Aliae haereses pauca Lefebvrian

SED CONTRA potest brevibus sententiis LEFEBVRIANA VESANIÆ

[…] si Summus Pontifex Paulus VI, dum scribit et iterum inculcatur, Episcopus narrat Marcello Lefebvre ejus ideas, quae sunt 'contra fidem "et invitationes tibi sunt submittere se oblatum oboediente nempe quod ecclesia Sancti Petri Successore persentitur, Manifestum est autem quod facturum haeresis contra eum accusatis. Quae quidem est haeresis, nisi sit propositionis, contra fidem inde, valide concedi nequit ad obediendum Ecclesiae et ejus doctrina apostolica auctoritati Summa? Sed ut nuper vidisset, esse, “catholici” quia etsi futilibus argumentis sophisticis priusquam conetur villatio, quia parum re agimus futiles argutiae litigare.

 

Paperback Author Patmos Island,
auctor
conficiendis
Insula, quæ appellatur Patmos

De conceptu heresis varia dici potest minutes equivalent. Neque te sermonibus adepto coniuncta, sed operam ad conceptum,; aliter hypocrita, pharisæorum obtusorum, vel fanaticos loquitur incubuit super se.

Pharisæi 2
"In auribus percipite, et cavete a fermento pharisaeorum et sadducaeorum" [Mt 16, 6]

Quod si, exempli gratia, iam non vitae dicimus esse Ioseph,, manifestum est quod hoc sit mortuus est. Facile igitur dicere si Summus Pontifex Paulus VI, dum scribit et iterum inculcatur, Episcopus narrat Marcello Lefebvre ejus ideas, quae sunt 'fidem in " [qui] atque invitationes tibi sunt submittere se oblatum oboediente nempe Ecclesiae et Successori Petri, Manifestum est autem quod facturum haeresis contra eum accusatis. Quae quidem est haeresis, nisi sit propositionis, contra fidem inde, valide concedi nequit ad obediendum Ecclesiae et ejus doctrina apostolica auctoritati Summa? Sed ut nuper vidisset, esse, “catholici” quia etsi futilibus argumentis sophisticis priusquam conetur villatio, quia parum re agimus futiles argutiae litigare.

Quam multa heretica et schismatica, aiunt quod haec Marcello Lefebvre putabam non solum episcopi, Concilium Oecumenicum Vaticanum sed tota multitudo, Tunc sanctus Pontifex Ioannes XXIII, Beatus Paulus VI,, Summus Pontifex Ioannes Paulus II, Summi Pontificis Benedicti XVI Franciscum ut diceret eis, “author” continuitatis horum “erroribus” minus ex Concilio Oecumenico “nisi pastoralem” tum “quasi novatio prioris“, causa est quia Ecclesia quae fuisset etiam in defluxit “apostasiam a fide,” [videre qUI], turn in haereticis spreaders affirmando quod haereses periculosis, Sophismatum in theologica facultate nullo gradu turpis justificatory, metaphysicis, ac per epistemologica, Si enim vere volo ut esse gravis. Concilium Vaticanum II,, Cavalcoli Ariel, et quod Sancti Patres Iohannes S. Di Levi Tadinensis variis in suis articulis, si autem non aut nova dogmata,, tres gradus secundum principia infallibilitatis [Cf.. Ad tuendam fidem, qUI] NEW Novum eo comprobatum sit doctrina, quae non est subiectum alicuius contemptus [per gradus infallibilitatis ditavit, videre articulum qUI].

Papa Benedictus XVI in contione apud Rotam Romanam obtinuerit movet membra Ex Aedibus Vaticanis
Iudices in tribunali ecclesiastico in auditorium cum Summo Pontifice,

Etiam si est tam et esse hereticum, manifestis et obviis, Apostolicae, quia rationes ejus,, liberata est cui non pronunciare aut sententiam de heresi. Ideo oportet in quaestiones ac Theologi munus haeresis quae Congregatio pro Doctrina Fidei munus.. In facto, haec sunt duo alia habeantur orientationes pastoralia vel sui iuris, quae in se aliqualiter. Ne aliquas opiniones quae aluit et Apostolica Sedes audiatur theologus liberum reliquisset, semper ad suam mentem pandere.

 

 

opprobrium
quam multi a theologis si exprobramini in bonum Ecclesiae et fidelium?

