Cogitatorium in Hypatia – Deinde ad populum tuum malignaverunt consilium …

- Quod COGITATORIUM De IPAZIA -

Populus proximus ... VINDICTA

Et omnino ne visere porn sites pro feles, quia malum, aliquid; ut non debet visitare, vel ut gravissime published in articulis aliquas levied Christi [videre qUI], apparent enim nunc situ bene qualified ut summum malum perniciosae et mutantur in contumeliam vexata et ad sancta Ecclesiae et Summo Pontifice [videre qUI].

 

Hypatia felis Romanum AUCTORIS
AUCTOR
Cat Hypatia Romanum
Hypatia pullum
quod meditatorium ubi Hypatia dicata est Metaphysicae Speculationis

Recens in diebus, ego sum ipsum in theologicorum studiorum applicari. Hoc Corpus S Ariel. Levi Tadinensis, per primum maximum Ecclesiae consilia, quod in Concilio Nicaeno, Qui me fecit focused in diversis theologiae dogmaticae, theologiae Lectiones mysterium Christi persona est scriptor. Ioannes manebat apud me Pater Cavalcoli, in auxilium ad philosophorum sententia declarare ad metaphysicam pars necessarius est ad planum ad a conceptu ipostasi [1]. Utrumque enim, sicut ex dictis patet, quae fide divina et natura humana per Verbum Dei caro factum est in una persona continebat, tanta erat punctum, quod Patres de Ecclesia, habentes mysterium ineffabile definimus, Primum autem quod non laborat in terminis Definition, Accessit Lexicon philosophicum Graeco vocabulo unde posset modulantes "et ratione".

Hypatia pauper feles
Feles esse pauperes suburbanis suis, Legati autem infirma cornu forti praesentia syncretismo, coram videre PENTECOSTALIS canis in medio Catholico de felibus

Ego quoque volo consequi theologiae doctoris, nam mihi opus est ad orationes et commendo de carorum, et dilecti a legentibus LegentiumInsula, quæ appellatur Patmos. Cum autem acquiritur per doctrinam ut relinquam in solidum facile missione, quo periculo tantam evangelizatione Anthropophagos saeculo XVI missionarios: quarum evangelizationem Buddhist felibus insulam incolunt Tashirojima Iaponica Archipelago [videre qUI].

Nunc ad animationem indiget Ab seriis ludicra, quia, docere aliquid elegantissime sanctis, exempli gratia Philippum Nigros et Felice Cantalice, ut iocus est in actu commorantur gravis, Mansit dum in - typicam de illis qui arrogantia depravatus voluerit semper immitis grave servitium circum horologium in - morari possunt supra pinnaculum in loco maxime comoediis hilares. Nemo potest facere quod non rideat comoediae ignaro, qui graviter male qui. Itaque mihi Tyrrhenum navigat, faceta hilaritate magister litigavit cum mihi nuper retulit hunc articulum levied Christi [videre qUI], blurting:

"Verum, Hypatia cattus, non intellegis, aut non honestum sit minus grave visita cattus Christmas cruises [celebre ad locum sex feles, videre qUI] legendi scripta sunt vasa quae in illa website Reverendissimus Dominus Lefebvre fan clava scriptor? [videre qUI]».

Et posuit illud in eo quod est collativa ad discendum praebebatur in sensu communi morum ac Catholico focused in luminare minus malum et maius malum. Consequens fuit:

"Vos should eligere potest aut numquam luminare minus malum natus est maius malum, quia saepe, quod luminare minus malum - in hoc casu in viewing de felibus porn sites enim - a crudele fieri potest ut simul ab procidens in malo, perniciosus est formae et 'justitia' est secundum quod in aliquo casu potest esse pejus, exempli gratia quaedam vasa erroris levied Christi nam homines ".

In essentia Magister meus est manifestum mihi factum est, ut ipsa valet sine ambiguitate:

"Nos ne omnino visitare porn sites pro feles, quia malum, aliquid; ut non debet visitare, et certa vasa tolle gravissime published in levied Christi pro hominibus, essendo un sito ormai specializzato a prendere l’apparente bene e mutarlo nel male della critica più distruttiva e oltraggiosa nei riguardi della Santa Chiesa e del Sommo Pontefice [videre qUI]».

