Quod de “traditionalistae” (qui condemnet mole)

QUID ERGO “traditionalistae” (Circumfusi ac massa DAMNATIO)


Dissentire autem pater meus contra Ariel afficiunt modo externa, cum utique non ad participes querimoniam ex opinionum ac lascivia in optimatium magno commixtus corpore Politiae. Quo spatio sunt,, sed, Legitimate, et opinions etiam status legitimate, et non possumus negare mihi theologica belli, quod est per doctrinam solum iudicare

Author: Antonio Livi
auctor
Antonio Livi

praetorii occisus est
inhumanum homicidium inermium militum iam satis terroris intulit in terra hac in redactione Charlie Hebdo

In superiori questione habitum est Liberari ex testamento meo: et ego iam expressit in via, sententia mea non sapiens:, S Ariel quo frater meus. Tadinensis levi de re iam tractata et de cartoons blasphemantes Charlie Hebdo. [videre qui]. nunc, fortasse aliter vexavit ac patientia, Ego vadam ad me a quadam disassociate facies suis conquiritis viam Itali membra militantis traditionalismus; quod, in facto,, Et quidem necessarium est, non limitatur ad legitimate additur obiectio contra aliquas ideas personae, sed virgas ad gravibus references, faciens aliqua nomina publicists (editors auctoribus liber, et ephemerides) quaedam gravis et scholarium. Omnia ad articulum competit "Mutata sunt tempora, Sancti Patris Francisci maneat necesse est procedere in causis fidei alis" [videre qui].

Apud hos etiam nuper edideram, qui, in 'Insula, quæ appellatur Patmos, In Redactionis insula logoqui - pro omnibus tribus editors de magazine - precisavo unum consilium quod cogitavi esset nostram doctrinam; et per consequens linea nostri editorial: "Quare nos non debemus dicere sed etiam traditionalistae progressives" [videre qui]. In essentia autem est orationis quae fecit illud,: cum fit, in rebus fidei et Ecclesiae eius veram loquamini, Non possumus enim sermonis est quaestio dogmatize, quid est id dominatu, quia in fine est solum ut in perspective quid absolutum, est verum dogma. Itaque, In insula, quæ appellatur Patmos, et ut habeatis, In mea sententia,, confirmare dogma veritas quoties probatis, multi theologi opiniones proponuntur, illa quae ex legitima interpretatione / application dogmatis ab his quæ cum ipso dogmate. Ut facere posset ne confuse, theologice captivitatis positions, quale discrimen veri dogmatis usum convertitur In insula, quæ appellatur Patmos, habere debet. Etenim «locum theologicum confusa" dici id quod catholica sententia nullam iustam excederet, qualis est ut plenius eventually (negans) placitis infectas.

C. Livi Rerum Romanarum
Colloquium cum Antonio Livi Rerum Romanarum ed correspondentia Romana. Ad imaginem Click to open video

eGO, Fondazione vocant la "Scientific apostolica Unionis pro defensione catholicae veritatis,", Pressius hoc sentiebam quod est, res propriis scientific, id est condita a et dirigi pergit ab secure principiis per modum convenientem. Quod prorsus contrarium placitis infectas unitatem totius huius decreti, bant in eo iudicio controversias dogmatum, et in stricto est scientia humana secundum absolutam consummans et brevians in veritatibus divinitus traditis, ut dictum est formalized in dogmate, S. Thomam considerari talis participationis,scientia Dei et sanctorum». Quod formae ex doctrina ipsis sit et ego? In has opinationes, quae hodie in illa quaestione theologica positions et in opposito provocatively articulus est titulus: et traditionalismus progressivism.

Apud nos,Insula volumus cum ad unam harum appareat adversae partis Romans inventionplacitis infectas, et in omnibus nobis explicare rationes theologicas ad hoc remotus. Sed ne reprehendo propter quaedam per eos transeat in ideas 'extremistas "hominum ex denigration. Numquam enim ideam individuis indentificano, et solum cum notiones de politica coetus, et cogitandi. Et omnis homo est dignitatis, si non aequo iudicio convolta in ideas additur obiectio, Et regio vel culturae environment. Neque vituperari, in background doctrinali, putative voluntate sua, personales res minus privatisque.

