Amoris Laetitia. SIAT headphones, tamen tributa, quia est verum dogma tributa

AMORIS LÆTITIA. SIAT HELMETS, Sed et tributa praestatis, Cur et verum fidei dogmata expensa

.

Est soluto liberoque ut in aliis est digitus significat damnationem ad cubiculum ac nova dogmata fidei ", ut quamdiu vivunt ut frater et soror,. sed tu, hypocritae semper, quod per "camelum per contentionem in cubiculis et aliorum" glutientes te " [Cf.. Mt 23,24] accepturus es, Et faciam tibi sicut cancer dubium dogma fidei: "Reddite igitur quae sunt Caesaris Caesari, tum murmure dare tributum Caesari an non, azzardarvi maxime non dicam, quae sunt alta et recta?

.

.

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

.

.

Caro Pater Arihel.

In Ecclesia non fuerit, enatus videlicet quoad commercium fraternum! In facto, si recte intelligunt verba illius de ludio ludius subscribens ad comment in articulum "nonsonobigotto", quod nomen est progressio, hoc in praxi non fit: hierarchy agit, et populum, contra rationem hierarchiae, per "Spiritus Sanctus" fundas ad resistendum esset, oriuntur ex earum talliis et exactionibus humilem Theologi, Qui se sciunt makeshift elegit me demergat tempestas proditores factos esse a Christo et a revolution Bolshevik referre fidem in ecclesia, Parce tamen volunt quod rifonderebbero, ... quod suus deus Outstanding! Non tantum in sana doctrina et theologica in exitium totius Ecclesiae Magisterio concreditum, Pontifex quotidie oppugnant humili theologos plura diaboli est et ..., qui praemisit: ad liberandum!

Georgius M.G. Locatelli

.

.

.

papa signa,
Post Synodum Episcoporum scripsi in libro et Franciscus Pontifex Amoris laetitia

Per quaestio music ludio ludius habet radices, quod nobis a forsit sero in eighties et nineties et diluculo in ecclesia per develops optimis pessimi post Concilium Vaticanum. Et cum dico optimis pessimi post Concilium Vaticanum, Non sit a Concilio Vaticano II, aliquid: Quod dico propter iniquitates nostras eo pessimus iste magnus consilio et consumat illos qui omne Ecclesiae ex parte, optentu periculosae movens animo lyrics interpretationem congruam sibi, usque tandem ut vivificans consilium egomenico et Theologi, Qui nunquam fuit celebratur: ne quod Patres de Ecclesia prolatum per quem scriptum.

.

Hi qui invocabo teologastri proditionis in concilio, Et quae creata sunt in ecclesia magna confusione eorum qui munera laicis communis est participare sacerdotium baptismale per sacramentum baptismatis, et clerici, electus arcanum sacramenti gratia instituta tantum participant Christi sacerdotium ministeriale, tum custodes legitimate munus docendi, a munus , neminem prorsus mundi, consideratum est virtus theologica vel cuilibet ex populo doctorate, Vos can exercere apud auctoritas et in gratia in quibus potest et debet exercere Sacerdotis ex supradictis inungatur munus santificandi. Haec maxima confusione res creata hodie facti circumuentos uidissent, gratias autem clamat 'collective commercia unio "vel" leftist collective "ignis vastantibus ex solo consistere, in emblematum: "Plus Colloquium, more collegiality, magis popularis in Ecclesia ". Clamavi ad quae additae sicut effectus in slogan: "Plus locus est propria christifidelium laicorum in Ecclesia".

.

Ex hac praemissa, in quo statu hodie oriuntur videtur inpotentiorem, invicti et iam - quod cognoscere potest de blog blog est, in qua tandem rerum ratio habenda est theologus, qui trawled commemorationem commovit Catechismus sentit & Canonnista deliciis, ius habent accusandi sive credatur in extremo Pontifex Romanus pontifex’orbe catholica – Et operam, ut duae res creata sunt conjungere possunt creare in kalium, quae unio est effectus explosive sulphuris: ingens cupido agros casus Murus Berolinensis et Ioannes Paulus II pontificatus cuidam nocturna, maxime Neocatecumenali et charismatici,.

.

Ut a nobis procedere, ab exercitu plebis ab lxx, sequi decursu Weekender, Non est urbs magna 'messianica Eius ecclesia, communistis ". Refero filios "imaginandi potentiam", per "vetiti absit", persuasum est Nobis 'proletariatus paradisus' ex 'sancta mater Fontes iuris Germanici antiqui "sunt luceat 'Aequaliter Nubila Solis Ortus Rubrum". Quod dico propter eos qui, quanto magis homo Hiericho caecus caecum ad opiniones doctrinales et experiendi [Cf.. Mc 10, 51-52], Cum obterere In August iacet Russia invasit 1968 Praga, tacente lingua tantum actionem improperio, non solum silere movere opus reprehendit: «ideologia messianicus« In Sina MACTATOR Mao Zedong. Et cecidit in fabula exstant Sinica, hic trasmigrare effusa cum tandem de exoticis Castro, Fidel Cubanus dictator!, Conversus in a "dulcis Christi ', ut vilia et sanguinem sitientes Ernesto Guevara, Non mirum nicknamed per Bolivians cetis porci [sus est], quam indicant est sordidum foris et intus lutum.

.

NNovember 1989 collapso communismo collapsa imploding super se, ex auctoritate deinde historiae imagines ruina eius Murus Berolinensis. In eo, Pupillo non domi exercitus huius doctrinae pseudochristi, inde foras in Europam Sinis ad Caribbean Cuba, Quia inventi sunt in conspectu eorum, non vocant dilectus Sigmund Freud 'opus luctu ". Et quod haec quaestio non hominum non planxistis, et processerunt ut semel iterum - semper usus Freudian term - cum per processum translational. Unde videtur inopinatus, Catholicae Ecclesiae,, et pridie quam acerbissimum hostem, Noster Paulus VI suis in taberna mori ludibrio radicitus sinistram diurna malum et cum Ioannes Paulus II comminatus est, donec per eiusdem doctrinae antequam revocaverant, et cæcus, anti-incultis captarum more communismi matricis reactionary, Longum est, didici -, et iterare: et non ex fide omnium opinionem - illorum parte confugerunt, extremum fato suo.

.

Haec barbara turba pristini ideologues, Et ingressi sunt et rediit in ecclesia per iter fidei et purificatio ita ut ad processus, aliquid! Vos ingressus intentusque ipse crus recta, si talis esset, usque ad partum intus in ipso est transmutatio processus negans. Summus Pontifex Ioannes Paulus II in conspectu omnium qui infeliciter, ostendit ex testimonio, hoc proprium videtur sentiri. Quod dubito S. Pontifias, quaedam concilia sua in oceanic, Ego autem cognoscens in semet ipso Eum acclamant, sicut ductor Nisi prius ipsi, praesertim cum consuetudine ad eandem, Et cum dixisset Moscow Soviet, Et Mao Zedong, et tunc Castro Ernesto Guevara. Si autem in directum protagonists aetate essent Eum acclamant, non implicari, et nati sunt dulcia et quod primitivum est in spiritu suo adulta parentes deteriorem.

.

Quae partes, in opus est «structuris fortis" et singula per eos pressura exercens animi eorumque greges,, ibi non confundantur? Minime id quidem decuit: Evangelium narrat porcos ut in præruptis silicibus commoratur, quae excernuntur [Cf.. Lc 8, 26-37], Et concursum ad Neocatechumenal et Charismatic, intra quorum non est ductor, puts pressura fortis ducibus qui per speciem communismo nunc dicta Communitarianism; et democraticum appellamus nunc Laicorum participatio non, quod collegiality.

.

Ecclesiasticae auctoritati cæcus, et minus quod vigilanti, numquam fuerunt considerari quantum crevit numerus pupillorum maesta inter ordines communistarum Party, nec pejus, et multum Lotta Continua Proletarian Democracy, ut hodie, per sexaginta, a celeberrimis quibusdam, qui bona pace Mega-christianae doctrinae de via Neocatechumenal, Quo sane abest debuissent processionaliter, et praecipue animo easdem mutari iustus vexillum, incipiens cum reprimentibus coercitionem adversus spiritum, et quis hodie non heri similior est vocare «sordida Lucius", vocant "claudatur Spiritus Sancti», aut tantum "in potentia mali '. Mutata in style nisi substantia eadem: et si quis autem demonization ad exitium ab illis qui non cogitant sicut. Hic articulus de cognovissent, hunc ad meo adiutori constituto callidus A Jorge. Facio Lince in communismi Gramscian [Cf.. qUI].