Potest etiam contumeliam facis, Apostolica Sedes audiatur theologus Errat in iudicando enim aliud est hereticus reputandus; Prohibemus autem omnino theologus de detegendum causas facit hereticum aliter senserunt. Ut in praesenti condicione theologo qui est de heresi accusari ab collegam suum, Cavendum autem est qui - quod valde dolendum fit pro - indignans quasi ex se diffamatus; aliquid, criminibus accusatus sibi agite inspicere. Si umquam recte, et ipse erit corrigere; Si vero errant iuris iniuriam accusatione theologus excusanda.

Archiepiscopus Marcellus, Lefebvre4
schismaticum episcopus Marcellus Lefebvre,

Quidam dubitaverunt utrum maxime urgent, quod sit hereticus Marcellus Lefebvre, potest utile in reditu Lefevrians. Expostulationem Apostolica Sedes sane usque processerunt ut non circumveniamur Lefevrians nimis molliter et controversia super hoc drag ad infintum.

Expostulationem Apostolica Sedes sane multo, ut dictum rapiunt per usura verbum “haeresis”, nigra manes elicere forte praeterita? Hoc immoderántiam, non dico neglegunt, tamen ex termino sino, et in resurrectionem multorum atque liberi cursus varius haereses sola interemisti, praesertim cum quidam ultro oblata res "natura" fructus Concilii, Cardinalium Collegio sacrista agrestis; un Concilio che questi eretici palesi e manifesti indicano come “il male” e quindi come la “naturale” fonte e origine di tutti i mali.

È evidente che così non si può andare avanti, perché l’eresia pone ostacolo alla salvezza. Bisogna dunque tornare ad usare questo termine quando è il caso, in modo ben ponderato e vagliato; così come un medico coscienzioso fa la diagnosi di un carcinoma o di leucemia, con la differenza che da questi mali quasi sempre non si guarisce, mentre dalle eresie si guarisce.

regione Hospital
assistenza religiosa in un ospedale da campo

Il timore di ripetere gli sbagli del passato non deve essere così elevato sino a spingere l’Autorità Ecclesiastica a non far niente od a tacere, altrimenti si compiono sbagli opposti e peggiori, come è chiaro oggi, invasi come siamo da una grande quantità di malattie e privi di medici che le curano.

Quod ecclesia, dice il Santo Padre, è un «ospedale da campo». conveniunt. Ma dove sono i medici? Non è che le eresie spariscono da sé per il fatto che non se ne parla o non vengono curate. magis, come dimostrano i fatti, le eresie aumentano e la parola finisce per essere usata a sproposito da scriteriati esasperati come è testimoniato per esempio dagli estremisti che oggi accusano addirittura il Sommo Pontefice di eresia, ed i suoi predecessori succedutisi sulla Cattedra di Pietro dal 1958 ut sequitur,.

errore medico
errore medico

Se un medico sbaglia una cura, forse che per questo dovrebbe smettere di fare il medico? L’uso pudico di circonlocuzioni per alludere all’eresia può essere utile in certe situazioni incandescenti, ma l’usarlo sistematicamente non ha per effetto, come è dimostrato dell’esperienza, altro che il dare il permesso a chiunque di abbracciare l’eresia sotto i più speciosi pretesti che tutti conosciamo.

.

rimprovero 2
il rimprovero è un atto di amore e di misericordia al quale la Chiesa non può e non deve all’occorrenza sottrarsi

Se applichiamo dovunque questo principio devastante, nihil, dato che siamo tutti fallibili, dovrebbe fare più niente per la paura di sbagliare. Ecco perché forse è giunto il momento di affrontare in modo deciso la questione dottrinale sotto questa angolatura.

Occorre far capire una volta per tutte ai lefebvriani in buona fede, che amano la verità e vogliono sinceramente essere cattolici e rispettare la Tradizione, che sono vittime dell’eresia, sperando che ascoltino. Altrimenti bisogna avvertire chiaramente i fedeli del pericolo, perché questi falsi cattolici continuano a far proseliti aumentando l’odio contro Roma, contro il Successore del Principe degli Apostoli, contro il magistero e le dottrine del Concilio Vaticano II.

il rimprovero, la correzione dell’errore e la lotta contro l’eresia, è un atto di amore e di misericordia al quale la Chiesa non può e non deve all’occorrenza sottrarsi, in modo particolare durante il Giubileo della Misericordia, indetto dal Sommo Pontefice Francesco per l’anno 2015/2016.

.

___________________________________________________________________

.

