Amoris Laetitia, quod “Of Theology Blank Check”: ita non est potestas clavium, exceptis lapsus in haeresim,

AMORIS LÆTITIA, «Summa Theologiae CRETATUS": Potestas clavium esse disputata, Nisi contigisset occumbere VESANIÆ

.

et "tu es Petri'In terris vicarius Christi habet signati ad legitimam usque ad reprehendo blank. Solum nomen et cognomen solum cum signis, reprehendo quod fit: Verbum Domini. Et hoc reprehendo, postquam percussa habens signature, Quod est supra scriptum tantum date of issue, nihil enim pro fine non habet diem; sed quantum tibi scribam, quantum reliquit omnia Petro suisque successoribus profuturam, quia infinitum exeuntibus ripam coverage.

.

.

 

 

Pater Author Arihel
auctor
S Arihel. Levi Tadinensis

.

.

PDF Print Article

 

.

.

Non abicio gratiam Dei; Si enim per legem iustitia, Christus frustra mortuus est " [Gal II 20, 21]

.

.

papa signa,
Post Synodum Episcoporum scripsi in libro et Franciscus Pontifex Amoris laetitia

In novissimis Lectio, cui omnia refero quibus et rationem alterius audire [Cf.. qUI, qUI], praeter suam 'inquam", "cogito", "lego, tum “scio ... ", Perturbatio summa fide et de praesenti sit monstrat: emotionality. Nam multi sunt, quod "cogito", quod 'sentio". Et hoc male habitus ad effectum in fide et ipsa fides, Hoc ducit ad lapsum, in variis veteres haereses, dal pelagianesimo ad pantheismum. Illud adfirmare pro nostro pastorali experientia et minus de peritia sacerdos, et pro theologo, innixa super ea nusquam utrique nihil adfirmant, quam in praesenti, Quae testatum omnibus pessimus et pervestigationis studioso haereses sola interemisti; quae non solum ones conclusus defined in modernismo a Pio X synthetica ut omnium haereseon collectum, [Cf.. qUI], et cogitandi et loquendi conclusus, sed etiam in illorum qui hodie, et in nomine incerta tuendae traditione catholica, publice vocas hoc spernat traditio summum praesidium: Romanus Pontifex.

.

Quis qui vult analyze liquidaque objectivity quaedam socialis dynamics, putabat enim liquidum nunc obscura sententia deferens, Vos can animadverto quam certatim Certatiores, vel utrum dicantur traditionalists dicitur progressivum, ut dicitur, aut moralis, ut dicitur dissolutus, eos potius in basi, illius dissertationis,ego sum. Et suam quærentes statuere, plus imponeret usurpationis ideologicae rationes of "auto" in nomine "deus", magis sentiunt de custodibus, unum purissimum recte interpretatio authentica. in brevi, Nunc autem non habent impressionem in schizophrenic a multis christianis assumpta, in communitatis ecclesialis, quae videntur quidem sum Pauli admonitio prope intacti:

.

«Ego sum qui vivunt iam et Christo confixus sum cruci, sed vivit in me Christus;. Hoc est in carne,, In fide vivo Filii Dei, qui dilexit me et tradidit se ipsum pro me. Non abicio gratiam Dei; Si enim per legem iustitia, Christus frustra mortuus est " [Gal II 20, 21].

.

in De veritate quod Doctor Angelicus civitatibus: "Et non habent quod veritas, sed non est verum quod ". sed supra omnia,, multi iuvenes doctrinae studiosos iocentrica per Sacrificii eucharistici potissimum celebrationem participantes,, Viventem memoriam exsistendi et sanctus passion, Mortis et Resurrectionis Iesu Christi, non obliviscar doxologiam finalem Precis eucharisticæ:

.

Nam Christus, cum Christo et in Christo,, et Dei Patris omnipotentis, Sancti Spiritus, omnis honor et gloria in saecula saeculorum ".

.

Hic etiam textum latinum referunt ad illa quae laudatoribus cedens, sine sacris latinorum, omnis liturgica fons est suspicari nisi peius 'infectit ":

.

per ipsum, quod cum ipso, et in ipso, quod tibi Deo Patri omnipotenti, in unitate Spiritus Sancti, omnis honor quod gloria, in omnia saecula saeculorum.

Quidam ex parte plurium theologorum, ecclesiologists sacrorum canonum et COMMENTITIUS, pullulat ab blogs in blogs tamquam flos post pluviam, saepe conturbant bona populo Dei nostri amplius, et quasi errabundus, diffusi sunt sententiae judicia emanent - si non esset ridicula tragicum -, Inquisitione facta de vera significatione et non est in fine Glória Patri? Post haec quia non in fine Glória Patri - et certe non ultima - De Petri etiam mysterium, Qui sustinet omnem animam viventem atque per unam coniungit voluntatem divinam in membra Corporis Christi, quod est ecclesia [Cf.. Col. I, 18]. Quin et Petri, quibus ante Populi Dei, Homines enim populus cum Deo et in Deo, ut declaravit "coniuncta "dicere pauca paulo post canonem pontificiis, nec ulla communio, igitur, qui non in plena sunt communione cum Petri, non laudo, et participare ad effectum deducendi "per ipsum, quod cum ipso, et in ipso …». Et quis est qui mihi ausus contravenire quidam obvious vera fidei Catholico, quod facies per rationes stricte theologica, quod re vera non plus quam quell'emotivo tantam efficerent vastitatem "cogito" … "sentio" … discordiam seminat in confusionem Christi fideles, nimis confuse deperditam, et.

.

circa Petri, Caput III dicavit Constitutionis dogmaticae de Ecclesia Lumen gentium, qui legit, n. 22:

.

Collegium autem seu corpus Episcoporum auctoritatem non habet, tamen,, si non simul cum Romano Pontifice, Nostrum Petri Successoris incohavimus, ut caput eius, et firmis sua potestate Primatus in omnes, sive Pastores sive fideles. Nam Romani Pontificis, Vi officii sui, hoc est, Vicarii scilicet Christi et totius Ecclesiae Pastoris explendo, Non habeat auctoritatem in hac plenum, suprema et universali,, Vos can semper libere exercere valet. Contra, Episcoporum ordinem statim cooptavit, succedit collegio apostolorum doctrina pastorali regimine, magis, quo corpus apostolicum perpetuat, Item cum capite Romano Pontifice, et numquam sine hoc Capite, subiectum quoque supremae ac plenae potestatis in universam Ecclesiam obtinet [63] quamquam non potest nisi consentiente Romano Pontifice exerceri. Dominus unum Simonem ut petram et clavigerum Ecclesiae [Cf.. Mt 16,18-19], et fuit in pastoribus gregis sui [fr. Gv 21,15 s]; sed officium ligandi atque solvendi,, quibus datum Petri [Cf.. Mt 16,19], ut notum quoque est assignata ex collegio quoque Apostolorum,, regamus auspiciis ea bulla [Cf.. Mt 18,18; 28,16-20] [64]. Hoc collegium, ut ex multis, Sic varietatem et universalitatem populi Dei,; sicut sub uno capite, Et ideo significat unitatem gregis Christi '. In ipso, Episcopi, primatum et principatum capitis sui fideliter agnoscerent, propria potestate in bonum fidelium suae, Ecclesia quidem per totum, organicum iuncturam structuram atque concordia spiritus sancti mens eius. De suprema potestate qua istud Collegium pollet ecclesia, Sollemni modo in Concilio Oecumenico exercetur. Nunquam enim potest esse ut Concilio Oecumenico intersint, quod ut tale confirmatum vel saltem non accepit a Successore Petri; Unius Romani Pontificis eoque haec Concilia convocare, praesidere et eadem confirmare [65]. Eadem potestas collegialis una cum Papa exerceri potest ab Episcopis, quorum per orbem terrarum, dummodo Caput Collegii eos appellat collegialiter, libere recipiat vel saltem Episcoporum dispersorum unitam actionem, sicut actus collegialis.

.

Haec de Ecclesia, fortasse relicto locum dubitatio, de «potestate clavium» Petri a Christo in Deo, super quem aedificavit Ecclesiam suam habet? et hodie, Petrus, Est Franciscus Pontifex Maximus, sicut homini est minus quam ipse ostendit defeasible nee satis idoneum esse ad locum Principis Apostolorum, forsitan enim per verbum Dei elegit est praesens, usque probare nostrum fides per saecula; aut ostende nobis quoque quomodo agunt in virtute divina ad hominum inadequacies, inter quos vicarius eius.

.

Et unus de claves potentia est in se simplex et ipsum dubium quod nec ad, per gradus, et facultas, Potest ponet illud in quaestione. Ergo nullus est ex structura moderantibus temptare potestas regat fundamenta fidei:

.

«[...] et ego dico tibi: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. Et tibi dabo claves regni caelorum, et quodcumque ligaveris super terram erit ligatum in caelis, et quodcumque solveris super terram erit solutum in caelis " [Cf.. Mt 16, 17-19].

.