.

Nos paenitet in vere cogitare et communistis ideologiae sui cupidum ut Summus Pontifex Ioannes Paulus II, nemo est qui semper animadvertit rei periculo partum erat ut in ecclesia. autem, ego Neocatecumenali, Cepisse vitae genere maxime caram futuram sanctus Pontifex: primum familiae filiorum, deinde habere pauca decerpsi. Hoc ipsum quod est negative eum interrogare, gradus Ecclesiae, ubi inerat sectam, ex parte liberi torquent promovit pauca decerpsi tanti Giovanni Paolo II, sed in alia Ecclesia quam in Ecclesia creata est, et civitas in communitate ecclesiali, in brevi: verum para sectae acatholicae,.

..

Verum est,, de sacra Liturgia in via Neocatechumenal Eucharistiae et quae vellent sibi; baptizatus est trepidatio inter sacerdotium commune et sacerdotium ministeriale Christi, ut prædicaretis summa procul villarum culmina omnes sacerdotes erant; erat catechismi, et abiit in parallel missio in mundum praedicate 'verbum sacris"Dominus Kiko Arguello, sed ..., Sexus liberorum mores immutarentur damnati erant opponit promovens. Et cum hoc fieri, pundits quod nemo in Consiliis Sanctae Sedis interrogavit: sed centri, ex toto corde et ex anima Ecclesiae engine, Scempiata Eucharistiam a ministris et Neocatechumenal ad vergere in execrationem et blasphemiæ dies iste, vel moralis ab vetitum usum ortus imperium diripio et condoms? in brevi: et Verbum caro factum est, et factum est verbum contra contraceptives?

.

Si motus Neocatechumenal, pro familia promote naturam et mores instruit, ut ita dicam, 'magis rigidum ", Erat autem in loco, neglectis die quadam promoted, Ioannes Paulus II, quominus annuntiarem non dubitant momento 'extra legem "cum a offa iuniperorum erat cibus eorum et extergimus. sed quod, quamvis cladem eucharisticum sui damno, promotus liturgicam emendationem et immensa ratione perspecta et sacerdotium, in genere tuebatur Neocatechumenal pauca decerpsi, si praeteritum semper mollis, praesertim Ioannes Paulus II longus pontificatus.

.

Quis est cui velle iactare accusatio: "Quid audes dicere sanctus est?». Et respondendum est, quod ego non reprehenditur magisterio summi pontificis Sanctus, Semper praesentibus pro expressis ego hodie permanere, promoveat,. Et ei, qui vult quod inquiratur altiore ratione sensus doctrinalis ac theologicus de sermonibus Sancti, quamvis et talia exempla virtutum heroicarum, They are not perfectus, Vos can vado ut legitur, in archivo curiae,Insula, quæ appellatur Patmos, vetus articulus titulus: "Cum palma obnoxium, Inter pontifices ' [Cf.. qUI].

.

Eventus est Periculosi clericalizationi et progressu saeculo essent laici clericos, cum tantam efficerent vastitatem momenti in provincia pastoralis. Nunc per exempla explicare temptabimus: A templis in presbyterio angusta balustrade, cuius munus erat, ut dicitur Magister determinare de spatio, et status indicant sancta sanctorum. In hoc balustrade fidelium multitudo flexo poplite sanctissimam Eucharistiam accipere. Et ab eo tempore quo nemo unquam adeo mentem Eucharistiae in cathedra contemnant et pro arbitrio secundum praescripta praeeunte et laicis principibus Kiko Arguello Carmen Hernandez. Haec dicens postquam praemissa nunc opus est,: nullum documentum Concilii Vaticani II, ex Sacrosanctum concilium Nullam constet cancellis, Historia ecclesiae monumentorum praecipue, sicut modo aris coram Deo [quae respiciebat ad orientem] destructae sunt, fecerunt autem et sacerdotibus, et fecit quod episcopi,, Saepe horrendo facinore perpetrato ad ingentem stragem dedit et artis hereditatem historical, Latebant abditi sinistræ principle erat balustrade secundum quod 'signum division pristini "inter fidelis, et sacerdos. Et certa comperimus explanations, quamvis aliquando ex Episcopis et presbyteris,, Sunt adsumptiones falsas et eiectiones, quod sacramentum est de loco balustrade, et erat omnis precise theologicam ac pastoralem scrutationem, quae sancta munus coniunctus est timor Dei, de quo hodie, non loqui; nec ultra loqui cum illo teologastri Timorem et metum ceperunt Patrem confundamus. Et nos tandem Transierunt, et liturgice, est in Oedipo de theologica ratione ad universa ....

.

Et facti sunt propter viam presbyterio exuuntur ita quae doctrinae praecepta laici homines "Participant" et "activae ', et impetum concitati ferre cum saepe coram mulieres iura et privilegia illa non est adjutorium, qui controversiam cum his maxime quod ad christifideles laicos homines,.

..

Tot sacerdotibus initio Quod acceperunt viri erant tangere periculosum Quirites sphaerae figuram presbyterorum liturgiae pastoralis coniunctior. Lacta sunt "tandem" ventos ad dignitatem ac tristi Cassocks, Nunc eu confuso inter laicos et ad laicos tuniculam, aperi tandem fores omnes qui poterant sacerdotes et laicos qui in agro pessimi initio transgressus est liberrimum sacerdotes devote se rei publicae nimia industria instantique, superius difficultates sociologicas confabulations, Sacerdos ad virum cunctis formam Dei, in medio res, quod tum claustra sine ...: quanto magis libera ut sit sacerdotibus negotio vestri.

.

iterum, Infirmis autem qui Eucharistiae inducere? obvious, in pastorem. Etiam diaconus, cum potentia, vosius et parochus,. hodie, sed, Qui enim? Sed cursus: per "mulieres pie" Communionis minister incredibili, ad quod plures pastores quaerere coacti sunt, obsecro, in clavis tabernaculi,. Qui primus pueris ad filios, ordinum solus sustinere non catechismi aut, to control per modum doctrinae christianae doctrinae? Sed cursus: in pastorem. Et qui, qui constituit curriculum? Oportet autem homines, maxime senes, Christiana exempla monstrabit, agnita Dei virtute, saepe teachers, Magistri doctrina experientia concessere magistros toto in paroeciis momenti habuerint. hodie, qui fit pro inveniendo et repetere curriculum ...: et ante praemisit quod 'christianae doctrinae "? Sed cursus, feminae saepius invenies exitiale twentysomethings, non infrequenter miniskirt, Hipsters, et inventum: labrum, platform calceamenta ab 15 usque ad pedes centimetra. sed supra omnia,, hodie, Catechismus Romanus pastores docere? Utique non, an average of 9 eius 10 isti faciunt, quia ... quae versantur in - credibilia, audivi! - activitates pastorales! in brevi: Ferum multa nimis et velut pudori sunt Pastores et nec spatium manducandi habebant infirmos communicet adducite, Non habent tempus ad fateor, minimeque ad directionem spiritualem, Non habent tempus et ad filios ..., - id repetere iterumque: audivi, audivi! - ... quia activitates pastorales versantur in. personaliter, si esses episcopus - exempli gratia mea et vadit sine dicens quod est proprium opus academic -, deinde veni ut reveles meus pastores et constituit sacerdotes in hoc non ad infirmos Eucharistiam deferunt, fateor, non, et spirituali, et non docebit Catechismus Romanus, quia omnes actiones pastorales versantur ..., et statim dicunt esigerei certior quam omnia quae sunt maxime qui actioni pastorali praestare non delegare laicos et peius tum saecularibus; et exhibebit mihi modo plusquam verisimile non explicationes, Tecum ludere sicut ludere eorum bagpipes puto youll 'ad festum Natalis Domini.

.