ATTI E DOCUMENTI DELLA SANTA SEDE SUL CASO DELL’ERESIA LEFEBVRIANA

– «litterae S.S. Paulus VI ad Pontificalem Marcellus Lefebvre,», 29 June 1975 [text qUI]

– LITTERAE APOSTOLICAE sanctorum. Paulus VI,, «Novae autem admonuisset S.It. Mons. Marcellus Lefebvre,», 8 September 1975 [text, qUI]

– S, S,. Paulus VI,, «Litteras ad archiepiscopum. Marcellus Lefebvre,», 15 August 1976 [text qUI]

– P. Sermon. Paulus VI «Tristis est finis Mons;. Marcello Lefebvre», 1September 1976 [text qUI]

– «LITTERAE APOSTOLICAE Ecclesia Dei'Quae omnia Summus Pontifex Ioannes Paulus II in forma Motu proprio, 2 July 1988 [text qUI].

– Pontificium Consilium de Legum Textibus interpretandis, Explicativa "Schismatis fautores excommunicationis incurrat in qua Episcopus motui Marcello Lefebvre», 24 August 1996 [text qUI].

– Congregatio pro Religiosis: «Decretum fit remissio poenae excommunicationis latae sententiae Episcoporum coniunctorum Fraternitati S. Pii X», 21 January 2009 [text qUI]

– «Nota quod a publicis Ecclesiae negotiis circa quattuor episcopis Fraternitatis Sancti Pii X de», 4 Februarius 2009 [text qUI]

Sanctus Pater Benedictus XVI in epistula ad episcopos excommunicationis remissio autem est de constituendis temperandisque civitatibus 4 Sanctificatur enim per Bishops 'navitate Archiepiscopi Lefebvre coniuncti [text, 10 March 2009 qUI].

Avatar

About isoladipatmos

21 cogitationes on "Aliae haereses pauca Lefebvrian

  1. Mi sono sbagliato quando la Provvidenza mi ha fatto scoprire il momento in cui Lei, pubblicava il mio post e la risposta ad esso, come colmo di: ” ….confuse, logorroiche futili etc.”? perché non permette la pubblicazione dei miei post con risposte precise alle precise domande che io li faccio? Già questo fa pensare!
    Intanto continua a non darmi le precise risposte: quale dogma ha negato Mons. Lefebvure per essere dipinto come eretico? E quale potere illimitato ha il romano Pontefice, da poter far tutto quello che vuole solo perché ha i timbri vaticani?
    Si deve tener conto ancora delle definizioni del Primo Concilio Vaticano (cfr Pastor Aaeternus) che ha detto: come e quando il Papa è meritevole di ubbidienza?

  2. lei puo presentare tutti documenti che vuole, resta il fatto che nemmeno ad un papa è concesso di abusare del suo potere con discorsi vaghi.

    Mons.Lefebvre non aveva idee personali da difendere nell’ambito delle sue responsabilità pastorali davanti a Dio, ma solo virtù di fedeltà al Magistero Irreformabile da preservare!

    Paolo VI ha sbagliato per ben due volte:
    1) perché non ha avuto un linguaggio chiaro nel condannare l’eresie in Monsignore se mai ce ne fossero;
    2)quia, lasciava intendere che la fede coincide con le idee e che le idee di Monsignore poi non coincidevano con la ubbidienza al Magistero Irreformabile, sed: idee personali(!!!); facendo conseguire che solo le idee di Montini perché papa potevano essere la fede e la comunione ecclesiale reclamanti: submission!
    Sottomissione a che cosa quindi alle idee personali di in papa che facendo e pensando cosi si descriveva da solo?
    No mio caro, lei ha sbagliato istituzione, nella Chiesa che non è un partito politico, comanda solo Gesu Cristo vero Pastore Buono, mi sbaglio?.