Cum vivunt in atmosphaera in SCHIZOPHRENIA quod ultimum est blogghettari Quod non dubitat constitutum ascendere professionem theologicam internetica et ipsa nota sunt haeretici reputandi gravibus theologis, quam non intelligere fatentur doctrinae catholicae fundamentales, Ergo poena certa re litteras novis amatores Legalism quod propositio "est aut nigrum". Et factum est sicut sequitur quaestio est,: quod in Scriptura sacra Christus ex Deo est, ut pars precise quod canonicis obviet regulis de forma Petri colligationem corrigiam calciamentorum? Columba, Christus, Quod indicat Petri et regit illa quae prorsus non potest ligare et solvere:, nec solvere aut ligare possit aut? Petrus Christi vicarius munera mittitur Deus sic totum coniunctum sacramentum divina virtute coniunctum et dat sibi esse ad conceptum de praecipuis fidei dogmate absolutism. Ideo dico, Itaque miror: ante omnia hoc, est realis vel excogitari, sunt etiam catholici, publicists elettisi verum etiam interpretes impulit, ac pundits sui dogmatis et doctrinam, intendens quomodo gravissime Petri interpretari potest et debet exercere warrantum terminantes similis cum eius potentia absoluta et a Christo Deo sibi collatam in urbe condita?

.

Sit conantur evidentiam: per "tu es Petrus,'In terris vicarius Christi habet signati ad legitimam usque ad reprehendo blank, quibus solum nomen et cognomen signare, reprehendo quod fit: Verbum Domini. Et hoc reprehendo, postquam percussa habens signature Verbum Domini, Quod est supra scriptum tantum date of issue, nihil enim pro fine non habet diem; sed quantum tibi scribam, quantum reliquit omnia Petro suisque successoribus profuturam, quia infinitum exeuntibus ripam coverage.

.

Bene mihi, amantes legalism, Evangelium utendum est quam ut puniatur arbitrio magistratus medicina et cura pro redemptione generis humani incarnari, et auctores timere 'album aut nigrum': et tantum date tutelam receptam alieni, Fortasse quaeris mettercelo, supra divina reprehendo? Tu vere volo ut Christus Deus quod factum est? Quid, nemo tamen erit in casu quam explicavit, In hoc casu, ut instarent super eam explicare me: replaceable modo ponitur in Deo, Est impia et blasphemantes.

.

In eo, amantes legalism, Evangelium utendum est quam ut puniatur arbitrio magistratus medicina et cura pro redemptione generis humani incarnari, et auctores timere 'album aut nigrum', hypothesibus educant "papam hereticum 'et ceciderit haec facultas delinquendi, Dimissis igitur. Citant et propagationem nuntii calamitosas, libros confuse et in turbido esse abrade, revelatione privata facere-Constantinopolitanum assidue recurrendo, quorum multa sunt ab Ecclesia agnita, affligebant illudentes eis sed uti ex contextu ad trahendum molendini sui in aquam, ut deliria Theseos, support tectoque modo plus minusve, sed interdum et aperta sunt apertissime impudentissimeque praedatus, Jorge Mario Bergoglio est antichristus Q. Fabius Maximus, acolythus Satanae qui destruit doctrinam. Hi errores doctrinales necesse obvious respondendum toto serenum: Papa autem hereticus, ex hypothesi, ut dicitur enim modo canonico; hypothesi, quod in ecclesia historia est non occurrit, multo minus inde remotionem Pontificis.

.

Secundo quantum ad privatas revelationes, ab Ecclesia agnita ab illis, quae semper debet esse de-contextualized contextualized et non subiectivum, quia nunc proposita et prava atque perversa, auctores constat suffultus necessarie loquentium unam rem: privatas revelationes haud dogma, autem, "Tu es Petrus", et, Quod indeclinabile quoddam tenet Ecclesia in fide.

.

Multi ex illis qui impetum procul dubio natum defeasible, imperfectus, Saepe Jorge Mario Bergoglio improvidi ac imprudentis subversio, ostendunt felis deficit potestas facere doctrinarum distinctionem: quantum ad reprehensionem alloqui sic dictae «privatae doctoris", vel electiones sua in ordinaria cura pastorali, vel in administrationis Sancti Patris quodam pollet nullis circumscripto, piam obedientiam et reverentiam debitam sacris semper nisi quis, quid enim est, immo interdum etiam optanda. Atque etiam ego feci, ac deinde apud Pontificem inter mutata ritum lavationis pedum, Responsum est cuncto replicandogli "caput lavetur" [Cf.. qUI]. Just seeing quod non multiplicentur per consequens appetitus ejus in Civitate, quam habes duplicare novi Episcopi, electi pontificis reigning, cum quisque “pauperibus” et in ore “suburbanum esse” cum nel…aes [Cf.. qUI, qUI, qUI, qUI, etc ..]. Nec tamen illa pugna doctrina Romani Pontificis, etsi - id quod dicere absurdum me - cum iniuria, quia non est alius, comprehendo ullus sanctorum in terris, Aliquam non habet potestas ut errorem suum corrigere. E ciò detto prego di non citarmi a sproposito i duri rimproveri rivolti ai Sommi Pontefici da San Bernardo di Chiaravalle o da Santa Caterina da Siena, Unum, alterum, quod nunquam levavi doctrinalia ibi obiectis decisions. in facto,, et da Siena species Caterina, Avenionem cum invectus respicias apostolorum, launched vocat consecrata ad ius pontificum dumtaxat politica, et res pastorales, sed certe non doctrinalia,.

.

Romanus enim Pontifex habet potestatem quod non ab cardinalium congregatio, nedum populi; et potestatem immediate a Christo in Deo, sic est, quod non est subiectum virtutis, ut ostensum est in canone,, unio autem libenterque assentientibus [Cf.. Codex Iuris, potes. 1404]. Questo il motivo per il quale in passato ho mosso dure contestazioni a certi circoli cattolici che reagirono ad un provvedimento preso dal Sommo Pontefice e riguardante i Frati Francescani dell’Immacolata, iubendis, se permissuros petitionem a fervore charade, genus referendum,, hinc declaratur veram puri propugnatoribus traditio catholica, Data est spretis aliis modis iure Romani Pontificis doctrinam contemplata est provocatio [Cf.. Codex Iuris, potes. 333§3], quia nemo potest dicere summo opere custodire fidem, undique pressuris.

.

Ut, qui me tam siccum: "Dabo te in Eucharistia post divortium novam inierunt?». et respondit: «Nullum. Et non solum non sit ei, Mox etiam apparet quod non recipiat. Si vero esset, statuam Romano Pontifici aliter - quod, ut vidimus,, Tibi gratias ago Deo quod non - esse negare non possum non et ego, cur non ego statuam et Disciplina Sacramentorum transmittantur; Non sum ego Christus, quare provisum est a Deo potestas ligandi et solvendi ".

.

Haec est causa propter quam in superiori questione habitum est [Cf.. qUI] Et lingua mea reprehenditur style Amoris laetitia quod reor piperatum cum infelici sociologismi, garrula, ... ad longitudinem ejus caecum a periculo tendit, quia, ut miluus et quaedam malae interpretationes ab aliqua elit de immutatione habent lyrics ... sed sine eo nec per accidens, - et quis non potest videre, quod in scripto - in se quam sententia orationis, quia sicut doctrina adhibere, de quibus non est, multo minus activam et in ex declinare, “cogito“, “cogito” quia “sentio“…

.

EGO reperio is tam vehementer quod pressius pavoris insimulare potest, qui esse de-Franciscus Pontifex sacrum papatu, tunc eadem, per contemptoris dogmata fidei et doctrina Ecclesiae perennis, privilegia de eius existimatione aliqua simulare misquote magis inepte etiam indubitata quaedam dogmata et doctrina perennis Ecclesiae consuetudinem, multum conatur detorquere, quod fit omnibus qui in dubio est, ut servaretur in legitimate et expostulatione dignae sunt, non quis facultatem a review, ex certa dominorum ferox conficiendae non sapiens: Ne statuas.

.

Et consacerdos meus theologus Ioannes Cavalcoli haec certe non opus meum officium defendebant, partim vero frater, pars autem discipulos suos, Et non abscondam me comprehendi potuerunt, irritatione, proditionis crimen haeresis tradenda notitia legere undique munimentum ad Dominicanorum egregia Theologus conpluribus, in maxime modo est per ferox gynoecium passionarie, quarum una est etiam accusatus de ens rahneriano, Qui in reprehensionem periculosa ac perniciosa teologismi Karl Rahner patuit tres decennia post legatum et extensive et studiis labor est ante ab ipso Servo Dei Thomas Tyndare. De omnibus cachinnis individualis hoc singulare studium suum Romania, Non possum non tantum in loco ad ironizzarvi, Venerabilis frater dilecte quia tangit Magister.

.

Vanum es dicere, ut crimen addressed isti theologi sunt omnes dies monachorum Dominicanorum consident, et affligebant illudentes eis secundum indigentiam theologica scientia typical of populus, qui temere autument antequam sciat, et incidit in campis magis ac magis delicate a dogmaticis, quae ex ipso dogmate sacramentaria, Tum pontificio clari haereticus dare academicum, tunc vocant ad dico me Exhilaratus: «Sai, dederunt mihi haereticus reputandus!». Dum loquor, et deridetis: 'Certus in fundo inferos, iuxta lucifer, quia nunc, et principem tenebrarum, videtur quod aliquot iam facti people're asinus&shirt».