Most sacerdotes mei recesserunt a terra sua navitatem pastoralem exercere minime, sociali et politica industria environment praesidio, magis saecularia, ceterum magna ex parte inferentis saecularia, inundata agri, quae sunt in terra sacerdos pastoralem. Et si hesterno, apud theologum a qualified, et de sacerdotibus, Interdum audeant gemitus ipsi episcopi, annorum et deinceps ob sapientiam sapientium a vere theologum,, Hodie tamen factum etiam laicos nostros indocti movebit quisquam manum vindicem aeris declinare percussit lites movere pedem in terram clamare causam diffundere … "Non assentior, quod puto …», ergo et eziandio "Hoc est quod videtur quod corrigere, Ut ego sentio ".

.

Haec consectarium quod, dum accipit sacerdos in jeans et sweater partem in consilio civitatis in contione de environmental pollutio non possumus loqui ad quaestionem miseris, et pie feminarum ad deducere ad infirmos Eucharistiam deferunt, Catechismus Romanus, cum imperium quæcumque docebit ultra, pluma ecclesie parochialis sicut verba sua, statuam illis Motu proprio et sic in actionibus liturgicis praecepta. Et si antequam capta ipsa cellula compleatur normas selecti, parocho non aptet, Ecce, laicos, et maxime civili, et illam miseram vitam, et prorsus unlivable. Si igitur, ante pastores similis, Ingredientes Parochus, Neocatechumenate, tunc Sacerdos accipit partes tantum 'consecratus est oleo lita", semel occidit, et ad locum sedens in silentium obsequiosum habeat Missam iuxta Mega-baptismus confert catechista kikiano pridie autem omnia ex quibus animam pegmata murarius, et quae movet unus post alterum et saepe errores haereticorum verum in doctrinalibus fidei, et, sub speciebus Pneumatologia. Vae autem illi quicquam amen dico. primus, quid respondendum, quod est adversum vos estis Spiritu, secundo,, quin dicis quid enim habet Spiritum, tertium, quia spiritus qui veram, Non studio, non theologica scientia.

.

Et hoc magis intolerabili superbia - et, quod sacerdos, Ego nusquam tolerantur et non sustinebunt sed ad exercitium vitae meae sacrum ministerium - quod commune est, ut dicitur traditionalistae est, ut dicitur progressives. et primi, referendum est ad aliquid sumitur subscriptiones promovere collectis Summus Pontifex, quam quod explicavit in superiori questione habitum est subiectum ad unionem hominum [Cf.. qUI]; et seconds, agitare ac posthaberi cancellis praeterita cum omni iumento in calce sacerdotis, ut omnes, Prædicaverunt - in nomine celebrata est neque consilium a male, et tamen adhuc tolerabantur ab movementism Ioannes Paulus II - omnes enim sacerdotes, qui.

.

Tumultuario exercitu canonistarum theologos lectorem ad sapientem pertinet Georgio M.G. Locatelli, Ego iam productum ab ecclesiae ipsius ecclesiastica illarum prorsus degenerat,. Erit factum ab sunt filii “imaginativae virtutis” E “Vetatur, ne” post lapsum, quod ex Murus Berolinensis et plangent se nunquam potest esse in ecclesia illos haberetis,, per processum translational, pessimus advertebat magnas opinationum scholas suas, pessimus eorum post-messianismi communistarum. Haec omnia quaestio est parvi momenti, non est: Et nolite converti ad catholicam, Conatus autem catholica et communistarum messianicum conantur vertere notione quae numquam unde posteri orphani; Educational gradu translata notione suos, quae iam parentum pejor. Quae gravia et periculosa spiritu, Inuenit, in quadam motus Hispani generis milites conuocat, in maxime modo in Neocatechumenal.

.

In disputationem in divortium novas inierunt nuptias de omnibus subditaeque forsit: sexus. Nam si fuissent dimidium sexus, et prae omnibus synodalibus nulla controversia post Synodum, magis!

.

Forsit est ut de pauperum vecordiae est exercitus motam,, capere et intelligere, de ratione ejus est quod eas videlicet quae salutem et vitam Christiana: Deus caritas est: et nos cedamus amori, Quod accidit non indicavit de Paulo Apostolo, ut beatus est maxime momenti de virtutibus theologicis agunt quodam loco de collectis autem quae fiunt in corde exinde catholicae theologiae Sancti Pauli, quae semper O caritas est, ubi nobis praemonet:

.

Si dicam in lingua hominibus et angelis, sed quia non amant, Sunt qui velut æs sonans, aut cymbalum tinniens. Et si habuero prophetiam et noverim mysteria omnia et omnem scientiam, et si habuero omnem fidem ita ut montes transferam,, sed quia non amant, Ego sum nihil. Et si distribuero in cibos pauperum omnes facultates meas, et si tradidero corpus meum ita ut ardeam,, sed quia non amant, Habuero nihil mihi prodest. Caritas patiens est,, amor genus suum; Non invida, Quod non agit perperam, perperam non inflatur, ut turbidis rebus, non quaerit quae sua sunt singuli considerantes, Non irascatur, ut in oblivionem detur malo accepimus, non exsultate, congaudet autem veritati. omnia suffert, Amor credit, Ac fore confidit, res omnes,, Non suffert omnia. Et caritas eius non erit finis. sive prophetiae evacuabuntur; donum linguarum, interpretationes sermonum cessabunt sive scientia destruetur, et scientiam veterascet. Ex parte cognoscimus, et prophetabunt. Et cum venerit quod perfectum, omnis evacuabitur quod ex parte. Cum puer eram,, Et loquebar ut parvulus, Cogitavi ut pueri, Et sicut parvulus. sed, Et factus est homo, quid tibi relictum erat puer. Videmus enim nunc per speculum in enigmate, obscurius; tunc autem facie ad faciem. Nunc enim imperfecte, sed tunc fuerit ignoro, sicut et cognitus sum. Iamque tres manere: fidem,, spe et caritate; maior autem his est caritas! [I Cor 13, 1-13]

.

Ut ea, quae sancti recte indicat Patrem et pharisæi hypocritæ modern, pelagiani, amantes legalism, aut quod est tam inhumana, vocant moralis esse non potest moralis Catholico, subditaeque forsit fugient: sunt plures gravibus peccatis, immo gravis, quanto magis gravi de peccatis multipliciter coniunctum, sic dicitur sexus vel ex libidine peccatum mortiferum, super omnes lumbos vndique poenas. Sed illis, sed, non sunt nisi peccata vndique ab aspectu lumborum eius usque. Nos quidem pro populo et de relatione sexuali humana a malo, pro sexus habent ad verum immoderata stirpis commendatio.

.

Sicut per unum hominem constrinxit vivendi arbitrium in castitate, Et alvaria terrore impetum saepe sunt omnes dies Christifidelibus Domini, nauseae habent cum levitate et intolerabilis complacentia, Qui locutus est pro fidei dogmate in sententia: 'Et post divortium novam inierunt? Quamdiu vivunt sicut soror et frater,, quia tunc, tum, can ... ". Quotiens dies sentio loqui dicitur "sicut fratris sororisque, Adrenaline sanguis in fornace liquescit,, et recordatus est veluti pastor ad curam animarum, ut confessor invictissimus et spiritus director, Vivamus multae familiae fabulas certa. Sed super omnia: Scio, Et cum cotidiana visitem divortium novas opiniones quae fides catholica educatione filiorum optime, intus tamen Christiana familias, potius quam alterius coniugis divortium novas nuptias attentaverit. Erubescat Christianus homo qui spiritus vocatur, quod valde dolendum est, non tamen in pluribus, sic regularis, quae per familias, Cum autem venit in domum suam puer ex catechismo, gaudent in contrarium dicant parentibus contemnet tortuoso narrabant quae in paroecia, docendis pueris intelligere quod "sacerdotes et sacerdotes per circuitum, semper ad multum bischerate». Dictum est mihi hanc damnationem virgulis tribus abhinc annis, per confessionem, a teenager et tres dies post receptum Confirmationis sacramento roborantur et in cathedrali basilica San Gimignano, in qua est sicut Confirmatio candidati ad fateor altera.

.

Ideo sacerdoti curam animarum pastorem magis, ad sacramentum gratia sacramentorum auctor, Ego numquam liceat, et numquam ad certum liceat mihi ad designandum quod digitus “coniuges irregularis” dicentes enim se iustum,: 'Quamdiu vivunt in te frater et soror,, et ego conscientiam, ut confessor invictissimus et spiritus director, quod caritas in peccatis pessimi, vanno quasi tutti e di rigore dalla cintura in su e sono commessi da molte persone che vivono situazioni matrimoniali e familiari di fatto e di diritto del tutto conformi e regolari alle leggi canoniche.