    1. Lei si sbaglia in tutto, spiegarle però punto per punto gli elementi dei suoi gravi errori sarebbe inutile, come da sempre è inutile interloquire con chi è chiuso totalmente all’ascolto.
      Sulle nostre colonne sono stati pubblicati diversi articoli su questo tema, con un rigore teologico “chirurgico”, basati non su interpretazioni, supposizioni o umori soggettivi degli Autori, ma su atti e fatti che costituiscono i documenti ufficiali della Chiesa. Articoli che però lei non ha letto, o se li ha scorsi lo ha fatto accecato dalla totale chiusura all’ascolto.
      Lei è a suo modo l’evidente paradigma di ciò che i lefebvriani raccolgono da circa mezzo secolo e da ciò che producono in coloro che proclamandosi poi “veri” e “puri” cattolici, se ne vanno rabbiosamente girando a destra ed a sinistra a dare degli eretici ai Papi, a dichiarare apostatico un intero concilio ecumenico, a sconfessarne con fierezza le dottrine ed a dichiarare valide o invalide le celebrazioni eucaristiche.
      Glielo diciamo con autentico dispiacere: con persone come lei si può ragionare con le stesse probabilità di successo con le quali un cattolico potrebbe ragionare con un terrorista dell’ISIS nel tentativo di convincerlo che non si può sgozzare i propri simili in nome dell’unico vero Dio.
      Chi nell’ambito della Santa Sede ha tentato, muovendosi senza prevenzioni, di andare incontro ai lefebvriani, senza porre aut-aut e cercando il dialogo con loro, si è ritrovato a rimbalzare sul muro di gomma di un totale rifiuto al dialogo da parte di soggetti letteralmente accecati dalla superbia. Questi sono i fatti provati, e lei, in itinere suo, è la conferma di ciò che da loro è stato seminato.

  3. la ringrazio per le offese, quando mi paragona ad un terrorista dell’ISIS, cosi faccio penitenza, sottolineo però: che mai in nessunlefebvrianoè regnato un tale spirito grazie alladicotomiatra Dottrina e Prassi che c’è per la libertà religiosa, che Mons. Lefebvre ha saputo insegnare, in conformità alla Chiesa preconciliare; altrimenti si abbia l’onestà di definire in tale modo la Stessa Chiesa preconciliare, poiché -fino a prova contraria- ad Essa siamo conformati! Le assicuro che in noi non c’è rabbia per i papi, ma solo l’invito supplichevole a riflettere sugli errori di SOLO TRE DECRETI conciliari e la nuova Messa che non è nemmeno secondo le istanze del Vat.II!. quod “puri e veri cattoliciriguarda la professione di Fede che è diverso dalla santità personale!
    La Santa Sede invece di usare la parola “colloquium” per poi imporre quello che la (Catholic) coscienza lefebvriana non puo accettare, avrebbe fatto meglio a dire che il dialogo non serve per giungere alla Oggettiva Verità della Tradizione, sed quod: la Tradizione si crea di papa in papa ad uso e consumo! La superbia non esiste in questi ambiti, perché la Tradizione non è opera del nostro ego.

    1. Lei confonde la traditionem, con limmobilismo et fissismo assoluto.
      lei “sfogale sue ragioni con il pretesto di muovere critiche legittime a degli scritti precisi e circostanziati, che però non legge.
      Lei sarebbe capace, dinanzi ad un articolo in cui si parla di arte culinaria e di degustazione di vini, a commentare: ” … et, però il vetus ordo missae …”.
      in brevi, lei non legge proprio ciò che in questa rivista è stato scritto da più teologi, che in ossequio al dogma e alla più ortodossa dottrina, rifacendosi a San Tommaso d’Aquino e non ai teologi della Nouvelle Thelogie, hanno spiegato, ahimé inutilmente, a quelli come lei, ostinati a non capire perché esigono assolutamente non capire, un dato fondamentale per comprendere sia il concetto di Tradizione sia la liturgia: quod incommutabilem substantiam quod $ accidentibus perverti che per loro stessa natura sono e devono essere mutevoli.
      E di questo suo ostinato rifiuto a capire lei ha dato riprova con questo ulteriore commento a modi cieco sfogatoio.
      Per questo e solo per questo è stata usata la iperbole: “sarebbe come tentare di convincere con argomentazioni cristiane uno dell’ISIS“.

  4. Se lei pone la Tradzione e la Liturgia tra gli accidenti esterni lei si pone direttamente nell’eresia modernista. La Tradizione e la Liturgia sono sostanze immutabili perchè provenienti direttamente da Colui che è L’Essere per essenza immutabile cioè Dio.

    1. Lei non conosce il Catechismo della Chiesa Cattolica e non perde occasione per darne riprova nei suoi commenti, di conseguenza non è in grado di recepire (o non vuole recepire) il fatto che la Chiesa non può, perché non ne ha potere, mutare la sostanza e/o essenza dei Sacramenti; mentre invece può, anzi all’occorrenza deve opportunamente modificare quegli accidenti esterni che non solo non intaccano la sostanza, ma la evidenziano e la rafforzano ancora di più.