Pope Hypatia
Ipazia segue ogni giorno la rassegna stampa prendendo però sempre i giornali con il dovuto beneficio dell’inventario

Per li boni lefebvriani ed il loro fans Club, il mistero del male pare risiedere interamente su due elementi: la liturgia e il sesso. Il legame tra questi due elementi usati per dar sfogo a varie psicopatologie, possiamo farcelo spiegare — se un giorno ne avrà tempo e voglia — da un uomo di grande scienza e pietà, il Padre Raffaele Talmelli, valente medico psichiatra, esorcista dell’Arcidiocesi di Siena e autore di alcuni preziosi trattati di demonologia [videre qUI]. La liturgia, in facto,, per certi soggetti è una vera e propria ossessione, ne abbiamo parlato più volte su questa nostra rivista, perché in essa costoro vedono, dietro falsi pretesti di tutela di una non meglio precisata Traditio Catholica, un passato che non deve passare. Come Pietro che dinanzi alla trasfigurazione di Gesù sul Monte Tabor, preso da impeto disse: "Dominus,, è bello per noi restare qui; si vis, farò qui tre tende, unum tibi,, et unum Moysi et unum Eliae " [Mt 17,4]. quod: è tutto così bello, quindi fermiamo il tempo per sempre e rimaniamo sul Tabor. Invece no, c’erano altri monti che attendevano il Cristo e noi tutti in comunione con Lui: ultimo in ordine di serie il Calvario, grande “porta di accesso” al sepolcro vuoto del Risorto. E questo ce la dice lunga sul fatto che la Chiesa è il corpo di un Popolo in Cammino con Cristo suo capo vivo, non è il corpo mummificato di un Popolo fossilizzato su un rito immobile, perché immutabile — come più volte è stato spiegato sullQuae appellatur Patmos Island - è la sostanza dei Sacramenti, non i loro accidenti esterni in sé e di per sé mutevoli.

ipazia coperta
solo avvolgendosi nel calore della grazia possiamo preservarci dalle tentazioni

Poi c’è l’altro peccato, o meglio il peccato dei peccati: sexus, che per questi soggetti pare centro e motore dell’intero Mistero del Male. Inutile spiegargli che nell’elenco dei Sette Peccati Capitali la lussuria sta al quindo posto [n:. 1866, videre qUI], visto che al primo c’è la superbia, regina e basamento che regge tutti gli altri peccati capitali; la famigerata lussuria è infatti preceduta da superbia, avaritia, invidia e ira. Nihil ad facere,: leggete l’agenzia correspondentia Romana per appurare come a volte pare di leggere un vero e proprio bollettino di guerra sulla sodomia [videre qUI, qUI, qUI, etc.…]. Pur di snobbare leterrificantidottrine del concilionisi pastoralem” et tunc “non infallibile“, ovverosia ilfamigerato” Concilium Vaticanum II, i redattori si sono scomodati ad andare a rispulciare un testo digrandissima attualitàredatto un millennio fa da San Pier Damiani, quod Liber Gomorrhianus [videre qUI]. Non oso pensare quale edizione e lancio farebbero se scoprissero quel meticoloso e non poco pruriginoso libro, tal è di fatto Il Manuale dei Confessori published in 1837 dal Vescovo Jean Baptiste Bouvier.