.

Gravem enim deprehendimus sensus horum Neo-Pharisæi qui sunt hii iudicabunt de empyreo ingentis magnitudinis suae ignorantiae re theologica, canonica lex, ut dura sit nomen lege humana et divina non sunt sui juris Christi, Est enim mihi dolorem fons pudore dormiret, praesertim cum hac praesumptione reputarsi sentiant Catholici vera solidaque, Unum et verum fidei defensores,.

.

Feremus aequo modo rei theologicae proprie. Taras et fautores "dogmatum« «vivat ut frater et soror,, dicitur Tecum pergemus ad populum Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis [Cf.. qUI] quod non est in aliqua celebratione omnino magisterium de quibus hic sum; et quod iuste reprehenditur in superiori questione habitum est [Cf.. qUI]. Quod affirmatio in qua est usus et auxilio est Pauli sententia qua dicitur quoddam generale principium,, fertur tale peccatum, genus, sed specifica non est peccatum singula:

.

Omnis ergo qui indigne manducaverit panem vel biberit calicem Domini, reus erit corporis et sanguinis Domini. quisque, igitur, Probet autem seipsum homo, et sic de pane illo edat et de calice bibat; Qui enim manducat et bibit non diiudicans corpus, et bibit indigne iudicium [1 Cor 11, 27-29]

.

Columba, quod beatus Apostolus ad propria adulterio deprehensam et animam concubinarum tuarum? Qui peccare refers to, Qui etiam peccata quae forte a renibus usque contactus, locus enim Apostolo, et regina virtutum, Hoc est caritas; et caritas etiam quod ab illo varie coniunctum sexualitatis, haud dubie, sed quaedam non solum sexualitatis.

.

Verum haec tantum veritatis defensores dedit, ut solent Ecclesiae doctrinam incommutabili, immo realis positivum a iure ecclesiastico dogma fidei, Utere ea, ut dicitur in partibus subsidiariis ex Commune autem praeceptum hoc in beato Apostolo Paulo, Puto quod omnium eorum, quod ultimum illud eveniat theologorum blog blog canonistas disserendi duritia crudelis exitus rerum sensilis ut familia tangere, Nunc responderet totius theologiae iurisque quaestio nunc autem posuit in sua.

.

Per idem redeant, Ego intelligo, non modo ad universalem quandam simile dicitur, qui in beato Apostolo Paulo, sed perspicue totidem disertis verbis, ut in eo quod perspicue totidem disertis, non est locutus Apostolo, sed per Verbum Dei, per Jesum Christum Dominum nostrum, quod exprimetur:

.

Tunc abeuntes Pharisæi, erant, Et consiliumque iniit, quam ut caperent eum in sermone. Et mittunt ei discipulos suos, cum Herodianis consilium faciebant, et dices ad eum: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità e non hai soggezione di nessuno perché non guardi in faccia ad alcuno. Dic ergo iudicium tuum: Licet dari tributum Caesari?». et Jesus,, suae malitiae conscientiam, responsum: 'Item, hypocritae!, Quid me temptatis hypocritae? Mihi nomisma census ". At illi obtulerunt ei denarium. Et interrogavit eos:: "Cuius est imago haec et suprascriptio?». et ait: 'Caesar'. Et dixit ad eos:: "Reddite ergo, quae sunt Caesaris Caesari et quae sunt, et quae sunt Dei Deo". In haec verba mirati sunt et,, Forsook, quod abiit [Mt 22, 15-22].

.

Simpliciter dixit:: Paulo Apostolo dicere, quae si non habeat homo ad Eucharistiam accedat adulterorum in inconsummatione erunt, et cohabitees, nisi ut vivat soror et frater,, Et haec Ab eo Evangelii loco perspicue totidem disertis verbum Dei respondet dicens quod oportet dare tributum Caesari, in qua inest aperte denuntiatum,: Non enim fas est tributarius.

.

expenseunque cognovit scripturas sequitur quod scientia in omni historica relatione, Qui autem scit, quod antiqui sunt in Judæa sunt, similis est tributis serviet. Romani maxime Judæam provinciam male, et tributa ipsius in excelsis; et eos, qui dare tributum Caesari an non, tum quia non sunt poenae subiaceat tenuis. In optima sunt Dodgers facient verberari pro sanguine, in altera vita directe solvit, ed al fine “pedagogico” di spaventare gli altri evasori erano condannati di tanto in tanto alla pena della crocifissione.

.

Nell’antica Giudea, non arrivavano gli agenti della Guardia di Finanza per stilar verbali e fare multe che spesso, ai giorni nostri, più sono alte e più non vengono pagate. Tutti conosciamo evasori condannati ma da subito a piede libero che ci sfrecciano accanto con le loro autovetture da centomila euro. Ma in Giudea non era così: le tasse non solo erano alte, erano proprio inique; non a caso i giudei chiamavano i romani “affamatori del Popolo”.

.

Nunc te,, amanti della morale dura e pura, inamovibili elargitori di sentenze persino verso gli atti dottrinari del Romano Pontefice, nonché assertori del dogma di fede «purché vivano come fratello e sorella», che dinanzi al monito «date a Cesare quel che è di Cesare», noi siamo di fronte ad una vera e propria espressione dogmatica della fede perenne e immutabile, legge divina allo stato puro, non certo di fronte ad una norma di principio riguardante il peccato espressa in linea generale da un Apostolo, perché qui siamo di fronte ad un dogma chiaro e preciso che non ammette discussioni, ed il dogma è il seguente: «Pagare le tasse allo Stato».

.

Già sento a distanza le vostre voci, cari teologi improvvisati e canonisti inamovibili sulla pelle degli altri, ed assieme alle vostre voci odo tutte le vostre ragioni e giustificazioni, che a una a una posso anticiparvi: «Non si possono pagare le tasse a uno Stato la cui tassazione in certi settori arriva al 50%, perché quelle non sono tasse, quello è un furto … è una rapina, come ebbe a dire il Servo di Dio Silvio Berlusconi, per gli amici bunga-bunga, quand’era presidente del consiglio dei ministri». Per seguire poi con la giustificazione basata sul principio che “l’altro e peggiore”, semper et potentiam, quindi avanti con la litania circa il fatto che «con le tasse noi siamo obbligati a pagare stipendi e pensioni d’oro ai politici … i loro privilegi … le loro auto blu … mentre i poveri pensionati con le pensioni minime muoiono di fame … mentre le famiglie oneste hanno difficoltà a pagare le bollette della luce e del gas …». Quodvviamente nessuno di voi, guarderà al positivo delle tasse, per esempio il servizio sanitario nazionale gratuito per tutti, le scuole gratuite per tutti, numerose garanzie di assistenza e via dicendo … no. Dovendovi giustificare elencherete solo le cose negative e se proprio dovrete ammettere che il diritto alla salute e allo studio è gratuito e garantito a tutti, a quel punto seguiterete a giustificarvi dicendo: "Et, però la sanità nazionale fa schifo e le scuole pure» … Eh, quanto vi conosco bene, farisei di ieri e di oggi!

.

Signori miei: il dogma è dogma e Cristo Dio è chiaro, preciso e deciso nel dire che a Cesare, le tasse, si pagano e basta. Cristo sapeva benissimo come i maggiorenti del potere romano in Giudea gozzovigliassero e si dessero alla bella vita, mentre i poveri giudei erano spesso affamati; il Verbo di Dio lo sapeva, ma pur sapendolo proclamò questo dogma di fede: «Pagare le tasse allo Stato». E questo dogma è legge divina perenne e immutabile.

.

A questa banda di ipocriti, che dietro il paravento di un non meglio precisato cattolicesimo svuotato di carità e infarcito dei peggiori legalismi, stanno rendendo così pessimo servizio alla Chiesa e alla fede, replico quindi con le stesse parole di Cristo Dio:

.

Così avete annullato la parola di Dio in nome della vostra tradizione. 'Item, hypocritae! Bene prophetavit Isaias de vobis, dicens:: "Populus hic labiis me honorat, cor autem eorum longe est a me. In causa autem colunt me,, docentes doctrinas praecepta hominum " [Cf.. Mt 15, 5-9].

