I Vescovi stanno a guardare?

I VESCOVI STANNO A GUARDARE ?

.

[…] Il sinodo mondiale, dal canto suo, ha assunto un tono dottrinale che in realtà non gli compete, dato che non si tratta neppure di un’assemblea conciliare, e i Papi hanno cominciato poco dignitosamente a fare i fanalini di coda dei sinodi, col limitarsi a convalidare e sancire le loro conclusioni, anche se poi esse non dicono niente di nuovo dal punto vista dottrinale nè lo potrebbero. Ciò non è dignitoso per il Papa, il quale deve riprendere in mano il proprio potere di guida nei confronti dei vescovi.

.

.

Autore Giovanni Cavalcoli OP
Autore
Giovanni Cavalcoli, OP

.

.

Secondo Rahner il compito del Vescovo è quello di prendere atto della fede “reale” o “effettiva” espressa dal popolo di Dio, come espressione tematica o categoriale e “aposteriorica” della fede atematica trascendentale ed “apriorica”, che è comune ad ogni uomo (“esistenziale soprannaturale”) e quindi anche ai non cattolici espliciti e agli stessi atei, da cui il famoso concetto rahneriano del “cristiano anonimo” dovunque e sempre in grazia, per cui tutti si salvano e non esistono dannati nell’inferno (buonismo trascendentale).

 

rahner-karl
il Padre Karl Rahner

Il vescovo, secondo Rahner, deve sforzarsi come può di capire queste fede e interpretarla rettamente, deve approvarla e sostenerla, deve quindi seguirla nel suo evolversi e nelle sue espressioni storiche, dettate dallo Spirito Santo, deve tradurla in fede dottrinale, ufficiale e istituzionale. Ma è chiaro che il primato spetta sempre alla fede esistenziale dei comuni fedeli dotati del sacerdozio comune battesimale, infallibili nell’ascolto diretto dello Spirito Santo e nell’interpretazione della Parola di Dio, benchè i concetti dogmatici con i quali viene interpretata la detta Parola siano in continua evoluzione e relativi alle varie culture nelle quali si esprimono.

.

Assisa del COncilio Vaticano I
assisa del Concilio Vaticano I, stampa d’epoca

Il Concilio Vaticano II, come si sa, ha valorizzato, promosso e stimolato l’attività dei laici, dei religiosi, dei sacerdoti e dei teologi e di fatto da cinquant’anni a questa parte, numerosissime sono state e sono le iniziative di vario genere, alcune delle quali ottime, altre invece, purtroppo, — e forse le più numerose — influenzate da concezioni antigerarchiche e populiste o demagogiche della Chiesa, una certa “Chiesa dal basso”, un certa Iglesia popular, o certi “gruppi spontanei o “di base” degli anni ’70, o “movimenti carismatici” degli anni ’80. Per cui queste iniziative hanno preso la mano ai vescovi, i quali, o ingenuamente sedotti o intimiditi davanti a tanta invadente, poderosa e a volte minacciosa effervescenza, non priva del resto di lati buoni, hanno finito per assumere certo non tutti volentieri il ruolo delineato sopra da Rahner, cedendo ad un’eccessiva indulgenza o tolleranza nei confronti degli errori e dei cattivi comportamenti che si stavano diffondendo.

manifestante pacificoI vescovi, quando non sono “forti con i deboli”, sono diventati come dei notai che si limitano a registrare e ad ufficializzare o al massimo tollerare la “fede” o sarebbe meglio dire le favole che maggiormente circolano tra i fedeli soprattutto quella maggiormente divulgate dai mass-media e dagli istituti educativi e culturali, salvo poi a trattare duramente quei pochi che, fedeli alla concezione evangelica del pastore, osano ricordar loro la loro responsabilità.
Nel contempo il Concilio ha accentuato l’autonomia della Chiesa locale nei confronti di Roma e istituito, come sappiamo, le conferenze episcopali e i sinodi mondiali dei vescovi a regolare scadenza.

Papa Francesco
Il Santo Padre Francesco durante una udienza

Sembra infatti che il Santo Padre Francesco vuol rendere i vescovi partecipi della sua autorità dottrinale. Ciò vorrà dire allora che il sinodo diventerà una specie di Concilio periodico a scadenza fissa e c’è da chiedersi se la cosa non sia troppo artificiosa e poco pratica. Lo sviluppo dottrinale non si può programmare, ma dipende da fattori imponderabili legati alla divina Provvidenza.