La sodomia è peccato, patet,, ed è anche un peccato grave, però non è il solo e soprattutto non è la sintesi di tutti i peccati, cosa che diversi articolisti di questa agenzia stampa dovrebbero sapere, visto che pare siano stati in relazione per motivi di studio e di lavoro anche col fior fiore di certi politici italiani che, lungi dall’essere sodomiti, hanno passato la vita a commettere pubblici peccati ben peggiori della lussuria. Peccati per i quali il nostro intero Paese — che da certi politici è stato come suol dirsi variamente sodomizzato — sta pagando tutt’oggi prezzi molto elevati sul piano dell’etica, dell’economia, del lavoro e via dicendo, non minus civilibus, qui propter quaedam Rustica de conspectu barkers quod ostendit usque tempora multa simpliciter sicut pugiles Catholico suffragii aegritudine fimbriarum curam et defensoribus «non-MERCABILIS values", nisi ut aliquid ex ea die iudicii consummare, interdum causa damnati et etiam clausa, ironice: et ad irritum fecistis “quidam non-MERCABILIS values“. qui dixerunt, Nunc autem dic mihi,: quos intelligatur Dominus noster Jesus Christus cum ipsius praesentis fictam de Pharisaeis ut filter de excolantes culicem, camelum et s'ingoiano? [Cf.. Mt 23,23-26]

Hypatia foco
ad fidem veram gratiam nos semper et muniat nos prostratus

Est hoc Spiritus quod levied Christi dicentes orationem non editis plenum a text of secretum fama celebre addressed in tempore Summus Pontifex Paulus VI, sic dicitur "Ottaviani Bacci, Report», illud appone autem legentibus per - tum bonum, qui autem fidelis est officium nostrum de manu defendere gentem - quaestione de 'perfectionem' de 'rebus horrendis concitus "Missale Romanum a Paulo VI exaratum, et indicavit plerumque uita secundum quosdam circuitus, ut "Missale Romanum protestanico», «packaged typicam Missalis Romani a BUGNINI Cicero», «Missam de typicam Missalis Romani, sacrum'Itaque [Hac nostris hisce articulis libet referre qUI, qUI].

Quod cultus sit liber esse possit uti aliquibus hominum De rebus decem et in amore in Sacramento Sacræ Communionis frequency veluti semi- 1673 Societatis Iesu by Carlo Casalicchio, conversus autem ad illud hodie anti-conciliarist et maxime anti-bergogliano. tunc scitote, Carus lectores et legentibus Almae oasis hoc est intelligentia Catholico In insula, quæ appellatur Patmos,, quod iidem Eminentissimi Cardinales deliberaverant Alfrido Ottaviani Antonio Bacci scripsit participatur quaedam altum, et facies “note discrimine” per disputationem gressus in praeparatione captura, ut dicitur Missalis Romani reformatas. Utere Cum reprehensionem autem notum hodie, sicut erant de characteribus, dubitationes serere in populo Dei, Quid est intellectualiter atque improborum meritis Christiana, horum cultores tam beatae recordationis episcopi cardinales detrimentosa. Quia eodem modo adhibita, noi potremmo cavar fuori dagli archivi studi, relazioni e interventi di fuoco fatti nelle assise ecumeniche dei concili della Chiesa o durante gli scambi avvenuti tra i vescovi, i teologi ed il Sommo Pontefice, nei quali molti santi uomini di Dio rigettarono — e ripetiamo: durante la fase delle libere discussioni di studio, non dopo, come fa invece il fans club lefebvriano autem levied Christi — l’idea stessa che la Chiesa potesse proclamare il dogma della Immacolata Concezione, della Assunzione al cielo della Beata Vergine Maria; per non parlare del dogma della infallibilità del Sommo Pontefice in materia di dottrina e di fede, perché in quel caso, non solum erant valde adversa principia theologorum et episcopis;, sed etiam schisma, qui Vetus ex Catholico, praecursores sit omni ex parte in current Reverendissimus Dominus Lefebvre.

Hypatia scale
Ecclesia etiam perpetuo concedimus et indulgemus, ascendens veritatem, aliquando habuere iudicio committere errores

Qui opponitur nonnulli olim certa augmenta praevia studio dogmata proclamationem, et hodie sunt sanctorum, aliquem bene Doctor Ecclesiae. De pluribus unum simus: ut scirem quod res satis quibusdam intermissionibus serpit scripsit saeculo XIII in Titan Thomae de Immaculata Conceptione. et futurae doctor angelicus Et considerandum quod beatus Virgo resplenduit gloriosis sanctitate veritatis, tamen non detur Immaculatae Conceptionis, bensì ch’ella fosse stata purificata dal peccato originale dopo l’infusione dell’anima. Quia si Beatae Mariae Virginis: "sine labe originali concepta fuit,, Et non opus ad redemptionem Christi, sic et Christus non habent redemptorem hominum: quo ipse dignitate ' [2].