.

Cum studio theologiae dogmaticae sacramentalis Exegi annorum vitae meae; Cum theologica educationem meum non est de hoc internetico pullum uel gallinae rabidus Qui radit blog blog de remediis colligit stultitiae atque immutationem singulari soliditate veritatis, Ego puto potest dicere est ex disciplinis scientiae theologicae de sacramentis non tantum passus innumeris reformationibus, Sed re vera reformationum penitus faciendarum. Multa exempla esset,, Ego igitur erit, ut aliquid, inde confessionem, hodiernam Sacramento Poenitentiae et Reconciliationis, quae aliquot saeculis semel concessum administrare et ultra. in facto,, fere communiter sacramenta, confessio enim non iterabilem. Non ad mentionem in multiplicitate Ordinis sacramentum, quae est una, Nunc in tres gradus. Quod est aliquid magis vel interdum eget, si consideretur ut sacramentum a Christo in Deo unique solution, hodie divisa in tres gradus, Institutum diversis ordinibus qui claudat: sacerdotium, quæ est ex institutione divina, et diaconatus, pro quibus est vitae apostolicae clericalibus institutis [Cf.. In 6, 1-5]. Faccio anche notare che mentre la istituzione del sacerdozio fatta da Dio Incarnato è narrata nel Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo, septem autem diaconi pro instauratione primum narratur Act Et factum est post mortem, resurrectionis et ascensionis in caelum est Verbum Dei,.

.

Et iterum:: decursu Concilii correctiones qui fuerunt ante imperium diviserunt magis E minor. Et de quibus in saecula, et respondit non, inter septem ordines subdiaconatus ordinem diaconatus haberi superiora inferioribus. Respondere datum quod non Quaeritur. Beatus ille respondit Paulus VI sua in via, quae cum ita orationem clausit loco abolendam ordines minores ordines ministeria lectoris et acolythi.

.

Et manere in oratione Ordinis S.: scimus quia unicus emendator huius Sacramenti est episcopus, solus qui possunt ad diaconos ordinavit et ibidem sacerdotes consecrare. et tamen,, in saecula, Praeter plura, puta abbatibus Cisterciensis uncoated episcopali ordinatione diaconi privilegium, sive jus datum est quaedam specialis condiciones et adiuncta si omni sacerdotibus ibidem sacerdotes consecrare. Hic quaestio non levis est: quo uero, plenitudinem sacerdotii qui non induitur, sacerdos consecrat? Est hypothesi non extra petitas autem quidam de schola, qui vult quod omnis sacerdos, ut, Ille habet plenitudinem Sacramenti Ordinis, Sed ut plene reducitur in iudicium tum sacramentali ab Episcopo potest exerceri totum.

.

Haec paucis references brevis Sacramentorum disciplinam, et in dogmate Sacramenta, Ut fama esset "nigrum album", Sciendum etiam horrere soleo cum Theologis turpis movere per circuitum agros et Disciplina Sacramentorum. Cur ergo quidam homines, passionarie omnium praemisit, non volunt exercere humanam et christia nam humilitate producit illam, Non dico obmutescere faciatis, Manifestum est autem unumquodque speciem saltem nesciens probantes?

.

Et accusationes contra Dominican theologian de his dicta sunt, defectionum a Catholico fidem orthodoxam fidem sui facere, criticaeque tenent fastidia caules absurdum, quod non est ex impotentia intelligendi. Pater John Cavalcoli, Post Synodum Episcoporum exponens Amoris laetitia Qui scripsit quidam obvious facta est vox clamoris magni in manu eius tenendam legem non simpliciter et hereticus manifestus:

.

Quod est de prohibitione accedere ad Communionem Eucharisticam est regula et novam inierunt unionem divorcees, quae est regula supra positum potestate clavium, id est legem ecclesiasticam,, non sequitur ex lege divina sine ambiguitate, et non modo necessaria, sicut fruendum, fere, et quidam credebant, potest emendatione, Cras vel nulla mitigandam papa disciplinam, humano generi dignitate et contumelia legis amátor et Christianae nuptias. Sed contra est, omnia enim in potestatibus eiusdem Summi Pontificis quo ut Pastor Supremus Ecclesiae. Si apta videtur ad id quod non habet, integris lege S. Ioannes Paulus II, ob id dicitur bonum habere, November est scriptor, ut et bonis catholicis, mitis et mansues confidenter receperint sententiis Pontificalis Consilii de vicario totique Christianitati ostendimus [Cf.. qUI].

.

Et ut ostenderet hæresis Dominican theologian nunc autem pro novis modernistae rationalismum et individualismo rahneriano, in theologia fai te, da,, sed praesertim ad teologhesse passionarie, procededono internetici crustulum in exemplum proponit, dicitur Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis Admissio communionis eucharisticae a novam inierunt unionem in, qui legit,:

Hoc exprimit prohibitio invenitur in citatis Canon, natura, Quod ex lege divina in positive legum ecclesiasticarum urgebo, et excedit in domain: Unicum sibi quisque potest inducere mutationes legum, quae se opponere contra doctrinam Ecclesiae. Textum In qua semper usus est ecclesialis traditio quandam San Paolo: "Unde quicunque indigne manducaverit panem vel biberit calicem Domini, reus erit corporis et sanguinis Domini. quisque, igitur, Probet autem seipsum homo, et sic de pane illo edat et de calice bibat; Qui enim manducat et bibit non diiudicans corpus, et bibit indigne iudicium, (1Cor 11, 27-29) (3) [Cf.. qUI].

.

hoc, in editis’Osservatore Romano quod 7 July 2000, Idem valet, ut digressos iterumque coniugatos comitentur in can. 915 Codex Iuris Canonici, sacram Communionem, qua longe absunt ab illis qui "in manifesto gravi peccato obstinate perseverantes" [in manifesto gravi peccato obstinate perseverantes].

.

In hoc loco est quaestio de adfligebant inludentes eis et affligebant illudentes eis, et solvit iure dominorum protecta est aut nigrum et album ': Beatus ab Apostolo Paulo, quo refers to concumberent neque adulteri? Si enim illud necesse est esse "nigrum, vel album", oportet igitur quod secundum ipsissima haec opera et memoriam, ut patet in hoc casu,, sed, Beatus qui non Apostolo.

.

Quod multis de satus nos cum eo vitae effugit: et beatus apostolus Paulus tollit, rem principle et locutus est ad unum regulae mores quod peccatum habet pro obiecto per se et in se, non est speciale peccatum, ad hoc ordinat cohabitees neque adulteri. Quis autem, qui legit illud sancti Pauli elucet diligenter, et aliter dicere,, vel caecum aut in tantum ideologue, sed non sum Theologus, in armis esse terminus falso est eripit canonista minefield disciplina Sacramentorum dogmatis sacramentum propinqua.

.

Nemo unquam negavit est - quod non fecit Dominican theologian et non feci ita ipse - ut in hac applicationem callback dicitur Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis Admissio communionis eucharisticae a novam inierunt unionem in Extra dubium prudens. Sunt quidem paucis in casibus perseverandi, quod ostenditur, ista prava. Hic Amyclaei domitus Pollucis habenis, necnon status conditionem esse scandalum, inquit 'inaequale', coniugales Christiani aperte ii omnes pugnent ratio dictat;, certus in re non videtur signa intentione poenitere noli peccare, assumptione, ut est peccatum mortale statu vivunt, in constant, expertes gratia.

.

Sed illud quod semper manet si peccatum Sic habet res extra, subjectivam seu permanentem causam internam rei deducis, Est semper difficilis est, etsi non semper esse. Maxime iudicare difficile obstinate perseverantes, quia non potes cognoscere de foris. Non solum quia scit Deus quod interested, quae potest legere solum profundis inferni et de profundo cordis hominis consciousness. Hoc igitur casu provisum dicitur Quod sit medium unverifiable, Cur Papa tam commemoraret diminuens, casu non absolute nego illam perseveratio usque ad iudicium de induratus, quae locassent, ea non est minus nullo est, et quod facultatem quasi quoddam principium.

.

Et non agnoscis, et Dominican theologian et externa concordant, et illa simpliciter est peccatum in ostensione, ut justificeris in usu est exclusio ex communi, sine professione iudicandi in interiore foraminis, hoc est, non Facultatis Iuris Canonici, aut de pace, qui confundere Quapropter theologia dogmatica de iure earum talliis et e converso;.

.

Sed quid in hoc huic, chlamys ardet dicitur beatus Apostolus de hoc auctoritatem moniti sacrilegii incurrit qui peccaret peccato mortali communionis [1 Cor 11, 27-29], insinuaret omnia quae agimus quasi continentur divorcees ut obstinate perseverantes in peccato mortali, in frigore et in ex Christiano inconveniens principle: duas novas perpetuo divorcees in peccato mortali, utpote concumberent, et quod "Alba aut nigra aut ', full stop!