.

È facile e comodo entrare nelle camere da letto altrui col dito puntato a sentenziare come nuovo dogma di fede «purché vivano come fratello e sorella». sed tu, hypocritae semper, quod per "camelum per contentionem in cubiculis et aliorum" glutientes te " [Cf.. Mt 23,24], accepturus es, Et faciam tibi sicut cancer dubium dogma fidei: "Reddite igitur quae sunt Caesaris Caesari, tum murmure dare tributum Caesari an non, azzardarvi maxime non dicam, quae sunt alta et recta?

.

Perché vedete, per me, moralmente parlando, unum “studium” cattolico regolarmente sposato con sua moglie, che non usa mezzi contraccettivi e che si attiene alle prescrizione della morale sessuale, il quale fa poi lavorare in nero nella propria azienda venti lavoratori sottopagati, gran parte dei quali giovani che non possono sposarsi e mettere su famiglia, perché non sanno se il mese successivo avranno ancora il lavoro … per me, moralmente parlando, questo grandissimo peccatore commette un peccato molto peggiore di una coppia di coniugi irregolari che non vivono come fratello e sorella, che vivono una situazione indubbiamente irregolare, ma che all’interno della loropeccaminosacamera da letto non giocano affatto per i propri scopi di lucro e di egoismo sulla vita altrui sfruttando nel peggiore dei modi il bisogno di lavoro di venti persone, con tutti i relativi disagi estesi anche alle famiglie di questi venti lavoratori.

.

E chi ha questioni da sollevare su di me, sia come presbìtero sia come teologo, prenda e mandi pure questo mio testo alla Congregazione per la dottrina della fede, affinché sia da essa esaminata la sua ortodossia teologica e la sua piena conformità alla morale cattolica. E se in questo mio parlare vi fossero errori dottrinari presentati e diffusi da un presbìtero chiamato a custodire e diffondere la fede nel Popolo di Dio ed a tutelare e salvaguardare il patrimonio morale della Chiesa, state certi che quel Dicastero non mancherà di chiedere al mio vescovo che provveda a chiudermi la bocca e ad irrogarmi, se il caso lo richiede, tutte le meritate sanzioni canoniche, anche perché ho dissertato su quello che per molti rappresenta l’origine e il centro dell’intero mistero del male: il sesso e la sessualità umana. Non per nulla, Beatus ab Apostolo Paulo, in un passo dell’epistolario paolino che è il cuore della teologia cattolica, quae semper Inno alla Continenza Sessuale, ci raccomanda:

.

Iamque tres manere: fidem,, la speranza e la continenza sessuale; ma di tutte più grande è la continenza sessuale! Nella quale tutti vivranno come fratelli e sorelle, pure se ciò dovesse comportare l’estinzione della specie umana. Ma la “morale” dei moralisti disumani sarà salva, e la loro idea di sesso angelico non avrà mai fine.

 

.

.

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

39 cogitationes on "Amoris Laetitia. SIAT headphones, tamen tributa, quia est verum dogma tributa

  1. Volevo solo esprimere il fatto che mi trovo a ridere di gusto sulle mie miserie leggendo i testi di padre Ariel .
    Posso solo dire che ho sbagliato nel poter giudicare questioni teologiche da profano. Mi accorgo di saperne molto poco per non dire niente. Così le sue sferzate mi fanno ridere ed il ridere mi fa molto bene perché é come vedere sorridere il Signore sui miei limiti.

    Mi viene voglia di abbracciarvi (io giocherei allegramente a pallone con voi) e vi invito a continuare a prenderci a legnate per il nostro bene!

    Con viva stima

    Alessandro

  2. Guardi come ha ridotto il suo cervello la pratica sessuale che lei attivamente compie e che l’ha portata a scrivere tutte queste scemenze ed eresie in merito allanormache persua bontàe quella del Cavalcoli chiamatenorma ecclesiasticariferita al “frater sororem”. Ma lei lo sà che San Paolo cita ifornicatoriquali una delle categorie che non entreranno nel Regno dei Cieli e secondo lei, perchè i divorziati risposati devono vivere, da quella che lei in modo blasfemo irride, quod “frater sororem” se non per evitare di entrare tra ifornicatori”?

  3. E chi sono iduri di cuoresecondo San Paolo? lei, come bergoglio, hanno scambiato iduri di cuorecon quelli che rispettano e seguono i Comandamenti di Dio ed avete “videlicet per consuetudines” i peccatori che i Comandamenti di Dio li tragrediscono. E’ un’inversione diabolica per cui chiamate “Pharisæi” coloro che seguono la Legge di Dio.

    1. sibi. Bazzaar.

      Lei si ostina a lanciare invettive, sed simul si ostina a non rispondere assolutamente alla questione teologica ben precisa che in questo articolo è stata sollevata: lei, riconosce che «pagare le tasse allo Stato», è un dogma di fede, in quanto legge divina perenne e immutabile enunciata personalmente dal Verbo di Dio Incarnato?

      A questo deve rispondere, se vuole interloquire: deve rispondere a questa precisa questione di alta teologia dogmatica.

      gratias ago!

      1. Pagare le tasse allo statonon solo non è un dogma di fede ma attualmente è ingiusto pagarle in quanto sono enormemente elevate e stanno distruggendo l’economia per un piano studiato a tavolino dalla massoneria e dai banchieri centrali in favore della finanza internazionale guidati da ebrei come lei.

        1. sibi. Bazzaar.

          Prendiamo atto, a conclusione di quanto ella ha scritto, che Cristo si è sbagliato, ed ha dato un comando iniquo poi riportato nel Vangelo [Mt 22, 15-22]

          1. Cristo non si è sbagliato ma ora Cesare stà prendendo molto di più di ciò che gli è dovuto, Chiaro ora?

          2. Veniam in me …

            Lei mi sta forse dicendo che l’attuale Cesare è peggio di quello che ieri, nella Giudea, condannava alla fustigazione chi non pagava le tasse, o che a scopo persuasivo condannava alla crocifissione gli evasori per far capire a tutti gli altri che era bene non pensassero neppure di non versare tributi a Cesare? E le risulta forse che l’attuale Cesare, a coloro che non pagano i tributi, tolga i figli e le figlie per venderli al mercato degli schiavi come risarcimento per i tributi non pagati?
            sibi. Bazzaar, se lei non fosse ridicolo, sarebbe veramente comico.

          3. ed inoltre veda di non fare il “noctu clanculum devenit” visto che dovrebbe sapere meglio di mè che i dogmi di fede sono fondati su Verità Divine e Leggi Divine e non su leggi umane come può essere quella di pagare le tasse.

            ____________

            A chiusura di discussione: la Redazione dell’Isola di Patmos prende atto che il Verbo di Dio non aveva chiara la distinzione tra leggi divine e leggi umane. igitur, ciò che della Sua parola ci fa comodo è “lex divina”, ciò che invece non ci fa comodo èlegge umana”.

          4. Caro il mio dottore della legge Gianluca Bazzorini, uno dei comandamenti è non rubare, e se qualcuno non paga le tasse ruba, allo Stato e a chi le tasse non può evaderle, e questo lo dice un imprenditore (ho un’azienda di famiglia) non un dipendente in preda al rosico.

            Purtroppo lei, da buon dottore della legge, si occupa del peccato della mutanda, ma è disposto ad accondiscendere verso peccati ben più gravi contro il prossimo e contro la Carità di due persone adulte e consenzienti che fanno l’amore.

            Bene ha fatto padre Ariel a mettere alla berlina lei e quelli come lei. La cosa divertente è che magari sareste disposti, mentre giustificate il non pagare le tasse (che è la violazione del comandamento non rubare) a schierarvi a favore di persone di questo tipo http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2014/06/23/ARVJQIs-convivere_novarese_uccidere.shtml

            Di gente come voi si può solo avere compassione.
            salvete.

            Buona giornata.

  4. Rev.mo e caro Ariel.

    So di poter contare sulla Tua riservatezza e su quella dell’insigne teologo domenicano Padre Giovanni Cavalcoli.