Metro Mayer Goldwyn
Ariel signigica Leo Dei. Ariel pater habet rationem eius se agnita: Qui vult esse solum fun poke …

Ariel dissentienti mihi Usque modo externa,, cum utique non ad participes querimoniam ex opinionum ac lascivia in optimatium magno commixtus corpore Politiae. Quo spatio sunt,, sed, Legitimate, et opinions etiam status legitimate, et non possumus negare mihi theologica belli, quod est per doctrinam solum iudicare (satis certo cognosci quod ab alio fideli cum regula theologica), et factis, maxime privatas, populus (dato che le loro intenzioni e le complesse vicende della loro vita non sono mai conoscibili adeguatamente e quindi non consentono a nessuno di formulare dei giudizi certi ma solo sospetti più o meno legittimi e illazioni più o meno fondate).

Bianchi, fides multis
Enzo Bianchi in conloquium

Et non negasti nomen Hoc in theologico prospectu belli Sensi etiam coguntur, pro conservatione fidei in populo Dei, doctrinis omnino approbare videretur omnino repugnat dogma (et ego feci, quod nescit, repugnantiam cum fide et vidi cunctum populum Atheniensem incessens in ore re publica figuras aliquas, Italo Bianchi Enzo quod complectitur, laicos quoque, et Vito Mancuso, Cardinalis Gianfranco Ravasi, et quod Walter Kasper, Forte Brunonis episcopi sicut monsignor, etc.). In hac, Ecclesiam quoque multum favere sententiae convenire omni reverentia dogma, quod aliis rebus instent in interpretatione sua doctrinalia seu historicum. Propter quod abstineat a iudicando enim me, non doctrinam; sed usu (praxi pastorali initientur, institutionalem, apostolica etc.), ex hominum usu, quia est ex multis, ut electiones prudentiam prudentium reprobabo habet singula agunt in faciem variis adiunctis debet praeditum esse prudentia, et, iustus, ex prudentia: Volo ludere virtutibus quae in opere suo, sed et de qua iudicare nullo modo opus habeant aliorum.

traditionalistae 2
Secundum liturgiam vetus ordo missae

per traditionalist Sunt etiam auctoritatem legitimam opinionibus. Permissum mihi persolvo: Si per "aream" vel "current" potest non loqui, quia commune quoddam est doctrinae aditum alios, secundum quod est illegitimum (in parte vel in toto,) in doctrina Concilii Vaticani II, quia nollent (in parte vel in toto,) exemplis e doctrina, seu quod progressivism modernismi. Unde et interpretationem, verba Concilii Vaticanii II radicitus «confractus" in Traditione, praecipue cum decretis Concilii Tridentini et Vaticani I, et in judicium pars ac modernismo a Pio X et S. judicium 'nova theologia"A Pio XII,. Hinc etiam in obstructionum libelli reiectionem integrum et post Concilium expleti et in theologia constanter pre-solus gratiam theologia. Inde est quod consulant doctrinali et pastorali valet considerans reformationes quem Concilium Vaticanum II vitam Ecclesiae, una cum mirabilibus instaurationis liturgicae studia demandata, affectum, ut cum consequente Vetus Ordo Divini Officii Recitandi, modo considerari solum valet de Eucharistia suscipienda,. Hinc tandem ratio critique de Pastorum decisiones a Summis Pontificibus et a tempore post Concilium, (Beatus Paulus VI,, S. Ioannes Paulus II, Et maxime ad papam Benedictum XVI current, Francesco), multiplicior considerari plene viget monitio de causa egerit.