.

Et sicut punctus? Sed semper cum moribus Catholico, heri, et hodie, Quibus eruditi Confessores fortissimi bene conversari? aliquid, bonum morale, quod est semper docuit et docet, quae sunt peccata 'technice "sit in se ipso et a peccatis mortalibus praeservemur, sed his, clamore populi, rebus, fortuna ... et a proposito, reducuntur ad ipsa peccata venialia,. Inveni ego, ut Confessóris, ut mortiferum absolvo a peccatis gravibus et poenitentibus faciendum: paenitentes; ter toti instaurati ab Apostolica Paenitentiaria dimittendus paenitenti, invenire in fronte de me in peccatis proprium Sanctae Sedis. numquam, et concessum est cum potentia, Et quoque a peccatis episcopo reservantur,, exempli gratia ex crimina abortus,, inventa est iniquitas mea nunc prae quarum attenuatum. Ad civitate per viam, de exempli gratia in casu,: puer puella,, ipsum simplex,, a modico socialis backgrounds, expertes culturae et maturam, et propulset dolosas aperte rem explicavit mihi eam, abortus practicing, Et quos laboraverunt ad bonum impeditur certitudo, Doctores monere quod non erat cum ea quae se habet ad abortus, propter. Et si medicum, nam tua bona, Qui narrat tibi quod habes ut abortivum, Et dicit quod non habet, quod "quod sit medicus, sed pauper sum ignarus ". Et quid conscientia et deliberato consensu poenitentis absens gesserat, aliquid, Erat autem quidam consilio fecisse, quod non dictum sit prius ab utroque, et parere. Alia causa est eorum qui abortus pro mulieribus levibus de causis, etsi intellegebat qua de vita quam abortum; De usu feminae ego vel semper occurrit duo tempora in tribus dum loquitur, et congruo catechesis tirocinio prosequatur, ante absolutionem imponebantur eis dare, negavit se - merasti memoriter: tantum in duobus casibus decursu mihi in sacri etiam ministerii - showing duabus mulieribus pro genuina paenitentiam reverti, si ostinavano a voler giustificare in sede di confessione sacramentale la legittimità di fondo del crimine compiuto verso il mistero ed il dono della vita umana.

.

Haec theologica rationalem, de iudicio, quae pars bergogliana Ecclesia hodie, autem Semper ecclesiam Christi,, Et explicavit non ad ostensionem per tertius Pontifex maximus est numerus 301 E 302 autem Amoris laetitia, ubi res indicat culpam diluerit minuant, quod, ex mortiferum, Gradus venialium potest submitti.

.

L'Amoris laetitia non imperare obstinate perseverantes iudicare de potentia, tamen praefert loqui Secus, in quibus duabus est 'vivere possit matura, ut capessendis et vivum Ecclesiae membra, Sententia, sicut mater ita et in aeternum excipit ' [n.299]. "Hoc enim, non dico vobis quia omnis qui in aliquo statu, ideo dicitur "irregulares", Et vivere in statu peccatum mortale, privationem gratiae sanctificantis " [n.301].

.

Ad I dicitur Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis, tunc dicit ei: "Hoc exprimit prohibitio invenitur in citatis Canon, natura, Quod ex lege divina in positive legum ecclesiasticarum urgebo, et excedit in domain: Unicum sibi quisque potest inducere mutationes legum, quae se opponere contra doctrinam Ecclesiae ". Et hic - datum ut adhibitis dogmaticae theologorum et theologiae dogmaticae non pro sacrorum canonum et iuris canonici, ut non nent medici -, Vos animadverto, de quo diximus modo efficiet ut totum plus iusto lex divina militum plerosque ad poenam, Idem fere quisque. Inde est quod ex divina lege fees, et disputare possint,. Cave: est summa, Hoc est enim illud sub; Id quod ille qui non est sophisma, ruentes aut, Est pura ratione theologica,. Contra, Canon law, in sua essentia, praeter divinam unitatem legibus, Hoc enim nihil est: sed ad colligunt positivae legis Ecclesiae, quatenus haec declaratio est in potentia virtutis claves vel alia jurisdictionalis.

.

Super Iuris Canonici innovatur, leges positivas, quae sunt Ecclesiae - a naturalis legis seorsum, hic nunc quod nihil do - Nihil autem est ius divinum sive divina lex. tum, quod a iure canonico 'est extra ius positivum "quod sit tribuere auctoritate divina, quod patet admitti non posse ait:, causa est quia in eo non est iustus ... Bene, ut a iocus, si enim scriptum est per a sacrorum canonum Codicis Iuris Canonici, ergo nec omnipotens Deus non potest facere quicquam!

.

Quod ex imperio exclusio divortium novas inierunt nuptias per unius delictum status communionem eucharisticam ideo assumpserit, sed illud quod habet paedagogicam proposita symbolic. Quædam, ne in fidelium scandalum vertere; symbolic, quia non est contradictio inter Sacramentum eucharisticum, unitates est, sed ea quae ad statum divortio, et est pro division, et abruptio communionis.

.

Et beatas Scandere sedes Pontificis electi ponere in statutum ex regula sancti patris Ioannes Paulus II ad n. 84 autem Familiaris consortio, hoc est quod iubentium, theologice, John Cavalcoli et Pater in me est, sed, postquam autem confirmat Iesus, mollis cum necesse sit inter justum et lex divina quod Ecclesiae ius, verbi gratia circa Eucharistiae. Et hoc fuit institutum secundum legem divinam Iesu Christi constans,, pace canonistarum. Vicit disciplina et administratione Eucharistiae et Ecclesiae leges, sub tribunalis praesidis ductu eiusdem Summi Pontificis, quod habet in potestate legislativa, poenis, leges mutandi [Cf.. note 351].

.

Per hoc modo agens summo pontifice A legalis in iudicium non curavit illud praecipue quod beatus dicitur Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis actum 2000. A textu caeci et muti, blogghettari et impetum passionarie clamantes "album aut nigrum aut ', Et venerunt ad statum conferre ad dogma fidei, etiamsi simul est deducendo quaestionem - quid et nos vidimus et agere velit contra - a dextris vero dogmate, cumque consortibus: auctoritatem et Petri, depositarium nuntiorum virtutem clavium ostendens,.

.

Et per facere usus imperii sui, Hoc Summus Pontifex solvit vinculum stricto dicitur Is perficitur inter legem divinam et canonica norma est exclusio, Quod nimium assumendi. Pontifex Maximus, qui post divortium novas inierunt ostendit et docet facultatem esse minuendam gratiam. Deinde ostendit tute dicitur Cucurrit tribuere divortium novas mortale perpetuum, deductionem ad permanentiam praepropere vitae statum irregulares.

.

Et locutus est qui accepit unam virtutem clavium ostendens,, custodi auctoritas quod Verbum Dei ex potestate subscripsit tempore exitus reprehendo cum tempus, nec pecuniam aut dare aut expirata. Et hoc supra dictum est, donum fidei Ecclesiae dogma in continebat in fundamental: «tu es Petrus,». Et quantum ad hoc debitum ex toto tenentes in denegando atque intenti fundamentalia Ecclesiae urbe condita, Verum ut praescripta forma canonica status malus indubitata dogmata scripta deterius recta crus cum exitibus involvente Canonistas complexum doctrinae capita alta, aut sicut dicit Beato Paulo Apostolo: «Nam si enim per legem, Christus frustra mortuus est " [Gal II 20, 21]. Et propter patres’Insula, quæ appellatur Patmos, Certe non est Christus frustra mortuus est, qui cum ululatu “aut albus aut niger est,”.

.

.

.

Post scriptum

Datum vitae desideria notat, Volui dicere ad illos ex Aedibus Congregationis pro Doctrina Fidei: si tibi non fueris occupatus ad ad Concilium monsignorini gai, Qui sunt igitur in patria sua et fuge in Vasca boyfriend screaming cum calidum piperis ad onerare 'quod sit bonum gay!», si vacans locus adhuc est, ut tu me ad Secretarius Commissionis Theologicae Internationalis, nisi velis catholica reum discriminarmi, Et maxime Orthodoxa heterosexual.

Desideravit eam in manifesto autem propter teasing, haec mihi. Tu putas non est optimus, sed interim reprehendo et tenetevela, quod merentur, in saecula saeculorum, amen!

.

.

___________________________

..

NOTA

.

[59] Cf.. Eusebii Pamphili, Hist,. Eccles., V, 24, 10: II GCS, 1, p. 495; ed. BARDY, Fontes Chret., II, p. 69. Dionigi, in Eusebii Pamphili, ib. VII, 5, 2: II GCS, 2, p. 638s; BARDY, II, p. 168s.

[60] De antiqua Concilia cf.. Eusebii Pamphili, Hist,. Eccles. V, 23-24; II GCS, 1, p. 488s; BARDY, II, p. 66passim carnem et. CONC. Nica?, potes. 5: p MORUS. 7

[61] Cf.. Tertulliano, De Ieiunio, 13: PL 2, 972B; CASEARIUS 20, p. 292, lin. 13-16.