Applicando enim aliquas eiusdem ratio hodie, mancam quidem et Pravum est loquentium “Ottaviani Bacci, Report“, Dei perfecta sunt "cohaerentia:" non possent trahere studia quaedam ex libris historiarum patrum, et tradit, Longe alia ignea in rebus fidei dogmata propinqua, aeque enim cogitantes in Callidus est via in perfectionem veritatibus fidei, et legalitatis,, quaedam conceptiones ab Aquinatis sententiam mariologicam, devotissimo alla Beata Vergine e figlio di un Ordine al quale la Chiesa e il Popolo di Dio debbono la benemerita diffusione del culto mariano ed in seguito lo svilppo della mariologia come disciplina teologica.

Nella lettera enciclica Fulgens Corona dell’8 settembre 1953, nella quale si riproponevano le ragioni teologiche dell’Immacolata Concezione in rapporto all’Assunzione della mater Dei al cielo, tra le ragioni del dogma il Venerabile Pontefice Pio XII cita anche San Tommaso d’Aquino. In simile contesto il Sommo Pontefice avrebbe potuto citare il Beato Duns Scoto, mentre invece si richiama alle parole di San Tommaso che pure non avrebbe “azzeccato” i termini precisi di questa verità di fede e per questo non promuovendoli né trattandoli in modo esplicito [3].

ipazia sotto coperta
è la verità che copre noi, non possiamo certo noi coprire la verità in nome della nostra idea mistificante di verità oggettiva

Quelli di levied Christi possono scrivere ciò che vogliono e come vogliono, nos abbiamo di meglio da fare che polemizzare in modo sterile con persone che a questo punto possono essere sanate dal loro pervicace incancrenimento nell’errore solo da uno di quegli interventi della grazia di Dio che scuotono alla radice. Ciò che a noi interessa è tutelare i nostri buoni fedeli cattolici dalla diffusione di siffatti errori, anzitutto illuminandoli su ciò che la redazione di levied Christi qui quidem scribere cessavi diligenter est ut ius praesentationis aut comment in fama haec quo - et pacificis - volo te percontari Missale Romanum a Paulo VI exaratum. Et factum est verum, ut omnes,, ita se res habet: Cardinal Ottaviani, San Giovanni XXIII, S. Ioannes Paulus II Beati Pauli VI et per vitam ille dedisset eius statim. Cardinal Ottaviani, non maledicebat: cum audissem, si eos qui iam rara superbia et abusione uenerunt, in Papa, Magisterium Ecclesiae, his elapsis quinquaginta annis, Pater enim ab excommunicatione rueret dicturus. Cardinal Ottaviani erat enim religiosus et obedientes Ecclesiae servi hortamentis Summorum Pontificum, ma soprattutto uno scrupoloso applicatore della riforma liturgica, come lo fu nella propria diocesi il Cardinale Giuseppe Siri [videre qUI]; e col Messale promulgato da Paolo VI tutti costoro hanno celebrato per il resto dei loro giorni il Sacrificio Eucaristico. Questa è la santa lezione che ha dato quell’uomo di Dio del Cardinale Ottaviani; lezione che quelli di levied Christi e affini si guardano ovviamente dal dare. dubium, ad informare i fedeli cattolici provvediamo noi dell’Insula, quæ appellatur Patmos, che cattolici apostolici romani lo siamo perché in perfetta comunione con la Chiesa ed il Sommo Pontefice, indubbiamente difettoso, gravato come tutti noi dai piccoli o grandi limiti umani, ma fuori discussione legittimo Successore del Principe degli Apostoli e Vicario di Cristo in terra.