Archiepiscopus Marcellus Lefebvre,

Summa dignitate, in hoc sensu,, sunt qui repraesentantur per sectatores navitate Archiepiscopi. M.- Petrus Reverendissimus Dominus Lefebvre, de quibus veniunt ut quidam dicere 'vacans "et" Ecclesia Dei recedentem ". scilicet, Haec itaque sunt extremae, omnes simul, legationes omnium catholicorum traditionalism, Sunt enim inter scolares gravi librata, quorum ideas - sumpta est per inter - esse debet et potest appreciated, communem tamen esse, tamquam validum legitimumque Ecclesiae historiam ac interpretationes Fideique dogmata,. De honesto sit obiective opinionibus theologicis, et ego, Cum tibi provenerit eventus,, Satis me inveniet eam ius observemus, atque interdum etiam ad exprimere mea appreciation. Et qui operantur in me: Ego suadeant tu fac similiter, quae scilicet obiectivae habeatis theologorum sententiae graves. Respiciunt ea - Determino – non pro te exorabit context (condicionibus) sua doctrina, quae est humus,, sed in context personalis rationes iustus de illorum qui ponunt.

Concilium Oecumenicum Vaticanum II de mattei
historica enim opus de Roberto de Mattei

Ego autem primum exemplum, et ad maiorem euidentiam Et hoc iudicium meum. Quod haec historica de Roberto de Mattei instantis Concilii Vaticani ii in se - regardless of doctrinae usum, quod facere potest, - a scientific testimonium quod testificatus est magni pretii. Participes ejus sequens Concilium non interest in quantum est 'res', quoniam Im 'interested in, ut Concilium, Magisterium, quomodo ortae sint in documentis Concilii Vaticani II, regardless of committees et tantum in in Curabitur aliquet ultricies; sed quod non prohibere de suis opera absque legendi studium et ad hauriendam utilis pro indicia sunt cuiusdam explicationis Concilium, quod Iosephus Ratzinger cardinalis papa Oecumenico Vaticano II agnoscendum ducit ad efficiendam «unus de re Ecclesiae innititur in continua coniunctione '. Ego quidem illius belli participes eiusdem doetrinae tradendae totaliter habitum catholicorum in vita sociali defensione in ex «non-MERCABILIS principiis ': Bene scio, sed aliquos societas civilis initia quidem ut capta est, et modo aliqua suspicio est usum (quae sit necesse commixtionis considerans nullo modo politica exitibus) non tollis peccatum meum plenam terminos. Et hoc est, quod habes, ut non modo credunt in culpa,Insula, quæ appellatur Patmos sine distinctione eius historiographical considerations (quas quidem intra legitimam libertatem catholicorum) atque culturae itemque socialis politicaque (quae nobis non possumus utilitati,Insula, quæ appellatur Patmos judex).

pietro vassallo
Carmina by Petrus autem scripta Vassallo levied Christi

Sit etiam pro exemplo,. Petrum Medicem Vassallo Ianue intellectualis est polita humanitate praediti, scientia boni ex historia philosophiae modernae, e io e lui ci troviamo d’accordo sulla validità della “filosofia del senso comune” e sulla critica dell’idealismo in teologia; perché mai dovrei rifiutare la sua amicizia in quanto manifesta, quando si occupa di argomenti estranei alla teologia, simpatie per la destra politica? Oltre a non parlare (né bene né male) delle sue convinzioni politiche, dovrei anche additarlo al pubblico disprezzo? E quale argomento teologico dovrei inventarmi per attaccarlo? Dovrei forse dire che la morale cattolica proibisce di avere simpatie per la destra? Ma l’opinione che bisogna essere necessariamente di sinistra per essere buoni cattolici non ha alcun fondamento teologico: è la classica opinione dei “fondamentalisti” (che possono essere cattolici di destra, m anche cattolici di sinistra: basti pensare ai teorici della “teologia politica” o “teologia della liberazione”).

fuori strada

I “fondamentalisti” sono teologicamente fuori strada, perché ignorano la complessità delle questioni politiche e lo spazio di libertà che la Chiesa concede ai fedeli nella scelta dei mezzi per operare la necessaria “mediazione” tra i principi dell’etica sociale e le concrete possibilità di promozione del bene comune nella contingenza storica. Io quindi debbo limitarmi a considerazioni di carattere teologico, ricordando a tutti che in politica non ci sono dogmi, e il vero dogma, quello che è alla base della morale cattolica, non obbliga i fedeli ad alcuna opzione politica contingente. I principi della teologia morale (e la dottrina sociale della Chiesa costituisce un capitolo della teologia morale, diceva san Giovani Paolo II) segnalano dei criteri che la coscienza dei fedeli deve seguire, applicandoli con libertà e responsabilità personale alle concrete circostanze storiche in cui ci si trova a operare.