[62] Cf.. S. Cipriano, Epist. 56, 3: Hartel Australia, p. 650; Bayard, p. 154.

[63] Cf.. ex publica fama est Conc ZINELLI. non LACUS: Mansi 52, 1109C.

[64] Cf.. CONC. non LACUS, Sumptus rationem. dogm. II De Ecclesia Christi, c. 4:[176][176]NSI 53, 310. Cf.. Aeterni Patris fama est schema reformatum: 322B-Mansi 53,321B et Decl ZINELLI: Mansi 52, 1110A. S Vide etiam. M. Leone, Sermo. 4,3: PL 54, 151A.

[65] Cf.. Codex Iuris, potes. 222 E 227 [Possunt de novo Codice optime. 338].

.

.

.

.

.

About isoladipatmos

40 cogitationes on "Amoris Laetitia, quod “Of Theology Blank Check”: ita non est potestas clavium, exceptis lapsus in haeresim,

  1. Prædicantis non solum parva pars comment
    et editors

    ______________________

    Caro pater Arihel,

    Et continues exigere a suis facultatibus, quae in Ecclesiae immutare dum praecepta Dei et Sacramentorum disciplinam novam inierunt unionem divorcees permittens, qui viuis non caste sanctissimam Eucharistiam accipere […]

    1. Caro Atanasio.

      Et comments posted in quatuor in textu quae quaestionem aequet 6.800 characteribus, A4 quattuor tunicas in praxi.
      Ad tertium dicendum quod sacerdos non vivat et in interrete, Malui me initia duo iustus, Dicitur quod haec contristatus: Ea probationem, euastaret et amarum, in cura animarum atque selecti, parocho in schola theologus, quam quid frustra tereret diligentia pluribus, et sortem, intelligere nolunt a priori.

      Posse cum quadam indignatione, et exaudi me “Non bules discere a theologia”, beat faciem, et in unam post alteram plebeius contra errores, qui de his comment est piperatum logorroico.

      Non potius ita dicis, anzi la ringrazio per avermi messo nella condizione di capire ancora meglio la perfetta umanità del Verbo di Dio fatto uomo quando provava dolore e amarezza dinanzi a coloro che non solo, audite verbum eius non sunt,, sed detorta, deformans, They are trying ut in linguas suas et impetum footholds …

      Sit kyrie eleison Catholico similis eius.

      1. Caro Pater Arihel, est dicere Deum et homines’ Quis autem probate sunt confunditur’ causam, et sta apparandum est superbia, quae saepe ducit, praesertim cum impetus “Improvised sacrorum canonum” et magis mirer’ ut nihil nisi tribus annis ( ad centum…). Quod ambigua dicta sunt de industria partum esse Ecclesia separando. Et quaerit rationes stricte theologica et non dabo eos ad se, sed sciunt quod a Domino, et utrumque’ Et humilem ignarus Dominus de his qui pressius “Improvised sacrorum canonum” Ut iam sibi plane cognita “sapientes” Et quia non prodiderat! E’ quod puto ( Et ideo dico) omnis enim, qui pro tuenda avertet’ Christus qui infestabant ita moror, ostendit autem tum faciendum paratum’ ob ignorantiam … et ignorantia! Et eius unum’ assentior: ” Petrus Capsicum annuum, ibi Ecclesia “, Etenim ex nobis Duo Oecumenico Vaticano PAPI etsi scio te in hac respectu ostentationem’ ” ARGUMENTA INSTITUTIONE STRICTE…

        1. lector.

          Et quæ obtulerunt ei legentibus’Insula, quæ appellatur Patmos confirmat id semper in praxi pastorali procedunt ex hoc quod sacerdos eam – volens seu invitus – potest tamen esse. Et experientia hoc scire possum,: quanto facilius sit convertere evangelii penitus tollere numen eorum, quod non capit, ut, fidelis.

          Illa quae non intelligo sonum tibiae et scripsi dum scilicet emeritus, Et putamus nobis sermones, umoralmente e aggressivamente, in toni peraltro insultanti.

          ego admonere, Obiter, quod munus docendi, l’ho ricevuto io; e non l’ho ricevuto per “cultura” o perdiploma”, ma l’ho ricevuto attraverso un Sacramento di grazia che si chiama Sacramento dell’Ordine.

          Impari dunque, primum, l’arte del rispetto, non dico della persona, ma perlomeno del Sacramento indelebile ed eterno che ha segnato questa persona rendendola partecipe al sacerdozio ministeriale di Cristo.

          E che Dio possa avere pietà dei soggetti come lei!

    2. quaestio, Atanasio, è che non solo lei capisce quello che vuole capire, ma non legge proprio quello che padre Ariel ha scritto:

      Ut, qui me tam siccum: "Dabo te in Eucharistia post divortium novam inierunt?». et respondit: «Nullum. Et non solum non sit ei, Mox etiam apparet quod non recipiat. Si vero esset, statuam Romano Pontifici aliter - quod, ut vidimus,, Tibi gratias ago Deo quod non - esse negare non possum non et ego, cur non ego statuam et Disciplina Sacramentorum transmittantur; Non sum ego Christus, quare provisum est a Deo potestas ligandi et solvendi ".

      Quindi mi unisco anch’io alla invocata pena del mio confratello su di lei.

  2. carissimus frater,.
    Se c’è una cosa che a te e a padre Giovanni Cavalcoli va riconosciuta, è la vostra incessante meticolosa ricerca dell’equibrio. Non siete a destra e non siete a sinistra, non parteggiate per Tizio e non parteggiate per Caiocercare la verità, cercate di spiegarla e cercate di trasmetterla.
    Questo però implica, come tu scrivesti tempo fa, di dover prendere spesso le bastonate da destra e da sinistra.
    Credo che questo tuo articolo meriti di essere definito magistrale, e spero tanto che molti confusi lo leggano da cima a fondo, e che molti altri, pronti a capire solo le proprie ragioni, capiscano ciò che di fondamentale stai dicendostai dicendotu sei Pietro”, e spieghi cosa voglia direla pietra sulla quale edificherò la mia chiesa”.

  3. O Ariel,,
    sono un semplice laico senza pretese di scienza infusa. Scrivo non per criticare ma per capire.

    La sua analogia dell’assegno bancario è molto bella ed utile. Ma la banca di emissione garantisce davvero copertura illimitata? A me sembra che un limite implicito vi sia: il principio di non contraddizione, cui la stessa onnipotenza divina si conforma. Non serve dilungarsi sulla differenza tra il falso dio creduto dai maomettani, un puro arbitrio che vuole e disvuole a piacere, e il vero Dio adorato dai cristiani, che è Logos. Basta richiamare Ratisbona.
    Ma se Dio stesso è per sua natura legato alla ragione, ecco allora che un limite c’è, e il Vicario non può superarlo. Il potere delle chiavi è “assoluto” nel senso che lei scrive “legato al concetto di assolutezza fondante della fede”, ma non è “assoluto” nel senso di “illimitato”. Pietro non può cambiare la dottrina, non può revocare i dogmi, non può contraddire oggi ciò che ha detto ieri. Perché Cristo non specifica questi limiti nel Vangelo? L’unica risposta a cui posso pensare: perché sono ovvii.

    La ringrazio dell’attenzione e la ricordo nelle mie preghiere

    1. Etiam, sono ovvi.
      Et quidem,, patet,, nulla di questo nella storia della Chiesa Pietro ha mai fatto.
      Non a caso ho spiegato che

      «quella del Papa eretico e apostata è una ipotesi meramente canonica; hypothesi, quod in ecclesia historia est non occurrit, tanto meno con conseguente destituzione del Romano Pontefice».

      A questo si aggiunga che nel corso della storia della Chiesa, quando al di fuori dei grandi concili ecumenici dogmatici alcuni Sommi Pontefici hanno proclamato dei dogmi, non si sono certo svegliati un mattino proclamando un dogma il pomeriggio, ma hannodogmatizzato”, o per così diresuggellato”, delle verità di fede che come tali erano già state assunte da secoli, sia dalla dottrina sia dalla pietas, si pensi solo ai dogmi mariani.

      Nella storia della Chiesa abbiamo avuto Sommi Pontefici che come uomini sono stati a volte corrotti, simoniaci, immorali, libertini … et tamen,, proprio alcuni di costoro, incluso Alessandro VIche è figura del tutto diversa dalla leggenda nera su di lui creataall’occorrenza sono stati degli splendidi difensori della dottrina, senza mai fare abuso del potere delle chiavi, del potere di legare e sciogliere, in ambito dottrinario.

  4. Quello che scrivono Cavalcoli ed Ariel sono eretiche farneticazioni di persone che hanno fatto la loro scelta ed è quella di stare con ilprincipe di questo mondoe quindi nemici di Cristo, in quanto le loro ottenebranti elucubrazioni sono tutte tese a rendere il peccato un “rectus” della persona. E’ l’esaltazione blasfema dell'”eGO” al posto di Dio, è il grido di satana delnon serviam”. Il motivo per cui Dio ha permesso l’ascesa di un vicario dell’anticristo (Bergoglio) è ora chiarissima: il tempo dell’ipocrisia è finito e siamo tutti chiamati ad una scelta radicale a favore o contro Cristo; ego “falsi Cattoliciintruppati da decenni nella Chiesa devono essere scoperti.