Hypatia Profile
Hypatia, una mente filosofica a servizio della verità e dell’Isola di Patmos che con la grazia di Dio intende diffonderla

In extrema miao torno a precisare come mai ritengo pericolosi certi messaggi subdoli che da due anni a questa parte abbondano su questo genere di riviste: perché numerose membra del Popolo di Dio sono parecchio scosse e disorientate e per questo in cerca di orientamento. Da vari decenni abbiamo infatti l’impressione che i figli dell’eresia modernista che si sono accaparrati cattedre universitarie presso le facoltà teologiche, se non addirittura intere università; che tra le proprie fila annoverano ormai vescovi e cardinali che si sono formati sulle peggiori dottrine moderniste, abbiano al momento quasi il sopravvento sul Corpo della Chiesa. Ill-abundaret delictum clerici et sacerdotes formatae, satis praeparati, liturgice sordide, frequentius sacra mysteria contemnant,, in sacra liturgia capax eique ostende personalem. Gratias agere Deo semper fidelis ad omnia bona nostra, hoc dolet penitus habent sensus ad sacrum numen adorant, et qui vivunt, volo ut ad sacra mysteria celebranda. Et haec operatio a catholicis vel pseudo-Catholicis ideologues para, plus etiam, quam subtiliter quidem Luciferina: credere seu fidelium errare non habent originem, ut in intellectu sit perturbationem omnium horum vitiorum iacet in liturgiae reformatione, in Sacrosanctum Concilium, ... plena iacet in concilio tamen pejus, Hic publica serviunt demonstrasse contextualized omnino, cur de improbis "Relatio Ottaviani Bacci, '.

Periculo animum, ut sit ex se, et se repetere Luciferian, defendat nos animo fideli nostro potiri frustratae etiam theologi modernistae rationalismum et individualismo, pro Episcopis ex modernistarum repressuri,, per altare sacerdotes, qui sicut longe vincuntur conversari; quia solutio est modo specialize in unum propositus per certum nuntium agencies sacrae liturgiae&sodomiticum. His quidem hominibus, Longe est a Catholico radicem realem habere indole germana, cadit in errorem inducantur maius malum, non luminare minus malum per porn sites pro feles, quod quia nullo modo absque visitatione pessimi. Prendere quindi per buoni certi articoli offerti da questi siti, riviste telematiche e agenzie stampa anti-conciliarist E anti-bergogliane, vuol dire cadere moralmente nel male peggiore, ed i nostri fedeli da questo vanno protetti.

____________________________________________________

[1] ς, termine derivante da ς “sotto” e ς “stare”, ut philosophorum neoplatonicis et etiam hierarchica eiusdem Plotinus infelicissimum est genus de diversis partibus substantiae divinae, ad unam realitatem, omnia quæ gignit, deposita. Nel Cristianesimo il processo di ipostasi è relativo all’unione dei principi divini e umani, sive solum divinam Verbi incarnatione singulariter completur processus efficit Christi per quam absolutum Dei fuerit conceptum necessario trahunt suum esse substantiale,. II del Concilium illud Chalcedonense 451 definirà il dogma di fede sancendo che per opera dello Spirito Santo si compie il mistero della “unione ipostatica” della natura divina e della natura umana, et divinitatis et humanitatis in persona Verbi Dei Filius,: In Christo Iesu.

[2] Cf. Somma di Teologia, III, q. 27, artt. 1-6.

[3] Vedere gli spunti di riflessione «La Beata Vergine di San Tommaso d’Aquin, di Cristoforo Charamsa, Roma 2009 [text qUI]

_________________________________________________________________

candelabrumcarus lectores.
Sicut scitis nostrorum liber est operis sed situs est sustentanda et pretia sunt,. Se col sistema PayPal volete accreditarci anche pochi euro ci aiuterete a sostenere le spese vive accendendo una candela per L’Isola di Patmos.