  5. La Tradizione non riguarda solo i Sacramenti.
    Cos’è la Tradizione?: “Essa si può definire come l’insegnamento di Gesù Cristo e degli apostoli fatto a viva voce e trasmesso dalla Chiesa fino a noi senza nessuna alterazione”. Catechismo San Pio X.

    1. Verbum Caro Factum Bazzaar.

      Search riga a Sancto Pio Decimo, “I dieci comandamenti“, n:. 6:
      Non commettere atti impuri“.
      placere, può cercarmi in tutto l’Antico Testamento e in tutta la predicazione di Gesù raccolta nel Nuovo Testamento, questa precisa frase: “Non commettere atti impuri“?
      Mi citi il passo dell’Antico o del Nuovo testamento dove questo precetto è espresso in modo chiaro e imperativo secondol’insegnamento di Gesù Cristo e degli apostoli fatto a viva voce e trasmesso dalla Chiesa fino a noi senza nessuna alterazione“.
      Attendo una sollecita risposta, gratias ago!

      1. Ma lei lo sà che le fonti della Rivelazione sono due? Sacra Scrittura e Tradizione? Mi sembra un Protestante (in effetti lo è da come si accanisce sui Lefevbriani).

        1. Certo che lo so cosa sia la Sacra Scrittura e cosa sia la Tradizione, lo so così bene che le ho posto una domanda ben precisa, avente a che fare sia con la Scrittura sia con la Tradizione; ma visto che lei non ha risposto, allora gliela ripeto ancora un’altra volta:

          Search riga a Sancto Pio Decimo, "I dieci comandamenti", n:. 6:
          "Non commettere atti impuri".
          placere, può cercarmi in tutto l’Antico Testamento e in tutta la predicazione di Gesù raccolta nel Nuovo Testamento, questa precisa frase: "Non commettere atti impuri"?
          Mi citi il passo dell’Antico o del Nuovo testamento dove questo precetto è espresso in modo chiaro e imperativo secondo “l’insegnamento di Gesù Cristo e degli apostoli fatto a viva voce e trasmesso dalla Chiesa fino a noi senza nessuna alterazione".

          E per la seconda volta resto in attesa di risposta, perché uno che come lei va girando per la rete a dare dei protestanti ai preti cattolici e che conosce così bene la Scrittura e la Tradizione, credo che a questa semplice domanda dovrebbe rispondermi con la più fedele Scrittura e la migliore Tradizione, anche perché né la scrittura né la Tradizione può essere sottoposta adalterazione“.
          gratias ago.

          1. patrem, ma lei quando infila uno dentro il sacco ci fa anche il nodo stretto perché non ne esca più fuori?

          2. Perchè dovrei cercare nella Sacra Scrittura ciò che vi è solo nella Tradizione? “l’insegnamento di Gesù Cristo e degli apostoli fatto a viva voce e trasmesso dalla Chiesa fino a noi senza nessuna alterazione“ riguarda solo la Tradizione. Lei riconosce il Catechismo di San PioX quale Magistero della Chiesa? opppure per lei la Chiesa inizia ad esistere dal CVII?

          3. Bazzaar,

            eius consulente teologo le sta suggerendo delle risposte sbagliate, vale a dire dellenon risposte”.
            Io le ho posto una domanda che lei seguita a eludere.
            Se a me una persona domanda: “Tu credi al dogma della Immacolata Concezione”? Io rispondo con una sola parola: “et”. Non mi metto a fare giri di parole per non dare risposte per un verso e per attaccare l’interlocutore per altro verso, cose di questo genere le facevanocome prova nei dettagli la Sacra Scritturai farisei, motivo per il quale il Signore raccomandava ai suoi discepoli: il vostro parlare sia si quando è si e no quando è no.
            Bene: mi dica si, uel.

            In ogni caso sappia che lei non ha chiaro il legame tra Scrittura, traditionem,, doctrina; o tra Scrittura e Tradizione e viceversa. Lungi pertanto da me citarle la costituzione dogmatica Dei Verbum (n:. 10) quod “tremebondo” ed “apostatico” Concilium Vaticanum II, le cito neppure il magistero di San Pio X, ma quello ancora antecedente, da Pio IX in giù, nel quale si esprime chiaramente che Scrittura, Tradizione e Magistero sono così connessi fra di loro che stanno insieme o insieme cadono.

            Ciò dovrebbe bastare a farle capire che non si possono separare questi elementi per tirare acqua avvelenata al proprio mulino.