    1. Grazie Sig. Bazzaar.

      A maggior ragione il Padre Giovanni Cavalcoli ed io confidiamo nelle sue preghiere, unite semmai a sue mortificazioni corporali e alle sue penitenze, per domandare e ottenere dalla grazia di Dio la nostra conversione e quindi la salvezza delle nostre anime ormai in marcia verso la dannazione eterna.

  5. A questo punto mi sorge una domanda
    Mettiamo che il futuro pontefice, un Francesco II diciamo, ammettesse al Sacramento del matrimonio persone con tendenze omosessualisarebbe nel suo potere?
    Potrebbero quindi essere celebrati matrimoni cattolici tra due uomini o tra due donne?

    1. e potrei, eGO, celebrare Sante Messe gregoriane di suffragio per l’anima del chihuahua di una vecchia nobildonna britannica che mi ha dato 10.000 cura bid?

      videt,, mea, quando si fanno esempi accademici basati su ipotesi assurde, la logica da seguire è questa: più l’esempio è assurdo e più deve essere in sé e di per sé intelligente e convincente.
      Così ha funzionato per secoli nei grandi dibattiti teologici dei Padri della scolastica.
      Quod, non si offende in alcun modo l’interlocutore, ma si offende solo se stessi.

      1. Ariel caro … carissimi! Ti prego: ricordati di me, se hai delle committenti del genere.
        In questo momento io ho i conti della parrocchia in rosso, se però tu mi trovi qualche nobile inglese così generosa, io le messe di suffragio per l’anima del suo cagnolino gliele celebro anche per 3.000 euro soltanto.

        P.S. ti aspetto sempre a Napoli, non darmi buca come l’ultima volta.

      2. Chissà se un secolo fa avessero ipotizzato ad un teologo e pastore d’anime la venuta di un pontefice che avrebbe concesso l’Eucarestia a chi vive come marito (o come moglie) senza però essere sposato (cosa che Francesco non ha fatto ma che sarebbe nel suo potere).

        Probabilmente quel teologo e pastore d’anime avrebbe risposto nel suo stesso modo.

        qui dixerunt, non capisco più dove si trova il limite e allo stato attuale non mi sembra assurdo neanche il suo esempio, si figuri.

        Quindi ribadisco e amplio: dato quel che pensa sull’omosessualità il grande teologo domenicano, il cardinale Schönborn, forse futuro prefetto della CDF, non è così impossibile immaginare un futuro Francesco II, un mons. Tagle per fare un nome, che decide di concedere il sacramento del matrimonio a persone dello stesso sesso. Sarebbe nel suo potere?

        1. carissimi Paulum.

          Quando si gioca sui paradossicosa che io faccio di frequenteo quando si usa una iperbole, bisogna essere più che mai credibili.
          primum, il Cardinale Schönborn, non ha mai benedetto e santificato l’omosessualità, ha parlato dell’accoglienza delle persone con tendenze omosessuali, della loro non-discriminazionecosa che peraltro la Chiesa fa non certo da oggi, ma da secoli.

          Il matrimonio alle persone dello stesso sesso non può essere concesso perché contrario alla legge divina e alla legge naturale.

          1. Intanto la ringrazio per le risposte.

            Mons. Schönborn si è anche spinto un popiù in là, elogiando una coppia di uomini conviventi percome si sono aiutati quando uno di loro è caduto gravemente malato” (intervista al CdS). La carità verso i malati è sempre una cosa buona, absit, però è abbastanza chiaro il fine dell’affermazione.

            Quindi il matrimonio omosessuale non potrà mai essere concesso, così come non può essere concesso un secondo matrimonio a chi è già sposato con un’altra persona.

            Immagino, Itaque, che il Sommo Pontefice potrebbe dare la possibilità agli omosessuali conviventi di ricevere l’Eucarestia.

            A questo punto mi fermo, sono d’accordo col fatto che si dà troppa importanza al sesto comandamento, anche in relazione al fatto che sono i primi tre ad essere più frequentemente trasgrediti.

          2. carissimi Paulum.

            Lei stesso capisce che il paragone tra divorziati risposati e coppie dello stesso sessosposate”, non può reggere.
            In primo casu,, siamo infatti in una dimensione praeter naturam, nel secondo caso siamo in una dimensione grave, anzi gravissima contram naturam.

            Ciò non vuol dire che gli omosessuali debbano essere allontanati a calci, molti di loro hanno un profondo sentimento cristiano, a prescindere dal loro stato di vita in parte molto delicato e in parte molto grave proprio nel rapporto con lo stato e la condizione di peccato.

            Io non ho mai avuto problemi, a livello pastorale, né con gli omosessuali né con i transessuali, diversi dei quali partecipano con profonda devozione alle mie sacre celebrazioni eucaristiche, ovviamente senza avvicinarsi all’Eucaristia.

            Pastoralmente parlando, di problemi ne ho avuti invece quando ideologi del gender e promotori dell’omosessualismo hanno cercato di portare le loro ragioni inaccettabile e soprattutto immorali, quindi la loro ideologia e la loro propaganda all’interno della chiesa; in quel caso li ho proprio allontanati, una volta li ho letteralmente sbattuti fuori.

            Tutti questi distinguo sono di rigore per un pastore in cura d’anime, chiamato a curare i malati e non certo i sani, partendo sempre dal principio che, i primi malati, siamo spesso noi, basti solo pensare alle ben poco morali gesta di molti di noi preti.

  6. L’iocentrismo è un male diffuso un poin tutte le discipline e i risvolti della vita umana, diventa però davvero vergognoso, se non odioso, nella Dottrina Cattolica, Verità di Dio, quando qualcuno dopo aver letto un paio di libri e spesso nemmeno quelli, tipo il totem di certi sedicenti tradizionalisti, quod “Commento al Catechismo di San Pio X del Dragoneche è un ottimo libro senz’altro ma non certo esaustivo, pretendono di mettersi in cattedra come veri pontefici ad, iustus, pontificare utilizzando tali testi alla lettera
    e tutto quello che non trovano nelle righe del Dragone diventa pura eresia o nel migliore dei casi ambiguità da rigettare a priori

    Non aggiungo altro perchè qualcuno con tale modus operandi ci scrive anche libri zeppi di vere corbellerie, non capendo che la Verità non è un insieme di nozionistica, rubata magari dal Denzinger, giustapposta alla belle e meglio e interpretata col libero esame dei protestanti per piegare le parole della Chiesa alla propria congettura personale, ma un CORPUS che deve essere, oltre che correttamente studiato, compreso nel suo insieme nella Misericordia e Giustizia divina ma specialmente nella piena Grazia di Dio. Grazia che è impossibile avere, come ha spiegato Padre Ariel, quando non si è in comunione con la Chiesa ed il Papa. Comunione necessaria e vitale per la nostra anima e per comprendere lontani dagli influssi diabolici quello che sta avvenendo.

  7. Caro padre Ariel lei è invece l’esempio della superbia incarnata, dei cuori duri e chiusi di cui parla così spesso il Santo Padre. eGO, premettendo in tutta umiltà di non essere né un teologo né un moralista, le ho posto degli interrogativi che sinceramente mi turbano e ai quali per ora non ho trovato risposta. Se lei è, come dice di essere, “un pastore in cura di anime e un teologo” prendo nota del suo ignorare la prima opera di misericordia spirituale: insegnare agli ignoranti. Io so benissimo di essere ignorante, tuttavia una testa ce l’ho e cerco di usarla, e mi spiace che lei dall’alto della sua cattedra liquidi i dubbi e le perplessità di chi, meno sapiente di lei, in un momento di così grande confusione nella Chiesa, domanda.

    1. Lei non ha posto affatto degli interrogativi, ci ha inviato, come ho precisato nella precedente risposta, un testo di 6.800 caratteri corrispondente a quattro fogli A4 nei quali ha sproloquiato sprezzo verso i Padri Sinodali, verso il Sommo Pontefice ed i suoi atti di magistero, accusando gli uni e gli altri di avere tradito il dogma e la dottrina. E tutto questo non è stato formulato affatto come “domande”, ma come suoi giudizi lapidari, stolti e lesivi, che per questo motivo io non ho pubblicato.
      O vuole che di questo ne dia prova ai lettori pubblicando tutto il suo testo integrale?

      Per quanto riguarda questo suo ultimo commento, dica mihi: da come lei scrive e dai contenuti dei suoi scritti, dal modo in cui lei aggredisce i sacerdoti e dal modo irrispettoso attraverso il quale lei si rapporta ai sacerdoti, ivi inclusi giudizi dati alla loro coscienza – posto che Dio solo può leggere la coscienza dell’uomo -, chi sarebbe “l’ignorante” al quale “insegnare”, quindi pronto ad “apprendere” secondo la prima opera di misericordia, forse lei?

