi ed anche scandalo per l’ambiguità e l’imprudenza di certe sue espressioni, estranee al linguaggio proprio della Chiesa.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.