            Io riconosco il Magistero della Chiesa nella sua totalità: dal Concilio di Nicea fino al Vaticano II. E’ lei che rigetta ereticalmente il Magistero della Chiesa degli ultimi cinquant’anni e che di ciò se ne vanta pure in giro, non sono certo io a negare o rigettare alcunché, posto che i concili della Chiesa e relativo magistero li accetto in fede tutti quanti.

  6. La Tradizione è una sola cosa: la Parola di Dio NON SCRITTA, che esige fedeltà ed è Regola remota della Fede, contro cui neanche un Papa puo andare.
    Se si vuol banalizzare con intellettualistiche demonizzazioni la Tradizione, con la parolafissismo”, si può dire che è solo:
    intellettualismo pro distruzione della Fede
    Lieto della ostinazione, attesto che ilfissismoè necessario per non naufragare nelle Fede, poiché non esiste solo il Modernismo ma anche un Modernismo mitigato, più pericoloso del primo, visto che gli ibridi, sono la “incarnatione” Lucifer,!
    Nella Liturgia, la Forma è: Sostanzalo dice anche il Suo ex vescovo Negri – igitur, considerando che, l ‘imposizione dell’altare-tavola condannato dalla Mediator Dei, che a Vostro dire, sunt,: accidenti esterni -dimentichi di Lex orandi Lex credendi- si capisce che tutto cio è detto solo per non dispiacere a Montini che a discapito del Vat.II stesso!, volle imporre un Rito luterano( Cf.. Jean Guitton, amico stretto di Montini) elaborato con l’aiuto di 6 luterani! Quando alla culinaria, Le faccio assaggiare certistrozzapreti al salmoneche la fanno diventare cardinale in pectore.

    1. Quando alla culinaria, Le faccio assaggiare certi “strozzapreti al salmone” che la fanno diventare cardinale in pectore.

      No, gratias ago tibi,, sono a dieta da quando sono diventato prete e non intendo ingrassare dentro rosse vesti, mi sento a mio agio vestito di nero, è un colore più elegante e austero. Però deve essere un piatto prelibato, semmai lo faccia assaggiare al mio venerato vescovo ordinante e mio precedente ordinario diocesano S.E. Mons. Luigi Negri il quale, per come lo conosco, dinanzi ad un commento come questo suo inorridirebbe all’istante, vedendosi tirato in ballo in mezzo a certi sproloqui; e inorridirebbe sia come solerte diffusore del Magistero del Concilio Vaticano II, sia come diffusore della dottrina sociale della Chiesa che egli porta avanti da anni in modo esemplare attraverso la Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II.
      Questo per dirle: affermi ciò che vuole, ma non usi il nome dell’attuale Arcivescovo di Ferrara per legittimare simili sue assurdità perchè io non glielo permetto, tanto conosco bene questo vescovo, il suo pensiero e la sua devozione alla dottrina e al magistero del Vaticano II.

  7. Non ita, fino a quanto siano: “sproloqui” mea, se non si ha la pietà di confutarli per argomenti e non con offese a persona!
    Citavo Mons. Negri per la sola frase: “Nella Liturgia, la Forma è: Sostanzae non certo per usare il Suo nome, ma per fare intendere che anche in Vescovicosi devoti del Vat.IIcapita alcune volte, per sapienza antica, per onestà intellettuale, che ci possa essere coraggio per Verità scomode. Quod suus 'omnes,! e per confermare inoltre, quello che credeva mon.Lefebvre contro il sedevacantismo, quod: l’Episcopato è più vittima che carnefice; vittima delle filosofie moderne che gli hamanipolatola forma mentis. La legittimazione allemie assurditàcome le chiama Lei-già c’è, perché di tutto quello di cui ho parlato si ha riscontro nei documenti della Chiesa del passatoche per Lei vedo non contano nulla- e della storia recente: basterebbe studiarli senza pregiudizi e con umiltà, è forse qualcosa, di quel “..cerca la pace e perseguila”, comincerebbe a muoversi. Ma le mie sono pie illusioni che mi fanno credere troppo alla buona fede dei potenti della Chiesa! Mangi gli strozzapreti, il salmone non fa ingrassare.

Leave a Reply

Tua inscriptio electronica non editis. Velit sunt insignis *

 reliqua characters

Et hoc site utitur ad redigendum Akismet spam. Disce quomodo data est processionaliter vestri comment.