      Abbia perlomeno il comune senso del ridicolo e legga, non dico quello che scrivo io, ma legga perlomeno quello che scrive lei.

      Per quanto riguarda le risposte che lei cerca: il mio articolo, che lei non ha letto, o che ha letto con gli occhi accecati dall’ideologia soggettiva, contiene le risposta chiare e precise ai suoi quesiti, ed in esso si indicano i passi della Sacra Scrittura, la costituzione dogmatica di un concilio ecumenico, i Padri della Chiesa, il magistero della Chiesa, il Diritto Canonico, le dichiarazioni e le esortazioni apostoliche.

      Se lei non sa leggere, o non vuole leggere, questo è un grosso limite suo che io non posso sanare con alcuna opera di misericordia, posto che l’opera di misericordia da lei richiamata, richiede l’apertura alla grazia da parte sua, non certo la sua ermetica chiusura.

  8. quod “Potere delle chiavi”, così come è stato esposto da Cavalcoli e Ariel, è una contraffazione ed un abuso di ciò che significa realmente. E’ un’altra dimostrazione del fatto che si vuole mettere l’uomo ad di sopra di Dio fino al punto che è l’uomo stesso a stabilire ciò che è bene e ciò che è male. Cavalcoli ed Ariel danno l’assenso a Bergoglio che questi possa stabilire che il male (concedere la Comunione ai divorziati) possa diventare bene. Utilizzano lafoglia di fico” quod “potere delle chiaviper poter sovvertire l’ordine stabilito da Dio. Questo cosa è? …… se non orgoglio satanico?

    1. sibi. Bazzaar,

      nell’ultima risposta eravamo rimasti d’accordo che lei avrebbe pregato e fatta penitenza attraverso sacrifici corporali per chiedere alla grazia di Dio la conversione degli eretici Giovanni Cavalcoli e Ariel S. Levi Tadinensis.
      Noto invece che, anziché dedicarsi a questo pio esercizio per la salvezza delle nostre anime, continua a perdere tempo inviando commenti per spiegare che siamo delle anime dannate.

      Lo capisce che senza la sua preghiera e il suo silenzio penitente, per noi rischia di non esserci salvezza?

  9. gratias ago! Devo dire che prima di leggere questa pagina avevo criticato Papa Francesco per quello che vedevo come una sua mancanza di coerenza (come si puoaffermare una dottrina e poi lasciarla cambiare nella pastorale, caso per caso, a seconda di come uno la vede..). Ma ora, ho capito meglio anche grazie alle altre pagini e spiegazioni contenute nel sito. Meglio sentire chi se ne intende, perché da comune fedele é davvero difficile capire queste cose. Quello che dite ha senso. Ho capito soprattutto il carisma dato da Gesù a Pietro e quindi la particolarità di essere Papa. Un Papa che mi lascia basito in certe sue esternazioni a volte,ma con il quale in (multis) altre concordo in pieno. Non so comunque cosa ne verrà fuori per la Chiesa sul lato pratico. La confusione é grande, arbitror.

  10. D. Ariel lei afferma cheIl Regnante Pontefice ha scelto di mantenere la norma stabilita dal Santo Pontefice Giovanni Paolo II al n. 84 della Familiaris consortio,..” ove è scritto«La Chiesa, autem, Suumque item quod practice, Sacris Scripturis innixum, quibus agimus non admittendi ad Communionem Eucharisticam. Nequeunt admittendi, cum status eorum et condicio vitae obiective dissideant ab illa amoris coniunctione inter Christum et Ecclesiam,, Eucharistia significatur et peragitur. ” ed avanti “…. quando l’uomo e la donna, per seri motivi – quali, pro exemplo,, l’educazione dei figli – non possono soddisfare l’obbligo della separazione, “assumono l’impegno di vivere in piena continenza, cioè di astenersi dagli atti propri dei coniugi”; impegno che non mi sembra venga richiesto in AL. in modo così definitivo come nella FC. Aggiungo che, a mia conoscenza, esistono vari livelli di Magistero ed una Enciclica ha valore impegnativo ben maggiore di una Esortazione Apostolica. errat? In fraternità di Cristo.

    1. Caro Mario.

      Infeliciter, dalla prima all’ultima parola, lei conferma tutto quello che io ho scritto in riferimento ai theologia ed ai Improvised sacrorum canonum.
      Cosa questa che le dico con autentico affetto pastorale e senza vena polemica alcuna.
      Prova n’è il fatto che la Familiaris consortio da lei citata, non è affatto «una Enciclica» avente come tale «un valore impegnativo ben maggiore», quod Familiaris consortio, scritta in tempi, in anni ed in una società completamente diversa da quella di oggi (anno 1981, iam decimum explebitur 35 years ago) è una esortazione apostolica, come può lei stesso verificare sotto, esattamente come lo è la Amoris laetitia.

      http://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/apost_exhortations/documents/hf_jp-ii_exh_19811122_familiaris-consortio.html

      1. Preso in flagrante e superficiale affermazione!
        sed, quanto lei afferma, significa forse che la dottrina deve adeguarsi al momento storico? Non credo, pur non essendo nè canonista e neppure teologo (sarei un misero millantatore!)
        Lei mi dirà, ma la dottrina non è stata toccata! Allora perchè esiste tanta confusione (vogliamo chiamalaincertezza”?) sulla corretta interpretazione ed applicazione deisuggerimenti pastoralidati dal Papa? Come è possibile proseguire sulla strada del “Ego sum qui est iudicare” lasciando spazio a chiunque di interpretare, come gli pare, la parola del Papa? E che dire della Veritatis Splendor (questa si, Litterae Encyclicae!) ai nn 67 E 68? Inoltre che dire sulla corretta applicazione dei comandamentinegativi” , del Primo e del Nuovo Testamento, quod, come afferma Mons. Shneider (etiam “successore degli apostoli”) “Se Dio ha detto: “Non commetterai adulterio”,… nessuna autorità umana potrebbe dire: “in qualche caso eccezionale o per un fine buono tu puoi commettere adulterio”?
        Lo potrebbe il successore di Pietro?
        Fraternamente suo in Cristo.

        1. Caro Mario.

          Nessuno ha benedetto e nessuno potrà mai benedire l’adulterio.
          Ciò che non ci capisce, o che meglio molti non voglio capire, è questo: semper, moralis Catholico, tratta con molta cura e prudenza la materia del peccato, tanto siamo consapevoli che pure dinanzi a peccati oggettivamente molto gravi, vi sono circostanze legate allo stato umano, interius,, psicologico del peccatore, che possono rendere un peccato in sé e di per sé gravissimo, molto meno grave di quanto di fatto è.

          E queste situazioni sono molte, variamente legate soprattutto alla volontà della persona, ma spesso anche a situazioni e condizioni esterne alla persona stessa.

          Ciò che molti non vogliono capire è che queste, sicut erant,, “ignoscendum”, che la morale cattolica di sempre applica da sempre a tutti i casi, sono applicabili anche al caso dei divorziati risposati.

          In superiori questione habitum est, ho portato l’esempio di un aborto; e tutti sappiamo quanto sia grave questo peccato. et tamen,, in quel caso specifico, la colpa della donna era molto attenuata da tutta una serie di circostanze sia interne a lei sia esterne a lei.

          Summus Pontifex,, come ha magistralmente spiegato il Padre Giovanni Cavalcoli nel suo articolo, non ha dichiarato che l’adulterio è lecito, non ha benedetto come accettabile la situazione dei divorziati risposati; e non ha detto neppure che certi singoli e/o coppie non vivano nel peccato; ha detto e spiegato che non possiamo presumere che esse vivano in uno stato di peccato permanente. Quid, presumere questo, comporterebbe quasi il rischio di presumere di leggere la coscienza dell’uomo, che Dio solo può leggere e giudicare.

          Lei seguita a porre delle domande, alle quali potendole adesso rispondere le rispondo, ma se lei ha la pazienza di leggere i nostri articoli, scoprirà per incanto che al loro interno si trovano le risposte alle domande che lei seguita a porre.

          E infine, modo magis explicito,: la frase del Santo PadreChi sono io per giudicare”, gettata in questo contesto, è ingenerosa e fuorviante, perché citata appunto al di fuori di ogni corretto contesto.

          Con quella frase, Sancti Patris – come più e più volte abbiamo spiegatoha espresso questo ovvio e corretto concetto cattolico, riferito in quel caso ai Gay: “Chi sono io per giudicare la profonda coscienza di un uomo, che Dio solo può leggere e giudicare?”.

          Trasformare quella frase in: “Chi sono io per giudicare un gay”, quindi presumere che il Santo Padre abbia detto in pratica “Homo est pulchra,”, non è serio e non è onesto.

          tum, che il Santo Padre non si esprima bene in italiano, che lanci a volte mezze frasi dando per scontato che chiunque ne capirà il senso vero, che parli a braccio o che si lasci intervistare dai giornalisti, questa è cosa a mio parere non opportuna; e più e più volte l’ho affermato, detto e scritto.