Avatar

About isoladipatmos

2 cogitationes on "Cogitatorium in Hypatia – Deinde ad populum tuum malignaverunt consilium …

  1. leggo qui: come Tommaso d’Aquino riguardo l’Immacolata Concezione.
    Non concordo molto su questa ossessione che san Tommaso fosse contro o contrario all’Immacolata fin dalla sua concezione. Santa Caterina, discepola di San Tommaso fin nelle midolla, nel commentare la Passione di Gesù, scribit,: ” Ragionevole cosa era che, come cosa sua, Ella si dolesse, perché Egli, l’Amato Figliuolo aveva tratto da Lei quella carne immacolata“, e non esprime qui già quello che era teologicamente assunto da tutta la Chiesa riguardo ad una concezione ampia sull’Immacolata stessa? La carne immacolata assunta dal Figlio era della Madre….
    San Tommaso non era contro l’immacolatezza di Maria fin dal suo concepimento, ma molto più semplicemente non era stato commissionato a questo fine, di fatto non scrisse proprio nulla contro l’immacolata. Gli si attribuisce chefosse contrario”, ma sulla base di cosa poi non lo si capisce, perchè non fu e non era un compito suo. E non poteva diventare ciò che è diventato se in cuor suo, pur nulla scrivendo, fosse stato contrario al puro concepimento della Madre di Colui del quale ha scritto le espressioni più angeliche che conosciamo

    1. Caterina faciem.

      In nessuna parte dell’articolo è stato scritto ed affermato che San Tommaso era “adversus” Immaculata Conceptione, si fa solo riferimento – e con tutto il dovuto rigore storico e teologico – a coloro che si “opposero nelle fasi degli studi preliminari”.

      Chiarisco meglio il tutto con un esempio di “opposizione” nell’ambito delle disputazioni o degli studi preliminari: il Patriarca di Venezia, Card. Albino Luciani, futuro Giovanni Paolo I, non era favorevole a quelli che in seguito saranno i contenuti della Humanae Vitae. Appena però Paolo VI si pronunciò e stabilì una precisa disciplina della Chiesa in materia, lui convocò il suo clero e disse: “Molti di voi sanno quello che io pensavo durante le fasi dei dibattiti in materia, sed iam sunt in disputationibus disputationesque, Sancti est Pater habet cum illis Encyclicis Litteris, quae statutum est binding doctrinam Ecclesiae, et quod ".

      Ne qua re dogmatica implicatam quodammodo "devote accedat» vel «catechetica", aut cur possent aestimare aliquid esse in re dogmatica aliud et aliud exigit condiciones, Ita non potest facere,, quia in hoc casu,, duo verba, quae illi capere, male intelligis, nec poena, quae scripta legere – tamen evidenter, et documentis precise – Respondeo dicendum quod in hoc postremo, quod dicatas meritis locutus est.

      Articulus in quod translata fuerat fideliter retulit Italica (visto che molti lettori non conoscono il latino) la testuale espressione che racchiude il concetto di San Tommaso, esattamente questa sotto:

      […] Il futuro doctor angelicus considerava la Beata Vergine risplendente di santità, tamen non detur Immaculatae Conceptionis, bensì ch’ella fosse stata purificata dal peccato originale dopo l’infusione dell’anima. Perche se la Beata Vergine «fosse stata concepita senza il peccato originale, Et non opus ad redemptionem Christi, sic et Christus non habent redemptorem hominum: il che pregiudica la sua dignità» [Somma di Teologia, III, q. 27, artt. 1-6].

      caute, perché il concetto dipurificazione” peccatum originale ex, avvenutadopo l’infusione dell’anima“, richiede una ulteriore precisazione. San Tommaso segue infatti la teoria aristotelica (Libro della generazione degli animali, II, III, 736a35), da lui espressamente citata (Summa, III, 33, quod. 3), secondo la qualein tempi successivi il corpo viene formato e preparato a ricevere l’anima”. Per cui la materia del corpo viene umanamente animata – riceve cioè l’anima umana – non nell’istante della concezione, ma attorno al 40° giorno dalla concezione. Dapprima abbiamo infatti la realtà vivente – il vivum -, poi la realtà animale – l’animal -, e infine la realtà umana – l’homo - (in eo), quod “assorbe”, include eoltrepassale precedenti (in eo, ego, 118, 2, 2m)".
      Posta quindi questa concezione tommasiana, affermare che la Beata Vergine sarebbe stata “liberata” dal peccato originale dopo la infusione dell’anima, implica affermare che ciò sarebbe avvenuto attorno al 40° giorno di vita.