brunero gherardini 2
l’eminente teologo della scuola romana Brunero Gherardini

Un terzo esempio è quello di Brunero Gherardini, teologo della Lateranense ed esponente di quella che fu la celebre “scuola romana”, alla quale i progressisti vollero infliggere la damnatio memoriae. I tradizionalisti invece esaltano Gherardini perché ha messo al centro della discussione teologica del post-concilio proprio la nozione di “Tradizione”, senza peraltro comprenderla appieno nella sua complessità epistemica. Io credo di averla compresa appieno e non mi convince del tutto (lui lo sa perché ci frequentiamo amichevolmente da tanti anni e ci scambiamo opinioni su tanti argomenti), ma ciò nonostante consiglio a tutti lo studio dei suoi testi, ricchi di buona dottrina e di profonda pietà. In uno di questi suoi testi egli conclude la sua analisi dei documenti dottrinali del Vaticano II rilevandone in alcuni casi l’ambiguità: un’ambiguità tale da consentire ai progressisti interpretazioni false e tendenziose, atte a giustificare la loro «ermeneutica della discontinuità», ossia la tesi secondo la quale il Vaticano II segnerebbe una radicale rottura con la Tradizione. Ma qual è la conseguenza che Gherardini trae da questa sua analisi? Non il rifiuto indiscriminato degli insegnamenti conciliari bensì un rispettoso e accorato appello alla suprema autorità del Magistero, Papa, perché provveda nel modo che crederà opportuno chiarire in quale senso quelle proposizioni ambigue possono e debbono interpretarsi in continuità con il magistero precedente. Io ho ritenuto giusto e doveroso aderire a questa pubblica supplica al Papa, anche se personalmente ho sempre pensato che il problema delle ambiguità contenute in alcuni testi conciliari va risolto con il criterio ermeneutico della “analogia fidei”, ossia presupponendo che la Chiesa di Cristo – unico soggetto permanente nelle mutevoli contingenze storichenon intende mai contraddirsi, sicché nelle intenzioni della Chiesa docente ogni evoluzione del dogma è sempre in armonia sostanziale con la Tradizione (si tratta di una «evoluzione omogenea», come diceva Marin Sola).

E potrei fare tanti altri esempi, ma questi bastano. Se noi dell’Insula, quæ appellatur Patmos condanniamo indiscriminatamente le singole persone di una determinata area ideologica, senza salvare gli aspetti oggettivamente positivi delle loro proposte teoretiche, facciamo anche noi un’operazione ideologica, e così la nostra opera di orientamento teologico dell’opinione pubblica viene a esserne fortemente limitata.

__________________________

Segnaliamo ai nostri lettori che il precedente articolo di Antonio Livi è stato particolarmente apprezzato nell’ambito francese ed è stato tradotto e riprodotto in una rivista telematica che potete consultare cliccando sotto

qUI

About isoladipatmos

3 cogitationes on "Quod de “traditionalistae” (qui condemnet mole)

  1. Ringrazio di cuore Padre Livi perchè condivido pienamente i suoi approfondimenti essendo di quelli che pur andando alla Messa detta ordinaria, non disdegnoed anzi la cercodi andare alla Messa nel rito Straordinario e dalla quale ho davvero ricevuto immensi benefici per l’anima e persino per il corpo…. Ho fatto anche la Catechista con la FSSP (sancti Petri) e non abbiamo avuto difficoltà ad unire il Catechismo san Pio X con quello “New” voluto da Giovanni Paolo II, sapendo ben trarre cose antiche armonizzandole con le nuove…. cum – heu! – la catechesi delle parrocchie continua ad essere decadente e priva di dottrina. Quest’anno, pro exemplo,, per la Quaresima non si parlerà di CONVERSIONE A CRISTO ma di carità per i poveri, ma non è a questo che è stata organizzata la Quaresima….
    tibi gratias ago!