          1. Carissimo d. Arihel, non era mia intenzione decontestualizzare una frase pronunciata dal S. Padre perfargli direciò che non ha detto. Però sappiamo tutti le reazioni, meglio le interpretazioni, che si sono scatenate nel mondo LGBT per giustificare l’ingiustificabile, partendo proprio da quella frase. Semplicemente mi sono permesso di mettere in rilievo che sarebbe opportuno sempre e dovunque usare di quella virtù che si chiama prudenza, dalla quale neppure il Papa è esonerato.
            Venendo poi al tema della colpa è evidente che il livello, non di colpa, perchè una colpa o è tale o non lo è, ma di responsabilità è diverso a seconda del livello di perseveranza nella stessa che dà la misura della misura della colpevolezza o meno. Mi sento di poter affermare che un peccato è tale o non lo è. Non è possibile che lo sia solo se si è consapevoli di compierlo. Se una donnauccideil bimbo che è nel suo grembo commette sempre un omicidio anche se è inconsapevole. Un/una adultero/a è sempre tale se vive con un’altra donna che non sia sua moglie. Ad entrambi la misericordia di Dio quando sarà il momento del Giudizio. Il Signore perdoni noi tutti per le nostre colpe!
            Fraternamente

          2. eppure abbiamo cercato di spiegarci al meglio delle nostre sacerdotali e teologiche possibilità, il buon Padre Giovanni e io!
            dica mihi, che cosa devo farle, una catechesi sulla coscienza umana e sul peccato?
            Siccome, come lei ben capisce, non posso farla in questo spazio, la rimando al Catechismo della Chiesa Cattolica, invitandola a non confondere il “peccatum” apud “culpa,”, perché non sempre, chi pure commette un peccato, è oggettivamente in colpa, per esempio quando manca la conoscenza (per esempio l’ignoranza inevitabile) voluntatem, il deliberato consenso

            E passando di confusione in confusione lei afferma:

            «Se una donna “uccide” il bimbo che è nel suo grembo commette sempre un omicidio anche se è inconsapevole».

            Una donna che abortisce commette un peccato gravissimo, un peccato mortale che potrebbe seriamente compromettere la salute eterna della sua stessa anima, ma non commette un omicidio. Commette un crimine, ma non un omicidio.
            La figura di reato dell’omicidio ricorrerebbe se – pro exemplo, – lei uccidesse me, ma non se sopprime/uccide un feto.

            Et quid vos videtis, parole e concetti usati male, inducono a non capire, in modo particolare chi non è disposto a recepire e quindi capire ciò che tutto sommato abbiamo spiegato con chiarezza in molti articoli.

          3. Scusate ma perché non è stato pubblicato il mio ultimo post? Buona giornata.

          4. Caro Vincent.

            Le assicuriamo che noi noi abbiamo ricevuto il post al quale lei fa riferimento. Se però l’ha conservato, ce lo mandi che lo inseriamo.

  11. Prendendo spunto dal suo Post Scriptum, duole constatare chea distanza di oltre due settimane dalla pubblicazione dell’Amoris laetitiala Congregazione ed il suo (finora ritenuto) “autorevoleprefetto non abbiano ancoraproferito” sermo. Evidentemente l’esortazione è parecchio complessa e, dovendo conciliare le molteplici, differenti, opposte letture, sono richiesti necessariamente tempo, raziocinio e prudenza.

  12. Carissimo d. Arihel, perchè il mio ultimo post del 25 aprile è ancora in attesa dimoderazione”? Non ho nessuna pretesa e ritengo che moderare un commento sia segno di opportuna prudenza. Tuttavia lasciare un post in sospeso, non mi sembra buona pratica. Comunque non mi offenderò se non venisse pubblicato, ma non potrò fare a meno di pensare che ci siano post diprimo/alto livelloed altripoco interessanti o importanti”. In tutti i casi ritengo sia buona regola dare seguito ad un post anche se fosse in modoprivato” E, in hoc casu,, ne avrei piacere oltre che desiderio. In fraternità di Cristo.

      1. Grazie per la sua, vostra “patientia”. E’ vero, sono una persona un pò dura di comprendonio, ma che cerca di usare nel miglior modo possibile quel poco intelletto che il Signore mi ha donato. Lei mi rimprovera di confondere “culpa,” apud “peccatum”. Mi perdoni ma io non vedo alcunchè, nel mio post che permetta di affermare ciò! E’ lei, sed, confonde il reato di omicidio (legge umana) con il peccato (lex divina) e si spinge ad affermare che una donna che abortisce commette un peccato gravissimo ma non unomicidioovvero la soppressione di una vita umana ad opera di un altro essere umano. Il che fa pensare che lei sia convinto che ilfetonon siauomo”. Spero di sbagliare e di aver male interpretato quanto da lei affermato. L’aborto per legge (in Italia) purtroppo non è reato (se compiuto nelledovuteforme”) ma resta unomicidiosecondo la legge divina (per me anche secondo quella umana) ed infatti lei stesso afferma che è peccato gravissimo! Altrimenti perchè dovrebbe esseregravissimo”? In fraternità di Cristo

        1. Caro Mario.

          Obiter, prima di ricevere una formazione teologica ho ricevuto una approfondita formazione giuridica, pertanto conosco e pratico sia il lessico giuridico sia quello teologico, il tutto per poco che possa interessarle e soprattutto per poco che possa servire a dissuaderla da affermazioni gravemente errate che lei torna a riproporre imperterrito nei suoi commenti.

          primum, si è mai chiesto i danni immani che possono recare alla Chiesa, dinanzi ai non-credenti ed alle persone che verso il Cattolicesimo nutrono astio, dei soggetti come lei?

          Premesso questo la invito a rispondersi da solo, visto quanto sia ormai avvezzo a ribadire con espressioni dottrinalmente scorrette alle indicazioni da me date a lei secondo tutta la migliore correttezza dottrinaria.

          E la domanda alla quale lei deve rispondersi è la seguente: columba, in quale passo delle Sacre Scritture ed in quale atto del Magistero della Chiesa, l’aborto è definito come unomicidio”?

          al n. 51 della Costituzione pastorale sulla Chiesa Gaudium et Spes, l’aborto è definito comedelitto abominevole”.
          nunc, lei sa la differenza che corre tra undelitto” ea “omicidio”?

  13. Posso dirle che, inopinatus, poco mi interessa se nella GS l’aborto è definitodelitto abominevole”? La Congregazione della Dottrina sulla Fede lo definisce esplicitamente unomicidio” . Per me, povero ignorante che non comprende la differenza tra omicidio e delitto (come se l’omicidio non fosse un delitto!), sopprimere la vita (le sta bene questa espressione?) autem “feto” (come lo chiama lei) cioè di un essere umano vivente, (come egli è) è un omicidio perchè, perdoni la mia ignoranza, quod “fetoè un uomo, Ergo sesopprimo” a “uomocommetto unomicidio”. Se poi la legge dello stato permette l’omicidio di un feto io mi ribello. Infine chiedo, sed, a lei: ritiene davvero di essere la fonte suprema del saperedottrinalmente” verum”? A volte gli studi inducono ad una “praesumptionis” nientaffatto propria. etiam: pensa davvero che la sua consacrazione sacerdotale le dia l’autorità e l’autorevolezza di tacciare un fratello nella stessa Fede (come mi ritengo) di essere origine di scandalo? Lei si sente davvero capace digiudicarmicolpevole di tanta infamia? Sa di cosa mi accusa?

    1. «La Congregazione della Dottrina sulla Fede lo definisce esplicitamente unomicidio»

      ___________________

      Citi immediatamente il testo e il preciso documento nel quale la Congregazione per la dottrina della fede applica all’aborto la fattispecie ed il lemma diomicidiodefinendolo «esplicitamente» come tale.

      Altrimenti la smetta di mandarci dei commenti che fanno male a lei che li scrive ed ai cattolici che li leggono.

      Esiste un solo documento del 1974, ed è unadichiarazione” in quo, questa Congregazione, cita Tertulliano il quale afferma: «È un omicidio anticipato impedire di nascere; poco importa che si sopprima l’anima già nata o che la si faccia scomparire sul nascere. È già un uomo colui che lo sarà» [Apologeticum, IX, 8 (PL I, 371-372: Corp. Christ. ego, p. 103, 1. 31-36].

      http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_19741118_declaration-abortion_it.html

      Si tratta di una citazione fatta nel testo e nell’insieme molto articolato di questadichiarazione”, ma questa Congregazione non definisce l’aborto un omicidio.

      Il testo che invece le ho citato io, n in. 51 autem Gaudium et Spes, nel quale si da una precisa definizione dell’aborto e della sua enorme gravità, non est “dichiarazione” mea sunt “Costituzionepastorale di un concilio ecumenico.

      al n. 27 di questa Costituzione pastorale, lei può trovare indicato «[…] tutto ciò che è contro la vita stessa, come ogni specie di omicidio, il genocidio, l abortus, l’eutanasia e lo stesso suicidio volontario».

      Vengono distinte in modo chiaro dellefigure” quod “genus” gravissime, che tra di loro sono però diverse e distinte, autem, su di esse, lei fa una grande confusione sia in idee soggettive sia in concetti.

Leave a Reply