      Il fatto che in passato, i teologi domenicani, furono avversi a quella che poi diverrà verità di fede e dogma proclamato, Ideo dico, Vera historia; una storia che non può essere certo cancellata attraverso una frase devozionale di Santa Caterina da Siena citata fuori luogo nel preciso e specifico contesto storico-dogmatico al quale questo articolo si attiene con scrupolo e chiarezza.
      In fondo a questo scritto è stato anche riportato in allegato il testo dello studio di un filosofo tomista e teologo dogmatico, Mons. Cristoforo Charamsa, che è un devotissimo mariano ed un tomista a tutto tondo; invito a leggerlo perché è davvero illuminante.

      Inizialmente San Tommaso, nella sua “fase giovanile” era favorevole alla dottrina della Immacolata concezione della Beata Vergine, quando però diversi teologi presero ad affermare che la Vergine Maria non sarebbe stata redenta da Cristo, egli “rabbrividì” e reagì negando la sua esenzione dal peccato originale; e questo è un fatto storico e teologico-speculativo documentato, non invece come tu dici unaossessione”.
      Con la ineccepibile logica speculativa filosofico-teologica propria di San Tommaso che proprio per essa divenne il grande che tutt’oggi è, quod doctor angelicus si rifece a San Paolo che afferma come nel peccato di Adamo tutti hanno peccato e pertanto tutti hanno avuto bisogno della redenzione di Cristo: «Per la disubbidienza di uno solo tutti sono stati costituiti peccatori» (rm 5,19). Et iterum:; «Come a causa di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e con il peccato la morte, così anche la morte ha raggiunto tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato» (rm 5,12).

      L’Aquinate affermò dunque che Maria, subito dopo il suo concepimento, ricevette una straordinaria santificazione nella sua anima, che cancellò il peccato originale.
      Le fonti storiche domenicane riportano che verso il termine della sua vita San Tommaso, durante una predicazione che tenne a Napoli, retrocesse dalla propria posizione e tornò a fare propria quella che invece aveva maturato nel suo periodo giovanile.

      Non fu l’unico San Tommaso d’Aquino, devotissimo della Vergine Maria, perché anche altri santi altrettanto devotissimi negarono la sua Immacolata Concezione: San Bernardo di Chiaravalle e Sant’Alberto Magno, anch’essi dottori della Chiesa.
      S. Anselmi de Praetoria, al quale in buona sostanza si rifà l’Aquinate, sosteneva che la Beata Vergine era stata come tutti concepita col peccato originale dal quale fu anticipatamente redenta da Cristo prima della sua nascita. La tesi della “redenzione anticipata” viene assunta anche nelle speculazioni di Bernardo di Chiaravalle, di Alessandro di Hales, di Bonaventura di Bagnoregio, oltre ai già citati Alberto Magno e San Bernardo di Chiaravalle.

      La Chiesa ha tenuto in somma considerazione il pensiero dell’Aquinate al punto che nella definizione del dogma della Immacolata Concezione, avvenuta sotto il pontificato del Beato Pio IX, è stato scritto a chiare lettere che «Maria, in previsione dei meriti di Cristo, è stata redenta in singolare modo». In aliis verbis,: per la Beata Vergine Maria è stata attuata una pre-redenzione, ossia è stata preservata dal peccato originale sin dal primo istante del suo concepimento: sine labe originali Concepta (concepita senza peccato originale).

      Questa è la dottrina dogmatica della Chiesa, maturata dopo molti secoli, perché solo nel 1854 fu proclamato il dogma della Immacolata Concezione che come tale stabilì una verità di fede che chiuse, de cetero, tutte le legittime e doverose discussioni teologiche in materia avvenute in precedenza.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.