    Non è un mistero che i Vostri scritti abbiano circolato nell’aula durante l’ultimo Sinodo sulla famiglia, in particolare l’intervista riportata su Avvenire di Padre Cavalcoli, e non è un mistero che, per diversi di noi Padri sinodali, siano stati anche spunto di serie e di profonde riflessioni.

    Puoi stare certo (ma questo lo sai!) che nessuno ti chiamerà a dar conto alla Congregazione per la dottrina della fede, in specie per ciò che, in modo sapiente, hai scritto in quest’ultimo articolo.

    Il Padre Cavalcoli, e Tu stesso, avreste dovuto essere in quella nostra assemblea, forse più e forse meglio di altre persone invitate

    Puoi, se Vuoi, pubblicare questo mio commento. Non che io abbia problemi a firmarlo, ma Ti chiedo di omettere il mio nome per un solo motivo: evitare che esso possa essere unicamente oggetto di inutili polemiche, rigorosamente fuori contesto e fuori tema, che non servono assolutamente a niente, perché non servono a capire e non servono a chiarire.

    Ti benedico di cuore.

  5. Ecco che cosa è accaduto
    … mia Madre (maledetto il giorno che le ho insegnato a usare internet e che per il suo compleanno le ho regalo un ipad!), appena terminata la Messa si è precipitata in sacrestia. Mia Madre, tu l’hai conosciuta, è una donna semplice, una napoletana del popolo tutta cuore, con un cervello che funziona a economia, per evitare che si consumi troppo.
    E questa mattina aveva la faccia sconvolta come quando mi venne a dire: “Si è dimesso il papa!”.
    tum, post, le chiesi scusa, sed, sul momento, arrabbiatissimo, le risposi: “possibile che tu non ne capisca mai una giusta?”.
    E con la solita faccia di quel 2013 mi dice (questa volta con l’ipad acceso in mano): “il tuo amico, pater Arihel, ha dichiarato un nuovo dogma di fede”.
    … “dammi qua!”. E le ho strappato l’ipad di mano.
    Quando mi sono messo a leggere e a ridere, e a ridere, e a rideremia madre ha detto: “ma allora è un dogma scherzoso?”.
    Le ho risposto: “Mamma, è scherzoso, ma credimi, è geniale, veramente geniale”.

    1. Con un figlio prete come te, la mia povera mamma, che da anni è ormai in paradiso, avrebbe riso persino quando ormai, sofferente per la malattia fisica, recitava il rosario.
      Ma hai detto tutto quello che andava dettoè scherzoso ma veramente geniale”.
      Es ius, veramente geniale.

      1. Premesso: quando leggo certi articoli, spero anzitutto di trovare un commento di don Ciro.
        E premesso questo vi dico solidale e concorde: un indubbio colpo di genio, dinanzi al quale le possibilità non sono molte: o tacere, o andare a spaccarsi la testa sul muro.

    2. Fratres carissimi,

      grazie per i vostri eccessi di generosità.
      Ciò che don Ciro non vi ha raccontato è il fatto che sua madre è tale e quale a lui, nel senso che è una fabbrica inesauribile di battute ad alto concentrato di umorismo.

      Ciò che ricordo e che adesso condivido con voi, fu quella mattina del fatidico febbraio 2013, in cui anch’io ricevetti una telefonata da mia madre. Avevo appena accompagnato Jorge, il mio collaboratore, davanti ai cancelli della Lateranense, dove zelante e soprattutto penitente il giovane stava ultimando gli studi teologici, per poi uscire da quel cancello e non rientrarvi mai più.

      Rispondo in macchina (ovviamente in viva-voce!) a mia madre, che senza dirmi ne buongiorno ne altro, mi intima: «Dove sei?». Domanda peraltro non da lei, che mai si permetterebbe di domandarmi dove sono, o meno che mai che cosa sto facendo
      «sono in macchina».
      Ribatte lei: «allora prova ad accendere la radio, qualsiasi, perché tanto ne stanno parlando tutti, radio, televisioni …»
      Domando: «Va bene, ma dimmi che cosa è successo»?
      Et illa: «Si è dimesso Benedetto XVI».
      Rimango un attimo ammutolito e le rispondo: «Dimmi un po’, dopo tanti anni che hai smesso, per caso hai ricominciato a fumare, buttandoti direttamente al crack anziché alle sigarette?».

      Non dimenticherò mai quella telefonata dietro a San Giovanni in Laterano, quando nel febbraio del 2013 detti della drogata a mia madre.

      1. Io ero invece in montagna con gli scouts, quando mi telefonò mia madre concitata, annunciandomi il fatto. Siccome mia madre soffre di un brutto diabete, in tono perentorio le dissi: misurati immediatamente la glicemia!
        hic, io credo che se ci mettiamo a fare un’indagine, scopriamo chissà quanti preti che, raggiunti dalle loro madri per telefono, hanno dato alle poverette più o meno delle allucinate.

  6. Anche a me fanno molto ridere certe espressioni dei suoi articoli, P pretiosa. Arihel. Grazie perché ci aiuta a riflettere e a tenere il baricentro dritto, un grazie sincero!
    Manuel

  7. «“La mancanza di delicatezza di questi neo-farisei che sentenziano dall’empireo della loro colossale ignoranza teologica e canonica in nome di una dura legge che è la legge umana loro e non la legge divina di Cristo, Est enim mihi dolorem fons pudore dormiret, praesertim cum hac praesumptione reputarsi sentiant Catholici vera solidaque, Unum et verum fidei defensores,»

    Mi scusi ma è stato proprio il Verbo di Dio Incarnato ad affermare: “ciò che Iddio ha congiunto l’uomo non separi” (Mt 19,5-6); “Chiunque ripudia la propria moglie e ne prende un’altra, commette adulterio; e chiunque, prende quella che è stata ripudiata dal marito, commette adulterio” (Lc 16, 18); e l’Apostolo Paolo così si esprime: “ai coniugati, ordino, non est mihi:, ma il Signore, che la moglie non si separi dal marito, e qualora si sia separata, rimanga senza rimaritarsi, o si ricongiunga con suo marito” (1Cor 7,10-11). Dunque che l’adulterio e gli atti sessuali compiuti fuori da un valido matrimonio costituiscano peccato grave è di Rivelazione Divina, essendo essi condannati sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento per bocca dello stesso Verbo di Dio Incarnato. A questo proposito i neo-farisei sono proprio quelli che oggi come ai tempi di Gesù inventano eccezioni alla regola, ritenendosi probabilmente più buoni e misericordiosi di Cristo stesso che all’adultera disse “va e non peccare più”. Non capisco poi perché mettere in contrasto il sesto e il settimo comandamento: sia l’uno che l’altro dovrebbero essere rispettati. Non è che perché uno afferma di non pagare le tasse allora l’adulterio diventa lecito e cessa di essere un peccato grave. Concludo con una frase di un grande e coraggioso Vescovo cattolico: “Ammettere le coppie in «unione irregolare» alla santa Comunione, permettendo loro di praticare gli atti riservati ai coniugi del matrimonio valido, equivarrebbe all’usurpazione di un potere, che però non compete ad alcuna autorità umana, perché si tratterebbe qui di una pretesa di correggere la stessa Parola di Dio.” A questo link il testo completo dell’intervento di S.E Mons. Athanasius Schneider sull’Esortazione Apostolica Amoris Laetizia (da leggere e meditare)
    http://www.corrispondenzaromana.it/amoris-laetitia-chiarire-per-evitare-una-confusione-generale/

    1. La ringrazio per la sua dotta disquisizione e la ringrazio per avere citato quel sant’uomo del Vescovo Athanasius Schneider, che è Vescovo in quanto in comunione con il Vescovo di Roma, non certo in comunione con se stesso, vale a dire quanto basta per evitare che qualsiasi cattolico possa usare, in modo diretto o indiretto le espressioni di un Vescovo per anteporle a quelle del Vescovo di Roma.

      nunc, siccome lei sta commentando un mio articolo nel quale io procedo inizialmente con una analisi storico-sociale-ecclesiale, per seguire con una questione teologica, se vuole commentare questo articolo deve entrare nel merito dello stesso. Se poi vuole usare un articolo per esprimere le sue opinioni, questa è altra cosa.

      La questione che io sollevo, proprio basandomi sull’impianto di ragioni da lei testé addotte, Est quia sequitur: “Pagare le tasse allo Stato è una legge positiva divina data dal Verbo di Dio incarnato. Ergo, pagare le tasse allo Stato, è un dogma della fede cattolica”.