Tale istituzione certamente in sé molto importante era destinata a rafforzare l’iniziativa e la responsabilità pastorale dei vescovi presi singolarmente o collettivamente, ma purtroppo in molti casi ha finito per creare una figura di vescovo conformista ed opportunista, priva di una visione universale della Chiesa, chiuso nella sua diocesi o nella sua nazione, pronto a rendersi indipendente dal Papa, pur di non scontentare i propri confratelli più influenti o più stimati o la propria conferenza episcopale di orientamento nazionalista.

Sinodo dei Vescovi sulla famiglia 2014
Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, 2014

Il sinodo mondiale, dal canto suo, ha assunto un tono dottrinale che in realtà non gli compete, dato che non si tratta neppure di un’assemblea conciliare, e i Papi hanno cominciato poco dignitosamente a fare i fanalini di coda dei sinodi, col limitarsi a convalidare e sancire le loro conclusioni, anche se poi esse non dicono niente di nuovo dal punto vista dottrinale nè lo potrebbero. Ciò non è dignitoso per il Papa, il quale deve riprendere in mano il proprio potere di guida nei confronti dei vescovi.
L’inconveniente più grave che è seguìto a tutto ciò, salvi restando gli aspetti positivi, è che è venuta meno la collaborazione tra Papa e vescovi nell’insegnamento e nella difesa della dottrina della fede. Naturalmente questa funzione non si è affatto estinta e dobbiamo riconoscere il grande zelo col quale per esempio un uomo come l’allora Cardinale Joseph Ratzinger ha assolto al suo ufficio alla Congregazione per la dottrina della fede nell’arco di un ventennio, e tanto meno possiamo ignorare i numerosi interventi di Papi e di buoni vescovi, non escluse le conferenze episcopali e i sinodi mondiali.

 

Gioco che sfugge di mano
Il Santo Padre prende al volo una palla da gioco che gli è stata lanciata durante il suo passaggio in Piazza San Pietro. Alla sua destra il comandante della gendarmeria vaticana Domenico Giani

Come ormai notano però da molti anni gli osservatori attenti, l’autorità ecclesiastica a tutti i livelli, dal Papa ai singoli vescovi, non è affatto in grado di controllare una complessa situazione dottrinale e di conseguenza morale, disciplinare e liturgica, che è ad essa sfuggita di mano e divenuta ormai ingovernabile, con gravissimo danno dei fedeli. Spesso e volentieri il dato teologo o il dato vescovo o il dato profeta o veggente prendono il posto del Magistero, il quale viene o ignorato o disprezzato. Che fanno i vescovi? Sì certo, stanno a guardare, ma con quale animo? Possono essere contenti? No certamente. Non si tratta di guardare uno spettacolo piacevole, ma, sia pur in mezzo a fatti positivi, un processo di dissoluzione e di disintegrazione della Chiesa, processo che certo si fermerà, perchè la Chiesa è incrollabile. Tuttavia Dio non le risparmia le prove e le dà i mezzi per superarle.

bastone pastorale
il bastone pastorale che impugnano i vescovi durante le sacre celebrazioni

I mezzi ci sono: bisogna che i vescovi con un umile e coraggioso slancio di fede nel loro stesso carisma, riprendano in mano la situazione. In fondo il gregge di Cristo, frastornato dai mestatori e dai ribelli, non aspetta altro. Il pastore è stato percosso e le pecorelle si sono smarrite. Ma Dio farà mai mancare i buoni pastori? Per nulla!
Il mondo cattolico dispone tuttora, grazie a Dio, almeno nei paesi democratici, di numerosi mezzi di comunicazione, di insegnamento, di azione pastorale, di predicazione: dai pulpiti ai convegni di ogni tipo, dalle parrocchie alla scuola, dalla stampa all’internet, dalle case editrici ai siti web, dai contatti con movimenti e associazioni a quelli con i privati, dalle sale per conferenze alle piazze.
E i temi di possibili ed auspicabili interventi di specifica ed esclusiva competenza del vescovo sono numerosissimi ed urgenti. Non sto neppur ad elencarli.

 

Che un vescovo intervenga alla festa del kiwi o allo spettacolo pirotecnico o all’incontro con i buddisti o al concerto di beneficenza può essere certo simpatico e avvicinare il vescovo alla gente. Resta però da avvicinare la gente a Cristo. Come mai i vescovi si sentono o compaiono così poco laddove solo loro sarebbero i più qualificati a parlare? Non basta “essere tra la gente”; bisogna vedere che cosa si fa tra la gente. Perché poi lasciare ai laici, per quanto competenti e di buona volontà la discussione o ancor più le decisione o la sentenza su argomenti di fede e di morale dove invece così importante e insostituibile, per mandato dello stesso Cristo, è la parola del pastore?

Fontanellato, 1 aprile 2014

 

Cliccare sotto per ascoltare un canto mariano della tradizione popolare

      Gloria al Figlio

About isoladipatmos

Lascia un commento