  2. Caro Padre Antonio Livi, per molti siete diventati i tre padri patmosiani, e lei forse non sa il conforto che ci date!! Dicoci”, perchè i vostri articoli sono spesso oggetto di riflessioni e scambi d’opinione tra tante persone che tra loro se li girano e se li commentano. Bisogna riconoscere che, il Padre Ariel, è quello che in mezzo a voi carica il cannoncino e poi spara fuochi d’artificio che spesso illuminano a giorno, un guerriero nato. lei, Padre Livi, battaglia pure, ma in modo diverso, non però meno deciso, io ho seguito tutta la sua polemica su Enzo Bianchi, e so che pure lei ci da sotto duro. Il Padre Giovanni Cavalcoli è, pure lui, un temperamento da guerriero, ma è quello che tra voi tre si pone a metà strada tra il temperamento di Padre Ariel e il suo, come se questo Padre vi sintetizzasse tutti e due.
    Ho trovato bellissimi i vostri tre ultimi articoli, dove esprimete, lei e il Padre Ariel, un modo diverso di affrontare le stesse cose, ma uniti nella identica sostanza di fondo. et tunc, tra voi, deve esserci un grande affetto, basta leggere, in certe righe, come il Padre Ariel parla degli altri due, di voi.
    Credo che questa rivista di Patmos avrà un gran futuro, grazie a questa unione di spirito e intenti tra voi tre.
    Io sono una modestissima diplomata a un istituto superiore di scienze religiose, insegno in una scuola media al mattino e catechismo in parrocchia tre pomeriggi a settimana. Mi creda Padre Livi: voi tre mi avete cambiato la vita, nel senso che mi avete spinta, malgrado certi cattivi insegnamenti avuti, a vedere la dottrina in modo diverso, e mi avete portata a questo con i vostri articoli e con tre vostri libri: Verum et falsum theologia (Livi) Karl Rahner il concilio tradito (Cavalcoli) e quella opera profonda e tagliente di E satana si fece trino (Levi Tadinensis).
    Siete molto criticati, da certi teologi veri o falsi, forse lo sapete anche voi, ma siete molto apprezzati da insegnanti di religione, catechetae, fedeli impegnati, e anche diversi parroci di mia conoscenza, vi seguono con molta attenzione e parlano di voi, e questo io lo tocco con mano di persona, perchè posso dire che il mio parroco, per spiegare a certi parrocchiani smarriti cheun papa non deve piacerema che si deve seguire e obbedire, ha usato un articolo del Padre Ariel e due articoli vostri, e molti di questi smarriti hanno chiarito i loro dubbi.
    Le offro allora la stima mia e quella di molte altre persone che vi seguono e alle quali date spunti di riflessioni e discussioni.
    E che l’apostolo Giovanni vi assista sempre.

    Manuela De Crisci (Neapoli)

  3. Mons. Livi, grazie anche stavolta per il suo garbato intervento. Capita che i giovani ufficiali in “seconda”, chiamati a guidare un tratto di navigazione, siano spesso smaniosi di mostrare le attitudini e le abilità apprese; la loro esuberanza, la loro audacia li porta ad andare al limite, sul filo dell’onda, a volte oltre, spesso non conoscendo o sottovalutando le insidie del mare. Tocca al comandante saggio e sagace vigilare. Con mitezza d’animo e fermezza di linguaggio, Ella riprende la guida e “riposiziona” il timone sulla rotta giusta e sicura in termini di direzione e velocità: una nuova lezione di cultura e tecnica indispensabile per formare sul campo i futuri comandanti: saper sempre valutare e rispettare l’uomo, la natura, le sensibilità, considerare le posizioni, le circostanze, etc per potere e saper sempre prendere la decisione miglioreattraverso anche le diverse esperienze vissute e una lunga inevitabile serie di errori. Solo per questa via si cresce. Solo quando non avremo più un superiore sapiente che ci farà dono dei suoi rimproveri, solo allora sentiremo appieno il peso della nostra responsabilità!

Leave a Reply