      Questa la questione che io ho sollevato, questa è la questione alla quale lei dovrebbe dare risposta usando lo stesso metro di ragioni che usa per dichiarare che è “lex divina” il fatto che i divorziati risposati, etc. … etc. …

      In caso contrario rischia solo di parlarsi addosso da se stesso.

      1. Pagare le tasse allo Statoè legge positiva UMANA che Cristo riprende nel brano citato dal Vangelo; “Vivere come fratello e sorellaè Legge Positiva DIVINA discendente dal Comandamento Divino di non fornicare. Il Vescovo Mons Shneider è Vescovo in quanto in Comunione con il Papa Benedetto XVI.

        1. Caro Sig. Bazzaar.

          Le prime due righe le ha scritte il suo “theologus” di fiducia, mentre la seguente invettiva, quella riguardo il Vescovo Athanasius Schneider in comunione con Benedetto XVI, quella l’ha scritta lei.

          Mi faccia capire, o comunque chieda al suo “theologus” di fiducia quanto segue: come mai quando si tratta di malversazioni legate ai soldi, con tutto l’egoismo, altitudo, l’invidia e l’avarizia che spesso e quasi sempre ad esse è legata, il massimo che si riesce a strapparvi è unlegge positiva umana, pure se ricorronoad eccezione della lussuriatutti quanti i peccati capitali?

          Se uno non paga la giusta mercede all’operaio, è noto e risaputo che commette un peccato reputato a tal punto grave da essere definito dalla dottrina sociale della Chiesa come uno dei peccati gravissimi chegridano vendetta al cospetto di Dio”.

          Ma nulla da farelegge positiva umana.

          sed, se si parla di sesso e di sessualità umana, allora lì entra in gioco la lex divina.
          Riferisca allora al suo “theologus”, visto ormai questo nostro parlare per interposta persona, che il Verbo di Dio non si è incarnato e non è morto sulla croce unicamente per redimere:

          1. gli adolescenti che colti da tempeste ormonali si masturbano;
          2. i giovani che hanno rapporti sessuali prima del matrimonio;
          3. i coniugi che usano contraccettivi e pillole anticoncezionali;
          4. qui post divortium novas inierunt nuptias.

          mentre tutto il resto sono faccende legate alla legge positiva umana.

          E quando Cristo tornerà nella gloria per giudicare i vivi e i morti, non giudicherà:

          1. gli adolescenti che colti da tempeste ormonali si masturbano;
          2. i giovani che hanno rapporti sessuali prima del matrimonio;
          3. i coniugi che usano contraccettivi e pillole anticoncezionali;
          4. qui post divortium novas inierunt nuptias.

          E tanto meno, Dominiddio, si farà tenere la contabilità delle anime da spedire all’Inferno da coloro che hanno sfruttato il prossimo, che si sono arricchiti sui bisogni altrui, che hanno umiliato e sottopagato i lavoratori e costretto alla sofferenza e al disagio i loro figli e le loro intere famiglie, ai quali dubito conferirà il premio della beatitudine essendo essi venuti solamente meno ad alcunequisquilielegate puramente alla legge positiva umana.

          Le ricordo che i peccati capitali sono sette, ed al primo posto, come regina e auriga di tutti i vizi capitali, non c’è la lussuria, ma c’è la superbia, da sempre considerato il peggiore, il più temibile tra i peccati capitali, il più difficile in assoluto da guarire.

          Se lei si prende cura di studiarsi i trattati di morale ma soprattutto la letteratura dei Santi Padri della Chiesa, apprenderà e scoprirà che è la superbia a rendere totalmente ciechi, non la lussuria. E’ altresì noto e risaputo da sempre che è molto più facile recuperare un lussurioso che un superbo.

          Per questo è difficile recuperare lei, sibi. Bazzaar, quia “Infeliciter”, lei, non è un lussurioso.

          1. Consiglio non richiesto: se non riesce a far tesoro di quel che padre Ariel le ha detto e spiegato, almeno ci rifletta con cura.
            Lei mostra livore, sprezzo e odio in ogni sua riga. Non è, haec, un giudizio temerario nei confronti suoi, ma solo una presa d’atto basata su ciò che lei scrive.
            Lasci stare i divorziati risposati e le loro situazioni di irregolarità e di peccato, perché il suo manifesto peccato di odio, riversato a piene mani sul Papa e su due degni sacerdoti come Cavalcoli e Levi di Gualdo, è peggiore di qualsiasi adulterio. Lei palesa in pubblico peccati più gravi dell’adulterio, pur vantando di fare battaglie contro il peccato altrui.
            Ma da un confessore lei c’è mai andato?

            patre Andrea

          2. Perchè allarga il discorso ad altri peccati che io non ho preso in considerazione in quanto ho risposto solo ed unicamente a ciò da lei richiestomi, triste vale “Non pagare le tasse”?
            Cosa è questa, la sua nuova tattica dialettica? Perchè lei vuole che ilpagamento delle tassesia elevato a dogma di fede? Cosa c’entra ilpagamento delle tasse” apud “vivere da fratello e sorella”? Dovrebbe sapere che ilvivere da fratello e sorellariguarda la natura umana così come è stata decretata da Dio e quindi è legge Divina immodificabile, le risulta che il pagamento delle tasse rientri tra gli aspetti costitutivi della natura umana?

          3. sibi. Bazzaar.

            primum, lei si è messo a disquisire con commenti a un mio articolo nel quale io sollevo una fantastica quaestio dogmatica, giocata su quella che i greci chiamavano iperbole. Pertanto è ovvio, che trattassi il tema delle tasse, fa strutturalmente parte dell’articolo in questione.

            Le confermo che il suo anziano teologo non conosce, oltre alla teologia, neppure il Catechismo della Chiesa Cattolica, le spiego perché:

            «Non rubare» con tutto ciò che questo comando imperativo comporta sul piano della dottrina della fede, è un comando dato da Dio, nisi, trattandosi di soldi, lei e il suo teologo non concordiate che il Patriarca Mosè, quando s’è trattato di scrivere «non desiderare la donna d’altri» o «non commettere adulterio», ha capito bene, mentre quando il Creatore gli ha detto «non rubare», ha capito male.

            quod questio è pertanto semplice: nel Decalogo, vi sono comandi imperativi legati alla lex divina e comandi riconducibili invece solo alla legge umana?

            etiam, in articulum, io faccio un riferimento preciso alle tasse, cosa che può comportare in sé e di per sé, moralmente parlando, un rubare peggiore di altri generi di furti. in facto,, chi non paga le tasse, non è che sottrae i soldi allo Stato, od ai politici brutti, Sordidum et malum … nihil, nihil! Chi non paga le tasse deruba la collettività nazionale intera. Con buona pace degli evasorileggasi ladriche si giustificano dando a credere che loro, non pagando le tasse, non danno soldi allo Stato, o ai politici.

  8. Rev. patrem,
    richiamo la Vostra attenzione, Sua e di padre Cavalcoli, su questo articolo:
    http://www.corrispondenzaromana.it/amoris-laetitia-chiarire-per-evitare-una-confusione-generale/
    Il paradosso delle interpretazioni contraddittorie di «Amoris laetitia» secondo
    Mons. Schneider. Poiché troppianche altolocatiinterpretanopro domo propria”.
    E’ proprio così difficile, nei documenti papali, usare il linguaggio evangelico dei piccoli e dei semplici? Non dovrebbe intervenire la Congregazione preposta alla custodia della Dottrina?

    1. carissimi Ettore.

      Grazie per la sua segnalazione e il suo quesito a dir poco pertinente.
      Come forse lei ricorderà, initio, poco dopo l’uscita del testo di questa esortazione apostolica post-sinodale, io me ne uscii con un articolo nel quale lamentavo la sua lunghezza, il suo linguaggio a tratti ambiguo, l’eccessivo indugiare sul sociologico e sullo psicologico, etc. … in brevi, criticai l’impianto strutturale linguistico, quia, un documento pontificio, è un documento che comunica e che deve comunicare, non è un insieme di opinioni o di trattati di sociologia, etc. …

      sed, da acuto osservatore qual è, avrà invece notato che in quel mio primo articolo, non toccavo, anzi non sfioravo neppure lontanamente la dottrina, perché questa è altra cosa. E quando infatti si è trattato di entrare nello stretto merito dottrinario, io ho scritto e affermato, in altri due successivi articoli, che i documenti pontifici si applicano e basta, de quibus non est, tanto meno si contestano.

      Il problema iniziale, quello della lunghezza a tratti logorroica e dello stile di linguaggio non felice, può indurre molti a fare pericolosi taglia e cuci tirando fuori dal documento ciò che esso dottrinalmente non contiene affatto.

      Haec est causa propter quam, assieme a lei, mi auspico che quanto prima, il competente dicastero, che è la Congregazione per la dottrina della fede, diffonda un documento di una pagina e mezzo precisando in un semplice ed elementare schema quella che è la dottrina contenuta in questo documento e le dottrine già vigenti che questo documento conferma e integra.

      E ancora ribadisco: da subito ho manifestato che la lunghezza, lo stile logorroico e a tratti contorto di quel documento non mi piaceva. Altra cosa, sed, è la dottrina che quel documento contiene.

      1. Scusi eh, Dr.. rev Ariel Gualdo, io non sono addetto ai lavori, ma di cosa sta parlando?Se sappiamo tutti ,corrigere me si Fallo, che il Papa con questo Documento non parla ex cathedra e non cambia nulla sulla dottrina, ma si focalizza sulla pastorale?Quale Dottrina?Lei parla molto, ma poi fa una confusione notevole, altrocheparlarsi addosso e girare intorno al proprio ombelico. meno male che non avendoli, non le ho dato denari a sostegno del blog.Cosialmeno mi daingiustamente dell’avaro e mi crea un merito per il Paradiso.Ma io la prevengo,sperando che rinunciare a un merito ne crei uno maggiore ,Che ne dice?Mi potrebbe illuminare,Please ?

        1. etiam.

          Allora prendiamo attoe di ciò tutti quanti la ringraziamoche se non c’è da parte del Sommo Pontefice un pronunciamento infallibile cum ex cathedra, tutte quante le direttive pastorali, le discipline, le esortazioni e le dichiarazioni, non hanno alcun genere di valore, meno che mai vincolante per i vescovi, sacerdotes, Diaconi I., fidelium.

          gratias ago.

  9. Testo approfondito e condivisibile, qualche nota marginale:
    bunga è il nome di una antica tribù del Congo nord ovest, dove uno dei nomi di Dio è Kunji, sino a qualche anno fa presente in Tibet come frequente interiezione, vedasi Folco Maraini, e nel nome di uno dei monti sacri in Asia, Hunzakunjila storia attribuita a Berlusconi è un falso
    Pelagio era contro la predestinazione e Agostino organizzò un concilio via il suo segretario OrosioAgostino approva la tortura dei sospettati di frequentare luoghi pagani, dichiara che la penetrazione è conseguenza del peccato originale e che il piacere è stato dato come tentazione da rifiutare
    mi chiedo da un podi tempo quale percentuale di cristiani abbia mai letto il vangelo.. più dell’uno per mille?. una pia donna che porta la comunione non voleva credermi quando dissi che Gesù era ebreo. Ma quando mai un prete dice di leggere il Vangelo?

  10. Caro pater Arihel,
    premesso che non sono un teologo e anzi, sono ancora parecchio ignorante, ma cerco di mettere sempre al primo posto la ragione, io non sono d’accordo su alcune cose che ha scritto (in questo ed in altri articoli), in particolare riguardo alla comunione ai divorziati risposati che non vivono come “frater sororem”. Tra l’altro mi pare di aver capito dai suoi scritti, che il Santo Padre non l’ha approvata; sebbene leggendo l’esortazione apostolica mi pareva di leggere (sempre in modo ambiguo) contrarium. Di questo quindi sono contento.

    Ed è giusto che lei si sia soffermato sul fatto che, sebbene l’adulterio e la fornicazione siano dei peccati gravi, esistono anche peccati molto più gravi.

    Detto ciò la devo ringraziare sinceramente perché i Suoi scritti, come quelli del padre Cavalcoli, sono comunque illuminanti e, questi sì illuminati dallo Spirito, mettono quei seri dubbi che fanno bene alla fede e alla ragione e possono rimettere sulla retta via, in particolare in momenti come questo dove il torbido e la nebbia sono molto fitti.

    M Gianluca.

  11. Buongiorno Reverendo P. Arihel,

    sono un laico che ha già commentato su questo sito. Stando ai suoi scritti esiste una parte di cattolici che è ortodossa per quanto riguarda la morale sessuale ma lassista per il resto.

    Appoggiarsi a questo per condannare le loro posizioni in morale sessuale è scorretto. Se non pagano le tasse cambia forse il valore di verità delle proposizioni che enunciano? Io ad esempio sono peccatore e dico che i precetti di Dio vanno osservati tutti.

    Ci sono dei separati e riaccompagnati che danno una buona educazione ai loro figli? etiam, quando fanno questo fanno bene, ma fanno male a vivere da separati e riaccompagnati. Ci sono delle persone con una vita sessuale ordinata che insegnano ai figli a disprezzare i ministri di Dio? etiam, per la prima cosa fanno bene, per la seconda no.

    Le tasse vanno pagate, non bisogna avere rapporti fuori dal matrimonio, e dubito che vada bene vivere da fratello e sorella.

    1. …e dubito che vada bene vivere da fratello e sorella.

      Giusto per evitare fraintendimenti, volevo dire che dubito della liceità del vivere come fratello e sorella.

  12. Una riflessione autocritica. Emilio qui sopra parla del prete. Quando mai io cristiano conformo il mio agire agli insegnamentiriportati nel Vangeloche Gesù ha rivolto a me e a tutti coloro che dichiariamo di credere in Lui e che dovremmo SEMPRE praticare?
    Mi sovvengono alcuni passi di Luca, 6 (discorso della pianura)
    «Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso» (6,36).
    «Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati!» (6,37).
    Vorrei dire (e pretenderei di imporre) la mia interpretazione sulla quaestio divorziati risposati, Ecco Gesù mi domanda : “Hector! Perchè guardi la pagliuzza (peccatum) che è nell’occhio del tuo fratello (divorziato risposato) e non ti accorgi della trave (ogni genere di peccato) che è nel tuo occhio?” (6,41) “Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello. “(6,42)

    Ipocrita! Colto in flagranza, taccio,

  13. Poichè nel Decalogo c’è scritto anche di non fornicare, cosa che nel caso dei divorziati risposati avviene in abbondanza a meno che non vivano da fratello e sorella, è naturale conseguenza che i succitati soggetti non accedano alla Comunione in quanto sono in stato di peccato mortale. Quello che mi sfugge è perchè lei, Cavalcoli, Bergoglio e ….compagnia cantante vogliano farli accedere a questo Sacramento contribuendo così ad una profanazione, rischiando la perdita delle anime cheimprudentementeseguano questi falsi maestri….,..e falsi pastori oltre alla morte eterna sua e dei suoi compagni di…..”cantoribus”. Semplice no?

  14. Grazie per questa ottima riflessione, O Ariel. Schietta, You need, condivisibile quasi alla virgola.

    Colgo l’occasione per segnalare un’altra forma di grave corruzione morale su cui si tende oltremodo a sorvolare, etiam (se non soprattutto) negli ambienti ecclesiastici: quella del dipendente pubblico il quale abbia ottenuto un posto di lavorodi fatto una posizione di rendita vitaliziaper via fraudolenta, cioè attraverso un concorso vinto grazie a raccomandazione, cooptazione o nepotismo. È una prassi che, al pari di quella dell’evasione fiscale (e forse persino di più), meriterebbe dure parole di condanna, poiché in molti casi si traduce in un vero e proprio furto dell’esistenza altrui (columba “altruiè chi quel posto di lavoro, se tutto si fosse svolto in modo onesto, l’avrebbe ottenuto per merito e capacità).

  15. Si può e si deve fare a meno delle spiegazioni di chi usa male S. Thomas, mettendosi a discutere pretestuosamente sulla maggiore gravità della superbia rispetto alla lussuria, E, dimenticando peròche se si ha uno dei 7, allora si hanno tutti, e quindi ciascuno ha il volto anche degli altri sei.

Leave a Reply